PERIODICO DELLA CITTÀ DI DARFO BOARIO TERME Dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERIODICO DELLA CITTÀ DI DARFO BOARIO TERME Dicembre 2013"

Transcript

1 PERIODICO DELLA CITTÀ DI DARFO BOARIO TERME Dicembre 2013

2 Indice Periodico della Città di Darfo Boario Terme Dicembre 2013 Autorizzazione Tribunale di Brescia n. 2/2012 del Direttore Responsabile: Igino Armando Piccinelli Comitato di redazione: Sindaco, Giunta e Consiglieri comunali di Maggioranza Notiziario chiuso il Stampato su carta certificata FSC: Forest Stewardship Council, carta proveniente da foreste mondiali con sostenibilità ambientale Gli amministratori ricevono... Ezio Mondini - Sindaco Riceve Lunedì dalle 16,30 alle 18,30 Giovedì dalle 10,00 alle 12,00 Si trova quasi sempre in Comune Assessore Attilio Cristini AMBIENTE - ECOLOGIA - VERDE PUBBLICO DECORO URBANO - TERRITORIO MONTANO PARCO SOVRACOMUNALE (Lago Moro, Luine, Monticolo) - PROTEZIONE CIVILE. All Assessore Attilio Cristini sono attribuite le funzioni di Vicesindaco Riceve Martedì dalle 8,00 alle 10,00 Assessore Luigina (Gina) Gaioni POLITICHE SOCIALI PUBBLICA ISTRUZIONE - TERZO SETTORE Riceve Mercoledì dalle alle Assessore Giacomo Franzoni CULTURA - SPORT E TEMPO LIBERO POLITICHE GIOVANILI INNOVAZIONE E SERVIZI INFORMATICI Riceve: Sabato dalle 10,00 alle 12,00 (preferibilmente su appuntamento) Assessore Grazioso Pedersoli LAVORI PUBBLICI - URBANISTICA SERVIZI TECNOLOGICI SERVIZI CIMITERIALI Riceve: Martedì dalle 8,00 alle 10,00 Venerdì dalle 8,00 alle 10,00 Assessore Osvaldo Benedetti EDILIZIA PRIVATA - BILANCIO (Servizio Ragioneria ed Economato) - COMMERCIO - ATTIVITÀ PRODUTTIVE (Industria, Artigianato, Agricoltura) PATRIMONIO - SERVIZI PUBBLICI LOCALI Riceve: Mercoledì dalle 16,00 alle 18,00 Sabato dalle 10,00 alle 12,00 (preferibilmente su appuntamento) Pag. 3 Pag. 4 Pag.5 Pag. 6 Pag. 9 Pag. 10 Pag. I Pag. II Pag. III Pag. 11 Pag. 12 Pag. 17 Pag. 20 Pag. 21 Pag. 22 Pag. 23 Pag.23 Pag. 27 Pag. 28 IL SALUTO DEL SINDACO Lettera ai miei concittadini GRUPPO DI MAGGIORANZA Le linee-guida LE POLITICHE SOCIALI Comunità solidale ed emergenze sociali CULTURA Cultura è Biblioteca, gioco, cinema, teatro, musica, fare memoria AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO Zootecnia, orti, spesa in cascina LAVORI PUBBLICI Il nuovo ponte e la viabilità principale della città DAGLI ENTI COMPRENSORIALI Valle Camonica: verso nuove imprenditorialità Darfo Boario Terme e la sua montagna I segni del benessere: collaborazione tra enti PARI OPPORTUNITA LAVORI PUBBLICI Scuole, edifici pubblici, viabilità, acquedotti e fognature, piano neve COMMERCIO E TURISMO Manifestazioni, mercati, la nuova farmacia, la banca a Gorzone BUONE PRATICHE Raccolta dei rifiuti porta a porta PATRIMONIO Amare il proprio territorio e la sua storia LA RETE INFORMATICA DEL COMUNE BILANCIO Imu, Tares, Irpef: tra incertezze e urgenze LA PAROLA AL CONSIGLIO COMUNALE Dalla Minoranza Dalla Maggioranza: il dovere e il diritto alla verità SPORT Trofei, campionati, gare, meeting, feste Giro d Italia

3 Lettera ai miei concittadini Un altro anno di amministrazione è passato e, alle soglie del 2014, a chi mi chiede come sto vivendo questa esperienza da Sindaco rispondo: Bella, interessante, coinvolgente, ma estenuante per i problemi economici che riguardano noi e tutti i Comuni italiani. Fin dall inizio della nostra avventura, abbiamo passato mesi alla continua ricerca delle risorse necessarie, con grandi difficoltà sia nel trovare l interlocutore disponibile, sia nell ottenere concretamente le somme richieste e promesse. Ma le difficoltà oggettive non ci hanno demoralizzato... anzi, hanno stimolato in noi una maggior operatività e creatività. Avremmo voluto incidere di più sul piano urbanistico e delle opere, ma ci siamo scontrati con la scarsità e l incertezza delle risorse disponibili; riteniamo invece di aver ottenuto buoni risultati nel restituire a Darfo Boario Terme una precisa identità di città turistica che, come tale, deve darsi un immagine di dignità, decoro, pulizia e sicurezza. La nostra città sta soffrendo, come tutte le realtà termali, per la crisi del suo turismo storico; lavoriamo quindi perché Darfo B.T. torni protagonista nel turismo di tutta la Valle, consapevoli delle prerogative della città: le Terme e l acqua come fonte di cura e di benessere e la grande ricettività alberghiera. Riteniamo comunque di non poter prescindere da un contesto territoriale più ampio con cui condividere percorsi e sviluppo. Pienamente convinti di questo, ci attiviamo per un offerta turistica ricca di proposte e che comprenda l intera Valle nei suoi vari aspetti, dal paesaggio ai beni culturali e artistici, ai prodotti tipici dell enogastronomia, per rispondere meglio alle attuali esigenze dei flussi turistici. Oggi possiamo serenamente dire che non siamo stati con le mani in mano, ma che, grazie ad un impegno coordinato su tutti i fronti, abbiamo potuto raggiungere alcuni degli obiettivi del programma condiviso e concordato con voi, per esempio una più chiara identità per Darfo Boario Terme, nel rispetto dei principi ispiratori del nostro e vostro progetto di città. Sono consapevole che il 2013 è stato un anno difficile non solo per le casse comunali, ma anche per le casse di tante famiglie della nostra comunità. Per questo ci siamo adoperati per ridare qualche speranza alle famiglie più in difficoltà sostenendole nei loro problemi economici, compatibilmente con i limiti del nostro bilancio. Su questo fronte il nostro impegno è vivo e costante, poiché l attenzione alla persona ed ai più deboli è il primo indicatore di una società civile. IL SALUTO DEL SINDACO di prenderci cura dei loro problemi, di salvaguardare l ambiente, di promuovere la crescita culturale, sociale ed economica della città con uno spirito fortemente orientato alla tutela del bene comune e della collettività. Di tutto ciò sono profondamente convinto e, credo, voi con me, perché ritengo che questo clima diverso avvertito da molti indichi che la cittadinanza coglie lo sforzo che l Amministrazione compie per lavorare e governare bene. Sempre in quest ottica, tra poco anche a Darfo B.T. partirà la raccolta dei rifiuti porta a porta; proprio in questi ultimi giorni abbiamo concluso il ciclo di assemblee nella varie frazioni per illustrarla e prepararne l avvio. Siamo consapevoli che questo nuovo modo di raccogliere i rifiuti è un impegno gravoso per tutti i cittadini, che richiede molta collaborazione da parte loro e il cambiamento di alcune abitudini Ma ogni sforzo in questo senso è finalizzato al bene della nostra città. Se la popolazione risponderà positivamente, Darfo non solo sarà più pulita ed accogliente per cittadini e turisti ma potrà anche ridurre i costi della raccolta e destinare i relativi risparmi a scopi diversi. A voi cittadini chiedo impegno e collaborazione, poiché solo con lo sforzo collettivo potremo ottenere grandi benefici per tutta la comunità. Nelle pagine di questo notiziario troverete gli interventi degli assessori che illustreranno le tematiche affrontate nel loro settore alla ricerca di soluzioni, condivise dal gruppo di maggioranza, che guardano all oggi, ma con occhio attento al domani. Concludo con un grazie particolare a tutti i cittadini: è anche in virtù delle loro segnalazioni che possiamo essere più presenti, tempestivi ed efficaci per il bene della collettività e del singolo. Grazie infine ai miei assessori che tanto si prodigano per il raggiungimento degli obiettivi condivisi, ai consiglieri e ai dipendenti comunali. Un numero sempre maggiore di darfensi osserva che è cambiato il clima e il modo di fare, cosa che suscita in noi una certa soddisfazione: speriamo che i concittadini percepiscano la nostra volontà di considerare con attenzione le persone e A tutti voi i migliori auguri di Buon Natale e Buon Anno Nuovo. Ezio Mondini Sindaco 3

4 GRUPPO DI MAGGIORANZA Le linee guida L importanza dell ascolto Il gruppo di Maggioranza ha fondato e fonda la sua azione politica sull ascolto attento e rispettoso dei cittadini, nella convinzione che è la loro partecipazione a legittimare e a rendere democratica l amministrazione di una comunità. Questo atteggiamento ha caratterizzato, caratterizza e caratterizzerà lo stile e l azione della Civica. Ascolto significa cogliere il vero sentire della collettività e individuare i bisogni che riguardano il bene comune, superando le richieste spicciole, di tipo individualistico. Chi amministra deve avere una visione generale della città e delle sue caratteristiche e deve perseguire con buonsenso, onestà e concretezza le finalità e gli obiettivi che si è posto. Fin dall inizio del nostro mandato abbiamo avuto cura di condividere con i cittadini le scelte importanti dopo averne discusso nelle assemblee di frazione. Per la nuova viabilità di Montecchio abbiamo recepito tutte le osservazioni uscite dal confronto con il paese, mantenendo, ad esempio, la situazione precedente in via Cavour, nonostante il progetto di destinarla a senso unico. Una delle ultime decisioni del Consiglio Comunale, l imposta di soggiorno, è stata a lungo discussa e poi condivisa con gli operatori del settore che hanno dato il loro contributo di idee per effettuare una scelta razionale e adatta alle caratteristiche del nostro sistema turistico. Ci occupiamo di rendere la macchina amministrativa più tempestiva ed efficace, valorizzando al massimo la ricchezza di competenze e di professionalità di tutto il personale, la cui collaborazione è fondamentale per il governo di Darfo B.T. e per il rapporto con la cittadinanza. Consideriamo che le risorse presenti nel nostro gruppo siano un valore e pensiamo che il confronto di idee e di proposte, le diverse competenze, la coesione e la capacità di fare sintesi tra le varie posizioni, siano il presupposto per un azione efficace, coerente con il nostro programma e con la realtà del nostro Comune. Siamo disponibili anche all ascolto e alla considerazione attenta delle osservazioni provenienti dalla Minoranza, rispettosi del suo ruolo e della competenza acquisita in tanti anni di amministrazione. L eredità All inizio del mandato abbiamo trovato una pesante eredità: 2 milioni e mezzo di debito per l acquisto del parco delle Terme e grandi difficoltà nel reperire le risorse necessarie ad estinguerlo; viabilità caotica, irrazionale, reti viaria, idrica e fognaria dissestate, edifici scolastici con tante criticità dovute per lo più alla scarsa manutenzione, impianti di riscaldamento obsoleti, ritardi ingiustificabili nell uso delle energie alternative, contenziosi legali pendenti, e altro ancora A chi ci rimprovera di non aver immediatamente comunicato la gravità della situazione, ricordiamo che abbiamo preferito allo sterile lamento la concentrazione sui problemi della città, il lavoro continuo e serio, la valorizzazione delle competenze e della professionalità di ognuno, la disponibilità ad imparare anche sul campo. Proprio per questo le riunioni di Giunta sono aperte a tutti i consiglieri della Maggioranza e diventano il luogo dell approfondimento, della condivisione e della programmazione. Rivendichiamo infine con forza la nostra distanza dalle furberie e dalle autopromozioni, nella speranza che i risultati del nostro impegno parlino da soli. Il contributo di tutti ci ha portato a considerare nuovi temi: le pari opportunità, il rispetto dei diversi, le nuove povertà, l attenzione verso le attività economiche tradizionali come l agricoltura e l allevamento, le nostre eccellenze, la difesa del territorio e l educazione alle nuove tecnologie. Questa apertura al nuovo si realizzerà anche attraverso la valorizzazione delle nostre associazioni, lungimiranti, attente e aperte alle tendenze più innovative e come tali di stimolo a un cambiamento positivo. La forza delle relazioni Considerando il grande consenso elettorale, questa amministrazione si sente fortemente legittimata e impegnata ad attuare l ambizioso programma condiviso con i cittadini. Queste due componenti, programma ed ampio consenso, ci hanno portato fin dai primi mesi del nostro mandato a dialogare con tutti i livelli istituzionali sovraccomunali, con aziende sia private che pubbliche e con organizzazioni e associazioni che hanno un importante ruolo sulle dinamiche economiche del nostro territorio. E così ci siamo trovati ai tavoli regionali con la Società Terme di Boario s.p.a. per chiudere e rendere operativo l accordo di programma che ci permetterà di diventare proprietari del parco termale; in un azione congiunta tra Distretto Culturale di Valle Camonica, Provincia di Brescia rappresentata dall Assessore Razzi, Proloco e Terme di Boario, abbiamo rimodernato l ufficio IAT sul Piazzale Autostazione e ne abbiamo fatto il centro di informazione turistica per tutta la Valle; collaborando con la Regione Lombardia (Assessore Cavalli) e con la Provincia di Brescia (Assessore Vivaldini) abbiamo ottenuto che la futura rotatoria in zona Castellino venisse inserita nel piano triennale dei lavori pubblici della Provincia; con l assessore al turismo Razzi, con quello allo sport Mandelli, con RCS (Gazzetta dello Sport) e con la Comunità Montana di Vallecamonica, abbiamo ottenuto il transito del Giro d Italia all interno della nostra città; grazie alla forte volontà dell A.S.Boario, del Comitato regionale del Ciclismo e del nostro assessore allo sport, per il secondo anno consecutivo ospiteremo a luglio i campionati italiani di ciclismo esordienti e allievi; stiamo collaborando con FNM ( Ferrovie Nord Milano, società ferroviaria regionale) e la Provincia di Brescia (Assessore ai trasporti Ghirardelli) alla sistemazione della stazione ferroviaria di Boario, per dare maggiore dignità ad una realtà così importante per il turismo; dopo aver preso atto della decisione irrevocabile di Poste Italiane di chiudere l ufficio postale a Gorzone e delle necessità del paese, soprattutto delle sue fasce deboli, l Amministrazione si è spesa per ottenere l apertura di una tesoreria della Banca di Valle Camonica nella frazione. In questo modo intendiamo affrontare molte altre situazioni presenti e le problematiche che incontreremo, sempre in relazione con le Istituzioni e gli interlocutori più appropriati. È finito il tempo di pensare e fare da soli. Il Capogruppo di Maggioranza 4

5 LE POLITICHE SOCIALI Comunità solidale ed emergenze sociali In tempo di crisi l amministrazione non ha voluto ridurre la spesa per il sociale, consapevole delle difficoltà diffuse: per un sempre maggior numero di famiglie e di persone risulta gravoso far fronte alle spese quotidiane. Particolare attenzione perciò è stata dedicata ai nuclei con minori, ai disabili e agli anziani. Non si è rinunciato comunque a svolgere un preciso ruolo culturale che aiuta la comunità a crescere nella conoscenza dei problemi e a darsi gli strumenti necessari per affrontarli. Nonostante i tagli e l incertezza dei fondi disponibili, abbiamo mantenuto la spesa per il Piano del Diritto allo Studio pari a quella degli anni scorsi, diversamente da quanto è successo in altri Comuni anche vicini. Capire la realtà Il primo passo per affrontare i problemi è conoscere e comprendere le nuove dinamiche sociali ed economiche: la nostra società è in continua evoluzione, la crisi economica determina crisi anche psicologiche, valoriali, comunitarie a cui bisogna far fronte non soltanto da un punto di vista economico. Ai nostri sportelli arrivano sempre più persone in situazioni di grave disagio: disoccupazione, sfratti imminenti, disabilità, depressioni e dipendenze varie. Colpisce la dignità della maggioranza degli utenti che non chiedono un aiuto economico ma lavoro: il Comune purtroppo può dare solamente suggerimenti o indicazioni e qualche aiuto per superare le emergenze più gravi, soprattutto per le famiglie con bambini. Le nostre assistenti sociali accolgono tutte le situazioni e cercano di dare risposte adeguate con professionalità e dedizione, utilizzando al meglio le risorse disponibili. Su alcuni problemi sono stati organizzati incontri formativi ed informativi per sensibilizzare e prevenire: un convegno sulla ludopatia, cioè la dipendenza dal gioco; una serata sulla produzione domestica di detersivi ecologici; una serie articolata di interventi sul bullismo per via telematica e varie azioni mirate ad alcune realtà particolari della nostra città, nell ambito del Progetto famiglia. Nell intento di operare per l integrazione dei cittadini immigrati, in collaborazione con la rassegna Abbracciamondo, abbiamo proposto agli studenti degli istituti superiori del Comune uno spettacolo teatrale che ha offerto stimoli e possibilità di approfondimento del problema e che ha riscosso il gradimento dei giovani spettatori. Operare in risposta ai problemi Il Comune fa tutto quello che è nelle sue possibilità economiche per andare incontro ai cittadini in difficoltà: utilizza i voucherlavoro, sia per i disabili che per le persone senza occupazione, sostiene parzialmente chi non riesce a pagare l affitto di casa e le bollette del gas e della luce, fornisce i pasti a domicilio ad alcuni anziani, i ricoveri presso le residenze socio-assistenziali (per esempio, le case di riposo), le assistenze domiciliari in base al reddito 5 delle persone. Oltre ai preziosissimi aiuti alimentari distribuiti dalla Caritas, quest anno si è reso necessario un intervento straordinario: in via sperimentale è stato attuato il progetto Spesa Amica per le famiglie in estrema difficoltà, soprattutto per i minori con un alimentazione inadeguata perché carente di carne, frutta e verdura. Grazie ad un progetto della Comunità Montana, da quest anno il Comune si avvale anche dell aiuto qualificato di una nuova figura di sostegno, il custode sociale, che ha il compito di capire i bisogni delle persone fragili, di metterle in contatto con i servizi del territorio e di favorire la formazione di una rete di solidarietà, avvalendosi di vicini di casa, di volontari, di associazioni. Piano di attuazione del Diritto allo Studio L Amministrazione comunale quest anno ha fatto grandi sforzi per finanziare appieno il Piano di Diritto allo Studio perché considera assoluta priorità l educazione e l istruzione dei suoi cittadini. Mentre lo Stato, la Regione e la Provincia hanno diminuito le risorse, il nostro Comune ha mantenuto invariato il bilancio del Piano, garantendo tutti i servizi necessari: trasporti, mense, assistenza specialistica per alunni disabili, libri di testo per la scuola primaria, sorveglianza integrativa all ingresso delle scuole. Come gli altri anni siamo riusciti a finanziare i Piani dell Offerta Formativa (POF) dei nostri Istituti comprensivi e i progetti di Cittadinanza e Costituzione : questi ultimi offrono opportunità diverse per l apprendimento, con attività interdisciplinari e supporto di esperti esterni, visite guidate e relazioni con il territorio. Siamo soddisfatti per l andamento del piedibus che anche quest anno si è esteso a nuove linee aumentando il numero dei volontari e dei bambini fruitori. Continuiamo a sostenere le scuole paritarie per l infanzia con una somma di denaro consistente, consapevoli che esse svolgono con professionalità e dedizione un opera educativa che lo Stato non è in grado di assicurare a tutti i bambini. Nella primavera scorsa abbiamo distribuito borse e assegni di studio per euro come riconoscimento agli studenti meritevoli e come aiuto a quelli, pur meritevoli, con famiglie in difficoltà economiche. In conclusione il Comune mette a disposizione del Piano per l attuazione del Diritto allo Studio più di euro, convinto della necessità e dell utilità di questo impegno. Relazioni per pensare e fare Questa fase amministrativa ci ha permesso di prendere coscienza che per affrontare qualsiasi tipo di problema è necessario mettersi in relazione con le altre realtà del territorio: dal confronto infatti nascono idee nuove, migliori, e una più precisa conoscenza delle situazioni; nella collaborazione si trovano competenze diverse e maggiori risorse: insieme è possibile dare risposte più efficaci con minor dispendio di denaro, di tempo e di energie. Fin dall inizio del nostro mandato abbiamo avuto la fortuna di collaborare con realtà importanti e solide del nostro territorio: gli Istituti comprensivi Darfo 1 e Darfo 2, gli Istituti superiori Olivelli Putelli e C.F.P Zanardelli, i Comitati dei genitori, la Caritas zonale, le cooperative sociali, i centri anziani, i sindacati, tante associazioni di volontariato, le parrocchie e gli oratori insomma, tutto un mondo attivo e ben radicato tra la popolazione. Rispetto ad uno dei problemi principali del nostro tempo, l inclusione sociale, stiamo creando una rete tra numerosi soggetti competenti nel merito, con lo scopo di attuare azioni concrete, per rispondere soprattutto a chi si trova in condizioni di marginalità e di sofferenza.

6 CULTURA Cultura è... Nella nostra Città la cultura deve assumere un ruolo sempre più centrale, pur nelle ristrettezze economiche in cui di giorno in giorno ci troviamo ad effettuare le scelte di merito. Le esigenze dei cittadini sono molte e differenziate, quindi molteplice e diversificata deve essere l offerta culturale, tenendo conto della varietà di interessi, passioni, gusti e sensibilità. Alla Biblioteca spetta il ruolo centrale di organizzare e coordinare eventi e manifestazioni in risposta alla domanda del territorio. Confermando il suo ruolo di prima agenzia culturale, la Biblioteca dovrebbe anche stimolare interessi sempre nuovi e una crescente partecipazione dei cittadini non solo nei momenti di fruizione ma anche nelle scelte. Cultura è... la Biblioteca per la Città Anche quest anno la Biblioteca è stata un punto di riferimento irrinunciabile per gli studenti, medi e universitari, del nostro Comune e di altri vicini, infatti ha registrato l affluenza più alta tra le biblioteche della Valle con quasi 2000 utenti che hanno richiesto il prestito di più di testi. Non si è puntato comunque solo sulla quantità dei fruitori, ma anche sulla qualità dell accoglienza, facendo attenzione ai bisogni dei giovani che, soprattutto prima degli esami, hanno riempito tutti gli spazi disponibili, compresi quelli esterni, nell area fresca e tranquilla del chiostro, dotata da quest estate di nuovi posti-studio particolarmente graditi. Un apertura fisica che rappresenta concretamente l intento di ampliare orizzonti, di favorire relazioni culturali e circolazione di idee, come è compito di ogni vera biblioteca. Al riguardo, è stata aperta una nuova connessione internet wi-fi gratuita. Gli utenti usufruiscono abbondantemente dei vantaggi acquisiti con l ingresso nel Sistema Bibliotecario Camuno, ad esempio del prestito interbibliotecario che fornisce nell arco di tre giorni i libri richiesti dalle altre biblioteche del sistema; sono pervenuti infatti alla nostra sede quasi 2000 testi. Per valorizzare ulteriormente il servizio, anche nel 2014 saranno effettuate, a partire da febbraio, aperture domenicali straordinarie che offriranno laboratori e attività di animazione alla lettura. Teniamo monitorati i vari bandi per la ricerca di finanziamenti che rendano realizzabile il grande sogno di una biblioteca più spaziosa e più funzionale estesa anche ai vani del piano superiore, attualmente inagibile. Cultura è... riciclo, creatività, gioco Per le iniziative culturali più varie viene utilizzata la chiesetta dell ex-convento (convegni, assemblee, presentazione di libri, esposizioni, rassegne, spettacoli teatrali ). In occasione della festa del 13 dicembre, anche quest anno è stato proposto ai bambini e alle famiglie un evento gradito e festoso per i più piccoli, cioè I doni di Santa Lucia: premio artistico per l infanzia. I bambini dai due ai dieci anni sono stati coinvolti in laboratori creativi sul tema I rifiuti?...me li gioco!. Con la loro fantasia hanno trasformato materiali di riciclo e di recupero in personaggi, giochi e giocattoli nuovi e unici, diversi l uno dall altro, sperimentando il valore della creatività, del divertimento e del fare in compagnia, per di più a costo zero. Contemporaneamente i genitori, seguiti da esperti in psicologia e pediatria, hanno approfondito problematiche educative legate al gioco, alla differenza tra i loro giochi e quelli di nuova generazione. I lavori realizzati nelle attività di laboratorio sono stati esposti nella chiesetta dell ex convento e verranno premiati da una giuria di esperti. L iniziativa ha avuto un grande successo con l iscrizione di più di 170 bambini di Darfo e dintorni. Suscita un certo orgoglio la richiesta proveniente da altri Comuni di poter trasferire la nostra idea nel loro territorio. Come sempre, risulta preziosissima la collaborazione dei Comitati Genitori degli Istituti Comprensivi e delle Associazioni culturali Arte al Ponte e Grigiocolore. Un ulteriore dono per tutti, lo spettacolo teatrale Il mistero dei campanelli di Natale al teatro San Filippo, concluderà il ciclo di iniziative dedicate a Santa Lucia. 6

7 CULTURA Cultura è... bambini esperti del territorio Le scuole del Comune sono state protagoniste della manifestazione culturale Del Bene e del Bello che coinvolge tutti i Comuni della Valle. Gli alunni hanno studiato i luoghi storici del loro paese ed hanno presentato alla popolazione il frutto delle loro ricerche, facendo da guida nella visita agli ambienti più significativi: la Piazza del Porto, il Ponte vecchio di Montecchio e l ex Convento di Darfo. Altre iniziative sui beni storici e culturali hanno riguardato la Chiesa della Madonna degli Alpini a Boario Terme, la chiesa parrocchiale, l antica cadergia e il Museo degli Alpini, a Fucine. La manifestazione ha permesso di valorizzare il nostro patrimonio artistico-culturale e di farlo conoscere in modo documentato e scientifico, grazie al lavoro e alla passione di alunni e cittadini di Darfo B.T. Cultura è... teatro, cinema, musica La rassegna di Teatro Civile è un altra delle novità di quest anno. Presenta i grandi temi che scuotono le coscienze, come la tragedia del Vajont e quella di Ustica. I primi spettacoli hanno ottenuto un grande riscontro da parte del pubblico, che ha seguito con intensità le rappresentazioni. Un successo da condividere con Gli amici del teatro dell oratorio di Darfo. Il programma legato al teatro si completa con proposte varie, rivolte ai diversi gusti degli spettatori: musicals, teatro per bambini e la 40ª edizione della rassegna di teatro dialettale, sempre gradito ad una folta platea di amatori ed estimatori. Non verrà altresì trascurato il cinema con l interessante cineforum di Generazione cultura, organizzato in collaborazione con il multisala Garden. Si ripeteranno gli appuntamenti con le rassegne di film sulla montagna ( Montagne al cinema ) e sul gusto ( Cinema e Cibo ). Tornano graditi gli appuntamenti del calendario natalizio di Note di Natale che con i mercatini, i Concerti dell Avvento e le iniziative promosse dalle associazioni dei commercianti si appresta a diventare un appuntamento sempre più partecipato della nostra Città. Cultura è... fare memoria La Cupola Marazzi di Boario Terme compie cento anni e... li porta bene! La bellissima struttura, che accoglie con la sua raffinata eleganza i visitatori del magnifico parco termale, è diventata nel tempo un simbolo identitario della nostra comunità. Fu progettata ed edificata nel 1913 dall architetto luganese Amerìco Marazzi. È costituita da un loggiato semicircolare sovrastato da una maestosa cupola in stile liberty, la corrente artistica in voga in quegli anni. Le linee sinuose si abbinano ad elementi classici, il gusto floreale prevale e mantiene una forte coerenza con l ambiente circostante, inserendosi armoniosamente nel parco. Per celebrare il suo secolo di vita il 29 giugno è stato organizzato un convegno Cent anni di Terme, cultura termale in Valle e riqualificazione architettonica di monumenti preziosi, un Gran Galà sotto la vela e uno spettacolo dal vivo con orchestra e intrattenimento. Durante il mese di luglio il Comune ha bandito un concorso artistico creativo La Cu- 7

8 CULTURA pola Domani con l invito ad osare e sperimentare per realizzare, attraverso la grafica o la fotografia, un opera vitale e grintosa. Le opere vincitrici compariranno per tutto il 2014 sui segnalibri della nostra Biblioteca Civica. Il 10 agosto l Amministrazione Comunale ha dedicato ai collezionisti e a tutti gli interessati una cartolina con annullo filatelico. Presso lo stand allestito per l occasione è stato possibile acquistare il cofanetto da collezione Cento anni di cupola contenente tre cartoline illustrate con opere sul monumento, realizzate dagli artisti Franca Ghitti e Lino Rizza. Fare memoria... il Disastro del Gleno Alle sette e un quarto del mattino del 1 dicembre 1923, la diga del Gleno si squarciò rovesciando a valle una enorme massa d acqua che travolse interi paesi, persone, animali, piante e tutto ciò che si trovava lungo il suo percorso. Dopo aver sconvolto i paesi della Val di Scalve, si abbattè con furia sull abitato di Corna e di Darfo portando lutto e distruzione. Nei giorni successivi si contarono più di 500 morti: intere famiglie distrutte, danni ingenti alle case e ai campi. L Amministrazione ha voluto ricordare quel tragico evento con una manifestazione sobria ed intensa: alle sette e un quarto del mattino, l ora del disastro, le campane di tutte le chiese del Comune e della Val di Scalve hanno fatto sentire i loro rintocchi. La chiesetta del Gleno, a Corna, dove nel 23 vennero composte le povere salme recuperate, è stata al centro di una cerimonia in cui i presenti hanno ascoltato la lettura di brani tratti dagli archivi comunali. L atmosfera livida del primo mattino, i fiori tra le onde gelide del Dezzo hanno reso intenso il ricordo e profonda la partecipazione a un dolore lontano nel tempo ma ancora presente tra le famiglie del Comune toccate dalla tragedia. La celebrazione del novantesimo anniversario del disastro ha avuto il suo culmine nella chiesa di Corna con un concerto eseguito dall orchestra A.Vivaldi di Valle Camonica e dal coro Antiche Armonie di Bergamo in cui è stata eseguita un ampia selezione dalla Messa da Requiem di W.A. Mozart. L emozione intensa del folto pubblico è esplosa alla fine in un lungo applauso per i musicisti ed i coristi. Nella chiesetta dell ex Convento sarà inaugurata una mostra con immagini, documenti e video dell epoca oltre a fotografie inedite. L esposizione è stata resa possibile dalla collaborazione tra i comuni della Val di Scalve, il Comune di Darfo B.T., le Comunità Montane di Valle Camonica e Val di Scalve, il BIM, il MUSIL di Cedegolo e la Fondazione Comunità Bresciana. A piedi sul ponte: festa a Montecchio Sera di sabato 20 luglio: c è aria di festa a Montecchio! Perché? Perché il paese si riappropria del suo monumento più simbolico e più fortemente identitario: il vecchio ponte, opera di fine 1600 dell architetto Francesco Cifrondi, è stato reso pedonale, liberato dall incessante traffico automobilistico che impediva di ammirarne la bellezza e di godere la vista del fiume: tutto grazie all apertura del nuovo ponte sull Oglio, tra via Manifattura e via Rigamonti.. Per amore del loro paese un nutrito gruppo di Montecchiesi ha organizzato la festa alla perfezione: le spallette del vecchio ponte sono illuminate dalle luci tremolanti di candele bianche, il greto sassoso da torce che si riflettono nell acqua scura del fiume, la facciata della chiesa parrocchiale è accesa come a ferragosto! Questo scorcio ponte/fiume/chiesa illuminati è di una bellezza poetica che rimarrà a lungo nel cuore. Via del Ponte e via Isonzo, l oratorio, il sagrato, il cortile della scuola elementare brulicano di bancarelle: sono artigiani e commercianti, esclusivamente di Montecchio, che espongono i prodotti della loro creatività sapiente, alcuni a scopo solidaristico, o articoli che vendono nei loro negozi, sono tre pittrici che mettono in mostra le loro opere, mentre i genitori danno uno spettacolo per bambini nel teatrino della scuola elementare. La notte risuona di note: è il musicista jazz alla fine del ponte verso Boario, è il gruppo di giovanissimi che si fermano nei vari angoli a suonare le loro canzoni, mentre nella chiesetta dei Disciplini due bravissime cantanti intrattengono il folto pubblico con la loro arte; all oratorio alcuni ragazzi espongono con orgoglio le fotografie del Monticolo da loro scattate e montate su pannelli; su un piccolo tavolo tre giovanissime hanno tutto quel che occorre per occuparsi del truccabimbi. Per dare ancora più risalto alla festa ci sono le televisioni locali e numerosissimi visitatori da fuori paese. Alla fine, stanchi ma soddisfatti, i Montecchiesi organizzatori salutano tutti: All anno prossimo! 8

9 AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO Modernità e tradizione L Amministrazione Comunale di Darfo Boario Terme ritiene che l agricoltura e l allevamento siano attività da sostenere e promuovere perché fanno vivere sapienze e professionalità della tradizione, ma soprattutto perché possono costituire, anche nel nostro territorio, opportunità di lavoro altamente qualificato, di sviluppo e di difesa ambientale. È tornata la zootecnia Molti soggetti si sono impegnati per rendere possibile il ritorno, dopo 16 anni, della Rassegna Zootecnica: la Commissione Malghe (ora neonata Associazione Darfense Agricoltori), il Comune di Darfo Boario Terme, l Associazione Provinciale Allevatori, la Provincia di Brescia e la Comunità Montana di Valle Camonica. L attesa dell evento da parte degli allevatori e dei cittadini non è andata delusa: il risultato è stato entusiasmante e la Rassegna è stata giudicata più bella che mai sia per la varietà e il pregio degli esemplari ovini e bovini, sia per l interesse suscitato da momenti più prettamente culturali come la dimostrazione di attività connesse all allevamento quali la ferratura, la tosatura e la produzione della cagliata. Sono stati iscritti alla fiera e valutati dagli esperti 160 capi caprini e 80 capi bovini. Suggestivo e molto apprezzato il decimo equiraduno con l elegante sfilata dei cavalli per le vie cittadine. Un occasione che l Amministrazione comunale ha voluto cogliere dimostrando la volontà di promuovere attività come l allevamento e l agricoltura, che hanno dato e continueranno a dare un grande contributo allo sviluppo del nostro territorio. Darfo città degli orti È tempo di bilanci e soprattutto di raccolto per chi ha trascorso primavera ed estate dedito a coltivazioni di vario genere. Così a Darfo, chi ha partecipato alla quarta edizione del progetto Voglia di Orto, frutto della collaborazione tra l Amministrazione Comunale e l azienda agricola Roncadizza Lumaghera del giovane Dario Bonfanti, raccoglie gli ultimi prodotti di stagione soddisfatto per il buon andamento dell annata. In primavera il terreno antistante la Roncadizza era stato suddiviso in 15 lotti di 50 metri quadri l uno, messi a disposizione di appassionati orticultori, privi del terreno necessario per praticare il proprio hobby. Ottenuto il lotto, ognuno di loro si è dedicato alla coltivazione di ortaggi e frutta: dai pomodori ai meloni, dalle zucchine ai cetrioli, dalle melanzane alle fragole, alle patate, ai fagiolini, alle insalate e a tanto altro. Ognuno ha potuto utilizzare il suo orto a piacimento, lavorando all aria aperta, in libertà, riassaporando il rapporto con la terra e condividendo il proprio interesse con altri. Nonostante il clima poco favorevole di inizio estate, il ciclo naturale delle coltivazioni si è svolto al meglio: dal dissodare il terreno incolto, al seminare, al raccogliere... e tutto seguendo i dettami dell agricoltura biologica. Visti i risultati e la soddisfazione degli orticultori, il progetto sarà riproposto anche nel Due record hanno caratterizzato l esperienza: una signora che, all età di ottant anni, ha coltivato con dedizione giornaliera il suo appezzamento, e il pomodoro più grosso: ben 800 grammi di peso! Spesa in cascina: il mercato agricolo della città A novembre si sono riuniti presso il municipio i coltivatori che nel 2013 hanno partecipato al mercato agricolo km 0, promosso in via sperimentale dall Assessorato all Agricoltura. All unanimità hanno definito positiva la fase sperimentale ed hanno chiesto di rilanciare l iniziativa anche per il 2014 confermando sia la sede (piazza Aldo Moro a Darfo) che la periodicità (la mattina della prima domenica del mese). Alla riunione ha partecipato un rappresentante di Upagri Confagricoltura a cui l Amministrazione Comunale ha chiesto di patrocinare l evento concedendo l utilizzo del marchio «Spesa in cascina», e di predisporre l apposito regolamento che i coltivatori dovranno rispettare. A sua volta il Consiglio Comunale del 27 novembre 2013 ha dato la sua approvazione. 9

10 LAVORI PUBBLICI Il nuovo ponte e la viabilità principale della città Forse già ce lo siamo dimenticati, ma l apertura del nuovo ponte Montecchio Darfo, avvenuta il 12 luglio 2013, è stato un avvenimento storico per la città. L opera, avviata dalla precedente amministrazione dopo anni di pressing da parte della lista civica, è sicuramente l infrastruttura centrale di quel nuovo sistema di viabilità cittadina che questa amministrazione porta avanti con determinazione in tutte le sedi ed in tutti i modi. Il primo atto è stato lo studio e la realizzazione a tempo di record della rotonda in via Rigamonti che costituisce il collegamento del ponte con la viabilità esistente: questa rotonda non era stata prevista e non era nemmeno nel PGT, ma, quando ci siamo chiesti dove sarebbero andati a finire i veicoli dopo aver attraversato il ponte, abbiamo capito che quest opera andava realizzata subito, ancora prima che il ponte venisse aperto al traffico. E così è stato: la nuova rotonda è stata ultimata in tempi rapidissimi e, per di più, senza costi aggiuntivi, anche grazie alla professionalità dei progettisti, dei tecnici dei nostri uffici e dell impresa. Aperto il ponte, stiamo monitorando con attenzione come vanno le cose: il nuovo collegamento ha sicuramente attirato nuovi flussi di traffico e lo svincolo della superstrada viene maggiormente utilizzato ma possiamo supporre che altre zone della città si siano alleggerite, ad esempio il centro di Boario. Come proseguire nel disegno di rendere la città più vivibile? l Sicuramente completando l innesto con la via Quarteroni, come previsto dal piano regolatore prima e dal PGT poi, avendo la massima attenzione per la sicurezza dei residenti e la chiara volontà di operare in maniera trasparente e coerente con i nostri programmi. l Sicuramente con lo svincolo della superstrada al Castellino, opera per la cui realizzazione il Comune ha collaborato con la Provincia nella fase di progettazione e per la quale la Provincia ha previsto uno stanziamento di euro nel piano triennale Poiché anche il Comune dovrà contribuire con una somma uguale, ci siamo mobilitati alla ricerca di ogni possibile finanziamento, per non far ricadere solo sui cittadini di Darfo il costo di un intervento che giudichiamo strategico anche per i paesi vicini e per l intera Valle. l Sicuramente razionalizzando la segnaletica, prima sui tratti da e per il nuovo ponte, poi anche in altre zone nevralgiche della città: centro di Corna, via Roma, via Albera ecc. Spesso si tratta di scelte impopolari ma che, alla fine, richiedono solo un po di attenzione ed il cambio di alcune abitudini. Il ponte nuovo, raccordo viario e raccordo tra cittadini e amministrazione Tra le opere completate quest anno la più importante, lungamente attesa e ampiamente condivisa, è il nuovo ponte di Montecchio con la sua viabilità di raccordo. I collegamenti tra Boario, Montecchio e Darfo sono ora più diretti, senza semaforo né strettoie. Tra la zona alberghiera di Boario, la zona sportiva dell Isola e Darfo si è notevolmente accorciato il tempo di percorrenza veicolare, ma in particolare il tempo di percorrenza pedonale e ciclabile. Di grande rilievo è anche tutta la viabilità di raccordo che comprende: l la rotonda su via Manifattura e Rata Morosini con l aggiunta di un marciapiede, nemmeno previsto in sede di progettazione da parte della precedente Amministrazione; l la predisposizione di un sottopasso (non previsto) per la futura passeggiata ciclo-pedonale lungo il fiume; l la rotonda all incrocio con via Rigamonti (non prevista), realizzata grazie alla piena collaborazione dell impresa costruttrice in tempi davvero strettissimi; la rotonda è già predisposta per il futuro collegamento con via Quarteroni; l lo spostamento dell asse di via Rigamonti, in accordo con Valle Camonica Servizi, che ha consentito l eliminazione di alcuni parcheggi posti in curva, una maggiore sicurezza e la possibilità di raccordare meglio la nuova pista ciclabile con quella proveniente da Montecchio; l la realizzazione di parcheggi più funzionali al futuro ingresso della sede di Valle Camonica Servizi e alla sistemazione dell intera area circostante: è in corso infatti una progettazione complessiva che prevede la razionalizzazione dell intero piazzale, il nuovo ingresso alla Società, l ingresso allo stadio, la sistemazione dell accesso alle piscine e il collegamento alla ciclabile verso Corna; in questo contesto sono in fase di approfondimento i problemi segnalati dai cittadini e relativi al futuro collegamento con via Quarteroni. In alcuni incontri e nell assemblea pubblica con la popolazione, in particolare di Montecchio, sono state proposte alcune soluzioni alla viabilità al fine di rendere più sicuro il nuovo assetto viario, con l obiettivo di offrire una diversa e migliore vivibilità alla frazione. Si è cosi condivisa, a larghissima maggioranza, una fase di verifica con la chiusura al traffico a motore del vecchio ponte, mettendo in maggiore sicurezza la rotonda ai piedi della Rata Morosini, l intero centro storico di Montecchio e la sua area pubblica (chiesa, oratorio, scuola, asilo ). Inoltre, sempre nell ambito di questa riorganizzazione complessiva e dei suoi obiettivi, si è definita la chiusura ai parcheggi della Piazza del Porto, presenza identitaria e di valore storico per la frazione. Una serie di eventi nell ambito della manifestazione del Bene e del Bello, a cura delle classi dell Istituto comprensivo Darfo 2, si è svolta nelle strade del paese e ha sottolineato in modo concreto la nuova qualità di vita a Montecchio. 10

11 DAGLI ENTI COMPRENSORIALI Valle Camonica: verso nuove imprenditorialità Impresa e Territorio Scarl è un Società Consortile senza scopo di lucro e con partecipazione sociale di tipo misto pubblico (51%) / privato (49%); attraverso il suo Consiglio di Amministrazione e la sua Direzione Generale contribuisce, tra l altro, all efficiente ed efficace gestione dell Incubatore di Imprese di Valle Camonica con sede a Cividate Camuno. Dai delegati del Comune presso gli Enti Comprensoriali La Società persegue l obiettivo di garantire un adeguato sostegno e supporto all economia del territorio favorendo, attraverso un approccio virtuoso e sinergico con gli altri Enti ed Organismi territoriali, l ideazione, la gestione ed assistenza di progetti promozionali e di sviluppo d impresa; tra i principali si segnalano i seguenti: l Dall idea all impresa - Percorso gratuito di formazione e di orientamento all autoimprenditorialità; per stimolare la nascita di idee imprenditoriali innovative, favorire il consolidamento di una cultura imprenditoriale attraverso la creazione e lo sviluppo di impresa, e valorizzare le potenzialità di giovani pronti ad attivarsi su nuovi percorsi imprenditoriali; l Salone dell orientamento - Progetto It s my life...costruisco il mio futuro - Iniziativa finalizzata all orientamento sul Mondo Universitario, Lavoro ed Impresa, destinato a tutti gli studenti che frequentano le classi quarte e quinte degli Istituti Superiori della Valle Camonica; l Sportello Europa - attività di ricerca, individuazione, informativa e presentazione, segnalazione ed assistenza per la partecipazione alle diverse forme di Finanza Agevolata per il Mondo Pubblico e Privato. Nell ambito del Progetto Sportello Europa si segnala, tra l altro, l avvio del percorso di formazione tecnica sui Programmi Europei destinato gratuitamente agli enti locali della Valle Camonica; l Salone delle idee Concorso finalizzato alla selezione, promozione e valorizzazione d idee da trasformare in nuova impresa, nuovo servizio o nuovo prodotto e idee innovative applicate o da applicare presso un azienda esistente. Esso è rivolto a sei target differenti di destinatari: studenti o classi di istituti superiori, laureati e laureandi, aspiranti imprenditori, persone disoccupate / inoccupate o occupate, professionisti, imprese già costituite; l Osservatorio del Mercato del Lavoro e dell Impresa - Servizio di monitoraggio permanente delle principali dinamiche che animano il mercato del lavoro e dell impresa nella Valle Camonica; l Organizzazione di convegni, seminari e workshop tematici; l Bando per l incubazione d imprese - Iniziativa propedeutica all insediamento di imprese presso il complesso immobiliare di Cividate organizzato per concedere spazi e servizi-base ed a valore aggiunto (Bando Nuove Imprese / Bando Dall idea all impresa / Bando Crea la tua impresa). Per INFO: Sito Internet: (in fase di aggiornamento) Facebook: Incubatore di Imprese Vallecamonica Marcello Pavesi, nominato membro del Consiglio di Amministrazione di Impresa e Territorio S.C.A.R.L. Incarico non retribuito. I

12 DAGLI ENTI COMPRENSORIALI Darfo Boario Terme e la sua montagna Il Consorzio Forestale Bassa Valle Camonica, con sede a Darfo Boario Terme in Piazza Medaglie d Oro 4, è la struttura tecnico-operativa che si occupa della gestione, valorizzazione e manutenzione del patrimonio boschivo dei Comuni associati, mediante progettazione ed esecuzione di interventi di realizzazione o sistemazione di strade forestali, sistemazioni idraulico-forestali e di miglioramento forestale, oltre a consulenza tecnicoambientale. Per il suo funzionamento si avvale di un direttore tecnico, laureato in scienze forestali ed ambientali (dott. Alessandro Fiora ), di due impiegati tecnici (geom. GianPietro Alessi, geom. GiovanBattista Pedersoli) e di operai impiegati a seconda delle necessità. In qualità di braccio operativo del Comune di Darfo Boario Terme, il Consorzio è intervenuto con una serie di opere di pronto intervento provvedendo alla sistemazione di muri ammalorati, alla rimozione di massi ed alla messa in sicurezza delle strade montane. L obiettivo, da sempre perseguito da questa Amministrazione, punta a valorizzare il patrimonio agricolo e, grazie ad una stretta collaborazione con i tecnici del Servizio Veterinario dell ASL di Valle Camonica, del Servizio Agricoltura della Comunità Montana di Valle Camonica ed a finanziamenti regionali, è stato possibile creare un piano di intervento pluriennale volto all adeguamento igienico-sanitario delle malghe presenti sul territorio comunale. Per mano del Consorzio, e con progettazione interna al Comune, si è provveduto quindi ad un intervento di manutenzione straordinaria dalla malga Perlepere, adeguando le zone di affioramento e lavorazione del latte e realizzando un vano-magazzino. Si proseguirà poi con il progetto, da poco approvato della Giunta, che prevede la manutenzione straordinaria degli acquedotti rurali che forniscono acqua alle malghe di Cauzzo e Perlepere con l adeguamento dell impianto di captazione, accumulo e depurazione delle acque. A seguito dell interramento della linea elettrica Play-Guccione e della sistemazione di un tratto di strada in località Pradazzo, si è intervenuti con opere di ristrutturazione della malga; per una miglior gestione delle viabilità che interessano il Monte Altissimo si è stipulato un accordo di programma con i Comuni di Angolo Terme, Borno e Pian Cogno. Non meno importante è stato il completamento del secondo stralcio della Strada del vino che dalla tarda primavera ha aperto il collegamento ai terreni agricoli ai piedi del Monte Altissimo e migliorato un percorso suggestivo, anche a valenza turistica. Lungo la strada del Monte di San Giovanni, che conduce anche sui monti di Gorzone (località Cerese, Baruffa, Intercasole) il Consorzio è intervenuto realizzando un breve tratto di muratura a sostegno della strada stessa e realizzando un piccolo piazzale nei pressi di località Selva. Il prossimo anno si interverrà regimando adeguatamente l attraversamento della valle di Costantino. Interventi di miglioramento boschivo, realizzati affidandosi anche a ditte locali specializzate, sono tuttora in atto sia sui monti di Gorzone (Selva, Sponde di Sciano) sia su quelli di Darfo (Costele, Dosso Sella, Saucco) e per il 2014 sono già in avanzato stato di progettazione, finanziamento e definizione, interventi straordinari che interesseranno la Valle del Ceriale in località Fontanelli a Montecchio e la strada che da Cervera conduce in Cauzzo. Damiano Mensi, delegato del Comune di Darfo Boario Terme nel Consorzio Forestale della Bassa Valle Camonica in qualità di Consigliere di Amministrazione. Incarico non retribuito. II

13 DAGLI ENTI COMPRENSORIALI I segni del benessere: un modello di collaborazione tra enti per l integrazione cultura / turismo In passato Darfo Boario Terme ha avuto un ruolo centrale nella promozione turistica della Valle Camonica: la presenza delle Terme, il polo alberghiero, un importante polo scolastico e il Centro Congressi le avevano assegnato un valore specifico nelle politiche del territorio. Purtroppo, per ragioni di carattere diverso, questa centralità è venuta meno. E con essa, lo sviluppo turistico. Una condizione che si trascina da troppo tempo. Le passate amministrazioni comunali si sono adagiate in una sorta di anacronistico isolamento, senza la consapevolezza che la crisi del modello termale assistito e la mancata integrazione in un contesto comprensoriale che intanto si andava organizzando avrebbero inevitabilmente e malinconicamente avviato la città verso il declino. Credo che la nuova Amministrazione Comunale abbia soprattutto il merito di aver compreso che, per fermare il declino di Darfo B.T. e per ricostruire la centralità della città in un nuovo progetto di destinazione turistica, sono necessarie l integrazione e la piena collaborazione con il Distretto Culturale di Valle Camonica. Distretto che nel frattempo ha avviato un efficace e condiviso lavoro di messa in rete del patrimonio culturale del territorio e dei percorsi di valorizzazione necessari alla sua promozione turistica, con il brand della Valle Camonica come Valle dei Segni. Il rapporto con l Ente Comprensoriale, quindi, diventa la linea guida di un azione amministrativa che immagina una città a destinazione turistica nel contesto di una valle a destinazione turistica: non si fa turismo senza avere chiarito l identità culturale, non si fa turismo se non c è una decisa collaborazione nel sistema, perché il turismo è un sistema complesso che esige una collaborazione molto coesa. E così il progetto comprensoriale della Valle dei Segni è diventato subito un opportunità per riaffermare il valore di Darfo Boario Terme nella geografia turistica del territorio, ed è stato declinato nell importante III progetto de I segni del benessere : Comune di Darfo, Distretto Culturale di Valle Camonica, Provincia di Brescia e Terme di Boario hanno condiviso un importante programma (con un investimento di circa euro di cui euro messi a disposizione da Fondazione Cariplo) in cui ciascuno diviene determinante per la riprogettazione turistica della città. Il progetto, che è ormai concluso, è parte della sfida che il Distretto Culturale ha raccolto: fare del patrimonio culturale della Valle Camonica un occasione di sviluppo per tutto il territorio camuno. Un idea che vuole promuovere percorsi creativi, creare opportunità di occupazione e nuova impresa in campo culturale. Le linee strategiche degli interventi de I segni del benessere si muovono in tre diverse direzioni, tutte, comunque, convergenti e interdipendenti: infrastrutture, progetto di città con una ricognizione delle eccellenze architettonico-urbanistiche, percorsi di formazione e strumenti di fruizione turistica. La ristrutturazione del nuovo sportello IAT di Darfo Boario Terme è il principale degli interventi infrastrutturali previsti dal progetto. La nuova struttura vuole essere un punto di riferimento importante per il turista e un valore aggiunto per tutto il territorio, in particolare per la Media Valle. Il nuovo IAT si pone inoltre quale struttura di supporto al comparto alberghiero e fondamentale strumento di promozione dei servizi e dell offerta turistica sul territorio della Media Valle. Alla ristrutturazione dell Ufficio Turistico si è affiancato anche l allestimento di un Info Point presso il Parco Intercomunale del Lago Moro-Luine-Montico-

14 DAGLI ENTI COMPRENSORIALI lo, che contribuisce a documentare in modo adeguato le specifiche eccellenze turistico-culturali del territorio. Sempre in ambito infrastrutturale si è provveduto al completamento di strutture di fruizione culturale e alla creazione di percorsi di valenza turistica: l Percorsi turistici: tra vigne ed ulivi, da Darfo a Piancogno, e tra castagneti e vie d acqua, da Darfo a Gianico, con allestimento da parte del Distretto Culturale di materiale fotografico, grafica e cartellonistica innovativa, distribuita sui percorsi per una migliore fruizione. l Museo degli Alpini Chiesa degli Alpini - Casa ANMIG ( Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra). l Adeguamento della pista ciclabile e dei percorsi di fruizione ambientale in collaborazione con Rete Natura di Valle Camonica. La seconda linea del progetto I segni del benessere si è articolata in un azione di recupero e valorizzazione dell importante tradizione di progettualità architettonica che la città ha vissuto. Infatti, molti architetti e artisti hanno operato nel recente passato a Darfo Boario Terme lasciando tracce importanti della loro rappresentazione della città. Un gruppo di giovani architetti locali ha lavorato ad una ricerca per leggere queste presenze significative di architetture della modernità in Valle Camonica e nella nostra città. Lavoro cui si è affiancata l importante e molto frequentata rassegna i venerdì dell architettura, ospitata dalle Terme di Boario, che in quattro serate ha restituito i risultati di questa ricerca e di altre suggestive indagini sulle relazioni tra territorio, memoria e qualità urbana. Infine, a completamento del progetto I segni del benessere, i nuovi strumenti per l organizzazione turistica: la formazione degli operatori e la realizzazione di strumenti per la fruizione turistica: un corso per guide e, soprattutto, un corso per operatori turistici di tutta la Valle Camonica, ospitato dal Comune di Darfo, che ha prodotto nuova consapevolezza e avviato un importante aggregazione tra tutti coloro che operano in ambito turistico/commerciale. Tutto ciò anche in vista dell importante evento EXPO 2015, per il quale il territorio camuno-sebino si sta preparando. Sempre nell ottica di una rinnovata collaborazione tra enti, e soprattutto di una finalmente effettiva sensibilità amministrativa nei confronti della valorizzazione delle risorse turistico-culturali del territorio, l attiva presenza del Comune di Darfo all interno del Tavolo Istituzionale del Sito Unesco ha iniziato a produrre risultati: un importante finanziamento ottenuto dalla Regione Lombardia porterà nei prossimi mesi all adeguamento e alla riqualificazione della cartellonistica del Parco Archeologico di Luine, una delle nostre più importanti risorse turistiche, troppo a lungo trascurata e non adeguatamente valorizzata. È dunque possibile fare già un primo bilancio di questo nuovo corso amministrativo : il sistema di cooperazione territoriale è oggi l unico e reale strumento organizzativo in grado di favorire e promuovere le progettualità del territorio. È l unico strumento che, attraverso l integrazione politico-programmatica, l integrazione gestionale e l integrazione di offerta e promozione, può produrre risultati tangibili e restituire un immagine unitaria del sistema turistico-culturale territoriale. Tutto ciò con l obiettivo di riconsegnare a Darfo Boario Terme quel ruolo di centralità che ha avuto in passato nella promozione turistica del comprensorio camunosebino, perché in un futuro non lontano Darfo Boario Terme possa accogliere i suoi ospiti con un: Benvenuti a Darfo Boario Terme, città della Valle dei Segni, città di terme, turismo e cultura. Sergio Bonomelli, Presidente del Gruppo Istituzionale di Coordinamento del sito Unesco 94, delegato del Comune di Darfo Boario Terme nel Distretto Culturale di Valle Camonica. Incarico non retribuito. IV

15 Donne insieme PARI OPPORTUNITÀ Il Comune opera per rimuovere le discriminazioni ed assicurare condizioni di pari opportunità tra uomo e donna. A tal fine garantisce la presenza di entrambi i sessi nella giunta e negli organi collegiali non elettivi del Comune nonché degli enti, aziende, istituzioni da esso dipendenti; istituisce una Commissione cittadina per le pari opportunità con la composizione prevista nell apposito regolamento, competente a proporre misure ed azioni positive per perseguire effettive condizioni di parità, ispira la propria azione a criteri di uguaglianza sostanziale nell accesso al lavoro e nel suo svolgimento, nell istruzione e formazione, nella valorizzazione di attività culturali, sociali e del tempo libero, promuovendo analoga cultura negli enti e società dipendenti o a partecipazione comunale. Questa è la variazione allo Statuto approvata il 30 settembre dal Consiglio Comunale di Darfo B.T., Statuto che in precedenza non contemplava l argomento. Dallo stesso Consiglio è stato in seguito approvato il regolamento per l Istituzione della Commissione permanente per le Pari Opportunità, con lo scopo di favorire la più ampia partecipazione delle donne della città alla sua organizzazione sociale, culturale, politica, amministrativa e di valorizzare la presenza femminile attraverso progetti e azioni concrete. In attesa della Commissione si sono affrontati comunque i temi legati al mondo femminile, soprattutto quello scottante della violenza di genere. La prima iniziativa di quest anno, il progetto Parla con lui, ha coinvolto tutte le classi quarte e due classi seconde dell Istituto Superiore Olivelli Putelli, proponendo laboratori di conoscenza e riflessione sul tema. Gli interessanti risultati dell attività sono stati presentati in un convegno a giugno Primi amori: gioie e, dove è stato possibile mettere a confronto i dati emersi dai laboratori sulla violenza di genere tra gli adolescenti, i dati presentati dalle forze dell ordine, dalla scuola e dall A.T.S.P., ente erogatore dei servizi di tutela. Purtroppo il lavoro nella scuola ha messo in rilievo che la violenza di genere è presente già nei primi amori adolescenziali. Ultime in ordine di tempo le tre manifestazioni legate al 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, realizzate grazie alla volontà e all impegno di un gruppo di amiche darfensi. Il progetto Posto occupato ha visto una grande adesione nel Comune e nei paesi vicini. I cittadini hanno ricordato le vittime di violenza riservando loro un posto nei luoghi più frequentati come bar, cinema, biblioteca o ufficio. Molte persone così, di fronte ad un Posto occupato, hanno incontrato e riflettuto su un problema che tocca la coscienza di ognuno. La sera del 25 novembre una fiaccolata molto partecipata ha attraversato le vie di Darfo in silenzio, seguendo uno striscione No al silenzio! Basta violenza sulle donne ; nelle soste alcune donne hanno letto brani tratti dal testo Ferite a morte di Serena Dandini: storie di vittime per mano di mariti, compagni, ex, militari, a volte sconosciuti, lette con un intensità che ha emozionato nel profondo. Infine, dal 17 dicembre al 6 gennaio 2014 sarà esposta al piano terra del municipio di Darfo la mostra Ti amo troppo di Furio Sandrini, alias Corvo Rosso, una serie di vignette che trattano con spirito e ironia il tema tragico della violenza contro le donne. Non vogliamo dimenticare la celebrazione dell 8 marzo in cui le donne protagoniste delle realtà culturali e associative del Comune si sono incontrate, hanno condiviso idee, progetti ed esperienze con un sincero apprezzamento reciproco: un momento di giusto orgoglio femminile. La forte adesione alle iniziative proposte sul tema della violenza ha testimoniato una sensibilità diffusa: dall inizio dell anno ad oggi, le vittime in Italia sono ben 128! Siamo tutti consapevoli ormai che anche in Valle è giunto il momento di agire concretamente per la prevenzione, il contrasto, l accoglienza e l aiuto alle vittime

16 LAVORI PUBBLICI LAVORI PUBBLICI Per esperienza, ognuno di noi sa quanto anche nelle nostre case sia necessaria una manutenzione continua e tempestiva per mantenere in ordine i beni che ci appartengono e che ci servono quotidianamente. Allo stesso modo constatiamo che l incuria prolungata nel tempo porta a risultati opposti. Manutenzione e sicurezza delle scuole e degli edifici pubblici Nel corso dell estate è stato effettuato un intervento che non era più rinviabile: il rifacimento del tetto della scuola elementare di Erbanno, con la completa rimozione delle lastre in cemento-amianto e quindi la totale bonifica dell edificio. Si spera che il costo di oltre 40 mila euro possa essere coperto dal contributo regionale (al momento l intervento è stato dichiarato ammissibile ma non finanziato). Con i lavori in corso, si è colta l occasione per eseguire anche l isolamento del sottotetto, in modo da ridurre il consumo energetico e quindi risparmiare e nello stesso tempo assicurare agli alunni e agli insegnanti un ambiente caldo e confortevole. Altre scuole hanno richiesto interventi diversi: Presso la scuola elementare di Boario sono stati eseguiti alcuni lavori richiesti dalle insegnanti per adeguare la struttura alle nuove esigenze didattiche. Per la scuola di Angone è stata commissionata la posa di un elevatore che permetterà a tutti gli alunni di raggiungere in sicurezza le varie aule nel rispetto del dettato costituzionale che garantisce il diritto allo studio e alla frequenza a tutti i bambini, indipendentemente dalle loro condizioni. L intervento sarà ultimato entro l anno con una spesa di circa 20 mila euro. Alla Scuola Media Tovini sono stati portati a termine interventi sull auditorium per adeguarlo alle norme di sicurezza antincendio. Presso la Scuola Media Ungaretti di Darfo sono stati ultimati con soddisfazione i lavori di sistemazione esterna resi necessari dalla precedente installazione della centralina elettrica: rispetto ai costi di previsione si è risparmiato perché la ditta appaltatrice ha asfaltato gratuitamente tutti i piazzali esterni. Alla Scuola Materna di Boario si è reso necessario il rifacimento della copertura di buona parte del tetto ed il conseguente risanamento delle pareti interessate da infiltrazioni d acqua (spesa di quasi 15 mila euro). Nella palestrina di palazzo Zattini a Darfo, in attesa di poter intervenire in modo più razionale e complessivo, sono stati realizzati due nuovi blocchi di servizi igienici e spogliatoi (spesa di oltre 50 mila euro). Siamo consapevoli che sul fronte delle manutenzioni di un Comune così vasto e dissestato rimane ancora molto da fare, ma, senza le risorse adeguate, per il momento possiamo solo seguire le emergenze. È tuttavia un nostro impegno programmare e coordinare i vari interventi con intelligenza e lungimiranza per non sprecare e per migliorare complessivamente la situazione della città. Acquedotto e fognatura Purtroppo le reti, che abbiamo ereditato in pessime condizioni, assorbono gran parte delle risorse disponibili per la riparazione di perdite e per il rifacimento di modesti tratti di condotte. Abbiamo chiesto all ATO l autorizzazione a spendere direttamente i quasi 500 mila euro accantonati in questi anni e destinati agli investimenti sulle reti: se questa autorizzazione ci sarà concessa, potremo finalmente dare il via al potenziamento della linea per Bessimo, all aggiornamento ed alla digitalizzazione dei rilievi delle reti e all adeguamento dei terminali della rete fognaria in modo da portare tutti gli scarichi nel collettore di Valle e quindi al depuratore di Costa Volpino. Per il miglioramento complessivo del servizio è sempre necessaria la collaborazione di tutti, per cui è bene segnalare con tempestività problemi e guasti, in modo da rendere più preciso ed attento l operato degli addetti

17 LAVORI PUBBLICI Gestione calore È stato attivato un nuovo appalto di gestione calore con convenzione CONSIP, cioè un contratto basato su tecniche specifiche e costi unificati, controllati a livello nazionale, in ottemperanza alle ultime norme in materia di contratti della pubblica amministrazione. Tale contratto prevede di usare euro, circa il 10 % annuo dell importo complessivo, per le manutenzioni straordinarie, la messa a norma ed i miglioramenti energetici sulle strutture. Quest anno, prima dell accensione di ottobre, la ditta incaricata si è concentrata sulle messe a norma delle centrali più grosse, mentre nel 2014 sarà possibile effettuare interventi più mirati al risparmio energetico ed al miglioramento del servizio, anche sulla scorta dei monitoraggi messi in campo. Ponte sul canale in via Gas a Montecchio Chi ha avuto modo di seguire i Consigli Comunali avrà potuto sapere come si sia chiusa la vicenda del convenzionamento con la Società Idroelettrica Lombarda per la manutenzione dei numerosi ponti sul canale Esine-Gratacasolo. A costo di qualche forzatura, il Comune ha ottenuto dalla società elettrica l impegno al rifacimento di due ponti, anziché di uno solo, come concordato con la precedente Amministrazione. Purtroppo, in questo caso come in altri, abbiamo ereditato questioni spinose, a parer nostro non gestite per il bene della città, non definite o lasciate in sospeso dal punto di vista amministrativo. Questa fase di nuova contrattazione ha allungato i tempi tecnici di costruzione del nuovo ponte in via Gas, con notevole disagio per chi abita oltre il canale ed è fortemente penalizzato dall uso di un percorso alternativo più lungo: a questi nostri concittadini vogliamo solo dire grazie per la pazienza e porgere comunque le nostre scuse se non siamo riusciti a fare meglio. Si spera solo che ora la Comunità Montana (responsabile del cantiere) riesca in tempi brevi ad allargare ed asfaltare la strada in modo che sia possibile aprire sia la strada che il ponte. Pulizia della vasca della Rovinazza Nel corso dell estate sono stati realizzati importanti lavori di sistemazione e pulizia della vasca di laminazione del torrente Rovinazza in via Razziche ( la cosiddetta Vasca dei Morti) per i quali la Regione ci aveva messo a disposizione 100 mila euro; in particolare è stato rimosso il materiale accumulatosi in questi anni ed è stato ripulito e sistemato tutto il canale a valle, fino all Oglio. Spendere in prevenzione è meglio che spendere a danno subìto. Finanziato intervento di messa in sicurezza della strada Montecchio-Sacca È recente la notizia circa la concessione di un finanziamento regionale di 150 mila euro per mettere in sicurezza la strada che collega Montecchio alla Sacca e che è interessata da periodici allagamenti e dal pericolo di caduta massi: l intervento sarà coordinato dalla Comunità Montana e risolverà un annoso problema di sicurezza.

18 LAVORI PUBBLICI Messa a norma delle palestre Come noto le palestre delle scuole superiori sono utilizzate anche dal Comune per favorire le attività sportive delle associazioni dilettantistiche operanti sul territorio: si tratta di strutture di proprietà della Provincia, peraltro a suo tempo realizzate direttamente dal Comune, ovvero con significative compartecipazioni economiche del Comune stesso. Col trascorrere degli anni e con la scarsità di manutenzioni, oggi le strutture in questione presentano numerose e varie criticità con cui siamo costretti a fare i conti. Abbiamo quindi deciso di anticipare le spese per una completa ricognizione Piano neve Anche quest anno è stato predisposto il Piano neve e ghiaccio che durerà fino a metà marzo: si tratta di un progetto di produttività messo in atto con il personale e gli automezzi del nostro Comune, uno dei pochi che ancora provvede in economia diretta alla gestione del servizio, senza quindi rivolgersi a ditte esterne. Un tal modo di procedere ha sicuramente qualche limite, poiché le strade ed i marciapiedi sono tanti e la popolazione è sempre più esigente, ma certamente consente di ottimizzare le risorse e non sprecare denaro. È corretto far sapere che scopo del piano è garantire la transitabilità della rete viaria principale di competenza comunale, privilegiando prima le vie principali, poi le strade delle zone acclivi (Gorzone, Erbanno, Fucine, Pellalepre ecc.) e quindi il resto. Va da sé che in caso di nevicata non potrà mai succedere che, Edilizia ed urbanistica dei fabbricati e per la definizione degli interventi necessari al loro adeguamento. Grazie a questi strumenti saremo in grado di pretendere dalla Provincia le risorse dovute ma anche di avviare percorsi alternativi di finanziamento. È forte il rammarico nel constatare che questi interventi avrebbero potuto essere eseguiti negli anni di vacche grasse, quando non mancavano i finanziamenti, Darfo era La città dello Sport e chi viaggiava da Darfo a Bruxelles per ritirare targhe, avrebbe potuto senza problemi sistemare adeguatamente le palestre e non lasciarci queste tristi eredità. per incanto, alle sette del mattino, tutto sia pulito ed insabbiato. È doveroso invece ricordare alla cittadinanza l obbligo di pulire il tratto di marciapiede davanti alle case ed ai negozi, nonché invitare gli automobilisti a mettere le catene in caso di neve; se poi qualcuno decidesse di semplificarsi ulteriormente la vita montando pneumatici da neve, tre quarti dei problemi sarebbero già risolti. Stiamo inoltre valutando la possibilità di creare un coordinamento tra i volontari delle varie frazioni e dei vari quartieri, in modo da valorizzare tutte le risorse e le disponibilità. Grazie dunque ai nostri operai, senza la cui collaborazione occorrerebbe spendere di più (le imprese, giustamente, richiedono un fisso anche se non nevica) e grazie sin d ora a tutti i cittadini che, con senso civico, faranno la loro parte, anche solo davanti casa. Purtroppo o per fortuna, l attività edilizia è sostanzialmente ferma e gli interventi in atto riguardano principalmente opere che fruiscono di incentivi fiscali come ristrutturazioni, piano casa, isolamenti energetici ecc.; ne è prova il fatto che gli oneri di urbanizzazione incassati quest anno, sia pur con aumenti, oneri compensativi e sanzioni varie, raggiungono a malapena la quota dei 700 mila euro messi a bilancio. È inevitabile la domanda che ci siamo posti spesso: che cosa mai hanno realizzato le precedenti Amministrazioni che incassavano due o più milioni di euro all anno? Da qualche parte tutti quegli introiti saranno pur andati, certamente molto pochi in infrastrutture. Ferma l edilizia, anche le esigenze di messa a punto degli strumenti urbanistici sono molto limitate: si è deliberata solo l interpretazione autentica della norma relativa alla compensazione (oneri di qualità) al fine di non penalizzare le famiglie e gli operatori. Unica limitata novità è l approvazione dell ATP 6 in località Corne Rosse, un intervento che piace poco ma che era già previsto nel PRG degli anni 90 e quindi ampiamente consolidato nei diritti dei proprietari. Il piano di lottizzazione (PL) prevede l urbanizzazione di poco più di 11 mila metri quadrati per la costruzione di quasi seimila metri quadrati di SLP (superficie di pavimento) con edifici multifunzione (60 % produttivo, 30 % commerciale, 10 % direzionale uffici), il tutto esattamente conforme al PGT. L intervento presenta comunque alcuni aspetti positivi, come la previsione della pista ciclabile lato fiume e la realizzazione di un percorso pedonale e ciclabile in corrispondenza del vecchio tracciato della statale, ai piedi del manufatto di protezione dalla caduta massi che i lottizzanti realizzeranno a loro spese. Nondimeno il dibattito sullo sviluppo della città e la valorizzazione del territorio continua, seguito con attenzione dall Amministrazione che, a tempo debito, attiverà gli aggiustamenti e le varianti opportune per il miglioramento della qualità urbana e quindi della qualità di vita nei nostri paesi, nel rispetto delle regole e dei diritti, certo, ma senza aggiungere costruzioni che non siano già oggi previste in ragione di diritti consolidati

19 LAVORI PUBBLICI Lavori realizzati dall inizio del mandato Grandi lavori e interventi vari: Nuova rotonda ad Erbanno all incrocio con il collegamento alla Superstrada, rifacimento del collettore fognario sottostante e messa in opera di lampade a led. Nuovo ponte di Montecchio con viabilità di raccordo, nuova rotonda allo stadio, raccordo delle piste ciclabili, sistemazione dei parcheggi, degli spogliatoi e della sede della Società Darfo Boario Terme, parcheggi della sede di Valle Camonica Servizi. Nuova organizzazione della viabilità di Montecchio: chiusura al traffico veicolare del ponte storico e valorizzazione della Piazza del Porto con accentuazione dei caratteri di pedonalizzazione. Secondo lotto della strada del vino tra i vigneti di Erbanno ed Angone con opere di allargamento e connessione alla viabilità rurale esistente. Realizzazione del Centro di Documentazione del Parco Sovraccomunale del Lago Moro, di Luine e del Monticolo con relativo allestimento e produzione di materiale informativo e didattico. Ristrutturazione e riorganizzazione della sede dello IAT (Informazioni e Accoglienza Turistica), ora anche sede della Proloco, nella stazione dei pullman di Boario, in collaborazione con la Provincia, il Distretto Culturale della Valle Camonica e le Terme di Boario. Completamento dell allestimento del Museo degli Alpini in collaborazione con l Associazione Nazionale Alpini, Sezione di Vallecamonica e i tre gruppi alpini della città. Rimozione del tetto in amianto nella scuola elementare di Erbanno con installazione di nuovo manto di copertura e isolamento termico. Ristrutturazione dei servizi igienici, degli spogliatoi e dei relativi accessi della palestra di Palazzo Zattini. Opera di manutenzione straordinaria del tetto della sede dello Sci Club Darfo Boario Terme e del Circolo fotografico presso Palazzo Zattini. Intervento di sistemazione delle connessioni del parcheggio di Fucine con le relative viabilità e marciapiede di Via Volta. Completamento del parcheggio in Via Ten. M. Bertenghi a Pellalepre. Sistemazione dei marciapiedi in via Manifattura e in Via Don Turla a Boario con eliminazione delle barriere architettoniche. Realizzazione di un tratto di percorso ciclo-pedonale in Via G. Gaioni: è un percorso protetto di collegamento con la pista ciclabile sul fiume; garantisce una maggiore sicurezza ai sempre più numerosi fruitori e alle migliaia di ragazzi che ogni anno visitano l Archeopark. Intervento in una zona degradata del Parco del Fedrigola a Boario (zona albergo Brescia), con eliminazione di sterpaglie e rifiuti, rimodellazione del terreno e semina a prato; sistemazione della viabilità tra Via F.Filzi e Vicolo Giacinto. Formazione di un breve percorso di raccordo pedonale e ciclabile tra il marciapiede di Corso Italia e i percorsi esistenti nel parco (facilita il rapporto ciclo-pedonale Corna- Boario). Sistemazione del fondo e posa di nuove panchine. Sistemazione di un breve tratto di percorso pedonale nell area verde tra via G. Amendola e via F.lli Bandiera (mette in maggiore sicurezza anche la linea del pedibus attivo dall anno in corso). Completamento dei lavori del campetto sportivo al Cappellino, parcheggi e percorso ciclopedonale su via San Cristoforo. Sistemazione del fosso e della fognatura in località Gattaro. Piccoli ma non meno importanti lavori realizzati: Sistemazioni ex-piazzole Anas su via Trento (sistemazione dei muri e livellamento del fondo). Demolizione di sperone in calcestruzzo sopra l argine del fiume in prossimità del ponte di Darfo; facilita la fruizione del passaggio lungo l argine tra piazza Abbeveratore e la zona delle piscine e configura in un prossimo futuro la razionalizzazione di un vero e proprio percorso ciclo-pedonale. Rifacimento degli attraversamenti pedonali con fondo ammalorato in via Trento ad Angone (presso le case in via Silone). Tinteggiatura esterna su parte della scuola elementare di Boario. Rimozione di catene e cassonetti in corrispondenza di attraversamenti e percorsi pedonali

20 LAVORI PUBBLICI Spostamento della sequenza di cassonetti dell immondizia all uscita della stazione ferroviaria di Boario con collocazione di fioriere. Manutenzione e fissaggio di panche in corrispondenza delle pensiline dell autostazione di Boario Terme. Intervento di bonifica e pulizia dalle sterpaglie con taglio di alberi pericolanti nel piazzale antistante l ex stabilimento Faces. Prima parte della formazione del parco giochi in via Torralta (Pellalepre-Fucine). Illuminazione del tratto di strada via del Castagneto (di collegamento con Gianico). Illuminazione della facciata della chiesa della Madonna degli Alpini a Boario. Prima parte dell intervento sul parco giochi di via Federici (Erbanno, zona Polline). Interventi in territorio montano: Lavori di pronto intervento (lavori urgenti per smottamenti, distacchi di rocce, frane) a monte di Angone, Erbanno, sulla strada di Capo di Lago e in località Corne Rosse. Opere di sistemazione di dissesti idrogeologici di media entità sul territorio comunale: - sistemazione del sentiero Corna-Capo di Lago con riqualificazione dei tratti di muro a secco ceduti; - sistemazione dell accesso alla strada dei Lambrù; - sistemazione e messa in sicurezza del muro a monte di via Rata; - sistemazione del tratto di muro crollato su Bià de Buren. Due interventi coordinati alla Rovinazza con svaso della vasca, del canale e sistemazione idraulica complessiva. Adeguamento igienico-sanitario dei locali per la lavorazione del latte in Malga Cauzzo (1 stralcio). Piazzola antincendio per elicottero con parcheggi in località Cervera. Piazzola antincendio per elicottero in località Guccione. Interventi di manutenzione della Malga Guccione. Interramento della linea elettrica Play - Malga Guccione. Interventi di pronto intervento sulla strada per S.Giovanni. Lavori in territorio montano cantierabili: Manutenzione straordinaria della strada agro-silvo-pastorale Cervera-Malga Cauzzo. Sistemazione dei dissesti idrogeologici in località Fontanelli- Montecchio. Manutenzione straordinaria e adeguamento igienico sanitario della Malga Cauzzo (2 stralcio). Lavori realizzati con il determinante contributo delle Associazioni: Sistemazione e potenziamento dell area di sosta lungo il torrente Re a Fucine (Gruppo Alpini di Fucine). Percorso pedonale a Gorzone tra via S.Pellico e via Leonardo da Vinci; consente di evitare il pericolo del traffico nella strettoia a lato della chiesa e un più facile accesso alla scuola e all oratorio (Amici della Natura di Gorzone). Sistemazione e rifacimento dell acciottolato in vicolo della Foresta nei pressi del Castello di Gorzone (Amici della Natura e Amici del Presepio di Gorzone). Recupero a parco verde dell area presso il cimitero di Gorzone, sua cura e manutenzione (Amici della Natura). Manutenzione del percorso rurale di collegamento da Corna a Capo di Lago e in generale dei percorsi del parco nell ambito del Lago ( C.A.I. - sezione di Darfo Boario Terme). Sistemazione di un tratto dell alveo del fiume reso fruibile per la stagione estiva ed utilizzato per manifestazioni sportive di pesca (Sezione Pescatori Sportivi Darfo Boario Terme). Interventi di manutenzione strade Vasp (viabilità agro-silvo-pastorale) (gruppi di volontariato delle frazioni). Manutenzione di verde pubblico (Gruppi Alpini, Amici della Natura di Gorzone, Centro Anziani di Darfo). Lavori in corso: Rifacimento con allargamento del ponte in via Gas sul canale idroelettrico a Montecchio e sistemazione di un tratto di viabilità, parte della strada intercomunale. Realizzazione di posti-auto (opere realizzate a scomputo oneri) ad Erbanno, in via della Torre, in prossimità del centro storico. Realizzazione dei servizi igienici al piano terra della Scuola Elementare di Gorzone. Realizzazione del tratto di viabilità in continuità con l opera precedente per la realizzazione della strada intercomunale, corrispondente alla lottizzazione ATR 9, con futura funzione parzialmente alternativa alla viabilità di via Mazzini di Montecchio. È in fase di completamento e posizionamento la segnaletica dei due percorsi denominati rispettivamente: «Tra vigne e ulivi» che si snoda tra Bessimo-il lago Moro-(Corna- Angolo-Anfurro) - Gorzone - Boario - Erbanno - Angone - Pianborno - Annunciata; «Tra castagneti e vie d acqua» con il coinvolgimento dei paesi di Montecchio-Darfo-Fucine- Pellalepre-Gianico

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli