LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DI DOCUMENTI AZIENDALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DI DOCUMENTI AZIENDALI"

Transcript

1 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DI DOCUMENTI AZIENDALI Cod. LG / Pag. 01/21 Rev. 0 Data Edizione 0 Data Rev. 1 Data Edizione 1 Data Rev. 2 Data Edizione 2 Data Rev. 3 Data Edizione 3 Data Rev. 4 Data Edizione 4 Data Distribuito in forma cartacea informatica A A Direzioni sanitarie ospedaliere ; Direzioni sanitarie distrettuali ;direzioni Dipartimentali;Direzioni servizi amministrativi;direzioni servizi tecnici Copia controllata (soggetta ad aggiornamento) N Copia non controllata Copia riservata DATA FIRMA REDATTO DA Risk Manager AUSL VT VERIFICATO DA Risk manager AUSL VT APPROVATO DA Direzione Sanitaria AUSL VT APPROVATO DA Direzione amministrativa AUSL VT Classificazione del Editore del Linee guida Interno Azienda sanitaria locale Viterborisk

2 Linee guida aziendali per la Pag. /21 INDICE degli argomenti Principali sigle (codici9 dei documenti aziendali nella AUSL VT Pag. 2 Scopo,campo di applicazione,normativa di riferimento,diffusione Pag. 3 Premessa Pag. 4 Glossario Pag. 4-7 Procedure criteri base Pag Modalità di elaborazione di una procedura Pag. 13 Format della documentazione Pag Interno della documentazione Pag. 16 Struttura base della procedura Pag. 17 Registro delle documentazioni Pag Principali sigle(codici) dei documenti aziendali nella AUSL VT Documento codice codice Procedura PO Norma NO Istruzione operativa IO Manuale qualità MQ Linea guida LG Modello MO Raccomandazione RA Scheda SC Protocollo PR Progetto PRG Percorso diagnostico/terapeutico Profilo assistenziale PDT PA Classificazione del Editore del Linee guida Interno Azienda sanitaria locale Viterborisk

3 Linee guida aziendali per la Pag. 03/21 Scopo Fornire linee di indirizzo per la aziendali secondo criteri e requisiti definiti Campo di applicazione Documentazione sanitaria e/o amministrativa di ogni articolazione organizzativa della AUSL VT Normativa di riferimento Norme Iso 9001/2000 Diffusione A tutte le macrostrutture della AUSL VT Classificazione del Editore del

4 Linee guida aziendali per la Pag. 04/ 21 Premessa La notevole produzione di documenti aziendali di varia tipologia rende necessario definire una sistematizzazione degli stessi documenti,la loro gerarchia, affinchè sia chiaramente comprensibile la tipologia e la portata del singolo prodotto oltre che la continua rintracciabilità degli stessi. A tale proposito ogni U.O. redige un registro (cartaceo e /o informatico ) secondo lo schema che si allega al presente. I documenti prodotti ed approvati secondo le presenti Linee guida, vengono archiviati anche centralmente presso la U.O. del risk ( documenti sanitari) e la U.O. Affari generali (documenti amministrativi). Glossario Definizioni preliminari dei documenti Procedura Modalità definite per eseguire un attività o serie di attività e comunicazioni, tra loro interrelate, per portare a compimento un servizio per il cliente/utente. Una procedura deve esprimere chi fa, cosa fa, come è fatto, dove, quando, perché e chi ne è responsabile. (Accreditamento, Certificazione ISO 9001/2000, Eccellenza) Protocollo Schema predefinito, localmente concordato, di comportamento ottimale secondo ragioni, vincoli, obiettivi delle attività in oggetto. (Accreditamento, Certificazione ISO 9001/2000, Eccellenza) Istruzioni operative Disposizione che stabilisce un azione da compiere o precisa il modo con cui svolgere un attività. E un sintetico e descrittivo, di facile interpretazione che specifica le varie fasi di uno schema di flusso quando l attività (o il servizio ) da fornire richiede maggiori informazioni o quando sia necessario trasferire know-how mediante note ed avvertimenti. (Accreditamento, Certificazione ISO 9001/2000, Eccellenza)

5 Linee guida / raccomandazioni Insieme di indicazioni procedurali suggerite, finalizzate ad assistere gli operatori in specifiche circostanze. (Accreditamento, Certificazione ISO 9001/2000, Eccellenza) Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 05/21 L obiettivo primario delle linee guida è di garantire l appropriatezza delle prestazioni erogate rispetto ai vari problemi di salute, secondo le conoscenze scientifiche del momento. Sono basate sul consenso delle specialità interessate, sulle evidenze cliniche e tendono, oltre che a garantire l appropriatezza, anche al contenimento dei costi degli interventi e ad arrecare il minor disagio possibile al paziente. Percorsi diagnostico-terapeutici o profili assistenziali Linee guida cliniche adattate alla organizzazione locale che specificano in maniera dettagliata i luoghi, i tempi ed i personaggi coinvolti nel processo assistenziale definito a partire da specifici bisogni dei pazienti. Hanno spesso carattere di sperimentazione e richiedono impegnative esperienze applicative ai fini della loro validazione e pubblicizzazione. Regolamenti Definisce le modalità, i comportamenti o successione di azioni, definite da regolamenti formali o dalla normativa che devono essere sistematicamente ottemperate. (Accreditamento, Certificazione ISO 9001/2000, Eccellenza) Sono atti di ufficio che contribuiscono alla normazione di un organizzazione. Quasi sempre includono i principi ispiratori della organizzazione, la definizione della sua politica ed i riferimenti normativi. A corredo della parte riguardante la pianificazione delle attività e gli obiettivi, possono essere descritti l organico, l organigramma e l attribuzione delle responsabilità.

6 Possono essere redatti dai vertici della struttura e diffusi in versione anche fortemente vincolante in modo tale che le deviazioni dei singoli dalla norme in esso contenute possono dar luogo a sanzioni di tipo disciplinare. In altri casi il loro scopo è di regolare i rapporti all interno e/o con le interfacce dell organizzazione in modo da rendere i processi gestionali più coerenti con il mandato e le disposizioni normative ed i processi tecnico professionali più efficienti e adeguati alle risorse assegnate. All interno dei regolamenti possono essere allegate delle procedure gestionali. Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 06/21 Ad esempio, per quanto concerne la gestione della documentazione, è sicuramente necessaria una procedura che dia precise regole sulla registrazione, consultazione e conservazione della documentazione formale della struttura e che abbia tra gli obiettivi quello di dare la possibilità a tutti gli aventi diritto di accedere alle informazioni di cui in quel momento c è necessità. Norma prodotto mediante consenso di tutte le parti interessate e approvato da un organismo riconosciuto, che fornisce, per usi comuni e ripetuti, regole, linee guida o caratteristiche relative a determinate attività o ai loro risultati, al fine di ottenere il miglior ordine in un determinato contesto. La normazione ha i seguenti obiettivi fondamentali : realizzare un mezzo chiaro e univoco di espressione di comunicazione fra tutte le parti interessate; migliorare l economia generale, razionalizzando la produzione dei materiali grezzi, semilavorati e finiti; salvaguardare la salute e la sicurezza degli individui e protezione dell ambiente;

7 proteggere il consumatore mediante un livello di Qualità, debitamente controllato, dei prodotti e dei servizi, adeguato alle sue necessità. Attualmente la struttura normativa opera su tre livelli: internazionale: ISO (International Standard Organization) fondata nel 1906; europeo: CEN (comitato europeo di normazione) fondato nel 1961 nazionale: UNI per l Italia, fondato nel Manuale della Qualità Documento che descrive il sistema di gestione per la qualità di un organizzazione. I manuali della qualità possono differenziarsi, per grado di dettaglio, formato, ecc. in modo da adattarsi alla dimensione ed alla complessità della singola organizzazione. [UNI EN ISO 9000:2000] Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 07/21 Il Manuale della Qualità comprende di regola, o richiama, come minimo: politica per la qualità sistema di responsabilità e autorità procedure ed istruzioni del sistema qualità. Livello gerarchico dei documenti nella AUSL VT Livello Tipologia 1 Linee guida / Raccomandazioni, Regolamenti,Norme,Manuali, Progetti 2 Percorsi diagnostico-terapeutici, profili assistenziali, Procedura,Protocollo, istruzioni operative 3 schede,moduli PROCEDURE : CRITERI base Lo scopo fondamentale di una procedura è quello di chiarire meccanismi che permettono il funzionamento dei processi fondamentali di un'organizzazione.

8 Almeno due criteri devono sempre essere rispettati : chiarezza: in particolare nei processi complessi che coinvolgono attori diversi (per professionalità o area organizzativa di appartenenza), per definire il sistema di responsabilità relativo; trasparenza: per individuare azioni e responsabilità di specifica competenza. La definizione di una procedura rientra pienamente nella logica del ciclo di miglioramento (Ciclo PDCA) P - Plan. Programmazione. D - Do. Esecuzione del programma,dapprima in contesti circoscritti. C - Check. Test e controllo, studio e raccolta dei risultati e dei feedback. A - Act. Azione per rendere definitivo e/o migliorare il processo. PROCEDURA : Modalità definite per eseguire un attività o serie di attività e comunicazioni, tra loro interrelate, per portare a compimento un servizio per il cliente/utente. Una procedura deve esprimere chi fa, cosa fa,come è fatto, dove, quando, perché e chi ne è responsabile. (Accreditamento, Certificazione ISO 9001/2000, Eccellenza) Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 08/21 In genere una procedura tende a standardizzare un preciso processo che mira a garantire uno specifico output. l'impostazione di una procedura deve garantire: chiarezza dell obiettivo della procedura: ovvero che cosa si vuole garantire con la sua definizione; chiarezza dei rapporti fornitore-cliente all'interno del processo; la facile comprensibilità delle attività che devono essere svolte per il raggiungimento dell'obiettivo; la trasparenza del sistema di responsabilità inerenti al processo, sia per quanto riguarda il

9 processo nel suo insieme che per le singole attività; la disponibilità in forma aggiornata della procedura a tutti i soggetti interessati. La definizione di una procedura è una attività di sostanziale pianificazione dei processi di cui si intende avere un governo. La sintesi operativa delle modalità operative e le responsabilità rispetto ad un processo, facilita gli interventi che tendono a migliorarne l efficienza e l efficacia. Nell elaborazione dei contenuti, è utile seguire i punti sotto elencati : a) Individuazione del processo tecnico-professionale b) Selezione delle informazioni c) Individuazione dei compiti professionali d) Definizione dello scopo e del campo di applicazione e) Stesura, Verifica,Approvazione e diffusione h) Monitoraggio e revisione i) Archiviazione a) Individuazione del processo tecnico-professionale individuare e delimitare le attività che si intende descrivere e supportare attraverso la stesura della procedura: quanto più è delimitato e preciso il processo, tanto più sarà semplice la costruzione della procedura. Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 09/21 Nelle strutture sanitarie possono essere individuati due tipi di processi: _ i processi gestionali/organizzativi, detti anche di supporto _ i processi tecnico-professionali Rientrano nel primo caso la definizione del piano formativo, la valutazione del personale, o la gestione del budget ecc. Rientrano nella seconda tipologia tutte le attività di erogazione di assistenza e cura, come ad esempio le attività di prevenzione, la diagnostica, il trattamento ecc.

10 Una organizzazione orientata alla qualità deve disporre di una mappa dei principali processi e di un set di indicatori adeguati per il loro costante monitoraggio. La mappa consiste in una ricognizione puntuale di tutte le attività svolte che parte da quelle complesse (macro attività) e progressivamente raggiunge livelli di dettaglio sempre più specifici con l individuazione delle linee di attività, delle singole attività e dei compiti professionali. Innanzitutto è importante stabilire il criterio logico con il quale suddividere le macro-attività, esso può rispondere a diverse esigenze: - facilità di lettura - completezza dei processi individuati all interno di ogni macro-attività - eventuale corrispondenza con aree funzionali interne alla organizzazione - eventuale corrispondenza con le macro attività già contenute nel mandato eventuale corrispondenza a caratteristiche degli utenti ai quali si rivolge la organizzazione (fasce di età, o tipo di patologie ecc.) Stabilita la mappa complessiva dei processi, è opportuno attribuire un peso ad ognuno di essi. Il peso deve essere valutato sulla base di criteri condivisi che possono essere i più diversi, quali ad esempio: maggior rischiosità per il paziente maggiore complessità organizzativa maggiore necessità di integrazione tra più figure professionali maggiore costo complessivo maggiore criticità nell attuazione indicatori di esito con valori negativi rispetto all atteso avvio di nuovi modelli organizzativi mai sperimentati Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 10/ 21 In questo modo è possibile stabilire una master list di processi per quali sarebbe opportuno costruire delle procedure.

11 b) La selezione delle informazioni normative scientifiche e derivate dalla esperienza E necessario raccogliere più informazioni possibili a riguardo ai fini della stesura della procedura la cui prima fonte è senza dubbio la letteratura scientifica, dove si raccoglie tutto il materiale disponibile riguardante quel particolare processo, sia nei termini di buone pratiche, che EBM (evidence based medicine) EBN (Evidence Based Nursing), EBR( Evidence Based Riabilitation )sia in riferimento a Protocolli e linee guida esistenti. Da ultimo,, la raccolta di informazioni sul campo. Questo è il fondamentale presupposto per garantire la successiva condivisione della nascitura procedura. Al termine della raccolta di informazioni, il gruppo che dovrà affrontare la redazione della procedura ha il compito di: - selezionare le informazioni raccolte - ordinarle con criteri di rilevanza per l organizzazione e per la salute dei pazienti - dare coerenza alle informazioni ricevute, scartando quelle incomplete o incongrue o non del tutto sostenute da evidenze scientifiche - costruire un diagramma di flusso che documenti con precisione la successione nel tempo delle azioni da compiere all interno del processo c) Individuazione dei compiti professionali ed attribuzione delle relative responsabilità Una volta che il processo sia stato selezionato e che siano disponibili tutte le informazioni necessarie si attribuiscono le responsabilità collegate ai singoli compiti professionali. Questo è il punto nodale del processo e richiede la massima attenzione. Classificazione del Editore del

12 Linee guida aziendali per la Pag. 11/ 21 d) La definizione dello scopo e del campo di applicazione della procedura Va definito con precisione l obiettivo (scopo) della procedura. Questa operazione è strettamente collegata alla raccolta di dati e informazioni, perché in un ottica di miglioramento della qualità la stesura di una procedura può rappresentare una possibile azione correttiva scaturita dall analisi delle cause di un problema, oppure una azione preventiva che mira a contenere i rischi di malfunzionamento. Di conseguenza, il valore aggiunto che ci si aspetta attraverso l implementazione della procedura sarà quello di ottenere un processo migliorato in funzione della sua efficacia, efficienza, appropriatezza e sicurezza. Sarà responsabilità di chi verifica la procedura, valutare quanto i suoi contenuti siano coerenti rispetto allo scopo dichiarato. Altrettanto importante è definire il campo di applicazione della procedura, in altri termini si tratta di indicare con chiarezza i parametri spazio-temporali in cui la procedura deve essere applicata e ha validità. In questo modo si contiene il rischio che si faccia un uso improprio e fuori contesto della procedura. e) La stesura Solitamente la stesura di una procedura viene effettuata da un piccolo gruppo di professionisti, spesso di diverso profilo professionale. Di conseguenza lo sforzo che si richiede al gruppo è quello di riuscire, per quanto possibile, a trovare consenso su una pratica comune che poi diventerà procedura scritta. La condivisione rappresenta l aspetto più critico nella stesura della procedura, ma anche l elemento che ne garantisce di più l applicazione, l efficacia e la stabilità. Di norma il Responsabile della struttura non ha la possibilità di elaborare in proprio una procedura senza il valido e costruttivo sostegno di tutte le parti interessate. Ed è anche importante redigere e conservare una serie di verbali di riunioni o di documenti paralleli che dimostrino chiaramente che l elaborazione è avvenuta con la più ampia partecipazione possibile. Questa accortezza riduce il rischio che, successivamente alla sua diffusione, si creino conflitti tra gli operatori o tra questi e la leadership. E consigliabile, prima della ufficializzazione della procedura che la stessa venga sperimentata nel contesto di riferimento per verificarne sul campo le eventuali criticità applicative da parte di chi non ha partecipato alla stesura della stessa. Classificazione del Editore del

13 Linee guida aziendali per la Pag. 12/ 21 f) La verifica A garanzia della correttezza e dell adeguatezza, prima della sua diffusione, le procedure devono essere verificate dal Responsabile delle Procedure e delle Istruzioni operative. Nella AUSL VT Il responsabile sopra-citato è individuato nel gruppo di riferimento aziendale per le procedure (GRAP) istituito con delibera n 693 del Tale gruppo che già afferisce funzionalmente al Comitato per la sicurezza aziendale (istituito con delibera n 471 del )opererà anch esso sulla base delle presenti linee guida. Il coordinamento delle suddette attività di verifica anche per quanto concerne gli aspetti inerenti la qualità della assistenza e più in generale del governo clinico è affidato alla unità operativa di Risk posta in staff alla Direzione strategica della AUSL VT. La verifica nel caso di specie, consiste nel confrontare la procedura redatta con una serie di parametri che ne convalidino la stesura e nel valutarne la coerenza con altri documenti : obiettivo della procedura Coerenza con altri documenti Processo tecnico/professionale Responsabilità Razionale/scopo della procedura Campo di applicazione La procedura redatta è coerente con l obiettivo definito? La procedura è coerente con altri documenti aziendali che interfacciano il processo sotto osservazione? La procedura è sovrapponibile al processo tecnico professionale che si intende descrivere? Sono chiaramente indicate le responsabilità singole per ogni sequenza del processo? Sono chiaramente indicate le ragioni della costruzione della procedura? E chiaramente definito il campo (confini) entro i quali è applicata la procedura? La firma della/e persona/e che compie l atto di verifica è il prerequisito indispensabile per definire poi l approvazione della procedura. Nel caso in cui Il Responsabile della verifica individui degli scostamenti dai parametri di buona qualità, la procedura dovrà tornare al gruppo di redazione (esperti del settore specifico) o al responsabile della redazione per le eventuali correzioni. g) L approvazione e la diffusione A seguito della verifica della procedura la stessa viene trasmessa al responsabile della sua approvazione. Questi, che corrisponde al Direttore sanitario aziendale, ha il compito di esaminare il contenuto in tutte le sue parti e di valutare se le modalità operative proposte siano appropriate e coerenti con il mandato, le

14 risorse, gli obiettivi generali e la pianificazione corrente delle attività di quella determinata struttura. Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 13/ 21 La valutazione ai fini dell approvazione può anche riguardare la onerosità della procedura in termini di risorse aggiuntive (tecnologiche e/o umane) necessarie alla sua applicazione, se richieste. L atto di approvazione rappresenta inoltre la conferma che la procedura può essere applicata esclusivamente nel settore indicato come Campo di applicazione. Se la procedura non venisse approvata può essere o immediatamente eliminata o rinviata per eventuali correzioni. h) Il monitoraggio e la revisione Il monitoraggio dell implementazione di una procedura deve tener conto di alcuni parametri tra i quali: completezza delle informazioni fornite chiarezza delle azioni necessarie e delle responsabilità attribuite correttezza delle successione delle azioni applicabilità (in quanto tiene conto delle risorse disponibili e del contesto dato) Reperibilità o disponibilità alla consultazione 4. MODALITA DI ELABORAZIONE DI UNA PROCEDURA In sintesi le procedure debbono: 1) descrivere in modo efficace cosa deve essere fatto, da chi, in che modo e in quale luogo, rendendo trasparente e leggibile il processo tecnico/professionale selezionato; 2) chiarire il ruolo e le responsabilità di tutti gli attori coinvolti; 3) definire le singole azioni e gli specifici compiti professionali, rendendo più agevole la valutazione delle sequenze più complesse o più rischiose o più costose; 4) avere una valenza didattica, cioè essere uno strumento di formazione e addestramento per operatori che si affiancano o si inseriscono in una nuova attività; 5) documentare l applicazione di un sistema di gestione della qualità di una struttura;

15 6) permettere attraverso la loro stesura o revisione di ridisegnare alcune sequenze dei processi ritenute obsolete, o troppo onerose, o rischiose per gli operatori e per i pazienti; Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 14/ 21 7) indicare chiaramente come e da chi sono state effettuate redazione,verifica, approvazione, diffusione, monitoraggio, revisione, archiviazione delle procedure; 8) essere condivise con tutti gli aventi titolo; 9) essere classificate attraverso un codice di identificazione; 10) essere realmente disponibili per la loro consultazione nei luoghi e nei tempi formalmente definiti dal responsabile della Struttura; 11) utilizzare il format previsto 4.1 Format della documentazione La documentazione prodotta dalle strutture operative della AUSL VT dovrà avere, la seguente impostazione. In prima pagina1: Definizione tipologia di (cod. PR-IO-LL.GG.-Reg etc seguito dal numero), Titolo,Elenco Emissioni/Approvazioni/Revisioni. Il codice è seguito da un numero progressivo (es. 01, etc.).vedi schema pagine seguente.

16 Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 15/ 21 Schema del format Titolo del Rev. 0 Data Edizione 0 Data Cod. Pag. 1/ Rev. 1 Data Edizione 1 Data Rev. 2 Data Edizione 2 Data Rev. 3 Data Edizione 3 Data Rev. 4 Data Edizione 4 Data Distribuito in forma cartacea informatica A A Copia controllata (soggetta ad aggiornamento) N Copia non controllata Copia riservata DATA FIRMA

17 REDATTO DA VERIFICATO DA APPROVATO DA In calce deve essere riportato il pedice qui rappresentato che indica : il gruppo di riferimento del (LLGG;PR;IO;Reg;etc.),la classificazione del (interno; riservato; esterno etc.); l editore del. Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 16/ 21 All interno, In Intestazione: Titolo del Cod. Rev. 0 del Pag. / Edizione 0 del SOMMARIO 1. SCOPO/OBIETTIVO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI 4. ABBREVIAZIONI, DEFINIZIONI E TERMINOLOGIA 5. MATRICE DELLE RESPONSABILITÀ 6. PROCESSO/MODALITÀ OPERATIVE 7. ALLEGATI

18 Classificazione del Editore del Linee guida aziendali per la Pag. 17 / 21 STRUTTURA BASE DELLA PROCEDURA Redazione emissione verifica approvazione autorizzazione Chi ha fatto la Chi verifica i chi approva i stesura contenuti contenuti. Quando è stata emessa la prima versione e quando vengono emesse le edizioni successive. Chi autorizza la emissione e applicazione Scopo Perché è stata sviluppata la procedura Obiettivo della procedura Cosa si prefigge la procedura Quali sono gli obiettivi specifici del processo da perseguire Campo di applicazione Dove e quando si applica la procedura. Riferimenti Specificare i riferimenti ad altra documentazione (altre procedure, modulistica di registrazione). Indicare normative o altri Definizioni Chiarimenti rispetto a tecnologie particolari, acronimi o abbreviazioni.

19 documenti di riferimento (ad esempio : linee guida professionali). Ogni U.O. che redige documenti (procedure o altro) ha l obbligo di tenere un registro degli stessi di cui si fornisce un esempio in allegato. I documenti vengono quindi archiviati sia nella singola U.O. che centralmente : quelli sanitari presso il Risk ; quelli amministrativi presso la U.O. degli AA.GG. Allegato : esempio di registro delle documentazioni Classificazione del Editore del

20 Pag. 1/4 Registro dei documenti U.O. di. Aggiornato al Codice Descrizione Tipo di Documento W= word Formato E= elettronico N Edizione Data edizione N Revisione Data revisione Luogo archivio Responsabile archivio E= excell C= cartaceo P= Pdf A= access Pag. 18/21 edizione Data edizione revisione Data revisione redatto verificato approvato

21 0 Pag. 2/ 4 U.O. di. Aggiornato al Codice Descrizione TIPO Formato N Edizione Data edizione N Revisione Data revisione Luogo archivio Responsabile archivio Pag. 19/21 Edizione Data edizione revisione Data revisione redatto verificato approvato

22 0 Pag. 3/ 4 Aggiornato al Codice Descrizione TIPO Formato Edizione Data edizione Revisione Data revisione Luogo archivio Responsabile archivio Pag. 20/21 edizione Data revisione Data redatto verificato approvato

23 edizione revisione 0 Pag. 4/ 4 Aggiornato al Codice Descrizione TIPO Formato N Edizione Data edizione N Revisione Data revisione Luogo archivio Responsabile archivio Pag. 21/21

24 edizione Data edizione revisione Data revisione redatto verificato approvato 0

Guida per la redazione e gestione delle procedure tecnico- professionali A. Definizione di procedura tecnico-professionale non indica Protocolli

Guida per la redazione e gestione delle procedure tecnico- professionali A. Definizione di procedura tecnico-professionale non indica Protocolli Guida per la redazione e gestione delle procedure tecnico- professionali Il miglioramento continuo della qualità delle prestazioni e dei servizi e la gestione del rischio clinico nelle organizzazioni sanitarie

Dettagli

PROCEDURE - GENERALITA

PROCEDURE - GENERALITA PROCEDURE - GENERALITA Le PROCEDURE sono regole scritte, utili strumenti di buona qualità organizzativa, con le quali lo svolgimento delle attività viene reso il più possibile oggettivo, sistematico, verificabile,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Pagina 1 di 10 DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Sommario...1 1.Scopo/Obiettivo... 2 1.1.Scopo...2 1.2.Obiettivo...2 2.Campo di applicazione...2 3.Modifiche alle revisioni precedenti...2 4.Definizioni...

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI rev. 02 Data: 04-12-2012 pag. 1 9 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Leonardo da Vinci OLEVANO SUL TUSCIANO. Processo: TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Leonardo da Vinci OLEVANO SUL TUSCIANO. Processo: TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLA DOCUMENTAZIONE Pag. 1 di 5 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LEONARDO DA VINCI Processo: TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLA DOCUMENTAZIONE Procedura Revisione: 3 5 4 3 04/06/2015 Aggiornamento 2 04/06/2014 Aggiornamento 1 25/02/2013

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità

Sistema di Gestione per la Qualità Pagina 1 di 8 Manuale Qualità Sistema di Gestione per la Qualità INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 14.03.2003 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 00 Pag. 1 di 8 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10-01-06 1A EMISSIONE TUTTI TUTTE 01 25-09-09 ADEGUAMENTO ALLA NORMA UN EN ISO 9001:2008 TUTTI

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati

PROCEDURA SGQ PRO-DOD. Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati PROCEDURA SGQ PRO-DOD Tenuta sotto controllo dei DOcumenti e dei Dati Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...2

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 ISTITUTO PROFESSIONALE per i SERVIZI ALBERGHIERI e della RISTORAZIONE Gestione della documentazione del Sistema Qualità PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 Documento preparato da Responsabile Sistema

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI

TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI PROCEDURA Sistema di gestione per la qualità TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI Rev Descrizione Data Redazione Verifica Approvazione Emissione Soggetto Staff qualità RSGQ SG 02 Terza emissione 15/09/10

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Redazione e modifica di una procedura di sistema qualità. Indice

Redazione e modifica di una procedura di sistema qualità. Indice LEZIONE REDAZIONE E MODIFICA DI UNA PROCEDURA DI SISTEMA QUALITÀ DOTT. SANTE PIZZUTI Indice 1 INTRODUZIONE--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Modalità della pianificazione e della conduzione degli audit e della gestione della documentazione dei risultati

Modalità della pianificazione e della conduzione degli audit e della gestione della documentazione dei risultati Procedura del Sistema di Gestione per la Qualità Modalità della pianificazione e della conduzione degli audit e della gestione della documentazione dei risultati PQ-8-01 ed. 4 rev. 01 14 ottobre 2014 originale

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR01 - n conformità, Reclami, Azioni Correttive, Azioni Preventive Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale

Dettagli

PR_MP4_01 REGISTRAZIONE, ARCHIVIAZIONE E GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL SGQ

PR_MP4_01 REGISTRAZIONE, ARCHIVIAZIONE E GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL SGQ Pagina 1 di 8 PR_MP4_01 REGISTRAZIONE, ARCHIVIAZIONE E GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL SGQ revisione data Descrizione modifiche Redazione e verifica Approvazione 0 3/7/03 Prima emissione 1 10/3/03 Revisione

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Sistema di gestione per la qualità

Sistema di gestione per la qualità Revisione 04 Pag. 1 di 10 INDICE 1 OBIETTIVO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ... 2 3 PRINCIPI E STRUTTURA DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E PER L ACCREDITAMENTO...

Dettagli

PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI

PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI Pagina 1 di 8 PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI STATO DEL DOCUMENTO REV. PAR. PAG. MOTIVO DATA 00 - - Emissione documento 31.05.2013 Responsabile Area Servizi per la Didattica

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 01 Pag. 1 di 5 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10.05.11 1 a Emissione Tutti Tutte Sommario 4 LA QUALITA... 2 4.1 Requisiti Generali... 2 4.2

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA Elaborazione Verifica Approvazione Il Responsabile Qualità Il Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico (.. ) (. ) ( ) Data Data Data Rev Causale (emis./revis.)

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE Pag.: 1/7 REDAZIONE A CURA DI Francesca Valvo RSGQ DOCUMENTO APPROVATO DA Gabriella Ianni Direzione SEA Abruzzo Emissione AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica 01 2011-10-10 Prima Emissione RSGQ

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Manuale di gestione della Qualità

Manuale di gestione della Qualità SOMMARIO 4.1. Requisiti generali 4.2. Requisiti relativi alla documentazione 4.2.2. Manuale per la gestione della qualità 4.2.3. Tenuta sotto controllo dei documenti 4.2.4. Tenuta sotto controllo delle

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni ALLEGATO 1 Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni Obiettivo Scopo della Procedura è definire il processo di attivazione e gestione dei

Dettagli

PROCEDURA REGISTRAZIONI

PROCEDURA REGISTRAZIONI REGISTRAZIONI Rev. 1 Pagina 1 di 14 REGISTRAZIONI COPIA N Unica DISTRIBUITA A CED n. revisione 0 1 Data Emissione Redatto 04.04.05 12.05.06 Firma Resp. data 12.05.06 REVISIONI Descrizione Prima emissione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ MANUALE GESTIONE QUALITÀ SEZ. 5.1 REV. 02 pagina 1/5 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

Dettagli

PROCEDURE E PIATTAFORMA INFORMATIZZATA. Progetto formativo Elementi di indirizzo per la corretta redazione e gestione della documentazione sanitaria

PROCEDURE E PIATTAFORMA INFORMATIZZATA. Progetto formativo Elementi di indirizzo per la corretta redazione e gestione della documentazione sanitaria PROCEDURE E PIATTAFORMA INFORMATIZZATA Progetto formativo Elementi di indirizzo per la corretta redazione e gestione della documentazione sanitaria Procedure Elemento importante del patrimonio documentale

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 Ricordiamo che tra le finalità della BS OHSAS 18001 richiede di dimostrare che: il sistema di gestione della salute e sicurezza

Dettagli

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

Struttura documenti del SGQ

Struttura documenti del SGQ pag. 1 di 9 TITOLO Struttura documenti del SGQ Destinatari del documento: Elaborato da: RQ Verificato da: RQ Approvato da: DS Rev. 0 Data: Data: Data: Firma Firma Firma pag. 2 di 9 REVISIONI DEL DOCUMENTO

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 4 - STRUMENTI DI GESTIONE Art. 26 - Pianificazione strategica e controllo strategico Art. 27 - Sistema di budget Art. 28.1 - Bilancio

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DELLE AZIONI CORRETTIVE E DELLE AZIONI PREVENTIVE

PROCEDURA GESTIONE DELLE AZIONI CORRETTIVE E DELLE AZIONI PREVENTIVE originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza La presente procedura definisce le modalità e le responsabilità con cui ogni UO/Servizio dovrà gestire le

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

x copia non controllata

x copia non controllata Procedura del Sistema di Gestione per la Qualità Modalità di gestione delle informazioni e delle registrazioni necessarie per supportare il funzionamento ed il monitoraggio del Sistema di Gestione per

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata Pag.: 1 di 7 Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata Referente del documento: Referente Sistema Qualità (Dott. I. Cerretini) Indice delle revisioni Codice Documento Revisione

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 6 ALLEGATI...

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 6 ALLEGATI... Pagina 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Premessa...3 5.2 Gestione dei documenti...3 5.3 Revisione dei

Dettagli

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI INDICE 1 di 9 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1. Redazione e identificazione 5.2. Controllo e verifica 5.3. Approvazione 5.4.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

Titolo. Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento

Titolo. Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento Titolo Sigla Istruzione operativa per l uso del Modulo DT-Mod-006: Rilievi individuati da ACCREDIA-DT e richiesta di trattamento IO-09-02-DT Revisione 02 Riservatezza 1 Data 2014-12-15 Redazione Approvazione

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

4. Aree strategiche, obiettivi strategici, obiettivi operativi

4. Aree strategiche, obiettivi strategici, obiettivi operativi 4. Aree strategiche, obiettivi strategici, obiettivi operativi Ciclo integrato di programmazione, gestione della performance e controllo Il ciclo integrato di programmazione, gestione della performance

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4 1. REQUISITI GENERALI L Azienda DSU Toscana si è dotata di un Sistema di gestione per la qualità disegnato in accordo con la normativa UNI EN ISO 9001:2008. Tutto il personale del DSU Toscana è impegnato

Dettagli

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing

Sistema di Prevenzione della Corruzione - Attività di Auditing Procedura Audit PROTOCOLLI OPERATIVI. Piano Audit anno 2015 Allegato_C )al PTPC 2015-2017 INDICE: 1. Premesse 2. Campo di applicazione; 3. Obiettivi dell attività di auditing 4. Ruoli e responsabilità

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Codice MGQ 4 Pag. 1 / 16 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Indice: 4.0 - Oggetto 4.1 - Generalità 4.2 Requisiti relativi alla documentazione 4.3 - Controllo delle registrazioni

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

PROCEDURA. Modalità di Gestione degli Audit Interni

PROCEDURA. Modalità di Gestione degli Audit Interni originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del Q bozza La presente procedura definisce le modalità di pianificazione e conduzione degli Audit Interni e le modalità

Dettagli

Il processo di gestione del rischio clinico: SUMMING UP, DOVE VOGLIAMO ANDARE

Il processo di gestione del rischio clinico: SUMMING UP, DOVE VOGLIAMO ANDARE Il processo di gestione del rischio clinico: SUMMING UP, DOVE VOGLIAMO ANDARE Dr. Clemente Ponzetti Dr. Clemente Ponzetti Direzione Sanitaria Aziendale AUSL della Valle d Aosta www.ausl.vda.it Politica

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

PROCEDURA DI VALUTAZIONE ED INCARICHI REV 9 DOCENTI / TUTOR

PROCEDURA DI VALUTAZIONE ED INCARICHI REV 9 DOCENTI / TUTOR REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE SEGR RGQ STATO DELLE REVISIONI Nr. Data Redazione Aggiornamento Verifica Approvazione Modifiche apportate 0 03/01/2005 RGQ GEPROF Prima

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA.

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. ALLEGATO N. 3 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25, comma 1, del CCNL della dirigenza del 3 novembre 2005, la valutazione dei

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Pagina: 1 di 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.0 SCOPO DELLA SEZIONE Illustrare la struttura del Sistema di Gestione Qualità SGQ dell Istituto. Per gli aspetti di dettaglio, la Procedura di riferimento

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

POLISTUDIO. Modulo 1

POLISTUDIO. Modulo 1 Modulo 1 TEORIA DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE Sistemi di gestione: definizione Con tale termine si intendono tutti i sistemi di gestione organizzativi implementati nelle organizzazioni nei diversi

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI

GESTIONE DEI DOCUMENTI E DEI DATI I.T.C.S. ERASMO DA ROTTERDAM Via Varalli, 24-20021 BOLLATE (Mi) Tel. 023506460/75 Fax 0233300549 MITD450009 C.F. 97068290150 PROCEDURE GENERALI PER LA GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 10 GESTIONE DEI DOCUMENTI

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA STUDIO 3A S.n.c. MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA UNI EN ISO 90:2008 EDIZIONE 02 rev. 05.12.23 STUDIO 3A S.n.c. MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA UNI EN ISO 90:2008 EDIZIONE 02 rev Il presente manuale

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro Direzione RSPP Responsabile Ufficio Tecnico Responsabile Ufficio Ragioneria (Ufficio Personale) Ufficio Segreteria

1. DISTRIBUZIONE Datore di Lavoro Direzione RSPP Responsabile Ufficio Tecnico Responsabile Ufficio Ragioneria (Ufficio Personale) Ufficio Segreteria Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione dei documenti e del 06/05/2013 1. DISTRIBUZIONE Datore

Dettagli

Manuale CAP 1. SISTEMA QUALITA

Manuale CAP 1. SISTEMA QUALITA CAP 1. SISTEMA QUALITA 1. SCOPO Lo scopo del presente manuale è definire e documentare, a livello generale, le politiche, l'organizzazione, i processi e le risorse relative al Sistema del Rotary Club...

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE PROGETTO DI FORMAZIONE SUL CAMPO

PROCEDURA GESTIONE PROGETTO DI FORMAZIONE SUL CAMPO REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE GPROF RGQ DIR STATO DELLE REVISIONI Nr. Data Redazione Aggiornamento Verifica Approvazione Modifiche apportate 0 13/05/2005 RGQ GEPROF

Dettagli