Faraday. Ritratto dello scienziato da giovane (di Giuseppe Mussardo)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Faraday. Ritratto dello scienziato da giovane (di Giuseppe Mussardo)"

Transcript

1 Faraday. Ritratto dello scienziato da giovane (di Giuseppe Mussardo) La sera del 20 Giugno 1862, un venerdi, si era creato un grande affollamento in una via nel cuore del West End, a Londra, un vero e proprio fiume di cilindri e di graziose cuffiette di pizzo. Tra le larghe pieghe delle crinoline spuntavano le teste di diversi ragazzini, anche loro eccitati da tutto quel subbuglio e da quella strana agitazione che sembrava possedere i grandi. E la tensione, con il passare dei minuti, non sembrava scemare, anzi: all angolo della strada continuava incessante lo scalpitio dei cavalli e il via vai delle carrozze. Dagli sportellini uscivano velocemente eleganti signore e distinti signori che correvano ad allungare la coda formatasi all ingresso del maestoso colonnato dell edificio situato al 21 di Albemarle Street, sede della Royal Institution. Pareva la calca di una prima teatrale o il pigia pigia di una opera famosa, in ogni caso un evento a cui nessuno voleva mancare. Era in effetti un giorno molto particolare ma per un motivo insolito: quella sera infatti calava il sipario su una rappresentazione straordinaria, uno spettacolo Michael Faraday da giovane durato ininterrottamente per quasi trent anni. Era la serata del toccante addio di uno scienziato, oramai vecchio e malato, a quel pubblico che lo aveva adorato. Un grande scienziato, ma anche un grande comunicatore, che aveva deliziato ogni venerdi grandi e piccini con tutte quelle affascinanti spiegazioni sui fenomeni naturali: con parole semplici aveva svelato loro le sorprese che riservavano i campi della chimica e dell elettromagnetismo, con grande maestria aveva fatto si che il fantastico libro della natura si aprisse magicamente sotto i loro occhi. Nel pubblico di quell ultima sera c era chi ancora ricordava il soprendente esperimento della gabbia metallica, un congegno in grado di schermare completamente i campi elettrici esterni: nella gabbia venne messo una sera un gatto, che rimase sdraiato all interno, beato e pacifico, a dispetto delle scintille e delle scariche elettriche da migliaia di volt che sprizzavano verso l esterno dalle pareti della gabbia. C era chi, invece, aveva ancora ben nitido il ricordo dell ago magnetico che si muoveva come impazzito all accensione di una bobina elettrica. E non erano queste le uniche cose mirabili viste durante quegli anni! Ogni venerdi sera la sala semicircolare della Royal Institution era sempre gremita di gente. Ma, quei fortunati che riuscivano a trovare posto erano sicuri di poter assistere ad uno spettacolo sensazionale: vedere la decomposizione elettrolitica dell acqua nelle bollicine gassose dell ossigeno e dell idrogeno, guardare con meraviglia il colore azzurrino che assumevano i gas una volta liquefatti, seguire con lo sguardo, rapiti, le linee di forza che la limatura di ferro tracciava intorno ad un magnete, per rimanere infine affascinati dalle incantevoli spiegazioni su cosa agiti la fiamma di una candela. Nei laboratori sottostanti la sala, in quell istituto che per quasi cinquant anni era stato tutto il suo mondo, quello scienziato aveva investigato a fondo le relazioni che legano l elettricita al magnetismo. Era riuscito a dimostrare un fatto sensazionale: come indurre una corrente elettrica

2 in un circuito usando un campo magnetico variabile, una scoperta veramente elettrizzante, che gli aveva portato onori e fama in tutto il mondo. In quei laboratori aveva condotto ricerche sulle sostanze diamagnetiche e su quelle paramagnetiche. Aveva poi sfruttato abilmente quelle ferromagnetiche per creare artificialmente una calamita e costruire il primo motore elettrico. A quell uomo si doveva una serie impressionante di scoperte, destinate a cambiare radicalmente il mondo e ad aprire la strada a nuove e profonde rivoluzioni scientifiche e tecnologiche. Lo scienziato su cui, quella sera, calava il sipario era Michael Faraday. Ogni epoca ha i suoi personaggi-simbolo, ovvero quelle personalita in grado di evocare magicamente con il loro nome tutta l atmosfera di un periodo. Cosi come l Inghilterra elisabettiana e riassunta meravigliosamente dal nome di Shakespeare, quella vittoriana e sintetizzata -- per ragioni quasi antitetiche -- dai nomi di Charles Dickens e Michael Faraday. Con Dickens l arte dell Ottocento raggiunse il suo culmine, mescolando il folle riso con la piu incosciente discesa nelle tenebre. Faraday scrisse invece una delle pagine piu belle della fisica sperimentale. Dickens -- con l acqua fangosa del Tamigi, la nebbia giallo-oscura che copriva Londra come un velo fuligginoso e una serie interminabile e cialtronesca di emarginati -- e l immagine piu oscura della rivoluzione industriale e dell Inghilterra dell 800. Faraday, con i suoi amperometri, magneti e provette, ne e invece l icona piu luminosa. Se i vari Oliver Twist, Arful Dodger o David Cooperfield -- personaggi straordinari dei racconti dickensiani -- ci riportano immediatamente alla memoria la cruda realta dello sfruttamento del lavoro minorile, le violenze familiari o le miserabili condizioni di vita negli slum londinesi, la figura di Faraday ci comunica invece ancora oggi l entusiasmo delle grandi scoperte e la vibrante atmosfera scientifica della Londra vittoriana. La storia della sua vita, inoltre, ha dell incredibile: sembra quasi volerci dire che le cose che contano nella vita sono la tenacia e la passione, e che le vere passioni trovano sempre una loro realizzazione, a dispetto di tutte le peggiori avversita. Michael Faraday ha infatti questo di straordinario, l essere stato allo stesso tempo la perfetta incarnazione di un personaggio dickensiano e il protagonista di una storia a lieto fine. Michael Faraday nacque il 22 settembre del 1791 in un sobborgo degradato a sud di Londra, ultimo di tre fratelli. La sua era una famiglia umile e priva di cultura. Il padre, un maniscalco, era un uomo che a stento riusciva a sostenere la moglie Margaret e i tre figli. Benche disperatamente poveri, i Faraday erano pero una famiglia insolitamente felice. La grande forza d animo che li sorreggeva proveniva dalla loro fede religiosa, dall essere cioe membri della setta di Robert Sandeman. Una setta fondamentalista, perche basata sull interpretazione letterale della Bibbia e sull incrollabile fiducia nella salvezza celeste per i suoi adepti: una certezza che li aiutava molto a tollerare tutte le durezze del vivere quotidiano. Poco interessati ai beni materiali, i Sandemani avevano un amore incondizionato per il prossimo e uno spiccato senso della fratellanza, simile a quello che animava le antiche comunita cristiane. Questa forte impronta religiosa della famiglia resto, per tutta la vita, un tratto dominante della personalita di Michael Faraday: oltre ad uno stretto codice morale che gli fece addirittura rifiutare molte onorificenze, gli diede anche la serenita necessaria per affrontare le pesanti vicissitudini che gli si presentarono. La fede lo aiuto anche nel suo futuro lavoro di scienziato, convinto come era che capire i segreti del grande libro della natura scritto da Dio era tanto importante quanto leggere l altro suo grande testo, la Bibbia. Da ragazzo Michael ricevette un educazione molto rudimentale, passando la maggior parte del tempo per strada. La sua era una vera e propria lotta per la sopravvivenza: nei periodi di carestia l unico sostentamento era un misero pezzo di pane da far durare un intera settimana. La sua adolescenza fini tra l altro bruscamente a tredici anni quando, per le precarie condizioni di salute del padre, fu costretto ad andare a lavorare presso un librario, un rifugiato francese di nome George Riebau.

3 A dispetto delle apparenze, questo pero fu il suo primo colpo di fortuna. Le rilegatorie londinesi, negli anni turbolenti dell inizio del diciannovesimo secolo, erano posti molto interessanti: non erano solo botteghe dove si rilegavano e si vendevano libri ma anche luoghi di vivaci discussioni e di incontri stravaganti. Quella situata al numero 2 di Blandford Street non era da meno in questo e per giunta Riebau era un brav uomo. All inizio il compito assegnatogli fu quello di distribuire i giornali e di recuperare le copie invendute ma, per la La libreria di George Ribeau simpatia che gli ispirava quel ragazzo, dopo un anno Riebau decise che era il caso di insegnargli un mestiere, quello di rilegatore. Lo prese quindi come apprendista. Michael aveva decisamente talento e mostrava per di piu una spiccata manualita : era un piacere vedere con quale maestria maneggiava le grandi pagine piene di inchiostro, osservare come le piegava e ne cuciva con cura i bordi, come i libri prendevano infine forma tra le sue mani. Oltre a rilegarli, pero, Faraday i libri li leggeva pure, e anche voracemente! La sua era una lettura entusiasta e indiscriminata. Non pensare che fossi molto profondo all epoca confido molti anni dopo a John Tyndall, suo successore alla Royal Institution avevo solo una grande fantasia. Potevo credere tanto facilmente alle Mille e una Notte quanto all Enciclopedia Britannica. Quello pero che mi salvo furono i fatti, questi erano molto importanti per me, potevo credere ad un fatto solo dopo che l avevo scrutinato con attenzione e l avevo verificato personalmente. Per Faraday i fatti erano sacri come i versetti della Bibbia, percio la sera, quando il laboratorio era finalmente deserto, ripeteva gli esperimenti riportati nei libri che aveva letto. Fu galvanizzato, e il caso di dire, dalla lettura di un volume dell Enciclopedia Britannica dal quale apprese l esistenza dei fenomeni elettrici che suscitavano all epoca tanta curiosita : gli esperimenti con i fulmini di Benjamin Franklin o i racconti delle potenti scariche elettriche che venivano fuori toccando la famosa bottiglia di Leida, un grosso recipiente di vetro rivestito all interno e all esterno con un foglio di stagnola. Il testo dell Enciclopedia Britannica era stato scritto da un certo James Tytler e il punto di vista da lui esposto era, rispetto alle opinioni del tempo, alquanto originale. Secondo Tytler, infatti, tutti gli effetti elettrici potevano essere spiegati sulla base dell esistenza di un fluido, le cui vibrazioni davano ragione non solo delle correnti galvaniche o del funzionamento della pila di Volta, ma anche dei fenomeni ottici e di quelli termici. E difficile dire quale sia stata l influenza di Tytler sulle future idee di Faraday circa un concetto cosi fondamentale come quello delle linee di forza del campo elettrico e magnetico, resta pero il fatto che riferimenti continui al volume di Tytler si ritrovano nel diario che Faraday inizio a redigere in quegli anni, pagine in cui teneva nota delle idee che sviluppava e dei primi esperimenti che faceva nel caminetto della tipografia. Un altra grande scoperta fu il libro di Jane Marcet Conversations in Chemistry, scritto in forma di dialogo, le cui protagoniste -- una governante e due cameriere lo avvicinarono per la prima

4 volta alla filosofia chimica di Humphry Davy, il grande chimico inglese che di li a poco avrebbe giocato un ruolo determinante nella sua vita. Per Davy la chimica rappresentava la chiave di lettura dei misteri della natura, una visione del mondo completamente condivisa dalla Marcet, ragion per cui il libro finiva per essere non il classico arido catalogo di fatti chimici ma un grande affresco scientifico in cui simultaneamente trovavano posto reazioni chimiche, relazioni elettriche, fenomeni ottici e termici. L impatto su Faraday fu notevole: accantono momentaneamente i suoi interessi per l elettricita per dirigerli invece prepotentemente verso la chimica. Humphrey Davy divenne cosi ben presto il suo idolo, quello che lui voleva essere. C era pero un problema: la scienza nella prima meta del diciannovesimo secolo era in una fase transitoria. Tradotto in pratica, questo vuol dire che in quegli anni non vi era un cammino sicuro, o una prassi consolidata, per diventare scienziato: il termine stesso di scienziato, per esempio, fu coniato per la prima volta nel Non esistevano ne diplomi universitari ne tanto meno corsi di PhD da seguire. I pochi posti disponibili per fare scienza erano di solito appannaggio di quei ricchi gentiluomini che, disponendo del tempo e del denaro necessario, potevano dedicarsi senza problemi alle speculazioni della filosofia naturale. Era tra l altro materia di discussione se la scienza fosse una vocazione o una carriera. Nella Londra vittoriana prosperavano infatti varie e rinomate istituzioni scientifiche, la piu famosa delle quali rispondeva al nome di Royal Society. Vi era inoltre una lunga tradizione di lezioni pubbliche, anche se a pagamento. Un attivita apparentemente molto lucrosa per i conferenzieri, data la grande e generale curiosita per le nuove scoperte. Molto popolari erano le lezioni che vertevano sulla medicina, la chimica, la geologia e la mineralogia. Grandi folle richiamavano anche gli argomenti di astronomia e gli esperimenti di elettricita, questi ultimi decisamente una miniera d oro per chi voleva mettere in scena lo spettacolo straordinario offerto dalle forze naturali. La gente si esaltava a vedere le zampe delle rane contrarsi sotto l azione di un elettrodo o si entusiasmava con tutta una serie di nuove pazzie: provare il brivido, per esempio, causato dalle scosse elettriche avvertite simultaneamente da una catena di persone, o vedere dei ragazzini che, sospesi in aria con delle corde di seta isolanti, iniziavano ad emettere scintille dalle mani e dai piedi, con i capelli tutti ritti, non appena venivano caricati con delle macchine elettrostatiche. Se l incontro con Ribeau a tredici anni fu il primo colpo di fortuna per Faraday, il secondo gli capito a diciotto anni, quando lesse su un giornale, per caso, l annuncio di una serie di lezioni pubbliche presso la City Philosophical Society. Il tema era la filosofia naturale, il termine allora usato per indicare genericamente la scienza. L iscrizione costava uno scellino a lezione, una somma pero non trascurabile per le sue modeste finanze. Gli venne cosi in aiuto il fratello maggiore che si fece generosamente carico della retta. Faraday segui tutte le lezioni nelle sale della Philosophical Society con una sensazione crescente di vertigine, ad ogni lezione un nuovo mondo che gli si apriva davanti, con orizzonti impensati e meravigliosi. Annoto con cura tutto quello sentito e visto in quelle sale -- ragionameni, dimostrazioni, congetture, resoconti di esperimenti. Raccolse poi questi appunti in una serie di volumi. Rilegare, d altra parte, era il suo mestiere. A dispetto dell entusiasmo euforico con cui si buttava in tutte quelle novita, sembrava pero che ci fossero ben poche possibilita che Michael Faraday, apprendista rilegatore, diventantasse niente di piu che Michael Faraday, rilegatore. Ma a volte la sorte aiuta gli uomini di talento: i quattro grossi volumi di appunti da lui raccolti furono mostrati orgogliosamente da Ribeau ad uno dei clienti piu assidui e stravaganti della sua libreria, un certo Mr. Dance, anche lui appassionato di scienza. Colpito da quei libri cosi riccamente ornati, Mr. Dance chiese di poter prendere in prestito i volumi sia per conoscerne il contenuto che per mostrarli al padre. Il risultato di tutte queste felici coincidenze fu che l anziano Mr. Dance si mostro oltremodo compiaciuto di far

5 avere a quel giovane apprendista i biglietti per assistere alle lezioni pubbliche del suo beniamino, il famoso chimico inglese Humphry Davy, all epoca direttore della Royal Institution. La scelta del conte Rumford -- il fondatore di questa istituzione -- di volere proprio Davy come suo primo direttore si era dimostrata veramente azzeccata: la brillante oratoria del giovane chimico assicurava sia il successo delle lezioni che il tutto esaurito in sala. Davy era inoltre un uomo di bell aspetto, un particolare cui sembra fossero molto sensibili le giovani donne dell alta societa, che correvano, numerose, a riempire i palchi ad ogni sua apparizione. Per Faraday partecipare alle lezioni di Davy fu come toccare il cielo come un dito: in quelle ore il grande chimico parlo della trasmutazione della materia, delle leggi dei gas, delle correnti galvaniche, dei composti del cloro e del carbonio, della scoperta dell ossigeno e della sua combustione esplosiva, delle cose straordinarie che avvenivano combinando nelle provette sostanze diverse. Il contenuto di quelle lezioni furono prima trascritte da Faraday in bella calligrafia e poi stampate con le matrici della tipografia di Mr. Ribeau. Fece pervenire il volume all illustre chimico e, come accaduto precedentemente con Mr. Dance, Davy ne rimase cosi impressionato da chiamare immediatamente quel ragazzo a ricoprire il posto di suo assistente. Quello fu il colpo di fortuna che spiano definitivamente a Faraday la strada verso la scienza. L apprendista rilegatore non si sarebbe piu occupato dei libri degli altri, toccava a lui ora scrivere alcune delle pagine piu belle nella storia della fisica. Ulteriori approfondimenti Emilio Segre, Personaggi e Scoperte della Fisica Classica, Mondadori, Edward Tatnall Canby, Storia dell elettricita, Mursia Michael Faraday, The chemical history of a candle, Dover Una colonna della Royal Institution Michael Faraday fu assunto come assistente da Humphrey Davy alla Royal Institute il 1 marzo L anno dopo fu invitato dallo stesso Davy ad accompagnare lui e la moglie, una ricca ed arrogante aristocratica conosciuta in una delle sue conferenze, in un lungo viaggio in Europa. Anche se la donna fece di tutto per umiliarlo e per ricordargli le sue umili origini, per Michael Faraday quello si rivelo un viaggio fondamentale per la sua educazione: ebbe modo di conoscere e di lavorare con gli scienziati piu influenti dell epoca, come Ampere, Volta, Arago e Gay-Lussac, con cui rimase in contatto anche dopo. Al ritorno in Inghilterra inizio la sua straordinaria carriera scientifica. Si occupo inizialmente di chimica: in questo campo scopri le leggi dell elettrolisi, identifico il benzene e ottenne la liquefazione di diversi gas. Nel 1821, subito dopo che il fisico danese Hans Orsted scopri l influsso delle correnti elettriche sui magneti, Faraday pubblico il suo primo lavoro sull elettromagnetismo e nel 1831, dopo 10 anni di intenso lavoro sperimentale, arrivo alla legge fondamentale dell induzione elettromagnetica. Questa scoperta trasformo gli studi sull elettricita e sul magnetismo da oggetto di pura curiosita a nuova potente tecnologia. Si narra della laconica risposta di Faraday al ministro delle Finanze britannico, curioso di conoscerne l utilita : Non lo so, signore, ma sono sicuro che un giorno lo stato ci guadagnera sopra con le tasse. Nel campo dell elettromagnetismo ebbe molte intuizioni, ad esempio quella che in un conduttore la carica puo solo risiedere sulla sua superficie e che cariche esterne ad esso non hanno nessuna influenza su quello che vi e all interno. Questo effetto di schermo e noto oggi come gabbia di Faraday. Profondamente ancorato ai fatti sperimentali e poco incline alla teoria, Faraday sviluppo tuttavia il concetto fondamentale di linee di forza del campo elettrico e di quello

6 magnetico, punto di partenza per la successiva analisi di James Clerk Maxwell e per la mirabile sintesi dell elettromagnetismo racchiusa nelle equazioni che portano il suo nome. Alla fine della carriera, gli appunti di laboratorio di Faraday consistevano in piu di sedicimila annotazioni, accuratamente numerate in successione e raccolte da lui stesso in meravigliosi volumi, memore della sua antica abilita di rilegatore. Nel 1826 istitui presso la Royal Institution i Colloqui del venerdi sera e I Colloqui del Natale, eventi che durano ancora oggi. Faraday coltivo particolarmente la sua abilita di conferenziere giungendo a risultati eccezionali nell arte dell esposizione scientifica. Una serie di conferenze da lui tenute a Natale, e pubblicate in un libro dal titolo The Chemical History of a candle (La storia chimica di una candela), ha deliziato, al pari di una fiaba di Christian Andersen, generazioni di ragazzi. Nel 1821 sposo Sarah Barnard, appartenente anche lei alla setta sandemaniana, da cui non ebbe figli. La coppia visse nell appartamento all interno dell edificio della Royal Institution, l istituzione che rimase la sua base operativa per tutta la vita e con la quale si identificava. Agli inizi del 1840, Faraday inizio ad accusare vuoti di memoria e forti emicranie, che lo costrinsero ad un rallentamento dell attivita di ricerca. Tenne la sua ultima lezione pubblica alla Royal Institution il 20 giugno del 1862 e subito dopo si trasferi ad Hampton Court, in una casa donatagli dalla regina Victoria, dove mori il 25 agosto del E l unico scienziato la cui effigie appare sulle banconote inglesi: neanche a Sir Isaac Newton fu riservato un tale onore.

Alessandro Volta e la storia della pila

Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta fu uno dei più famosi fisici della storia: visse tra il Settecento e l Ottocento, inventò e perfezionò la pila elettrochimica e scoprì caratteristiche

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori Il Principe Mezzanotte Scheda di approfondimento Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori La Compagnia Teatropersona ha deciso di creare queste schede per dare l opportunità alle

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Gioco Scopro

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Gioco Scopro La presenta il progetto Gioco Scopro Progetto GIOCO-SCOPRO!!! Nik-day 2011: prepariamo insieme il calendario della Solidarietà ed il nuovo libro! Cari bambini e care bambine dai 3 ai 99 anni, quest anno

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Perchè ho scritto questo libro

Perchè ho scritto questo libro PARTE PRIMA 9 10 1 Perchè ho scritto questo libro Spiegare il massaggio con le sole parole, i disegni e le foto è molto difficile anche per chi, come me, da anni è impegnato nella divulgazione di questo

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante Esperimenti sulla crescita delle piante unità didattica 1 La candela accesa Durata 60 minuti Materiali per ciascun gruppo - 1 candela - 1 vaso di vetro - 1 cronometro - 1 cannuccia - fiammiferi - 1 pezzo

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Curricolo di Religione

Curricolo di Religione Istituto Comprensivo n. 4 di v. Guicciardini, 8 - Imola - Curricolo di Religione Scuola Primaria CLASSE 1 Scoprire nell ambiente i Osservazioni della natura. segni che richiamano ai cristiani e a tanti

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA Osservare, registrare, classificare organismi viventi e fenomeni fisici con la guida dell

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

GIOCHI DI CARTE E DI BIRILLI

GIOCHI DI CARTE E DI BIRILLI Ciclo «La Fiaba Necessaria» Laboratorio di traduzione dai Fratelli Grimm Casa di Goethe GIOCHI DI CARTE E DI BIRILLI Analisi e confronto delle traduzioni della fiaba dei fratelli Grimm TRAMA GIOCHI DI

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Tutta un altra storia

Tutta un altra storia Elisabetta Maùti Tutta un altra storia Come spiegare ai bambini la diversità Illustrazioni di Salvatore Crisà Indice Introduzione 9 Il principe con due piedi destri (Cos è normale?) 13 E tu da dove vieni?

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia)

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Classe 5^A a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Autori: Bagni Heloà Cadeddu Federico Caramaschi Marco Carretti Elisa Cella Samuele Collaku Selmir De Luca Annapia

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Storia di un burattino

Storia di un burattino Pinocchio Storia di un burattino C'era una volta... -Un re! - diranno subito i miei piccoli lettori. No ragazzi, avete sbagliato: c'era una volta un pezzo di legno.» (Carlo Collodi, incipit de "Le avventure

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Relatività INTRODUZIONE

Relatività INTRODUZIONE Relatività INTRODUZIONE Un po di ordine Einstein, nel 1905, dopo aver inviato alcuni articoli alla rivista scientifica «Annalen der physik» diventa subito famoso, uno dei quali riguardava la relatività

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

Enrico Riccardo Sampietro, millenovecentocinquantacinque (Tamari, Bologna 1963)

Enrico Riccardo Sampietro, millenovecentocinquantacinque (Tamari, Bologna 1963) Enrico Riccardo Sampietro, millenovecentocinquantacinque (Tamari, Bologna 1963) La figura di Enrico Riccardo Sampietro è stata ricordata un anno fa a Bologna con una mostra dedicata alla sua breve ma straordinaria

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini CRE UGOLINI Giacomo Pulcini Giacomo Pulcini è un pasticcione nato! Piccoli errori ed equivoci lo hanno accompagnato per tutta la sua vita. Questi errori, però, chissà come, lo hanno sempre portato a ritrovarsi

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Parrocchia del Crocifisso. In cerca d autore. Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13

Parrocchia del Crocifisso. In cerca d autore. Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13 Parrocchia del Crocifisso In cerca d autore Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13 Dal vangelo di Luca [Cap. 9 ver. 10-17] Nel nome del Padre Al loro ritorno, gli apostoli raccontarono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

L'ipocrisia della famiglia Alfarano e di un sacerdote. Chissa cosa ne pensa il vescovo Santoro...?

L'ipocrisia della famiglia Alfarano e di un sacerdote. Chissa cosa ne pensa il vescovo Santoro...? L'ipocrisia della famiglia Alfarano e di un sacerdote. Chissa cosa ne pensa il vescovo Santoro...? nella foto Luigi Alfarano Ai funerali di Luigi Alfarano l omicida folle che ha ucciso sua moglie e l incolpevole

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Fonti di energia non rinnovabili

Fonti di energia non rinnovabili Fonti di energia non rinnovabili envi.stromzivota.sk ENVI-MOBILE: Integration of mobile learning into environmental education fostering local communities development 2014-1-SK01-KA200-000481 ERAZMUS+ Programme

Dettagli

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Questa attività è stata proposta nell ambito del Progetto LE PAROLE DELLA SCIENZA in una classe dell I.C. M.L.King di Torino e poi condivisa

Dettagli

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite secondo il ritmo e la logica di un altra lingua, quella

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

PAROLE E FRASI EVOCATIVE

PAROLE E FRASI EVOCATIVE Continuiamo con il nostro viaggio nella comunicazione che ipnotizza ed attrae. Quante volte magari vi siete soffermati a d ascoltare qualcuno che parlava perché diceva qualcosa di interessante? E quante

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI:

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI: CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013 a fumetti SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna INSEGNANTI: ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO CREAZIONE DI UN FUMETTO A PARTIRE DA UN BREVE TESTO Motivo della proposta:

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

BOLOGNA FACCIAMO NOI:~ UNA RICOSTRUZIONE FANTASTICA 29 MAGGIO 8 GIUGNO. Bambine/i e ragazze/i contro il terremoto. ni 5 esperimenti.

BOLOGNA FACCIAMO NOI:~ UNA RICOSTRUZIONE FANTASTICA 29 MAGGIO 8 GIUGNO. Bambine/i e ragazze/i contro il terremoto. ni 5 esperimenti. 2 1 Piazza Maggi 3 o zo d Accursi Palaz v i al ed e e desideri 1 memori ni 4 consigli 2 invenzio ni 5 esperimenti 3 invenzio 6 emozioni ore via dell Indipendenza Sala Borsa 7 Regione omagna Emilia-R via

Dettagli

incontro bambini-anziani

incontro bambini-anziani Progetto di integrazione sociale: incontro bambini-anziani Tirocinante Scanderebech Roberta 1 La Fondazione Edoardo Filograna è un centro polivalente per la Terza Età che ospita attualmente circa 120 anziani

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 INSEGNANTE: Bonaiti Laura (Supplente di Francesca Binetti); SCUOLA DELL INFANZIA DI MACLODIO 1 1 UDL SETTEMBRE:

Dettagli

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si chiama Francesca, era molto simpatica; la seconda invece

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli