PICCOLA DEA 5 30/03/15 17:36

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PICCOLA DEA 5 30/03/15 17:36"

Transcript

1 PICCOLA DEA

2 Per Simone

3 1. Il miglior tè del mondo «Dovrai rompermi un dito del piede» le spiegai. Io e Lorrie Ann stavamo prendendo il sole nel minuscolo patio recintato della casa di mia madre, sdraiate su asciugamani sottili stesi sulle screpolature del lastricato rovente. Ci eravamo spremute sui capelli una confezione a testa di limone concentrato, di quello industriale, e con gli occhi chiusi contro il sole pregavamo di diventare più bionde, sempre più bionde. Il vento portava con sé l odore del gelsomino. Nell esigua insenatura del nostro quartiere californiano anni Novanta, non c era ragazza più perfetta di Lorrie Ann Swift, non tanto perché fosse straordinaria, ma perché era ordinaria in modo superiore al nostro. I suoi genitori le volevano bene, e lei voleva bene a loro. Era addirittura difficile che invitassero qualcuno a casa, tanto preferivano la loro reciproca compagnia a quella degli altri. Perfino suo fratello maggiore, anziché prendersela con lei e tormentarla o travolgerla ogni volta che le passava accanto con la bici, condivideva la sua collezione di cd e le dava consigli per perfezionare lo stile a rana. Quasi tutti i nostri genitori erano finiti a Corona del Mar, nel torpore di quella cittadina sull oceano, per una serie di errori sempre più grandi. Il mercato immobiliare della California del Sud, che durante gli anni Ottanta sembrava non avere limiti, era di colpo collassato; molti padri erano rimasti a casa e ormai dividevano equamente il loro tempo tra la bottiglia e il divano, con una borsa per il ghiaccio sugli occhi, 9

4 mentre le mogli si affannavano per guadagnarsi un attestato di igienista dentale. Una ragazza, Miranda, aveva la madre che lavorava a Disneyland di giorno e poi di notte, da casa, per una linea a pagamento di chiromanzia. «Rende anche meglio del sesso telefonico» commentò Miranda un pomeriggio mentre leccavamo da minuscoli piattini il preparato per una gelatina senza zucchero all arancia. Ricordo anche i suoi quattro Rottweiler. Erano molto vecchi e due di loro avevano perso ormai il controllo dell intestino. I nostri genitori avevano perlopiù creduto che la vita sarebbe stata tutta in discesa e che, brillanti ed entusiasti com erano, se la sarebbero cavata. Quella fiducia, una fiducia nelle loro capacità, li stava poco a poco abbandonando per essere sostituita, almeno nel caso di mia madre, da un interesse per l occulto e una costante inclinazione per il vino rosso. La generazione del babyboom è stata definita da alcuni ottimista, ma per come la vedo io era semplicemente debole e poco preparata. Non sapevano cucire né cucinare e nemmeno far quadrare i conti. Si dimenticavano di aprire la posta. Un mal di testa li colpiva ogni volta che cercavano di condurre una riunione delle Girl Scout: restavano seduti su sedie pieghevoli a pizzicarsi con due dita il ponte del naso cercando di non piangere per quella vita che si era rivelata terribilmente dura e monotona mentre, tutt attorno, delle bimbette eccitate ridevano sguaiate perché una di loro aveva pestato una cacca. I genitori di Lorrie Ann, invece, non perdevano la fiducia. Vivevano in un modo diverso, migliore. Ogni domenica andavano in chiesa. Ogni venerdì sera prendevano a noleggio un classico dell horror, e persino il fratello maggiore di Lorrie Ann, che al tempo aveva sedici anni, restava a casa a guardarlo mentre ordinavano una pizza a domicilio e facevano i popcorn nel minuscolo bilocale dove vivevano tutti e quattro insieme. Suo padre, Terry, portava un orecchino (un grande cerchio dorato, come quello di un pirata) e per la serata insegnanti-genitori si metteva in testa un cilindro nero. Aveva un 10

5 gruppo di christian rock, mentre la madre di Lorrie Ann, Dana, era una maestra di scuola materna che faceva collezione di gnomi: gnomi di legno e di ceramica di ogni stile e dimensione, posati a terra o su tavoli e ripiani, con la schiena al muro, lo sguardo spento rivolto verso il centro della stanza. Di certo credevo che Lorrie Ann non sarebbe mai stata tanto stupida da rimanere incinta in seconda superiore di un ragazzo che nemmeno le piaceva, esattamente quello che avevo fatto io. Eppure, durante la primavera dei miei quindici anni fu proprio Lorrie Ann che mi accompagnò ad abortire, che mi aiutò a programmare tutto. Aveva già compiuto sedici anni e preso la patente, ma non avevo bisogno di lei solo perché guidava. Avevo bisogno che, in tutta la sua bontà e correttezza, mi perdonasse, mi desse il suo consenso partecipando al mio disegno. «Non puoi dire semplicemente che ti sono venute? Perché ti devo rompere un dito del piede?» chiese Lorrie Ann, gli occhi nascosti dietro le lenti scure degli occhiali da sole presi in prestito da mia madre. «Chi si perderebbe una partita di campionato solo per un po di dolori mestruali?» mi difesi. Riuscire a fissare un appuntamento al consultorio familiare era stato un incubo. Non c era modo di spostarlo e non credevo proprio che sarei riuscita a giocare a softball il giorno dopo. Volevo che Lorrie Ann mi rompesse un dito del piede in maniera da avere una vera e seria giustificazione da esibire al coach. E poi, per qualche strana ragione consideravo che rompermi un dito del piede fosse il prezzo da pagare per l aborto, un modo per sincerarmi di essere ancora una persona perbene: era la punizione che rende di nuovo buoni i cattivi. Sebbene fossi stata cresciuta senza alcuna educazione religiosa, ero in un certo senso cattolica per mia stessa indole. «Di semplicemente che sei ammalata!» insistette Lorrie Ann. «Non mi piace dire bugie, e questa è la cosa che più si avvicina alla verità.» 11

6 Lorrie Ann mi guardò addolorata. «Tu sei matta» fece. «Dici bugie in continuazione.» «Vero, e non mi piace per niente. Andrà tutto bene. Ci beviamo qualcosa e lo facciamo.» Naturalmente costringere Lorrie Ann pura, bella e brava a rompermi un dito del piede e punirmi così per il mio aborto assumeva un significato importante a livello simbolico. Per noi la famiglia di Lorrie Ann era splendida, e quello splendore si trasferiva a Lorrie Ann. Rendeva i suoi capelli già dorati color del miele e il blu oceano dei suoi occhi ancora più profondo. Faceva apparire elegante, anziché irlandese, il suo naso all insù. Era il suo splendore a rendere grazioso, e non ridicolo, che in prima media Lorrie Ann fosse l unica di noi a non depilarsi ancora le gambe. Credo fossimo tutte gelose di quella bella peluria dorata, un riflesso di polvere di fata sui suoi polpacci. Perché su di lei era così bella mentre sui nostri piccoli stinchi flemmatici aveva un aspetto tanto brutto e infame? Perché Lorrie Ann riusciva a essere elegante persino in scarpette da ginnastica malconce e pantaloncini un po troppo piccoli per lei? Perché risultava deliziosa quando, ridendo troppo forte, finiva per fare versi da maialino? Sì, eravamo gelose di lei, eppure non la odiavamo. Non la stuzzicammo nemmeno una volta, noi monelle vagabonde di Corona del Mar, ladre di noccioline e aranciata, fanatiche del lucidalabbra e del turpiloquio, figlie di finte chiromanti e specialiste di flebotomia fresche di diploma. Fu così che quando, poco dopo la fine delle superiori, cose terribili iniziarono ad accadere a Lorrie Ann, rimanemmo tutte scioccate. Fu come una sorta di strana resa di Giobbe postmoderna. Restammo di sasso, ammutolite, private persino della possibilità di accedere ai gesti tradizionali di piatti portati nella casa del defunto e decorosi silenzi. La storia di Lorrie Ann diventò il rospo in gola che ci fece restare in silenzio mentre nervosamente sceglievamo le nostre carriere e acconsentivamo con molti dubbi e pregiudizi a sposare gli uomini 12

7 di cui eravamo innamorate. (Tutti i nostri genitori avevano divorziato, come potevamo non avere paura? Tutti i nostri genitori tranne, naturalmente, quelli di Lorrie Ann.) In un certo senso è stata Lorrie Ann a fare di me ciò che sono, poiché la mia personalità ha preso forma come reazione uguale e opposta a ciò che era lei, proprio come, ne sono certa, la sua è andata formandosi come conseguenza della mia. La gente fa cose così. Si spartiscono le qualità, come se per indocilire la realtà bisognasse classificarla, etichettarla, definirla. Mia madre si considera tuttora la sorella intelligente, mentre l altra è la bella, sebbene abbia ottenuto un dottorato in biologia marina e lei sia invece diventata truccatrice. Per me, la mia amica Lorrie Ann era la buona, mentre io ero la cattiva. Lei era bella (e in maniera sconvolgente, come un dipinto di Vermeer) ma io ero sexy (a tredici anni bastava un po di Labello alla ciliegia per sentirsi sexy). Eravamo entrambe sveglie, ma Lorrie Ann era riflessiva mentre io ero furba, lei seria e io scaltra. Se lei faceva la sentimentale, io diventavo sarcastica. Di solito le amicizie tra ragazze vengono catalogate e riposte in scatole piene di cartoline e biglietti di concerti, ma qualsiasi cosa ci fosse tra me e Lorrie Ann, non fu tanto semplice da archiviare. Il weekend successivo eravamo andate al consultorio familiare sulla Diciannovesima, a Costa Mesa, avevo abortito, e poi avevamo mangiato un hamburger da In-N-Out. Mi sentivo male e probabilmente sarei dovuta andare a casa e rannic chiar mi sul divano come quando ti senti male alle elementari. Una boule dell acqua calda e un antidolorifico sarebbero stati provvidenziali. Ma non volevo ammettere che avevo bisogno di coccole. Volevo fare la dura, assumere l aria vissuta persino rispetto a quello che era appena accaduto, perché facendo finta che non importasse avrebbe davvero avuto meno importanza. Quando chiesi di andare da In-N-Out, Lorrie Ann non ebbe altra scelta se non accompagnarmi. «Sei sicura?» mi chiese. «Come ti senti?» «Sto da dio» dissi, e lei rise nervosamente. 13

8 Ma dopo aver ordinato ed esserci sedute sulla panchina da picnic in pietra cocente con del cibo che nessuna delle due voleva, non riuscivamo a parlare. Capii che, per tornare a essere davvero amiche, dovevo trovare un modo per farla partecipe, per darle accesso a quei pochi minuti freddi e illuminati a giorno che avevo appena trascorso senza di lei. «L infermiera aveva, tipo, dei baffi» dissi infine. Mi tornava in mente la sua faccia che incombeva su di me durante la procedura; avevano continuato a chiamarla così, la procedura. L espressione nei suoi occhi era difficile da decifrare: non c era pietà, ma nemmeno un giudizio. Non c era alcuna emozione palese, eppure aveva una faccia onesta e franca. Alla fine avevo capito cos era: l infermiera mi guardava con la stessa disinvoltura con cui ci si guarda allo specchio, quando ci si esamina senza avere la sensazione che la faccia appartenga a qualcun altro. «Credo che mi odiasse» dissi. «O che odiasse tutto quanto: gli aborti e le ragazzine che li fanno di sabato. Oppure era semplicemente annoiata. Magari mentre io abortivo lei era semplicemente annoiata. È strano, vero? Che possa essere la cosa più grande e paurosa, la cosa peggiore che mi sia mai capitata, mentre per lei era solo un altra giornata di lavoro.» «Mi dispiace moltissimo» disse Lorrie Ann posando una patatina fritta. Schioccò le dita per liberarsi del sale. «Riesco solo a pensare che avrei voluto farlo io, che avrei potuto farlo io al posto tuo in maniera che non dovessi essere tu a farlo.» Era sul punto di piangere, e quello aiutava. Se avesse pianto lei non avrei potuto farlo io, ed era più facile consolare lei che consolare me. «Non è stato poi così terribile» le dissi. «In un certo senso fanno in modo che tu non ti accorga di quel che succede. Te lo nascondono. Forse sarebbe meglio se non facessero così, se lo vedessi, se sapessi. Però ho fatto sedute dal dentista che facevano più male e più schifo.» Lorrie Ann mi guardò e rise piano. «Sei una bugiarda del cazzo.» * 14

9 Poi tornammo a casa mia; purtroppo mia madre era lì, e purtroppo era ubriaca. La cosa più fastidiosa di mia madre ubriaca era che diventava sdolcinata. «Vi voglio troppo bene, ragazze» sussurrava mentre ci strappava le sopracciglia e gli occhi le si riempivano di lacrime. «Siete troppo belle.» Ricordo che sanguinavo come un Romanov e passai il pomeriggio a cambiare un assorbente dopo l altro, mentre lei ci faceva trattamenti al viso e il ventilatore del salotto girava debolmente. Dovetti mentire e dire che avevo la cacarella per spiegare le mie frequenti incursioni in bagno, lo sguardo vitreo e distratto. Sentivo che Lorrie Ann si preoccupava per me e continuavo a sorriderle e scrollare le spalle, dicendole con il labiale che stavo bene ogni volta che mia madre ci dava la schiena. Ma più fingevo di star bene, più mi sentivo dentro un agitazione che sfociava in uno strano stato di ansia e sfinimento. I miei fratelli, paralizzati dal caldo, erano sdraiati sui divani di pelle. In verità erano miei fratellastri, procreati dal mio nuovo patrigno, Paddy. Il mio vero padre viveva una specie di vita strepitosa come venditore di auto a San Francisco, dove gli facevo visita una volta all anno, di solito per due o tre giorni, sebbene, nel tentativo di essere carini l uno con l altro, fossimo generalmente esausti già alla fine del primo giorno. Mio padre per me non fu mai davvero famiglia, non come i miei fratelli. Avevano cinque e sei anni all epoca, ed erano nudi tranne per gli slip da Superman, mentre la loro carnagione, dall abbronzatura satinata, brillava risaltando sulla pelle nera del divano. «Questo è un siero esfoliante» ci informò mia madre, farfugliando solo lievemente. Era truccatrice per Chanel e la mia vita era stata una serie di campioncini di prodotti di bellezza: minuscoli tubetti di crema che mi metteva in mano come talismani contro i pericoli. Per l intero pomeriggio e la sera, io e Lorrie Ann aspettammo: che le nostre nuove facce si rivelassero, che mia madre perdesse finalmente i sensi, che i miei fratellini andassero a letto (all epoca adoravano ancora I racconti della buonanotte; Dio, 15

10 che libro noioso! E buonanotte a questo, e buonanotte a quello, e di nuovo da capo). Finalmente, passata mezzanotte, io e Lorrie Ann uscimmo di soppiatto nel cortiletto con un martello. Ricordo che Lorrie Ann si mangiava le unghie. Per farle perdere il vizio, sua madre Dana le aveva cosparse di un prodotto dal nome davvero inquietante: Mani ad artiglio. Lorrie Ann, però, mi aveva confessato che quel gusto amaro le piaceva e si era messa addirittura a rosicchiare via lo smalto formando scaglie che le si scioglievano sulla lingua come acido delle batterie per poi tornare dalla madre e supplicarla di riapplicarglielo. «Non posso farlo, Mia» aveva detto Lorrie Ann, rimettendo giù il martello e iniziando subito a rosicchiarsi le unghie. «Stronza, fallo!» urlai. Eravamo entrambe molto, molto ubriache. Da quando il mio patrigno era stato licenziato dal ristorante italiano in cui lavorava, mia madre aveva iniziato a comprare bottiglioni di Carlos Rossi. Di lì a poco, così sembrava, sarebbe diventato parrucchiere. «Non posso farlo e basta» aveva ripetuto Lorrie Ann, mettendosi a piangere. «E va bene» dissi, «poppante del cazzo.» Ricordo che il cielo notturno era chiaro, inondato di stelle. Afferrai il martello e me lo tirai più forte che potei sul dito del piede. Su come fossi rimasta incinta, immagino si possa dire, tanto per cominciare, che rientro in quella che dev essere una percentuale minima di ragazze che rimangono incinte quando perdono la verginità. Nel mio caso si chiamava Ryan Almquist e, quando glielo avevo chiesto, aveva sostenuto che il preservativo dovesse essere infilato alla fine. Eravamo nel suo furgone, che odorava di muffa e cera per la tavola da surf, una combinazione non del tutto sgradevole. «Alla fine?» «Sì, scemotta» disse baciandomi sul collo. Poiché sapevo che lo scopo del preservativo era di raccogliere tutto lo sperma e che quello succedeva certamente alla 16

11 fine e che anzi quella era, di fatto, La Fine del Sesso, non mi sembrò poi così insensato. In seguito, specialmente dopo essermi accorta di essere incinta, mi sentii mortificata per la mia ingenuità. Mi sarei arrabbiata di più se avessi creduto che Ryan mi avesse intenzionalmente ingannata, ma ero piuttosto certa che fosse davvero un semplice idiota. Dopotutto, quella era una delle ragioni per cui lo avevo scelto per perdere la verginità. Lorrie Ann si era dimostrata paziente con me mentre le spiegavo il mio ragionamento, sebbene si capisse che non era convinta: una di noi doveva farlo per prima, così dicevo, e a quel punto tanto valeva che fossi io. Ryan era (a) inoffensivo, (b) figo e (c) aveva un furgone. Per di più andava in un altra scuola e i pettegolezzi sarebbero stati ridotti al minimo. «Non vuoi farlo con una persona di cui sei innamorata?» aveva chiesto Lorrie Ann. «No» avevo detto. «E se poi fa male ed è tremendo e ti metti in una situazione imbarazzante, tipo che piangi o sanguini o scorreggi o qualcos altro? Meglio farlo con qualcuno di cui non t importa niente.» «Io penso che preferirei farlo con qualcuno che amo» aveva detto piano Lorrie Ann. «Be, tu forse potrai scegliere» dissi, «ma chi vuoi che ami me, con il cuore nero che mi ritrovo?» Io e Lorrie Ann scherzavamo spesso sul mio cuore: non era altro che una piccola pietra scura, collocata nel petto, che brillava di un tono spento, come la grafite o il carbone. «Non voglio bene nemmeno a mia madre!» avevo gridato mentre Lorrie Ann si piegava dal ridere. «Ma certo che sì» aveva detto. «No» le avevo risposto ridendo, senza fiato. «Proprio no.» Anni e anni dopo, a Istanbul, ero ancora preoccupata che il mio cuore potesse essere di pietra. Era stato Franklin, un ricercatore dell Università del Michigan, a introdurmi al sistema di scrittura cuneiforme, il più antico mai inventato, ed era 17

12 stato sempre lui a farmi sperare per primo che il mio cuore fosse fatto di altro: una qualche essenza di coniglietto, per esempio, o polvere di fata o torrone, o semplicemente della polpa tenera di una normale ragazza. Non avevo studiato il cuneiforme prima: la mia specialità erano gli studi classici, e in particolare il latino. Ma nella primavera del 2005 avevamo deciso di provare a fare insieme una traduzione dell intero ciclo di Inanna, una serie di antichi canti che narrano la storia della dea sumera Inanna. Durante il mio percorso nell antichità classica, mi ero imbattuta nella mia dose di dee. Anzi, devo a mia madre e alla sua crisi di mezza età, che le fece acquistare Le Dee dentro la Donna, se più tardi decisi di studiare letteratura e cultura greca e romana. Ricordo ancora quando lessi quel tascabile che andava a pezzi in vasca da bagno, mentre mio fratello Alex dava insistentemente colpi alla porta per entrare a usare il gabinetto. Ero affascinata dagli dèi: dalla loro amoralità, volubilità e sete di sangue. Ma persino con tutte le mie letture, con tutti i libri sparpagliati per casa come corazze di scarafaggi, persino durante la specializzazione e il dottorato, durante quegli ardui sette anni in cui penavo per raggiungere l eccellenza, non avevo mai incontrato una dea come Inanna. Era troppo figa. Con qualche raggiro, mentre il padre era ubriaco, lo aveva convinto a farle dono di tutta la sua saggezza, che lei aveva poi a sua volta regalato al popolo. Aveva sposato un mortale e lo aveva fatto re. E poi, una volta avuto tutto, quando l intero mondo era suo, aveva sviluppato una sete di morte che l aveva fatta andare da sola negli inferi, dov era stata uccisa per poi rinascere. Nessuno aveva mai pubblicato l intero ciclo di Inanna prima. La sua storia attendeva di essere riscoperta in quelle tavolette d argilla ricoperte solo da una strana scrittura fatta di cunei, priva di punteggiatura o spazi tra le parole, tanto da ricordarmi i disegni merlettati sulle uova di Pasqua ucraine. Solo piccoli frammenti erano stati pubblicati in qualche articolo scientifico negli ultimi cent anni, per cui nell autunno del 2006 ricevemmo le borse di studio e i finanziamenti e ci tra- 18

13 sferimmo insieme a Istanbul per iniziare la prima traduzione completa dell intero ciclo di Inanna. Prima di Franklin, non avevo nemmeno sentito parlare di Inanna. Lui mi spiegò che era dovuto a una ragione ben precisa: quando, nel 1889, furono rivenuti i frammenti, che erano rimasti sepolti per circa quattromila anni nelle rovine di Nippur, il bottino era stato equamente diviso tra l Università della Pennsylvania, che finanziava il progetto, e il Museo dell Antico Oriente di Istanbul, che aveva dato l autorizzazione agli scavi. Nessuno, tuttavia, si era messo a leggere le tavolette a mano a mano che le smistavano, per cui se le erano solo spartite equamente e le avevano spedite verso destinazioni diverse. Era così che metà delle tavolette con la storia di Inanna era finita a Istanbul, e l altra metà a Philadelphia, e nessuno fino allora aveva mai letto la storia per intero. Ecco cosa ci facevo a Istanbul: trasformavo la traduzione approssimativa di Franklin in un testo che qualcuno avrebbe davvero voluto leggere, innamorandosi di una dea che nessuno più venerava da migliaia di anni. Nel nostro condominio c era una bambina di nome Bensu, un nome che significa sono acqua. Abitava nell appartamento sotto il nostro e aveva forse cinque anni, la bocca a forma di cuore ed enormi occhi verdi turbolenti che sembravano fatti di smeraldo sintetizzato in laboratorio, oltre a una lingua che arrotolava belle frasette in inglese o in turco, quasi fosse un giocattolo disegnato da un utopista multiculturale. Ero molto spesso sorpresa della malvagità della fantasia di Bensu, forse a causa dell innocenza che proiettavo su di lei. «Solo un minuto» mi disse Bensu. «Solo dieci secondi.» Quello che Bensu mi stava chiedendo era che mi fermassi sulle scale, posassi a terra le borse della spesa e facessi finta di bere del tè da una scarpina di plastica delle bambole. Non aveva un servizio da tè, per cui si faceva andar bene le scarpe della bambola più grande che aveva. Versava il tè in quelle scarpe inclinando abilmente un cuscinetto per spilli che probabilmente apparteneva a sua madre. 19

14 Certi giorni cedevo, altri no. Ma quando accettavo, Bensu sollevava la scarpa della bambola e mi rivolgeva un sorriso, mentre gli occhi le brillavano. «Il mio tè è ottimo, vero?» «Sì, Bensu» dissi io. «Che cosa ci metti dentro per renderlo così gustoso?» Bensu sorseggiò piano l aria dentro la scarpa della bambola. «È un segreto.» «Non è giusto!» «Anche se ti dicessi il segreto» Bensu sospirò, stanca e paziente, «non riusciresti a farlo bene come me, perché io faccio il tè meglio di chiunque altro al mondo.» «In tutto il mondo?» chiesi. «Wow. È incredibile.» Bensu annuì modestamente e bevve un altro sorso dalla scarpa della sua bambola. All improvviso, e con grande passione, allungò la mano e mi toccò il ginocchio. «Non ti preoccupare» disse con giganteschi occhi smeraldo che parevano illuminati da dentro, «sono sicura che qualcuno ti sposerà lo stesso. Anche se il tuo tè non è molto buono.» «Il mio tè non è molto buono?» chiesi. Bensu scosse la testa, triste. Il mio tè era così cattivo da intristirla. «Sarà molto difficile, ma ti troveremo un marito» disse Bensu. «E Franklin?» Bensu conosceva Franklin, il mio fidanzato, che viveva al piano di sopra insieme a me. «Ho paura che sia stato pagato.» «Pagato?» «Sì, tua mamma lo sta pagando perché faccia finta di essere innamorato di te.» «E perché mai lo farebbe?» chiesi. «Perché era dispiaciuta per te, per il tuo tè.» Da bambina non avevo conosciuto quel tipo di sottile crudeltà che si annida in ragazzine anche giovanissime. Nemmeno allevando i miei fratellini che, a volte, erano più animali 20

15 che bambini: perfetti, meravigliosi animaletti. Cuccioli di leone. Ma anche Bensu, con i suoi cinque anni, riusciva a intuire che c era qualcosa in me che non andava e che mi avrebbe impedito di trovare un compagno. Lorrie Ann è mai stata così crudele? Non so. Non saprei dire. Posso solo rispondere di me, la ragazzina che una volta sputò letteralmente in faccia a sua madre, la ragazzina che scelse il ragazzo con cui scopare in base alla sua stupidità, la ragazzina che una volta, vergognosamente, baciò il fratellino di due anni sulla bocca solo per vedere come sarebbe stato: sì, sì, sì. Ero e sono tremenda e terribile. Sono sicura di aver detto cose perfide a cinque anni. Anzi, mi sembra proprio di ricordare quella volta che informai la baby sitter che il nostro cane provava a ingropparsi tutti tranne lei, probabilmente perché era brutta. Eppure non fu a me, ma a Lorrie Ann che gli uccellacci del malaugurio continuarono a fare visita, oscurando il cortile di casa, picchiando ai vetri delle finestre con i loro becchi ammuffiti e incrostati di sangue. «Svegliati ragazzina!» urlavano. «Abbiamo dell altro in serbo per te!» 21

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli