ATTIVITÀ DELL ANNO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTIVITÀ DELL ANNO 2011"

Transcript

1 ATTIVITÀ DELL ANNO 2011 Sommario Sede dell'istituto... pag. 2 Sezione Archivio e Bibiblioteca... pag. 2 Archivio... pag. 3 Biblioteca... pag. 4 Sezione Audiovisivi... pag. 5 Didattica... pag. 7 Museo della Resistenza di Bologna... pag. 12 Museo per la Memoria di Ustica... pag. 13 Convegni... pag. 13 Pubblicazioni... pag. 18 Iniziative pubbliche... pag. 19 Interventi e partecipazioni... pag. 23 Mostre... pag. 29 Inoltre... pag. 31 L anno 2011 è stato caratterizzato dalla continuità del servizio, delle attività e delle iniziative culturali, nonostante l'incidere della crisi economica, tanto generale, quanto specifica dell'istituto. In particolare, si è dovuta registrare la conferma della riduzione del finanziamento del Comune di Bologna, che aveva concorso in modo determinante a causare nell'anno precedente serie difficoltà di bilancio. A fronte di tale stato di crisi e alla situazione debitoria dell'istituto sono state assunte drastiche misure che hanno consentito un risanamento importante del bilancio. In particolare, è stata assunta la misura, in un clima di condivisione, della riduzione dei compensi, proporzionalmente di più quelli maggiori, senza la corrispondente riduzione dell'impegno e delle ore di lavoro. Tuttavia, l Istituto ha compiuto ogni sforzo per mantenere, oltre al servizio ordinario, la proposta di iniziative culturali e scientifiche come l allestimento di mostre, la presentazione di libri e film, conferenze, lezioni, incontri pubblici, laboratori didattici; ha risposto alla domanda proveniente dal territorio regionale emiliano-romagnolo e provinciale di Bologna, ed è stato pari, seppure avrebbe avuto progetti più ambiziosi, alla domanda di storia proveniente dalla società regionale. Come sempre, l'istituto è stato interlocutore privilegiato anche negli appuntamenti anniversari, in quel calendario civile che, nel 2011, ha visto centrale il 150 anniversario dell'unificazione italiana, sia proponendo convegni e mostre, sia rendendosi disponibile per numerosi interventi 1

2 SEDE DELL ISTITUTO Nel corso del 2011 ha subito una battuta d'arresto l impegno per la messa in sicurezza dei locali a norma di legge. Il Settore Lavori Pubblici del Comune di Bologna aveva in precedenza avviato il completamento dei lavori necessari per ottenere la certificazione dei Vigili del Fuoco con la quale avrebbe dovuto concludersi l iter. Permane il grave problema del necessario incremento dei locali per i depositi bibliodocumentari. L incremento del patrimonio bibliografico e archivistico dell Istituto, che può essere considerato normale per gli acquisti come per le acquisizioni di singoli fondi donati all Istituto, ha definitivamente saturato gli spazi disponibili. Tuttavia, seppure ancora in attesa del completamento dei necessari atti formali, a fine 2011 sono stati assegnati all'istituto due piccoli locali al piano terra del complesso conventuale di San Mattia, ciò che ha consentito di depositarvi, il fondo acquisito dall Istituto della consistenza di oltre volumiche giaceva in scatoloni nell ingresso da anni. Sono tuttavia necessari ben altri spazi per le prospettive di acquisizione, tra queste quella dell intero archivio della Cisl provinciale di Bologna, comprendente, tra gli altri, fondi di personalità di rilievo dell antifascismo e della costruzione dell Italia democratica. Infine, il Comune di Bologna non ha ancora completato alcuni lavori relativi alla sede, quali le imposte e le tende bolognesi delle finestre, il rivestimento delle terrazze, l eliminazione di alcune infiltrazioni d acqua. SEZIONE ARCHIVIO E BIBLIOTECA Nell anno 2011 è continuata la condizione di drastica riduzione dei finanziamenti, già manifestatasi dall anno 2009, insufficienti per l ordinaria gestione dell Archivio e della Biblioteca, ciò che ha costretto ad un significativo per non dire estremo contenimento dell attività, nonostante l impegno dei principali Enti finanziatori, Regione Emilia-Romagna e Comune di Bologna. In particolare, mentre l Amministrazione regionale ha mantenuto sostanzialmente il livello del proprio impegno, il Comune di Bologna ha mantenuto ad un livello minimo il proprio contributo, a causa della crisi, rinviando la prospettiva di un consolidamento, ipotizzata in passato. Ciò nonostante, la Sezione Archivio e Biblioteca ha risposto alla domanda proveniente dal territorio regionale e provinciale di Bologna, ed è stata all altezza pur avendo preparato progetti più ambiziosi che ha dovuto rinviare, alla domanda di cultura storica proveniente dalla società regionale, e ha altresì aumentato la sua capacità di risposta alle domanda proveniente dal territorio nazionale ed internazionale. In tutti i campi di attività e di intervento dell Istituto la Sezione Archivio e Biblioteca è stata coinvolta e protagonista. Il patrimonio bibliografico e archivistico dell Istituto nel 2011 non ha avuto incremento per mancanza di fondi, a parte il fisiologico afflusso di depositi e donazioni. La prevista saturazione degli spazi per il 2011 si sposta pertanto al 2012, quando non sarà più possibile collocare i documenti. Da urgente diviene drammatica la necessità già rappresentata in passato di reperire nuovi locali, peraltro garantiti e più volte confermati dall Amministrazione comunale fin dalla firma della convenzione che assegnava l attuale sede all Istituto, in data 16 dicembre Continua l impegno congiunto dell Istituto e del Comune di Bologna per la messa in sicurezza dei locali a norma di legge, in quanto non completato nel Il Settore Lavori Pubblici del Comune di Bologna ha avviato il completamento dei lavori necessari per ottenere la certificazione dei Vigili del Fuoco con la quale dovrebbe concludersi l iter. Si è continuato a implementare il sito web dell Istituto, di concerto con le diverse Sezioni e la Biblioteca Digitale. 2

3 L attività di digitalizzazione del patrimonio bibliografico e archivistico ha permesso sia la conservazione sia la valorizzazione dei documenti attraverso l accesso remoto. Si possono cosi consultare i primi documenti digitali, che fanno parte di un ambizioso progetto in fase di sviluppo. La Sezione può contare su cinque unità di personale, due dipendenti comunali distaccati, tre operatori con contratto a progetto. A norma della convenzione stipulata il 16 dicembre 2003, che riprendeva e sviluppava quella precedente del 29 febbraio 1989, i dipendenti comunali distaccati per svolgere le funzioni di bibliotecari sono cinque. Per tale motivo, come concordato con l Amministrazione nel 2007, anche per quest anno si è atteso invano un congruo incremento del finanziamento comunale, al fine di adeguare il rapporto contrattuale dei bibliotecari non dipendenti comunali, ed eventualmente di integrarne il numero. Infatti, non si è potuto, nonostante la volontà dell Istituto e quanto concordato con il Comune di Bologna, procedere all assunzione a tempo indeterminato di tre unità di personale destinate alle funzioni di bibliotecario e di operatore culturale dell Istituto. Nel 2011, il personale è comunque riuscito a mantenere l orario di apertura di 55 ore settimanali. La Sezione ha potuto contare sulla costante, puntuale e preziosa attività di quattro collaboratori volontari per complessive 1060 ore annuali, e la partecipazione di 36 stagisti, secondo diversi moduli di stage per un totale di 2210 ore, 2 tirocini di lavoro per un totale di 1478 ore. Complessivamente, il personale operante nella sezione ha erogato ore di lavoro, ma occorre rilevare che in più occasioni gli operatori hanno svolto ore di straordinario non retribuite né in alcun modo recuperate. Positiva ed importante è stata la partecipazione degli operatori, sia dipendenti comunali che collaboratori dell Istituto, a corsi di formazione ed aggiornamento promossi dal Comune, dal Cib e dalla Soprintendenza regionale per i beni librari e documentari. ARCHIVIO Nel corso dell anno 2011 si è regolarmente svolta l attività di conservazione del patrimonio documentario relativo principalmente alla storia della regione nel secolo XX, il suo ordinamento e l inventariazione, il servizio al pubblico per la consultazione e per la consulenza alla ricerca. Nel 2011 sono state fornite 33 consulenze a distanza (via ), ricevute 143 richieste di consultazione in sede evase movimentando 427 buste, per un totale di unità documentarie. Inoltre sono stati consultati 140 documenti digitalizzati. Parte dei fondi fotografici e cartacei, sono consultabili on-line nella Biblioteca digitale. Tra le pubblicazioni del 2011 che hanno utilizzato materiale di archivio dell Istituto si ricordano le seguenti opere: Alessandro Quadretti e Domenico Guzzo, 4 agosto 74. Italicus, la strage dimenticata, documentario prodotto da Officine Media, 2011; Roberta Mira, Tregue d'armi. Strategie e pratiche della guerra in Italia fra nazisti, fascisti e partigiani, Roma, Carocci, Si è proceduto alla digitalizzazione di materiali a rischio, affinché possano essere consultati tramite pc, senza compromettere lo stato di conservazione degli originali. In tale ambito, si è continuata la scansione di alcune raccolte e fondi fotografici: il Fondo fotografico Emma Casari, Giorgio Vicchi, Luigi Paselli; Il Fondo cartaceo delle Tessere di Partito e organizzazioni varie. L Archivio ha altresì fornito assistenza a diversi studiosi e al Museo della Resistenza. In particolare, nell anno 2011 sono stati conseguiti i seguenti risultati: - è stato incrementato il sito web, che rende visibile in rete l articolazione dei servizi offerti dalla sezione Archivio. Si sono registrati contatti. In tale prospettiva è 3

4 proseguita l opera di digitalizzazione per salvaguardare i documenti e incrementare la produzione consultabile on-line, sono stati elaborati 682 file; - sono proseguiti l ordinamento e l inventariazione sommaria dei fondi relativi ai movimenti politici degli anni Sessanta e Settanta in relazione all acquisizione del fondo Pezzi; è in corso la descrizione analitica dei fondi: - La Consulta; - Avv. Leonida Casali; - Comitato di Solidarietà Democratica di Modena; - Associazione famigliari vittime della strage di Ustica; sono proseguiti l ordinamento e l inventariazione sommaria dei fondi fotografici dell Archivio; è proseguito il condizionamento dei fondi fotografici con nuovi e più adeguati materiali, quali, in particolare, buste di carta non acida. L'Istituto partecipa al progetto Caster (Censimento archivi storici Emilia-Romagna), promosso dall'ibacn, inserendo le descrizioni dei fondi conservati. Continua e si perfeziona ulteriormente la collaborazione con la Fondazione Del Monte nell'ambito del progetto "Una città per gli archivi": in programma l'inventariazione di fondi cartacei (Anpi Bologna) e fotografici (Fondo Vittorio Vialli). BIBLIOTECA Nel corso dell anno 2011 sono stati mantenuti ed estesi i servizi al pubblico, è proseguito l impegno volto a migliorare la qualità dei servizi offerti, in particolare monitorando i servizi di consultazione, document delivery e prestito interbibliotecario, oltre al potenziamento della possibilità di fruizione dei materiali multimediali, del prestito interbibliotecario e delle richieste online. Nel 2011 è continuata l attività di recupero catalografico dei quotidiani. Al 31 dicembre 2011 il patrimonio che risulta catalogato in Sbn consta di documenti, dei quali sono stati catalogati nel corso dell anno È continuata l implementazione del sito web, con un potenziamento della qualità e delle offerte di consultazione in rete attraverso la Biblioteca Digitale. Nel 2011, la Biblioteca ha risentito tanto degli effetti della crisi economica generale, quanto di una non risolta definizione del rapporto con gli enti finanziatori, che ha comportato una drastica riduzione dell importo adibito alle acquisizioni dei documenti; ciò nonostante è stato possibile garantire un accrescimento seppure non soddisfacente delle raccolte. Si è comunque operato al fine del mantenimento degli abbonamenti ai periodici correnti, per evitare un interruzione traumatica delle ricche collezioni di riviste, interruzione che sarebbe difficile recuperare. La spesa complessiva sostenuta per acquisti ed abbonamenti consta di Euro 7.582,95, una ulteriore riduzione rispetto all anno precedente. Occorre segnalare che la Biblioteca praticamente non acquista più monografie. Le collezioni constano di monografie, periodici (di cui 181 accesi), 40 quotidiani (di cui 1 acceso) continua l inserimento in SBN nel 2012, documenti multimediali, 200 manifesti con inserimento in SBN previsto per il Inoltre, sono stati acquisiti i seguenti fondi: - Luigi Paselli; - Guglielmo Bertone; - Tiziano Bagarolo; Non è stato possibile avviarne l inventariazione e la catalogazione cospicuo Fondo Palazzo Montanari, consistente in oltre volumi a causa del ritardo nell assegnazione dei necessari locali da adibire a deposito, tuttavia esso è stato depositato in nuovi locali. Le unità documentarie consultate nel 2011 sono state

5 Document Delivery. Le richieste pervenute e soddisfatte dalla biblioteca dell Istituto sono state complessivamente 40, maggiormente concentrate nell ultimo quadrimestre dell anno. Le richieste sono pervenute da tutta Italia. Il servizio è stato effettuato principalmente a mezzo di materiale digitale, a meno che non fosse espressamente richiesto l invio di fotocopie. Gli utenti hanno generalmente pagato il servizio. Per la fornitura di questo servizio sono state necessarie complessivamente 29 ore di lavoro, il rimborso inviato dagli utenti è stato di 209 euro. In media, ogni richiesta ha avuto una risposta in 0,93 giorni lavorativi. Prestito Interbibliotecario. Sono stati effettuati complessivamente 47 prestiti interbibliotecari, maggiormente concentrati nella prima metà dell anno. Il livello dei prestiti si è mantenuto su quello del 2010, quando ne vennero effettuati 53. Le richieste sono pervenute da tutta la penisola, una dall Austria. Le biblioteche hanno generalmente pagato il servizio; sono state esentate dal pagamento quelle appartenenti al circuito degli istituti di storia della Resistenza, o ex-tali. La Biblioteca ha evaso le richieste pervenute impiegando in media 1,7 giorni lavorativi per ogni prestito. La Biblioteca ha effettuato 20 richieste di prestito interbibliotecario per i propri utenti, tutte regolarmente evase. La Biblioteca ha svolto attività di conduzione di tirocini e di stage di formazione-lavoro per neo-laureati, studenti in corso di studi (universitari, media superiore); borse lavoro. Nel dettaglio, si è trattato di: due stage post laurea (da 300 ore); due tirocini di lavoro (1478 ore complessive); sette stage di formazione per studenti medi (420 ore); stage collettivo sperimentale di una classe (24 studenti) del Liceo scientifico Copernico (840 ore). Complessivamente hanno partecipato 38 tra stagisti e tirocinanti, per un totale di 3688 ore. La Biblioteca ha ospitato per un Soggiorno di studio nell ambito di un accordo Insmli (Istituto Nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia) Issnaf (Italian Scientists and Scholars in North America Foundation) la professoressa AnneMarie Tamis-Nasello nel mese di aprile, impegnata in una ricerca cinema coloniale italiano degli anni Trenta del secolo scorso. Nell ambito del Polo bolognese Sbn e delle attività del Settore Cultura del Comune di Bologna, l Istituto ha partecipato costantemente alle attività e agli scambi della rete di istituzioni bibliotecarie, con la partecipazione di tutto il personale della biblioteca. È stata mantenuta la collaborazione con la Commissione Nazionale Biblioteche dell'istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (Insmli), anche per la gestione del sito in internet delle biblioteche della rete nazionale degli Istituti associati all'insmli. Il personale della Biblioteca ha contribuito alla preparazione, allestimento e diffusione di 119 iniziative culturali intraprese dall Istituto. SEZIONE AUDIOVISIVI La Sezione Audiovisivi Giampaolo Bernagozzi ha concorso con gli altri settori dell Istituto nella fornitura di servizi, in particolare nel campo in cui è specializzata della ricerca e la consulenza sulle tematiche del rapporto tra storia e immagine in movimento La Sezione ha accolto quotidianamente, su appuntamento, studenti, insegnanti, operatori del settore e chiunque intenda studiare la storia utilizzando fonti fotografiche o audiovisive, fornendo consulenze anche sui materiali visivi conservati dall Istituto. 5

6 All interno della Sezione sono state svolte anche attività di formazione, con seminari, convegni e in generale appuntamenti pubblici sia rivolti ad un pubblico specializzato sia a carattere divulgativo. Inoltre, la Sezione ha seguito laureandi e specializzandi che svolgono tesi in argomento. a. Produzione e Supporto alla produzione La Sezione Audiovisivi ha svolto attività di produzione di documentari storici, ma anche di videomontaggi e materiali didattici audiovisivi, posti a disposizione per insegnanti e studenti che lavorano sulle tematiche della storia contemporanea attraverso le immagini, o che accompagnano mostre e convegni. Nel corso del 2011 è stata realizzata l edizione del film, anche con il contributo economico del Comune di Casalecchio di Reno, l Università di Bologna e l Anpi, sul Processo celebrato a Verona per la strage di Casalecchio di Reno (1944), realizzato da Luisa Cigognetti e Gisella Gaspari col titolo La Memoria giudicata. Il supporto alla produzione, costituisce un settore di attività importante, la Sezione Audiovisivi ha continuato ad offrire un punto di riferimento per i registi che intendono occuparsi delle tematiche storiche nella realizzazione dei loro prodotti, anche attraverso un supporto alla produzione che va dalla consulenza, alla guida nella ricerca documentaria, fino alla selezione, alla lavorazione e alla messa a disposizione di immagini d archivio possedute dall istituto. Anche nel 2011 sono pervenute richieste in tal senso. b. Ricerca Nel 2011 si è conclusa la realizzazione del progetto Media e Cultura Comunitaria. Per una storia televisiva dell Europa, affidato all Istituto dal Centro Europe Direct e della Videoteca dell Assemblea legislativa tramite apposita convenzione siglata nel 2007, con la pubblicazione del volume degli atti: Luisa Cigognetti, Lorenza Servetti, Pierre Sorlin, Tanti passati per un futuro comune? La storia in televisione nei paesi dell Unione Europea, Marsilio, 2011 Dal dicembre è stato avviato il progetto Storia e comunicazione in Europa. Il ruolo del web, di: Pierre Sorlin, Università di Paris Sorbonne Nouvelle; Luisa Cigognetti, Lorenza Servetti, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna - Sezione Audiovisivi; Stefania Fenati, Centro Europe Direct; Daniela Asquini, Videoteca - Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna. Il progetto è visibile in: c. Promozione culturale Incontri cinema e Risorgimento In occasione delle celebrazioni per il 150 anniversario della proclamazione dell Unità d Italia, l Istituto ha collaborato alla Rassegna cinematografica Da Garibaldi al Caimano, Come il cinema ha raccontato l Italia. Luci e ombre della storia nella sala buia a cura della Cineteca di Bologna. d. Valorizzazione e socializzazione del patrimonio archivistico visivo e audiovisivo Di concerto con la Sezione Archivio e Biblioteca e con Home Movies, è avvenuta la prevista restituzione pubblica di una parte del patrimonio archivistico audiovisivo conservato, in particolare nelle giornate di Archivio aperto, svoltesi tra il 27 ottobre il 1 novembre e. Didattica E proseguita l attività didattica nel campo del rapporto tra cinema, televisione e storia, sia in rapporto col mondo della scuola sia con tirocini universitari. La Sezione Audiovisivi ha continuato la collaborazione con il Master in Comunicazione storica dell Università di Bologna e Ravenna. Dal 23 al 25 marzo sono stati presentati a Ravenna e a Bologna i documentari realizzati dagli studenti in collaborazione con la Sezione Audiovisivi, in particolare il documentario: Cantacronache, sulla storia della canzone di protesta in Italia negli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento, che ha aperto la Mostra dedicata alle produzioni degli studenti. La Sezione Audiovisivi ha organizzato e condotto l'ottavo seminario dedicato a Cinema e storia, in collaborazione con l Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, la Videoteca 6

7 Regionale, l Università di Bologna, segnatamente le Facoltà di Scienze della Formazione e di Lettere e Filosofia, e il Corso di Laurea Dams. Il modulo 2011 si è svolto sul tema Contestazione generale. DIDATTICA La Sezione Didattica dell Istituto si è avvalsa del lavoro di un insegnante comandata fino al 31 agosto Per decenni l Istituto aveva fruito della possibilità di un comando, per alcuni periodi anche di due, attraverso il rapporto tra l Insmli e il Ministero dell Istruzione. Tuttavia, il progredire della crisi, la riduzione del numero dei comandi su scala nazionale hanno posto la questione di una riduzione delle assegnazioni nei punti più forti della rete degli Istituti storici. L Insmli, nel luglio 2010 ha deciso, di concerto con l Istituto, di assegnare un solo comando ai due Istituti operanti a Bologna, il provinciale e il regionale, anche nella prospettiva di razionalizzarne la presenza sul territorio, nella prospettiva di una integrazione, se non di una unificazione. L attività della Sezione Didattica si articola da tempo e si è articolata nei seguenti punti a. Ricerca didattica; b. Sostegno alla diffusione di processi di innovazione e sperimentazione didattica, con particolare riguardo all'incrocio fra didattica della storia, educazione civica e interculturale, educazione alla dimensione europea, alla pace, allo sviluppo, all'ambiente; c. Formazione e aggiornamento del personale della scuola nell'ambito della didattica della storia; d. Sostegno alle singole scuole e. Sostegno alla didattica universitaria f. Progettazione, realizzazione, partecipazione ad iniziative pubbliche g. Progettazione museale e di percorsi espositivi h. Altre attività connesse alla funzione didattica della Sezione I punti indicati sono stati presenti nell'attività congiunta progettata e condotta con Isrebo al quale si rimanda per un puntuale resoconto, e con il Landis. In particolare, l'istituto ha realizzato le seguenti attività a. Ricerca Didattica Discussione degli esiti del lavoro del gruppo di ricerca regionale Analisi della struttura dei manuali di storia in adozione nella scuola secondaria di primo e di secondo grado, sulla trattazione specifica di alcune tematizzazioni (Resistenza, Shoah, Foibe, Terrorismo), con insegnanti della Regione. Organizzazione di un gruppo di lavoro sui programmi scolastici di storia così come si sono configurati negli atti governativi recenti e sulla loro applicazione da parte degli insegnanti in relazione allo specifico disciplinare della storia, alle scienze sociali e alla didattica per competenze b. Sostegno alla diffusione di processi di innovazione e sperimentazione didattica (incrocio fra didattica della storia, educazione civica e interculturale, educazione alla dimensione europea, alla pace, allo sviluppo, all'ambiente) - Realizzazione del progetto Dalle parole ai fatti, percorsi di educazione alla cittadinanza per le classi della scuola primaria, e, nei termini di curricolo verticale, per le classi della secondaria di primo grado, sia in forma di laboratori, articolati in una serie di incontri 7

8 presso le scuole che hanno aderito, sia in forma di progetti annuali, realizzati in collaborazione con gli insegnanti delle classi. - L Istituto ha partecipato alla promozione e ha fatto parte della giuria del Concorso Nazionale per le scuole di ogni ordine e grado, Eredi e protagonisti dell Unità d Italia, promosso dal Dipast, Centro internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio della Facoltà di Scienze della Formazione dell Università di Bologna. La premiazione ha avuto luogo a Bologna nell'aula Absidale di Santa Lucia, il 18 ottobre L Istituto ha partecipato della giuria del Concorso per le scuole La Costituzione: un patrimonio di civiltà, promosso dall'anpi Pratello, dal Quartiere Saragozza anniversario dell'unità d'italia. Dibattito sul significato del Risorgimento italiano, protagonisti gli studenti del Liceo Copernico di Bologna delle classi 4 a E, 4 a F, 4 a I, 4 a N. Interventi dei docenti del Liceo Copernico Paola Cavallari, Sergio Lo Giudice, Mario Pinotti, dei docenti dell Università di Bologna Alberto De Bernardi (Presidente dell Istituto Parri), Alberto Preti, e il direttore dell Istituto Parri Luca Alessandrini Le classi 4 a F e 4 a N sono intervenute sul tema: Per carità di patria, ovvero, celebriamo ma indaghiamo Uomini e donne, presenze e assenze, dell epoca risorgimentale Le classi 4 a E e 4 a I si sono confrontate sulle seguenti ipotesi interpretative: 1. Il Risorgimento italiano fu una rivoluzione borghese e come tale si servì dei ceti popolari strumentalizzandoli al fine di rovesciare il dominio dell aristocrazia. Ne fu una prova irrefutabile la diffidenza della maggioranza dei patrioti verso i contadini, giudicati arretrati e sanfedisti, nemici del progresso e della civiltà, minaccia alla proprietà privata. L Italia del 1861 pertanto fu un Italia senza consenso popolare e base di massa. 2. Il Risorgimento italiano realizzò l unità, ma non trasformò la società italiana. Accanto ai nuovi ceti dirigenti imbevuti di idealità romantico-rivoluzionarie, consolidarono il loro potere i ceti più retrivi del paese, come i grandi latifondisti che, in cambio del sostegno ai nuovi padroni, pretesero la conservazione dei propri privilegi e del proprio dominio sulle masse contadine. Ben presto le speranze di un rapido progresso economico e di una ritrovata solidarietà sociale dovettero cedere il passo ad amare disillusioni. 3. Il Risorgimento italiano, nonostante i suoi limiti e le sue contraddizioni, tracciò gli orizzonti valoriali ad un popolo diviso e sottomesso da secoli, senza fiducia e coscienza di sé. Questa riserva di idealità può rappresentare ancor oggi una risorsa morale per le difficoltà e le ingiustizie del presente. Il 17 marzo presso l Istituto Parri - Il liceo Copernico ha commemorato il 150 anniversario dell Unità d Italia con un iniziativa non retorica, non celebrativa, ma aperta alla riflessione e al dibattito, con gli studenti, i genitori e i docenti nella scuola e i cittadini del territorio. Interventi della dirigente scolastica, prof.ssa Simonetta Rastelli. Illustrazione del senso dell iniziativa e dell organizzazione dei lavori del prof. Mario Pinotti. Ascolto di canti patriottico-risorgimentale Gli studenti della classe 4 I hanno illustrato la prima tesi storiografica in discussione Leila Falà, poeta del gruppo 98, ha letto una classica poesia risorgimentale Simone Puzzo, studente della 4 E, ha illustrato la seconda tesi storiografica Francesca Di Francesca, studentessa della 4 E, ha illustrato la terza tesi storiografica Le alunne e gli alunni della 4 F e 4 N hanno illustrato il tema Uomini e donne; presenze ed assenze Leila Falà, poeta del gruppo 98, ha letto poesie di donne dell età risorgimentale. Dibattito con la partecipazione di Luca Alessandrini, Direttore dell Istituto Storico Parri di Bologna. 8

9 Conclusioni. Il 20 maggio 2011 nell'auditorium del Liceo Copernico - Stage settimanale presso l Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, di una classe del Liceo Scientifico N. Copernico di Bologna. Il progetto, su base triennale, prevede che un intera classe viva un esperienza intensiva di studio e lavoro presso una istituzione culturale in luogo della normale attività scolastica e non accompagnata dagli insegnanti, dalle ore 8 alle 14 per una settimana. Il primo modulo si era svolto dal 3 all 8 novembre 2008, nel corso del 2011 si è tenuto il terzo modulo, da lunedì 10 a sabato 15 gennaio con la classe V E - Coopyright Junior. Scopri la cooperazione, concorso per le scuole secondarie di primo grado, edizione , promosso da Legacoop Bologna, con l'istituto Parri, il Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale, il Cidi (Centro di documentazione per l'integrazione), la camera di Commercio di Bologna e Manutencoop. L'Istituto ha partecipato formando gli insegnanti, impostando i percorsi di ricerca, e seguendo le attività delle classi c. Formazione e aggiornamento del personale della scuola nell'ambito della didattica della storia - Incontri seminariali con insegnanti di diversi ordini di scuola per la progettazione di percorsi sulla didattica della storia e della educazione alla cittadinanza. - Partecipazione a iniziative di approfondimento sui temi della didattica della storia, promosse dall Università e da altri Enti. - L Istituto ha collaborato con l Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna e il Mémorial de la Shoah di Parigi, alla promozione e alla realizzazione del primo modulo del seminario per insegnanti L eredità di Auschwitz e dei genocidi del XX secolo. Insegnare la storia per educare ai diritti umani. Il seminario ha avuto il patrocinio del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, Ufficio Scolastico per l Emilia-Romagna, Direzione Generale, che ne ha riconosciuto il valore e l importanza. Il primo modulo si è svolto a Bologna il 9 e il 10 Dicembre 2011, il secondo a Parigi nei giorni 1, 2, 3 Aprile 2012 Bologna, 1 modulo 9-10 dicembre Dicembre 2011 Sala polivalente, Assemblea legislativa Regione Emilia-Roimagna Apertura del seminario, saluti delle Autorità Matteo Richetti - Presidente Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna Jacques Fredj - Direttore Mémorial de la Shoah Stefano Versari - Direttore Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia-Romagna I sessione: Che cos è un genocidio? Introduzione ai temi del seminario Presiede: Laura Fontana - Responsabile per l Italia, Mémorial de la Shoah Perché insegnare i genocidi? Yves Ternon - storico, Université de la Sorbonne, Mémorial de la Shoah Il terreno che prepara il genocidio: l esempio della Shoah. Dall Anti-Illuminismo al biopotere, l affermazione di una visione del mondo Georges Bensoussan - storico, Mémorial de la Shoah, direttore della Revue d histoire de la Shoah II sessione: Vittime e carnefici. Per una tipologia delle persecuzioni Presiede: Iannis Roder - coordinatore formazione insegnanti Mémorial de la Shoah Crimini di massa e deportazioni dall Europa Le politiche di persecuzione della Germania nazista. Tal Bruttmann - storico, ricercatore presso la città di Grenoble La banalità del male? Lavorare sulle categorie di victims (vittime), bystanders (spettatori) e perpetrators (carnefici). Presentazione di un unità didattica, utilizzando le fonti. Laura Fontana - responsabile per l Italia del Mémorial de la Shoah, direttore del Progetto Educazione alla Memoria, Comune di Rimini 10 Dicembre

10 09.30 Apertura dei lavori Massimo Mezzetti - Assessore Regionale Cultura, Sport, Regione Emilia-Romagna I sessione: Banalizzazione e negazionismo Presiede: Luca Alessandrini - direttore Istituto Storico Parri Emilia-Romagna I negazionismi: analisi comparata del genocidio degli Armeni, la Shoah e il genocidio dei Tutsi Yves Ternon - storico, Université de la Sorbonne, Mémorial de la Shoah Sfide e derive della memoria contemporanea: il processo di trivializzazione della Shoah Georges Bensoussan - storico, Mémorial de la Shoah, direttore Revue d histoire de la Shoah II sessione: Vecchi e nuovi razzismi Presiede: Milena Santerini - Università Cattolica di Milano Nonostante Auschwitz. Il ritorno del razzismo in Europa Alberto Burgio - Dipartimento di Filosofia, Università di Bologna III sessione: Perché insegnare la Shoah? Presiede: Iannis Roder - coordinatore formazione insegnanti Mémorial de la Shoah Coniugare insegnamento politico e lezione morale, una sfida possibile? Tavola rotonda con la partecipazione dei docenti. Iannis Roder - coordinatore formazione insegnanti Mémorial de la Shoah Milena Santerini - Università Cattolica di Milano Laura Fontana - responsabile per l Italia del Mémorial de la Shoah d. Sostegno alle singole scuole - Progettazione e realizzazione di attività laboratoriali per l utilizzazione delle fonti museali - Attività di consulenza-confronto su problemi della didattica della storia, in particolare storia del Novecento, con particolare riferimento all impostazione del curricolo verticale per competenze, per insegnati di tutti i livelli di scuola. - Incontro di Luca Alessandrini con gli studenti delle ultime classi dell Istituto Salvemini di Casalecchio di Reno (Bologna) sulla Shoah - Incontri di Luca Alessandrini con gli studenti delle ultime classi dell Istituto Aldrovandi- Rubbiani sul tema L'unità nazionale italiana tra Ottocento e Novecento, tra Risorgimento, fascismo, democrazia repubblicana - La Shoah, incontro con gli studenti e i professori dell Istituto Aldini Valeriani Sirani di Luca Alessandrini e Lucio Pardo, Presidsente emerito della Comunità Ebraica di Bologna, presso le Aldini stesse - Incontro di Luca Alessandrini con quattro ultime classi del Liceo L.Galvani sulla storiografia della Resistenza - Incontro di Luca Alessandrini con tutte le ultime classi dell' Itis O. Belluzzi di Bologna e. Sostegno alla didattica universitaria - Attività di tirocinio per studenti universitari e per neolaureati - Ottavo seminario dedicato a Cinema e storia, in collaborazione con l Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, la Videoteca Regionale, l Università di Bologna, segnatamente le Facoltà di Scienze della Formazione e di Lettere e Filosofia, e il Corso di Laurea Dams. Il modulo 2011 si è svolto sul tema Contestazione generale. Docenti: Luisa Cigognetti, Paolo Noto, Alberto Preti. - Master in Comunicazione storica, riproposto per l anno accademico , il bando ha avuto scadenza il 20 ottobre 2011, è realizzato dall Università di Bologna, avviato nel 2009, con Fondazione Flaminia Ravenna; Casa Oriani Ravenna; Istituto Gramsci Emilia- Romagna; Istituto delle Scienze Religiose Giovanni XXIII; Istituto della Resistenza e dell Età contemporanea di Ravenna; Museo del Risorgimento di Bologna; Isrebo. L Istituto partecipa inoltre con la docenza di Luisa Cigognetti e con l assistenza ai corsisti. 10

11 Il Master in Comunicazione Storica si propone di formare Specialisti in Comunicazione storica il cui titolo universitario è legalmente riconosciuto. Si tratta della formazione professionale di una figura attualmente non presente nel panorama aziendale e nei quadri degli enti pubblici territoriali. Nel contesto contemporaneo dove la storia è sempre più al centro del dibattito culturale e politico e dove la storia è diventata anche forma di rappresentazione e promozione di un ente o di una azienda, la figura professionale dello Specialista in Comunicazione storica è pensata per queste nuove esigenze. Una corretta valorizzazione del patrimonio storico di un ente territoriale rientra nella buona amministrazione e si concilia con le finalità alte della politica che è quella di migliorare la coscienza civica dei cittadini e di integrarli nello spirito della comunità attraverso la conoscenza delle sue radici. Le competenze che saranno attivate abbracceranno più livelli e lo Specialista in Comunicazione storica potrà essere impiegato anche per attività di mediazione culturale e sarà in grado di valorizzare le iniziative culturali e i progetti di formazione varati dall Ente. La Storia in questo contesto sarà abbinata allo studio dei canali di diffusione delle informazioni, alla forma corretta e al tempo spesso più efficace da dare alle notizie. Lo Specialista in Comunicazione storica riceverà una formazione che potrà sfruttare nel medio e lungo periodo, potrà essere impiegato per gestire sia singole iniziative sia l immagine d insieme dell ente e/o dell azienda. Direttore Mirco Dondi. Sede delle lezioni Dipartimento di Discipline Storiche, Antropologiche e Geografiche di Bologna Piano didattico Linguaggi della storia Organizzazione strumentale e simbolica della memoria pubblica Comunicazione e territorio Patrimonio Storico e industriale Storia in Tv e nei giornali Modelli di comunicazione storica nel Nord America Teoria e tecnica del documentario storico Realizzazione di un documentario storico Tecnologie della comunicazione multimediale Realizzazione siti storici sul web Gestione e organizzazione delle imprese culturali f. Progettazione, realizzazione, partecipazione ad iniziative pubbliche - In occasione della Giornata della Memoria, incontri con gli studenti e gli insegnanti di scuole del territorio, in particolare: Budrio (Bologna), Pianoro (Bologna), Bologna g. Progettazione museale e di percorsi espositivi - Progettazione, realizzazione, sperimentazione, verifica e aggiornamento di fascicoli e materiali su supporto informatico, per percorsi di studio laboratoriali, come approfondimento e utilizzazione dei temi e dei materiali espositivi del Museo della Resistenza di Bologna. h. Altre attività didattiche - Lezioni di storia contemporanea ai Volontari del Servizio civile afferenti a Co.Pr.E.S.C. Bologna - Amministrazione provinciale. Luca Alessandrini. Gli incontri, fanno parte del percorso formativo, si ripetono da anni, quattro ogni anno - Lezione di storia generale sulla fine degli anni '60 per le operatrici didattiche del Mambo, nella prospettiva dell'esposizione sul tema dell'arte povera, di Luca Alessandrini. A Bologna, presso il Mambo il 15 settembre

12 MUSEO DELLA RESISTENZA DI BOLOGNA L apertura del Museo è stata limitata, fino all autunno (19 novembre) alle prenotazioni per visite guidate di gruppi e laboratori con scuole ed enti pubblici, che è stata garantita, su appuntamento, sempre e in ogni orario; si è svolta la normale attività educativa con e presso le scuole, con gruppi organizzati e presso Enti richiedenti. Il Museo è rimasto aperto nella giornata del 25 aprile, con visite guidate a rotazione per l intera giornata. Il Museo può contare su una dipendente comunale allo scopo distaccata presso l Istituto, che ha il ruolo di responsabile. Il servizio di apertura e chiusura delle sale museali è oggi offerto gratuitamente da Auser e ruota sulla presenza di quattro operatori, di cui tre con contratto di borsa.-lavoro: la loro formazione e il loro inserimento lavorativo al reference è stata curata dalla responsabile del Museo. L apertura delle sale museali al primo piano è limitata alle ore pomeridiane dalle 15,30 alle 18,30 da lunedì a venerdì e al mattino del sabato dalle 10 alle 13. Il totale dei visitatori del 2011 è stato di 3165 unità di cui ordinari, 135 ordinari stranieri, 127 insegnanti, 1296 studenti (81 classi di cui 51 provenienti da Bologna, 9 dalla Provincia, 9 dalla Regione e 12 dall estero o altre parti d Italia). Le classi fruitrici dei laboratori educativi museali (consultabili sul sito sono così distribuite: classi V della scuola primaria (24); classi III della scuola secondaria di 1 grado (32); dalle classi di IV e V della scuola secondaria 2 grado (23). Il Museo ha svolto anche attività educativa presso i plessi scolastici, in particolare con le prospicienti Scuole Elementari Manzolini, l Istituto Aldrovandi-Rubbiani e il Liceo Laura Bassi, per un totale di 6 classi, che hanno visto la partecipazione di 8 insegnanti e 141 studenti. Il totale complessivo degli studenti è quindi da considerarsi 1437 (87 classi) e il totale degli insegnanti è di 135. Le visite guidate per gruppi non scolastici sono state 8 con 250 partecipanti, i gruppi in visita turistica sono stati 9 con 239 partecipanti. Il numero complessivo dei visitatori è quindi da considerarsi Complessivamente il Museo è stato in contatto con 3983 cittadini. I giorni di apertura sono stati 87 e le ore di apertura al pubblico 267. Anche nel 2011 è proseguita collaborazione con l Ufficio Giovani del Comune di Bologna, con la proposta di percorsi museali Resistenze a confronto ideati per le classi fruitrici degli scambi culturali internazionali, in particolare con il Liceo Laura Bassi e Licei provenienti spagnoli e francesi. Nel 2011 si è concluso il progetto sperimentale svolto su base pluriennale con la Struttura Rsa Virgo Fidelis di Via Campana Memoria oltre l Alzheimer, incentrato sul recupero della memoria in pazienti malati di Alzheimer; dopo una visita al Museo di un piccolo gruppo e visto il buon livello di feedback, si è proceduto allo studio e alla creazione di un progetto residenziale ad hoc tenuto nella struttura di Via Campana. Il numero dei pazienti non è stato conteggiato in quanto era variabile per ovvi motivi di salute, ma si può mediamente conteggiare con 15 presenze di ospiti e relativi parenti accompagnatori, per un totale di 6 incontri e festa finale. Il progetto si sta svolgendo ora autonomamente, in attesa di poter procedere ad una valutazione dei risultati. In collaborazione con due classi del Liceo Laura Bassi (di cui una interamente formata da alunni diversamente abili) si è progettato un laboratorio finalizzato alla partecipazione ad un concorso indetto da Anpi Pratello: le classi hanno vinto rispettivamente il 1 e il 3 Premio. Il vincitore ha prodotto un video visibile on-line (http://cineletteratura4d.blogspot.com/2011/05/ecco-il-videovincitore.html) e il terzo classificato ha creato un dvd per ora disponibile solo su richiesta al Museo. 12

13 In collaborazione con l Istituto comprensivo del Pilastro e la Compagnia Laminarie ha partecipato al concorso indetto da Ibacn Io amo i beni culturali, piazzandosi al 13 posto su 79 partecipanti, primo fra i Musei storici della Regione Emilia Romagna: non è stato possibile accedere a tali finanziamenti anche a causa del fatto che il Museo della Resistenza non è stato riconosciuto Museo di qualità da parte di Ibacn - Regione Emilia Romagna. Sempre a causa di questo mancato riconoscimento la responsabile del Museo non ha avuto accesso al Corso di Formazione Comunicare il Museo, indetto sempre da Ibacn. Il Museo non fa parte dell Istituzione Musei del Comune di Bologna ma, in quanto parte dell Istituto Parri, con l Istituto stesso è stato inserito nell Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna: a differenza degli anni passati, dopo tale decisione amministrativa, il Museo non è più chiamato a collaborare nelle iniziative in rete dell Istituzione Musei, né alle attività formative o convegnistiche. Le sale del Museo necessitano di interventi di manutenzione ordinaria, a tutt oggi una sala è chiusa (dalla fine del 2008) e le apparecchiature hanno una funzionalità del 30% avviata ad aumentare con l obsolescenza delle stesse. MUSEO PER LA MEMORIA DI USTICA. Il Museo testimonia della strage dei passeggeri dell'aereo DC9 Itavia precipitato nelle acque di Ustica sulla rotta Bologna-Palermo il 27 giugno Dall anno 2009, dopo l affidamento della gestione del Museo al Mambo (Museo di arte moderna di Bologna), si è avviata una stabile collaborazione tra questo e l Istituto per le attività di visita e didattiche che richiedessero uno sguardo storico. A norma della detta convenzione, l Istituto collabora per gi aspetti storici con Mambo e con il Comune di Bologna, sia per avere collaborato con l Amministrazione comunale sin dal 1994 alla realizzazione del Museo, sia in quanto detentore degli archivi depositati dall Associazione dei familiari delle Vittime. Nel 2011 il Mambo ha prodotto il video Malgrado tutto, esito, tra altri, di un cospicuo lavoro con alcuni Istituti scolastici superiori di Bologna, Ricomporre la Memoria, condotto col concorso dell'istituto Parri nel corso dell'anno SEMINARI E CONVEGNI Il contributo delle minoranze religiose alle lotte per l unità d Italia Giornata di studio dedicata nata dalla collaborazione tra Comunità Ebraica di Bologna, Chiesa Evangelica Metodista di Bologna e Modena, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna. Si è svolta mercoledì 23 marzo 2011 presso il Museo Ebraico di Bologna. Relazioni di Alberto Cavaglion, Università di Firenze; Silvana Nitti, Università degli Studi di Napoli Federico II; Luca Alessandrini, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna Archivi negati, archivi supplenti. Le fonti per la storia delle stragi e del terrorismo, convegno promosso con Soprintendenza Archivistica per l'emilia-romagna, Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica, Fondazione Del Monte, Fondazione Carisbo, 13

14 Associazione tra i Familiari delle Vittime della Strage alla Stazione di Bologna del 2 agosto 1980, Anai (Associazione nazionale archivistica italiana Sezione) Emilia-Romagna. Il giorno 13 giugno 2011, a Bologna, in Cappella Farnese dei Palazzo D'Accursio, mattina, saluti di Vasco Errani, Presidente della Regione Emilia-Romagna; Virginio Merola, Sindaco di Bologna; Beatrice Draghetti, Presidente della Provincia di Bologna; Marco Cammelli, Presidente della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna; Fabio Roversi Monaco, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna; Claudio Santini, Fondazione dell Ordine dei giornalisti dell Emilia-Romagna; Maria Letizia Bongiovanni, Associazione nazionale archivistica italiana, Sezione Emilia-Romagna. Ha introdotto e coordinato Stefano Vitali, Soprintendente archivistico per l Emilia-Romagna Interventi Angelo Varni, Università di Bologna, Una città per gli archivi : il progetto, le sue motivazioni, i suoi esiti Salvatore Alongi, Lorenza Iannacci, Progetto Una città per gli archivi, Dall impegno civile alla critica storica. L archivio dell Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica Pomeriggio Ha introdotto e coordinato Alberto De Bernardi, Presidente dell Istituto Storico Parri Emilia-Romagna Interventi Benedetta Tobagi, Rete degli archivi per non dimenticare, L uso delle fonti giudiziarie per la ricerca storica: problemi di metodo, di conservazione, di accessibilità Miguel Gotor, Università di Torino, Una vicenda esemplare: le fonti per la storia del caso Moro. Documenti, contesti, problemi di interpretazione La parola alle Associazioni: Daria Bonfietti, Presidente dell Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica Paolo Bolognesi, Presidente dell Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla Stazione di Bologna del 2 agosto 1980, Intervento di Massimo D Alema, Presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica Segreto di Stato e accesso agli archivi: a quattro anni dalla riforma dei Servizi di informazione L Italia tra due secoli Convegno di studi promosso dal CIREC (Centro interuniversitario per la ricerca sull età contemporanea) in collaborazione con Società italiana per lo studio della storia contemporanea (Sissco), Dipartimento di Discipline Storiche, Antropologiche e Geografiche dell Università di Bologna (DiDiSAG), Dipartimento di Politica, Istituzioni, Storia dell Università di Bologna (DPIS), con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna. Neri giorni 15; 16; 17 giugno 2011, a Bologna, nell'aula Magna di Santa Cristina 15 giugno 2011 Tra due crisi ore 15:00-19:00 Michele Salvati L economia italiana nella globalizzazione Adriano Giannola Questione meridionale e politiche di sviluppo nell Unione Europea Stefano Musso Le relazioni industriali: concertazione e pluralismo Francesco Forgione L economia criminale discutono Salvatore Biasco, Giovanni Federico 16 giugno 2010 La seconda repubblica ore 09:00-13:00 14

15 Salvatore Lupo La crisi della Repubblica dei partiti Alfio Mastropaolo Il populismo e l antipolitica Alberto Vannucci Economia, politica, corruzione Raimondo Catanzaro Spirito civico, fiducia e coesione sociale Maurizio Fioravanti Le trasformazioni del modello costituzionale discutono Paolo Pezzino, Augusto Barbera ore 15:00-19:00 Mariuccia Salvati Nazione e regioni Piero Caracciolo Il decennio riformista Francesco Ramella L Italia di mezzo: le ex regioni rosse Paolo Segatti La questione settentrionale Gabriella Gribaudi La questione meridionale discutono Paolo Capuzzo, Maurizio Ridolfi 17 giugno 2010 Intellettuali e culture nell Italia che cambia ore 9:00-13:00 Antonio Tricomi Intellettuali e storia d Italia Stefano Calabrese Letteratura e postnazione Alberto De Bernardi Culture politiche e narrazioni storiche Alberto Melloni Cristiani d Italia tra due secoli Marica Tolomelli Comunicazioni di massa e sfera pubblica Discutono Luigi Ganapini, Niva Lorenzini ore Assemblea soci Cirec ore 16:30-19:00 Tavola rotonda Nazione e postnazione Ha presieduto Andrea Graziosi; Interventi di Marc Lazar, Marcello Flores e Nadia Urbinati Una riflessione su cittadinanza e democrazia, il nodo degli anni Settanta. L Italia nel contesto internazionale, convegno organizzato dal Landis, con il patrocinio e il contributo finanziario della Regione Emilia-Romagna, il patrocinio e la collaborazione della Provincia di Bologna, il patrocinio dell Ufficio Scolastico Regionale dell Emilia-Romagna, la collaborazione dell Istituto Parri Emilia- Romagna, di Isrebo (Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea nella Provincia di Bologna Luciano Bergonzini), del Cedost (Centro di Documentazione Storico-Politica sullo Stragismo) e di Euroclio (European Association of History Educators) 29 settembre 2011 I sessione. Per una riflessione italiana sul senso di appartenenza a una comunità nazionale, tra storia e memoria. Gli anni Settanta. Alberto De Bernardi, Università di Bologna, Presidente dell istituto Parri Emilia-Romagna, Un intervento storico sull essere italiani; punti di forza e punti deboli. Elementi per una periodizzazione Maurizio Ridolfi, Università della Tuscia Viterbo, Focalizzazione sugli anni Settanta. La storia. Si può parlare di una democrazia in transizione? Quale periodizzazione per l Italia? Giovanni Moro, Università di Macerata Focalizzazione sugli anni Settanta. La memoria. Quale eredità hanno lasciato gli anni Settanta sul nostro essere cittadini oggi? Discussione. 15

16 30 settembre 2011 II sessione. Il contesto internazionale tra degenerazione e rigenerazione della democrazia. Quale influenza sulla situazione italiano? Maria Serena Piretti, Università di Bologna Un intervento storico sulla politica internazionale negli anni Settanta. Elementi per una periodizzazione Cinzia Venturoli, Università di Bologna e Cedost, La Grecia Leonida Tedoldi, Università di Verona Spagna e Portogallo Enrico Calamai, già Console Generale d Italia a Buenos Aires Argentina Argentina e Cile 30 settembre 2011 III sessione. Come si misura la scuola, oggi, in Europa, con i nodi complessi e controversi del recente passato? Quali tematizzazioni, quali problematizzazioni, quali periodizzazioni? Tavola rotonda con la partecipazione di Christopher Rowe, Chief Examiner for Upper Secondary History Examinations in Gran Bretagna; Andrea Hajek, Visiting Fellow all'institute of Germanic and Romance Studies, University of London; Jonathan Even.Zohar e Mire Mladenosvki Euroclio - European Association of History Educators; coordinata da Maria Laura Marescalchi, Landis: Sensitive and Controversial Issues, l esistente e le buone pratiche. Lavori di gruppo: illustrazione e discussione di percorsi didattici 1 ottobre 2011 IV sessione. Quali prospettive di lavoro didattico per gli Istituti della rete Insmli? Incontro e discussione dei rappresentanti delle sezioni didattiche degli istituti, aperti ai docenti A Bologna, presso il Palazzo della Provincia, il 29 e 30 settembre 2011, presso l'istituto il 1 ottobre 2011 Archivio Aperto, come ogni anno, su iniziativa dell Associazione Home Movies, Archivio nazionale del film di famiglia, e dell Istituto Parri, in occasione della Giornata Mondiale del Patrimonio Audiovisivo Unesco, in collaborazione con Association Inedits, Soprintendenza Archivistica Emilia-Romagna, IBC - Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, IBC - Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia- Romagna; con il contributo di Fondazione Del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Carisbo nell ambito del progetto Una città per gli archivi, con il patrocinio di Comune di Bologna, Dipartimento di Musica e Spettacolo - Università degli studi di Bologna, MIBAC Direzione per i beni culturali e paesaggistici dell Emilia Romagna; con la partecipazione di Academy Film Archive, Laboratori La Camera Ottica e Crea - Università degli studi di Udine, Spazio Labò (Bologna), Relabtv - Università di Modena e Reggio Emilia, House On Fire (Paris), Alliance Française - Délegation Culturelle (Bologna), Istituto di Cultura Germanica - Goethe-Zentrum (Bologna), Modo Infoshop. Sponsor: MWA, Regesta, Divinis. Sponsor tecnici: Kiné, Movie&Sound. Media partner: Città del Capo - Radio Metropolitana. Archivio Aperto nel 2011 ha ospitato la 21 edizione degli incontri di Inedits (28-29 ottobre), l associazione europea i cui membri sono archivi, università, televisioni, singoli professionisti e studiosi che si occupano di patrimonio audiovisivo inedito, per l appunto. 27 ottobre Giornata Mondiale del Patrimonio audiovisivo Unesco Presso l'istituto: L'archivio e le sue tracce: la collezione Vincenzo Neri Mostra multimediale sul cinema medico scientifico a Bologna nei primi del 900. Incontro con la SCIA mostra fotografica e documentaria su una fabbrica cartotecnica Bolognese. Archivio Mauro Mingardi Installazione dell archivio del filmmaker Bolognese, documenti, pellicole, oggetti di scena. 16

17 L Emilia Romagna nel cinema privato installazione realizzata per IBC Emilia-Romagna per il 150 dell Unità d Italia. A seguire Aperitivo offerto da Divinis presso l'ex Chiesa di San Mattia Proiezioni Hollywood Home Movies, programma a cura dell Academy Film Archive (Los Angeles) presentato da Lynne Kirste (AFA). Home movies dei registi e degli attori di Hollywood, backstages di film americani degli anni d oro e altre rarità inedite. Sonorizzazione a cura di Francesco Serra 28 ottobre 2011 Presso l'istituto, incontro internazionale Inedits - prima parte Workshop La catalogazione del patrimonio audiovisivo inedito e privato Sguardi sull Italia - Film di viaggiatori europei, proiezioni dagli archivi europei che partecipano agli incontri bolognesi una selezione di film di viaggio (un omaggio nell anno delle celebrazioni dell Unità). 29 ottobre 2011 Presso l'istituto, Incontro internazionale Inedits - seconda parte Workshop Il restauro e la digitalizzazione del patrimonio audiovisivo inedito e privato presso l'ex Chiesa di San Mattia, Cine-concerto Gli inediti di Pierre Clémenti: i film-diario di un visionario ( ) - La Deuxième femme, Souvenir Souvenir..., Positano, in anteprima italiana tre film inediti in 16mm di Pierre Clémenti, sonorizzazione dal vivo a cura di Francesco Serra, Francesco Fuzz Brasini e Paolo Iocca, ha presentato Balthazar Clementi. 30 ottobre 2011 Presso l'istituto, Comiche e cartoni animati in formato ridotto, segue merenda con torte e succhi di frutta. Proiezione di John Lennon e Yoko Ono Bed-In, la pellicola 16 mm originale, mai mostrata integralmente, di un intervista durante il bed-in a Montreal nel 1969, introduzione di Michele Pompei, Città del Capo - Radio Metropolitana. Proiezione di Helga Fanderl: Film Live, omaggio alla filmmaker tedesca Helga Fanderl, in presenza dell artista. 31 ottobre 2011 presso la Sala Convegni della Fondazione del Monte Incontro Sguardi sulla città. Il patrimonio audiovisivo privato e la storia, in collaborazione con Fondazione del Monte, Fondazione Carisbo, Soprintentenza Archivistica per l Emilia-Romagna. Presentazione del catalogo di Home Movies realizzato nell ambito di Una città per gli archivi, e della versione beta del portale del progetto. A seguire un dialogo interdisciplinare tra storici, architetti, urbanisti, letterati, studiosi di cinema e registi, sul valore e l importanza dell accesso al patrimonio audiovisivo inedito e privato nei diversi ambiti e per la città. Presso l'istituto, Proiezione di Mauro Mingardi. Vita da filmmaker, la riscoperta di un grande cineasta bolognese il cui patrimonio è stato affidato a Home Movies. Proiezione di I morti di Via Cirene, Il fiore tra le rovine, Mutoscopio. 1 novembre 2011 Presso l'istituto, giornata di apertura dell Archivio, oltre alle esposizioni e alle installazioni, visite guidate e dimostrazioni del lavoro che si svolge in archivio. Proiezione di una selezione dei film raccolti durante la giornata e di perle dall Archivio Nazionale del Film di Famiglia. Antirisorgimento. Dalla critica alla delegittimazione, convegno di studi, promosso e organizzato dall Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, con l Alto Patronato del Presidente 17

18 della Repubblica, e con il patrocinio di Regione Emilia-Romagna e Comune di Bologna. In collaborazione con Centro interuniversitario di ricerche sull età contemporanea (Cirec), Comitato di Bologna dell Istituto per la storia del Risorgimento, Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII di Bologna, Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione di Bologna (Isrebo), Museo civico del Risorgimento di Bologna, Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara Giovedì 15 dicembre, ore Saluti Introduzione L Antirisorgimento oggi Luigi Ganapini (Fondazione ISEC, Sesto San Giovanni), Non prevalebunt. Ovvero: qualche volta ritornano Giuseppe Lupo (Università Cattolica di Milano), La letteratura antirisorgimentale Maria Pia Casalena (Università di Bologna), Editoria e revisionismi nel XXI secolo Discussant Mariuccia Salvati (Università di Bologna) Venerdì 16 dicembre, ore 9-13 Rivoluzione passiva E rivoluzione mancata. Tra storiografia e polemiche Angela De Benedictis (Università di Bologna), La sicurezza interna della Repubblica tra Cispadana e Italiana ( ) Antonino De Francesco (Università Statale di Milano), Il 1799 nella cultura politica dell'ottocento italiano Discussant Luca Mannori (Università di Firenze) Venerdì 16 dicembre, ore Culture di opposizione, Delegittimazioni, appropriazioni Saretta Marotta (Fondazione Giovanni XXIII di Bologna), Cattolici "soci fondatori"? il dibattito sulla partecipazione alla vita dello Stato unitario. ( ) Carmine Pinto (Università di Salerno), Due patrie opposte: la nazione nella memorialistica meridionale ( ) Simon Levis Sullam (Università di Venezia), Mazzini e il fascismo: influenza o uso politico? Discussant Fulvio Cammarano (Università di Bologna) Sabato 17 dicembre, ore 9-13 La crisi dei paradigmi interpretativi: Primo e Secondo Risorgimento Giuseppe Carlo Marino (Università di Palermo), Contesto e vitalità del paradigma gramsciano Roberto Martucci (Università del Salento), L invenzione dell Italia unita tra storia e storiografia Angelo Varni (Università di Bologna), Il Secondo Risorgimento tra storia e storiografia Roberto Balzani (Università di Bologna), L antirisorgimento nel discorso pubblico repubblicano Discussant Fiorenza Tarozzi (Università di Bologna) Sabato 17 dicembre, ore Tavola rotonda con Augusto Barbera, Simonetta Fiori, Maurizio Ridolfi, presieduta da Alberto De Bernardi RICERCHE - PUBBLICAZIONI - PRODUZIONI AUDIOVISIVE Luisa Cigognetti, Lorenza Servetti, Pierre Sorlin, Tanti passati per un futuro comune? La storia in televisione nei paesi dell Unione Europea, Marsilio, 2011 Il volume raccoglie i risultati e le riflessioni di una ricerca poliennale, promossa dall Assemblea Legislativa dell Emilia-Romagna, dal Centro Europe Direct e dall Istituto Storico Parri Emilia- Romagna. L indagine è stata condotta da studiosi di quattordici Università europee: Erin Bell Università di Lincoln, Gran Bretagna Tereza Czesany Dvorakova Università di Bratislava, Slovacchia 18

19 Ann Gray Università di Lincoln, Gran Bretagna Maria Joao Guerreiro Università Abierta, Lisbona, Portogallo Muriel Hanot Università di Lovania, Belgio Urszula Jarecka Università di Varsavia, Polonia Karolis Klimka Università di Vilnius, Lituania Monica Mitarca Università di Bucarest, Romania Julio Montero Università di Madrid, Spagna Amaya Muruzabal Muruzabal Università di Madrid, Spagna Maria Ridzonova Ferencuhova Università di Praga, Repubblica Ceca Irmbert Schenk Università di Brema, Germania Madalena Soares dos Reis Uninova Lisbona, Portogallo Pierre Sorlin Università di Parigi, Francia Paola Valentini Università di Firenze, Italia Jarmo Valkola Università di Jyvaskyla, Finlandia Anca Velicu Università di Bucarest, Romania Teréz Vince Università di Budapest, Ungheria In un primo tempo sono state ricostruite le rappresentazioni della storia nelle televisioni dei quattordici paesi esaminati, tra Est e Ovest, e successivamente sono state poste a confronto tali rappresentazioni, per individuarne similitudini o divergenze nel ricostruire il passato. Come viene raccontata la storia nelle tv dei paesi europei? E come si parla d Europa? E possibile arrivare a concepire una storia televisiva comune, condivisibile da parte di tutti gli europei? Queste le questioni principali a cui si è cercato di dare una risposta, e, non ultimo, attraverso il confronto dei vari casi nazionali ci si è interrogati sul futuro della rappresentazione televisiva della storia europea. Un futuro per il passato. Sul conservare: intervista a Luca Alessandrini, a cura di Domenico Segna, in I martedì, n 10, A. 34, dicembre 2010-gennaio 2011, pp INIZIATIVE PUBBLICHE In occasione della Giornata della Memoria, Per non dimenticare Come ricordare? Tavola Rotonda con: Giorgio Archetti, vice Sindaco Comune di San Lazzaro di Savena; Alberto Sermoneta, Rabbino Capo Comunità Ebraica di Bologna; Luca Alessandrini, direttore Istituto Storico Parri Emilia Romagna; Mauro Maggiorani, direttore Isrebo; Massimo Mazzanti; docente Liceo E. Fermi di Bologna; le Staffette della Memoria, studenti e studentesse degli Istituti Superiori. Ha moderato Roberta Ballotta, Assessore alla Qualità Culturale del Comune di San Lazzaro di Savena. A San Lazzaro di Savena (Bologna), Mediateca, il 12 gennaio Presentazione del libro di Mario Avagliano e Marco Palmieri, Gli ebrei sotto la persecuzione in Italia. Diari e lettere , Einaudi 2011, in collaborazione con Comune di Bologna, Provincia di Bologna, Regione Emilia-Romagna, Assemblea Legislativa, Memorial de la Shoah di Parigi; ne hanno discusso Cristiana Facchini, Università di Bologna; Lucio Pardo, già Presidente della Comunità Ebraica; Marco Palmieri, Autore; ha introdotto e coordinato la discussione Luca Alessandrini, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, il 25 gennaio 2011, presso la sede dell'istituto. In occasione del Giorno del Ricordo, 19

20 a Granarolo dell Emilia, il 10 febbraio 2011, Giorno del ricordo. Conversazione storica di Luca Alessandrini sulla tragedia delle foibe e degli esuli giuliani, istriani e dalmati, in collaborazione con l'amministrazione Comunale di Granarolo Emilia; a Bologna, presso il centro Sociale G.Costa, l 11 febbraio 2011, Le foibe e l esodo giuliano dalmata. Cosa è successo? I conflitti sul confine orientale dal fascismo al dopoguerra. Incontro con Luca Alessandrini, con Anpi Porto e Centro Sociale G:Costa Presentazione di Aldo Berselli. Studi su federalismo regionalismo e autonomie ( ), a cura di Alberto Preti e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Pàtron, 2010, in collaborazione con Museo civico del Risorgimento di Bologna e con Isrebo (Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione di Bologna), Interventi di Fulvio Cammarano e Luigi Lotti. Il 15 febbraio 2011, presso la sede dell'istituto. Presentazione di Una regione ospedale. Medicina e sanità militare in Emilia-Romagna durante la Prima Guerra Mondiale, a cura di Fabio Montella, Francesco Paolella, Felicita Ratti, Bologna, Clueb, 2010, in collaborazione con Museo civico del Risorgimento di Bologna e con Isrebo (Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione di Bologna). Interventi di Paolo Sorcinelli e dei curatori del volume. Il 22 febbraio 2011, presso la sede dell'istituto. Una testimonianza fotografica della campagna di Russia. Presentazione del libro Diario Russo. 13 giugno - 21 novembre 1942 di Carlo Manfrini, Guaraldi Editore, Rimini, 2010, con Camillo Zadra, provveditore del Museo della Guerra di Rovereto; Riccardo Vlahov, fotografo; Luca Alessandrini, direttore dell Istituto Storico Parri Emilia-Romagna; l Autore; Monica Manfrini; l Editore Mario Guaraldi; la fisarmonicista Gressi Sterpin eseguirà brani di musica tradizionale. il 25 febbraio 2011 La scatola delle immagini. Graphic novel e film di famiglia raccontano l'emigrazione italiana, partecipano Sara Colaone, autrice del graphic novel Ciao Ciao Bambina (Kappa edizioni, 2010); Luca Alessandrini, direttore dell Istituto Parri Emilia-Romagna; Francesca Decimo, ricercatrice, insegna Sociologia delle migrazioni presso la Facoltà di Sociologia dell Università di Trento; Karianne Fiorini e Paolo Simoni, rappresentanti di Home Movies - Archivio nazionale del film di famiglia; Luca Baldazzi, moderatore, in collaborazione con il Festival del fumetto Bilbolbul, il 2 marzo 2011, presso la sede dell'istituto In occasione dell 8 marzo Il feminicidio in Italia, presentazione e discussione della ricerca della Casa delle donne, anno 2010, interventi di Giancarla Codrigani, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna; Anna Pramstrahler, Casa delle donne per non subire violenza di Bologna; Teresa Marzocchi, Assessora Politiche sociali della Regione Emilia-Romagna; Cristina Karadole, Casa delle donne per non subire violenza di Bologna; Virginia Venneri, Casa delle donne per non subire violenza; Barbara Spinelli, Avvocata; Letture di Francisca Rojhas, poetessa. L'8 marzo 2011, presso la sede dell'istituto Volontarie della libertà. Le donne e la Resistenza, con Paola Bacchetti e Massimiliano Sassi, promosso con l'istituto da Tatro Duse, Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna, Anpi di Bologna. A Bologna, presso il tatro Duse, l'8 marzo Presentazione del volume di Claudio Silingardi, Alle spalle della linea gotica. Storie, luoghi, musei di guerra e resistenza in Emilia-Romagna, Modena, Artestampa, 2009, in collaborazione con Museo civico del Risorgimento di Bologna e con Isrebo (Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione di Bologna). Interventi di Alberto Preti e Paola Zagatti. Il 15 marzo 2011, presso la sede dell'istituto 20

PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2014

PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2014 1 Via Eupili, 8-20145 Milano cdec@cdec.it www.cdec.it PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2014 1 Progetti e iniziative speciali 2 Sviluppo dei siti web (aggiornamenti e progetti speciali) 3 Patrimonio documentario

Dettagli

ASSOCIAZIONE CENTRO PER LA PACE, LA COOPERAZIONE, L INTEGRAZIONE INTERETNICA E INTERCULTURALE

ASSOCIAZIONE CENTRO PER LA PACE, LA COOPERAZIONE, L INTEGRAZIONE INTERETNICA E INTERCULTURALE ASSOCIAZIONE CENTRO PER LA PACE, LA COOPERAZIONE, L INTEGRAZIONE INTERETNICA E INTERCULTURALE Relazione relativa alla gestione e alle attività svolte all interno del Centro per la Pace Annalena Tonelli

Dettagli

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI Informazioni generali Strutture, spazi e attrezzature Consistenza e disponibilità

Dettagli

Liceo Scientifico Statale G. Marconi di Pesaro Convegno di studi storici per docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado

Liceo Scientifico Statale G. Marconi di Pesaro Convegno di studi storici per docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE - DIREZIONE GENERALE LE MARCHE: UNA REGIONE LABORATORIO Liceo Scientifico Statale G. Marconi di Pesaro

Dettagli

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità e compiti Art. 3 - Sede e patrimonio

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Studi Abilitazione all insegnamento delle discipline giuridiche ed economiche (classe di concorso A019) nelle scuole superiori conseguita a seguito di concorso ordinario presso

Dettagli

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron REGIONE PIEMONTE Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron PROVINCIA DI BIELLA Ricetto - Uno dei borghi più belli d Italia Centro Documentazione Ricetti Ricetto di Candelo (BI) Piano di Programmazione:

Dettagli

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n.

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. 42/1997) 1) le domande di iscrizione all Albo degli Istituti culturali della

Dettagli

CULTURA EUROPEA I testi biblici come fonte del pensiero filosofico e teologico, della letteratura e dell arte

CULTURA EUROPEA I testi biblici come fonte del pensiero filosofico e teologico, della letteratura e dell arte BIBBIA E CULTURA EUROPEA I testi biblici come fonte del pensiero filosofico e teologico, della letteratura e dell arte Master universitario di primo livello Facoltà di Lettere e Filosofia in collaborazione

Dettagli

FILMAGOGIA 2015. - valorizzare la prassi dell audiovisivo in chiave formativa ed educativa;

FILMAGOGIA 2015. - valorizzare la prassi dell audiovisivo in chiave formativa ed educativa; FILMAGOGIA PROGRAMMA Filmagogia Per una teoria e prassi del film in contesti educativi e mediali I PREMI Premio Filmagogia Premio Fondazione Augusta Pini e Istituto del Buon Pastore Menzioni Speciali 10-12

Dettagli

Regolamento Archivio Biblioteca Quadriennale di Roma

Regolamento Archivio Biblioteca Quadriennale di Roma Regolamento Archivio Biblioteca Quadriennale di Roma 1. Ambiti e finalità 2. Condizioni di accesso 3. Servizi per il pubblico 4. Fondi archivistici 4.1 Consultazione 4.2 Riproduzione e pubblicazione di

Dettagli

KARA EUROPA. NEWSLETTER N. 15 (27 Dicembre 2006)

KARA EUROPA. NEWSLETTER N. 15 (27 Dicembre 2006) Servizio di informazione sulle opportunità di mobilità e volontariato in Europa promosso dalla in collaborazione con Coop. sociale Kara Bobowski NEWSLETTER N. 15 (27 Dicembre 2006) Indice 1. CORSO DI PERFEZIONAMENTO

Dettagli

SCUOLA DI STORIA ORALE DELL AISO SECONDA EDIZIONE ESERCIZI CON LA MEMORIA: DALLA RICERCA ALLA CONSERVAZIONE, PRESENTAZIONE

SCUOLA DI STORIA ORALE DELL AISO SECONDA EDIZIONE ESERCIZI CON LA MEMORIA: DALLA RICERCA ALLA CONSERVAZIONE, PRESENTAZIONE SCUOLA DI STORIA ORALE DELL AISO SECONDA EDIZIONE Torino, 5/7 novembre 2012 Archivio di Stato di Torino (Piazza Castello 209) ESERCIZI CON LA MEMORIA: DALLA RICERCA ALLA CONSERVAZIONE, ESPERIENZE E BUONE

Dettagli

Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia Anno Accademico 2013-2014

Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia Anno Accademico 2013-2014 PONTIFICIA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE Sezione SAN LUIGI Via Petrarca, 115-Napoli Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia Anno Accademico 2013-2014 Indirizzi Percorsi di arte e teologia

Dettagli

Carta dei servizi della Biblioteca G. Guglielmi dell Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBACN)

Carta dei servizi della Biblioteca G. Guglielmi dell Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBACN) Carta dei servizi della Biblioteca G. Guglielmi dell Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBACN) La Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici

Dettagli

FEDIC SCUOLA CIAS Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola Biennale del Cinema e della Multimedialità Sottodiciotto Festival festival rassegne

FEDIC SCUOLA CIAS Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola Biennale del Cinema e della Multimedialità Sottodiciotto Festival festival rassegne FEDIC SCUOLA Fedic Scuola è stata costituita nel 1985 con l'obiettivo di svolgere l attività di educazione all'immagine attraverso la fruizione e la produzione di filmati all'interno di progetti didattici

Dettagli

Area Studenti Ufficio Esami di Stato e Corsi Post Lauream. Repertorio1976/2010 Prot 36496 del 11/11/2010 IL RETTORE

Area Studenti Ufficio Esami di Stato e Corsi Post Lauream. Repertorio1976/2010 Prot 36496 del 11/11/2010 IL RETTORE Area Studenti Ufficio Esami di Stato e Corsi Post Lauream Repertorio1976/2010 Prot 36496 del 11/11/2010 IL RETTORE VISTO l art. 3 del D.M. 509/99, ora integrato e/o modificato dal D.M. 270/04; la legge

Dettagli

Commerciale grafico, odontotecnico, ottico determinabili DA VINCI

Commerciale grafico, odontotecnico, ottico determinabili DA VINCI TIPOLOGIA DEL PROGETTO Finanziamento totale da parte di soggetti esterni: SI NO Se SI, entità del finanziamento: Finanziamento parziale da parte di soggetti esterni: SI NO Se SI, entità del finanziamento:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA approvata con Deliberazione della Giunta Comunale n. 75 del 01/12/2011

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA approvata con Deliberazione della Giunta Comunale n. 75 del 01/12/2011 COMUNE DI MONTEVEGLIO BIBLIOTECA COMUNALE Provincia di Bologna "M. ZAGNONI" CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA approvata con Deliberazione della Giunta Comunale n. 75 del 01/12/2011 in vigore dal 01/01/2012

Dettagli

Programma Sabato 25 ottobre Modena

Programma Sabato 25 ottobre Modena Memoria della seconda guerra mondiale- Approccio comparato Italia - Francia Ruolo nell'insegnamento utilizzo delle risorse locali Resistenza e Deportazione Corso di formazione dal 26 al 31 ottobre 2008

Dettagli

II EDIZIONE «IDEA ASSURDA PER UN FILMAKER» 2016

II EDIZIONE «IDEA ASSURDA PER UN FILMAKER» 2016 II EDIZIONE «IDEA ASSURDA PER UN FILMAKER» 2016 II Premio di Studio GIANFRANCO BREBBIA VENERDÌ 22 APRILE 2016 Aula Magna del Collegio Carlo Cattaneo Università degli Studi dell Insubria Via Dunant, 5 Varese

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE In vigore dal 2012 Servizio Cultura e Spettacolo - rev 2 Servizio CULTURA E SPETTACOLO Servizio Bibliotecario Comunale

Dettagli

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016 PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO Anno scolastico 2015/2016 Le recenti disposizioni in materia di alternanza scuola / lavoro sono state una preziosa opportunità per sviluppare nuovi progetti di collaborazione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 907 del 23 marzo 2010 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 907 del 23 marzo 2010 pag. 1/6 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 907 del 23 marzo 2010 pag. 1/6 Regione del Veneto Unità di Progetto Attività Culturali e Spettacolo Organizzazione e funzionamento della Mediateca

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE BIBLIOTECA COMUNALE CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA approvata con Deliberazione della Giunta Comunale n. 9 del 09/02/2012 in vigore dal 13/02/2012 Biblioteca Comunale

Dettagli

WORKSHOP I TER AZIO ALE FORME VISUALI DEL PASSATO. ARRARE, MAPPARE E VISUALIZZARE LE MEMORIE DEL CO FI E ITALO-SLOVE O GORIZIA, OTTOBRE-DICEMBRE 2010

WORKSHOP I TER AZIO ALE FORME VISUALI DEL PASSATO. ARRARE, MAPPARE E VISUALIZZARE LE MEMORIE DEL CO FI E ITALO-SLOVE O GORIZIA, OTTOBRE-DICEMBRE 2010 WORKSHOP I TER AZIO ALE FORME VISUALI DEL PASSATO. ARRARE, MAPPARE E VISUALIZZARE LE MEMORIE DEL CO FI E ITALO-SLOVE O GORIZIA, OTTOBRE-DICEMBRE 2010 L' obiettivo del Workshop è di fornire a un gruppo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA VIDEOTECA BIBLIOTECA "VIGOR"

REGOLAMENTO DELLA VIDEOTECA BIBLIOTECA VIGOR REGOLAMENTO DELLA VIDEOTECA BIBLIOTECA "VIGOR" Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 26/45859/08 del 24/07/2008 CAPO PRIMO Finalità del Servizio ----------------------------------------------------------pag.

Dettagli

Per un Italia rinnovata, nei valori dell Antifascismo, della Resistenza e della Costituzione

Per un Italia rinnovata, nei valori dell Antifascismo, della Resistenza e della Costituzione n. 61 25 gennaio / 1 febbraio 2013 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Appello dell ANPI per le elezioni del 24 e 25 febbraio Per un Italia rinnovata, nei valori dell Antifascismo, della Resistenza e della

Dettagli

150 ANNI. E POI? SGUARDI DI LUNGO PERIODO ALLA STORIA DELL ITALIA UNITA I GIOVANI INCONTRANO LA STORIA

150 ANNI. E POI? SGUARDI DI LUNGO PERIODO ALLA STORIA DELL ITALIA UNITA I GIOVANI INCONTRANO LA STORIA 150 ANNI. E POI? SGUARDI DI LUNGO PERIODO ALLA STORIA DELL ITALIA UNITA I GIOVANI INCONTRANO LA STORIA Giuliano Albarani Insegnante di materie letterarie, collabora con la Facoltà di Lettere e Filosofia

Dettagli

DIALOGHI CON CESARE PAVESE ITINERARI PAVESIANI TRA LETTERATURA, STORIA E MITO

DIALOGHI CON CESARE PAVESE ITINERARI PAVESIANI TRA LETTERATURA, STORIA E MITO COMUNE DI CREMONA Assessorato Politiche Educative, Formazione Professionale e Rapporti con l Università DIALOGHI CON CESARE PAVESE ITINERARI PAVESIANI TRA LETTERATURA, STORIA E MITO GLI OBIETTIVI L iniziativa

Dettagli

CONTRIBUTI ALLA PROMOZIONE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ITALIANA ALL ESTERO

CONTRIBUTI ALLA PROMOZIONE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ITALIANA ALL ESTERO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN

BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN BANDO DI AMMISSIONE CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO PER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale italiano all estero Istituito ai sensi del DM 22.10.2004

Dettagli

Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP 0 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 23 gennaio 2007 OGGETTO: COSTITUZIONE NUOVO ISTITUTO

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica Art. 1. È costituita l Associazione culturale denominata MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica.

Dettagli

Istituto per la Storia e le Memorie del Novecento Parri E-R

Istituto per la Storia e le Memorie del Novecento Parri E-R Istituto per la Storia e le Memorie del Novecento Parri E-R Conferenza Stampa L'Istituto per la Storia e le Memorie del Novento Parri E-R è lieto di invitarvi il giorno 18 settembre alle ore 10 presso

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

REGOLAMENTO QUADRO SU FUNZIONI E SERVIZI DELLE BIBLIOTECHE DI ATENEO

REGOLAMENTO QUADRO SU FUNZIONI E SERVIZI DELLE BIBLIOTECHE DI ATENEO REGOLAMENTO QUADRO SU FUNZIONI E SERVIZI DELLE BIBLIOTECHE DI ATENEO (emanato con D.R. n.706, prot. n. 12352-I/3 del 11.06.2010) Art. 1. Funzioni delle Biblioteche Art. 2. Calendario e orari Art. 3. Accesso

Dettagli

Lezioni di storia contemporanea (1848-1946) Diritti e cittadinanza. Fonti e percorsi di ricerca

Lezioni di storia contemporanea (1848-1946) Diritti e cittadinanza. Fonti e percorsi di ricerca Lezioni di storia contemporanea (1848-1946) Diritti e cittadinanza. Fonti e percorsi di ricerca L promuove un ciclo di incontri e seminari, aperti a studenti, docenti e studiosi, intesi a ripercorrere

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

All. A2 ARCHIVI. Soggetto proponente: COMUNE DI BOLOGNA - PROGETTI PRESENTATI: N. 3. Pagina 1 di 5. Note: Note: Note:

All. A2 ARCHIVI. Soggetto proponente: COMUNE DI BOLOGNA - PROGETTI PRESENTATI: N. 3. Pagina 1 di 5. Note: Note: Note: All. A2 PIANO PROVINCIALE 2012 - SCHEMA RIASSUNTIVO DEI PROGETTI PER I QUALI SI PROPONE UN INTERVENTO DIRETTO DELL'ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA TIPOLOGIA

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

Programma di attività di IBACN - ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI. Versione: 4/2015 (02/11/2015) Stato: Approvato

Programma di attività di IBACN - ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI. Versione: 4/2015 (02/11/2015) Stato: Approvato Programma di attività di IBACN - ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI Versione: 4/2015 (02/11/2015) Stato: Approvato Responsabile: ZUCCHINI ALESSANDRO Email: DirezioneIbc@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

Novembre 1985 Si è iscritto al corso di laurea in storia presso la Facoltà di Lettere dell'università di Pisa.

Novembre 1985 Si è iscritto al corso di laurea in storia presso la Facoltà di Lettere dell'università di Pisa. 1 ENRICO FRANCIA CURRICULUM DELL'ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA LUOGO E DATA DI NASCITA: Acquasanta Terme (A.P.), 14 luglio 1966 TITOLO DI STUDIO: Dottorato in storia contemporanea RESIDENZA: Padova,

Dettagli

Attività didattiche 2012-2013

Attività didattiche 2012-2013 Attività didattiche 2012-2013 VISITA TRADIZIONALE Lungo un percorso di 30 sale i ragazzi sono accompagnati a conoscere i fatti e i protagonisti che hanno portato all indipendenza e all unità d Italia.

Dettagli

Sito facoltà: http://facolta.unica.it/studiumanistici Pagina web Corso: http://corsi.unica.it/beniculturaliespettacolo/

Sito facoltà: http://facolta.unica.it/studiumanistici Pagina web Corso: http://corsi.unica.it/beniculturaliespettacolo/ Pagina web : http://corsi.unica.it/beniculturaliespettacolo/ di laurea in Beni Culturali & Spettacolo L1 Beni culturali L Discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda Test

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN BENI STORICO-ARTISTICI DIPARTIMENTO DELLE ARTI VISIVE, PERFORMATIVE E MEDIALI PRESENTAZIONE La Scuola di Specializzazione in Beni

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM Approvato con D.G.C. n. 50 del 18/05/09 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. AOODGAI/1574 Roma, 17 febbraio 2010 Agli Istituti di Istruzione Secondaria di primo e secondo grado LORO SEDI Agli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e, p.c., All Ufficio del Capo di Gabinetto

Dettagli

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II Presentazione Un Master per i mestieri della cultura Un anno dopo la triennale, con una forte componente professionale,

Dettagli

biblioteca statale >>MACERATA

biblioteca statale >>MACERATA MACERATA biblioteca statale L > PRESENTAZIONE Che cosa è la Carta della Qualità dei Servizi a Carta della qualità dei servizi risponde all esigenza di fissare principi e regole nel rapporto tra le amministrazioni

Dettagli

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II Presentazione Un Master per i mestieri della cultura Un anno dopo la triennale, con una forte componente professionale,

Dettagli

Per non dimenticare. Riordino e valorizzazione dell archivio dell Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica

Per non dimenticare. Riordino e valorizzazione dell archivio dell Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica Salvatore Alongi, Lorenza Iannacci Per non dimenticare. Riordino e valorizzazione dell archivio dell Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica E-Review 1-2013 Bologna (BraDypUS) 2014 #patrimonio

Dettagli

SETTORE CULTURA, TURISMO, SPORT E TEMPO LIBERO PIANO PROVINCIALE 2003

SETTORE CULTURA, TURISMO, SPORT E TEMPO LIBERO PIANO PROVINCIALE 2003 SETTORE CULTURA, TURISMO, SPORT E TEMPO LIBERO PIANO PROVINCIALE 2003 INTERVENTI PER BIBLIOTECHE, ARCHIVI STORICI, MUSEI E BENI CULTURALI (L. R. 18/2000) ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA N. 173 DEL 23/04/2003

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2007/2008

Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2007/2008 Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2007/2008 Il Corso di laurea di primo livello (Laurea triennale) in Scienze dei Beni culturali (che si inserisce nella classe delle lauree in Scienze

Dettagli

CRITICA GIORNALISTICA (Teatro Cinema Televisione Musica)

CRITICA GIORNALISTICA (Teatro Cinema Televisione Musica) MASTER DI PRIMO LIVELLO IN CRITICA GIORNALISTICA (Teatro Cinema Televisione Musica) a.a. 2014/2015 B A N D O U F F I C I A L E Art. 1 Per l anno accademico 2014/2015, è istituito, presso l Accademia Nazionale

Dettagli

Progetto Musica in Emilia Romagna

Progetto Musica in Emilia Romagna Progetto Musica in Emilia Romagna Progetto per la diffusione della pratica musicale nelle scuole Bologna 2008 Il progetto regionale Musica, nato dall intesa di tre enti (Regione Emilia Romagna, Assessorato

Dettagli

DALLE CARTE D ARCHIVIO ALL EDIZIONE DIGITALE: UN ESPERIENZA DIDATTICA DEL LICEO LAURA BASSI DI BOLOGNA

DALLE CARTE D ARCHIVIO ALL EDIZIONE DIGITALE: UN ESPERIENZA DIDATTICA DEL LICEO LAURA BASSI DI BOLOGNA DALLE CARTE D ARCHIVIO ALL EDIZIONE DIGITALE: UN ESPERIENZA DIDATTICA DEL LICEO LAURA BASSI DI BOLOGNA Nell anno scolastico 2012-2013 le cinque classi della sezione E del Liceo Laura Bassi di Bologna sono

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ ARCHEOLOGICHE DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO DEL PARCO ARCHEOLOGICO DI CLASSE

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ ARCHEOLOGICHE DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO DEL PARCO ARCHEOLOGICO DI CLASSE CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ ARCHEOLOGICHE DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO DEL PARCO ARCHEOLOGICO DI CLASSE LA FONDAZIONE PARCO ARCHEOLOGICO DI CLASSE, denominata RavennAntica, avente

Dettagli

Archivi audiovisivi in Italia: il quadro delle problematiche. Letizia Cortini - Fondazione Archivio Audiovisivo del movimento operaio e democratico

Archivi audiovisivi in Italia: il quadro delle problematiche. Letizia Cortini - Fondazione Archivio Audiovisivo del movimento operaio e democratico Archivi audiovisivi in Italia: il quadro delle problematiche Letizia Cortini - Fondazione Archivio Audiovisivo del movimento operaio e democratico 1 Link Banca dati Xdams http://video.luce.xdams.net vetrina

Dettagli

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.)

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) Chi siamo? È questa la tua scuola? La nostra scuola c è dal 1870. Prima come Istituto Magistrale, poi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ETTORE MAJORANA GUIDONIA MONTECELIO. 1982 Diploma di Biblioteconomia - Scuola Vaticana

LICEO SCIENTIFICO ETTORE MAJORANA GUIDONIA MONTECELIO. 1982 Diploma di Biblioteconomia - Scuola Vaticana Allegato 3 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome CICCOTTI EUSEBIO Data di nascita 07/10/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale DIRIGENTE SCOLASTICO LICEO SCIENTIFICO ETTORE MAJORANA

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA. Biblioteca Centrale REGOLAMENTO

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA. Biblioteca Centrale REGOLAMENTO REGOLAMENTO Art. 1 - Compiti e servizi della Biblioteca Art. 2 - Organizzazione della Biblioteca - Il Coordinatore gestionale - Il Comitato scientifico - Il Presidente del Comitato scientifico Art. 3 -

Dettagli

18 / 19 settembre 2014

18 / 19 settembre 2014 Convegno Nazionale 18 / 19 settembre 2014 GALATINA Palazzo della Cultura Piazza Alighieri n. 51 Assessorato alla Cultura e Polo Biblio-Museale Il convegno nazionale Pietro e Cesira Siciliani: filosofia

Dettagli

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio RAFFAELLA MANELLI Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio Quaderni Estensi Rivista, I 2009 Con l avvio da parte

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino

Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino I edizione 2004-2005 Guida al Percorso Formativo Guida aggiornata al 29/09/2004 COREP - Consorzio per la Ricerca e l Educazione Permanente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE LETTERE E BENI CULTURALI Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici MANIFESTO DEGLI STUDI A.A.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE LETTERE E BENI CULTURALI Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE LETTERE E BENI CULTURALI Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 Posti per l anno accademico 2015/16: 20 Durata del corso:

Dettagli

BANDO 6ARTISTA. PROGETTO PER I GIOVANI ARTISTI 4. EDIZIONE 2013

BANDO 6ARTISTA. PROGETTO PER I GIOVANI ARTISTI 4. EDIZIONE 2013 BANDO 6ARTISTA. PROGETTO PER I GIOVANI ARTISTI 4. EDIZIONE 2013 Premessa L Associazione Civita, in collaborazione con la Fondazione Pastificio Cerere, bandisce la IV edizione del Premio 6ARTISTA, finalizzato

Dettagli

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 BANDO LOMBARDIA REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 Progetti di promozione Beneficiari educativa e culturale di preminente interesse Enti locali, Università, soggetti pubblici e soggetti privati no regionale

Dettagli

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley PICENTINI IN LUCE Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley Seminario di studio per insegnanti ed operatori culturali Laboratori didattici per

Dettagli

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo

Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo Conferenza di Ateneo sulla Didattica La valutazione della qualità della didattica 26 febbraio 2015 Dipartimento di Filosofia Comunicazione Spettacolo All interno del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione

Dettagli

FOTO. Facoltà di Lettere XXXXX e Filosofia. Laurea magistrale. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. Percorsi Formativi

FOTO. Facoltà di Lettere XXXXX e Filosofia. Laurea magistrale. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. Percorsi Formativi Percorsi Formativi Facoltà di Lettere XXXXX e Filosofia Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo aperti lunedì, martedì,

Dettagli

Comitato per il 60 anniversario della Resistenza e Liberazione PROGRAMMA

Comitato per il 60 anniversario della Resistenza e Liberazione PROGRAMMA Comitato per il 60 anniversario della Resistenza e Liberazione PROGRAMMA delle iniziative per la celebrazione del Sessantesimo anniversario della Resistenza e della Liberazione Adottato dal Comitato per

Dettagli

liceo scienze applicate

liceo scienze applicate imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein liceo scienze applicate liceo scientifico SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO, PERCHè L ISTITUTO SOBRERO RAPPRESENTA UN POLO FORMATIVO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATORE: prof. Alessandro Pepe COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE Pepe Alessandro

Dettagli

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INCONTRO CON LA STAMPA PARLAMENTARE Sala del Mappamondo 20 dicembre 2012 INDICE Introduzione....3 Il sito Internet...4 La rassegna stampa...4 La Web tv...5

Dettagli

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n.

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. 42/1997) 1) Entro il 15 gennaio 2016 gli istituti culturali in possesso dei

Dettagli

Programma d esame di storia, cittadinanza e costituzione, geografia

Programma d esame di storia, cittadinanza e costituzione, geografia ISTITUTO COMPRENSIVO M. BUONARROTI - Rubano - (Pd) Programma d esame di storia, cittadinanza e costituzione, geografia Docente: Prof.ssa Zanella Elena Classe: 3 A Anno scolastico 2012/2013 STORIA Libro

Dettagli

RAPPORT DE STAGE Erasmus Placement. Romano Summa

RAPPORT DE STAGE Erasmus Placement. Romano Summa RAPPORT DE STAGE Erasmus Placement Febbraio Giugno 2012 Bibliothèque du département d Italien et de Roumain Université Paul-Valéry, Montpellier III Romano Summa Il mio primo contatto con la biblioteca

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA - Fondazione Allegato a) alla decisione n. 23/PR del 8.03.2006 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA Art. 1 - Istituzione

Dettagli

Il Centro Internazionale di Studi sull Emigrazione Italiana di Genova

Il Centro Internazionale di Studi sull Emigrazione Italiana di Genova Il Centro Internazionale di Studi sull Emigrazione Italiana di Genova di Silvia Martini Responsabile iniziative Emigrazione Autorità Portuale di Genova 43 Il progetto Per recuperare e valorizzare la memoria

Dettagli

Biblioteca della Fondazione Collegio San Carlo di Modena

Biblioteca della Fondazione Collegio San Carlo di Modena Biblioteca della Fondazione Collegio San Carlo di Modena Carta dei servizi Principi La Biblioteca è un istituto che concorre a garantire il diritto dei cittadini ad accedere liberamente alla cultura, all

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Bongiovanni Maria Letizia Telefono 0516598631 Fax E-mail marialetizia.bongiovanni@provincia.bologna.it Nazionalità Italiana

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DI ARTE E TEOLOGIA

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DI ARTE E TEOLOGIA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE DI ARTE E TEOLOGIA 1. Percorsi transdisciplinari di arte e teologia 2. Proposte per una nuova architettura sacra La Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia intende approfondire

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Master in Critica Giornalistica Teatro Cinema Televisione Musica a.a. 2012/2013

Master in Critica Giornalistica Teatro Cinema Televisione Musica a.a. 2012/2013 Art. 1 Master in Critica Giornalistica Teatro Cinema Televisione Musica a.a. 2012/2013 Per l anno accademico 2012/2013, è istituito, presso l Accademia Nazionale d Arte Drammatica Silvio D Amico, il Master

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione sulla Storia del 900 Relazione attività svolta nel 2010 e relazione programmatica 2011

Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione sulla Storia del 900 Relazione attività svolta nel 2010 e relazione programmatica 2011 Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione sulla Storia del 900 Relazione attività svolta nel 2010 e relazione programmatica 2011 Durante il 2010 ha preso avvio l attività editoriale del Centro

Dettagli

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO Regione Autonoma della Sardegna Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO DIRETTIVE SCIENTIFICHE PER IL TRIENNIO 2006/2008 E PROGRAMMA ANNUALE DI ATTIVITÀ 2006 Direttive scientifiche

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di secondo grado Storia, tradizioni condivise e memorie collettive

Concorso per le scuole secondarie di secondo grado Storia, tradizioni condivise e memorie collettive PROGETTO Costruire la Nazione Concorso per le scuole secondarie di secondo grado Storia, tradizioni condivise e memorie collettive L Associazione educativo-culturale Torino School Time, in collaborazione

Dettagli

Per maggiori informazioni http://sog.luiss.it/programs/mago/

Per maggiori informazioni http://sog.luiss.it/programs/mago/ CENTRO DI RICERCA SULLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE VITTORIO BACHELET MASTER IN AMMINISTRAZIONE E GOVERNO DEL TERRITORIO Per maggiori informazioni http://sog.luiss.it/programs/mago/ 1 Organizzato congiuntamente

Dettagli

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Comune di Clusone Deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 27/12/2005 Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Art. 1 (Oggetto del Regolamento) E istituito il MAT

Dettagli

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo

Corso di Laurea in Musica e Spettacolo 1 Corso di Laurea in Musica e Spettacolo (Classe delle Lauree in Scienze e tecnologie delle Arti figurative, della Musica, dello Spettacolo e della Moda, classe 23) Regolamento didattico Art. 1. Denominazione

Dettagli

GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO. Classe di Laurea LMG/01 DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA

GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO. Classe di Laurea LMG/01 DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO GIURISPRUDENZA Classe di Laurea LMG/01 DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof.ssa Iolanda Piccinini E-mail: piccinini@lumsa.it LMG/01

Dettagli

Introduzione e contesto generale

Introduzione e contesto generale Introduzione e contesto generale Il Trattato di Lisbona è entrato in vigore il 1 dicembre 2009. L apertura verso un coinvolgimento significativo delle realtà regionali e locali nelle dinamiche decisionali

Dettagli