I vantaggi del mercato libero dell elettricità e del gas

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I vantaggi del mercato libero dell elettricità e del gas"

Transcript

1 I vantaggi del mercato libero dell elettricità e del gas

2

3 Il seguente lavoro è stato elaborato da un gruppo di ricerca guidato da Davide Tabarelli, coordinato da Eugenia Famiglietti e composto da Francesco Baldini, Carlo Vittorio Bevilacqua Ariosti, Giovanni Ceccaroni, Matteo Monti, Elvira Oliva e Davide Scapinelli 17 giugno 2013 Copyright 2013 NE Nomisma Energia srl All rights reserved Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, fotocopiata o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo senza la previa autorizzazione scritta di NE Nomisma Energia. Disclaimer Le informazioni e le opinioni riportate in questo rapporto sono considerate attendibili al giorno della redazione del report. La stessa NE Nomisma Energia non si assume alcuna responsabilità circa la completezza di tali informazioni. NE Nomisma Energia non si assume alcuna responsabilità in relazione a qualsiasi conseguenza derivante dall utilizzo delle informazioni contenute nella presente ricerca. NE Nomisma Energia srl Via Montebello, Bologna Tel Fax

4

5 INDICE Indice... 3! Sommario... 5! 1.! Politica Europea e recepimento in Italia... 7! 2.! La liberalizzazione dei mercati energetici in Italia... 8! 3.! Tariffe, prezzi e spesa dell elettricità e del gas... 14! 4.! Il confronto delle offerte... 21! 4.1.! Il comportamento del consumatore: modello e variabili decisionali... 27! 4.2.! Singoli fattori decisionali: dove intervenire... 29! 5.! Investimenti e costi nelle attività di marketing... 31! 5.1.! Rischio Churn... 31! 5.2.! Il miglioramento della qualità del servizio... 32! 5.3.! Gli investimenti delle aziende e i riflessi occupazionali... 33! Glossario... 35! Bibliografia... 36! 3

6

7 SOMMARIO Il presente rapporto si pone all interno del dibattito sul processo di liberalizzazione del mercato dell elettricità e del gas per i piccoli consumatori. Sono passati 6 anni dall apertura completa del mercato elettrico, 10 da quello del gas, e si rende necessario un primo bilancio sui risultati conseguiti. Lo scopo dello studio è quello di analizzare i vantaggi ottenuti dai consumatori finali ponendo l attenzione sul modo in cui questi diventano protagonisti attivi nella scelta dell offerta più adatta alle loro esigenze. In particolare, sul mercato libero è presente una grande pluralità di offerte che non sono confrontabili solo in termini di prezzo, né tra di loro né con la tariffa di tutela. Questo ampliamento della libertà di scelta dei consumatori è il primo beneficio delle liberalizzazioni, a cui si possono aggiungere vantaggi economici. Le principali conclusioni del lavoro sono: 1. I processi di liberalizzazione sono al centro delle politiche energetiche europee da almeno 20 anni e continueranno nel futuro ad essere fondamentali per garantire l efficienza del mercato e la libertà di scelta del consumatore attraverso la competizione tra operatori. 2. Oggi in Italia un cliente elettrico su quattro è sul mercato libero. La quota di clienti che ogni anno cambia fornitore (switching), pari circa al 10%, risulta allineata a quella dei Paesi europei più dinamici. 3. Il mercato retail dell energia elettrica italiano presenta un elevato indice di liberalizzazione che ci pone al primo posto tra i mercati di più recente apertura. 4. I prezzi e le tariffe per i consumatori finali hanno risentito positivamente delle riforme a monte nella produzione e nel trasporto: se oggi fossero in vigore i vecchi meccanismi di calcolo il cliente pagherebbe tariffe superiori di circa il 20%; l aumento però c è stato, ma è dovuto in primo luogo alla crescita dei costi di produzione o di importazione a monte, a loro volta legati al prezzo del petrolio greggio, salito di 4 volte negli ultimi 10 anni ad oltre 100 dollari per barile; importanti riduzioni dei prezzi potranno giungere solo da miglioramenti a monte dei costi di produzione o importazione; altri rialzi sono giunti dagli incentivi alle rinnovabili e dalle tasse. 5. Sono più di 250 gli operatori presenti sul mercato elettrico e quasi 300 quelli sul gas. Il consumatore sul mercato libero può quindi scegliere tra una pluralità di offerte quella più adatta alle proprie esigenze: per i più attenti al prezzo, offerte che permettono di risparmiare fino a 150 euro/anno sulle bollette di luce e gas; per quelli invece che vogliono la sicurezza, offerte a prezzo fisso per uno, due o tre anni e/o con prezzi comprensivi di tutte le componenti della bolletta; per chi è più propenso al rischio, offerte indicizzate alle commodity e differenziate per fasce orarie. 6. La maggior parte delle offerte del mercato libero include inoltre un ampia gamma di servizi distintivi rispetto alle forniture regolate: energia da fonti rinnovabili, assistenza guasti agli impianti domestici, programmi di raccolta punti, sconti e vantaggi presso partner selezionati, servizi online, prodotti per il risparmio energetico. 7. Una famiglia media che sfrutti questi sconti e servizi distintivi può ottenere un beneficio addirittura superiore all intero costo annuo della bolletta elettrica. 8. Da un analisi sul valore complessivo percepito dal cliente, nel 90% dei casi le offerte del mercato libero risultano più vantaggiose rispetto alle forniture tutelate. 9. Il processo di liberalizzazione ha comportato investimenti in attività di marketing, vendita e gestione che nei prossimi anni, grazie alle economie di scala, produrranno ulteriori benefici, anche sulle bollette, per i consumatori. 10. Già oggi si registrano importanti risultati prodotti da una crescente attenzione alla qualità del servizio. In base agli indicatori dell AEEG si riscontra infatti un forte miglioramento dal 2008 al 2012 di tutti gli indicatori: accessibilità al servizio +69%, qualità del servizio +95%, soddisfazione dei clienti +7%, con benefici non solo per i consumatori del mercato libero ma anche per quelli del tutelato. 11. Il mercato libero ha aperto nuove opportunità di lavoro in un momento di grave crisi economica del Paese. Includendo le attività di vendita e gestionali si possono stimare in almeno i nuovi posti di lavoro creati dal 2007 ad oggi. 5

8

9 1. POLITICA EUROPEA E RECEPIMENTO IN ITALIA Le liberalizzazioni sono uno dei fondamenti delle politiche intraprese negli ultimi due decenni all interno delle industrie del gas e dell elettricità, caratterizzate storicamente da assetti integrati e monopolistici. Tali assetti furono creati all inizio negli anni 50 e 60 attraverso significativi investimenti che necessitavano di una forte presenza statale, ma già alla fine degli anni 70 il ruolo dello Stato nell economia venne messo in discussione. Anche nei settori caratterizzati dall esistenza di monopoli naturali, come l industria a rete, si cominciò quindi ad ipotizzare l introduzione di maggiore competizione, fino alla completa libertà di scelta da parte del consumatore finale. In Europa, la nuova fase è stata avviata nel 1986 con la firma dell Atto Unico che mirava alla realizzazione del mercato unico interno, per tutti i beni e servizi, fra cui anche l energia. Quest accelerazione si concretizzò con la Comunicazione della Commissione sul Mercato unico dell energia del 1988 e con il Libro Bianco Per una politica energetica dell Unione Europea del Questi furono i capisaldi da cui partì successivamente il primo dei tre pacchetti energia, costituito dalla Direttiva 96/92/CE per il settore elettrico e la Direttiva 98/30/CE per il gas, rispettivamente recepite in Italia con i Decreti 79/1999 e 164/2000. Negli anni si sono succeduti gli altri pacchetti energia, il secondo nel 2003 e il terzo nel 2009, anche questi volti a rafforzare il grado di liberalizzazione dei mercati. In particolare, di pari passo con la crescente liberalizzazione anche del mercato retail, gli ultimi 2 pacchetti hanno introdotto diverse tutele per i consumatori, tra cui la trasparenza informativa sulle procedure e sulle condizioni contrattuali, la protezione dei clienti vulnerabili ed i diritti ed i doveri ad essi correlati. Origini I fase II fase III fase Tabella 1 Principali step politica energetica europea Principali step politica energetica europea data tipologia contenuto 18/04/51 25/03/57 25/03/57 Trattato costitutivo della CECA (Comunità europea del carbone e dell'acciaio) Trattato costitutivo della CEE (Comunità economica europea) cd. Trattato di Roma Trattato che istituisce l'euratom (Comunità europea dell energia atomica) 17/02/86 Atto Unico Europeo 02/05/88 Comunicazione della Commissione "Il mercato interno dell'energia" (COM (88) 238) 13/12/95 Libro Bianco "Una politica energetica per l'unione europea" 30 gennaio giugno giugno giugno luglio luglio luglio 2009 Direttiva 96/92/CE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica Introduce la libera circolazione del carbone e dell'acciaio, senza diritti doganali né tasse, vietando pratiche discriminatorie, sovvenzioni o aiuti imposti dagli Stati. Base legale delle decisioni delle istituzioni comunitarie. Obiettivo: coordinare i programmi di ricerca degli Stati in vista di promuovere un uso pacifico dell energia nucleare. Revisione dei Trattati di Roma al fine di rilanciare l'integrazione europea e portare a termine la realizzazione del mercato interno. Analisi degli ostacoli alla realizzazione del mercato unico dell'elettricità e del gas. Definizione obiettivi strategici della politica energetica: la concorrenza dei mercati energetici; la sicurezza degli approvvigionamenti e la protezione dell ambiente. Imposizione separazione contabile delle imprese integrate (unbundling contabile); accesso della rete a terzi; possibilità di scelta del fornitore per i "clienti idonei". Direttiva 98/30/CE del Parlamento europeo e del Consiglio Imposizione di un unbundling contabile delle società operanti nel settore del recante norme comuni per il mercato interno del gas gas verticalmente integrate. Direttiva 2003/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio Imposizione dell'unbundling legale delle società integrate, da realizzarsi entro relativa a norme comuni per il mercato interno dell'energia il 1 luglio Riconoscimento a tutti i consumatori della libertà di scelta elettrica e che abroga la direttiva 96/92/CE del fornitore di elettricità. Imposizione di un unbundling societario e funzionale, in Italia già introdotto dal Direttiva 2003/55/CE del Parlamento europeo e del Consiglio Decreto Letta, e l'obbligo per gli Stati Membri di istituire autorità di relativa a norme comuni per ilmercato interno del gas naturale regolazione nazionali. liberalizzazione dal lato della domanda entro il 1 luglio e che abroga la direttiva 98/30/CE 2007 per tutti gli Stati Membri. Direttiva 2009/72/CE del Parlamento europeo e del Consiglio Imposizione di un unbundling proprietario, da recepire entro il 3 marzo relativa a norme comuni per ilmercato interno dell'elettricità e Definizione di un'unica Autorità per il settore del gas e dell'elettricità. che abroga la direttiva 2003/55/CE Allegato I per la tutela del consumatore. Direttiva 2009/73/CE del Parlamento europeo e del Consiglio Imposizione di un unbundling proprietario, da recepire entro il 3 marzo relativa a norme comuni per ilmercato interno del gas naturale Obbligo per gli Stati Membri di separare i sistemi di trasporto ed i gestori e che abroga la direttiva 2003/55/CE dei sistemi stessi.allegato I per la tutela del consumatore. Regolamento (CE) n. 713/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, che istituisce un Agenzia per la Istituzione dell'acer (Agenzia per la cooperazione tra i regolatori nazionali). cooperazione fra i regolatori nazionali dell energia Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia In Italia, il processo di liberalizzazione è iniziato con l istituzione dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas nel Mentre il mercato retail gas è liberalizzato dal 2003, per l elettricità è dal luglio 2007 che tutti i consumatori, anche quelli domestici, sono completamente liberi di scegliere il fornitore. La riforma italiana si caratterizza per la presenza di Acquirente Unico, ovvero il soggetto che ha il compito, tra i pochi al mondo e l unico in Europa, di approvvigionare elettricità per i clienti del tutelato. 7

10 I fase II fase Tabella 2 Recepimenti nazionali pacchetti energia Recepimenti nazionali pacchetti energia data tipologia contenuto 31 marzo maggio agosto agosto 2007 III fase 28 giugno 2011 D.lgs 79/1999 recante "Attuazione della direttiva 96/92/CE Attuazione del processo di liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica. recante norme comuni per il mercato interno dell'energia Separazione societaria tra attività di produzione e distribuzione.basi per la elettrica", cosiddetto Decreto Bersani creazione della Borsa Elettrica e dell'acquirente Unico. D.lgs 144/2000 recante "Attuazione della direttiva n. 98/30/CE Attuazione del processo di liberalizzazione del mercato del gas naturale. A recante norme comuni per il mercato interno del gas naturale, partire dal 1 gennaio 2003 completa liberalizzazione della domanda. Prevista a norma dell'articolo 41 della legge 17 maggio 1999", una separazione societaria tra ciascuna attività di gestione delle cosiddetto Decreto Letta infrastrutture di rete e l'insieme delle attività di vendita. Attuazione della normativa comunitaria per completamento della Legge 239/2004 recante "Riordino del settore energetico, liberalizzazione dei mercati energetici, al fine di promuovere la concorrenza nonché delega al Governo per il riassetto delle disposizioni e ridurre i prezzi. Ripartizione delle competenze tra Stato e Regioni in vigenti in materia di energia" materia energetica. Legge 125/2007 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 giugno 2007, n. 73, recante Imposizione della separazione funzionale anche per lo stoccaggio di gas così misure urgenti per l'attuazione di disposizioni comunitarie in come stabilito dalla direttiva europea 2003/55/CE. materia di liberalizzazione dei mercati dell'energia" D.Lgs 93/2011 recante "Attuazione delle direttive 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica, del gas naturale e ad una procedura comunitaria sulla trasparenza dei prezzi al consumatore finale industriale di gas e di energia elettrica, nonche' abrogazione delle direttive 2003/54/CE e 2003/55/CE" Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia Attuazione direttiva attraverso l'adozione del modello di separazione ITO per le imprese maggiori. Si amplia l'area di tutela dei clienti finali. Nuove regole per la priorità di conferimento e per gli stoccaggi strategici. A fronte di tale processo di liberalizzazione, la Commissione ha presentato i risultati ottenuti in diversi documenti 1 sottolineando che: 1. i processi di apertura sono stati in parte frenati dall esistenza diffusa di prezzi amministrati, simile a quello di maggior tutela in Italia; 2. circa i prezzi, si evidenzia un generale incremento dovuto, però, a fattori per lo più esogeni relativi al costo dei combustibili impiegati nella generazione elettrica e alle componenti fiscali o parafiscali, aumentate sensibilmente negli ultimi anni, soprattutto a causa degli incentivi alle fonti rinnovabili. 2. LA LIBERALIZZAZIONE DEI MERCATI ENERGETICI IN ITALIA I clienti sul mercato italiano sono oltre 36 milioni e, di questi, il 25% (pari a 9 milioni) sono sul mercato libero, suddivisi tra 6 milioni di clienti domestici e 3 milioni di usi non domestici. Questo risultato è un successo di per sé, a cui mirano i processi di liberalizzazione. 1 Si vedano, a titolo esemplificativo, i Quarterly Report on European and Electricity Markets della Commissione, disponibili dal 2008 al 2013, e il report della Commissione "Price developments on the EU retail markets for electricity and gas ". 8

11 Figura 1 - Composizione del mercato elettrico in Italia per tipologia di cliente al 2012 La composizione del mercato elettrico in Italia per tipologia di cliente al 2012! n Milioni clienti! di clienti! 40! 35! 30! 25! Clienti a tariffa! Imprese sul mercato libero! 3,0! Famiglie sul mercato libero! 6,3! Totale Italia! 36,6! 9,3! Mercato libero! 20! 15! 10! 27,3! 27,3! Servizio maggior tutela! 5! 0! Fonte: elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati AEEG, AU e operatori di mercato In Europa, i mercati più dinamici sono quelli dei Paesi nordeuropei, come l Irlanda, il Regno Unito, il Belgio, i Paesi Bassi, la Norvegia e la Svezia. L Italia, nel 2011, si è attestata su tassi di switching tra il 10% ed il 6%, a seconda che si tenga conto o meno dei passaggi tra società facenti parte dello stesso gruppo. Figura 2 - Tassi di switching nei mercati elettrici in Europa nel 2011 Tassi di switching nel mercato elettrico in Europa nel 2011! 20%! 16%! 12%! 8%! 4%! 0%! Malta! Lettonia! Bulgaria! Cipro! Lituania! Estonia! Romania! 4%*! 6%! 7%! 8%! 4%! 4%! 0%! 1%! 1%! 1%! 2%! 2%! 2%! Lussemburgo! Portogallo! Austria! Slovacchia! Danimarca! Grecia! Irlanda del Nord! 11%! 9%! 9%! 10%!10%!10%! 15%!15%! * In Italia, unico caso in Europa in cui opera l'acquirente Unico (AU), l'uscita dal mercato tutelato costituisce a tutti gli effetti un cambio di fornitore. Pertanto, se si tenesse conto anche degli switch dal mercato tutelato al mercato libero tra società appartenenti allo stesso gruppo si arriverebbe ad un tasso complessivo del 10%.! Francia! Slovenia! Italia! Rep. Ceca! Germania! Finlandia! Svezia! Belgio! Paesi Bassi! Spagna! Norvegia! Irlanda! Regno Unito! n.d.!n.d.! Polonia! Ungheria! Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia su dati CEER, ACER, AU e AEEG In conformità con i pacchetti di liberalizzazioni varati in sede comunitaria, i Paesi europei hanno proceduto ad aprire progressivamente i propri mercati alla concorrenza. La cartina che segue, elaborata a partire da dati della Commissione europea 2, mostra il livello di apertura dei mercati elettrici del vecchio continente al A tal fine sono state prese in considerazione 3 diverse variabili: presenza di un gestore della rete di trasmissione (TSO) indipendente; quota di mercato dei primi 3 operatori nel settore della generazione e quota di mercato retail dei primi 3 operatori. Sulla base di questi 3 indicatori l Italia presenta un livello di apertura del mercato alto, in linea con i Paesi più virtuosi 2 Report on progress in creating the internal gas and electricity market, 9 giugno

12 Figura 3 - Indice della liberalizzazione dei mercati elettrici in Europa Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia su dati Commissione europea A conferma del grado di liberalizzazione del mercato elettrico in Italia rispetto agli altri Paesi europei è stato costruito un indice della liberalizzazione del mercato retail dell elettricità prendendo in considerazione tre diverse variabili: l indice HHI 3, il tasso di switching nel mercato elettrico e la presenza di tariffe tutelate sul mercato al dettaglio. I dati utilizzati sono riferiti al Il grafico mostra il posizionamento dei Paesi sulla base del periodo di totale liberalizzazione del settore elettrico. 3 L indice di Herfindahl-Hirschman (HHI), o indice di concentrazione è usato prevalentemente per la misura del livello di concorrenza in un certo mercato. 10

13 Figura 4 - Indice europeo europeo della della liberalizzazione liberalizzazione del mercato del mercato retail dell'elettricità retail dell elettricità rispetto al rispetto al periodo di completa periodo apertura di del completa mercato! apertura del mercato! 1! 0,9! 0,8! 0,7! 0,6! 0,5! 0,4! 0,3! 0,2! 0,1! 0! Regno Unito! Germania! Primo periodo: ! Irlanda! Paesi Bassi! Belgio! Austria! Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia su dati ACER, CEER, Commissione europea, London Economics L indice restituisce una fotografia del livello di apertura e di libertà di scelta all interno del settore retail del mercato elettrico. L Italia si colloca a ridosso dei Paesi con i livelli di liberalizzazione più elevata, nonostante il ritardo con cui il processo è partito nel nostro Paese rispetto ai maggiori Stati europei. Le principali considerazioni in relazione alle attività di switching nei mercati interni dell elettricità in Europa, sono le seguenti: Spagna! Secondo periodo: ! i livelli annuali di switching dei mercati dell elettricità in Europa sono mediamente bassi rispetto alle aspettative generate nel pubblico nelle fasi iniziali di apertura; tuttavia, i livelli raggiunti nel mercato elettrico sembrano appropriati anche rispetto ad altri mercati, come quello bancario o assicurativo; il tasso di switching italiano del 10% non è distante dal caso europeo più virtuoso, il 15% del Regno Unito, paese in cui il processo di riforma è iniziato prima in un contesto di forte liberalizzazione di tutta l economia; i livelli di switching sono solo uno dei diversi indicatori da cui è possibile comprendere il grado di apertura del mercato, come evidenziano i casi dell Austria e della Danimarca, dove le motivazioni che limitano i cambi dei fornitori di energia da parte dei clienti finali sono spesso più legate ad atteggiamenti prudenziali dei consumatori che ad una scarsa concorrenza del mercato; allo stesso modo, come evidenziato dall indice di liberalizzazione del mercato retail elettrico, il livello di switching rappresenta solo una delle variabili da prendere in considerazione quando si analizza l apertura di un mercato. Emblematico il caso della Germania: nonostante il moderato tasso di switching, Berlino si colloca tra i primi Paesi per grado di liberalizzazione del mercato retail; il grado delle attività di switching non dipende solo dai prezzi dell energia elettrica praticati agli utenti finali, come si evidenzia dal grafico successivo. Il consumatore sul mercato libero è infatti più esigente in quanto ricerca servizi aggiuntivi e personalizzati oltre alla mera fornitura di energia, così come approfondiremo nel paragrafo Il confronto delle offerte. Portogallo! Italia! Grecia! Slovacchia! Romania! Francia! Terzo periodo: presente! Bulgaria! 11

14 Figura 5 - Correlazione tra tassi di switching e prezzi finali dell elettricità per la clientela Correlazione domestica tra tassi di nei switching mercati e prezzi elettrici finali dei clienti in Europa domestici nel nei mercati 2011 elettrici in Europa nel 2011! Prezzi finali tasse incluse, fascia di consumo kwh/anno! (cent /kwh)! 40! 35! 30! 25! 20! 15! Danimarca! Austria! Lussemburgo! Slovacchia! Portogallo! Francia! Germania! Rep. Ceca! Italia! Slovenia! Belgio! Svezia! Finlandia! Norvegia! Irlanda! Spagna! Regno Unito! Prezzo medio UE! 10! 5! Grecia! Paesi Bassi! 0! 0%! 2%! 4%! 6%! 8%! 10%! 12%! 14%! 16%! 18%! Tassi di switching! Correlazione tra tassi di switching e prezzi finali dei clienti domestici nei mercati elettrici in Europa nel 2011! Prezzi finali tasse incluse, fascia di consumo kwh/anno! (cent /kwh)! 40! 35! 30! 25! 20! 15! 10! 5! Austria! Slovacchia! Danimarca! Portogallo! Lussemburgo! Grecia! Slovenia! Francia! Italia! Germania! Spagna! Belgio! Irlanda! Svezia! Norvegia! Paesi Bassi! Prezzo medio UE! Regno Unito! Rep. Ceca! Finlandia! 0! 0%! 2%! 4%! 6%! 8%! 10%! 12%! 14%! 16%! 18%! Tassi di switching! Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia su dati CEER, ACER e AEEG Il mercato del gas è meno dinamico di quello elettrico: su un totale di quasi 21 milioni di clienti, 3 milioni, pari al 15%, sono sul mercato libero, di cui 2,2 milioni sono famiglie. 12

15 Figura 6 - Composizione del mercato gas in Italia per tipologia di cliente al 2012 La composizione del mercato elettrico del gas in in Italia Italia per per tipologia tipologia di di cliente cliente al al 2012! 2012! n Milioni clienti! di clienti! 22! 20! 18! 16! 14! 12! Clienti a tariffa! P.IVA sul mercato libero! 0,7! Famiglie sul mercato libero! Totale Italia! 20,6! 2,2! 2,9! Mercato libero! 10! 8! 6! 4! 2! 0! 17,7! 17,7! Servizio tutelato! Fonte: elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati AEEG e operatori di mercato In Europa, i livelli di switching nel settore domestico sono piuttosto variegati. Come per il caso dell elettricità, spiccano per dinamicità i mercati del Regno Unito e dell Irlanda, con tassi di switching superiori al 15%. Un dato interessante riguarda la Spagna, che risulta il Paese dal tasso di switching più elevato, pari al 19%. L Italia, con un livello di switching attorno al 5%, escludendo il dato relativo ai condomini ad uso domestico, si attesta ad un livello intermedio, tra la Francia (4%) e la Germania (8%). 20%! Figura 7 - Tassi di switching nei mercati gas in Europa nel 2011 Tassi di switching nel mercato gas in Europa nel 2011! 16%! 12%! 8%! 17%! 19%! 15%! 13%!13%! 4%! 0%! 8%! 8%! 4%! 4%! 5%! 0%! 1%! 1%! 2%! 2%! n.d.! n.d.!n.d.! n.d.! n.d.! n.d.! n.d.! n.d.! Cipro! Polonia! Bulgaria! Grecia! Lettonia! Lituania! Lussemburgo! Svezia! Austria! Slovacchia! Slovenia! Estonia! Francia! Italia! Irlanda del Nord! Germania! Rep. Ceca! Belgio! Regno Unito! Irlanda! Spagna! Finlandia! Malta! Norvegia! Paesi Bassi! Portogallo! Romania! Ungheria! Danimarca! Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia su dati CEER e ACER Come per l elettricità, anche nel gas il numero maggiore di clienti si trova nel segmento domestico, dove i livelli di passaggio sul mercato libero sono minori rispetto all elettricità. Le principali considerazioni, in relazione alle attività di switching nei mercati interni del gas in Europa, sono le seguenti: in Europa, i mercati del gas naturale risultano in termini generali maggiormente liberalizzati rispetto a quelli dell elettricità: sono più numerosi i Paesi che hanno optato per un totale abbandono delle tariffe 13

16 regolate e maggiori risultano anche i tassi annuali di switching raggiunti nei casi più virtuosi come Regno Unito ed Irlanda; dove si sono sviluppate forti politiche a favore delle liberalizzazioni; in Italia, il grado di abbandono delle tariffe regolate per il mercato libero del gas è abbastanza contenuto; al pari dell elettricità, il grado delle attività di switching non dipende solo dai prezzi praticati agli utenti finali. Anche nel caso del gas, infatti, il consumatore sul mercato libero è più esigente in quanto ricerca servizi aggiuntivi e personalizzati rispetto alla mera fornitura di energia, così come approfondiremo nel paragrafo Il confronto delle offerte. Figura 8 - Correlazione tra tassi di switching e prezzi finali del gas per la clientela domestica Correlazione tra tassi di switching e prezzi finali dei clienti domestici nei mercati gas in nei mercati gas in Europa nel 2011 Europa nel 2011! Prezzi finali tasse incluse, fascia di consumo inferiore a 20 GJ! (cent /kwh)! 20! Svezia! 16! Francia! 12! 8! Slovacchia! Slovenia! Austria! Italia! Germania! Rep. Ceca! Prezzo medio UE! Belgio! Irlanda! Spagna! Lussemburgo! 4! Estonia! Regno Unito! 0! 0%! 2%! 4%! 6%! 8%! 10%! 12%! 14%! 16%! 18%! 20%! Tassi di switching! Correlazione tra tassi di switching e prezzi finali dei clienti domestici nei mercati gas in Europa nel 2011! Prezzi finali tasse incluse, fascia di consumo GJ! (cent /kwh)! 20! 16! 12! Svezia! Italia! Slovenia! 8! Lussemburgo! Austria! Slovacchia! 4! Francia! Estonia! Germania! Prezzo medio UE! Belgio! Rep. Ceca! Regno Unito! Irlanda! Spagna! 0! 0%! 2%! 4%! 6%! 8%! 10%! 12%! 14%! 16%! 18%! 20%! Tassi di switching! Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia su dati CEER, ACER e AEEG 3. TARIFFE, PREZZI E SPESA DELL ELETTRICITÀ E DEL GAS In tutti i Paesi del mondo, il processo di modernizzazione si è accompagnato con una crescita dei consumi di elettricità, che consente alle imprese una maggiore sofisticazione dei processi di produzione di beni e servizi, mentre alle famiglie garantisce un miglioramento della qualità della vita. Le tariffe alle famiglie in Italia sono state caratterizzate da un costante calo in termini reali, da valori oltre i 50 cent/kwh nei primi anni 50 a minimi inferiori a 10 a metà anni 70. Ciò è stato accompagnato con un continuo aumento dei consumi pro capite, arrestatosi solo con la crisi economica degli ultimi anni. 14

17 Figura 9 - Tariffe elettriche in Italia alle famiglie e consumi Tariffe elettriche in Italia alle famiglie e consumi pro capite cent 2013 per kwh, consumi di 1500 kwh anno scala sinistra Consumi pro capite kwh/abitante scala destra Fonte:''NE*Nomisma Energia','Istat,'Autorità'per'l'energia'elettrica'e'il'gas,'Terna Fonte: Elaborazioni NE Nomisma Energia su dati AEEG, Istat e Terna 0 Percorrendo a ritroso la storia del mercato elettrico, si ricorda come nel 1999, a valle del Decreto Bersani, si sono realizzati i primi contratti liberi: soltanto i grandi consumatori (sopra i 40 GWh annui nel 1999) potevano accedere al mercato ed all assegnazione pro quota delle importazioni, che consentiva di realizzare forti sconti sui prezzi del mercato regolato. Negli anni successivi si sono avute delle modifiche all assetto di mercato, prima parificando i costi del trasporto tra mercato libero e vincolato, poi con la partenza della Borsa elettrica per i prezzi all ingrosso e dell Acquirente Unico per la fornitura dell energia elettrica del mercato vincolato. Il tutto accompagnato da gradi di liberalizzazione sempre crescenti. Nel luglio 2007 è avvenuta la completa liberalizzazione e la formazione del mercato di tutela, sostanzialmente l assetto attuale. Il segmento domestico, che ha come riferimento la tariffa di maggior tutela, può scegliere sul libero mercato all interno di un consistente pacchetto di offerte, che possono di volta in volta premiare logiche di assicurazione sul prezzo della commodity, attraverso offerte a prezzo bloccato per 1, 2 o 3 anni, o dell intera fornitura, piuttosto che sconti su altri mercati (ad esempio il segmento combustibili per autotrazione), promozioni, offerte congiunte luce e gas, pacchetti di efficienza energetica e assicurazione guasti. 15

18 Figura 10 - La storia del mercato per tipologie di opzioni contrattuali del mercato elettrico Energia + vettoriamento Sconto%sul% vincolato% Import pro quota Cip%6%pro%quota% Energia + trasporto Dual fuel Portfolio management Sconti sul tutelato Assicurazione guast1 Pacchetti efficienza energetica All inclusive Mese gratis Buoni sconto 1999% 2000% 2001% 2002% 2003% 2004% 2005% 2006% 2007% 2008% 2009% 2010% 2011% 2012% 2013% Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia Contestualmente anche il prezzo si è evoluto. Nella tabella successiva la storia del libero mercato in termini di caratteristiche di prezzo, dal vecchio Ct, costo del termoelettrico che regolava il prezzo dell energia elettrica in Italia, alle formule attuali. Figura 11 - La storia del mercato per tipologie di opzioni prezzo del mercato elettrico Biorarie al civile Costo fisso per il retail Prezzi forward Prezzo fisso Prezzo Power sulle piattaforme trading 3 fasce orarie Aeeg Altri indici correlati ai combustibili Prezzo%Peak%/%Off%Peak% Prezzi%spot%di%borsa% Sconto su Prezzo Aeeg (indice Acquirente Unico) 4 fasce orarie Ct% 1999% 2000% 2001% 2002% 2003% 2004% 2005% 2006% 2007% 2008% 2009% 2010% 2011% 2012% 2013% 16 Fonte: elaborazioni NE Nomisma Energia Fin dagli shock petroliferi del 1973 e del 1979 si evidenziò la peculiarità fondamentale del nostro sistema elettrico, tuttora presente, ovvero l eccessiva esposizione all andamento dei prezzi del petrolio. Infatti, per varie ragioni, gran parte della produzione elettrica in Italia già dagli anni 60 faceva affidamento sull olio combustibile, con prezzi legati a quelli del petrolio. Dalla fine degli anni 80 si sostituì progressivamente l olio combustibile con gas naturale, prima per ragioni di vincoli ambientali, successivamente per la realizzazione di nuova capacità a ciclo combinato più efficiente. Essendo i prezzi del gas ancorati a quelli del petrolio, nella sostanza il cambiamento di mix non ha modificato il legame dei costi e dei prezzi dell elettricità in Italia a quelli del petrolio. Dalla seconda metà del 2012, i prezzi del gas in

19 Europa, e anche in Italia, hanno segnato una flessione sui mercati spot rispetto ai valori dei contratti a lungo termine di importazione. Qualsiasi riflessione circa gli effetti dei processi di riforma e di liberalizzazione dell industria elettrica in Italia non può prescindere dalla struttura del parco di generazione, che vede una forte presenza del gas i cui prezzi sono ancora legati al petrolio. Il processo di riforma dei mercati elettrici ha comportato una sensibile riduzione dei costi di generazione a monte per effetto sia della maggiore competizione attraverso la borsa elettrica, sia per effetto, a partire dal 2012, del calo dei prezzi del gas sul mercato spot rispetto ai contratti a lungo termine. La caduta del prezzo dell energia elettrica, nel mercato all ingrosso, rispetto al periodo precedente la crisi economica è ormai evidente e riconosciuta come dato oggettivo, risulta particolarmente rilevante sul mercato spot della borsa elettrica. Il confronto, soprattutto se destagionalizzato, indica la presenza di fortissima correlazione e una discesa del valore dell energia elettrica rispetto ai combustibili. Discesa che, in un assetto di mercato, è stata immediatamente percepita anche dal cliente finale, che pagherebbe molto più cara l energia se questa fosse aumentata nella stessa percentuale dei combustibili. Figura 12 - Andamento PUN vs Brent, Fonte: Elaborazioni NE Nomisma Energia In assenza dei processi di liberalizzazione è possibile ipotizzare che se fosse proseguita l applicazione del vecchio metodo basato sui costi di generazione, questi sarebbero stati fortemente legati al prezzo del petrolio. Era il vecchio sistema Ct che, se in vigore negli ultimi anni, avrebbe portato a tariffe superiori di quasi tre centesimi per kwh. 17

20 Figura 13 - Prezzi dell elettricità alle famiglie effettivi e con vecchio metodo di calcolo Prezzi dell elettricità precedente alle famiglie la effettivi borsa elettrica e con vecchio ( cent/kwh) metodo di calcolo precedente la borsa elettrica! cent/kwh! 20! 18! 16! 14! 12! 10! 8! 6! 4! 2! 0! 1985! 1986! 1987! 1988! 1989! 1990! 1991! 1992! 1993! 1994! 1995! 1996! 1997! 1998! 1999! 2000! 2001! 2002! Prezzi se fosse stato in vigore il vecchio sistema Ct! Tariffa elettrica alle famiglie 3 kw potenza consumo kwh/anno! 2003! 2004! 2005! 2006! 2007! 2008! 2009! 2010! 2011! 2012! 2013! Fonte: Elaborazioni NE Nomisma Energia La struttura delle tariffe elettriche in Italia è basata su una serie di voci che mirano a riflettere i costi di sistema, alle quali si aggiungono la materia prima, il cui prezzo è negoziato sul libero mercato, e le imposte di legge. Sul mercato di maggior tutela è l'autorità a fissare e aggiornare il "prezzo energia e dispacciamento" (PED) ogni tre mesi, con una metodologia che tiene conto del costo di portafoglio dell Acquirente Unico, nonché delle stime sulle proprie previsioni di spesa. Prendendo a riferimento un consumatore domestico tipo sul servizio di maggior tutela, nel II Trimestre 2013 la PED rappresenta il 49% del totale. Per importanza, la seconda voce è diventata quella relativa agli oneri generali di sistema che, con un valore di 3,6 cent/kwh, pesano per un terzo sul valore della tariffa. Come avviene anche per il gas e i carburanti, la quota di costi di commercializzazione sul mercato italiano è relativamente bassa, stimata dall Autorità nel 4,2% (pari a 0,8 4 cent/kwh). È interessante notare che il forte aumento delle tariffe dell elettricità in Italia rispetto al 2004 sia stato determinato quasi interamente dall aumento dei prezzi del petrolio, che indirettamente ha fatto salire i costi di approvvigionamento del gas, e dall aumento di 2,7 cent/kwh degli oneri relativi alle fonti rinnovabili. 4 La componente è una quota fissa di 30 /anno per ogni cliente. Il valore di 0,8 /kwh è calcolato dividendo 30 per i consumi del cliente tipo. 18

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La nuova tariffa bioraria Il 1 luglio del 2010 entreranno in vigore le nuove tariffe biorarie fissate dall'autorità per l'energia Elettrica

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015 TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli