PICCOLA DEA 5 30/03/15 17:36

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PICCOLA DEA 5 30/03/15 17:36"

Transcript

1 PICCOLA DEA

2 Per Simone

3 1. Il miglior tè del mondo «Dovrai rompermi un dito del piede» le spiegai. Io e Lorrie Ann stavamo prendendo il sole nel minuscolo patio recintato della casa di mia madre, sdraiate su asciugamani sottili stesi sulle screpolature del lastricato rovente. Ci eravamo spremute sui capelli una confezione a testa di limone concentrato, di quello industriale, e con gli occhi chiusi contro il sole pregavamo di diventare più bionde, sempre più bionde. Il vento portava con sé l odore del gelsomino. Nell esigua insenatura del nostro quartiere californiano anni Novanta, non c era ragazza più perfetta di Lorrie Ann Swift, non tanto perché fosse straordinaria, ma perché era ordinaria in modo superiore al nostro. I suoi genitori le volevano bene, e lei voleva bene a loro. Era addirittura difficile che invitassero qualcuno a casa, tanto preferivano la loro reciproca compagnia a quella degli altri. Perfino suo fratello maggiore, anziché prendersela con lei e tormentarla o travolgerla ogni volta che le passava accanto con la bici, condivideva la sua collezione di cd e le dava consigli per perfezionare lo stile a rana. Quasi tutti i nostri genitori erano finiti a Corona del Mar, nel torpore di quella cittadina sull oceano, per una serie di errori sempre più grandi. Il mercato immobiliare della California del Sud, che durante gli anni Ottanta sembrava non avere limiti, era di colpo collassato; molti padri erano rimasti a casa e ormai dividevano equamente il loro tempo tra la bottiglia e il divano, con una borsa per il ghiaccio sugli occhi, 9

4 mentre le mogli si affannavano per guadagnarsi un attestato di igienista dentale. Una ragazza, Miranda, aveva la madre che lavorava a Disneyland di giorno e poi di notte, da casa, per una linea a pagamento di chiromanzia. «Rende anche meglio del sesso telefonico» commentò Miranda un pomeriggio mentre leccavamo da minuscoli piattini il preparato per una gelatina senza zucchero all arancia. Ricordo anche i suoi quattro Rottweiler. Erano molto vecchi e due di loro avevano perso ormai il controllo dell intestino. I nostri genitori avevano perlopiù creduto che la vita sarebbe stata tutta in discesa e che, brillanti ed entusiasti com erano, se la sarebbero cavata. Quella fiducia, una fiducia nelle loro capacità, li stava poco a poco abbandonando per essere sostituita, almeno nel caso di mia madre, da un interesse per l occulto e una costante inclinazione per il vino rosso. La generazione del babyboom è stata definita da alcuni ottimista, ma per come la vedo io era semplicemente debole e poco preparata. Non sapevano cucire né cucinare e nemmeno far quadrare i conti. Si dimenticavano di aprire la posta. Un mal di testa li colpiva ogni volta che cercavano di condurre una riunione delle Girl Scout: restavano seduti su sedie pieghevoli a pizzicarsi con due dita il ponte del naso cercando di non piangere per quella vita che si era rivelata terribilmente dura e monotona mentre, tutt attorno, delle bimbette eccitate ridevano sguaiate perché una di loro aveva pestato una cacca. I genitori di Lorrie Ann, invece, non perdevano la fiducia. Vivevano in un modo diverso, migliore. Ogni domenica andavano in chiesa. Ogni venerdì sera prendevano a noleggio un classico dell horror, e persino il fratello maggiore di Lorrie Ann, che al tempo aveva sedici anni, restava a casa a guardarlo mentre ordinavano una pizza a domicilio e facevano i popcorn nel minuscolo bilocale dove vivevano tutti e quattro insieme. Suo padre, Terry, portava un orecchino (un grande cerchio dorato, come quello di un pirata) e per la serata insegnanti-genitori si metteva in testa un cilindro nero. Aveva un 10

5 gruppo di christian rock, mentre la madre di Lorrie Ann, Dana, era una maestra di scuola materna che faceva collezione di gnomi: gnomi di legno e di ceramica di ogni stile e dimensione, posati a terra o su tavoli e ripiani, con la schiena al muro, lo sguardo spento rivolto verso il centro della stanza. Di certo credevo che Lorrie Ann non sarebbe mai stata tanto stupida da rimanere incinta in seconda superiore di un ragazzo che nemmeno le piaceva, esattamente quello che avevo fatto io. Eppure, durante la primavera dei miei quindici anni fu proprio Lorrie Ann che mi accompagnò ad abortire, che mi aiutò a programmare tutto. Aveva già compiuto sedici anni e preso la patente, ma non avevo bisogno di lei solo perché guidava. Avevo bisogno che, in tutta la sua bontà e correttezza, mi perdonasse, mi desse il suo consenso partecipando al mio disegno. «Non puoi dire semplicemente che ti sono venute? Perché ti devo rompere un dito del piede?» chiese Lorrie Ann, gli occhi nascosti dietro le lenti scure degli occhiali da sole presi in prestito da mia madre. «Chi si perderebbe una partita di campionato solo per un po di dolori mestruali?» mi difesi. Riuscire a fissare un appuntamento al consultorio familiare era stato un incubo. Non c era modo di spostarlo e non credevo proprio che sarei riuscita a giocare a softball il giorno dopo. Volevo che Lorrie Ann mi rompesse un dito del piede in maniera da avere una vera e seria giustificazione da esibire al coach. E poi, per qualche strana ragione consideravo che rompermi un dito del piede fosse il prezzo da pagare per l aborto, un modo per sincerarmi di essere ancora una persona perbene: era la punizione che rende di nuovo buoni i cattivi. Sebbene fossi stata cresciuta senza alcuna educazione religiosa, ero in un certo senso cattolica per mia stessa indole. «Di semplicemente che sei ammalata!» insistette Lorrie Ann. «Non mi piace dire bugie, e questa è la cosa che più si avvicina alla verità.» 11

6 Lorrie Ann mi guardò addolorata. «Tu sei matta» fece. «Dici bugie in continuazione.» «Vero, e non mi piace per niente. Andrà tutto bene. Ci beviamo qualcosa e lo facciamo.» Naturalmente costringere Lorrie Ann pura, bella e brava a rompermi un dito del piede e punirmi così per il mio aborto assumeva un significato importante a livello simbolico. Per noi la famiglia di Lorrie Ann era splendida, e quello splendore si trasferiva a Lorrie Ann. Rendeva i suoi capelli già dorati color del miele e il blu oceano dei suoi occhi ancora più profondo. Faceva apparire elegante, anziché irlandese, il suo naso all insù. Era il suo splendore a rendere grazioso, e non ridicolo, che in prima media Lorrie Ann fosse l unica di noi a non depilarsi ancora le gambe. Credo fossimo tutte gelose di quella bella peluria dorata, un riflesso di polvere di fata sui suoi polpacci. Perché su di lei era così bella mentre sui nostri piccoli stinchi flemmatici aveva un aspetto tanto brutto e infame? Perché Lorrie Ann riusciva a essere elegante persino in scarpette da ginnastica malconce e pantaloncini un po troppo piccoli per lei? Perché risultava deliziosa quando, ridendo troppo forte, finiva per fare versi da maialino? Sì, eravamo gelose di lei, eppure non la odiavamo. Non la stuzzicammo nemmeno una volta, noi monelle vagabonde di Corona del Mar, ladre di noccioline e aranciata, fanatiche del lucidalabbra e del turpiloquio, figlie di finte chiromanti e specialiste di flebotomia fresche di diploma. Fu così che quando, poco dopo la fine delle superiori, cose terribili iniziarono ad accadere a Lorrie Ann, rimanemmo tutte scioccate. Fu come una sorta di strana resa di Giobbe postmoderna. Restammo di sasso, ammutolite, private persino della possibilità di accedere ai gesti tradizionali di piatti portati nella casa del defunto e decorosi silenzi. La storia di Lorrie Ann diventò il rospo in gola che ci fece restare in silenzio mentre nervosamente sceglievamo le nostre carriere e acconsentivamo con molti dubbi e pregiudizi a sposare gli uomini 12

7 di cui eravamo innamorate. (Tutti i nostri genitori avevano divorziato, come potevamo non avere paura? Tutti i nostri genitori tranne, naturalmente, quelli di Lorrie Ann.) In un certo senso è stata Lorrie Ann a fare di me ciò che sono, poiché la mia personalità ha preso forma come reazione uguale e opposta a ciò che era lei, proprio come, ne sono certa, la sua è andata formandosi come conseguenza della mia. La gente fa cose così. Si spartiscono le qualità, come se per indocilire la realtà bisognasse classificarla, etichettarla, definirla. Mia madre si considera tuttora la sorella intelligente, mentre l altra è la bella, sebbene abbia ottenuto un dottorato in biologia marina e lei sia invece diventata truccatrice. Per me, la mia amica Lorrie Ann era la buona, mentre io ero la cattiva. Lei era bella (e in maniera sconvolgente, come un dipinto di Vermeer) ma io ero sexy (a tredici anni bastava un po di Labello alla ciliegia per sentirsi sexy). Eravamo entrambe sveglie, ma Lorrie Ann era riflessiva mentre io ero furba, lei seria e io scaltra. Se lei faceva la sentimentale, io diventavo sarcastica. Di solito le amicizie tra ragazze vengono catalogate e riposte in scatole piene di cartoline e biglietti di concerti, ma qualsiasi cosa ci fosse tra me e Lorrie Ann, non fu tanto semplice da archiviare. Il weekend successivo eravamo andate al consultorio familiare sulla Diciannovesima, a Costa Mesa, avevo abortito, e poi avevamo mangiato un hamburger da In-N-Out. Mi sentivo male e probabilmente sarei dovuta andare a casa e rannic chiar mi sul divano come quando ti senti male alle elementari. Una boule dell acqua calda e un antidolorifico sarebbero stati provvidenziali. Ma non volevo ammettere che avevo bisogno di coccole. Volevo fare la dura, assumere l aria vissuta persino rispetto a quello che era appena accaduto, perché facendo finta che non importasse avrebbe davvero avuto meno importanza. Quando chiesi di andare da In-N-Out, Lorrie Ann non ebbe altra scelta se non accompagnarmi. «Sei sicura?» mi chiese. «Come ti senti?» «Sto da dio» dissi, e lei rise nervosamente. 13

8 Ma dopo aver ordinato ed esserci sedute sulla panchina da picnic in pietra cocente con del cibo che nessuna delle due voleva, non riuscivamo a parlare. Capii che, per tornare a essere davvero amiche, dovevo trovare un modo per farla partecipe, per darle accesso a quei pochi minuti freddi e illuminati a giorno che avevo appena trascorso senza di lei. «L infermiera aveva, tipo, dei baffi» dissi infine. Mi tornava in mente la sua faccia che incombeva su di me durante la procedura; avevano continuato a chiamarla così, la procedura. L espressione nei suoi occhi era difficile da decifrare: non c era pietà, ma nemmeno un giudizio. Non c era alcuna emozione palese, eppure aveva una faccia onesta e franca. Alla fine avevo capito cos era: l infermiera mi guardava con la stessa disinvoltura con cui ci si guarda allo specchio, quando ci si esamina senza avere la sensazione che la faccia appartenga a qualcun altro. «Credo che mi odiasse» dissi. «O che odiasse tutto quanto: gli aborti e le ragazzine che li fanno di sabato. Oppure era semplicemente annoiata. Magari mentre io abortivo lei era semplicemente annoiata. È strano, vero? Che possa essere la cosa più grande e paurosa, la cosa peggiore che mi sia mai capitata, mentre per lei era solo un altra giornata di lavoro.» «Mi dispiace moltissimo» disse Lorrie Ann posando una patatina fritta. Schioccò le dita per liberarsi del sale. «Riesco solo a pensare che avrei voluto farlo io, che avrei potuto farlo io al posto tuo in maniera che non dovessi essere tu a farlo.» Era sul punto di piangere, e quello aiutava. Se avesse pianto lei non avrei potuto farlo io, ed era più facile consolare lei che consolare me. «Non è stato poi così terribile» le dissi. «In un certo senso fanno in modo che tu non ti accorga di quel che succede. Te lo nascondono. Forse sarebbe meglio se non facessero così, se lo vedessi, se sapessi. Però ho fatto sedute dal dentista che facevano più male e più schifo.» Lorrie Ann mi guardò e rise piano. «Sei una bugiarda del cazzo.» * 14

9 Poi tornammo a casa mia; purtroppo mia madre era lì, e purtroppo era ubriaca. La cosa più fastidiosa di mia madre ubriaca era che diventava sdolcinata. «Vi voglio troppo bene, ragazze» sussurrava mentre ci strappava le sopracciglia e gli occhi le si riempivano di lacrime. «Siete troppo belle.» Ricordo che sanguinavo come un Romanov e passai il pomeriggio a cambiare un assorbente dopo l altro, mentre lei ci faceva trattamenti al viso e il ventilatore del salotto girava debolmente. Dovetti mentire e dire che avevo la cacarella per spiegare le mie frequenti incursioni in bagno, lo sguardo vitreo e distratto. Sentivo che Lorrie Ann si preoccupava per me e continuavo a sorriderle e scrollare le spalle, dicendole con il labiale che stavo bene ogni volta che mia madre ci dava la schiena. Ma più fingevo di star bene, più mi sentivo dentro un agitazione che sfociava in uno strano stato di ansia e sfinimento. I miei fratelli, paralizzati dal caldo, erano sdraiati sui divani di pelle. In verità erano miei fratellastri, procreati dal mio nuovo patrigno, Paddy. Il mio vero padre viveva una specie di vita strepitosa come venditore di auto a San Francisco, dove gli facevo visita una volta all anno, di solito per due o tre giorni, sebbene, nel tentativo di essere carini l uno con l altro, fossimo generalmente esausti già alla fine del primo giorno. Mio padre per me non fu mai davvero famiglia, non come i miei fratelli. Avevano cinque e sei anni all epoca, ed erano nudi tranne per gli slip da Superman, mentre la loro carnagione, dall abbronzatura satinata, brillava risaltando sulla pelle nera del divano. «Questo è un siero esfoliante» ci informò mia madre, farfugliando solo lievemente. Era truccatrice per Chanel e la mia vita era stata una serie di campioncini di prodotti di bellezza: minuscoli tubetti di crema che mi metteva in mano come talismani contro i pericoli. Per l intero pomeriggio e la sera, io e Lorrie Ann aspettammo: che le nostre nuove facce si rivelassero, che mia madre perdesse finalmente i sensi, che i miei fratellini andassero a letto (all epoca adoravano ancora I racconti della buonanotte; Dio, 15

10 che libro noioso! E buonanotte a questo, e buonanotte a quello, e di nuovo da capo). Finalmente, passata mezzanotte, io e Lorrie Ann uscimmo di soppiatto nel cortiletto con un martello. Ricordo che Lorrie Ann si mangiava le unghie. Per farle perdere il vizio, sua madre Dana le aveva cosparse di un prodotto dal nome davvero inquietante: Mani ad artiglio. Lorrie Ann, però, mi aveva confessato che quel gusto amaro le piaceva e si era messa addirittura a rosicchiare via lo smalto formando scaglie che le si scioglievano sulla lingua come acido delle batterie per poi tornare dalla madre e supplicarla di riapplicarglielo. «Non posso farlo, Mia» aveva detto Lorrie Ann, rimettendo giù il martello e iniziando subito a rosicchiarsi le unghie. «Stronza, fallo!» urlai. Eravamo entrambe molto, molto ubriache. Da quando il mio patrigno era stato licenziato dal ristorante italiano in cui lavorava, mia madre aveva iniziato a comprare bottiglioni di Carlos Rossi. Di lì a poco, così sembrava, sarebbe diventato parrucchiere. «Non posso farlo e basta» aveva ripetuto Lorrie Ann, mettendosi a piangere. «E va bene» dissi, «poppante del cazzo.» Ricordo che il cielo notturno era chiaro, inondato di stelle. Afferrai il martello e me lo tirai più forte che potei sul dito del piede. Su come fossi rimasta incinta, immagino si possa dire, tanto per cominciare, che rientro in quella che dev essere una percentuale minima di ragazze che rimangono incinte quando perdono la verginità. Nel mio caso si chiamava Ryan Almquist e, quando glielo avevo chiesto, aveva sostenuto che il preservativo dovesse essere infilato alla fine. Eravamo nel suo furgone, che odorava di muffa e cera per la tavola da surf, una combinazione non del tutto sgradevole. «Alla fine?» «Sì, scemotta» disse baciandomi sul collo. Poiché sapevo che lo scopo del preservativo era di raccogliere tutto lo sperma e che quello succedeva certamente alla 16

11 fine e che anzi quella era, di fatto, La Fine del Sesso, non mi sembrò poi così insensato. In seguito, specialmente dopo essermi accorta di essere incinta, mi sentii mortificata per la mia ingenuità. Mi sarei arrabbiata di più se avessi creduto che Ryan mi avesse intenzionalmente ingannata, ma ero piuttosto certa che fosse davvero un semplice idiota. Dopotutto, quella era una delle ragioni per cui lo avevo scelto per perdere la verginità. Lorrie Ann si era dimostrata paziente con me mentre le spiegavo il mio ragionamento, sebbene si capisse che non era convinta: una di noi doveva farlo per prima, così dicevo, e a quel punto tanto valeva che fossi io. Ryan era (a) inoffensivo, (b) figo e (c) aveva un furgone. Per di più andava in un altra scuola e i pettegolezzi sarebbero stati ridotti al minimo. «Non vuoi farlo con una persona di cui sei innamorata?» aveva chiesto Lorrie Ann. «No» avevo detto. «E se poi fa male ed è tremendo e ti metti in una situazione imbarazzante, tipo che piangi o sanguini o scorreggi o qualcos altro? Meglio farlo con qualcuno di cui non t importa niente.» «Io penso che preferirei farlo con qualcuno che amo» aveva detto piano Lorrie Ann. «Be, tu forse potrai scegliere» dissi, «ma chi vuoi che ami me, con il cuore nero che mi ritrovo?» Io e Lorrie Ann scherzavamo spesso sul mio cuore: non era altro che una piccola pietra scura, collocata nel petto, che brillava di un tono spento, come la grafite o il carbone. «Non voglio bene nemmeno a mia madre!» avevo gridato mentre Lorrie Ann si piegava dal ridere. «Ma certo che sì» aveva detto. «No» le avevo risposto ridendo, senza fiato. «Proprio no.» Anni e anni dopo, a Istanbul, ero ancora preoccupata che il mio cuore potesse essere di pietra. Era stato Franklin, un ricercatore dell Università del Michigan, a introdurmi al sistema di scrittura cuneiforme, il più antico mai inventato, ed era 17

12 stato sempre lui a farmi sperare per primo che il mio cuore fosse fatto di altro: una qualche essenza di coniglietto, per esempio, o polvere di fata o torrone, o semplicemente della polpa tenera di una normale ragazza. Non avevo studiato il cuneiforme prima: la mia specialità erano gli studi classici, e in particolare il latino. Ma nella primavera del 2005 avevamo deciso di provare a fare insieme una traduzione dell intero ciclo di Inanna, una serie di antichi canti che narrano la storia della dea sumera Inanna. Durante il mio percorso nell antichità classica, mi ero imbattuta nella mia dose di dee. Anzi, devo a mia madre e alla sua crisi di mezza età, che le fece acquistare Le Dee dentro la Donna, se più tardi decisi di studiare letteratura e cultura greca e romana. Ricordo ancora quando lessi quel tascabile che andava a pezzi in vasca da bagno, mentre mio fratello Alex dava insistentemente colpi alla porta per entrare a usare il gabinetto. Ero affascinata dagli dèi: dalla loro amoralità, volubilità e sete di sangue. Ma persino con tutte le mie letture, con tutti i libri sparpagliati per casa come corazze di scarafaggi, persino durante la specializzazione e il dottorato, durante quegli ardui sette anni in cui penavo per raggiungere l eccellenza, non avevo mai incontrato una dea come Inanna. Era troppo figa. Con qualche raggiro, mentre il padre era ubriaco, lo aveva convinto a farle dono di tutta la sua saggezza, che lei aveva poi a sua volta regalato al popolo. Aveva sposato un mortale e lo aveva fatto re. E poi, una volta avuto tutto, quando l intero mondo era suo, aveva sviluppato una sete di morte che l aveva fatta andare da sola negli inferi, dov era stata uccisa per poi rinascere. Nessuno aveva mai pubblicato l intero ciclo di Inanna prima. La sua storia attendeva di essere riscoperta in quelle tavolette d argilla ricoperte solo da una strana scrittura fatta di cunei, priva di punteggiatura o spazi tra le parole, tanto da ricordarmi i disegni merlettati sulle uova di Pasqua ucraine. Solo piccoli frammenti erano stati pubblicati in qualche articolo scientifico negli ultimi cent anni, per cui nell autunno del 2006 ricevemmo le borse di studio e i finanziamenti e ci tra- 18

13 sferimmo insieme a Istanbul per iniziare la prima traduzione completa dell intero ciclo di Inanna. Prima di Franklin, non avevo nemmeno sentito parlare di Inanna. Lui mi spiegò che era dovuto a una ragione ben precisa: quando, nel 1889, furono rivenuti i frammenti, che erano rimasti sepolti per circa quattromila anni nelle rovine di Nippur, il bottino era stato equamente diviso tra l Università della Pennsylvania, che finanziava il progetto, e il Museo dell Antico Oriente di Istanbul, che aveva dato l autorizzazione agli scavi. Nessuno, tuttavia, si era messo a leggere le tavolette a mano a mano che le smistavano, per cui se le erano solo spartite equamente e le avevano spedite verso destinazioni diverse. Era così che metà delle tavolette con la storia di Inanna era finita a Istanbul, e l altra metà a Philadelphia, e nessuno fino allora aveva mai letto la storia per intero. Ecco cosa ci facevo a Istanbul: trasformavo la traduzione approssimativa di Franklin in un testo che qualcuno avrebbe davvero voluto leggere, innamorandosi di una dea che nessuno più venerava da migliaia di anni. Nel nostro condominio c era una bambina di nome Bensu, un nome che significa sono acqua. Abitava nell appartamento sotto il nostro e aveva forse cinque anni, la bocca a forma di cuore ed enormi occhi verdi turbolenti che sembravano fatti di smeraldo sintetizzato in laboratorio, oltre a una lingua che arrotolava belle frasette in inglese o in turco, quasi fosse un giocattolo disegnato da un utopista multiculturale. Ero molto spesso sorpresa della malvagità della fantasia di Bensu, forse a causa dell innocenza che proiettavo su di lei. «Solo un minuto» mi disse Bensu. «Solo dieci secondi.» Quello che Bensu mi stava chiedendo era che mi fermassi sulle scale, posassi a terra le borse della spesa e facessi finta di bere del tè da una scarpina di plastica delle bambole. Non aveva un servizio da tè, per cui si faceva andar bene le scarpe della bambola più grande che aveva. Versava il tè in quelle scarpe inclinando abilmente un cuscinetto per spilli che probabilmente apparteneva a sua madre. 19

14 Certi giorni cedevo, altri no. Ma quando accettavo, Bensu sollevava la scarpa della bambola e mi rivolgeva un sorriso, mentre gli occhi le brillavano. «Il mio tè è ottimo, vero?» «Sì, Bensu» dissi io. «Che cosa ci metti dentro per renderlo così gustoso?» Bensu sorseggiò piano l aria dentro la scarpa della bambola. «È un segreto.» «Non è giusto!» «Anche se ti dicessi il segreto» Bensu sospirò, stanca e paziente, «non riusciresti a farlo bene come me, perché io faccio il tè meglio di chiunque altro al mondo.» «In tutto il mondo?» chiesi. «Wow. È incredibile.» Bensu annuì modestamente e bevve un altro sorso dalla scarpa della sua bambola. All improvviso, e con grande passione, allungò la mano e mi toccò il ginocchio. «Non ti preoccupare» disse con giganteschi occhi smeraldo che parevano illuminati da dentro, «sono sicura che qualcuno ti sposerà lo stesso. Anche se il tuo tè non è molto buono.» «Il mio tè non è molto buono?» chiesi. Bensu scosse la testa, triste. Il mio tè era così cattivo da intristirla. «Sarà molto difficile, ma ti troveremo un marito» disse Bensu. «E Franklin?» Bensu conosceva Franklin, il mio fidanzato, che viveva al piano di sopra insieme a me. «Ho paura che sia stato pagato.» «Pagato?» «Sì, tua mamma lo sta pagando perché faccia finta di essere innamorato di te.» «E perché mai lo farebbe?» chiesi. «Perché era dispiaciuta per te, per il tuo tè.» Da bambina non avevo conosciuto quel tipo di sottile crudeltà che si annida in ragazzine anche giovanissime. Nemmeno allevando i miei fratellini che, a volte, erano più animali 20

15 che bambini: perfetti, meravigliosi animaletti. Cuccioli di leone. Ma anche Bensu, con i suoi cinque anni, riusciva a intuire che c era qualcosa in me che non andava e che mi avrebbe impedito di trovare un compagno. Lorrie Ann è mai stata così crudele? Non so. Non saprei dire. Posso solo rispondere di me, la ragazzina che una volta sputò letteralmente in faccia a sua madre, la ragazzina che scelse il ragazzo con cui scopare in base alla sua stupidità, la ragazzina che una volta, vergognosamente, baciò il fratellino di due anni sulla bocca solo per vedere come sarebbe stato: sì, sì, sì. Ero e sono tremenda e terribile. Sono sicura di aver detto cose perfide a cinque anni. Anzi, mi sembra proprio di ricordare quella volta che informai la baby sitter che il nostro cane provava a ingropparsi tutti tranne lei, probabilmente perché era brutta. Eppure non fu a me, ma a Lorrie Ann che gli uccellacci del malaugurio continuarono a fare visita, oscurando il cortile di casa, picchiando ai vetri delle finestre con i loro becchi ammuffiti e incrostati di sangue. «Svegliati ragazzina!» urlavano. «Abbiamo dell altro in serbo per te!» 21

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Alcuni pensieri delle Piccole e Giovani Donne dopo il seminario

Alcuni pensieri delle Piccole e Giovani Donne dopo il seminario Alcuni pensieri delle Piccole e Giovani Donne dopo il seminario Questa giornata per te è stata:piena di significato, mi ha fatto capire che noi donne siamo veramente importanti un modo per conoscere cose

Dettagli

volte la gente mi si siede in grembo, ritenendo che il posto sia libero. MARA Guardi, le dico la verità. Ho avuto qualche esitazione nel rivolgermi a

volte la gente mi si siede in grembo, ritenendo che il posto sia libero. MARA Guardi, le dico la verità. Ho avuto qualche esitazione nel rivolgermi a L ultima fermata Personaggi: Mara e Camelia. Mara entra trascinando alcune valigie. In scena c è già Camelia, seduta sulla panca di una fermata d autobus. Non sperare di passarla liscia! Ti ho visto in

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

VOLERE E POTERE? SOGNANDO BECKHAM

VOLERE E POTERE? SOGNANDO BECKHAM VOLERE E POTERE? SOGNANDO BECKHAM Jess è una diciottenne indiana che vive a Londra insieme ai genitori e alla sorella più grande: la famiglia spera di vederla entrare all università, ma Jess ha un sogno

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

AREE D'INTERVENTO Testimonianze

AREE D'INTERVENTO Testimonianze File scaricabile esclusivamente per lettura personale, non utilizzabile per pubblicazioni senza l'autorizzazione della Gedama onlus AREE D'INTERVENTO Testimonianze " IO MI NOLEGGIO A ORE " Io mi noleggio

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3 Titolo originale: Because of Mr. Terupt 2010 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2010 da Delacorte Press, un marchio di Random House Children s Books, una divisione di Random

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Sara. Emily. sbiruline. Rachele Giacalone. Norina Wendy Di Blasio. Sara e le sbiruline di Emily

Sara. Emily. sbiruline. Rachele Giacalone. Norina Wendy Di Blasio. Sara e le sbiruline di Emily La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi; essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo. Gianni Rodari Sara ele sbiruline di Emily

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

IN BIBLIOTECA. (Breve guida ad uso dei ragazzi della scuola primaria)

IN BIBLIOTECA. (Breve guida ad uso dei ragazzi della scuola primaria) IN BIBLIOTECA (Breve guida ad uso dei ragazzi della scuola primaria) Andiamo in biblioteca? Biblioteca? E che cos è la biblioteca? In biblioteca ci sono altri bambini e grandi, che devono studiare, fare

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare

SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare SERGIO COLMES INDAGA Tre settembre duemilanove. Nell hotel Augustus tutto procedeva normalmente: il portiere stava alla reception, il tuttofare puliva le scale e alcuni clienti erano al bar. L hotel si

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista.

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. 1 2 A me non piaceva andare in classe, perché non capivo che cosa si doveva fare: vedevo i bambini

Dettagli