Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una"

Transcript

1 Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico opportabile e peo proprio, oltre ad una elevata permeabilità alla luce e all aria. Tali caratteritice ne conentono il diffuo impiego negli impianti indutriali, nelle cotruzioni civili per camminamenti, paerelle, cale di icurezza. L alta tecnologia impiegata nella produzione e nella lavorazione, unita all impiego di materie prime elezionate e ad un rigoroo controllo durante tutto il proceo, fanno del grigliato Keller un punto di riferimento qualitativo nel mercato europeo. Oltre trenta anni di eperienza, competenza tecnica, fleibilità produttiva, ono al ervizio del cliente ia nell aitenza nella progettazione, ia nell ampia gamma di oluzioni cotruttive e di prodotti diponibili. I continui invetimenti dell azienda nel proceo produttivo e nella rete commerciale, la rendono inoltre empre pronta a ripondere alle eigenze crecenti del mercato.

2 Il grigliato Keller trova nell applicazione della protezione mediante zincatura a caldo, la ripota ideale all eigenza di durata nel tempo ed economicità, per qualiai uo ance nelle condizioni più gravoe di impiego. La qualità del trattamento è certificata e empre ripondente alle normative UNI o STM in vigore, u ricieta del cliente. Un ampio magazzino di materiali pronti permette tempi di ripota rapidi per il commercio edile e iderurgico, con conegne programmate e puntuali e con l eecuzione celere di taglio a miura. Oltre al prodotto emilavorato, l azienda da empre eegue tutte le lavorazioni necearie per ottenere il prodotto finito, pronto da poare in opera. Progettazione aitita con ampio uo di mezzi informatici per ridurre al minimo i tempi di elaborazione, maetranze dalla p rofeionalità elevatiima, imballaggio accurato e rapida pedizione dei materiali, ono garanzia di oddifazione per il cliente.

3 INTERSSE RRE PORTNTI ( ) Ditanza tra le mezzerie di due barre portanti conecutive. INTERSSE RRE TRSVERSLI ( ) Ditanza tra le mezzerie di due barre traverali conecutive. MGLI Si indica ( ). L'interae ( ) viene empre indicato per primo. Eempio: interae ( ) = 25 mm interae ( ) = 76 mm maglia = mm LUNGHEZZ PNNELLO ( X ) Dimenione maima miurata nella direzione delle barre portanti. GRIGLITO E una truttura reticolare in acciaio cotituita da barre portanti collegate ortogonalmente da barre traverali. I punti di collegamento tra i due tipi di barre ono definiti nodi. GRIGLITO ELETTROSLDTO L unione delle barre portanti alle barre traverali avviene mediante l azione combinata di elettroaldatura enza apporto di materiale e di preione, concentrata ui nodi. Queto procedimento determina la totale compenetrazione delle barre traverali nelle barre portanti. GRIGLITO PRESSTO L unione delle barre portanti alle barre traverali avviene per mezzo di una preione eercitata ulle barre traverali per ottenere l incatro nelle cave predipote ulle barre portanti. In alcuni cai le cave vengono predipote ance ulle barre traverali. RRE PORTNTI Elementi dipoti parallelamente tra loro, atti a opportare il carico agente ul grigliato (comunemente ciamate ance piatti portanti ). Sono definite dall'altezza ( ) e dallo peore della barra ( ). Per determinati impiegi le barre portanti poono eere dotate di tacce antidrucciolo al fine di migliorarne l aderenza. RRE TRSVERSLI Elementi tra loro paralleli e dipoti traveralmente alle barre portanti grigliato (comunemente ciamate ance collegamenti ). Hanno lo copo di collegare e di mantenere cotante la ditanza tra le barre portanti. Le barre traverali anno inoltre la funzione di ripartire traveralmente il carico. Come le barre portanti, ance le barre traverali poono eere dotate di tacce antidrucciolo al fine di migliorarne l aderenza, nel cao di grigliato preato. LRGHEZZ PNNELLO ( Y ) Dimenione maima miurata nella direzione delle barre traverali. DIMENSIONI PNNELLO Si indica ( X Y ). La lungezza ( X ) viene empre indicata per prima. ORDI PORTNTI Elementi di bordatura (generalmente piatti) applicati nella tea direzione delle barre portanti. ORDI DI TEST Elementi di bordatura applicati perpendicolarmente alle barre portanti. Hanno la funzione di irrigidire il pannello e di evitare danni provocati dalle uperfici taglienti alle due etremità delle barre portanti. SGOMTUR Lavorazione dei pannelli per ottenere forme particolari, ce i adattano ai contorni della uperficie da coprire o alle trutture di appoggio o agli ingombri di maccinari, colonne e tubazioni paanti ecc. Si poono eeguire ul grigliato agomature rettilinee, circolari, e a ettore circolare. l grigliato agomato è applicata una bordatura a protezione delle uperfici taglienti riultanti dalla lavorazione. PRPIEDE ordo di altezza uperiore a quella delle barre portanti, applicata mediante aldatura al pannello, a protezione e delimitazione di zone dove non è conentito l acceo. DEFINIZIONE DELL TIPOLOGI Il grigliato viene individuato dalla combinazione di maglia, piatto portante, collegamento, eventuale bordatura e/o agomatura, e dalle ue dimenioni. Eempio: Pannelli in grigliato elettroaldato, maglia 3476, piatto portante 303, collegamento in quadro ritorto, bordati e agomati, dimenioni mm

4 Y Y lungezza del pannello (X) X X franco miura interna foa miura interno telaio miura eterno telaio Su ogni nodo (punto di collegamento tra le barre portanti e le barre traverali) viene fatto cendere un elettrodo eercitando contemporaneamente una preione di contatto. Il paaggio ucceivo di corrente elettrica viluppa calore determinando una fuione localizzata dei componenti a contatto e la compenetrazione totale delle barre traverali nelle barre portanti. elettroaldato preato Sulle barre portanti, in corripondenza di ogni nodo, ono ricavate cave di forma opportuna nelle quali vengono inerite, mediante ciacciamento otto un elevata preione, le barre di collegamento. Dimenionamento Per il dimenionamento dei pannelli di copertura, occorre rilevare le luci nette della foa da coprire, il tipo di appoggio (in ormonto, all interno, u profilati eitenti o da intallare). E empre conigliato far appoggiare i pannelli u una bae in metallo (telaio o truttura in profilati) per ottenere la migliore reitenza al carico e la oluzione tecnica ottimale. La copertura di una zona i realizza mediante l utilizzo di una erie di pannelli aventi largezza econdo gli tandard produttivi più un eventuale pannello di completamento di largezza non inferiore a 300 mm. Le bai di appoggio delle barre portanti del pannello non devono eere inferiori ai 2/3 dell altezza delle barre portanti. Poa in opera dei pannelli Le tetate delle barre portanti devono eere poizionate ulla truttura di appoggio e le barre di collegamento devono eere rivolte vero la uperficie di contatto con i veicoli e/o pedoni.

5 Fermagrigliati (ganci di fiaggio) Sono elementi opportunamente conformati da utilizzare per motivi tecnici e/o di icurezza nell ancoraggio dei pannelli di grigliato alla truttura di appoggio e/o per renderli olidali tra loro. Si coniglia l impiego di almeno due fermagrigliati da diporre u una diagonale del pannello. Pavimentazioni in grigliato L utilizzo di pannelli di grigliato per pavimentazioni, in pecifici impiegi, deve eere conforme a quanto precritto nel D.M. del n. 236 Precrizioni tecnice necearie a garantire l acceibilità, l adattabilità e la viibilità degli edifici privati e di edilizia reidenziale ovvenzionata e agevolata, ai fini del uperamento e dell eliminazione delle barriere arcitettonice. In particolare vanno ripettate le indicazioni fornite nel paragrafo Pavimentazioni I grigliati ineriti nella pavimentazione devono eere realizzati con maglie non attraverabili da una fera di 2 cm di diametro; i grigliati ad elementi paralleli devono eere comunque poti con gli elementi ortogonali al eno di marcia. Rapporto vuoto/pieno per pannelli di grigliato Le aperture di aerazione naturale per autorimee, in conformità al paragrafo 3.91 del D.M (Norme di icurezza antincendio), devono avere una uperficie non inferiore a 1/25 della uperficie in pianta del compartimento. Pertanto nell utilizzo di pannelli di grigliato per la copertura delle zone di aerazione è neceario tenere preente il rapporto vuoto/pieno delle varie tipologie di grigliato per queti manufatti, come riulta dalle eguenti tabelle: Speore barra portante Speore barra traverale grigliato elettroaldato GES ,78 0,82 0,81 0,86 0,77 0,87 0,86 0,9 0,84 0, ,68 0,75 0,75 0,81 0,7 0,82 0,81 0,86 0,79 0, ,59 0,68 0,69 0,75 0,63 0,77 0,76 0,81 0,74 0, ,5 0,61 0,63 0,7 0,57 0,73 0,72 0,78 0,7 0,77 Maglia Travi rompitratta L impiego di travi rompitratta conente di ridurre la luce netta di appoggio dei pannelli permettendo di utilizzare, a parità di portata, un grigliato avente una barra portante di minor dimenione e quindi più leggero. In funzione delle dimenioni della foa biogna prendere in eame ulteriori elementi, quali: la convenienza di prevedere più travi rompitratta dipote nel eno traverale della foa anzicè una trave in eno longitudinale, eventuali vincoli all intallazione delle travi, il valore della freccia elatica accettabile dal cliente. Nel dimenionamento delle travi rompitratta, il progettita deve coniderare quali carici vengano a gravare ulla trave in funzione del uo poizionamento e della portata (clae) di veicoli eventualmente affiancati (condizioni peggiori). Particolare attenzione deve eere pretata dal Committente nella progettazione di eventuali upporti particolari e/o in luce. Speore barra portante Speore barra traverale grigliato preato GP ,79 0,84 0,83 0,88 0,89 0,88 0,91 0,91 0,79 0, ,71 0,78 0,79 0,84 0,85 0,85 0,88 0,89 0,78 0, ,61 0,7 0,71 0,78 0,8 0,8 0,84 0,85 0,68 0, ,52 0,64 0,67 0,74 0,76 0,77 0,81 0,83 0,67 0,84 Maglia Carici particolar i Le tabelle di portata riportate per i tipi di carico e di impronta uualmente coniderati clae 1, 2, 3, 4, fornicono le tipologie del grigliato da utilizzare. Vi ono, tuttavia, dei cai (carrelli a force, automezzi per cantieri o veicoli peciali) i quali, ia per l entità del carico concentrato ia per le dimenioni dell impronta, riciedono un approfondito eame del problema. In quete particolari condizioni, è conigliabile riciedere lintervento dellufficio Tecnico ce ulla bae dei dati ricevuti, è in grado di tramettere la oluzione per ogni particolare eigenza.

6 cceori Gradini GpO cceori Gradini GpO pannello a miura pannello a miura pannello a miura S S LEGEND lungezza pannello largezza pannello altezza piatto portante peore piatto portante largezza maglia lungezza maglia Piatto Portante ()() kg/mq Grigliato preato Orizzontale bordato e zincato Collegamenti Maglia ,5 26,6 20,1 18,1 23, ,9 28,9 24,1 21,3 25, ,7 30,2 27,4 29, ,7 30,6 27,0 24,3 26, ,0 31,4 31,4 28,7 28, ,1 39,8 39,8 37,1 33, ,2 61,9 61,9 56, , , ,0 NOTE le maglie riportate nella tabella ono olo alcune di quelle di poibile cotruzione GpO preato LEGEND lungezza pannello largezza pannello altezza piatto portante peore piatto portante largezza maglia lungezza maglia Piatto Portante ()() kg/mq Grigliato elettroaldato Orizzontale bordato e zincato Maglia 3050 Collegamenti ,5 19,3 16,6 30,2 22,6 20,2 19,6 18,5 17,3 15,4 36,3 26,7 23,2 21,6 20,0 18,1 47,4 36,1 31,3 45,8 34,0 29,4 27,8 25,5 26,2 23,2 54,5 40,2 35,9 34,8 32,5 30,2 30,3 27,3 71,1 52,5 46,8 45,6 40,8 39,5 38,4 35,3 86,8 64,9 103,7 52,5 45,6 40,8 39,4 38,4 35,3 69,0 60,3 52,7 50,5 85,5 74,4 102,0 89,1 76,8 118,5 103,6 43,2 41,1 51,0 48,9 Collegamenti in tondo licio Collegamenti in quadro ritorto elettroaldato

7 cceori Gradini cceori GpO Gradini GpO pannello tandard emilavorato LEGEND largezza pannello altezza piatto portante peore piatto portante NOTE Pannelli bordati tandard Per l'utilizzo in canalette di defluo acque, caditoie, bocce di lupo e ogni altra eigenza, ono diponibili a magazzino pannelli bordati di dimenioni tandard ulle barre portanti, e di largezza mm 1000 ulle barre traverali. largezza maglia lungezza maglia NOTE Grigliato elettroaldato Orizzontale: naturale completamento dei pannelli tandard, ono ance diponibili telai in barre di profilato angolare, già predipoti con zance orizzontali a murare e zincati a caldo, per un utilizzo immediato e emplice. Per le tipologie e il peo dei telai diponibili, i veda l'appoita tabella inerita nella ceda degli acceori. Grate da mm grezze o zincate a caldo ono diponibili pronte per alcune tipologie evidenziate in graetto e/o in roo ripettivamente, nella tabella dei pei a lato riportata.. Grate da mm grezze, a ricieta. NOTE GeV Grigliato elettroaldato Verticale: Grate da mm o da mm grezze per alcune tipologie evidenziate in graetto, nella tabella dei pei otto riportata. Dalle grate i poono ricavare pannelli tagliati a miura nella dimenione delle barre portanti, grezzi o zincati a caldo prima o dopo il taglio, per eventuali ucceive lavorazioni a cura del cliente, o utilizzi particolari. lungezza pannello Pannelli tandard bordati e zincati, P largezza mm 1000 largezza pannello Piatto p portante () altezza piatto portante Lungezza mm Peo kg/cad peore piatto portante ,8 4,8 5,7 6,7 8,7 10,6 12,6 14,5 16,5 18,5 20,4 252 Sono diponibili grate di materiale emilavorato nelle eguenti dimenioni tandard: 303 lungezza pannello ,7 8,4 10,2 11,9 15,4 18,8 22,3 25,7 29,2 32,7 36, ,8 11,0 13,3 15,5 20,0 24,5 29,0 33,5 38,0 42,5 47,0 Collegamenti in tondo licio Collegamenti in quadro ritorto ato d l a o r elett LEGEND Grigliato elettroaldato Orizzontale maglia mm 50mm ato d l a o r t elet

8 D1 TOLLERNZE DIMENSIONLI cceori PISTR Gradini GpO VIST LTERLE Y P X C ß T U F1 F2 profilo rompiviuale D2 SEZIONE RMP gradini con angolare rompiviuale iu e piatra di fiaggio TOLLERNZE COSTRUTTIVE R1 R2 TELL Q M Q H Tipologia Piatto Largezza Pedata Peo teorico maglia ez. mm mm mm kg/cad. N M G , ,4 E , ,5 N K X Y LEGEND MISURE STNDRD W Z Y C X P Y tolleranze H F1 F2 C T U M N Q R1 R2 60mm altezza del grigliato foro 14ø aola mm 40mm 120mm alzata pedata ovrappoizione 30mm 40mm gradini D2 D1

9 cceori Gradini GpO FERMGRIGLITO Vite CLSSI DI PORTT (carici e impronte) ncoretta uperiore CLSSE 1 folla compatta (portata pedonale) 1000 Gancio per pannelli interae piatti grigliato Staffa inferiore carico dinamico 630 dan u un'area di 1 m Dado quadro angolari in barre da 3 ml con zance kg/ml 2,6 3,0 4,0 CLSSE 2 CLSSE 3 tranito limitato ad autovetture maa totale a terra (tatica) fino a 3000 kg carico dinamico 1000 dan u impronta mm tranito limitato ad autocarri leggeri u = 200 v = 200 u = 400 v = 200 u v maa totale a terra (tatica) fino a 6000 kg v carico dinamico 3000 dan u impronta mm u CLSSE 4 tranito autotreni autoarticolati u = 600 v = 250 maa totale a terra (tatica) fino a kg v acceori carico dinamico 9000 dan u impronta mm u 1 kg = ~ 1 dan direzione barre portanti Note: - per le clai di portata con impronta rettangolare la verifica della portata deve eere effettuata nelle due direzioni di marcia del veicolo (parallela e perpendicolare alla direzione delle barre portanti). - le clai di portata e le impronte indicate nel propetto i rifericono a veicoli con ruote pneumatice. Non riguardano carrelli a force o veicoli da cantiere o di movimento terra.

10 ociazione nazionale tra i produttori italiani di grigliato elettroaldato e preato in acciaio e lege metallice Clae 1 - FOLL COMPTT (portata pedonale) arra Portante f f f f f f f f f f f f , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 1 kg = ~ 1 dan Carico dinamico 630 dan/m materiale = acciaio S235JR amm = 16 dan/mm freccia elatica = 1/200 Ln ma 5 mm LUCE NETT MSSIM TR GLI PPOGGI (mm) INTERSSE RRE PORTNTI (mm)

11 ociazione nazionale tra i produttori italiani di grigliato elettroaldato e preato in acciaio e lege metallice Clae 2 - UTOVETTURE Carico dinamico 1000 dan u impronta mm Maa totale a terra fino a 3000 kg materiale = acciaio S235J amm = 16 dan mm freccia elatica = 1/200Ln ma 5 mm LUCE NETT MSSIM TR GLI PPOGGI (mm) INTERSSE RRE PORTNTI (mm) arra Portante f f f f f f f f f f , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 1 kg = ~ 1 dan = impronta

12 ociazione nazionale tra i produttori italiani di grigliato elettroaldato e preato in acciaio e lege metallice Clae 3 - UTOCRRI LEGGERI arra Portante 11 f f f f f f f f f f , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,85 1 kg = ~ 1 dan = impronta = impronta Carico dinamico 3000 dan u impronta (mm) Maa totale a terra fino a 6000 kg amm = 16 dan/mm freccia elatica = 1/200 Ln ma 5 mm LUCE NETT MSSIM TR GLI PPOGGI (mm) 21 materiale = acciaio S235J INTERSSE RRE PORTNTI (mm)

13 ociazione nazionale tra i produttori italiani di grigliato elettroaldato e preato in acciaio e lege metallice Clae 4 - UTOTRENI /UTORTICOLTI arra Portante f f f f f f f f f f , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,74 1 kg = ~ 1 dan = impronta = impronta Carico dinamico 9000 dan u impronta (mm) Maa totale a terra fino a kg materiale = acciaio S235J amm = 16 dan/mm freccia elatica = 1/200 Ln ma 5 mm LUCE NETT MSSIM TR GLI PPOGGI (mm) INTERSSE RRE PORTNTI (mm)

7.0 TOLLERANZE DIMENSIONALI DELLE BARRE PORTANTI E DELLE BARRE TRASVERSALI 7.1 Grigliato elettrosaldato pag. 66 7.2 Grigliato pressato pag.

7.0 TOLLERANZE DIMENSIONALI DELLE BARRE PORTANTI E DELLE BARRE TRASVERSALI 7.1 Grigliato elettrosaldato pag. 66 7.2 Grigliato pressato pag. Indice 1.0 NORMATIVA UNI PER IL GRIGLIATO ELETTROSALDATO E/O PRESSATO 1.1 Norma UNI 11002-1 Pannelli e gradini di grigliato elettrosaldato e/o pressato Terminologia, tolleranze, requisiti e metodi di prova

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DEL GRIGLIATO

GUIDA ALL UTILIZZO DEL GRIGLIATO ata PRODUTTORE GUIDA ALL UTILIZZO DEL GRIGLIATO grigliati, carrelli elevatori, gradini, TRAVI ROMPITRATTA. Per le tabelle di portata le prove di carico sono state eseguite presso il Politecnico di Milano.

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX SISTEM I ISSGGIO EILIX Il itema i fiaggio EILIX offre una oluzione rapia e veratile a ogni problema i ancoraggio tra elementi i calcetruzzo, quali: pannelli/travi, parapetti/olette, ecc. e in carpenteria

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore Sezioni in c.a. La fleione compota Catania, 16 marzo 004 arco uratore Per chi non c era 1. Compreione: verifica Tenioni ammiibili α cd Ac f 1.5 f yd A 0.7 σ ( A max c c n A ) Riultati comparabili per il

Dettagli

GRIGLIATI ELETTROSALDATI

GRIGLIATI ELETTROSALDATI IGLITI ELETTROSLDTI CRTTERISTICHE: I IGLITI ELETTROSLDTI ORIZZONTLI G-PI sono utilizzati in innumerevoli applicazioni, dalla tipologia più leggera, adatta al transito di pedoni, a quella pesante, idonea

Dettagli

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo Programma generale STAFFE ROTANTI Preione d eercizio fino a A emplice e doppio effetto 7 differenti tipi di corpo Forza di bloccaggio maima da 0,6 a 41 kn Cora di bloccaggio maima da 7 a 50 mm Sicurezza

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE

SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE 80_84_147do5 d Pagina 80 o di MILA MOLINARI i e SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE Eperti nella lavorazione di prototipi e particolari detinati al ettore automobilitico, CMG Cofeva da oltre 30 anni opera nel

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche:

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche: Si riporta di eguito la rioluzione di alni eercizi riguardanti il calcolo del momento reitente e del dominio di preoleione di ezioni in cemento armato. In tutte le applicazioni ucceive i è utilizzato per

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

tubi in polietilene Sistemi integrali per trasporto ed il trattamento dei fluidi

tubi in polietilene Sistemi integrali per trasporto ed il trattamento dei fluidi 1/2 tubi in polietilene Sitemi integrali per traporto ed il trattamento dei fluidi tubi in polietilene Gamma dei tubi in polietilene inch 3/8" 1/2" 3/4" 1" 11/4" 11/2" 2" 21/2" 3" 4" 4" 5" 6" 6" 8" 8"

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Prova scritta di Fisica I 13 Febbraio 2006 Compito A

Facoltà di Ingegneria Prova scritta di Fisica I 13 Febbraio 2006 Compito A Facoltà di Ingegneria Prova critta di Fiica I 13 Febbraio 6 Copito A Eercizio n.1 Un blocco, aiilabile ad un punto ateriale di aa, partendo da fero, civola da un altezza h lungo un piano inclinato cabro

Dettagli

www.libraindustriale.com Grigliati

www.libraindustriale.com Grigliati Grigliati 01 INDICE L azienda Le nostre realizzazioni Manuale tecnico Grigliato elettrosaldato Grigliato pressato Gradini Tabelle di portata del grigliato Tolleranze del grigliato 02 04 07 15 19 23 27

Dettagli

NIROFLEX NFX 7.101. Descrizione del sistema. La famiglia del NIROFLEX. Applicazioni. La tubazione. Construzione. Tecnologia delle connessioni

NIROFLEX NFX 7.101. Descrizione del sistema. La famiglia del NIROFLEX. Applicazioni. La tubazione. Construzione. Tecnologia delle connessioni Decrizione del itema 7.101 La famiglia del NIROFLEX Il NIROFLEX è un itama di tubazioni corrugate con profilo a pirale, aventi parete ingola e realizzate in acciaio inox. I punti chiavi della cotruzione

Dettagli

IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007

IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007 IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007 Lorenzo LEONE (*), Daniela LAUDANI FICHERA (**) Marco LEONE (***), Giueppe PULVIRENTI (****) (*) Dipartimento di

Dettagli

6.1 Classi di portata carrelli elevatori a forche Si riporta stralcio della norma UNI EN 1991-1-1 agosto 2004 Delega dell UNI del 21/10/2008

6.1 Classi di portata carrelli elevatori a forche Si riporta stralcio della norma UNI EN 1991-1-1 agosto 2004 Delega dell UNI del 21/10/2008 CARRELLI ELEVATORI 6.1 Classi di portata carrelli elevatori a forche Si riporta stralcio della norma UNI EN 1991-1-1 agosto 2004 Delega dell UNI del 21/10/2008 si ritiene che le prescrizioni dell Eurocodice

Dettagli

6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica

6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica 6 Lezione STATI LIMITE: Eempi di progetto/veriica SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. PROBLEMA N. 1 40 Determinare: 1) Il valore dell armatura bilanciata. ) Il momento ultimo a leione emplice

Dettagli

STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS

STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS www.brother.it VI PRESENTIAMO LA NUOVA GAMMA LASER MONOCROMATICA COMPATTA STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO Brother a che le attività

Dettagli

Direzione e Depositi:

Direzione e Depositi: Sede Legale e Uffici: Via P. Rondoni,1 20146 Milano Tel. 0039 02 42 41 421 Fax 0039 02 47 71 93 72 E-mail: ventemilano@icamtui.com Direzione e Depoiti: Via Marziana, 21 27020 Parona Lomellina (PV) Tel.

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo La Dott.a Brunella Caroleo Definizioni Manutenzione: È il controllo cotante degli impianti e l inieme dei lavori di riparazione e otituzione neceari ad aicurare il funzionamento regolare e a mantenere

Dettagli

Sedili per Macchine Industriali e Carrelli Elevatori

Sedili per Macchine Industriali e Carrelli Elevatori Sedili per Macchine Indutriali e Carrelli Elevatori La gamma di edili KAB Seating a bao profilo con openione meccanica o pneumatica ono adatti alle eguenti applicazioni: Carrelli elevatori Spazzatrici

Dettagli

Esercizi sul moto del proiettile

Esercizi sul moto del proiettile Eercizi ul moto del proiettile Riolvi li eercizi ul quaderno utilizzando la oluzione olo per controllare il tuo riultato. 1 Un fucile è puntato orizzontalmente contro un beralio alla ditanza di 30 m. Il

Dettagli

Ottica. LEYBOLD Schede di fisica P5.6.2.1

Ottica. LEYBOLD Schede di fisica P5.6.2.1 Ottica LEYBOLD Schede di fiica Velocità della luce Miura eeguita ediante ipuli luinoi di breve durata LEYBOLD Schede di fiica Deterinazione della velocità della luce nell aria eeguita ediante il tepo di

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Sintesi tramite il luogo delle radici

Sintesi tramite il luogo delle radici Sintei tramite il luogo delle radici Può eere utilizzata anche per progettare itemi di controllo per itemi intabili Le pecifiche devono eere ricondotte a opportuni limiti u %, ta, t di W(), oltre quelle

Dettagli

1 I prodotti finanziari di riferimento

1 I prodotti finanziari di riferimento UN MODELLO PER L ANALISI DELLO STILE DI GESTIONE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO Domenico Vitocco 1+, Claudio Converano 1 1 Dipartimento di Economia e Territorio, Univerità di Caino, Via Mazzaroppi, I-03043

Dettagli

corso di formazione ed aggiornamento

corso di formazione ed aggiornamento coro di ormazione ed aggiornamento NUOVE NORME TECNICHE IN ZONA SISMICA di cui all ordinanza n. 374 del P.C.M. del 0.03.003 pubblicata ulla Gazzetta Uiciale in data 08.05.003 ARGOMENTO DELLA LEZIONE: LA

Dettagli

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura Univerità degli Studi di Roma Tre Coro di Progetto di trutture - A/A 2008-0909 Stato limite ultimo di ezioni in c.a. oggette a preoleione SLU per ezioni rettangolari in c.a. con doppia armatura determinazione

Dettagli

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE LA DIFFUSIONE . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

SERS (surface enhanced raman scattering)

SERS (surface enhanced raman scattering) a pettrocopia aman tradizionale SS (urface enhanced raman cattering) a pettrocopia aman è una tecnica di indagine uperficiale che i baa ul principio di eccitazione dei livelli energetici della materia.

Dettagli

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze Relazione di Teoria dei Sitemi La popolazione di gatti urbani ul territorio del Comune di Firenze Modelli per lo tudio ed il controllo Docente: Aleandro Caavola Studenti: Leonardo Profeti, Manfredi Toraldo,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca Eame di tato 00 ESAME D STATO D LCEO SCENTFCO 00 ndirizzo Scientifico-Tecnologico rogetto Brocca Tema di: FSCA tracrizione del teto e redazione oluzione di Quintino d Annibale Secondo tema L'etto oule

Dettagli

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Cinematica: oluzioni Problema di: Cinematica - C0015ban Teto [C0015ban] Eercizi banali di Cinematica: 1. Moto rettilineo uniforme (a) Quanto pazio percorre in un tempo t = 70 un oggetto che i muove con

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio Capitolo 1 Lamiere grecate emplici in acciaio e alluminio Sommario: 1.1 Generalità 1.1.1 Norme di riferimento 1.1. Tipologie, materiali e campi di applicazione 1.1.3 Definizione della ezione efficace 1.

Dettagli

ISSION: ERFORMANCE ND DURABILITY GRIGLIATI

ISSION: ERFORMANCE ND DURABILITY GRIGLIATI ISSION: ERFORMANCE ND DURABILITY GRIGLIATI POTISSIMUM EDILIZIA Potissimum è il grigliato in acciaio elettrosaldato che grazie al particolare procedimento di produzione offre eccezionali doti di robustezza

Dettagli

22 - Il principio dei lavori virtuali

22 - Il principio dei lavori virtuali - Il principio dei lavori virtuali ü [.a. 0-0 : ultima reviione 5 aprile 0] Eempio n. Si conideri il portale di Figura, emplicemente ipertatico. Si vuole applicare il principio dei lavori virtuali per

Dettagli

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Univerità di Firenze Coro di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Coro di TECNICA DELLE COSTRUZIONI APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI ( prof. Gianno Bartoli e prof. Maurizio Orlando)

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/0 Lecture : 3-4 Maggio 200 Meccanimi per la Condiviione dei Coti Docente Paolo Penna Note redatte da: Paolo Penna Primo Eempio Vogliamo vendere

Dettagli

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte HD ACADEMY a cura dell Ing. Sergio Brighel* Obiettivi in Alta Definizione e getione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte Il fenomeno delle aberrazioni cromatiche è tra le caue più importanti di decadimento

Dettagli

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s)

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s) Preciione a regime: errore tatico ERRORE STATICO Alimentazione di potenza E() YRET() G() Y() H() Per errore tatico i intende lo cotamento, a regime, della variabile controllata Y() dal valore deiderato.

Dettagli

BASCULANTI ACCIAIO E LEGNO

BASCULANTI ACCIAIO E LEGNO BASCULANTI ACCIAIO E LEGNO INDICE BASCULANTI IN ACCIAIO BASCULANTI IN LEGNO WIND 6 4 16 STAR WIND 8 4 16 SKY BASE SUPERWIND 5 17 SKY PLUS NON DEBORDANTE 5 17 SKY 8 PERSONALIZZAZIONI 6 18 ESTETICHE SPECIALI

Dettagli

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO 1. IL TUO PROFILO 2. RICERCA A CATALOGO SEMPLICE 3. RICERCA A CATALOGO AVANZATA 4. I RISULTATI DELLA RICERCA 5. PROMOZIONI IN CORSO E OFFERTE IN ESCLUSIVA

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI GEOTECNICI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI GEOTECNICI CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI GEOTECNICI 1.1 Rocce lapidee e rocce ciolte I geomateriali ono uddivii nell Ingegneria Civile (ia pure in modo alquanto arbitrario) in rocce e terreni. Rocce lapidee Aggregato

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO MURO SI SOSTEGNO H. 2 M

RELAZIONE DI CALCOLO MURO SI SOSTEGNO H. 2 M RELAZIONE DI CALCOLO MURO SI SOSTEGNO H. M 1. PREMESSA Oggetto della preente relazione è il dimenionamento e la verifica di un muro di otegno controterra in c.a. relativo al progetto: S.R. 34 BRIANTEA

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

Sensori di contatto. Sensori magnetici. Sensori potenziometrici. Urto Fine corsa motori Baffi di contatto. V cc. Data Acquisition Board. V s.

Sensori di contatto. Sensori magnetici. Sensori potenziometrici. Urto Fine corsa motori Baffi di contatto. V cc. Data Acquisition Board. V s. Senori di contatto Data Acquiition Board V Urto Fine cora motori Baffi di contatto witch = 5V open V = 5 V = 47K cloed V = 0 V Senori magnetici Data Acquiition Board V Ampolla eed magnete ilevazione paaggio

Dettagli

STATI LIMITE DI ESERCIZIO FESSURAZIONE, DEFORMABILITA E TENSIONE

STATI LIMITE DI ESERCIZIO FESSURAZIONE, DEFORMABILITA E TENSIONE Forlì Giugno 004 Ingegneria imica: la progettazione baata ul metodo emiprobabilitico agli tati limite STATI LIMITE DI ESERCIZIO FESSURAZIONE, DEFORMABILITA E TENSIONE Claudio Mazzotti DISTART - Tecnica

Dettagli

Parrucchiera / parrucchiere con attestato federale di capacità (AFC)

Parrucchiera / parrucchiere con attestato federale di capacità (AFC) Piano di formazione per l ordinanza ulla formazione profeionale di bae Parrucchiera / parrucchiere con attetato federale di capacità (AFC) Numero della profeione 8014 del 1 novembre 01 Indice Indice...

Dettagli

ESAME VISIVO E SPESSIMETRIA

ESAME VISIVO E SPESSIMETRIA PROCEDURA SPERIENTALE DI VERIFICA DELLE ATTREZZATURE A PRESSIONE Diegno di linee guida e trumenti operativi Edizione 2012 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento

Dettagli

Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y

Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y Building Automation Indutrial Automation Sytem Informazioni di prodotto Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y Relè di comando eay400, 600, 800 Bildgröe 210 x 118,5 mm 222 Logo 17 x 17 mm

Dettagli

LA GESTIONE DELLO STRESS

LA GESTIONE DELLO STRESS LA GESTIONE DELLO STRESS Stre è enza alcun dubbio una delle parole più uate (o abuate) nel mondo, almeno in quello occidentale. Vi ono molti ignificati dati a queto termine, alcuni ne ottolineano primariamente

Dettagli

Rilevazione mensile sull'occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni nelle grandi imprese

Rilevazione mensile sull'occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni nelle grandi imprese SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Rilevazione menile ull'occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni nelle grandi impree 2006 Metodi e Norme n. 29 I ettori AMBIENTE E

Dettagli

> grate standard > a misura > pannelli standard. > grigliati sagomati su misura > grigliati pressati > sistemi di fissaggio e antifurto

> grate standard > a misura > pannelli standard. > grigliati sagomati su misura > grigliati pressati > sistemi di fissaggio e antifurto CANCELLI A MISURA GRIGLIATO PRESSATO CON BORDO IN PIATTO GRIGLIATO PRESSATO CON BORDO A C RECINZIONI BOXER GRIGLIATO SUPERANTISDRUCCIOLO GRIGLIATO ELETTROSALDATO GRIGLIATO PRESSATO INCROCIATO CON PIATTI

Dettagli

PRONTUARIO PESI TEORICI

PRONTUARIO PESI TEORICI PRONTUARIO PESI TEORICI PESI TEORICI I ragguagli e le indicazioni contenute nel presente catalogo hanno valore informativo e sono dati senza impegno e senza alcuna nostra responsabilità. I pesi indicati

Dettagli

La macchina sincrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza sincrona, curve di prestazione limite, motore sincrono

La macchina sincrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza sincrona, curve di prestazione limite, motore sincrono La macchina incrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza incrona, curve di pretazione limite, motore incrono Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Indutriale e dell Informazione Univerità

Dettagli

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche;

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche; Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria L E d = L domanda di credito delle impree = offerta delle banche; M d H = M M domanda di moneta (legale e bancaria) delle famiglie

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Esercitazione di Meccanica dei fluidi con Fondamenti di Ingegneria Chimica. Scambio di materia (II)

Esercitazione di Meccanica dei fluidi con Fondamenti di Ingegneria Chimica. Scambio di materia (II) Eercitazione di Meccanica dei fluidi con Fondaenti di Ingegneria hiica Eercitazione 5 Gennaio 3 Scabio di ateria (II) Eercizio Evaporazione di acqua da una picina Stiare la perdita giornaliera di acqua

Dettagli

BASCULANTI IN ACCIAIO ELEGANCE

BASCULANTI IN ACCIAIO ELEGANCE BASCULANTI IN ACCIAIO ELEGANCE ELEGANCE Il facino dell eleganza INDICE CLASSIC-V 4-5 14 NON DEBORDANTE CLASSIC-O 6-7 14 SERRATURA A TRE PUNTI DI CHIUSURA 15 SERRATURE BLINDATE ELETTROMOTORIZZATE DOUBLE

Dettagli

Progetto di una struttura multipiano

Progetto di una struttura multipiano UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI II MODULO Progetto di una truttura multipiano ANALISI STRUTTURALE STATICA DI

Dettagli

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens.

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens. Neun, altra riparmia più acqua. Neun, altra è coì veloce. peedmatic: la nuova generazione di lavatoviglie Siemen. NOVITA MONDIALE peedmatic. La nuova generazione di lavatoviglie. The future moving in.

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura:

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura: Eercizio Si conideri lo chema di controllo riportato in figura: y de e C() d u u F() d y y Applicando le regole di algebra dei blocchi, calcolare le eguenti funzioni di traferimento: y() a) W y,dy() =

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

L alta tecnologia impiegata nella produzione e nella lavorazione, unita all impiego di materie prime selezionate e ad un rigoroso controllo durante

L alta tecnologia impiegata nella produzione e nella lavorazione, unita all impiego di materie prime selezionate e ad un rigoroso controllo durante alta tecnologia impiegata nella produzione e nella lavorazione, unita all impiego di materie prime selezionate e ad un rigoroso controllo durante tutto il processo, fanno del grigliato Keller un punto

Dettagli

L ATTIVITÁ FISICA. Questo perché l attività fisica migliora Figura 5. il funzionamento dell apparato cardiorespiratorio,

L ATTIVITÁ FISICA. Questo perché l attività fisica migliora Figura 5. il funzionamento dell apparato cardiorespiratorio, L ATTIVITÁ FISICA Fare regolarmente attività fiica fa bene! E le ragioni ono molte: la prima è il miglioramento ia in quantità che in qualità della vita. Maggiore è il livello di allenamento e minore è

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

VALIDAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO IS PALI

VALIDAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO IS PALI VALIDAZIONE DEL CODICE DI CALCOLO IS PALI Tel. 011.4470755 - Fax 011.4348458 - www.cdmdolmen.it - dolmen@cdmdolmen.it Sommario PREMESSA 1 1 DATI GENERALI 1 2 BASI TEORICHE E ALGORITMI IMPIEGATI 1 2.1 Carico

Dettagli

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12 COSO DI SISTEMI Sommario 1 I SISTEMI DI CONTOLLO...4 1.1 Introduzione...4 1.1.1 Sitemi di controllo ad anello aperto...5 1.1.2 Sitemi di controllo a previione...7 1.1.3 Sitemi di controllo ad anello chiuo

Dettagli

www.nc2grid.com SCALE

www.nc2grid.com SCALE www.nc2grid.com E GRADINIEdizione: SCALE settembre 2013 Profilo Aziendale NC2 GRID nasce nel 1991 come evoluzione della precedente attività artigianale, risalente ai primi anni Settanta, e ne assume la

Dettagli

4 Risposta sismica del sistema terreno-struttura

4 Risposta sismica del sistema terreno-struttura 4 Ripota imica del itema terreno-truttura 4.1 ANALISI DELL INTERAZIONE TERRENO-STRUTTURA 4.1.1 Generalità Il itema di cui i è tudiata la ripota imica conta di due parti con differenti proprietà (fig. 4.1):

Dettagli

envenuti Portoncini in PVC Porte, finestre e persiane

envenuti Portoncini in PVC Porte, finestre e persiane envenuti Portoncini in PVC Porte, finetre e periane caa dolce caa FidateVi della notra eperienza. L'ingreo è importante, poiché rappre enta in qualche modo il Votro biglietto da viita. Il portoncino è

Dettagli

Le Misure. 2 ottobre 2007

Le Misure. 2 ottobre 2007 Le Miure ottobre 007 In tutte le oluzioni i farà ricoro alla notazione cientifica dei numeri, baata ul ignificato del itema decimale e poizionale. (piegare il ignificato) 1 Lunghezza 1.0.1 Una navetta

Dettagli

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione.

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione. Diaz - Appunti di tatitica - AA 1/ - edizione 9/11/1 Cap. 4 - Pag. 1 Capitolo 4. Regreione e Correlazione. Regreione Il termine regreione ha un'origine antica ed un ignificato molto particolare. L inventore

Dettagli

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO Il Salvagente 1- maggio 201 Conumi Tet 21 Il CONCIME da pollice verde? n empre è il più CARO Marta Strinati è tato lungo e faticoo anche per le piante. Freddo, pioggia e mancanza di cu- L inverno re hanno

Dettagli

ECO-RELAX, tra i limoni del Garda

ECO-RELAX, tra i limoni del Garda di Camilla Fiorin ECO-RELAX, tra i limoni del Garda [www.lefayreort.com] Bio-architettura, integrazione morfologica, hi-tech ecootenibile, deign e beneere naturale: è il Lefay Reort & SPa Pilatri rivolti

Dettagli

Giornata di studio Per la presentazione del Software Giuditta 3.1

Giornata di studio Per la presentazione del Software Giuditta 3.1 Giornata di tudio Per la preentazione del oftware Giuditta 3. Introduzione ul concetto dell uo del oftware per l analii di richio anitaria I oftware nacono per effettuare delle imulazioni di calcolo, enza

Dettagli

RISCHIO PER LA SALUTE UMANA DOVUTO A RILASCI ACUTI DI SOSTANZE CHIMICHE NEL SUOLO GENERATI DA EVENTI INCIDENTALI: PROCEDURE E METODOLOGIE DI CALCOLO

RISCHIO PER LA SALUTE UMANA DOVUTO A RILASCI ACUTI DI SOSTANZE CHIMICHE NEL SUOLO GENERATI DA EVENTI INCIDENTALI: PROCEDURE E METODOLOGIE DI CALCOLO RISCHIO PER LA SALUTE UMANA DOVUTO A RILASCI ACUTI DI SOSTANZE CHIMICHE NEL SUOLO GENERATI DA EVENTI INCIDENTALI: PROCEDURE E METODOLOGIE DI CALCOLO R. Baciocchi (*), S. Berardi (**), C. Mariotti (***),

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione Quetionario cuola tatali 1 ciclo di itruzione Denominazione Scuola VILLANOVA D'ASTI Data invio 01/03/2015 11:31:37 Codice Meccanografico ATIC80600E URL di riferimento http://ext.pubblica.itruzione.it/invali/index.php/534466

Dettagli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli ORZE DI ATTRITO a cura i Gianfranco Metelli L attrito è una forza che i eercita tra ue corpi poti a contatto e che, in generale, i oppone al loro moto reciproco. Una forza i attrito è, per eempio, quella

Dettagli

Meccanica Classica: Cinematica Formule

Meccanica Classica: Cinematica Formule Tet di Fiica - Cinematica Meccanica Claica: Cinematica Formule Velocità media: m Accelerazione media: Formule da ricordare: x x x1 t t t1 1 a m t t t Motouniforme: x(t)x 0 + t oppure x t 1 Moto uniformemente

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Eercizio 1 Nel uo tato naturale un campione di terreno umido di volume pari a 0.01 m 3 ha un peo di 18 kg. Lo teo campione eiccato in tufa ha un peo di 15.6

Dettagli

DCP-7055. Stampante laser multifunzione monocromatica compatta. Versatile multifunzione laser monocromatica con stampante, scanner e copiatore.

DCP-7055. Stampante laser multifunzione monocromatica compatta. Versatile multifunzione laser monocromatica con stampante, scanner e copiatore. DCP-7055 Stampante laer multifunzione monocromatica compatta DCP-7055 offre le funzioni di tampante, canner e copiatore in un olo prodotto multifunzione compatto. Stampe veloci di alta qualità unite a

Dettagli

Versione Trilaterale - Dati tecnici VDI 2198

Versione Trilaterale - Dati tecnici VDI 2198 Dati tenii Verione: Verione: Verione Trilaterale Dati tenii VDI 2198 Caratteritihe Pei Ruote e goature Dimenioni ed ingombri Pretazioni Motore elettrio ltro 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.9 2.1 2.2 2.3 3.1

Dettagli