Bugini Non ti sembra anche un po' entro l'influenza dei Pisano e di Jacopo della Quercia?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bugini Non ti sembra anche un po' entro l'influenza dei Pisano e di Jacopo della Quercia?"

Transcript

1

2

3 Jacopo Lorenzellf: Intorno al medesimo tavolo Abramo Bugini, invitato nell'occasione per la sua competenza in campo architettonico, e Alberto Vera che ha selezionato con me il materiale ora in discussione, diverso per epoca di realizzazione e per funzione, ma assimilabile nel titolo Tram menti di architettura con cui si e voluto ricordare in guesta esposizione quella sezione della collezione antica dedicata in generale alla scultura e alla plastica. Introduttivamente mi sembra opportuno ricordare la fisionomia dei reperti che costituiscono il nostro percorso nel tempo. Il primo esempio e un capitello di manifattura longobarda dell'alto Lazio, riferibile al IX X secolo, decorato roti una croce centrale e racemi vegetali. La seconda tappa e costituita da tre predelle provenienti da Genova, realizzate tra la meta e la fine del XIII secolo, precedentemente nella collezione Bardini di Firenze prima della sua parziale vendita. Le foto dell'allestimento curato dal proprietario e pubblicate sul catalogo della collezione del 1889 ne testimoniano la presenza accanto a altri esemplari che costituivano un ori ginale decor della Genova medioevale. Il terzo documento e un "Cristo benedicente di produzione del Veneto di terra riferibile al XIV secolo, in pietra: si tratta sicuramente di un frani mento di decorazione architettonica, una cuspide per esterno con tutta probabilità, dal momento che si notano tracce d'erosione e il punto di vista da cui occorre guardare il frammento e quello basso-alto. Abramo Bugini: Se e veramente un terminale di guglia, dovrebbe avere alla base la sede per lo spinotto e il piombo necessari a connetterlo e a saldarlo alla parte sottostante. Lorenzelli: In effetti sono presenti sia le due sedi di incastro sia il piombo. Il quarto oggetto e una mensolina raffigurante un "Cristo in pietà". Dalla decorazione floreale e dal tipo di marmo la sua manifattura può essere indicata nell'area milanese, vicino alla fabbrica della Basilica di S. Ambrogio alla seconda meta del XV secolo. Anche in questo caso la collocazione particolare risulta vincolante per una corretta lettura del pezzo. Il quinto oggetto e un frammento d'altare raffigurante un angelo in preghiera attribuito inizialmente dalla critica all area toscana, nel pieno Quattrocento: successivamente e stato avvicinato invece alla produzione lombarda nell ambito arnodeiano: si notano ancora tracce di doratura nella capigliatura. Bugini Non ti sembra anche un po' entro l'influenza dei Pisano e di Jacopo della Quercia? Lorenzelli: L espressione del viso e la postura del corpo mi sembra denun rino più rhiaramente una origine lombarda, sauramente a conoscenza della Fonte Gaia di Jacopo della Quercia. Ma il riferimento alla congiuntura amodeiana e per me la più convincente.

4 Bugini: L Amadeo ha un modellato più secco, questo ha invece una morbi dezza e il senso della massa che sono riconducibili ai Pisano, anche per il movimento. Lorenzelli: Il variare delle attribuzioni non sposta comunque la congiuntu ra in cui il nostro oggetto e stato realizzato, caratterizzata da una cultura aperta, internazionale una volta superata la fase "locale" delle scuole. Vi sono ancora due mensole reggicolonna di origine occitanica, una raffigurante un personaggio che suona la cornamusa e l'altra invece un animale fantastico, attribuibili alla fine del XIII, inizi del XIV secolo, il cui vincolo all'architettura mi sembra assolutamente evidente. Abbiamo infine una formella con decorazioni dorate precedentemente attribuita a Giacomo fozzarelli mentre invece si tratta di una produzione dell officina del duomo senese: era un pannello decorativo della parte interna. fon questo documento si conclude questa breve illustrazione introdut tiva e vorrei chiarire che trovo originale, in un catalogo d'arte, discutere sul materiale non tanto dal punto di vista dell'attribuzione, che e importante ma non decisiva all'occasione, quanto dal punto di vista della funzione che originalmente questi pezzi avevano: ecco la presenza di un archi tetto, che studia e si occupa principalmente della funzione e del decoro. Diversamente, per I eterogeneità dei materiali, avrei dovuto chiedere a diversi esperti uno specifico intervento, rompendo quella unita che invece in complesso del materiale presenta. Il comune denominatore fra i diversi pezzi e il "punto di vista" dell'architetto, che può leggere quanto uno storico della scultura può invece considerare non interessante, o ininfluente. Bugini: E' con piacere che metto a disposizione la mia esperienza d'architetto per individuare il "luogo'' di nascita di queste pietre. Per me, senza dubbio, esso appartiene al "territorio dell'architettura'. Tutto questo materiale lo assegneresti alla sfera dell architettura o a guella della scultura? Lorenzelli: I documenti presenti sono da leggere come sculture, questo e innegabile: pero fanno parte anche dell'architettura. Puntare l'attenzione sulla parte "mancante" e il compito del nostro colloguio. Bugini: Per capire queste pietre bisogna possedere una chiave di lettura. Se il loro specifico e l'architettura, te le spieghi secondo la logica del fare architettura in tutte le sue articolazioni. L'architettura non e detto che sia solo ciò che si realizza con la concezione dei muri e nel mettere insieme colonne e architravi. A volte essa assume aspetti formali i cui passaggi risultano cosi trascendenti da sfiorare il confine con il mondo della scultura. Queste pietre appartengono al "territorio dell'architettura" anche se 44 vedi qui modellata una figura; la Cariatide dell'ireneo, convenzionalmen

5 te scultura, nel suo specifico e architettura, lo credo che valga la pena di chiarire ciò perche, se chiaro, potremo comprendere puntualmente il significato delle nostre pietre, diversamente resteranno dei misteri. Se questi sono, come sono, pezzi d'architettura, mostrano anche aspetti poco esplorati dalla critica e sperimentati dalla nostra cultura architettonica che da tempo ha privilegiato articolazioni povere e trascurato di proposito quelle più liriche e ricche dell esperienza più classica; ciò spiega anche la loro attuale non facile comprensione. Lorenzelli: L architettura spesso e stata vista come cornice contenitrice per guesti oggetti e non come opera d'arte intimamente connessa con il suo decor che ne e parte integrante e complementare. Bugini: A guesto punto sfiori un altro problema grosso che riguarda la con cezione dell'architettura come arte madre. Alberto Veca: Mi sembra opportuno inserire il discorso che stiamo facendo all'interno della storia della collezione dei "frammenti di architettura'' e non di quella della scultura" vera e propria, che e altro problema, per natura e apprezzamento dei materiali raccolti. Iosa mina dovete la frase che legittima le prime raccolte di frammenti architettonici nell universo della raccolta della classicità nella congiuntura umanistico rinascimentale italiana. La chiave principale, costante nella collezione qualsivoglia mate riale. e quello della memoria, della conservazione, del recupero in senso archeologico, dello scavo di quanto e stato conservato fino a allora dal suolo patrio " e che la curiosità e l'amore dell'uomo contemporaneo por tano alla luce. Se oltretutto osserviamo il materiale che abbiamo davanti agli occhi bisogna aggiunqere o sostituire alla memoria della classicità un passato più vicino e consueto, maggiormente connesso, un frammento reso tale dalla distruzione che lo stesso uomo ha messo in atto del tessuto umano della citta. Non tanto fenomeni naturali, o bellici, guanto la trasformazio ne della citta da medioevale a moderna nella congiuntura ottocentesca, da guella borghese a quella industriale, ha prodotto le "macerie del passato' e la loro rielezione nell ambito della collezione a opera di collezioni sti magari protagonisti e responsabili dello scempio urbanistico di cui sopra. Non a caso il museo Bardmi che e stato prima ritato, raccoglie que sti frammenti in base al cambiamento della citta nella seconda meta dell Ottocento da artigiana, articolata su un centro ricco di chiese, di con venti e di un tessuto abitativo fortemente aggregato, a industriale. Nella distruzione di questo tessuto storico della citta medioevale citta stato dei secoli passati, nasce questo sentimento della collezione dei frammenti di architettura. Due allora le indicazioni possibili che provengono dalle raccolte, una legata al valore normativo che il frammento può avere ali oggi e siamo

6 nella congiuntura rinascimentale -, una invece legata alla volontà di man tenere in vita tracce di un passato altrimenti cancellati. In ogni caso e comunque un esercizio della memoria. Questi punti permettono in gualche modo se non di rispondere almeno di chiarire secondo me il guesito iniziale che e stato posto, cioè guello di "come leggere" questi documenti, dal momento che mi sembra assolutamente da escludere una lettura estetica" dell'oggetto, in guanto tale, senza prenderne in considerazione la funzione e pertanto, data la loro natura, la collocazione. Mi rendo conto comunque che la poetica del "frammento ha storicamente una sua forte suggestione: mi riferisco ali inclinazione per il rovinismo" e alla stessa congiuntura romantica, al fascino che il frammento, nella capacita di suscitare emozioni e sugge sfiorii nel completarlo o nel connetterlo al lutto, può produrre. Mi sembra pero che. sia pure sottostante, guesto atteggiamento non sia guello da vitalizzare in questa occasione: la funzione, la collocazione, la distanza di lettura del frammento determinano la forma nello spazio, determinano la grandezza, le proporzioni e la figurazione dei nostri oggetti: solamente rimettendoli, o pensandoli, in una ipotetica sede idonea possiamo averne una lettura privilegiata. Una soluzione possibile al problema e quando, alla fine del tuo Intervento, accennavi alla necessita di interrogarsi su cosa sia architettura; aggiungerei su cosa e architettura e cosa decor, un tema assolutamente scottante oggi e certamente assolutamente risolto nelle epoche in cui questi oggetti sono stati realizzati. Vorrei dire che la loro "lezione ' sia in assoluta opposizione rispetto alla polemica moderna e contemporanea fra "essenzialità" e decorazione in architettura, in una lettura assolutamente riduttiva del secondo termine, un orpello grazioso' per la massa dell'edificio, che invece e portante. E il discorso può ribaltarsi. Ma affronterei guesto aspetto in un secondo momento: credo che sia più opportuno tornare ai nostri oggetti in cui la soluzione funzionale e la soluzione scultorea mi sembra producano, come nelle tre formelle genovesi già citate, effetti plastici e percettivi straordinariamente variati e ricchi. Mi sembra che sia un caso in cui l'ornato superi un ruolo squisitamente riempitivo. Bugini: Il discorso che hai fatto, e una buona base per procedere con la nostra esplorazione. Se questi valori li consideri come recupero della memoria, puoi inten dere che essi rievochino, oltre al significato, la loro origine; con ciò recuperi anche la memoria del processo architettonico che li ha generati: e in effetti, la loro definizione di momenti di architettura, nonostante si esprimano secondo le modalità plastiche della scultura. Infatti queste forme, questi ritmi, questo riguadro con al centro guesta rosetta luminosa ospite di un magnifico spazio concavo che la esalta... - in sostanza questi temi, sottomultipli geometrici dell'architettura - rivelano 146 la loro matrice, il loro specifico, il luogo della loro nascita per ascrivere

7 tutto no puntualmente all'universo dell architettura. Senza queste radici la memoria e feticismo: nello scoprire la loro scatu rigine, scopri il mondo che li riconnette e li integra correttamente. Ricostruire o recuperare i meccanismi del fenomeno che ha generato questi frammenti di architettura e fondamentale. Il movimento moderno ha volutamente rimosso dalla propria esperienza ciò che tu hai chiamato ornato squisitamente riempitivo " perche ritenuto orpello e maschera atti a nascondere il vuoto di concetto architettonico. I moderni hanno bandito la decorazione in relazione ad un preciso momento dell esperienza storica dell'architettura, ma non per sempre. La sua ricomparsa sarebbe stata non più per essere mascherata ma continuità articolata del discorso architettonico. Prendiamo ad esempio questo frammento raffigurante il Padre Eterno, terminale architettonico di una guglia. Quale migliore terminale poteva concludere un concetto architettonico più puntualmente di guesto? Poteva risolversi con una sfera; per esempio i classici l'avrebbero scel ta al suo posto. II mistero della sfera umanamente riporta al mistero del Padre Eterno e, per il nodo architettonico della dissolvenza, risulta in pratica indifferente. L'effetto da ottenere e, dopotutto, quello di dissolvere la consistenza della guglia nel mistero dello spazio infinito o, viceversa, di condensare l'essenza dello spazio infinito nella materia della guglia per la cattedrale, no"? Non e questo un discorso di architettura? Veca: Mi sembra importante la precisazione che è stata fatta sul concetto di memoria perche ve ne sono due tipi: una memoria dell'accademia, del modello vincolante, del gesso che riempie le cantine delle Accademie, fino a pochi anni orsono dimenticato e ora di nuovo in auge e una memoria d'elezione, realizzata con l'occhio e l'intelligenza di cui si parlava prima. Il problema della tradizione, della memoria, diventa fondante una volta che perda il carattere normativo, obbligante, perda il suo ruolo di modello da replicare per acquistare quello della liberta, appunto dell'elezione. Il citato contrasto fra Loos e Olbrich, radicale e forte nei suoi termi ni, appartiene ad una determinata congiuntura e non può essere reiterato in modo manicheo. Nella Vienna di fine secolo la polemica e assolutamente produttiva: perpetrarla mi sembra lo sia molto meno. L'estremizzazione del decoro di un Olbrich e la classicità di Loos sono momenti radicali di un interesse assolutamente straordinario ancora oggi, nel momento in cui li si interpreti con I intelligenza eletta ' cui prima si faceva riferimento. I nostri documenti scultorei sono invece lontani"' nel tempo e nel modo con cui sono stati concepiti: guesto forse ci permette una lettura più ampia e libera, meno complicata dai riflessi sull'oggi.

8 Mi sembra allora importante cogliere l'aspetto della capacita "figurati va" che I architettura può esprimere in gueste pietre, connesse e necessarie all'edificio e alla sua intelligenza; una figuratività che può assumere come soggetto indifferentemente la sfera dell'oggetto artificiale, la croce, all'universo del vegetale e dell'animale, in una sostanziale conti T i e connessione. La decorazione da questo punto di vista ripete nel medesimo edificio la totalità dei mondi che l'uomo conosce, frequenta o immagina nella propria testa: un luogo quest'ultimo di assoluto fascino ma anche di grande distanza rispetto alla nostra sensibilità e modo di prò durre artefatti. Lorenzelli: Mi pongo allora il quesito del senso" della decorazione, cioè di quale relazione esiste fra figure scolpite e l'edificio che le accoglie. Bugini: Gli interrogativi che ci stiamo ponendo meritano grande riflessione e quindi una constatazione che potrebbe anche essere una risposta ad Alberto: le nostre pietre sono sostanzialmente frammenti di architettura! Il loro specifico, cioè l'universo dellarchitettura, "e capace di assoni mare dal punto di vista iconografico, la totalità del loro universo". Non tutti i fatti decorativi appartengono allo specifico dell'architettura come per esempio quelli che risultano "come ornato squisitamente riempitivo". E questo non si riscontra nei pezzi che stiamo analiticamente considerando. Forse e necessario affermare che bisogna superare l'idea stereotipa dell architettura. Essa non e sempre tutto ciò che si presenta in termini di geometria: quadrato, cerchio, cubo o sfera. A volte si esprime anche attraverso forme inconsuete, lontane dalla geometria. Non dobbiamo pensarla riferita a modelli fissi o convenzionali. Allarghiamo invece l'orizzonte del "territorio dell'architettura". Valéry nell'eupalfnos afferma che ci sono muri rhe sono muti, muri che parlano e muri che cantano. Il diverso modo di essere di questi muri dipende dalla carica espressiva loro conferita. Un muro muto e solamente un fatto edilizio mentre un muro che parla o canta, comunica e si specifica naturalmente come architettura. E per dire inoltre, con la testimonianza di Fedro, sempre neìì'eupalinos di Valéry, a proposito del Tempietto edificato per Ermes, che lo stesso era per l'immagine matematica di una ragazza di Corinto che I autore aveva amato. Lorenzelli: Non riesco a capire se e I architettura a inserirsi nel contesto naturale o la natura la parte funzionale che deve essere modificata per 48 diventare architettura.

9 Bugini: [architettura e un fatto artificiale. La natura" viene nel caso specifico modellata e rifinalizzata creativa mente, in pratica soggetta a un nuovo ordine, disegno o progetto da parte dell architetto. Lorenzelli: Si potrebbe discutere se i nostri oggetti appartengono ali universo della decorazione" o a guello della "comunicazione", trasmettano cioè informazioni. Bugini: Sono certamente comunicazioni visive e come dissi all'inizio, risultano elementi del linguaggio comunicativo dell'architettura, sicuramente per nulla "decoro inteso nel senso squisitamente riempitivo" come considerato criticamente in precedenza da Alberto. E' da ammettere che il significato di queste pietre non e facile da comprendere nella sua globalità e compiutezza. Come frammenti portano con se il "mistero" dei contesti originali dai guali provengono. La chiave di lettura sta nel conoscere il loro contesto specifico, scoprendolo, come la faccia invisibile della luna, per renderci conto della loro totale entità. Se mi riporto al saggio di Lewis Mumfort dal tema "La storia dell'utopia", guesti frammenti risultano simili ai momenti di crescita di una citta, che. diversi fra loro e quasi mai completi, si spiegano solo se si integrano in astratto, con la parte non realizzata derivandola dall'utopia che ha innescato il processo della loro nascita e incompleta realizzazione. Per spiegare questi frammenti e altresì necessario conoscere la loro utopia: integrarli con la ragione della nascita e disegno, perche risultino comprensibili. Lorenzelli: Rimane il nodo cruciale dal come leggere le nostre pietre, a se stanti, come sculture, o nelle immaginate o presumibili connessioni con l'edificio. Bugini: Considerarle fine a se stesse e a mio avviso solo un vago piacere, caro ai romantici per il "mistero ", e caro ai cultori di feticci per la nebbia" che avvolge i frammenti d'arte in genere. Questa formella, con la rosetta al centro, e un "concetto spaziale " allo stesso modo del taglio nei quadri di Fontana, a prescindere dalle modalità con cui viene reso. Se la penso poi. come e puntualmente pensabile, un momento dell articolazione spaziale dell architettura ad esempio di una cattedrale, mi si colloca ali interno di un processo creativo, più esteso, generale e complesso, da far impallidire il gesto di Fontana ridurendolo ad elementare sperimentazione virtuosistira da laboratorio o salotto.

10 Veca: Il problema posto da Àbramo e nevralgico, se teniamo presente che noi abbiamo messo Insieme, collezionalo, documenti il cut ventaglio coni positivo copre grosso modo tre secoli di esperienza plastica e architettoni ca. Mi sembra inutile affrontare eventuali letture "per differenze" fra i diversi documenti, magari su un tema, per altro interessante ma in guest occasione fuorviatile, dal modo con cui la figura umana viene rela ztonata al fondo. Diversamente trovo centrale nel nostro discorso la riflessione compiuta da E. H. Gombrich nel suo II senso dell ordine quando affronta, rileggendo letteratura e documenti, il tema decoro non inteso come accessorio o orpello riempitivo, quanto come vero e proprio sistema comunicativo e narrativo. Nel caso dei nostri oggetti, in modo più o meno determinante, il decoro diventa assolutamente produttivo, costituisce una vincolare corrispondenza fra dimensione architettonica e dimensione decorativa in guanto l'elemento architettonico diventa "figurato. Mi chiedo sovente la funzione, più radicalmente la necessita storica della figurazione, più in genere della narrazione che evidentemente e presente anche nelle culture che non ammettono la presenza della figura umana nelle arti plastiche. Sintetizzando guanto già rilevato da Abramo, possiamo dire che nel caso di questi frammenti di architettura figurali un aspetto determinante e quello di stabilire come lo scultore abbia utilizzato una specifica forma plastica funzionale lil capitello, la mensola! o decorativa Ila guglia! per piegarla alla sua volontà rappresentativa; come cioè la figura, umana o vegetale che sia, si adegui al volume dato, alle sue coordinate funzionali. Sull'adeguamento a tale vincolo, nella sua reinvenzione fra funzione e decoro, quindi sul confronto di questi due problemi, si gioca una parte rilevante per la comprensione del materiale. In guesto senso la dimensione narrativa e funzionalmente legata a quella architettonica perche l'edificio stesso e luogo di uno svolgimento, di un viaggio, di un tempo precedente quello dell'ingresso, di un tempo successivo che e quello dello stazionamento all'interno dell'edificio e della sua perlustrazione per aggiungere alla stanza, a un metaforico centro, e un tempo ulteriore, che e guello dell'uscita, di nuovo ma diversa mente all'esterno. E ancora, l'edificio parla di terra e di cielo, di basso e alto, di tangibile e di visibile: universi intriganti in modo particolare fisionomia dei nostri oggetti in mostra. Credo comunque che gualungue archi tettura, anche quella laica, conosca un analogo passaggio fra terra e cielo, una esperienza umana indipendente dall'iconografia religiosa dei frammenti di architettura collezionati. Mi sembra interessante la rispondenza che si può trovare fra il racconto dell'architettura e guello della decorazione: non esiste dissociazione ma una medesima intenzione costruttiva. E il ragionamento può essere fatto anche in senso diacronico, quando il desiderio di "ridisegno" barocco

11 aggrediti e I editino medioevale, con buona pace delle invenzioni ottocentesche e dei restauri anni Cinquanta che tendevano a riportare il monumento a una sua primitiva, quasi edenica verità non cogliendo la "storia" dell'edificio e del decoro come assolutamente connessa. Una architettura e un organismo soggetto nella storia a una evoluzione che. quando non ne stravolge la fisionomia, si arricchisce della valutazione e dell interpretazione che ne vengono in epoche successive formulate. Una lettura dell oggi deve prendere atto di queste vicissitudini che costi tmsi inni lo spessore, la ricchezza e la stessa vitalità dell'edificio. Quella del riportare I architettura al suo disegno "originale'' e un'ipotesi "edenica", di scarso peso quando si pensi che la storia dell'architettura e fatta per necessita di materiali spesso non originali, di riutilizzi, di adattamenti tanto nelle strutture quanto negli strumenti concreti che paradossalmen te, guando estranei alla costruzione, costituiscono una forma incoerente ma significativa di collezione. Un esempio "stravagante' di decoro, tanto per cogliere la traccia di "vissuto " che costruire comporta, e costituito dall'uso lombardo in San Pietro in Ciel d'oro a Pavia, S. Agnese a Lodi, nell'abbazia di Morimondo, di incastonare nelle facciate a capanna delle chiese vasellame islamico, memoria del viaggio in Palestina: se si riesce a cogliere anche guesto aspetto, quello dì una mentalità che riutilizza e adatta un materiale cosi stravagante, appartenente alla sfera dell'esperienza individuale, in un contesto come la Basilica della propria terra d'origine, risulta più facile cogliere il senso dell'inserimento nel decoro di elementi così diversificati, dalla voluta vegetale alla presenza animale, reale o fantastico, dell'uomo. Il senso che guesta figurazione svolge è una forte volontà di "presenta zione dell'universo concentrato nelle facce dell'edificio: è la stessa forza con cui Petrarca parla di "forma vera" per indicare il volto della donna amata nelle sembianze delle altre donne: in sintesi decoro come immagine dell esistere e del suo desiderio. Bugini: L'architettura si esprime in prevalenza attraverso forme astratte e quindi la sfera sarebbe stata il giusto terminale della guglia: ma guesto terminale nelle sembianze del Padre Eterno, surroga la sfera. La sfera e l'astrazione del Padre Eterno. Tante volte. I architettura passa dall'astratto al figurativo e prende a prestito valori figurativi per affermare la stessa cosa. Non dobbiamo lasciarci ingannare ascrivendo all'universo della scultura tutto ciò che e figurativo e viceversa all'architettura tutto ciò che risulta astratto e affermare che l'essenza dei valori architettonici e indipendente dalla configurazione che possono di volta in volta assumere. Poi ci sono le interessanti considerazioni di Alberto a proposito dei frammenti di architettura riportati sulle facciate delle chiese di Lodi e Pavia, come memoria dei viaggi a Gerusalemme da parte dei pellegrini. Sono contaminazioni che possono risultare assimilate o rigettate

12 dall architettura che le ospita a seconda che la stessa risulti processo aperto o chiuso. Ci sono architetture classiche, bizantine e gotiche che sembrerebbero escludere qualsiasi possibile contaminazione perche informate ad una rigorosa intrinseca filosofia o teologia ma invece capaci di assorbirle per che nate come processo aperto per concludersi mai; per sensibilizzarsi e crescere con i gusti - scelte che mutano nel tempo. Noi moderni abbiamo acquisito criticamente questo concetto dell architettura; ci siamo liberati per esperienza da una sua visione rigida e immutabile per considerare positivamente le architetture - apparentemente non finite"- che invece hanno accumulato vari segni in tempi diversi come apporto creativo della collettività, come la facciata di S. Spirito in via Pignolo. L'effetto degli apporti creativi della collettività nel tempo viene nor malmente considerato dai formalisti espressione kitsch, di incoerenza sti listica. esteticamente inaccettabile, salvo mutare gradualmente opinione con il mutare della cultura e del gusto estetico della società. Il "racconto dell'architettura" e il "racconto della decorazione" risulta no tutt uno, non sono mai dissociati neanche guando si verificano in tempi diversi, soprattutto se I organismo architettonico in cui si concretano e organismo aperto all'apporto successivo, per muoversi con la cultura che si evolve. L architettura deve essere considerata per la sua capacita di attualizzarsi nel tempo, cioè, come tutte le opere d'arte, organismo vivente. Ad esempio, il Partenone ha la capacita di farsi confermare continuamente presso la società che muta; esso risulta una costante nel cammino della storia!. Santa Maria Maggiore, in Bergamo Alta, romanica, presenta nel suo interno una correzione barocca; chi può dire che la diversità stilistica e anche rottura dell'unita dell organismo architettonico? Ma un esempio mi viene in mente per sintetizzare la relazione fra archi lettura e decorazione o meglio, fra i momenti interni alla manifestazione dell'architettura che vanno, dalla massa volumetrica, agli spazi introversi ed estroversi, alla struttura, ai ritmi dei valori formali espressi alle varie scale, alle materie, al colore, al gioco delle vibrazioni luminose, alle metamorfosi delle forme... nell'arco che va dai momenti iniziali a quelli finali del suo manifestarsi: il muro interno dei Propilei di ingresso all'acropoli di Atene. Lo ricordo di pietre lisce, perfettamente squadrate; in ognuna al centro, in rilievo, una bugna piramidale. Il sole e la parete erano alle mie spalle guel primo mattino e il mio interesse era principalmente rivolto al Partenone. La magnificenza del Tempio di Ictinos mi aveva colmato di emozioni e per 52 normalizzare lo sconcertante rapporto venutosi a creare, volsi momenta-

13 neamente le spalle al Tempio. Notai la parete del Propileo In controluce e le bugne nell ombra evidenziavano il ritmo del tessuto murario decorandolo". Quando, poco dopo, mi rivolsi per caso nuovamente alla parete dei Propilei, il sole aveva acceso le punte delle bugne. Vidi la parete come risvegliarsi col variare del sole e le bugne illuminars fino alla loro radice. Quando anche il piano dal quale aggettavano fu illuminato, esse incominciarono a proiettare la loro ombra sullo stesso e man mano che il sole variava inclinazione, si accorciavano e rafforzavano di intensità. Preso da incanto sarei stato fino a sera a osservare lo spettacolo d quella parete che, in sintesi, rivelava l'essenza dell'architettura. E' sufficiente per spiegare che fra "il racconto dell'architettura" e "i racconto della decorazione" non vi é dissociazione ma un tutt'uno? E che in effetti", per riprendere la conclusione di Alberto, l'architettura, come ogni espressione artistica del resto, rivela sostanzialmente i Veri" - come in Petrarca valori del senso dell'esistenza?

14 Capitello Croce centrale e volute vegetali Marmo cm.25 x 30 x 30 Malia centrale, IX X secolo Fra funzione e decorazione, il capitello in arrhitettuta svolge il compito di "snodo" fra la colonna sottostante, dall'andamento verticale e di base rotonda, e la sezione quadrata dellarchitrave o dell'arco con il loro andamento "orizzontale". Il suo ruolo consiste nel connettere due dinamiche fortemente differenziale, rendendo continuo" un passaggio figurale altrimenti traumatico. Dall'eredità classica e dalla lettura particolare che ne viene fatta dall'immaginario bizantino, capace di trasformare in senso lineare la plastica greco roma na, emerge la particolare interpretazione "barbarica" della decorazione longobar da, interessata a una invasione tigorale della superficie ma nello stesso tempo, come nel capitello illustrato, capace di ordinare in modo simmetrico e euritmico I alternarsi della croce al centro che si ripete sulle quattro facce e del racemo vegetale bipartito, posto agli angoli del ca lino, connettendosi ulteriormente con la funzione architettonica.

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE Il Dipartimento, nell'ambito della discussione preliminare relativa alla Programmazione, ed in considerazione del riordino dei cicli scolastici previsti dalla

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare A. opera applicando un metodo di lavoro efficace,

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria L alunno utilizza gli elementi grammaticali di base del linguaggio visuale per osservare, descrivere

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331 MANESIOMO e RINASCIMENTO Vol II, pp. 322-331 331 XV-XVI XVI Rinascimento Scoperte geografiche e nuovo impulso a commercio ed economia ridanno fiducia nella scienza,, nella ragione e nell esperienza, quindi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2013/2014 ARTE E IMMAGINE CURRICOLO Ambito disciplinare ARTE E IMMAGINE

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

La cappella Pazzi 1429-1461

La cappella Pazzi 1429-1461 La cappella Pazzi 1429-1461 Cappella Pazzi era una aula dietro l altare dove la famiglia del committente aveva il diritto di sepoltura. Si pone accanto alla chiesa come una struttura che non ha bisogno

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ Per un artista dedito alla ricerca e alla meditazione, abituato a parlare tramite i suoi quadri, è difficile comunicare la sensazione di piacere che si prova in

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

Considerazioni iniziali Il Paracadute

Considerazioni iniziali Il Paracadute Angela Turricchia Leopoldo Benacchio Grazia Zini Considerazioni iniziali Leonardo da Vinci è universalmente riconosciuto come eccelso pittore, ma anche come ingegnere, come costruttore, architetto, anatomista

Dettagli

LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011

LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011 LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011 1. PREMESSA L istituto Provinciale per l Infanzia Santa Maria della Pietà è un antica istituzione veneziana che

Dettagli

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CONTENUTI (Conoscenze) ABILITA (Competenze specifiche) VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE 1. IL MESSAGGIO VISIVO Guardare immagini, forme e oggetti dell ambiente utilizzando

Dettagli

arredo complementi giardino la casa che parla di te Coloniale progetta emozioni

arredo complementi giardino la casa che parla di te Coloniale progetta emozioni arredo complementi giardino la casa che parla di te Coloniale progetta emozioni Coloniale progetta emozioni Una storia di viaggi, di scoperte, di incontri e di persone. Un padre, un figlio, un amico, che

Dettagli

la rappresentazione dell architettura

la rappresentazione dell architettura la rappresentazione dell architettura Il disegno per il rilievo 150 Lo schizzo a mano libera Lo schizzo a mano libera costituisce un momento fondamentale del disegno di architettura, sia come strumento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Sereni"di Porto Valtravaglia

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Serenidi Porto Valtravaglia PROGETTO LETTURA: DALL ANALISI ONIRICA E PROFONDA DEI GRANDI MITI DEL PASSATO, PASSANDO DAL MITO DI ULISSE, FINO A GIUNGERE AI MITI RACCHIUSI NELL OPERA DEI GRANDI CANTAUTORI CONTEMPORANEI Premessa L'immaginario

Dettagli

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO «IL RESTAURO SCIENTIFICO RIVELA LA PROPRIA INADEGUATEZZA NEL 1943-45 ALLORCHÉ SI DEVONO AFFRONTARE LE CONSEGUENZE DELLE DISTRUZIONI BELLICHE; L ENTITÀ

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe SECONDA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1874)

Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1874) Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1874) QUATREMERE DE QUINCY Voce Restauro dal Dizionario storico di Architettura 1832 Non si capisce quale pericolo potrebbe correre più di un edificio incompleto se

Dettagli

IL CONCETTO DI MODELLO

IL CONCETTO DI MODELLO Titolo: IL CONCETTO DI MODELLO Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare 2. Alziamo gli occhi al cielo 3. L'universo in una stanza AVVERTENZA: Le

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Mostra Alice nel Paese delle Meraviglie Luogo: sala espositiva collocata all interno di un edificio

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI di PISA e CASCINA Via San Frediano, 13 56126 PISA - Tel. 050 580501 - Fax 050 580601 Via Tosco Romagnola, 242 56021

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione, passim.

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione, passim. FINALITA La storia è la disciplina nella quale si imparano a conoscere e interpretare fatti, eventi e processi del passato; le conoscenze del passato, in particolare i temi della memoria, dell'identità

Dettagli

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico)

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) 1. Alcuni obiettivi da far conseguire agli alunni entro la quinta classe della scuola primaria riguardano sostanzialmente un capitolo della

Dettagli

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Stoppani Scuole primarie Cadorna e Stoppani Scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale Don Milani Via Carroccio,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco Cod. Mec.RMIC800R - C.F. 979800580 - Municipio V Via Casal Bianco,

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria Competenze Abilità Conoscenze Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Presidente: Prof. arch. FILIPPO ALISON Obiettivi formativi

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI Doralice Magnoni Area: approfondimenti disciplinari Obiettivi: stabilire intrecci e connessioni tra le discipline Attività: COLORANDIA ALLA SCOPERTA DEI COLORI Ordini di scuola: scuola dell infanzia Crediti:

Dettagli

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA INDICE PRESENTAZIONE di Don STEFANO RUSSO 5 LO SPAZIO SACRO (AMBROGIO MALACARNE) 9 Elementi naturali che richiamano l'idea del sacro 11 La caverna, santuario naturale 11 I megaliti e il loro riferimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli