Teorie del XVIII secolo sulla struttura del Periodo musicale 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teorie del XVIII secolo sulla struttura del Periodo musicale 1"

Transcript

1 1 Teorie del XVIII secolo sulla struttura del Periodo musicale 1 Uno degli aspetti più significativi del cambio di stile avvenuto durante il XVIII secolo è stato il cambiamento nella qualità del movimento musicale. La musica barocca è caratterizzata da un flusso continuo; la fine delle frasi è nascosta e mascherata dalla testura polifonica, dal basso continuo e dallo slancio creato dalla sistematica applicazione di brevi motivi e figure ornamentali. La musica classica è caratterizzata da articolazioni ben definite; frasi e periodi tendono a bilanciarsi e completarsi a vicenda, rispecchiando gli idiomi popolari del canto e della danza, da cui è tratta gran parte della musica classica. Questi aspetti strutturali della musica barocca e classica, riflessi fedelmente negli scritti teorici del XVIII secolo, ci sono famigliari. Tuttavia le teorie del XVIII secolo sulla struttura di frase e Periodo, o sugli elementi che trattano movimento e principi formali, non hanno ricevuto così tante attenzioni rispetto a quelle ricevute dall armonia, dalla pratica dell esecuzione e da altri aspetti della musica del tempo. Gli interessi teorici sulla struttura di frase e Periodo sono cresciuti durante il corso del XVIII secolo, rispecchiando la crescente popolarità dello stile galante. Molte osservazioni critiche sono dirette al contrasto o conflitto tra stile galante e stile serio. In alcuni casi le osservazioni riguardano l articolazione. Marpurg dice: Nello stile contrappuntistico le cadenze perfette, almeno alla fine del pezzo, devono essere convenzionali (förmlich). Lo stile galante pone meno problemi riguardo alle cadenze, che possono essere usate in qualsiasi punto, alla fine come al centro, senza distinzione dovuta alla funzione convenzionale o non convenzionale che dettano le circostanze. 2 Qui Marpurg sottolinea un importante distinzione stilistica fra la musica del tardo barocco e quella galante di metà secolo. I punti di articolazione le cadenze sono molto più frequenti e hanno molta meno importanza nella musica del Periodo galante dal punto di vista strutturale. Sulzer collega la struttura della frase all espressione, anche contrastando lo stile galante con tipi di musica più seri. La sua descrizione mette in prima linea il conflitto di gusto, di goût, che era l essenza del contrasto tra gli stili. Qui notiamo soprattutto che le frasi brevi o sezioni si adattano meglio ad affetti leggeri e frivoli, e, in certe circostanze, a impetuosa e violenta passione; le frasi più lunghe favoriscono sentimenti seri. Tutto ciò che è patetico, serio, pensoso e devozionale richiede frasi lunghe che si fondono l una con l altra; l allegro come il furioso richiedono frasi molto brevi, più chiaramente separate le une dalle altre. È un grave errore quando il compositore si permette di essere sedotto dall applauso che un pubblico incompetente e inesperto tributa al gradevole cosiddetto brano galante e introduce così piccoli momenti di musica graziosa e a pezzettini, invece che musica di alto valore estetico all interno di lavori seri e persino di brani sacri. 3 1 Leonard G. Ratner, Eighteenth-Century Theories of Musical Period Structure, The Musical Quarterly, 1956, 42, 439: F. W. Marpurg, Kritische Briefe über die Tonkunst, , II, J. G. Sulzer, Allgemeine Theorie der schönen Künste, Leipzig, , III.

2 2 * * * Le forme e gli idiomi della musica galante si prestano facilmente a ricette e schemi, offrendo strutture melodiche e armoniche di frasi e periodi. Allo stesso modo, nella metà del XVIII secolo, l attenzione dei teorici si focalizza sulle più piccole particolarità della struttura periodica. A tutti i livelli, da quello serio e professionale e con trattamento critico al semplice passatempo e gioco, il Periodo musicale fu indagato minuziosamente. La terminologia usata comunemente negli scritti del XVIII secolo per designare vari componenti ritmici della struttura non è molto omogenea. Sulzer scrive: I nomi usati per indicare piccole o grandi sezioni di una melodia sono ancora piuttosto indefiniti. Si parla di Perioden, Abschnitten, Einschnitten, Rhythmen, Cäsuren, ecc in un modo che una parola ha due significati e due parole hanno lo stesso significato. 4 Nella loro descrizione delle più piccole unità melodiche e ritmiche che costituiscono un Periodo, i teorici del XVIII secolo fanno spesso ricorso ad analogie con il linguaggio. Così Mattheson, analizzando un Minuetto, dà una spiegazione piuttosto dettagliata della punteggiatura musicale, usando termini presi in prestito dalla grammatica, come paragrafo, frase o Periodo, due punti, punto e virgola e punto. 5 La distinzione di Koch tra le parti del Periodo è anch essa basata sull analogia del linguaggio. Nella seguente citazione egli si preoccupa di specificare la funzione delle parti di un Periodo in relazione al loro significato musicale, piuttosto che esplicitamente alla punteggiatura. La completezza di un piccolo segmento diventa evidente attraverso l unione di un predicato con un soggetto... un segmento più ampio sarebbe quello in cui più di un predicato si lega a un soggetto, oppure nel quale il soggetto o il predicato, o entrambi, sono meglio definiti attraverso idee ausiliarie. 6 L esempio 1 mostra come Koch costruisca una frase semplice e procede in qualche modo ad elaborarla. Esempio 1: Queste analogie tra musica e linguaggio riflettono un aspetto importante dell estetica generale nel XVIII secolo, e precisamente le analogie e i confronti tra le diverse arti. Se, d altra parte, consideriamo questi confronti come riflessi del razionalismo del XVIII secolo, allora le teorie della struttura del Periodo costituirebbero un tentativo di razionalizzazione, almeno in un area del pensiero musicale. 4 J. G. Sulzer, op. cit., II, J. Mattheson, Der vollkommene Capellmeister, Hamburg, 1739, p. 224 seg. 6 H. C. Koch, Versuch einer Anleitung zur Composition, Leipzig, , II,

3 3 L analisi del Periodo da un punto di vista strettamente musicale riguarda le cadenze, la lunghezza delle sezioni, e, in una certa misura, la linea melodica, benché quest ultimo aspetto non sia così ben definito, e non influisca sulla struttura del Periodo così fortemente come l armonia e il ritmo. La distinzione comune fra semicadenza e cadenza perfetta è opera di Koch. Così una frase che finisce un Periodo è chiamata Schluβsatz, mentre tutte le altre Absätze. Le Absätze sono qualificate dalla loro cadenza; quelle che finiscono sulla tonica sono chiamate Grundabsätze, mentre quelle che finiscono sulla dominante sono chiamate Quintabsätze. A questo proposito Portmann dice: Le frasi che finiscono sulla tonica sono di risposta. 7 L articolazione del Periodo in frasi da quattro misure di lunghezza, un altro aspetto tipico della struttura del Periodo, è menzionata da Kirnberger: Le melodie migliori, in ogni caso, sono quelle le cui frasi hanno una lunghezza di quattro misure 8. Anche Daube: La melodia più semplice può essere tale attraverso una suddivisione in quattro e otto misure. 9 Mettendo insieme questi diversi punti frasi corte e ben articolate, sottolineatura armonica dei punti di arrivo attraverso le cadenze alla tonica o alla dominante, relazioni di domanda e risposta, predilezione della lunghezza delle frasi in quattro o otto misure siamo condotti verso l idea di simmetria, quale aspetto della struttura del Periodo. Questa idea è stata in seguito esplicata da Chastellux: Loro [gli italiani] videro molto bene che non potevano inventare una melodia senza possedere una semplice ed unica idea e dettero a questa idea una propria espressione nella forma e nelle proporzioni. Questa osservazione permise loro la scoperta del Periodo musicale. Un Minuetto, una Giga, hanno le loro misure definite; le melodie formano frasi, e queste frasi hanno i loro elementi regolari e proporzionali Benché i nostri piccoli pezzi francesi, minuetti, gighe, ecc sembrano essere uguali a quelli degli italiani, non bisogna considerarli periodici. Non è abbastanza per una melodia avere un certo numero di battute Se l intento di una melodia è di essere periodica, bisogna che sia presente una certa unità, l equilibrio tra le parti che la costituiscono, una circolarità complessiva che mantiene l attenzione fino alla fine. La maggior parte delle vecchie melodie francesi non sono altro che un seguito di suoni, che non hanno né regola né scopo. 10 La simmetria come qualità nell arte è stata ammirata nell ultima parte del XVIII secolo e Daube evidenzia le analogie tra le diverse arti nella loro manifestazione di simmetria ed equilibrio. Egli deduce che un adeguata comprensione della simmetria in musica è stata sviluppata solo in tempi recenti. Dove si presenta la simmetria dell architettura? Nella meravigliosa relazione tra le masse dei componenti Meravigliosa simmetria si trova oggi nella pittura, scultura, danza, poesia e letteratura, e in tutto ciò che rappresenta bellezza e creatività. Questo lo troviamo anche nella musica, ma i nostri avi avevano poca conoscenza al riguardo. 11 * * * La costruzione simmetrica nelle frasi e nei periodi, insieme alla complementarità delle relazioni cadenzali, si trovano soprattutto nelle danze e nelle canzoni del XVIII secolo. Allo stesso modo, discussioni sulla struttura della frase e del Periodo sono legate alla musica per danza. 7 J. G. Portmann, Leichtes Lehrbuch der Harmonie, Darmstadt, 1789, p J. Kirnberger, Die Kunst des reinen Satzes, Berlin, 1779, II, J. F. Daube, Anleitung zur Erfindung der Melodie, Vienna, 1797, p François-Jean de Chastellux, Essai sur l Union de la Poésie et de la Musique, Paris, 1765, pp J. F. Daube, Der musikalische Dilettante, Vienna, 1770, p. 81.

4 4 Durante tutto il secolo lo schema strutturale della danza è costituito da una successione di riprese (o periodi) di solito due, indipendentemente dal tipo di danza. Walther dice: Bourrée significa tipo di danza o composizione musicale costituita da due parti equivalenti, ciascuna di otto battute, la prima avente solo quattro battute da suonare due volte, mentre la seconda metà contiene otto battute ed è ripetuta. 12 Kirnberger, come Walther, specifica la lunghezza della frase, dicendo che la musica per danza è l unico tipo di musica dove le sezioni dovevano avere un numero predefinito di misure. Differenti fonti evidenziano l importanza della musica per danza nella seconda metà del XVIII secolo. Incontravano maggior favore quelle danze che potevano essere costruite in modo semplice, con accenti forti e caratteristici e schemi metrici, come il Minuetto, il Valzer, la Contraddanza, la Gavotta e la Polonaise. Una delle lettere di Mozart al padre, datata 14 maggio 1778, descrive alcune delle sue difficoltà riscontrate nel tentativo di insegnare a una giovane donna di nobile rango come comporre un Minuetto. Ha aggiunto un basso abbastanza buono al primo Minuetto del quale le avevo dato la melodia, e ha cominciato anche a scrivere a tre parti. Ma subito si è annoiata non aveva nessuna idea Tra le altre cose mi sono scontrato con l idea di scrivere un Minuetto molto semplice per vedere se non potesse comporne una variazione. È stato inutile Ho scritto quattro battute di un Minuetto e le ho detto guarda che asino che sono! Ho cominciato un Minuetto e non riesco nemmeno a finire la melodia. Per favore sii così gentile da finirla per me. 13 Mettere insieme piccoli brani di danza era un passatempo popolare per musicisti dilettanti, e in effetti niente sembrerebbe più facile da fare, a giudicare dalla seguente prescrizione citata da una recensione contenuta in Nachrichten di Hiller: Ricetta per comporre danze: 1. Prendi un accordo di tonica che ti piace 2. Metti, dopo di quello, l accordo di dominante 3. Ripeti l accordo di tonica 4. Fai ciò per almeno quattro volte, avrai così davanti a te l intera armonia della danza 5. Ora controlla se la melodia funziona sull armonia creata; dividila in due parti; metti il segno di ritornello al centro e alla fine, così la danza è finita. Se tutte le frasi funzionano bene con l armonia di base, si può anche mettere la prima frase come seconda e viceversa. 14 Giochi musicali improvvisati, molto popolari nel tardo XVIII secolo, dimostrano l influenza della musica per danza. In questi giochi, qualsiasi dilettante o principiante poteva mettere insieme un Minuetto o una Polonaise unendo i frammenti melodici forniti dall ideatore del gioco. Questo perfetto passatempo stereotipato, basato su una selezione casuale, serve a sottolineare alcuni degli elementi fondamentali della costruzione della musica nel periodo galante e nel primo periodo di quello classico. Cioè: una logica armonica rigida, basata sulla relazione fra tonica e dominante e cadenze chiaramente definite; struttura rigidamente regolare del Periodo, derivante dalla simmetria degli schemi della danza; uno stile melodico coerente, il quale comunque non significa necessariamente corrispondenza o somiglianza dei motivi in qualsiasi punto. 12 J. G. Walther, Musikalisches Lexikon, Leipzig, 1732, p. 109 seg. 13 Emily Anderson, The Letters of Mozart, London, 1938, II, J. A. Hiller, Wöchentlichen Nachrichten, Leipzig, 1766, I, 132 seg.

5 5 * * * La costruzione della melodia, sia per scopi didattici che creativi, si basava su un metodo molto diffuso, che si può definire permutazione, secondo il termine Verwechselungskunst di Joseph Riepel nel suo Grundregeln der Tonordnung Vol. 1 pubblicato nel Esso fa riferimento alla possibilità di cambiare i motivi in una o più battute di una frase o Periodo senza disturbare l armonia di base e la struttura ritmica. Riepel mostra come la melodia di un Minuetto che usa come esempio può subire diversi cambiamenti; questi riformulano la melodia senza cambiare la forma base del Minuetto. Con questo metodo Riepel spera di sviluppare il gusto e il giudizio dello studente verso la costruzione della melodia. Esempio 2: Si noti come lo studio della composizione inizi con la produzione di Minuetti. La permutazione di materiale melodico è stata applicata anche in composizioni di più vaste dimensioni. Nell Anleitung di Daube, pagine 61-68, sono date tre differenti versioni dell inizio di una Sinfonia. Per tutti e tre gli inizi gli schemi ritmici e le armonie sono uguali; anche i cambi di stile sono identici, dalla lenta introduzione verso l Allegro brillante, seguito da una sezione lirica centrale. Il materiale melodico di ogni esempio è comunque abbastanza differente. L esempio 3 mostra dei campioni da ognuna delle tre versioni date da Daube. Egli raccomanda l uso delle sinfonie di Haydn come modelli. Esempio 3:

6 6 La permutazione si applica bene nello stile galante. Frasi ben separate, testura leggera, figure caratteristiche e contrasti evidenti e giustapposti (in modo particolare nella musica orchestrale italiana) tutto questo si presta bene alla sostituzione di una formula melodica tipica ad un altra. Un caso interessante dell applicazione di questo principio alla musica di un epoca precedente si trova nel Methode Sonaten aus m Ermel zu schüddeln di Kirnberger, del Kirnberger può aver scherzato mettendo insieme questa piccola brochure, ma il risultato è quello di una sonata tardo barocca perfettamente seria e di ampie dimensioni. Brevemente, il suo Methode è il seguente: 1. Prendere una sonata dalla letteratura disponibile; creare una nuova melodia usando il basso. 2. Creare un nuovo basso sotto la melodia appena inventata; è pronta una nuova sonata! Il modello di Kirnberger è una sonata di Bach, ma la sua procedura si potrebbe applicare anche più facilmente alla musica dell inizio del XVIII secolo. Usando il flusso ritmico di base e l armonia sottostante come struttura, ha apportato una permutazione quasi completa di contenuti melodici. Sembrerebbe che con gli esempi sopracitati, e in altri simili, stiamo trattando di un uso tardo della tecnica della parodia. Qui il modello non è né una melodia, né uno schema di basso, come nel Passamezzo, Ruggiero, Folia, ecc, ma piuttosto il periodo stesso, con le sue frasi equilibrate, le sue armonie chiaramente definite, e soprattutto, le sue inevitabili articolazioni e cadenze. * * * Nella musica di Haydn, Mozart e loro contemporanei, ritmi di danza e struttura del Periodo occupano una posizione basilare, sia stilisticamente che formalmente. Considerando questi aspetti della musica di età classica, i teorici raccomandano ai loro studenti di studiare diversi tipi di danze, così da essere in grado di comporre sonate con capacità e gusto. In Sulzer troviamo: Le melodie delle danze delle varie nazioni includono quasi tutti i tipi di movimento e ritmo, e solo chi è sufficientemente rivolto a questi aspetti può diventare eccellente nella melodia 15. Kirnberger, nel suo Recueil d airs de danses caractéristiques, si dilunga riguardo all importanza della musica per danza come base per composizioni più elaborate. Lacune nella composizione di danze possono avere un effetto dannoso nella composizione di fughe a causa della mancanza di esercizio nel ritmo. Anche l esecuzione ne risente; l effetto al giorno d oggi, spiega Kirnberger, è orribile, perché errori nell indicare cesure e accenti trasforma le fughe in una confusione di suoni. La pratica sulle composizioni di danze, dall altra parte, darà all esecutore il senso del ritmo, degli accenti e delle cesure in brani di estese dimensioni. Riepel e Koch avvertono entrambi che le forme piccole di danza fungono da modelli per composizioni più ampie. Riepel dice: L elaborazione di un Minuetto non è differente da quella di un concerto, di un aria o una Sinfonia. 16 Koch è più esplicito: la conoscenza di queste [piccole] forme è utile al compositore principiante non solo per se stesso ma anche in considerazione di più ampi prodotti artistici; perché queste forme [danze] sono piccoli modelli per le composizioni più ampie. 17 Da queste osservazioni è chiaro che i teorici musicali del tardo XVIII secolo riconoscono il debito della loro musica seria verso la musica per danza, sia dal punto di vista idiomatico che strutturale. Descrizioni dettagliate della struttura di brani più ampi non sono numerose nella teoria del XVIII secolo. I teorici sembrano riluttanti a descrivere la ricetta per comporre lavoro più estesi. Questo 15 J. G. Sulzer, op. cit., II, J. Riepel, op. cit., p Koch, op. cit., III, 129.

7 7 probabilmente è dovuto al fatto che la reale composizione era principalmente una questione professionale, tramandata da maestro a allievo, e imparata, come sappiamo dai dati storici, attraverso la copia e permutazione di modelli. Solo nel tardo XVIII secolo sembra crearsi un interesse amatoriale o dilettantistico verso la composizione e conseguentemente una richiesta di istruzioni specifiche. Vogler, nel suo Kurpfalzische Tonschule, del 1778, dà una descrizione precisa della costruzione melodica, ritmica e armonica di un aria, con alcune spiegazioni di implicazioni espressive di certe procedure formali, come la ripetizione e la modulazione alla dominante e sottodominante. Altri due documenti, uno contemporaneo a Telemann, l altro datato ai tempi di Haydn, fornisce delle informazioni importanti riguardo alle composizioni musicali di vaste dimensioni nel XVIII secolo. Il primo documento è l Anleitung zur musikalischen Composition di Christian Gottlieb Ziegler, un manoscritto datato 1739 a Quedlinburg, dove Ziegler era organista. Questo documento, evidentemente unico e non citato nelle bibliografie standard, esiste in una copia incompleta nella collezione Drexel della New York Public Library. Ziegler era conoscitore della musica di Bach, Handel, Telemann, Graun e Hasse, come degli scritti di Mattheson. Nelle pagine , Ziegler fornisce delle formule specifiche grazie alle quali può essere costruito un movimento di una sonata. Egli fornisce un singolo tema nello stile del Minuetto, dà lo schema tonale del movimento, illustra i collegamenti armonici e specifica le cadenze formali di ogni tonalità. Ogni apparizione del tema è chiamata clausula cognata. Di seguito è data la tabella delle relazioni tonali di Ziegler e l ordine con il quale le tonalità si succedono. I numeri in corsivo rappresentano le presentazioni complete del tema nella tonalità specificata. L esempio 4 riproduce il tema di Ziegler. Stilisticamente il pezzo è molto simile alla musica di Telemann. È molto più semplice delle sonate di Bach dello stesso tipo, in particolare per quanto riguarda la convenzionalità del basso e la mancanza di arditezze melodiche. Inoltre, le articolazioni nella struttura non sono difficili da individuare. Eppure vi è una notevole presenza di quel flusso continuo che caratterizza la musica da camera barocca e, ciò che più importa, lo schema armonico e il continuo ripresentarsi dell unico tema caratterizza il brano come essenzialmente barocco. Lo schema armonico, che opera in modo circolare attorno alle tonalità vicine e dà al brano la sua lunghezza visitando a turno queste tonalità, è sostanzialmente identico al piano usato nelle fughe e nei concerti barocchi. Esempio 4: Il secondo documento che ci illumina riguardo alle strutture musicali di vaste dimensioni è il Versuch di Heinrich Christoph Koch. Come Ziegler, Koch inizia con la musica per danza. Egli

8 8 analizza la struttura della frase minuziosamente, cominciando con le frasi di quattro misure e lavorando su quella che egli chiama le più piccole forme complete, quelle piccole danze e canti che contengono quattro volte quattro misure, cioè sedici. Successivamente Koch continua con un capitolo intitolato Sull uso dei mezzi di estensione melodica. In questo capitolo, uno dei più importanti contributi alla teoria della forma della musica nel XVIII secoli, Koch esplora diversi metodi di estensione del Periodo oltre alla loro normale lunghezza di otto misure. Egli cerca dei metodi per raggiungere l ambito più esteso e movimenti più continui. L esempio finale di questo capitolo comprende alcune di queste tecniche, tanto che un Periodo originariamente composto da otto misure diventa paragonabile in lunghezza a un esposizione di una forma sonata. Koch dice, a proposito di questa procedura: Le melodie di danza, quando non intese per ballare, possono contenere più di otto misure nella prima ripresa; questa lunghezza addizionale generalmente deriva dalle tecniche sull estensione melodica che studieremo nel seguente capitolo. 18 L esempio che Koch usa per costruire la forma estesa è un Bourrée, ma il pezzo diventa molto più di un Bourrée quando cresce secondo le proporzioni dell inizio di una sonata. In tutte le musiche di Haydn, Mozart e Beethoven il primo e l ultimo movimento spesso iniziano come un Bourrée, una Marcia, una Valzer, una Gavotta, una Contraddanza, una Giga e altri tipi di danza. Per mezzo dell estensione e altri stravolgimenti della simmetria coreutica, questi compositori riuscirono a raggiungere obiettivi di portata e forza molto maggiori, come anche di arricchire il contenuto melodico e armonico della loro musica. Il trattato di Koch dimostra che questo approccio alla composizione ha ricevuto riconoscimento nella teoria musicale. I suoi esempi sono riprodotti qui di seguito. Esempio 5: a) Periodo di otto misure originale b) La melodia di Koch Koch, op. cit., III, I numeri tra parentesi sulla parte indicano i riferimenti alle battute del periodo originale (N.d.T.).

9 Il Periodo originale nell esempio 5 è una tipica Ripresa di danza di otto misure, con una semicadenza alla quarta misura e una cadenza perfetta alla dominante all ottava misura. Il Periodo esteso, d altra parte, comprende trentadue misure. Ci sono due aree tonali che instaurano un contrasto di largo raggio tra tonica e dominante; questo piano armonico è universalmente utilizzato nella musica di età classica; rappresenta una polarizzazione dell armonia, contro l organizzazione circolare delle tonalità tipica della musica barocca. 9

10 10 Tecniche specifiche di estensione sono illustrate in diversi punti. In molti casi essi comportano un più ampio trattamento dei motivi contenuti nel primo esempio, sebbene sia certamente possibile andare oltre e introdurre nuovo materiale melodico. Ecco le tecniche: 1. Riproduzione simile di un motivo su un altra armonia, battute 2, 15, Rinforzamento di una cadenza perfetta con varie ripetizioni della formula cadenzale, battuta 4 3. Ripetizione di un motivo, prendendo un altro livello della stessa armonia, battuta 7 4. Estensione di una sezione ripetendo le formule metriche stabilite, battute Parenthesis, inserzione di nuovo materiale, battuta Particolari successioni armoniche, ad esempio progressioni, battute Rinforzo di una cadenza sospesa attraverso la ripetizione, battuta Sezioni di chiusura rinforzate con formule cadenzali aggiuntive, battuta Tirature melodiche di figure rapide 20, battuta Trasposizione, cioè una progressione modulante, battute Mentre Koch inventò la maggior parte dei suoi esempi, inclusi quelli esposti sopra, egli trasse liberamente dalla musica di Haydn, Graun, Hiller, Stamitz e dal suo stesso maestro Christian Scheinpflug, 21 come anche da altri che scrissero durante la seconda metà del XVIII secolo. Il risultato delle sue istruzioni sarebbe una Sonata nello stile corrente del periodo È lo stile galante, per tastiera, con motivi brevi, frequenti ma leggere cesure, e una varietà considerabile di materiale melodico. La musica del tardo stile classico è, naturalmente, più strutturata della musica galante illustrata da Koch; tuttavia, i meccanismi della struttura da lui fissati sono quelli che controllavano la costruzione del materiale melodico, l assetto delle frasi, e la distribuzione delle cadenze in tutta la musica classica. Certamente Koch ricordava la differenza tra quello che chiamiamo stile classico e il precedente stile galante mentre la maggior parte delle sue analisi e istruzioni riguardano tastiere e musica da camera, solo alla fine del suo Versuch si occupa dello stile orchestrale, considerando le seguenti distinzioni tra musica orchestrale e da camera: Nel primo Allegro di una Sinfonia, il materiale melodico, per le ragioni dette sopra, non è così chiaramente a tutto tondo come in quelle composizioni dove agisce una voce principale piuttosto, questo materiale si deve distinguere attraverso robustezza interiore ed enfasi, e il sentimento deve trasmettersi da solo piuttosto che attraverso una presentazione minuziosa e dettagliata [del materiale]. Nel primo Allegro di una composizione di questo tipo prevale generalmente un sentimento piuttosto esaltato, espresso con una certa intensità; di conseguenza, la maggior parte delle cadenze sospese o perfette non giungono a conclusione ma attraverso un incastro di battute 22, tali cesure sono oltrepassate, in modo che la melodia possa procedere in avanti. Al fine di poter mascherare le cesure all interno di brani di questo tipo, le voci secondarie, il violino secondo o il basso, mettono in risalto motivi tratti dalla parte del violino primo quando questo passa ad eseguire nuovo materiale melodico; oppure le voci secondarie si imitano reciprocamente mentre il violino primo fa da riempitivo; ciò accade perché, nella Sinfonia, le parti secondarie non svolgono al meglio la loro funzione quando, per esempio, il violino secondo fa da 20 Ratner usa il termine Spinning out qui tradotto con tirature melodiche - con riferimento alla parola tedesca Fortspinnung con la quale si allude a figurazioni rapide costruite su progressioni (N.d.T.). 21 C. Scheinpflug, , maestro di cappella a Rudolstadt. Solo pochi dei suoi lavori ci sono pervenuti, tra cui delle cantate e un opera, Mithridate. Godeva di buona reputazione ai suoi tempi e Marpurg ha parlato positivamente di lui. 22 Il termine usato da Ratner, telescoping, traduce l'immagine di un incastro, con sovrapposizione di battute. Si tratta della versione inglese del tedesco Takterstickung (Koch, op. cit., III, 384) con cui si intende, appunto, un particolare tipo di collegamento di frasi con sovrapposizione dell'ultima battuta della frase precedente con la prima della seguente (N.d.T.).

11 11 mero riempitivo armonico oppure suona semplicemente all unisono con il violino primo e il basso si limita ad eseguire le fondamentali degli accordi. 23 Una tale descrizione si adatta bene a una Sinfonia di Haydn. Inoltre, rivela il tipo di scrittura delle parti che Haydn aveva in mente quando parlò del suo quartetto Op. 33 contenente un modo speciale e completamente nuovo di trattare il materiale tematico. Questo è l accompagnamento obbligato di Beethoven, cioè la scrittura delle parti, tutt altra cosa rispetto alla melodia galante e dal suo grezzo supporto. Tale arricchimento della testura e soprattutto dell intero contenuto musicale sussisteva potenzialmente nello schema-periodo. Il mosaico di motivi e frasi si presta a un mutuo scambio tra le parti che lo compongono, mentre cesure e cadenze suggeriscono gesti tali da rendere la loro articolazione meno enfatica e ovvia. Se prendiamo per buone le distinzioni di Koch, esse ci suggeriscono che uno dei principali fattori nell evoluzione della musica di età classica nei confronti del precedente stile galante, e precisamente una più vivace scrittura delle parti con tendenza verso l estensione dei periodi, derivò alla musica classica dalla Sinfonia. L azione reciproca dei motivi era considerato una delle mete più importanti della composizione musicale, come risulta chiaramente dall osservazione di Leopold Mozart a sua figlia analizzando il Concerto in Re minore K 466 di Wolfgang: Ieri c è stato il nostro concerto. Marchand ha eseguito il concerto in Re minore che ti ho mandato l altro giorno [Michael] Haydn gli girava le pagine e allo stesso tempo ha avuto il piacere di osservare con quale arte è stato composto, come le parti si intreccino deliziosamente, e quanto è difficile questo concerto. 24 Benché fosse lontano molte miglia da Mozart a Vienna, Koch, a Rudolstadt, ebbe nondimeno l opportunità di esaminare la musica più recente riconoscendo il fondersi fra struttura periodica e procedure polifoniche, una caratteristica della matura tecnica classica di composizione. Koch dice: Mozart, a Vienna, ha pubblicato sei quartetti per due violini, viola e violoncello, dedicati a Haydn; tra tutte le sonate moderne a quattro parti, questi rappresentano la migliore concezione del vero quartetto, e grazie alla loro particolare combinazione fra stile severo e libero, e al loro trattamento dell armonia, sono unici nel loro genere. 25 Nell ultimo capitolo del suo terzo volume, Koch descrive le forme standard del tardo Settecento, compresi l aria, il rondò, la sonata, il concerto, l ouverture e la Sinfonia. Inoltre fornisce delle istruzioni per i vari tipi di scrittura corale in stile severo o libero. Infine, c è uno studio dettagliato sulla costruzione di un esposizione e dello sviluppo di una Sinfonia. I contributi di Koch sulla teoria musicale sono stati messi in ombra da quelli di Emanuel Bach, Quantz, Rameau, Mattheson e Kirnberger. Ciò nonostante egli rappresenta meglio il tardo Settecento; i suoi contributi sono notevoli e pertinenti. Il Manuel de Mousique di Choron-La Fage, prende il materiale riguardante la forma musicale direttamente da Koch e riconosce questo debito. Fétis rende omaggio a Koch nella Biographie: Sotto il titolo, Regole meccaniche della melodia, la seconda sezione del secondo volume contiene idee assolutamente nuove, di grande interesse in riguardo a quest importante ramo dell arte. Fino ad oggi non è apparso niente di migliore, né alcunché di altrettanto soddisfacente è stato prodotto prima di Koch. Il terzo volume è completamente dedicato allo sviluppo della teoria 23 Koch, op. cit., III, 384 seg. 24 E. Anderson, op. cit., III, 1335 seg. 25 Koch, op. cit., III, 326.

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

UNA GUIDA PRATICA ALLA COMPOSIZIONE MUSICALE

UNA GUIDA PRATICA ALLA COMPOSIZIONE MUSICALE Alan Belkin UNA GUIDA PRATICA ALLA COMPOSIZIONE MUSICALE N.B. Il seguente materiale è Alan Belkin, 1995-1999. Esso non può essere citato o usato senza darne pieno riconoscimento all autore. Nonostante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA c Marzo 2011 0.1 Premessa Queste note sullo studio dell armonia nascono come strumento di supporto per i corsi di armonia (principale o complementare)

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI Teoria musicale - 13 ALTRE INDICAZIONI MUICALI EGNI DI ARTICOLAZIONE I segni di articolazione sono indicazioni grafiche collocate sopra o sotto le note che condizionano il modo in cui queste devono essere

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i omaggio a leonildo marcheselli b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i I n t e r p r e t a t I d a g r a n d I f I s a r m o n I c I s t I massimo budriesi tiziano

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE 13 15 febbraio 2015 www.bolzano-bozen.it Anche quest anno, dal 13 al 15 febbraio, Bolzano festeggia San Valentino con gli appuntamenti de I Luoghi dell Amore, un viaggio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

2 Rappresentazioni grafiche

2 Rappresentazioni grafiche asi di matematica per la MPT 2 Rappresentazioni grafiche I numeri possono essere rappresentati utilizzando i seguenti metodi: la retta dei numeri; gli insiemi. 2.1 La retta numerica Domanda introduttiva

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE Autore: Liliana Minutoli PROGETTO DIDATTICO PER APPRENDERE DA SUONI, PAROLE, IMMAGINI, MOVIMENTI CORPOREI A BAMBINI E MAESTRI! Eccoci qui insieme

Dettagli