Sara Fazzin. Rebirth

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sara Fazzin. Rebirth"

Transcript

1

2 Sara Fazzin Rebirth

3 Questo e-book contiene materiale protetto da copyright e non può essere copiato, riprodotto, trasferito, distribuito, noleggiato, licenziato o trasmesso in pubblico, o utilizzato in alcun altro modo ad eccezione di quanto è stato specificamente autorizzato dall editore o dall autore, ai termini e alle condizioni alle quali è stato acquistato o da quanto esplicitamente previsto dalla legge applicabile. Qualsiasi distribuzione o fruizione non autorizzata di questo testo così come l alterazione delle informazioni elettroniche sul regime dei diritti costituisce una violazione dei diritti dell editore e dell autore e sarà sanzionata civilmente e penalmente secondo quanto previsto dalla Legge 633/1941 e successive modifiche. Questo libro elettronico non potrà in alcun modo essere oggetto di scambio, commercio, prestito, rivendita, acquisto rateale o altrimenti diffuso senza il preventivo consenso scritto dell editore o dell autore. In caso di consenso, tale e-book non potrà avere alcuna forma diversa da quella in cui l opera è stata pubblicata e le condizioni incluse alla presente dovranno essere imposte anche al fruitore successivo. Rebirth di Sara Fazzin 2013 Sara Fazzin ISBN Copertina di Matteo Magonara

4 A chi c era, giorno dopo giorno. Ai nuovi sogni, A Fabio e Sofia Vittoria.

5 Cerchio tra le pieghe della vita tra i sussulti di un cuore che solo ora conosce la pace Amore che non ha fine che non conosce contraddizioni paure sacrifici desideri Un cerchio che ora fa parte di noi per nostra scelta per inguaribile volontà di crescere Silenziose anime che giocano fino alla fine dei giorni e molto più di questo Un unico sogno Un unico respiro Un unica mente per fare di me e te l essenza della vita F. MOSCHINI

6

7 Mai avrei pensato che il mondo esistesse in questo modo. L unione indissolubile di bene e male, amore e malvagità. Senza che l una possa prevaricare l altra. Ma cosa fare quando il male più assoluto vuole tutto ciò che hai? Lotti. Lotti fino alla morte. Se solo avessi sospettato! Se solo avessi osato sperare di poter comprendere, un giorno. Ora era chiaro. L amore mi aveva inghiottita. Come un enorme buco nero, tirava a sé il mio universo senza curarsi delle conseguenze del suo passaggio. Non potevo farci nulla. L avrei seguito anche se la sua forza non fosse stata così irresistibile. L avrei seguito, perché dovevo. Quel buco nero aveva un nome, e l anima più bella che avesse popolato la terra. Poco importava delle circostanze misteriose che ci avevano fatto incontrare o del pericolo che incombeva sulle nostre famiglie. A nulla valeva il pensiero della fine. Mi bastava essere lì, parte di lui. Al resto avrei pensato dopo. Dopo averlo salvato.

8 1. AUTO Non è un giorno qualsiasi questo, eppure tutto sembra uguale. Come al solito di ritorno da scuola, uno scoiattolo vicino alla finestra della cucina, il silenzio del bosco dietro casa. E una familiare inquietudine che attanaglia il mio cuore. Perché, mamma? Perché. Era tutto ciò che riuscivo a concedermi ogni volta che quel pensiero - il pensiero di lei - mi occupava la mente, tirandone fuori un dolore sordo ed antico. Un dolore che conoscevo bene e che avevo richiuso a forza in un cassetto del mio cuore, un giro di chiave a doppia mandata. Era di nuovo il suo compleanno, il 16 gennaio. E come ogni anno da quando sono in grado di ricordare, nevica. Non una bufera, solo dei fiocchi gentili che cadono lenti sulle case e sugli alberi. Una promessa di pace che poco si addice al mio umore. «Lily, ci sei?» «Sì, papà». Avrei fatto una pausa per riprendere fiato. Quanta fatica richiedeva mantenere un certo contegno. «Faccio una doccia e possiamo andare». Non sarei riuscita a dirgli di più prima che l angoscia mi assalisse definitivamente anche in quel rifugio. Mia madre non l ho mai conosciuta. Papà parla raramente di lei, e in quelle occasioni sembra così rapito da ricordi felici che mi pare un delitto uccidere la sua gioia, seppur momentanea, con delle domande. O dei mugugni. Di lei

9 so solo che si chiamava Liz, o meglio Elizabeth. In casa ero riuscita a trovare qualche foto consumata, di tanti anni prima, ed era stato proprio in quell occasione che le fantasie di bambina si sarebbero scontrate con la realtà. In quei frammenti di vita lei era finalmente vera, era più di qualche racconto, davanti al camino acceso, su quanto fosse straordinariamente bella, con i capelli castano dorati mossi sulle spalle e dei lineamenti eleganti. Quelle foto l avevano resa reale per me, benché papà avesse ragione nel ricordarla con un espressione angelica e dolce che pareva confortare chiunque posasse lo sguardo su di lei. Beato lui che l aveva avuta, questa fortuna. Potrebbe risultare un ovvietà, è che a me manca da impazzire. Avrei voluto sentire la sua voce almeno una volta ed essere capace di ricordarmene, respirare il suo profumo. Ridere con lei, svegliarla al mattino saltando improvvisamente sul suo letto e piangere tra le sue braccia. Insomma, fare tutte quelle cose che le bambine si concedono solo con la propria madre. Più di tutto mi mancano i ricordi. Non che a mia sorella sia andata tanto meglio, intendiamoci. In fondo aveva appena due anni quando la mamma ci lasciò, poco dopo la mia nascita. Era ugualmente piccola, ma a lei sembra non importare, almeno non quanto a me. Aveva presto imparato a colmare quel vuoto con shopping sfrenato e, quando questo non le era bastato più, attirando le attenzioni dei ragazzi più grandi, tanto per far diventare matto papà. Questo è quello che mi sono sempre ripetuta per spiegare l egoismo dietro i suoi gesti, una profonda ferita emotiva.

10 «Sei pronta tesoro? Abbiamo una prenotazione, non mi va di fare tardi» «Ci conoscono da una vita, se ne faranno una ragione». Non avevo fatto molto per nascondere il disappunto e francamente mi sentivo in diritto di comportarmi così. Ero restia - ero molto di più a dire il vero, ma va bene così - a celebrare l ennesimo compleanno di Elizabeth senza vederla, almeno una volta, unirsi alla festa. Neanche si trattasse di un ritardo cronico, come se la mia fosse una vita spesa ad inseguirla senza riuscire mai a raggiungerla. Non poteva, è vero, ma la sua assenza era e sarebbe sempre stato il mio tallone d Achille. Papà non voleva capire o forse davvero non capiva, ma si era impegnato così tanto per non farci sentire la sua mancanza che, alla fine, ogni tentativo di ricordarla risultava persino più doloroso. Non so dire se questi pensieri gli siano mai passati per la mente, ma mi sentivo ferita.»«dai, andiamo. Sta iniziando una nevicata con i fiocchi, voglio poter tornare a casa tranquillo» «Pronta» «Tutto questo tempo per infilare un paio di jeans scoloriti e una felpa? Dovresti farti aiutare da Becca, o resterai qui con me per sempre» «Come se ti dispiacesse!» «Ah ah ah!». Rideva di gusto papà. Rebecca, mia sorella, per gli amici Becca, ritornava a casa di tanto in tanto da quando frequentava l università, a pochi chilometri da dove siamo cresciute. È stata ammessa alla facoltà di lettere della Fairfield University e

11 la sua vita sembra essere una continua festa in cui divertirsi molto. Sarà la distanza tra lei e noi, la sua famiglia, a renderla così felice. Non abbiamo mai avuto un rapporto, noi due, ad eccezione di qualche scambio di opinioni su argomenti superficiali e per nulla personali. Non siamo cresciute insieme, non ci siamo scambiate i vestiti, non si è mai presa la briga di spiegarmi qualcosa. Non ricordo nemmeno di averla vista condividere una merendina, quando eravamo piccole. Io per lei non esisto, punto e basta, e non c entra nulla la differenza d età. Sarebbe potuto essere diverso? Mai. Noi siamo due mondi a parte. Bianco e nero. Luce e buio. Lei, la ragazza da copertina, popolare e con un intensa vita sociale, al liceo come - presumo - all università. Non ha mai raccontato niente della sua vita, perciò su di lei si possono fare solo congetture. Partiamo dai dati di fatto. Ogni volta che ci fa visita, sempre di sera, compare con un ragazzo diverso, proprio come alle superiori. Papà all inizio del semestre sembrava esplodere di rabbia, tanto che una volta ho temuto gli stesse venendo un infarto. Forse perché il tizio di turno - decisamente più vicino d età a mio padre che a lei - guidava una motocicletta ed era pieno di tatuaggi che sembravano avvizzirsi con lo scorrere dei minuti. Le settimane passavano e sembrava che lui si fosse in qualche modo rassegnato a quel chiassoso andirivieni, tanto da ignorare chiunque varcasse la soglia di casa. Indistintamente. Immaginavo fosse una nuova strategia, come se si fosse convinto che in realtà Becca cercasse solo

12 lo scontro con lui. E magari lasciandola fare, dandole la sua approvazione - ecco, forse solo una parvenza di assenso - se li sarebbe tolti di torno. Ma Becca non cedeva, e frequentare l università da sola, senza dover sottostare alle regole di papà, l aveva resa più spavalda anziché responsabile. Lei è bellissima, quel genere di bellezza che lascia chiunque folgorato, dall intellettuale al super modello, senza eccezioni. Alta, slanciata, lunghi capelli dorati ed enormi occhi verdi da cerbiatta. Era splendida, e non lo ignorava. Questo era un motivo sufficiente a farla decidere di andarsene in giro fasciata da gonne e camicette di seta, accompagnate da tacchi vertiginosi. Sapeva bene quello che voleva e non aveva paura di prenderselo, Becca. Forse per questo si stanca presto di tutto, passando in fretta al capriccio successivo. A differenza di me, che non avevo fatto altro per tutta la vita che nascondermi dietro un paio di occhiali e dei vestiti comodi. L invisibile, come mi chiama mia sorella. Una volta in macchina, papà mi bloccò mentre cercavo di accendere lo stereo. Non si lasciava guardare negli occhi, ma lo sentivo preoccupato ed ansioso. Come se dovesse darmi una notizia tremenda e non trovasse il coraggio per farlo. «Lily, oggi è un giorno importante» «Il compleanno di mamma» «Non ti ho mai chiesto come la sua assenza ti abbia fatta sentire, figlia mia» «Non è stata assente, non ha marinato il suo ruolo di madre e moglie. È morta, punto».

13 C era amarezza in quelle parole, un risentimento che lui di certo non meritava e che normalmente non avrebbe tollerato. Ora invece lo vidi stranamente abbassare lo sguardo, come se fosse colpevole. «Cosa sai di lei?» «Solo quello che mi hai detto tu». E si tratta di fatti irrilevanti, censurati. Poco se non addirittura niente, più che altro qualche aneddoto di loro momenti privati. «Perché ora te ne preoccupi? Sono cresciuta, papà. E tu sei stato bravo. Almeno con me». Avrei cercato di farlo sorridere, di regalargli una pace che sembrava averlo abbandonato, ma il mio goffo tentativo fallì miseramente. Riuscì a dire solo «Tu sei la mia bambina», neanche fosse un gemito. E mentre cercava di dirmi tra le righe qualcosa che non avrei potuto nemmeno sospettare, potevo giurare di avergli visto una lacrima sul viso. «E Becca? Anche lei è tua figlia. Farai questo melodramma anche a lei o è un regalo speciale per me, visto che qui ci sono solo io?». Le mie parole avevano preso vita più velenose di quanto in realtà avessi voluto. Il pensiero di affrontare un altra torta per la mia defunta madre, altre foto per il nostro album dei ricordi senza di lei, mi stava attanagliando in una morsa così forte che rischiavo di soffocare. «Adesso gustiamoci la cena. Per favore Lily. E poi mi ascolterai». Trovare parcheggio con quel tempaccio non era certo difficile, e per giunta davanti al ristorante che aveva prenotato papà. Ancora qualche passo tra il vento

14 pungente che sferzava tra le stradine della città, un architettura vagamente gotica. Abbastanza spazio per dimenticare, anche se solo per un istante, il dolore di quell uscita. Amo quei posti, la loro geometria, a dire il vero amo tutto il New England. Sono nata e cresciuta qui, nella stessa casa, senza sentire mai il bisogno di lasciarla, se non per brevi vacanze. Non si tratta solo di familiarità, di abitudine. Qui c è di più. La natura, per esempio. Sì, direte voi, qualche albero, uno scoiattolo, perfino un parco. E tutto intorno le solite auto, la gente che sporca e se ne frega. No, dico io. Qui è tutto diverso. La natura è parte di ciò che siamo. Io la respiro, la odoro, la vedo. E sopra ogni cosa, la sento. Abbastanza da dimenticare i miei guai e scomparire in un altra dimensione, dove sono già più grande e soprattutto felice. Senza ferite. Eravamo entrati imbarazzati e distanti nel nostro ristorante preferito, quello delle grandi occasioni. Il Mediterraneo è un piccolo locale italiano, nel cuore di New Haven, sofisticato pur rimanendo accogliente. Adoro la cucina italiana, come se in un esistenza precedente avessi vissuto lì ed ora ne sentissi il richiamo. La spiegavo ingenuamente così, la strana sensazione di appartenenza a quella cultura fatta di famiglia - anche se mia madre era morta, ciò non mi esimeva dall apprezzare il fascino di enormi tavolate di gente chiassosa e sorridente - e di appartenenza. Non tanto allo Stato quanto alle persone che lo popolano, almeno così mi era parso di capire. Avevo letto tantissimi libri di scrittori italiani e dalle loro pagine traspariva un innato senso di umanità. Lo volevo anch io.

15 Ecco, il Mediterraneo era sempre un bel ricordo per me. Tutto intorno riconoscevo i tovagliati color tortora e azzurro antico, e quelle deliziose porcellane fatte a mano con decori a forma di gigli. Da piccola pensavo che lo chef, un uomo adorabile, li avesse fatti apposta per me. Potevo lasciarmi andare ai pensieri, tanto sapevo già cosa avremmo ordinato. E lo sapeva anche il cameriere, che ci serviva gli stessi piatti ormai da anni. «Buonasera signorina, stasera è davvero un incanto. Acqua leggermente frizzante, immagino. E per lei, una bottiglia di Greco di Tufo?» «Certo, Lorenzo. La tua memoria è sempre infallibile» «Sarà che dopo vent anni si sarà stancato di chiedere», commentai io acida sottovoce. Volevo tornare a casa, infilarmi sotto le coperte e pregare che quel giorno finisse. Una volta per tutte. La cena proseguì veloce, tra piatti di spaghetti alle vongole e linguine al pesto. Alla fine, lo sapevo, come in un rito antico, mi aspettava il classico tiramisù che mio padre ordinava con tanto di candelina di buon compleanno. Deprimente. Eppure questa volta - non sarei riuscita a nascondere proprio del tutto la sorpresa, o meglio lo shock - arrivarono in tavola dei semplici dessert, una stranezza che mi permetteva di guardarlo pensierosa, a dir poco stralunata. Ma lui evitava accuratamente di incrociare il mio sguardo. «Papà, stai male? Che succede? Voglio sapere. Ora» «Perché pensi questo»

16 «Niente dolce di compleanno». Non avevo nemmeno respirato nel dirlo. «Allora?» «So che in questi anni è stata dura per te festeggiare la mamma. Ma questo compleanno è per te» «Papà, ma cosa dici? Io compio gli anni a luglio!» «Andiamo via di qui. Ti spiegherò tutto». Più preoccupata che curiosa - mio padre è una vera frana nel mentire - aspettavo che Lorenzo strisciasse la carta di credito per poter finalmente affrontare l ignoto, e stasera sembrava metterci un eternità. Finalmente, dopo aver preso la busta che conteneva qualche biscotto italiano, i miei preferiti - e mio padre lo sapeva bene - eravamo saliti in auto. Sapeva ancora di nuovo. In quel momento esatto, calò il silenzio. «Papà...». L auto, un modello recente di Chevy Suburban, procedeva lungo la strada interna che da New Haven porta a Woodbury, splendida cittadina del Connecticut, dove vivo da sempre. Un piccolo centro, un numero non così esorbitante di abitanti. Antichità, natura, qualche negozio artigianale. Un paese da sogno, insomma, di quelli che citano le guide turistiche o le pubblicità che immortalano famiglie felici. Una strada, quella che stavamo percorrendo, ben impressa nella mia mente, piena di alberi secolari di cui avrei riconosciuto l odore ad occhi chiusi. In questo periodo dell anno il Connecticut si veste di bianco. La neve scende copiosa e avvolge come una morbida trapunta tutte le bellezze di questo mio paradiso in terra. E anche quando il paesaggio non ricorda una palla di

17 neve, lo scenario che è in grado di prospettare è comunque da mozzare il fiato. Piccoli laghi dove la gente va a pescare, l oceano, le montagne, la vegetazione folta e rigogliosa. Un tripudio di verde, intervallato da case graziose ben integrate nell ambiente circostante, e uomini sorridenti. Cordiali. C è armonia quaggiù, tra una zuppa calda e dell autentica torta di mele. Woodbury è pace. «Papà... Mi stai spaventando». Lo vedevo guardare dall altra parte, fuori dal finestrino, e l unico pensiero che riusciva ad attraversare la mia mente era ecco la bomba. «Ti voglio un bene infinito, Lily. Sei la cosa più preziosa che io abbia mai avuto, e tutto ciò che ho fatto l ho fatto solo per proteggerti». Un leggero colpo di tosse per spezzare la drammaticità del momento e... «Spero la penserai sempre così» «Non capisco dove vuoi arrivare» «Sai, ho conosciuto Elizabeth questo stesso giorno, tanti anni fa. In un bosco non molto lontano dalla tua scuola, tesoro». I dettagli del loro primo incontro mi erano del tutto nuovi, estranei. Non era semplice vederlo in compagnia di quel fantasma che era per me mia madre, figurarsi poi in uno scenario tanto rustico, per usare un eufemismo. Me l ero immaginata in posti di classe, magari una sala da tè. Quel genere di situazione in cui una signora come lei avrebbe potuto sfoggiare senza tanta difficoltà la classe innata che la rendeva ancor più affascinante. Sapere invece che si erano conosciuti in un fitto bosco dove di solito si incontrerebbero solo cacciatori e ragazzi

18 alla ricerca di un po di privacy, beh... rompeva gli schemi. Tutto quello su cui avevo sempre fantasticato. Eppure, eppure non era difficile da credere. Forse era stata proprio quella sua semplicità a far capitolare mio padre, che in lei vedeva molto di più di un viso algido e perfetto, incastonato in abiti alla moda. Sì, nelle foto che avevo trovato indossava uno dei primi tailleur realizzati da Coco Chanel. L unico particolare che aveva notato mia sorella Becca. A me, invece, quelle immagini parlavano di amore, di pini selvatici, di una tazza di cioccolato caldo davanti al camino. Promesse di una vita felice insieme. «E che ci facevi da quelle parti? A parte il mio istituto, non è che ci sia altro». Pausa. «Ti eri perso?» «Stavo andando incontro al mio destino» «Che romantico». Ogni volta che parlava della mamma le parole trasudavano amore. Non vi era mai stato un filo di dolore per la sua prematura perdita, mai che io ricordassi. Nonostante la solitudine che avrebbe dovuto provare in tutti quegli anni senza di lei, o le difficoltà nel crescere da solo due figlie. «La notte prima del nostro incontro l avevo sognata, capisci? Mi aveva sussurrato dove trovarla. Era così, beh... incantevole, ecco, che me ne sono innamorato immediatamente. Avevo visto qualcosa di più in lei, di diverso. Quando mi sono svegliato, ho pensato solo a raggiungerla dove mi aveva detto». Sorrideva. «Aspetta un secondo, calma. Hai sognato una tizia sconosciuta e sei corso dove quella visione ti ha detto di

19 andare?! Spero che la pazzia non sia ereditaria, o sono fregata». Circostanze a dir poco bizzarre. Non si erano viste nemmeno in una delle assurde tragedie strappalacrime che danno al cinema. «Non era un sogno Lily. Era tutto vero. Anche se dormivo, sapevo distinguere la realtà dalla finzione». Sguardo che non ammette repliche. «E ci sono andato». Lo fissavo incredula, quasi divertita. Più che a mio padre, mi sembrava di stare seduta accanto ad un vecchio pazzo. «Ora capisco perché non me ne hai mai parlato. È una follia» «Ma lei era lì, dove mi aveva detto. Tra due alberi le cui chiome finivano per toccarsi sulla cima». Una lacrima l aveva colto impreparato e ora cercava di rimediare. «Stava aspettando me». Il dolore di tutti quegli anni di lutto l avevano convinto di simili assurdità, non poteva esserci un altra spiegazione. Anche se sembrava sincero, come poteva accettare così tanta... stranezza? Lui, il mio papà. Logico e razionale, sotto quegli abbondanti strati di bontà. «Ti è andata bene che non fosse una psicopatica assassina» «Ascoltami Lily, è importante». Avrebbe atteso che soffocassi ogni pensiero prima di ricominciare il racconto. «Tua madre, Lily, era la creatura più bella che avessi mai visto, e io ne ho incontrate! Un fare aggraziato, ammaliante, inusuale al punto che non poteva passare inosservata. Ero certo di non averla mai incrociata da

20 nessuna parte - non poteva essere di queste zone, pensai subito. Ed avevo ragione». Sei stato sedotto come capita agli sprovveduti, papà. Niente di così originale. «Ecco da chi ha ripreso Becca» «No, Liz non ha nulla in comune con tua sorella». La mia precisazione lo aveva indispettito non poco. «E ora lasciami andare avanti». Per tutto il tragitto aveva continuato a descrivere la grazia di quella misteriosa donna che gli era apparsa in sogno, la sua bellezza, ma più di ogni altra cosa la sua bontà. Ed erano state non le sue parole, ma le emozioni nascoste sotto di esse a tradirlo. Io non capivo, non l avevo mai capito. Lui l amava profondamente, l aveva sempre amata. Ecco perché non si era mai risposato né l avevo visto uscire con altre donne, non l avrebbe mai tradita così. Potevo azzardare a dire addirittura che ci fosse dell altro, come se per lui il tempo in cui l aveva dovuta lasciare non fosse mai trascorso. Come se si fossero salutati quella mattina stessa e lui si aspettasse di rivederla a casa, al nostro ritorno. Che strana sensazione permeava l abitacolo ed il mio cuore. Perché mai avrei dovuto pensare una cosa tanto assurda? Una volta imboccato il nostro vialetto, nessuno dei due ne aveva avuto abbastanza delle confessioni. Ci era venuto naturale rimanere in auto, lui avrebbe continuato a raccontare e io mi sarei persa in quella lunga lista di complimenti che le stava riservando. Almeno fino a quando non avrei trovato il coraggio di chiedergli l unica cosa che per me avesse senso sapere in quel momento.

21 «Perché me ne parli ora, papà» «Avrei voluto raccontarti di più, di lei, prima di arrivare a questo punto. Ma non sapevo come fare Lily. Guarda come stai reagendo ora, che sei grande e capace di comprendere... Ma la farò breve, promesso». Uno sguardo amorevole e si sarebbe di nuovo riappropriato di quell espressione sofferente e colpevole. «La settimana dopo il primo incontro la portai alla nostra radura, dove tutto ebbe inizio. Il nostro posto magico. Parlavamo tanto, piccola, e mi sentivo completo. Felice. Senza rendermene conto le ho chiesto di sposarmi. Non l avevo certo programmato, è stato tutto così spontaneo tra noi... Pensa che non le avevo comprato nemmeno un anello! Mi sono fatto coraggio e lei, senza nemmeno darmi il tempo di terminare la frase, aveva sorriso e detto di sì. Il momento più bello della mia vita, ad eccezione del giorno in cui Liz mi confidò che saresti nata tu» «Non raccontare a Becca questa storia, o penserà che sono la tua preferita». Le immagini di cui mi stava facendo dono erano troppo preziose per il mio cuore. Avevo bisogno di trovare un momento di stacco, tra quei sedili di pelle ghiacciata, illuminati solo da fioche luci di cortesia. «Io non ho preferite, ma ti sto dicendo finalmente la verità» «Quindi?». Arriva al dunque. «Quindi, figlia mia, eravamo così felici ed impazienti di conoscerti che il tempo sembrava volare. Tua madre ti comprò un regalo e mi fece giurare che il giorno del suo compleanno, prima che tu compissi sedici anni, te l avrei

22 dato. Come se sapesse che non avrebbe potuto dartelo lei stessa. Mi pregò di non dimenticare mai quella promessa, e di non guardare il contenuto del pacchetto, per nessun motivo al mondo. È quello che sto cercando di fare, ora». «Un regalo per me? Perché? Perché proprio adesso? Dimmi cosa succede». L abitacolo si stava facendo sempre più angusto, neanche ci fosse qualcosa là fuori che pressava l aria circostante. Con la coda dell occhio mi ritrovavo a controllare gli alberi che delimitavano il giardino, come se potessero davvero muoversi e schiacciarci da un momento all altro. Che idiozia. Stavo forse impazzendo? Forse. Il mio cuore batteva così velocemente che non riuscivo nemmeno più a sentirlo. Tutto intorno avvertivo la realtà, potevo aggrapparmi a delle certezze per non impazzire, eppure ero certa che mi stesse dicendo qualcosa, anche se non riuscivo a decifrare cosa. Il messaggio sarebbe stato chiaro solo con il passare dei giorni, eppure adesso mi sembrava di non avere scampo inchiodata ai sedili. «Io non so darti una risposta Lily. Ma posso dirti con assoluta certezza che tua madre mi viene a trovare ogni notte, e so che ti ama profondamente. Da sempre» «Dov è? Dov è il pacco?». Mi ritrovai stranamente impaziente di allontanarmi da lì, di iniziare a risolvere quel rebus. Non che mia madre non fosse per me una questione aperta, ormai era semplice ammettere con me stessa che tutti gli anni passati a minimizzare quella coltre di mistero irrisolto erano semplicemente un modo di proteggermi dalla delusione e dal dolore. Ora che il muro stava cedendo poco a poco

23 sotto il mio naso mi sentivo risucchiata da un vortice di disperazione. Avrei forse capito chi ero? Da dove venivo? Ma sopra ogni cosa, la mia vita - la nostra vita - sarebbe potuta cambiare in qualche modo? Temevo la risposta, anche se una parte di me - la più piccola ed irrazionale - già la conosceva. «È sul tavolo, in cucina. Ho pensato che una volta entrati, avresti voluto aprirlo nella solitudine della tua stanza. Ma prima devo dirti ancora una cosa. Ed è davvero dura». «Avanti papà». Volevo solo mettere le mani sul mio regalo e quell attesa sembrava durare all infinito. Meglio sapere in fretta, mi ero detta. «Ti ho raccontato che tua madre è morta in un incidente, quando tu avevi poco più di qualche mese». Lo vedevo farsi sempre più piccolo, appoggiato com era al finestrino dell auto. Rannicchiato su se stesso come in preda a crampi di dolore. Non lo vedevo quasi più, nel buio di quella sera invernale in cui anche le stelle avevano deciso di giocare a nascondino pur di non essere testimoni di quella confessione. Per quanto cercassi di non perderlo - non anche lui, vi prego, chiunque sia in ascolto - in quell oceano di emozioni e domande che mi stavano completamente affossando, era scomparso dalla mia visuale. Contavo su di lui per uscirne viva, lui che non mi avrebbe certo permesso di tenere la testa sotto l acqua nell attesa della prossima onda, incapace di respirare. Non mio padre. «Ma non è così, Lily»

24 «Cosa?! Mi hai... mentito?! Tu? Cos è successo a mia madre?!». L avevo letteralmente assalito. Non mi importava quanto fosse devastante per lui il peso di quella rivelazione. «Papà, dimmi tutto. Noi abbiamo un patto, ricordi? Se non te ne sei accorto sono grande, posso sopportare la verità. Basta mentirmi». Per quanto mi avesse profondamente ferita, cercavo un tono conciliante con l unico intento di saperne qualcosa in più, ed il più in fretta possibile. Era chiaro che non avevo fatto i conti con l ovvio. Mi sentivo esplodere dentro, chissà se c era ancora qualcosa di me che non bruciava tra le fiamme più nere che il mondo abbia mai sprigionato. «Tua madre...». Non ci riusciva. Le parole sembravano strozzarlo dall interno. «Quando è morta? Cosa è successo? Me lo devi papà!». «Non... non è morta». E quelle tre semplici parole bastarono a mandare in frantumi il mio intero mondo.

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Tu sol pensando o ideal, sei vero

Tu sol pensando o ideal, sei vero Tu sol pensando o ideal, sei vero Nella semplicità del mio cuore lietamente Ti ho dato tutto di Enzo Piccinini La notte del 26 maggio è morto Enzo Piccinini, chirurgo e responsabile di Comunione e Liberazione,

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli