Paola Elisabetta Simeoni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paola Elisabetta Simeoni"

Transcript

1 La violenza dell interpretazione. La invenzione degli oggetti. Paola Elisabetta Simeoni Le opere etnografiche si possono correttamente chiamare finzioni nel senso di qualcosa che è stato fabbricato o modellato il nucleo della radice latina della parola fingere. Ma insieme al significato di fare ci deve essere anche quello di inventare (J. Clifford) I più semplici resoconti culturali sono creazioni intenzionali, e proprio coloro che interpretano, mentre studiano gli altri, costruiscono se stessi (J. Clifford) Nessuna lingua è pura, nel senso che ogni lingua si presenta in ogni momento come una concrezione, un agglomerato geologico di elementi di origine diversa, entrati in epoca diversa (R. Cardona)... La queue rouge du perroquet kese, un morceau d os de quelqu un qui n a jamais marché; un morceau d os de bosse, de foudroyé, de varioleux, de noyé; un morceau d os d éléphant... un oeil de léopard... un fragment d excrément de crocodile... un peu d écorce de l arbre eru... un fragment de branche calcinée et réduit en cendres de l arbre sigo... de la craie blanche; de l excrément du serpent arc-en-ciel... du sable de la mer, de la rivière, de la lagune... des perles rares... (G. Maupoil) I mercanti portoghesi, nell incontro con le popolazioni africane, hanno coniato il termine feticcio e inventato così una forma di culto e una categoria di oggetti, da cui è stata elaborata la nozione di feticismo. Riflessioni, interpretazioni, tra-duzioni, migrazioni di senso hanno caratterizzato la nascita dei feticci. Il termine, già adottato dalle stesse culture africane, riempie ormai la nostra vita postmoderna. Oggi sappiamo a cosa si riferivano i pensatori del XVIII secolo e conosciamo, per lo meno in parte, gli sviluppi interpretativi, estremamente vari e complessi, di questo nuovo oggetto della speculazione occidentale. E una vicenda culturale strana ed esemplare allo stesso tempo: si tratta infatti di un caso eclatante della violenza delle interpretazioni nelle quali una cultura - in particolare una cultura dominante e universalizzante come la nostra - si può trovare invischiata, nella necessità di giustificare e creare identità diverse e per nascondere un eccesso di somiglianza, evidentemente non gradita. Allo scopo di rappresentare se stessa e di stabilire delle differenze tende a inventare delle alterità. i La nozione di feticcio si è colorata nei secoli di significati desunti da fondamentalismi religiosi, da passioni emotive e intellettuali, da verità inconfessabili ed è accompagnata da un alone inquietante ed enigmatico di cui stenta ancora oggi a liberarsi. Evoca infatti continuamente dimensioni diverse e 1

2 opposte, ambiguità coscienti e inconsce, pratiche di potere oscure e credenze magiche che affascinano, occultamenti, disconoscimenti, fraintendimenti. In questo quadro sono protagonisti i riferimenti alla magia in gran parte interni alle culture occidentali. Molti studiosi, usando il termine feticcio o feticismo, hanno riferito dell origine etimologica riportata da de Brosses, il quale in un tentativo di comparazione religiosa, riconobbe nel termine feticcio (francese fétiche) una derivazione dal termine portoghese feitiço ii e nel feticismo un culto diretto reso senza figure alle produzioni animali e vegetali. iii Il termine feticcio fu infatti usato per la prima volta dai mercanti portoghesi che navigavano lungo le coste dell Africa occidentale, nel XVI secolo, i quali di fatto ravvisarono nei fenomeni magico-religiosi che ebbero occasione di osservare delle credenze e delle pratiche simili a quelle in uso nel loro paese. Come scrisse Kingsley iv paragonarono questi oggetti di culto agli amuleti, ai talismani, che si usavano anche in Portogallo, comprendendoli in quella categoria di fenomeni che si rifacevano alla magia. Feitiço deriva infatti da feitiçaria, maleficio, arte del maleficio, arte magica, stregoneria, sortilegio, e, in senso figurato, seduzione, incanto. v La Grande Enciclopédia Portugueisa riporta dei dati storici: "La prima legge portoghese contro la feitiçaria risale ai tempi di Don Giovanni I nell'anno Questa legge fu confermata nell'ordinamento Afonsinas ; ma già molto prima le autorità ecclesiastiche avevano proibito la pratica della feitiçaria. Nel 1330, il Papa Giovanni XXII pubblicò due Bolle contro la feitiçaria, equiparandola a un atto diabolico e a un crimine di eresia. Sotto l'influenza del Diritto Romano, si applicava la tortura nei processi di stregoneria, poi furono istituite le pene di morte per gli eretici e gli stregoni. Vi è soprattutto da sottolineare che, proprio nel secolo XVI, quando i navigatori portoghesi osservarono in Africa gli oggetti che chiamarono feticci, la magia aveva avuto in Portogallo un incremento prodigioso. Nel capitolo XXV della Costituzione dell Arcivescovado di Evora, stampata a Lisbona nel 1534, si trova una descrizione delle credenze popolari relative alla feitiçaria, che si possono riassumere nel modo seguente: tomar pedra de ara ou corporais, em lugar sagrado ou nao; invocar espiritos diabolicos, em circulos, fora dêles ou encruzilhades; dar de comer ou de beber a alguèm para fazer mal a outrém; lançar sortes para adivinhar...; ver em agua, cristal, espada, qualquer cosa luzente ou espadua de carneiro; fazer figuras para adivinhar....; ligar homen ou mulher;... ter mandragoras en casa.... Il termine francese fétiche fu in realtà utilizzato per la prima volta in modo filosofico e scientifico dallo stesso de Brosses, che lo distinse dalla magia vi, senza però spiegare la differenza semantica tra i due termini. Il termine fetishism era già usato in Inghilterra nel 1613, secondo il Grande Dizionario della Lingua Inglese di Oxford, che lo riporta come derivato dal francese, e che, sostiene, a sua volta lo aveva adottato dal portoghese. Anche Tylor vii rileva questo passaggio dal termine portoghese a quello francese e poi all'inglese. Sebbene feitiço avesse il senso di incantesimo, 2

3 amuleto, stranamente, egli nota, ambedue le lingue utilizzarono questo termine per secoli con un significato diverso: per il francese antico faitis voleva dire ben fatto, bello e l'inglese lo prese in prestito come fetys, ben fatto, grazioso. Secondo il Dizionario dell'antica lingua francese viii, faitis, feitis, fetiz, faittis (agg.) significa bien fait, bien faconné, joli, élégant (parlando di cose), e riporta l esempio seguente: avoir des souliers faitis sur le pied. Viene dal latino factitius (faittis), qui est fait de main, non de nature ix. Può essere usato anche con nome di persona o di essere animato, l esempio riportato è une demoiselle belle et fétisse. E ancora vi è il termine faitissement, esempio riportato une chose faitissement travaillée, des dames faitissement parées. In quanto all'etimologia latina di faitis, factitius in realtà non esiste, per lo meno nel latino classico x ; si trova invece l'aggettivo facticius, a, um con il senso di artificiale, formato per onomatopea, da factus, a, um (facere), lavorato con arte, preparato artisticamente; elaborato in modo conforme alle regole dell'arte; istruito, educato, ammaestrato. In Portoghese xi, il termine feitiço è anzitutto un aggettivo, che significa falso, finto, artificiale, fittizio ; in secondo luogo è un sostantivo con senso di incantesimo, sortilegio, stregoneria, magia e poi ancora oggetto da cui si suppone poter trarre oracoli; amuleto, talismano; ma anche oggetto che incanta, che affascina. Intanto si nota uno iato semantico tra il significato dell'aggettivo e quello del sostantivo: l'uno sembra derivare effettivamente, come sostiene la Grande Enciclopédia Portuguesa e Brasileira, da feito (latino factu, participio fazer), fatto, eseguito, concluso, terminato, e forse come dicevamo prima, dal latino facticius ( artificiale ) e da factus lavorato con arte, ma l'altro, il sostantivo, sembra semanticamente legato ad altro termine, o ad altra radice. E d'altra parte vi è, tra i significati dell'aggettivo, il senso di fittizio che sembra ricomporre la differenza. Ficticio in portoghese significa immaginario, favoloso, che non esiste se non nell'immaginazione, illusorio, apparente. Inoltre il portoghese feitiçaria ha il senso di maleficio, arte del maleficio, arte magica, stregoneria, sortilegio e in senso figurato seduzione, incanto. Ritroviamo il senso di artificiale, fatto ad arte, secondo la regola di un arte (factus), peraltro presente nell'etimo francese antico faitis bello, ben fatto, cioè fabbricato dall'uomo a regola d'arte, ma non troviamo il senso di incantesimo, di oracolo, di portafortuna (amuleto e talismano), di qualcosa che incanta, che seduce, che affascina, e ancora cosa illusoria, frutto dell'immaginazione. Secondo il Littré xii, il portoghese fetisso, da cui deriva fétiche, significa objet fée, enchanté, che è anche il senso attribuitogli da de Brosses. E se è vero che il portoghese feitiço e lo spagnolo hechizo non fanno risalire a fada ( fée ), ma a factum, factitium da cui deriva la parola francese antica faitis, osserva ancora Littré, in portoghese, il sostantivo feitiço ha preso il senso di charme, sortilège, sorcier, per ciò la sua derivazione da fada, ( fée ); da questo significato, prosegue, proviene fétiche, oggetto adorato dai negri. Sempre secondo il Littré, fée (sostantivo femminile), fata, è un essere fantastico al quale si attribuiva un potere soprannaturale, il dono della 3

4 divinazione, e una grande influenza sul destino e che ci si raffigurava con una bacchetta, segno di potenza. In senso figurato, si usa la parola per indicare qualcosa alla quale le fate abbiano messo mano (la fata è una donna che si distingue per la sua grazia e la sua abilità; opera di fata, un opera delicata fatta con grande perfezione, ecc.). Come aggettivo, ha il significato di incantato ; come participio passato, significa prodotto dell'arte magica ; come verbo, féer ( dotare di proprietà magiche ), in italiano fatare. Il termine deriva, scrive Littré, da fatum, i (neutro) xiii, profezia, vaticinio, oracolo, predizione, e ancora l'ordine dell'universo (stabilito irrevocabilmente) dall'eterna legge della natura, ciò che è predestinato dall immutabile ordine dell'universo, sorte, destino (degli uomini), fato, fatalità; da cui fata (le divinità fatali), le Parche; ma significa anche disgrazia, calamità, rovina, morte (violenta); flagello di persone che sono causa di rovina, di sventura. I significati di fatum possono richiamare il concetto di feticcio, ma il termine fatum ha una radice for-, fari-, che difficilmente gli si può accostare. Mentre molto più facile, sia dal punto di vista etimologico che semantico, la derivazione da una radice fe-, che potrebbe essere comune a fetus, us, (fetus, us, possiede un ablativo plurale arcaico fetis ), il generare, il parto e anche feto, prole, frutto di fetus, a, um, nel suo senso di fecondato, gravido, fertile, produttivo, pieno di, ricco di, e poi femina, ae (donna) e fecundus, a, um, (fecondo), e infine a felix, licis, favorito dalla fortuna, quindi ricco - nel suo primo significato -, poi fertile, ferace, fecondo, ma anche che porta fortuna, favorevole. Da ricordare a questo punto, l'aggettivo bello, degli antichi faitis e fetys, cioè ricco, ben fatto, fecondo, favorevole, e far notare gli esempi riportati dal Dizionario dell'antica Lingua Francese: il primo avere delle belle scarpe (benfatte) sul piede, l'altra una giovane ragazza (signorina non sposata), bella e ben fatta. Forse nello stesso senso è da collegare l interpretazione di Littré da fée,(fata), donna che affascina, che, nella versione francese, potrebbe non derivare da fatum, ma da femina, comunque sempre dalla radice fe-. Il participio fée, ée (Littré) significa prodotto dell'arte magica. Sono le due "anime" semantiche di feitiço, come aggettivo "falso, finto, artificiale", e come sostantivo "incantesimo, stregoneria, magia, oggetto che affascina". In questi due diversi significati vi è quindi probabilmente una origine etimologica che collega le due diverse radici di factus e di fetus, femina, felix. Per i Portoghesi che solcavano le rotte marittime sulle coste dell Africa, il feticcio non era altro, che un oggetto magico, anche se diverso, sia nella forma che nel culto, dagli oggetti da essi stessi usati. Il termine inventato non era un vocabolo pidgin, come sostiene La Cecla xiv, ma un termine coniato a partire dal proprio vocabolario e per somiglianza con qualcosa a loro noto. Questa denominazione voleva individuare un oggetto o inventare una categoria di oggetti fabbricati e usati nell ambito della feitiçaria, cioè della magia. Questa attribuzione di senso, elaborata dalla pratica mercantile a partire dallo stesso immaginario portoghese del tempo, diede però il via in ambito occidentale a innumerevoli dibattiti speculativi spesso molto distanti sia dalla realtà africana, che dalla stessa realtà europea diffusa. 4

5 Infatti ben oltre alla prima osservazione e relativa interpretazione andarono le successive speculazioni dei filosofi dal 700 in poi, che tesero ad attribuire a questa nozione e a questa pratica un ambito universale caratterizzante un periodo dell umanità, il feticismo, legato, sin dai suoi primo passi, come sappiamo, all evoluzionismo sociale e culturale. Ma prima ancora del 700, molti studiosi si erano cimentati nell elaborare interpretazioni di quello che consideravano un fenomeno di confine culturale e di civiltà. Anzitutto va ricordato che nel Settecento, quando questa nozione fu utilizzata in ambito deistico e teologico e poi da de Brosses, fu distinta dai termini di magia e di stregoneria, fenomeni ben presenti nelle nostre culture. Si evitò di nominare ciò che l'inquisizione, da secoli, aveva censurato, credenze e pratiche, che erano ancora vive, anzi sempre più vive, anche in Europa. Secondo Alfonso Jacono, sin dal 1590, il gesuita Acosta pose la mimesi diabolica all origine dell idolatria. Ma nell evolversi delle interpretazioni che si susseguirono nella storia del pensiero, si andarono sistematizzando alcuni aspetti che caratterizzano il feticcio: quello della esteriorità, per esempio Spinoza, ma anche più tardi Kant (1793), che definisce anche la sua primitività; la falsità, il feticcio è oggetto legato alla mensogna (anche se il falso è mescolato al vero), per esempio Fontenelle (1686), Leclerc (1704); l arbitrarietà nella scelta degli stessi oggetti-feticcio. xv Quest ultimo aspetto connota, secondo Jacono, l incapacità degli europei di capire i processi mentali e simbolici altri ; i pensatori dell epoca in sostanza attribuivano all arbitrarietà ciò che essi stessi non capivano dei mondi che cercavano di conoscere e che volevano sfruttare. Già Spinoza peraltro individua nell elaborazione dell interpretazione di queste forme di religione un modo di giustificare la colonizzazione e il potere sul popolo. xvi Dunque l intenzione più o meno conscia o velata di dimostrare la primordialità, la grossolanità delle pratiche indigene mira anche a stabilire un rapporto di potere, che si giustifica sulla base di malintesi e incomprensioni, fino all intervento di Mauss, che mette fine a questa querelle. A seguito di questo suo intervento, la nozione di feticcio è stata messa all indice e abbandonata dall etnoantropologia agli inizi del 900, dopo l intervento dello stesso Mauss che dichiarò che questi oggetti dipendevano dal codice della magia e della religione e del valore simbolico che acquistano in questo codice. Scrisse la notion de fétiche doit disparaître définitivement de la science puisqu elle ne correspond a rien de défini e questa nozione ne correspond qu à un immense malentendu entre deux civilisations, l africaine et l européenne e quand on écrira l histoire de la science des religions et de l ethnographie, on sera étonné du rôle indu et fortuit qu une notion di genre de celle de fétiche a joué dans les travaux théoriques et descriptifs. xvii Ciò malgrado la concezione di feticcio e la teoria relativa al feticismo sono migrate da una capo all altro della scienza occidentale, attraversando vari itinerari interpretativi, e il loro uso ha avuto echi in varie discipline. Ancora oggi molte nozioni che da esse derivano esprimono interpretazioni inquietanti, diaboliche, legate a una nozione di degenerazione e di perversione xviii, che è stata ed è ancora per molti studiosi, la chiave euristica delle proprie costruzioni intellettuali. Tra le più famose vi è quella psicoanalitica di feticismo come patologia sessuale xix, perversione legata a una degenerazione 5

6 dell individuo e quella elaborata nella critica dell economia politica da Marx su una qualità alienante della merce. Atteggiamento patologico e individuale per Freud, per Marx è una tendenza normale e generale della società capitalistica; per Freud il feticcio è un sostituto del fallo della donna e nega un assenza. Per Marx invece nega una realtà, quello di un rapporto formale che viene reificato, mascherandolo per sottrarlo a contestazioni e di nuovo consiste nell attribuire uno status di cosa a ciò che cosa non è. Appena la cosa si presenta come merce, si trasforma in una cosa sensibilmente sovrasensibile. L arcano della forma di merce consiste nel fatto che tale forma, come uno specchio, restituisce agli uomini l immagine dei caratteri sociali del loro proprio lavoro. Mediante questo qui pro quo i prodotti del lavoro diventano merci e assumono per gli uomini una forma fantasmagorica, analogamente, dice Marx, a quello che succede nella regione nebulosa del mondo religioso. Ricorre il problema dell immenso malinteso sorto da una interpretazione che ha violentato la realtà altra e il concetto di dissimulazione permane nel concetto di Verleugnung (rinnegamento, disconoscimento) nella psicanalisi di Freud, per il quale il feticcio, elaborato dal paziente, è la negazione di un assenza reale e la creazione di una presenza illusoria. La situazione patologica che si viene a creare è che sia stata intrapresa un azione al fine di istituire e conservare il suo rinnegamento: il bambino ha conservato, ma nello stesso tempo abbandonato, il convincimento nell esistenza del fallo della madre. xx Jean Pouillon xxi, riferendosi a Mauss, scrive: Il est clair que l histoire de cette notion est celle de malentendus, d oublis et de glissement de sens, mais les glissements de sens ont aussi un sens. Nei secoli comunque, è un disconoscimento che si trova alla base della maggior parte delle interpretazioni: disconoscimento religioso, psichico, economico intellettuale, che sembra accompagnare quanto gli europei nascondono a se stessi, come un leit-motiv, cioè la somiglianza con fenomeni culturali simili presenti nelle stesse culture occidentali. Le interpretazioni legate alle nozioni di feticcio e di feticismo sono tentativi di traduzioni, di con-prensione da una parte e di distinzione dall altra e di speculazioni secolari che hanno segnato i primi passi della storia delle religioni e dell etnologia. Hanno spesso riflettuto i disagi della civiltà nel perseguimento degli obiettivi universali del progresso dell economia occidentale, e molte volte non hanno inteso quanto osservavano. In molti casi hanno dovuto, con violenza, sistematizzare la teoria di una evoluzione etnocentrica dello sviluppo dell umanità, per dimostrare la superiorità della cultura occidentale sulle altre e avallare uno sfruttamento. Le violenze interpretative, le forzate attribuzioni di senso, si sono succedute in un vortice di interpretazioni, di angosce filosofiche ed esistenziali, creazioni e rifiuti dell altro, crisi di identità culturali e asserzioni di universalismi scientifici, illuminismo e oscurantismo, volontà di potenza e curiosità morbose, purezze e impurità. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Aston W.G., Fetishism, in Enciclopaedia of Religion and Ethics, vol. V, Edimburgo , pp

7 Bianchi U. (a cura di), Feticismo, Enciclopedia Cattolica, 1951, pp Calepini Dictionnaire, Bâle Canguilhem G. (ed.or.1968), Etudes d histoire et de philosophie des sciences, Paris 1983 Ciattini e S. Garroni (a cura di), Sul culto degli Dei feticci o parallelo dell antica religione attuale della Nigrizia, Roma 2000 de Brosses, Du culte des Dieux fétiches. Du parallèle de l ancienne religion de l Egypte avec la religion actuelle de la Nigritie, 1760 Dictionnaire de l Ancienne Langue Francaise (et de tous ses dialectes) du IX au XV siècle, Paris 1884 Freud S., Feticismo (1927), in Opere, vol. X, Torino 1972, pp Georges-Calonghi F., Dizionario latino-italiano, Torino III ed. Grande Enciclopédia Portuguesa e Brasileira, vol. Xl, Lisboa-Rio de Janeiro Jacono A. M., Teorie del feticismo. Il problema filosofico e storico di un immenso malinteso, Milano 1985 M.H. Kingsley, West African Studies, Londra 1899 La Cecla F., Non è cosa. Vita affettiva degli oggetti, Milano 1998 Littré E. (ed. or ), Dictionnaire de la langue francaise, Paris 1967 Mauss M., L art et le mythe d après W. Wundt (1908), in Oeuvres, Paris 1969 Pouillon J., Fétiches sans fétichisme, in Objets du fétichisme, Nouvelle Revue de Psychanalyse, 2, 1970, pp Tylor E.P., Primitive culture, vol. I e II, London 1903 ABSTRACT ITALIANO LA VIOLENZA DELLA INTERPRETAZIONE La invenzione degli oggetti Paola Elisabetta Simeoni Nel XIV secolo, in un periodo in cui l inquisizione incomincia a imperversare in Europa, i mercanti portoghesi che solcano le rotte marittime sulle coste dell Africa osservano degli oggetti usati dagli africani che denominano feticci. Il termine inventato è un termine coniato a partire dal proprio vocabolario, in particolare da feitiçaria (magia), e evidentemente somigliante a qualcosa a loro noto anche se diverso, sia nella forma che nel culto, dagli oggetti da essi stessi usati. Inquisitori, prima, poi studiosi, uomini di lettere, filosofi, più tardi psicanalisti, sociologi ed economisti, si appropriarono dell invenzione di questo oggetto e della nozione che da essa si sviluppò, la nozione di feticismo, che si colorò nei secoli di un alone inquietante ed enigmatico di cui stenta ancora oggi a liberarsi. Il saggio cerca di mostrare come questo caso illustri in maniera eclatante la violenza della interpretazione, tramite la quale le culture qui la religione cattolica e la cultura occidentale dominante e universalizzante interpretando l altro, inventano identità forti, nascondono eccessi di somiglianza non gradita, instaurano poteri di sfruttamento e disuguaglianza culturale ed economica. Di fatto l analisi etimologica del termine feticcio, intrapresa dall autrice, nelle lingue portoghese, inglese, francese, latino, permette di individuare invece antiche origini del termine nelle culture europee, che riportano a significati legati da una parte al senso di falso, finto, artificiale - dal termine latino factus (radice for-, fari-), dall altro a quello di "incantesimo, stregoneria, magia, oggetto che affascina", fino a scoprire una origine etimologica che collega il 7

8 termine fetticcio ai termini latini fetus, femina, felix (radice fe-), che esprimono il senso di fortuna, nascita, fertilità, concetti fondamentali alle visioni religiose e alle culture popolari contadine e pastorali occidentali volti alla difesa della vita. Sorto da una interpretazione arbitraria che ha violentato culture altre, un immenso malinteso (Mauss, XX sec.) ha così segnato il pensiero occidentale, che ha interpretato gli oggetti di culto africano in senso diabolico (Acosta, XVI sec.), di esteriorità (Spinoza, XVII sec.), di falsità o menzogna (Fontenelle, XVII sec.), di primitività (Kant, XVIII sec.), di religiosità pre-civile (Comte, XIX sec.), di degenerazione o perversione patologica frutto di rinnegamento o disconoscimento (Freud), di dissimulazione illusoria (Marx). Abstract français La violence de l interprétation. L invention des objets. Paola Elisabetta Simeoni Au cours du XIV siècle, dans une période où l Inquisition commençait à faire des ravages en Europe, les marchands portugais qui naviguaient sur les côtes de l Afrique observaient des objets utilisés par les populations locales qu ils appelèrent fétiches. Le terme inventé est un terme forgé à partir de leur propre langue, en particulier du terme feitiçaria (en portugais, magie), pour indiquer quelque chose qui était évidemment très semblable, aussi bien dans la forme que dans l usage cultuel, d objets dont ils se servaient eux-mêmes. Les inquisiteurs d abord, puis les intellectuels, hommes de lettres, philosophes, plus tard les psychanalystes, sociologues et économistes, s approprièrent l invention de cet objet et élaborèrent la notion de fétichisme, qui le colora au long des siècles d un halo inquiétant et énigmatique, dont il ne s est pas encore dégagé aujourd hui. L essai tente de démontrer comment ce cas illustre de manière éclatante la violence de l interprétation avec laquelle les cultures ici la religion catholique et la culture occidentale dominante et universalisante interprètent l autre, inventent des identités fortes, cachent les excès de similitudes non souhaitables, instaurent des forces d exploitation génératrices d inégalités culturelles et économiques. En fait l analyse étymologique du terme fétiche entreprise par l auteur dans les langues portugaise, anglaise, française, latine, permet de découvrir au contraire d anciennes origines du terme dans les cultures européennes, qui reconduisent à des significations liées d une part au sens de faux, simulé (feint), artificiel du terme latin factus (racine for-, fari-) ; d autre part au notions d enchantement, sorcellerie, magie, objet qui fascine ; et finit par découvrir une probable origine étymologique qui lie le terme fétiche aux termes latins de fetus, femina, felix (racine fe-), qui expriment le sens de bonne fortune, naissance, fertilité, concepts fondamentaux aux visions religieuses et aux cultures populaires pastorales et paysannes occidentales destinées à la défense de la vie. Né d une interprétation arbitraire qui a fait violence aux cultures autres, un immense malentendu (Mauss, XX siècle) a influencé la pensée occidentale, qui a interprété les objets du culte africain dans un sens diabolique (Acosta, XVI siècle), extérieur (Spinoza, XVII siècle), de mensonge (Fontenelle, XVII sec.), 8

9 de primitivité (Kant, XVIII siècle), de religiosité pré-civile (Comte, XIX siècle), de dégénération ou de perversion pathologique, fruit de déni et de méconnaissance (Freud), de dissimulation illusoire (Marx). Abstract español La violencia de la interpretación. La invención de los objetos. Paola Elisabetta Semeoni En el siglo XIV, en un período en el que la inquisición comienza a desolar Europa, los mercantes portugueses que surcan las rutas marítimas de las costas de África conservan objetos usados por los africanos a los cuales dan el nombre de fetiches. El término inventado es un vocablo acuñado a partir del propio vocabulario, en particular desde la feitiçaria (magia), y evidentemente parecido a alguna cosa que a ellos les es conocida, aunque diferente de los objetos usados por ellos mismos, sea en la forma que en el culto. Primero los inquisidores, después los estudiosos, los hombres de letras, los filósofos y más tarde los psicoanalistas, los sociólogos y los economistas, se apropiaron de la invención de este objeto y de la noción que a partir de ese se desarrolló, es decir, la noción de fetichismo, la cual se coloreó durante los siglos de un matiz inquietante y enigmático del cual todavía no logra liberarse. El ensayo busca de demostrar cómo este caso ilustra de un modo sorprendente la violencia de la interpretación, a través de la cual las culturas, en este caso la religión católica y la cultura occidental dominante y universalizante, interpretando al otro, inventan identidades fuertes, esconden excesos de semejanza no grata e instauran poderes de explotación y de desigualdad económica y cultural. De hecho, el análisis etimológico del término fetiche, emprendido por la autora en las lenguas portuguesa, inglesa, francesa y latina, permite, en cambio, individuar el origen del vocablo en las lenguas europeas, las cuales conducen a significados ligados, por una parte, al sentido de algo falso, ficticio, artificial del término latino factus (raíz for-, fari-); y por otra parte, a aquél de encantamiento, hechicería, magia, objeto fascinante, hasta descubrir un origen etimológico que relaciona el término fetiche con los términos fetus, femina, felix (raíz fe-), los cuales expresan un sentido de fortuna, nacimiento, fertilidad; conceptos que son fundamentales en las visiones religiosas y en las culturas populares campesinas y pastorales de Occidente, las cuales están preocupadas por la defensa de la vida. Surgida de una interpretación arbitraria la cual ha violentado las otras culturas, un inmenso malentendido (Mauss, s. xx), ha marcado el pensamiento occidental, el cual ha interpretado los objetos del culto africano en un sentido diabólico (Acosta, s. XVI), de exterioridad (Espinoza), de primitividad (Kant), de falsedad o mentira (Fontenelle, S. XVII), de religiosidad pre-civilizada (Comte, s. XIX), de degeneración o perversión patológica, producto de reniego y desconocimiento (Freud) y de disimulación ilusoria (Marx). 9

10 i Una delle voci che più chiaramente ha sottolineato tale somiglianza è stata quella dello stesso Charles de Brosses che nel suo famoso, Du culte des Dieux fétiches. Du parallèle de l ancienne religion de l Egypte avec la religion actuelle de la Nigritie,1760, di cui vi è ora un ottima traduzione con interessante introduzione a cura di A. Ciattini e S. Garroni, Sul culto degli Dei feticci o parallelo dell antica religione attuale della Nigrizia, Roma Nell introduzione, si sottolinea giustamente come sia meglio evitare una generalizzazione entificante [quella di pensiero occidentale ], che occulta l esistenza di impostazioni assai differenti e tra loro addirittura contradditorie (ibidem, Introduzione, p.33). ii Il termine feticcio era già usato da tempo negli studi occidentali come pratica religiosa africana e come punto di riferimento comparativo per le indagini (in A. M. Jacono, Teorie del feticismo. Il problema filosofico e storico di un immenso malinteso, Milano 1985, p.4). iii Ch. de Brosses, op.cit., 1760, p.182. Charles de Brosses è il primo studioso che abbia prima di Comte, tentato di dimostrare la primitività del feticismo, la sua anteriorità logica, sul politeismo e sul monoteismo (in G. Canguilhem (ed.or.1968), Etudes d histoire et de philosophie des sciences, Paris 1983, p.84). iv M.H. Kingsley, West African Studies, Londra 1899, p. 44, riportato da W.G. Aston), alla voce Fetishism, p.894, in Enciclopaedia of Religion and Ethics, vol. V, Edimburgo , pp v Grande Enciclopédia Portuguesa e Brasileira, vol. Xl, Lisboa-Rio de Janeiro 1940, p.71. vi Ch.de Brosses, op.cit., 1760, pp. 72 e 78, p vii F.P. Tylor, Primitive culture, vol.ii, London 1903, pp viii Dictionnaire de l Ancienne Langue Francaise (et de tous ses dialectes) du IX au XV siècle, Paris 1884, p. 73 ix Secondo il Calepini Dictionnaire, Bâle1584. x F.Georges-Calonghi, Dizionario latino-italiano, Torino 1950 (III ed.). xi Grande Enciclopédia Portuguesa, op.cit., p. 74. xii E. Littré (ed. or )., Dictionnaire de la langue francaise, Paris 1967 xiii F.Georges-Calonghi, op.cit., voce fatum, p. 76. xiv F. La Cecla, Non è cosa. Vita affettiva degli oggetti, Milano 1998, pp xv A. M. Jacono, op.cit., Milano xvi Ibidem, nota 9, p.8. xvii M.Mauss, L art et le mythe d après W. Wundt (1908), in Oeuvres, Paris 1969, p.217. xviii Ancora nel 1951, nell Enciclopedia cattolica, a cura di U. Bianchi, pp , alla voce Feticismo si legge...si tratta di un fenomeno secondario...chiaramente degenerativo (la sottolineatura è mia). xix Oggi si preferisce parlare di devianza. xx S. Freud, Feticismo (1927), in Opere, vol. X, Torino 1972, pp Il feticcio, rappresentando simbolicamente tale fallo, costituisce per il soggetto una difesa da una tremenda angoscia di punizione (di castrazione). xxi J. Pouillon, Fétiches sans fétichisme, in Objets du fétichisme, Nouvelle Revue de Psychanalyse, 2, 1970, pp

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione Nota della Redazione 1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione scientifica Revue des questions scientifiques n. XXVII del 1920. Benché le Œuvres edite

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

www.lacan-con-freud.it

www.lacan-con-freud.it JACQUES LACAN NOTE SUL BAMBINO Storia delle Note sul bambino e delle loro vicissitudini Le "Notes de Jacques Lacan sur l'enfant", come precisa Anne-Lise Stern in La France hospitaliere Drancy Avenir 1,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

DELIO SALOTTOLO L UOMO ORNATO DAL PRESTIGIO DELLA BESTIA. BATAILLE E IL MIRACOLO DI LASCAUX. 1. Il paradosso dell estetica

DELIO SALOTTOLO L UOMO ORNATO DAL PRESTIGIO DELLA BESTIA. BATAILLE E IL MIRACOLO DI LASCAUX. 1. Il paradosso dell estetica S&F_n. 6_2011 DELIO SALOTTOLO L UOMO ORNATO DAL PRESTIGIO DELLA BESTIA. BATAILLE E IL MIRACOLO DI LASCAUX 1. Il paradosso dell estetica 2. Quando cominciarono gli uomini. Per una genealogia del fenomeno

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

GIOVANNI SIAS 1 La tua domanda è ben posta per me, tutt altro che impropria, perché mi dà modo di precisare alcune cose che non ho ancora detto o che si potevano leggere solo fra le righe. Innanzitutto,

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Noi e gli altri, ovvero al posto di un editoriale

Noi e gli altri, ovvero al posto di un editoriale Noi e gli altri, ovvero al posto di un editoriale 1/ Le identità Le questioni intorno all identità sono anche le domande fondamentali del nostro tempo, e questo vale per la vita personale, sociale e globale.

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net. DAL GIUSNATURALISMO AL GIUSPERSONALISMO di G. Limone

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net. DAL GIUSNATURALISMO AL GIUSPERSONALISMO di G. Limone DAL GIUSNATURALISMO AL GIUSPERSONALISMO di G. Limone PARTE I VICO E GROZIO Nella sua autobiografia Vico esprime gratitudine a Grozio, il fatto per Fassò risulta curioso in quanto Vico oppositore del Giusnaturalismo

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Cliquer ici pour accéder aux tarifs et à la licence

Cliquer ici pour accéder aux tarifs et à la licence Pigafetta, Filippo (1533-1604). Relatione del reame di Congo et delle circonvicine contrade, tratta dalli scritti e ragionamenti di Odoardo Lopez portoghese per Filippo Pigafetta,... 1591. 1/ Les contenus

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE METODI. Vincenzo Lumia SCHEDA N 2

LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE METODI. Vincenzo Lumia SCHEDA N 2 METODI Vincenzo Lumia LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE SCHEDA N 2 Conoscere ed approfondire i meccanismi e le dinamiche che determinano la conflittualità e le

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Il per sé in Hegel (für sich)

Il per sé in Hegel (für sich) Enrico Grassi Il per sé in Hegel (für sich) [Il per sé, come già l in lui (o destinazione), è essenziale nella filosofia hegeliana, perché stabilisce che ogni contenuto di pensiero, ogni finito, è il centro

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LE VOCI DELL ETICA. Se Dio non esiste tutto è permesso? (Dostoevskij, I fratelli Karamazov )

LE VOCI DELL ETICA. Se Dio non esiste tutto è permesso? (Dostoevskij, I fratelli Karamazov ) Letture filosofiche 2010 LE VOCI DELL ETICA Se Dio non esiste tutto è permesso? (Dostoevskij, I fratelli Karamazov ) PERCHÉ L ETICA? Perché, quest anno, un percorso di etica? Cosa è l etica? Quali valori

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

La filosofia dell uomo di Jean-Luc Marion tra Cartesio e la fenomenologia

La filosofia dell uomo di Jean-Luc Marion tra Cartesio e la fenomenologia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA, PEDAGOGIA E PSICOLOGIA SCUOLA DI DOTTORATO DI SCIENZE UMANE E FILOSOFIA DOTTORATO DI RICERCA IN FILOSOFIA CICLO / ANNO (1 anno d iscrizione):

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli