Amadeus. Amadeus. Amadeus. Luigi Boccherini. Luigi Boccherini. Quintetti, Divertimenti e Concerti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Amadeus. Amadeus. Amadeus. Luigi Boccherini. Luigi Boccherini. Quintetti, Divertimenti e Concerti"

Transcript

1 Amadeus Luigi Boccherini (Lucca 19/2/ Madrid 28/5/1805) Quintetto n. 7 in mi minore G 451 per chitarra e quartetto d archi (20'33) 1 Allegro moderato 6'55 2 Adagio 4'04 3 Minuetto. Trio 4'10 4 Allegretto 5'24 Divertimento n. 3 op. 16 in la maggiore G 463 per flauto e archi (15'29) 5 Allegretto moderato 5'01 6 Allegro assai 5'26 7 Amoroso 5'02 Concerto per violoncello e orchestra d archi in sol maggiore G 480 (16'06) 8 Allegro 7'03 9 Adagio 4'28 bl Allegro 4'35 T. T.: 63'47 Neuzeit Std = per la diffusione Fondazione AM Quintetto n. 6 op. 55 in re minore G 436 per flauto e quartetto d archi (11'37) bm Allegretto comodo assai 7'35 bn Minuetto 4'02 Amandine Beyer, violino Marco Ceccato, violoncello Manuel Granatiero, flauto Francesco Romano, chitarra Viva Std = F ITC Benguiat = Amadeus non in vendita separatamente da amadeus Luigi Boccherini Quintetti, Divertimenti e Concerti REGISTRAZIONE inedita Amadeus Amadeus Amandine Beyer, violino - Marco Ceccato, violoncello Manuel Granatiero, flauto - Francesco Romano, chitarra

2 LUIGI BOCCHERINI (Lucca 19/2/ Madrid 28/5/1805) Quintetto n. 7 in mi minore G 451 per chitarra e quartetto d archi 1 Allegro moderato (6'55) 2 Adagio (4'04) 3 Minuetto. Trio (4'10) 4 Allegretto (5'24) Composizione 1799 Prima edizione Zimmermann, Lipsia-Berlino-Riga, 1925 Organico chitarra, 2 violini, viola, violoncello Divertimento n. 3 op. 16 in la maggiore G 463 per flauto e archi 5 Allegretto moderato (5'01) 6 Allegro assai (5'26) 7 Amoroso (5'02) Composizione 1773 Prima edizione La Chevardière, Parigi, 1775 Organico flauto, 2 violini, viola, 2 violoncelli, violone Concerto per violoncello e orchestra d archi in sol maggiore G Allegro (7'03) 9 Adagio (4'28) bl Allegro (4'35) Composizione 1770 Prima edizione Bureau d Abonnement Musical, Parigi, 1770 (come Concerto III) Organico violini primi, violini secondi, viola, violoncello, violone, violoncello solista Quintetto n. 6 op. 55 in re minore G 436 per flauto e quartetto d archi bm Allegretto comodo assai (7'35) bn Minuetto (4'02) Composizione 1797 Prima edizione Pleyel, Parigi, 1800 (come op. 45) Organico flauto, 2 violini, viola, violoncello Amandine Beyer, violino (violino Pierre Jacquier 1996, copia da Amati) Marco Ceccato, violoncello (violoncello Giuseppe Sgarbi, 1850) Manuel Granatiero, flauto (flauto traverso copia Heinrich Grenser a 8 chiavi di Rudolf Tutz nel Quintetto op. 55 e copia August Grenser a una chiave di Rudolf Tutz nel Divertimento op. 16) Francesco Romano, chitarra (chitarra Filippo Guarmandi, Bologna 1808) Amandine Beyer ( 1 - bn ), Teresa Ceccato ( 8 - bl ) e Alberto Caponi ( 8 - bl ), violini primi Ayako Matzunaga ( 1 - bn ), Gabriele Politi ( 8 - bl ) e Nunzia Sorrentino ( 8 - bl ), violini secondi Teresa Ceccato ( 1-7, bm, bn ) e Ottavia Rausa ( 8 - bl ), viole Marco Ceccato ( 1 - bn ) e Rebeca Ferri ( 5 - bl ), violoncello Matteo Coticoni ( 5 - bl ), violone

3 all ascolto Guida all ascolto Luigi Boccherini Quintetti, Divertimenti e Concerti di Alessandro De Bei 4 I l Quintetto n. 7 G 451 per chitarra e quartetto d archi appartiene a un gruppo di Quintetti frutto di trascrizioni e adattamenti realizzati dallo stesso Boccherini da sue opere precedenti. L uso della chitarra è un omaggio che il musicista lucchese fece al marchese di Benavente: l originale era un quintetto con due viole e Boccherini utilizzò la chitarra ora come strumento armonico, ora come raddoppio di altre parti, ora come vero e proprio solista. Composto intorno al 1799, nel periodo del suo secondo soggiorno a Madrid, il Quintetto G 451 è una pagina equilibrata e piacevole; il primo movimento, Allegro moderato 1, si apre in un clima musicale quasi misterioso, ben reso dalle delicate note del violino sostenute dall ostinato ribattuto della chitarra. A questo primo motivo fa seguito un secondo tema in sol maggiore, presentato dagli archi. Gioiose cadenze concludono l esposizione e aprono alla sezione di elaborazione, tutta giocata sugli arpeggi modulanti della chitarra che creano un atmosfera musicale molto suggestiva, quasi notturna. Regolare la ripresa del primo e del secondo tema (ora in mi minore) ai quali Boccherini fa seguire un nuovo motivo che di fatto conduce alle cadenze finali. L Adagio 2 è scritto nella canonica forma A-B-A; dopo poche battute introduttive degli archi, la chitarra prende in mano il discorso musicale con morbidi e dolci arpeggi in sol maggiore. La seconda parte è invece più danzante, grazie alle scalette discendenti in terze del solista. La ripresa della prima parte viene seguita dal ritorno del motivo danzante del solista che chiude la pagina con tre strappate fortissimo in sol maggiore. Il Minuetto 3 è tripartito: la prima sezione, in mi minore, è dominata dalla chitarra solista (rapidi arpeggi in terzine); la seconda, dal carattere più cantabile e spensierato, è in mi maggiore (tema cantabile al violino). 5 Guida all ascolto Una breve ripresa della prima sezione porta al Trio, galante nel dolce tema di danza proposto dal violino e dal violoncello sopra i fluidi arpeggi della chitarra. La ripresa del Minuetto senza ritornelli conclude il movimento. Meravigliosamente cantabile e scorrevole è il movimento finale, Allegretto 4, condotto dalla chitarra solista con un tema sereno e disteso in mi maggiore, cui fa seguito un secondo motivo più acceso presentato dagli archi. La sezione centrale, in mi minore, è più appassionata e inquieta, e viene giocata in dialogo serrato fra il solista e il quartetto d archi. Il Quintetto si chiude con la ripresa della prima parte. Composto intorno al 1773, il Divertimento o Sestetto op. 16 per flauto, 2 violini, viola, 2 violoncelli e violone risale al primo soggiorno madrileno di Boccherini ( ). Si apre con un Allegretto moderato 5 la cui prima parte presenta un percorso tonale tonica-dominante (da la maggiore a mi maggiore) ed è costruita su un tema solare esposto dagli archi e subito ornato dal flauto con vivaci figurazioni in semicrome. Dopo il ritornello della prima parte, la seconda parte è costituita di fatto dall elaborazione del tema principale, nella quale gioca un ruolo centrale il flauto. La ripresa scorciata della prima sezione termina il movimento. L Allegro assai 6 è una pagina decisamente più virtuosistica: qui le evoluzioni del flauto sono notevoli (veloci scalette, vivaci trilli, arpeggi a piena estensione) e conferiscono alla pagina il carattere di concerto solistico. Nella seconda parte del movimento, in tonalità minore, gli archi conducono il discorso musicale, mentre il flauto stende un tappeto di arpeggi di semicrome modulanti che portano direttamente alla ripresa della prima parte con la quale si conclude la pagina. Il Divertimento termina con un delicato Amoroso 7 in la maggiore, nel quale il flauto ha modo di esibire doti di cantabilità, tanto nella prima parte in la maggiore (tenero tema discendente in imitazione con gli archi), quanto nella seconda parte in la minore (scatto ascendente seguito da scaletta discendente degli archi), irta anch essa, come già nel primo movimento, di passaggi di bravura (rapidi arpeggi e scalette in semicrome). La ripresa abbreviata della prima parte conclude la composizione.

4 Guida all ascolto Guida all ascolto Anche il Concerto in sol maggiore G 480 per violoncello e orchestra d archi del 1770 si colloca nel primo soggiorno a Madrid presso la corte di Carlo III, in seno alla quale il principe ereditario Don Carlos (che diverrà più tardi re col titolo di Carlo IV), violinista dilettante, si occupava di tutte le questioni artistiche, e in particolare musicali. Celebre, ma forse poco attendibile, la testimonianza del musicologo francese François-Henri-Joseph Castil-Blaze che racconta di quando il principe Don Carlos criticò un passaggio ripetitivo in una composizione di Boccherini, che rispose semplicemente: «Per emettere un giudizio, occorre essere un conoscitore». Focosa e irata fu la reazione del principe che afferrò Boccherini e lo fece penzolare dalla finestra: da quel momento gli venne vietato l accesso alla corte reale. Nell Allegro 8, che apre il Concerto, l esposizione orchestrale, in sol maggiore, ne presenta i temi principali: il primo, costituito da terze ascendenti seguite da una veloce scaletta discendente in ritmo puntato, e il secondo, brioso e vivace nelle terze staccate seguite da rapidi trilli e unite da una scaletta ascendente, di vivaldiana memoria. Una rapida chiusa porta all ingresso del violoncello solista che subito si appropria del primo tema, facendolo seguire da un episodio di bravura costituito da veloci semicrome. La modulazione alla dominante conduce a un Tutti orchestrale in re maggiore che prende le mosse dal primo tema, lo elabora e giunge al secondo tema, ora in re maggiore. L episodio solistico successivo esplora le tonalità vicine ed esalta la cantabilità del violoncello; un lungo pedale di re riconduce a sol maggiore e alla ripresa del primo tema, giocato ora in grazioso dialogo fra solista e violini. La ripresa del secondo tema, che il violoncello espone qui per la prima volta, porta alla cadenza solistica seguita dalla chiusa orchestrale. L Adagio 9 è dominato dal canto dolente e quasi rassegnato del violoncello nella mesta tonalità di sol minore, che solo a tratti si apre al maggiore. La sua struttura è tripartita (AAA ): a una prima parte (ripetuta) in sol minore, fa seguito una variazione della stessa che prende le mosse da si bemolle maggiore e tocca i momenti più drammatici della composizione. Una breve cadenza solistica chiude il movimento. L Allegro bl conclusivo si apre col Tutti iniziale, nel quale Boccherini presenta il tema principale in eco fra archi chiari e scuri: è un motivo spensierato e brioso che richiama movenze di danza ternaria. Il primo episodio solistico riprende il tema principale e ne presenta poi un secondo, più cantabile, esposto in progressione ascendente e concluso con frizzanti terzine di semicrome nel registro sovracuto del violoncello. Un nuovo Tutti in re maggiore precede il secondo episodio solistico, più intenso e drammatico del precedente. La riapparizione del tema cantabile, ora in sol maggiore, porta al Tutti conclusivo. Il Quintetto n. 6 op. 55 G 436 appartiene alla raccolta di Sei Quintettini per oboe o flauto dedicati all oboista Gaspare Barli e pubblicati a Parigi nel Articolato in due soli movimenti, prende le mosse da un Allegretto comodo assai bm, la cui esposizione si apre con un tema malinconico in re minore, esposto dai violini sopra le lunghe note del flauto e poi subito ripetuto dal solista. Una breve transizione conduce alla tonalità di fa maggiore, nella quale viene presentato il secondo tema (ritmo puntato seguito da scaletta ascendente) e il terzo tema, galante ed espressivo (violini). Una vivace coda cadenzale conclude la prima parte. La sezione centrale riprende spunti del secondo e del terzo tema elaborandoli liberamente. La ripresa della prima parte inverte l ordine dell esposizione: prima udiamo il secondo e il terzo tema, poi il primo tema in re minore. Una nuova coda cadenzale conclude il movimento. Il Minuetto bn presenta un suggestivo motivo, la cui originalità è dovuta allo spostamento degli accenti ritmici e alla contrazione degli incisi musicali. Nelle strappate degli archi riecheggiano forti le suggestioni della musica popolare spagnola. Il Trio, in tonalità maggiore, è più tradizionale nella sua fluente cantabilità, ma qui e là ritornano le strappate degli archi, quasi accordi chitarristici che spezzano il ritmo della frase. Regolare la ripresa del Minuetto iniziale. 6 7

5 Interpreti Amandine Beyer, violino Ha iniziato lo studio della musica all età di quattro anni, dapprima flauto dolce e poi violino sotto la guida di Aurelia Spadaro. A 15 anni è ammessa al Conservatoire Supérieur di Parigi, ottenendo nel 1994 il primo premio nella classe di violino. Parallelamente si dedica allo studio della musicologia, ottenendo la laurea presso l Università di Aix-en-Provence. Nel 1995 prosegue i propri studi alla Schola Cantorum Basiliensis, nella classe di violino barocco di Chiara Banchini e, quattro anni più tardi, consegue il Solisten-diplom. Come solista ha tenuto concerti in tutta Europa, suonando con Mala Punica, Concerto Vocale, la Capella Reial d Catalunya, La Petite Bande e con i gruppi, L Assemblée des Honnestes Curieux (con il quale ha ottenuto il primo premio e il premio speciale della giuria nel concorso di Rovereto del 1998) e Gli Incogniti (con il quale ha vinto i premi discografici Le choc de la Musique, Diapason d Or e Gramophone Prize ). Ha inciso per Erato, Harmonia Mundi France, Opus 111, Alpha e Zig Zag e per numerose radio e televisioni come France Musiquem Radio Classique, Wdr e Orf. Nel marzo del 2001 ha ottenuto il primo premio nella Concorso Internazionale Antonio Vivaldi a Torino. È docente di violino barocco presso la Schola Cantorum Basiliensis. Interpreti Marco Ceccato, violoncello Formatosi prima in violoncello moderno con Teodora Campagnaro e David Geringas e successivamente in violoncello barocco con Gaetano Nasillo, ha svolto la propria attività concertistica e discografica anche come solista, con le più importanti Orchestre e formazioni da camera europee. In qualità di primo violoncello, attualmente collabora con diverse orchestre barocche, tra le quali Le Concert des Nations, diretta da Jordi Savall e l Academia Montis Regalis, diretta da Alessandro de Marchi. Nel 2006 ha fondato con la violinista francese Amandine Beyer l ensemble Gli Incogniti, con il quale ha riscosso importanti riconoscimenti dalla critica internazionale (Diapason d or, Choc de Classica, Gramophone). Nel 2004 ha fondato a Roma l. Svolge da molti anni attività di ricerca musicologica con particolare attenzione alla letteratura violoncellistica italiana del XVII e XVIII secolo. Ha recentemente inciso per l etichetta discografica francese Zig Zag le Sonate per violoncello e basso continuo di Vivaldi, la cui uscita è prevista in aprile Attualmente è titolare della cattedra di violoncello barocco presso il Dipartimento di musica antica dell Università di Oporto. Manuel Granatiero, flauto Nato a Napoli nel 1976, nel 1991 vince il terzo premio al concorso internazionale Undine. Si diploma nel 1994, conseguendo nello stesso anno il Premier prix all unanimità all Accademia del flauto italiana con Raymond Guiot. Nel 1999 inizia lo studio del flauto barocco e classico entrando al Koninklijk Conservatorium di Bruxelles sotto la guida di Barthold Kuijken, Marc Hantaï e Frank Theuns. Qui ottiene il diploma con distinzione nel Collabora con alcune delle più importanti orchestre specializzate nella prassi esecutiva su strumenti d epoca, sia in qualità di solista che di prima parte: Gli Incogniti, Academia Montis Regalis, il Complesso Barocco, Les Talens Lyriques, Accademia Bizantina, Australian Chamber Orchestra, Hollande Baroque Society, Ensemble Philidor, La Chambre Philarmonique, Le Cercle de l Harmonie, Concerto Italiano, Les Ambassadeurs, Ensemble Cordia, solo per citare alcuni gruppi. Ha inciso per Deutsche Grammophon, Decca, Naive, Deutsche Harmonia Mundi, Zig Zag, Dynamic, Virgin, Atma Classique e Stradivarius. È uno dei fondatori dell. Francesco Romano, chitarra Nato a Roma, successivamente al diploma di chitarra ha rivolto il suo interesse al repertorio rinascimentale e barocco sugli strumenti appartenenti alla famiglia del liuto e della chitarra. Da molti anni svolge un intensa attività concertistica come solista e come membro di formazioni da camera per le principali istituzioni musicali e festival in Europa, America e Asia. Ha collaborato con i più importanti gruppi di musica antica europei e inoltre con Christoph Coin, Rinaldo Alessandrini, Giovanni Antonini, Andrew Lawrence King. Dalla sua fondazione, è membro del ensemble Gli Incogniti, gruppo 8 9

6 Interpreti diretto dalla violinista Amandine Beyer, con cui ha effettuato numerose registrazioni che sono state premiate con i più prestigiosi premi internazionali, tra cui il Diapason d Or, Le Choc de la Musique, Deutsche Schallplatten. Ha inciso per Opus 111, Naive, Symphonia, Capriccio, Edel Klassik, Hyperion, Amadeus, Zig Zag, Divox, Harmonia Mundi. Insegna chitarra e liuto al Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze È un ensemble che si occupa di musica antica attraverso l utilizzo di strumenti originali. Nato a Roma nel 2004, riunisce le esperienze di alcuni tra i musicisti dell ultima generazione maggiormente attivi sulla scena internazionale. I suoi componenti, collaborando con i più importanti ensemble di musica antica, si esibiscono nelle più prestigiose sale del mondo. Si è esibita in diversi festival in Italia e all estero. Dal 2005 al 2008 è stato gruppo residente presso la stagione di musica antica di Sant Antonio dei Portoghesi a Roma. Nel 2010 ha ottenuto numerosi riconoscimenti dalla critica musicale per il disco vivaldiano Cupido, tu vedi; a breve è prevista l uscita di un cd di Sonate per violoncello e basso continuo di Vivaldi registrato per l etichetta discografica francese Zig Zag. Amadeus n. 292 Periodico registrato al Tribunale di Milano 186/ e 2014 s.r.l. Direttore responsabile Gaetano Santangelo Redazione Andrea Milanesi Grafica Dario Codognato Impaginazione Riccardo Santangelo Registrazione 8-11 settembre 2012, Cori (LT) Direzione artistica Ottavia Rausa Tecnico del suono Giuseppe Famularo (Roma) In copertina Marco Ceccato, Manuel Granatiero e Francesco Romano (Foto di Filippo Romano) Si ringraziano: Stefano e Lilli Rizzo per il loro generoso contributo che ha reso possibile la registrazione di questo cd, il liutaio Lorenzo Frignani che ha concesso di utilizzare la chitarra Filippo Guarmandi appartenente alla sua collezione, il dottor Giacomo Curatolo per aver generosamente concesso in prestito il violoncello Giuseppe Sgarbi N.B.: È possibile scaricare questo booklet in formato digitale all'indirizzo

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i omaggio a leonildo marcheselli b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i I n t e r p r e t a t I d a g r a n d I f I s a r m o n I c I s t I massimo budriesi tiziano

Dettagli

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA Graduatoria Docenti aspiranti all UTILIZZAZIONE nei LICEI MUSICALI Anno Scolastico 0/ Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA sul posto o sulla quota orario assegnata nell anno scolastico 0/ (docenti titolari

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Silenzi (1972) per soprano, violino, contrabbasso, pianoforte, celesta e percussioni

Silenzi (1972) per soprano, violino, contrabbasso, pianoforte, celesta e percussioni Catalogo delle opere di Rosario Mirigliano Composizioni Silenzi (1972) per soprano, violino, contrabbasso, pianoforte, celesta e percussioni Quartetto (1973) per violino, viola, violoncello e clavicembalo

Dettagli

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI Teoria musicale - 13 ALTRE INDICAZIONI MUICALI EGNI DI ARTICOLAZIONE I segni di articolazione sono indicazioni grafiche collocate sopra o sotto le note che condizionano il modo in cui queste devono essere

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

PROGRAMMA DEI CONCERTI

PROGRAMMA DEI CONCERTI 4_5_6 aprile Salone del Maggior Consiglio Wolfgang Amadeus Mozart. I 23 Quartetti per archi Ne L orchestrazione in chiaroscuro di Mozart il grande direttore d orchestra Nikolaus Harnoncourt sostiene che

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

UNA GUIDA PRATICA ALLA COMPOSIZIONE MUSICALE

UNA GUIDA PRATICA ALLA COMPOSIZIONE MUSICALE Alan Belkin UNA GUIDA PRATICA ALLA COMPOSIZIONE MUSICALE N.B. Il seguente materiale è Alan Belkin, 1995-1999. Esso non può essere citato o usato senza darne pieno riconoscimento all autore. Nonostante

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA c Marzo 2011 0.1 Premessa Queste note sullo studio dell armonia nascono come strumento di supporto per i corsi di armonia (principale o complementare)

Dettagli

Concert pentru violoncel, percutie si orchestra de coarde

Concert pentru violoncel, percutie si orchestra de coarde Concert pentru violoncel, percutie si orchestra de coarde,, Cristian Lolea, 998 Misterioso; = 7 bacchette morbide Timpani senza accento Vibrafono 5 Temple-blocks Tamburo piccolo Bongos Tom-toms Tam-tam

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Diploma Accademico di primo livello Ordinamentale

Diploma Accademico di primo livello Ordinamentale Diploma Accademico di primo livello Ordinamentale DISCIPLINA: PRASSI ESECUTIVE E REPERTORI (SAXOFONO) I-II-III (CODI/15) Docente: Prof. Roberto Frati Durata: 32 ore annuali (Individuali) CFA: 21 annuali

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per le Marche - Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per le Marche - Direzione Generale Classe di concorso AB77 - CHITARRA Cognome e nome Fasc Tit. 1) MONINA MARCO (AN 11/12/69) 3 Z 71,85 36,00 14,40 2007 122,25 2) GIORDANO EUGENIO (NA 21/12/82) * 3 L 6,00 11,00 1,20 2009 18,20 * Il docente

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

Classe 3AM - pagina 1

Classe 3AM - pagina 1 1 Classe AM - pagina 1 Cognome ABRAMO classe AM Nome VERONCA matricola Nato a (e PV) cod. utilizz. -1 1 Pianoforte - prof.ssa Fabro giovedì 14.0-15.0 2.4 lunedì 15.0-16.0 LAB. giovedì 15.0-16.0 NFO 1 Canto

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Gli strumenti a corda

Gli strumenti a corda P A R T E Strumenti e voci 1 SAPERE classificare gli strumenti a corda in base al mo in cui viene protto il suono; conoscere le tecniche di produzione del suono di questi strumenti; conoscere gli strumenti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

---------------- Ufficio Stampa

---------------- Ufficio Stampa Ufficio Stampa Presentazione del libro TeatrOpera: Esperimenti Scenici di Maria Grazia Pani Concerto spettacolo con voce recitante, soprani, tenore e pianoforte 11 maggio 2015 Teatro Sociale ----------------

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

" Regolamento LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA!

 Regolamento LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA! ALL OUR YESTERDAYS Scene di vita in Europa attraverso gli occhi dei primi fotografi (1839-1939) 11 aprile - 2 giugno 2014 Pisa, Museo della Grafica, Palazzo Lanfranchi LE VOSTRE FOTO A RACCOLTA! Ognuno

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 Premio FriulAdria

UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 Premio FriulAdria Radio Vigiova presenta UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 Premio FriulAdria 3 edizione Contest Musicale Festival Biblico - REGOLAMENTO - ART.1_PARTECIPANTI UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 è un contest musicale

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc.

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc. Classe: 3A TERZE E QUARTE NUOVO ORDINAMENTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "P. RUGGIERI" MARSALA 1 ANGILERI VITO 11/02/1999 2 ARISTODEMO MARCO 17/03/1999 3 BONFRATELLO SAMUELE 26/06/1999 4 CAMAGNA MICHELE 12/05/1999

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "CAVALIERI" via Anco Marzio, 9 - Milano. Progetto di continuità verticale per la cultura e pratica musicale nella scuola

ISTITUTO COMPRENSIVO CAVALIERI via Anco Marzio, 9 - Milano. Progetto di continuità verticale per la cultura e pratica musicale nella scuola ISTITUTO COMPRENSIVO "CAVALIERI" via Anco Marzio, 9 - Milano CRESCERE IN MUSICA Progetto di continuità verticale per la cultura e pratica musicale nella scuola dalla primaria al liceo musicale Credo che

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 -- selezioni nazionali per il Sziget Festival 2015 di Budapest (HU) e per l Home Festival 2015 di Treviso -- La selezione denominata SZIGET

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XIII - Cremona Prot. MIUR AOO USPCR RU/5402 Cremona, 30 Agosto 2012 IL DIRIGENTE VISTO il

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

PROFESSORI DELLO STAT

PROFESSORI DELLO STAT PROFESSORI STABILI ORDINARI > Giuliani p. Matteo, ofm Dottorato in Scienze dell Educazione con indirizzo catechetica Catechetica e Didattica della religione Responsabile del Servizio Formazione Permanente

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

Comune di Bitonto. Nome e Cognome. Luogo e data di nascita BARI 2-4-1987

Comune di Bitonto. Nome e Cognome. Luogo e data di nascita BARI 2-4-1987 Comune di Bitonto CARELLI PASQUALE Luogo e data di nascita BARI 2-4-1987 Spese CICCARONE GIOVANNI P. Luogo e data di nascita BITONTO 28/5/1962 CUOCCIO FRANCESCO P. Luogo e data di nascita BARI 24/10/1977

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI Regolamento Art. 1 PROMOTORI E TEMA DEL CONCORSO La Regione del Veneto e il Comitato Pro Loco - Unpli Veneto lanciano il Concorso letterario Racconta le

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

FREQUENZA COMPORTAMENTO CONOSCENZE ABILITÀ-ORIGINALITÀ APPRENDIMENTO max. 3 punti 0-1-2 punti max. 10 punti max. 10 punti media

FREQUENZA COMPORTAMENTO CONOSCENZE ABILITÀ-ORIGINALITÀ APPRENDIMENTO max. 3 punti 0-1-2 punti max. 10 punti max. 10 punti media Commissione 1 - COMMISSIONE AFFARI ESTERI (AFET) CHAIR: Ilaria BLASUCCI, Alessandro IANNAMORELLI TOTALE INCONTRI: CALCIOTTI LUDOVICA VAIANA VALENTINA DI CASTRO MATTEO VERNICA DIANA LE LUCA MARIANNA SBARDELLA

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE COMUNICATO STAMPA 17.10.2007 Con cortese preghiera di diffusione Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE -Incontro pubblico

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

GRADUATORIA D'ISTITUTO PER NOMINE A TEMPO DETERMINATO - DEFINITIVA DENOMINAZIONE : SALERNO "MONTERISI" LORIA COMUNE : SALERNO

GRADUATORIA D'ISTITUTO PER NOMINE A TEMPO DETERMINATO - DEFINITIVA DENOMINAZIONE : SALERNO MONTERISI LORIA COMUNE : SALERNO AB77 - CHITARRA PAG. 1008 000001 BARONE MARIO SA/135710 0,00 0,00 6,00 126,00 66,00 15,00 Q X 213,00 2014 02/12/1985 (NA) BRNMRA85T02L245D VIA CARMINIELLO 7, E 14 80058 TORRE ANNUNZIATA (NA) SAMM17400V

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Quanto cambia un bocchino?

Quanto cambia un bocchino? Quanto cambia un bocchino? Produzione e percezione del suono negli ottoni Massimo Zicari Malgrado il comportamento acustico degli ottoni sia determinato da diversi parametri costruttivi (spessore delle

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli