Teorie del XVIII secolo sulla struttura del Periodo musicale 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teorie del XVIII secolo sulla struttura del Periodo musicale 1"

Transcript

1 1 Teorie del XVIII secolo sulla struttura del Periodo musicale 1 Uno degli aspetti più significativi del cambio di stile avvenuto durante il XVIII secolo è stato il cambiamento nella qualità del movimento musicale. La musica barocca è caratterizzata da un flusso continuo; la fine delle frasi è nascosta e mascherata dalla testura polifonica, dal basso continuo e dallo slancio creato dalla sistematica applicazione di brevi motivi e figure ornamentali. La musica classica è caratterizzata da articolazioni ben definite; frasi e periodi tendono a bilanciarsi e completarsi a vicenda, rispecchiando gli idiomi popolari del canto e della danza, da cui è tratta gran parte della musica classica. Questi aspetti strutturali della musica barocca e classica, riflessi fedelmente negli scritti teorici del XVIII secolo, ci sono famigliari. Tuttavia le teorie del XVIII secolo sulla struttura di frase e Periodo, o sugli elementi che trattano movimento e principi formali, non hanno ricevuto così tante attenzioni rispetto a quelle ricevute dall armonia, dalla pratica dell esecuzione e da altri aspetti della musica del tempo. Gli interessi teorici sulla struttura di frase e Periodo sono cresciuti durante il corso del XVIII secolo, rispecchiando la crescente popolarità dello stile galante. Molte osservazioni critiche sono dirette al contrasto o conflitto tra stile galante e stile serio. In alcuni casi le osservazioni riguardano l articolazione. Marpurg dice: Nello stile contrappuntistico le cadenze perfette, almeno alla fine del pezzo, devono essere convenzionali (förmlich). Lo stile galante pone meno problemi riguardo alle cadenze, che possono essere usate in qualsiasi punto, alla fine come al centro, senza distinzione dovuta alla funzione convenzionale o non convenzionale che dettano le circostanze. 2 Qui Marpurg sottolinea un importante distinzione stilistica fra la musica del tardo barocco e quella galante di metà secolo. I punti di articolazione le cadenze sono molto più frequenti e hanno molta meno importanza nella musica del Periodo galante dal punto di vista strutturale. Sulzer collega la struttura della frase all espressione, anche contrastando lo stile galante con tipi di musica più seri. La sua descrizione mette in prima linea il conflitto di gusto, di goût, che era l essenza del contrasto tra gli stili. Qui notiamo soprattutto che le frasi brevi o sezioni si adattano meglio ad affetti leggeri e frivoli, e, in certe circostanze, a impetuosa e violenta passione; le frasi più lunghe favoriscono sentimenti seri. Tutto ciò che è patetico, serio, pensoso e devozionale richiede frasi lunghe che si fondono l una con l altra; l allegro come il furioso richiedono frasi molto brevi, più chiaramente separate le une dalle altre. È un grave errore quando il compositore si permette di essere sedotto dall applauso che un pubblico incompetente e inesperto tributa al gradevole cosiddetto brano galante e introduce così piccoli momenti di musica graziosa e a pezzettini, invece che musica di alto valore estetico all interno di lavori seri e persino di brani sacri. 3 1 Leonard G. Ratner, Eighteenth-Century Theories of Musical Period Structure, The Musical Quarterly, 1956, 42, 439: F. W. Marpurg, Kritische Briefe über die Tonkunst, , II, J. G. Sulzer, Allgemeine Theorie der schönen Künste, Leipzig, , III.

2 2 * * * Le forme e gli idiomi della musica galante si prestano facilmente a ricette e schemi, offrendo strutture melodiche e armoniche di frasi e periodi. Allo stesso modo, nella metà del XVIII secolo, l attenzione dei teorici si focalizza sulle più piccole particolarità della struttura periodica. A tutti i livelli, da quello serio e professionale e con trattamento critico al semplice passatempo e gioco, il Periodo musicale fu indagato minuziosamente. La terminologia usata comunemente negli scritti del XVIII secolo per designare vari componenti ritmici della struttura non è molto omogenea. Sulzer scrive: I nomi usati per indicare piccole o grandi sezioni di una melodia sono ancora piuttosto indefiniti. Si parla di Perioden, Abschnitten, Einschnitten, Rhythmen, Cäsuren, ecc in un modo che una parola ha due significati e due parole hanno lo stesso significato. 4 Nella loro descrizione delle più piccole unità melodiche e ritmiche che costituiscono un Periodo, i teorici del XVIII secolo fanno spesso ricorso ad analogie con il linguaggio. Così Mattheson, analizzando un Minuetto, dà una spiegazione piuttosto dettagliata della punteggiatura musicale, usando termini presi in prestito dalla grammatica, come paragrafo, frase o Periodo, due punti, punto e virgola e punto. 5 La distinzione di Koch tra le parti del Periodo è anch essa basata sull analogia del linguaggio. Nella seguente citazione egli si preoccupa di specificare la funzione delle parti di un Periodo in relazione al loro significato musicale, piuttosto che esplicitamente alla punteggiatura. La completezza di un piccolo segmento diventa evidente attraverso l unione di un predicato con un soggetto... un segmento più ampio sarebbe quello in cui più di un predicato si lega a un soggetto, oppure nel quale il soggetto o il predicato, o entrambi, sono meglio definiti attraverso idee ausiliarie. 6 L esempio 1 mostra come Koch costruisca una frase semplice e procede in qualche modo ad elaborarla. Esempio 1: Queste analogie tra musica e linguaggio riflettono un aspetto importante dell estetica generale nel XVIII secolo, e precisamente le analogie e i confronti tra le diverse arti. Se, d altra parte, consideriamo questi confronti come riflessi del razionalismo del XVIII secolo, allora le teorie della struttura del Periodo costituirebbero un tentativo di razionalizzazione, almeno in un area del pensiero musicale. 4 J. G. Sulzer, op. cit., II, J. Mattheson, Der vollkommene Capellmeister, Hamburg, 1739, p. 224 seg. 6 H. C. Koch, Versuch einer Anleitung zur Composition, Leipzig, , II,

3 3 L analisi del Periodo da un punto di vista strettamente musicale riguarda le cadenze, la lunghezza delle sezioni, e, in una certa misura, la linea melodica, benché quest ultimo aspetto non sia così ben definito, e non influisca sulla struttura del Periodo così fortemente come l armonia e il ritmo. La distinzione comune fra semicadenza e cadenza perfetta è opera di Koch. Così una frase che finisce un Periodo è chiamata Schluβsatz, mentre tutte le altre Absätze. Le Absätze sono qualificate dalla loro cadenza; quelle che finiscono sulla tonica sono chiamate Grundabsätze, mentre quelle che finiscono sulla dominante sono chiamate Quintabsätze. A questo proposito Portmann dice: Le frasi che finiscono sulla tonica sono di risposta. 7 L articolazione del Periodo in frasi da quattro misure di lunghezza, un altro aspetto tipico della struttura del Periodo, è menzionata da Kirnberger: Le melodie migliori, in ogni caso, sono quelle le cui frasi hanno una lunghezza di quattro misure 8. Anche Daube: La melodia più semplice può essere tale attraverso una suddivisione in quattro e otto misure. 9 Mettendo insieme questi diversi punti frasi corte e ben articolate, sottolineatura armonica dei punti di arrivo attraverso le cadenze alla tonica o alla dominante, relazioni di domanda e risposta, predilezione della lunghezza delle frasi in quattro o otto misure siamo condotti verso l idea di simmetria, quale aspetto della struttura del Periodo. Questa idea è stata in seguito esplicata da Chastellux: Loro [gli italiani] videro molto bene che non potevano inventare una melodia senza possedere una semplice ed unica idea e dettero a questa idea una propria espressione nella forma e nelle proporzioni. Questa osservazione permise loro la scoperta del Periodo musicale. Un Minuetto, una Giga, hanno le loro misure definite; le melodie formano frasi, e queste frasi hanno i loro elementi regolari e proporzionali Benché i nostri piccoli pezzi francesi, minuetti, gighe, ecc sembrano essere uguali a quelli degli italiani, non bisogna considerarli periodici. Non è abbastanza per una melodia avere un certo numero di battute Se l intento di una melodia è di essere periodica, bisogna che sia presente una certa unità, l equilibrio tra le parti che la costituiscono, una circolarità complessiva che mantiene l attenzione fino alla fine. La maggior parte delle vecchie melodie francesi non sono altro che un seguito di suoni, che non hanno né regola né scopo. 10 La simmetria come qualità nell arte è stata ammirata nell ultima parte del XVIII secolo e Daube evidenzia le analogie tra le diverse arti nella loro manifestazione di simmetria ed equilibrio. Egli deduce che un adeguata comprensione della simmetria in musica è stata sviluppata solo in tempi recenti. Dove si presenta la simmetria dell architettura? Nella meravigliosa relazione tra le masse dei componenti Meravigliosa simmetria si trova oggi nella pittura, scultura, danza, poesia e letteratura, e in tutto ciò che rappresenta bellezza e creatività. Questo lo troviamo anche nella musica, ma i nostri avi avevano poca conoscenza al riguardo. 11 * * * La costruzione simmetrica nelle frasi e nei periodi, insieme alla complementarità delle relazioni cadenzali, si trovano soprattutto nelle danze e nelle canzoni del XVIII secolo. Allo stesso modo, discussioni sulla struttura della frase e del Periodo sono legate alla musica per danza. 7 J. G. Portmann, Leichtes Lehrbuch der Harmonie, Darmstadt, 1789, p J. Kirnberger, Die Kunst des reinen Satzes, Berlin, 1779, II, J. F. Daube, Anleitung zur Erfindung der Melodie, Vienna, 1797, p François-Jean de Chastellux, Essai sur l Union de la Poésie et de la Musique, Paris, 1765, pp J. F. Daube, Der musikalische Dilettante, Vienna, 1770, p. 81.

4 4 Durante tutto il secolo lo schema strutturale della danza è costituito da una successione di riprese (o periodi) di solito due, indipendentemente dal tipo di danza. Walther dice: Bourrée significa tipo di danza o composizione musicale costituita da due parti equivalenti, ciascuna di otto battute, la prima avente solo quattro battute da suonare due volte, mentre la seconda metà contiene otto battute ed è ripetuta. 12 Kirnberger, come Walther, specifica la lunghezza della frase, dicendo che la musica per danza è l unico tipo di musica dove le sezioni dovevano avere un numero predefinito di misure. Differenti fonti evidenziano l importanza della musica per danza nella seconda metà del XVIII secolo. Incontravano maggior favore quelle danze che potevano essere costruite in modo semplice, con accenti forti e caratteristici e schemi metrici, come il Minuetto, il Valzer, la Contraddanza, la Gavotta e la Polonaise. Una delle lettere di Mozart al padre, datata 14 maggio 1778, descrive alcune delle sue difficoltà riscontrate nel tentativo di insegnare a una giovane donna di nobile rango come comporre un Minuetto. Ha aggiunto un basso abbastanza buono al primo Minuetto del quale le avevo dato la melodia, e ha cominciato anche a scrivere a tre parti. Ma subito si è annoiata non aveva nessuna idea Tra le altre cose mi sono scontrato con l idea di scrivere un Minuetto molto semplice per vedere se non potesse comporne una variazione. È stato inutile Ho scritto quattro battute di un Minuetto e le ho detto guarda che asino che sono! Ho cominciato un Minuetto e non riesco nemmeno a finire la melodia. Per favore sii così gentile da finirla per me. 13 Mettere insieme piccoli brani di danza era un passatempo popolare per musicisti dilettanti, e in effetti niente sembrerebbe più facile da fare, a giudicare dalla seguente prescrizione citata da una recensione contenuta in Nachrichten di Hiller: Ricetta per comporre danze: 1. Prendi un accordo di tonica che ti piace 2. Metti, dopo di quello, l accordo di dominante 3. Ripeti l accordo di tonica 4. Fai ciò per almeno quattro volte, avrai così davanti a te l intera armonia della danza 5. Ora controlla se la melodia funziona sull armonia creata; dividila in due parti; metti il segno di ritornello al centro e alla fine, così la danza è finita. Se tutte le frasi funzionano bene con l armonia di base, si può anche mettere la prima frase come seconda e viceversa. 14 Giochi musicali improvvisati, molto popolari nel tardo XVIII secolo, dimostrano l influenza della musica per danza. In questi giochi, qualsiasi dilettante o principiante poteva mettere insieme un Minuetto o una Polonaise unendo i frammenti melodici forniti dall ideatore del gioco. Questo perfetto passatempo stereotipato, basato su una selezione casuale, serve a sottolineare alcuni degli elementi fondamentali della costruzione della musica nel periodo galante e nel primo periodo di quello classico. Cioè: una logica armonica rigida, basata sulla relazione fra tonica e dominante e cadenze chiaramente definite; struttura rigidamente regolare del Periodo, derivante dalla simmetria degli schemi della danza; uno stile melodico coerente, il quale comunque non significa necessariamente corrispondenza o somiglianza dei motivi in qualsiasi punto. 12 J. G. Walther, Musikalisches Lexikon, Leipzig, 1732, p. 109 seg. 13 Emily Anderson, The Letters of Mozart, London, 1938, II, J. A. Hiller, Wöchentlichen Nachrichten, Leipzig, 1766, I, 132 seg.

5 5 * * * La costruzione della melodia, sia per scopi didattici che creativi, si basava su un metodo molto diffuso, che si può definire permutazione, secondo il termine Verwechselungskunst di Joseph Riepel nel suo Grundregeln der Tonordnung Vol. 1 pubblicato nel Esso fa riferimento alla possibilità di cambiare i motivi in una o più battute di una frase o Periodo senza disturbare l armonia di base e la struttura ritmica. Riepel mostra come la melodia di un Minuetto che usa come esempio può subire diversi cambiamenti; questi riformulano la melodia senza cambiare la forma base del Minuetto. Con questo metodo Riepel spera di sviluppare il gusto e il giudizio dello studente verso la costruzione della melodia. Esempio 2: Si noti come lo studio della composizione inizi con la produzione di Minuetti. La permutazione di materiale melodico è stata applicata anche in composizioni di più vaste dimensioni. Nell Anleitung di Daube, pagine 61-68, sono date tre differenti versioni dell inizio di una Sinfonia. Per tutti e tre gli inizi gli schemi ritmici e le armonie sono uguali; anche i cambi di stile sono identici, dalla lenta introduzione verso l Allegro brillante, seguito da una sezione lirica centrale. Il materiale melodico di ogni esempio è comunque abbastanza differente. L esempio 3 mostra dei campioni da ognuna delle tre versioni date da Daube. Egli raccomanda l uso delle sinfonie di Haydn come modelli. Esempio 3:

6 6 La permutazione si applica bene nello stile galante. Frasi ben separate, testura leggera, figure caratteristiche e contrasti evidenti e giustapposti (in modo particolare nella musica orchestrale italiana) tutto questo si presta bene alla sostituzione di una formula melodica tipica ad un altra. Un caso interessante dell applicazione di questo principio alla musica di un epoca precedente si trova nel Methode Sonaten aus m Ermel zu schüddeln di Kirnberger, del Kirnberger può aver scherzato mettendo insieme questa piccola brochure, ma il risultato è quello di una sonata tardo barocca perfettamente seria e di ampie dimensioni. Brevemente, il suo Methode è il seguente: 1. Prendere una sonata dalla letteratura disponibile; creare una nuova melodia usando il basso. 2. Creare un nuovo basso sotto la melodia appena inventata; è pronta una nuova sonata! Il modello di Kirnberger è una sonata di Bach, ma la sua procedura si potrebbe applicare anche più facilmente alla musica dell inizio del XVIII secolo. Usando il flusso ritmico di base e l armonia sottostante come struttura, ha apportato una permutazione quasi completa di contenuti melodici. Sembrerebbe che con gli esempi sopracitati, e in altri simili, stiamo trattando di un uso tardo della tecnica della parodia. Qui il modello non è né una melodia, né uno schema di basso, come nel Passamezzo, Ruggiero, Folia, ecc, ma piuttosto il periodo stesso, con le sue frasi equilibrate, le sue armonie chiaramente definite, e soprattutto, le sue inevitabili articolazioni e cadenze. * * * Nella musica di Haydn, Mozart e loro contemporanei, ritmi di danza e struttura del Periodo occupano una posizione basilare, sia stilisticamente che formalmente. Considerando questi aspetti della musica di età classica, i teorici raccomandano ai loro studenti di studiare diversi tipi di danze, così da essere in grado di comporre sonate con capacità e gusto. In Sulzer troviamo: Le melodie delle danze delle varie nazioni includono quasi tutti i tipi di movimento e ritmo, e solo chi è sufficientemente rivolto a questi aspetti può diventare eccellente nella melodia 15. Kirnberger, nel suo Recueil d airs de danses caractéristiques, si dilunga riguardo all importanza della musica per danza come base per composizioni più elaborate. Lacune nella composizione di danze possono avere un effetto dannoso nella composizione di fughe a causa della mancanza di esercizio nel ritmo. Anche l esecuzione ne risente; l effetto al giorno d oggi, spiega Kirnberger, è orribile, perché errori nell indicare cesure e accenti trasforma le fughe in una confusione di suoni. La pratica sulle composizioni di danze, dall altra parte, darà all esecutore il senso del ritmo, degli accenti e delle cesure in brani di estese dimensioni. Riepel e Koch avvertono entrambi che le forme piccole di danza fungono da modelli per composizioni più ampie. Riepel dice: L elaborazione di un Minuetto non è differente da quella di un concerto, di un aria o una Sinfonia. 16 Koch è più esplicito: la conoscenza di queste [piccole] forme è utile al compositore principiante non solo per se stesso ma anche in considerazione di più ampi prodotti artistici; perché queste forme [danze] sono piccoli modelli per le composizioni più ampie. 17 Da queste osservazioni è chiaro che i teorici musicali del tardo XVIII secolo riconoscono il debito della loro musica seria verso la musica per danza, sia dal punto di vista idiomatico che strutturale. Descrizioni dettagliate della struttura di brani più ampi non sono numerose nella teoria del XVIII secolo. I teorici sembrano riluttanti a descrivere la ricetta per comporre lavoro più estesi. Questo 15 J. G. Sulzer, op. cit., II, J. Riepel, op. cit., p Koch, op. cit., III, 129.

7 7 probabilmente è dovuto al fatto che la reale composizione era principalmente una questione professionale, tramandata da maestro a allievo, e imparata, come sappiamo dai dati storici, attraverso la copia e permutazione di modelli. Solo nel tardo XVIII secolo sembra crearsi un interesse amatoriale o dilettantistico verso la composizione e conseguentemente una richiesta di istruzioni specifiche. Vogler, nel suo Kurpfalzische Tonschule, del 1778, dà una descrizione precisa della costruzione melodica, ritmica e armonica di un aria, con alcune spiegazioni di implicazioni espressive di certe procedure formali, come la ripetizione e la modulazione alla dominante e sottodominante. Altri due documenti, uno contemporaneo a Telemann, l altro datato ai tempi di Haydn, fornisce delle informazioni importanti riguardo alle composizioni musicali di vaste dimensioni nel XVIII secolo. Il primo documento è l Anleitung zur musikalischen Composition di Christian Gottlieb Ziegler, un manoscritto datato 1739 a Quedlinburg, dove Ziegler era organista. Questo documento, evidentemente unico e non citato nelle bibliografie standard, esiste in una copia incompleta nella collezione Drexel della New York Public Library. Ziegler era conoscitore della musica di Bach, Handel, Telemann, Graun e Hasse, come degli scritti di Mattheson. Nelle pagine , Ziegler fornisce delle formule specifiche grazie alle quali può essere costruito un movimento di una sonata. Egli fornisce un singolo tema nello stile del Minuetto, dà lo schema tonale del movimento, illustra i collegamenti armonici e specifica le cadenze formali di ogni tonalità. Ogni apparizione del tema è chiamata clausula cognata. Di seguito è data la tabella delle relazioni tonali di Ziegler e l ordine con il quale le tonalità si succedono. I numeri in corsivo rappresentano le presentazioni complete del tema nella tonalità specificata. L esempio 4 riproduce il tema di Ziegler. Stilisticamente il pezzo è molto simile alla musica di Telemann. È molto più semplice delle sonate di Bach dello stesso tipo, in particolare per quanto riguarda la convenzionalità del basso e la mancanza di arditezze melodiche. Inoltre, le articolazioni nella struttura non sono difficili da individuare. Eppure vi è una notevole presenza di quel flusso continuo che caratterizza la musica da camera barocca e, ciò che più importa, lo schema armonico e il continuo ripresentarsi dell unico tema caratterizza il brano come essenzialmente barocco. Lo schema armonico, che opera in modo circolare attorno alle tonalità vicine e dà al brano la sua lunghezza visitando a turno queste tonalità, è sostanzialmente identico al piano usato nelle fughe e nei concerti barocchi. Esempio 4: Il secondo documento che ci illumina riguardo alle strutture musicali di vaste dimensioni è il Versuch di Heinrich Christoph Koch. Come Ziegler, Koch inizia con la musica per danza. Egli

8 8 analizza la struttura della frase minuziosamente, cominciando con le frasi di quattro misure e lavorando su quella che egli chiama le più piccole forme complete, quelle piccole danze e canti che contengono quattro volte quattro misure, cioè sedici. Successivamente Koch continua con un capitolo intitolato Sull uso dei mezzi di estensione melodica. In questo capitolo, uno dei più importanti contributi alla teoria della forma della musica nel XVIII secoli, Koch esplora diversi metodi di estensione del Periodo oltre alla loro normale lunghezza di otto misure. Egli cerca dei metodi per raggiungere l ambito più esteso e movimenti più continui. L esempio finale di questo capitolo comprende alcune di queste tecniche, tanto che un Periodo originariamente composto da otto misure diventa paragonabile in lunghezza a un esposizione di una forma sonata. Koch dice, a proposito di questa procedura: Le melodie di danza, quando non intese per ballare, possono contenere più di otto misure nella prima ripresa; questa lunghezza addizionale generalmente deriva dalle tecniche sull estensione melodica che studieremo nel seguente capitolo. 18 L esempio che Koch usa per costruire la forma estesa è un Bourrée, ma il pezzo diventa molto più di un Bourrée quando cresce secondo le proporzioni dell inizio di una sonata. In tutte le musiche di Haydn, Mozart e Beethoven il primo e l ultimo movimento spesso iniziano come un Bourrée, una Marcia, una Valzer, una Gavotta, una Contraddanza, una Giga e altri tipi di danza. Per mezzo dell estensione e altri stravolgimenti della simmetria coreutica, questi compositori riuscirono a raggiungere obiettivi di portata e forza molto maggiori, come anche di arricchire il contenuto melodico e armonico della loro musica. Il trattato di Koch dimostra che questo approccio alla composizione ha ricevuto riconoscimento nella teoria musicale. I suoi esempi sono riprodotti qui di seguito. Esempio 5: a) Periodo di otto misure originale b) La melodia di Koch Koch, op. cit., III, I numeri tra parentesi sulla parte indicano i riferimenti alle battute del periodo originale (N.d.T.).

9 Il Periodo originale nell esempio 5 è una tipica Ripresa di danza di otto misure, con una semicadenza alla quarta misura e una cadenza perfetta alla dominante all ottava misura. Il Periodo esteso, d altra parte, comprende trentadue misure. Ci sono due aree tonali che instaurano un contrasto di largo raggio tra tonica e dominante; questo piano armonico è universalmente utilizzato nella musica di età classica; rappresenta una polarizzazione dell armonia, contro l organizzazione circolare delle tonalità tipica della musica barocca. 9

10 10 Tecniche specifiche di estensione sono illustrate in diversi punti. In molti casi essi comportano un più ampio trattamento dei motivi contenuti nel primo esempio, sebbene sia certamente possibile andare oltre e introdurre nuovo materiale melodico. Ecco le tecniche: 1. Riproduzione simile di un motivo su un altra armonia, battute 2, 15, Rinforzamento di una cadenza perfetta con varie ripetizioni della formula cadenzale, battuta 4 3. Ripetizione di un motivo, prendendo un altro livello della stessa armonia, battuta 7 4. Estensione di una sezione ripetendo le formule metriche stabilite, battute Parenthesis, inserzione di nuovo materiale, battuta Particolari successioni armoniche, ad esempio progressioni, battute Rinforzo di una cadenza sospesa attraverso la ripetizione, battuta Sezioni di chiusura rinforzate con formule cadenzali aggiuntive, battuta Tirature melodiche di figure rapide 20, battuta Trasposizione, cioè una progressione modulante, battute Mentre Koch inventò la maggior parte dei suoi esempi, inclusi quelli esposti sopra, egli trasse liberamente dalla musica di Haydn, Graun, Hiller, Stamitz e dal suo stesso maestro Christian Scheinpflug, 21 come anche da altri che scrissero durante la seconda metà del XVIII secolo. Il risultato delle sue istruzioni sarebbe una Sonata nello stile corrente del periodo È lo stile galante, per tastiera, con motivi brevi, frequenti ma leggere cesure, e una varietà considerabile di materiale melodico. La musica del tardo stile classico è, naturalmente, più strutturata della musica galante illustrata da Koch; tuttavia, i meccanismi della struttura da lui fissati sono quelli che controllavano la costruzione del materiale melodico, l assetto delle frasi, e la distribuzione delle cadenze in tutta la musica classica. Certamente Koch ricordava la differenza tra quello che chiamiamo stile classico e il precedente stile galante mentre la maggior parte delle sue analisi e istruzioni riguardano tastiere e musica da camera, solo alla fine del suo Versuch si occupa dello stile orchestrale, considerando le seguenti distinzioni tra musica orchestrale e da camera: Nel primo Allegro di una Sinfonia, il materiale melodico, per le ragioni dette sopra, non è così chiaramente a tutto tondo come in quelle composizioni dove agisce una voce principale piuttosto, questo materiale si deve distinguere attraverso robustezza interiore ed enfasi, e il sentimento deve trasmettersi da solo piuttosto che attraverso una presentazione minuziosa e dettagliata [del materiale]. Nel primo Allegro di una composizione di questo tipo prevale generalmente un sentimento piuttosto esaltato, espresso con una certa intensità; di conseguenza, la maggior parte delle cadenze sospese o perfette non giungono a conclusione ma attraverso un incastro di battute 22, tali cesure sono oltrepassate, in modo che la melodia possa procedere in avanti. Al fine di poter mascherare le cesure all interno di brani di questo tipo, le voci secondarie, il violino secondo o il basso, mettono in risalto motivi tratti dalla parte del violino primo quando questo passa ad eseguire nuovo materiale melodico; oppure le voci secondarie si imitano reciprocamente mentre il violino primo fa da riempitivo; ciò accade perché, nella Sinfonia, le parti secondarie non svolgono al meglio la loro funzione quando, per esempio, il violino secondo fa da 20 Ratner usa il termine Spinning out qui tradotto con tirature melodiche - con riferimento alla parola tedesca Fortspinnung con la quale si allude a figurazioni rapide costruite su progressioni (N.d.T.). 21 C. Scheinpflug, , maestro di cappella a Rudolstadt. Solo pochi dei suoi lavori ci sono pervenuti, tra cui delle cantate e un opera, Mithridate. Godeva di buona reputazione ai suoi tempi e Marpurg ha parlato positivamente di lui. 22 Il termine usato da Ratner, telescoping, traduce l'immagine di un incastro, con sovrapposizione di battute. Si tratta della versione inglese del tedesco Takterstickung (Koch, op. cit., III, 384) con cui si intende, appunto, un particolare tipo di collegamento di frasi con sovrapposizione dell'ultima battuta della frase precedente con la prima della seguente (N.d.T.).

11 11 mero riempitivo armonico oppure suona semplicemente all unisono con il violino primo e il basso si limita ad eseguire le fondamentali degli accordi. 23 Una tale descrizione si adatta bene a una Sinfonia di Haydn. Inoltre, rivela il tipo di scrittura delle parti che Haydn aveva in mente quando parlò del suo quartetto Op. 33 contenente un modo speciale e completamente nuovo di trattare il materiale tematico. Questo è l accompagnamento obbligato di Beethoven, cioè la scrittura delle parti, tutt altra cosa rispetto alla melodia galante e dal suo grezzo supporto. Tale arricchimento della testura e soprattutto dell intero contenuto musicale sussisteva potenzialmente nello schema-periodo. Il mosaico di motivi e frasi si presta a un mutuo scambio tra le parti che lo compongono, mentre cesure e cadenze suggeriscono gesti tali da rendere la loro articolazione meno enfatica e ovvia. Se prendiamo per buone le distinzioni di Koch, esse ci suggeriscono che uno dei principali fattori nell evoluzione della musica di età classica nei confronti del precedente stile galante, e precisamente una più vivace scrittura delle parti con tendenza verso l estensione dei periodi, derivò alla musica classica dalla Sinfonia. L azione reciproca dei motivi era considerato una delle mete più importanti della composizione musicale, come risulta chiaramente dall osservazione di Leopold Mozart a sua figlia analizzando il Concerto in Re minore K 466 di Wolfgang: Ieri c è stato il nostro concerto. Marchand ha eseguito il concerto in Re minore che ti ho mandato l altro giorno [Michael] Haydn gli girava le pagine e allo stesso tempo ha avuto il piacere di osservare con quale arte è stato composto, come le parti si intreccino deliziosamente, e quanto è difficile questo concerto. 24 Benché fosse lontano molte miglia da Mozart a Vienna, Koch, a Rudolstadt, ebbe nondimeno l opportunità di esaminare la musica più recente riconoscendo il fondersi fra struttura periodica e procedure polifoniche, una caratteristica della matura tecnica classica di composizione. Koch dice: Mozart, a Vienna, ha pubblicato sei quartetti per due violini, viola e violoncello, dedicati a Haydn; tra tutte le sonate moderne a quattro parti, questi rappresentano la migliore concezione del vero quartetto, e grazie alla loro particolare combinazione fra stile severo e libero, e al loro trattamento dell armonia, sono unici nel loro genere. 25 Nell ultimo capitolo del suo terzo volume, Koch descrive le forme standard del tardo Settecento, compresi l aria, il rondò, la sonata, il concerto, l ouverture e la Sinfonia. Inoltre fornisce delle istruzioni per i vari tipi di scrittura corale in stile severo o libero. Infine, c è uno studio dettagliato sulla costruzione di un esposizione e dello sviluppo di una Sinfonia. I contributi di Koch sulla teoria musicale sono stati messi in ombra da quelli di Emanuel Bach, Quantz, Rameau, Mattheson e Kirnberger. Ciò nonostante egli rappresenta meglio il tardo Settecento; i suoi contributi sono notevoli e pertinenti. Il Manuel de Mousique di Choron-La Fage, prende il materiale riguardante la forma musicale direttamente da Koch e riconosce questo debito. Fétis rende omaggio a Koch nella Biographie: Sotto il titolo, Regole meccaniche della melodia, la seconda sezione del secondo volume contiene idee assolutamente nuove, di grande interesse in riguardo a quest importante ramo dell arte. Fino ad oggi non è apparso niente di migliore, né alcunché di altrettanto soddisfacente è stato prodotto prima di Koch. Il terzo volume è completamente dedicato allo sviluppo della teoria 23 Koch, op. cit., III, 384 seg. 24 E. Anderson, op. cit., III, 1335 seg. 25 Koch, op. cit., III, 326.

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 -

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 - MINISTERO DELL ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA CONSERVATORIO DI MUSICA LUCIO CAMPIANI ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE Via della Conciliazione 33 46100 Mantova Italia tel. +39 0376 324636 fax +39

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

LA VOCE NEL METODO ORFF

LA VOCE NEL METODO ORFF Istituto Musicale Vincenzo Bellini Catania Scuola di DIDATTICA DELLA MUSICA Corso di DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE Anno Accademico 2006/2007 Prof.ssa Elisa Poidomani LA VOCE NEL METODO ORFF ALLIEVA:

Dettagli

MANUALE DI ARMONIA PRATICA

MANUALE DI ARMONIA PRATICA RUGGERI MANUALE DI ARMONIA PRATICA per lo studio del basso continuo, dell accompagnamento e della composizione secondo il metodo della Scuola Napoletana settecentesca RICORDI E.R. 986 ai miei allievi del

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

SCUOLA DI ORGANO E COMPOSIZIONE ORGANISTICA

SCUOLA DI ORGANO E COMPOSIZIONE ORGANISTICA 1 SCUOLA DI Esami ministeriali: I Programma degli Esami di Compimento del Periodo Inferiore A) Prove di pianoforte: a) Esecuzione di uno studio estratto a sorte fra i seguenti, del Gradus di Clementi:

Dettagli

Movimento Ars Musicalis

Movimento Ars Musicalis Progetto di Educazione al Suono e alla Musica Movimento Ars Musicalis Proposta di potenziamento e arricchimento dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Movimento Ars Musicalis proposta di potenziamento

Dettagli

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi.

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi. ABC ORCHESTRA: UN ORCHESTRA IN OGNI SCUOLA Le orchestre sono molto più che strutture artistiche, ma modello di vita sociale perché cantare e suonare assieme significa coesistere profondamente e intimamente

Dettagli

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI Obiettivi: * sviluppare il pensiero divergente controllato (pensiero esplorativo); * classificare i suoni ed i rumori in base alla fonte e alla provenienza.;

Dettagli

pag. 1 Corsi pre-accademici

pag. 1 Corsi pre-accademici pag. 1 Prova attitudinale di ammissione ai corsi pre-accademici Prova attitudinale collettiva di ascolto basata essenzialmente sul riconoscimento di differenze tra brevi frasi musicali. Prova individuale

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZA NELL ASCOLTO E NELLA COMPRENSIONE DI MESSAGGI MUSICALI Ascoltare e confrontare messaggio musicali, al fine di diventare

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

GUIDA AI CORSI A.S. 2015-16

GUIDA AI CORSI A.S. 2015-16 GUIDA AI CORSI A.S. 2015-16 Con una storia di oltre trent anni alle spalle, si può considerare la Scuola Civica Antonietta Chironi del comune di Nuoro come la decana delle scuole civiche della Sardegna,

Dettagli

ELEMENTI DI RITMO E DI FORME MUSICALI

ELEMENTI DI RITMO E DI FORME MUSICALI Professoressa LIDIA IVANOVA nel Conservatorio di Musica di S. Cecilia ELEMENTI DI RITMO E DI FORME MUSICALI Appunti per il corso della Coltura Musicale Generale e per I' esame orale dell' armonia complementare.

Dettagli

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ Nucleo fondante: COMPRENSIONE DEL LINGUAGGIO MUSICALE E PRATICA STRUMENTALE Conoscenze L insegnamento strumentale

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI "N.PICCINNI" ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO

CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI N.PICCINNI ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORIO DI MUSICA DI BARI "N.PICCINNI" ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO INDICE DIPARTIMENTO DI CANTO E TEATRO MUSICALE Canto - CDPL06

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

Arrivano le novità Baby Einstein: nuovi libri, DVD e CD per rendere il ritorno in città ancora più allegro e divertente!

Arrivano le novità Baby Einstein: nuovi libri, DVD e CD per rendere il ritorno in città ancora più allegro e divertente! Arrivano le novità Baby Einstein: nuovi libri, DVD e CD per rendere il ritorno in città ancora più allegro e divertente! L innovativa linea di strumenti per la prima infanzia creata da una mamma per i

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Le forme e i generi musicali più importanti Giuseppe Testa

Le forme e i generi musicali più importanti Giuseppe Testa Le forme e i generi musicali più importanti Giuseppe Testa Nessuna opera nasce dal nulla, compresa quella musicale. Qualsiasi composizione ha un progetto, una struttura ed anche l improvvisazione ha una

Dettagli

Junior Training - Laboratorio musicale

Junior Training - Laboratorio musicale Junior Training - Laboratorio musicale «La musica per bambini nasce lavorando con i bambini e lo Schulwerk vuole essere stimolo per un proseguimento creativo autonomo; infatti esso non è definitivo, ma

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

LA VOCE NEL METODO KODALY

LA VOCE NEL METODO KODALY Istituto Musicale Vincenzo Bellini Catania Scuola di DIDATTICA DELLA MUSICA Corso di DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE Anno Accademico 2006-2007 Prof.ssa Elisa Poidomani Allievo : Paolo Russo LA VOCE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

1 > 15 > 22 > 29 MARZO 2015

1 > 15 > 22 > 29 MARZO 2015 Comune di Padova Assessorato Cultura e Turismo CENTRO CULTURALE ALTINATE / SAN GAETANO Giovanni Angeleri Direttore e Solista 1 > 15 > 22 > 29 MARZO 2015 Fondazione Musicale Masiero e Centanin All Auditorium

Dettagli

LA MUSIC LEARNING THEORY

LA MUSIC LEARNING THEORY LA MUSIC LEARNING THEORY Sintesi degli elementi e dei principi fondamentali della teoria dell'apprendimento musicale del bambino secondo Edwin E. Gordon per genitori ed educatori Riccardo Nardozzi La capacità

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

CORSI MUSICALI ALA AVIO MORI BRENTONICO. Segreteria Ala 0464 680000 www.operaprima.org. Sedi Didattiche

CORSI MUSICALI ALA AVIO MORI BRENTONICO. Segreteria Ala 0464 680000 www.operaprima.org. Sedi Didattiche Ala 0464 680000 Mori 0464 919096 Cell. 349 0542909 Cell. 346 5789375 wwww.operaprima.org COMUNE DI ALA COMUNE DI AVIO COMUNE DI MORI COMUNE DI BRENTONICO Sedi Didattiche ALA Sede Legale e Amministrativa

Dettagli

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica...

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica... INDICE Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... pag. 2 pag. 4 pag. 4 Le Note Musicali ovvero il nome dei suoni... pag. 6 pag. 6 Come indicare l Altezza Il pentagramma o rigo

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ITALO CALVINO Progetto musicale a cura di Sonia Spirito L Associazione L Albero della Musica, operante da diversi anni nel settore della didattica

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO PROGRAMMI ESAMI AMMISSIONE

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO PROGRAMMI ESAMI AMMISSIONE Conservatorio Statale Antonio Vivaldi Via Parma 1. 15121 Alessandria Tel. 0131.051500 - Fax 0131.32533 BIENNIO DI SECONDO LIVELLO PROGRAMMI ESAMI AMMISSIONE ARPA CANTO LIRICO INDIRIZZO CONCERTISTICO il

Dettagli

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza Competenze chiave di cittadinanza europee Imparare ad imparare Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola

Dettagli

Tabella A ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORI

Tabella A ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORI Tabella A ORDINAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO CONSERVATORI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA SCUOLA DI ARPA DCPL01 - CORSO DI

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

La candela. E. Fabri: La candela 80-ma puntata settembre 2013

La candela. E. Fabri: La candela 80-ma puntata settembre 2013 E. Fabri: La candela 80-ma puntata settembre 2013 La candela La riga di musica che vedete qui sopra indica il tema di questa puntata: mi sono reso conto che in oltre vent anni non ho mai parlato di musica

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PRE-ACCADEMICA

CORSI DI FORMAZIONE PRE-ACCADEMICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Istituto Superiore di Studi Musicali G. PAISIELLO Via Duomo, 276 TEL. 099-4706398 FAX 099-4760040 TARANTO

Dettagli

SCUOLA DI FISARMONICA

SCUOLA DI FISARMONICA DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI A TASTIERA E A PERCUSSIONE SCUOLA DI FISARMONICA DCSL26 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI SECONDO LIVELLO IN FISARMONICA Obiettivi formativi Prospettive occupazionali

Dettagli

La linea...in movimento

La linea...in movimento La linea...in movimento Il percorso di arte e immagine riprende con la LINEA. Sarà però una linea dinamica ed emotiva, una linea che prenderà vita grazie alle emozioni suscitate dalla musica, una linea

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE di MUSICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA - 3 ANNI TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI

CURRICOLO VERTICALE di MUSICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA - 3 ANNI TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI CURRICOLO VERTICALE di MUSICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA - 3 ANNI TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI L.C.E.1 Il bambino segue con attenzione e con piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, cinematografici

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. Piano Annuale di Lavoro

I.I.S. C. MARCHESI. Piano Annuale di Lavoro Pag. 1 di ANNO SCOLASTICO 201/201 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE Marco Pavin CL. 3 SEZ. BM MATERIA Chitarra 1 strumento 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE a) comportamento partecipazione Il gruppo che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

MUSICA PER TUTTI. Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO. Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

MUSICA PER TUTTI. Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO. Fondazione Cassa di Risparmio di Modena MUSICA PER TUTTI Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Indirizzato alle Scuole Primarie dell Istituto

Dettagli

Allegato 2 RELAZIONE FINALE COMPORRE CON I BIT CONTENUTI CON I VERSI IN RIMA FRA RITMO E METRO

Allegato 2 RELAZIONE FINALE COMPORRE CON I BIT CONTENUTI CON I VERSI IN RIMA FRA RITMO E METRO RELAZIONE FINALE COMPORRE CON I BIT CONTENUTI CON I VERSI IN RIMA Agli alunni sono stati forniti materiali informativi sulle caratteristiche del sonetto, la sua struttura metrica, le caratteristiche dei

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

Corso di Diploma Accademico di Pianoforte

Corso di Diploma Accademico di Pianoforte Corso di Diploma Accademico di Pianoforte vecchio ordinamento ad esaurimento (per gli iscritti fino all A.A.2009/10) Programmi degli esami di Conferma e Promozione con allegate note esplicative* approvati

Dettagli

Calendario temporale degli adempimenti. 14 gennaio 2011 : incontro di orientamento

Calendario temporale degli adempimenti. 14 gennaio 2011 : incontro di orientamento LICEO MUSICALE C. MONTANARI CONSERVATORIO DI MUSICA E.F. DALL ABACO SIMULAZIONE DELLA PROVA DI AMMISSIONE AL LICEO MUSICALE PER L ANNO SCOLASTICO 2011-12 Calendario temporale degli adempimenti 14 gennaio

Dettagli

narrazione percorso Espressivo creativo Scuola Primaria M.S. Tiozzo Classi quarte

narrazione percorso Espressivo creativo Scuola Primaria M.S. Tiozzo Classi quarte QUANDO LE ARTI SI INCONTRANO INCONTRANO Musica, arte, Musica arte narrazione sii intrecciano i t i i un in p percorso Espressivo creativo Scuola Primaria M.S. Tiozzo Classi quarte Senti, senti.. le note

Dettagli

A cura della dott.ssa Laura Tassini

A cura della dott.ssa Laura Tassini A cura della dott.ssa Laura Tassini Alla Gentile Att.ne Della Scuola dell Infanzia PROGETTO BABY DANCE DANZANDO S IMPARA D ANZA è una forma di espressione che appartiene alla storia dell uomo e della collettività

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Il ruolo fondamentale del pediatra nella promozione della musica in famiglia

Il ruolo fondamentale del pediatra nella promozione della musica in famiglia Il ruolo fondamentale del pediatra nella promozione della musica in famiglia A cura di STEFANO GORINI Pediatra di famiglia, Rimini; Coordinamento Nazionale Nati per la Musica «La musica non privilegio

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.7 Come un e-mentor può comunicare efficacemente?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.7 Come un e-mentor può comunicare efficacemente? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.7 Come un e-mentor può comunicare efficacemente? Tempistica 30 40 minuti Competenze Competenza 9 capacità di usare le nuove tecnologie (e-mentoring) livello

Dettagli

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE II INDICE 3 1.1 - Dimensioni della pagina 3 1.2 - Margini esterno ed interno della pagina 6 1.3 - Margini alla testa e al piede della pagina 7 1.4 - Il contenuto musicale 8 2.1 - Numeri di pagina 8 2.2

Dettagli

INDICE. Il Tempo Composto... Cellule ritmiche... Solfeggio ritmico... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando...

INDICE. Il Tempo Composto... Cellule ritmiche... Solfeggio ritmico... Solfeggiamo... Solfeggiamo cantando... INDICE...ancora sulla scrittura musicale - Segni di Espressione La legatura di portamento... La legatura di frase... Lo staccato... Il portato o appoggiato... Lo sforzato o accentato... Facciamo Pratica...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone MUSICA -- CLASSE PRIMA UNITA D APPRENDIMENTO N 1 TITOLO OBIETTIVO FORMATIVO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

I programmi radiofonici della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 2014 (Svizzera tedesca)

I programmi radiofonici della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 2014 (Svizzera tedesca) I programmi radiofonici della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 2014 (Svizzera tedesca) Sintesi L'analisi della programmazione di SRG SSR nel 2014 comprendeva i sei canali generalisti della

Dettagli

SCUOLA DI COMPOSIZIONE

SCUOLA DI COMPOSIZIONE DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI COMPOSIZIONE DCSL1 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI SECONDO LIVELLO IN COMPOSIZIONE Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi

Dettagli

Prokof ev. Sonate. e le. Antonio Distaso

Prokof ev. Sonate. e le. Antonio Distaso Prokof ev e le Sonate Antonio Distaso 1 I. Introduzione Il presente breve lavoro ha preso in esame una delle più eclettiche personalità della musica del XX secolo. Fenomeno luminoso e sano, un musicista

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA!

ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA! ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI FERMO UN'ETICHETTA PER AMICA! Leggiamo quello che mangiamo PROGETTO VERTICALE D ISTITUTO a.s. 2014/15 FERMO chiama Classe II D L'occasione dell'expo 2015 dedicato

Dettagli

Ambiti di formazione universitaria richiesti per l ammissione al Diploma di insegnamento per le scuole di maturità (Diploma SMS)

Ambiti di formazione universitaria richiesti per l ammissione al Diploma di insegnamento per le scuole di maturità (Diploma SMS) Ambiti di formazione universitaria richiesti per l ammissione al Diploma di insegnamento per le scuole di maturità (Diploma SMS) Materie: italiano, francese, musica Anno accademico 2015/16 In questo documento

Dettagli

Scuola di Didattica della musica. Tirocinio didattico: Azione concerto Cos è comporre. Progetto per le Scuole 17 e 24 Aprile 2008

Scuola di Didattica della musica. Tirocinio didattico: Azione concerto Cos è comporre. Progetto per le Scuole 17 e 24 Aprile 2008 1 Conservatorio di musica G.Tartini Trieste a.a.2007/08 Scuola di Didattica della musica Tirocinio didattico: Azione concerto Cos è comporre Progetto per le Scuole 17 e 24 Aprile 2008 Sala Tartini del

Dettagli

Fare Musica. Roma, 2006. PAOLO TEODORI, Fare musica

Fare Musica. Roma, 2006. PAOLO TEODORI, Fare musica PAOLO TEODORI Fare Musica Roma, 2006 Prima parte 2 Premessa Questo non è un libro sulla teoria della musica; né è un libro di teoria musicale, né una teoria sull analisi musicale. Guardando intorno alla

Dettagli

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it Genitori Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni www.helendoron.it Cari genitori, siamo felici che abbiate deciso di includere vostro/a figlio/a nelle lezioni di gruppo del programma Helen

Dettagli

Educazione al suono e alla musica

Educazione al suono e alla musica C. Paduano EDUCAZIONE AL SUONO E ALLA MUSICA per le scuole elementari Ringraziamo l'autore e la redazione di LA VITA SCOLASTICA ed. GIUNTI pubblicato su La Vita Scolastica anno 53 n 1 Programmazione annuale

Dettagli

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa

BOX. glam. viaggi. friend. benefits? OUT OF THE. tendenze. rip it, grind it and lick it. with. Young Talents. ce lêhai un. the beauty of south africa Sped. in A.P. - 70% - LO/MI - BIMESTRALE - ANNO 3 - NUMERO 4 - AGO/SETT 2011 - EURO 4 OUT OF THE BOX ce lêhai un friend with benefits? tendenze Young Talents moda estate the beauty of south africa vacanze

Dettagli

Movimento Ars Musicalis

Movimento Ars Musicalis Progetto di Educazione al Suono e alla Musica Movimento Ars Musicalis Proposta di potenziamento e arricchimento dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Movimento Ars Musicalis proposta di potenziamento

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Progetto di educazione musicale è finalizzato allo sviluppo di quattro competenze specifiche: - Educazione

Dettagli

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere Paola Casi paola.casi@italianoperme.it Il percorso naturale di acquisizione di una lingua madre per un bambino piccolo segue le tappe indicate

Dettagli

CAGE JOHN. John Cage è nato a Los Angeles il 5 settembre del 1912. È morto a New York il 12 agosto del 1992.

CAGE JOHN. John Cage è nato a Los Angeles il 5 settembre del 1912. È morto a New York il 12 agosto del 1992. MusiCircus JOHN CAGE John Cage è nato a Los Angeles il 5 settembre del 1912. È morto a New York il 12 agosto del 1992. Ha passato la sua vita a cercare, sperimentare, ascoltare, studiare. È stato musicista,

Dettagli