La sfida dello shale gas negli Stati Uniti e in Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sfida dello shale gas negli Stati Uniti e in Europa"

Transcript

1 Corso di Laurea magistrale in Economia e Gestione delle Aziende, curriculum Management delle Imprese Internazionali Tesi di Laurea La sfida dello shale gas negli Stati Uniti e in Europa Relatore Ch. Prof. Stefano Micelli Laureando Francesco Cuccarolo Matricola Anno Accademico 2012 / 2013

2 Introduzione:... 4 Capitolo 1 : Il mercato mondiale del gas La produzione Proiezioni future riguardanti la produzione di gas Il consumo Il Commercio mondiale del gas Paesi importatori Paesi esportatori I Prezzi I prezzi del gas in Europa I prezzi del gas negli Stati Uniti Differenze nei prezzi tra Stati Uniti ed Europa Capitolo 2 : : Shale gas Cos è lo shale gas? Gas convenzionale e gas non convenzionale Gas da argille o shale gas Storia dello shale gas Tecniche per l estrazione di gas naturale convenzionale Tecniche per l estrazione di gas non convenzionale: tecnica dell hydrofracking Tecniche per l estrazione di gas non convenzionale: perforazione orizzontale Ripercussioni ambientali possibili L inquinamento delle falde acquifere Rischio sismico Altri rischi correlati allo shale gas Bacini mondiali di shale gas Stati Uniti Resto del Mondo Cina Un focus sulla situazione europea Capitolo 3 Analisi di profittabilità per un pozzo nel bacino Marcellus Shale Background riguardante il deposito Marcellus Shale Fattori di incertezza economica legati alla produzione di shale gas Tassi decrescenti di produzione Discesa dei prezzi Problematiche legate alla sovrapproduzione e alla lenta crescita della domanda. 58 1

3 3.2.4 Aumento dei costi di produzione Situazione nel Marcellus Shale Analisi dei costi Osservazioni generali introduttive Contratti di locazione e royalties Permessi Costi di preparazione del sito Valori di produzione Costi di perforazione e completamento Costi operativi d affitto Prezzi del gas naturale Deduzioni fiscali Depletion Allowance Tasse statali e federali Analisi degli scenari Risultati dell analisi di profittabilità Curve decrescenti di produzione Scenario Scenario Scenario Scenario Breakeven prices Analisi dei risultati e conclusioni Capitolo 4 : Europa e shale gas, differenze rispetto agli USA e fattibilità di un investimento Differenze strutturali tra USA e Europa Mineral rights Geologia Tecnologia Regulation Tassazione Logistica Le politiche della Comunità Europea in merito all energia e allo shale gas Polonia e Shale gas Risorse di shale gas in Polonia e investitori Regulatory Environment

4 4.3.3 Tassazione Analisi di profittabilità Caratteristiche del pozzo e dell investitore La curva di produzione Caratteristiche del pozzo Analisi dei costi Definizione degli scenari analizzati Risultati dell analisi Scenario Scenario Scenario Conclusioni Conclusione Ringraziamenti: Bibliografia: Sitografia:

5 Introduzione: Il presente lavoro ha avuto origine grazie ad un tirocinio di ricerca svolto presso Duke University in North Carolina, USA, conseguente alla partecipazione a Venice International University durante il semestre autunnale dell'a.a. 2012/2013. Ho avuto così la fortuna di frequentare la Nicholas School of The Environment, rinomato centro di ricerca sull ambiente presente all interno dell università, dove, sotto la supervisione del prof. Lincoln Pratson ho avuto la possibilità di raccogliere materiale informativo e bibliografico inerente tutto ciò che concerne il campo dello shale gas. Ho potuto così, inoltre, entrare in contatto con esperti e ricercatori del settore, grazie ai quali ho potuto scoprire ed approfondire varie tematiche legate a questo gas. Si spiegherà nel corso di questa tesi più nello specifico in cosa consiste lo shale gas, ma in questa introduzione voglio evidenziare i motivi per cui ho scelto questo tema. Lo shale gas è un gas non convenzionale la cui scoperta e la cui commercializzazione è avvenuta negli ultimi 1015 anni. Il paese che più di tutti ha investito in questa nuova energia sono gli Stati Uniti, e ciò è dovuto a molteplici fattori, come l abbondanza di questa risorsa nel sottosuolo, ma soprattutto al perfezionamento della tecnica d estrazione. Le caratteristiche delle rocce all interno delle quali si trova intrappolato questo gas, infatti, non permettevano, fino a qualche anno fa, la sua estrazione in maniera economicamente vantaggiosa; non era possibile, infatti, estrarlo utilizzando le tecnologie applicate all estrazione del gas convenzionale, e questo ne rendeva impossibile lo sfruttamento. L evoluzione della tecnologia ha portato però alla messa a punto di una nuova tecnica, chiamata hydrofracking o fratturazione idraulica, la quale, attraverso l inserimento nel sottosuolo di un liquido di estrazione, favorisce la fratturazione delle rocce facilitando così la risalita del gas attraverso i pozzi. L utilizzo di questa tecnica e gli investimenti fatti negli Stati Uniti a favore di questa nuova energia, hanno permesso agli USA di passare nel corso di poco più di un decennio dall essere importatori netti di gas all esserne esportatori. Questo dato (che verrà ovviamente analizzato più nello specifico nel corso della tesi) da solo basta a far comprendere la portata economica di questa energia. 4

6 Ai fattori economici, i quali sono ovviamente il punto centrale di questa ricerca, non si possono però non affiancare i fattori ambientali coinvolti. La tecnica della fratturazione idraulica, infatti, oltre ad aver permesso la commercializzazione dello shale gas, porta con sé molti dubbi e molte critiche a riguardo del suo impatto ambientale; questa tecnica infatti è accusata di creare inquinamento nelle falde acquifere e di aumentare il rischio sismico nei luoghi d estrazione. A conferma di questi timori ci sono numerosi dati e numerosi rilevamenti di attività sismiche, anche importanti, nelle vicinanze dei pozzi di estrazione. Lo scopo di questa tesi, dunque, è quello di analizzare in primis il mercato mondiale del gas, per evidenziare poi la situazione americana e la sua evoluzione negli anni. In seguito si analizzeranno i costi relativi ad un pozzo di estrazione negli Stati Uniti, in modo poi da poter utilizzare tali dati al fine di ipotizzare la messa in opera di un pozzo di estrazione in suolo europeo. La domanda fondamentale che sottostà a questo elaborato è infatti la seguente: è possibile riprodurre l esperienza americana in suolo Europeo? Si cercherà di rispondere a tale domanda attraverso un analisi di fattibilità e profittabilità di un ipotetico pozzo in Europa, cercando però di evidenziare le differenze tra i due continenti e le caratteristiche che permettono o meno all Europa di riprodurre il modello americano. 5

7 Capitolo 1 : Il mercato mondiale del gas In questo capitolo si intende analizzare il mercato globale del gas naturale, senza distinzioni tra gas convenzionale e non convenzionale, in modo da quantificare la domanda e l offerta che tale mercato presenta. Vedremo prima quali sono i produttori principali, poi analizzeremo i consumi, concentrandoci soprattutto su Stati Uniti ed Europa, per poi spostare la nostra analisi sull evoluzione riguardante i prezzi e i possibili futuri scenari che possono svilupparsi nel medio e lungo termine. Questo capitolo intende dunque fare una panoramica sull importanza e la grandezza del mercato mondiale del gas, fondamentale per poter poi analizzare nello specifico (nei capitoli successivi) il mercato dello shale gas. 6

8 1.1 La produzione Nell analizzare il mercato del gas naturale, relativamente alla produzione e ai consumi mondiali, comprenderemo tutte le tipologie di gas naturale commercializzate, indipendentemente dalla loro fonte, sia essa convenzionale o non. Nel sito della Central Intelligence Agency troviamo un documento chiamato World Factbook, il quale contiene delle stime sulla produzione mondiale di gas; nello specifico racconta che nel 2010 si sono prodotti 3401 miliardi di metri cubi di gas naturale. Sempre secondo i dati forniti dal CIA World Factbook, aggiornati al 2010, il più grande produttore mondiale di gas naturale sono gli Stati Uniti, con una produzione annuale pari a circa 611 miliardi di metri cubi, seguita dalla Russia, la quale produce annualmente circa 588,9 miliardi di metri cubi di gas. Se analizziamo le produzioni di questi due paesi nel corso della storia però, ci accorgiamo che la produzione statunitense ha superato quella russa solo nel 2009, e questo grazie alla commercializzazione dello shale gas. Figura 1.1: Confronto produzione di gas naturale tra USA e Russia Il sito stesso della CIA, infatti, a riguardo della produzione mondiale e regionale di gas, fornisce anche degli altri dati, ma non tutti aggiornati allo stesso anno. 7

9 Elenchiamo quindi i dati riferiti ai 10 più grandi produttori mondiali, evidenziandone l anno in cui sono state effettuate le stime (il numero si riferisce a miliardi di metri cubi) 1 : Posizione Stato Produzione Anno della stima (miliardi di metri cubi) 1 Russia USA 651, Unione Europea 167, Canada 160, Iran 146, Quatar 116, Cina 107, Norvegia 103, Arabia Saudita 99, Algeria 84, Tabella 1: produzione di gas per Stato In questa classifica l Italia si trova alla posizione numero 47, con una produzione stimata nel 2011 pari a 8, 364 miliardi di metri cubi. In ogni caso, il dato più importante che possiamo ricavare da questa tabella ai fini del nostro interesse in questo paragrafo è la produzione mondiale stimata all anno 2010, pari a 3401 miliardi di metri cubi di gas. Un altro dato importante, più che la posizione in sé dei vari Stati nella classifica, è che il primato come produttori se lo contendono Russia e USA, con un ammontare prodotto sostanzialmente simile. Un'altra regione importante quando si parla di produzione di gas è sicuramente il Medio Oriente, ossia la zona che comprende Stati come l Arabia Saudita, Pakistan, Emirati Arabi, Qatar ecc. Queste si possono definire le tre maggiori potenze mondiali nel mercato del gas, seguite poi da Unione europea, Canada, Cina e Norvegia, tutti stati la cui produzione non è assolutamente trascurabile, anche se di molto inferiore a quella delle tre potenze sopraelencate. 1 per l elenco completo di tutti gli stati e le loro rispettive produzioni di gas si rimanda alla tabella presente nella pagina web: 8

10 In ogni caso, come abbiamo visto, gli Stati Uniti hanno visto impennarsi la loro produzione interna in concomitanza con la commercializzazione dello shale gas; vedremo più avanti nello specifico i consumi, ma per ora basti sapere che grazie all entrata nel mercato di tale fonte di energia, negli USA è stato raggiunto il soddisfacimento del fabbisogno interno. Facile pensare, poi, a come potrebbero cambiare gli assetti politico economici mondiali se effettivamente la Cina, già tra i primi 10 stati al mondo per produzione di gas naturale, riuscisse ad estrarre in maniera economica lo shale gas, data l enorme quantità di riserve presenti nel suo sottosuolo Proiezioni future riguardanti la produzione di gas Nel 2001 l agenzia EIA ha rilasciato un documento chiamato Interntional Energy Outlook che mira a delineare una prospettiva futura nel mercato del gas, nello specifico dal 2008 al In esso lo shale gas gioca un ruolo principale, in quanto viene accolto come il cardine per il futuro ampliamento e incremento delle riserve mondiali e quindi dell offerta. Le proiezioni per i maggiori incrementi di produzione riguardano il Medio Oriente (1421 miliardi di metri cubi) e i paesi asiatici non appartenenti all OCSE (1097 miliardi di metri cubi). In Iran e in Qatar la prospettiva dell incremento della produzione di gas naturale è pari a 994 miliardi di metri cubi, ovvero quasi un quinto dell'incremento totale della produzione mondiale di gas prevista; una quota significativa di questo aumento dovrebbe provenire da un unico bacino offshore, chiamato North Field nel lato del Qatar e South Pars in quello iraniano. Sebbene l'entità della base di risorse di gas naturale non convenzionale nel mondo (sono stati considerati tali nel IEO2011 lo gas shale gas, il tight gas e il coalbed methane), non sia stata ancora valutata appieno, l IEO2011 prevede un sostanziale aumento di tali forniture, soprattutto negli Stati Uniti, in Canada e in Cina. Negli Stati Uniti, come vedremo, la chiave dell aumento nella produzione di gas naturale sono stati i progressi effettuati nell'applicazione delle tecnologie di perforazione orizzontale e di fratturazione idraulica, che hanno reso possibile lo sviluppo di vaste risorse di shale gas nel paese e han contribuito a quasi raddoppiare il totale delle risorse stimate degli Stati Uniti negli ultimi dieci anni. 2 da qui in poi lo chiameremo IEO2011 9

11 Nel documento lo shale gas rappresenta il 47% della produzione di gas naturale degli Stati Uniti nel Sempre secondo le proiezioni future, le risorse non convenzionali sono ancora più importanti per il futuro delle forniture domestiche di gas naturale in Canada e in Cina, dove rappresenteranno rispettivamente il 51% e il 72% della produzione totale nazionale nel Per quanto riguarda l Europa, la crescita della produzione di gas naturale per la produzione di energia elettrica è seconda come proiezioni solamente a quella riguardante le fonti rinnovabili (fotovoltaico, eolico ecc..), poiché la sua quota di produzione di energia sul totale dell energia prodotta crescerà dal 20% al 22%. Figura 1.2: Evoluzione nella produzione di gas naturale in Russia e in USA 10

12 Figura 1.3: Produzione di gas naturale in Cina, Canada e Stati uniti nell anno 2008 e proiezioni per il 2035 (trillion cubic feet) 1.2 Il consumo Dopo aver visto i principali produttori mondiali di gas, e quindi l offerta, analizziamo la domanda, ossia il consumo. Secondo i dati forniti sempre dal World Factbook pubblicato nel sito della Central Information Agency (CIA), nel 2010 il consumo mondiale si gas è stato pari a 3294 miliardi di metri cubi. Elenchiamo i paesi maggiori consumatori di gas naturale: Posizione Stato Consumo Anno della stima (miliardi di metri cubi) 1 USA 689, Russia Unione Europea 459, Cina 147, Iran 144, Giappone 112, Canada 103, Arabia Saudita 99, UK 82, Tabella 2: Consumo di gas naturale per Stato 11

13 Ciò che si evince da questa tabella è che il primo consumatore mondiale sono gli Stati Uniti, mentre in seconda posizione ci sono i paesi dell Unione Europea e la Russia, con consumi molto simili. Importanti consumi si riscontrano anche nella zona del Medio Oriente, in paesi asiatici come Cina e Giappone, e in Canada. Vediamo innanzitutto quali sono gli utilizzi principali del gas naturale. Esso viene infatti impiegato in molteplici attività, quali: uso resideziale: è utilizzato in molte abitazioni private come principale fonte di riscaldamento domestico, nella preparazione di cibo con cucine e forni a gas e nella produzione di acqua calda tramite caldaie; produzione di energia: numerosi paesi hanno scelto il gas come combustibile fossile per la produzione di energia elettrica. Il gas infatti alimenta le centrali a turbogas, a ciclo combinato e impianti di cogenerazione; combustibile per autoveicoli: molto diffuso nella sua forma liquida (gasolio), ma la crescente domanda di combustibili sempre più verdi, meno costosi e a minore impatto ambientale sta indirizzando l interesse del mercato verso l utilizzo del metano come combistibile; impieghi nel settore industriale: i settori industriali nei quali il gas viene utilizzato in processi produttivi (coem la saldatura, la combustione ecc..) sono molteplici e vanno dall industria metallurgica a quella alimentare, dalla tessitura fino alla lavorazione del vetro, ad esempio; chimica: viene utilizzato come materia prima per la produzione di coloranti, medicine, materie plastiche. I clienti serviti da questo mercato sono quindi sia pubblici che privati. Partiamo con un grafico tratto dal IEO2011, che indica la crescita mondiale nei consumi di gas naturale. Il grafico divide i consumi nei paesi appartenenti all OCSE da quelli non appartenenti a tale organizzazione, ma per ora concentriamoci solo sul totale. 12

14 Figura 1.4: Crescita stimata dei consumi mondiali di gas naturale dal 2008 al 2035 in trillion cubic feet Nel 2009, la domanda mondiale di gas ha visto un calo del 4%, causato dalla recessione a livello globale; nel 2010 però, quando la recessione ha cominciato a ridursi, e la crescita economica ha visto un inizio di ripresa, la domanda si è assestata a livelli addirittura superiori ai livelli di consumo precedenti la recessione. Il gas naturale, infatti, continua ad essere preferito agli altri combustibili fossili, grazie al suo minore impatto sull ambiente, e la stima riguardo al suo consumo vede una crescita che parte dai 3135 miliardi di metri cubi del 2008 e arriva ai 4777 miliardi di metri cubi nel Inoltre, la minore intensità di carbonio presente nel gas naturale lo rende una fonte di combustibile attraente per tutti i paesi i cui governi stanno attuando politiche per ridurre le emissioni di gas effetto serra, e il suo prezzo, inferiore a quello del petrolio in molte zone del mondo, contribuiscono a mantenerne alta la domanda. I soli settori industriale e della produzione di energia elettrica (che come abbiamo visto sono due degli utilizzi del gas naturale) rappresentano l 87% dell aumento previsto totale del consumo. 13

15 Le stime, infatti, prevedono che dal 2008 al 2035 il consumo di gas naturale per uso industriale crescerà con un tasso pari all 1,7% annuo, mentre i consumi nel settore dell energia elettrica cresceranno del 2% annuo. Per quanto riguarda i paesi europei appartenenti all OCSE, la crescita media stimata dei consumi aumenterà con un tasso pari allo 0,7%, passando dai 552 miliardi di metri cubi del 2008 ai 657 miliardi di metri cubi del 2035, e vede il settore dell energia elettrica come principale protagonista di questa crescita Il Commercio mondiale del gas Come abbiamo visto, non c è una naturale corrispondenza tra i paesi produttori di gas naturale e i paesi consumatori; se a questo si aggiunge l aumento atteso della domanda, il quadro che si delinea è caratterizzato da un espansione del commercio internazionale per quanto riguarda questa risorsa energetica. Gran parte di questa espansione è dovuta ai consumi dell Unione Europea; in Europa infatti, la produzione interna non soddisfa assolutamente la domanda, e per questo nel vecchio continente la quantità di gas naturale importato è significante. Secondo lo IEO2011 infatti, le importazioni da parte dell Europa di gas naturale nel 2035 saranno quasi doppie rispetto al livello attuale, a fronte invece di un declino nelle importazioni da parte degli Stati Uniti (i quali addirittura passeranno dallo status di paese importatore e quello di paese esportatore) e l Asia. Una piccola parentesi va aperta per quanto riguarda il trasporto del gas. Abbiamo parlato in precedenza dell estrazione del gas, con varie tecniche (come quella della fratturazione idraulica e della perforazione orizzontale per quanto riguarda lo shale gas); una volta estratto, il gas viene trasportato dal pozzo al posto dove verrà poi consumato sostanzialmente in due modi: attraverso le pipeline (i gasodotti) sotterranee, costituite da tubature d acciaio rivestite da bitumi, catrami e resine sintetiche per evitarne la corrosione; ogni kilometri, la pressione necessaria a far muovere il gas ad una velocità di 2030 km/h viene ristabilita da delle specifiche stazioni di compressione; all interno di queste reti poi, ci sono anche delle stazioni di stoccaggio, dove il gas viene tenuto a disposizione per situazioni di emergenza; 3 la discordanza tra i dati forniti dal CIA World Factbook e quelli forniti dal EIO2011 sono probabilmente dovuti ad una differenza nel calcolo delle variabili dei consumi (i vari settori nei quali il gas naturale viene utilizzato); abbiamo comunque deciso di trattarli entrambi in quanto forniscono in ogni modo un quadro generale per quanto riguarda la domanda in questo mercato. 14

16 se le distanze da affrontare sono troppo lunghe o il trasporto necessita il passaggio attraverso una tratta di mare eccessiva, il gas viene liquefatto (diventando così LNG ossia liquid natural gas) e trasportato attraverso navi metaniere. Attualmente, la percentuale di gas che viene trasportato sotto forma di gas liquefatto è attorno al 25%. La liquefazione permette infatti di ridurne il volume di circa 600 volte, e il trasporto medio che una nave metaniera può affrontare è pari a metri cubi di gas liquefatto, corrispondenti a 78 milioni di metri cubi allo stato gassoso. Il trasporto e l utilizzo del GNL, però, implicano costi sensibilmente maggiori rispetto al trasporto tramite gasdotto; la cosiddetta catena del GNL infatti si snoda attraverso vari passaggi: in primis il gas viene trasportato dal pozzo dove è stato ricavato alla costa tramite il gasdotto, dove viene poi liquefatto e caricato sulla metaniera; una volta giunto a destinazione viene scaricato, riscaldato, riportato allo stato gassoso e immesso nel gasdotto del paese di destinazione. Tutti questi passaggi dunque, aumentano i costi per la compagnia, e potrebbero rivalersi sui prezzi finali, ma questo lo vedremo meglio in seguito Paesi importatori Dopo aver visto la produzione e il consumo mondiale di gas, cerchiamo di analizzare quali sono gli stati il cui fabbisogno di gas viene soddisfatto attraverso le importazioni. I dati relativi al 2010 e al affermano che nel mondo le importazioni di gas naturale sono pari a 1448 miliardi di metri cubi. L unione Europea è il maggior importatore, con 420 miliardi di metri cubi di importazioni, seguita dal Giappone con 110 miliardi e gli Stati Uniti con circa 100 miliardi. Nello specifico in Europa, il paese che importa più gas è la Germania (87,57 miliardi di metri cubi) seguita dall Italia (70,37 miliardi di metri cubi), ma le importazioni sono significative anche nel Regno Unito (53,43 miliardi di metri cubi) e in Francia (47,04 miliardi di metri cubi). Il maggior partner commerciale europeo è indubbiamente la Russia, infatti nel 2009 il 36% del gas importato in Europa proveniva proprio dal paese russo. Oltre a quello russo, il gas importato in Europa proviene principalmente dalla Norvegia (31% delle importazioni europee) e dall Algeria (15% delle importazioni). 4 Dati relativi al CIA World Factbook 15

17 Questi tre paesi insieme dunque contribuiscono all 82% delle importazioni. Il restante proviene per il 6% dal Qatar, il 6% da Nigeria e Libia il 2% dall Egitto e il rimanente 4% da altri paesi Paesi esportatori Per quanto riguarda le esportazioni mondiali invece, i dati vedono la Russia come primo paese esportatore (dati relativi al 2012) con 200,1 miliardi di metri cubi di gas esportato. Seguono il Qatar (113,4 miliardi di metri cubi) e la Norvegia con 98,3 miliardi di metri cubi. Dato interessante è quello relativo agli Stati Uniti, i quali si trovano in nona posizione con solo 42, 67 miliardi di metri cubi di esportazioni; il dato assume ancora più valore se si pensa al fatto che fino a qualche anno fa il fabbisogno USA non veniva soddisfatto internamente, ma si faceva ricorso alle importazioni. Ora, grazie soprattutto allo sviluppo dello shale gas, il paese è passato dall essere un importatore all essere un esportatore, e la prospettiva riguardante le esportazioni è in continua crescita. Sempre per quanto riguarda la questione europea, un dato da evidenziare è quello che riguarda l incidenza delle esportazioni verso l Europa sul totale delle esportazioni per la Russia, la Norvegia (che abbiamo visto essere i principali fornitori di gas europei): per la Russia, le esportazioni di gas verso l Unione Europea corrispondono al 70% del gas esportato quasi tutto il gas esportato dalla Norvegia finisce nell Unione Europea e nel Regno Unito Inoltre, un ultimo dato riguardante le esportazioni che ci sembrava interessante puntualizzare racconta che il 93% del gas esportato dalla Libia è diretto verso l Italia. 1.4 I Prezzi I prezzi del gas in Europa Il fattore che principalmente influenza il prezzo del gas è il costo d importazione stabilito con i fornitori. Per l Italia, come abbiamo visto, i fornitori principali sono Russia, Libia e Algeria. La modalità principale con la quale il gas metano viene acquistato in Italia, ma anche nel resto d Europa, sono i contratti cosiddetti Take or pay. 16

18 Questi contratti sono solitamente contratti a lungo termine (nell ordine di 20 o 30 anni) e sono il contratto tipico (per quanto riguarda l Europa) negli scambi di gas di grandi dimensioni. Essi vincolano l acquirente all obbligo di pagare in ogni caso una quantità minima di gas, indipendentemente dal fatto che esso venga effettivamente ritirato o no. Inoltre, è molto importante evidenziare il fatto che in questa tipologia di contratti la determinazione del prezzo del gas è indicizzata ai prezzi del petrolio. Ciò significa che se il prezzo del petrolio sale, inevitabilmente è seguito da una crescita del prezzo del gas. Questi contratti hanno dei vantaggi ma anche degli svantaggi. I vantaggi sono, ad esempio che: riducono i rischi per i fornitori, e per questo le aziende clienti possono chiedere un prezzo ridotto scoraggia i concorrenti ad inseguire i clienti delle aziende che comprano il gas, aumentando il rischio di ritorsioni Esempi di svantaggi invece possono essere: la creazione di una feroce battaglia dei prezzi se i deterrenti alla concorrenza vengono meno la creazione di forti barriere all entrata per nuovi operatori, e ciò può portare ad un aumento dei costi per i consumatori, e quindi ad una perdita pesante per i clienti finali A giovare da questo tipo di contratti sono quindi indubbiamente i paesi produttori; per fare un esempio veloce, che poi cercheremo di analizzare più in profondità, si stima che in Russia il costo di estrazione del gas sia di circa 2 centesimi di euro al metro cubo, ossia un ammontare ben distante dai 3035 centesimi al metro cubo pagati alla frontiera italiana, anche se si considerano i prezzi di trasporto. Bisogna puntualizzare, però, che i prezzi dei contratti Take or Pay sono coperti da segreto commerciale e quindi non sono disponibili al pubblico. I contratti Take or Pay, essendo a lungo termine, portano con sé lo svantaggio di diventare troppo onerosi nel momento in cui la situazione del mercato cambia, ad esempio con 17

19 l introduzione di nuove tecnologie di estrazione più economiche, o l entrata nel mercato di nuove tipologie di gas (come lo shale gas). Il mercato del gas è infatti caratterizzato da alta volatilità, soprattutto in questi ultimi anni, e questo tipo di contratti tutelano il produttore dalle oscillazioni dei prezzi, a scapito del consumatore. Stime deduttive effettuate da esperti del settore come quelli di Nomisma Energia ci dicono che il costo del gas in Italia non è superiore al resto d Europa, essendo i fornitori gli stessi. I costi di stoccaggio, trasporto e distribuzione, che in Italia sono regolati dall AEEG (Autorità per l Energia Elettrica e il Gas) 5 appaiono come voci fisse nella tariffa finale, e quindi vanno aggiunti al costo della materia prima. Nel caso italiano vanno poi ulteriormente aggiunti circa 30 centesimi di tasse (IVA e altre imposte statali e regionali). La tariffa finale per le utenze domestiche italiane, dunque, finisce per essere pari ad 8590 centesimi di euro al metro cubo, a fronte dei 3035 centesimi di euro di materia prima pagati alla frontiera ai paesi fornitori. Quello dei contratti take or pay però non è l unico mercato del gas presente in Europa; ne esiste infatti anche un altro, non legato al prezzo del petrolio: il mercato spot. In questo tipo di mercato il prezzo del gas lo stabilisce direttamente l incontro tra la domanda e l offerta. In certi periodi, come è successo nei mesi scorsi a causa della contrazione nei consumi creata dalla crisi e dell immissione nel mercato di grandi quantità di gas, il mercato spot può essere più conveniente per il consumatore del mercato tradizionale caratterizzato dai contratti take or pay; nell esempio appena citato infatti, il prezzo del gas nel mercato spot era arrivato attorno ai 20 centesimi di euro al metro cubo, inferiore ai 3035 centesimi di euro del mercato tradizionale di cui abbiamo parlato prima. Questo non significa che il mercato spot offra sempre prezzi più favorevoli, prova ne è il fatto che le fluttuazioni di mercato hanno recentemente fatto portato il prezzo del gas in questo mercato a 40 centesimi, ossia un prezzo superiore a quello negoziato a lungo termine. 5 L'Autorità per l'energia elettrica e il gas (AEEG) è un'autorità formalmente indipendente che, come l'autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ha la funzione di favorire lo sviluppo di mercati concorrenziali nelle filiere elettriche e del gas naturale, principalmente tramite la regolazione tariffaria, dell'accesso alle reti, del funzionamento dei mercati e la tutela degli utenti finali. 18

20 Comunque sia, per quanto concerne l Italia, ci si sta muovendo verso una logica più di mercato per quanto riguarda il prezzo del gas: il recente governo Monti, tramite il suo decreto sulle liberalizzazioni, aveva infatti deciso che il prezzo del gas dovesse essere calcolato tenendo conto di entrambi i mercati spot e Take or Pay, essendo stati questi ultimi solitamente più onerosi dei primi. Lo stesso governo, inoltre, ha cercato di agire incoraggiando la concorrenza rispetto a situazioni quasi monopolistiche in questo mercato, ad esempio attraverso lo scorporo forzato di Snam 6 da ENI 7. In ogni caso, perché si crei un libero mercato in cui il prezzo sia la risultante dell incrocio tra la domanda e l offerta, c è la necessità di diversificare le fonti di approvvigionamento. Quasi tutta l Europa, infatti, è fornita dal gas tramite le pipeline che abbiamo descritto in precedenza. La scarsa presenza di rigassificatori infatti limita la possibilità concreta di un entrata significativa nel mercato da parte del GNL (gas naturale liquido, che come abbiamo visto, per poter tornare allo stato gassoso ha bisogno di essere lavorato all interno dei rigassificatori presenti nel paese di utilizzo finale). La creazione di nuovi rigassificatori in Italia sta incontrando molti freni da parte di vari enti, soprattutto ambientalisti, non convinti dell effettiva non dannosità di questi progetti. La creazione di gassificatori permetterebbe un effettiva entrata nel mercato di gas liquido proveniente da Paesi che lo esportano a prezzi minori, come ad esempio potrebbe essere l America con il gas derivante dalle rocce d argilla. Il costo della materia prima incide sulla bolletta finale quasi per il 50%, e quindi l entrata di materie prime più a basso costo permetterebbe una sensibile riduzione dell onere da pagare. Per contro, lo svantaggio sarebbe quello di un aumento della volatilità dei prezzi, non essendo questi più determinati a lungo termine I prezzi del gas negli Stati Uniti Negli Stati Uniti, invece il mercato è completamente liberalizzato, e il prezzo del gas non è condizionato dal prezzo del petrolio, non più almeno. La determinazione del prezzo è determinata dall incontro tra la domanda e l offerta. 6 SNAM è un azienda che opera nel sistema delle infrastrutture del gas 7 Ente Nazionale Idrocarburi 19

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Gas non convenzionali

Gas non convenzionali 2.2 Gas non convenzionali 2.2.1 Introduzione Definizione Storicamente l espressione gas non convenzionale ha avuto differenti significati per i governi, le organizzazioni e le imprese pubbliche e private.

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4 Indice 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2............................................................... 4 2. Dove e quanta CO 2 possiamo immagazzinare nel

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS Maggiore flessibilità operativa e miglior ritorno economico L. Mancuso - Foster Wheeler Italiana - Power Division N. Ferrari - Foster Wheeler Italiana - Power Division J. Davison - IEA Greenhouse Gas R&D

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 I vantaggi del carbone Pag. 3 Il carbone e l ambiente Pag. 8 Le centrali a carbone in Italia

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 31 marzo 2013 VOLUME I Stato dei servizi Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Programmazione dell attività esplorativa

Programmazione dell attività esplorativa 2.1 Programmazione dell attività esplorativa 2.1.1 Definizione dell attività L esplorazione è la prima fase del ciclo petrolifero e comprende tutte le attività relative alla ricerca degli idrocarburi.

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

La geotermia è la disciplina che si

La geotermia è la disciplina che si L energia geotermica e i rischi connessi al suo sfruttamento Paolo Capuano La geotermia è la disciplina che si occupa dello studio, della ricerca e dello sfruttamento dell energia termica della Terra (Figura

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3 Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3.1 Introduzione Uno dei gas serra derivanti dall attività dell uomo è il CO 2, che proviene principalmente dalla combustione di combustibili

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli