UNA FIABA...IN PUNTA D ALI. a cura della Prof.ssa Giovanna Gritti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA FIABA...IN PUNTA D ALI. a cura della Prof.ssa Giovanna Gritti"

Transcript

1 UNA FIABA...IN PUNTA D ALI a cura della Prof.ssa Giovanna Gritti

2 IL FASCINO DELL ETEREO Mio caro Heine, sfogliando il vostro bel libro Sulla Germania, sono capitato su un punto affascinante [...]: è il passaggio dove parlate degli Elfi dall abito bianco, delle Ninfe che fanno vedere il loro piedino di raso, delle Villi bianche come neve dal valzer implacabile e di tutte quelle deliziose apparizioni che avete incontrato nella bruma vellutata del chiaro di luna tedesco Che bel balletto si potrebbe fare!. Così scriveva da Parigi il francese Théophile Gautier ( ), poeta sedotto dalla danza, al collega Heinrich Heine. Il balletto in questione, non era La Silfide, ma Giselle, andato in scena nove anni più tardi e divenuto best-seller dell epopea romantica. In questa lettera si ritrova tuttavia intatta la stessa atmosfera rarefatta, lo stesso fascino per una natura animata e a volta terribile, la stessa tensione verso un mondo super-umano che ispirarono il libretto della Sylphide, scritto da Adolphe Nourrit sulla traccia del racconto Trilby ou le Lutin d Argail (1822) dello scrittore francese Charles Nodier.

3 Charles Nodier e il Folletto di Argail Di certo non c è nessuno tra voi, amici miei, che non abbia sentito parlare dei drows di Thulé e degli elfi, o folletti familiari, di Scozia e che non sappia che poche sono le case di campagna, in quelle regioni, che non contino un folletto tra i loro ospiti. [...] Trilby, il leggiadro elfo della capanna di Dougal, era il più giovane, il più galante, il più grazioso dei folletti. Non avrebbe abbandonato la capanna di Dougal per tutto l oro del mondo, perché era innamorato della bruna Jeannie, la barcaiola del lago Beau (moglie del pescatore Dougal) e approfittava di tanto in tanto della assenza del pescatore per raccontare a Jeannie i sentimenti che gli aveva ispirato [...] e quando le palpebre, appesantite dal sonno, cominciavano a velarle gli occhi,trilby, incoraggiato dall assopimento della sua beneamata, balzava fuori con leggerezza dal suo nascondiglio e si accostava timidamante alla filatrice dormiente Nel testo di Nodier i ruoli sono ribaltati rispetto al balletto: qui è uno spirito maschile che mormora all orecchio della moglie del pescatore dichiarazioni d amore, in Sylphide la storia si sviluppa sull amore impossibile dell eterea creatura alata per un uomo, James, iniziato il giorno delle sue nozze con Effie.

4 Charles Nodier ( ) I primi decenni del XIX secolo sono caratterizzati dalla scoperta di una letteratura europea in cui domina l irrazionale, in cui la follia e il sogno scuotono le certezze, in cui l occultismo e i fenomeni detti magnetici forniscono un importante supporto alla fantasia. C. Nodier è il primo a cogliere la novità di questa moda letteraria e molti dei suoi personaggi testimoniano la sua intenzione di adattare alla lingua e alla cultura francese le visioni dei bardi del nord. Egli studia le vecchie leggende del folclore nazionale e scozzese, trasferisce i propri sogni e la sua immensa erudizione in questo nuovo genere, rendendo il suo meraviglioso una sintesi di più fattori, dove coesistono cultura classica e ricerca mistica, sogno e palingenesi (teoria della rinascita individuale e cosmica).

5 La trama del balletto: I atto I personaggi, così come il balletto, ruotano su due livelli: da un lato la realtà bucolica scozzese ed i fidanzati James ed Effie, semplici contadini; dall altro l universo spirituale nascosto nelle foreste delle Highlands, con l eterea Silfide e Madge, vecchia strega malvagia. La storia è ambientata in un villaggio scozzese e nel bosco vicino. Siamo alla vigilia delle nozze ; a James, addormentato davanti al caminetto della sua capanna dal tetto di paglia, appare uno spirito alato, la Silfide, che lo sveglia con un bacio (si noti come il sonno, in molte circostanze, da Lago dei Cigni a Schiaccianoci, sia motivo di presagio d amore, di crescita psicologica, o, comunque, di mutamento). Egli vorrebbe trattenere la visione, ma essa scompare. Si avviano i preparativi e Gurn, innamorato respinto da Effie, si accorge che James ha uno scambio amoroso con una misteriosa creatura femminile. Avverte Effie ma, quando questa accorre, trova James solo e piuttosto sconvolto.

6

7 II atto Il secondo atto inizia con una scena che ricorda il Macbeth (tragedia shakespeariana che diede origine al melodramma di G. Verdi, , su libretto di F.M. Piave). La strega Madge, scacciata e offesa pubblicamente da James in passato (nel primo atto Madge predice a Effie che non sposerà James, bensì Gurn e James la caccia brutalmente), prepara la sua vendetta. Estrae da un calderone una sciarpa magica che donerà a James, illudendolo di poter trattenere con quella la Silfide, che continua a sfuggirgli. Con la sciarpa stregata James avvicinerà lo spirito-fanciulla, ma questa, per un sortilegio, perderà le ali, sua fonte vitale. Morirà tra le braccia di James dopo avergli restituito l anello che gli aveva rubato e sarà condotta nel regno soprannaturale da un corteo di spiriti pietosi. Sostenuto dalle sue compagne, il corpo della Silfide svanisce nell aria.

8 Sylphide et le ballet blanc Le prime suggestioni lunari del ballet blanc (per i bianchi, trasparenti e impalpabili costumi) si erano viste nell opera Robert le diable (1831) di Giacomo Mayerbeer ( ), su libretto di Eugène Scribe e Germaine Delavigne. Con questo titolo, Mayerbeer diede il suo primo contributo al grand-opéra, genere del quale viene ritenuto una delle figure più rappresentative, ne segnò l avvento definitivo, con le sue sontuose scene, perfettamente adeguate alle aspettative del nuovo pubblico dell Opéra, composto in buona parte da ricchi borghesi. L opera divenne tanto di moda da costituire quasi un fenomeno di costume: persino una nuova varietà di rose venne battezzata con il suo nome. Tra i suoi estimatori più illustri ricordiamo Honoré de Balzac (scrittore romantico, ) e Heinrich Heine, che considerò Mayerbeer l uomo del suo tempo, ovvero colui che per primo seppe avvedersi del sopravvento delle masse sull individuo, successivo alla rivoluzione del 1830; mutamento cui seppe rispondere componendo una musica più sociale che individuale. In questa opera, danzava Maria Taglioni, su coreografia del padre Filippo, e cantava il tenore Nourrit, librettista del futuro balletto. Evidente è l influenza dell opera sulla genesi di Sylphide

9

10 ....La vera rivoluzione del balletto romantico però, non fu tanto la bianca trasparenza degli abiti delle religiose nell opera di Mayerbeer, che anticipano i leggeri costumi della Sylphide, quanto l introduzione delle scarpine da punta, che stimolarono i coreografi a sviluppare la tecnica aerea dei passi. Maria Taglioni incarnò la sublimazione di tale rinnovamento tecnico-stilistico. La tensione romantica verso un mondo soprannaturale divenne così vera e propria ascesa: alle ballerine ottocentesche spuntarono le ali e il volo fu enfatizzato da macchine teatrali che con funi elevavano gli spiriti danzanti.

11

12 Il contesto romantico Il Nord, per i romantici, era un immagine affascinante: ambiente sfumato, nebbie misteriose, mari cupi tutto, a Nord, aveva sapore di rischio e di infinito. Per Adolphe Nourrit, tenore di professione, l idea del mistero, la coesistenza dei due mondi, quello reale e quello del sogno, fu stupenda. Leggendo il romanzo di Nodier, si era ancor più convinto che, tutto sommato, le storie di donne infelici, di fanciulle innamorate, tradite o maltrattate dal destino, la loro pazzia (vd. Lucia di Lammermoor di G. Donizetti) arrivavano diritte al cuore del pubblico. I malvagi, il potere, e, in contrapposizione gli oppressi, le dame virtuose, gli eroi; il destino, la morte, la pazzia,erano elementi irrinunciabili di una storia pubblica in cui involontariamente si scavava nell inconscio. In virtù della possibilità di nuove conquiste ed avventure coraggiose (IL VIAGGIO), si sviluppò la tendenza a recuperare la natura così com è: non più idealizzata, ma autentica, in movimento. La musica descrisse tutto questo come in un gran film. Le sinfonie di Beethoven, la Terza, la Sesta e la Settima (la Nona è cosmica, quindi è ancora più evidente la traslazione dei valori umani) ci fanno percepire l ambiente e il suo peso spirituale come mai prima. La drammatizzazione del rapporto uomo-natura, diventerà sempre più psicologia e, già in Sylphide, possiamo avvertire un labile confine tra conscio e inconscio, fra verità e desiderio, fra certezza e paura.

13 L evoluzione di Sylphide Le Silfidi, la cui dimora è l aria, sono le migliori creature possibili. I mortali possono facilmente godere della loro compagnia con inviolata castità [...]. Forme trasparenti, troppo diafane per la vista umana, il loro fluido corpo mezzo dissolto nella luce Pope, The Rape of the Look (Il ricciolo rapito), La storica Sylphide che Filippo Taglioni creò nel 1832 a Parigi per la figlia Maria fece epoca, al punto che, dopo il suo trionfo, Parigi fu contagiata dalla voga del taglionismo : tutte le donne alla moda si vestirono di bianco e col nome di Maria furono battezzati un fiore, un giornale di moda e dei turbanti. Questo successo fu sostenuto anche da riconoscimenti culturali ed elogi letterari, come quelli di Victor Hugo, Alfred de Musset e Théophile Gautier. La musica, di Jean Schneitzoeffer, non meritaava però tanto, anche perché, salvo rare eccezioni (Adam, Délibes, Ciaikovskij), nell Ottocento aveva una funzione minore. Le scene di Ciceri e i costumi di Lami ebbero in questo allestimento storico un importanza eccezionale come indirizzo estetico per il futuro. Senza Maria, l omonimo balletto danese Sylphiden di A. Bournonville (e tutte le altre edizioni, tra cui spicca per importanza una Sylphide scaligera del 27 gennaio 1841 impreziosita da prestiti inediti di Gioachino Rossini, Saverio Mercadante e Antonio Mussi, coreografia di Antonio Cortesi ed anche quella di Marius Petipa, 1892) non sarebbe mai nato.

14

15 Sylphide, la Sirenetta del bosco incantato La Sylphiden di Auguste Bournonville (Odense 1805-Copenhagen 1875) nasce il 28 novembre 1836 sulle tavole del Teatro Reale di Copenhagen (egli stesso interpretava il ruolo di James). Bournonville, ballerino all Opéra di Parigi fino al 1829, fu un grande estimatore di Maria Taglioni e, ritornato in patria, decise di riallestire il balletto a Copenhagen. Debuttò il 28 novembre 1836, con una scenografia diversa, meno sfarzosa e con un numero ridotto di interpreti. Egli fu compatriota di H. C. Andersen e suo contemporaneo. Andersen popolò di creature romantiche le sue fiabe e, tra queste, una delle più celebri è la Sirenetta, che divide, con la Silfide, una sorta di destino comune; molti, infatti sono i rimandi e le similitudini tra le due creature. L amore impossibile tra la Sirenetta-Silfide, creatura super-umana ingenua e curiosa, e un mortalissimo ragazzo, che prima la illude poi la tradisce per ritornare alla donna del suo mondo a cui è stato destinato. Il finale, che reintegra la fanciulla-fatata alla natura da cui proviene: la Sirenetta, addirittura, trasmigra dal suo corpo per diventare uno spirito alato, trasformandosi in Silfide.

16 Silfidi e Willi La Silfide è una creatura silvana, femmina del silfo, amante dell acqua, infantilmente maliziosa e capricciosamente innamorata di un mortale, ma, a differenza delle future Willi di Giselle, esse non hanno caratteri psicologici ben definiti, né antecedenti umani. Non sono affatto vendicative: partecipi di quella natura animata cara al Romanticismo, non sono né buone né cattive; non tramano contro gli uomini e non si costituiscono in gruppo e, anche se c è una sorta di prima Silfide, paragonabile alla Myrtha in Giselle, non viene imitato il suo esempio, né eseguiti i suoi ordini.

17 Sylphide da Parigi La Sylphide francese di Taglioni (1832), quindi, fu soppiantata presto da una versione di poco successiva danese di Bournonville (1834), il quale non riuscì ad assicurarsi l uso della musica di Schneitzhoeffer e fu costretto a commissionare una nuova partitura al barone norvegese Herman Severin von Løvenskjöld. Anche se la storia venne rispettata, le nuove musiche apparvero più adatte e la coreografia finì per imporsi a quella di Taglioni. Grazie a recenti studi, è venuta alla luce una terza edizione italiana di Cortesi (1841) in cui la maggior parte della musica fu composta e orchestrata appositamente per questa particolare produzione e contiene sia estratti da numerose opere rossiniane, sia sette interi pezzi con musiche di Rossini fin qui sconosciute, otre a pezzi di Mercadante e Mussi (uno dei migliori compositori italiani di musiche per balletto verso la metà dell Ottocento).

18

19 a Milano La rinascita della Sylphide francese è del 1972: il balletto era uscito dal repertorio più di un secolo prima, poiché l ultima rappresentazione è del Ha posto mano a questo revival, con grande scrupolo filologico, il coreografo Pierre Lacotte, studioso attentissimo del balletto romantico francese dell Ottocento. Lacotte ha riscritto il balletto, ricostruendolo sulla traccia di documenti originali dalla versione di Taglioni, cercando di farcelo ammirare così com era, grazie al suo grande lavoro di recupero storico della prima Sylphide. Il primo balletto romantico si presenterà quindi anche come un vero omaggio a Filippo Taglioni, alla scuola italiana e a Maria Taglioni, la pima Silfide, prototipo della danzatrice romantica e immagine simbolo del balletto sulle punte, sublime incarnazione di questo rinnovamento tecnico e stilistico.

20

21 per concludere... La Sylphide ha aperto la strada a una nuova era della coreografia e attraverso questa strada il Romanticismo ha fatto il suo ingresso nel regno di Tersicore* L Opéra si è riempita di gnomi, di elfi, di ondine, di salamandre, di Willi, di péri, di driadi, di tutto quello strano e misterioso popolo che appare così affascinante alla fantasia del coreografo. (Théophile Gautier, 1844) *Tersicore (mit.): musa della danza, raffigurata solitamente con la lira

Musica di Johann Strauss (figlio)

Musica di Johann Strauss (figlio) IL PIPISTRELLO Il Pipistrello Musica di Johann Strauss (figlio) A cura di Giovanna Gritti I PERSONAGGI nel balletto di R. Petit Bella, (Rosalinde nell opera di Strauss) una giovane donna della buona società.

Dettagli

OFFERTE DANZA 2013-2014 TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI

OFFERTE DANZA 2013-2014 TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI OFFERTE DANZA 2013-2014 TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI I prezzi ed il calendario potrebbero essere soggetti a variazioni. Tutti i prezzi sono segnalati con prevendita inclusa. BALLETTO YACOBSON DI SANPIETROBURGO

Dettagli

Carte da collezione. MODIANO - Industrie Carte da Gioco e Affini S.p.A carte da collezione

Carte da collezione. MODIANO - Industrie Carte da Gioco e Affini S.p.A carte da collezione Carte da collezione Una selezione di mazzi di carte da gioco da collezionare: intramontabili mazzi Modiano ed ultime novità. Per curiosi ed appassionati. 1 304 901 Storia del Volo 304 908 Il Popolo dei

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

DIPARTIMENTO DIDATTICA E FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE 2014/2015

DIPARTIMENTO DIDATTICA E FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE 2014/2015 DIPARTIMENTO DIDATTICA E FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE 2014/2015 Il Teatro dell Opera di Roma, attraverso questo Dipartimento intende avvicinare e coinvolgere i giovani all arte della Danza e della Musica

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

AUTORE: Lyman Frank Baum. TRADUZIONE E ADATTAMENTO: E. Tarascio. DISEGNI: Cattaneo PAGINE: 160 PREZZO: 7,00 ISBN: 978-88-472-0980-0

AUTORE: Lyman Frank Baum. TRADUZIONE E ADATTAMENTO: E. Tarascio. DISEGNI: Cattaneo PAGINE: 160 PREZZO: 7,00 ISBN: 978-88-472-0980-0 dai7anni SERIE i classi c i scuola primaria Il Mago di Oz CLASSICO Travolta da un ciclone, la piccola Dorothy si ritrova sbalzata dalla sua tranquilla e grigia fattoria nel Kansas al magico e misterioso

Dettagli

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI ISTITUTO COMPRENSIVO POLO I, GALATINA ( LECCE ) Scuola dell Infanzia Plesso di Via Teano a.s. 2013 /2014 Progetto Di Plesso Le storie dove stanno? Ce n è una

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, visite, incontri

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, visite, incontri Spettacoli, attività didattiche e laboratori, visite, incontri 20 14 15 Gentili Insegnanti, il programma de La Scuola all Opera si presenta da quest anno in una veste grafica diversa, più agile e colorata,

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

ATTIVITÀ GRADARA, ALL APERTO UN BORGO DA SCOPRIRE IL CASTELLO INCANTATO IN/CASTRO GRADARA INGIOCO

ATTIVITÀ GRADARA, ALL APERTO UN BORGO DA SCOPRIRE IL CASTELLO INCANTATO IN/CASTRO GRADARA INGIOCO ATTIVITÀ, ALL APERTO UN BORGO DA SCOPRIRE IL CASTELLO INCANTATO Destinatari: scuola dell infanzia e I ciclo scuola primaria Tipologia: racconto animato e laboratorio manipolativo Attività: quante avventure

Dettagli

Storia dell'opera lirica in pillole

Storia dell'opera lirica in pillole Storia dell'opera lirica in pillole Le origini dell opera lirica: tutto ebbe inizio così... L opera lirica non esisteva nell antichità. Esisteva il teatro fin dai tempi dell antica Grecia e c era la musica

Dettagli

Tocco d artista per dieci grandi classici

Tocco d artista per dieci grandi classici Tocco d artista per dieci grandi classici NOVITÀ Diec tra i più celebrati e amati si presentano in una veste inedita e preziosa, firmata da Tullio Pericoli. ORIGINALITÀ Il tratto elegante, ironico e vibrante

Dettagli

domenica 17 gennaio ore 16.00 FONDAZIONE TEATRO RAGAZZI E GIOVANI onlus

domenica 17 gennaio ore 16.00 FONDAZIONE TEATRO RAGAZZI E GIOVANI onlus domenica 17 gennaio ore 16.00 FONDAZIONE TEATRO RAGAZZI E GIOVANI onlus MILO E OLIVIA KOLOK I terribili vicini di casa domenica 28 febbraio ore 16.00 TEATRO DELLE APPARIZIONI/TEATRO ACCETTELLA IL TENACE

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i ragazzi

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i ragazzi 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i ragazzi Gentili Docenti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e di

Dettagli

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Liberamente tratto da Pierino e il lupo di Prokofiev Regia, realizzazione marionette e animazione Dino Arru Con Dino e Raffaele Arru HO VISTO IL LUPO Gli ultimi

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

CASA DEL TEATRO DI VIA GOLTIERI Teatro degli Acerbi e Alessio Bertoli

CASA DEL TEATRO DI VIA GOLTIERI Teatro degli Acerbi e Alessio Bertoli CASA DEL TEATRO DI VIA GOLTIERI Teatro degli Acerbi e Alessio Bertoli COMUNE DI ASTI TEATRO SCUOLA 2015-2016 con il contributo di Fondazione C.R.Asti in collaborazione con Fondazione TRG Onlus - Progetto

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

- Un ragazzo ed una ragazza si amano, ma sono costretti a tenere segreta la loro relazione.

- Un ragazzo ed una ragazza si amano, ma sono costretti a tenere segreta la loro relazione. Un film racconta una serie di azioni che delle persone compiono in determinate situazioni. Per iniziare a scrivere una sceneggiatura bisogna avere un idea di cosa si vuol far fare a queste persone, ai

Dettagli

Istituto Comprensivo "L.Pirandello" Scuola dell'infanzia PROGETTO DI LABORATORIO EXTRACURRICULARE MEDITERRANEO: STORIE DI MITI ED EROI

Istituto Comprensivo L.Pirandello Scuola dell'infanzia PROGETTO DI LABORATORIO EXTRACURRICULARE MEDITERRANEO: STORIE DI MITI ED EROI Istituto Comprensivo "L.Pirandello" Scuola dell'infanzia PROGETTO DI LABORATORIO EXTRACURRICULARE MEDITERRANEO: STORIE DI MITI ED EROI ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Progetto di laboratorio extracurriculare

Dettagli

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA LEZIONE 2 SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA Immaginate la scrittura creativa come un cerchio dai tanti raggi o come una

Dettagli

Oltre i luoghi comuni Le donne di Andrea Vitali appartengono ad un mondo tutto loro, sono la Lunatica, creatura

Oltre i luoghi comuni Le donne di Andrea Vitali appartengono ad un mondo tutto loro, sono la Lunatica, creatura inquietudine Poi - Ci Sembrano Mentre C' Esistono Poi E n Figure STORED DONNE PERMMAGN Giancarloe Andrea Vitali esplorano l ' universo femminile «Nel microcosmo di Bellano si riflette il resto del mondo»

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

INTRATTENIMENTI NATALE 2013

INTRATTENIMENTI NATALE 2013 INTRATTENIMENTI NATALE 2013 LASCERANNO TUTTI A BOCCA APERTA! 2 PARATA NATALIZIA sui trampoli i personaggi delle fiabe di Natale 2 3 Parata di trampolieri con costumi natalizi (Babbo Natale, l albero, il

Dettagli

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Scuola dell Infanzia M.Montessori Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Premessa Ogni bambino-a giunge alla Scuola dell Infanzia con un bagaglio di esperienze e conoscenze legate alla propria storia

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Relazione Illustrativa Spettacolo Teatrale La capra con tre capretti

Relazione Illustrativa Spettacolo Teatrale La capra con tre capretti Relazione Illustrativa Spettacolo Teatrale La capra con tre capretti 1 Indice 1 Associazione Culturale Italo-Romena IH.th.IS.... 3 2 Compagnia Teatrale Luceafărul... 4 3 Spettacolo La Capra con tre capretti...

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

Che cosa sono le fiabe

Che cosa sono le fiabe LE FIABE Percorso semplificato sulla fiaba per alunni non italofoni Prof.ssa Calcagno Valeria Laboratorio italiano L2 a. s. 2014-2015 Scuola media Forlanini Ic Rovani Sesto san Giovanni Il percorso Descrizione

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Il ritorno dei Burattini di Luzzati e Cereseto in stile operetta LA FAVOLA DEL FLAUTO MAGICO di W. A. Mozart

Il ritorno dei Burattini di Luzzati e Cereseto in stile operetta LA FAVOLA DEL FLAUTO MAGICO di W. A. Mozart Il ritorno dei Burattini di Luzzati e Cereseto in stile operetta LA FAVOLA DEL FLAUTO MAGICO di W. A. Mozart una favola in musica con i burattini di Bruno Cereseto disegnati da Emanuele Luzzati Con Alessandro

Dettagli

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro realizzazione grafica: Valerio Rosati - Ufficio Stampa Rai Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro italiano:

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA.

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. Cari insegnanti, PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. dal 2011 Cinecittà si Mostra ha avviato un progetto specifico di

Dettagli

A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera.

A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera. OLYCOM INTERVISTA Ennio Morricone A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera. Il 16 giugno Ennio Morricone è a Monza nei Giardini di Villa Reale per

Dettagli

QUARESIMA 2015. elledici.org L editrice nel segno di Don Bosco

QUARESIMA 2015. elledici.org L editrice nel segno di Don Bosco QUARESIMA 2015 elledici.org L editrice nel segno di Don Bosco Rosanna e Gianluigi Ferrarotti Il libro delle attività per Pasqua Il libro offre alcune proposte di attività inerenti alla Pasqua: ornamenti

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

Kirikù e la strega Karabà di Michel Ocelot

Kirikù e la strega Karabà di Michel Ocelot E U N O M O S CENTRO DI PSICOTERAPIA ANALITICA ESISTENZIALE E PSICODRAMMA Kirikù e la strega Karabà di Michel Ocelot Le tappe necessarie in cammino verso la fusione dell Io con il Tu: l incontro e la scelta

Dettagli

ph. Marco Ceraglia LASSù LE ALI NON HANNO RUGGINE

ph. Marco Ceraglia LASSù LE ALI NON HANNO RUGGINE ph. Marco Ceraglia LASSù LE ALI NON HANNO RUGGINE LASSù LE ALI NON HANNO RUGGINE Noi siamo fatti della stessa sostanza dei sogni, e il sogno del Maestro Rotella è VOLARE. Il desiderio di volare con le

Dettagli

Indice ON YOUR WAY ON YOUR WAY TRAVELLING ON YOUR WAY BUSINESS ON YOUR WAY EMPORIUM ON YOUR WAY HONEY MOON 6-7 8-11 12-13 14-15

Indice ON YOUR WAY ON YOUR WAY TRAVELLING ON YOUR WAY BUSINESS ON YOUR WAY EMPORIUM ON YOUR WAY HONEY MOON 6-7 8-11 12-13 14-15 Indice 5 6-7 8-11 12-13 14-15 ON YOUR WAY ON YOUR WAY TRAVELLING ON YOUR WAY BUSINESS ON YOUR WAY EMPORIUM ON YOUR WAY HONEY MOON 2 3 TRAVELLING Il portale delle esperienze. Vivi momenti indimenticabili

Dettagli

CORSO DI LAUREA Architettura per il progetto sostenibile. Progetto di una scenografia L enfant et les sortilèges

CORSO DI LAUREA Architettura per il progetto sostenibile. Progetto di una scenografia L enfant et les sortilèges CORSO DI LAUREA Architettura per il progetto sostenibile Progetto di una scenografia L enfant et les sortilèges Relatore Roberto Monaco Candidato Lorena Pognant Gros Correlatori Velentina Donato, Attilio

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Chi Siamo. www.compagniadelleombre.it

Chi Siamo. www.compagniadelleombre.it Chi Siamo La Compagnia delle Ombre nasce dal fortunato incontro di professionisti con diversi ruoli e competenze: registi, attori, sceneggiatori, formatori aziendali, esperti di comunicazione e marketing,

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 ASSOCIAZIONE CULTURALE "IFRATELLICAPRONI" Viale Suzzani, 295 20162 Milano tel 02/6473778 333/4791105 contatto Alessandro Larocca alelarocca@virgilio.it Andrea Ruberti

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Sereni"di Porto Valtravaglia

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Serenidi Porto Valtravaglia PROGETTO LETTURA: DALL ANALISI ONIRICA E PROFONDA DEI GRANDI MITI DEL PASSATO, PASSANDO DAL MITO DI ULISSE, FINO A GIUNGERE AI MITI RACCHIUSI NELL OPERA DEI GRANDI CANTAUTORI CONTEMPORANEI Premessa L'immaginario

Dettagli

PER MANO NEL MONDO DI OZ

PER MANO NEL MONDO DI OZ PER MANO NEL MONDO DI OZ BALLO INIZIALE base 1 NARRATORE: C era una volta una bambina di nome _SARA : Mirella! NARRATORE: No...la bambina si chiamava _CHIARA : Maria Pia! NARRATORE: No, si chiamava TUTTI:

Dettagli

Prokof ev. Sonate. e le. Antonio Distaso

Prokof ev. Sonate. e le. Antonio Distaso Prokof ev e le Sonate Antonio Distaso 1 I. Introduzione Il presente breve lavoro ha preso in esame una delle più eclettiche personalità della musica del XX secolo. Fenomeno luminoso e sano, un musicista

Dettagli

L atto della comunicazione si basa su un aspettativa reciproca di cooperazione tra il locatore e l ascoltatore. (S. Pinker L istinto del linguaggio)

L atto della comunicazione si basa su un aspettativa reciproca di cooperazione tra il locatore e l ascoltatore. (S. Pinker L istinto del linguaggio) LA FIABA SINFONICA: DALL ASCOLTO ALLA DRAMMATIZZAZIONE LO SCHIACCIANOCI Obiettivi: * seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere il senso globale; * comprendere l argomento

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera.

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera. Cristina Sedioli V. Marconi, 15 Montiano (FC) Tel: 0547-314074; 347-7354539 E-mail: cristina.sedioli@alice.it Al Sindaco Fabio Molari Resoconto del progetto Che avventura la lettura Percorsi narrativi

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori Il Principe Mezzanotte Scheda di approfondimento Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori La Compagnia Teatropersona ha deciso di creare queste schede per dare l opportunità alle

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

PIMOFF - Progetto Scuole

PIMOFF - Progetto Scuole PIMOFF - Progetto Scuole Per la stagione 2015/16 il PimOff continua a portare il teatro contemporaneo nelle scuole per far conoscere agli studenti i suoi principali protagonisti (attori, registi, tecnici,

Dettagli

arredo complementi giardino la casa che parla di te Coloniale progetta emozioni

arredo complementi giardino la casa che parla di te Coloniale progetta emozioni arredo complementi giardino la casa che parla di te Coloniale progetta emozioni Coloniale progetta emozioni Una storia di viaggi, di scoperte, di incontri e di persone. Un padre, un figlio, un amico, che

Dettagli

LA COSCIENZA DI ZENO

LA COSCIENZA DI ZENO LA COSCIENZA DI ZENO L intermezzo preparatorio 1898-1915 Delusione per l insuccesso dei primi due romanzi (Una vita Senilità) Impegni familiari dopo il matrimonio con Livia Veneziani (1896) Impegni lavorativi

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

365 GIORNI PER REALIZZARE UN SOGNO. La fatidica dichiarazione è arrivata e con lei il momento di iniziare a pianificare la vostra agenda!

365 GIORNI PER REALIZZARE UN SOGNO. La fatidica dichiarazione è arrivata e con lei il momento di iniziare a pianificare la vostra agenda! 365 GIORNI PER REALIZZARE UN SOGNO La fatidica dichiarazione è arrivata e con lei il momento di iniziare a pianificare la vostra agenda! - 12 mesi: se siete legate ad una data in particolare iniziate prenotando

Dettagli

compagnia TPO - in coproduzione con Teatro Metastasio Stabile della Toscana

compagnia TPO - in coproduzione con Teatro Metastasio Stabile della Toscana compagnia TPO - in coproduzione con Teatro Metastasio Stabile della Toscana direzione artistica Francesco Gandi, Davide Venturini coreografia Paola Lattanzi danza per due interpreti visual design Elsa

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio:

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: La bottega è nata nell 89 da un idea di Umberto Carbone e Michi Coralli. Riutilizza

Dettagli

Allegato C. Classificazione tipologie di programmi

Allegato C. Classificazione tipologie di programmi Allegato C Classificazione tipologie di programmi Tipologia dei programmi Dettagli sul programma Definizioni N Notiziari 1 Telegiornale Trasmissione a carattere informativo con programmazione quotidiana

Dettagli

Giuseppe Verdi e gli alunni del liceo Diderot. Anna e Stefano per una lezione di canto Verdiano. ragazze sulle ali dorate

Giuseppe Verdi e gli alunni del liceo Diderot. Anna e Stefano per una lezione di canto Verdiano. ragazze sulle ali dorate Giuseppe Verdi e gli alunni del liceo Diderot Anna e Stefano per una lezione di canto Verdiano ragazze sulle ali dorate Va', pensiero, sull'ali dorate. Va', ti posa sui clivi, sui colli, ove olezzano tepide

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 PROGETTO EDUCATIVO PREMESSA I centri estivi, che proponiamo e realizziamo, oltre a prevedere l aspetto ludico ricreativo, vogliono essere anche un occasione

Dettagli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Unità d apprendimento Il viaggio: alla scoperta di sé e dell altro Comprende: schema di unità d apprendimento scheda

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Stampato in proprio dicembre 2008 Una lettera catechesi del cardinale Tettamanzi per gustare la gioia del Natale e raccontare la straordinaria

Dettagli

giornodi ordinaria nail art

giornodi ordinaria nail art U&B Story / lettrici doc di Marco Pirani foto Max Salani un giornodi ordinaria nail art» Paolo Caprioni, affermato hair stylist e make up artist, vanta nel suo curriculum la cura del look di numerose star

Dettagli

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana Immagini dell ARTE NEOCLASSICA Prof.ssa Ida La Rana Il Neoclassicismo Il Neoclassicismo è un movimento culturale che intende recuperare la grandezza dell arte classica, ovvero di quella greco-romana. Si

Dettagli

Pietro Abbà Cornaglia

Pietro Abbà Cornaglia Pietro Abbà Cornaglia (1851-1894) Compositore, organista, didatta e critico musicale Palazzo Ghilini, sec. XIX I primi anni Compositore, organista, critico musicale; nato ad Alessandria (Piemonte) il 20

Dettagli

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni GIROTONDO DI PAROLE Edizioni Associazione Culturale Lecce,. Preg.ma/o Dirigente dell Istituto Scolastico e p.c. alla/al Responsabile dei Progetti Buongiorno, mi chiamo Alessandra Toma e con la mia Associazione

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

Con il Patrocinio di: Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, IRRE Lombardia, DES - danza educazione scuola

Con il Patrocinio di: Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, IRRE Lombardia, DES - danza educazione scuola TEATRO GIUDITTA PASTA Saronno (VA) 13 e 14 FEBBRAIO 2006 Convegno CREATIVITA E CRESCITA PERSONALE ATTRAVERSO L EDUCAZIONE ALLE ARTI: DANZA, TEATRO, MUSICA, ARTI VISIVE. Idee, percorsi, metodi per l ESPERIENZA

Dettagli

FIABE, FAVOLE E FANTASIA

FIABE, FAVOLE E FANTASIA SCUOLA DELL INFANZIA SACRO CUORE DI NOVARA LABORATORIO DI STORIE FIABE, FAVOLE E FANTASIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONE COCCINELLE (BAMBINI DI 4 ANNI) INSEGNANTE: BRUGNONE MARIA Il progetto laboratoriale

Dettagli

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità;

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità; Il Neoclassicismo inizia alla metà del XVIII sec., per concludersi nel 1815. Ciò che contraddistingue lo stile artistico di quegli anni fu l adesione ai principi dell arte classica. Quei principi di armonia,

Dettagli

NEL MAGICO MONDO DI OZ.

NEL MAGICO MONDO DI OZ. NEL MAGICO MONDO DI OZ. Periodo: SETTEMBRE OTTOBRE. IN VIAGGIO CON DOROTHY: LE SCARPETTE MAGICHE UNA STORIA PER COMINCIARE SEGUI IL SENTIERO DORATO DOCUMENTO LE SCARPETTE MAGICHE Sorpresa in salone troviamo

Dettagli

Per info e prenotazioni: Sara Buzzi 02 87905272 promozione.arcimboldi@ipomeriggi.it

Per info e prenotazioni: Sara Buzzi 02 87905272 promozione.arcimboldi@ipomeriggi.it Per info e prenotazioni: Sara Buzzi 02 87905272 promozione.arcimboldi@ipomeriggi.it SPETTACOLI CON RIDUZIONI: Carolyn Carlson Dance Company NOW MERCOLEDì 18 e GIOVEDì 19 MARZO Questo spazio è un contenitore

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Progetto Continuità. Laboratorio di Scrittura creativa

Progetto Continuità. Laboratorio di Scrittura creativa Progetto Continuità Laboratorio di Scrittura creativa A cura delle prof.sse Simon Paola e Tanese Cinzia con gli alunni della classe 5 A di Gandoli e con la partecipazione di alcuni alunni della classe

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

Leggi e colora le nostre fiabe

Leggi e colora le nostre fiabe Leggi e colora le nostre fiabe Scuola A. Gorfer Classe 3^B scuola Aldo Gorfer C ra una volta una principessa di nome Rossella. Abitava in un castello arroccato su uno spuntone di roccia. Nessuno osava

Dettagli

PROGRAMMAZIONE 2015 / 2016 / 2017

PROGRAMMAZIONE 2015 / 2016 / 2017 T +39 06 93663062 F +39 06 93800262 M +39 347 4553763 E kwjcip@tin.it E info@danielecipriani.it PROGRAMMAZIONE 2015 / 2016 / 2017 GRAN GALA IL CIGNO NERO con Ashley Bouder e Joaquin De Luz Principals del

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

LA FIABA INTERATTIVA: NARRAZIONE, GIOCO, TEATRO A cura della dott.ssa Helga Dentale. Introduzione: La narrazione e l arte di narrare

LA FIABA INTERATTIVA: NARRAZIONE, GIOCO, TEATRO A cura della dott.ssa Helga Dentale. Introduzione: La narrazione e l arte di narrare LA FIABA INTERATTIVA: NARRAZIONE, GIOCO, TEATRO A cura della dott.ssa Helga Dentale Introduzione: La narrazione e l arte di narrare Prima di addentrarci nella grande tematica della narrazione di fiabe

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Favole di Animali 2 r o l o D In settimana

Favole di Animali 2 r o l o D In settimana D o l o r 2 Favole di Animali a n a m i t t e In s Volevamo ripassare la storia del jazz ma qualcuno ha fatto cadere delle gocce di bianchetto sulla nostra pagina... Possiamo però riparare allʼaccaduto

Dettagli

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I.

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I. Che cosa simboleggia la rosa dei Tudor? La rosa dei Tudor simboleggia l unione tra le famiglie inglesi dei Lancaster e degli York. Il simbolo della rosa Tudor fu il risultato del matrimonio tra Enrico

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

NOTE DI PRODUZIONE. Anna Godano e Franco Bocca Gelsi produttori

NOTE DI PRODUZIONE. Anna Godano e Franco Bocca Gelsi produttori Il viaggio con cui Renato conquista la metropoli insieme al suo gregge un migliaio di pecore in piazza Duomo, è il sogno realizzato dall ultimo pastore nomade di Lombardia mi porta a pensare che l utopia

Dettagli