Paola Elisabetta Simeoni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paola Elisabetta Simeoni"

Transcript

1 La violenza dell interpretazione. La invenzione degli oggetti. Paola Elisabetta Simeoni Le opere etnografiche si possono correttamente chiamare finzioni nel senso di qualcosa che è stato fabbricato o modellato il nucleo della radice latina della parola fingere. Ma insieme al significato di fare ci deve essere anche quello di inventare (J. Clifford) I più semplici resoconti culturali sono creazioni intenzionali, e proprio coloro che interpretano, mentre studiano gli altri, costruiscono se stessi (J. Clifford) Nessuna lingua è pura, nel senso che ogni lingua si presenta in ogni momento come una concrezione, un agglomerato geologico di elementi di origine diversa, entrati in epoca diversa (R. Cardona)... La queue rouge du perroquet kese, un morceau d os de quelqu un qui n a jamais marché; un morceau d os de bosse, de foudroyé, de varioleux, de noyé; un morceau d os d éléphant... un oeil de léopard... un fragment d excrément de crocodile... un peu d écorce de l arbre eru... un fragment de branche calcinée et réduit en cendres de l arbre sigo... de la craie blanche; de l excrément du serpent arc-en-ciel... du sable de la mer, de la rivière, de la lagune... des perles rares... (G. Maupoil) I mercanti portoghesi, nell incontro con le popolazioni africane, hanno coniato il termine feticcio e inventato così una forma di culto e una categoria di oggetti, da cui è stata elaborata la nozione di feticismo. Riflessioni, interpretazioni, tra-duzioni, migrazioni di senso hanno caratterizzato la nascita dei feticci. Il termine, già adottato dalle stesse culture africane, riempie ormai la nostra vita postmoderna. Oggi sappiamo a cosa si riferivano i pensatori del XVIII secolo e conosciamo, per lo meno in parte, gli sviluppi interpretativi, estremamente vari e complessi, di questo nuovo oggetto della speculazione occidentale. E una vicenda culturale strana ed esemplare allo stesso tempo: si tratta infatti di un caso eclatante della violenza delle interpretazioni nelle quali una cultura - in particolare una cultura dominante e universalizzante come la nostra - si può trovare invischiata, nella necessità di giustificare e creare identità diverse e per nascondere un eccesso di somiglianza, evidentemente non gradita. Allo scopo di rappresentare se stessa e di stabilire delle differenze tende a inventare delle alterità. i La nozione di feticcio si è colorata nei secoli di significati desunti da fondamentalismi religiosi, da passioni emotive e intellettuali, da verità inconfessabili ed è accompagnata da un alone inquietante ed enigmatico di cui stenta ancora oggi a liberarsi. Evoca infatti continuamente dimensioni diverse e 1

2 opposte, ambiguità coscienti e inconsce, pratiche di potere oscure e credenze magiche che affascinano, occultamenti, disconoscimenti, fraintendimenti. In questo quadro sono protagonisti i riferimenti alla magia in gran parte interni alle culture occidentali. Molti studiosi, usando il termine feticcio o feticismo, hanno riferito dell origine etimologica riportata da de Brosses, il quale in un tentativo di comparazione religiosa, riconobbe nel termine feticcio (francese fétiche) una derivazione dal termine portoghese feitiço ii e nel feticismo un culto diretto reso senza figure alle produzioni animali e vegetali. iii Il termine feticcio fu infatti usato per la prima volta dai mercanti portoghesi che navigavano lungo le coste dell Africa occidentale, nel XVI secolo, i quali di fatto ravvisarono nei fenomeni magico-religiosi che ebbero occasione di osservare delle credenze e delle pratiche simili a quelle in uso nel loro paese. Come scrisse Kingsley iv paragonarono questi oggetti di culto agli amuleti, ai talismani, che si usavano anche in Portogallo, comprendendoli in quella categoria di fenomeni che si rifacevano alla magia. Feitiço deriva infatti da feitiçaria, maleficio, arte del maleficio, arte magica, stregoneria, sortilegio, e, in senso figurato, seduzione, incanto. v La Grande Enciclopédia Portugueisa riporta dei dati storici: "La prima legge portoghese contro la feitiçaria risale ai tempi di Don Giovanni I nell'anno Questa legge fu confermata nell'ordinamento Afonsinas ; ma già molto prima le autorità ecclesiastiche avevano proibito la pratica della feitiçaria. Nel 1330, il Papa Giovanni XXII pubblicò due Bolle contro la feitiçaria, equiparandola a un atto diabolico e a un crimine di eresia. Sotto l'influenza del Diritto Romano, si applicava la tortura nei processi di stregoneria, poi furono istituite le pene di morte per gli eretici e gli stregoni. Vi è soprattutto da sottolineare che, proprio nel secolo XVI, quando i navigatori portoghesi osservarono in Africa gli oggetti che chiamarono feticci, la magia aveva avuto in Portogallo un incremento prodigioso. Nel capitolo XXV della Costituzione dell Arcivescovado di Evora, stampata a Lisbona nel 1534, si trova una descrizione delle credenze popolari relative alla feitiçaria, che si possono riassumere nel modo seguente: tomar pedra de ara ou corporais, em lugar sagrado ou nao; invocar espiritos diabolicos, em circulos, fora dêles ou encruzilhades; dar de comer ou de beber a alguèm para fazer mal a outrém; lançar sortes para adivinhar...; ver em agua, cristal, espada, qualquer cosa luzente ou espadua de carneiro; fazer figuras para adivinhar....; ligar homen ou mulher;... ter mandragoras en casa.... Il termine francese fétiche fu in realtà utilizzato per la prima volta in modo filosofico e scientifico dallo stesso de Brosses, che lo distinse dalla magia vi, senza però spiegare la differenza semantica tra i due termini. Il termine fetishism era già usato in Inghilterra nel 1613, secondo il Grande Dizionario della Lingua Inglese di Oxford, che lo riporta come derivato dal francese, e che, sostiene, a sua volta lo aveva adottato dal portoghese. Anche Tylor vii rileva questo passaggio dal termine portoghese a quello francese e poi all'inglese. Sebbene feitiço avesse il senso di incantesimo, 2

3 amuleto, stranamente, egli nota, ambedue le lingue utilizzarono questo termine per secoli con un significato diverso: per il francese antico faitis voleva dire ben fatto, bello e l'inglese lo prese in prestito come fetys, ben fatto, grazioso. Secondo il Dizionario dell'antica lingua francese viii, faitis, feitis, fetiz, faittis (agg.) significa bien fait, bien faconné, joli, élégant (parlando di cose), e riporta l esempio seguente: avoir des souliers faitis sur le pied. Viene dal latino factitius (faittis), qui est fait de main, non de nature ix. Può essere usato anche con nome di persona o di essere animato, l esempio riportato è une demoiselle belle et fétisse. E ancora vi è il termine faitissement, esempio riportato une chose faitissement travaillée, des dames faitissement parées. In quanto all'etimologia latina di faitis, factitius in realtà non esiste, per lo meno nel latino classico x ; si trova invece l'aggettivo facticius, a, um con il senso di artificiale, formato per onomatopea, da factus, a, um (facere), lavorato con arte, preparato artisticamente; elaborato in modo conforme alle regole dell'arte; istruito, educato, ammaestrato. In Portoghese xi, il termine feitiço è anzitutto un aggettivo, che significa falso, finto, artificiale, fittizio ; in secondo luogo è un sostantivo con senso di incantesimo, sortilegio, stregoneria, magia e poi ancora oggetto da cui si suppone poter trarre oracoli; amuleto, talismano; ma anche oggetto che incanta, che affascina. Intanto si nota uno iato semantico tra il significato dell'aggettivo e quello del sostantivo: l'uno sembra derivare effettivamente, come sostiene la Grande Enciclopédia Portuguesa e Brasileira, da feito (latino factu, participio fazer), fatto, eseguito, concluso, terminato, e forse come dicevamo prima, dal latino facticius ( artificiale ) e da factus lavorato con arte, ma l'altro, il sostantivo, sembra semanticamente legato ad altro termine, o ad altra radice. E d'altra parte vi è, tra i significati dell'aggettivo, il senso di fittizio che sembra ricomporre la differenza. Ficticio in portoghese significa immaginario, favoloso, che non esiste se non nell'immaginazione, illusorio, apparente. Inoltre il portoghese feitiçaria ha il senso di maleficio, arte del maleficio, arte magica, stregoneria, sortilegio e in senso figurato seduzione, incanto. Ritroviamo il senso di artificiale, fatto ad arte, secondo la regola di un arte (factus), peraltro presente nell'etimo francese antico faitis bello, ben fatto, cioè fabbricato dall'uomo a regola d'arte, ma non troviamo il senso di incantesimo, di oracolo, di portafortuna (amuleto e talismano), di qualcosa che incanta, che seduce, che affascina, e ancora cosa illusoria, frutto dell'immaginazione. Secondo il Littré xii, il portoghese fetisso, da cui deriva fétiche, significa objet fée, enchanté, che è anche il senso attribuitogli da de Brosses. E se è vero che il portoghese feitiço e lo spagnolo hechizo non fanno risalire a fada ( fée ), ma a factum, factitium da cui deriva la parola francese antica faitis, osserva ancora Littré, in portoghese, il sostantivo feitiço ha preso il senso di charme, sortilège, sorcier, per ciò la sua derivazione da fada, ( fée ); da questo significato, prosegue, proviene fétiche, oggetto adorato dai negri. Sempre secondo il Littré, fée (sostantivo femminile), fata, è un essere fantastico al quale si attribuiva un potere soprannaturale, il dono della 3

4 divinazione, e una grande influenza sul destino e che ci si raffigurava con una bacchetta, segno di potenza. In senso figurato, si usa la parola per indicare qualcosa alla quale le fate abbiano messo mano (la fata è una donna che si distingue per la sua grazia e la sua abilità; opera di fata, un opera delicata fatta con grande perfezione, ecc.). Come aggettivo, ha il significato di incantato ; come participio passato, significa prodotto dell'arte magica ; come verbo, féer ( dotare di proprietà magiche ), in italiano fatare. Il termine deriva, scrive Littré, da fatum, i (neutro) xiii, profezia, vaticinio, oracolo, predizione, e ancora l'ordine dell'universo (stabilito irrevocabilmente) dall'eterna legge della natura, ciò che è predestinato dall immutabile ordine dell'universo, sorte, destino (degli uomini), fato, fatalità; da cui fata (le divinità fatali), le Parche; ma significa anche disgrazia, calamità, rovina, morte (violenta); flagello di persone che sono causa di rovina, di sventura. I significati di fatum possono richiamare il concetto di feticcio, ma il termine fatum ha una radice for-, fari-, che difficilmente gli si può accostare. Mentre molto più facile, sia dal punto di vista etimologico che semantico, la derivazione da una radice fe-, che potrebbe essere comune a fetus, us, (fetus, us, possiede un ablativo plurale arcaico fetis ), il generare, il parto e anche feto, prole, frutto di fetus, a, um, nel suo senso di fecondato, gravido, fertile, produttivo, pieno di, ricco di, e poi femina, ae (donna) e fecundus, a, um, (fecondo), e infine a felix, licis, favorito dalla fortuna, quindi ricco - nel suo primo significato -, poi fertile, ferace, fecondo, ma anche che porta fortuna, favorevole. Da ricordare a questo punto, l'aggettivo bello, degli antichi faitis e fetys, cioè ricco, ben fatto, fecondo, favorevole, e far notare gli esempi riportati dal Dizionario dell'antica Lingua Francese: il primo avere delle belle scarpe (benfatte) sul piede, l'altra una giovane ragazza (signorina non sposata), bella e ben fatta. Forse nello stesso senso è da collegare l interpretazione di Littré da fée,(fata), donna che affascina, che, nella versione francese, potrebbe non derivare da fatum, ma da femina, comunque sempre dalla radice fe-. Il participio fée, ée (Littré) significa prodotto dell'arte magica. Sono le due "anime" semantiche di feitiço, come aggettivo "falso, finto, artificiale", e come sostantivo "incantesimo, stregoneria, magia, oggetto che affascina". In questi due diversi significati vi è quindi probabilmente una origine etimologica che collega le due diverse radici di factus e di fetus, femina, felix. Per i Portoghesi che solcavano le rotte marittime sulle coste dell Africa, il feticcio non era altro, che un oggetto magico, anche se diverso, sia nella forma che nel culto, dagli oggetti da essi stessi usati. Il termine inventato non era un vocabolo pidgin, come sostiene La Cecla xiv, ma un termine coniato a partire dal proprio vocabolario e per somiglianza con qualcosa a loro noto. Questa denominazione voleva individuare un oggetto o inventare una categoria di oggetti fabbricati e usati nell ambito della feitiçaria, cioè della magia. Questa attribuzione di senso, elaborata dalla pratica mercantile a partire dallo stesso immaginario portoghese del tempo, diede però il via in ambito occidentale a innumerevoli dibattiti speculativi spesso molto distanti sia dalla realtà africana, che dalla stessa realtà europea diffusa. 4

5 Infatti ben oltre alla prima osservazione e relativa interpretazione andarono le successive speculazioni dei filosofi dal 700 in poi, che tesero ad attribuire a questa nozione e a questa pratica un ambito universale caratterizzante un periodo dell umanità, il feticismo, legato, sin dai suoi primo passi, come sappiamo, all evoluzionismo sociale e culturale. Ma prima ancora del 700, molti studiosi si erano cimentati nell elaborare interpretazioni di quello che consideravano un fenomeno di confine culturale e di civiltà. Anzitutto va ricordato che nel Settecento, quando questa nozione fu utilizzata in ambito deistico e teologico e poi da de Brosses, fu distinta dai termini di magia e di stregoneria, fenomeni ben presenti nelle nostre culture. Si evitò di nominare ciò che l'inquisizione, da secoli, aveva censurato, credenze e pratiche, che erano ancora vive, anzi sempre più vive, anche in Europa. Secondo Alfonso Jacono, sin dal 1590, il gesuita Acosta pose la mimesi diabolica all origine dell idolatria. Ma nell evolversi delle interpretazioni che si susseguirono nella storia del pensiero, si andarono sistematizzando alcuni aspetti che caratterizzano il feticcio: quello della esteriorità, per esempio Spinoza, ma anche più tardi Kant (1793), che definisce anche la sua primitività; la falsità, il feticcio è oggetto legato alla mensogna (anche se il falso è mescolato al vero), per esempio Fontenelle (1686), Leclerc (1704); l arbitrarietà nella scelta degli stessi oggetti-feticcio. xv Quest ultimo aspetto connota, secondo Jacono, l incapacità degli europei di capire i processi mentali e simbolici altri ; i pensatori dell epoca in sostanza attribuivano all arbitrarietà ciò che essi stessi non capivano dei mondi che cercavano di conoscere e che volevano sfruttare. Già Spinoza peraltro individua nell elaborazione dell interpretazione di queste forme di religione un modo di giustificare la colonizzazione e il potere sul popolo. xvi Dunque l intenzione più o meno conscia o velata di dimostrare la primordialità, la grossolanità delle pratiche indigene mira anche a stabilire un rapporto di potere, che si giustifica sulla base di malintesi e incomprensioni, fino all intervento di Mauss, che mette fine a questa querelle. A seguito di questo suo intervento, la nozione di feticcio è stata messa all indice e abbandonata dall etnoantropologia agli inizi del 900, dopo l intervento dello stesso Mauss che dichiarò che questi oggetti dipendevano dal codice della magia e della religione e del valore simbolico che acquistano in questo codice. Scrisse la notion de fétiche doit disparaître définitivement de la science puisqu elle ne correspond a rien de défini e questa nozione ne correspond qu à un immense malentendu entre deux civilisations, l africaine et l européenne e quand on écrira l histoire de la science des religions et de l ethnographie, on sera étonné du rôle indu et fortuit qu une notion di genre de celle de fétiche a joué dans les travaux théoriques et descriptifs. xvii Ciò malgrado la concezione di feticcio e la teoria relativa al feticismo sono migrate da una capo all altro della scienza occidentale, attraversando vari itinerari interpretativi, e il loro uso ha avuto echi in varie discipline. Ancora oggi molte nozioni che da esse derivano esprimono interpretazioni inquietanti, diaboliche, legate a una nozione di degenerazione e di perversione xviii, che è stata ed è ancora per molti studiosi, la chiave euristica delle proprie costruzioni intellettuali. Tra le più famose vi è quella psicoanalitica di feticismo come patologia sessuale xix, perversione legata a una degenerazione 5

6 dell individuo e quella elaborata nella critica dell economia politica da Marx su una qualità alienante della merce. Atteggiamento patologico e individuale per Freud, per Marx è una tendenza normale e generale della società capitalistica; per Freud il feticcio è un sostituto del fallo della donna e nega un assenza. Per Marx invece nega una realtà, quello di un rapporto formale che viene reificato, mascherandolo per sottrarlo a contestazioni e di nuovo consiste nell attribuire uno status di cosa a ciò che cosa non è. Appena la cosa si presenta come merce, si trasforma in una cosa sensibilmente sovrasensibile. L arcano della forma di merce consiste nel fatto che tale forma, come uno specchio, restituisce agli uomini l immagine dei caratteri sociali del loro proprio lavoro. Mediante questo qui pro quo i prodotti del lavoro diventano merci e assumono per gli uomini una forma fantasmagorica, analogamente, dice Marx, a quello che succede nella regione nebulosa del mondo religioso. Ricorre il problema dell immenso malinteso sorto da una interpretazione che ha violentato la realtà altra e il concetto di dissimulazione permane nel concetto di Verleugnung (rinnegamento, disconoscimento) nella psicanalisi di Freud, per il quale il feticcio, elaborato dal paziente, è la negazione di un assenza reale e la creazione di una presenza illusoria. La situazione patologica che si viene a creare è che sia stata intrapresa un azione al fine di istituire e conservare il suo rinnegamento: il bambino ha conservato, ma nello stesso tempo abbandonato, il convincimento nell esistenza del fallo della madre. xx Jean Pouillon xxi, riferendosi a Mauss, scrive: Il est clair que l histoire de cette notion est celle de malentendus, d oublis et de glissement de sens, mais les glissements de sens ont aussi un sens. Nei secoli comunque, è un disconoscimento che si trova alla base della maggior parte delle interpretazioni: disconoscimento religioso, psichico, economico intellettuale, che sembra accompagnare quanto gli europei nascondono a se stessi, come un leit-motiv, cioè la somiglianza con fenomeni culturali simili presenti nelle stesse culture occidentali. Le interpretazioni legate alle nozioni di feticcio e di feticismo sono tentativi di traduzioni, di con-prensione da una parte e di distinzione dall altra e di speculazioni secolari che hanno segnato i primi passi della storia delle religioni e dell etnologia. Hanno spesso riflettuto i disagi della civiltà nel perseguimento degli obiettivi universali del progresso dell economia occidentale, e molte volte non hanno inteso quanto osservavano. In molti casi hanno dovuto, con violenza, sistematizzare la teoria di una evoluzione etnocentrica dello sviluppo dell umanità, per dimostrare la superiorità della cultura occidentale sulle altre e avallare uno sfruttamento. Le violenze interpretative, le forzate attribuzioni di senso, si sono succedute in un vortice di interpretazioni, di angosce filosofiche ed esistenziali, creazioni e rifiuti dell altro, crisi di identità culturali e asserzioni di universalismi scientifici, illuminismo e oscurantismo, volontà di potenza e curiosità morbose, purezze e impurità. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Aston W.G., Fetishism, in Enciclopaedia of Religion and Ethics, vol. V, Edimburgo , pp

7 Bianchi U. (a cura di), Feticismo, Enciclopedia Cattolica, 1951, pp Calepini Dictionnaire, Bâle Canguilhem G. (ed.or.1968), Etudes d histoire et de philosophie des sciences, Paris 1983 Ciattini e S. Garroni (a cura di), Sul culto degli Dei feticci o parallelo dell antica religione attuale della Nigrizia, Roma 2000 de Brosses, Du culte des Dieux fétiches. Du parallèle de l ancienne religion de l Egypte avec la religion actuelle de la Nigritie, 1760 Dictionnaire de l Ancienne Langue Francaise (et de tous ses dialectes) du IX au XV siècle, Paris 1884 Freud S., Feticismo (1927), in Opere, vol. X, Torino 1972, pp Georges-Calonghi F., Dizionario latino-italiano, Torino III ed. Grande Enciclopédia Portuguesa e Brasileira, vol. Xl, Lisboa-Rio de Janeiro Jacono A. M., Teorie del feticismo. Il problema filosofico e storico di un immenso malinteso, Milano 1985 M.H. Kingsley, West African Studies, Londra 1899 La Cecla F., Non è cosa. Vita affettiva degli oggetti, Milano 1998 Littré E. (ed. or ), Dictionnaire de la langue francaise, Paris 1967 Mauss M., L art et le mythe d après W. Wundt (1908), in Oeuvres, Paris 1969 Pouillon J., Fétiches sans fétichisme, in Objets du fétichisme, Nouvelle Revue de Psychanalyse, 2, 1970, pp Tylor E.P., Primitive culture, vol. I e II, London 1903 ABSTRACT ITALIANO LA VIOLENZA DELLA INTERPRETAZIONE La invenzione degli oggetti Paola Elisabetta Simeoni Nel XIV secolo, in un periodo in cui l inquisizione incomincia a imperversare in Europa, i mercanti portoghesi che solcano le rotte marittime sulle coste dell Africa osservano degli oggetti usati dagli africani che denominano feticci. Il termine inventato è un termine coniato a partire dal proprio vocabolario, in particolare da feitiçaria (magia), e evidentemente somigliante a qualcosa a loro noto anche se diverso, sia nella forma che nel culto, dagli oggetti da essi stessi usati. Inquisitori, prima, poi studiosi, uomini di lettere, filosofi, più tardi psicanalisti, sociologi ed economisti, si appropriarono dell invenzione di questo oggetto e della nozione che da essa si sviluppò, la nozione di feticismo, che si colorò nei secoli di un alone inquietante ed enigmatico di cui stenta ancora oggi a liberarsi. Il saggio cerca di mostrare come questo caso illustri in maniera eclatante la violenza della interpretazione, tramite la quale le culture qui la religione cattolica e la cultura occidentale dominante e universalizzante interpretando l altro, inventano identità forti, nascondono eccessi di somiglianza non gradita, instaurano poteri di sfruttamento e disuguaglianza culturale ed economica. Di fatto l analisi etimologica del termine feticcio, intrapresa dall autrice, nelle lingue portoghese, inglese, francese, latino, permette di individuare invece antiche origini del termine nelle culture europee, che riportano a significati legati da una parte al senso di falso, finto, artificiale - dal termine latino factus (radice for-, fari-), dall altro a quello di "incantesimo, stregoneria, magia, oggetto che affascina", fino a scoprire una origine etimologica che collega il 7

8 termine fetticcio ai termini latini fetus, femina, felix (radice fe-), che esprimono il senso di fortuna, nascita, fertilità, concetti fondamentali alle visioni religiose e alle culture popolari contadine e pastorali occidentali volti alla difesa della vita. Sorto da una interpretazione arbitraria che ha violentato culture altre, un immenso malinteso (Mauss, XX sec.) ha così segnato il pensiero occidentale, che ha interpretato gli oggetti di culto africano in senso diabolico (Acosta, XVI sec.), di esteriorità (Spinoza, XVII sec.), di falsità o menzogna (Fontenelle, XVII sec.), di primitività (Kant, XVIII sec.), di religiosità pre-civile (Comte, XIX sec.), di degenerazione o perversione patologica frutto di rinnegamento o disconoscimento (Freud), di dissimulazione illusoria (Marx). Abstract français La violence de l interprétation. L invention des objets. Paola Elisabetta Simeoni Au cours du XIV siècle, dans une période où l Inquisition commençait à faire des ravages en Europe, les marchands portugais qui naviguaient sur les côtes de l Afrique observaient des objets utilisés par les populations locales qu ils appelèrent fétiches. Le terme inventé est un terme forgé à partir de leur propre langue, en particulier du terme feitiçaria (en portugais, magie), pour indiquer quelque chose qui était évidemment très semblable, aussi bien dans la forme que dans l usage cultuel, d objets dont ils se servaient eux-mêmes. Les inquisiteurs d abord, puis les intellectuels, hommes de lettres, philosophes, plus tard les psychanalystes, sociologues et économistes, s approprièrent l invention de cet objet et élaborèrent la notion de fétichisme, qui le colora au long des siècles d un halo inquiétant et énigmatique, dont il ne s est pas encore dégagé aujourd hui. L essai tente de démontrer comment ce cas illustre de manière éclatante la violence de l interprétation avec laquelle les cultures ici la religion catholique et la culture occidentale dominante et universalisante interprètent l autre, inventent des identités fortes, cachent les excès de similitudes non souhaitables, instaurent des forces d exploitation génératrices d inégalités culturelles et économiques. En fait l analyse étymologique du terme fétiche entreprise par l auteur dans les langues portugaise, anglaise, française, latine, permet de découvrir au contraire d anciennes origines du terme dans les cultures européennes, qui reconduisent à des significations liées d une part au sens de faux, simulé (feint), artificiel du terme latin factus (racine for-, fari-) ; d autre part au notions d enchantement, sorcellerie, magie, objet qui fascine ; et finit par découvrir une probable origine étymologique qui lie le terme fétiche aux termes latins de fetus, femina, felix (racine fe-), qui expriment le sens de bonne fortune, naissance, fertilité, concepts fondamentaux aux visions religieuses et aux cultures populaires pastorales et paysannes occidentales destinées à la défense de la vie. Né d une interprétation arbitraire qui a fait violence aux cultures autres, un immense malentendu (Mauss, XX siècle) a influencé la pensée occidentale, qui a interprété les objets du culte africain dans un sens diabolique (Acosta, XVI siècle), extérieur (Spinoza, XVII siècle), de mensonge (Fontenelle, XVII sec.), 8

9 de primitivité (Kant, XVIII siècle), de religiosité pré-civile (Comte, XIX siècle), de dégénération ou de perversion pathologique, fruit de déni et de méconnaissance (Freud), de dissimulation illusoire (Marx). Abstract español La violencia de la interpretación. La invención de los objetos. Paola Elisabetta Semeoni En el siglo XIV, en un período en el que la inquisición comienza a desolar Europa, los mercantes portugueses que surcan las rutas marítimas de las costas de África conservan objetos usados por los africanos a los cuales dan el nombre de fetiches. El término inventado es un vocablo acuñado a partir del propio vocabulario, en particular desde la feitiçaria (magia), y evidentemente parecido a alguna cosa que a ellos les es conocida, aunque diferente de los objetos usados por ellos mismos, sea en la forma que en el culto. Primero los inquisidores, después los estudiosos, los hombres de letras, los filósofos y más tarde los psicoanalistas, los sociólogos y los economistas, se apropiaron de la invención de este objeto y de la noción que a partir de ese se desarrolló, es decir, la noción de fetichismo, la cual se coloreó durante los siglos de un matiz inquietante y enigmático del cual todavía no logra liberarse. El ensayo busca de demostrar cómo este caso ilustra de un modo sorprendente la violencia de la interpretación, a través de la cual las culturas, en este caso la religión católica y la cultura occidental dominante y universalizante, interpretando al otro, inventan identidades fuertes, esconden excesos de semejanza no grata e instauran poderes de explotación y de desigualdad económica y cultural. De hecho, el análisis etimológico del término fetiche, emprendido por la autora en las lenguas portuguesa, inglesa, francesa y latina, permite, en cambio, individuar el origen del vocablo en las lenguas europeas, las cuales conducen a significados ligados, por una parte, al sentido de algo falso, ficticio, artificial del término latino factus (raíz for-, fari-); y por otra parte, a aquél de encantamiento, hechicería, magia, objeto fascinante, hasta descubrir un origen etimológico que relaciona el término fetiche con los términos fetus, femina, felix (raíz fe-), los cuales expresan un sentido de fortuna, nacimiento, fertilidad; conceptos que son fundamentales en las visiones religiosas y en las culturas populares campesinas y pastorales de Occidente, las cuales están preocupadas por la defensa de la vida. Surgida de una interpretación arbitraria la cual ha violentado las otras culturas, un inmenso malentendido (Mauss, s. xx), ha marcado el pensamiento occidental, el cual ha interpretado los objetos del culto africano en un sentido diabólico (Acosta, s. XVI), de exterioridad (Espinoza), de primitividad (Kant), de falsedad o mentira (Fontenelle, S. XVII), de religiosidad pre-civilizada (Comte, s. XIX), de degeneración o perversión patológica, producto de reniego y desconocimiento (Freud) y de disimulación ilusoria (Marx). 9

10 i Una delle voci che più chiaramente ha sottolineato tale somiglianza è stata quella dello stesso Charles de Brosses che nel suo famoso, Du culte des Dieux fétiches. Du parallèle de l ancienne religion de l Egypte avec la religion actuelle de la Nigritie,1760, di cui vi è ora un ottima traduzione con interessante introduzione a cura di A. Ciattini e S. Garroni, Sul culto degli Dei feticci o parallelo dell antica religione attuale della Nigrizia, Roma Nell introduzione, si sottolinea giustamente come sia meglio evitare una generalizzazione entificante [quella di pensiero occidentale ], che occulta l esistenza di impostazioni assai differenti e tra loro addirittura contradditorie (ibidem, Introduzione, p.33). ii Il termine feticcio era già usato da tempo negli studi occidentali come pratica religiosa africana e come punto di riferimento comparativo per le indagini (in A. M. Jacono, Teorie del feticismo. Il problema filosofico e storico di un immenso malinteso, Milano 1985, p.4). iii Ch. de Brosses, op.cit., 1760, p.182. Charles de Brosses è il primo studioso che abbia prima di Comte, tentato di dimostrare la primitività del feticismo, la sua anteriorità logica, sul politeismo e sul monoteismo (in G. Canguilhem (ed.or.1968), Etudes d histoire et de philosophie des sciences, Paris 1983, p.84). iv M.H. Kingsley, West African Studies, Londra 1899, p. 44, riportato da W.G. Aston), alla voce Fetishism, p.894, in Enciclopaedia of Religion and Ethics, vol. V, Edimburgo , pp v Grande Enciclopédia Portuguesa e Brasileira, vol. Xl, Lisboa-Rio de Janeiro 1940, p.71. vi Ch.de Brosses, op.cit., 1760, pp. 72 e 78, p vii F.P. Tylor, Primitive culture, vol.ii, London 1903, pp viii Dictionnaire de l Ancienne Langue Francaise (et de tous ses dialectes) du IX au XV siècle, Paris 1884, p. 73 ix Secondo il Calepini Dictionnaire, Bâle1584. x F.Georges-Calonghi, Dizionario latino-italiano, Torino 1950 (III ed.). xi Grande Enciclopédia Portuguesa, op.cit., p. 74. xii E. Littré (ed. or )., Dictionnaire de la langue francaise, Paris 1967 xiii F.Georges-Calonghi, op.cit., voce fatum, p. 76. xiv F. La Cecla, Non è cosa. Vita affettiva degli oggetti, Milano 1998, pp xv A. M. Jacono, op.cit., Milano xvi Ibidem, nota 9, p.8. xvii M.Mauss, L art et le mythe d après W. Wundt (1908), in Oeuvres, Paris 1969, p.217. xviii Ancora nel 1951, nell Enciclopedia cattolica, a cura di U. Bianchi, pp , alla voce Feticismo si legge...si tratta di un fenomeno secondario...chiaramente degenerativo (la sottolineatura è mia). xix Oggi si preferisce parlare di devianza. xx S. Freud, Feticismo (1927), in Opere, vol. X, Torino 1972, pp Il feticcio, rappresentando simbolicamente tale fallo, costituisce per il soggetto una difesa da una tremenda angoscia di punizione (di castrazione). xxi J. Pouillon, Fétiches sans fétichisme, in Objets du fétichisme, Nouvelle Revue de Psychanalyse, 2, 1970, pp

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo.

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Mirko Bradley Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

------------------------------------------- Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine) PIANO DI LAVORO

------------------------------------------- Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine) PIANO DI LAVORO ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

Cosmologia: Conoscenza del cosmo (narrazione di come è il mondo, come gli esseri umani stanno nel mondo, come ne usciranno per andare

Cosmologia: Conoscenza del cosmo (narrazione di come è il mondo, come gli esseri umani stanno nel mondo, come ne usciranno per andare Cosmogonia: Modo di nascere del cosmo Cosmologia: Conoscenza del cosmo (narrazione di come è il mondo, come gli esseri umani stanno nel mondo, come ne usciranno per andare dove ) 1 MITO Letteralmente racconto.

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Si rifà alla concezione ciclica della storia, formata da fasi alterne che si ripetono

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane Mary Douglas Mary Douglas (1921 2007), antropologa inglese, allieva di Evans Pritchard, appartiene alla scuola funzionalista rinnovata nel dopoguerra dal pensiero di Evans Pritchard Mary Douglas Purezza

Dettagli

Il minore cittadino:proposte e spunti di riflessione. Introduzione

Il minore cittadino:proposte e spunti di riflessione. Introduzione Introduzione Questa tesi nasce come tentativo di esplorare e, per quanto possibile, approfondire, un tema oggi più che mai attuale ma ancora fin troppo poco discusso: i diritti di rappresentanza dei minori.

Dettagli

Indice. Introduzione... vii

Indice. Introduzione... vii Indice Introduzione... vii PARTE PRIMA L AMORE IN OCCIDENTE... 1 L amore nel pensiero occidentale... 3 L amore nell Occidente cristiano... 17 L amore fiorisce nell infanzia... 23 I legami che l amore crea...

Dettagli

PROGETTO BINAZIONALE TORINO - BORDEAUX

PROGETTO BINAZIONALE TORINO - BORDEAUX Una formazione universitaria d'eccellenza nel settore delle scienze politiche e delle relazioni internazionali Nato nel 2001 Formazione in alternanza fra l'università di Torino e l'institut d'etudes de

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA scelta ragionata dallo Zibaldone Introduzione di Dante Lepore cm. 14x21, pp. 100 Offerta minima 10 *** Leopardi mette in guardia dal ruolo nefasto della

Dettagli

La Pedagogia Speciale

La Pedagogia Speciale La Pedagogia Speciale Rosa Maria Lombardo Pedagogista 1 La Pedagogia Speciale è una branca della Pedagogia che interviene, con modalità ben definite, nell area della disabilità di varia natura, da quella

Dettagli

LICEO LINGUISTICO. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI FRANCESE Tutte le classi

LICEO LINGUISTICO. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI FRANCESE Tutte le classi LICEO LINGUISTICO PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI FRANCESE Tutte le classi CLASSE PRIMA ( Libro di testo A vrai dire pas à pas 1- Unità 1-metà 5) Gli articoli determinativi e indeterminativi Gli

Dettagli

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE LA SCUOLA DI FRANCOFORTE La Scuola di Francoforte è una scuola filosofica e sociologica neomarxista. Il nucleo originario di tale scuola, formato principalmente da filosofi e sociologi tedeschi di origine

Dettagli

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei Luca Zeffiro 4C Il problema sulla conservazione del moto nacque con Cartesio: nei suoi «Principia philosophiae» egli affermò la conservazione della quantità di moto a partire da Dio: gli errori presenti

Dettagli

I LA MAGIA SUA DEFINIZIONE, SUE FORME, SUO OGGETTO

I LA MAGIA SUA DEFINIZIONE, SUE FORME, SUO OGGETTO I LA MAGIA SUA DEFINIZIONE, SUE FORME, SUO OGGETTO È difficile definire esattamente che cosa si intenda per magia. La difficoltà deriva dalla varietà degli atti magici e delle concezioni diverse che le

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

INSERTO SPECIALE IN QUESTO NUMERO

INSERTO SPECIALE IN QUESTO NUMERO INSERTO SPECIALE IN QUESTO NUMERO Proponiamo all attenzione dei nostri lettori la sintesi del manuale Cannabis e danni alla salute, pubblicazione scientifica prodotta dal Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Bozza Little Darwin SCHEDA DI ANALISI DI ITALIANO. 1. Chi è Alice? Che tipo di ragazza ti sembra? Prova a descrivere la sua personalità.

Bozza Little Darwin SCHEDA DI ANALISI DI ITALIANO. 1. Chi è Alice? Che tipo di ragazza ti sembra? Prova a descrivere la sua personalità. Bozza Little Darwin SCHEDA DI ANALISI DI ITALIANO 1. Chi è Alice? Che tipo di ragazza ti sembra? Prova a descrivere la sua personalità. 2. All inizio del romanzo la madre di Alice dice alla figlia Basta

Dettagli

Mic h e l Je a n Em m a n u e l d e l a Ba r g e d e Ce rt e a u nasce a Chambery il 17 maggio 1925. Riceve una forte educazione religiosa e

Mic h e l Je a n Em m a n u e l d e l a Ba r g e d e Ce rt e a u nasce a Chambery il 17 maggio 1925. Riceve una forte educazione religiosa e Terebinto 7 Il Terebinto è una pianta diffusa nella macchia mediterranea. Nella Bibbia è indicata come l albero alla cui ombra venne a sedersi l angelo del Signore (Gdc 6,11); la divina Sapienza è descritta

Dettagli

"Il Mondo Che Vorrei", Laura Pausini

Il Mondo Che Vorrei, Laura Pausini "Il Mondo Che Vorrei", Laura Pausini Quante volte ci ho su, Il mio sta cadendo giù Dentro un pieno di follie, Ipocrisie. Quante volte avrei voluto anch'io questo mondo mio, Per tutti quelli che stanno

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Filosofia e ambiente. Filosofia e ambiente. 28 Marzo 2008. Dott.ssa Isotta Burlin. Dott.ssa Isotta Burlin. Università di Napoli Federico II

Filosofia e ambiente. Filosofia e ambiente. 28 Marzo 2008. Dott.ssa Isotta Burlin. Dott.ssa Isotta Burlin. Università di Napoli Federico II Filosofia e ambiente Filosofia e ambiente 28 Marzo 2008 Filosofia e ambiente Può la filosofia dirci qualcosa riguardo l ambiente, la sicurezza, le tecnologie, anche se è una disciplina che di solito si

Dettagli

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/H1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/04

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/H1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/04 PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/H1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/04 Lingua e Traduzione Lingua francese (Decreto del Rettore

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26

Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26 Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26 Il saggio Bergson e la filosofia tedesca. 1907 1932, permette di penetrare all'interno di alcuni dei

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ - A.S. 2014/15

UU. D. A. Classe 3^ - A.S. 2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed

Dettagli

Etnocentrismo e relativismo culturale. Lezione

Etnocentrismo e relativismo culturale. Lezione Etnocentrismo e relativismo culturale Lezione ETNOCENTRISMO ETNOCENTRISMO È IL TERMINE TECNICO CHE DESIGNA UNA CONCEZIONE PER LA QUALE IL PROPRIO GRUPPO (IN-GROUP) È CONSIDERATO IL CENTRO DI OGNI COSA,

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice INSEGNAMENTO DI SOCIOLOGIA GIURIDICA DELLA DEVIANZA E DEL MUTAMENTO SOCIALE LEZIONE IV LA DEVIANZA COME COSTRUZIONE SOCIALE PROF. ALFREDO GRADO Indice 1 L importanza dei paradigmi costruzionisti ---------------------------------------------------------

Dettagli

Collana di Psicologia a cura di Paolo Moderato e Francesco Rovetto

Collana di Psicologia a cura di Paolo Moderato e Francesco Rovetto Collana di Psicologia a cura di Paolo Moderato e Francesco Rovetto Antonella Montano, direttrice dell Istituto A.T. Beck di Roma (www.istitutobeck.it), antropologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale,

Dettagli

Jorge Mario Bergoglio SCegliere la ViTa

Jorge Mario Bergoglio SCegliere la ViTa Jorge Mario Bergoglio SCegliere la ViTa Proposte per tempi diffcili Traduzione di Sara Cavarero BOMPIANI Bergoglio, Jorge M., Educar, elegir la vida. Propuestas para tiempos difíciles Editorial Claretiana,

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Epreuve d Italien MANAGEMENT. Année 2005. Concours d entrée en 1 ère année. Coefficient : 6. Traitez les trois exercices suivants :

Epreuve d Italien MANAGEMENT. Année 2005. Concours d entrée en 1 ère année. Coefficient : 6. Traitez les trois exercices suivants : MANAGEMENT Année 2005 Concours d entrée en 1 ère année Epreuve d Italien Durée : 4 heures Coefficient : 6 Traitez les trois exercices suivants : I - VERSION : 5 points II - THEME : 5 points III - QUESTIONS

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione.

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione. Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1c PROVA DI COMPRENSIONE SCRITTA TEST D INGRESSO CHIAVI E PRIMI ESERCIZI a. Legga questo

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO di lingua francese. Classi: 1^ 2^ 3^ Sezioni: A- E Insegnante: De Caro Marino Anno scolastico 2015/2016

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO di lingua francese. Classi: 1^ 2^ 3^ Sezioni: A- E Insegnante: De Caro Marino Anno scolastico 2015/2016 PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO di lingua francese Classi: 1^ 2^ 3^ Sezioni: A- E Insegnante: De Caro Marino Anno scolastico 2015/2016 Testo in adozione: Quelle chance! Autori: R. Bruneri B. Durbano M. Vico

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

6 Come si diventa psicanalista?

6 Come si diventa psicanalista? Prefazione Come si diventa psicanalista? è un romanzo epistolare e nel contempo un saggio che affronta i temi fondamentali della formazione psicanalitica. Gli autori dello scambio di lettere sono Giulia,

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

AIR POWER ENGINE CAR

AIR POWER ENGINE CAR AIR POWER ENGINE CAR Introduction Aujourd hui, le carburant le plus répandu est l essence, mais le pétrole nécessaire pour la produire devient de plus en plus rare et contr bue à polluer l environnement

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Sociologia. Relazione Orientamento

Sociologia. Relazione Orientamento Sociologia Relazione Orientamento 1 SI, VIAGGIARE 2 TURISMO Cosa intendiamo per turismo? Quali sono gli errori comuni? 3 EPOCHE DEL TURISMO: PROTOTURISMO(Antica Roma e rivoluzione industriale) TURISMO

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

Diventare Bambini Rappresentazioni visuali e costruzioni sociali dell infanzia

Diventare Bambini Rappresentazioni visuali e costruzioni sociali dell infanzia Diventare Bambini Rappresentazioni visuali e costruzioni sociali dell infanzia (A cura di Paolo Chiozzi, Simona Galbiati, Ander Gondra e Gorka López de Munain) Una PREMESSA: Non si richiedono soltanto

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli

TEST ITALIEN D ENTRÉE EN FORMATION

TEST ITALIEN D ENTRÉE EN FORMATION MERCI DE NOUS RENVOYER VOTRE TEST A : info@soft-formation.com TEST ITALIEN D ENTRÉE EN FORMATION SOCIETE : RESPONSABLE FORMATION : TELEPHONE : FAX : NOM DU STAGIAIRE : PRENOM DU STAGIAIRE : TELEPHONE :

Dettagli

IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI

IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI SENSO DEL SACRO FONDAMENTO ANTROPOLOGICO COMUNE A TUTTE LE RELIGIONI NATURA AMBIVALENTE QUALCOSA DEGNO DI VENERAZIONE MA ANCHE TREMENDO INTERPRETAZIONI DEL SACRO SOCIOLOGICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

umbria napoleonica nel dipartimento del trasimeno (1809-1814) storia, arte e cultura aguaplano

umbria napoleonica nel dipartimento del trasimeno (1809-1814) storia, arte e cultura aguaplano aguaplano umbria napoleonica storia, arte e cultura nel dipartimento del trasimeno (1809-1814) Aguaplano/Biblioteca mmxii Memoria 3 Umbria napoleonica Storia, arte e cultura nel Dipartimento del Trasimeno

Dettagli

CERTIFICATO DI RESIDENZA

CERTIFICATO DI RESIDENZA 5000-IT Copia per l amministrazione estera CERTIFICATO DI RESIDENZA Domanda di applicazione della convenzione fiscale tra Francia e 12816*01 Il contribuente deve indicare in questa casella il nome dello

Dettagli

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO

Parte Prima INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO Parte Prima INTRODUZIONE Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Le parole del diritto... pag. 1 2. Prescrizioni, regole, norme...» 3 3. L idea di «fonti del diritto»...» 7 4. L ordinamento giuridico...»

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

INDIRIZZO DI SCIENZE UMANE. CLASSE A036 n.2 FILOSOFIA, PSICOLOGIA E SCIENZE DELL EDUCAZIONE

INDIRIZZO DI SCIENZE UMANE. CLASSE A036 n.2 FILOSOFIA, PSICOLOGIA E SCIENZE DELL EDUCAZIONE INDIRIZZO DI SCIENZE UMANE CLASSE A036 n.2 FILOSOFIA, PSICOLOGIA E SCIENZE DELL EDUCAZIONE 1. L essere è e non può non essere, mentre il non essere non è e non può essere. Quale filosofo antico ha sostenuto

Dettagli

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI ANTICHITÀ GRECHE ANTROPOLOGIA CULTURALE ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA ARCHEOLOGIA MEDIEVALE BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA

Dettagli

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari La città Dalla polis greca alla città ecosostenibile 1 LA POLIS GRECA Dall VIII al IV secolo a.c. In epoca classica la città greca era caratterizzata dalla suddivisione alto/basso: la parte alta corrispondeva

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Il Molo. 1 Per me al mondo non v ha un più caro e fido. 2 luogo di questo. Dove mai più solo. 3 mi sento e in buona compagnia che al molo

Il Molo. 1 Per me al mondo non v ha un più caro e fido. 2 luogo di questo. Dove mai più solo. 3 mi sento e in buona compagnia che al molo Il Molo 1 Per me al mondo non v ha un più caro e fido 2 luogo di questo. Dove mai più solo 3 mi sento e in buona compagnia che al molo 4 San Carlo, e più mi piace l onda a il lido? 5 Vedo navi il cui nome

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Conclusioni. Conclusioni

Conclusioni. Conclusioni Conclusioni Chi a cogliere i tuoi frutti ama l ombre calanti, i luoghi oscuri, lento cammina, va rasente i muri, non vede quello che vedono tutti, e quello che nessuno vede adora. Umberto Saba, La malinconia

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

La donna come capro espiatorio

La donna come capro espiatorio La donna come capro espiatorio. La società medievale era una società maschilista. Gli uomini avevano paura delle donne, le quali erano guardate con sospetto. Secondo loro detenevano il segreto della vita

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI SUCCESSIONE IN EUROPA: IL REGOLAMENTO 650/2012. Studio Mauro MICHELINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI SUCCESSIONE IN EUROPA: IL REGOLAMENTO 650/2012. Studio Mauro MICHELINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI SUCCESSIONE IN EUROPA: IL REGOLAMENTO 650/2012 CONVENZIONE TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA FRANCESE PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

LA FILOSOFIA NELL AFRICA DEL RISCATTO. di Alessandra Basile

LA FILOSOFIA NELL AFRICA DEL RISCATTO. di Alessandra Basile LA FILOSOFIA NELL AFRICA DEL RISCATTO di Alessandra Basile A partire dagli anni 20 del XX secolo, gli intellettuali africani, spinti da un forte desiderio di libertà, hanno dato nuovi impulsi a dibattiti

Dettagli

CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata)

CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata) CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata) più giù.: quattro pagine di relazione sul Convegno con foto L embrione

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

2) ordine di bonifico bancario per 350.000 a favore di Caritas Haiti del 08/04/2010 (all. 3)

2) ordine di bonifico bancario per 350.000 a favore di Caritas Haiti del 08/04/2010 (all. 3) Progetto AL/2010/5 Assistenza sfollati tendopoli Oggetto del finanziamento: 350.000,00 Euro Ente presentatore e partner: Caritas Italiana La prima fase dell emergenza (4 mesi) è stata portata a termine

Dettagli

ANTROPOLOGIA DELLA DONAZIONE

ANTROPOLOGIA DELLA DONAZIONE Da un indagine condotta a Torino dall AVIS su un gruppo di volontari italiani e marocchini, l autrice concentra la sua ricerca sull antropologia e sull etnografia della donazione del sangue, mettendone

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

INTRODUZIONE. Abstract

INTRODUZIONE. Abstract INTRODUZIONE Ed era calata la sera. E Almitra, la veggente, disse: «Benedetti siano questo giorno, questo luogo e il tuo spirito che ci ha parlato». Ed egli rispose: «Ero io a parlare? Non ero forse anch

Dettagli