Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro."

Transcript

1 Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro.

2 Indice Premessa...5 Capitolo primo Servizio Idrico Integrato 1.1 Tutti paghiamo la bolletta dell acqua Cosa paghiamo: il servizio idrico integrato Un servizio vitale e poco visibile Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e tasse Non possiamo scegliere, siamo vincolati Come si calcola la bolletta Aspetti fiscali Quanto paghiamo Chi decide la tariffa Domande e risposte...13 Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di Torino. Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione a terzi. Coordinamento editoriale: Settore Conciliazione e Regolazione del mercato, Camera di commercio di Torino Coordinamento grafico: Settore Comunicazione esterna, Camera di commercio di Torino Ideazione grafica copertina: Art Collection Snc Ideazione grafica interno: Animatif Comunicazione Stampa: CAST Industrie Grafiche - Moncalieri (TO) Finito di stampare: maggio 2009 Capitolo secondo Gestione dei rifiuti urbani 2.1 Tutti paghiamo la tariffa o la tassa rifiuti Cosa paghiamo: il servizio di gestione dei rifiuti urbani Un servizio che ci coinvolge direttamente Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e tasse Non possiamo scegliere, siamo vincolati Come si calcola la bolletta Tassa per lo smaltimento dei rifiuti (TARSU) Tariffa di igiene urbana (TIA) Aspetti fiscali Quanto paghiamo Chi decide la tariffa La responsabilità degli istruttori

3 Capitolo terzo Fornitura di gas naturale 3.1 Non tutti paghiamo la bolletta del gas Cosa paghiamo: vendita e distribuzione Un servizio che viene da lontano Cosa paghiamo: tuti i costi industriali e molte tasse Possiamo scegliere chi ci fornisce il servizio Come si calcola la bolletta Aspetti fiscali Quanto paghiamo Chi decide la tariffa Domande e risposte...33 Capitolo quarto Fornitura di energia elettrica 4.1 Tutti paghiamo la bolletta dell energia elettrica Cosa paghiamo: vendita e distribuzione Un servizio complesso e strategico Cosa paghiamo: tuti i costi industriali, oneri di sistema e tasse Possiamo scegliere Come si calcola la bolletta Aspetti fiscali Quanto paghiamo Chi decide la tariffa Domande e risposte...44 Premessa La collana Guide ai diritti, volta a fornire e diffondere in modo semplice e immediato la normativa a tutela del consumatore, nasce per stimolare lo studio e l approfondimento delle tematiche relative alla regolazione del mercato. La Camera di commercio di Torino, curando la redazione di questa collana, intende rispondere efficacemente alla sua funzione istituzionale di regolazione del mercato e tutela del consumatore, attraverso la diffusione di informazioni chiare e trasparenti che favoriscano lo sviluppo di un consumo consapevole e facilitino un corretto svolgimento dei rapporti contrattuali tra consumatori e professionisti. La collana Guida ai diritti, la cui supervisione scientifica è affidata alla Commissione di regolazione del mercato, composta dal professor Sergio Chiarloni, dalla professoressa Lucia Delogu e dal professor Raffaele Caterina, si propone inoltre di rafforzare la collaborazione con le associazioni dei consumatori e degli operatori stimolando il confronto e l individuazione di una piattaforma di conoscenze comuni e condivise, ma anche di promuovere e finanziare l attività di ricerca in materia di consumeristica attraverso una sempre maggior collaborazione con l Università degli Studi di Torino. Il volume Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro è stato realizzato dalla Fondazione per l Ambiente Teobaldo Fenoglio, ed è finalizzata ad illustrare come sono formate le tariffe dei servizi pubblici essenziali: acqua, rifiuti, gas, energia elettrica. Torino, maggio

4 Capitolo I Servizio Idrico Integrato 1.1 Tutti paghiamo la bolletta dell acqua Tutti noi riceviamo periodicamente la bolletta dell acqua. Tutti siamo infatti allacciati alla rete idrica per la fornitura di acqua potabile e alla rete fognaria per l allontanamento delle acque di scarico. Anche se in teoria se ne può fare a meno come nel caso di alcune case sparse, quasi tutte le famiglie in Italia beneficiano di questo servizio e quindi pagano la bolletta. 1.2 Cosa paghiamo: il servizio idrico integrato Paghiamo la bolletta perché riceviamo un servizio. Ma in cosa consiste esattamente questo servizio? In Italia con la bolletta paghiamo il Servizio Idrico Integrato, ovvero l insieme di tutte le attività che consentono di avere acqua potabile in casa e di scaricare correttamente le acque sporche. Più in dettaglio il servizio consiste in: 1) fornitura di acqua potabile (acquedotto), attività che comprende: a) il prelievo di acqua dall ambiente naturale (fiume, falda, lago, mare) inclusa la protezione ambientale delle aree dalle quali l acqua è prelevata b) il trattamento dell acqua estratta dall ambiente, al fine di renderla potabile e idonea all uso umano e alimentare c) la distribuzione in rete dell acqua nelle diverse fasi del trasporto (grandi tubature), dello stoccaggio in serbatoi, della distribuzione nella rete stradale, fino alla consegna alle abitazioni (allacciamento) con il relativo contatore. Tutto ciò che accade dopo il contatore non fa più parte del servizio idrico integrato (impianto idraulico interno, eventuali dispositivi di trattamento dell acqua potabile, autoclave, ecc.) 2) servizio di fognatura, attività che consiste nella possibilità per l utente di scaricare l acqua utilizzata e sporcata in casa, in una specifica tubatura stradale che ne consente l allontanamento fino ad un impianto di trattamento. Le abitazioni possono prevedere lo scarico diretto nella fognatura, oppure un pretrattamento tramite una fossa settica o biologica. Il funzionamento di questo impianto non fa parte del Servizio Idrico Integrato. Nelle fognature pubbliche confluiscono anche le acque meteoriche (la 7

5 Capitolo I Servizio idrico integrato pioggia) in caso di esistenza di fognatura mista : in questo caso con la bolletta si paga anche questo servizio. Nell ipotesi di fognatura separata (acque chiare e acque scure), con la bolletta si paga (o si dovrebbe pagare) solo la fognatura nera 3) servizio di depurazione, attività che consiste nel trattamento delle acque sporche trasportate dalla fognatura, prima del rilascio dell acqua nell ambiente naturale (fiume, mare, lago), in modo da ridurre al minimo l inquinamento di queste acque. In Italia tutti i servizi idrici sopra indicati sono forniti da un unico operatore. 1.3 Un servizio vitale e poco visibile Il servizio idrico integrato è indispensabile per la nostra vita quotidiana, ma non è facilmente visibile. Ogni utente tocca con mano ogni giorno solo l acqua che esce dal rubinetto (e avverte il disagio se il servizio viene interrotto), ma non vede e spesso non sa cosa accada prima e dopo. Quanti di noi sanno da dove viene l acqua che consumiamo, dove è l impianto di potabilizzazione o di depurazione? A Torino, ad esempio, si trova sulla riva sinistra del Po a monte della confluenza del Sangone. Il Servizio Idrico Integrato è un servizio sempre più complesso, disciplinato da leggi ambientali molto severe e sempre più sofisticate e da norme tecniche molto rigorose. Per essere considerata potabile l acqua deve rispettare limiti di legge e subire controlli continui (molto più frequenti e rigorosi di quelli utilizzati per verificare le acque minerali). La legge inoltre prevede che tutte le case (tranne quelle isolate) debbano essere servite da fognatura, le quali devono essere collegate ad impianti di depurazione sempre più sofisticati. Il Servizio Idrico Integrato è fatto di impianti e di reti, infrastrutture molto costose che devono essere mantenute sempre in piena efficienza, per consegnare ad ogni famiglia acqua in quantità sufficiente e di buona qualità, per evitare le perdite di rete nell acquedotto, rotture delle fognature e problemi di gestione negli impianti di trattamento. Quando si paga la bolletta paghiamo quindi un servizio complesso e costoso. È il sito del Comitato di Vigilanza sull uso delle risorse idriche, una specie di Autorità nazionale di regolazione economica del settore. Nel sito è possibile trovare tutte le informazioni sul servizio idrico integrato, sul metodo tariffario in vigore, sulle attività degli Ambiti Territoriali ottimali. A livello locale informazioni utili sono disponibili sui siti web dell Autorità di Ambito, del proprio Comune e del gestore. 1.4 Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e tasse Con la bolletta siamo chiamati a pagare integralmente il costo che viene sostenuto per la gestione del Servizio Idrico Integrato prima descritto. Fino ad alcuni anni fa la con le bollette si pagava solo una parte dei costi del servizio: molte opere venivano finanziate con contributi pubblici, i Comuni coprivano una parte dei costi con la fiscalità generale. Per questo per molti anni le bollette dell acqua sono state poco costose per le famiglie. Nella seconda metà degli anni 90 la legge italiana ha previsto che i costi del servizio dovessero essere integralmente coperti delle tariffe, quindi dalle bollette degli utenti. Questo prevede anche la normativa Europea (Direttiva 2000/60/ CE, art.9). 1.5 Non possiamo scegliere, siamo vincolati Il Servizio Idrico Integrato è un monopolio naturale. Non sembra conveniente infatti né consentire la duplicazione della rete di acquedotto e fognaria in modo da consentire l offerta di servizi di più operatori su reti diverse, né sembra ancora possibile (come invece avviene per i casi di gas ed elettricità) autorizzare una pluralità di venditori che utilizzano la stessa infrastruttura. Per questo esiste una tariffa e non un prezzo dell acqua. Il Metodo tariffario è stato concepito quindi per tutelare il consumatore in un servizio in cui non esiste concorrenza. Siamo tutti obbligati (clienti vincolati) a ricevere il servizio idrico dal gestore monopolista che opera nell area geografica in cui abitiamo. Il Metodo tariffario da un lato e il fatto che le tariffe siano decise dai Comuni riuniti in ATO dall altro, tutelano i consumatori dal potenziale abuso di un gestore monopolista che non è sottoposto a concorrenza. 1.6 Come si calcola la bolletta Il calcolo della bolletta dell acqua è disciplinato da una normativa molto complessa, spesso poco conosciuta dagli utenti. 8 9

6 Capitolo I Servizio idrico integrato Note 10 Più o meno paghiamo il Servizio Idrico Integrato sulla base della quantità di acqua che consumiamo: per questo esiste un contatore che misura la quantità di acqua potabile che acquistiamo dal servizio idrico, ovvero dalla rete. Per il servizio di fognatura e depurazione la legge considera che il 100% dell acqua potabile consumata venga scaricata. In realtà il sistema di calcolo della bolletta è più complicato: 1) esiste infatti una piccola quota fissa che paghiamo anche se non consumiamo una goccia di acqua. Una quota di denaro che serve a coprire le spese del noleggio del contatore e in parte i costi di investimento, costi che esisterebbero anche se paradossalmente nessuno consumasse più acqua 2) la quota variabile della tariffa viene calcolata invece in relazione all acqua effettivamente consumata e misurata dal contatore. Il sistema di calcolo però non è lineare (come il prezzo della benzina, per esempio). La legge italiana infatti, per scoraggiare lo spreco di acqua, utilizza un sistema chiamato a blocchi crescenti: più acqua consumi, maggiore è il costo unitario (al litro) dell acqua. Al tempo stesso la legge italiana per agevolare i consumi essenziali di acqua applica una tariffa bassa (inferiore alla media) al primo scaglione. Il costo al metro cubo degli scaglioni successivi invece cresce costantemente. Esempio: tariffa 2007 SMAT Torino Quota fissa euro /anno Acquedotto 6,72 Fognatura 1,44 Depurazione 3,84 Totale quota fissa 12,00 Quota variabile Scaglioni (mc/anno) Tariffa euro/mc Acquedotto Tariffa agevolata ,2014 Tariffa base ,5035 Prima eccedenza ,6546 Seconda eccedenza ,1127 Terza eccedenza oltre 304 1,6135 Fognatura flat 1 0,1398 Depurazione flat 0,3727 (1) Quando si indica la dicitura flat, lo scaglione è unico su tutti i consumi. 1.7 Aspetti fiscali Sul totale del calcolo tariffario viene applicata l Iva con una aliquota agevolata al 10%. Esiste un altra componente fiscale nascosta dentro la bolletta. Il prelievo di acqua dall ambiente infatti è sottoposto ad una tassa statale riscossa dalle province (canone di derivazione) 2, il cui importo oggi in Italia è molto basso, inferiore all 1%. 1.8 Quanto paghiamo Sulla base di questo schema è possibile calcolare la spesa di una famiglia. Considerato che il consumo medio di una persona in Italia è di circa 200 litri al giorno, una famiglia di tre persone consuma 600 litri al giorno, circa 220 metri cubi all anno. Applicando lo schema sopra riportato quella famiglia spenderebbe all anno circa 242,00 euro, poco più di 1,00 euro al metro cubo di tariffa media, così ripartito. Componenti della tariffa euro/anno Acquedotto Quota fissa acquedotto 6,72 Quota variabile 1 scaglione 17,12 Quota variabile 2 scaglione 33,23 Quota variabile 3 scaglione 45,17 Totale acquedotto 102,24 Fognatura Quota fissa fognatura 1,44 Quota variabile 30,76 Totale fognatura 32,20 Depurazione Quota fissa depurazione 3,84 Quota variabile 81,99 Totale depurazione 85,83 TOTALE SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 220,27 Iva (10%) 22,03 TOTALE BOLLETTA 242,29 (2) Si tratta di una tassa sull estrazione dell acqua dall ambiente sotterraneo. Note 11

7 Capitolo I Servizio idrico integrato Come si vede il servizio acquedotto è la parte più costosa della bolletta pari a circa il 42% del totale. Il servizio depurazione pesa per circa il 35% ed il servizio fognatura il 13%. La componente fiscale incide per circa il 9%. La quota fissa pesa per il 5%, la quota variabile per il 95%. Stesso sistema per famiglie diverse Il sistema tariffario italiano è concepito per una famiglia media. Il sistema di calcolo non considera infatti il numero dei componenti del nucleo familiare. Così una famiglia composta da una persona paga la stessa quota fissa di una famiglia composta da 6 persone. Al tempo stesso una famiglia di una persona ha a disposizione lo stesso scaglione di tariffa agevolata (per esempio 80 metri cubi) di una famiglia di 6 persone. Un meccanismo in parte iniquo che si sta cercando di correggere. Di solito vengono emesse più bollette nel corso dell anno (due, tre o quattro), per consentire un pagamento frazionato da parte dell utente. Le bollette sono emesse periodicamente sulla base della lettura del contatore da parte della società di gestione o direttamente da parte dell utente (telelettura). Bollette condominiali L utente paga esattamente l acqua da lui consumata solo se ha un contatore proprio, cosa possibile nelle abitazioni con uno o pochi appartamenti. Nei condomini di solito esiste un contatore condominiale che registra i consumi di tutti gli utenti di quello stabile. L amministratore del condominio (talvolta avvalendosi di società specializzate) provvede a pagare la società di gestione e a ripartire il consumo ai singoli utenti sulla base di contatori personali o di frazionamenti sulla base delle superfici occupate o, in alcuni casi, in base al numero dei componenti della famiglia. 1.9 Chi decide la tariffa La competenza di questo servizio è dei Comuni riuniti in Consorzi chiamati Ambiti Territoriali Ottimali (ATO). Gli ATO decidono le caratteristiche del servizio da fornire a cittadini, gli investimenti da effettuare, scelgono il gestore incaricato di svolgere il servizio e decidono la tariffa per gli utenti. Anche se la bolletta ci viene inviata dal gestore del servizio, è l ATO a decidere la tariffa, il valore del costo di ogni scaglione e della quota fissa. La componente fiscale è decisa dallo Stato. Nel decidere la tariffa l ATO non può comportarsi liberamente, ma deve rispettare le regole stabilite da un Metodo tariffario deciso a livello nazionale. La tariffa viene aggiornata ogni anno. Nel Piano di ambito è indicato il tasso di aumento o diminuzione della tariffa di ogni anno. Si tratta di un metodo molto complesso che proviamo a riassumere. 1) L ATO definisce i costi operativi del gestore (personale, energia, reagenti, etc) sulla base di costi standard, ritenuti efficienti. Nel tempo i costi operativi del gestore devono ridursi grazie a recuperi di efficienza che il metodo definisce con precisione 2) l ATO definisce il Piano di investimenti, il relativo costo da coprire con la tariffa. Il gestore con quelle risorse tariffarie deve realizzare gli investimenti previsti dall ATO nel Piano di Ambito 3) la tariffa contiene anche la remunerazione del capitale investito, quota di tariffa necessaria per coprire i costi finanziari (prestiti bancari) o la remunerazione del capitale proprio (utili di impresa) 4) la tariffa non può aumentare ogni anno più di un certo tetto definito per legge (circa il 5%), oltre l inflazione programmata. Due metodi tariffari In realtà in Italia coesistono due diversi metodi tariffari. Quello descritto sopra è il nuovo metodo, applicato dai Comuni (riuniti in ATO) che hanno applicato la nuova normativa idrica del Alcuni utenti invece ricevono il servizio e la relativa bolletta in Comuni che non sono ancora passati al nuovo metodo. In questi casi la tariffa è calcolata in modo diverso. Il calcolo è effettuato direttamente dal gestore sulla base di regole diverse da quelle applicate dalle ATO. Per questo quando si passa da un metodo all altro le tariffe aumentano, anche se in realtà il servizio rimane più o meno lo stesso Domande e risposte L acqua è un bene essenziale, perché lo paghiamo? In realtà non paghiamo l acqua, che è un bene pubblico. Paghiamo il servizio di fornitura e allontanamento dell acqua, fatto di investimenti (reti ed impianti) e di costi di gestione (energia, personale, reagenti). Ci viene fornita una quota di acqua gratis per gli usi minimi? No. La tariffa italiana prevede che ai consumi minimi essenziali si applichi una tariffa agevolata, con un costo al metro cubo molto più basso della tariffa media

8 Capitolo I Servizio idrico integrato Pago il servizio anche se non consumo acqua? In piccola parte. In bolletta è prevista una quota fissa. Una volta esisteva il consumo minimo impegnato, meccanismo ora abolito. La tariffa idrica disincentiva lo spreco di acqua? Sì. La tariffa idrica a metro cubo aumenta con l aumentare dei consumi. Usare acqua per scopi impropri (annaffiare i giardini, lavare l auto) può essere molto costoso e in alcuni periodi di siccità proibito dal Comune. Esiste un contratto per il servizio? Sì. Quando ci si allaccia alla rete, si sottoscrive un contratto di somministrazione. Occorre fare molta attenzione alle clausole contrattuali che si sottoscrivono. Il gestore di solito pubblicizza una propria carta dei servizi, obbligatoria nel servizio idrico e che l utente deve richiedere al gestore. chiarimenti, avendo disponibile la bolletta ed il codice cliente. È anche opportuno contattare l ATO (o il Comune) di riferimento. In caso di contenzioso è utile chiedere al gestore le procedure previste per il reclamo. Inoltre, anche quando il reclamo non dovesse andare a buon fine, è possibile tentare di risolvere la controversia rivolgendosi al Servizio di conciliazione della Camera di commercio; è stata infatti avviata una collaborazione tra Camera di commercio, Confservizi e Agenzia dei Servizi Pubblici del Comune di Torino, per l utilizzo dei Servizi di conciliazione delle Camere di commercio in caso di controversie con le aziende che erogano servizi pubblici. Esistono agevolazioni per le famiglie a basso reddito? Non esiste un sistema nazionale di agevolazione per le famiglie a basso reddito. Alcuni Ambiti Territoriali ottimali hanno iniziato a sperimentare delle agevolazioni per gli utenti deboli. È bene verificare presso il proprio ATO. Il gestore del servizio decide le tariffe? No. Le tariffe sono decise dall Autorità di Ambito, un consorzio di Comuni. Il gestore le applica e invia le bollette. Perché le tariffe aumentano? La tariffa deve coprire integralmente i costi del servizio. I costi aumentano in parte per effetto dell inflazione, in parte per gli ingenti investimenti che devono essere realizzati per garantire la qualità del servizio e rispettare le leggi ambientali. Ogni quanto viene aggiornata la tariffa? Ogni anno. Perché le tariffe sono diverse da città a città? Le tariffe sono definite a scala di Ambito Territoriale Ottimale. I diversi ambiti possono presentare costi diversi di gestione del servizio, per motivi geografici, per la necessità di diversi tipi di trattamento e per la differente necessità di investimenti. Come faccio a capire se la bolletta è corretta? La bolletta contiene in modo chiaro tutti i calcoli che servono per comporre il totale. È necessario prima di tutto controllare se il consumo di acqua indicato corrisponde al vero, controllando il contatore. In caso di valori sbagliati o di quantità eccessive di acqua consumata, è bene contattare subito il gestore per chiarimenti. Che fare se c è qualcosa che non va nella bolletta? Prima di tutto contattare il gestore (numero verde o sportello) per chiedere 14 15

9 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani 2.1 Tutti paghiamo la tassa o la tariffa rifiuti Tutti noi riceviamo periodicamente la bolletta dei rifiuti urbani. Alcuni di noi ricevono una cartella fiscale nei Comuni che hanno mantenuto la TARSU (Tassa per la Raccolta e lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani). Alcuni di noi ricevono una fattura commerciale nei Comuni che sono passati dalla tassa alla tariffa e pagano la TIA (Tariffa Igiene Urbana). Al di là del tipo di bolletta che riceviamo, tutti siamo obbligati a pagare per questo servizio. Tassa o tariffa rifiuti, infatti, devono essere pagati da chiunque possegga o detenga a qualsiasi titolo locali esistenti nel territorio comunale. 2.2 Cosa paghiamo: il servizio di gestione dei rifiuti urbani Paghiamo la bolletta perché riceviamo un servizio. Ma in cosa consiste esattamente questo servizio? In Italia con la tassa o la tariffa paghiamo il Servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani, ovvero l insieme di tutte le attività che consentono di recuperare e smaltire correttamente i rifiuti urbani che produciamo ogni giorno nelle nostre abitazioni. Più in dettaglio il servizio consiste in: 1) servizio di spazzamento e lavaggio delle strade, attività che comprende le attività di spazzamento meccanico e manuale e di lavaggio periodico delle strade 2) raccolta dei rifiuti in forma indifferenziata, attività che prevede la rimozione dei rifiuti indifferenziati in diverse modalità (cassonetti, bidoni, porta a porta) e la rimozione dei rifiuti abbandonati in aree pubbliche 3) raccolta dei rifiuti in forma differenziata, attività che prevede la rimozione dei rifiuti differenziati (carta, vetro, plastica, lattine, ecc.) in diverse modalità (cassonetti, bidoni, porta a porta) 4) servizio di trattamento dei rifiuti raccolti in forma differenziata ed indifferenziata, attività che consiste nella gestione di impianti di trattamento e recupero come impianti di selezione, compostaggio e valorizzazione delle frazioni raccolte in forma differenziata ed indifferenziata 17

10 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani 5) servizio di smaltimento, attività che comprende la gestione di impianti di smaltimento finale come gli impianti di termovalorizzazione e le discariche, inclusa la loro gestione post operativa (dopo la chiusura). Il peso dei diversi servizi sulla bolletta varia da località a località. In linea di massima il servizio di spazzamento incide per il 10-15% del totale, i costi di raccolta per circa il %, i costi di smaltimento per il 40-50%, le tasse per il 12-13%. In molti casi un solo operatore effettua tutti i servizi. In altri casi l operatore addetto alla raccolta conferisce i propri rifiuti in impianti gestiti da altri operatori. 2.3 Un servizio che ci coinvolge direttamente Il servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani coinvolge tutti noi direttamente, ogni giorno. Un corretto funzionamento del servizio si basa su comportamenti condivisi da parte degli utenti: non gettare rifiuti a terra, conferire i diversi materiali seconde le regole previste per la raccolta differenziata, organizzare la divisione dei materiali in casa, conferire alcuni rifiuti presso gli appositi centri di raccolta, ridurre la produzione di rifiuti con acquisti intelligenti. Il servizio di gestione dei rifiuti urbani è sempre più complesso, fatto di diversi sistemi di raccolta e da un sistema di impianti complessi e costosi. Il servizio è disciplinato da leggi ambientali molto severe e sempre più sofisticate e da norme tecniche molto rigorose. In Italia sono in vigore norme che prevedono il raggiungimento di obiettivi minimi molto ambiziosi di raccolta differenziata, il servizio deve quindi essere organizzato in modo da consentirne il raggiungimento. Anche per gli impianti (discariche, termovalorizzatori) le norme europee ed italiane sono molto stringenti e prevedono standard costruttivi e gestionali molto complessi. Quando si paga la bolletta paghiamo quindi un servizio complesso e costoso. È il sito dell Osservatorio nazionale sui rifiuti, struttura del Ministero dell Ambiente dedicata a questo settore. Sul sito è possibile trovare molte informazioni sulla gestione dei rifiuti urbani, sui costi e le tariffe, sulle attività degli Ambiti Territoriali Ottimali. A livello locale informazioni utili sono disponibili sui siti web dell Autorità di Ambito, del proprio Comune e del gestore. 2.4 Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e tasse Con la bolletta (tassa o tariffa) siamo chiamati a pagare integralmente il costo che viene sostenuto per la gestione del servizio di gestione dei rifiuti urbani prima descritto. I rifiuti sono infatti considerati un fattore di inquinamento e la normativa europea prevede il principio chi inquina paga. In realtà per i Comuni che applicano la tassa non è previsto l obbligo di copertura integrale dei costi sostenuti dal Comune stesso per la gestione dei rifiuti urbani: molte opere venivano finanziate con contributi pubblici, i Comuni coprivano una parte dei costi con la fiscalità generale. L obbligo di copertura integrale dei costi invece è esplicita per i Comuni che passano a tariffa. Anche per questo il passaggio da tassa a tariffa può cambiare la spesa che ogni famiglia sostiene per questo servizio. 2.5 Non possiamo scegliere, siamo vincolati Il servizio di gestione dei rifiuti urbani per le famiglie è un monopolio locale legale. Non sembra conveniente infatti liberalizzare questo settore, ovvero consentire ad ogni famiglia di scegliere liberamente il fornitore del servizio. Il Metodo tariffario è stato concepito quindi per tutelare il consumatore in un servizio in cui non esiste concorrenza. Siamo tutti obbligati (clienti vincolati) a ricevere il servizio di gestione dei rifiuti urbani dal gestore monopolista che opera nell area geografica in cui abitiamo. Il metodo tariffario da un lato e il fatto che le tariffe siano decise dai Comuni riuniti in ATO, tutelano i consumatori dal potenziale abuso di un gestore monopolista che non è sottoposto a concorrenza. 2.6 Come si calcola la bolletta Per capire come viene calcolata la bolletta dobbiamo prima di tutto capire se siamo sottoposti, nel nostro Comune, alla tassa o alla tariffa. Vediamo i due sistemi separatamente. 2.7 Tassa per lo smaltimento dei rifiuti (TARSU) In questo caso riceviamo da Comune una cartella per il pagamento di una vera e propria tassa

11 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani Il sistema di calcolo della tassa è abbastanza semplice. Il Comune stabilisce una tariffa al metro quadro per gli utenti domestici, che viene applicata alla superficie dell abitazione in cui viviamo. A questa tariffa viene aggiunta un addizionale (chiamata ex ECA pari al 10% della tariffa). Trattandosi di una tassa, la bolletta non include il calcolo dell Iva. Esiste però una tassa specifica (tributo ambientale provinciale) che viene aggiunta alla bolletta nella misura che ogni Provincia decide, compresa fra l 1 ed il 5 % del valore della TARSU. Il Regolamento Comunale In questo servizio non è mai esistito un vero e proprio contatore che pesa i rifiuti che produciamo, per questo si è sempre ricorso ad una stima parametrica sulla produzione di rifiuti di una famiglia: si presume che la produzione di rifiuti in una abitazione sia proporzionale alla sua superficie. Il Comune nel determinare la tariffa al metro quadro dovrebbe tenere conto della quantità di rifiuti che una famiglia media produce. Il sistema di calcolo è definito nel Regolamento Comunale che riguarda la Tassa. Tale Regolamento è consultabile presso ciascun Comune. ESEMPIO: Tariffa metro quadro: 2,00 euro Addizionale ex ECA = 10% = 0,02 euro Totale = 2,20 euro metro quadro. Nel caso di una abitazione di 80 metri quadri la spesa di una famiglia sarà pari a 176,00 euro l anno. Se la Provincia ha deciso una tassa ambientale del 5%, deve essere aggiunta la cifra di circa 9,00 euro, per un totale di 185,00 euro l anno. La tassa sui rifiuti non è sensibile direttamente al numero dei componenti nel nucleo familiare, ma solo alla superficie. Per questo i Comuni di solito introducono nel regolamento delle agevolazioni per gli utenti composti da una sola persona. 2.8 Tariffa di igiene urbana (TIA) In questo caso riceviamo dal gestore del servizio (non più dal Comune) una vera e propria fattura. Il sistema di calcolo è più complesso rispetto a quello descritto per la TARSU: 1) esiste infatti una quota fissa con cui vengono pagati i costi fissi del servizio (investimenti, personale). La quota fissa varia in ragione del numero di componenti della famiglia secondo una logica decrescente non lineare: più grande è una famiglia, più basso è il valore del costo a persona 2) esiste poi una quota variabile della tariffa che dovrebbe essere applicata alla quantità di rifiuti generati dall utente. Poiché però non esiste un vero e proprio contatore, in molti Comuni in Italia per il calcolo della quota variabile si ricorre ad un valore parametrico di produzione di rifiuti per persona. Anche in questo caso la quota variabile varia in ragione del numero delle persone che compongono la famiglia, secondo una logica decrescente, tesa ad agevolare le famiglie numerose. Facciamo un esempio. Esempio: tariffa 2007 Biella N. Componenti Parte fissa euro/mq Parte variabile euro/anno 2.9 Aspetti fiscali 1 0, , , , , , , , , , , ,62180 Sul totale della bolletta viene applicata l Iva, con un aliquota agevolata al 10%. Anche sulla tariffa viene applicato il tributo ambientale provinciale, deciso dalla provincia in un valore compreso fra l 1 e il 5% della tariffa. Esiste un altra componente fiscale nascosta dentro la bolletta: il conferimento di rifiuti in discarica in Italia è infatti sottoposto al pagamento di un tributo speciale, una tassa ambientale. Tale valore è ricompreso fra i costi di smaltimento

12 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani 2.10 Quanto paghiamo Sulla base di questo schema è possibile calcolare la spesa di una famiglia. Una famiglia di quattro persone, che abita in un appartamento di 100 metri quadri, applicando lo schema sopra riportato spenderebbe all anno circa 310 Euro, così ripartito. Componenti della tariffa euro/anno Quota fissa 102,21 Quota variabile 166,98 Totale 269,19 Iva 10% 26,92 Contributo provinciale 5% 13,46 TOTALE 309,57 Come si vede la quota fissa pesa per il 33%, la quota variabile per il 54 %. La componente fiscale incide per circa il 13%. Di solito vengono emesse più bollette nel corso dell anno (due, tre o quattro), per consentire un pagamento frazionato da parte dell utente. Sistemi di pesatura In alcuni Comuni si stanno sperimentando sistemi di pesatura puntale dei rifiuti prodotti dai singoli utenti o dalle singole abitazioni. Esistono numerose modalità di pesatura dei rifiuti o di sistemi di calcolo basati sulla tariffazione volumetrica: cassonetti intelligenti per i quali si prevede la pesatura dei rifiuti ad ogni svuotamento, pagamento volumetrico legato alla dimensione di bidoni personali, pagamento volumetrico applicato a sacchetti). In questo caso la quota variabile della tariffa è applicata alla quantità di rifiuti effettivamente prodotti da quell utente Chi decide la tariffa La competenza di questo servizio è dei Comuni singoli o dei Comuni riuniti in Consorzi chiamati Ambiti Territoriali Ottimali (ATO). I Comuni o gli ATO decidono le caratteristiche del servizio da fornire a cittadini, gli investimenti da effettuare, scelgono il gestore incaricato di svolgere il servizio e decidono la tariffa per gli utenti. Anche se la bolletta arriva dal gestore, è il Comune o ATO a decidere la tariffa applicata, il valore del costo di ogni scaglione della quota fissa e variabile. La componente fiscale è invece decisa dallo Stato. Nel decidere la tariffa, il Comune o l ATO non può comportarsi liberamente, ma deve rispettare le regole stabilite da un Metodo tariffario deciso a livello nazionale. La TARSU e la tariffa sono aggiornate ogni anno. Nel caso della TARSU il Comune è libero di mantenerla al livello dell anno prima, di diminuirla o di aumentarla, senza dover rispettare alcuna regola precisa. Nel caso della Tariffa il Piano finanziario (annuale) decide i cambiamenti di tariffa ogni anno. Di norma la tariffa è adeguata all inflazione programmata. Si tratta di un metodo molto complesso che proviamo a riassumere. 1) Il Comune o l ATO definisce i costi operativi del gestore (personale, energia, acquisto di servizi, ecc.). Nel tempo i costi operativi del gestore devono ridursi grazie a recuperi di efficienza 2) il Comune o l ATO definisce il Piano di investimenti, il relativo costo da coprire con la tariffa. Il gestore con quelle risorse tariffarie deve realizzare gli investimenti previsti dall ATO nel Piano di Ambito 3) La tariffa contiene anche la remunerazione del capitale investito, quota di tariffa necessaria per coprire i costi finanziari (prestiti bancari) o la remunerazione del capitale proprio (utili di impresa) 4) la tariffa viene adeguata alla inflazione programmata annualmente Domande e risposte Pago in proporzione ai rifiuti che produco? Non esattamente. Nel servizio di gestione dei rifiuti urbani non è possibile utilizzare un contatore (come nell acqua o nel gas) ed i sistemi di misura della produzione di rifiuti di ciascun utente sono ancora in fase sperimentale. Si paga sulla base di un parametro legato ai soli metri quadri dell abitazione che occupiamo e (nella tariffa) al numero dei componenti del nucleo familiare. Pago il servizio anche se non produco rifiuti? Sì. Nel caso non si abiti per un periodo nella propria abitazione, si possono chiedere riduzioni al Comune

13 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani La tariffa disincentiva lo spreco di materiali? Purtroppo no. Non pagando sulla base dei rifiuti davvero prodotti il sistema tariffario non incentiva gli utenti che producono meno rifiuti. Pago la bolletta anche se faccio la raccolta differenziata? Sì. In alcuni casi si ottengono delle riduzioni di tariffa consegnando materiali riciclabili presso centri di raccolta o isole ecologiche. Esiste un contratto per il servizio? No. Il servizio è obbligatorio. L utente deve poter conoscere la carta dei servizi, redatta dal gestore e obbligatoria in questa attività, in cui sono indicate le modalità di svolgimento del servizio e (se si è passati a tariffa) le modalità di calcolo della tariffa. Il gestore del servizio decide le tariffe? No. Le tariffe sono decise dall Autorità di Ambito, un consorzio di Comuni o dai singoli Comuni. Che fare se c è qualcosa che non va nella bolletta? Prima di tutto contattare il gestore (numero verde o sportello) per chiedere chiarimenti, avendo disponibile la bolletta ed il codice cliente. È anche opportuno contattare l ATO (o il Comune) di riferimento. In caso di contenzioso è utile chiedere al gestore le procedure previste per il reclamo. Inoltre, anche quando il reclamo non dovesse andare a buon fine, è possibile tentare di risolvere la controversia rivolgendosi al Servizio di conciliazione della Camera di commercio; è stata infatti avviata una collaborazione tra Camera di commercio, Confservizi e Agenzia dei Servizi Pubblici del Comune di Torino, per l utilizzo dei Servizi di conciliazione delle Camere di commercio in caso di controversie con le aziende che erogano servizi pubblici. Esistono agevolazioni per le famiglie a basso reddito? Non esiste un sistema nazionale di agevolazione delle famiglie a basso reddito. Alcuni Comuni e ATO hanno adottato nei regolamenti misure per il sostegno agli utenti deboli. È bene verificare presso il proprio Comune o ATO. Perché le tariffe aumentano? La tariffa deve coprire integralmente i costi del servizio. I costi aumentano in parte per effetto dell inflazione, in parte per gli ingenti investimenti che devono essere realizzati per garantire la qualità del servizio e gli importanti obiettivi di politica ambientale. Ogni quanto viene aggiornata la tariffa? Ogni anno. Perché le tariffe sono diverse da città a città? Le tariffe sono definite a scala di Ambito Territoriale Ottimale o di Comune. I diversi ambiti possono presentare costi diversi di gestione del servizio, sia per motivi geografici, sia per la differente necessità di investimenti e per le diverse modalità di smaltimento o di raccolta differenziata. Come faccio a capire se la bolletta è corretta? La bolletta nel caso di applicazione della tariffa contiene in modo chiaro tutti i calcoli che servono per comporre il totale. È necessario controllare se i metri quadri indicati ed il numero delle persone che compongono la famiglia siano corretti. In caso di TARSU, la cartella non è di facile lettura, basterà comunque controllare i metri quadri calcolati

14 Capitolo III Fornitura di gas naturale 3.1 Non tutti paghiamo la bolletta del gas Quasi tutti riceviamo la bolletta del gas. La maggior parte della popolazione, specie nelle città, è allacciata alla rete gas. Ma è possibile avere gas in casa in altro modo, tramite le bombole o il deposito esterno di GPL, o fare a meno del gas, scaldando l abitazione con gasolio (o legname) e cucinando con apparecchi elettrici. In questo capitolo verrà descritta soltanto la bolletta che ricevono gli utenti domestici (le famiglie) allacciati alla rete gas. 3.2 Cosa paghiamo: vendita e distribuzione Paghiamo la bolletta perché riceviamo un servizio. Ma in cosa consiste esattamente questo servizio? In Italia con la bolletta paghiamo la fornitura a domicilio di gas naturale, combustibile gassoso che utilizziamo sia per cucinare (uso cucina) che per riscaldare acqua e ambiente (uso termico). In realtà con la bolletta paghiamo una catena di molte attività distinte, gestite da operatori diversi: 1) la vendita del gas, attività fornita da un venditore autorizzato di questo combustibile in una determinata area, il quale se lo procura sul mercato internazionale all ingrosso, da soggetti che estraggono gas dai giacimenti, lo trasportano, lo stoccano e lo distribuiscono fino alla rete di distribuzione locale; è con questo soggetto che stipuliamo il contratto di fornitura 2) la distribuzione del gas, attività di servizio pubblico fornita da un soggetto che ha il compito esclusivo di fare la manutenzione ed eventualmente di provvedere ad estendere la rete locale di distribuzione. La rete di distribuzione di gas è una sola e la sua gestione è affidata dal Comune ad un solo operatore. È questo operatore che procede all allacciamento dell abitazione alla rete comunale 3) il servizio di trasporto nazionale e stoccaggio, si tratta delle grandi infrastrutture di trasporto nazionale, collegate con quelle internazionali e dei depositi di stoccaggio esistenti in alcune parti del paese. Il sistema di trasporto è affidato in Italia ad una unica società, denominata SNAM Rete Gas. 27

15 Capitolo III Fornitura di gas naturale 3.3 Un servizio che viene da lontano Il servizio di fornitura del gas è abbastanza semplice, ma arriva da molto lontano. Attraverso dei tubi il gas arriva dal luogo in cui viene estratto dal sottosuolo a casa nostra. La complessità del servizio è legata da un lato alla realizzazione di una rete che deve rispettare dei criteri di sicurezza (il gas è infatti esplosivo), dall altro alla garanzia di fornire con continuità il gas, attraverso contratti di acquisto di questo prodotto sul mercato nazionale ma soprattutto internazionale. L Italia, infatti, possiede risorse limitate di gas naturale che coprono poco più del 10% del fabbisogno nazionale; il gas che consumiamo proviene prevalentemente dall estero: Algeria, Libia, Olanda, Russia o da altri paesi (via nave). 3.4 Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e molte tasse Con la bolletta siamo chiamati a pagare tutte le fasi industriali del servizio, dall acquisto della materia prima, alla consegna a domicilio. Una parte importante della bolletta però è fatta di tasse nazionali e locali (41,5% del totale del costo). Pesano poi il costo della materia prima (circa il 32% del totale), il costo della rete di distribuzione locale per circa l 11%, i costi della struttura di vendita sono del 9%, mentre i costi delle fasi di stoccaggio e di distribuzione nazionale si attestano a circa il 6,5%. È il sito della Autorità nazionale per l energia elettrica e il gas, organismo indipendente di regolazione nazionale dei mercati energetici. Sul sito è possibile trovare, in particolare nella sessione consumatori tutte le informazioni sulle tariffe elettriche e del gas, sugli aspetti legati alla liberalizzazione di questi mercati, sui contratti. Informazioni a livello locale devono essere richieste al Comune, al proprio operatore della vendita e all operatore della distribuzione locale. 3.5 Possiamo scegliere chi ci fornisce il servizio Dal gennaio 2003 anche i consumatori domestici di gas possono scegliere sul libero mercato da chi farsi consegnare il gas a casa. Il mercato della vendita è stato infatti liberalizzato e non siamo obbligati ad avere un contratto con l operatore di sempre, il monopolista locale che operava già prima della liberalizzazione. Scegliere il mercato libero non è però obbligatorio, è una possibilità per le famiglie. Se non facciamo niente rimaniamo serviti dall operatore storico, beneficiando di un sistema tariffario interamente regolato dall Autorità Nazionale per l Energia Elettrica e il Gas. Se optiamo per il mercato libero dobbiamo confrontare offerte fatte sia del nostro operatore storico, sia da operatori diversi. La legge prevede che se l utente non sceglie il mercato libero, l operatore storico è tenuto a continuare a fornire il servizio gas alle condizioni tariffarie interamente definite dalla Autorità nazionale. Se invece l utente sceglie il mercato libero, paga una tariffa proposta dall operatore (non regolato quindi dall Autorità), limitatamente alla parte variabile della tariffa stessa. Gli utenti possono sempre cambiare operatore sul libero mercato, così come possono sempre tornare a beneficiare delle condizioni del mercato vincolato, dopo che hanno scelto le opzioni del libero mercato. Legenda Tasse 41,5% Costo del gas 32,0% Costo della rete locale 11,0% Costi commerciali della vendita 9,0% Stoccaggio e rete di trasporto nazionale 6,5% 3.6 Come si calcola la bolletta Il calcolo della bolletta del gas è disciplinato dai provvedimenti dell Autorità Nazionale per l Energia elettrica e il Gas. Il meccanismo è molto complicato e poco comprensibile per gli utenti. La bolletta inoltre si presenta parzialmente diversa se siamo rimasti sul mercato vincolato o siamo passati al libero mercato. Per prima cosa va detto che paghiamo il servizio gas in ragione della quantità di materia prima che consumiamo: per questo esiste un contatore che misura la 28 29

16 Capitolo III Fornitura di gas naturale quantità di gas che acquistiamo. In realtà paghiamo il potere calorifico di quel gas, ovvero la capacità del gas di produrre calore ed energia. Un particolare calcolo tariffario corregge i metri cubi di gas acquistati da un certo fornitore in potere calorifico standard. Il sistema di calcolo della bolletta è però più complicato: 1) esiste infatti una parte della bolletta fatta di quote fisse, ovvero di importi che paghiamo anche se non consumiamo gas. Vi è poi una quota fissa per il servizio di distribuzione (30,00 euro all anno per utente) ed una per il servizio vendita (3,60 euro all anno ad utente). La quota fissa serve a coprire in parte i costi di investimento, costi che esistono anche se paradossalmente nessuno consumasse più gas 2) la quota variabile della tariffa viene calcolata sul gas effettivamente consumato e misurato dal contatore. Anche in questo caso esistono gli scaglioni di consumo. Al primo scaglione si applica una tariffa agevolata (più bassa della media), il secondo scaglione è il più costoso di tutti, mentre gli scaglioni successivi sono calcolati a prezzi a metro cubo decrescenti. Esempio: tariffa 2007 Torino Scaglioni di consumo (mc) Quota variabile euro/mc , , , , , , , Aspetti fiscali Sul totale della bolletta pesa in modo rilevante il fisco. Come è stato anticipato, circa il % del costo che paghiamo non va infatti a remunerare i costi del servizio ma viene incassato dallo Stato e dalla Regione. Infatti sul totale delle voci di costo tariffarie si applica prima di tutto l imposta nazionale di consumo, una tassa specifica che si applica al gas naturale, riscossa dallo Stato. All imposta nazionale si deve aggiungere l addizionale regionale, riscossa dalle Regioni. L Iva segue un meccanismo differenziato: sulle quote fisse e l imposta di consumo (e addizionale regionale), viene applicata un aliquota del 10%. Sulla quota variabile della tariffa viene applicata un aliquota del 10 % fino a 480 metri cubi di gas consumato ed un aliquota del 20% sopra tale valore di consumo. L Iva viene calcolata anche sul valore dell imposta di consumo e sull addizionale regionale. 3.8 Quanto paghiamo Sulla base di questo schema è possibile calcolare la spesa di una famiglia. Considerato che il consumo medio di una persona in Italia è pari ad oltre 500 metri cubi a persona all anno, una famiglia di tre persone consuma metri cubi all anno. Applicando lo schema sopra riportato, quella famiglia spenderebbe all anno circa 1.170,00 euro. Componenti tariffarie euro/anno Quota fissa Vendita 3,60 Distribuzione 30,00 Totale quota fissa Quota variabile Primo scaglione 35,94 Secondo scaglione 196,04 Terzo scaglione 474,47 Totale quota variabile 706,45 Totale tariffa 740,05 Imposta sui consumi Primo scaglione 11,58 Secondo scaglione 233,82 Totale imposta consumi 245,40 Addizionale regionale Primo scaglione 5,79 Secondo scaglione 34,83 Totale addizionale regionale 40,62 Totale tariffa 1.026,06 Iva 150,05 Totale 1.176,

17 Capitolo III Fornitura di gas naturale Di solito vengono emesse più bollette nel corso dell anno (due, tre o quattro), per consentire un pagamento frazionato da parte dell utente. Le bollette sono emesse periodicamente sulla base della lettura del contatore da parte della società di gestione o direttamente da parte dell utente (telelettura). Di solito alcune letture vengono effettuate in via presuntiva, sulla base dei consumi storici di quell utente. 3.9 Chi decide la tariffa In Italia la tariffa del gas è regolata dall Autorità Nazionale per l Energia elettrica e il Gas, sulla base di un metodo definito a livello nazionale. In realtà l Autorità stabilisce le tariffe sia di vendita che di distribuzione per gli utenti che hanno scelto il mercato vincolato (che non hanno cambiato fornitore e scelto il mercato libero), mentre stabilisce solo la tariffa di distribuzione per gli utenti che operano sul mercato libero. La tariffa viene aggiornata ogni trimestre per la componente variabile costo del gas, in modo da tenere conto costantemente delle fluttuazioni del prezzo della materia prima, prezzo di solito legato all andamento di quello del petrolio. Nel mercato libero, le modalità di aggiornamento devono essere specificate nel contratto. Le altre componenti della tariffa variabile vengono aggiornate dall Autorità, alcune con cadenza trimestrale, altre annuale. Al contrario, non esistono scadenze definite per l aggiornamento delle quote fisse. In linea generale l Autorità di Ambito procede a regolare le tariffe di sua competenza secondo i seguenti criteri: 1) la tariffa tiene conto periodicamente delle variazioni del costo della materia prima. È per questo motivo che gli utenti hanno visto scendere o risalire la bolletta negli ultimi anni 2) la tariffa tiene conto degli investimenti effettuati e da effettuare sulla rete, del loro costo e della remunerazione del capitale investito da parte dell operatore della distribuzione 3) la tariffa tiene conto dell altitudine del Comune e del potere calorifico del gas venduto in ogni specifico territorio 4) la tariffa viene adeguata all inflazione programmata. Due operatori distinti In ogni Comune esiste un solo soggetto abilitato alla distribuzione (monopolista per alcuni anni) e molti soggetti autorizzati alla vendita. Per conoscere gli operatori autorizzati alla vendita nel proprio Comune basta consultare il sito web dell Autorità nazionale. Quando chiediamo un allacciamento ci possiamo rivolgere sia al venditore scelto da noi liberamente sul mercato, sia al distributore locale. N. verde Servizio di informazione sulla liberalizzazione dei mercati dell elettricità e del gas promosso dall Autorità per l energia elettrica e il gas e attivato dall Acquirente Unico fax verde Domande e risposte La vendita di gas è libera da alcuni anni, devo per forza cambiare il mio contratto? No. La possibilità di scegliere sul libero mercato è un opportunità per le famiglie, non un obbligo. Se non si fa alcuna scelta sul libero mercato, vale il contratto preesistente alla liberalizzazione. Se scelgo il libero mercato devo per forza cambiare operatore? No. Offerte di servizi e tariffe sul libero mercato possono essere ricevute sia dall operatore preesistente, sia da nuovi operatori. Se non scelgo il libero mercato, pago di più? Chi non sceglie il libero mercato beneficia di una tariffa interamente regolata dalla Autorità Nazionale dell energia elettrica e del gas. Per capire se conviene o meno occorre confrontare questa tariffa con quelle sul libero mercato. Un volta scelto il libero mercato, posso tornare a pagare la tariffa regolata non di libero mercato? Sì. È sempre possibile chiedere al proprio operatore della vendita di applicare la tariffa interamente regolata dall Autorità. Pago il servizio anche se non consumo gas? In piccola parte. In bolletta sono previste due quote fisse, una per il servizio vendita e una per il servizio distribuzione. Non pesano molto sul totale della bolletta (circa il 3% per una famiglia media). La tariffa gas disincentiva i consumi impropri? No. Più gas consumiamo, meno paghiamo al metro cubo. È comunque utile 32 33

18 Capitolo III Fornitura di gas naturale fare molta attenzione ai consumi di gas, specie quelli legati al riscaldamento, perchè la tariffa è comunque molto costosa ed il consumo di gas produce ricadute sull effetto serra. Esiste un contratto per il servizio? Sì. Quando ci si allaccia alla rete si sottoscrive un contratto di vendita del gas. Quando si sceglie il mercato libero si sottoscrive un diverso contratto. Occorre fare molta attenzione alle clausole contrattuali che si sottoscrivono. L Autorità nazionale ha definito le modalità di redazione della carta dei servizi, che l utente deve poter conoscere contattando il proprio operatore della vendita. È il gestore del servizio decide le tariffe? Solo se si è scelto il mercato libero. Nel caso si sia rimasti legati al mercato vincolato (mantenendo il contratto preesistente alla liberalizzazione), la tariffa è interamente regolata dall Autorità Nazionale per l Energia elettrica e il gas. reclamo non dovesse andare a buon fine, è possibile tentare di risolvere la controversia rivolgendosi al Servizio di conciliazione della Camera di commercio; è stata infatti avviata una collaborazione tra Camera di commercio, Confservizi e Agenzia dei Servizi Pubblici del Comune di Torino, per l utilizzo dei Servizi di conciliazione delle Camere di commercio in caso di controversie con le aziende che erogano servizi pubblici. Esistono agevolazioni per le famiglie a basso reddito? Attualmente non sono previste condizioni di fornitura del gas agevolate per i clienti in difficoltà. L Autorità ha però stabilito che ciascun Comune ha la possibilità di introdurre una quota tariffaria aggiuntiva con finalità sociali, non superiore all 1% della quota variabile della tariffa di distribuzione. I fondi ricavati da questa quota devono essere utilizzati dai servizi sociali dei Comuni stessi per finanziare le spese per la fornitura di gas di clienti disagiati, anziani o disabili. Spetta quindi a ciascun Comune decidere se applicare o meno questa quota aggiuntiva. Perché le tariffe si modificano così spesso? Principalmente perché la tariffa gas segue il valore del prezzo del petrolio sui mercati internazionali. Ogni quanto viene aggiornata la tariffa? Nel mercato vincolato, ogni tre mesi per l aggiornamento delle componenti tariffarie da parte dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. Nel mercato libero secondo le modalità stabilite nel contratto. Perché le tariffe sono diverse da città a città? Le tariffe in genere risentono di alcuni fattori locali: altitudine, livello degli investimenti, potere calorifico del gas. Come faccio a capire se la bolletta è corretta? La bolletta contiene in modo chiaro tutti i calcoli che servono per comporre il totale. È necessario prima di tutto controllare se il consumo di gas indicato corrisponde al vero, controllando il contatore. In caso di valori sbagliati o di quantità eccessive, è bene contattare subito la società di vendita per chiarimenti. Che fare se c è qualcosa che non va nella bolletta? Prima di tutto contattare il gestore (numero verde o sportello) per chiedere chiarimenti, avendo disponibile la bolletta ed il codice cliente. È anche opportuno contattare l ATO (o il Comune) di riferimento. In caso di contenzioso è utile chiedere al gestore le procedure previste per il reclamo. Inoltre, anche quando il 34 35

19 Capitolo IV Fornitura di energia elettrica 4.1 Tutti paghiamo la bolletta dell energia elettrica Più o meno tutti riceviamo la bolletta dell energia elettrica. La quasi totalità della popolazione è infatti allacciata alla rete elettrica, perché è praticamente impossibile vivere senza questo servizio. 4.2 Cosa paghiamo: vendita e distribuzione Paghiamo la bolletta perché riceviamo un servizio. Ma in cosa consiste esattamente questo servizio? In Italia con la bolletta paghiamo la fornitura a domicilio di energia elettrica, energia molto comoda che utilizziamo per servizi diversi: ad esempio, il frigorifero, il forno elettrico, la lavatrice, il giradischi, l illuminazione, il computer, ecc.. In realtà con la bolletta paghiamo una catena di attività molto diverse fra loro e gestite da operatori distinti: 1) la produzione di energia elettrica, attività svolta da molteplici fonti di produzione (centrali termoelettriche, geotermiche, idroelettriche, o alimentate ad altre fonti rinnovabili, importazione di energia dall estero); esistono molte società che producono energia, mercato che ormai è libero 2) il trasporto di energia elettrica in altissima, alta e media tensione, sono le grandi infrastrutture di trasporto nazionali, tralicci e cavi; la proprietà e la gestione di queste infrastrutture è affidata ad una unica società, chiamata Terna 3) la distribuzione locale: si tratta della rete cittadina dell energia, quella a cui ci allacciamo. Questo servizio è fornito da un unica società in ogni area, ma in Italia esistono società diverse nelle varie città 4) la vendita di energia elettrica, attività commerciale di operatori che garantiscono la consegna dell energia presso le abitazioni. È un mercato libero da alcuni anni. In realtà paghiamo anche altre cose oltre ai costi puri industriali: alle tasse si aggiungono gli oneri di sistema diversi, come ad esempio il costo della dismissione delle centrali nucleari, il costo degli incentivi alle fonti rinnovabili, ecc. 37

20 Capitolo IV Fornitura di energia elettrica 4.3 Un servizio complesso e strategico Il servizio di fornitura di energia elettrica è complicato. Perché l energia elettrica arrivi nelle abitazioni per essere venduta ai clienti domestici, deve essere prodotta in appositi impianti e trasportata sulle reti di trasmissione nazionali e di distribuzione locali fino al contatore. Le attività di trasmissione e distribuzione restano gestite in esclusiva dagli stessi operatori che l hanno fatto fino ad oggi, perché non sarebbe conveniente realizzare nuove reti in concorrenza con quelle esistenti. L energia elettrica non si può stoccare, così la produzione (offerta) deve rispondere tempestivamente ai nostri consumi (domanda). Così nei momenti di picco di domanda, le centrali vanno accese (o va aumentata l importazione), altrimenti si rischia il black out. Nei momenti di calo di domanda le centrali vanno spente. A mettere in contatto le centrali di produzione con le nostre case provvede una rete di trasporto molto complicata (altissima, alta, media e bassa tensione), interconnessa a scala nazionale. Poiché le fonti di produzione sono distribuite in modo irregolare in Italia mentre la domanda è sparsa in tutto il territorio, la rete deve stare continuamente in equilibrio (bilanciamento della rete). eurocent T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T Legenda È il sito della Autorità nazionale per l energia elettrica e il gas, organismo indipendente di regolazione nazionale dei mercati energetici. Sul sito è possibile trovare, in particolare nella sessione consumatori tutte le informazioni sulle tariffe elettriche e del gas, sugli aspetti legati alla liberalizzazione di questi mercati, sui contratti. Informazioni a livello locale devono essere richieste al Comune, al proprio operatore della vendita e all operatore della distribuzione locale. 4.4 Cosa paghiamo: tutti i costi industriali, oneri di sistema e tasse Con la bolletta siamo chiamati a pagare tutte le fasi industriali del servizio, dalla produzione di energia elettrica alla consegna a domicilio. La bolletta non sempre distingue i costi di produzione, trasporto e distribuzione, dai costi di vendita. La figura seguente indica l andamento delle tariffe negli ultimi anni distinguendo fra tariffa di vendita, oneri di sistema e peso fiscale. 4.5 Possiamo scegliere Oneri generali di sistema Costi di rete e di approvvigionamento Imposte Dal luglio 2007 anche i consumatori domestici di energia elettrica possono scegliere sul libero mercato da chi farsi consegnare l energia a casa. Il mercato della vendita è stato infatti liberalizzato e non siamo obbligati ad avere un contratto con l operatore di sempre, il monopolista locale prima della liberalizzazione. Scegliere il mercato libero non è però obbligatorio, è una possibilità per le famiglie. Se non facciamo niente rimaniamo serviti dall operatore storico, beneficiando di un sistema tariffario interamente regolato dall Autorità Nazionale per l Energia Elettrica e il Gas, a condizioni chiamate di maggior tutela. Se optiamo per il mercato libero, possiamo confrontare offerte fatte sia del nostro operatore storico, sia da operatori diversi. La legge prevede che se l utente non sceglie il mercato libero, l operatore storico è tenuto a continuare a fornire il servizio energia elettrica alle condizioni tariffarie interamente definite dall Autorità nazionale (condizioni di maggior tutela )

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO ACQUEDOTTO CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO CITTÀ DI AOSTA REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO Via Parigi 196 11100 Aosta Tel. 0165.300.600 - Fax: 0165.554.961 www.comune.aosta.it

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10

ALLEGATO C ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ARTICOLAZIONE TARIFFARIA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELL'AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 7 RAVENNA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2012 COMUNE DI RAVENNA BACINO

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia Allegato 2 alla Deliberazione n. 2 dell Assemblea Consortile dell 8 maggio 2009 REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La nuova tariffa bioraria Il 1 luglio del 2010 entreranno in vigore le nuove tariffe biorarie fissate dall'autorità per l'energia Elettrica

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO INDICE CAPO I CONDIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA

T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA Rif. Norma UNI EN ISO 9001:2008 - Rev. 01 del 22/12/2011

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli