Estratto da Stella Gibbons I segreti di Sible Pelden Titolo dell opera originale Nightingale Wood

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.astoriaedizioni.it Estratto da Stella Gibbons I segreti di Sible Pelden Titolo dell opera originale Nightingale Wood"

Transcript

1 1 Estratto da Stella Gibbons I segreti di Sible Pelden Titolo dell opera originale Nightingale Wood Traduzione dall inglese di Marina Morpurgo Copyright Stella Gibbons astoria srl via Aristide De Togni Milano Prima edizione: febbraio 2012 ISBN Progetto grafico: zevilhéritier È difficile creare un giardino noioso, ma il vecchio signor Wither ci era riuscito. Non che avesse lavorato con le sue mani il terreno che circondava la casa di Chesterbourne, nell Essex, tuttavia aveva influenzato il giardiniere con la sua mancanza d interesse e la scarsa propensione a spendere denari. Il risultato era stato un prato miserevole con un giardino roccioso di gesso, praticamente vuoto a perdita d occhio, e un sacco di cespugli squallidi che al signor Wither piacevano perché riempivano lo spazio e davano poco da fare. Gli piaceva anche che il giardino avesse un aspetto ordinato, e in una bella mattinata d aprile se ne stava alla finestra della sala della colazione, a considerare quale seccatura fossero le margherite. Ce n erano undici, proprio in mezzo al prato. Bisognava dire a Saxon di sradicarle. Entrò la signora Wither, ma il signor Wither non ci fece assolutamente caso perché tanto l aveva già vista prima. Lei si sedette nell esatto momento in cui nell atrio suonò un gong, e il signor Wither attraversò pesantemente la stanza per andare a prendere il suo posto, all altro capo del tavolo, e aprì il Morning Post. La signora Wither gli passò una tazza di tè e una scodella di cereali industriali che avevano un odore e un sapore assolutamente identici a quelli di tutti gli altri cereali industriali, e trascorsero tre minuti. La signora Wither sorseggiava il suo tè, fissando, al di sopra del cranio coniugale, pelato ma attraversato da due strisce di capelli, un merlo che saltellava ai piedi dell araucaria. 1

2 Il signor Wither alzò lentamente lo sguardo. Le ragazze sono in ritardo. Stanno arrivando, caro. Sono in ritardo. Sanno benissimo che non mi garba che si presentino a tavola in ritardo. Lo so, caro, ma Madge non è riuscita a svegliarsi, dopo il tennis di ieri era tutta indolenzita, e Tina sta solo cercando di Come al solito si starà gingillando con quei suoi capelli, immagino. Il signor Wither tornò al suo giornale e la signora Wither alla contemplazione e al tè. Madge, la figlia maggiore, entrò sfregandosi le mani. Buongiorno mamma. Scusa il ritardo, papà. Il signor Wither non rispose, e Madge si sedette. Aveva trentanove anni ed era una donnona tutta vestita di tweed e dai lineamenti marcati, con i capelli alla maschietta e un colorito fresco ma insulso. Papà, ma come fai a mangiare quella segatura? domandò, attaccando uova e pancetta e parlando allegramente perché era una bella mattinata ed erano solo le nove e dieci; e all inizio di ogni nuovo giorno esisteva sempre la possibilità che si rivelasse diverso da tutti gli altri. Magari sarebbe successo qualcosa; e il mondo attorno a lei sarebbe diventato più allegro. Madge non aveva una visione chiara dei propri sentimenti; sapeva solo di essere immancabilmente più allegra a colazione che non all ora del tè. La signora Wither sorrise debolmente. Il signor Wither non disse nulla. Dall atrio con il pavimento piastrellato giunse un rumore di passi, strascicati eppure frettolosi, ed entrò a precipizio Tina, con le palpebre rosa e i capelli flosci pettinati come al solito con un onda penzolante sulla fronte. Era una donna minuta, con gli occhi e la bocca troppo grandi per il suo visetto sottile. Aveva trentacinque anni; indossava, con compiacimento evidente, un abito verde e una camicetta bianca con le ruche. Le unghie delle sue dita esili erano dipinte di rosa pallido. Buongiorno a tutti; scusa il ritardo, papà. Il signor Wither disaccavallò le gambe grassottelle infilate in un paio di inaspettati pantaloni di un raffinato tessuto a scacchi, e poi le riaccavallò, ma senza alzare lo sguardo. La madre sorrise a Tina, mormorando: Molto grazioso, cara. Che cosa? Il signor Wither puntò improvvisamente su Tina un occhio azzurro slavato, curvato all ingiù e iniettato di sangue. È solo il mio nuovo è solo il mio vestito, papà. Nuovo, eh? Sì io sì. Ma perché hai tanta smania di comprare degli altri vestiti? Ne hai gli armadi pieni. E il signor Wither tornò alle pagine degli affari. Pancetta, Tina? Sì, grazie. Una o due, cara? Oh, una, grazie. No quella piccola. Grazie. Tu non mangi a sufficienza. Non stai bene, così magra, osservò Madge, imburrando il pane tostato. Non capisco proprio perché tu voglia stare a dieta; hai l aria distrutta. Senti, uno fa come si sente, e io mi sento chilometri meglio Chilometri meglio? Come fai a sentirti chilometri meglio? chiese ad alta voce il signor Wither, posando il Morning Post e fissando con severità la figlia minore. Un chilometro è un unità di lunghezza. Non può essere utilizzato per descrivere una condizione fisica. Tu puoi sentirti molto meglio, o considerevolmente meglio, o notevolmente meglio. Non puoi sentirti chilometri meglio, perché ciò è impossibile. Sì, insomma, le mani secche di Tina si torsero lentamente in grembo, mentre lei esibiva un sorriso tremulo, io mi sento considerevolmente meglio da quando ho iniziato la dieta Brash. Il sorriso mise in mostra denti irregolari, ma addolcì il viso in modo sorprendente, facendo sembrare Tina più giovane. Orbene, posso solo dire che non si direbbe proprio, a guardarti, vero papà? Silenzio. Il merlo emise un fischio lungo e dolce, e fuggì. 2 3

3 Oggi giocherai a golf, cara? mormorò di lì a poco la signora Wither a Madge. Madge annuì, con la bocca piena. Ci sarai a pranzo? la incalzò la madre, con cautela. Dipende. Lo devi sapere se ci sarai a pranzo o no, Madge, s intromise il signor Wither, dopo aver adocchiato all improvviso sulla pagina finaziaria una notizia che aveva oscurato un mondo già per lui mai molto roseo. Non potresti degnarti di dire con certezza a tua madre se ci sarai o no? Mi sa di no, papà, dichiarò con fermezza Madge, pulendosi la bocca. Ci puoi dare la pagina dello sport, quando l hai finita? Il signor Wither staccò la pagina dello sport e la passò a Madge in silenzio, lasciando cadere il resto del giornale a terra, con noncuranza. Nessuno disse nulla. Il merlo tornò. Sul signor Wither era calata una cappa cupa e minacciosa. Prima di leggere quell articolo era stato il solito, l abituale signor Wither che c era a colazione, a pranzo, all ora del tè e a cena. Ma ora (pensarono la signora Wither e Madge e Tina) il padre si stava angustiando; e il resto della giornata si sarebbe oscurato. La principale preoccupazione del signor Wither era il denaro, di cui disponeva nella misura di duemila e ottocento sterline l anno. Erano gli interessi di un bel capitale lasciatogli dal padre, grazie a una compagnia privata di gas, fondata attorno alla metà del secolo precedente, del quale il defunto signor Wither era stato l azionista di maggioranza. Durante la sua vita lavorativa il signor Wither il Giovane, che di gas sapeva ben poco ma era molto ferrato quando si trattava di atterrire la gente e di costringerla a fare quello che voleva lui, aveva gestito la compagnia con prepotenza e con un certo successo: e all età di sessantacinque anni (cinque anni prima) aveva venduto le sue azioni, investendo il ricavato, e adesso si godeva la pensione alle Aquile, vicino a Chesterbourne nell Essex, dove viveva già da oltre trent anni. Gli investimenti del signor Wither erano sicuri quanto lo sono gli investimenti in questo mondo; ma al signor Wither questa sicurezza non bastava. Lui voleva che fossero molto sicuri; graniticamente produttivi, graniticamente stabili e prevedibili come l avvicendarsi del giorno e della notte. Ma era inutile; quelli andavano su e giù, influenzati da guerre e nascite, abdicazioni e aeroporti. Non poteva mai sapere con certezza che cosa stesse combinando il suo denaro. Si svegliava nel cuore della notte e giaceva al buio chiedendosi che cosa gli stesse succedendo, e durante il giorno ne cercava ansiosamente le tracce sulle pagine finanziarie dei giornali. Non era avaro (se lo diceva spesso), ma detestava gli sperperi. Il fatto di spendere del denaro in assenza di una motivazione forte gli infliggeva un dolore forte. Il denaro non ci è stato dato per essere speso; ci è stato dato perché lo mettessimo da parte. Ora, mentre fissava disperato i suoi cereali lasciati a metà, gli venne in mente tutto il buon denaro che lo avevano convinto a buttare via. Quanto aveva detestato pagare le rette delle ragazze, in quei dieci anni di tentativi, da parte loro, di costruirsi una carriera! Aveva gettato al vento sterline su sterline su sterline, sprechi su sprechi. Scuole d arte e scuole di economia domestica, corsi di pasta di sale e lezioni di elocuzione per segretarie e corsi di giornalismo e per educatrici cinofile e per tessitrici. Naturalmente erano stati tutti inutili; e atrocemente costosi, e che cosa erano in grado di fare, le ragazze, come risultato degli investimenti paterni? Un fico secco. Il signor Wither le considerava incolte e imprecise nel linguaggio, mentalmente torpide e negate per le attività manuali. Aveva la vaga sensazione che Tina e Madge, dopo tutti quegli insegnamenti e a quel prezzo, avrebbero dovuto possedere un bagaglio culturale assoluto, tipo quello di sir Francis Bacon; ma qualcosa era andato storto. A che ora hai detto che arriva il treno di Viola? chiese Tina a sua madre; a volte trovava intollerabili i silenzi Wither. A mezzogiorno e mezza, cara. Giusto in tempo per il pranzo. Sì. Lo sai benissimo che il treno di Viola arriva alle dodici e trenta, salmodiò lentamente il signor Wither, sollevando le palpebre 4 5

4 per guardare Tina, e allora perché lo chiedi a tua madre? Tu parli tanto per dare aria alla bocca, è un abitudine stupida. Riabbassò lentamente lo sguardo sulla sua ciotolina di cereali mollicci. Non me lo ricordavo, disse Tina. Di fronte al silenzio, proseguì vivace. Madge, non trovi orribile arrivare in un posto prima di mezzogiorno? Troppo tardi per la colazione e troppo presto per il pranzo Nessuno fiatò: e lei si ricordò di aver detto la stessa cosa la sera prima, durante la cena, quando l orario di arrivo di Viola era stato passato al vaglio con una discussione accalorata tra il signor Wither e Madge. Tina arrossì e si torse di nuovo le mani. La colazione si stava facendo sgradevole, come al solito. Ma che importava, il vestito nuovo le donava davvero, e Viola era in arrivo; sarebbe stato un piccolo cambiamento, e la presenza di Viola magari avrebbe impedito al padre di angustiarsi così tanto e così di sovente, e a Madge di litigare con lui in modo tanto sgarbato. Viola non era una persona eccitante, ma la compagnia di chiunque, perfino quella di una cognata, era meglio di quella dei Parenti autentici. Dopo aver letto un libro di psicologia femminile intitolato Le figlie di Selene, preso a prestito da una compagna di scuola, Tina aveva deciso di affrontare a viso aperto tutti gli aspetti della sua natura, per quanto potessero essere disgustosi, negativi, esecrabili (il libro ammoniva i lettori che la scoperta della verità avrebbe potuto suscitare in loro stessi disgusto, negazione, esecrazione); e uno degli aspetti che aveva affrontato era l amore che non provava per la sua famiglia. Non aveva neppure amato il suo unico fratello, Teddy; e questo era veramente spaventoso, perché da tre mesi Teddy era morto. Viola era la sua vedova, sposina da un anno, che stava venendo ad abitare alle Aquile con la famiglia del marito. Quando Tina si rendeva conto di non aver amato Teddy, la faceva stare ancora peggio il ricordare che Viola, una ragazza giovane che avrebbe potuto scegliere tra un mucchio di giovanotti, aveva scelto Teddy e lo aveva amato al punto di sposarlo. Forse non sono normale, pensava Tina. Certo, non è che Teddy lo vedessimo molto, da adulto. Non condivideva la sua vita con noi, come fanno certi uomini con le sorelle e i genitori. In ogni caso devo essere anormale, per non aver amato il mio unico fratello. Vuoi che ti porti io in stazione in macchina? si offrì Madge, quando era già alla porta. Ma non tornerai per tempo, vero, cara? Non importa; se desideri che io ti accompagni, torno. Madge adorava guidare la macchina, ma dato che il signor Wither sosteneva che non fosse capace, ne aveva l occasione solo di rado. Oh, grazie cara, ma ormai l ho già chiesto a Saxon. Sarà qui con la macchina alle dodici e dieci. D accordo, preferisci la guida di Saxon alla mia. Non si tratta di questo, cara. E in ogni caso penso che adesso Saxon guidi abbastanza bene. E vorrei vedere, dopo due diffide, un parafango nuovo e una multa. Uscì fischiettando, e la signora Wither si chinò per prendere il giornale, ma il signor Wither allungò la mano con aria assente, e così lei glielo lasciò. Ti alleni oggi, Tina? chiese, e dirigendosi alla porta posò la mano sulla spalla gracile della figlia. Penso di sì. Dovresti uscire, dichiarò il signor Wither, riaffiorando dalla sua cupezza, come una foca in cerca d aria. Stare a casa a ciondolare non ti gioverà affatto, e tornò a immergersi. La signora Wither uscì. Tina andò alla finestra e rimase per un po a guardare le nuvole bianche e luminose dietro ai rami nero-verdi dell araucaria. Il mondo quel mattino sembrava così giovane che lei per contrasto sentiva di avere la pelle vizza; era consapevole di ogni singola ruga del viso, incremata e massaggiata, delle sue ossa irrigidite; e tutto quello che desiderava, tutto quello cui aveva voglia di pensare su questa terra giovane e inondata di sole, era l Amore. Il signor Wither uscì dalla stanza, attraversò l atrio con le sue fredde piastrelle blu e nere, e andò a rinchiudersi nella sua tana soffocante, uno studiolo arredato con un tappeto consunto, una scrivania ingombrante e brutta, libri di finanza e un caminetto gigantesco che quando era acceso, cosa che non accadeva di frequente, emanava un calore infernale. 6 7

5 Quella mattina però era acceso. Il signor Wither non aveva preso a cuor leggero la decisione di farlo accendere; ci aveva pensato su per bene, per poi giungere alla conclusione che il fuoco non sarebbe andato sprecato, sebbene occorresse una spaventosa quantità di carbone per non far spegnere quell inferno attorno alle due e mezzo del pomeriggio. Il signor Wither intendeva invitare Viola nel suo studio, dopo pranzo, per farle un discorsetto, e pensava che al calduccio sarebbe stata un interlocutrice più facile. Le donne non fanno altro che lamentarsi del freddo. Il fatto che una fanciulla sciocca come Viola avesse il controllo del proprio denaro disturbava il signor Wither. Certo, la ragazza non poteva possedere un granché; anche sommando l eredità lasciatale dal padre a quella lasciata da Teddy, Viola (pensò il signor Wither, sedendo diritto nella sua vecchia poltrona di cuoio nero, mezza sfondata, e contemplando con tristezza il fuoco furente) non poteva disporre di più di, diciamo, centocinquanta sterline l anno. Ma anche centocinquanta sterline l anno vanno accudite come si deve, e il signor Wither e il suo consulente finanziario, il generale decorato di divisione E.E. Breis-Cumwitt, erano certamente in grado di farlo meglio di Viola. Se il signor Wither avesse potuto fare a modo suo, avrebbe saputo quanto denaro possedeva Viola, ma all epoca della morte del figlio le circostanze avevano cospirato per tenerlo all oscuro. Tanto per cominciare, Teddy era sempre stato reticente, in modo irritante, a proposito del suo patrimonio (come lo era, in verità, riguardo tutte le sue faccende) e suo padre, pur sapendo quanto guadagnava, non sapeva quanto mettesse da parte. Quando Teddy era vivo, quasi ogni due settimane il signor Wither gli chiedeva se stesse mettendo da parte dei soldi, e Teddy rispondeva: Certo, papà, e poi cambiava discorso. Si rifiutava di rispondere a domande sul Quanto e sul Come; sosteneva che fossero affari suoi. Suo padre riteneva, ciò non di meno, che Teddy avesse dei risparmi. Poi, quando Teddy era morto all improvviso di polmonite, il signor Wither non era riuscito ad andare al funerale (che aveva avuto luogo a Londra, secondo la volontà di Viola), e men che meno a indagare sui possedimenti del figlio e ad assumerne il controllo, come avrebbe desiderato, perché in quel momento era bloccato da un violento attacco di sciatica. Sapeva però che non c era un Testamento, e questo lo metteva a disagio. Scrisse a Viola; le scrisse due lettere piuttosto prolisse e franche riguardo alla faccenda del Denaro. Ricevette in risposta un biglietto breve e vago in cui Viola diceva che sarebbe andata a stare dall amica Shirley, ma senza fornire alcun indirizzo. La signora Wither disse che di cognome Shirley faceva Davis, e che abitava in un posto chiamato Golders Green. Il signor Wither si prese la briga di passare tutti i Davis dell elenco telefonico di Londra, ma Golders Green pullulava di Davis, quindi lo sforzo risultò vano. Scrisse un altra lunga lettera al vecchio indirizzo del figlio e alla fine ebbe una breve risposta, con il recapito della Davis e senza riferimenti al Denaro, a parte un vago accenno alla difficoltà di affittare l appartamento. A quel punto il signor Wither scrisse di nuovo, per l ultima volta, senza parlare di questioni economiche ma annunciando con fermezza che sua nuora sarebbe dovuta venire a stare alle Aquile. Era l unica cosa da fare. Mentre Viola era a Londra non c era speranza, per il signor Wither, di riuscire a gestire il denaro in vece sua e la sola idea che quei soldi se ne andassero in giro per conto loro stava cominciando a dargli sui nervi. Il fatto di non conoscerne l ammontare peggiorava ulteriormente la situazione. Insomma, potevano essere anche trecento sterline l anno! Il signor Wither considerava Viola una ragazzetta sciocca e ordinaria, ma non gli era antipatica. Certo era un peccato, un gran peccato, che lei fosse stata solo una commessa, ma d altra parte il padre era stato il proprietario di metà del negozio in cui Viola lavorava e si trattava di un attività piccola ma solida, duratura e ben gestita. Questo andava molto bene; al signor Wither piaceva sentirsi circondato dal denaro, come da uno steccato robusto; gli piaceva sapere che anche i cugini di quarto grado avevano qualcosa da parte (ed effettivamente tutti i cugini Wither ne avevano). 8 9

6 No, non gli sarebbe dispiaciuto che Viola andasse a stare alle Aquile. La casa era grande; non l avrebbe incontrata spesso. E quando l avesse incontrata, avrebbe potuto darle direttive. E allora lui sarebbe stato in grado di gestire per conto di Viola il denaro di Teddy e di controllare che non venisse speso o mal utilizzato. E per lei sarebbe stato un piacevole passatempo. Avrebbe seguito con interesse, nel corso degli anni, la saggia amministrazione del suo piccolo reddito, diventando più saggia e (almeno si sperava) più maneggevole mentre diventava più vecchia. Viola era proprio il tipo di ragazza priva di carattere che il signor Wither aveva sempre immaginato come moglie di Teddy. Ciò però non gli aveva impedito di seccarsi moltissimo quando Teddy l aveva sposata. Mettendo insieme il fatto che Madge e Tina non si erano sposate, e che Teddy aveva sposato una commessa, e che la signora Wither era così profondamente delusa dall atteggiamento dei tre figli nei confronti del Matrimonio, il signor Wither era stufo marcio della parola. Teddy comunque non era mai stato un ambizioso. A ventidue anni il signor Wither gli aveva offerto un lavoro nella compagnia del gas, secondario ma non privo di prospettive, ed era sottinteso che si sarebbe fatto strada (sul punto d arrivo previsto si sorvolava). Ma Teddy era rimasto lì per venti anni, con lo stipendio che aumentava di cinque sterline ogni anno perché sotto un certo livello, in quell azienda, gli stipendi di tutti aumentavano in modo automatico. D altra parte non pareva appagato da quel lavoro modesto che lo faceva guadagnare così poco che, a pensarci, il signor Wither quasi si vergognava. Amici di famiglia avevano spesso detto al signor Wither che il vero Sogno di Teddy in realtà sarebbe stato quello di occuparsi di architettura o di pittura o di qualcosa di artistico; e questi Sogni, che continuavano a balzare davanti agli occhi del signor Wither, gli procuravano un fastidio enorme. Era certo che i suoi conoscenti lo accusassero dietro le spalle di pagare Teddy troppo poco. Ma lui non lo avrebbe pagato di più, per molte buone ragioni. Teddy non si meritava di guadagnare di più; nessuno in quella posizione aveva mai guadagnato di più e lui non doveva mostrare di fare favoritismi nei confronti del figlio; Teddy non aveva bisogno di più soldi perché non era sposato, e così via. Quando alla fine Teddy si sposò, all età di quarantuno anni, il signor Wither si trovò nella lieta condizione di non potergli aumentare il salario, perché all epoca aveva ormai venduto le sue quote della compagnia. Gli concesse un vitalizio di ottanta sterline l anno, dicendo che gli sarebbero state d aiuto. Teddy fece in tempo a goderne per un anno e poi morì, e a quel punto il signor Wither poté rimangiarsi tutto. Il signor Wither, fissando il fuoco con occhio vacuo, rifletté che alcune persone parevano davvero a pezzi dopo la morte dei figli. Lui invece non era crollato, quando Teddy era morto. Era stato un trauma, certo, era stato un trauma. Ma era strano che non si fosse sentito più a pezzi. Non era mai andato molto d accordo con Teddy, chissà perché, neppure quando era un ragazzino. La parola pappamolla gli attraversò lentamente il cervello. Eppure il ragazzo qualche virtù la doveva avere, se Viola, una fanciulla decisamente carina, che doveva avere avuto un sacco di giovanotti attorno e un sacco di possibilità di scelta, aveva scelto proprio lui e lo aveva sposato. Non che per lei non fosse stata un ottima cosa; la ragazza senza dubbio sapeva fare i suoi conti, annuì pensieroso il signor Wither, seduto con la schiena diritta e la fronte aggrottata. E quel pomeriggio lui e Viola avrebbero fatto due chiacchiere. Nel frattempo doveva telefonare al generale di divisione Breis- Cumwitt per parlargli di quel lugubre articolo sulla pagina della Finanza, che aveva accuratamente cerchiato di nero. Non che il generale di divisione Breis-Cumwitt potesse farci nulla; non esisteva al mondo una forza in grado di fermare il denaro, quando questo cominciava a ballare in quel modo, ma almeno insieme avrebbero potuto consultarsi e discutere; e farsi le condoglianze, e poi il signor Wither (nonostante lo scellino e tre speso per telefonare a Londra) si sarebbe sentito meglio. Alle dodici e dieci in punto l auto sbucò dal vialetto circolare e venne a fermarsi davanti a casa. Lo chauffeur sedeva con il bel profilo attentamente rivolto in direzione opposta alla casa; un autista come si deve non sbircia in direzione delle camere da letto, non fissa la porta d ingresso, né sembra accorgersi di nulla, e Saxon era molto come si deve. Le Aquile era 10 11

7 una casa di stucco grigio scuro, troppo alta rispetto al terreno che la circondava, cosicché pareva incombere in modo minaccioso. Attorno alla porta d ingresso, che si raggiungeva con un bel po di gradini ripidi, c erano altri cespugli squallidi. Le finestre ai piani bassi erano oscurate da tendaggi pesanti; quelle ai piani superiori avevano quelle mezze tendine bianche con inserti grossolani di pizzo che immancabilmente fanno pensare alle finestre di una clinica, e stanze grandi e piene di spifferi. Due uccelli di gesso, di fattura non disprezzabile, erano appollaiati sulle due colonne all ingresso del viale, e davano il nome alla casa. Quei volatili, per qualche arcana ragione, davano sui nervi al signor Wither, ma lui aveva paura a chiedere quanto gli sarebbe costato farli portare via; inoltre la casa era appartenuta a suo padre e lui aveva la vaga sensazione che le aquile dovessero essere lasciate dove erano, visto che suo padre le aveva approvate, e così erano rimaste lì appollaiate. Anche se non stava guardando la casa, Saxon colse l istante preciso in cui la signora Wither comparve sulla soglia, e scese dall auto per aprirle con destrezza la portiera, toccandosi il berretto. Buongiorno, Saxon. Che splendida mattinata! Buongiorno, signora. Sì, signora. Tanto meglio per la moglie del signor Theodore, proseguì la signora Wither, mentre Saxon le infagottava i piedi in un orripilante vecchia copertina, fatta con pelliccia di un animale indefinito, che il signor Wither non aveva acconsentito a mandare in pensione. Arrivare da noi in una bella giornata, insomma. Sì, signora. La signora Wither, che un tempo era stata una donna che amava parlare con la servitù, gli lanciò un occhiata e non aggiunse altro. Saxon non sembrava gradire che gli si parlasse. Il gentile lettore a questo punto si starà certamente chiedendo come diamine avesse fatto una donna a sposare il signor Wither, e allora bisogna dire che lo aveva sposato per quella che di solito è ritenuta (così si sostiene) una ragione piuttosto comune: temeva di non avere la possibilità di sposare nessun altro. E da giovane il signor Wither non era stato malaccio, aveva l oc- chio ardimentoso e modi quasi vivaci, un po come quelli di un piccolo bulldog. Dava ordini ai camerieri, trovava posto sulle carrozze facendosi largo a gomitate e aveva un padre ricco. La signora Wither, che non era romantica, aveva pensato che una giovane donna potesse sentirsi al sicuro con Arthur Wither, e così si era affidata a lui. Il matrimonio non doveva essere stato poi così male, visto che erano arrivati lì, a settanta e sessantaquattro anni, condividendo le Aquile, due figlie, il ricordo di un figlio morto, e una nuora. La signora Wither si dispiaceva per il povero Arthur; aveva tante preoccupazioni, lui. Quando lui non c era, lei pensava al marito, e si affliggeva, e gli voleva bene anche se si divertiva sempre in sua assenza, e mai in sua presenza; a sua volta il signor Wither disapprovava la signora Wither molto meno di quanto non facesse con chiunque altro, pur non dandolo mai a vedere. Quante bugie esaltate si raccontano a proposito del matrimonio! Ma una promessa almeno può essere mantenuta: saremo un unica carne

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Linea A 1. BATTISTINI

Linea A 1. BATTISTINI Linea A 5 1. BATTISTINI È lunedì. Una nuova settimana comincia. Come tutte le mattine, il signor Duccio Pucci sta andando a lavorare. - Il lavoro, il lavoro, sempre il lavoro Ma perché devo lavorare così

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza intermmedio 2 La famiglia Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia, a Milano, con la mia famiglia. Nella mia famiglia

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito Vivere il Sogno Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito VIVERE IL SOGNO!!! 4 semplici passi per la TUA indipendenza finanziaria (Il Network Marketing)

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Traduzione di. Claudia Manzolelli

Traduzione di. Claudia Manzolelli Traduzione di Claudia Manzolelli Ai miei genitori, George e Elizabeth Introduzione...1 1. L inizio della fine...9 2. Ritorno all ovile...21 3. Il consulente geriatrico...37 4. Galapagos...43 5. La caduta...51

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA?

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? Mi fa pensare all'oscurità, perchè l'ombra è oscura, nera e paurosa. Penso ad un bambino che non ha paura della sua ombra perchè è la sua. Mi fa venire in

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno Intrappolato in una miniera d'oro La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno A Gorno c'erano le miniere di zinco e piombo, i proprietari gestivano anche le miniere d'oro in Australia. Spesso,

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli