REVISIONE DI BILANCIO E AZIENDALE. Claudio Mariani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REVISIONE DI BILANCIO E AZIENDALE. Claudio Mariani"

Transcript

1 REVISIONE DI BILANCIO E AZIENDALE Claudio Mariani Facoltà di Economia Anno Accademico 2011/2012

2 Indice 1 Presentazione del corso 1 2 Revisione aziendale 6 3 Soggetti abilitati alla revisione legale dei conti 14 4 Principali fonti normative e interpretative 19 5 Consob, Assirevi e Oic 36 6 Principi generali della revisione di bilancio e norme etiche 51 7 Indipendenza del Revisore 67 8 Controllo di qualità 80 9 Documentazione del lavoro Fasi della revisione contabile e pianificazione Revisione contabile: Metodologia applicativa di KPMG Sistema di controllo interno CoSo Framework Processi aziendali: ciclo vendite e ciclo acquisti Rischio di revisione Elementi probativi della revisione Conferme esterne Selezione delle voci da esaminare e campionamento di revisione 334

3 19 Eventi successivi Utilizzo del lavoro dell esperto Misurazioni del fair value Relazione di revisione Giudizio di coerenza della relazione sulla gestione con il bilancio Continuità aziendale Verifica della regolare tenuta della contabilità Utilizzo del lavoro di altri revisori Responsabilità del revisore nel considerare le frodi nel corso della revisione legale dei conti Revisione delle principali aree di bilancio Aspetti applicativi /1 Immobilizzazioni immateriali e materiali /2 Disponibilità liquide /3 Crediti /4 Fondi per rischi ed oneri 583 Allegato A: Esempi di relazioni di revisione (riferimento cap. 22) Allegato B: Esempio di memorandum riepilogativo dell attività di verifica della regolare tenuta della contabilità (riferimento cap. 25) I XII

4 Presentazione del corso Capitolo n. 1 Claudio Mariani A.A. 2011/12 Bibliografia e materiale di preparazione all esame Raccolta del materiale didattico Revisione di bilancio e aziendale Claudio Mariani Disponibile anche in bacheca elettronica Approfondimenti (facoltativi) Principi contabili italiani Principi di revisione italiani Revisione aziendale e di bilancio G. Bruni ISEDI CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 2

5 Obiettivi del corso Il corso è teso all apprendimento delle problematiche giuridiche, economiche e tecnico-professionali connesse all espletamento dell attività di revisione contabile attraverso un approccio didattico che, analizzando i principi di revisione di riferimento, illustra le peculiarità dell attività svolta dalle società di revisione in ambito nazionale ed internazionale. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 3 Contenuti del corso Ordinamento della revisione aziendale Obiettivi e principi generali della revisione contabile Fasi della revisione contabile Pianificazione dell attività di revisione Sistema di Controllo Interno e sua valutazione ai fini della revisione contabile Rischio di revisione Principali procedure di revisione: procedure di conformità, analisi comparative e verifiche di dettaglio Conferme esterne e campionamento di revisione Elementi probativi della revisione CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 4

6 Contenuti del corso Continuità aziendale Relazione della società di revisione Testo Unico della Finanza e Regolamento Emittenti Revisione legale dei conti: novità introdotte dal D. Lgs 39/2010 Altre attività di revisione contabile diverse dalla revisione del bilancio d esercizio Revisione delle principali aree di bilancio, aspetti applicativi CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 5 Revisione aziendale Capitolo n. 2 Claudio Mariani A.A. 2011/12

7 Revisione aziendale: definizione E un attività aziendale di carattere amministrativo, con la quale si realizza il controllo del sistema informativo al fine di accertare: la sua corretta applicazione procedurale; l affidabilità dei dati che da tale sistema si ottengono. Ha per oggetto molteplici esigenze conoscitive. E prevalentemente una funzione amministrativa atta a meglio qualificare l azione di governo delle imprese e a corrispondere, più correttamente, alle attese di conoscenza dei soggetti i cui interessi, diretti o indiretti, sono coinvolti nelle sorti delle imprese stesse. Può essere realizzata internamente (Revisione Interna) o esternamente mediante l assegnazione di incarichi specifici (Revisione Esterna). CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 7 Revisione aziendale: revisione interna La revisione interna è realizzata da organi facenti parte dell azienda principalmente al fine di garantire l affidabilità dei dati che convergono verso l alta direzione, perché questa possa trarre migliore consapevolezza della gestione e perché tutte le procedure amministrative siano oggetto di un attento e sistematico controllo. La revisione interna si prefigge, inoltre, di mettere in luce aspetti di miglioramento (efficienza) nel sistema amministrativo e gestionale dell azienda affinché le scelte e le decisioni operative e strategiche della direzione siano indirizzate anche ad un affinamento della governance aziendale. In via gerarchica i revisori interni (internal auditor) dipendono dall alta direzione aziendale (top management) per il cui conto agiscono e a cui devono rispondere. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 8

8 Revisione aziendale: revisione esterna La revisione esterna è svolta da professionisti e/o società professionali indipendenti dall azienda. La revisione esterna è realizzata principalmente al fine di dare credibilità alle informazioni che affluiscono all esterno e, più in particolare, alle rendicontazioni che gli amministratori fanno del loro operato agli azionisti e ai terzi in genere. La revisione contabile è certamente il momento più significativo, anche se non esclusivo, della revisione indipendente esterna. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 9 Revisione contabile La revisione contabile riguarda, in generale, il controllo del sistema contabile dell azienda e la relativa rendicontazione. Ha come obiettivo la verifica della capacità dell azienda di catturare, processare e consuntivare le operazioni aziendali nel rispetto della normativa di riferimento (ad esempio Codice Civile) nonché dei principi contabili di ragioneria generalmente accettati. La revisione contabile del bilancio d esercizio (Auditing esterna) è volta all espressione di un giudizio professionale che attesta che il bilancio della società è stato redatto nel suo complesso con chiarezza e rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria ed il risultato economico, in conformità alle norme che disciplinano i criteri di redazione del bilancio medesimo. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 10

9 Revisione contabile Tipologie di incarichi: revisione completa; revisione limitata; procedure concordate con il cliente; analisi del sistema di controllo interno. Oggetto: bilancio d esercizio; bilancio consolidato; bilancio intermedio; bilancio interno ai fini del consolidato (Reporting package); bilancio di liquidazione; bilancio di conferimento. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 11 Revisione contabile La revisione contabile può essere: legale (ad esempio Testo Unico della Finanza e Codice Civile); volontaria (ad esempio alcune S.r.l., Società di persone, Aziende Pubbliche, Associazioni). CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 12

10 Revisione legale dei conti L attività di revisione legale dei conti disciplinata dagli artt. 155 e 156 del TUF con riferimento alle Società operanti nei mercati regolamentati e disciplinata dall art bis e successivi del C.C. C con riferimento alle altre società di capitali, prevede: a) espressione con apposita relazione di un giudizio sul bilancio d esercizio e sul bilancio consolidato, ove redatto. b) verifica, nel corso dell esercizio e con periodicità almeno trimestrale, la regolare tenuta della contabilità sociale e la corretta rilevazione nelle scritture contabili dei fatti di gestione; Quanto previsto al punto a), corrisponde all attività di revisione contabile descritta nel principio di revisione 200. Per l attività di cui alla lettera b) il revisore fa riferimento alla comunicazione Consob 23932/99. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 13 Soggetti abilitati alla revisione legale dei conti Capitolo n. 3 Claudio Mariani A.A. 2011/12

11 Soggetti abilitati al controllo legale dei conti L esercizio della revisione legale è riservato ai soggetti iscritti in apposito Registro. La normativa (D. Lgs 39/2010) prevede che il registro sia tenuto dal Ministero dell Economia e della Finanza (MEF) che puo avvalersi di enti pubblici o privati per la sua gestione. Attualmente, per la revisione legale ex Codice Civile, è il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili che gestisce il Registro per conto del MEF. La gestione del Registro include i compiti relativi all abilitazione professionale, alla tenuta del Registro, allo svolgimento del tirocinio, allo svolgimento della formazione continua e al controllo della qualità del revisore. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 15 Requisiti per l abilitazione Persone fisiche: possesso dei requisiti di onorabilità definiti con regolamento adattato dal MEF, sentita la Consob (pending); conseguimento di laurea almeno triennale tra quelle individuate con regolamento del MEF, sentita la Consob, (in materie economiche?) (pending); svolgimento del tirocinio triennale; sostenimento dell esame di idoneità professionale. Società di revisione: sede principale o secondaria in Italia; maggioranza di soci e amministratori costituita da soggetti abilitati alla revisione legale dei conti in uno stato dell UE; responsabili della revisione legale devono essere persone fisiche iscritte al Registro. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 16

12 Formazione continua Gli iscritti nel Registro e i tirocinanti prendono parte a programmi di aggiornamento professionale, finalizzati al perfezionamento e al mantenimento delle conoscenze teoriche e delle capacità professionali. Le modalità verranno stabilite con regolamento dal Ministro dell economia e delle finanze, sentita la Consob (pending). CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 17 Revisori inattivi Nel Registro è prevista una sezione riservata ai revisori inattivi. Sono revisori inattivi coloro che non hanno assunto incarichi di revisione legale o non hanno collaborato a un attività di revisione legale in una società di revisione per tre anni consecutivi, oltre a quelli che ne fanno richiesta. I revisori inattivi possono assumere nuovi incarichi solo dopo la partecipazione ad un corso di formazione e aggiornamento in base alle modalità stabilite con regolamento dal MEF, sentita la Consob (pending). I revisori inattivi non sono obbligati ad osservare gli obblighi di formazione continua e non pagano il contributo annuale. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 18

13 Principali fonti normative e interpretative Capitolo n. 4 Claudio Mariani A.A. 2011/12 Principali fonti normative e interpretative Sommario Codice Civile Testo Unico della Finanza Regolamento Emittenti Principi Contabili Italiani (PC) Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Principi di Revisione Italiani (PR) Principi di Revisione Internazionali (ISA) Delibere, Regolamenti e Comunicazioni Consob Documenti di ricerca Assirevi CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 20

14 Codice Civile Sezione IX Del Bilancio Art Art bis Art ter Art Art bis Art Art bis Art Art Art bis Art Redazione del bilancio Principi di redazione del bilancio Struttura dello stato patrimoniale e del conto economico Contenuto dello stato patrimoniale Disposizioni relative a singole voci dello stato patrimoniale Contenuto del conto economico Iscrizione dei ricavi, proventi, costi ed oneri Criteri di valutazione Contenuto della nota integrativa Informazioni relative al fair value degli strumenti finanziari Relazione sulla gestione CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 21 Codice Civile Sezione VI bis Dell Amministrazione e del controllo Art bis Revisione legale dei conti Art quinques Cause di ineleggibilità e di decadenza Art septies Scambio di informazioni CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 22

15 Codice Civile Altre sezioni Art Stima dei conferimenti di beni in natura e di crediti (Art per le S.r.l.) Art Distribuzione degli utili ai soci Art ter Criteri di determinazione del valore delle azioni (Art per le S.r.l.) Art Diritto di opzione Art ter Deliberazione costitutiva del patrimonio destinato Art bis Riduzione del capitale per perdite Art ter e 2343 Trasformazione di società di persone (Art per le S.r.l.) Art bis Fusione a seguito di acquisizione con indebitamento Art sexies Relazione degli esperti Art Opposizione dei creditori CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 23 Testo Unico della Finanza (TUF) Il Testo Unico della Finanza (TUF) regolamenta il sistema finanziario italiano, disciplinando gli intermediari finanziari, i mercati e gli emittenti. In particolare disciplina il regime dell informazione societaria e quello della sollecitazione del risparmio e contiene disposizioni in materia di governo e di controllo delle società e di tutela delle minoranze. Il TUF prevede anche il regime sanzionatorio (parte V). Il TUF Parte IV, articoli da 148 a 165 septies, disciplina la Corporate Governance nelle società di capitali con azioni quotate nei mercati regolamentati; ti in particolare nella Sezione V viene trattato il Collegio Sindacale, nella Sezione VI viene trattata la normativa in tema di Società di Revisione e di revisione legale dei conti e nella sezione VI-bis vengono trattati i rapporti con società estere aventi sede legale in paesi che non garantiscono la trasparenza societaria. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 24

16 TUF: elementi principali per la revisione legale dei conti Art. 155 Attività di revisione contabile Art. 156 Relazioni di revisione Art. 157 Effetti dei giudizi sui bilanci Art. 158 Proposte di aumento di capitale Art. 159 Conferimento e revoca dell incarico Art. 160 Incompatibilità (*) Art. 161 Albo speciale delle società di revisione (*) Art. 162 Vigilanza sulle società di revisione(*) Art. 163 Provvedimenti della Consob (*) Art. 164 Responsabilità (*) Art. 165 Revisione contabile dei Gruppi (*) Art. 165-bis Società che controllano società con azioni quotate (*) * abrogato, in attesa di regolamenti attuativi CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 25 Regolamento Emittenti Il TUF ha demandato a Consob il compito di emanare un regolamento attuativo di alcune disposizioni in esso contenute con riferimento in particolare alle società emittenti ed alla sollecitazione al pubblico risparmio. Il Regolamento Emittenti è stato emanato con delibera Consob n del 14 maggio 1999 ed è stato oggetto di successive modifiche ed integrazioni anche significative, nel corso degli anni. Il Regolamento Emittenti Parte III e titolo VI regola l attività di revisione contabile. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 26

17 Regolamento Emittenti Revisione contabile (Titolo VI) Capo I (art ): Disposizioni riguardanti ad esempio il contenuto del libro della revisione, la documentazione da inviare in Consob, il conferimento dell incarico da parte di Consob, i criteri generali per la determinazione del corrispettivo, ecc.. Capo I bis (art. 149-bis 149 duodecies): Incompatibilità del revisore, ad esempio con riferimento agli interessi finanziari, alle relazioni d affari, all influenza sul processo decisionale delle società, alle cariche sociali ed alle consulenze. Capo II (art ): Revisione contabile dei Gruppi e relativi criteri di esenzione. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 27 I principi contabili di riferimento in Italia Società quotate International Financial Reporting Standard (IFRS/IAS). Società non quotate I principi contabili italiani emessi dall Organismo italiano di contabilità (OIC). Società quotate e non quotate Raccomandazioni e comunicazioni Consob (per società operanti nei mercati regolamentati, es. società quotate). Documenti di ricerca Assirevi. Attualmente il D.Lgs. 28/02/05 n. 38 attribuisce alle società non quotate la facoltà di redigere il proprio bilancio consolidato in accordo con gli IFRS. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 28

18 Principi contabili italiani n. 1 I principali effetti della riforma del diritto societario sulla redazione del bilancio d esercizio (OIC) n. 2 Patrimoni destinati a uno specifico affare (OIC) n. 3 Le informazioni sugli strumenti finanziari da includere nella nota integrativa e nella relazione sulla gestione (OIC) n. 4 Fusioni e scissioni (OIC) n. 5 Bilanci di liquidazione (OIC) n. 11 Bilancio d esercizio finalità e postulati n. 12 Composizione e schemi del bilancio d esercizio di imprese mercantili, industriali, e di servizi n. 13 Le rimanenze di magazzino n. 14 Disponibilità liquide n. 15 Crediti n. 16 Immobilizzazioni materiali n. 17 Il bilancio consolidato CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 29 Principi contabili italiani n. 18 Ratei e risconti n. 19 I fondi per rischi ed oneri Il trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato - Idebiti n. 20 Titoli e partecipazioni n. 21 Il metodo del patrimonio netto n. 22 Conto d ordine n. 23 Lavori in corso su ordinazione n. 24 Le immobilizzazioni immateriali n. 25 Il trattamento contabile delle imposte sul reddito n. 26 Operazioni e partite in moneta estera n. 27 Introduzione dell Euro quale moneta di conto n. 28 Il patrimonio netto n. 29 Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzioni di errori, eventi e operazioni straordinari, fatti intervenuti dopo la data di chiusura dell esercizio n. 30 Bilanci intermedi CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 30

19 Principi di revisione italiani n. 001 Il giudizio sulla coerenza della relazione sulla gestione con il bilancio n. 100 Principio sull indipendenza del revisore n. 200 Obiettivi e principi generali della revisione contabile del bilancio n. 220 Il controllo della qualità del lavoro di revisione contabile n. 230 La documentazione del lavoro n. 240 La responsabilità del revisore nel considerare le frodi nel corso della revisione contabile del bilancio n. 250 Gli effetti connessi alla conformità a leggi ed a regolamenti n. 260 Comunicazione di fatti e circostanze attinenti la revisione ai responsabili delle attività di governance n. 300 La pianificazione n. 315 La comprensione dell impresa e del suo contesto e la valutazione dei rischi di errori significativi n. 320 Il concetto di significatività nella revisione CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 31 Principi di revisione italiani n. 330 Le procedure di revisione in risposta ai rischi identificati e valutati n. 402 Considerazioni sulla revisione contabile di imprese che utilizzano fornitori di servizi n. 500 Gli elementi probativi della revisione contabile n. 501 Gli elementi probativi. Considerazioni addizionali per casi specifici n. 505 Le conferme esterne n. 510 La verifica dei saldi d apertura a seguito dell assunzione di un nuovo incarico n. 520 le procedure di analisi comparativa n. 530 Campionamento di revisione ed altre procedure di verifica con selezione delle voci da esaminare n. 540 La revisione delle stime contabili n. 545 La revisione delle misurazioni del fair value e della relativa informativa CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 32

20 Principi di revisione italiani n. 550 Le parti correlate n. 560 Eventi successivi n. 570 Continuità aziendale n. 580 Le attestazioni della Direzione n. 600 L utilizzo del lavoro di altri revisori n. 610 L utilizzo del lavoro di revisione interna n. 620 L utilizzo del lavoro dell esperto n Considerazioni sulla revisione di imprese ed enti minori (non raccomandato da Consob) n Principio sulla revisione dei bilanci delle banche CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 33 Principi contabili internazionali (IFRS) International Accounting Standard Board (IASB): organismo internazionale costituito nel 1973 dalle principali associazioni professionali contabili nazionali (circa 50 paesi tra cui l Italia). Obiettivo: formulare e divulgare principi contabili uniformi (standards) per la redazione dei bilanci delle imprese. Si suddividono in: IAS / IFRS Principi contabili per aree di bilancio e/o problematica SIC/IFRIC Documenti interpretativi di aspetti specifici CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 34

21 Principi di revisione internazionali (ISA) International Federation of Accountants (IFAC): organismo internazionale costituito nel 1977, rappresentativo delle organizzazioni professionali di revisione (circa 50 parse tra cui l Italia). Obiettivo: formulare e divulgare principi di revisione uniformi con riferimento a: general standards; standards of field work; standards of reporting. Gli attuali Principi i i di Revisione i Italiani i sono allineati agli ISA. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 35 Consob, Assirevi e Oic Capitolo n. 5 Claudio Mariani A.A. 2011/12

22 Consob La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob), istituita con la legge 7 giugno 1974, n. 216, è un autorità amministrativa indipendente, dotata di personalità giuridica e piena autonomia, la cui attività è rivolta al mercato mobiliare. L'attività della Consob ha come obiettivi la tutela degli investitori e l'efficienza, la trasparenza e lo sviluppo del mercato mobiliare italiano. Le sue funzioni si sono progressivamente sviluppate nel tempo in relazione sia all esigenza di estendere l ambito della tutela del risparmio sia al progressivo evolversi del mercato finanziario e della legislazione in materia. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 37 Consob La sua attività è indirizzata a: Emittenti; Intermediari; Mercati. e, conseguentemente, coinvolge anche le società di revisione, in qualità di organo di controllo delle società Emittenti (società quotate in Borsa). CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 38

23 Il ruolo della Consob in tema di revisione legale dei conti Consob provvede alla tenuta dell Albo speciale delle società di revisione. Solo le società di revisione iscritte nell albo speciale possono effettuare le revisioni contabili prescritte dalla legge per le società con titoli ammessi alle negoziazioni al mercato regolamentato (Borsa Valori). Esercita la vigilanza sull attività delle società di revisione per controllare l indipendenza e l idoneità tecnica. La vigilanza viene esercitata attraverso la richiesta di dati e notizie e l esecuzione di ispezioni. Nell esercizio dell attività di vigilanza Consob può avvalersi del Corpo della Guardia di Finanza. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 39 Il ruolo della Consob in tema di revisione legale dei conti Nell accertare le irregolarità nello svolgimento dell attività di revisione può: erogare sanzioni amministrative pecuniarie; intimare alla società di revisione di non avvalersi nell attività di revisione, per un periodo non superiore a 5 anni, del responsabile della revisione a cui sono iscrivibili le irregolarità; vietare alla società di revisione di accettare nuovi incarichi di revisione contabile per un periodo non superiore a 3 anni. In casi di particolare gravità può disporre la cancellazione della società dall albo albo speciale. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 40

24 Il ruolo della Consob in tema di revisione legale dei conti Approva il conferimento e la revoca degli incarichi di revisione. In presenza di cause di incompatibilità o gravi irregolarità ha potere di revoca. Stabilisce i criteri generali per la determinazione del corrispettivo per l incarico di revisione contabile (in attesa di regolamento attuativo). Stabilisce con regolamento le situazioni di incompatibilità. Sanziona le violazioni dei divieti relativi alle funzioni cessate, retribuzione dei dipendenti e ai servizi proibiti. Può raccomandare principi e criteri da adottare per la predisposizione del bilancio e per la revisione contabile, richiedendo preventivamente il parere dell Organismo Italiano per la Contabilità (OIC). CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 41 Esempi di raccomandazioni Consob Bilancio schema di bilancio per le holding industriali; trattamento delle stock option; trattamento contabile errori precedenti; trattamento contabile smobilizzo crediti; informativa di settore; introduzione degli IFRS. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 42

25 Esempi di raccomandazioni Consob Revisione contabile conferimento e revoca dell incarico; documentazione del lavoro di revisione; fatti censurabili; parti correlate; introduzione degli IFRS; problematiche connesse alla continuità aziendale. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 43 Assirevi L Associazione Italiana Revisori Contabili è un associazione privata senza scopo di lucro fondata nel Possono aderire all associazione le società di revisione operanti in Italia iscritte all Albo Consob e/o al Registro dei Revisori Legali. Assirevi riunisce oggi 14 delle 22 società di revisione iscritte all Albo Consob che possono svolgere attività di revisione per emittenti quotate. Attualmente i professionisti che operano nell ambito dell attività di revisione svolta dalle Associate sono circa 6.500, con una presenza distribuita su tutto il territorio nazionale. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 44

26 Assirevi Assirevi promuove e realizza l analisi scientifica di supporto all adozione dei principi di revisione nonché lo studio dell evoluzione evoluzione della legislazione e della regolamentazione in materia. Si impegna nella risoluzione di problematiche professionali, giuridiche e fiscali di comune interesse degli associati. Assirevi coopera con gli organismi professionali e con Consob nella predisposizione ed aggiornamento dei principi di revisione e dei principi contabili, nonché nella loro diffusione. Sostiene e realizza iniziative, studi e pubblicazioni che favoriscano la maggiore conoscenza e diffusione dell attività di revisione legale dei conti. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 45 Assirevi Documenti di ricerca Opera principalmente attraverso l emissione di Documenti di Ricerca (attualmente circa 150). Ad esempio: richieste dello sponsor in occasioni i di quotazioni; i contenuto del libro della revisione; sottoscrizione delle dichiarazioni fiscali; attività di revisione nella fase di transizione agli IAS/IFRS; consolidato fiscale nazionale, aspetti contabili; la revisione del bilancio intermedio redatto da società non quotate; le attestazioni della Direzione; l attestazione del revisore sui financial covenants. Il giudizio sulla coerenza (con il bilancio) delle informazioni in Relazione sulla Gestione sul governo societario degli emittenti; Il parere della società di revisione sulla distribuzione di acconti su dividendi. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 46

27 Assirevi - OPI Assirevi ha inoltre pubblicato dei documenti chiamati Orientamenti preliminari Assirevi in tema IFRS (OPI) riguardanti aspetti applicativi IFRS non trattati dai principi contabili. Gli orientamenti preliminari Assirevi in tema di IRFS non hanno l obiettivo di definire principi contabili in quanto tale ruolo non compete ad Assirevi, ma prendono in esame le tematiche applicative più rilevanti e urgenti e propongono, a beneficio dei revisori, le soluzioni che al momento riscuotono il maggior consenso. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 47 Assirevi - OPI Gli OPI attualmente in vigore sono 10. Le tematiche trattate sono, ad esempio: trattamento contabile delle business combinations of entities under common control nel bilancio d esercizio e nel bilancio consolidato; trattamento contabile delle fusioni nel bilancio d esercizio; trattamento nel bilancio consolidato delle acquisizioni di ulteriori quote di partecipazione dopo il raggiungimento del controllo; diversa tempistica nel passaggio agli IFRS nel bilancio separato della consolidante e delle consolidate rispetto al relativo bilancio consolidato; trattamento contabile dei contributi su stock option; trattamento contabile dei finanziamenti e delle garanzie infragruppo nei bilanci separati. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 48

28 Organismo Italiano di Contabilità (OIC) L OIC nasce nel 2001 dall esigenza, avvertita dalle principali parti private e pubbliche italiane, di costituire uno standard setter nazionale dotato di ampia rappresentatività, capace di esprimere in modo coeso le istanze nazionali in materia contabile. Obiettivo: allineare le regole contabili a quelle internazionali e ridurre le divergenze settoriali esistenti (es. Pubblico/Privato). L OIC è costituito da 15 membri scelti tra le associazioni di categoria interessante: 6 Professione Contabile; 5 Prepares; 2 Analisti e investitori; 1 Mercati Mobiliari; 1 Ragioniere Generale dello Stato. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 49 Organismo Italiano di Contabilità (OIC) Nello svolgimento della sua attività l OIC provvede a : emanare i principi contabili per la redazione dei bilanci per i quali non è prevista l applicazione dei principi contabili internazionali (settore privato, pubblico e non profit); fornire supporto in relazione all applicazione in Italia dei principi contabili internazionali, operando in stretto contatto con l Efrag, lo Iasb e gli altri standard setter europei; coadiuvare il legislatore nell emanazione della normativa in materia contabile e connessa; promuovere la cultura contabile tramite l emanazione di documenti e ricerche in materia. CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 50

29 Principi generali della revisione di bilancio e norme etiche Capitolo n. 6 Claudio Mariani A.A. 2011/12 Principi di revisione I principi di revisione rappresentano gli standard di base utilizzati nello svolgimento della revisione contabile e rappresentano un importante supporto tecnico che parzialmente limita la discrezionalità del revisore. Tuttavia è la competenza professionale del revisore che, nel rispetto degli statuiti principi di revisione, consente l efficacia dei controlli di revisione e la validità delle evidenze di revisione raggiunte. Gli obiettivi e i principi generali della revisione contabile di bilancio e le norme etiche sono enunciati nel Principio di Revisione n CLAUDIO MARIANI - Revisione di bilancio e aziendale 52

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Premessa Il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 Attuazione della direttiva

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO

I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI (LA RELAZIONE ) SUL BILANCIO I GIUDIZI SUL BILANCIO Articolo 2409-ter 1. Il revisore o la società incaricata del controllo contabile: a).; b) verifica se il bilancio di esercizio e, ove redatto,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC OIC 3 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI DA INCLUDERE NELLA NOTA INTEGRATIVA E NELLA RELAZIONE SULLA GESTIONE (ARTT. 2427-BIS E 2428, COMMA 2, N. 6-BIS C.C.) Marzo 2006 PRESENTAZIONE L Organismo

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli