Bugini Non ti sembra anche un po' entro l'influenza dei Pisano e di Jacopo della Quercia?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bugini Non ti sembra anche un po' entro l'influenza dei Pisano e di Jacopo della Quercia?"

Transcript

1

2

3 Jacopo Lorenzellf: Intorno al medesimo tavolo Abramo Bugini, invitato nell'occasione per la sua competenza in campo architettonico, e Alberto Vera che ha selezionato con me il materiale ora in discussione, diverso per epoca di realizzazione e per funzione, ma assimilabile nel titolo Tram menti di architettura con cui si e voluto ricordare in guesta esposizione quella sezione della collezione antica dedicata in generale alla scultura e alla plastica. Introduttivamente mi sembra opportuno ricordare la fisionomia dei reperti che costituiscono il nostro percorso nel tempo. Il primo esempio e un capitello di manifattura longobarda dell'alto Lazio, riferibile al IX X secolo, decorato roti una croce centrale e racemi vegetali. La seconda tappa e costituita da tre predelle provenienti da Genova, realizzate tra la meta e la fine del XIII secolo, precedentemente nella collezione Bardini di Firenze prima della sua parziale vendita. Le foto dell'allestimento curato dal proprietario e pubblicate sul catalogo della collezione del 1889 ne testimoniano la presenza accanto a altri esemplari che costituivano un ori ginale decor della Genova medioevale. Il terzo documento e un "Cristo benedicente di produzione del Veneto di terra riferibile al XIV secolo, in pietra: si tratta sicuramente di un frani mento di decorazione architettonica, una cuspide per esterno con tutta probabilità, dal momento che si notano tracce d'erosione e il punto di vista da cui occorre guardare il frammento e quello basso-alto. Abramo Bugini: Se e veramente un terminale di guglia, dovrebbe avere alla base la sede per lo spinotto e il piombo necessari a connetterlo e a saldarlo alla parte sottostante. Lorenzelli: In effetti sono presenti sia le due sedi di incastro sia il piombo. Il quarto oggetto e una mensolina raffigurante un "Cristo in pietà". Dalla decorazione floreale e dal tipo di marmo la sua manifattura può essere indicata nell'area milanese, vicino alla fabbrica della Basilica di S. Ambrogio alla seconda meta del XV secolo. Anche in questo caso la collocazione particolare risulta vincolante per una corretta lettura del pezzo. Il quinto oggetto e un frammento d'altare raffigurante un angelo in preghiera attribuito inizialmente dalla critica all area toscana, nel pieno Quattrocento: successivamente e stato avvicinato invece alla produzione lombarda nell ambito arnodeiano: si notano ancora tracce di doratura nella capigliatura. Bugini Non ti sembra anche un po' entro l'influenza dei Pisano e di Jacopo della Quercia? Lorenzelli: L espressione del viso e la postura del corpo mi sembra denun rino più rhiaramente una origine lombarda, sauramente a conoscenza della Fonte Gaia di Jacopo della Quercia. Ma il riferimento alla congiuntura amodeiana e per me la più convincente.

4 Bugini: L Amadeo ha un modellato più secco, questo ha invece una morbi dezza e il senso della massa che sono riconducibili ai Pisano, anche per il movimento. Lorenzelli: Il variare delle attribuzioni non sposta comunque la congiuntu ra in cui il nostro oggetto e stato realizzato, caratterizzata da una cultura aperta, internazionale una volta superata la fase "locale" delle scuole. Vi sono ancora due mensole reggicolonna di origine occitanica, una raffigurante un personaggio che suona la cornamusa e l'altra invece un animale fantastico, attribuibili alla fine del XIII, inizi del XIV secolo, il cui vincolo all'architettura mi sembra assolutamente evidente. Abbiamo infine una formella con decorazioni dorate precedentemente attribuita a Giacomo fozzarelli mentre invece si tratta di una produzione dell officina del duomo senese: era un pannello decorativo della parte interna. fon questo documento si conclude questa breve illustrazione introdut tiva e vorrei chiarire che trovo originale, in un catalogo d'arte, discutere sul materiale non tanto dal punto di vista dell'attribuzione, che e importante ma non decisiva all'occasione, quanto dal punto di vista della funzione che originalmente questi pezzi avevano: ecco la presenza di un archi tetto, che studia e si occupa principalmente della funzione e del decoro. Diversamente, per I eterogeneità dei materiali, avrei dovuto chiedere a diversi esperti uno specifico intervento, rompendo quella unita che invece in complesso del materiale presenta. Il comune denominatore fra i diversi pezzi e il "punto di vista" dell'architetto, che può leggere quanto uno storico della scultura può invece considerare non interessante, o ininfluente. Bugini: E' con piacere che metto a disposizione la mia esperienza d'architetto per individuare il "luogo'' di nascita di queste pietre. Per me, senza dubbio, esso appartiene al "territorio dell'architettura'. Tutto questo materiale lo assegneresti alla sfera dell architettura o a guella della scultura? Lorenzelli: I documenti presenti sono da leggere come sculture, questo e innegabile: pero fanno parte anche dell'architettura. Puntare l'attenzione sulla parte "mancante" e il compito del nostro colloguio. Bugini: Per capire queste pietre bisogna possedere una chiave di lettura. Se il loro specifico e l'architettura, te le spieghi secondo la logica del fare architettura in tutte le sue articolazioni. L'architettura non e detto che sia solo ciò che si realizza con la concezione dei muri e nel mettere insieme colonne e architravi. A volte essa assume aspetti formali i cui passaggi risultano cosi trascendenti da sfiorare il confine con il mondo della scultura. Queste pietre appartengono al "territorio dell'architettura" anche se 44 vedi qui modellata una figura; la Cariatide dell'ireneo, convenzionalmen

5 te scultura, nel suo specifico e architettura, lo credo che valga la pena di chiarire ciò perche, se chiaro, potremo comprendere puntualmente il significato delle nostre pietre, diversamente resteranno dei misteri. Se questi sono, come sono, pezzi d'architettura, mostrano anche aspetti poco esplorati dalla critica e sperimentati dalla nostra cultura architettonica che da tempo ha privilegiato articolazioni povere e trascurato di proposito quelle più liriche e ricche dell esperienza più classica; ciò spiega anche la loro attuale non facile comprensione. Lorenzelli: L architettura spesso e stata vista come cornice contenitrice per guesti oggetti e non come opera d'arte intimamente connessa con il suo decor che ne e parte integrante e complementare. Bugini: A guesto punto sfiori un altro problema grosso che riguarda la con cezione dell'architettura come arte madre. Alberto Veca: Mi sembra opportuno inserire il discorso che stiamo facendo all'interno della storia della collezione dei "frammenti di architettura'' e non di quella della scultura" vera e propria, che e altro problema, per natura e apprezzamento dei materiali raccolti. Iosa mina dovete la frase che legittima le prime raccolte di frammenti architettonici nell universo della raccolta della classicità nella congiuntura umanistico rinascimentale italiana. La chiave principale, costante nella collezione qualsivoglia mate riale. e quello della memoria, della conservazione, del recupero in senso archeologico, dello scavo di quanto e stato conservato fino a allora dal suolo patrio " e che la curiosità e l'amore dell'uomo contemporaneo por tano alla luce. Se oltretutto osserviamo il materiale che abbiamo davanti agli occhi bisogna aggiunqere o sostituire alla memoria della classicità un passato più vicino e consueto, maggiormente connesso, un frammento reso tale dalla distruzione che lo stesso uomo ha messo in atto del tessuto umano della citta. Non tanto fenomeni naturali, o bellici, guanto la trasformazio ne della citta da medioevale a moderna nella congiuntura ottocentesca, da guella borghese a quella industriale, ha prodotto le "macerie del passato' e la loro rielezione nell ambito della collezione a opera di collezioni sti magari protagonisti e responsabili dello scempio urbanistico di cui sopra. Non a caso il museo Bardmi che e stato prima ritato, raccoglie que sti frammenti in base al cambiamento della citta nella seconda meta dell Ottocento da artigiana, articolata su un centro ricco di chiese, di con venti e di un tessuto abitativo fortemente aggregato, a industriale. Nella distruzione di questo tessuto storico della citta medioevale citta stato dei secoli passati, nasce questo sentimento della collezione dei frammenti di architettura. Due allora le indicazioni possibili che provengono dalle raccolte, una legata al valore normativo che il frammento può avere ali oggi e siamo

6 nella congiuntura rinascimentale -, una invece legata alla volontà di man tenere in vita tracce di un passato altrimenti cancellati. In ogni caso e comunque un esercizio della memoria. Questi punti permettono in gualche modo se non di rispondere almeno di chiarire secondo me il guesito iniziale che e stato posto, cioè guello di "come leggere" questi documenti, dal momento che mi sembra assolutamente da escludere una lettura estetica" dell'oggetto, in guanto tale, senza prenderne in considerazione la funzione e pertanto, data la loro natura, la collocazione. Mi rendo conto comunque che la poetica del "frammento ha storicamente una sua forte suggestione: mi riferisco ali inclinazione per il rovinismo" e alla stessa congiuntura romantica, al fascino che il frammento, nella capacita di suscitare emozioni e sugge sfiorii nel completarlo o nel connetterlo al lutto, può produrre. Mi sembra pero che. sia pure sottostante, guesto atteggiamento non sia guello da vitalizzare in questa occasione: la funzione, la collocazione, la distanza di lettura del frammento determinano la forma nello spazio, determinano la grandezza, le proporzioni e la figurazione dei nostri oggetti: solamente rimettendoli, o pensandoli, in una ipotetica sede idonea possiamo averne una lettura privilegiata. Una soluzione possibile al problema e quando, alla fine del tuo Intervento, accennavi alla necessita di interrogarsi su cosa sia architettura; aggiungerei su cosa e architettura e cosa decor, un tema assolutamente scottante oggi e certamente assolutamente risolto nelle epoche in cui questi oggetti sono stati realizzati. Vorrei dire che la loro "lezione ' sia in assoluta opposizione rispetto alla polemica moderna e contemporanea fra "essenzialità" e decorazione in architettura, in una lettura assolutamente riduttiva del secondo termine, un orpello grazioso' per la massa dell'edificio, che invece e portante. E il discorso può ribaltarsi. Ma affronterei guesto aspetto in un secondo momento: credo che sia più opportuno tornare ai nostri oggetti in cui la soluzione funzionale e la soluzione scultorea mi sembra producano, come nelle tre formelle genovesi già citate, effetti plastici e percettivi straordinariamente variati e ricchi. Mi sembra che sia un caso in cui l'ornato superi un ruolo squisitamente riempitivo. Bugini: Il discorso che hai fatto, e una buona base per procedere con la nostra esplorazione. Se questi valori li consideri come recupero della memoria, puoi inten dere che essi rievochino, oltre al significato, la loro origine; con ciò recuperi anche la memoria del processo architettonico che li ha generati: e in effetti, la loro definizione di momenti di architettura, nonostante si esprimano secondo le modalità plastiche della scultura. Infatti queste forme, questi ritmi, questo riguadro con al centro guesta rosetta luminosa ospite di un magnifico spazio concavo che la esalta... - in sostanza questi temi, sottomultipli geometrici dell'architettura - rivelano 146 la loro matrice, il loro specifico, il luogo della loro nascita per ascrivere

7 tutto no puntualmente all'universo dell architettura. Senza queste radici la memoria e feticismo: nello scoprire la loro scatu rigine, scopri il mondo che li riconnette e li integra correttamente. Ricostruire o recuperare i meccanismi del fenomeno che ha generato questi frammenti di architettura e fondamentale. Il movimento moderno ha volutamente rimosso dalla propria esperienza ciò che tu hai chiamato ornato squisitamente riempitivo " perche ritenuto orpello e maschera atti a nascondere il vuoto di concetto architettonico. I moderni hanno bandito la decorazione in relazione ad un preciso momento dell esperienza storica dell'architettura, ma non per sempre. La sua ricomparsa sarebbe stata non più per essere mascherata ma continuità articolata del discorso architettonico. Prendiamo ad esempio questo frammento raffigurante il Padre Eterno, terminale architettonico di una guglia. Quale migliore terminale poteva concludere un concetto architettonico più puntualmente di guesto? Poteva risolversi con una sfera; per esempio i classici l'avrebbero scel ta al suo posto. II mistero della sfera umanamente riporta al mistero del Padre Eterno e, per il nodo architettonico della dissolvenza, risulta in pratica indifferente. L'effetto da ottenere e, dopotutto, quello di dissolvere la consistenza della guglia nel mistero dello spazio infinito o, viceversa, di condensare l'essenza dello spazio infinito nella materia della guglia per la cattedrale, no"? Non e questo un discorso di architettura? Veca: Mi sembra importante la precisazione che è stata fatta sul concetto di memoria perche ve ne sono due tipi: una memoria dell'accademia, del modello vincolante, del gesso che riempie le cantine delle Accademie, fino a pochi anni orsono dimenticato e ora di nuovo in auge e una memoria d'elezione, realizzata con l'occhio e l'intelligenza di cui si parlava prima. Il problema della tradizione, della memoria, diventa fondante una volta che perda il carattere normativo, obbligante, perda il suo ruolo di modello da replicare per acquistare quello della liberta, appunto dell'elezione. Il citato contrasto fra Loos e Olbrich, radicale e forte nei suoi termi ni, appartiene ad una determinata congiuntura e non può essere reiterato in modo manicheo. Nella Vienna di fine secolo la polemica e assolutamente produttiva: perpetrarla mi sembra lo sia molto meno. L'estremizzazione del decoro di un Olbrich e la classicità di Loos sono momenti radicali di un interesse assolutamente straordinario ancora oggi, nel momento in cui li si interpreti con I intelligenza eletta ' cui prima si faceva riferimento. I nostri documenti scultorei sono invece lontani"' nel tempo e nel modo con cui sono stati concepiti: guesto forse ci permette una lettura più ampia e libera, meno complicata dai riflessi sull'oggi.

8 Mi sembra allora importante cogliere l'aspetto della capacita "figurati va" che I architettura può esprimere in gueste pietre, connesse e necessarie all'edificio e alla sua intelligenza; una figuratività che può assumere come soggetto indifferentemente la sfera dell'oggetto artificiale, la croce, all'universo del vegetale e dell'animale, in una sostanziale conti T i e connessione. La decorazione da questo punto di vista ripete nel medesimo edificio la totalità dei mondi che l'uomo conosce, frequenta o immagina nella propria testa: un luogo quest'ultimo di assoluto fascino ma anche di grande distanza rispetto alla nostra sensibilità e modo di prò durre artefatti. Lorenzelli: Mi pongo allora il quesito del senso" della decorazione, cioè di quale relazione esiste fra figure scolpite e l'edificio che le accoglie. Bugini: Gli interrogativi che ci stiamo ponendo meritano grande riflessione e quindi una constatazione che potrebbe anche essere una risposta ad Alberto: le nostre pietre sono sostanzialmente frammenti di architettura! Il loro specifico, cioè l'universo dellarchitettura, "e capace di assoni mare dal punto di vista iconografico, la totalità del loro universo". Non tutti i fatti decorativi appartengono allo specifico dell'architettura come per esempio quelli che risultano "come ornato squisitamente riempitivo". E questo non si riscontra nei pezzi che stiamo analiticamente considerando. Forse e necessario affermare che bisogna superare l'idea stereotipa dell architettura. Essa non e sempre tutto ciò che si presenta in termini di geometria: quadrato, cerchio, cubo o sfera. A volte si esprime anche attraverso forme inconsuete, lontane dalla geometria. Non dobbiamo pensarla riferita a modelli fissi o convenzionali. Allarghiamo invece l'orizzonte del "territorio dell'architettura". Valéry nell'eupalfnos afferma che ci sono muri rhe sono muti, muri che parlano e muri che cantano. Il diverso modo di essere di questi muri dipende dalla carica espressiva loro conferita. Un muro muto e solamente un fatto edilizio mentre un muro che parla o canta, comunica e si specifica naturalmente come architettura. E per dire inoltre, con la testimonianza di Fedro, sempre neìì'eupalinos di Valéry, a proposito del Tempietto edificato per Ermes, che lo stesso era per l'immagine matematica di una ragazza di Corinto che I autore aveva amato. Lorenzelli: Non riesco a capire se e I architettura a inserirsi nel contesto naturale o la natura la parte funzionale che deve essere modificata per 48 diventare architettura.

9 Bugini: [architettura e un fatto artificiale. La natura" viene nel caso specifico modellata e rifinalizzata creativa mente, in pratica soggetta a un nuovo ordine, disegno o progetto da parte dell architetto. Lorenzelli: Si potrebbe discutere se i nostri oggetti appartengono ali universo della decorazione" o a guello della "comunicazione", trasmettano cioè informazioni. Bugini: Sono certamente comunicazioni visive e come dissi all'inizio, risultano elementi del linguaggio comunicativo dell'architettura, sicuramente per nulla "decoro inteso nel senso squisitamente riempitivo" come considerato criticamente in precedenza da Alberto. E' da ammettere che il significato di queste pietre non e facile da comprendere nella sua globalità e compiutezza. Come frammenti portano con se il "mistero" dei contesti originali dai guali provengono. La chiave di lettura sta nel conoscere il loro contesto specifico, scoprendolo, come la faccia invisibile della luna, per renderci conto della loro totale entità. Se mi riporto al saggio di Lewis Mumfort dal tema "La storia dell'utopia", guesti frammenti risultano simili ai momenti di crescita di una citta, che. diversi fra loro e quasi mai completi, si spiegano solo se si integrano in astratto, con la parte non realizzata derivandola dall'utopia che ha innescato il processo della loro nascita e incompleta realizzazione. Per spiegare questi frammenti e altresì necessario conoscere la loro utopia: integrarli con la ragione della nascita e disegno, perche risultino comprensibili. Lorenzelli: Rimane il nodo cruciale dal come leggere le nostre pietre, a se stanti, come sculture, o nelle immaginate o presumibili connessioni con l'edificio. Bugini: Considerarle fine a se stesse e a mio avviso solo un vago piacere, caro ai romantici per il "mistero ", e caro ai cultori di feticci per la nebbia" che avvolge i frammenti d'arte in genere. Questa formella, con la rosetta al centro, e un "concetto spaziale " allo stesso modo del taglio nei quadri di Fontana, a prescindere dalle modalità con cui viene reso. Se la penso poi. come e puntualmente pensabile, un momento dell articolazione spaziale dell architettura ad esempio di una cattedrale, mi si colloca ali interno di un processo creativo, più esteso, generale e complesso, da far impallidire il gesto di Fontana ridurendolo ad elementare sperimentazione virtuosistira da laboratorio o salotto.

10 Veca: Il problema posto da Àbramo e nevralgico, se teniamo presente che noi abbiamo messo Insieme, collezionalo, documenti il cut ventaglio coni positivo copre grosso modo tre secoli di esperienza plastica e architettoni ca. Mi sembra inutile affrontare eventuali letture "per differenze" fra i diversi documenti, magari su un tema, per altro interessante ma in guest occasione fuorviatile, dal modo con cui la figura umana viene rela ztonata al fondo. Diversamente trovo centrale nel nostro discorso la riflessione compiuta da E. H. Gombrich nel suo II senso dell ordine quando affronta, rileggendo letteratura e documenti, il tema decoro non inteso come accessorio o orpello riempitivo, quanto come vero e proprio sistema comunicativo e narrativo. Nel caso dei nostri oggetti, in modo più o meno determinante, il decoro diventa assolutamente produttivo, costituisce una vincolare corrispondenza fra dimensione architettonica e dimensione decorativa in guanto l'elemento architettonico diventa "figurato. Mi chiedo sovente la funzione, più radicalmente la necessita storica della figurazione, più in genere della narrazione che evidentemente e presente anche nelle culture che non ammettono la presenza della figura umana nelle arti plastiche. Sintetizzando guanto già rilevato da Abramo, possiamo dire che nel caso di questi frammenti di architettura figurali un aspetto determinante e quello di stabilire come lo scultore abbia utilizzato una specifica forma plastica funzionale lil capitello, la mensola! o decorativa Ila guglia! per piegarla alla sua volontà rappresentativa; come cioè la figura, umana o vegetale che sia, si adegui al volume dato, alle sue coordinate funzionali. Sull'adeguamento a tale vincolo, nella sua reinvenzione fra funzione e decoro, quindi sul confronto di questi due problemi, si gioca una parte rilevante per la comprensione del materiale. In guesto senso la dimensione narrativa e funzionalmente legata a quella architettonica perche l'edificio stesso e luogo di uno svolgimento, di un viaggio, di un tempo precedente quello dell'ingresso, di un tempo successivo che e quello dello stazionamento all'interno dell'edificio e della sua perlustrazione per aggiungere alla stanza, a un metaforico centro, e un tempo ulteriore, che e guello dell'uscita, di nuovo ma diversa mente all'esterno. E ancora, l'edificio parla di terra e di cielo, di basso e alto, di tangibile e di visibile: universi intriganti in modo particolare fisionomia dei nostri oggetti in mostra. Credo comunque che gualungue archi tettura, anche quella laica, conosca un analogo passaggio fra terra e cielo, una esperienza umana indipendente dall'iconografia religiosa dei frammenti di architettura collezionati. Mi sembra interessante la rispondenza che si può trovare fra il racconto dell'architettura e guello della decorazione: non esiste dissociazione ma una medesima intenzione costruttiva. E il ragionamento può essere fatto anche in senso diacronico, quando il desiderio di "ridisegno" barocco

11 aggrediti e I editino medioevale, con buona pace delle invenzioni ottocentesche e dei restauri anni Cinquanta che tendevano a riportare il monumento a una sua primitiva, quasi edenica verità non cogliendo la "storia" dell'edificio e del decoro come assolutamente connessa. Una architettura e un organismo soggetto nella storia a una evoluzione che. quando non ne stravolge la fisionomia, si arricchisce della valutazione e dell interpretazione che ne vengono in epoche successive formulate. Una lettura dell oggi deve prendere atto di queste vicissitudini che costi tmsi inni lo spessore, la ricchezza e la stessa vitalità dell'edificio. Quella del riportare I architettura al suo disegno "originale'' e un'ipotesi "edenica", di scarso peso quando si pensi che la storia dell'architettura e fatta per necessita di materiali spesso non originali, di riutilizzi, di adattamenti tanto nelle strutture quanto negli strumenti concreti che paradossalmen te, guando estranei alla costruzione, costituiscono una forma incoerente ma significativa di collezione. Un esempio "stravagante' di decoro, tanto per cogliere la traccia di "vissuto " che costruire comporta, e costituito dall'uso lombardo in San Pietro in Ciel d'oro a Pavia, S. Agnese a Lodi, nell'abbazia di Morimondo, di incastonare nelle facciate a capanna delle chiese vasellame islamico, memoria del viaggio in Palestina: se si riesce a cogliere anche guesto aspetto, quello dì una mentalità che riutilizza e adatta un materiale cosi stravagante, appartenente alla sfera dell'esperienza individuale, in un contesto come la Basilica della propria terra d'origine, risulta più facile cogliere il senso dell'inserimento nel decoro di elementi così diversificati, dalla voluta vegetale alla presenza animale, reale o fantastico, dell'uomo. Il senso che guesta figurazione svolge è una forte volontà di "presenta zione dell'universo concentrato nelle facce dell'edificio: è la stessa forza con cui Petrarca parla di "forma vera" per indicare il volto della donna amata nelle sembianze delle altre donne: in sintesi decoro come immagine dell esistere e del suo desiderio. Bugini: L'architettura si esprime in prevalenza attraverso forme astratte e quindi la sfera sarebbe stata il giusto terminale della guglia: ma guesto terminale nelle sembianze del Padre Eterno, surroga la sfera. La sfera e l'astrazione del Padre Eterno. Tante volte. I architettura passa dall'astratto al figurativo e prende a prestito valori figurativi per affermare la stessa cosa. Non dobbiamo lasciarci ingannare ascrivendo all'universo della scultura tutto ciò che e figurativo e viceversa all'architettura tutto ciò che risulta astratto e affermare che l'essenza dei valori architettonici e indipendente dalla configurazione che possono di volta in volta assumere. Poi ci sono le interessanti considerazioni di Alberto a proposito dei frammenti di architettura riportati sulle facciate delle chiese di Lodi e Pavia, come memoria dei viaggi a Gerusalemme da parte dei pellegrini. Sono contaminazioni che possono risultare assimilate o rigettate

12 dall architettura che le ospita a seconda che la stessa risulti processo aperto o chiuso. Ci sono architetture classiche, bizantine e gotiche che sembrerebbero escludere qualsiasi possibile contaminazione perche informate ad una rigorosa intrinseca filosofia o teologia ma invece capaci di assorbirle per che nate come processo aperto per concludersi mai; per sensibilizzarsi e crescere con i gusti - scelte che mutano nel tempo. Noi moderni abbiamo acquisito criticamente questo concetto dell architettura; ci siamo liberati per esperienza da una sua visione rigida e immutabile per considerare positivamente le architetture - apparentemente non finite"- che invece hanno accumulato vari segni in tempi diversi come apporto creativo della collettività, come la facciata di S. Spirito in via Pignolo. L'effetto degli apporti creativi della collettività nel tempo viene nor malmente considerato dai formalisti espressione kitsch, di incoerenza sti listica. esteticamente inaccettabile, salvo mutare gradualmente opinione con il mutare della cultura e del gusto estetico della società. Il "racconto dell'architettura" e il "racconto della decorazione" risulta no tutt uno, non sono mai dissociati neanche guando si verificano in tempi diversi, soprattutto se I organismo architettonico in cui si concretano e organismo aperto all'apporto successivo, per muoversi con la cultura che si evolve. L architettura deve essere considerata per la sua capacita di attualizzarsi nel tempo, cioè, come tutte le opere d'arte, organismo vivente. Ad esempio, il Partenone ha la capacita di farsi confermare continuamente presso la società che muta; esso risulta una costante nel cammino della storia!. Santa Maria Maggiore, in Bergamo Alta, romanica, presenta nel suo interno una correzione barocca; chi può dire che la diversità stilistica e anche rottura dell'unita dell organismo architettonico? Ma un esempio mi viene in mente per sintetizzare la relazione fra archi lettura e decorazione o meglio, fra i momenti interni alla manifestazione dell'architettura che vanno, dalla massa volumetrica, agli spazi introversi ed estroversi, alla struttura, ai ritmi dei valori formali espressi alle varie scale, alle materie, al colore, al gioco delle vibrazioni luminose, alle metamorfosi delle forme... nell'arco che va dai momenti iniziali a quelli finali del suo manifestarsi: il muro interno dei Propilei di ingresso all'acropoli di Atene. Lo ricordo di pietre lisce, perfettamente squadrate; in ognuna al centro, in rilievo, una bugna piramidale. Il sole e la parete erano alle mie spalle guel primo mattino e il mio interesse era principalmente rivolto al Partenone. La magnificenza del Tempio di Ictinos mi aveva colmato di emozioni e per 52 normalizzare lo sconcertante rapporto venutosi a creare, volsi momenta-

13 neamente le spalle al Tempio. Notai la parete del Propileo In controluce e le bugne nell ombra evidenziavano il ritmo del tessuto murario decorandolo". Quando, poco dopo, mi rivolsi per caso nuovamente alla parete dei Propilei, il sole aveva acceso le punte delle bugne. Vidi la parete come risvegliarsi col variare del sole e le bugne illuminars fino alla loro radice. Quando anche il piano dal quale aggettavano fu illuminato, esse incominciarono a proiettare la loro ombra sullo stesso e man mano che il sole variava inclinazione, si accorciavano e rafforzavano di intensità. Preso da incanto sarei stato fino a sera a osservare lo spettacolo d quella parete che, in sintesi, rivelava l'essenza dell'architettura. E' sufficiente per spiegare che fra "il racconto dell'architettura" e "i racconto della decorazione" non vi é dissociazione ma un tutt'uno? E che in effetti", per riprendere la conclusione di Alberto, l'architettura, come ogni espressione artistica del resto, rivela sostanzialmente i Veri" - come in Petrarca valori del senso dell'esistenza?

14 Capitello Croce centrale e volute vegetali Marmo cm.25 x 30 x 30 Malia centrale, IX X secolo Fra funzione e decorazione, il capitello in arrhitettuta svolge il compito di "snodo" fra la colonna sottostante, dall'andamento verticale e di base rotonda, e la sezione quadrata dellarchitrave o dell'arco con il loro andamento "orizzontale". Il suo ruolo consiste nel connettere due dinamiche fortemente differenziale, rendendo continuo" un passaggio figurale altrimenti traumatico. Dall'eredità classica e dalla lettura particolare che ne viene fatta dall'immaginario bizantino, capace di trasformare in senso lineare la plastica greco roma na, emerge la particolare interpretazione "barbarica" della decorazione longobar da, interessata a una invasione tigorale della superficie ma nello stesso tempo, come nel capitello illustrato, capace di ordinare in modo simmetrico e euritmico I alternarsi della croce al centro che si ripete sulle quattro facce e del racemo vegetale bipartito, posto agli angoli del ca lino, connettendosi ulteriormente con la funzione architettonica.

15 155

16 Formella fiorone centrale e fogliami Marmo cm. 34 x 34 Genova, fine XIII inizi XIV secolo Lelt.: AA.V'V., Niveo de marmare, Genova Formella leone di San Marco entro fogliami M a tm o cm. 35 x 34 Genova, fine XIII inizi XIV secolo Bibl.: F.Scalia. f.de Benedichs, Il museo Bardim a firenze. Milano lav.x. feti.: vedi didascalia precedente. Formella Becoraztone a fogliami Marmo cm. 34 x 34 Genova, fine XIII inizi XIV secolo Leti.: vedi didascalia precedente. Le formelle, originariamente disposte a losanga, costituivano la decorazione dei muri della Genova medioevale, sue cessivamente sventrata dai piani urbani stici dell'ottocento. A partire da una for ma perimetrale costante e nello sviluppo lineare della superficie muraria, si alternano animali simbolici e intrecci fra ve gelale e artificiale di estrema varietà, che interpretano plasticamente figure a andamento centrifugo, come la formella con il leone evangelico o il fiorone, o circolare, come nell'intreccio fra la corda e le foghe della terza formella. La letteratura più recente ha individua to alcune officine e alcune fasi di lavora zione di questi marmi, riferibili dai primi decenni del XIII secolo ai primi del successivo, con l'intervento di maestranze cosmopolite, come poteva essere logico in una citta come Genova, per vocazione dedita allo scambio e al commercio.

17

18

19 159

20 Mensola reggìcolonna Animale fantasltco alalo Marmo cm. 28 x 53.5x17 I unni,iitm... fine XIII inizi XIV secolo Mensola reggicolonna Musicante con sfrumento a fiato Marmo cm. 27 x 42 x 36,5 Linguadoca, fine XIII inizi XIV secolo Le due mensole occitaniche, eredi del la grande decorazione in pietra delle rat tedrali provenzali, riprendono il tema del capitello svolgendolo nella soluzione della s. Min ululili.i: forzatamente lo svi luppo della figurazione segue allora il se micerchio in aggetto costituito nel caso del suonatore di cornamusa dalla figura centrale dell uomo, nell'altro dalla posi zione frontale dell'animale fantastico con le ali spiegate a chiudere lateralmente l'andamento della forma a ratino di base. In questo senso la seconda figurazione risulta essere più aderente alla forma ori Iginaria dell'elemento architettonico mentre la prima mensola, nel gioco con traslato di vuoti e pieni derivato dalla complessità della figura, tende a adonta arsene, inventando una massa articolata rispetto all'ingombro complessivo. 160

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

arredo complementi giardino la casa che parla di te Coloniale progetta emozioni

arredo complementi giardino la casa che parla di te Coloniale progetta emozioni arredo complementi giardino la casa che parla di te Coloniale progetta emozioni Coloniale progetta emozioni Una storia di viaggi, di scoperte, di incontri e di persone. Un padre, un figlio, un amico, che

Dettagli

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818 Arte romanica Il romanicoè quella fase dell'arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo fin verso la metà del XII secolo in Francia e nel primo decennio successivo negli altri

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO «IL RESTAURO SCIENTIFICO RIVELA LA PROPRIA INADEGUATEZZA NEL 1943-45 ALLORCHÉ SI DEVONO AFFRONTARE LE CONSEGUENZE DELLE DISTRUZIONI BELLICHE; L ENTITÀ

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO

SCUOLA PRIMARIA DANTE ALIGHIERI PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO Favorire la formazione del pensiero critico e creativo attraverso lo sviluppo di una

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE CLASSE II ANNO SCOLASTICO 2013/2014 classe 2^ COMPETENZE DISCIPLINARE ISTITUO COMPRENSIVO LEVANTO 2013/2014 ITALIANO 1. Ascolta e interagisce nelle conversazioni

Dettagli

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria Museo archeologico Sezione preistoria/protostoria VIAGGIO NELLA PREISTORIA E PROTOSTORIA DAL PALEOLITICO ALL ETÁ DEL FERRO Contenuti: Visita alle sale preistoriche del Paleolitico, Mesolitico e Neolitico,

Dettagli

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Sereni"di Porto Valtravaglia

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Serenidi Porto Valtravaglia PROGETTO LETTURA: DALL ANALISI ONIRICA E PROFONDA DEI GRANDI MITI DEL PASSATO, PASSANDO DAL MITO DI ULISSE, FINO A GIUNGERE AI MITI RACCHIUSI NELL OPERA DEI GRANDI CANTAUTORI CONTEMPORANEI Premessa L'immaginario

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

LE TRACCE. della storia RISTRUTTURAZIONE ARCH. BRUNO COTTINELLI

LE TRACCE. della storia RISTRUTTURAZIONE ARCH. BRUNO COTTINELLI arch cottinelli imp._3 sed. A Casa 14/06/10 11:21 Pagina 2 L attenzione che Tm Elettroimpianti ha pensato per i videocitofoni, la domotica e i quadri elettrici, crea una compresenza fra la dimensione tattile

Dettagli

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza Competenze chiave di cittadinanza europee Imparare ad imparare Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Mauro L. Evangelista Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Contributo in occasione della manifestazione Libri che prendono forma (Roma 17 marzo 2010, MiBAC - FNIPC) Il mio interesse nei confronti

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo.

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. 1 Tito ha una paralisi cerebrale. 2 Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. Nel 1489, Pietro Lombardo progettò la Scuola Grande di San Marco. Fu la Scuola Grande di San Marco, progettata

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

Considerazioni iniziali Il Paracadute

Considerazioni iniziali Il Paracadute Angela Turricchia Leopoldo Benacchio Grazia Zini Considerazioni iniziali Leonardo da Vinci è universalmente riconosciuto come eccelso pittore, ma anche come ingegnere, come costruttore, architetto, anatomista

Dettagli

(Proposta didattica per scuole dell obbligo)

(Proposta didattica per scuole dell obbligo) Percorsi e giochi intor no a Venezia (Proposta didattica per scuole dell obbligo) Sei un insegnante e hai in programma una visita a Venezia con i tuoi alunni? Affidati a macacotour! Il primo servizio pensato

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "../Downloads/ ilquotidiano.it"ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Laura Torelli Supervisione

Dettagli

CORSI LIBERI a.a. 2009-2010

CORSI LIBERI a.a. 2009-2010 E possibile frequentare alla Libera Accademia di Belle Arti LABA corsi liberi sia pratici che teorici. La LABA organizza corsi di durata semestrale (ottobre-dicembre / gennaio-giugno); i corsi si sviluppano

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

C era una volta un Castellazzo

C era una volta un Castellazzo VILLA ARCONATI PER LE SCUOLE... DELL INFANZIA C era una volta un Castellazzo Una favola animata in cui tutto sarà possibile: fantasia e realtà per una storia d'altri tempi! Attività guidata da un operatore

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole dimensioni su un supporto rigido fino alla sua completa

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA FACOLTÀ DI LETTERE E ART. 1 Presso la Facoltà di Lettere e filosofia sono costituite le seguenti scuole di specializzazione in: a) Archeologia b) Storia dell

Dettagli

didattica@zetema.it www.sovraintendenzaroma.it www.zetema.it; www.museiincomuneroma.it Date e orari sono suscettibili di variazioni

didattica@zetema.it www.sovraintendenzaroma.it www.zetema.it; www.museiincomuneroma.it Date e orari sono suscettibili di variazioni I MUSEI MUSEI CAPITOLINI La collezione dei Musei Capitolini: un percorso guidato d insieme alle opere del Palazzo dei Conservatori, della Galleria Lapidaria e del Palazzo Nuovo Impariamo a conoscere Dei,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

LA MUSICA E LA SCUOLA: UN POSSIBILE 1

LA MUSICA E LA SCUOLA: UN POSSIBILE 1 LA MUSICA E LA SCUOLA: UN POSSIBILE 1 INCONTRO Enrico Bottero 1.Il contesto istituzionale Il mondo della scuola e dell educazione registra in questi anni profondi cambiamenti che riguardano anche l educazione

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani»

ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» 1 ISCRIVERSI Chi può iscriversi agli indirizzi del Max Fabiani All Istituto Statale d Arte Max Fabiani possono iscriversi alunni maschi e femmine in possesso della

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

MODELO DE CORRECCIÓN

MODELO DE CORRECCIÓN ESCUELAS OFICIALES DE IDIOMAS DEL PRINCIPADO DE ASTURIAS PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL INTERMEDIO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2013 COMPRENSIÓN ORAL MODELO DE CORRECCIÓN HOJA DE RESPUESTAS EJERCICIO

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA ARTE E IMMAGINE - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE comunica, esprime emozioni, racconta utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente inventa

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

Obiettivi formativi. Età dei bambini

Obiettivi formativi. Età dei bambini È l area di apprendimento nella quale si determina l apertura del bambino all altro, non rinunciando con questo alla propria UNICITA ma affermandola proprio attraverso il processo d interazione con gli

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Intervista. Romano Baratta

Intervista. Romano Baratta Intervista Romano Baratta di LINO CAIRO pubblicato: gennaio 2008 Cairo: Stavo dipingendo un giardino, di notte, nello studio, e a un certo punto ho sentito un venticello provenire dal dipinto che ha fatto

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli