Europa e approvvigionamenti di gas: alcuni possibili scenari per il prossimo decennio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Europa e approvvigionamenti di gas: alcuni possibili scenari per il prossimo decennio"

Transcript

1 5. Europa e approvvigionamenti di gas: alcuni possibili scenari per il prossimo decennio La crisi tra Russia e Ucraina e l ondata di instabilità che ha investito il Nord Africa-Medio Oriente hanno messo in luce, ancora un volta, le criticità del sistema di approvvigionamento energetico europeo. La Russia appare destinata a conservare il ruolo di pivot energetico del Vecchio Continente anche in futuro. In quest ottica, al di là della realizzazione delle necessarie infrastrutture di collegamento alternative, gli sforzi europei dovrebbero concentrarsi nella riduzione delle barriere interne, affiancate alla costituzione di una capacità di stoccaggio sufficiente a gestire i momenti di crisi. L emergere di break tecnologici nell upstream potrebbe, tuttavia, ribaltare i rapporti di competitività tra fonti di approvvigionamento alternative, favorendo l export nordamericano di gas sul mercato europeo. Il paniere energetico europeo è dominato dalle fonti fossili: petrolio, gas e carbone forniscono oltre tre quarti del fabbisogno dell Unione Europea. La produzione interna dei Paesi europei è tuttavia sempre più limitata e la maggioranza dei consumi energetici (55 per cento) è soddisfatta da importazioni, creando una vera e propria dipendenza delle economie europee dai propri fornitori internazionali. La centralità del gas nella sicurezza energetica europea Nonostante il rapido sviluppo delle fonti rinnovabili, il loro contributo in termini di riduzione della dipendenza europea può avere un impatto determinante solo in un orizzonte temporale di lungo periodo, misurabile in decenni. Con l eccezione dell idroelettrico, che però non può essere espanso ulteriormente, le rinnovabili non sono infatti un settore maturo. La sicurezza energetica europea continua dunque a dipendere dall approvvigionamento internazionale di fonti fossili. Tra queste, il gas naturale riveste un ruolo particolare. Nonostante il calo dei consumi indotto dalla crisi economica e dai sussidi alle rinnovabili, le centrali termoelettriche alimentate a gas rappresentano un elemento essenziale per garantire sia volumi di produzione sufficiente sia la flessibilità di funzionamento del sistema, grazie alle caratteristiche tecniche degli impianti, che possono essere rapidamente avviati. La rilevanza del gas non si limita al settore elettrico: i consumi per usi civili sono praticamente insostituibili nel breve periodo senza costi enormi, soprattutto nel caso del riscaldamento delle abitazioni private. Anche nel settore industriale, infine, il gas rappresenta un input importante per garantire la competitività di interi settori ad alta intensità energetica. prometeia rapporto di previsione luglio

2 gli approfondimenti L approvvigionamento europeo: lo scenario di riferimento La rilevanza dei consumi finali di gas, combinata con l alto e crescente livello di dipendenza dalle importazioni, pone la questione dell approvvigionamento al centro della sicurezza energetica europea. Nel 2013, il fabbisogno di gas europeo è stato di 462 miliardi di metri cubi (bcm), di cui solo il 33 per cento è stato prodotto internamente. Il resto dei consumi è stato importato, lungo quattro direttrici dominanti: Russia (27 per cento), Norvegia (23 per cento), Nord Africa (9 per cento) e il resto (8 per cento) via metaniera, sotto forma di GNL 1. Negli ultimi anni, l instabilità politica lungo le direttici russa e nordafricana ha creato forti preoccupazioni per l affidabilità dei flussi. Analizzare l evoluzione della situazione nello spazio post-sovietico e in Africa Settentrionale e i possibili impatti sulle esportazioni di gas è dunque centrale per valutare le prospettive per i mercati europei, in termini di sicurezza e di dinamiche di prezzo. Il punto di partenza dell analisi è uno scenario di riferimento relativo alle dinamiche di approvvigionamento europeo in un orizzonte temporale di medio-lungo periodo (al 2025) basato su una valutazione positiva in termini di stabilità politica lungo tutte le direttici di importazione. Nello scenario di riferimento, la domanda di gas naturale dei Paesi Ue è destinata a crescere a ritmi contenuti, con un fabbisogno stimato di 500 bcm al 2025, a livelli dunque ancora inferiori al picco storico del 2010 (527 bcm). Nonostante il ritorno a una modesta crescita economica, le attese sono di un ulteriore contrazione del consumo di energia per unità di PIL prodotto, causata dall aumento di efficienza e dalla crescita inferiore alla media delle attività ad alta intensità energetica. Tab. 5.1 Bilancio gas naturale Ue: scenario di riferimento (miliardi di metri cubi, bcm) delta CAGR Consumi % Produzione % Importazioni % Fonte: nostre stime su dati IEA (International Energy Agency), European Commission, Eurogas. In continuità con la situazione attuale, l elemento centrale resterà la dipendenza europea dalle importazioni. A differenza di quanto avvenuto nel contesto nordamericano, il gas non convenzionale è destinato a rimanere un fenomeno marginale in Europa, a causa dei limiti politici, legali e geologici presenti in tutta l Europa continentale. Combinando questo aspetto con una produzione convenzionale in calo a causa dell esaurimento dei bacini storici, emerge un aumento complessivo del fabbisogno di gas importato pari a 59 bcm. Tab. 5.2 La mappa degli approvvigionamenti (bcm) delta CAGR Importazioni: % Russia % Norvegia % Algeria % Corridoio meridionale 10 Libia % Qatar % Stati Uniti 5 Altri GNL % Fonte: 2013, elaborazioni su dati Eurogas e GIIGNL (International Group of Liquefied Natual Gas Importers); 2025, nostre stime. 1 Eurogas rapporto di previsione prometeia

3 5. Europa e approvvigionamenti di gas: alcuni possibili scenari per il prossimo decennio Nello scenario di riferimento, la Russia è destinata a consolidare il proprio ruolo di principale fornitore europeo di gas, aumentando le esportazioni dirette in Ue fino a 150 bcm all anno. Il gas proverrà soprattutto dalla Siberia Occidentale e arriverà sui mercati europei attraverso l attuale sistema di esportazione, costituito da rete ucraina, Yamal-Europa, North Stream, gasdotti minori verso le repubbliche baltiche e la Finlandia. A queste infrastrutture, la cui capacità teorica annua supera oggi i 200 bcm, si aggiungerà il nuovo gasdotto South Stream, con una capacità annua superiore ai 60 bcm. L ipotesi è che, nonostante l attuale opposizione della Commissione Europea, il gasdotto goda di un livello di sostegno da parte del governo russo e dei principali governi nazionali europei tale da portare alla realizzazione dell infrastruttura. La Federazione Russa e l instabilità in Ucraina Nel contesto attuale esistono diverse incognite che possono avere ripercussioni negative sui flussi di esportazione russi. La prima è quella relativa all instabilità in Ucraina, sul cui territorio transita oggi oltre la metà del gas esportato in Ue. Alla fine del 2013, il Paese sembrava avviato verso un marcato rafforzamento delle relazioni con Mosca, ma dopo la cacciata di Yanukovych e la destabilizzazione del Paese la tensione con la Russia è improvvisamente aumentata e con essa i rischi per l Europa. L esito del cambio di regime nei prossimi anni sarà il permanere di un governo centrale ucraino molto debole e fortemente dipendente dal sostegno politico ed economico occidentale, incapace di imporre la propria autorità sulle regioni orientali. In queste regioni si registrerà un aumento del livello di autonomia, senza però giungere a una secessione, a causa dell assenza di un appoggio russo per questa ipotesi. L evoluzione della situazione in Ucraina non è destinata ad avere un impatto duraturo sulle forniture russe, per diverse ragioni. In primo luogo, la Russia e i grandi Paesi importatori europei condividono un forte interesse economico per la stabilità dei flussi, non solo di gas naturale, ma anche di petrolio. Questo interesse comune rappresenta un importante elemento di contenimento della crisi politica in Ucraina. In secondo luogo, l Ucraina è destinata a restare dipendente in misura significativa dalle forniture energetiche russe, a causa degli alti costi di una completa diversificazione. Questa situazione limita fortemente la possibilità per il governo di Kiev di utilizzare la minaccia di interrompere i flussi di gas come arma negoziale nei confronti della Russia e dei Paesi Europei. Inoltre, nonostante i possibili ritardi, la realizzazione del gasdotto South Stream è destinata a ridurre notevolmente la rilevanza del transito attraverso l Ucraina e dunque la capacità di ricatto del governo di Kiev. La seconda incognita relativa alla stabilità delle forniture russe è quella che riguarda la disponibilità di un adeguata capacità di produzione. Nonostante l ampiezza delle riserve russe escluda ogni problema di scarsità al 2025, si pone tuttavia il problema di garantire investimenti adeguati a espandere la capacità di produzione e far fronte al naturale esaurimento dei giacimenti attualmente sfruttati. Nello scenario di riferimento, la disponibilità di capitali russi e internazionali è sufficiente a coprire le esigenze di investimento, che a livello cumulato nel corso del decennio sono nell ordine di alcune centinaia di miliardi di dollari. La disponibilità di capacità produttiva e la stabilità del transito verso l Europa non saranno compromesse nemmeno dalla transizione al vertice del governo russo, plausibilmente prevista per il Come registrato nel corso delle precedenti transizioni politiche, incluso il crollo sovietico, i flussi energetici tra la Russia e i Paesi europei tendono a essere improntati a una forte inerzia. prometeia luglio

4 gli approfondimenti Nemmeno l aumento dei canali di esportazione del gas russo è destinato a compromettere i flussi verso l Europa. Il gas diretto in Cina proverrà infatti dai giacimenti della Siberia Orientale, mentre quello destinato ai mercati globali del GNL proverrà dai giacimenti dell isola di Sakhalin e, se realizzato, dal terminal di Yamal. In entrambi i casi si tratta di bacini produttivi alternativi a quelli principali utilizzati per rifornire i clienti europei, attualmente e in prospettiva futura: la Russia può infatti agire sui mercati internazionali come un insieme di diversi produttori in parallelo, grazie all estensione del proprio territorio e alle grandi riserve provate a diposizione, superiori a bcm. L area nordafricana e la centralità algerina Nello scenario di riferimento l Africa Settentrionale continuerà a rappresentare uno dei canali principali di approvvigionamento europeo, anche se la sua importanza relativa è destinata a diminuire. A contribuire a questa tendenza saranno due fattori: la perdurante e quasi endemica instabilità politica e l aumento dei consumi interni. L instabilità politica non avrà effetti negativi sull integrità delle infrastrutture esistenti e, sebbene siano possibili interruzioni per periodi limitati di tempo, nel complesso i flussi continueranno in modo stabile. L incertezza politica avrà tuttavia un effetto negativo sugli investimenti esteri nell area, riducendo il potenziale produttivo. Per quanto riguarda la Libia, il Paese resterà instabile, ma esistono buone probabilità che in un orizzonte temporale di 2-5 anni emergano soluzioni di compromesso tra i potentati locali che consentiranno una ripresa delle esportazioni petrolifere. In questo arco temporale potranno continuare interruzioni delle esportazioni di gas attraverso il gasdotto Greenstream che collega il paese con l Italia. In seguito alla stabilizzazione del Paese, tuttavia, i flussi di gas riprenderanno a regime (8 bcm all anno), a causa della necessità dei proventi da esportazione per mantenere la stabilità politica. Gli esigui consumi interni non intaccheranno la base per l esportazione. La principale incognita per la sicurezza energetica europea resta tuttavia l evoluzione della situazione in Algeria, il principale produttore della regione. La transizione di potere dall attuale presidente Bouteflika a un nuovo leader appare inevitabile a causa delle condizioni di salute del presidente. Diverse correnti interne all establishment si stanno scontrando da anni per individuare un successore, ma fintanto che Bouteflika è vivo o una delle correnti non prevale, lo scontro è destinato a restare nell ombra. L esito più probabile è che alla morte del presidente emerga una nuova figura di riferimento in grado di governare il Paese in modo analogo a quanto fatto da Bouteflika a partire dal Esiste tuttavia un rischio di destabilizzazione per il Paese. Qualora la lotta per la successione dovesse portare a scontri, il rischio è un crollo degli apparati statali, con una perdita di controllo del territorio che potrebbe trasformarsi in destabilizzazione endemica. Il deterioramento del quadro della sicurezza nel sud e nell est del paese, nella regione costiera della Cabilia (da anni focolaio di rivolta berbera), la crisi del Sahel e della vicina Libia e, più in generale, la porosità dei confini desertici nordafricani potrebbero favorire l ulteriore proliferare di numerosi gruppi terroristici, affiliati ad Al-Qaeda nel Maghreb Islamico e inseriti nei network del crimine transnazionale. In questo caso, i flussi energetici verso l Ue sarebbero seriamente compromessi, a causa sia dei possibili danni alle infrastrutture, sia soprattutto all impossibilità di mantenere gli investimenti necessari nelle attività di produzione. Nello scenario di riferimento la transizione algerina è tuttavia destinata a verificarsi senza una destabilizzazione del Paese, grazie alla consapevolezza da parte dell establishment dei rischi esistenti e grazie alla resilienza degli apparati di sicurezza. Il principale problema per le esportazioni ener- 132 rapporto di previsione prometeia

5 5. Europa e approvvigionamenti di gas: alcuni possibili scenari per il prossimo decennio getiche sarà invece il calo della disponibilità di gas per l esportazione, a causa dell effetto combinato dei limitati investimenti nel corso di questo decennio e dell aumento dei consumi interni, indotto dalla crescita della popolazione. Nel complesso, dunque, i flussi dall Algeria si contrarranno da 36 a 30 bcm all anno. La continuità delle esportazioni algerine verso il principale cliente, l Italia, dipenderà anche dalla stabilità politica in Tunisia. Le dimensioni contenute e l economia relativamente sviluppata rendono la Tunisia il Paese più stabile della regione, ma esistono rischi collegati al malcontento sociale a causa del debole quadro macroeconomico e dell intensificarsi dell attività di gruppi jihadisti, soprattutto nelle aree confinanti con l Algeria. Nello scenario di riferimento, la transizione politica in atto nel Paese è tuttavia destinata ad avere successo, anche grazie alla cooperazione internazionale, portando a una perdurante stabilità o comunque a un instabilità limitata e tale da non compromettere per i flussi di gas algerino. Nello scenario di riferimento, il secondo fornitore di gas per i mercati europei resterà la Norvegia, le cui esportazioni sono previste sostanzialmente stabili (100 bcm). La lieve contrazione è dovuta essenzialmente al progressivo esaurimento della capacità produttiva dei giacimenti più maturi del Mare del Nord. Gli altri canali di approvvigionamento Il terzo fornitore di gas europeo sarà il Qatar, che vedrà le proprie esportazioni verso i mercati Ue aumentare fino a 50 bcm all anno, in netto aumento rispetto ai poco più di 20 bcm del Si tratterà in realtà in larga misura di un recupero di volumi persi negli ultimi due anni: le importazioni di GNL dal Qatar avevano infatti già raggiunto nel 2011 un picco superiore ai 40 bcm. La repentina riduzione dei flussi causata dalla crisi dei consumi in Europa e dall aumento della domanda in Asia orientale, soprattutto in Giappone, ha carattere congiunturale. A portare nella direzione di un recupero sarà innanzitutto l ampia capacità di rigassificazione inutilizzata in Europa, circa 150 bcm annui su poco meno di 200. In presenza di nuova domanda di importazione, i rigassificatori europei rappresenteranno un opzione immediatamente disponibile. Al contempo, l offerta mondiale di GNL conoscerà importanti cambiamenti: in Australia, Malesia, Africa Orientale e Nord America entreranno in funzione nuovi terminali di liquefazione, destinati ad aumentare la pressione competitiva sul Qatar, soprattutto nei mercati dell Asia Orientale. Per gli operatori attivi in Qatar, i mercati europei rappresenteranno uno sbocco sempre più attraente per diversificare i flussi di esportazioni, arrivati a circa 100 bcm nel 2013 e destinati a crescere ulteriormente nel prossimo decennio. Oltre alle esportazioni qatarine, i terminali europei attrarranno GNL in arrivo da produttori minori. I volumi in arrivo dagli Stati Uniti saranno tuttavia limitati a 5 bcm, per due ragioni. Anzitutto la capacità di esportazione effettivamente realizzata entro il prossimo decennio sarà limitata a poche decine di bcm, nella migliore delle ipotesi. Inoltre, i volumi esportati saranno indirizzati principalmente verso i mercati asiatici, sfruttando l ampliamento del Canale di Panama, lasciando ai mercati europei solo volumi marginali. Altri produttori minori, come quelli africani e centroamericani, forniranno altri 12 bcm all anno per i terminali Ue. Infine, un ulteriore direttrice di importazioni per i mercati europei sarà il Corridoio meridionale, costituito dal sistema infrastrutturale Southern Caucasus Pipeline (Azerbaijan-Georgia), TANAP (Turchia) prometeia luglio

6 gli approfondimenti e TAP (Grecia-Albania-Italia). I volumi in arrivo saranno limitati a 10 bcm di produzione azerbaigiana, perché gli altri potenziali produttori dell area o saranno orientati verso il mercato cinese (Turkmenistan) o non saranno in grado di fornire capacità produttiva adeguata, per ragioni economiche e politiche (Iran e Iraq). Un eventuale potenziamento del Corridoio potrebbe avvenire soprattutto in caso di un aumento della produzione azerbaigiana, la cui tempistica è tuttavia al momento incerta. Quali alternative a Kiev? Gli scenari europei del gas in caso di inasprimento della crisi Russia-Ucraina Da un punto di vista energetico, quella dell Ucraina è la posizione di un paese fortemente dipendente dall estero, con un sistema industriale intensivo e inefficiente, e senza strutture alternative per l approvvigionamento. Condizioni che la legano a doppio filo con il principale fornitore di gas naturale, la Russia. Kiev deve far fronte a una bolletta del gas insostenibile per le finanze pubbliche Il gas al momento transita regolarmente, ma la situazione rimane precaria Non meraviglia quindi che negli ultimi anni si siano intensificati gli sforzi da parte di Mosca per portare l Ucraina nella propria area di influenza politica e commerciale, adottando la strategia del bastone e della carota, sia direttamente nei confronti di Kiev, sia indirettamente di Bruxelles, come si è osservato in occasione delle crisi del gas del 2006 e del Di recente, nel 2013, la carota ha preso la forma di uno sconto sostanziale sulle forniture di gas (prezzate a poco meno di 0.27 $/mc) promesso da Mosca come contropartita all interruzione dei colloqui per l istituzione di un accordo di libero scambio con l Ue. Carota che è rapidamente diventata un bastone quando la deposizione di Yanuchovic ha portato a un nuovo allontanamento di Kiev da Mosca. I prezzi delle forniture sono stati immediatamente riportati verso i livelli medi pagati dagli importatori europei, per poi essere nuovamente incrementati nei giorni successivi, fino a 0.49 $/mc: una variazione, ceteris paribus, che comporta per Kiev un maggiore esborso di oltre 5 miliardi di dollari all anno uno sforzo insostenibile per le casse pubbliche, anche a fronte del salvagente di 17 miliardi di dollari complessivi promessi dal FMI. Così, mentre nell est del paese dilagava il conflitto armato tra Kiev e le truppe separatiste, sul fronte energetico Gazprom (sollevando una controversia sui pagamenti del gas) annunciava la chiusura dei rubinetti per l Ucraina, ultimo atto in ordine temporale di questa vicenda. Al momento i transiti in direzione Europa attraverso l Ucraina procedono regolarmente: quest ultima sta gestendo la domanda interna dando fondo alle riserve stoccate e invertendo i flussi nelle pipeline che normalmente portano il gas russo dal confine ucraino verso Slovacchia e Polonia, ma la situazione rimane precaria. Nei prossimi mesi, i rischi legati a una possibile evoluzione negativa dello scenario sono contenuti, per via del calo stagionale dei consumi. I problemi potrebbero tuttavia emergere con l avvicinarsi dell inverno, il periodo dell anno in cui la domanda di gas, trainata dagli utilizzi da riscaldamento, aumenta in maniera consistente (e le pressioni di Gazprom sui clienti, storicamente, si fanno più forti). Per l Europa rinunciare a un flusso di gas di tale entità significa comunque, prima o poi, essere preparata a reperire questi volumi per altre vie. Quali? Solo il completamento del South Stream permetterebbe una totale indipendenza dall Ucraina Considerando l Europa come aggregato, la prima fonte alternativa paradossalmente sarebbe proprio la Russia, che potrebbe reindirizzare il gas destinato al transito sull Ucraina verso altre direttrici. Una possibilità è costituita dall innalzamento del grado di utilizzo della capacità di trasporto del North Stream, il gasdotto che, transitando sotto al Mar Baltico, collega direttamente Russia e Germania, cui si potrebbe aggiungere l utilizzo della capacità di trasporto residua sulla pipeline Yamal- 134 rapporto di previsione prometeia

7 5. Europa e approvvigionamenti di gas: alcuni possibili scenari per il prossimo decennio Tab. 5.3 Principali pipeline di approvvigionamento di gas naturale in Europa Fonte: elaborazioni Prometeia. Europa, che transita per la Bielorussia. Si tratta comunque di una soluzione parziale (in teoria i gasdotti combinati potrebbero fornire circa 30 bcm in più rispetto ai livelli attuali), le cui potenzialità, peraltro, sono attualmente vincolate dall assenza di interconnessioni sufficientemente capaci tra paesi europei. Per via del relativo isolamento tra i singoli mercati nazionali, un incremento delle consegne sulla direttrice settentrionale non risolverebbe infatti i problemi di paesi, come l Italia, fortemente dipendenti dai flussi provenienti dall Ucraina. Nello specifico del caso italiano, la portata delle pipeline alternative non sarebbe sufficiente a garantire la tenuta complessiva delle forniture, che pertanto dovrebbero comunque essere compensate dal contributo di altri paesi, come l Algeria. Un elemento in grado di offrire una soluzione duratura a questo problema si potrebbe trovare nel gasdotto South Stream. La possibilità di portare oltre 60 miliardi di metri cubi di gas al di là del Mar Nero non risolve il problema dell elevata dipendenza europea dalla Russia; tuttavia, permetterebbe di aggirare il blocco ucraino, riducendo in maniera sensibile il rischio complessivo del sistema di approvvigionamento. Con South Stream e North Stream a regime e la presenza di una rete efficiente di pipeline di collegamento tra il Nord e il Sud dell Europa, è ragionevole ipotizzare un incremento dei flussi di gas verso il Vecchio Continente superiore agli 85 bcm, sufficienti a compensare quanto attualmente transita dall Ucraina. Inserendo in questo scenario la completa operatività del gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) tra l Italia e la Turchia, si potrebbero aggiungere (rispetto allo scenario di base) ulteriori 10 bcm all anno di gas proveniente dall area del Mar Caspio. Gli ultimi anni hanno visto uno sviluppo considerevole sia della capacità di trasporto globale di gas naturale liquefatto via nave (GNL) sia di quella di importazione e d esportazione dello stesso, garantita dagli investimenti in rigassificatori e impianti di liquefazione effettuati in Europa e nei principali paesi esportatori. E possibile ipotizzare la sostituzione di 80 bcm di gas con le importazioni via nave? Al momento in Europa la capacità di rigassificazione lascia spazi più che sufficienti, potenzialmente, non soltanto a colmare un eventuale calo delle forniture russe, ma addirittura a tagliare la Russia fuo- Il GNL è un alternativa realistica al gas russo? prometeia luglio

8 gli approfondimenti ri dal mercato Ue. Ma questo vale solo sulla carta. I problemi risiedono al di fuori dei confini europei: la capacità di ricevere gas liquefatto è infatti condizionata all esistenza di un offerta, che in questo caso non solo è limitata (rispetto alla capacità di importazione Ue), ma è anche inelastica, in quanto vincolata dai contratti di lungo periodo necessari a coprire gli investimenti effettuati per la costruzione degli impianti di liquefazione. In altre parole, gli impianti di liquefazione esistenti lavorano tutti a pieno regime, e destinano la loro produzione eccedente verso le aree in cui il prezzo del gas è più vantaggioso (attualmente l Asia, dove il GNL è prezzato a forte premio rispetto all Europa). Affinché il mercato europeo del gas diventi attraente per le forniture di GNL occorre che il prezzo medio salga stabilmente verso quello asiatico Fig. 5.1 (crescendo cioè di quasi il 60 per cento rispetto ai valori attuali) o che quello asiatico scenda in misura analoga o, ancora, che si generi sul mercato globale una eccedenza sufficiente di capacità di esportazione di GNL. In questo senso, le prospettive più interessanti ed economicamente più verosimili risiedono nella combinazione tra la seconda e la terza ipotesi, cioè una convergenza dei prezzi asiatici in direzione di quelli europei, guidati dall incremento dell offerta proveniente dall Asia-Oceania Scenario 1: Alternative all interruzione dei flussi dall Ucraina Ucraina Altre vie North Stream South Stream Miliardi di metri cubi di gas, elaborazioni su fonti varie. Nel lungo periodo le alternative non mancano ma per ora l Europa rimane condizionata da quanto accade in Ucraina Algeria, un altro potenziale fattore di rischio dello scenario In prospettiva, in Europa flussi di GNL aggiuntivi rispetto a quanto ipotizzato nello scenario di base potrebbero essere garantiti dalla prosecuzione della fase espansiva della produzione di gas in Canada e Stati Uniti. Nel complesso, il mercato del GNL nordamericano potrebbe garantire, in prospettiva futura, dai 15 ai 20 bcm di gas in più rispetto a quanto ipotizzato nello scenario di base, che si andrebbero a sommare ai 70 bcm garantiti dalla combinazione tra North Stream e Yamal-Europa (+30 bcm), South Stream (+30 bcm) e TAP (+10 bcm). In totale più di 80 bcm, sufficienti ad annullare i rischi di una interruzione delle forniture passanti per l Ucraina. Ulteriori consegne potrebbero essere, infine, garantite dall Algeria, in procinto di espandere i suoi terminali di rigassificazione e di incrementare la capacità di esportazione di GNL di circa 16 bcm. Si noti che in questo scenario al 2025 è ipotizzato che la capacità del South Stream arrivi a regime (60 bcm/anno). Un ipotesi piuttosto ottimistica, la cui realizzazione, così come per le altre alternative descritte, sottintende il completo superamento delle criticità legate alla consegna delle opere. Anche per quanto riguarda il GNL, occorrerà almeno un quinquennio prima che sul mercato globale si generi un surplus sufficiente a rendere quest ultimo una fonte di approvvigionamento adeguata; ipotesi che richiede, inoltre, il citato potenziamento della rete di interconnessione interna all Europa. In parole povere, le alternative elencate finora (ad eccezione del North Stream) fanno parte di uno scenario futuro, che verosimilmente diventerà tale non prima della fine di questo decennio; ma non riguardano ancora il presente. Se in una prospettiva di più lungo termine è possibile ipotizzare, accanto a un incremento delle forniture russe, anche una loro messa in sicurezza, nel prossimo quinquennio l Europa si troverà comunque a fronteggiare gli stessi problemi di oggi, ma con meno alternative. Non solo per via della riduzione strutturale della produzione del Mare del Nord, che combinata alla prospettiva di un lento recupe- 136 rapporto di previsione prometeia

9 5. Europa e approvvigionamenti di gas: alcuni possibili scenari per il prossimo decennio Fig Sceanrio 2: Alternative all interruzione dei flussi dall Ucraina e dall Algeria Algeria Ucraina GNL aggiuntivo richiesto Altre vie North Stream South Stream Miliardi di metri cubi di gas, elaborazioni su fonti varie. ro della domanda interna (anche nell ipotesi di un aumento dell efficienza energetica complessiva) porterà a un incremento del fabbisogno. Ma anche perché tra i grandi fornitori tradizionali figurano paesi, come l Algeria, la cui stabilità è messa a repentaglio dal deterioramento del quadro geopolitico dell area del Nord Africa/Medio Oriente. Nel 2011, lo scoppio della guerra civile ha portato all azzeramento dell export di gas naturale da Tripoli, una volta considerato un partner energetico affidabile dell Europa. Nello scenario di base l Algeria è ipotizzata fornire all Europa 30 bcm di gas nel 2025: in caso di tensioni politiche, sommati agli 80 bcm dell Ucraina, porterebbero il volume complessivo di gas a rischio a circa bcm, oltre 1/5 della domanda europea di gas naturale prevista nel Cosa succederebbe nel caso di un interruzione contemporanea dei flussi dall Algeria e dall Ucraina? Una situazione di questo genere presenta non poche criticità. Nell immediato si creerebbe un ammanco di gas sul mercato interno pari ad almeno 30 bcm che (nell ipotesi di una capacità di liquefazione globale sufficientemente ampia) potrebbe essere coperto dal GNL: ma perché ciò si verifichi occorre che le quotazioni sulle piazze europee salgano in maniera da coprire il differenziale con i prezzi asiatici, garantendo margini di profitto agli eventuali nuovi fornitori. Una situazione di questo tipo scatenerebbe con ogni probabilità una guerra sui prezzi con l Asia per accaparrarsi carichi aggiuntivi di gas, con corse al rialzo difficilmente sostenibili, per l Europa, per un periodo di tempo prolungato. In ogni caso, tutti gli scenari descritti implicano la conservazione di una forte dipendenza europea dalla Russia. Una riduzione della dipendenza dalle forniture di Gazprom non è ipotizzabile a meno di non comprimere il denominatore, ovvero i consumi europei di gas. In aggiunta agli investimenti descritti in precedenza, l Europa può agire in questa direzione, migliorando la propria capacità di resistere a un interruzione delle forniture. La creazione di un mercato unico del gas, combinata a investimenti massicci destinati a realizzare nuova capacità di stoccaggio, consentirebbe di beneficiare di margini di trattativa molto più ampi nei confronti dei fornitori tradizionali. Un aumento dell autosufficienza europea, anche se per un periodo limitato, si traduce infatti in una punizione più severa (perché significa rinunciare ai profitti per tempi più lunghi) nei confronti del for- Un ipotesi pessimistica: interruzione contemporanea su due fronti Ciò non esclude che sia comunque possibile agire per ridurre il potere di mercato dei fornitori nei confronti dell Europa. La necessità dell Europa di rifornirsi di gas va di pari passo con il bisogno della Russia di finanziare il bilancio pubblico con i profitti della vendita di gas, in un equilibrio in cui nessuno dei due contendenti ha l incentivo a deviare dalla strategia concordata (la stabilità complessiva del commercio di gas). Il payoff non è tuttavia simmetrico: qualsiasi minaccia di deviazione dalla strategia è poco credibile, ma lo è soprattutto per l Europa, dal momento che fare a meno delle forniture di gas in pieno inverno ha un costo politico ed economico molto superiore all eventuale rinuncia a qualche mese di profitto. Una rinuncia che per Gazprom avrà peraltro un costo ancora più contenuto quando le pipeline verso la Cina, a partire dal 2018, aggiungeranno Pechino al parco clienti del monopolista russo. Come riequilibrare i rapporti di forza tra Russia ed Europa? prometeia luglio

10 gli approfondimenti nitore che minacci di interrompere le consegne. E un progetto che, al di là degli ingenti investimenti necessari per realizzare le infrastrutture e rifornire in anticipo gli stock, implica anche un grado elevato di coesione politica tra i paesi membri. Al tempo stesso è però probabilmente l unica strada, nello scenario previsivo al 2025, che possa garantire al Vecchio Continente un certo grado di indipendenza in termini di approvvigionamento di energia. Energia, un pezzo importante nel puzzle geopolitico del futuro Le possibili evoluzioni dello scenario energetico globale descritte nelle precedenti sezioni di questo approfondimento ipotizzano un framework tecnologico pari (o quasi) all attuale, in un mondo in cui gli equilibri tra i grandi attori internazionali non subiscono mutamenti di rilievo rispetto allo status quo. L elevata connotazione strategica dell oil&gas - e più in generale delle materie prime - nell ambito dei processi di crescita mondiale suggerisce, tuttavia, anche un interpretazione più audace di ciò a cui stiamo recentemente assistendo sul palcoscenico internazionale. Gli ultimi mesi hanno visto un susseguirsi di avvenimenti che letti singolarmente potrebbero apparire disgiunti l uno dall altro per obiettivi e possibili effetti, ma guardati nell insieme da una prospettiva più alta disegnano un percorso che potrebbe portare, in un orizzonte di lungo termine, a una nuova contrapposizione negli equilibri di forza fra ovest ed est del mondo. Gli ultimi mesi hanno visto un susseguirsi di eventi che vanno a modificare il quadro di riferimento internazionale lasciando intravvedere passi per la nascita di un nuovo paradigma nella competizione globale Nel luglio del 2013 Unione Europea e Stati Uniti hanno avviato le negoziazioni per la definizione di un accordo di libero scambio (Transatlantic Trade and Investment Partnership, TTIP) finalizzato a un attenuazione delle barriere tariffarie e a un omogeneizzazione delle normative tra i due mercati relativamente al commercio di beni e servizi, inclusa l energia. A marzo 2014 la Cina ha annunciato l avvio del primo sfruttamento commerciale delle risorse interne di shale gas. Nonostante le storiche divergenze, tante volte inconciliabili, nel mese di maggio Russia e Cina hanno iniziato a collaborare, firmando un accordo trentennale per la fornitura di gas al gigante asiatico - 38 bcm/anno, a partire dal per un valore complessivo di 400 miliardi di dollari. La cooperazione tra le due superpotenze, oltre alle ricadute dirette in termini di investimenti necessari a onorare il contratto (su tutti, la costruzione del gasdotto Power of Siberia), è presumibilmente destinata a estendersi ad altri ambiti commerciali. In relazione a ciò, la Russia ha dichiarato che potrebbe, quantomeno in linea di principio, essere pronta a ricevere i pagamenti dalla Cina in renminbi anziché in dollari, a prova di un tentativo di aggirare la valuta americana in una fase in cui i rapporti con l Occidente si stanno facendo sempre più tesi. E di pochi giorni fa la notizia della storica decisione del governo americano di aprirsi all export di petrolio, dopo oltre 40 anni di divieto. Si tratta ancora di piccoli numeri l autorizzazione a vendere all estero greggio ultraleggero al momento riguarda solo due piccole compagnie petrolifere ma il fatto rappresenta senza dubbio una svolta per lo scenario energetico mondiale. Sempre degli ultimi giorni è la notizia del piano della Cina di creare un nuovo istituto finanziario globale che vada in competizione con le esistenti World Bank e Asian Development Bank, nelle opinioni di Pechino troppo condizionate dall influenza statunitense. Questi, solo per citare alcuni degli eventi che stanno modificando sotto diversi aspetti il quadro di riferimento internazionale. Se passiamo dall osservare gli alberi al guardare la foresta, in questi movimenti si possono intravvedere i passi per la creazione di un nuovo paradigma nella competizione globale, con potenziali impatti rilevanti sul quadro degli scambi: da un lato, il nascente asse Russia-Cina, a minacciare gli interessi strategici dell America in Asia; dall altro, la creazione di un blocco Stati Uniti-Europa, nel tentativo di contrastare la cooperazione sino-russa e conservare lo status di grande potenza da decenni appan- 138 rapporto di previsione prometeia

11 5. Europa e approvvigionamenti di gas: alcuni possibili scenari per il prossimo decennio naggio della nazione americana. E un quadro al momento solo abbozzato, ma che in prospettiva offre elevate opportunità potenziali di crescita, soprattutto a Occidente. La demografia favorisce il blocco emergente (1.5 miliardi di abitanti, contro i poco più di 800 milioni del mercato occidentale), ma l ago della bilancia pende con decisione verso ovest se si guarda a grandezze più prettamente economiche: l interscambio Usa-Ue è il flusso bilaterale di maggiori dimensioni negli scambi mondiali; la quota congiunta di Europa e Stati Uniti supera il 40 per cento delle esportazioni mondiali; le imprese di Europa e Stati Uniti realizzano il 65 per cento dell R&D globale e pesano il 70 per cento degli IDE globali. La posta in gioco è alta, così come, presumibilmente, l interesse degli Stati Uniti nel dare concreta realizzazione al progetto di un grande mercato unico occidentale. Nel decretare i vincitori di questa partita i futuri sviluppi della shale revolution potrebbero rivestire un ruolo importante. Oggi, una lettura delle strategie energetiche statunitensi al servizio di obiettivi geopolitici e geoeconomici appare nel concreto poco realistica per l orizzonte del prossimo decennio. Come argomentato in precedenza, al 2025 il potenziale in termini di export di GNL dagli Stati Uniti non è stimato tale da fare traballare la posizione dominante della Russia. Per di più in Europa, dove agli attuali livelli di prezzo i margini americani sarebbero estremamente risicati, se non addirittura negativi. Il progetto degli Stati Uniti di esportare GNL è comunque supportato da concreti piani di investimento, tra cui quello del terminal di Sabine Pass è il caso più emblematico. L impianto in questione, ex-rigassificatore convertito in impianto di liquefazione dopo che la rivoluzione dello shale gas ha sovvertito le prospettive per il bilancio energetico statunitense, ha una capacità potenziale stimata in circa 25 bcm/anno (già autorizzata dal Dipartimento per l Energia), di cui 12 bcm previsti entrare in piena operatività alla fine del 2015 (il resto è atteso per il 2018). Non mancano inoltre i tentativi di individuare meccanismi per la formazione del prezzo che consentano di maturare una convenienza per gli acquirenti europei all acquisto di gas americano (formule indicizzate alla quotazione Henry Hub, già denominate ship-or-pay, con un parallelismo rispetto ai take-or-pay che regolano le forniture dai gasdotti russi) 2. I futuri sviluppi della shale revolution potrebbero giocare un ruolo importante in questa partita Un cambio radicale nelle regole del gioco potrebbe però intervenire in caso di break tecnologico. Un upgrading nella tecnologia estrattiva in grado di imprimere un accelerazione allo sfruttamento delle riserve non convenzionali rispetto alla situazione attuale riducendo tempi e costi necessari per disporne e/o favorendo lo sviluppo di nuovi giacimenti oggi difficilmente accessibili - così come innovazioni che riducessero l onerosità del processo di liquefazione/rigassificazione avrebbero un forte impatto sull effettiva disponibilità di risorse, con una conseguente spinta all aumento delle esportazioni di gas dagli Stati Uniti rispetto a quanto a oggi ritenuto plausibile. Una maggiore incidenza del gas americano nel paniere delle importazioni europee andrebbe a rafforzare il costituendo asse Usa-Ue, minando quella che a oggi appare come la più solida partnership energetica al mondo, quella tra Russia ed Europa. Ciò aprirebbe le porte a uno scenario in cui l egemonia russa viene messa a rischio, in primis in qualità di fornitore di gas, ma - in seconda battuta anche nei rapporti di forza all interno dell economia mondiale. soprattutto in caso di un break tecnologico che spinga in direzione di un più consistente flusso di export di GNL dagli Stati Uniti Ritenere possibili nuovi avanzamenti della frontiera tecnologica non è poi così bizzarro. Del resto, fino a poco tempo fa chi avrebbe immaginato gli attuali risvolti per le risorse energetiche non convenzionali? Negli ultimi anni il punto di break-even per la produzione di gas negli Stati Uniti si è peraltro già significativamente abbassato, grazie a una maggiore efficienza nelle perforazioni derivante dal know-how maturato in un numero crescente e diversificato di siti. 2 A oggi, tuttavia, anche queste formule di calcolo non consentirebbero particolari margini di convenienza per l Europa.. prometeia luglio

12 gli approfondimenti Sfide tecnologiche e politiche si intrecciano negli scenari del futuro Proseguendo in questa chiave la lettura dei possibili scenari, evidenziamo come la tecnologia possa rivestire un ruolo importante non solo sul fronte dell offerta, ma anche su quello della domanda. Fattori che favoriscano, ad esempio, un trasferimento dei consumi da petrolio a gas per l auto, e i trasporti in generale, potrebbero stimolare azioni per lo sviluppo di un mercato internazionale del gas più competitivo. Negli scenari del futuro le sfide tecnologiche si intrecciano quindi con quelle politiche, fino a diventarne strumento. Un successo nelle prime potrebbe significare una vittoria nelle seconde, con conseguenti impatti sullo scacchiere degli scambi globali, sulla sicurezza energetica, sulla protezione dell ambiente e, non ultimo, sui prezzi di petrolio e gas. Tracciare oggi una rotta su questi aspetti appare prematuro, ma è importante mantenere alta l attenzione per coglierne in tempo sfide e opportunità. 140 rapporto di previsione prometeia

Prospettiveper ilmercatodel gas

Prospettiveper ilmercatodel gas Prospettiveper ilmercatodel gas in Europa Riccardo Pasetto CH4 L industria del gas: tendenze e prospettive Bologna 22 ottobre 2014 Il contestopolitico-economico Scenario altamente instabile a causa di:

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Pacchetto «Unione dell energia»

Pacchetto «Unione dell energia» Pacchetto «Unione dell energia» Audizione Eni 14 maggio 015 eni.com Energy Union: i 5 pilastri 1 Focus della presentazione Efficienza energetica DOMANDA ENERGETICA E ENERGY MIX Decarbonizzazione ENERGY

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 1. Reverse-Flow 2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 3. Rapporto consumi/investimenti 4. Allineamento prezzi gas Italia all Europa 5. Stoccaggio Imprese 6. Servizio Maggior tutela (differenze

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009 234 contributi L Italia nei mercati internazionali dell energia: effetti della crisi e strategie delle imprese nazionali di Matteo Verda * La crisi e i mercati dell energia La contrazione dell economia

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Audizione Leonardo Bellodi Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Il Piano Energetico Nazionale L input comunitario UNIONE EUROPEA

Dettagli

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO!

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! «TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! Edgardo Curcio Presidente onorario, AIEE Milano, 2 luglio 2014 «Shale Gas: una sfida per l Europa per mantenere competitiva la filiera chimica» e 4 Workshop

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI DEL I VOLUME DELLA RELAZIONE ANNUALE STATO DEI SERVIZI

SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI DEL I VOLUME DELLA RELAZIONE ANNUALE STATO DEI SERVIZI SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI DEL I VOLUME DELLA RELAZIONE ANNUALE STATO DEI SERVIZI LO SCENARIO INTERNAZIONALE PETROLIO: DOMANDA ANCORA IN CRESCITA, PREZZO DEL BARILE AI MINIMI Nel 2014 la domanda

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Il gas naturale i rigassificatori la politica energetica. Livorno, 29 marzo 2008 Comitato contro il rigassificatore offshore

Il gas naturale i rigassificatori la politica energetica. Livorno, 29 marzo 2008 Comitato contro il rigassificatore offshore Il gas naturale i rigassificatori la politica energetica Livorno, 29 marzo 2008 Comitato contro il rigassificatore offshore 1 Sono utilizzati non pareri di ambientalisti ma documenti di: Autorità come:

Dettagli

Gli impatti del gas non convenzionale attuali ed attesi sul mercato mondiale ed europeo

Gli impatti del gas non convenzionale attuali ed attesi sul mercato mondiale ed europeo Gli impatti del gas non convenzionale attuali ed attesi sul mercato mondiale ed europeo 2 marzo 2011 Edgardo Curcio Presidente AIEE Overview Introduzione Parte I: La situazione attuale del mercato del

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON Onorevole Presidente Mucchetti, Onorevole Presidente Marinello,

Dettagli

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza Fonti energetiche e strategie per la sicurezza 1 Petrolio 2 3 4 5 Rapporto Prezzo/Riserve Prezzo di estrazione a tecnologia A $90,00 3 milioni di barili $60,00 2 milioni di barili $30,00 $0,00 100m 200m

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

Geopolitica e trasporto di energia ovvero come può il commercio aiutare a conoscersi e allontanare le guerre

Geopolitica e trasporto di energia ovvero come può il commercio aiutare a conoscersi e allontanare le guerre Geopolitica e trasporto di energia ovvero come può il commercio aiutare a conoscersi e allontanare le guerre Antonio Sileo IEFE - Università Bocconi GREEN WEEK 2015, Padova 19 febbraio Contesto L energia

Dettagli

IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA

IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA FRANCESCO F. MILAN GIUGNO 2009 Nel 2006, mentre le grandi compagnie di diversi paesi europei, dopo aver concluso gli studi preliminari sulla fattibilità dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ LE PROPOSTE DI CONFINDUSTRIA L elevato costo dell energia penalizza la competitività e riduce il potere d acquisto delle famiglie, sottraendo risorse allo sviluppo di nuove attività e agli investimenti.

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

CIRCOLO DI STUDI DIPLOMATICI. Quaderni di Politica Internazionale

CIRCOLO DI STUDI DIPLOMATICI. Quaderni di Politica Internazionale CIRCOLO DI STUDI DIPLOMATICI Quaderni di Politica Internazionale 9 Tensioni geopolitiche e sicurezza energetica Amb. Fabio Fabbri (6 ottobre 2014) I conflitti e le crisi in corso nel Medio Oriente, nel

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

IL FUTURO DEL GAS NATURALE IN ITALIA

IL FUTURO DEL GAS NATURALE IN ITALIA IL FUTURO DEL GAS NATURALE IN ITALIA 1 IL FUTURO DEL GAS NATURALE IN ITALIA Relatori: Pierangela Magioncalda Sviluppo Business Mercato Gas ERG Power&Gas Via De Marini, 1-16149 Genova Telefono +39 010 2401651

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Canada Energia 2014. ICE Canada Energia 1

Canada Energia 2014. ICE Canada Energia 1 Canada Energia 2014 Nell ultima relazione della Commissione Nazionale Energetica Canadese (NEB) sono stati evidenziati i trend più importanti relativi alla produzione, al consumo, e agli interscambi di

Dettagli

INTERVISTA A M. VERDA

INTERVISTA A M. VERDA INTERVISTA A M. VERDA 1) Recentemente hai pubblicato per Egea il tuo primo libro, Una politica a tutto gas, in cui analizzi il settore del gas naturale e le sue implicazioni per la sicurezza energetica

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Memoria per l audizione di Anigas

Memoria per l audizione di Anigas X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale sulle principali problematiche in materia di energia Memoria per l audizione

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Dentro i prezzi dell energia elettrica in Italia. Crescita libera senza limite?

Dentro i prezzi dell energia elettrica in Italia. Crescita libera senza limite? The Adam Smith Society Milano, Hotel dei Cavalieri Dentro i prezzi dell energia elettrica in Italia. Crescita libera senza limite? 22 Settembre 2011 Il dilemma del mix 1.1 La rivoluzione del gas non convenzionale

Dettagli

Domanda ed offerta di gas naturale in Italia alla vigilia del nuovo anno termico: quali prospettive per un inverno al caldo?

Domanda ed offerta di gas naturale in Italia alla vigilia del nuovo anno termico: quali prospettive per un inverno al caldo? Domanda ed offerta di gas naturale in Italia alla vigilia del nuovo anno termico: quali prospettive per un inverno al caldo? Massimo Gallanti Sommario Scenario europeo La situazione in Italia Le previsioni

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni ASSOCARBONI La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni In un mondo assetato di e- nergia, il carbone mantiene la leadership indiscussa, rivelandosi una risorsa concorrenziale

Dettagli

Nuovi scenari di sicurezza energetica

Nuovi scenari di sicurezza energetica di Umberto Saccone Abstract Quali elementi incidono sulla sicurezza energetica italiana nell attuale, difficile, contesto internazionale? Quali sono le dinamiche che influenzano gli approvvigionamenti

Dettagli

Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi

Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi Convegno autunnale Assofermet Capri 12 ottobre 2002 Intervento del Presidente di Eurometrec, Fernando Duranti Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi La congiuntura

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

La geopolitica del gas

La geopolitica del gas Working Papers SIET - ISSN 1973-3208 La geopolitica del gas Sandro Petriccione 1. Introduzione Gli aumenti delle quotazioni del petrolio a cui sono legati i prezzi fissati nei contratti di fornitura del

Dettagli

WORLD ENERGY INVESTMENT OUTLOOK

WORLD ENERGY INVESTMENT OUTLOOK WORLD ENERGY INVESTMENT OUTLOOK 2003 INSIGHTS RIASSUNTO INTERNATIONAL ENERGY AGENCY RIASSUNTO L investimento totale nelle infrastrutture di approvvigionamento di energia per il periodo 2001-2030 sarà di

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano di Sergio Portatadino, Pöyry Energy Consulting La sensazione di vivere in un periodo di cambiamento storico pervade anche i mercati energetici e l emblema

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Merceologia delle Risorse Naturali

Merceologia delle Risorse Naturali GAS NATURALE-ORIGINI Il gas naturale è un combustibile fossile di origine organica, costituito in massima parte da metano (CH4). Il gas naturale si trova nel sottosuolo, normalmente negli stessi giacimenti

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3.1 LA CONGIUNTURA ELETTRICA NAZIONALE I dati relativi alla congiuntura elettrica nazionale possono essere ricavati dai seguenti rapporti: > Dati statistici

Dettagli

CINA E USA FULMINATI DAL CLIMA SULLA VIA DI PECHINO di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza

CINA E USA FULMINATI DAL CLIMA SULLA VIA DI PECHINO di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza IEFE Centre for Research on Energy and Environmental Economics and Policy CINA E USA FULMINATI DAL CLIMA SULLA VIA DI PECHINO di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza A sorpresa è arrivata l intesa Usa-Cina

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

Edison. Cambia l energia.

Edison. Cambia l energia. Edison Trading Ricavi di Vendita mln di euro Potenza installata* Gw Quota di produzione energia elettrica su tot. Italia Vendite energia elettrica Italia twh 8.867 12,3 15% 60,4 Vendite idrocarburi italia

Dettagli

Il gas naturale in Italia: dinamiche del mercato e sviluppo delle infrastrutture

Il gas naturale in Italia: dinamiche del mercato e sviluppo delle infrastrutture GREEN SHIPPING SUMMIT Il gas naturale in Italia: dinamiche del mercato e sviluppo delle infrastrutture Simona Camerano Genova, 19 settembre 2013 Il mercato internazionale del gas naturale Ilmercatointernazionaledelgasattraversaunperiododiprofondimutamenti

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.10. Gas naturale P.10

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.10. Gas naturale P.10 119 Situazione attuale (2008) La diffusione del gas naturale in Svizzera è iniziata a partire dalla metà degli anni Settanta, con la realizzazione del gasdotto di transito, che attraversa il paese per

Dettagli

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER L ENERGIA IN ITALIA E LA CREAZIONE DELLE CENTRALI NUCLEARI Azione del Governo in merito all energia nucleare e alle fonti di energia rinnovabili (Albenga, 27 aprile 2009)

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

IL PIANO STRAORDINARIO PER IL RILANCIO DEL MADE IN ITALY

IL PIANO STRAORDINARIO PER IL RILANCIO DEL MADE IN ITALY IL PIANO STRAORDINARIO PER IL RILANCIO DEL MADE IN ITALY Il Contesto: l Italia nello scenario economico globale Le imprese esportatrici italiane si troveranno ad affrontare anche nel prossimo futuro un

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3.1. IL CONTESTO INTERNAZIONALE Fin dalla primavera la ripresa dell economia mondiale ha perso vigore. Le turbolenze finanziarie e il peggioramento

Dettagli

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015 Prospettiva europea L attenzione europea - anche grazie ad iniziative che ConferenzaGNL stessa potrà promuovere nel Semestre di Presidenza italiana dell UE - si sposterà da Nord a Sud per le nuove opportunità

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C.

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. Mediterraneo: possibili scenari futuri Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. L evoluzione dei traffici marittimi nell area del Mediterraneo in relazione allo scenario mondiale Genova, 6 Novembre 2009

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

Pacchetto "Unione dell'energia"

Pacchetto Unione dell'energia Pacchetto "Unione dell'energia" Carlo Malacarne Amministratore Delegato Snam S.p.A. Senato della Repubblica, Audizione congiunta 10^ Commissione Industria e 13^ Commissione Ambiente Roma, 6 maggio 2015

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

Il Progetto ITGI Il Corridoio Gas tra Turchia, Grecia e Italia

Il Progetto ITGI Il Corridoio Gas tra Turchia, Grecia e Italia REPUBBLICA ITALIANA REPUBBLICA GRECA REPUBBLICA TURCA Il Progetto ITGI Il Corridoio Gas tra Turchia, Grecia e Italia Roma, 26 Luglio 2007 Umberto Quadrino, CEO, Edison 1 Bilancio domanda e offerta di gas

Dettagli

Senato della Repubblica Commissione Industria - Indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale Audizione

Senato della Repubblica Commissione Industria - Indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale Audizione Senato della Repubblica Commissione Industria - Indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale Audizione Roma, 25 maggio 2011 Damiano Ratti Presidente e Amministratore Delegato - BG Italia S.p.A.

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

G.B. Zorzoli. Riflessioni: da dove ripartiamo col fotovoltaico. Convegno Ripartire col fotovoltaico Milano, 6 giugno 2011

G.B. Zorzoli. Riflessioni: da dove ripartiamo col fotovoltaico. Convegno Ripartire col fotovoltaico Milano, 6 giugno 2011 G.B. Zorzoli Riflessioni: da dove ripartiamo col fotovoltaico Convegno Ripartire col fotovoltaico Milano, 6 giugno 2011 ISES ITALIA (sezione nazionale dell International Solar Energy Society) è un'associazione

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

25 marzo 2014 Roberto Russo. www.assitecasim.it

25 marzo 2014 Roberto Russo. www.assitecasim.it Gazprom 25 marzo 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Gazprom è una compagnia energetica globale specializzata nei business dell esplorazione, produzione, trasporto, trasformazione e vendita di gas, condensato

Dettagli

Prezzi di petrolio e fertilizzanti: un legame con tante variabili

Prezzi di petrolio e fertilizzanti: un legame con tante variabili ANALISI ECONOMICA SULLE TENDENZE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Prezzi di petrolio e fertilizzanti: un legame con tante variabili Nonostante in questi ultimi mesi il prezzo del petrolio sia calato, quello

Dettagli