Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro."

Transcript

1 Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro.

2 Indice Premessa...5 Capitolo primo Servizio Idrico Integrato 1.1 Tutti paghiamo la bolletta dell acqua Cosa paghiamo: il servizio idrico integrato Un servizio vitale e poco visibile Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e tasse Non possiamo scegliere, siamo vincolati Come si calcola la bolletta Aspetti fiscali Quanto paghiamo Chi decide la tariffa Domande e risposte...13 Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di Torino. Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione a terzi. Coordinamento editoriale: Settore Conciliazione e Regolazione del mercato, Camera di commercio di Torino Coordinamento grafico: Settore Comunicazione esterna, Camera di commercio di Torino Ideazione grafica copertina: Art Collection Snc Ideazione grafica interno: Animatif Comunicazione Stampa: CAST Industrie Grafiche - Moncalieri (TO) Finito di stampare: maggio 2009 Capitolo secondo Gestione dei rifiuti urbani 2.1 Tutti paghiamo la tariffa o la tassa rifiuti Cosa paghiamo: il servizio di gestione dei rifiuti urbani Un servizio che ci coinvolge direttamente Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e tasse Non possiamo scegliere, siamo vincolati Come si calcola la bolletta Tassa per lo smaltimento dei rifiuti (TARSU) Tariffa di igiene urbana (TIA) Aspetti fiscali Quanto paghiamo Chi decide la tariffa La responsabilità degli istruttori

3 Capitolo terzo Fornitura di gas naturale 3.1 Non tutti paghiamo la bolletta del gas Cosa paghiamo: vendita e distribuzione Un servizio che viene da lontano Cosa paghiamo: tuti i costi industriali e molte tasse Possiamo scegliere chi ci fornisce il servizio Come si calcola la bolletta Aspetti fiscali Quanto paghiamo Chi decide la tariffa Domande e risposte...33 Capitolo quarto Fornitura di energia elettrica 4.1 Tutti paghiamo la bolletta dell energia elettrica Cosa paghiamo: vendita e distribuzione Un servizio complesso e strategico Cosa paghiamo: tuti i costi industriali, oneri di sistema e tasse Possiamo scegliere Come si calcola la bolletta Aspetti fiscali Quanto paghiamo Chi decide la tariffa Domande e risposte...44 Premessa La collana Guide ai diritti, volta a fornire e diffondere in modo semplice e immediato la normativa a tutela del consumatore, nasce per stimolare lo studio e l approfondimento delle tematiche relative alla regolazione del mercato. La Camera di commercio di Torino, curando la redazione di questa collana, intende rispondere efficacemente alla sua funzione istituzionale di regolazione del mercato e tutela del consumatore, attraverso la diffusione di informazioni chiare e trasparenti che favoriscano lo sviluppo di un consumo consapevole e facilitino un corretto svolgimento dei rapporti contrattuali tra consumatori e professionisti. La collana Guida ai diritti, la cui supervisione scientifica è affidata alla Commissione di regolazione del mercato, composta dal professor Sergio Chiarloni, dalla professoressa Lucia Delogu e dal professor Raffaele Caterina, si propone inoltre di rafforzare la collaborazione con le associazioni dei consumatori e degli operatori stimolando il confronto e l individuazione di una piattaforma di conoscenze comuni e condivise, ma anche di promuovere e finanziare l attività di ricerca in materia di consumeristica attraverso una sempre maggior collaborazione con l Università degli Studi di Torino. Il volume Dubbi sulle bollette? Vai sul sicuro è stato realizzato dalla Fondazione per l Ambiente Teobaldo Fenoglio, ed è finalizzata ad illustrare come sono formate le tariffe dei servizi pubblici essenziali: acqua, rifiuti, gas, energia elettrica. Torino, maggio

4 Capitolo I Servizio Idrico Integrato 1.1 Tutti paghiamo la bolletta dell acqua Tutti noi riceviamo periodicamente la bolletta dell acqua. Tutti siamo infatti allacciati alla rete idrica per la fornitura di acqua potabile e alla rete fognaria per l allontanamento delle acque di scarico. Anche se in teoria se ne può fare a meno come nel caso di alcune case sparse, quasi tutte le famiglie in Italia beneficiano di questo servizio e quindi pagano la bolletta. 1.2 Cosa paghiamo: il servizio idrico integrato Paghiamo la bolletta perché riceviamo un servizio. Ma in cosa consiste esattamente questo servizio? In Italia con la bolletta paghiamo il Servizio Idrico Integrato, ovvero l insieme di tutte le attività che consentono di avere acqua potabile in casa e di scaricare correttamente le acque sporche. Più in dettaglio il servizio consiste in: 1) fornitura di acqua potabile (acquedotto), attività che comprende: a) il prelievo di acqua dall ambiente naturale (fiume, falda, lago, mare) inclusa la protezione ambientale delle aree dalle quali l acqua è prelevata b) il trattamento dell acqua estratta dall ambiente, al fine di renderla potabile e idonea all uso umano e alimentare c) la distribuzione in rete dell acqua nelle diverse fasi del trasporto (grandi tubature), dello stoccaggio in serbatoi, della distribuzione nella rete stradale, fino alla consegna alle abitazioni (allacciamento) con il relativo contatore. Tutto ciò che accade dopo il contatore non fa più parte del servizio idrico integrato (impianto idraulico interno, eventuali dispositivi di trattamento dell acqua potabile, autoclave, ecc.) 2) servizio di fognatura, attività che consiste nella possibilità per l utente di scaricare l acqua utilizzata e sporcata in casa, in una specifica tubatura stradale che ne consente l allontanamento fino ad un impianto di trattamento. Le abitazioni possono prevedere lo scarico diretto nella fognatura, oppure un pretrattamento tramite una fossa settica o biologica. Il funzionamento di questo impianto non fa parte del Servizio Idrico Integrato. Nelle fognature pubbliche confluiscono anche le acque meteoriche (la 7

5 Capitolo I Servizio idrico integrato pioggia) in caso di esistenza di fognatura mista : in questo caso con la bolletta si paga anche questo servizio. Nell ipotesi di fognatura separata (acque chiare e acque scure), con la bolletta si paga (o si dovrebbe pagare) solo la fognatura nera 3) servizio di depurazione, attività che consiste nel trattamento delle acque sporche trasportate dalla fognatura, prima del rilascio dell acqua nell ambiente naturale (fiume, mare, lago), in modo da ridurre al minimo l inquinamento di queste acque. In Italia tutti i servizi idrici sopra indicati sono forniti da un unico operatore. 1.3 Un servizio vitale e poco visibile Il servizio idrico integrato è indispensabile per la nostra vita quotidiana, ma non è facilmente visibile. Ogni utente tocca con mano ogni giorno solo l acqua che esce dal rubinetto (e avverte il disagio se il servizio viene interrotto), ma non vede e spesso non sa cosa accada prima e dopo. Quanti di noi sanno da dove viene l acqua che consumiamo, dove è l impianto di potabilizzazione o di depurazione? A Torino, ad esempio, si trova sulla riva sinistra del Po a monte della confluenza del Sangone. Il Servizio Idrico Integrato è un servizio sempre più complesso, disciplinato da leggi ambientali molto severe e sempre più sofisticate e da norme tecniche molto rigorose. Per essere considerata potabile l acqua deve rispettare limiti di legge e subire controlli continui (molto più frequenti e rigorosi di quelli utilizzati per verificare le acque minerali). La legge inoltre prevede che tutte le case (tranne quelle isolate) debbano essere servite da fognatura, le quali devono essere collegate ad impianti di depurazione sempre più sofisticati. Il Servizio Idrico Integrato è fatto di impianti e di reti, infrastrutture molto costose che devono essere mantenute sempre in piena efficienza, per consegnare ad ogni famiglia acqua in quantità sufficiente e di buona qualità, per evitare le perdite di rete nell acquedotto, rotture delle fognature e problemi di gestione negli impianti di trattamento. Quando si paga la bolletta paghiamo quindi un servizio complesso e costoso. È il sito del Comitato di Vigilanza sull uso delle risorse idriche, una specie di Autorità nazionale di regolazione economica del settore. Nel sito è possibile trovare tutte le informazioni sul servizio idrico integrato, sul metodo tariffario in vigore, sulle attività degli Ambiti Territoriali ottimali. A livello locale informazioni utili sono disponibili sui siti web dell Autorità di Ambito, del proprio Comune e del gestore. 1.4 Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e tasse Con la bolletta siamo chiamati a pagare integralmente il costo che viene sostenuto per la gestione del Servizio Idrico Integrato prima descritto. Fino ad alcuni anni fa la con le bollette si pagava solo una parte dei costi del servizio: molte opere venivano finanziate con contributi pubblici, i Comuni coprivano una parte dei costi con la fiscalità generale. Per questo per molti anni le bollette dell acqua sono state poco costose per le famiglie. Nella seconda metà degli anni 90 la legge italiana ha previsto che i costi del servizio dovessero essere integralmente coperti delle tariffe, quindi dalle bollette degli utenti. Questo prevede anche la normativa Europea (Direttiva 2000/60/ CE, art.9). 1.5 Non possiamo scegliere, siamo vincolati Il Servizio Idrico Integrato è un monopolio naturale. Non sembra conveniente infatti né consentire la duplicazione della rete di acquedotto e fognaria in modo da consentire l offerta di servizi di più operatori su reti diverse, né sembra ancora possibile (come invece avviene per i casi di gas ed elettricità) autorizzare una pluralità di venditori che utilizzano la stessa infrastruttura. Per questo esiste una tariffa e non un prezzo dell acqua. Il Metodo tariffario è stato concepito quindi per tutelare il consumatore in un servizio in cui non esiste concorrenza. Siamo tutti obbligati (clienti vincolati) a ricevere il servizio idrico dal gestore monopolista che opera nell area geografica in cui abitiamo. Il Metodo tariffario da un lato e il fatto che le tariffe siano decise dai Comuni riuniti in ATO dall altro, tutelano i consumatori dal potenziale abuso di un gestore monopolista che non è sottoposto a concorrenza. 1.6 Come si calcola la bolletta Il calcolo della bolletta dell acqua è disciplinato da una normativa molto complessa, spesso poco conosciuta dagli utenti. 8 9

6 Capitolo I Servizio idrico integrato Note 10 Più o meno paghiamo il Servizio Idrico Integrato sulla base della quantità di acqua che consumiamo: per questo esiste un contatore che misura la quantità di acqua potabile che acquistiamo dal servizio idrico, ovvero dalla rete. Per il servizio di fognatura e depurazione la legge considera che il 100% dell acqua potabile consumata venga scaricata. In realtà il sistema di calcolo della bolletta è più complicato: 1) esiste infatti una piccola quota fissa che paghiamo anche se non consumiamo una goccia di acqua. Una quota di denaro che serve a coprire le spese del noleggio del contatore e in parte i costi di investimento, costi che esisterebbero anche se paradossalmente nessuno consumasse più acqua 2) la quota variabile della tariffa viene calcolata invece in relazione all acqua effettivamente consumata e misurata dal contatore. Il sistema di calcolo però non è lineare (come il prezzo della benzina, per esempio). La legge italiana infatti, per scoraggiare lo spreco di acqua, utilizza un sistema chiamato a blocchi crescenti: più acqua consumi, maggiore è il costo unitario (al litro) dell acqua. Al tempo stesso la legge italiana per agevolare i consumi essenziali di acqua applica una tariffa bassa (inferiore alla media) al primo scaglione. Il costo al metro cubo degli scaglioni successivi invece cresce costantemente. Esempio: tariffa 2007 SMAT Torino Quota fissa euro /anno Acquedotto 6,72 Fognatura 1,44 Depurazione 3,84 Totale quota fissa 12,00 Quota variabile Scaglioni (mc/anno) Tariffa euro/mc Acquedotto Tariffa agevolata ,2014 Tariffa base ,5035 Prima eccedenza ,6546 Seconda eccedenza ,1127 Terza eccedenza oltre 304 1,6135 Fognatura flat 1 0,1398 Depurazione flat 0,3727 (1) Quando si indica la dicitura flat, lo scaglione è unico su tutti i consumi. 1.7 Aspetti fiscali Sul totale del calcolo tariffario viene applicata l Iva con una aliquota agevolata al 10%. Esiste un altra componente fiscale nascosta dentro la bolletta. Il prelievo di acqua dall ambiente infatti è sottoposto ad una tassa statale riscossa dalle province (canone di derivazione) 2, il cui importo oggi in Italia è molto basso, inferiore all 1%. 1.8 Quanto paghiamo Sulla base di questo schema è possibile calcolare la spesa di una famiglia. Considerato che il consumo medio di una persona in Italia è di circa 200 litri al giorno, una famiglia di tre persone consuma 600 litri al giorno, circa 220 metri cubi all anno. Applicando lo schema sopra riportato quella famiglia spenderebbe all anno circa 242,00 euro, poco più di 1,00 euro al metro cubo di tariffa media, così ripartito. Componenti della tariffa euro/anno Acquedotto Quota fissa acquedotto 6,72 Quota variabile 1 scaglione 17,12 Quota variabile 2 scaglione 33,23 Quota variabile 3 scaglione 45,17 Totale acquedotto 102,24 Fognatura Quota fissa fognatura 1,44 Quota variabile 30,76 Totale fognatura 32,20 Depurazione Quota fissa depurazione 3,84 Quota variabile 81,99 Totale depurazione 85,83 TOTALE SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 220,27 Iva (10%) 22,03 TOTALE BOLLETTA 242,29 (2) Si tratta di una tassa sull estrazione dell acqua dall ambiente sotterraneo. Note 11

7 Capitolo I Servizio idrico integrato Come si vede il servizio acquedotto è la parte più costosa della bolletta pari a circa il 42% del totale. Il servizio depurazione pesa per circa il 35% ed il servizio fognatura il 13%. La componente fiscale incide per circa il 9%. La quota fissa pesa per il 5%, la quota variabile per il 95%. Stesso sistema per famiglie diverse Il sistema tariffario italiano è concepito per una famiglia media. Il sistema di calcolo non considera infatti il numero dei componenti del nucleo familiare. Così una famiglia composta da una persona paga la stessa quota fissa di una famiglia composta da 6 persone. Al tempo stesso una famiglia di una persona ha a disposizione lo stesso scaglione di tariffa agevolata (per esempio 80 metri cubi) di una famiglia di 6 persone. Un meccanismo in parte iniquo che si sta cercando di correggere. Di solito vengono emesse più bollette nel corso dell anno (due, tre o quattro), per consentire un pagamento frazionato da parte dell utente. Le bollette sono emesse periodicamente sulla base della lettura del contatore da parte della società di gestione o direttamente da parte dell utente (telelettura). Bollette condominiali L utente paga esattamente l acqua da lui consumata solo se ha un contatore proprio, cosa possibile nelle abitazioni con uno o pochi appartamenti. Nei condomini di solito esiste un contatore condominiale che registra i consumi di tutti gli utenti di quello stabile. L amministratore del condominio (talvolta avvalendosi di società specializzate) provvede a pagare la società di gestione e a ripartire il consumo ai singoli utenti sulla base di contatori personali o di frazionamenti sulla base delle superfici occupate o, in alcuni casi, in base al numero dei componenti della famiglia. 1.9 Chi decide la tariffa La competenza di questo servizio è dei Comuni riuniti in Consorzi chiamati Ambiti Territoriali Ottimali (ATO). Gli ATO decidono le caratteristiche del servizio da fornire a cittadini, gli investimenti da effettuare, scelgono il gestore incaricato di svolgere il servizio e decidono la tariffa per gli utenti. Anche se la bolletta ci viene inviata dal gestore del servizio, è l ATO a decidere la tariffa, il valore del costo di ogni scaglione e della quota fissa. La componente fiscale è decisa dallo Stato. Nel decidere la tariffa l ATO non può comportarsi liberamente, ma deve rispettare le regole stabilite da un Metodo tariffario deciso a livello nazionale. La tariffa viene aggiornata ogni anno. Nel Piano di ambito è indicato il tasso di aumento o diminuzione della tariffa di ogni anno. Si tratta di un metodo molto complesso che proviamo a riassumere. 1) L ATO definisce i costi operativi del gestore (personale, energia, reagenti, etc) sulla base di costi standard, ritenuti efficienti. Nel tempo i costi operativi del gestore devono ridursi grazie a recuperi di efficienza che il metodo definisce con precisione 2) l ATO definisce il Piano di investimenti, il relativo costo da coprire con la tariffa. Il gestore con quelle risorse tariffarie deve realizzare gli investimenti previsti dall ATO nel Piano di Ambito 3) la tariffa contiene anche la remunerazione del capitale investito, quota di tariffa necessaria per coprire i costi finanziari (prestiti bancari) o la remunerazione del capitale proprio (utili di impresa) 4) la tariffa non può aumentare ogni anno più di un certo tetto definito per legge (circa il 5%), oltre l inflazione programmata. Due metodi tariffari In realtà in Italia coesistono due diversi metodi tariffari. Quello descritto sopra è il nuovo metodo, applicato dai Comuni (riuniti in ATO) che hanno applicato la nuova normativa idrica del Alcuni utenti invece ricevono il servizio e la relativa bolletta in Comuni che non sono ancora passati al nuovo metodo. In questi casi la tariffa è calcolata in modo diverso. Il calcolo è effettuato direttamente dal gestore sulla base di regole diverse da quelle applicate dalle ATO. Per questo quando si passa da un metodo all altro le tariffe aumentano, anche se in realtà il servizio rimane più o meno lo stesso Domande e risposte L acqua è un bene essenziale, perché lo paghiamo? In realtà non paghiamo l acqua, che è un bene pubblico. Paghiamo il servizio di fornitura e allontanamento dell acqua, fatto di investimenti (reti ed impianti) e di costi di gestione (energia, personale, reagenti). Ci viene fornita una quota di acqua gratis per gli usi minimi? No. La tariffa italiana prevede che ai consumi minimi essenziali si applichi una tariffa agevolata, con un costo al metro cubo molto più basso della tariffa media

8 Capitolo I Servizio idrico integrato Pago il servizio anche se non consumo acqua? In piccola parte. In bolletta è prevista una quota fissa. Una volta esisteva il consumo minimo impegnato, meccanismo ora abolito. La tariffa idrica disincentiva lo spreco di acqua? Sì. La tariffa idrica a metro cubo aumenta con l aumentare dei consumi. Usare acqua per scopi impropri (annaffiare i giardini, lavare l auto) può essere molto costoso e in alcuni periodi di siccità proibito dal Comune. Esiste un contratto per il servizio? Sì. Quando ci si allaccia alla rete, si sottoscrive un contratto di somministrazione. Occorre fare molta attenzione alle clausole contrattuali che si sottoscrivono. Il gestore di solito pubblicizza una propria carta dei servizi, obbligatoria nel servizio idrico e che l utente deve richiedere al gestore. chiarimenti, avendo disponibile la bolletta ed il codice cliente. È anche opportuno contattare l ATO (o il Comune) di riferimento. In caso di contenzioso è utile chiedere al gestore le procedure previste per il reclamo. Inoltre, anche quando il reclamo non dovesse andare a buon fine, è possibile tentare di risolvere la controversia rivolgendosi al Servizio di conciliazione della Camera di commercio; è stata infatti avviata una collaborazione tra Camera di commercio, Confservizi e Agenzia dei Servizi Pubblici del Comune di Torino, per l utilizzo dei Servizi di conciliazione delle Camere di commercio in caso di controversie con le aziende che erogano servizi pubblici. Esistono agevolazioni per le famiglie a basso reddito? Non esiste un sistema nazionale di agevolazione per le famiglie a basso reddito. Alcuni Ambiti Territoriali ottimali hanno iniziato a sperimentare delle agevolazioni per gli utenti deboli. È bene verificare presso il proprio ATO. Il gestore del servizio decide le tariffe? No. Le tariffe sono decise dall Autorità di Ambito, un consorzio di Comuni. Il gestore le applica e invia le bollette. Perché le tariffe aumentano? La tariffa deve coprire integralmente i costi del servizio. I costi aumentano in parte per effetto dell inflazione, in parte per gli ingenti investimenti che devono essere realizzati per garantire la qualità del servizio e rispettare le leggi ambientali. Ogni quanto viene aggiornata la tariffa? Ogni anno. Perché le tariffe sono diverse da città a città? Le tariffe sono definite a scala di Ambito Territoriale Ottimale. I diversi ambiti possono presentare costi diversi di gestione del servizio, per motivi geografici, per la necessità di diversi tipi di trattamento e per la differente necessità di investimenti. Come faccio a capire se la bolletta è corretta? La bolletta contiene in modo chiaro tutti i calcoli che servono per comporre il totale. È necessario prima di tutto controllare se il consumo di acqua indicato corrisponde al vero, controllando il contatore. In caso di valori sbagliati o di quantità eccessive di acqua consumata, è bene contattare subito il gestore per chiarimenti. Che fare se c è qualcosa che non va nella bolletta? Prima di tutto contattare il gestore (numero verde o sportello) per chiedere 14 15

9 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani 2.1 Tutti paghiamo la tassa o la tariffa rifiuti Tutti noi riceviamo periodicamente la bolletta dei rifiuti urbani. Alcuni di noi ricevono una cartella fiscale nei Comuni che hanno mantenuto la TARSU (Tassa per la Raccolta e lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani). Alcuni di noi ricevono una fattura commerciale nei Comuni che sono passati dalla tassa alla tariffa e pagano la TIA (Tariffa Igiene Urbana). Al di là del tipo di bolletta che riceviamo, tutti siamo obbligati a pagare per questo servizio. Tassa o tariffa rifiuti, infatti, devono essere pagati da chiunque possegga o detenga a qualsiasi titolo locali esistenti nel territorio comunale. 2.2 Cosa paghiamo: il servizio di gestione dei rifiuti urbani Paghiamo la bolletta perché riceviamo un servizio. Ma in cosa consiste esattamente questo servizio? In Italia con la tassa o la tariffa paghiamo il Servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani, ovvero l insieme di tutte le attività che consentono di recuperare e smaltire correttamente i rifiuti urbani che produciamo ogni giorno nelle nostre abitazioni. Più in dettaglio il servizio consiste in: 1) servizio di spazzamento e lavaggio delle strade, attività che comprende le attività di spazzamento meccanico e manuale e di lavaggio periodico delle strade 2) raccolta dei rifiuti in forma indifferenziata, attività che prevede la rimozione dei rifiuti indifferenziati in diverse modalità (cassonetti, bidoni, porta a porta) e la rimozione dei rifiuti abbandonati in aree pubbliche 3) raccolta dei rifiuti in forma differenziata, attività che prevede la rimozione dei rifiuti differenziati (carta, vetro, plastica, lattine, ecc.) in diverse modalità (cassonetti, bidoni, porta a porta) 4) servizio di trattamento dei rifiuti raccolti in forma differenziata ed indifferenziata, attività che consiste nella gestione di impianti di trattamento e recupero come impianti di selezione, compostaggio e valorizzazione delle frazioni raccolte in forma differenziata ed indifferenziata 17

10 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani 5) servizio di smaltimento, attività che comprende la gestione di impianti di smaltimento finale come gli impianti di termovalorizzazione e le discariche, inclusa la loro gestione post operativa (dopo la chiusura). Il peso dei diversi servizi sulla bolletta varia da località a località. In linea di massima il servizio di spazzamento incide per il 10-15% del totale, i costi di raccolta per circa il %, i costi di smaltimento per il 40-50%, le tasse per il 12-13%. In molti casi un solo operatore effettua tutti i servizi. In altri casi l operatore addetto alla raccolta conferisce i propri rifiuti in impianti gestiti da altri operatori. 2.3 Un servizio che ci coinvolge direttamente Il servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani coinvolge tutti noi direttamente, ogni giorno. Un corretto funzionamento del servizio si basa su comportamenti condivisi da parte degli utenti: non gettare rifiuti a terra, conferire i diversi materiali seconde le regole previste per la raccolta differenziata, organizzare la divisione dei materiali in casa, conferire alcuni rifiuti presso gli appositi centri di raccolta, ridurre la produzione di rifiuti con acquisti intelligenti. Il servizio di gestione dei rifiuti urbani è sempre più complesso, fatto di diversi sistemi di raccolta e da un sistema di impianti complessi e costosi. Il servizio è disciplinato da leggi ambientali molto severe e sempre più sofisticate e da norme tecniche molto rigorose. In Italia sono in vigore norme che prevedono il raggiungimento di obiettivi minimi molto ambiziosi di raccolta differenziata, il servizio deve quindi essere organizzato in modo da consentirne il raggiungimento. Anche per gli impianti (discariche, termovalorizzatori) le norme europee ed italiane sono molto stringenti e prevedono standard costruttivi e gestionali molto complessi. Quando si paga la bolletta paghiamo quindi un servizio complesso e costoso. È il sito dell Osservatorio nazionale sui rifiuti, struttura del Ministero dell Ambiente dedicata a questo settore. Sul sito è possibile trovare molte informazioni sulla gestione dei rifiuti urbani, sui costi e le tariffe, sulle attività degli Ambiti Territoriali Ottimali. A livello locale informazioni utili sono disponibili sui siti web dell Autorità di Ambito, del proprio Comune e del gestore. 2.4 Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e tasse Con la bolletta (tassa o tariffa) siamo chiamati a pagare integralmente il costo che viene sostenuto per la gestione del servizio di gestione dei rifiuti urbani prima descritto. I rifiuti sono infatti considerati un fattore di inquinamento e la normativa europea prevede il principio chi inquina paga. In realtà per i Comuni che applicano la tassa non è previsto l obbligo di copertura integrale dei costi sostenuti dal Comune stesso per la gestione dei rifiuti urbani: molte opere venivano finanziate con contributi pubblici, i Comuni coprivano una parte dei costi con la fiscalità generale. L obbligo di copertura integrale dei costi invece è esplicita per i Comuni che passano a tariffa. Anche per questo il passaggio da tassa a tariffa può cambiare la spesa che ogni famiglia sostiene per questo servizio. 2.5 Non possiamo scegliere, siamo vincolati Il servizio di gestione dei rifiuti urbani per le famiglie è un monopolio locale legale. Non sembra conveniente infatti liberalizzare questo settore, ovvero consentire ad ogni famiglia di scegliere liberamente il fornitore del servizio. Il Metodo tariffario è stato concepito quindi per tutelare il consumatore in un servizio in cui non esiste concorrenza. Siamo tutti obbligati (clienti vincolati) a ricevere il servizio di gestione dei rifiuti urbani dal gestore monopolista che opera nell area geografica in cui abitiamo. Il metodo tariffario da un lato e il fatto che le tariffe siano decise dai Comuni riuniti in ATO, tutelano i consumatori dal potenziale abuso di un gestore monopolista che non è sottoposto a concorrenza. 2.6 Come si calcola la bolletta Per capire come viene calcolata la bolletta dobbiamo prima di tutto capire se siamo sottoposti, nel nostro Comune, alla tassa o alla tariffa. Vediamo i due sistemi separatamente. 2.7 Tassa per lo smaltimento dei rifiuti (TARSU) In questo caso riceviamo da Comune una cartella per il pagamento di una vera e propria tassa

11 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani Il sistema di calcolo della tassa è abbastanza semplice. Il Comune stabilisce una tariffa al metro quadro per gli utenti domestici, che viene applicata alla superficie dell abitazione in cui viviamo. A questa tariffa viene aggiunta un addizionale (chiamata ex ECA pari al 10% della tariffa). Trattandosi di una tassa, la bolletta non include il calcolo dell Iva. Esiste però una tassa specifica (tributo ambientale provinciale) che viene aggiunta alla bolletta nella misura che ogni Provincia decide, compresa fra l 1 ed il 5 % del valore della TARSU. Il Regolamento Comunale In questo servizio non è mai esistito un vero e proprio contatore che pesa i rifiuti che produciamo, per questo si è sempre ricorso ad una stima parametrica sulla produzione di rifiuti di una famiglia: si presume che la produzione di rifiuti in una abitazione sia proporzionale alla sua superficie. Il Comune nel determinare la tariffa al metro quadro dovrebbe tenere conto della quantità di rifiuti che una famiglia media produce. Il sistema di calcolo è definito nel Regolamento Comunale che riguarda la Tassa. Tale Regolamento è consultabile presso ciascun Comune. ESEMPIO: Tariffa metro quadro: 2,00 euro Addizionale ex ECA = 10% = 0,02 euro Totale = 2,20 euro metro quadro. Nel caso di una abitazione di 80 metri quadri la spesa di una famiglia sarà pari a 176,00 euro l anno. Se la Provincia ha deciso una tassa ambientale del 5%, deve essere aggiunta la cifra di circa 9,00 euro, per un totale di 185,00 euro l anno. La tassa sui rifiuti non è sensibile direttamente al numero dei componenti nel nucleo familiare, ma solo alla superficie. Per questo i Comuni di solito introducono nel regolamento delle agevolazioni per gli utenti composti da una sola persona. 2.8 Tariffa di igiene urbana (TIA) In questo caso riceviamo dal gestore del servizio (non più dal Comune) una vera e propria fattura. Il sistema di calcolo è più complesso rispetto a quello descritto per la TARSU: 1) esiste infatti una quota fissa con cui vengono pagati i costi fissi del servizio (investimenti, personale). La quota fissa varia in ragione del numero di componenti della famiglia secondo una logica decrescente non lineare: più grande è una famiglia, più basso è il valore del costo a persona 2) esiste poi una quota variabile della tariffa che dovrebbe essere applicata alla quantità di rifiuti generati dall utente. Poiché però non esiste un vero e proprio contatore, in molti Comuni in Italia per il calcolo della quota variabile si ricorre ad un valore parametrico di produzione di rifiuti per persona. Anche in questo caso la quota variabile varia in ragione del numero delle persone che compongono la famiglia, secondo una logica decrescente, tesa ad agevolare le famiglie numerose. Facciamo un esempio. Esempio: tariffa 2007 Biella N. Componenti Parte fissa euro/mq Parte variabile euro/anno 2.9 Aspetti fiscali 1 0, , , , , , , , , , , ,62180 Sul totale della bolletta viene applicata l Iva, con un aliquota agevolata al 10%. Anche sulla tariffa viene applicato il tributo ambientale provinciale, deciso dalla provincia in un valore compreso fra l 1 e il 5% della tariffa. Esiste un altra componente fiscale nascosta dentro la bolletta: il conferimento di rifiuti in discarica in Italia è infatti sottoposto al pagamento di un tributo speciale, una tassa ambientale. Tale valore è ricompreso fra i costi di smaltimento

12 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani 2.10 Quanto paghiamo Sulla base di questo schema è possibile calcolare la spesa di una famiglia. Una famiglia di quattro persone, che abita in un appartamento di 100 metri quadri, applicando lo schema sopra riportato spenderebbe all anno circa 310 Euro, così ripartito. Componenti della tariffa euro/anno Quota fissa 102,21 Quota variabile 166,98 Totale 269,19 Iva 10% 26,92 Contributo provinciale 5% 13,46 TOTALE 309,57 Come si vede la quota fissa pesa per il 33%, la quota variabile per il 54 %. La componente fiscale incide per circa il 13%. Di solito vengono emesse più bollette nel corso dell anno (due, tre o quattro), per consentire un pagamento frazionato da parte dell utente. Sistemi di pesatura In alcuni Comuni si stanno sperimentando sistemi di pesatura puntale dei rifiuti prodotti dai singoli utenti o dalle singole abitazioni. Esistono numerose modalità di pesatura dei rifiuti o di sistemi di calcolo basati sulla tariffazione volumetrica: cassonetti intelligenti per i quali si prevede la pesatura dei rifiuti ad ogni svuotamento, pagamento volumetrico legato alla dimensione di bidoni personali, pagamento volumetrico applicato a sacchetti). In questo caso la quota variabile della tariffa è applicata alla quantità di rifiuti effettivamente prodotti da quell utente Chi decide la tariffa La competenza di questo servizio è dei Comuni singoli o dei Comuni riuniti in Consorzi chiamati Ambiti Territoriali Ottimali (ATO). I Comuni o gli ATO decidono le caratteristiche del servizio da fornire a cittadini, gli investimenti da effettuare, scelgono il gestore incaricato di svolgere il servizio e decidono la tariffa per gli utenti. Anche se la bolletta arriva dal gestore, è il Comune o ATO a decidere la tariffa applicata, il valore del costo di ogni scaglione della quota fissa e variabile. La componente fiscale è invece decisa dallo Stato. Nel decidere la tariffa, il Comune o l ATO non può comportarsi liberamente, ma deve rispettare le regole stabilite da un Metodo tariffario deciso a livello nazionale. La TARSU e la tariffa sono aggiornate ogni anno. Nel caso della TARSU il Comune è libero di mantenerla al livello dell anno prima, di diminuirla o di aumentarla, senza dover rispettare alcuna regola precisa. Nel caso della Tariffa il Piano finanziario (annuale) decide i cambiamenti di tariffa ogni anno. Di norma la tariffa è adeguata all inflazione programmata. Si tratta di un metodo molto complesso che proviamo a riassumere. 1) Il Comune o l ATO definisce i costi operativi del gestore (personale, energia, acquisto di servizi, ecc.). Nel tempo i costi operativi del gestore devono ridursi grazie a recuperi di efficienza 2) il Comune o l ATO definisce il Piano di investimenti, il relativo costo da coprire con la tariffa. Il gestore con quelle risorse tariffarie deve realizzare gli investimenti previsti dall ATO nel Piano di Ambito 3) La tariffa contiene anche la remunerazione del capitale investito, quota di tariffa necessaria per coprire i costi finanziari (prestiti bancari) o la remunerazione del capitale proprio (utili di impresa) 4) la tariffa viene adeguata alla inflazione programmata annualmente Domande e risposte Pago in proporzione ai rifiuti che produco? Non esattamente. Nel servizio di gestione dei rifiuti urbani non è possibile utilizzare un contatore (come nell acqua o nel gas) ed i sistemi di misura della produzione di rifiuti di ciascun utente sono ancora in fase sperimentale. Si paga sulla base di un parametro legato ai soli metri quadri dell abitazione che occupiamo e (nella tariffa) al numero dei componenti del nucleo familiare. Pago il servizio anche se non produco rifiuti? Sì. Nel caso non si abiti per un periodo nella propria abitazione, si possono chiedere riduzioni al Comune

13 Capitolo II Gestione dei rifiuti urbani La tariffa disincentiva lo spreco di materiali? Purtroppo no. Non pagando sulla base dei rifiuti davvero prodotti il sistema tariffario non incentiva gli utenti che producono meno rifiuti. Pago la bolletta anche se faccio la raccolta differenziata? Sì. In alcuni casi si ottengono delle riduzioni di tariffa consegnando materiali riciclabili presso centri di raccolta o isole ecologiche. Esiste un contratto per il servizio? No. Il servizio è obbligatorio. L utente deve poter conoscere la carta dei servizi, redatta dal gestore e obbligatoria in questa attività, in cui sono indicate le modalità di svolgimento del servizio e (se si è passati a tariffa) le modalità di calcolo della tariffa. Il gestore del servizio decide le tariffe? No. Le tariffe sono decise dall Autorità di Ambito, un consorzio di Comuni o dai singoli Comuni. Che fare se c è qualcosa che non va nella bolletta? Prima di tutto contattare il gestore (numero verde o sportello) per chiedere chiarimenti, avendo disponibile la bolletta ed il codice cliente. È anche opportuno contattare l ATO (o il Comune) di riferimento. In caso di contenzioso è utile chiedere al gestore le procedure previste per il reclamo. Inoltre, anche quando il reclamo non dovesse andare a buon fine, è possibile tentare di risolvere la controversia rivolgendosi al Servizio di conciliazione della Camera di commercio; è stata infatti avviata una collaborazione tra Camera di commercio, Confservizi e Agenzia dei Servizi Pubblici del Comune di Torino, per l utilizzo dei Servizi di conciliazione delle Camere di commercio in caso di controversie con le aziende che erogano servizi pubblici. Esistono agevolazioni per le famiglie a basso reddito? Non esiste un sistema nazionale di agevolazione delle famiglie a basso reddito. Alcuni Comuni e ATO hanno adottato nei regolamenti misure per il sostegno agli utenti deboli. È bene verificare presso il proprio Comune o ATO. Perché le tariffe aumentano? La tariffa deve coprire integralmente i costi del servizio. I costi aumentano in parte per effetto dell inflazione, in parte per gli ingenti investimenti che devono essere realizzati per garantire la qualità del servizio e gli importanti obiettivi di politica ambientale. Ogni quanto viene aggiornata la tariffa? Ogni anno. Perché le tariffe sono diverse da città a città? Le tariffe sono definite a scala di Ambito Territoriale Ottimale o di Comune. I diversi ambiti possono presentare costi diversi di gestione del servizio, sia per motivi geografici, sia per la differente necessità di investimenti e per le diverse modalità di smaltimento o di raccolta differenziata. Come faccio a capire se la bolletta è corretta? La bolletta nel caso di applicazione della tariffa contiene in modo chiaro tutti i calcoli che servono per comporre il totale. È necessario controllare se i metri quadri indicati ed il numero delle persone che compongono la famiglia siano corretti. In caso di TARSU, la cartella non è di facile lettura, basterà comunque controllare i metri quadri calcolati

14 Capitolo III Fornitura di gas naturale 3.1 Non tutti paghiamo la bolletta del gas Quasi tutti riceviamo la bolletta del gas. La maggior parte della popolazione, specie nelle città, è allacciata alla rete gas. Ma è possibile avere gas in casa in altro modo, tramite le bombole o il deposito esterno di GPL, o fare a meno del gas, scaldando l abitazione con gasolio (o legname) e cucinando con apparecchi elettrici. In questo capitolo verrà descritta soltanto la bolletta che ricevono gli utenti domestici (le famiglie) allacciati alla rete gas. 3.2 Cosa paghiamo: vendita e distribuzione Paghiamo la bolletta perché riceviamo un servizio. Ma in cosa consiste esattamente questo servizio? In Italia con la bolletta paghiamo la fornitura a domicilio di gas naturale, combustibile gassoso che utilizziamo sia per cucinare (uso cucina) che per riscaldare acqua e ambiente (uso termico). In realtà con la bolletta paghiamo una catena di molte attività distinte, gestite da operatori diversi: 1) la vendita del gas, attività fornita da un venditore autorizzato di questo combustibile in una determinata area, il quale se lo procura sul mercato internazionale all ingrosso, da soggetti che estraggono gas dai giacimenti, lo trasportano, lo stoccano e lo distribuiscono fino alla rete di distribuzione locale; è con questo soggetto che stipuliamo il contratto di fornitura 2) la distribuzione del gas, attività di servizio pubblico fornita da un soggetto che ha il compito esclusivo di fare la manutenzione ed eventualmente di provvedere ad estendere la rete locale di distribuzione. La rete di distribuzione di gas è una sola e la sua gestione è affidata dal Comune ad un solo operatore. È questo operatore che procede all allacciamento dell abitazione alla rete comunale 3) il servizio di trasporto nazionale e stoccaggio, si tratta delle grandi infrastrutture di trasporto nazionale, collegate con quelle internazionali e dei depositi di stoccaggio esistenti in alcune parti del paese. Il sistema di trasporto è affidato in Italia ad una unica società, denominata SNAM Rete Gas. 27

15 Capitolo III Fornitura di gas naturale 3.3 Un servizio che viene da lontano Il servizio di fornitura del gas è abbastanza semplice, ma arriva da molto lontano. Attraverso dei tubi il gas arriva dal luogo in cui viene estratto dal sottosuolo a casa nostra. La complessità del servizio è legata da un lato alla realizzazione di una rete che deve rispettare dei criteri di sicurezza (il gas è infatti esplosivo), dall altro alla garanzia di fornire con continuità il gas, attraverso contratti di acquisto di questo prodotto sul mercato nazionale ma soprattutto internazionale. L Italia, infatti, possiede risorse limitate di gas naturale che coprono poco più del 10% del fabbisogno nazionale; il gas che consumiamo proviene prevalentemente dall estero: Algeria, Libia, Olanda, Russia o da altri paesi (via nave). 3.4 Cosa paghiamo: tutti i costi industriali e molte tasse Con la bolletta siamo chiamati a pagare tutte le fasi industriali del servizio, dall acquisto della materia prima, alla consegna a domicilio. Una parte importante della bolletta però è fatta di tasse nazionali e locali (41,5% del totale del costo). Pesano poi il costo della materia prima (circa il 32% del totale), il costo della rete di distribuzione locale per circa l 11%, i costi della struttura di vendita sono del 9%, mentre i costi delle fasi di stoccaggio e di distribuzione nazionale si attestano a circa il 6,5%. È il sito della Autorità nazionale per l energia elettrica e il gas, organismo indipendente di regolazione nazionale dei mercati energetici. Sul sito è possibile trovare, in particolare nella sessione consumatori tutte le informazioni sulle tariffe elettriche e del gas, sugli aspetti legati alla liberalizzazione di questi mercati, sui contratti. Informazioni a livello locale devono essere richieste al Comune, al proprio operatore della vendita e all operatore della distribuzione locale. 3.5 Possiamo scegliere chi ci fornisce il servizio Dal gennaio 2003 anche i consumatori domestici di gas possono scegliere sul libero mercato da chi farsi consegnare il gas a casa. Il mercato della vendita è stato infatti liberalizzato e non siamo obbligati ad avere un contratto con l operatore di sempre, il monopolista locale che operava già prima della liberalizzazione. Scegliere il mercato libero non è però obbligatorio, è una possibilità per le famiglie. Se non facciamo niente rimaniamo serviti dall operatore storico, beneficiando di un sistema tariffario interamente regolato dall Autorità Nazionale per l Energia Elettrica e il Gas. Se optiamo per il mercato libero dobbiamo confrontare offerte fatte sia del nostro operatore storico, sia da operatori diversi. La legge prevede che se l utente non sceglie il mercato libero, l operatore storico è tenuto a continuare a fornire il servizio gas alle condizioni tariffarie interamente definite dalla Autorità nazionale. Se invece l utente sceglie il mercato libero, paga una tariffa proposta dall operatore (non regolato quindi dall Autorità), limitatamente alla parte variabile della tariffa stessa. Gli utenti possono sempre cambiare operatore sul libero mercato, così come possono sempre tornare a beneficiare delle condizioni del mercato vincolato, dopo che hanno scelto le opzioni del libero mercato. Legenda Tasse 41,5% Costo del gas 32,0% Costo della rete locale 11,0% Costi commerciali della vendita 9,0% Stoccaggio e rete di trasporto nazionale 6,5% 3.6 Come si calcola la bolletta Il calcolo della bolletta del gas è disciplinato dai provvedimenti dell Autorità Nazionale per l Energia elettrica e il Gas. Il meccanismo è molto complicato e poco comprensibile per gli utenti. La bolletta inoltre si presenta parzialmente diversa se siamo rimasti sul mercato vincolato o siamo passati al libero mercato. Per prima cosa va detto che paghiamo il servizio gas in ragione della quantità di materia prima che consumiamo: per questo esiste un contatore che misura la 28 29

16 Capitolo III Fornitura di gas naturale quantità di gas che acquistiamo. In realtà paghiamo il potere calorifico di quel gas, ovvero la capacità del gas di produrre calore ed energia. Un particolare calcolo tariffario corregge i metri cubi di gas acquistati da un certo fornitore in potere calorifico standard. Il sistema di calcolo della bolletta è però più complicato: 1) esiste infatti una parte della bolletta fatta di quote fisse, ovvero di importi che paghiamo anche se non consumiamo gas. Vi è poi una quota fissa per il servizio di distribuzione (30,00 euro all anno per utente) ed una per il servizio vendita (3,60 euro all anno ad utente). La quota fissa serve a coprire in parte i costi di investimento, costi che esistono anche se paradossalmente nessuno consumasse più gas 2) la quota variabile della tariffa viene calcolata sul gas effettivamente consumato e misurato dal contatore. Anche in questo caso esistono gli scaglioni di consumo. Al primo scaglione si applica una tariffa agevolata (più bassa della media), il secondo scaglione è il più costoso di tutti, mentre gli scaglioni successivi sono calcolati a prezzi a metro cubo decrescenti. Esempio: tariffa 2007 Torino Scaglioni di consumo (mc) Quota variabile euro/mc , , , , , , , Aspetti fiscali Sul totale della bolletta pesa in modo rilevante il fisco. Come è stato anticipato, circa il % del costo che paghiamo non va infatti a remunerare i costi del servizio ma viene incassato dallo Stato e dalla Regione. Infatti sul totale delle voci di costo tariffarie si applica prima di tutto l imposta nazionale di consumo, una tassa specifica che si applica al gas naturale, riscossa dallo Stato. All imposta nazionale si deve aggiungere l addizionale regionale, riscossa dalle Regioni. L Iva segue un meccanismo differenziato: sulle quote fisse e l imposta di consumo (e addizionale regionale), viene applicata un aliquota del 10%. Sulla quota variabile della tariffa viene applicata un aliquota del 10 % fino a 480 metri cubi di gas consumato ed un aliquota del 20% sopra tale valore di consumo. L Iva viene calcolata anche sul valore dell imposta di consumo e sull addizionale regionale. 3.8 Quanto paghiamo Sulla base di questo schema è possibile calcolare la spesa di una famiglia. Considerato che il consumo medio di una persona in Italia è pari ad oltre 500 metri cubi a persona all anno, una famiglia di tre persone consuma metri cubi all anno. Applicando lo schema sopra riportato, quella famiglia spenderebbe all anno circa 1.170,00 euro. Componenti tariffarie euro/anno Quota fissa Vendita 3,60 Distribuzione 30,00 Totale quota fissa Quota variabile Primo scaglione 35,94 Secondo scaglione 196,04 Terzo scaglione 474,47 Totale quota variabile 706,45 Totale tariffa 740,05 Imposta sui consumi Primo scaglione 11,58 Secondo scaglione 233,82 Totale imposta consumi 245,40 Addizionale regionale Primo scaglione 5,79 Secondo scaglione 34,83 Totale addizionale regionale 40,62 Totale tariffa 1.026,06 Iva 150,05 Totale 1.176,

17 Capitolo III Fornitura di gas naturale Di solito vengono emesse più bollette nel corso dell anno (due, tre o quattro), per consentire un pagamento frazionato da parte dell utente. Le bollette sono emesse periodicamente sulla base della lettura del contatore da parte della società di gestione o direttamente da parte dell utente (telelettura). Di solito alcune letture vengono effettuate in via presuntiva, sulla base dei consumi storici di quell utente. 3.9 Chi decide la tariffa In Italia la tariffa del gas è regolata dall Autorità Nazionale per l Energia elettrica e il Gas, sulla base di un metodo definito a livello nazionale. In realtà l Autorità stabilisce le tariffe sia di vendita che di distribuzione per gli utenti che hanno scelto il mercato vincolato (che non hanno cambiato fornitore e scelto il mercato libero), mentre stabilisce solo la tariffa di distribuzione per gli utenti che operano sul mercato libero. La tariffa viene aggiornata ogni trimestre per la componente variabile costo del gas, in modo da tenere conto costantemente delle fluttuazioni del prezzo della materia prima, prezzo di solito legato all andamento di quello del petrolio. Nel mercato libero, le modalità di aggiornamento devono essere specificate nel contratto. Le altre componenti della tariffa variabile vengono aggiornate dall Autorità, alcune con cadenza trimestrale, altre annuale. Al contrario, non esistono scadenze definite per l aggiornamento delle quote fisse. In linea generale l Autorità di Ambito procede a regolare le tariffe di sua competenza secondo i seguenti criteri: 1) la tariffa tiene conto periodicamente delle variazioni del costo della materia prima. È per questo motivo che gli utenti hanno visto scendere o risalire la bolletta negli ultimi anni 2) la tariffa tiene conto degli investimenti effettuati e da effettuare sulla rete, del loro costo e della remunerazione del capitale investito da parte dell operatore della distribuzione 3) la tariffa tiene conto dell altitudine del Comune e del potere calorifico del gas venduto in ogni specifico territorio 4) la tariffa viene adeguata all inflazione programmata. Due operatori distinti In ogni Comune esiste un solo soggetto abilitato alla distribuzione (monopolista per alcuni anni) e molti soggetti autorizzati alla vendita. Per conoscere gli operatori autorizzati alla vendita nel proprio Comune basta consultare il sito web dell Autorità nazionale. Quando chiediamo un allacciamento ci possiamo rivolgere sia al venditore scelto da noi liberamente sul mercato, sia al distributore locale. N. verde Servizio di informazione sulla liberalizzazione dei mercati dell elettricità e del gas promosso dall Autorità per l energia elettrica e il gas e attivato dall Acquirente Unico fax verde Domande e risposte La vendita di gas è libera da alcuni anni, devo per forza cambiare il mio contratto? No. La possibilità di scegliere sul libero mercato è un opportunità per le famiglie, non un obbligo. Se non si fa alcuna scelta sul libero mercato, vale il contratto preesistente alla liberalizzazione. Se scelgo il libero mercato devo per forza cambiare operatore? No. Offerte di servizi e tariffe sul libero mercato possono essere ricevute sia dall operatore preesistente, sia da nuovi operatori. Se non scelgo il libero mercato, pago di più? Chi non sceglie il libero mercato beneficia di una tariffa interamente regolata dalla Autorità Nazionale dell energia elettrica e del gas. Per capire se conviene o meno occorre confrontare questa tariffa con quelle sul libero mercato. Un volta scelto il libero mercato, posso tornare a pagare la tariffa regolata non di libero mercato? Sì. È sempre possibile chiedere al proprio operatore della vendita di applicare la tariffa interamente regolata dall Autorità. Pago il servizio anche se non consumo gas? In piccola parte. In bolletta sono previste due quote fisse, una per il servizio vendita e una per il servizio distribuzione. Non pesano molto sul totale della bolletta (circa il 3% per una famiglia media). La tariffa gas disincentiva i consumi impropri? No. Più gas consumiamo, meno paghiamo al metro cubo. È comunque utile 32 33

18 Capitolo III Fornitura di gas naturale fare molta attenzione ai consumi di gas, specie quelli legati al riscaldamento, perchè la tariffa è comunque molto costosa ed il consumo di gas produce ricadute sull effetto serra. Esiste un contratto per il servizio? Sì. Quando ci si allaccia alla rete si sottoscrive un contratto di vendita del gas. Quando si sceglie il mercato libero si sottoscrive un diverso contratto. Occorre fare molta attenzione alle clausole contrattuali che si sottoscrivono. L Autorità nazionale ha definito le modalità di redazione della carta dei servizi, che l utente deve poter conoscere contattando il proprio operatore della vendita. È il gestore del servizio decide le tariffe? Solo se si è scelto il mercato libero. Nel caso si sia rimasti legati al mercato vincolato (mantenendo il contratto preesistente alla liberalizzazione), la tariffa è interamente regolata dall Autorità Nazionale per l Energia elettrica e il gas. reclamo non dovesse andare a buon fine, è possibile tentare di risolvere la controversia rivolgendosi al Servizio di conciliazione della Camera di commercio; è stata infatti avviata una collaborazione tra Camera di commercio, Confservizi e Agenzia dei Servizi Pubblici del Comune di Torino, per l utilizzo dei Servizi di conciliazione delle Camere di commercio in caso di controversie con le aziende che erogano servizi pubblici. Esistono agevolazioni per le famiglie a basso reddito? Attualmente non sono previste condizioni di fornitura del gas agevolate per i clienti in difficoltà. L Autorità ha però stabilito che ciascun Comune ha la possibilità di introdurre una quota tariffaria aggiuntiva con finalità sociali, non superiore all 1% della quota variabile della tariffa di distribuzione. I fondi ricavati da questa quota devono essere utilizzati dai servizi sociali dei Comuni stessi per finanziare le spese per la fornitura di gas di clienti disagiati, anziani o disabili. Spetta quindi a ciascun Comune decidere se applicare o meno questa quota aggiuntiva. Perché le tariffe si modificano così spesso? Principalmente perché la tariffa gas segue il valore del prezzo del petrolio sui mercati internazionali. Ogni quanto viene aggiornata la tariffa? Nel mercato vincolato, ogni tre mesi per l aggiornamento delle componenti tariffarie da parte dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. Nel mercato libero secondo le modalità stabilite nel contratto. Perché le tariffe sono diverse da città a città? Le tariffe in genere risentono di alcuni fattori locali: altitudine, livello degli investimenti, potere calorifico del gas. Come faccio a capire se la bolletta è corretta? La bolletta contiene in modo chiaro tutti i calcoli che servono per comporre il totale. È necessario prima di tutto controllare se il consumo di gas indicato corrisponde al vero, controllando il contatore. In caso di valori sbagliati o di quantità eccessive, è bene contattare subito la società di vendita per chiarimenti. Che fare se c è qualcosa che non va nella bolletta? Prima di tutto contattare il gestore (numero verde o sportello) per chiedere chiarimenti, avendo disponibile la bolletta ed il codice cliente. È anche opportuno contattare l ATO (o il Comune) di riferimento. In caso di contenzioso è utile chiedere al gestore le procedure previste per il reclamo. Inoltre, anche quando il 34 35

19 Capitolo IV Fornitura di energia elettrica 4.1 Tutti paghiamo la bolletta dell energia elettrica Più o meno tutti riceviamo la bolletta dell energia elettrica. La quasi totalità della popolazione è infatti allacciata alla rete elettrica, perché è praticamente impossibile vivere senza questo servizio. 4.2 Cosa paghiamo: vendita e distribuzione Paghiamo la bolletta perché riceviamo un servizio. Ma in cosa consiste esattamente questo servizio? In Italia con la bolletta paghiamo la fornitura a domicilio di energia elettrica, energia molto comoda che utilizziamo per servizi diversi: ad esempio, il frigorifero, il forno elettrico, la lavatrice, il giradischi, l illuminazione, il computer, ecc.. In realtà con la bolletta paghiamo una catena di attività molto diverse fra loro e gestite da operatori distinti: 1) la produzione di energia elettrica, attività svolta da molteplici fonti di produzione (centrali termoelettriche, geotermiche, idroelettriche, o alimentate ad altre fonti rinnovabili, importazione di energia dall estero); esistono molte società che producono energia, mercato che ormai è libero 2) il trasporto di energia elettrica in altissima, alta e media tensione, sono le grandi infrastrutture di trasporto nazionali, tralicci e cavi; la proprietà e la gestione di queste infrastrutture è affidata ad una unica società, chiamata Terna 3) la distribuzione locale: si tratta della rete cittadina dell energia, quella a cui ci allacciamo. Questo servizio è fornito da un unica società in ogni area, ma in Italia esistono società diverse nelle varie città 4) la vendita di energia elettrica, attività commerciale di operatori che garantiscono la consegna dell energia presso le abitazioni. È un mercato libero da alcuni anni. In realtà paghiamo anche altre cose oltre ai costi puri industriali: alle tasse si aggiungono gli oneri di sistema diversi, come ad esempio il costo della dismissione delle centrali nucleari, il costo degli incentivi alle fonti rinnovabili, ecc. 37

20 Capitolo IV Fornitura di energia elettrica 4.3 Un servizio complesso e strategico Il servizio di fornitura di energia elettrica è complicato. Perché l energia elettrica arrivi nelle abitazioni per essere venduta ai clienti domestici, deve essere prodotta in appositi impianti e trasportata sulle reti di trasmissione nazionali e di distribuzione locali fino al contatore. Le attività di trasmissione e distribuzione restano gestite in esclusiva dagli stessi operatori che l hanno fatto fino ad oggi, perché non sarebbe conveniente realizzare nuove reti in concorrenza con quelle esistenti. L energia elettrica non si può stoccare, così la produzione (offerta) deve rispondere tempestivamente ai nostri consumi (domanda). Così nei momenti di picco di domanda, le centrali vanno accese (o va aumentata l importazione), altrimenti si rischia il black out. Nei momenti di calo di domanda le centrali vanno spente. A mettere in contatto le centrali di produzione con le nostre case provvede una rete di trasporto molto complicata (altissima, alta, media e bassa tensione), interconnessa a scala nazionale. Poiché le fonti di produzione sono distribuite in modo irregolare in Italia mentre la domanda è sparsa in tutto il territorio, la rete deve stare continuamente in equilibrio (bilanciamento della rete). eurocent T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T4 T1 T2 T3 T Legenda È il sito della Autorità nazionale per l energia elettrica e il gas, organismo indipendente di regolazione nazionale dei mercati energetici. Sul sito è possibile trovare, in particolare nella sessione consumatori tutte le informazioni sulle tariffe elettriche e del gas, sugli aspetti legati alla liberalizzazione di questi mercati, sui contratti. Informazioni a livello locale devono essere richieste al Comune, al proprio operatore della vendita e all operatore della distribuzione locale. 4.4 Cosa paghiamo: tutti i costi industriali, oneri di sistema e tasse Con la bolletta siamo chiamati a pagare tutte le fasi industriali del servizio, dalla produzione di energia elettrica alla consegna a domicilio. La bolletta non sempre distingue i costi di produzione, trasporto e distribuzione, dai costi di vendita. La figura seguente indica l andamento delle tariffe negli ultimi anni distinguendo fra tariffa di vendita, oneri di sistema e peso fiscale. 4.5 Possiamo scegliere Oneri generali di sistema Costi di rete e di approvvigionamento Imposte Dal luglio 2007 anche i consumatori domestici di energia elettrica possono scegliere sul libero mercato da chi farsi consegnare l energia a casa. Il mercato della vendita è stato infatti liberalizzato e non siamo obbligati ad avere un contratto con l operatore di sempre, il monopolista locale prima della liberalizzazione. Scegliere il mercato libero non è però obbligatorio, è una possibilità per le famiglie. Se non facciamo niente rimaniamo serviti dall operatore storico, beneficiando di un sistema tariffario interamente regolato dall Autorità Nazionale per l Energia Elettrica e il Gas, a condizioni chiamate di maggior tutela. Se optiamo per il mercato libero, possiamo confrontare offerte fatte sia del nostro operatore storico, sia da operatori diversi. La legge prevede che se l utente non sceglie il mercato libero, l operatore storico è tenuto a continuare a fornire il servizio energia elettrica alle condizioni tariffarie interamente definite dall Autorità nazionale (condizioni di maggior tutela )

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato La tariffa dell acqua Il D.L. n.201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011, ha disposto il passaggio delle competenze relative alla regolazione

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

FAQ del Progetto Energia: diritti a viva voce

FAQ del Progetto Energia: diritti a viva voce FAQ del Progetto Energia: diritti a viva voce D. Quali sono le imprese che possono vendere l elettricità nel mercato libero? R. L elettricità nel mercato libero NON può essere venduta né dalla società

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas Mauro Antonetti Corso per Energy Manager ANEA Napoli 16 Novembre 2012 Struttura

Dettagli

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo Workshop 1 Quadro normativo Con legge n. 481 del 14 novembre 1995 è stata istituita l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (www.autorita.energia.it) che ha il compito di tutelare gli interessi dei

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL'ARTICOLAZIONE TARIFFARIA

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL'ARTICOLAZIONE TARIFFARIA AUTORITÀ D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DELLA SARDEGNA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL'ARTICOLAZIONE TARIFFARIA Allegato alla Deliberazione del Commissario n 018 del 31 marzo 2011 1. DEFINIZIONI Ai sensi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Pag. 1 di 8 Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

Piano di Azione PROPOSTA

Piano di Azione PROPOSTA Piano di Azione PROPOSTA N GRUPPO AZIONE/RACCOMANDAZIONE A1 PREDISPORRE ED ATTUARE UN PIANO DI EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE Spiegare cos è la tariffa, come si calcola, e cosa paga ; capire quando e perché

Dettagli

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014 2013 Rev. 03 16/01/2014 Metodo tariffario transitorio ai sensi della deliberazione n 585/2012 dell AEEG Definito in conformità alla delibera n. 2 del 04.12.2013 della Conferenza dei Comuni dell Ambito

Dettagli

IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA

IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA ENERGIA VITALE IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA Nelsa Gas srl Sede legale: via Fratelli Induno, 2 20154 Milano Sede amministrativa: via Varesina, 118 22075 Lurate Caccivio (Co) +39 031 393241 nelsagas@pec.netclean.it

Dettagli

GLOSSARIO. Allegato A

GLOSSARIO. Allegato A Allegato A GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili

Dettagli

Faq (domande poste frequentemente)

Faq (domande poste frequentemente) Faq (domande poste frequentemente) Che cos è il servizio idrico integrato? E il servizio disciplinato dall art.141 e seguenti del testo unico ambiente approvato con D.Lgs.152/2006 che comprende la distribuzione

Dettagli

FATTURAZIONE E STRUMENTI PER LA GESTIONE CLIENTI

FATTURAZIONE E STRUMENTI PER LA GESTIONE CLIENTI FATTURAZIONE E STRUMENTI PER LA GESTIONE CLIENTI SERVIZIO IDRICO IN REGIONE LOMBARDIA E BOLLETTA LUIGI VINCI STRUTTURA DELLA GESTIONE CLIENTI MISSION Gestire l area clienti con l obiettivo di assicurare

Dettagli

GLOSSARIO. Allegato A

GLOSSARIO. Allegato A Allegato A GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili

Dettagli

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI (FAQ) - DOMANDE FREQUENTI 1. PERCHÉ SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? Il servizio di raccolta porta a porta si propone di responsabilizzare gli utenti rispetto ai problemi

Dettagli

la natura ringrazia con il GPL

la natura ringrazia con il GPL con il GPL la natura ringrazia Il è un combustibile a basso impatto ambientale con elevato potere energetico e calorifico. Tramite lo stoccaggio in bombola, oltre ai classici utilizzi per cucina e riscaldamento,

Dettagli

La bolletta elettrica nel mercato libero

La bolletta elettrica nel mercato libero Federico Luiso La bolletta elettrica nel mercato libero Indicazioni utili per la comprensione di una bolletta per la fornitura dell energia elettrica Milano, 12 febbraio 2015 Indice Le voci della bolletta

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

Servizio Idrico in Regione Lombardia e Bolletta La Qualità commerciale e la fatturazione dei consumi in A2A C icl c o Id I rico 6 marzo 2012

Servizio Idrico in Regione Lombardia e Bolletta La Qualità commerciale e la fatturazione dei consumi in A2A C icl c o Id I rico 6 marzo 2012 Servizio Idrico in Regione Lombardia e Bolletta La Qualità commerciale e la fatturazione dei consumi in A2A Ciclo Idrico Alberto Hrobat 6 marzo 2012 A2A Ciclo Idrico pag. 3 Il SIVIRI pag. 7 diamo i numeri

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

Elettricità. milioni di euro alimentata in bassa tensione (BT).

Elettricità. milioni di euro alimentata in bassa tensione (BT). GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili

Dettagli

Dati identificativi del cliente (nome/ragione sociale, partita IVA/codice fiscale, indirizzo di fatturazione ecc.)

Dati identificativi del cliente (nome/ragione sociale, partita IVA/codice fiscale, indirizzo di fatturazione ecc.) GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

Allegato 2 Regolamento di attuazione della articolazione tariffaria unica

Allegato 2 Regolamento di attuazione della articolazione tariffaria unica Allegato 2 Regolamento di attuazione della articolazione tariffaria unica Roma, 14 dicembre 2010 Approvata con Delibera 6/10 della Conferenza dei Sindaci STO AATO2 Roma dell Autorità dell Ambito Territoriale

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

ASSOELETTRICA. La riforma delle tariffe elettriche domestiche. Incontro con la stampa Roma, 17 febbraio 2015

ASSOELETTRICA. La riforma delle tariffe elettriche domestiche. Incontro con la stampa Roma, 17 febbraio 2015 ASSOELETTRICA La riforma delle tariffe elettriche domestiche Incontro con la stampa Roma, 17 febbraio 2015 1 Cos è il mercato tutelato? Dal 1 luglio 2007 il mercato dell energia elettrica è completamente

Dettagli

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas L elettricità Caratteristiche 1. Non è immagazzinabile 2. Deve essere fornita nel momento stesso in cui viene richiesta Problemi vincoli che l elettricità

Dettagli

L ITALIA riparte con ENERGIA

L ITALIA riparte con ENERGIA L ITALIA riparte con ENERGIA Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e

Dettagli

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno.

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. 1 2 3 Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. Quando si trova un giacimento di metano, la forte pressione lo spinge

Dettagli

Cenni sul libero mercato del gas

Cenni sul libero mercato del gas Cenni sul libero mercato del gas Fino a pochi anni fa il servizio gas non era discutibile né negoziabile, grazie alla liberalizzazione del mercato del gas, avvenuta nel 2003, tutti i clienti finali possono

Dettagli

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

I Cittadini e il Mercato Libero dell Energia Elettrica e del Gas Tutto ciò che occorre sapere per non fare una scelta al buio

I Cittadini e il Mercato Libero dell Energia Elettrica e del Gas Tutto ciò che occorre sapere per non fare una scelta al buio I Cittadini e il Mercato Libero dell Energia Elettrica e del Gas Tutto ciò che occorre sapere per non fare una scelta al buio guida cittadini mercato libero energia gas.indd 1 18/11/2013 11.15.19 guida

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E .Data aggiornamento 16.02.09 rev. 5 DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI O DA

Dettagli

Conferenza Stampa su:

Conferenza Stampa su: Conferenza Stampa su: «LE NUOVE TARIFFE IDRICHE PROPOSTE DALL AUTORITÀ D AMBITO». LE VALUTAZIONI DELLA CISL SARDA Cagliari 02 ottobre 2006, ore 11,00 1 TARIFFE DEL SERVIZIO IDRICO REGIONALE L Autorità

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO AVVISO PUBBLICO OGGETTO: Erogazione delle agevolazioni a favore delle utenze deboli del Servizio Idrico Integrato della Puglia. Periodo di 2012, 2013 e 2014. CONSIDERATO CHE: IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI/COMMERCIALI Documentazione da

Dettagli

Seminario Approfondimento Acqua Tariffa Risparmio Milano 11 Febbraio 2012

Seminario Approfondimento Acqua Tariffa Risparmio Milano 11 Febbraio 2012 Seminario Approfondimento Acqua Tariffa Risparmio Milano 11 Febbraio 2012 A cura di Rosario Lembo Contratto Mondiale sull acqua Gli approcci culturali L approccio culturale oggi prevalente è il seguente

Dettagli

Guida alla lettura della bolletta del gas.

Guida alla lettura della bolletta del gas. L'AEEG (Autorità per l'energia elettrica e il gas), con deliberazione ARG/com 202/09, ha predisposto le nuove modalità di armonizzazione e trasparenza per i documenti di fatturazione del consumo di gas

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Protocollo numero (viene apposto dall Archivio comunale) Faenza, / / (data di compilazione) Oggetto: domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali

Dettagli

RELAZIONE. Tariffa per il periodo di regolazione 2012-2013 Piano Tariffario e Piano Finanziario per il periodo 2012-2032

RELAZIONE. Tariffa per il periodo di regolazione 2012-2013 Piano Tariffario e Piano Finanziario per il periodo 2012-2032 Segreteria Tecnico Operativa CONFERENZA DEI SINDACI ATO 2 Lazio Centrale Roma RELAZIONE Tariffa per il periodo di regolazione 2012-2013 Piano Tariffario e Piano Finanziario per il periodo 2012-2032 Deliberazioni

Dettagli

Come leggere la bolletta. e altre cose da sapere

Come leggere la bolletta. e altre cose da sapere Come leggere la bolletta e altre cose da sapere INDICE Introduzione La bolletta 1) La pagina di riepilogo 2) Le pagine di dettaglio 3) Il bollettino postale Quando arriva la bolletta. Come è possibile

Dettagli

Per saperne di più sull offerta eni: Energia Elettrica.

Per saperne di più sull offerta eni: Energia Elettrica. Per saperne di più sull offerta eni: Energia Elettrica. Cosa si intende per DUAL 10+10? Per la somministrazione di energia elettrica sono fatturati al Cliente i Corrispettivi Energia e i Corrispettivi

Dettagli

Leggere la bolletta dell energia elettrica

Leggere la bolletta dell energia elettrica Leggere la bolletta dell energia elettrica Premessa Leggere ed interpretare correttamente la bolletta dell'energia elettrica può risultare un impresa ardua per i non addetti ai lavori. Ciò è assolutamente

Dettagli

Rifiuti: da problema a risorsa

Rifiuti: da problema a risorsa CONSORZIO NAZIONALE PER IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI BENI A BASE DI POLIETILENE Rifiuti: da problema a risorsa Nota illustrativa sul ciclo di gestione dei rifiuti in Italia CHE COSA SONO I RIFIUTI? Un

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi.

Più differenzi, più riduci, più risparmi. Più differenzi, più riduci, più risparmi. Da luglio 2014 la tassa sui rifiuti diventa su misura Comune di Medesano Più differenzi, più riduci, più risparmi La raccolta differenziata a Medesano è diventata

Dettagli

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE 4 Le bollette dei vettori energetici appaiono generalmente quasi un documento oscuro, quasi cripticocriptate. Vengono In esse si trovanoinnumerevoliriportate

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 FORNITURA ENERGIA ELETTRICA: CON QUALI TARIFFE RISPARMIO SE UTILIZZO UNA POTENZA CONTRATTUALMENTE IMPEGNATA MAGGIORE? INDICE p. 1 1. Introduzione

Dettagli

I COSTI INDUSTRIALI DEL SERVIZIO DI GESTIONE

I COSTI INDUSTRIALI DEL SERVIZIO DI GESTIONE I COSTI INDUSTRIALI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI IGIENE AMBIENTALE: INCIDENZA NELLA TARIFFA FINALE PER L UTENTE *** I COSTI INDUSTRIALI DEI SPL E LA TARIFFA NEL CONTESTO NAZIONALE *** COSTI INDUSTRIALI

Dettagli

La tassa sui rifiuti (TARI) per l anno 2014. Commissione Bilancio 11 Luglio 2014

La tassa sui rifiuti (TARI) per l anno 2014. Commissione Bilancio 11 Luglio 2014 La tassa sui rifiuti (TARI) per l anno 2014 Commissione Bilancio 11 Luglio 2014 SOMMARIO 1. L ABC DEI SERVIZI PUBBLICI 2. DOVE ERAVAMO RIMASTI 3. COME SI FORMA LA BOLLETTA 4. LE TARIFFE 2014 5. CONCLUSIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. OGGETTO: Erogazione delle agevolazioni a favore delle utenze deboli del S.I.I. Puglia. Anno 2012 e 2013. IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

AVVISO PUBBLICO. OGGETTO: Erogazione delle agevolazioni a favore delle utenze deboli del S.I.I. Puglia. Anno 2012 e 2013. IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO AVVISO PUBBLICO OGGETTO: Erogazione delle agevolazioni a favore delle utenze deboli del S.I.I. Puglia. Anno 2012 e 2013. CONSIDERATO CHE: IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO il Decreto Legislativo n. 152/2006

Dettagli

- rilevazione al 1 aprile 2012 -

- rilevazione al 1 aprile 2012 - I MERCURIALI DELL ENERGIA I prezzi del gas naturale praticati alle imprese lucane - rilevazione al 1 aprile 2012 - Primo numero del mercuriale del gas naturale Con il secondo trimestre entra a regime anche

Dettagli

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero: è il mercato in cui

Dettagli

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2008 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2008 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente Comune di Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2008 OPERATIVA / GESTIONALE DIRETTA OPERATIVA / GESTIONALE DI SUPPORTO 26 2 35-1 - Attività relative alla gestione di Igiene Ambientale/Ecologia (SCHEDA

Dettagli

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia

Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Il programma a breve-medio termine dell Autorità per l energia Alberto Biancardi Genova, 18 gennaio 2013 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 Gli obiettivi dell Autorità Fornire corretti incentivi

Dettagli

GUIDA DI ORIENTAMENTO

GUIDA DI ORIENTAMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI ORIENTAMENTO ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 DEFINIZIONE DI BOLLETTA... 3 2 LE PRINCIPALI VOCI DI COSTO DELLA BOLLETTA... 3 2.1 Servizi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

CARTA DELSERVIZIO PER LA VENDITA DEL GAS

CARTA DELSERVIZIO PER LA VENDITA DEL GAS PREMESSA La carta del servizio per la vendita del gas di Loro F.lli S.p.a. recepisce quanto previsto dall Autorità per l energia Elettrica e il Gas attraverso la deliberazione n. 168/04 ove vengono definiti

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna Le proposte di A.E.E.G.S.I. sulle tariffe di fognatura e depurazione dei reflui industriali autorizzati in fognatura. Il punto di vista di A.T.E.R.S.I.R. Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 GENNAIO 2008 Oggetto: Disposizioni in materia di aliquota di imposta sul valore aggiunto sul gas naturale per combustione per usi civili

Dettagli

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero: è il mercato in cui

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE propone: LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE Prendendo a riferimento la propria abitazione, cioè un contesto di servizi verificabili (riscaldamento ambienti

Dettagli

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica Informativa in base Decreto Legislativo n. 79 del 16 marzo 1999 (Attuazione della direttiva 96/92/CE norme per il mercato

Dettagli

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia.

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. 5. Prezzi dell energia Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. Osservando i prezzi medi dell ultimo decennio 40 si nota che dei principali prodotti

Dettagli

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico Il Conto Energia fotovoltaico : quali forme di incentivazione Con il meccanismo di incentivazione del conto energia, oltre al riconoscimento ed all emissione delle tariffe incentivanti per tutta la quantità

Dettagli

Una grande azienda di distribuzione

Una grande azienda di distribuzione Metano ti amo! Una grande azienda di distribuzione Gas Natural Distribuzione, in Italia dal 2004, fa parte di Gas Natural Fenosa, un gruppo multinazionale leader nel settore energetico, pioniere nell

Dettagli

DIRETTIVA PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE

DIRETTIVA PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE DIRETTIVA PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ELETTRICITÀ E/O DI GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI RETI URBANE TITOLO I Definizioni e ambito di applicazione Articolo

Dettagli

INTERVENTO DELL ' AUTORITA ' PER L' ENERGIA ELETTRICA E PER IL GAS

INTERVENTO DELL ' AUTORITA ' PER L' ENERGIA ELETTRICA E PER IL GAS INTERVENTO DELL ' AUTORITA ' PER L' ENERGIA ELETTRICA E PER IL GAS ING. GUIDO GIUSSANI t. Premessa Con delibera n. 126 del 13 giugno 2001 l' Autorità per l' energia elettrica e il gas ha rappresentato

Dettagli

Il ruolo e gli aspetti operativi di Atersir

Il ruolo e gli aspetti operativi di Atersir Il ruolo e gli aspetti operativi di Atersir Vito Belladonna Direttore Atersir Indice dei temi 1. Dimensione dei servizi regolati, principali attività svolte, principali criticità, conformità delle gestioni,

Dettagli

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 La gerarchia dei rifiuti Il principale riferimento normativo in tema di rifiuti è la direttiva comunitaria 2008/98/CE, recentemente recepita nell ordinamento

Dettagli

prezzo vendita + dispacciamento + trasporto + oneri + imposte vendita (approvvigionamento energia)

prezzo vendita + dispacciamento + trasporto + oneri + imposte vendita (approvvigionamento energia) Leggere le bollette appunti di energy management Elettricità Le bollette dei vettori energetici sembrano quasi un documento oscuro. In esse si trovano riportate tante voci da cui risulta davvero difficile

Dettagli

ISOLE ECOLOGICHE SEMINTERRATE NEL COMUNE DI VALENZA PROGETTO DELLE FORNITURE

ISOLE ECOLOGICHE SEMINTERRATE NEL COMUNE DI VALENZA PROGETTO DELLE FORNITURE Pag 1 di 6 Bando Regione Piemonte L.R. 24/2002, Contributi per interventi di miglioramento del servizio integrato di raccolta domiciliare dei rifiuti urbani, utili anche ad un progressivo passaggio da

Dettagli

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014 N 2010_ 45,72% 2011_ 48,55% 2012_ 48,52% 2013_ 51,32% 2014_ 53,02% 1 Incremento raccolta differenziata nella Provincia di Prato

Dettagli

2. Nella sezione Contatti trovi tutti i riferimenti per comunicare con noi, per ricevere informazioni e assistenza relative alle sue forniture. 4. In quest area trovi il totale da pagare, la data di scadenza

Dettagli

GLOSSARIO. Elettricità. Quadro sintetico. Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO. Elettricità. Quadro sintetico. Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS NATURALE, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2011

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS NATURALE, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2011 Allegato 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS NATURALE, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2011 1. GENERALITÀ I soggetti obbligati di cui all art. 26, commi 7 e 8, del

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso È stato finalmente pubblicato il decreto che contiene le istruzioni definitive e complete relative

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

MEMORANDUM DI ALTROCONSUMO AL GOVERNO SUGLI AUMENTI DI PREZZI E TARIFFE Roma 4 settembre 2002 Incontro con il Ministro delle Attività produttive

MEMORANDUM DI ALTROCONSUMO AL GOVERNO SUGLI AUMENTI DI PREZZI E TARIFFE Roma 4 settembre 2002 Incontro con il Ministro delle Attività produttive Associazione Indipendente di Consumatori Via Valassina, 22 20159 Milano Tel 02 668901 Fax 02 66890288 www.altroconsumo.it MEMORANDUM DI ALTROCONSUMO AL GOVERNO SUGLI AUMENTI DI PREZZI E TARIFFE Roma 4

Dettagli

LA TUTELA DEI CONSUMATORI IN MERCATI RETAIL LIBERALIZZATI

LA TUTELA DEI CONSUMATORI IN MERCATI RETAIL LIBERALIZZATI LA TUTELA DEI CONSUMATORI IN MERCATI RETAIL LIBERALIZZATI Alberto Grossi Direttore Consumatori e qualità del servizio Autorità per l energia elettrica e il gas Questa presentazione non è un documento ufficiale

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi...

Più differenzi, più riduci, più risparmi... Più differenzi, più riduci, più risparmi...... dal 1 gennaio 2010 la tariffa rifiuti diventa puntuale Comune di San Giorgio PIU DIFFERENZI, PIU RIDUCI, PIU RISPARMI Dal 1 gennaio 2010 la tariffa rifiuti

Dettagli

La bolletta elettrica

La bolletta elettrica La bolletta elettrica Ogni bimestre, puntuale, ecco la bolletta elettrica; ed ogni volta risulta difficile districarsi fa numeri e codici, tant è che il più delle volte ciascuno di noi si arrende e, fatte

Dettagli

SERVIZIO CLIENTI, RECLAMI E COMUNICAZIONI AUTOLETTURE

SERVIZIO CLIENTI, RECLAMI E COMUNICAZIONI AUTOLETTURE Viale dell Industria 23 - VI pag. 1/6 Codice Cliente: 10398069 Contratto: 2012 / 84724 Numero fattura: 2014/0000450955 Emessa il: 10/11/2014 Periodo Fatturazione: 01/08/2014-31/10/2014 BOLLETTA STIMATA

Dettagli

Tariffe Teleriscaldamento

Tariffe Teleriscaldamento Tariffe Teleriscaldamento 1 Premessa La presente relazione è finalizzata ad illustrare sinteticamente le principali valutazioni economiche di costo complessivo del servizio, per il cliente finale del teleriscaldamento,

Dettagli

FORZA DOPPIA WEB - Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA WEB - Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA WEB - Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 Gennaio 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA WEB medium Codice: ATFDWM/15 Destinatari offerta La presente offerta

Dettagli