TAHAR BEN JELLOUN CARPI (Modena)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAHAR BEN JELLOUN CARPI (Modena)"

Transcript

1 Domenica La DOMENICA 24 GENNAIO 2010 di Repubblica l attualità Coppa Davis, sangue blu e business GIANNI CLERICI e ADRIANO PANATTA cultura Il Piemonte nudo di Josef Koudelka CARLO PETRINI PRIMO LEVI Io, vivo per miracolo PRIMO LEVI Alla vigilia del Giorno della Memoria, in una lettera inedita dello scrittore lo stupore di essersi salvato KATTOWICE 6 giugno 1945 Bianca carissima, finalmente mi si presenta un occasione di comunicare con l Italia con una certa garanzia di arrivo a destinazione. Io non accompagno il latore della presente che viaggia con mezzi suoi solo perché le finanze non me lo permettono, ed inoltre perché il giorno del rimpatrio collettivo sembra prossimo. Come i pochi compagni italiani superstiti, io sono vivo per miracolo. Al momento in cui i tedeschi hanno abbandonato l Alta Slesia, io ero convalescente di scarlattina nell Ospedale di Monivitz con altri ottocento malati; pare che i tedeschi avessero ordine di ucciderci (come fecero altrove in altre circostanze) e forse non ne ebbero il tempo. Sono riuscito a sfamarmi alla meglio, per dieci giorni sfuggendo a un tremendo bombardamento, poi il 27 gennaio, sono arrivati i russi. Dopo parecchi pellegrinaggi, sono finito qui, in un campo cosiddetto di attesa. Effettivamente, tutti gli stranieri che hanno soggiornato qui sono stati smistati verso le relative patrie, solo gli italiani attendono ancora. Di coloro che partirono con me da Fossoli siamo ora qui in sei. (segue nelle pagine successive) TAHAR BEN JELLOUN CARPI (Modena) Carpi, una delle più graziose cittadine dell Italia settentrionale, cinquantotto chilometri da Bologna, non va confusa con Capri. Un gruppo di turisti americani vi si è ritrovato qualche mese fa, e si è chiesto per quale motivo il mare non si vedesse. Carpi ha sessantamila abitanti, più di diecimila dei quali immigrati in buona parte da Pakistan, Marocco e Cina e al lavoro nei campi e nell industria dell abbigliamento. È una cittadina tranquilla che va fiera della propria piazza, la più grande in Europa: si chiama piazza dei Martiri in memoria di sedici partigiani, i cui cadaveri furono esposti per tre giorni dai soldati fascisti nell agosto Carpi, da sempre di sinistra, conserva una buona qualità della vita. Ma questa città che a fine Ottocento contava oltre cinquemila ebrei oggi se ne ritrova soltanto sette, un numero insufficiente per aprire una sinagoga. Gli ebrei di Carpi erano andati incontro a persecuzioni tra il 1290 e il 1294, ma soltanto nel 1719 il ghetto fu chiuso e ricevettero l autorizzazione a costruirsi un luogo di culto. (segue nelle pagine successive) con un servizio di MASSIMO NOVELLI spettacoli Carlo Verdone, trent anni di cinema CURZIO MALTESE i sapori Frutta & alcol, convergenze parallele GIAN LUCA FAVETTO e LICIA GRANELLO le tendenze Passerella addio, la moda è di tutte LAURA ASNAGHI e IRENE MARIA SCALISE l incontro Carmen Consoli, musica da non sprecare GINO CASTALDO FOTO ARCHIVIO PRIVATO DI GIULIA COLOMBO DIENA

2 36 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 24 GENNAIO 2010 la copertina Lettera di un salvato Il 6 giugno 1945 l autore di Se questo è un uomo è appena stato liberato e per la prima volta scrive all amica Bianca Guidetti Serra dell arrivo dei russi, del tatuaggio al braccio, segno di infamia per chi ora dovrà espiare, ma soprattutto chiede notizie sulla sorte degli altri compagni. Ecco il documento inedito in occasione di una grande mostra a Torino Primo Levi: Cara, sono vivo PRIMO LEVI (segue dalla copertina) Degli inabili al lavoro (donne, vecchi, bambini) non abbiamo che pochissime notizie, risulta purtroppo certo che Vanda Maestro è morta. Luciana Nissim partì in settembre per Breslavia: forse si è salvata. Di noi 95 del campo di Monivitz, 75 sono morti colà di fame e di malattia; quattordici furono deportati dai tedeschi in fuga (fra questi Alberto della Volta di Brescia, Franco Sacerdoti di Torino, l ing. Aldo Levi di Milano, Eugenio Gluecksmann di Milano). Di loro non si hanno notizie sicure, ma corrono voci assai preoccupanti sulla loro sorte. Restiamo noi sei. Qui non si sta male. Si mangia in abbondanza (ma la cucina russa richiede stomaci appositi) si dorme bene, non si lavora, si gode una certa libertà, per cui con un po di iniziativa si può circolare, pagarsi il lusso di qualche alimento extra, di qualche cinematografo, o almeno qualche visita economica turistica alla città. Siamo ora più di mille italiani, fra prigionieri di guerra, politici e rastrellati. La popolazione è molto benevola, i russi anche. Non credere a quanto ho potuto scrivere da Monovitz; l anno passato sotto le SS è stato spa- Ravensbrück, il Ponte dei Corvi, a Maria Camilla, ventunenne, appare «come un enorme paese di baracche di legno dipinte di verde scuro», con le strade «coperte di carbonina». Il «tutto lugubre, ma davanti ai blocchi principali non mancano i fiorellini molto ben curati». Negli ultimi mesi, dopo le evacuazioni dei lager polacchi, «i forni cominciarono a funzionare notte e giorno». Bisogna sopravvivere, soprattutto alla denutrizione. È in quei mesi trascorsi nei block che Maria Camilla e le compagne provano a dimenticare per un po la fame che le lacera. Lo fanno parlando di «meravigliose pietanze» e discutendone l esecuzione fino anche «a litigare per le divergenze di come avrebbero dovuto essere preparate». Giorni e notti senza fine, una babele di lingue polacco, russo, ceco, slovacco, ungherese, francese, italiano che vuoventosamente duro a causa della fame, del freddo, delle percosse, del pericolo costante di essere eliminato in quanto inabile al lavoro. Porterò (spero) in Italia il numero di matricola tatuato sul braccio sinistro, documento di infamia non per noi, ma per coloro che ora cominciano ad espiare. Ma la maggior parte dei miei compagni portano nelle carni più gravi segni delle sofferenze patite. Spero di poter salire presto la tradotta: ad ogni modo tieni presente che il servizio postale non è ancora regolare e ti sarei gratissimo se tu cercassi di affidare ad un polacco o un russo rimpatriante anche sommarie notizie delle mie carissime e di Voi tutti. Con l incarico una volta giunto in Polonia di scriverle indirizzando a Primo Levi, presso il Comitato Ebraico di qui. CENTRANLY KO- MITET ZYDOW POLSKICH KATOWICE ULICA MARIAWKA 21. Viviamo qui con l ansia terribile di qualche vuoto al nostro ritorno: se fossimo rassicurati su questo, non ci sarebbe grave l attesa. Ti prego tenta tutte le vie: Croce Rossa, Svizzera, i partiti: pensate alla nostra tremenda incertezza Il mio cuore è con Voi. (Torino, Archivio Ebraico B. e A. Terracini, Delegazione per l assistenza agli emigranti ebrei (Delasem), Privati, enti diversi. Fascicoli nominativi (L) , n. 82 sottofascicolo 62) FOTO DI GRUPPO Primo Levi (nel tondo) con Carla Consonni, un amico sconosciuto, Anna Maria Levi, Laura Jona e dietro Silvio Ortona e Giulia Colombo a Saccarello nel 43 FOTO ARCHIVIO PRIVATO DI GIULIA COLOMBO DIENA La fame e le ricette del lager MASSIMO NOVELLI sera, al rientro in baracca accucciate nei letti a castello, s incominciava a parlare di minestre e pietanze; di tante minestre da sentir- «Alla ne il profumo e di tante pietanze da sentirne il sapore e parlando si scrivevano ricette sui ritagli bianchi dei giornali». Campo di concentramento di Ravensbrück, sottocampo di Rechlin, novanta chilometri a nord di Berlino. Qui, tra il settembre del 1944 e l 8 maggio del 45, quando verranno liberate dall Armata Rossa, le sorelle Maria Camilla e Maria Alessandra Pallavicino di Ceva e di Priola, giovani nobildonne piemontesi, vivono l inferno del lager. Arrestate nell aprile del 44 dai tedeschi a Nucetto, vicino a Ceva, nella loro casa di villeggiatura, con l accusa di avere collaborato con la Resistenza e aiutato il fratello partigiano, sono deportate in Germania.

3 DOMENICA 24 GENNAIO 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 37 LA MOSTRA Dal 27 gennaio al 20 marzo 2010 all Archivio di Stato di Torino, in via Piave 21, la mostra A noi fu dato in sorte questo tempo , prodotta dall Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia e promossa dal Museo diffuso della Resistenza di Torino Un percorso interattivo e multimediale, che attraverso un gruppo di giovani amici, tra cui Primo Levi, racconta le vicende degli ebrei torinesi La mostra è nata dagli studi di Alessandra Chiappano, che ne è la curatrice, sull archivio privato di Luciana Nissim Momigliano e su altri documenti inediti (www.iltempoinsorte.it) DISEGNO DA CRONACHE DI MILANO DI EUGENIO GENTILI TEDESCHI le allontanare la morte. «La nostra fantasia lavorava, immaginando l impasto del burro con la farina e le uova, se ne sentiva quasi il sapore. Forse questo rendeva ancora più triste il nostro destino di affamate croniche, ma era una cosa più forte di noi e non la si poteva controllare». Le ricette vengono scritte su pezzi di carta trovati qua e là, nascosti alle ispezioni. Anche Maria Camilla le copia: «In minutissima calligrafia c è la cucina di gran parte d Europa. Si trovava sempre un interprete gentile che traduceva le ricette come quella per confezionare il dolce di Pasqua russo. Tra noi italiane avevamo discusso dell enorme difficoltà che avremmo incontrato a casa per trovare la panna acida o altri ingredienti strani per le pietanze ungheresi e polacche; più il piatto era difficile e più ci aveva interessate». Il ricettario la seguì nel lungo viaggio di ritorno: «Non abbandono certo questo libretto, conservato con grandi fatiche e sotterfugi». Ritrovato nella casa di Nucetto, viene proposto in versione anastatica (su cd) nel libro che raccoglie le memorie dell ex matricola numero 49569, morta nel Curato da Elisa Mora, Non perdere la speranza. La storia di due sorelle in Lager è pubblicato dalle Edizioni dell Orso, nella collana Quaderni della Memoria diretta da Mariarosa Masoero e da Lucio Monaco. Da tempo si sapeva dell esistenza di quaderni del genere. Ma finora, come sottolinea la professoressa Masoero, «non ne erano mai stati scoperti». È dunque «un documento eccezionale; una testimonianza, tipicamente femminile, di resistenza. Ed è un atto di fiducia nel futuro». ORIGINALE A sinistra, un disegno di Primo Levi e la lettera inedita di Levi a Bianca Guidetti Serra; nell altra pagina in basso, il ricettario originale di Maria Camilla e Maria Alessandra Pallavicino FOTO ARCHIVIO DI ALBERTO MOMIGLIANO DONATO A ISTORETO PRIGIONE In alto, Luciana Nissim, una cartolina che spedì dal campo di Fossoli e un immagine del campo di prigionia In copertina, Primo Levi il giorno della laurea nel 41 Ritorno a Fossoli stazione per l inferno TAHAR BEN JELLOUN (segue dalla copertina) Ciò non rese loro in ogni caso la vita facile. Se ne andarono: nel 1898 a Carpi erano rimasti non più di trenta ebrei, e ciò portò alla chiusura della sinagoga nel Quando nel 1938 furono promulgate le leggi razziali sulla falsariga delle leggi tedesche del 1935 gli ebrei italiani furono presi apertamente di mira. Formavano l élite intellettuale, appartenevamo alla borghesia o a una classe media molto agiata. Per loro quelle leggi furono veramente inimmaginabili. Non pensavano affatto che un giorno sarebbero stati discriminati nel loro stesso Paese, scacciati dalle scuole, esclusi dai mezzi pubblici, umiliati pubblicamente dai fascisti. Attesero il peggio e il peggio arrivò. Il premio Nobel per la medicina del 1986 Rita Levi Montalcini, oggi centenaria, nel 1938 era scappata in Belgio. Il governo di Mussolini aprì alcuni campi di concentramento per ammassarvi l opposizione politica da una parte e gli ebrei dall altra. Ciò accadde proprio nei dintorni di Carpi, per la precisione a Fossoli, in aperta campagna. Agli ebrei furono destinate otto baracche, nelle quali furono rinchiuse intere famiglie. In ogni camerata c erano tra le centocinquanta e le centosessanta persone. Le condizioni di detenzione erano «più o meno corrette» raccontano oggi alcuni dei sopravvissuti, soprattutto se paragonate a quelle che avrebbero vissuto a Auschwitz o a Bergen-Belsen, dove il novantadue per cento dei prigionieri fu sterminato dai nazisti. Gli oppositori politici furono spediti a Mauthausen, in Austria. Primo Levi fu arrestato per motivi politici il 13 dicembre 1943 in Val d Aosta, ma nel suo interrogatorio confessò di essere anche ebreo. Fu spedito immediatamente nel campo di Fossoli dove rimase un mese nelle baracche riservate agli ebrei, per la precisione nella sesta. Poi, il 22 febbraio 1944, fu deportato ad Auschwitz. Nel suo libro Se questo è un uomo parla poco di Fossoli: «Ci caricarono sui torpedoni, e ci portarono alla stazione di Carpi. Qui ci attendeva il treno e la scorta per il viaggio. Qui ricevemmo i primi colpi e la cosa fu così nuova e insensata che non provammo dolore, nel corpo né nell anima. Soltanto uno stupore profondo: come si può percuotere un uomo senza collera?». La discrezione e il coraggio di Levi furono notati dai suoi compatrioti, come testimoniamo alcuni sopravvissuti. Egli aveva assistito all esecuzione di donne incinte e di anziani, perché in attesa della morte in ogni caso certa non erano risultati adatti a lavorare nei campi. Quell uomo ferito così profondamente si convinse che le parole non potessero bastare a reggere il peso di una simile tragedia. Il 12 luglio 1944 i nazisti uccisero nel campo di Fossoli settanta antifascisti, i cui nomi sono scritti sulle pareti del museo di Carpi. Il campo di Fossoli è diventato oggi un luogo della memoria. È visitato dalle scolaresche (fino a quarantamila studenti ogni anno), da stranieri, da storici, dai familiari di chi vi perse la vita. Una mostra permanente ricorda che cosa fu quel luogo, cosa fu quell epoca. È interessante vedere il primo numero della rivista fascista La difesa della razza, datato agosto 1938, un mese prima che entrassero in vigore le leggi razziali. Foto, testimonianze, disegni, modellini, tutto ciò che serve a rendere l idea di quello che accadde in quegli anni disgraziati è lì esposto. La sinagoga principale, situata all angolo tra la piazza dei Martiri e via Giulio Rovighi, è vuota. Funge da ufficio per la Fondazione dell ex-campo di Fossoli. Più lontano, il museo della memoria è situato di fronte alla più vecchia chiesa di Carpi, Santa Maria del Castello detta la Sagra. Sulle sue pareti sono incisi migliaia di nomi. Vi sono delle voci registrate, dei disegni su pietra, uno dei quali di Picasso, e un muro dipinto da Guttuso in ricordo delle Fosse Ardeatine, l esecuzione di 335 civili nella rappresaglia per l attentato del 23 marzo 1944 a Roma nel quale erano stati uccisi trentatré tedeschi. Le pareti del museo sono interamente ricoperte di brani di lettere scritte dai deportati: «Le porte si aprono ed ecco i nostri assassini. Sono vestiti di nero. Le loro mani sporche indossano guanti bianchi» (Esther); «Io muoio, ma vivrò» (Alekscin); «Se tu avessi visto, come io ho visto in questa prigione, ciò che fanno patire agli ebrei, rimpiangeresti di non averne salvati in numero maggiore» (Odoardo);«Sono fiero di meritare questa pena» (Pierre);«Che cosa può fare un uomo che si trova in prigione e che è minacciato di morte sicura? Eppure mi temono» (Sawa); «La mia bocca vi porterà sulle labbra mute» (Emile). E così Carpi mantiene viva la memoria delle vittime del fascismo e del nazismo. I suoi abitanti amano altresì ricordare che è una regione ricca, che non ha mai votato a destra e che coltiva le sue tradizioni culinarie, famose per il parmigiano e l aceto balsamico. C è un centro culturale molto attivo, e ogni anno si organizza un grande festival letterario, la Festa del racconto. Alcuni ricordano con umorismo che i genitori dell attore americano Ernest Borgnine sono di Carpi. Dicono: «Carpi ha regalato al cinema il più celebre interprete di ruoli secondari, spesso cattivo e crudele. Ma Ernesto Bordino (il suo vero nome) è un uomo così affascinante!». Traduzione di Anna Bissanti FOTO ARCHIVIO FONDAZIONE FOSSOLI

4 38 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 24 GENNAIO 2010 l attualità Sport e costume Centodieci anni fa, all esordio del Novecento, nasceva il prestigioso torneo di tennis per squadre nazionali La sua storia ci accompagna dai gesti bianchi dei gentlemen pionieri al circo tv degli atleti muscolari e sponsorizzati. E adesso c è chi propone di rivoluzionare il trofeo in nome del box office I MOSCHETTIERI FRANCESI Da sinistra, Cochet, Brugnon, Muhr, Lacoste e Borotra nel 1923; Panatta e Bertolucci nel 1976 in Cile; a destra, la foto della prima edizione con Whitman, Davis e Word Sangue blu e business la parabola della Davis GIANNI CLERICI Cos è la Davis Cup? Fisicamente una coppa di sei chili e centocinquanta grammi d argento, commissionata da Dwight Filley Davis, studente ad Harvard (Boston) ai gioiellieri Shreve Crump and Lowe, disegnata da Rowland Rose e realizzata dai cesellatori William Morton e Warren Peckman. Com è nata? In seguito a un viaggio in California, compiuto dallo stesso Davis in compagnia di Beals Wright, Malcolm Whitman e Holcombe Ward, i campioni della costa atlantica, nell intento di meglio conoscere, o addirittura affratellare, i club di tennis americani. Da quell iniziale proposito, in seguito ad una conversazione con il dottor James Dwight, padre della patria tennistica, il giovane Davis trasse l audacia per immaginare un match con la Gran Bretagna, il paese che gli anglosassoni, ignari delle origini rinascimentali, ritenevano avesse inventato il tennis: soprattutto grazie ad un copyright depositato a Londra dal maggiore Walter Clopton Wingfield nel In seguito al suggerimento del giovane Davis, James Dwight, allora presidente della Federazione americana, inviò ai parigrado britannici una lettera che ebbi occasione di leggere, nel cottage di Dwight jr: «La Lawn Tennis Association pensa che sia desiderabile, nell interesse del gioco, organizzare un match tra il Regno Unito e gli Stati Uniti d America». Erano talmente compresi dalla loro presunta invenzione, e insieme intrisi del loro complesso di superiorità, i britanni, che impiegarono tre anni per accettare con degnazione l invito americano. E non inviarono nemmeno al Longwood Tennis Club di Boston i loro migliori giocatori, i primi campioni della storia, i Fratelli Laurie e Reggy Doherty. I presuntuosi furono giustamente puniti, con un netto tre a zero, che avrebbe potuto addirittura tramutarsi in umiliante cinque a zero, non fosse giunto un temporale ad interrompere la terza giornata. Gli inglesi non affrontarono nemmeno la traversata l anno seguente, e si sarebbe dovuto attendere la riluttante adesione dei Fratelli Doherty perché portassero la Coppa a Londra, nel Di lì sarebbe iniziata una storia squisitamente anglosassone, in pratica limitata agli inglesi, agli americani e ad un paese inesistente, Dopo la Grande guerra si affacciò a sorpresa anche il Giappone, in finale nel 21 denominato Australasia, un team composto dall australiano sir Norman Brookes e dal neozelandese e grandissimo Tony Wilding, che tennero la Coppa dal 1909 al Ad imitazione della Americas Cup di vela, e forse di un suggerimento esoterico rintracciabile ne Il ramo d orodi Frazer, la struttura della Davis prevedeva che il detentore non partecipasse alle eliminatorie dell anno seguente, ma attendesse in casa la sfida (challenge) del vincitore di una prima fase, chiamata All Comers. A rendere la Coppa un tantino meno anglosassone si sarebbero via via inseriti i più ricchi e sportivi tra i paesi europei, e la Germania sarebbe giunta a minacciare gli australiani, in semifinale, proprio alla vigilia della guerra Terminata quella strage, che rapì tra gli altri il grandissimo Wilding, vincitore di ben quattro Wimbledon, giunsero ad affacciarsi molti paesi, tra i quali, sorprendentemente, il Giappone che raggiunse la finale del 1921 contro gli Stati Uniti. Era divenuta di fatto internazionale, la Davis, come ormai la si chiamava succintamente. E finì per uscire dalla gravitazione anglosassone con l irruzione della Francia, una straordinaria squadra formata dai Quattro Moschettieri, Cochet, Lacoste, Borotra e Brugnon. Capaci, I Moschettieri, di imporsi a Filadelfia, la città natale del grande Big Bill Tilden, considerato sin lì imbattibile. A Parigi, nei sotterranei della Banque Nationale, la Coppa sarebbe rimasta dal 27 al 31, sinché un nuovo fenomeno, il professionismo, non fosse giunto a privare, ogni anno, la nazione vincitrice di qualche tennista né nobile né facoltoso, come i campioni d inizio secolo. Con un ritardo certo comprensibile a chi si occupi di storia, anche i nostri si erano affacciati alla Coppa, nel Una squadra composta dal genovese Mino Balbi di Robecco e dal milanese Cesare Colombo venne sorteggiata contro un Giappone privo del grande Satoh, suicidatosi in mare per depressione tennistica. I giapponesi non affrontarono la traversata, e i nostri si ritrovarono in secondo turno contro gli ingiocabili britanni. L anno successivo vide l accesso in squadra di uno dei migliori italiani di tutti i tempi: italiano di passaporto, perché il Barone Uberto de Morpurgo, nato a Trieste, si professava cittadino dell impero austroungarico, e si rivolgeva in francese al suo partner Gaslini. Questa squadra, confortata dall altro singolarista De Stefani, primo nella storia a servirsi di due diritti, sarebbe giunta a superare due volte l Australia, e avrebbe addirittura affrontato gli americani nella semifinale di Parigi, dove si disputava il match di accesso al Challenge Round. Fu, quello del 1930, il nostro maggior successo sino al termine di un altra guerra mondiale, i cui vincitori non ci consentirono di ritornare in campo sino al 1948, addossando ai tennisti le colpe di Mussolini. Ma, in quegli anni e nei seguenti, una congiuntura tra ex-raccattapalle e signorini impoveriti issò il paese a ruoli di primo piano. Un giovane profugo dalla Tunisia, Nicola Pietrangeli, e un fiumano scacciato da Tito, Orlando Sirola, riuscirono addirittura a battere gli americani, in Australia, e ad accedere alla finale 1960, seguita da un altra, anch essa vana contro gli imbattibili aussies, l anno seguente. I loro nipotini, quattro piccolo borghesi, Panatta, Barazzutti, Bertolucci e Zugarelli, riuscirono a fare ancor meglio, conquistando ben quattro finali, tutte fuori casa, e la nostra unica vittoria. Fu, quel successo del 1976 a Santiago, complicatissimo per gli scoraggianti dissidi politici del Paese, ancor prima che per la non eccelsa qualità degli avversari. Il Partito comunista si oppose a lungo alla Dc e ai tennisti, il cui capitano, Pietrangeli, si comportò non meno coraggiosamente del numero uno Panatta, che si dichiarò pronto a li-

5 DOMENICA 24 GENNAIO 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 39 Quella coppa-mamma raddrizzava le storture di un gioco per uomini soli ADRIANO PANATTA Il regalo per la vittoria in Coppa Davis, a Santiago, mille e passa anni fa, fu addirittura doppio, e noi nemmeno ci eravamo abituati. Tre giorni di vacanza a Rio de Janeiro e un orologio. I giorni a Rio servirono a convincerci che nessuna formazione di tennisti italiani, adulti e ben allenati, avrebbe potuto battere una qualsiasi squadra di ragazzini fra i nove e gli undici anni reclutata sulla spiaggia. Ci facevano passare il pallone fra le orecchie Sull orologio, invece, sfoggiammo le nostre più recondite manie di grandezza. Scegliemmo, figurarsi, un Rolex d acciaio, con la scritta Davis 1976 sul retro. La federazione acconsentì, poi ce ne regalò un altro. Il Rolex, dissero, costava troppo. Ma andava bene così. Appartengo a una delle ultime generazioni di tennisti che ha avuto una Coppa per mamma. E di Coppa, va da sé, ce n è una sola. La Davis era al centro della preparazione e della programmazione annuale. Coppa, Roma, Parigi, per me. Coppa, Miami e Us Open per un americano E così via. Poi si giocava ovunque, certo, ma quelli erano gli obiettivi e su quelli si costruiva la carriera. Oggi è diverso, e non vi verrò di certo a dire che sia peggio. È diverso e basta. La Coppa si divide con altre esigenze, sconta quell individualismo un po ottuso che permea i nostri tempi. A noi faceva da contraltare, bilanciava con lo spirito di gruppo le storture di uno sport per uomini soli, ci faceva bene e ci apriva gli occhi. Avvertivamo che fosse giusto tenerla in gran conto, non solo per la bandiera, ma anche per noi stessi. Oggi questo non è venuto meno, ma altre esigenze si sono fatte avanti, prima fra tutte fare cassa. Così, c è chi vuole cambiarla la vecchia Davis. Un aggiustatina, certo, le farebbe bene, ma organizzarla come un Mondiale ogni due anni la condurrebbe a morte certa. Questa è l ultima proposta. Ma mi sono informato, anche fra gli addetti ai lavori ne parlano come della barzelletta di fine anno. Meglio così La Coppa crea ancora opportunità, e per molti paesi c è solo quella. Fosse solo per questo, meriterebbe di vivere in eterno. ALBUM Da sinistra, in senso orario, la premiazione del 1914; un incontro del 53; Jack Kramer con i reali inglesi; gli italiani nel 76; Kramer in famiglia Uberto de Morpurgo, barone, nato a Trieste, si professava cittadino austroungarico berarsi del passaporto italiano. Ma, alla fine, riuscimmo a partire nonostante lo scoraggiante atteggiamento di balilla rossi capaci di invadere gli uffici federali, o del cantautore Modugno, autore dello slogan «Non si giocano volé contro il boia Pinochet». Era, in quegli anni, giunto alla presidenza della Federtennis il romano Luigi Orsini, la cui proposta avrebbe mutato la struttura della Davis. Pareva infatti ingiusto, a Orsini e ai suoi sostenitori, che la squadra detentrice dovesse affrontare un solo incontro, e per di più in casa, contro un avversario che aveva dovuto superare quattro altri paesi. La proposta di Orsini venne approvata e, nel 1972, fummo costretti ad assistere all aspetto più preoccupante della Coppa, un rigurgito di sciovinismo di un pubblico ineducato al tennis, integrato da giudici di linea capaci di ben sedici chiamate dolose nel match della finale tra il rumeno Ion Tiriac e l americano Stan Smith, da quel giorno ribattezzato San Smith. Il nuovo formato non si limitò tuttavia all abolizione del Challenge Round. Dapprima si crearono tre ripartizioni geografiche, America, Europa e Asia, e nel 1981 si procedette all attuale divisione tra una Serie A di sedici squadre e una B le cui vincitrici si battono con le retrocedende dalla A. Oltre a ciò, una base variamente assortita che ammonta alle attuali centotrenta iscritte. È contro questo aspetto nazionalistico ed elefantiaco, del tutto opposto alla filosofia del gioco più individuale e internazionale, insieme al golf, che sembra apparentemente diretta l opposizione di Federer e Nadal, e del loro portavoce Djokovic. Rappresentanti, insieme a Ljubicic, di una Associazione (Atp) troppo a lungo maldiretta da dirigenti sciaguratamente eletti e strapagati dagli stessi tennisti. Hanno di recente suggerito, i giocatori, che la obsoleta Davis Cup venga sostituita da una sorta Dopo il match con il rumeno Ion Tiriac, l americano Stan Smith fu ribattezzato San di Campionato mondiale biennale, una competizione da svolgersi in un unica sede, tra trentadue paesi raggruppati in gironi, con i vincitori destinati a scontri diretti dagli ottavi di finale in poi. Simile semplificazione assumerebbe aspetti innovatori con la possibilità di sostituzioni tipo basket, tempi ridotti tra un punto e l altro, e tie-break accorciato a cinque punti. Sotto questa nuova pelle giovanile, si celano tuttavia ben altri interessi. Il calendario mondiale, imperniato sulle date in altri tempi accettabili dei quattro Grand Slam (Melbourne, Parigi, Wimbledon, Flushing Meadows), costringe oggi i pur ricchi tennisti ad un minimo di dodici tornei obbligatori, più la finale della Masters per i primi otto. I quattro ipotetici turni di Davis vanno a collocarsi in date disagevoli, prima di Indian Wells (11 marzo), subito dopo Wimbledon (9 luglio), la settimana seguente lo U.S. Open (17 Settembre) e, nell ultima settimana della stagione subito dopo il Masters (4 Dicembre). Alla indubbia fatica di simili collocazioni, va sommato un probabile mancato guadagno, poiché i compensi sono gestiti dalle Federazioni. È, a mio parere, soprattutto questa la svolta decisiva del problema. Pur avendo perduto il controllo del sindacato giocatori, le Federazioni sono rimaste proprietarie non solo dei quattro più grandi impianti, ma del copyright di Davis. I tennisti spingono per sottrarsi all obbligo di una gara faticosa e non redditizia. Schierate con loro appaiono le multinazionali produttrici dell abbigliamento, delle racchette, e di molte implicazioni televisive. Guarda caso, il nuovo direttore Atp, Adam Helfant, era sino a ieri un importante funzionario della Nike. Non si tratta ancora di guerra che, dice il proverbio, è fatta dall argent, dal denaro. E forse non ci si arriverà, se il bilancio economico pendesse a favore dei tennisti.

6 40 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 24 GENNAIO 2010 CULTURA* Il grande fotografo della Primavera di Praga alle prese con i campi, le colline e i resti industriali di una delle regioni più addomesticate dal lavoro dell uomo Scatti di tristezza o di speranza per il male e il bene fatti alla natura E un messaggio per il figlio nella dedica: Che ami la sua terra e la rispetti più di quanto non abbiano fatto le generazioni che l hanno preceduto TORINO. Lingotto, ex stabilimento Fiat, pista di collaudo vedere il Piemonte nudo. Non tanto per la nudità in sé, ma perché essa fa sembrare indifesi. Josef Koudelka dedica al Piemonte una raccolta di fotografie (Piemonte, Contrasto, 168 pagine, 82 foto, 45 euro) che spiazzano, perché raccontano di un paesaggio che immaginiamo e crediamo di conoscere bene montagne, colline, laghi, prati, pianure ma M imbarazza Il Koudelka del quale sottovalutiamo Piemonte l antropizzazione. La mano dell uomo disegna, cura, costruisce, ma spesso sfregia, devasta, ricopre, snatura per sempre. È questa mano comunque pesante, che i pie- di montesi hanno imposto sulla propria terra, la protagonista di un volume elegante ma essenziale, con ottantadue fotografie di un bianco e nero senza accenti, lancinante per il suo realismo. Koudelka non ha bisogno di presentazioni perché ha fatto la storia della fotografia, a partire dalla sua documentazione della Primavera di Praga, quando le truppe del Patto di Varsavia repressero il riformismo ceco e lui fu in grado di far trapelare il reportage attraverso la Cortina di ferro. Nel suo ultimo periodo, dopo aver collezionato premi di ogni tipo e rango, Koudelka ha focalizzato la sua attenzione sui paesaggi vuoti da uomini in carne ed ossa, ma a ben vedere pregni di presenza umana. Sono indeciso sul fatto se queste foto comunichino più malinconia e tristezza per l assenza, oppure speranza per una presenza che resiste anche se ingombrante e sregolata. Il Piemonte è nudo perché il paesaggio si fa imbrigliare dalle reti per la raccolta nei CARLO PETRINI frutteti vicino a Saluzzo, perché teli di plastica coprono la terra smossa dai lavori all Oval di Torino. È nudo nei tubi e nei reticoli che raccontano di tanti lavori di costruzione, momenti di passaggio che svestono la natura per vestirla di ciò che dovrebbe essere cultura. Ma il freddo cementificio ne è l emblema. Anche di fronte al paesaggio Paesaggio nudo con tracce umane TORINO. Piazza Carlo Alberto

7 DOMENICA 24 GENNAIO 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 41 IL LIBRO Si intitola Piemonte il libro di Josef Koudelka pubblicato da Contrasto e ora in libreria (con un testo di Giuseppe Culicchia, 168 pagine, 82 foto in bianco e nero, 45 euro). Nato nel 1938 in Cecoslovacchia, Koudelka nel 68 documenta l invasione di Praga. Le sue foto passano la frontiera di nascosto e Magnum le distribuisce anonime Verranno pubblicate con il suo nome solo nel 1984 TORINO. Dintorni di Porta Palatina più idilliaco, al prodigio della natura, si contrappone l opera dell uomo: la schiera del pioppeto sullo sfondo di un vecchio e rugoso albero solitario; la diga che imbriglia il torrente appena sceso tra rocce imponenti; quelle stesse rocce tagliate nette, come burro, in una cava. Anche il maestoso Belvedere delle Langhe, a La Morra, ha in primo piano la mappa che aiuta a leggerlo e dare nomi ai paesi. Non credo sia un caso che Koudelka l abbia ritratto offuscato da nuvole basse, una nebbia che fa perdere l orientamento tra i colli, che così diventano anonimi e indistinti. Il cedro dell Annunziata, cartolina perfetta sempre di La Morra, è tra la foschia in fondo: in primo piano una siepe alta e ordinata e la sbarra di un cancello. I luoghi più duri da raggiungere, più apparentemente incontaminati, contengono il bestiame, tracce di trattori, stradine precarie. C è una continua tensione tra ordine e disordine, tra il tentativo (vano?) di sistemare qualcosa che però già seguiva il suo sistema interiore, il suo perché, da millenni. Tracce della storia, tracce rivolte al futuro. Imbarazza questo sguardo, ma è un voyeurismo su ciò che è stato, che ha un utilità, una missione, alta o bassa che sia. Il primo impatto è di tristezza, o di rimpianto per ciò che si è perso e rovinato. Poi subentra il compiacimento per la capacità di costruire, di inventare, di caratterizzare, di sforzarsi in una convivenza che vorrebbe essere armonica anche se non sempre ci riesce. Infine emerge il monito, che non è una condanna: possiamo fare del bello e del funzionale, possiamo toccare con la nostra mano, a patto che sia leggera e intelligente. È ciò che dice Koudelka a suo figlio Nicola, che vive e studia a Torino, nelle uniche parole che l autore riserva per il libro: «Che ami la sua terra e la rispetti più di quanto non abbiano fatto le generazioni che l hanno preceduto». Ripeto, non è una condanna, perché Koudelka certo non fotografa soltanto il male che l uomo sa procurare ai suoi luoghi, ma restituisce piuttosto il distaccato racconto di una presenza, che pur ha avuto meriti, compiuto imprese, reso importante una terra. Una presenza di passaggio: «In Piemonte come altrove non interpretiamo altro che la parte degli ospiti», ricorda giustamente Giuseppe Culicchia nello scritto che fa da introduzione al libro. E siamo ospiti in una terra fortunata, perché di confine, e molto diversa al suo interno, dove manca soltanto il mare. Perseverare nell imparare a rispettarla è il nostro compito, conservarla, celebrarla. Forse presi dal viverla non riusciamo a vedere le cose come Koudelka: se guardiamo il Belvedere quello vediamo, se guardiamo il vecchio albero o il cedro dell Annunziata non scorgiamo altro. È un po il contrario del vecchio adagio: guardiamo la luna e ne restiamo affascinati, ma non vediamo di che pasta è fatto il dito che la indica. Perché quello, forse, potrebbe essere imbarazzante. FOTO DI JOSEF KOUDELKA/MAGNUM/CONTRASTO LA MORRA. Vigne e vigneti ROBILANTE. Cementificio

8 42 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 24 GENNAIO 2010 SPETTACOLI Nel gennaio 1980 usciva il primo film dell attore e regista romano. Da quell opera fino a Io, loro e Lara, adesso nelle sale, ha catturato tic, difetti e mutazioni degli italiani in una memorabile galleria di personaggi. Siamo andati a trovarlo per ripercorrere assieme tre decenni: Gli Ottanta sono stati la fine dell utopia I Novanta quelli del grande imbroglio. E ora siamo alla resa dei conti Tutto iniziò trent anni fa con gli schiaffi di Leone LEO L ingenuo e goffo ragazzo trasteverino che in Un sacco bello si imbatte nella turista spagnola Marisol ENZO Jeans attillati, camicia aperta sul petto, ciondolo al collo, in Un sacco bello è il coatto in partenza per la Polonia RUGGERO Hippie alla romana, praticante dell amore libero In Un sacco bello, il padre cerca di riportarlo sulla retta via con Don Alfio DON ALFIO Tenta di convincere l hippie Ruggero a tornare alla normalità. Ma le sue troppe divagazioni non ottengono il risultato CURZIO MALTESE ROMA La casa di Carlo Verdone è dove te l immagini, sulla salita per il Gianicolo, con un imperiale vista su Roma, ma non come l immagini. «Sembra la casa di un critico rock, vero?», anticipa l ospite. I ricordi di trent anni di cinema e sessanta di vita, vissuta da prima e sempre nel mondo del cinema, sono sommersi dal magazzino di cimeli pop, chitarre, bacchette (Verdone è un batterista di valore), album in vinile con dediche degli Who e dei Led Zeppelin, poster di Jimi Hendrix. La raccolta completa dei Walker Brothers, il suo culto personale, una meteora negli anni Sessanta, un trio dallo stile londinese, salvo che non erano di Londra, non erano fratelli e non si chiamano Walker. Ma il più sconvolgente di tutti è appeso alla parete davanti all ingresso: un quadro cupo e potente. Ed è davvero quello. «È il primo quadro dipinto da Yoko Ono a quarantotto ore dall assassinio di John Lennon. Sono le parole di Imagine spezzate da nuvole grigie. Ho smosso mezzo mondo per averlo». Ogni generazione conserva nella memoria il suo tragico fermo immagine. Dov era, cosa faceva quando hanno ucciso i Kennedy o l 11 settembre. Chi è nato nel 1950 come Carlo Verdone non può dimenticare la notizia della morte di Lennon. Tanto più viste le circostanze. «È stato Sergio Leone a darmela. Ero all ultimo giorno di montaggio di Bianco, rosso e Verdone. Entrò maestoso come sempre e mi disse: Mi sa che hai perso un idolo. Rimasi agghiacciato, non so per quanto tempo, a contemplare la fine della mia giovinezza. Poi arrivò Ennio Morricone che voleva festeggiare la fine del film. Mi scattò lui questa foto con Sergio Leone, dove mi sforzo di essere allegro». È paradossale che il magico 1980 di Carlo Verdone, l anno dell esordio travolgente con Un sacco bello, sia celebrato nella sua casa soprattutto da quel triste ricordo. «Eppure è andata così. L inizio dell avventura nel cinema coincise con la fine di un avventura ancora più bella, gli anni Sessanta e Settanta. I più belli della storia d Italia, di sicuro i miei, di quando ero felice e sconosciuto. Gli anni dell amicizia, delle gite in Vespa alla spiaggia di Anzio, delle sere al cineclub e delle notti poi volate a parlare di Buñuel o De Sica, Fritz Lang e Dreyer, gli anni degli studi al centro sperimentale, della bella politica. In fondo a un infanzia trascorsa, grazie a mio padre, in mezzo a personaggi straordinari, da Federico Fellini a Pier Paolo Pasolini, passando per Monicelli, Germi, Lattuada e tanti altri. Quel giorno di dicembre del 1980, mentre tutti volevano festeggiare il successo, io avevo capito che quell epoca era finita per sempre. Massì, sono un malinconico di natura e si vede anche nei miei film più comici. La verità è che non capivo cosa stava accadendo. Fu tutto troppo veloce. Ero uscito dal centro sperimentale deciso a fare il regista di documentari. Una via di mezzo fra le avanguardie underground di Warhol e Julian Beck e il cinema politico. Per passare il tempo e divertire gli amici, ogni tanto facevo qualche spettacolino comico al teatro Alberichino, roba di quaranta posti, scomodi. Ma un giorno sono arrivati Enzo Trapani e Bruno Voglino, un geniale capostruttura Rai, e così mi sono ritrovato a fare il comico a No Stop. In meno di un anno ero sul set, con Sergio Leone, a girare Un sacco bello. Un sogno, una follia». Con Un sacco bello nasce una galleria di personaggi che ci accompagnerà per trent anni. Un cinema umile, intelligente, generoso che ha raccontato l Italia reale meglio forse di qualunque altro. Da dove prendeva l ispirazione? «Mi guardavo intorno e imitavo senza forzature. La realtà era già abbastanza caricaturale. Il mammone che ospita la spagnola era un mio amico del cortile. Il viaggio in Polonia per rimorchiare ragazze l avevo fatto davvero, a Breslavia, in un ostello della gioventù dove gli unici stranieri erano italiani. Perfino la Fiat Dino nera targata Viterbo era la stessa di un playboy da ostello incontrato laggiù. Quanto alla regia, mi ha insegnato tutto Sergio Leone». Le interviste a Carlo Verdone andrebbero filmate. Uno spettacolo. Si alza, vaga per la stanza, assume la voce e i gesti dei personaggi citati e dopo un po sei immerso in una folla. Una delle sue imitazioni formidabili è Sergio Leone. Il primo colloquio fu catastrofico. «Qual è il mio film che ti piace di più?», chiede il maestro. E lui: «Il buono, il brutto e il cattivo». «Sei proprio un burino». «Leone interpellò mezzo cinema, dalla Wertmüller a Steno, poi decise: Lo giri tu. Mi disse di dimenticare quello che avevo imparato al centro sperimentale e di andare ogni giorno a lezione da lui, dalle 10 alle 18. Lo feci per sei mesi. Era durissimo. Mi menò due volte. Uno schiaffo in pieno viso perché non avevo fatto il giro di corsa dell isolato che mi aveva chiesto per farmi venire l affanno in una scena. Si era appostato alla finestra per controllare. E poi un calcio violento nel sedere perché avevo rimontato un primo piano secondo lui tagliato male. Ma naturalmente fu anche un maestro formidabile». Un sacco bello diventa un fenomeno d incassi e di costume. L avvio di una nuova stagione della commedia. «Allora non me ne resi conto. Pensavo di aver vinto una lotteria e basta. Non andai mai a vederlo in sala, mi vergognavo. Non capivo nemmeno perché la gente ridesse tanto. I grandi sì. Tullio Kezich, Ermanno Olmi, Oreste Del Buono. Beniamino Placido, per esempio, disse: Ma ti rendi conto che hai fatto una rivoluzione?». A distanza di tanti anni, se ne rende conto? «Era una miscela giusta, fra qualcosa di riconoscibile e di nuovo. Da una parte il carattere perenne italiano, quello che meglio di tutti ha descritto Ennio Flaiano e che era al centro della commedia all italiana. Dall altra i mutamenti antropologici dell italiano medio al principio degli Ottanta». Il trionfo di Un sacco bello è anche un boomerang. Spiana la strada al successo di una nuova generazione della commedia, da Massimo Troisi a Roberto Benigni a Francesco Nuti. E Verdone finisce un po nell ombra. «Bianco, rosso e Verdone non incassò altrettanto. Se ne andarono tutti, Sergio Leone, la Medusa, rimasi solo. Per un paio di mesi pensai seriamente di rispolverare la laurea e mettermi a fare documentari. Ma un giorno mi MEMORABILIA Il copione aperto sulla prima scena di Un sacco bello; il David di Donatello vinto e la foto di Carlo Verdone con Sergio Leone alla fine delle riprese di Bianco, rosso e Verdone nel 1980

9 DOMENICA 24 GENNAIO 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 43 FURIO Metodico, ansiogeno, esaspera la moglie Magda prima e durante il viaggio in Bianco, rosso e Verdone PASQUALE È l emigrato in Germania che in Bianco, rosso e Verdone si mette in viaggio verso il paese natale per votare MIMMO Bambinone inesperto che viaggia con l anziana e saggia nonna (la Sora Lella) in Bianco, rosso e Verdone IVANO Lo famo strano? è il suo richiamo d amore indirizzato a Claudia Gerini in Viaggi di nozze chiamò Mario Cecchi Gori. S era innamorato di un personaggio del film, l immigrato che torna in Italia per il voto. Ne uscì Borotalco, il film che ha avuto più riconoscimenti, cinque David, le lodi della critica. Ma per me, soprattutto, l apprezzamento di mio padre, Mario. Ero passato da virtuosista ad autore, per raccontare un Italia che stava cambiando, sempre più prigioniera del mito dell immagine». Torniamo un po al rapporto con la sua generazione, Troisi, Benigni, Nanni Moretti. «Stima, am- mi- razione, affetto e anche, perché no, un pizzico d invidia. A me la critica non mi ha mai preso tanto sul serio. Forse c entra anche la politica. Io non andavo alle feste dell Unità, non ero considerato uno impegnato, un riferimento. Insomma, a un mio film la stelletta Repubblica non l ha mai data». Eppure è Verdone a inaugurare la comicità di sinistra, un modo di guardare con sarcasmo un po moralista e non con compiacimento ai vizi nazionali. L erede eversore di Alberto Sordi. «Sordi l ho conosciuto proprio nel momento più difficile, quando mi propose di girare In viaggio con papà. Mi considerava davvero un figlioccio e mi sequestrava per giorni, raccontandomi tutta la sua incredibile vita. Un genio, si capisce. È stato rivoluzionario quando menava le vecchiette e faceva il compagnuccio della parrocchietta. Ma anche un gran reazionario. Un giorno Marcello Veneziani scrisse che era stato il peggior educatore degli italiani. Ma chi è sto comunistaccio? urlò lui. Quando gli spiegai che veniva dall Msi, ci rimase malissimo. Anche con lui sbagliai la domanda sul film migliore. Per me era I vitelloni. Sordi protestava che Fellini era un falso mito, un grande imbroglione». Ora Verdone si alza dalla poltrona, dov era Sordi, e diventa Fellini. «Prima di capire chi fosse, da bambino Fellini era lo zio Federico, il più formidabile narratore di storie di provincia che abbia mai conosciuto». Quanto ha contato quell infanzia passata all ombra dei grandi, tutti amici di quella magnifica figura intellettuale che è stata Mario Verdone? «È quello che più manca nell Italia di oggi. Grandi figure di artisti, sostenuti da una forte visione etica. Perché è l etica, l ho imparato da loro, che ti fa guardare avanti. Il berlusconismo c è già tutto in Ginger e Fred di Fellini, scritto venticinque anni fa. L Italia televisiva degli anni Ottanta era stata prevista e paventata da Pasolini. Era importante per me, perché il lavoro del comico ha una natura cinica, ti spinge a ridere di qualcosa di cui dovresti vergognarti. I miei amici francesi non capiscono il culto di Alberto Sordi: come fate, dicono, ad amare uno che vi rappresenta come mostri?». Gli chiedo quale di questi decenni è stato il più difficile da raccontare. «Gli Ottanta sono stati la vera svolta, la fine dell utopia. Borotalco e Compagni di scuola sono i film dove ho cercato di raccontare un Italia di bugie, cinismo e solitudine. A un tempo edonista e lugubre. Come la politica che ha espresso, nella miseria del rampantismo. In Compagni di scuola c è per la prima volta un politico, Ghini, che sniffa cocaina in bagno. Ma la figura più patetica e significativa è quella di Christian De Sica, il cantante senza talento e senza successo che supplica una raccomandazione o almeno un prestito. Gli anni Novanta sono quelli del grande imbroglio, degli hedge found. Dei mitomani che diventano leader, come il Gallo Cedrone, che vuole trasformare Roma in una Los Angeles con i lungotevere a sei corsie. Anni fragili, dove tutti vanno in analisi. Questi sono gli anni della resa finale all assurdo. Ma anche, mi piace pensarlo, della fine del tunnel. Il punto più basso l abbiamo toccato e non si può che risalire. Sta tornando, in maniera magari caotica, la voglia di partecipare. Quando vedo mio figlio con gli amici a discutere di futuro, quando giro l Italia per presentare un film e incrocio tante storie straordinarie, dopo tanti anni mi torna un po di ottimismo».

10 44 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 24 GENNAIO 2010 i sapori Armonie di opposti Dalle antiche ricette da alchimisti che mettevano insieme distillati e bacche ai Bellini, Cosmopolitan e Piñacolada, passando attraverso la tradizione universale dall acquavite Il binomio tra pere, mele, noci, prugne e alta gradazione accompagna da sempre l uomo. Come testimonieranno i maestri dell alambicco il prossimo weekend Sangria Frutta, alcol e zucchero sono alla base della bevanda spagnola più festaiola. Oltre al vino rosso (color sangue, sangre in spagnolo), cannella, chiodi di garofano, frutta e, volendo, brandy Slivovitz La tradizionale acquavite serba, sorellina della balcanica rakija e del britannico old plum brandy, è un distillato ricavato dalle prugne Gusto abboccato e robusto, si beve liscio e a temperatura ambiente Sotto spirito La golosità della frutta spiritosa ha come base una leggera sbollentatura in acqua. Una volta scolata e messa in vaso, si riempie di metà acqua zuccherata e metà alcol puro. Due mesi di riposo prima del consumo Distillato Frutta matura pressata, fermentata grazie ai lieviti e distillata nell alambicco tradizionale discontinuo Il kirsch (acquavite alla ciliegia) prevede l utilizzo anche di parte dei noccioli Frutta Se lo spirito & tenta il corpo alcol l appuntamento Festa grande a Percoto, Udine, il prossimo fine settimana, in occasione del trentacinquesimo Premio Nonino La famiglia che ha riscattato l acquavite dai piani bassi della qualità alcolica e introdotto in Italia la cultura dei distillati di frutta, accoglierà un migliaio di ospiti celebrando i premiati, sotto la regia di Ermanno Olmi, con il nuovissimo distillato di frutti e bacche dei boschi di Carnia LICIA GRANELLO con Angelo Solci il distillato di uva malvasia rosa di Vittorio Capovilla. È sbalordito. Lo vedo impallidire. O vita mia. Sprezza anche lui, come Jacopone da Todi, la vita celeste de l odorifera rosa?». Luigi Veronelli non era uomo da «Assaggio commenti banali. L emozione sua e dell amico Solci storico enotecaro milanese davanti al gioiello di uno dei grandi mastri distillatori italiani regala brividi alcolici. Perché magico è l incontro tra alcol e frutta, purché guidato da mani sapienti. Se è vero che i superalcolici fruttaioli sanno inebriare, la prima corrispondenza di amorosi sensi tra due ingredienti tanto diversi da sembrare inconciliabili si realizza molti gradi più in basso e attraversa l intero panorama gastronomico. Da dove cominciare, Bellini o sangria, pere al vino rosso o marroni al rum, fragole&champagne o pesche al rosolio? In realtà, ogni volta che la frutta non basta, quando occorre irrobustire e corroborare, aggiungere personalità e forza, sensualità e trasgressione, l alcol si presenta come il serpente tentatore. I verbi della contaminazione danno il senso della resa: la frutta viene profumata, macerata, avvolta, immersa, ricoperta, cotta, pressata, disciolta e poi lasciata riposare prima di finire in piattini, tazze e bicchieri. Esistono frutti a cui la manipolazione alcolica regala una passerella altrimenti impraticabile: pere martin sec, graffioni, mele e pere cotogne, a cui aggiungere gran parte della cosiddetta frutta dimenticata (giuggiole, azzeruoli, nespole, corniole, uva spina ). Così, non c è banco-bar senza ciliegie candite e fettine d arancia, rondelle di mela e succo di limone. Guai al pasticciere che non tiene a portata di mano kirsch e cointreau o che scorda di battezzare il monte bianco con il rum. Quanto agli chef, agrodolci e brasati difficilmente prescindono da frutta (fresca o secca) e alcol. Ma la lavorazione più rigorosa, delicata, speciale, è quella dedicata alla fusione tra alcol puro e frutta, ottenuta grazie alla tecnica della distillazione. Fino a trent anni fa, i segreti di questa alchimia erano tutti nelle mani di distillatori tedeschi e austriaci, fieri dei loro tipi di acquavite di bacche e frutti di bosco, mentre qui non si andava al di là della grappa. Gli sforzi dei migliori artigiani italiani arrivarono a compimento il 27 novembre 1984 quando, grazie alla pervicacia di Giannola Nonino, un decreto ministeriale sancì l autorizzazione a produrre acquavite d uva (che i Nonino chiamarono ÙE, uva in dialetto friulano). Se avete la vocazione dei distillatori, comprate una delle 435mila reticelle di arance rosse che sabato i volontari dell Associazione per la ricerca sul cancro venderanno nelle piazze. Prendete un vaso dalla bocca larga, sospendete un arancia a pochi millimetri dalla superficie di mezzo litro d alcol da dolci e chiudete ermeticamente. Una settimana più tardi, mescolate l alcol aromatizzato con uno sciroppo di zucchero e godetevi il profumo del sole di Sicilia a piccoli sorsi. Con il resto delle arance, fate spremute per tenere lontana influenza e sensi di colpa.

11 DOMENICA 24 GENNAIO 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 45 itinerari Mattia Pastori, barman dell Hotel Park Hyatt a due passi dal Duomo di Milano, è fresco vincitore del concorso Wirspa con il cocktail Carribean Sun. Tra gli ingredienti, oltre al rum, frutto della passione, ananas e lime San Vigilio (Bz) Le Dolomiti abbracciano l incantato borgo adagiato in Val Marebbe, tra boschi e malghe, dove Enrico Willeit distilla mele, frutti di bosco e bacche raccolte in alta quota DOVE DORMIRE HOTEL OLYMPIA (con cucina) Strada Valiares 40 Tel Mezza pensione da 78 euro a persona DOVE MANGIARE OSTARIA PLAZORES (con camere) Strada Plazores 20 Tel Chiuso lunedì, menù da 25 euro Cesenatico (Fc) L Emilia Romagna è terra benedetta per le ciliegie. In un antica pasticceria artigianale della riviera romagnola, si perpetua la tradizione dei golosi boeri DOVE DORMIRE GATTI DI MARE Via Cremona 23 Tel Camera doppia da 60 euro, colazione inclusa DOVE MANGIARE OSTERIA DEL GRILLO Via Fiorentini 94 Tel Chiuso mercoledì, menù da 25 euro Ercolano (Na) Tra Costiera e Parco Nazionale del Vesuvio, la frutta gode di terreno fertilissimo e microclima straordinario. Noci e limoni vengono trasformati in liquori squisiti DOVE DORMIRE IL CRATERE B&B Via San Vito 140 Tel Camera doppia da 70 euro, colazione inclusa DOVE MANGIARE E CURTI Via Padre Michele Abete 6, Sant Anastasia Tel Chiuso la domenica, menù da 25 euro DOVE COMPRARE MASO CIANORÈ Strada Cianorè 1, Pieve di Marebbe Tel DOVE COMPRARE DALBA Via Adriatica 15 Tel DOVE COMPRARE ENOTECA CAROTENUTO Via Madonnelle 9/11 Tel Punch La versione elegante del grog prevede cinque ingredienti (da cui il nome, di derivazione hindi): tè, zucchero, cannella, limone e acquavite o rum arricchiti da frutta secca o passa e buccia d arancia Grappa alla Williams La bottiglia vuota viene infilata sul frutto appena sviluppato, fissata al ramo con il collo rivolto a terra Quando la pera è giunta a maturazione, si stacca dall albero e si riempie la bottiglia di grappa Boeri I cioccolatini dalla carta rossa come la divisa boera (seicentesca colonia olandese in Sudafrica) I frutti sotto spirito vengono immersi prima nella glassa di zucchero e poi nel cioccolato fondente fuso Ciliegie da tinello per ospiti mai visti Fruttasotto alcol. L immagine che viene è gozzanian-gargantuesca, da signorina Felicita che si accoppia con Pantagruel. Un immagine morotea: da Aldo Moro ( ), politico e statista di talento democristiano, capace di formule ardite che sfidano la logica, annunciano un paradosso e certificano la realtà. L immagine è quella delle convergenze parallele. Non tanto tra frutta e alcol, che stanno bene insieme, quanto fra zia Romilda e Sias, che insieme non sono immaginabili. Zia Romilda era esile e caparbia, l ostinazione fatta esistenza, voce educata e cristallina, una gran capote di capelli bianchi raccolti in un largo chignon, indossava grembiuli scuri, calze di lana grezza al ginocchio o collant, sempre al ginocchio e mocassini. Era l incarnazione della vecchiaia: vecchia a quarant anni, è rimasta vecchia fino a ottantanove. Aveva due specialità, che faceva con le sue manine. Sias è sempre stato grosso. A quindici anni era il più grosso di tutti. A trenta, non parliamone. Oggi, che ne ha cinquanta, è grosso al cubo. Sias viene da Ezio, Eziaccio, poi girato in dialetto. Simpatico, di buon colorito, con la voce emetteva tuoni non parole. Pochi capelli, ma molto in disordine. Magliette e camiciotti anche d inverno. Uno che ha sempre mangiato due piatti di tutto; d insalata, tre. Anche lui aveva due specialità, che faceva con le sue manone. Sono loro le mie convergenze parallele. Convergono parallelamente sulla frutta sotto alcol. La specialità di zia Romilda erano le amarene al cherry ton GIAN LUCA FAVETTO sur ton, gusto su gusto i mirtilli alla grappa e i datteri al rum. Preparava tutto da sola. Mentre lo faceva, era inavvicinabile. Conservava il frutto del suo lavoro nella credenza della sala, in bottiglie di foggia ricercata che sembravano ricamate. Non l offriva mai a nessuno: era sempre per un altra occasione. Bisognava rubarlo. Da ragazzi, il sapore ci faceva schifo: ma vuoi mettere l ebbrezza del furto? Bevevamo sorsate, più che masticare mirtilli, e poi rimboccavamo con acqua e zucchero, una volta anche con un resto di birra. Quando è morta, ha lasciato in eredità una mezza dozzina di bottiglie. Piene. Una è ancora lì. La specialità di Sias, invece, era qualunque cosa con l alcol: albicocche, ciliegie, uva. Soprattutto, castagne alla Vecchia Romagna. Sapeva far lui, garantiva, ed era piuttosto veloce. In un pomeriggio, con i suoi al lavoro, era tutto fatto. Le metteva in una latta con coperchio e dopo una settimana erano già buone, diceva. Tendevamo a dar ragione a Sias e mandavamo giù senza masticare, a golate. Il suo motto era: tieni alto lo spirito, bocia. Bocia, nel senso di ragazzo e, spirito, nel senso di alcol. Lo diceva in dialetto. E noi in dialetto bevevamo. Per completezza. La seconda specialità di Sias era annodare gambe e braccia dei gagni che si mettevano contro di lui. La seconda specialità di zia Romilda era tirare il collo alle galline: ancora meglio, tagliare loro la lingua e lasciarle dissanguare appese per le zampe. Diceva venissero più buone. Cocktail Dal Cosmopolitan, a cui il succo di mirtilli selvatici regala il classico colore rosa pallido, alla Piñacolada (base ananas e latte di cocco), i barman celebrano la frutta nelle loro creazioni alcoliche Calvados La celebre acquavite di mele nata in Normandia e invecchiata nelle botti di quercia è il prodotto della distillazione del sidro, ottenuto dai frutti fermentati. È diffuso tra Francia, Inghilterra e Paesi Baschi Limoncello Limoni rigorosamente bio per il liquore della Costiera Amalfitana. Alle scorze, affettate sottili e senza il bianco, dopo due settimane di infusione in alcol, si aggiunge sciroppo di zucchero Filtratura finale

12 46 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 24 GENNAIO 2010 le tendenze Stratagemmi Sei sarebbero le silhouette a cui ricondurre le tipologie del corpo femminile. Mediterranea tutte curve, petite ovvero Venere tascabile, a pera, Olivia, androgina e compatta. La moda prêt-à-porter offre a ognuna una gamma di proposte per valorizzare al meglio le forme Perché l abito giusto, spesso, può fare miracoli Una, nessuna e centomila a ciascuna il suo stile GLOSSARIO Androgina Il tipo magro con seno piatto e spalle larghe A mela Tipi appesantiti e con pancetta A pera Il tipo dal fondoschiena ingombrante Stangona Il tipo lungo e asciutto Petite Il tipo piccolo e agile Tutta curve Con seno abbondante IRENE MARIA SCALISE moda passa lo stile resta», ammoniva lapidaria Coco Chanel. Ma le donne, che pure Mademoiselle la adoravano, non hanno mai fatto tesoro dell insegnamento. A ogni cambio di stagione affrontano con eccesso di disinvoltura lo scollamento tra aspirazione e «La realtà. Strizzate dentro vestiti pensati per le magrissime, anche se la bilancia scricchiola, o innalzate su tacchi vertiginosi, pur se l altezza è da giocatrici di pallacanestro, le ragazze di ogni taglia s interrogano su cosa osare ogni volta che incontrano uno specchio. Ma il più delle volte sfidano a testa alta ogni logica. E così il rapporto tra le donne e la moda è burrascoso, contraddittorio e in certi momenti esaltante. Secondo un ingeneroso Oscar Wilde: «La moda è una forma di bruttezza cosi intollerabile che siamo costretti a cambiarla ogni sei mesi». Complice anche la crisi economica, il vorticoso valzer degli abiti ha però subìto un rallentamento. Se prima si compravano tre stivali adesso si riflette anche sul singolo paio. Se una gonna lascia perplessi, in attesa di congiunture più favorevoli si posticipa la decisione. Ma quante sono le tipologie fisiche femminili? Sembrano riconducibili a sei silhouette, e le aziende, da Simona Barbieri e Celin B sino a Pinko e Liu Jo, offrono soluzioni per tutte. La mediterranea, o tutta curve, dovrà valorizzare le forme con abiti attillati invece d ingolfarsi in camuffamenti a sacco. Il tipo petite, la Venere tascabile, è minuta e magra e potrà giocare con i tacchi per conquistare i centimetri mancanti. Da evitare i cappotti lunghi. Meglio le giacche corte che slanciano la figura. Per la donna a pera, quella dal fondoschiena un po ingombrante, l importante è spostare l attenzione sulla parte alta del corpo. Maglie a righe, camicie bianche, tutto è lecito pur di distogliere lo sguardo da quell ostile circonferenza sotto il punto vita. Problemi opposti, ovvero la totale mancanza di forme, sono la consuetudine per la donna troppo lunga e magra. Un eterna Olivia che dovrà cercare di creare delle curve illusorie. Per lei è consigliato sovrapporre strati di tessuti e aggiungere volant e pieghe. C è poi la figura androgina, simile a quella di un ragazzo: spalle larghe, seno piatto e gambe magre. Un fisico piuttosto fascinoso, se esaltato da pantaloni maschili, camicie e gilet che ricordano la meravigliosa Diane Keaton di Io e Annie. Ultima tipologia femminile, decisamente poco fortunata, è quella appesantita e compatta. Una donna a tutto tondo che può tentare di allungarsi con sapienti scollature a V e, comunque, dovrà attingere tra i colori più scuri del guardaroba per un risultato snellente. Perché la moda, se ben gestita, può fare miracoli. LE FORME tutta curve l androgina la petite LUI JO Per sdrammatizzare qualche centimetro in più ecco la t-shirt Liu Jo con fumetto di Mafalda DIOR Orecchini Milly Carnivora, per la nuova collezione firmata Dior Joaillerie CHIARA BONI Sarebbe piaciuto alle formose star anni Cinquanta il vestito a drappeggi di Chiara Boni PIANURA Camicia di Pianura a mini quadretti ingentilita dal collo bianco che smorza lievemente le forme ROSSETTI Scamosciata, punta in vernice e senza tacco, la scarpa dei Fratelli Rossetti NOLITA Elegante e divertente il pantalone Nolita nero con le pence È un capo-jolly COCCINELLE Pochette verde stampa cocco con fiocchetto di Coccinelle Must di eleganza JUCCA Per le Veneri tascabili non può mancare il vestitino nero anni Trenta a balze di Jucca FORNARINA Mini gonna per ragazze non altissime. Questa è di Fornarina a disegni cachemire

13 DOMENICA 24 GENNAIO 2010 LA DOMENICA DI REPUBBLICA 47 Simona Barbieri / Twin-Set Il mio guardaroba evergreen disegnato dalla parte delle donne LAURA ASNAGHI Il twin-set è uno dei capi che non può mancare in un guardaroba iperfemminile, che profuma di donna. Ed è forse per questo che Simona Barbieri (lei creativa) e Tiziano Sgarbi (lui la mente economica) hanno scelto questo nome, quando, negli anni Novanta, hanno dato vita al loro marchio di moda, partendo dalla maglieria. Twin-Set è cresciuto rapidamente e oggi è un po il simbolo della griffe che rispetta il corpo delle donne, non le costringe a diete ferree per entrare in un abito e le fa belle, esaltando anche le rotondità e camuffando abilmente i punti deboli. Simona Barbieri, lei è una stilista che disegna «stando dalla parte delle donne». Quali sono i segreti per fare collezioni molto fashion ma, allo stesso tempo, «tutte da mettere»? «Quando disegno un abito penso a una donna come me. Che lavora ma è anche madre, che è curiosa, gira il mondo e vuole sempre essere molto femminile». Un gioco non facile da reggere. «Vero. Ma se chi crea è una donna, tutto diventa più semplice. Il cardigan con l abito sottoveste è uno dei miei must. Sta bene a tutte, magre e rotondette, piccole e alte, discrete o esibizioniste. Questo abbinamento ha la fortuna di essere sexy e grintoso, senza sfiancarti». Lei è una fan di Chanel. Nel suo studio ci sono molte immagini dei dettagli creati da Mademoiselle Coco : dai fiori al gioco dei bianchi e neri, dalle catene ai ricami. Elementi ricorrenti nelle sue collezioni. «Vero. Io sono convinta che in un guardaroba femminile non possa mai mancare una catena dorata da usare come cintura o collana, un tubino leggermente svasato sui fianchi o un abito con un bel decolté che cattura subito l attenzione dei maschi. Perché è vero che le donne vogliono, innanzitutto, piacere a se stesse ma non dimentichiamo che vogliono anche fare colpo sugli uomini». Quali sono, secondo lei, i pezzi che non possono mancare in un guardaroba evergreen? «Ai capi indicati prima vanno aggiunti un cappotto sartoriale, tagliato a trapezio, perfetto per le occasioni importanti, i pantaloni skinny, quelli super sottili (in alternativa ai leggings delle ragazzine) e le canotte da vogatore veneziano, quelle a righe, molto care a Chanel. Quelle canotte possono essere veramente eleganti con una gonna stretta o molto sportive con un paio di jeans tagliati alla perfezione». Le donne, a differenza degli stilisti maschi, hanno una marcia in più. Qual è? «Noi il corpo femminile lo conosciamo bene, non abbiamo bisogno di chiedere ad altri com è. E quando disegniamo una collezione sappiamo fino a dove spingerci per uno spacco, una scollatura. Siamo più abili nell usare i pizzi vedo non vedo, abbiamo più malizia nel creare un giro vita magari più morbido per tollerare meglio qualche peccato di gola a tavola». Simona Barbieri, lei, quando crea a chi si ispira? «Io sono una viaggiatrice accanita. E per ogni città che frequento, da Parigi a Londra piuttosto che a Los Angeles, mi attrezzo con i miei quaderni foderati di cuoio. Annoto tutto quello che mi piace. Un manifesto sorprendente, una vetrina speciale, il modo in cui una donna porta una borsa, un fiore, un colore. Raccolgo tutto e poi quello diventa il mio libro dei sogni da cui ricavo idee per vestire la mia donna». la stangona a mela a pera BRACCIALINI Sembra pensata per la donna alta la borsa in stile gitano di Braccialini FURLA Ballerina in colore rosa adatta anche per l'abito da gran sera di Furla Piacerà a tutte MISS SIXTY Per chi ha gambe chilometriche e troppo magre c'è il jeans a tubo secondo Miss Sixty REFRIGIWEAR Un sobrio cappotto come quello Refrigiwear ideale per assottigliare la figura LOUIS VUITTON Se il punto debole sono le braccia in carne, il guanto Louis Vuitton smagrisce e allunga TWIN-SET Per chi preferisce agire in incognito l'abito di Twin-Set nasconde ogni imperfezione PINKO Copre qualsiasi difetto il cappotto nero di Pinko di foggia militare con collo in pelliccia GANT Gonna arricciata ai fianchi di Gant per chi non ama mettere in primo piano il lato b CELYN B Per chi preferisce sorvolare sul punto vita c'è l'abito casacca in organza di Celin B

14 48 LA DOMENICA DI REPUBBLICA DOMENICA 24 GENNAIO 2010 l incontro Vulcaniche Carmen Consoli Trentacinque anni, da quindici sulla scena, la cantantessa siciliana è cresciuta. Ha smesso i panni della ragazza Confusa e felice che si esibiva sul palco di Sanremo. Adesso è una donna riflessiva e attenta all ascolto di sé Tanto da essersi fatta una promessa: «D ora in poi tutti i dischi che realizzerò saranno frutto di un sentimento profondo e voluto Non voglio più sprecare la mia musica» GINO CASTALDO ROMA Prima dell espressione arrivano due occhi neri che bucano una piccola mappa siciliana impressa sul volto, forza e malinconia incise come un graffito, da sirena minuta e caparbia un tempo confusamente felice, oggi addirittura capace di calarsi nei panni di Elettra, come ha intitolato il suo ultimo disco nel quale mette fuori sentimenti forti, molto privati. «Ha coinciso col tentativo di superare un dolore forte, quasi invalicabile. Ovvero la morte di mio padre. Questo mi ha fatto capire l importanza che la musica ha nella mia vita. Ha trasformato un sentimento di disperazione in gioia». Parla con una cadenza perfetta dalla quale affiora come un vezzo il dialetto siciliano, anzi catanese, un chiddu e chistu ogni tanto messo lì a intercalare il suo sguardo spalancato sulla vita, questo sì, ancora da bambina. «Da questo momento nutro una gratitudine ancora più grande nei confronti della musica. Non è la prima volta, certo, ma è la prima volta che mi sono trovata a superare una fase così dura. Diciamo tre anni impegnativi, mi sembrava che mi camminasse vicino il concetto di morte, è morto il mio bassista, poi c è stata la morte di mio padre, e poi intendiamoci ci sono state esperienze meravigliose, sono stati anni intensi e belli, e alla fine anche la scomparsa di mio papà ha avuto una sua parte molto bella, diciamo una parte di saluto, avvenuta in una maniera speciale». La sua casa romana, in un palazzo qualsiasi del quartiere Prati, è linda ed essenziale, bianca, quasi a contrasto col nero degli occhi e dei capelli. «Quando ci arrivo da Catania preferisco arrivarci in macchina, così per sedimentare la distanza. In aereo non mi piace, finisco per avere nostalgia di quello che lascio, della terra ai piedi dell Etna, invece quando ci metto delle ore ho il tempo di assaporare tutti gli stati d animo e alla fine non vedo l ora di arrivare a Roma. È il problema che abbiamo tutti, oggi non ci prendiamo più il tempo di cui le cose hanno bisogno. A me piace sentirmi itinerante, non pellegrina o viandante, semplicemente itinerante». Ormai cresciuta, Carmen Consoli ha imparato a pesare bene ogni cosa, ad apprezzare le forme del vivere come specchio dell anima. La vita che racconta sembra un incastro prezioso, senza sprechi e al centro campeggia enorme il culto della musica. «A trentacinque anni la musica ha assunto un altro significato, non la voglio più sprecare. Tutti i dischi che farò saranno frutto di un sentimento profondo e voluto, non voglio sciupare queste opportunità, non l ho mai fatto in realtà ma adesso più che mai: la rispetto troppo e ho capito che non la venderei mai, prescinde dal business, se un giorno mi sentirò di fare un disco in arabo, assolutamente non commerciabile, ma è quello che dice la mia voce interiore, allora lo farò. L ho fatto anche con Elettra. Ho iniziato dicendo faccio un disco acustico, non ci voglio mettere troppo ketchup (come dicono i discografici, visto che ormai è tutta una gastronomia). Loro mi lasciano completamente libera, devo dire, però mi dicevano: così è difficile da vendere, ma io ho insistito, lo voglio così, e non è un problema di coraggio. Un disco è come fare un bambino, è un atto d amore, esce come deve uscire e lo accetto com è. Poi è stato come una medicina, mi ha portato una guarigione quasi completa, regalandomi momenti di estasi, di gioia, quindi anche simbolicamente rappresenta un punto importante della mia vita. Ci ho lavorato tanto, in modo epidermico, non l ho lasciato un attimo, i dischi li ho sempre fatti con trasporto, ma qui non era più solo musica: è quello che sono, non quello che faccio, sono io». È talmente infervorata che sembra diventata la sacerdotessa di uno speciale culto dell arte. «Al di là dei fatti personali, sono arrivata alla decisione di dedicare la mia vita alla musica. Ed è sicuramente il frutto della mia crescita proprio in un età che sembra stare nel mezzo del cammin di nostra vita. Diciamo che ci sono state esperienze e circostanze che mi hanno portato a ricorrere alla musica tutte le volte che dovevo centrarmi. Succede che, dopo tanti anni e tanti dischi, rischi di non farlo più, di fare le cose a tavolino. Da questo punto di vista forse sono anche un po tornata indietro, e sono molto ispirata, il disco è uscito da tre mesi, ma io ho continuato a scrivere, scrivo di tutto, quello che mi pare, pezzi onirici con accostamenti improbabili, pezzi strumentali, ma del resto chi me lo impedisce? Dopo quindici anni è facile crearsi degli schemi, invece gioco, sperimento, provo cose diverse. A volte in passato ho usato la musica per esprimere rabbia, rancore, oppure la mia insoddisfazione riguardo alle ingiustizie che vedevo, ora è diventato un atto d amore, ho una sensazione di esaltazione, la passione è la chiave, e vuol dire anche sofferenza, sudore, bisogna lavorare tanto per tirare fuori il grano dalla gramigna, perché a volte ci si inganna, ma quando si lavora tanto, poi succede il miracolo. La canzone che ho scritto sul mio papà, Mandaci una cartolina, l ho scritta in mezz ora, tutta intera, frrr era fatta. A volte mi sembra che noi da qualche parte lo sappiamo già quello che vogliamo dire, ed è un mezzo, una cosa nobile, come la bellezza. È bello ciò che è vero, Continuo a studiare: armonia, basso, quattro ore al giorno Magari tra qualche tempo scrivo un bolero, un opera, chissà. Mi piace l idea di evolvermi, superare i limiti FOTO GUIDO HARARI/CONTRASTO questo mi interessa oggi. O meglio, non è bello tutto ciò che è vero, ma sicuramente ciò che è bello è vero». Dalla convinzione con cui afferma la sua fiducia nella musica si intravede qualcosa di spiritualmente forte. Da qualche anno ha iniziato una pratica buddista. Ed è facile immaginare che questa scelta abbia avuto un ruolo importante nella sua crescita. Magari non è una cosa di cui ha voglia di parlare, oppure sì? «La pratica c entra molto, perché ti insegna a trasformare le avversità in opportunità, quindi fondamentalmente ti spinge all azione, è fondata su un preciso rapporto di causa ed effetto, per cui c è di mezzo anche la passione per la vita. E io la voglio celebrare, e nel farlo sono come un archivista, come Darwin, cerco di guidare i miei pensieri e le mie azioni perché possano produrre valore. La pratica ha esaltato il gusto di trovare piacere anche da piccole cose, ti rendi conto delle fortune che hai. Prima se un giornalista diceva che il mio disco faceva schifo, e altri dieci dicevano che era un capolavoro, io che andavo a pensare? Ovviamente a chiddu che gli faceva schifo, e invece no, non è giusto. Quello che mi piace è che parla dell oggi, non dice: tranquilli perché poi sarete felici con Dio, e che facciamo, lo statalismo della religione? Tutte quelle anime messe lì in deposito che non fanno niente? A me piace l attuazione nella pratica, nel buddismo quello che fai ti torna, questa filosofia mi porta molta calma, mi spinge a non prendermela per questioni irrilevanti, a dare la giusta gerarchia alle cose». Ma non per questo è pacificata, anzi, sembra un tumulto di ragazza, una che il vulcano sotto il quale è cresciuta se lo porta dentro, metabolizzato e relativamente sotto controllo. E non si stanca, questo è importante, di trovare stupore nel consumatissimo mestiere di fare canzoni. Possibile, dopo un secolo in cui sono state inventate milioni di canzoni e le combinazioni sembrano praticamente esaurite? «In realtà le combinazioni sono infinite, anche se le relazioni tra le note sono sempre le stesse. E come quando dici che una donna è bellissima, lo dici dopo millenni di bellezze femminili, ma ciò non impedisce di stupirti ed emozionarti di fronte alla sua bellezza anche se in fondo gli elementi sono gli stessi di sempre. Per la canzone accade la stessa cosa. Ma per crescere bisogna studiare, io sto studiando armonia, studio il basso, insomma studio, sempre, quattro ore al giorno, magari tra dieci anni scrivo un bolero, un opera, chissà, ma io intanto studio perché voglio evolvermi, voglio superare i miei limiti musicali proprio in termini di conoscenza. Quando studio trovo soluzioni che mi stupiscono, ci sono leggi incredibili, uno schema matematico che sembra riflettere ordini superiori, la cosa incredibile è che oggi capisco che anni fa, senza rendermene conto, lo facevo d istinto, c ero arrivata con l orecchio. Noi sappiamo riconoscere la bellezza, questo è l orecchio, l essere umano sa quello che vuole dire poi il linguaggio codifica, a volte avevo riconosciuto il bello, che certe volte corrisponde anche a delle leggi matematiche irreversibili, inconfutabili, quando automaticamente dici a orecchio questo accordo ci sta bene, poi lo vai a studiare teoricamente e ti rendi conto che c era un motivo matematico che tu non conoscevi». Poi alla fine prende la chitarra, fa esempi di come un accordo possa cambiare con un semplice passaggio, una settima qui, una diminuita lì: «Nel romanzo Presto con fuoco di Roberto Cotroneo c è una cosa che mi ha colpito moltissimo. La gente, dice, può essere paragonata agli accordi musicali, uno ci può avere una faccia da do maggiore, l accordo più bestia che c è, oppure do minore settima bemolle, e l espressione si complica, una faccia triste va in minore, se invece si trasforma in nona è più malinconico, insomma crea paralleli tra esseri umani e armonie». Così che alla fine la domanda è praticamente obbligatoria. Ma lei, Carmen Consoli, con quale accordo si descriverebbe? Prova a suonare, cerca, sembra che si stia specchiando nella chitarra per poi dire sicura: «Io sono un accordo in minore sesta, che non è triste, casomai è quello della saudade brasiliana, è minore ma con la sesta ti apre la strada verso qualcos altro».

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli