MUSEO ARCHEOLOGICO REGIONALE ANTONINO SALINAS. Regione Siciliana. Assessorato dei Beni Culturali e dell'identità siciliana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MUSEO ARCHEOLOGICO REGIONALE ANTONINO SALINAS. Regione Siciliana. Assessorato dei Beni Culturali e dell'identità siciliana"

Transcript

1 MUSEO ARCHEOLOGICO REGIONALE ANTONINO SALINAS

2 Questo quaderno è di...

3 Ideazione e testi: Laura Cappugi e Romina Mancuso Filastrocche di Laura Cappugi Illustrazioni: Romina Mancuso Fotografie dei reperti del Museo: Gabriella Pintus Le altre foto: collezioni private Segreteria di redazione: Donatella Alosi, Maria Celesia Collaborazione nelle ricerche: Sara Di Salvo, Vittoria Schimmenti, Maria Rosa Papale Realizzazione e stampa: Publisicula Palermo Finito di stampare nel settembre 2007 Un museo per gioco : percorso interattivo di visita alle collezioni del Museo archeologico regionale Antonino Salinas. - Palermo : Regione siciliana, Assessorato dei beni culturali, ambientali e della pubblica istruzione, Dipartimento dei beni culturali, ambientali e dell educazione permanente, ISBN Palermo - Museo archeologico regionale Antonino Salinas Guide CDD-21 SBN Pal CIP - Biblioteca centrale della Regione siciliana Alberto Bombace REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI E DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

4 Percorso interattivo di visita alle collezioni del Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas

5 Un Museo per gioco rappresenta concretamente l impegno del Museo Salinas nei confronti dei suoi giovanissimi visitatori. Ogni anno a settembre, con la riapertura delle scuole, il Museo rinnova la pr opria disponibilità ad accogliere bambini e ragazzi, offr endo percorsi tematici e attività laborato - riali creative, scegliendo con cura i linguaggi più adeguati, le strategie di - dattiche adatte all età e al livello cognitivo. Questo è un Museo che vogliamo sia aperto alla città, al territorio, alla gente, attraverso iniziative, appuntamenti scientifici e momenti di intrattenimento culturale. Grazie ai programmi svolti in tal senso abbiamo assistito, anno dopo anno e con soddisfazione, ad un costante incremento delle visite, allo sviluppo dei rapporti operativi con scuole e docenti, tanto da diventar e un vero e proprio punto di riferimento per chi vede nell educazione ai Beni Culturali un obiettivo permanente e fondamentale. Le verifiche a cui sono state sottoposte attività e metodologie applica - te hanno sollecitato l idea di cr eare una pubblicazione per i più piccoli, in cui gli itinerari dedicati a temi, materiali e collezioni si animano, diver tono, stimolano la fantasia, la memorizzazione e il consolidamento dell esperien - za vissuta dal bambino durante la visita. Questo libro può costituir e una sorta di diario di bor do, di taccuino personale, dove le informazioni scientifiche si intr ecciano liberamente alle riflessioni, alle idee, alle creazioni della fantasia. Con tale intento esso viene dedicato ai bambini e ai ragazzi, affinché conoscano e si confrontino con il passato. Ai giovani è infatti affidato il permanere dell antico nel mondo di oggi, essi sono custodi della nostra storia. Un ringraziamento va rivolto alla Dott.ssa Cappugi per l ideazione e l elaborazione dell opera, e al personale della Biblioteca e del Museo che con professionalità ha contribuito alla realizzazione del lavoro. Giuseppina Favara Direttore del Museo Salinas 5

6 Presentazione Il Museo per gioco è l ultima pubblicazione realizzata nell ambito delle molteplici of ferte formative del Museo Salinas e rappresenta un importante punto d arrivo per le esperienze attuate nell ambito dell edu - cazione al patrimonio. Infatti essa si configura come uno dei più interessanti prodotti frutto della sperimenta - zione e dei laboratori previsti dalla quarta fase del progetto Scuola Museo che si articola nei seguenti mo - menti: selezione e pubblicazione di percorsi didattici specifici; formazione ed aggiornamento del personale docente; visite guidate; attività di sperimentazione e di verifica dell apprendimento svolte sia all interno dei Musei che nel - le aule scolastiche. Il Museo Salinas a partire dal 1994 ha proposto numerosi percorsi didattici raccolti in una serie di pre - gevoli fascicoli e volumi ed è divenuto un punto di riferimento fondamentale per i docenti impegnati nell educazione al patrimonio culturale, per i quali sono stati organizzati numerosi corsi di aggiornamento. Nello stesso tempo ha realizzato tante piacevoli ed interessanti attività di laboratorio rivolte alle scuole di ogni ordine e grado, ma anche ai più piccoli, con genitori a seguito, nelle speciali domeniche a loro dedicate. Dalle tante domande, dalle osservazioni, dalle curiosità e dalla voglia di conoscere la Storia e le storie quotidiane che gli oggetti del museo raccontano è nato Museo per gioco, un ricco quaderno per le attività da utilizzare da soli o meglio ancora con la guida di familiari o insegnanti. Esso ripropone ed amplia le risposte già fornite durante le visite al Museo da Laura Cappugi, appassionata leader dell équipe didattica, e dagli animatori e suggerisce tanti modi piacevoli di giocare imparando e creando. Si tratta quindi di un esperienza riuscita di educare giocando calibrata sulle esigenze espresse da - gli stessi protagonisti e per questo utile a sfatare l idea, purtroppo ancora ampiamente diffusa, che quanto serve ai bambini in materia di educazione ai beni culturali, ma non soltanto, debba essere pensato dagli adulti i quali troppo spesso dimenticano i bambini che sono stati. Ciò, evidentemente, non esclude la figura fondamentale del docente come mediatore didattico, ma fa dello stesso il riferimento essenziale per approfondire i contenuti oggetto d interesse. Non solo divertimento, quindi, ma un gioco lieto e serio nello stesso tempo, come sono tutti i giochi dei bambini, che renderà la pri - ma volta al Museo un momento importante da ricordare per sempre. Considerare il punto di vista dei più piccoli è, del resto, un dato ormai consolidato per le iniziative di educazione permanente poste in essere dal Dipartimento Beni culturali. Infatti la sezione scuola primaria del concorso Conosci il tuo Museo offre spesso delle sorprese in materia di rappresentazione dell arte e nume - rose occasioni di riflessione: il docente mediatore indirizza, ma la fantasia e la capacità dei piccoli artisti su - perano spesso le teorie precostituite. È questa la conferma che un percorso complessivo di educazione ai beni culturali deve tenere conto della pluralità degli interessi di tutti gli utenti. Nel caso di questo quaderno si tratta dei più piccoli ai quali af fidare il testimone della tutela del patrimonio culturale ed insegnare a fare dello stesso sostanza di vita per da - re un futuro alla bellezza, come è stato evidenziato in un recente convegno. Infatti la bellezza e le manifesta - zioni artistiche che la rappresentano sono una necessità vitale per l avvenire prossimo venturo di questo no - stro vecchio mondo, il quale può diventare nuovo e migliore se guardato e vissuto attraverso gli occhi pieni di speranza dei bambini. Assunta Lupo Dirigente U.O. XV Servizio Promozione e Valorizzazione Assessorato Beni Culturali Ambientali e Pubblica Istruzione 7

7 Premessa L idea di realizzare questo quaderno (abbiamo preferito chiamarlo così per sottolineare l importanza dell operatività) è scaturita da una lunga esperienza didattica ef fettuata con bambini del primo ciclo di istru - zione. Non è facilissimo spiegare il museo a visitatori così piccoli, che si sono appena accostati allo studio della storia e devono confrontarsi con un passato così remoto. Come condurli alla comprensione delle testi - monianze archeologiche? Il linguaggio deve essere semplice e i contenuti devono privilegiare gli aspetti più vicini alla sfera degli interessi e dell esperienza di un bambino. I bambini sono dotati di una inesauribile curiosità che non riguarda solo le opere esposte, ma gli spazi stessi del museo, le persone che ci lavorano, particolari che l adulto considera scontati. Negli itinerari didattici che conduciamo c è sempre almeno un bambino che fa domande sulla rete anti - volatile sospesa sopra il chiostro del museo, sull elevatore per l accesso dei disabili posto ai piedi della gradi - nata, che chiede come si fa a spostare le statue gigantesche e se dentro i sarcofagi ci sono ancora gli scheletri. Eludere queste domande, giudicarle irrilevanti, fuor di luogo, significa creare distanza e disagio, fa sentire il bambino un ospite poco gradito e soprattutto un soggetto passivo che si trova lì solo per ascoltare, im - parare e tacere. Perché invece non aiutarlo a comprendere il luogo in cui si trova, evidenziando come il mu - seo sia un organismo vivo, caratterizzato da dinamismo, al di là delle giuste prescrizioni sul corretto compor - tamento da tenere nel corso della visita? In secondo luogo pensiamo che il museo a questa età si possa visitare e capire a morsi, cioè attraver - so incontri di durata non eccessiva, costruiti attorno ad un tema circoscritto evitando sovrapposizioni di am - biti storici, cronologie e riferimenti geografici, in questo caso complessi quanto inutili. Va privilegiata la forma dialogica, in cui è il bambino che pone domande ed interviene con supposizioni e commenti che consolideranno il ricordo della visita e arricchiranno il bagaglio di conoscenze. Se il primo approccio risulta positi - vo, le visite successive nell arco del ciclo scolastico o la scoperta di altri musei durante gite e viaggi, creeranno aspettative ed emozioni. Un Museo per gioco non è uno strumento didattico tradizionale di studio o verifica innanzitutto perché si rivolge direttamente al bambino e può essere utilizzato autonomamente e liberamente da soli o insieme ai compagni, prima o dopo avere visitato il museo. Le informazioni contenute comprendono testi semplici e sintetici sulla vita nell antichità, propongono la lettura di documenti preistorici, delle civiltà punica, greca e ro - mana, ne raccontano i miti. I manufatti legati alla vita materiale, tra cui oggetti curiosi e apparentemente inusuali, vengono acco - stati a quelli di oggi; la scultura si pone come rappresentazione delle forme umane, vegetali e animali con cui confrontarsi; ogni reperto of fre la testimonianza delle tecniche di lavorazione di cui gli antichi popoli erano capaci. Così l archeologia diventa disvelamento di un mistero La caratteristica dominante del quaderno è lo stimolo a creare, inventare, sperimentare, giocare. Favo - rire la rielaborazione autonoma dei contenuti e la sperimentazione della creatività personale non significa le - ziosità nel linguaggio o appiattimento nei contenuti, quanto piuttosto organizzare il processo di apprendimento attraverso una pluralità di linguaggi: grafico, pittorico, poetico e narrativo. L utilizzazione del quaderno costituisce alla fine il diario di bordo di un viaggio virtuale dentro il Museo o l archivio mnemonico di un esperienza già vissuta e molto molto gradevole. L insieme dei percorsi tematici prescelti guarda ai seguenti obiettivi: capire lo spazio e le funzioni del Museo; capire il linguaggio figurativo e plastico; capire le tecniche di rappresentazione; capire la storia e le civiltà attraverso i manufatti; stimolare l immaginazione e la creatività attraverso attività manipolative, grafiche, pittoriche, di drammatizzazione; sviluppare le capacità espressive e arricchire il bagaglio lessicale. Per queste ragioni vogliamo dedicare questo quaderno a tutti i bambini che hanno visitato il Museo Salinas e che direttamente o indirettamente ci hanno indirizzato, consigliato, scritto, gratificato con i lor o sorrisi, applausi, baci e abbracci. Laura Cappugi Dirigente U.O. II Biblioteca e Attività Didattiche Museo Salinas 9

8 10 Ciao! Giochiamo? Cerchiamo una grotta comoda e facciamo finta che è la nostra casa? Facciamo finta che siamo cacciatori di elefanti nani? e che poi, mentre siamo a caccia, tu cadi in una buca? e dentro la buca trovi un passaggio segreto che porta dritto dritto nella tana di un gigantesco uomo peloso? che ha tre occhi ma non ha bocca? e che mangia con gli occhi e......e se invece giocassimo a fare palle di fango e le tirassimo su delle pigne schierate su un grosso sasso? Sembra quasi di sentirli i bambini preistorici, i nostri super, mega, pluri, bis, tris nonni, cian - gottare tra loro, alla ricerca del gioco più divertente da fare. E i bambini al tempo degli antichi Egi - zi e dei Fenici, dei Greci e dei Romani giocavano, quello è sicuro! Hanno lasciato una montagna di tracce. Gli archeologi, da bravi investigatori, le hanno trovate e sono riusciti a scoprire come si di - vertivano questi nostri antenati. Un museo è come una scatola piena di giochi per passare il tempo. Anche un vecchio, ragnateloso museo, stracolmo di vasi, statue e pezzi di osso è una vera scatola dei giochi, anzi, viste le di - mensioni, sarebbe meglio dire che è un grande deposito pieno di giochi e divertimenti. Si dice che in un museo si guarda ma non si tocca, in un museo non si gioca! Però, guardando con attenzione scoprirete chei giochi si nascondono ben bene nei reperti, dentro le vetrine e, alcuni di essi si annidano anche nelle sale e nei luoghi più impensati dell edificio. Solo chi ha fantasia e conosce bene storia e geografia, riesce a vederli. Vi assicuro che una volta trovati sono proprio elettrizzanti e con loro ci si diverte tantissimo. E allora, sì che è eccitante gironzolare in un museo! Servono scarpe comode, un quadernetto, matite colorate, curiosità e creatività. Un museo per gioco è il quaderno che la Sezione Didattica del Museo Salinas ti dà per nutri - re la tua vorace curiosità, solleticare le celluline del tuo cervello e mettere in moto la tua vulcanica creatività! Sono tanti gli spunti e le idee di gioco che si nascondono nel nostro Museo. Nelle pagine di questo quaderno trovi suggerimenti per scoprire dove sono. Trovi prototipi per costruire aggeggi strani e divertenti, informazioni storiche per aiutarti ad architettare nuovi passatempo e inventare avventure. Naturalmente, ci sono pagine bianche per scrivere le tue idee e custodire i tuoi sogni. Puoi saltellare tra le pagine e scegliere gli argomenti che più ti incuriosiscono, suggerimenti per attività e giochi che potrai svolgere da solo o con gli amici, a casa o in giar - dino, dove vuoi tu. Nelle pagine di questo quaderno sono finiti anche dei piccoli personaggi, se ti va puoi giocare con loro. Ognuno di loro ha una sua mania, una passione e conosce del mondo antico un bel po di cose interessanti e utili per inventare i tuoi giochi e ottimi punti di partenza per le tue av - venture archeologiche. Scegli l itinerario secondo i tuoi gusti o l umore della giornata. Eccoli, nella pagina seguente i nostri perso - naggi, tutti in posa per una foto di gruppo. Scegli quello che ti somiglia di più, cercalo nelle pagine del quaderno e vedi cosa ti propone nell indice Buon divertimento! Le pagine dei giochi sono sempre indicate dalla matita.

9 12 Jole Cocci Medaglioni Curiosa, attenta ad ogni particolare, da grande farà l archeologa. si dice che nasconda una macchina del tempo nella cantina. 36 Gigi Fagioli Bravissimo cuoco, conosce mille ricette e prepara manicaretti prelibati. 24 Indice I gemelli Pal e Cocò Scenici Inseparabili, amano il teatro. Sono attori bravissimi e ballerini provetti, quando danzano sembrano una sola persona. 40 Joe Melodia Ha il ritmo nel sangue. Ama la musica e scrive canzoni, quando canta incanta tutti. 30 Eugenio Geniali Tipo sveglio ama la storia, la matematica e da grande vuole fare l architetto. 49 Margò Amuleti Un pò strega un pò fata ha sempre un portafortuna in tasca. 50 Vanessa Vanesi Molto, molto vanitosa, ama profumi, cosmetici e vestiti. 53 Ruggero Ruggenti Grande attaccabrighe, ama fare a pugni con i compagni. 11

10 La macchina del tempo esiste! E la nostra curiosità che ci spinge a scoprire tutto ciò che un antico oggetto ci vuol dire e sentire tutti i segreti che ha da svelarci. Gli archeologi, che sono dei gran curiosi e amano viaggiare nel tempo, sono sempre alla ricerca di qualche mistero da risolvere. Si, proprio come un investigatore, in giro a raccogliere indizi per ricostruire un fatto già accaduto, scoprire il colpevole e risolvere i tanti misteri che avvolgono una vicenda. Un archeologo che scopre una tomba o un luogo che per tanti anni è stato nascosto, coperto da metri e metri di terra, radici, sabbia, neve, piante di ogni genere o spazzatura, è un po come Aladino quando entra per la prima volta nella grotta sottoterra e trova la lampada magica. Beh! Immagi - nate che emozione, toccare un oggetto che era stato deposto là anni e anni e anni prima...incredibi - le! E come far riapparire il suo antico proprietario, la sua epoca, la vita di quel tempo per esaudire il grande desiderio di noi uomini moderni: sapere le cose accadute in quel luogo e di cui l oggetto e il suo possessore sono stati testimoni. Ogni oggetto perciò al di là del suo particolare valore storico artistico e archeologico è il frutto di una ricerca e ha una storia da raccontare Oggi non si scava più solo per trovare opere d arte, ma piuttosto per ricostruire le vicende storiche delle società del passato. Vengono riportate alla luce le mura della città, le abitazioni, le tom - be, i santuari luoghi di preghiera. Vi è un particolare studio, quello della preistoria, che è fondamentale per conoscere le origini e l evoluzione dell uomo. Si cercano tracce della vita umana in caverne e grotte, si studiano tombe, si analizzano i primi strumenti di lavoro creati dagli uomini preistorici (pietre appunti - Il tempo si misura in secoli. Un secolo è cento anni. te e af filate da usare come coltelli, asce ) i primi reci - La nascita di Gesù divide le pienti in terracotta e naturalmente i resti di ossa umane. epoche: a.c. e d.c. indicano Nelle spedizioni archeologiche sono sempre presenti disegnatori, fotografi, antropologi che avvenimenti accaduti prima o dopo la nascita di Cristo. sono esperti nello studio dell uomo. Un tempo fare l archeologo era più complicato, perché per raggiunge - re la zona dello scavo bisognava attraversare a piedi o in groppa ad un asino luoghi incolti e selvaggi, arram - picarsi dovunque, entrare nelle grotte buie, con abiti scomodi e attrezzi elementari, disegnare a mano perché non c era macchina fotografica. Oggi questo lavoro è ancora abbastanza faticoso, ma vi sono più comodità e soprattut - to strumenti preziosi come la fotografia digitale e il computer. 12

11 La torta stratigrafica Nel terreno sono custodite le tracce di animali, piante, uomini vissuti migliaia di anni fa. Que - sti sono i segreti che l archeologo è capace di svelare scavando. Egli, per non perdere particolari e indizi importanti per le sue indagini, ha messo a punto un tipo di scavo che si chiama STRATIGRAFICO e che adesso ti spieghiamo. Un terreno nei secoli si trasforma a causa del vento, della pioggia, di costruzioni e distruzioni ad opera dell uomo. L archeologo rimuove a poco a poco i vari strati del terreno, esaminando attentamente uno strato alla volta alla ricerca di tracce e segni lasciati dall uomo nelle diverse epoche. Quando Gigi Fagioli ha sentito parlare di scavo stratigrafico ha subito pensato ad una torta a strati di pan di spagna, farciti con diversi frutti, uno per ogni stagione. Slurp! Bella idea!! Chissà se Jole Medaglioni sarà capace di indovinare quali so - no le stagioni scelte da Gigi. Se vuoi preparare anche tu una torta a strati stagionali segui gli appunti di Gigi. Utilizza la frutta fresca di - sponibile in quel periodo, oppure conserve, marmellate e prodotti surgelati, poi sfida i tuoi amici ad indovinare la se - quenza delle stagioni. Procurati due pan di Spagna, vi sono negozi di fornaio che li vendono già pronti, oppure chiedi alla mamma di prepararli. Tagliali in modo da ricavare 4 dischi che vanno inumiditi con sciroppo di acqua e zucchero. Tra uno strato e l altro, oltre al ripieno di frutta, puoi mettere anche un po di crema per rendere più morbido e ricco il tuo dolce. Puoi preparare, se preferisci, anche una torta salata, gli ingredienti in questo caso sono quelli dell orto. Un esempio: autunno zucca rossa, inverno porri, primavera asparagi o brocco - letti, estate pomodorini. Ma sicuramente a sentire parlare di verdure dirai bleah!!! Autunno: chicchi d uva Inverno: neve di panna Primavera: fragoline Estate: pesche (se non le hai fresche mettile sciroppate) 13

12 Giochi e Giocattoli Anche i bambini dell antichità avevano i loro giochi e giocattoli, e anche se erano molto semplici ci si divertiva parecchio da soli o in gruppo. All aperto giocavano con la palla fatta di stracci, con l aquilone e l altalena. Con l aiuto dei grandi costruivano dei carrettini di legno con le ruote e li trascinavano con lo spago o li facevano tirare da un cane, da una capretta e perfino da un oca. C era anche la trottola, chiamata strobilòs, era rotonda e di legno con una punta di metallo che la faceva girare vorticosamente quando si lanciava facendo srotolare lo spago avvolto precedentemente intorno. Le bambine avevano bambole in terracotta con braccia e gambe snodabili e le bambole avevano i loro piattini e ciotoline per giocare a far da mangiare. A quel tempo esisteva già lo yo yo, costruito con due dischetti di legno tenuti insieme da un legnetto cilindrico, attorno al quale si avvolgeva il filo. Nell antica Grecia un gruppetto di bam - bini poteva giocare a muida, mosca cieca. La parola viene da muo che significa chiudere, infatti si bendavano gli occhi di un bambino e lo si faceva ruotare su stesso per fargli perdere l orientamento. Mentre girava egli diceva Andrò a caccia della mosca e tutti gli altri rispondevano La cercherai ma non la prenderai. Il bambino bendato, poi, cercava di acchiappare almeno uno dei compagni, chi veniva preso sareb - be stato bendato nel giro successivo. 14 Il gioco degli astragali era molto popolar e. Si usavano gli ossicini delle zampe delle capr e. La forma quadrangolare e l aspetto differente su ognuna delle facce permetteva di attribuire ad ognuna di esse un punteggio diverso, come nei dadi. Il giocatore li lanciava e calcolava i punti ottenuti a secondo come ricadevano. Una variante del gioco pare consistesse nel fare ricadere l astragalo sul dorso della mano.

13 Un altro gioco si chiamava akinetinda, parola che significa non toccare. I bambini davano uno spintone a turno ad un compagno girato di spalle e che all improvviso si voltava e doveva indovinare chi l aveva urtato. Costruisci la tua palla di stracci! Recupera vecchi pezzi di stoffa e legali in modo da formare una palla. Oppure avvolgi tanti elastici attorno ad una pallina. Semplicissimo!!! I piccoli animali domestici erano allegri compagni di gioco. Questo bambino giocava con il suo cagnetto e un uccellino. In una mano tiene una paletta per qualche gioco simile al moderno cricket o al mini golf. C erano anche pupazzetti e animaletti di terracotta. I miei giochi preferiti Ai bambini piccoli venivano regalati sonaglini portafortuna da tenere appesi al collo. Erano fatti di bacche, conchiglie o campanellini d ar gento. I giocattoli venivano regalati alla nascita, per il compleanno o per le feste religiose. Quan - do un bambino diventava adulto donava i suoi giocattoli a Dioniso, il dio dell allegria. Quando un bambino moriva un suo giocattolo veniva posto nella sua tomba, grazie a questa usanza noi conosciamo tanti giocattoli trovati nelle tombe e conservati nelle sale del Museo. 15

14 Collezionismo collezionisti collezioni Tutti amiamo qualcosa in particolare e ci piace cercarla nei luoghi più bizzarri, trovarla, rac - coglierla e conservarla. C è chi raccoglie tappi di bottiglia, chi pacchetti di fiammiferi, oggetti a forma di coccinella, cappellini, figurine, sorpresine degli ovetti e mille altre stranezze. La lista delle cose da collezionare è veramente lunga, lunghissima, forse infinita. Si inizia quasi per caso, tenendo da parte uno, due, tre oggetti ed ecco che negli anni ti ritrovi con una quanti - tà di pezzi. E divertente cercare nei posti più incredibili nuovi esemplari, scambiarne qualcuno con altri appassionati. Per non parlare poi, dell enorme piacere che si prova nel coccolare la collezione, mostrarla agli amici, svelandone la storia. Anche gli adulti sono grandi collezionisti e non solo di robetta di poco conto, a volte gli oggetti collezionati sono costosi. Fino a 200 anni fa uomini ricchi e amanti delle cose belle collezio - navano preziose e rare opere d arte antica e nelle loro lussuose abitazioni raccoglievano statue, quadri, ceramica, gioielli. Solo i loro amici potevano guardare queste meraviglie! Questo, però, non si può più fare: la legge vieta anche all uomo più ricco del mondo di tenere per sé reperti appartenenti ad epoche remote. Oggetti preziosi e tracce della nostra storia passata, oggi, vengono amorevolmente conservati nei musei, dove bravi studiosi ne analizzano ogni dettaglio e ne scoprono ogni segreto. E così alla fine tutti possiamo guar - dare, studiare, comprendere il mondo antico.

15 Organizza la tua collezione Scrivi a matita così potrai aggiornar e sempre i dati tutte le volte che avrai aggiunto un nuovo pezzo alla tua collezione. 17

16 Immagina di poter avere un museo tutto tuo cosa ci metti dentr o? Inventa il logo del tuo museo e pr epara anche i biglietti d ingr esso e gli inviti per la prossima mostra. 18

17 Domande curiose INDOVINA QUANTI BAMBINI E RAGAZZI HANNO VISITATO IL NOSTRO MUSEO NEL Ben ! Per trasportarli tutti servirebbero almeno 300 autobus (che formerebbero una fila lunga quasi 3 chilometri). SAI QUALE È L OPERA CHE VIENE DAL PAESE PIÙ LONTANO? Una lastra di pietra nera dell antico Egitto che riporta i nomi dei faraoni in caratteri geroglifici. E SAI QUALE È LA STATUA PIÙ ALTA? Quella di Zeus che misura esattamente 3 metri e 12 centimetri. LO SAI QUALE È STATA LA PRIMA OPERA ARRIVATA AL MUSEO? Le metope del tempio C di Selinunte, ritrovate nel E SAI QUALE È LA PIÙ PICCOLA? Una statuetta in terracotta raffigurante una fanciulla, alta 9 centimetri. LO SAI QUALE È L OGGETTO PIÙ ANTICO CONSERVATO NEL NOSTRO MUSEO? Una zanna di elefante trovata a Palermo, che risale ad un periodo antichissimo: oltre anni fa. 19

18 Archeologi al lavoro Pirro Marconi a Himera Questi archeologi sono stati direttori del nostro museo e hanno dato un grande contributo alla sua crescita ANTONINO SALINAS direttore dal 1873 al 1913 ETTORE GABRICI direttore dal 1914 al 1926 PIRRO MARCONI direttore dal 1926 al 1931 JOLE BOVIO MARCONI direttore dal 1937 al 1963 VINCENZO TUSA direttore dal 1963 al 1985 CARMELA ANGELA DI STEFANO direttore dal 1985 al 1999 ROSALIA CAMERATA SCOVAZZO direttore dal 1999 al 2004 Jole Bovio Marconi a Levanzo Cornice vuota per un futuro bravo archeologo. La puoi riempire con una tua foto e... chissà, magari un giorno, diventerai tu il direttore del nostro Museo.

19 Ma nel Museo cosa si fa? Il museo è un luogo dove si conservano ed espongono oggetti e opere d arte e dove si or ganizzano anche mostre temporanee. Questo termine ind ica un esposizione momentanea che ha una durata di qualche mese, a diferenza delle esposizioni permanenti, cioè quelle che trovi sempre nell edificio. Una mostra temporanea può essere allestita per celebrare il lavoro di un particolare artista, uno stile, un periodo o un avvenimento storico. Possono essere necessari anche anni per preparare una mostra e sono coinvolte molte perso - ne. Devono essere stipulati accordi per chiedere in prestito oggetti, documenti e opere d arte ad altri musei, anche molto lontani o a privati. I curatori decidono cosa deve essere messo in mostra e come devono essere esposti gli oggetti. Es - si, inoltre, scrivono il catalogo (un libro che spiega tutte le opere) e i pannelli da appendere alle pareti per spiegare ai visitatori tutto ciò che riguarda gli oggetti esposti. Se è necessario vengono realizzate riproduzioni e modellini, per rendere più comprensibile l argomento della mostra. Qualche settimana prima dell inaugurazione, le sale vengono allestite e le opere d arte vengono siste - mate al loro posto. Uno striscione viene appeso fuori dal museo per avvertire le persone che una mostra spe - ciale è in corso. Quando viene aperta una nuova sala per una mostra permanente, o viene restaurata una vecchia sala, la procedura è la stessa seguita per l allestimento di una mostra temporanea, con la dif ferenza che tutti gli og - getti esposti sono già nel museo e non presi in prestito. anche il museo può diventare un giocattolo e un luogo di gioco Chi lavora al museo? Dietro le quinte di un museo ci sono tante persone che svolgono compiti importanti. Il curatore è chi si prende cura delle opere del museo: decide quali oggetti devono essere esposti, e sistema le vetrine in modo ta - le che i visitatori possano capire ed apprezzare ciò che vedono, trova nuovi oggetti da aggiungere alle collezioni del museo, organizza esposizioni temporanee, si occupa delle richieste di prestito che altri musei inviano per le loro mo - stre, studia per scoprire nuove informazioni sulle opere e sul loro stato di salute. Ci sono i restauratori che si occupano dello stato delle opere esposte e di quelle che sono conservate nei magazzini, perché meno Ecco chi lavorava al Museo Salinas nel importanti o più rovinate delle altre. Gli oggetti antichi sono fragili e delicati, hanno bisogno di puliture particolari o di essere riparati. Di solito in un museo c è anche una biblioteca. Il bibliotecario cura le raccolte di libri antichi e moder - ni di archeologia, storia e arte che gli studiosi possono consultare. Ci sono gli addetti alla sicurezza, che controllano e vigilano sul museo, facendo rispettare l ordine. Nel Museo Salinas lavorano archeologi, architetti, restauratori; ma c è anche chi si occupa delle foto - grafie, di computer, di controllare i conti delle spese che si sostengono. C è una ricca biblioteca e ci sono gli archivi, raccolte di fotografie antiche e di documenti storici, let - tere, ricerche, appunti degli archeologi e dei direttori che hanno lavorato qui molti anni fa. C è anche un laboratorio per lo studio dei reperti ossei. (GLI SCHELETRI!!!)...il Museo Salinas è stato fondato tra il 1866 e il 1867 L edificio in cui si trova è molto antico, risale alla fine del 1500 e prima di ospitare il nostro Museo era un convento. Oggi vi lavorano circa 96 persone. 21

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli