Anzio: record sui Settecentomila

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anzio: record sui Settecentomila"

Transcript

1 N U M E R O T R E N T A Q U A T T R O - N O V E M B R E L I N F O R M A Z I O N E F A C E N T R O Anzio: record sui Settecentomila Grande eccitazione a Villa Sarsina. Dieci anni di tribolazioni e finalmente la Regione Lazio assegna al Comune di Anzio la concessione per il nuovo porto, che ovviamente prevede un pagamento. Nel caso specifico euro. Il pagamento della somma viene fatto in tempi da record. Il Comune, pur avendo le casse vuote, in una ventina di giorni trova il sistema per avere in prestito il denaro da una banca, ponendo a garanzia un immobile comunale. In poco tempo il problema è risolto. L amministrazione ha dimostrato di saper trovare soluzioni a tempi da record quando in ballo ci sono cose importanti. Cogliamo l occasione di questa efficiente azione politico-amministrativa cercando di stimolare prossime azioni, che assieme a tanti cittadini riteniamo urgenti per il progresso e lo sviluppo della nostra città. E per le quali si dovrebbero battere altri record. Con settecentomila euro si potrebbe avviare la messa in funzione di un asilo nido comunale o togliere l onere del pagamento della mensa a tante famiglie che non ce la fanno. Con altri settecentomila euro si potrebbe realizzare un teatro, che la città chiede da anni. Con altri settecentomila euro si potrebbe aumentale la cubatura delle nostre scuole, dato che ogni anno sale la richiesta di iscrizioni e i dirigenti scolastici sono costretti a chiudere laboratori per realizzare nuove aule. Con altri settecentomila euro si potrebbe realizzare un centro polifunzionale per i giovani e fare una politica seria di orientamento al lavoro e allo studio volta a favorire l inserimento del giovane nella società. Con altri settecentomila euro si potrebbero avviare i lavori per migliorare le strutture urbane dei vari quartieri diversi dal Centro Storico (marciapiedi, segnaletica, viabilità ). Con altri settecentomila euro si potrebbe migliorare l arredamento urbano della città, che è scarso e per lo più di cattivo gusto. Ci auguriamo che, per queste e per molte altre cose, vengano trovate le risorse con altrettanto tempismo. E speriamo che la vicenda del porto vada bene in porto. Non vorremmo correre il rischio di perdere un bene pubblico messo a garanzia del prestito perché il Comune non riesce a far fronte alle tante spese. Magari proprio una scuola. Andrea Mingiacchi CASA DI PROPRIETÀ IN CRISI Cresce il numero delle vendite degli immobili all asta PENDOLARI: TUTTO DA RIFARE Respinta la class action contro Trenitalia, il comitato va avanti QUESTO PORTO NON CI SALVERÀ Intervista a Petriconi, esponente Pd. Dubbi sul progetto ACQUA: UN DIRITTO PER POCHI Nonostante la vittoria referendaria, agli utenti morosi cartellino rosso sui contatori LO SBARCO DI ANZIO IN MOSTRA AL VITTORIANO A Roma 300 foto inedite, mappe e filmati ricordano l arrivo degli alleati

2 novembre 2011_n.34 2 Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno Anzio Space Bed and Breakfast L Auberge in centro ad Anzio A 50 mt dalla stazione di Anzio e 300 mt dal Porto e spiagge (Bandiera Blu 2011) Preventivi per lunghi soggiorni. Formula Residence. Viale Paolini, Anzio Roma - tel/fax

3 Anzio Space Space - Città Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno n.34_novembre 2011 CASA DI PROPRIETA IN CRISI Aumenta il numero delle vendite di immobili all asta e si taglia tutto, anche i beni necessari 3 A fine settembre è stata presentato il rapporto, a cura dell osservatorio delle ACLI del Lazio, dal titolo: S.O.S. famiglia. Solitudini, ostacoli e speranze delle famiglie del Lazio nella quotidianità problematica, uno spaccato su come la crisi economica che attanaglia l Italia si ripercuota sul modo di vivere e sulle abitudini delle famiglie laziali. Dal rapporto emergono una serie di dati allarmanti: solo il 26,9% delle famiglie, infatti, si dice sicura, mentre il 31,4% asserisce di navigare a vista, ossia di prendere la vita alla giornata, non riuscendo più a fare dei progetti per il futuro e, persa la facoltà di far fronte a tutte le difficoltà economiche, ha cominciato a privarsi di beni e servizi come abbigliamento, divertimenti, vacanze. A parte ci sono poi le famiglie denominate nuclei a rischio (27,9%) e i pensionati (13,5%), che colpiti già da parecchio tempo dalla crisi, hanno ridotto sensibilmente il loro status vivendi, arrivando a privarsi anche dei beni di prima necessità. Da tutto questo si delinea anche un nuovo e inedito tipo di famiglia, sempre meno tradizionale: diminuiscono i matrimoni, si fanno meno figli mentre aumentano le separazioni e la presenza sempre più massiccia dei così chiamati bamboccioni. Solo che, se una volta erano i 18-30enni a restare nelle case paterne, ora invece la fascia d età si è sensibilmente alzata, arrivando a colpire anche i 35-44enni, con un dato che nel giro di vent anni si è più che raddoppiato, passando dal 4,6 del 1990 all attuale 10,8%. Lo studio delle ACLI dimostra che le famiglie sono state lasciate da sole davanti alla crisi si lamenta a fine convegno il senatore del PD Di Giovan Paolo Bisogna intervenire sui redditi, basta con la promessa, non mantenuta, del quoziente familiare. Per ora l unica cosa certa è che il Lazio ha le addizionali Irpef e Irap più alte d Italia. Già lo scorso anno, dalle colonne del nostro giornale avevamo lanciato il grido d allarme sull emergenza crisi e sulla povertà crescente dei cittadini di Anzio. Lo avevamo fatto provando a trovare quelle cartine-tornasole che potessero in qualche modo darci delle indicazioni su come questa emergenza fosse ormai dilagante nel territorio. Questa volta, partendo invece dal rapporto delle Acli, ci siamo chiesti se ci fossero dei nuovi parametri da individuare, per capire quanto la crisi economica stia colpendo la nostra città, e li abbiamo trovati nelle case che vengono messe all asta nel Tribunale di Velletri. Le aste giudiziarie che vengono allestite dal tribunale di competenza - nel nostro caso quello di Velletri - sono uno strumento per attuare la vendita forzata di un bene appartenente a un privato o a una società aggravati di debiti. Se prendiamo in esame solo le 610 procedure fallimentari attualmente in corso che si riferiscono alla categoria degli immobiliresidenziali (villette e appartamenti), arriviamo a conclusioni impressionanti: ben 123 di esse, infatti, sono relative a costruzioni presenti nel comune di Anzio e 92 in quello di Nettuno (seguono nell ordine Ardea con 80 e Velletri con 43), per uno score complessivo che, per le nostre due cittadine, si aggira intorno al 36% dei casi. Analizzando caso per caso ci siamo resi conto che quasi tutte queste unità immobiliari sono state messe all asta dalle banche o istituti di credito per inadempienze nei pagamenti dei mutui concessi ai vecchi proprietari. Se pensiamo che fino a poco tempo fa il sogno dell italiano medio era quello di acquistare una casa propria, questo ci può far comprendere l entità dell emergenza sociale che la crisi ha creato e il dramma che viene vissuto da tutte quelle famiglie che non riescono più a trovare ogni mese i soldi per pagare il mutuo che, dopo un periodo di tregua, a causa del tanto nominato spread bancario (termine tra i più inflazionati in questo periodo, ma di cui ben pochi conoscono la ripercussione che il loro aumento produce sulle tasche della gente), sono tornati a salire. Si tratta di persone che per anni hanno lavorato e messo da parte una buona quota per il tanto sperato bene di proprietà e che, improvvisamente, con un colpo di spugna, vedono spazzati via i sacrifici di mezza vita e rischiano di vivere in mezzo a una strada, nel senso letterale del termine. Dietro questo vero e proprio mercato speculativo, stanno tutti i più importanti istituti di credito: BNL, Unicredit e Monte Paschi di Siena. Molte volte, però, a causa delle vecchie norme risalenti al 1942, nella rete delle aste fallimentari si trovano invischiati anche coloro che hanno pagato regolarmente la loro abitazione; purtroppo le cronache si sono occupate troppe volte di famiglie coinvolte, loro malgrado, nel crack di società costruttrici. La legge parla chiaro, se una ditta costruttrice fallisce, le unità immobiliari da essa vendute nell ultimo anno possono entrare a far parte del capitale fallimentare ed essere messe all asta per soddisfare i creditori. Norme certamente superate che il legislatore ha deciso, in parte, di rivedere con il D.Lgs. 122/2005, tentando di trovare una serie di garanzie per l acquirente (come la fidejussione obbligatoria), ma queste innovazioni sono ancora per lo più disattese, sia perché c è da parte dei costruttori una certa ritrosia ad applicarle (soprattutto per un fatto di costi), ma anche perché il compratore non conoscendo perfettamente i propri diritti, non sempre li fa valere alla firma del contratto. A proposito di costruttori in crisi, c è da segnalare la presenza, tra i beni messi all asta, anche di un intero complesso immobiliare, quello posto tra viale Roma e via degli abeti, con ben 14 villette ancora in costruzione. Maurizio D Eramo

4 novembre 2011_n.34 Space - Città 4 Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno Anzio Space NUOVO PORTO: LA CITTÀ CHIAMA LA CAPO D ANZIO RISPONDE PARLA LUIGI D ARPINO PRESIDENTE DELLA CAPO D ANZIO Per dirla come il sindaco Luciano Bruschini, quella del 21 settembre 2011 è stata una giornata storica. Finalmente dopo tanti rinvii e polemiche la Regione, quasi un anno dopo la firma dell accordo di programma, ha rilasciato la concessione demaniale per la costruzione del nuovo porto. Per registrare l atto e cioè far sì che questo sia valido, il Comune ha dovuto pagare una piccola tassa di seicentoquarantamila euro; soldi richiesti alla Banca Popolare del Lazio mediante finanziamento e ai quali devono essere aggiunti quattrocentomila euro per far partire la gara d appalto, per un importo totale di circa un milione e centomila euro. Il Comune doveva decidere se ripagare il finanziamento tramite una fideiussione o ipoteca di un bene patrimoniale. Di questo e molto altro siamo andati a fare una chiacchierata con il presidente della Capo d Anzio (società pubblica incaricata di fare il porto e controllata al 61% dal Comune di Anzio e al 39% da Italia Navigando, incaricata di costruire porti in tutta Italia,) Luigi D Arpino, che in un ora e mezza ha chiarito molti aspetti: dal cda al costo dell opera, passando per la vendita dei posti barca e l impatto sulla città. La concessione demaniale è stata registrata ieri pomeriggio e per pagarla abbiamo optato per un mutuo pro quota che verrà rimborsato in 24 mesi sia dal Comune, che da Italia Navigando in base alle quote della Capo d Anzio che questi posseggono esordisce il Presidente, che prosegue: so perfettamente che Italia Navigando è stata inserita nella short list di vendita da parte del Ministero dell Economia, come so bene che il suo 7% è detenuto da un privato; il rischio che la società vada completamente in mano ad un privato attualmente non c è, perché la Capo d Anzio, in caso di vendita, ha un diritto di prelazione che intenderà esercitare. In questo ultimo periodo ci sono state molte polemiche anche sulla composizione del cda della stessa Capo d Anzio. Innanzitutto devo dire che noi siamo passati da otto a cinque consiglieri e possiamo rimanere anche così perché rientriamo nei parametri della legge (quella in questione dice che le società con un capitale sociale pari o superiore ai due milioni possono avere cinque consiglieri di amministrazione, la Capo d Anzio ha cinquecentomila euro). C è dell altro su cda e nomine: Ognuno ha il diritto di pensare e credere quello che vuole, sono stati fatti dei ragionamenti all interno della maggioranza ed è stato scelto Mauro Fantozzi. Io ho lavorato sia con lui che con Eugenio Ruggiero (l altro contendente) e non avevo preferenze a riguardo. Poi continua per essere nominato consigliere della Capo d Anzio bisogna essere un cittadino italiano, è questo l unico requisito. I consiglieri sono di estrema fiducia delle società, loro non fanno altro che attuare il progetto presentato dall ing. Ievolella: se sbaglia non è un problema nostro, ma suo. Proprio per questo quindi non crede sarebbe più adatto che nel cda ci siano delle persone con dei requisiti tecnici? Una volta presentato, il progetto del porto è passato al vaglio dell ufficio tecnico che l ha valutato; fatto ciò, se è stato dato l ok significa che si può andare avanti. Ripeto la Capo d Anzio ha solo il compito di attuare il progetto che le è stato presentato. La Capo d Anzio non ha anche il compito di reperire i soldi tramite la vendita dei posti barca? O i soldi ci sono già? L opera si autofinanzia attraverso la vendita dei posti, nel settore della nautica c è crisi, se immagino il bicchiere mezzo pieno vedo che in due mesi abbiamo venduto poco più di cento posti e vedo che ci sono cento persone che credono nell operazione. Non credo che a Genova avremmo ottenuto risultati diversi. Ci sono due tipologie di persone interessate: quelle della provincia di Roma, che sanno del porto e le società charter che ci vogliono andare con i piedi di piombo. Ci rimane da fare pubblicità sulle riviste di settore. Per il momento abbiamo raggiunto tutti quelli che erano interessati. Era impossibile vendere 600 posti, ma se l avessimo fatto sarei stato contento. Poi commenta anche le possibili voci che vorrebbero il porto gestito dai privati. Abbiamo iniziato le procedure per la gara d appalto, il bando sarà pubblicato anche sulla Gazzetta europea, il porto costerà complessivamente 180 milioni; la società che realizzerà il porto verrà pagata con i posti barca: cioè avrà tanti posti barca quanti gliene serviranno a coprire il costo dell opera. Gli altri rimarranno alla Capo d Anzio che gestirà il porto. Infine conclude: i rischi ci sono, è normale, non so dire con esattezza quali siano, noi ci occupiamo della parte pubblica; comunque il porto porterà anche benessere alla città e mi spiego: ad Anzio ci sono tre grandi imprese che danno lavoro e queste nell ordine sono la Palmolive, il Comune e la ditta che si occupa del servizio rifiuti. Il porto si andrebbe a collocare al secondo posto in questa speciale classifica: attualmente ci sono cinque cantieri con al massimo venti persone che ci lavorano, domani le persone, con 1250 barche a disposizione, potrebbero essere 60\70, non so dirlo con precisione, ma il numero di operai sarà raddoppiato se non addirittura triplicato. Senza contare che le barche, se non tutte almeno la maggior parte, hanno bisogno di un equipaggio, della vernice, del lavaggio e quindi di personale e inoltre bisogna tener conto le strutture che andranno a sorgere con il nuovo porto. Infine vi rivelo che il nuovo porto produrrà anche energia, di tipo elettrico, attraverso dei sistemi rinnovabili legati al mare. Non scordiamoci che si parla di un opera infrastrutturale molto importante che andrà a coinvolgere anche le due riviere con il raddoppio delle carreggiate, ma si sa: parlare è facile, il difficile sta nel realizzare i fatti. Comunque sia ad majora Capo d Anzio! Leonardo Tardioli

5 Anzio Space Space - Città Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno n.34_novembre 2011 PENDOLARI: TUTTO DA RIFARE Il Tribunale di Roma respinge la domanda di adeguare il servizio agli standard del contratto, ma il comitato non si dà per vinto 5 Come molti dei lettori sapranno, per esperienza diretta o tramite qualche conoscente, i treni della linea Roma-Nettuno non brillano certo per qualità. Nonostante gli utenti siano quotidianamente decine di migliaia, la linea ha ottenuto per ben tre anni di fila il (poco) ambito Trofeo Caronte di Legambiente per il peggior collegamento regionale verso la capitale. Basta un singolo viaggio nelle ore di punta per rendersene conto: treni vecchi, sporchi, con servizi inagibili, condizionamento inesistente e sovraffollamento ben oltre i limiti del sopportabile. A tale situazione un gruppo di pendolari ha provato a rispondere intentando una class action contro Trenitalia lo scorso febbraio. Per chi non lo sapesse, una class action è un azione legale collettiva, introdotta nell ordinamento legislativo italiano da circa due anni, che permette ad un gruppo di soggetti che condividono una stessa situazione di disagio di rivalersi su una controparte, in modo che chiunque si trovi in tale situazione sia parimenti tutelato, anche in futuro. A fine settembre è stata depositata la risposta riguardo l ammissibilità della class action da parte del Tribunale ordinario di Roma, purtroppo per i proponenti negativa. La richiesta dei pendolari di adeguare il servizio agli standard del contratto (numero di carrozze, personale a bordo, ecc.) è stata respinta in quanto, in base alle motivazioni addotte dall ordinanza, l applicazione del Contratto di Servizio esulerebbe dalle competenze del Tribunale Ordinario, rientrando nelle competenze del giudice amministrativo. Riguardo a possibili risarcimenti, questi sono stati divisi in danno patrimoniale e non patrimoniale. Il risarcimento per il danno non patrimoniale, richiesto in risposta alle situazioni di sovraffollamento, sporcizia, inagibilità dei servizi, condizioni climatiche da serra in estate e da igloo in inverno, ovvero per la totale noncuranza delle basilari norme di sicurezza necessarie per la civile convivenza, non sussisterebbe perché i disagi causati non rientrerebbero nelle tipologie di danno previste per legge. Il risarcimento del danno patrimoniale invece, che sarebbe limitato al costo del biglietto, non risulterebbe possibile per via della non riscontrata omogeneità degli interessi dei richiedenti, presupposto della class action. Effettivamente, tra chi parte da Nettuno o Padiglione o Lavinio ci sono differenze insormontabili: 0! Il sito di Trenitalia mantiene toni neutrali nell annunciare il fatto, mentre lo stesso comunicato, presente sulla free-press romana alla pagina gestita da Ferrovie dello Stato, è chiosato da un commentatore, che ribadisce la veridicità della sentenza, citandone una precedente secondo la quale il risarcimento vale soltanto per una lesione grave di un interesse di rilevanza costituzionale e che tali non sono i disagi e i fastidi che il vivere comune ci impone di tollerare. Evidentemente, nel vivere comune di questo fine giurista sono presenti svenimenti e malori nel semplice andare a lavoro. Ovviamente il comitato che ha proposto la class action non si arrende e intende ricorrere per ottenere ciò che richiede. A tal scopo, fa notare la presidente Rosalba Rizzuto, un dettaglio renderebbe nulla l ordinanza: è stata emessa a firma di un unico giudice, quando, per la norma che regola la class action, dovrebbe essere un collegio di togati ad esprimersi. Abbiamo chiesto un parere anche ai ragazzi che si occupano del gruppo Facebook collegato alla class action, i quali, seppur determinati a proseguire, notano una diffusa indifferenza all iniziativa, anche da parte dei cittadini. Come esemplifica una lettera di un pendolare a Il Messaggero del 12 Ottobre, raccontando il sempre più comune dilemma se pagare o meno il biglietto in risposta al servizio offerto da Trenitalia, lo scoramento porta alla rassegnazione o a gesti che esulano dalle vie legali. Magari, lamentano da Facebook, una maggior presenza delle istituzioni locali aiuterebbe... Alla fine ci torna in mente l articolo 3 della Convenzione europea dei Diritti dell Uomo e delle Libertà fondamentali: Nessuno può essere sottoposto a tortura, né a pene o trattamenti inumani o degradanti. Ora, la definizione di trattamento degradante è la seguente il trattamento degradante genera nelle vittime sentimenti di paura, angoscia e inferiorità in grado di umiliarle e sminuirle. Chi viaggia sulla FR8 sa che tale definizione è molto vicina all indicare ciò che si prova in un viaggio da o verso la Capitale. Ai pendolari non rimarrebbe, almeno con questa sentenza, che seguire i consigli dell AD di Trenitalia, dati nel 2009 in occasione dei disagi di allora: chi deve viaggiare con il treno farebbe bene a munirsi di panini e coperte, o almeno di un maglione in più. Meritano una risposta migliore. BREVI: Gino Querini Bando per gli albi dei presidenti dei seggi elettorali Ad Anzio e Nettuno scadrà alla fine di ottobre il bando per i cittadini che vogliono ricoprire l incarico di Presidente di seggio elettorale. Gli interessati possono presentare domanda in carta semplice indirizzata al sindaco Luciano Bruschini. Per info su requisiti e modalità di partecipazione contattare l ufficio elettorale del comune oppure il sito dove è possibile scaricare il modello della domanda da inviare. Sanità, al Faina il nuovo reparto di senologia È stato presentato la scorsa settimana il nuovo reparto di senologia del Padiglione Faina dell ospedale Riuniti di Anzio e Nettuno. Un reparto all avanguardia, dotato degli ultimi macchinari ed avvalorato da personale qualificato. Nato negli anni 90, il reparto oggi è stato potenziato ed effettua lavoro di prevenzione e cura del tumore al seno. Presso il proprio medico di fiducia sarà possibile prenotare i vari esami clinici che oggi si possono eseguire al reparto del Riuniti, dove ogni donna viene accolta e seguita durante tutto il percorso: dalla diagnosi alla cura.

6 novembre 2011_n.34 6 Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno Anzio Space Anni fa piazza Pia nei pomeriggi e nelle serate invernali era affollata dai residenti che rendevano vivo e frizzante il centro di Anzio. Intere comitive di ragazzi si davano appuntamento semplicemente per socializzare, persino i passerotti sembravano più indaffarati col loro stridente cinguettìo. Ma proviamo a ricordare... la folla, le auto il tran tran che palpitava e stimolava l attenzione a osservare, interessarsi delle persone, delle vetrine o per gustare un semplice caffè. Oggi tutto è cambiato: finita l estate, partiti i villeggianti, il cuore della nostra cittadina rientra in una fase di inerzia, di triste desolazione e amaro letargo. Le cause sono note a tutti: oltra al decentramento dei residenti - lasciati andare nelle periferie per poter vendere gli appartamenti a chi non li abita anche il rifacimento-stravolgimento della nuova piazza con l ampia isola pedonale (senza pedoni) che nei mesi autunnali e invernali rende statica questa parte della città che invece dovrebbe pullulare di vitalità. Il presidente dell Associazione CCN Anzio in piazza (Centro commerciale Naturale), Angelo Graziosi che rappresenta 60 attività del centro, è convinto che permettere la circolazione alle auto da via XX Settembre a Corso del popolo Space - Città PIAZZA PULITA: IL CENTRO SENZA VITA Commercianti sul piede di guerra cercano un accordo con l amministrazione e da via dei Fabbri a via Baccarini, unendo levante a ponente, potrebbe migliorare la situazione e invogliare le persone a vivere di più la piazza. Pare, infatti, che da un incontro tra i rappresentanti del CCN con il Sindaco Bruschini e l Assessore Perronace sia scaturito un accordo sulla viabilità della piazza. Il CCN è molto attivo negli ultimi tempi ed è stato determinante nell impegno di ri-animare la piazza da un punto di vista culturale (con spettacoli e mostre) ma anche da quello estetico e pratico rendendola più gradevole e ospitale. Abbiamo ottenuto un fondo dalla Regione Lazio tramite il Comune - spiega Angelo Graziosi - che ci ha permesso di installare le nuove panchine, un chiosco point-info, bacheche per locandine e cestini per rifiuti. La piazza è stata dotata anche di una rete Wi-Fi per poter accedere ad internet gratuitamente e stiamo lavorando per rinnovare il contratto, cercando di comprendere anche tutto il porto. Viene da chiedersi: perchè tutto questo deve essere fatto su spinta dei commercianti e non, come invece dovrebbe essere, dall amministrazione comunale? L importante è che qualcosa venga fatto e i suggerimenti di chi vive da sempre la piazza diventano certo fondamentali. Le richieste dell associazione dei commercianti per l apertura di alcune vie di scorrimento attorno alla piazza, sembrano rappresentare una buona soluzione: l accordo prevede l apertura alle automobili solo nei giorni feriali (esclusa la stagione estiva) per creare un movimento come quello di molti anni fa anche se i posti auto, oggi, sono dimezzati. Infine, anche tra i commercianti serpeggia un po di preoccupazione per la costruzione del nuovo porto visto che la stranota mancanza di copertura finanziaria rende sicura la data di inizio dei lavori ma incerta la chiusura. Anche per questo, staremo a vedere. Alessandro Tinarelli Molti i negozi adiacenti la piazza vittime di rapine. Alcuni il pomeriggio non aprono L ABBANDONO CHE GENERA PAURA E DISAGIO Mentre attendo alcuni commercianti del centro, indipendenti da associazioni, mi siedo su una delle panchine e osservo la piazza e in un attimo vedo quello che non avevo visto in questi ultimi anni: mancano più della metà degli alberi che erano nella vecchia piazza Pia. L architetto non ha adeguato il suo progetto all ambiente e gli alberi storici del centro non sono stati integrati. Il che ha contribuito a depauperare la piazza, visto che gli alberi fanno ombra preziosa per chi sosta, generano ossigeno e fanno parte dell arredo urbanistico. Appena il tempo di osservare tutto ciò, che giunge il momento di accogliere la delegazione di commercianti che per abbreviare i tempi si presentano con un comunicato stampa in cui si legge: In merito alla possibilità dell apertura al traffico di solo due vie laterali del centro storico, ci teniamo a precisare che siamo favorevolissimi. È una lieta aspettativa per ciò che riguarda l aspetto economico ma anche per quello più importante della sicurezza e dell ordine pubblico. Sicurezza visto che, negli ultimi tempi, sono stati state molte le attività commerciali del centro depredate con estrema facilità, tra cui profumerie, ottici, la farmacia e negozi di abbigliamento. I malviventi hanno potuto agire indisturbati in una zona praticamente deserta, dove non entrano neppure le macchine della polizia. Dodici ore di assoluto abbandono della piazza d inverno (dalle sei del pomeriggio alle sei del mattino dopo), al punto che alcuni negozi, dopo le quattro, preferiscono non aprire o lasciano la porta chiusa a chiave. Tutto ciò ha generato un clima di paura da parte dei commercianti innescando un circolo vizioso di arroccamento che certo non permette il facile fluire di persone e commercio. Un grido di rabbia quello dei commercianti per ribadire che la piazza non può vivere solo nei fine settimana, ignorata per il resto del tempo dai cittadini ma, soprattutto, da un amministrazione indifferente e lontana. A. T.

7 Anzio Space All ingresso di Anzio, all altezza della più grande rotonda della Nettunense che dovrebbe costituire l immagine di entrata nella città vera e propria, dopo aver passato chilometri di insulse casette permesse dal Piano Regolatore, è sorto nelle ultime settimane un lungo muro a blocchetti di tufo quale recinzione dell ennesimo complesso di villette senza qualità, come ormai sta avvenendo su tutto il territorio. Questo nuovo scempio al paesaggio e all immagine della città sembra, da notizie che circolano, che sia la duplicazione di quel complesso dal popolo definito le casette delle bambole, una delle prime realizzazioni in attuazione del nuovo Piano Regolatore, sorto a suo tempo all incrocio fra via Cupa dei Marmi e via Rinascimento, non a caso anch esso recintato da un muro a blocchetti di tufo. Di questo passo, tutta la Nettunense, come ogni strada del territorio di Anzio, diventerà un susseguirsi di muraglie una più brutta dell altra che avranno sì fatto fare un po di soldi a qualcuno, ma che avranno deturpato in maniera irreparabile la bellezza di questo posto tanto gradito agli antichi Romani, così come a Papi, Cardinali e Principi. Una muraglia cinese che di quella vera non ha alcun pregio, ma che forse ben definisce quanto sta accadendo sul nostro territorio. Sembra, infatti, che siano proprio i cinesi i protagonisti dell ultimo episodio di sfratto commerciale al centro: in Via Matteotti, dietro la sede originaria del Comune, il Supermercato affiliato SMA è chiuso dalla fine di ottobre per scadenza di un contratto che non è stato rinnovato perché la proprietà, Space - Città Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno UNA MURAGLIA CINESE AD ANZIO Gli effetti devastanti del Piano Regolatore Cervellati- De Angelis-Bruschini a quanto si dice ad ogni angolo della zona centrale, avrebbe richiesto il raddoppio dell affitto: si dice da euro mensili a Possibile? Si chiederanno i cittadini. E possibile che si è trovato qualcuno che ha accettato tali esose condizioni economiche? Sembra proprio di sì. Sembra che il locale sia stato preso in affitto da una ditta cinese, non si sa bene per la vendita di quali articoli, che ha fornito tutte le necessarie garanzie economiche, compresa, sempre a quanto si dice, una fideiussione bancaria. Una vera manna dal cielo per i proprietari e un grosso danno ai servizi commerciali che la città può offrire a residenti e villeggianti. Ormai al centro storico sono rimasti solo tre negozi di alimentari, tre frutterie, tre pescivendoli e tre macellerie. E questo proprio in una zona a ridosso del futuro mega-porto, per il quale la città da tredici anni è bloccata. Così si predispongono i servizi per le masse di turisti che si precipiteranno con le loro barche a fare acquisti e a frequentare questo nuovo paradiso del porto? In realtà così si provoca solo la morte del centro di Anzio, ormai deserto a disposizione di tutti i malviventi che si aggirano nel comprensorio, come testimoniano i recenti furti col buco che si sono verificati ai danni di alcuni coraggiosi commercianti del posto che ancora tengono aperti i loro esercizi. Ma il Comune che fa? Guarda che succede e non dice niente? Così tutela gli operatori locali? Si prepara solo a rilasciare una nuova licenza commerciale senza colpo ferire? O magari l ha già garantita ai signori cinesi, mentre agli imprenditori locali crea solo ostacoli? Di certo si troveranno i metri quadrati nel più che vetusto piano commerciale, attraverso i soliti giochi di prestigio a cui ci hanno abituato i nostri Amministratori Comunali, sempre deboli con i forti, oppure ammorbiditi dai potenti. La storia del Supermercato nell ex capannone industriale di Lavinio Scalo è emblematico in tal senso. La Cina è vicina. La Muraglia pure. Vito Colagrossi n.34_novembre 2011 dialogus tra Nerone e Incitatus I: Hihihihi! Nerone! Nerone! Hihihihihi!! N: Ave Incitatus, sempre trottando in giro senza Caligola? I: E che ci posso fare! Io sono un cavallo sciolto! A Nerò ma lo sai che ad Anzio ti emulano in ogni cosa? Quanto ti vogliono bene! N: So che mi vogliono bene. Ma tu, da come parli, sembra che abbia qualcosa di eccezionale da raccontarmi Sono tutto aures! I: Sai la faccenda della concessione del porto di Anzio? Il comune ha preso un prestito di sesterzi da una banca. Aho! E che pensi che abbiano fatto un bando pubblico per garantirsi il miglior acquisto? Ma de che! Hanno fatto completamente di testa loro! Nemmeno la mossa hihihihhihihi!! N: Bene! Sono contento che il mio Sindacus e tutti i pretoriani mi emulino. Loro sanno bene che quando decisi di fare i lavori migliorativi del porto a Capo d Anzio non ho fatto nessun tipo di bando pubblico. Dopo aver sentito il mio amico Seneca, ho semplicemente dato l incarico ad alcuni cortigiani che, con un bel gruppo di schiavi, hanno realizzato i miei desideri. Bando? Ma che bando! Ci mancherebbe. E quanto ci sarebbe voluto?! I: Hanno fatto presto pure ad Anzio! Hihihhihihi! In soli venti giorni hanno trovato tutti i sesterzi! A Nerò ma non è che sotto sotto sei tu che dai sempre le dritte ai governatori di Anzio? N: Caro Incitatus, non è così! Apprendono dalle mie gesta e non dalle mie parole! I: A Nerò! Tu poi però hai fatto una brutta fine! Ti ricordi? N: Mio caro Incitatus, nessuno sfugge al suo destino. 7

8 Space - Città novembre 2011_n.34 8 Mensile di Informazione Lavinio-Space di Anzio e Nettuno Anzio Space CASE POPOLARI (seconda parte) L assessore Mercuri: è una situazione abbastan za complessa. Stiamo cercando di risolverla Anche questo mese si torna a parlare di case popolari: cominciamo col dire che dopo alcune verifiche abbiamo scoperto che in data 11/10/2010 il Comune di Anzio, mediante bando di gara, si era detto interessato ad acquistare alloggi, ubicati nel Comune, con destinazione residenziale. Per il pagamento di tali appartamenti sarà utilizzato un contributo regionale concesso con deliberazione n. 710 del 25/09/2009; il bando si concludeva dicendo che gli alloggi oggetto di offerta non dovevano essere già stati acquistati, costruiti o recuperati con finanziamenti pubblici. Dopo l articolo pubblicato su Anzio-Space numero 33 del mese di ottobre 2011 invece, ci sono state alcune perplessità da parte di una persona che si trova in graduatoria e sta aspettando che gli venga assegnato un alloggio popolare da molti anni; questa persona ha voluto incontrarci presentandoci la domanda ed i vari documenti di risposta che gli sono arrivati dal Comune: ci ha spiegato la situazione ed ha cercato di avere maggiori chiarimenti al riguardo. Chiarimenti che noi non siamo stati in grado di dare, ma chi di competenza sì. Quindi, come già annunciato nel numero precedente, abbiamo fatto una breve ma significativa intervista all assessore al Patrimonio e Casa Giuseppe Mercuri, che ci ha spiegato: è una situazione abbastanza complessa ma che stiamo cercando di risolvere, la graduatoria è stata aggiornata e sarà pubblicata al prossimo 30 novembre. Quella precedente è visibile sul sito del Comune ed è datata 30/06/2009. (Come vi avevamo dato già conto). Ma non è tutto: Il punteggio viene stilato in base ad una serie di fattori: questi sono tutti elencati sulla domanda che il richiedente presenta, inoltre aggiunge: colui che presenta la domanda viene aiutato nella compilazione della stessa da uno degli impiegati dell Ufficio del Patrimonio; il tutto perché alcuni cittadini, non italiani, non conoscendo bene la lingua e non comprendendo alcune richieste barravano tutte le caselle e cosi ci si trovava davanti a domande non veritiere, finalmente arriviamo agli alloggi: al bando di gara quello sopra riportato ha partecipato una sola impresa; sono stati acquistati sette alloggi situati nella zona di Via delle cinque miglia che saranno presto assegnati: le case però non sono del tutto nostre dato che dobbiamo ancora ricevere il finanziamento regionale e non appena questo arriverà faremo il rogito e assegneremo le prime case. Infine una precisazione a riguardo dello stabile di Via Varese che è stato costruito di recente in qualità di alloggio popolare e già abitato: lo stabile di Anzio Colonia è stato assegnato, come di diritto, agli ex abitanti del palazzo di Viale Marconi sempre nella stessa zona demolito nel 2005 perché pericolante. Le famiglie, in attesa di una nuova sistemazione, erano state trasferite ad Anzio 2, sempre in degli alloggi di proprietà del Comune. Non appena ultimata la costruzione ci è sembrato giusto e doveroso chiedere a queste persone se volessero rimanere nelle case che già abitavano da qualche anno o se volessero tornare nel loro vecchio quartiere. Ringraziando l assessore per la sua disponibilità, vi diciamo che della questione torneremo ad occuparci nei prossimi numeri, dato anche quanto sopra riportato, ma soprattutto che in data 26/04/2010 in un avviso pubblico del Comune, nel programma dell amministrazione c è la realizzazione di insediamenti per edilizia residenziale pubblica attraverso la formazione di appositi piani di zona. In conclusione: siamo solo all inizio. Leonardo Tardioli PASSIONE, PROMUMI E BIGIOTTERIA Profumi sì ma tanto altro nel grazioso negozio di Federica Pucci. La prima cosa che colpisce sono le vetrine, sempre a tema e mai banali, curate nei particolari in ogni periodo dell anno, comunicano un senso di attenzione ai dettagli che ritroviamo all interno. Borse per tutti i gusti, bigiotteria in cristallo Swarovski che brilla dagli espositori, foulard in seta impalpabile, Federica ci racconta che ha una passione per gli accessori che sceglie sempre con attenzione andando a selezionarli nelle fiere specializzate che si tengono a Milano. È dinamica Federica, sempre alla ricerca di quel qualcosa in più da offrire alle sue clienti, alle quali dedica tempo e cortesia rendendo il momento dell acquisto una piacevole pausa nel correre di tutti i giorni. Alla fine la nostra chiacchierata la osserviamo mentre confeziona con cura un pacchetto, nastri in tessuto, carte preziose e ogni volta un particolare per arricchirlo con gusto. Se non trovate l idea giusta per un regalo o se pensate che sia arrivato il momento di farlo a voi stesse questo regalo, magari vi abbiamo suggerito il posto giusto. Il negozio, in Via Bruno Buozzi (Anzio) è aperto tutti i giorni dal lunedì alla domenica dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 16,30 alle 19,30 con chiusura nei pomeriggi di giovedì e domenica.

9 Anzio Space Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno n.34_novembre

10 novembre 2011_n.34 Space - Città 10 Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno Anzio Space COSA SCRIVONO SU ANZIO Lo Fazio pone dubbi di legittimità sul Cda della capo d Anzio ( ) La più interessante presentata dal consigliere del PD Lo Fazio e firmata da tutto il gruppo del centrosinistra. Noi chiediamo lumi sull ennesima manovra poco cristallina dell Amministrazione ha riferito Lo Fazio - Alla luce delle nomine che sono state indicate per il rinnovo del consiglio di amministrazione della Capo d Anzio, come opposizione ma soprattutto come cittadini ci piacerebbe conoscere in base a quale normativa sono stati nominati i tre rappresentanti in quota al Comune di Anzio. A termini di legge (la numero 296 del 27/12/2006) la Capo d Anzio può avere un consiglio di amministrazione composto al massimo da tre componenti (mentre invece nella società ce ne sono già cinque). L unica ipotesi di estensione dei componenti è prevista nel caso in cui la società per azioni abbia un capitale sociale superiore ai 2 milioni di euro. E questo non è il caso della Capo d Anzio. Cinque Giorni - 1 ottobre 2011 Nuovo porto, il finanziamento non convince ( ) Nell ultimo consiglio comunale il sindaco Bruschini ha ottenuto, tramite una delibera che ha trovato l opposizione del PD, una delega per assicurare alla Banca Popolare del Lazio, tramite fideiussione o ipoteca sui beni comunali di Anzio, le garanzie necessarie per erogare alla Capo d Anzio Spa il finanziamento necessario al pagamento degli oneri relativi alla concessione regionale, per la costruzione del nuovo porto turistico. In totale la somma ammonta a euro, ma la Capo d Anzio, società pubblica che appartiene per il 61% al Comune anziate e per il 39% a Italia Navigando, non ha il denaro necessario in cassa e quindi si è scelto di ricorrere allo strumento del finanziamento. Noi avevamo in mente un altro tipo di porto spiega Paride Tulli ma abbiamo sempre difeso la Capo d Anzio in quanto società completamente pubblica. Ma ora c è il rischio che la concessione possa essere venduta a un privato, per esempio nel caso in cui finito l iter della gara d appalto non ci siano in cassa i soldi per i lavori. La delibera con la quale si è scelto di fornire le dovute garanzie all istituto di credito, inoltre, potrebbe anche essere illegittima in quanto non corrispondente pienamente alle leggi in vigore che regolano l erogazione di prestiti e finanziamenti agli enti locali da parte delle banche. La Provincia Latina - 4 ottobre 2011 Tangenti, procura indaga su mister X Presunte tangenti per l appalto del servizio mensa scolastica, l inchiesta comincia ad avanzare. I carabinieri della compagnia di Anzio hanno dato seguito all esposto presentato alcuni mesi orsono dal sindaco anziate Luciano Bruschini, che si cautelò dopo la denuncia vibrante dell ex capogruppo del Pdl Mario Pennata. Contemporaneamente gli investigatori della polizia stanno seguendo il filone della Serenissima, la società che gestisce il servizio nelle scuole e che presentò a sua volta una querela. Nonostante il silenzio degli ultimi mesi, fonti accreditate della procura di Velletri assicurano che le indagini stanno procedendo in modo spedito. ( ) negli ultimi giorni gli investigatori hanno acquisito gli atti relativi all assegnazione della gara, i verbali e i rapporti tra Comune e Serenissima. Si lavora in segreto per appurare se ci sia stato realmente un giro di mazzette e per verificare l affidamento dell appalto.osc Cinque Giorni - 22 settembre 2011 Riviera Zanardelli 45 Anzio - Tel fax POLIZZE AUTO INFORTUNI MALATTIA COMMERCIO RC DELL IMPRESA RC DEL PROFESSIONISTA VITA FONDI PENSIONE CONVENZIONI CON POSSIBILITA DI TRATTENUTA IN BUSTA PAGA PER I DIPENDENTI DEL COMUNE DI ANZIO REGIONE LAZIO - COLGATE PALMOLIVE ALPLA- ASL RM H ABBOT RECORDATI WHYETH PFIZER SELEX SIGMA TAU ICA FOODS - FIORUCCI O/I PROCTER & GAMBLE - IBI LORENZINI TARIFFE SCONTATE PER GLI ISCRITTI CGIL UIL CISL CNA CONFESERCENTI SOCI COOP- INARCASSA

11 Anzio Space I recenti sviluppi della querelle legata al Consorzio di Lavinio c inducono nuovamente ad incontrare l Arch. Giuseppe Nicolò, presidente del Comitato Dissenzienti che ormai da anni contesta la natura e la legittimità dell Ente. L occasione di tale incontro ci viene fornita dalla recente denuncia per diffamazione a mezzo stampa che Nicolò ha ricevuto dal Presidente del Consorzio Roberto Antinori, ultimo atto di un conflitto che non accenna sedarsi o a trovare soluzione. Presidente Nicolò cosa si prova ad essere denunciato? A essere sincero in questo momento provo rabbia e indignazione, ma non certamente paura. Il Presidente Antinori con questo gesto vuole attuare un azione intimidatoria nei confronti miei e dei Dissenzienti per ridurci al silenzio, ma può stare certo che non ci riuscirà. Sono convinto inoltre che se è arrivato a tanto, significa che ormai le nostre azioni stanno colpendo nel segno e che ormai è dalle parti del Consorzio che cominciano a serpeggiare nervosismo e paura. Del resto noi Dissenzienti abbiamo chiesto al Consorzio solo dei chiarimenti in merito a tutti quei lati oscuri che ci sembra che tale Ente mostri, solo in seguito alle mancate risposte da parte sua e del suo Presidente, abbiamo voluto informare, con le dovute pezze di appoggio, l autorità giudiziaria e la guardia di finanza delle irregolarità amministrative e legali che secondo noi si ravvisano nella natura e nell attività del Consorzio. Avete ottenuto qualcosa? Al momento attendiamo serenamente che le nostre informative abbiano esito, nel pieno rispetto dei tempi e dei modi dell azione della magistratura. Nel frattempo dovrete difendervi... Lo faremo in piena certezza di essere nel giusto e di aver solo cercato di mostrare ai cittadini di Lavinio e di Anzio che il Consorzio non è pubblico e che sperpera denaro che non gli dovrebbe essere neanche erogato. In fondo perché vengo denunciato? Per aver negato la natura di ente pubblico non economico del Consorzio, ma tali enti sono stati espressamente abrogati nella Legge del 6 agosto 2008 n.133, che converte il Decreto legge del 25 giugno n.112 e nella fattispecie l Articolo 26 detto Taglia Enti, quindi come si fa adesso a Lavinio - Space Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno definire di tale natura il Consorzio? Perché il Consorzio è ancora in piedi visto che la legge che ho adesso citato ha abrogato tali enti? Il Comune in merito non ha preso nessuna decisione. Inoltre se il Consorzio è di natura pubblica, i suoi dipendenti dovrebbero versare i contributi all Inpdap, il fondo previdenziale per i dipendenti della pubblica amministrazione. Perché invece un dipendente del consorzio mi ha mostrato una sua busta paga in cui si vede chiaramente che l ente previdenziale di riferimento è l Inps e il contratto che lo inquadra è quello dell edilizia? Dubbi legittimi ma intanto il Consorzio va avanti In maniera del tutto arbitraria dico io! Del resto la stessa Assemblea del 26 giugno quella in cui sono stati deliberati una serie di interventi di manutenzione stradale pari a Euro ,36 - secondo noi è abusiva, dato che nel dicembre 2010 il 50% dei delegati nonché la presidenza sono decaduti. Come fa ad accadere questo? Come può un assemblea illegittima deliberare una spesa simile? Eppure è successo e la spesa è stata approvata all unanimità. La somma deliberata doveva servire per la manutenzione di via Regina Amata, via dello Scoglio, via dei Ciclamini, via delle Rose, via Stella Marina, via degli Anemoni, viale Turchese, via del Pesco, via dei Giornalisti, via Gozzano, via Manzoni, via Oriani, via Leopardi; ma i conti secondo noi non tornano. Infatti, la cifra messa in campo è eccessiva rispetto ai lavori effettivamente realizzati. Infatti, non è stata compiuta nessuna ripavimentazione, ma solo dei rattoppi laddove vi erano buche o dove erano stati effettuati i lavori per la posa delle tubature del gas. Non sono state sistemate caditoie per l acqua piovana ai margini delle strade, né realizzati dei marciapiedi. La cifra deliberata è quindi eccessiva: per i lavori effettivamente svolti sarebbe bastata una somma di Euro e non di oltre ! Tutto questo lo dico con chiara cognizione di causa vista la mia professione di architetto. Le irregolarità non finiscono qui: infatti, ci domandiamo noi dissenzienti, che fine ha fatto la macchina pulitrice costata Euro e mai messa effettivamente in uso perché troppo rumorosa e dai consumi n.34_novembre 2011 DENUNCIATI I DISSENZIENTI DEl CONSORZIO Il presidente del comitato, Giuseppe Nicolò, replica alla querela con documenti alla mano 11 troppo alti? Perché nei bilanci del Consorzio c è il capitolo di spesa carburante che oscilla tra gli Euro 8000 e gli Euro ? Ci sembrano delle cifre folli! Inoltre sono state deliberate cifre per la segnaletica stradale, ma quest ultima deve essere gestita dalla provincia ed è finanziata dalla fiscalità generale, cosa c entra il Consorzio? Perché si devono spendere dei soldi, pagati dai cittadini di Lavinio, per adempiere funzioni già di pertinenza di un altra istituzione? Del resto lo stesso discorso si può fare con la stessa manutenzione stradale che i cittadini di Lavinio mare pagano tramite la Bucalossi al Comune; perché tutti i cittadini di Anzio pagano solo le tasse ordinarie e i cittadini che hanno la sfortuna di avere la casa sul territorio di questo Consorzio pagano una doppia tassazione? Intanto le cartelle della Gerit per mancato pagamento dei contributi consortili continuano ad essere recapitate Verissimo e molti temono per un eventuale ipoteca sulla loro casa, ma ricordiamo a tutti che per poter ipotecare la prima casa, la Gerit, che tra l altro dal primo gennaio 2012 non potrà più esercitare i propri diritti, deve accumulare un credito di almeno Euro , mentre devono essere almeno Euro i debiti che un contribuente ha per vedersi ipotecata la seconda casa. In altri nostri interventi abbiamo già dimostrato che tali cartelle sono abusive. Non invitiamo nessuno a non pagarle ma alla fine questi soldi dovranno essere restituiti ai cittadini. Ci sembrano tutti argomenti ragionevoli e seri, che pongono interrogativi meritevoli per lo meno di risposte in grado di dissipare ogni dubbio Invece tutto quello che ricevo sono solo denunce intimidatorie, ma non mi arrendo di certo. Noi Dissenzienti non ci stancheremo mai di denunciare simili irregolarità, continueremo a chiedere che venga fatta piena luce su questa vicenda. Umberto Spallotta Unisciti al nostro gruppo Anzio-Space su:

12 Lavinio - Space novembre 2011_n Mensile di Informazione Lavinio-Space di Anzio e Nettuno Anzio Space ACQUA: UN DIRITTO PER POCHI Nonostante la vittoria referendaria, agli utenti morosi cartellino rosso sui contatori Sembra che non sia cambiato nulla, eppure 5 mesi fa il popolo sovrano aveva vinto un referendum in modo netto e clamoroso, smentendo decenni di propaganda neoliberista che vorrebbe il servizio idrico in mano ai privati e al mercato. Ad Anzio la questione dell acqua è particolarmente sentita, vista la pessima gestione della società privata Acqualatina che in pochi anni ha accumulato una montagna di debiti, nonostante le tariffe vessatorie che ha imposto ai cittadini. Proprio questa pessima gestione e la convinzione dell inalienabilità del diritto all accesso all acqua da parte dei cittadini - di qualsivoglia orientamento politico - ha permesso la splendida vittoria referendaria e la speranza fondata di superare la gestione privatistica della società controllata dal gruppo francese Veolia e partecipata dai Comuni del nostro territorio. L impegno dei movimenti per l acqua e di tutte le forze politiche e sociali che lo hanno appoggiato non è certo mancato, ma ancora nessun passo concreto è stato compiuto. Il Comune nulla ha fatto per adempiere la Anzio-space cerca collaboratori commerciali. Per informazioni scrivere a: oppure contattare il volontà dei cittadini di uscire da Acqualatina, nonostante la delibera approvata a questo scopo dal Consiglio comunale nel 2007, la mancata sottoscrizione del contratto con la stessa società, le sentenze ripetute che legittimerebbero l uscita da essa, le 1600 firme consegnate al Consiglio comunale per inserire nello statuto del Comune l intangibilità del diritto all accesso all acqua. Così nel frattempo continuano le incursioni dei tecnici di Acqualatina presso le case di cittadini morosi a chiudere rubinetti e istallare riduzioni, terrorizzando famiglie intere in barba di qualsiasi rispetto dei diritti sovrani degli elettori e dello stesso diritto alla vita. A Lavinio la situazione è particolarmente grave. Moltissimi sono i distacchi avvenuti, si possono riconoscere dai cartellini rossi applicati ai contatori colpiti da tali provvedimenti. Se ne possono contare a decine punteggiare i viali del quartiere. Molti distacchi avvengono presso utenze che per anni non hanno pagato le tariffe dovute, ma spesso si vanno a colpire interi condomini, e si reclamano cifre fuori da ogni controllo che superano anche le decine di migliaia di euro. L impressione è che Acqualatina scarichi sugli utenti l ammontare enorme dei suoi debiti. Un condominio di Passeggiata delle sirene si è dovuto accordare per rateare una cifra pari e Euro I condomini ammettono di non essere stati per nulla attenti al pagamento delle bollette, probabilmente favoriti dalla pessima e squalificante gestione dell acquedotto di Carano, ma la cifra è enorme, e ora pur avendo pagato circa la metà dell importo non sanno più come fronteggiare il debito. Negli anni scorsi - ci dicono - il consumo schizzò in alto anche per una perdita non rilevata, poi ci siamo accordati con il gestore per rateizzare l importo ma è incredibile quanto debito abbiamo accumulato, e ora non ce la facciamo più. Sembra che da quei rubinetti invece che acqua esca oro fuso. Altri cittadini chiudono il contatore con degli sportelli sigillati tramite lucchetto, sperando in questo modo di tenere lontani i tecnici della società Acqualatina. Altri fronteggiano di persona i tecnici, in un clima che rischia di diventare sempre più teso. Le persone sono impaurite di fronte alle minacce di distacco che arrivano con inquietante regolarità, il panico in questo caso aiuta Acqualatina che così può riscuotere almeno parte di quanto esige a danno spesso di famiglie già alle prese con le difficoltà tipiche di questa congiuntura economica, con il lavoro che scarseggia, le tasse che aumentano, i servizi sociali che vengono ridotti. Secondo quanto stabilito dal referendum di giugno, la società che gestisce il servizio idrico dovrebbe rinunciare ai suoi profitti. Le bollette dovrebbero essere ridotte del 7%, vale a dire di quella remunerazione del capitale investito che è stata abrogata dal referendum stesso. Dovrebbe essere l Agenzia nazionale di vigilanza sulle risorse idriche a disporre questa riduzione, intimandola all Ato4 e ad Acqualatina, e lo dovrebbe fare in nome dell obbedienza alla legge. Dal Comitato acqua-pubblica ci fanno sapere che è in arrivo una mobilitazione a questo riguardo e invitano tutti i cittadini ad informarsi presso sportelli o banchetti che verranno allestiti proprio per far rispettare l esito del referendum e dare sollievo alla popolazione. I residenti di Lavinio (come degli altri quartieri) potranno quindi disporre di punti d informazione e azione legale. Ovviamente i debiti pregressi andranno onorati, ma per il futuro le bollette dovranno essere necessariamente ridotte, nell attesa che l acqua torni in mani pubbliche e venga gestita con criteri trasparenti, partecipati e senza procurare profitti o gravare sulle tasche di sfiniti cittadini. U. S.

13 Anzio Space Space - Politica Mensile di Informazione di Anzio e Nettuno QUESTO PORTO NON CI SALVERÀ PETRICONI, ESPONENTE DEL PD ESPRIME FORTI DUBB sull opera dal piano economico all impatto sulla città n.34_novembre Da anni lei è impegnato, prima da comune cittadino, poi come dirigente del PD, in una lunga battaglia contro il progetto di porto del centro destra. Al punto in cui siamo cosa pensa in proposito? Non vedo come possano realizzare il porto di cui parlano da 15 anni vista la crisi che non ha salvato la nautica e lungo le banchine vediamo solo barche in vendita per una drammatica riduzione di disponibilità di denaro, per i costi del carburante e perché la gente ha altro a cui pensare oltre la nautica. Siamo a terra, e invece che perseguire un porto misurato alla città, realizzabile rapidamente, continuano a perdere tempo prezioso con un mega progetto che difficilmente troverà compratori, ultimo sussulto di una politica fatta per faccendieri, speculatori e non per chi ha a cuore la società civile. Con l accordo di programma la strada della privatizzazione del porto è presa: pagare con posti barca la ditta che eseguirà i lavori costituirà di fatto una privatizzazione, che molto probabilmente avverrà anche formalmente visto che il Comune, ancor prima di iniziare, non riesce neanche a pagare la tassa di concessione sulle aree portuali senza ricorrere al credito. Dovremmo quindi iniziare a interrogarci su quanto sia costata finora la Capo d Anzio, su come si rifletterà la fideiussione sul futuro bilancio comunale e se si potranno sostenere i costi annuali di concessione e di continuo e-scavo di un opera gigantesca. Quindi secondo lei rischiamo un pasticcio? Comincia a preoccuparsene perfino Il Granchio che inizia a esprimere dubbi sul piano economico dell opera, e a dire che in caso di difficoltà nelle vendite dei posti barca sia meglio lasciar perdere. Ma a spaventarmi ancor di più sono gli intenti e le dichiarazioni della Capo d Anzio quando parla di rinuncia a rendite di posizioni da parte di alcuni. A chi si riferisce? A chi lavora nel centro storico, perché la città avrà un nuovo padrone privato, e i cantieri, gli ormeggiatori e tutte le attività che insistono sul porto compresi commercianti e ristoratori dovranno farci i conti. Persone a cui privatizzando di fatto il porto ruberanno il futuro e che non vorremmo vedere incatenarsi per non lasciare le proprie attività. A proposito di contrapposizioni, è vero che il centro sinistra non vuole che Anzio abbia il porto? Abbiamo a cuore il rilancio della portualità, ma non accettiamo di svendere la città come avvenuto per il Piano Regolatore che ci ha sommerso di cemento, tanto che persino l assessore all edilizia Garzia inizia a riconoscere che l orrenda villettopoli stia distruggendo ogni nostra vocazione turistica. Noi abbiamo sempre cercato di trovare soluzioni condivise a favore degli interessi della città, trovando però sempre un muro di chiusure e arroganza. A dimostrarlo basterebbe ricordare di quando Montino venne ad Anzio in un assemblea per spiegare le tesi della Regione: il centro destra invece di accettare il confronto cercò la rissa e lamentandosi su come si sarebbero potuti mettere con la Corte dei Conti per i soldi spesi per un progetto da rifare daccapo, rifiutò la proposta di Montino per una soluzione condivisa. Non pensa che il progetto di porto del centrodestra porterebbe comunque lavoro? Lo ha portato alla Maddalena o all Aquila? Il lavoro è una cosa seria e non un gioco per imbonitori. È vero che il megaporto sarà un opera gigantesca, ma credo fatta di lavori soggetti a subappalti selvaggi e che, come già avvenuto per il Piano Regolatore, alla città porterà molto poco. Quando il centrodestra sostiene che i posti barca sono appetibili perché il mercato della nautica è comunque di nicchia avrebbe dovuto porre maggiore attenzione nel misurarne l intervento: molti imprenditori edili, per esempio, dicono che il Piano di Costruzione del PRG non doveva partire tutto insieme, per cui sarebbe stato meglio sistemare il vecchio bacino realizzando magari posti barca a basso impatto invece di 1.200, e lasciare al futuro decisioni su possibili ampliamenti. In che modo l opera dovrebbe essere legata al resto della città e alle periferie? Un porto sovradimensionato inghiottirebbe le periferie e probabilmente accentuerebbe gli storici problemi di erosione e insabbiamento. Sistemare il nostro storico porto realizzando nell esistente molo Pamphili un elegante marina turistica valorizzerebbe invece l intera città. Hanno sbagliato distruggendo le nostre vecchie piazze, hanno perseverato con il Piano Regolatore ed ora insistono con un porto che andava dimensionato e a cui doveva corrispondere un PRG che avesse previsto al massimo mille ville di pregio e non cinquemila villette di bassa qualità. Dobbiamo puntare sulla qualità e resistere a questi fenomeni al ribasso e per riuscirci abbiamo bisogno di una nuova classe politica che sappia dare discontinuità. Questo è il compito che il centrosinistra saprà e dovrà assumersi per andare a vincere le prossime elezioni sia ad Anzio che a livello nazionale. Red

14 Space - Giovani novembre 2011_n Mensile di Informazione Space-Politica Lavinio-Space di Anzio e Nettuno Anzio Space DOVE SI VA, COSA SI FA QUESTA SERA? Molti raggiungono le discoteche di Roma e Latina e tra quelli che restano alcuni stanno bene altri si accontentano I giovani e il divertimento... sembrerebbe una combinazione naturale. Da sempre i giovani cercano modi per divertirsi e per trascorrere piacevolmente il loro tempo libero in compagnia di amici, ed ovviamente le mete più gettonate sono i locali, in primis pub e discoteche. Giovani e divertimento, però, sono un connubio difficile da trovare in una cittadina come Anzio priva, per molti aspetti, di quei luoghi che tendenzialmente vengono definiti di svago per i giovani (di discoteche vere e proprie nel territorio neppure l ombra). Sono pochi, di conseguenza, i ragazzi che la sera, soprattutto nel week-end, restano ad Anzio, preferendo ad esempio la vicina Nettuno, indirizzandosi prevalentemente verso il famoso borgo. In questo angolo della cittadina è facile incontrare un gran numero di giovani delle età più disparate, ma se gli si chiede se sono soddisfatti di quello che il luogo offre per il divertimento, la risposta è quasi sempre: no. Ovviamente a lamentarsi di più sono quelli che hanno dai 16 anni in su. I più piccoli devono accontentarsi - se pure controvoglia - di quello che il posto offre; mentre i ragazzi più grandi nella maggior parte dei casi passano ad Anzio, e soprattutto a Nettuno, la prima parte della serata, intrattenendosi con gli amici in piazza o nei pub per partire poi, verso la mezzanotte, alla volta delle discoteche. Molti si spingono anche fino a Roma pur di passare una serata in discoteca, anche se le più gettonate restano quelle di Latina, di sicuro più vicina rispetto alla Capitale. Una cittadina come Anzio, quindi, sembrerebbe più adatta a quelle persone che ai locali preferiscono una serata in pizzeria, una birra al pub e una tranquilla passeggiata per il porto; e sono molti quelli che trascorrono le serate così, anche se in molti casi sono quasi obbligati a impegnare il tale modo il loro tempo libero in quanto impossibilitati a raggiungere mete più lontane come Roma. C è da dire, però, che in generale le statistiche affermano che la maggior parte dei giovani (circa il 36%) predilige pub e birrerie alla discoteca (che è invece preferita dal 18% dei giovani) e che addirittura quasi il 21% dei ragazzi resta a casa in compagnia di amici. Allora una serata in un posto come Anzio o Nettuno è davvero così insopportabile? Forse sono semplicemente i giovani che non sanno più divertirsi senza lo sballo della discoteca, la musica ad alto volume e l alcol che scorre a fiumi? Perché, in fondo, come si dice: l importante non è il luogo, ma la compagnia! Jessica Quaranta Sopravvive ai cambiamenti, aiuta i giovani a conoscere il valore del denaro LA PAGHETTA NELL ERA DELL I-PAD Noi giovani troviamo sempre il modo di divertirci... ma siamo poi così autonomi sotto l aspetto economico? Le paghette settimanali, di sicuro, possono aiutare, ma analizziamo insieme dal principio. Un problema che spesso i genitori si pongono è se, quando, come e quanto dare come paghetta ai propri figli. Insegnare ai bambini di oggi il valore dei soldi è una cosa abbastanza complicata: sono troppi gli esempi negativi che la televisione, lo show biz e la società in generale ci propongono. Ad ogni modo non è un impresa impossibile ed anzi è bene cominciare fin dai primi anni di vita del bambino a impostare un regime serio e preciso riguardo alle spese di casa e alle situazioni economiche. Quindi, non è detto che ogni desiderio del vostro bambino debba essere esaudito immediatamente solo perché così fanno tutti: è un atteggiamento sbagliato che oltre a creare figli viziati, non li rende consapevoli dell importanza che i soldi hanno e che non crescono sulle piante. Lo scopo principale della paghetta è, infatti, quello di aiutare i bambini a gestire il denaro quando ancora possono essere guidati. In alcune famiglie viene dato solo quello che chiedono e la paghetta non viene presa in considerazione; ma alcuni genitori pensano che con questo metodo i figli possano non comprendere il valore del denaro e non sapere neppure amministrarlo. Può essere un problema se in famiglia non c è abbastanza denaro da dividere, ma basta anche una somma davvero esigua per dare un senso di responsabilità al bambino. La paghetta può essere guadagnata, facendo anche dei lavori extra in casa. Bisogna prestare attenzione, però, se la paghetta di vostro figlio è molto inferiore alla media dei suoi amici, in questo è necessario uniformarsi, sempre tenendo conto delle possibilità della famiglia. Se, al contrario, è molto più alta della media, questo può causare risentimenti e gelosie. La somma di denaro che un bambino riceve come paghetta di solito aumenta man mano che crescono la sua età e il senso di responsabilità. Crescendo si capisce che anche i divertimenti si pagano. Dai lavoretti extra in casa si passa ai lavoretti fuori casa. Tra i ragazzi che studiano, chi no, chi lavora full-time o part-time, in qualche modo si trova sempre la soluzione per avere qualche soldo per i propri divertimenti. Ricapitolando: 1. la paghetta può essere un modo efficace per insegnare a vostro figlio a essere responsabile; 2. bisogna permettere ai figli anche di sbagliare; 3. se dimostra di sapersi amministrare bene, dategli la vostra approvazione, o un extra. La nostra società è in continuo movimento: cambia, evolve, inevitabilmente. Parte tutto da una piccola scintilla, lentamente, come le più grandi riforme della storia. I giovani devono imparare ad adattarsi. Da piccoli si indica loro la via; da adolescenti si dice loro di proseguire da soli. Tutto ha un prezzo, ma siamo sicuri di dare a tutto il giusto valore? Melania Maranesi

15 Anzio Space Space - Cultura n.34_novembre 2011 Mensile di Informazione Space Space-Politica /Associazioni di Anzio e Nettuno Roma ricorda l arrivo degli alleati nel 1944 con 300 foto inedite, mappe e filmati LO SBARCO DI ANZIO IN MOSTRA AL VITTORIANO Trecento foto inedite, tutte in bianco e nero, raccontano lo sbarco di Anzio. Scatti unici che riportano la mente indietro nel tempo a quel lontano 22 gennaio 1944, quando in piena seconda guerra mondiale gli alleati americani sbarcarono sul litorale romano per liberare la Capitale. Oggi Roma ricorda quell evento storico con una mostra dal titolo 22 gennaio Lo sbarco, allestita fino al 27 novembre nel salone centrale del complesso del Vittoriano di Roma. Un occasione per immergersi nel racconto della nostra storia recente, ma anche per ricordare i numerosi comuni del territorio laziale che furono teatro di battaglie, di bombardamenti e di resistenza proprio come Anzio e Nettuno. L esposizione, ideata e curata dal professor Umberto Gentiloni Silveri, segue cronologicamente le fasi dello sbarco, i difficili mesi di scontri tra l esercito tedesco e le forze alleate nella zona tra il litorale e la campagna a sud est di Roma e infine gli avvenimenti che si snodano nelle settimane del maggio 1944, sino alla liberazione di Roma e della provincia. Una mostra unica che conduce il visitatore in una sorta di viaggio storico attraverso le foto, ma anche le mappe, i filmati e i documenti dell epoca. Le fotografie aiutano a ricostruire quei mesi cruciali: la vita dei soldati e dei civili, la devastazione dei bombardamenti, i momenti concitati che seguirono alle due del mattino del 22 gennaio 1944, quando le truppe americane, con l operazione Shingle, arrivarono sulle coste laziale per aggirare le linee difensive tedesche e raggiungere la Capitale. Ecco allora che l obiettivo della macchina fotografica immortala lo sbarco dei mezzi anfibi, i civili in fuga dalle zone di guerra, un pallone di sbarramento antiaereo che sorvola il Paradiso sul mare di Anzio, via Gramsci devastata dalle bombe. Ci sono poi le foto dei prigionieri tedeschi in marcia verso il porto di Anzio, la chiesa dei SS. Pio e Antonio tra le macerie, i soldati americani in marcia verso il Colosseo. Tutto il materiale video, cartografico e fotografico esposto al Vittoriano proviene dall Istituto Luce e dagli archivi delle principali nazioni coinvolte nel conflitto: i National Archives e l Imperial War Museum del Regno Unito, i National Archives and Records Administration di Washington, i Bundesarchiv di Berlino. Abbiamo messo al centro dell attenzione due realtà come Anzio e Nettuno - ha dichiarato Nicola Zingaretti, presidente della Provincia durante l inaugurazione della mostra - perché la storia del mondo è cambiata anche grazie a quanto avvenne quel giorno. Siamo talmente immersi nella storia che a volte non ce ne rendiamo conto, invece dobbiamo valorizzarla perché un Paese e una comunità senza memoria sono fragili e malati. La mostra fa parte della terza edizione di La Provincia delle Meraviglie. Alla scoperta dei tesori nascosti, promossa dalla Presidenza della Provincia di Roma, in collaborazione con l assessorato alle politiche culturali, l assessorato alle Politiche del Turismo dello Sport e delle Politiche Giovanili e l Assessorato alle Politiche dell Agricoltura. È aperta al pubblico dal lunedì al giovedì ; venerdì e sabato ; domenica L ingresso è gratuito. Luisa Calderaro INAUGURAZIONE ARCHEOIMMAGINI Il 7 ottobre, nella Sala delle Conchiglie del Museo Civico Archeologico di Anzio, è stata inaugurata la rassegna fotografica Archeoimmagini. Giusi Canzoneri, direttore del MCA, nonché ideatrice e responsabile dell allestimento, ha presentato ai visitatori i fotografi e i curatori dell Associazione Culturale Lo spazio espositivo di conservazione e tutela dei reperti archeologici si è trasformato in uno spazio animato dalle incursioni dell arte contemporanea e da un sistema di relazioni che coinvolge attivamente il visitatore. Gli autori delle 24 fotografie e i visitatori infatti hanno potuto riscoprire e indagare, da un punto di vista soggettivo e radicato nel presente, le tracce della nostra storia antica. L evento realizzato dal MCA di Anzio e dall Associazione culturale si è concluso da pochi giorni, ma vi anticipiamo che ci sarà una seconda edizione. Il Presidente della 00042, Andrea Mingiacchi, auspica nuovamente una forte partecipazione dei giovani.. Manuela Vela

16 Autoctoni di nome e di fatto. Quattro ragazzi provenienti dalla palude (non solo geografica) della provincia di Latina, si fanno chiamare Agro Sound System. Convinti che la musica possa unire le persone e dar vita a riflessioni, esprimono i loro messaggi attraverso gli accordi in levare del reggae e le sonorità ipnotiche del dub. Oltre dieci anni di attività fanno degli Agro Sound una delle esperienze più importanti e più durature del panorama musicale che si autoproduce fuori dalla metropoli capitolina. Offrendo armonia e buona musica a quanti hanno la fortuna di assistere alle loro performance, Tonino, Franz, Davide e Mikol, usano la musica come strumento di socialità e di scambio, convinti che l incontro con gli altri sia Space - Cultura novembre 2011_n Mensile di Informazione Space-Politica Lavinio-Space di Anzio e Nettuno Anzio Space Oltre 10 anni di attività alle spalle. Il gruppo musicale conquista con le note reggae e del dub AGRO SOUND SYSTEM la base della conoscenza di se stessi e del saper vivere in sintonia col resto del mondo. Le loro selezioni sono una continua ricerca di qualità sonora e compositiva con una grande attenzione ai contenuti delle liriche e ai messaggi. Il reggae che diffondono gli Agro Sound non si limita alla terra natale del genere che produce vibrazioni da ormai molte generazioni, la Giamaica, ma parte dall Africa, arriva all Europa e attraversa addirittura le culture Caraibiche, a dimostrazione del fatto che il Sound System pontino intende varcare in ogni spettacolo i confini di Stati e continenti, lanciando così messaggi di emancipazione, di libertà, di lotta e di pace universale. L impegno degli Agro Sound è cresciuto notevolmente con l apertura dell Officina culturale EX MATTATOIO di Aprilia, luogo che negli ultimi anni ha visto la nascita e l evoluzione di moltissime esperienze musicali provenienti dal territorio. Ed è proprio quello dell EX MATTATOIO il palco che ha ospitato più volte Al cinema dal 21 ottobre il film di James Gunn gli Agro Sound, portandoli a collaborare (molte volte come principali organizzatori degli eventi) con quanto il miglior reggae italiano (ma non solo il reggae) ha da offrire. Stiamo parlando di Bunna degli Africa Unite, dei Bisca con Zulu dei 99 Posse, dei Taxi 109, di Brusco. Negli ultimi tempi i quattro ragazzi sono impegnati nella realizzazione di un progetto radiofonico online che già produce buoni frutti, chiamato per l appunto radioagrosound. Quest ultima iniziativa, oltre a diffondere on air la musica reggae nel nostro territorio, ha l obiettivo di offrire ai giovani talenti uno spazio dove far sentire la propria voce e favorire così la crescita delle nuove generazioni avvicinandoli al mondo musicale in genere, uno spazio dove mettere a frutto l esperienza e maturarne di nuove, scoprendo vene artistiche spesso accantonate per carenze sociali o semplicemente per i pochi spazi attrezzati. Per saperne di più ed ascoltare i loro mixtape, nonché per assaporare la creatività e la determinazione degli Agro Sound non possiamo che rimandarvi all indirizzo augurandovi un buon ascolto e un buon giretto per il mondo che la musica vi offrirà. Valerio Bruni Superviolenza sotto il nome di giustizia Il protagonista di questo film comico, un ostinato uomo di mezza età, è stato derubato della sua bella moglie da uno spacciatore. Scioccato dall avvenimento, e per combattere il male che lo circonda, decide di indossare un costume fatto a mano e diventare un supereroe dal pittoresco nome, Saetta Purpurea. In questo film troviamo la stessa idea del film catartico Kick-Ass, che vuole rappresentare la giustizia ideale. Allo stesso modo Super rappresenta la violenza sotto il nome di giustizia e lascia un po l amaro in bocca. La storia comincia con due avvenimenti positivi nella vita di Frank: si è sposato con Sarah, una donna bellissima, e ha aiutato i poliziotti ad arrestare un ladro. Passati i momenti felici, Frank vive nel dolore perché perde un legame privato e uno sociale. In questa triste situazione il protagonista cerca nella società la causa della sua sofferenza e arriva a sentire addirittura la voce di Dio che lo guida e gli dice cosa fare. Frank è una persona normale ma non può vivere delle contraddizioni. È una persona seria come Bicke, il protagonista di The Assassination (2004), che non può mentire. Bicke non sopporta neppure l attività commerciale in cui lavora e dove è costretto a raggirare i clienti. Così smette di lavorare e cerca di assassinare il Presidente Richard Nixon, ai suoi occhi rappresentante delle ingiustizie sociali. Bicke crede di non poter vivere bene a causa delle ingiustizie sociali. Ma l ossessione di Bicke è soltanto soggettiva. Possiamo capire l ossessione di Travis, il protagonista di Taxi Driver (1976) perché se non ci fosse stata la guerra del Vietnam, Travis non sarebbe mai andato alla ricerca della giustizia. Nei casi di Bicke e Frank non esiste una causa esplicita che li spinga a questa ricerca ed è solo un emozione soggettiva che li muove. Per questo motivo gli spettatori non appoggiano sempre il loro comportamento, che sembra quasi produrre violenza sotto il nome della giustizia. Le loro azioni sono comiche ma slittano inutilmente in un sentimento amaro. Chi vuole vivere sul serio non può vivere bene nella società. Chi vive bene nella società non può raggiungere la giustizia sociale. Yoshiro Izumi

17 Anzio Space Space - Cultura n.34_novembre 2011 Mensile di Informazione Space /Associazioni di Anzio e Nettuno A Roma, vicino lo stadio olimpico, la mostra dedicata all anatomia umana IL VERO MONDO DEL CORPO UMANO Dal 14 settembre al 12 febbraio 2012 le Officine Farneto di Roma ospitano la mostra itinerante Body worlds: il vero mondo del corpo umano, che dopo aver girato il mondo fa tappa per la prima volta in Italia. L esposizione raccoglie circa 200 opere dell anatomopatologo tedesco Gunther von Hagens. Le virgolette sono d obbligo perché le opere, almeno dal punto di vista materiale, altro non sono che organi e corpi umani plastinati, ovvero sottoposti ad un processo di conservazione ad invenzione dello stesso von Hagens che trasforma il materiale organico sostituendo ai liquidi biologici polimeri di silicone, al fine di mantenerne intatte le caratteristiche estetiche e, allo stesso tempo, interrompere il processo di decomposizione. La ovviamente controversa mostra ha scopo, a detta dello stesso von Hagens, di sensibilizzare e informare sia sulla fisiologia del nostro corpo, sia sulle adeguate cure e attenzioni da seguire per una vita sana. I plastinati spaziano da singoli organi, o parti di essi, fino ad interi corpi messi a nudo, in posizioni di peculiare interesse per i temi delle singole sale, che in una lezione quanto mai realistica di anatomia ripercorrono i vari apparati del corpo umano - da quello scheletricomuscolare a quello nervoso, passando per l apparato cardiocircolatorio, centro tematico dell esposizione romana. Al di là dei singoli organi, o apparati, gli elementi che catturano assolutamente l attenzione del pubblico sono comunque i plastinati integrali. Intere figure umane, prive degli strati superiori di grasso e pelle, per mostrare muscoli e altri organi in particolari figure atte a svelare la bellezza e complessità del nostro corpo, mostrando tutto quello che è nascosto alla vista. Una mostra del genere non è certo una di quelle che non scatenano polemiche: dalle organizzazioni religiose, che la dichiarano irrispettosa a chi mette in questione la legalità delle operazioni di Von Hagens, richiedendo che l esposizione venga gestita mediante particolari quadri legislativi in quanto non composta di semplici oggetti. Nonostante le polemiche, peraltro non sedate, e le eterne discussioni che si potrebbero generare su un evento simile, restano dei dati di fatto: decine di migliaia di persone hanno fatto -e continuano a fare- la fila davanti ai plastinati, e molte migliaia di queste hanno fatto domanda per donare il proprio corpo all esibizione ed essere loro stessi trasformati (ovviamente post mortem!) in opere da esibire, come lo stesso Von Hagens che, malato di Parkinson, ha dichiarato che farà plastinare il suo corpo per dare il benvenuto ai visitatori della mostra, è il caso di dirlo, per sempre ed oltre. Gino Querini 10 giugno 1981: Alfredino Rampi e Roberto Peci soli sotto l occhio della tv L INIZIO DEL BUIO, DI WALTER VELTRONI L inizio di tutto, l inizio del buio. Walter Veltroni, politico e giornalista, nel suo nuovo libro, L inizio del Buio, edito Rizzoli, racconta due fatti di cronaca che l 11 giugno 1981 hanno segnato l Italia e hanno cambiato il modo di fare informazione. Due storie parallele che si intrecciano: quella di un bimbo di sei anni, Alfredo Rampi caduto in un pozzo, e di Roberto Peci, fratello di un pentito, sequestrato dai terroristi. Entrambi saranno sotto l occhio della tv, che racconterà la loro agonia portando nelle case degli italiani dolore, speranza, paura. Tutto in diretta. È l 11 giugno 1981, poco dopo le 13, l Italia resta paralizzata davanti alla tv. Alfredo Rampi cade in un pozzo a Vermicino, vicino a Frascati. Il suo pianto, l urlo di paura e disperazione, entra in tutte le case del Paese. Un urlo che da trent anni è ancora impresso nella memoria degli italiani, che per giorni sono rimasti incollati alla tv per seguire l interminabile diretta. Anche il Capo dello Stato, Sandro Pertini, partecipa a quell attesa comune e si reca a Vermicino. Ma alla fine ogni tentativo di salvare Alfredino fallisce, e il bimbo che aveva lottato fino all ultimo muore risucchiato da quel buio di cui aveva tanta paura, perché quando i grandi lo raggiungono ormai è troppo tardi. Mentre Alfredino precipita nel pozzo, nel tardo pomeriggio del 10 giugno Roberto Peci, fratello di Fabrizio, pentito delle Br, viene sequestrato, rinchiuso nel bagagliaio di una 127 e portato nella prigione del popolo, dove le Brigate Rosse l avrebbero processato e ucciso. E sono gli stessi brigatisti ad adeguare le modalità del sequestro alle nuove regole comunicative, usando l occhio della telecamera a loro vantaggio come faranno i terroristi di al-qaida. Con queste due storie scrive Veltroni per la prima volta le notizie travolgono il palinsesto: mettono fine a quel saggio equilibrio d informazione, spettacolo, divulgazione, sport che aveva fatto della tv pubblica italiana un modello La tv fa irruzione, armata della sua potenza, nella vita reale delle persone reali. Da quei giorni di giugno nessun diaframma resisterà alla pretesa del mezzo televisivo, sospinto dal crescente voyeurismo del pubblico, di entrare in ogni anfratto della vita individuale. Comincia con lo tsunami del giugno 1981, un onda nera, una coltre di buio che porterà a Cogne, ad Avetrana, a Brembate. Veltroni racconta con lo scrupolo di un reporter le due storie, ripercorre i luoghi, intervista i protagonisti, rivela aspetti inediti e coglie nei due episodi l inizio di quello che sarebbe diventata la tv: il grande occhio che trasforma la realtà in reality. Luisa Calderaro

18 Space - Donna novembre 2011_n Mensile di Informazione Space-Politica Lavinio-Space di Anzio e Nettuno Anzio Space Varapodio. Oppido Mamertina. Melbourne. Tre città. Due Nazioni. Tante storie. Una vita Incipit. Il giorno, senza confusione, ha da poco ceduto il suo bagliore. Non è giorno. Non è notte. Io mi trovo al di là della strada. Al di là del racconto. Al di là del viaggio. Sono le diciottoequarantaminuti di venerdì tre ottobre duemilaundici. Sono in ritardo. Non mi succede mai. Indosso le Bensimon nere che mi hanno comprato a Parigi, Saverio e Marco. Adoro le Bensimon. Di tutti i colori. Adoro le Bensimon. In tutte le stagioni. Amo i miei amici. Marco e Saverio. La notte aspetta. Ha bussato lentamente. Io aspetto. Ho suonato. Una voce maschile domanda chi sono. Pronuncio il mio nome. Mi raggiunge un esclamazione - ah si -. Spingo il cancello. Supero la macchina parcheggiata all interno. Mi fermo. Incontro il giardino. Silenzio. Cespugli di Ocimum basilicum segaligni. Qualche memoria di foglia lanceolata e un accenno di fiori. Bianchi. Bilabiati con il labello superiore lobato. Ciuffi di Origanum majorana. Sparsi. Sopra. Sotto. Agonizzanti. Costretti agli eventi e ai venti. Hanno ceduto il lusso della vita alla volgarità della morte. La morte è sempre volgare. Volgare e repellente. La morte e il suo prologo. Negano il corpo. Elogiano la sofferenza. Non ho più tempo di pensare. Rifletto. Chiudo gli occhi. Abbandono il giardino. Incontro una scala. Apro gli occhi. Vedo Fortunata. Bianca. Viso diafano. Capelli lisci striati di biondo raccolti dietro la nuca. Fine. Si, un appeal raffinato. No, non la conosco. E la prima volta che la incontro. L ho contattata attraverso Facebook. Le ho chiesto se potevo intervistarla. Semplicemente. Lei semplicemente mi ha risposto - va bene -. Mi accoglie come si accoglie l amica di sempre. Rimango qualche minuto sul ballatoio. In alto. Lo sguardo in direzione del giardino. In basso. Fortunata indugia a descrivere i lavori di restauro appena terminati. Mi parla del caos. Della confusione. Della dis-organizzazione. Della vita, dentro e fuori, la casa. Mi presenta Vincenzo. Suo marito. Vincenzo ha il computer acceso e indossa i pantaloni corti. E lui che mi ha aperto il cancello. Vincenzo mi stringe la mano senza parlare. Subito chiedo a Fortunata se per lei va bene sederci fuori. Ho bisogno di intimità. Di lasciare dentro la casa il computer. Vincenzo. La penombra. Il soggiorno. Gli odori della vernice. Gli sguardi. Fortunata mi propone l alloggio di Mimmo, suo fratello che divide e condivide con lei la palazzina. Mimmo, Domenico per gli amici. Fratello affettuoso. Una famiglia. Grande. Tradizionale. La sua. Una famiglia. Due figli che si aiutano. Si rispettano. Si amano e si sostengono. Un fratello e una sorella che si confidano e si fidano. Mimmo e Fortunata. Fortunata e Mimmo. Entriamo a casa di Mimmo. Sono in curiosità. Si respira un aria di ricerca. Di studio. Osservo. Commento. Annuisco. Ci sediamo. Io sul divano. Fortuna sulla sedia davanti a me. Dietro i libri di Mimmo. Mimmo non c è ma c è. Mimmo è sempre presente. Mimmo il fratello che le vuole bene. Che l ascolta. Appena mi siedo mi invadono le malefiche Aedes albopictus. Mi pizzicano in ogni dove. Fortunata comincia a raccontare la RITRATTI DI DONNA FORTUNATA sua storia. Viaggi. Trasferimenti. Andata e ritorno. Varapodio-Melbourne. Melbourne-Varapodio. Nel millenovecentocinquantatre Elvira e Vincenzo, madre e padre di Mimmo e di Fortunata si sposano e partono subito per l Australia. Il fratello di Elvira, Vincenzo Barca, ha avviato un ristorante San Marco e dunque attraverso l Atto di richiamo riesce a far emigrare dalla Calabria i novelli sposi. Nel millenovecentosessantre Elvira ritorna a casa. Il quattordici novembre nasce Fortunata a Oppido Mamertino a settanta chilometri da Reggio Calabria. A Varapodio non c è un presidio ospedaliero. Le levatrici che ti fanno partorire a casa non ci sono più. Dopo quindici mesi Elvira, Vincenzo e Fortunata ritornano a Melbourne. E il millenovecentosessantacinque. Fortunata frequenta la scuola inglese. Parla inglese. Torna in Italia nel millenovecentosettantuno. Tantitantitanti cambiamenti. Andata e ritorno. Andata e ritorno. Andata. Ritorno. L adolescenza. Luogo della realizzazione di un identità adeguata in un contesto in-adeguato. A volte luogo delle contraddizione confluenti. Degli opposti. Eros e Thanatos. Dei conflitti. Amore e odio. Temi antichi. Elaborazioni moderne. Non ho spazio per le domande. Non ho Domande. Non ho risposte. Fortunata è anarchica. Segue il suo percorso. Il suo destino. Il suo filo rosso. Senza indugio. Parlaparlaparla. Io la guardo. Fortunata ha quarantotto anni. Fortunata ha mille anni. Fortunata ha dieci anni. Entra Stefano. Suo figlio. La sua vita. Fortunata diventa mamma. Stefano è figlio. E uomo. Intelligente. Bello. Suona. Studia psicologia. Lavora. Fortunata lo guarda. Stefano. La disperazione. La speranza. Il futuro. Vincenzo. Fortunata. Stefano. Una famiglia di intese. Dialogo. Attese. Dolorose. Struggenti. Processo del mutamento che Klimt pativa profondamente. Fortunata una donna. Una vita dal decadimento alla rinascita, l esatto contrario di ciò che scriveva D Annunzio - La prima fase della vita è caratterizzata dalla possibilità di metamorfosi infinite, l ultima dalla immutabile uniformità, nella quale non si può sfuggire al confronto con la realtà: la prima fase è caratterizzata dal sogno...l ultima dall impossibilità di sognare. Per Fortunata un percorso inverso. Come descriveva Klimt in le tre età della vita - la senescenza-fine non rappresenta l evento bensì la partenza, la prefazione al rinnovamento. Un processo inverso: dalla vecchiaia alla crescita. Fortunata una donna vecchiagiovanebambina. Fortunata. Occhi tristiallegriarrabbiati. Fortunata un corpo deboleforteresistente. Fortunata oggi vive ad Anzio. Ha la sua casa. Un giardino che aspetta. Dentro. Fuori. Sotto. Sopra. Fortunata adesso tacetacetace. Non ha più parole. Solo pensieri. Solo desideri. Prendo la macchina fotografica. Alcune resistenze. Sono brutta dice e poi con un gesto da bambina sfiora la nuca con la mano destra e subito sulle sue spalle fortifortiforti si aprono silenti i lunghi capelli lisci striati di biondo. Un sorriso. L incipit. Giusi Canzoneri QUESTO SPAZIO PUò ESSERE TUO!!!! Per informazioni:

19 Anzio Space Space - Donna n.34_novembre 2011 Mensile di Informazione Space /Associazioni di Anzio e Nettuno LA RICETTA DEL MESE Coppe di amaretti, castagne e mascarpone Ingredienti per 4 coppette: -50 gr di amaretti - 1 bicchierino di amaretto (liquore) - 50 gr di burro gr di castagne grandi o marroni gr di cioccolato fondente gr di mascarpone - 1 bustina di vanillina gr di zucchero a velo Lo sapevi che... Qualche goccia di limone nell olio caldo assicura una frittura croccante. Per verificare la qualità del caffè basta versarne un cucchiaino in acqua. Se sale tutto a galla si avrà la garanzia che è buono. Per rendere morbidi polipi e seppie basta metterli sotto sale per circa un ora e poi sciacquarli prima di cuocerli. La besciamella resterà più morbida se verrà preparata con metà farina e metà fecola di patate. Spesso il grana o il parmigiano, dopo un po di tempo in frigo, si seccano. Per evitare ciò è sufficiente avvolgere il formaggio in un canovaccio imbevuto di acqua e vino. Per pelare facilmente i peperoni una volta cotti metterli ancora caldissimi in un sacchetto di carta che, a sua volta, andrà in un sacchetto di plastica. Lasciarli freddare chiusi così. Per cuocere al meglio gli gnocchi e la polenta l acqua non deve bollire. Se hai un termometro l acqua deve raggiungere la temperatura di 70 C. Per evitare che i legumi non diano disturbi all intestino non bisogna metterli a bagno. Questo perché stare molto in acqua fa sì che, al loro interno, si crei un germoglio. Per conservare il basilico in un modo diverso rispetto al semplice congelamento, metterlo in un vasetto di vetro e coprirlo di sale grosso. Procedere a strati pressati fino a riempire il vasetto e coprire di olio extra vergine di oliva. Per la crema pasticcera usare amido al posto della farina, si aggruma meno. Quando si prepara l impasto (sia esso della pizza, del pane o dolce), per verificarne lo stato di lievitazione, immergerne una pallina in un bicchiere d acqua. Quando viene a galla è pronto. Elisabetta Civitan PrEPARAZIONE: Intaccare le castagne e fatele lessare in pentola a pressione per 15 minuti o in una normale casseruola per 30 minuti. Quindi scolatele e sbucciatele togliendo anche la pellicina interna (si tratta di un operazione abbastanza laboriosa, se non avete molto tempo potete acquistare delle castagne già lessate). Ponete quindi le castagne in un mixer e frullatele, aggiungete il bicchierino di amaretto, il mascarpone, la vanillina e lo zucchero a velo e frullate nuovamente il tutto. Passate la purea con un passino per eliminare grumi o eventuali tracce di pellicina delle castagne ottenendo un composto cremoso. Ponete il cioccolato a pezzetti a bagnomaria, fatelo sciogliere e aggiungete il burro a cubetti. Mescolate fino a che sia omogeneo e aggiungetelo alla crema di castagne e mascarpone. Amalgamate bene tutti gli ingredienti e ponete la crema in una sac à poche: riempite 4 coppette o dei piccoli bicchierini. Sbriciolate infine gli amaretti con un coltello e aggiungetene un cucchiaio abbondante sopra ogni coppetta. Servite le coppe amaretti, castagne e mascarpone subito o conservatele in frigorifero. Buon appetito! E. C. Il consiglio di Cesare Del Gatto L abbinamento potrebbe essere con dei liquori di amaretto o di castagne, ma un buon vino dolce è preferibile per la qualità piuttosto che per il tenore alcolico ridotto. Un passito che è senza dubbio da provare è il Vino Santo del Trentino del produttore Francesco Poli, da uve Nosiola vendemmiate tardivamente e fatte appassire per sei mesi dopo la fermentazione. I profumi di frutta matura e confettura rivelano i quattro anni di affinamento in rovere, dolce ma equilibrato con lunghe sensazioni vellutate.

20 Space - Ambiente novembre 2011_n Mensile di Informazione Space-Politica Lavinio-Space di Anzio e Nettuno Anzio Space Il circolo di Legambiente ha chiesto e ottenuto l accesso al sito per tutelare il raro fiore IL GIGLIO MARINO SBOCCIA tra I RUDERI DELLA VILLA NERONIANA Su segnalazione di un nostro concittadino, il circolo locale di Legambiente Le Rondini ha appreso che all interno dell area, compresa nella recinzione di protezione, sottostante la Villa di Nerone, insieme ad altra tipica vegetazione dunale si stanno riproducendo alcuni esemplari di Pancrazio, meglio conosciuto come Giglio marino. Quest essenza autoctona spontanea, un tempo molto diffusa sul litorale tirrenico e sulle spiagge anziati, tanto da essere persino immortalata negli affreschi di epoca romana rinvenuti nel nostro territorio e conservati nel Museo Civico Archeologico di Anzio, è attualmente quasi scomparsa e rientra tra le specie vegetali protette. L area sottostante la Villa Imperiale, seppur opportunamente recintata, non sfugge purtroppo a frequenti atti di vandalismo e interventi di bonifica, effettuati da personale non informato, che potrebbero vanificare lo sforzo della natura di ripristinare il suo equilibrio. Per questi motivi il circolo Le Rondini ha chiesto e ottenuto, dalle autorità preposte, l autorizzazione ad accedere al sito in date concordate assumendone la tutela per la salvaguardia di questo fiore. Il Pancrazio, fiorendo in piena estate, potrà costituire un ulteriore fattore di richiamo del nostro bellissimo litorale, come già sta avvenendo in Toscana, dove la tutela del Giglio marino ha visto impegnate insieme Legambiente e le associazioni degli albergatori, a dimostrazione di come sia possibile coniugare turismo e paesaggio, affari e ambiente, fissando regole condivise di comportamento. Un basso cespuglio che punteggia la sabbia di verde e poi avvizzisce, dando vita a fiori bianchi delicati che sbocciano tra luglio ed agosto, dopo che le foglie si sono seccate, il pancrazio produce poi grandi capsule che si aprono lasciando cadere semi neri e di forma irregolare, ricoperti da uno strato spugnoso che permette loro di galleggiare e di essere trasportati dal vento. Questo fiore è conosciuto con diversi nomi: Pancratium maritimum (Linneo), Giglio marino, Pancrazio, Giglio di San Pancrazio, Giglio delle sabbie. Appartiene alla classe dei Monocotiledoni e alla famiglia delle Amarillidaceae. Il nome Pancratium viene dal greco pàn che significa tutto e da kratòs che vuol dire potere. Ovviamente l aggettivo maritimum deriva dal fatto che questo splendido fiore sboccia in riva al mare. Ringrazio Pino Pieri e Lidia Penza per i loro contributi. Nella prossima uscita di Anzio Space faremo conoscenza col Platanus Orientalis. Filippo Valenti

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice.

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice. Primo maggio, festa dei lavoratori, il Carrefour di Lucca rimane aperto. Abbiamo colto l occasione per intervistare una lavoratrice del supermercato e approfondire altri argomenti, tra cui la recente decisione

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

FONDO CITTADINO DI SOLIDARIETA

FONDO CITTADINO DI SOLIDARIETA FONDO CITTADINO DI SOLIDARIETA Aggiornamento Agosto 2014 PROGETTO L INVERNO NON E PASSATO Famiglia composta da madre sola con tre figli. La donna lavora saltuariamente causa disabilità di uno dei figli.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo,

Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo, 27 aprile 2015 Lettera Aperta ai Presidenti delle Banche di Credito Cooperativo, alle Autorità di Vigilanza ed alla politica italiana Gentile Presidente della Cassa Padana Banca di Credito Cooperativo,

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO Sommario In questo capitolo scoprirà alcune cose su come - gestire il suo denaro - identificare alcune questioni economiche collegate al gioco - cominciare ad operare dei

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Livello B1. Unità 2. Casa in affitto. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. 1. Leggi il testo e rispondi alle domande.

Livello B1. Unità 2. Casa in affitto. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. 1. Leggi il testo e rispondi alle domande. Livello B1 Unità 2 Casa in affitto Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e rispondi alle domande. Vero 1. Con il contratto il sig. Abate prende in affitto la X casa del sig. Rossi. 2. La

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 31 AGOSTO 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

CONFERENZA STAMPA 31 AGOSTO 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONFERENZA STAMPA 31 AGOSTO 2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il 3 agosto la Giunta capitolina ha deliberato la concessione in uso gratuito di 6 nidi comunali appena ristrutturati. Ciò avverrà attraverso una

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Lunedì, 26 gennaio 2015

RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Lunedì, 26 gennaio 2015 RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Lunedì, 26 gennaio 2015 26/01/2015 L'Adige Pagina 12 Bruno occupato, conto da 467 mila euro 1 25/01/2015 ladige.it Il Centro Sociale Bruno deve pagare l' occupazione La

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Marisa Abbondanzieri, Presidente A.N.E.A. Pagina 1 di 4 Il compito che mi è stato assegnato è quello di fare una riflessione sul futuro degli ATO nel nuovo contesto

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM dei principali termini finanziari di uso quotidiano IL PROGETTO MEDIARE.COM La presente pubblicazione è stata curata da

Dettagli

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare 1 scopri i 7 rischi che corri nell acquisto della tua nuova casa e le 3 soluzioni che possono salvarti dall acquisto sbagliato. 5 servizi che devi pretendere dall agenzia immobiliare 2 Che si tratti dell

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte.

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte. Mino Costabile un semplice appassionato con un ruolo istituzionale di Grandi Responsabilità. Amici del motocross Puglia, doverosamente penso di dover fornire delle spiegazioni in merito alle posizioni

Dettagli

17 ottobre 2012 LA SICILIA Pagina 1 di 1

17 ottobre 2012 LA SICILIA Pagina 1 di 1 17 ottobre 2012 LA SICILIA Pagina 1 di 1 17 ottobre 2012 GIORNALE DI SICILIA Pagina 1 di 1 17 ottobre 2012 MF SICILIA Pagina 1 di 1 17 ottobre 2012 IL MODERATORE Pagina 1 di 1 Ance Sicilia: Dopo le Regionali

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile

7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile 7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile PRIMA PARTE: STRUTTURA DEL MODELLO DI AFFITTO CASA IN RENDITA 1. Devi sfruttare l evoluzione del mercato turistico, perché è più ricco e meno problematico

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

SFRATTI DA CASE PRIVATE

SFRATTI DA CASE PRIVATE Unione Inquilini SFRATTI DA CASE PRIVATE UN EMERGENZA CHE NON SI PUO CONTINUARE AD IGNORARE. SUBITO LA GRADUAZIONE DELLE ESECUZIONI E IL PASSAGGIO DA CASA A CASA PER LE FAMIGLIE SFRATTATE. Conferenza Stampa

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci

UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci UN DECRETO DA DIPORTO Di Giuliano Marrucci MILENA IN STUDIO Per far ripartire la cantieristica da Agosto è stato tolta la tassa di possesso sulle barche fino a 14 metri e dimezzata quella fino a 20, proposta

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

17 ottobre 2012 LA SICILIA Pagina 1 di 1

17 ottobre 2012 LA SICILIA Pagina 1 di 1 17 ottobre 2012 LA SICILIA Pagina 1 di 1 17 ottobre 2012 GIORNALE DI SICILIA Pagina 1 di 1 17 ottobre 2012 MF SICILIA Pagina 1 di 1 17 ottobre 2012 QUOTIDIANO DI SICILIA Pagina 1 di 1 17 ottobre 2012 IL

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

SOMMARIO TUTTI INSIEME A VEDERE I MONDIALI

SOMMARIO TUTTI INSIEME A VEDERE I MONDIALI n. 49-18 giugno 2014 IN QUESTO NUMERO PARLIAMO CON VITTORIO FEDERICO, PRESIDENTE AUSER TORINO Estate purtroppo molto spesso vuol dire anche solitudine. La città si svuota, parenti e vicini di casa vanno

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti Associazione di volontariato ASSOARMA Croce Rossa Italiana Comitato locale di Brescia Volontariato Brescia ONLUS Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà Comune di Brescia SETTORE SICUREZZA

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto.

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto. LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014 Equitalia Nord SpA Facilitazioni intervenute Dall entrata in vigore della nuova normativa (1/3/2008) - che ha attribuito agli

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

PER UNA CULTURA ANTIDEBITO

PER UNA CULTURA ANTIDEBITO FONDAZIONE BEATO G I U S E P P E TO V I N I Fondo di solidarietà per il prestito di soccorso per la prevenzione dell usura onlus PER UNA CULTURA ANTIDEBITO Presentazione Quella della Fondazione Tovini

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

venerdì 13 dicembre 2013

venerdì 13 dicembre 2013 Ufficio Stampa CISL Bergamo Rassegna Stampa venerdì 13 dicembre 2013 venerdì 13 dicembre 2013 TERMOMETRO DELLA CRISI Salgono a 287 le istanze di fallimento depositate alla Camera di Commercio di Bergamo

Dettagli