Quartetto Artemis STAGIONE Sala Verdi del Conservatorio Martedì 7 marzo 2006, ore 20.30

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quartetto Artemis STAGIONE 2005 2006. Sala Verdi del Conservatorio Martedì 7 marzo 2006, ore 20.30"

Transcript

1 Quartetto Artemis STAGIONE Sala Verdi del Conservatorio Martedì 7 marzo 2006, ore 20.30

2 Consiglieri di turno Prof. Francesco Cesarini Sig. Harry Richter Sponsor istituzionali Con il patrocinio e il sostegno di Con il sostegno di FONDAZIONE CARIPLO Si ringrazia per il ciclo Musica da Camera Per assicurare agli artisti la migliore accoglienza e concentrazione e al pubblico il clima più favorevole all ascolto, si prega di: spegnere i telefoni cellulari e altri apparecchi con dispositivi acustici; limitare qualsiasi rumore, anche involontario (fruscio di programmi, tosse...); non lasciare la sala prima del congedo dell artista. Si ricorda inoltre che registrazioni e fotografie non sono consentite.

3 Quartetto Artemis Natalia Prischepenko violino Heime Müller violino Volker Jacobsen viola Eckart Runge violoncello Wolfgang Amadeus Mozart (Salisburgo 1756 Vienna 1791) Quartetto n. 22 in si bemolle maggiore K 589 György Ligeti (Dicsöszentmárton, Transilvania 1923) Quartetto n. 1 Métamorphoses nocturnes Intervallo Wolfgang Amadeus Mozart Quartetto n. 11 in mi bemolle maggiore K 171 Quartetto n. 23 in fa maggiore K 590

4 Wolfgang Amadeus Mozart Quartetto n. 22 in si bemolle maggiore K 589 Allegro Larghetto Menuetto: Moderato Allegro assai Dal breve viaggio in Germania, nella primavera del 1789, Mozart si aspettava grandi cose: successo di concertista, in primo luogo; e poi commissioni di pezzi nuovi, incarichi in corti prestigiose e naturalmente tanti soldi per rimediare a una crisi finanziaria diventata insostenibile. Le cose andarono diversamente. Dopo un paio di mesi di andirivieni fra Potsdam, Berlino, Lipsia e Dresda, tenendo qualche sporadico concerto, forse amoreggiando con cantanti e vecchie fiamme, certamente perdendo gran tempo, Mozart tornò a Vienna agli inizi di giugno con molti meno soldi di quando era partito. Anzi con molti più debiti, in quanto i circa mille ducati che portava in casa per rassicurare la moglie erano sicuramente il frutto di un prestito del suo compagno di viaggio, il principe Karl Lichnowsky. Tant'è che fu costretto a ricorrere ancora una volta, anzi più volte, al bizzarro amico framassone, commerciante di stoffe e mecenate di terz'ordine (ma non per cattiva volontà, proprio per mancanza di mezzi) Michael Puchberg chiedendo nuovi prestiti a fondo perso. In una lettera datata 12 luglio Mozart, spudoratamente, sembra offrire in garanzia i lavori su commissione appena procacciati alla corte del re di Prussia: «Invece di pagare i miei debiti, chiedo altri soldi... però ora sono almeno in condizione di lavorare... sto componendo sei sonate facili per la principessa Friederike e sei quartetti per il Re». Mozart, ovviamente, non riuscì ad andare molto oltre le buone intenzioni. Il teatro lo avrebbe assorbito sempre più (Così fan tutte, Flauto magico, Clemenza di Tito) e così altri progetti. Le sonate facili per la principessa dalle progettate sei si ridussero a una sola, la K 576. I quartetti non andarono oltre il numero di tre, e solo uno (il K 575) fu completato a tamburo battente al rientro a Vienna, sia pure utilizzando materiali musicali abbozzati molti anni prima. Gli altri due vennero quasi con un anno di ritardo, dopo il completamento dell opera Così fan tutte. Il Quartetto K 589 è datato maggio 1790, quello K 590 giugno. Sul manoscritto non c'è traccia di dedica al re di Prussia. L intera vicenda fa sospettare che le commissioni per la corte di Prussia non siano altro che ingenue millanterie. Non ci sono documenti che confermino che Mozart abbia suonato per il re e che questi gli abbia dato la famosa tabacchiera piena di monete d oro. Così come esistono legittimi dubbi che il re gli abbia davvero commissionato

5 quartetti per proprio uso. Forse (come sostiene Maynard Solomon nella sua bella monografia su Mozart pubblicata in Italia da Mondadori) il musicista si era semplicemente inventato tutto per giustificare agli amici e conoscenti, a sua moglie e magari ancor più a se stesso, una vacanza improvvisa, anzi una vera e propria fuga da Vienna e dagli incombenti impegni familiari e finanziari. Fuga intrapresa di nascosto in un momento di depressione acuta e di grande stasi creativa. Sappiamo bene che il periodo fu uno dei meno produttivi in assoluto dell altrimenti prolifico Salisburghese. Non ci sono dubbi, tuttavia, che i tre quartetti siano stati pensati per il re. Lo dice inequivocabilmente la sostanziosa (e per molti versi addirittura ingombrante) parte che Mozart volle ovunque affidare al violoncello. Federico Guglielmo II era infatti un discreto violoncellista, in ciò degno continuatore di Federico il Grande che era appassionato flautista. Nel Quartetto in si bemolle K 589 il violoncello ha un ruolo addirittura dominante nel movimento lento, impegnato com è in nobile cantabilità e in fioriture virtuosistiche, mentre gli altri strumenti, primo violino compreso, si limitano ad accompagnare, di tanto in tanto accennando qualche controcanto. Anche nel primo tempo il violoncello finisce col prevalere, dato che gli è affidata l esposizione di tutti i temi principali. Invece nel finale il rapporto fra i quattro strumenti è del tutto equilibrato, anche perché così impone la struttura: il movimento è compatto, breve, condotto in punta di penna, fatto di rapidi contrappunti, imitazioni, inversioni, quasi alla maniera di Bach. A ben vedere il movimento più interessante è però il Minuetto, anzi il suo trio centrale, molto più lungo del consueto, curiosamente ripetitivo, in parte elaborato da materiali tematici del minuetto vero e proprio, comunque virtuosistico e soprattutto molto moderno, anzi strutturale, come si direbbe oggi.

6 György Ligeti Quartetto n. 1 Métamorphoses nocturnes Allegro grazioso Vivace, capriccioso Adagio, mesto Presto Prestissimo Andante tranquillo Tempo di Valse, moderato, con eleganza, un poco capriccioso Subito prestissimo Allegretto, un poco gioviale Prestissimo Ad libitum, senza misura Lento Pur con gli ottant anni suonati e con le tante sue piroette stilistiche, György Ligeti resta un gigante della musica del secondo Novecento e del primo Duemila, imprevedibile come non mai. Le sue radicali virate stilistiche sorprendono ancora. Il ritorno alla tradizione (si fa per dire) compositiva del Novecento storico, con venature melodiche neoromantiche, è il fatto più saliente di questi ultimi anni. Viene dopo decenni di sperimentalismo accanito, quello che a partire dagli anni Sessanta lo hanno visto tra i teorico-pratici delle fasce sonore, delle micropolifonie aleatorie, delle contaminazioni elettroniche e dello strutturalismo radicale. E che gli hanno consentito originali scorribande nel teatro musicale senza impedirgli un costante interesse per la musica d ispirazione religiosa. Ma c è anche un Ligeti più lontano, non ancora rifugiato in Occidente dopo i tragici fatti del 1956 nella natale Ungheria e tanto meno aggregato alla cerchia degli elettroacustici di Colonia (Koenig, Stockhausen). È questo un Ligeti appena uscito da una scuola di grandi tradizioni come l Accademia Franz Liszt di Budapest, allievo di Kodály e appassionato cultore della musica classico-nazionale del suo conterraneo Béla Bartók. Il quartetto in programma stasera appartiene appunto a questo primo Ligeti. L influenza bartókiana si sente quasi in ogni pagina. Il che è spesso inevitabile conseguenza del ruolo essenziale avuto da Bartók nell evoluzione del linguaggio per quartetto d archi nel Novecento. Ma è anche un fatto di libera scelta da parte di Ligeti. Lo mostra bene il principio, davvero bartókiano, con cui è costruito il suo primo quartetto. Tutto si basa su una minima cellula melodica dalla quale provengono: un intervallo cromatico e uno diatonico sono elaborati in modo da generare una dialettica elementare e una metamorfosi continua. Senza appoggiarsi a un preciso principio formale di stampo classico, il primo quartetto trova così il modo di articolarsi in un unica grande struttura all interno della quale si possono peraltro riconoscere vari episodi distinti, compreso un curioso accenno danzante di valzer viennese. Il lavoro, che dura una ventina di minuti, fu realizzato fra il 1953 e il 1954 ed eseguito per la prima volta dal Quartetto Ramour l 8 maggio 1958 a Vienna. Poi fu ritirato e rinnegato

7 dall autore, ormai impegnato su altri fronti stilistici ed evidentemente imbarazzato dalla paternità di un lavoro tanto legato alla tradizione del Novecento storico. Alla fine degli anni Sessanta è stato però riammesso nel catalogo ufficiale. Oggi è, giustamente, uno dei pezzi cameristici più eseguiti di Ligeti. Wolfgang Amadeus Mozart Quartetto n. 11 in mi bemolle maggiore K 171 Adagio, Allegro assai, Adagio Menuetto Andante Allegro assai Anche la sestina di quartetti K è a suo modo il frutto di un tentativo di fuga. Siamo nell estate del Mozart si trova a Vienna, in compagnia del padre Leopold. Approfittando del tradizionale periodo di vacanze estive del principe arcivescovo Colloredo, loro datore di lavoro a Salisburgo, i due hanno organizzato una rapida puntata nella capitale con lo scopo preciso di trovare un collocamento alla corte di Maria Teresa, candidandosi alla sostituzione del maestro di cappella Leopold Grassman da poco passato a miglior vita. Il progetto non va in porto per la dichiarata ostilità dell imperatrice nei confronti della famiglia Mozart e i due devono rassegnarsi a tornare mestamente sui loro passi. Tuttavia il breve soggiorno viennese consente al giovane Mozart di immergersi nell attivissima vita musicale viennese e soprattutto di conoscere la rivoluzionaria produzione strumentale di Haydn, in particolare i quartetti per archi. Proprio in quei mesi erano usciti i sei quartetti del Sole (op. 20) del maestro, che avevano stupito tutti per la perfezione con cui il fantasioso materiale tematico si sposava con la regola architettonica, dando luogo a un inaudito equilibrio fra forza espressiva e rigore formale. La spinta ad applicare e magari sviluppare quei modelli è subito fortissima in Mozart, che in poche settimane completa di getto appunto la nuova sestina. Rispetto alla serie precedente, K , la prima in assoluto, scritta qualche mese prima (inverno ) in occasione dell ultimo viaggio in Italia, il salto qualitativo è impressionante. Abbandonati definitivamente i modi manierati e rococò, ripulite le melodie da ogni sovrabbondanza ornamentale, Mozart trova un linguaggio asciutto e preciso che finalmente gli consente di dominare i magnifici meccanismi dialogici ed espressivi della nascente forma sonata. Il nuovo stile si sente in tutte le pagine dei sei nuovi quartetti, con le inevitabili disuguaglianze e fughe in avanti che ogni innovazione comporta. Il Quartetto in mi bemolle maggiore K 171 che ascolteremo stasera, quarto della serie, è in ogni senso esemplare. Come gli altri ha l ormai classica struttura in quattro movimenti, però la disposizione e l articolazione di ciascuno ha caratteristiche individuali. Il primo movimento ha infatti una particolare forma tripartita in cui un Adagio in stile serioso prepara e conclude un centrale Allegro assai frizzante e

8 nervoso. Seguono un Minuetto dalla scrittura rarefatta, un austero Andante in cui tutte le parti strumentali hanno modo di esibire le proprie capacità espressive, il finale vivacissimo eppure privo di ogni fronzolo. Quartetto n. 23 in fa maggiore K 590 Allegro moderato Allegretto Menuetto: Allegretto Allegro Se è vero che non ci furono commissioni da parte del re di Prussia e che Mozart sapeva bene che da quella fonte non poteva aspettarsi né cassa immediata né rendita futura, ci si può domandare perché mai egli abbia ripreso in mano il progetto dei quartetti a un anno di distanza dal triste ritorno a casa. In mancanza di dati biografici sicuri, ancora una volta ci si deve abbandonare alle congetture. Si può escludere che Mozart si sia lasciato guidare dalla sola ispirazione: non ne aveva il tempo, in quella pur sempre affannosa e poco produttiva estate del È invece possibile che gli sia capitata fra le mani la partitura inedita del Quartetto K 575, quello scritto di getto proprio un anno prima per dimostrare che la commissione reale era un fatto vero; che gli sia nata l idea di completare la serie solo per avere qualcosa di nuovo da proporre a un editore e raggranellare subito qualche spicciolo. Sapeva che il quartetto per archi era un genere che allora piaceva e che non era difficile da collocare nel vasto mercato degli esecutori dilettanti. Così integrò l esistente K 575 con altri due lavori (appunto K 589 e K 590) mantenendo l omogeneità stilistica, nel senso che nessuno chiede virtuosismo eccessivo agli esecutori e che in ognuno viene riservata un attenzione particolare al violoncello. Infatti anche nel Quartetto K 590 il violoncello canta molto, e bene, soprattutto nel secondo movimento, stranamente denominato Allegretto e sviluppato senza tensioni, solo cambiando colore ed espressione a un unico motivo, dolce, tranquillo. I contrasti dominano invece gli altri movimenti, differenziando così questo quartetto dagli altri due della serie prussiana, assai più paciosi e rilassati. Perfino il Minuetto ha qualche asprezza, mentre nell Allegro moderato iniziale è il tema principale stesso che porta al suo interno i germi delle tensioni che escono nello sviluppo e che sono solo in parte bilanciate dal più grazioso secondo tema. Pure il finale è molto agitato: sostanzialmente monotematico, in libera forma sonata, animato da sistematico impiego di procedimenti contrappuntistici. Se il risultato artistico fu indubbiamente molto buono, scadente fu quello economico. Mozart non mancò infatti di lamentarsi di aver dovuto vendere queste musiche per pochissimi soldi. Infatti non continuò a scrivere quartetti, e la terna (K 575, K 589, K 590) non diventò mai la sestina che il mercato chiedeva. Fu pubblicata nel 1792, poche settimane dopo la scomparsa di Mozart, dall editore viennese Artaria. Enzo Beacco

9 QUARTETTO ARTEMIS Costituito nel 1989 da quattro studenti della Musikhochschule di Lubecca, il Quartetto Artemis ha studiato con Walter Levin del Quartetto LaSalle e, dal 1998, con il Quartetto Alban Berg. Ha inoltre partecipato a corsi di perfezionamento con il Quartetto Emerson e il Quartetto Juilliard. Nel 1995 si è aggiudicato il primo premio al Deutscher Musikwettbewerb di Bonn. Nella stagione 1996/97 ha meritato il primo premio al concorso ARD di Monaco di Baviera e al concorso Paolo Borciani di Reggio Emilia. Da allora ha suonato per le maggiori istituzioni musicali tedesche e ha incominciato la carriera internazionale con concerti a Londra, Parigi, Vienna e Italia. Nel 1999 è stato invitato dall Accademia delle Scienze di Berlino a partecipare a un seminario con fisici, scrittori, pittori, storici e matematici. Dopo il debutto con i Berliner Philharmoniker è ospite regolare del Konzerthaus di Vienna, Auditorio Nacional di Madrid, Théâtre du Châtelet di Parigi, Concertgebouw di Amsterdam, Wigmore Hall di Londra, Herkulessaal di Monaco, Teatro della Pergola a Firenze, Carnegie Hall di New York e Library of Congress a Washington, e di festival quali Schleswig-Holstein, Bergen, Istanbul, Risör, Salisburgo, Schubertiade Feldkirch, Lockenhaus, Schwetzingen, Rheingau, Stavangere e Montreal. Ha collaborato inoltre con artisti quali Leif Ove Andsnes e, nell ambito di una serie di concerti alla WDR di Colonia, con Sabine Meyer, Juliane Banse, David Geringas, Boris Pergamenschikow, Elisabeth Leonskaja, Maria Hausmann e i Quartetti Petersen e Leipziger. Con Thomas Kakuska e Valentin Erben (viola e violoncello del Quartetto Berg) ha tenuto una serie di concerti dedicati al repertorio per sestetto d archi. Nell ottobre 2004 ha dato il via ad un proprio ciclo concertistico alla Philharmonie di Berlino. Ha inoltre eseguito in prima mondiale opere commissionate a Brett Dean, Mauricio Sotelo e Jörg Widmann. In campo discografico ricordiamo i quartetti per flauto di Mozart, l integrale dei quartetti di Beethoven e i due quartetti per archi di Ligeti. Ospite frequente nei programmi radiofonici tedeschi, nel 1996 è stato invitato dal Quartetto Berg a partecipare al film per la televisione Der Tod und das Mädchen e nel 2001 ha partecipato al film prodotto dalla WDR Strings Attached, incentrato sulla Grande Fuga op. 133 di Beethoven. Nel 2003 la BBC Radio 3 ha invitato i quattro musicisti a prender parte alla serie New Generation Artists Scheme. Il Quartetto Artemis è stato il primo quartetto d archi nella storia del premio a vincere il Premio per la musica dell Associazione dei critici tedeschi. Nel 2003 i componenti del Quartetto sono diventati membri onorari dell Associazione della Casa di Beethoven a Bonn per la loro interpretazione di opere beethoveniane; nel giugno 2004 hanno ricevuto il 23 Premio Internazionale dell Accademia Musicale Chigiana di Siena. Dall estate 2005 sono visiting professors presso l Università delle Arti di Berlino e al Conservatorio Reine Elisabeth di Bruxelles. Il Quartetto è stato ospite della nostra Società nel 1998 e 2002.

10 Prossimi concerti: martedì 14 marzo 2006, ore Sala Verdi del Conservatorio Trio Labèque-Mullova-Capuçon Di Katia Labèque e Viktoria Mullova conosciamo benissimo le straordinarie capacità tecniche e interpretative, e anche le loro curiosità e irrequietezze artistiche. Hanno suonato tante volte per la nostra Società, come soliste, come parti di insiemi musicali da loro guidati, con scelte di repertorio sempre varie, stimolanti. Le incontreremo di nuovo nel prossimo concerto, nella per noi inedita formazione di trio, assieme al giovane violoncellista Gautier Capuçon che ancora non conosciamo ma che sappiamo, per definizione, ineccepibile con le dita, perfettamente integrato con lo spirito. Ci propongono due capolavori di un repertorio tanto prezioso quanto circoscritto: un Ravel più che mai inebriato da profumi esotici ed impressionisti; il grande Schubert degli ultimi anni, con tutti i suoi ardori e le sue fascinose malinconie. Programma (Discografia minima) M. Ravel Trio in la (Trio Beaux Arts, Ph ) F. Schubert Trio in mi bemolle maggiore op. 100 D 929 (Trio Florestan, Hyp CDA 67347) 21, 22 e 23 marzo 2006, ore 18 e Sala Verdi e Sala Puccini del Conservatorio 7 Quartetti d archi dalla Musik-Akademie di Basilea Beethoven - Esecuzione integrale dei 16 quartetti per archi 28 marzo 2006, ore Sala Verdi del Conservatorio Mitsuko Uchida pianoforte Mozart, Boulez, Beethoven

11 GIOVANE EUROPA IN MUSICA - BIGLIETTI OMAGGIO PER I SOCI La Società del Quartetto e la Fondazione Pro Musica Giancarlo ed Etta Rusconi invitano i Soci a Giovane Europa in Musica, il ciclo di concerti dedicato a giovani musicisti emergenti ideato in collaborazione con AICEM (Associazione Istituti di Cultura Europei a Milano) per sostenere i giovani interpreti vincitori di importanti concorsi internazionali. I biglietti omaggio riservati ai Soci, ai quali cordialmente ricordiamo che un invito stabile alla serie resta tra le loro prerogative, possono essere ritirati, fino ad esaurimento, nei nostri uffici da sei giorni prima di ogni concerto (ore ). Il prossimo appuntamento al Teatro Litta, sede di tutti i concerti, è previsto per lunedì 13 marzo, ore con Hannes Hölzl (trombone) e Christoph Declara (pianoforte) presentati in collaborazione con il Forum austriaco di cultura.

12 Società del Quartetto di Milano - via Durini Milano tel fax

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

PROGRAMMA DEI CONCERTI

PROGRAMMA DEI CONCERTI 4_5_6 aprile Salone del Maggior Consiglio Wolfgang Amadeus Mozart. I 23 Quartetti per archi Ne L orchestrazione in chiaroscuro di Mozart il grande direttore d orchestra Nikolaus Harnoncourt sostiene che

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI Teoria musicale - 13 ALTRE INDICAZIONI MUICALI EGNI DI ARTICOLAZIONE I segni di articolazione sono indicazioni grafiche collocate sopra o sotto le note che condizionano il modo in cui queste devono essere

Dettagli

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i omaggio a leonildo marcheselli b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i I n t e r p r e t a t I d a g r a n d I f I s a r m o n I c I s t I massimo budriesi tiziano

Dettagli

---------------- Ufficio Stampa

---------------- Ufficio Stampa Ufficio Stampa Presentazione del libro TeatrOpera: Esperimenti Scenici di Maria Grazia Pani Concerto spettacolo con voce recitante, soprani, tenore e pianoforte 11 maggio 2015 Teatro Sociale ----------------

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Silenzi (1972) per soprano, violino, contrabbasso, pianoforte, celesta e percussioni

Silenzi (1972) per soprano, violino, contrabbasso, pianoforte, celesta e percussioni Catalogo delle opere di Rosario Mirigliano Composizioni Silenzi (1972) per soprano, violino, contrabbasso, pianoforte, celesta e percussioni Quartetto (1973) per violino, viola, violoncello e clavicembalo

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE 13 15 febbraio 2015 www.bolzano-bozen.it Anche quest anno, dal 13 al 15 febbraio, Bolzano festeggia San Valentino con gli appuntamenti de I Luoghi dell Amore, un viaggio

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Storia dell'opera lirica in pillole

Storia dell'opera lirica in pillole Storia dell'opera lirica in pillole Le origini dell opera lirica: tutto ebbe inizio così... L opera lirica non esisteva nell antichità. Esisteva il teatro fin dai tempi dell antica Grecia e c era la musica

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 Premio FriulAdria

UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 Premio FriulAdria Radio Vigiova presenta UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 Premio FriulAdria 3 edizione Contest Musicale Festival Biblico - REGOLAMENTO - ART.1_PARTECIPANTI UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 è un contest musicale

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Trento. Stagione concerti 2015 SOCIETÀ FILARMONICA. Programma. Sala Società Filarmonica Via Verdi 30 38122 Trento

Trento. Stagione concerti 2015 SOCIETÀ FILARMONICA. Programma. Sala Società Filarmonica Via Verdi 30 38122 Trento Sala Società Filarmonica Via Verdi 30 38122 Trento Tutti i concerti avranno inizio alle ore 20.45 Stagione concerti 2015 SOCIETÀ FILARMONICA Trento Stagione concerti 2015 L Ensemble Zefiro, formazione

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Gli strumenti a corda

Gli strumenti a corda P A R T E Strumenti e voci 1 SAPERE classificare gli strumenti a corda in base al mo in cui viene protto il suono; conoscere le tecniche di produzione del suono di questi strumenti; conoscere gli strumenti

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

giovedì 23 aprile 2015

giovedì 23 aprile 2015 TORINO AUDITORIUM RAI CONCERTI 20 giovedì 23 aprile 2015 ore 21.00 venerdì 24 aprile 2015 ore 20.30 Kirill Karabits Direttore Sol Gabetta Violoncello Prokof ev Saint-Saëns Čajkovskij 20 giovedì 23 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it INDICE PAGINA 9 PREFAZIONE di Rossella Grenci 13 PRESENTAZIONE Rossella Grenci, Daniele Zanoni 20 LISTA DI ALCUNI DISLESSICI

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

L ultima cosa che ho visto

L ultima cosa che ho visto L ultima cosa che ho visto Cinzia Politi L ULTIMA COSA CHE HO VISTO www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Nome Autore Tutti i diritti riservati Dedicato a Sara, una giovane, grande donna CAPITOLO

Dettagli

Parrocchia Di Tavole. Piazza SS. Annunziata 18100 Tavole/Prelá

Parrocchia Di Tavole. Piazza SS. Annunziata 18100 Tavole/Prelá Piazza SS. Annunziata 18100 Tavole/Prelá Per ulteriori informazioni: Don Sandro Marsano, Piazza San Tommaso 18020, Dolcedo (IM); Irene Revello, Piazza SS. Annunziata 5, 18100 Tavole/Prelá, Tel: 0039 0183

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

OGGETTO Proposta Spettacoli

OGGETTO Proposta Spettacoli O n a r t s d i Soc.Coop.Artemente Via Ronchi 12, Ca tania Fax 095.2935784 Mobile 320 0752460 www.onarts.net - info@onarts.net OGGETTO Proposta Spettacoli Con la presente siamo lieti di presentarvi le

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Io e gli altri T CD 1 1 Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Scrivi le risposte nell ordine giusto, dalla

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 -- selezioni nazionali per il Sziget Festival 2015 di Budapest (HU) e per l Home Festival 2015 di Treviso -- La selezione denominata SZIGET

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli