REGOLAMENTO PER LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ANALOGICI NELL ARCHIVIO. Art. 1 Ambito di applicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ANALOGICI NELL ARCHIVIO. Art. 1 Ambito di applicazione"

Transcript

1 ALLEGATO " B" ALLA DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ANALOGICI NELL ARCHIVIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la conservazione dei documenti amministrativi analogici nell archivio corrente, di deposito e storico delle Strutture amministrative dell Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo. Art. 2 Definizione di Archivio L archivio è un bene culturale, a norma dell art. 10 del Decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 e può essere definito come il complesso dei documenti prodotti o comunque acquisiti da un ente durante lo svolgimento della propria attività. I documenti che compongono l'archivio sono pertanto collegati tra loro da un nesso logico e necessario detto «vincolo archivistico». In questa accezione si usa spesso la parola fondo come sinonimo di archivio 1. L archivio è l insieme degli atti che formano la memoria dell Ente. Art. 3 Suddivisione di Archivio La vita di un archivio si articola in tre fasi: archivio corrente, archivio di deposito e archivio storico. L'archivio, pur suddiviso in archivio corrente, archivio di deposito e archivio storico, è unico. Durante il loro intero ciclo di vita, gli archivi hanno sia un valore pratico-giuridico, che un valore culturale: nella fase iniziale, il primo è senz altro prevalente, poi mano a mano si affievolisce, mentre si fa sempre più forte il secondo. Per archivio corrente si intende la parte di documentazione relativa agli affari e ai procedimenti in corso di trattazione o, comunque sia, verso la quale sussiste un interesse corrente. I fascicoli cartacei dell archivio corrente sono formati a cura dei responsabili dei procedimenti amministrativi e conservati presso gli uffici produttori, sino alla loro definizione. La gestione degli archivi correnti viene affidata ai singoli responsabili delle Strutture depositarie che formano i fascicoli, raccogliendo tutti i documenti riferiti in modo stabile ad uno stesso affare o procedimento amministrativo, ad una stessa materia o ad una stessa tipologia documentale, al fine di mettere in evidenza il vincolo archivistico tra i documenti. Tali documenti sono archiviati all interno di ciascun fascicolo, secondo l ordine cronologico di registrazione di protocollo o in base alla propria data. Il fascicolo riporta la voce di classificazione, derivante dal Piano di classificazione (titolario), l indicazione dell oggetto e del numero progressivo di fascicolo nonché le date di apertura e chiusura. 1 Glossario dei Termini Archivistici a cura di Paola Carucci. 1

2 Qualora il fascicolo contenga affari esauriti non più occorrenti quindi alla trattazione degli affari in corso, la documentazione viene versata all archivio di deposito che raccoglie, ordina e seleziona ai fini della conservazione permanente e la rende consultabile, nel rispetto delle leggi vigenti. I documenti che compongono l archivio di deposito sono riferiti ad affari esauriti e si collocano in una fase intermedia del ciclo di vita degli archivi, tra quella dell archivio corrente e quella dell archivio storico. Il passaggio dall archivio corrente all archivio di deposito comporta un cambio di responsabilità: fin tanto che il fascicolo è nella Struttura competente alla trattazione di quel affare il responsabile del documento è il responsabile del procedimento amministrativo, nel momento in cui vi è l operazione di versamento all archivio di deposito il responsabile per la tenuta e la conservazione di quegli atti è il responsabile del servizio archivistico. I documenti nell archivio di deposito possono avere una conservazione limitata, e pertanto essere soggetti a scarto, o illimitata, in base a quanto stabilito dal piano di conservazione e scarto (massimario) approvato dall Azienda Ospedaliera. Per archivio storico si intende il complesso dei documenti relativi ad affari e a procedimenti amministrativi conclusi da oltre 40 anni che presentano un intereresse prevalentemente storicoculturale destinati alla conservazione perenne. Ai sensi dell art. 122 del Codice dei Beni culturali (D. Lgs. n. 42 del 2004) i documenti conservati nell archivio storico sono liberamente e gratuitamente consultabili. La gestione dell Archivio di deposito e storico delle Strutture Amministrative dell Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle è affidata alla S.C. Affari Generali, Legale, Segreteria. Art. 4 Versamento dei fascicoli all archivio di deposito Il passaggio della documentazione amministrativa dall archivio corrente a quello di deposito avviene tramite l utilizzo, da parte degli impiegati delle diverse Strutture Amministrative, dell applicativo ARCHIDOC che prevede la compilazione di campi obbligatori riferiti alla scatola/faldone che si intende archiviare: descrizione della documentazione con l indicazione del periodo temporale, anno di produzione dei documenti, codice alfanumerico del piano di conservazione e scarto (massimario), tipo confezionamento. Tale procedura permette la ricerca dei documenti archiviati per ogni singola Struttura, nonché la visione della collocazione attribuita nell archivio di deposito (le informazioni operative sono reperibili sulla intranet aziendale). Al fine della trasmissione dei fascicoli all archivio di deposito ogni Struttura deve curare con scrupolo il trasferimento rispettando le indicazioni qui di seguito evidenziate: a) effettuare un controllo accurato della documentazione da inviare nell archivio di deposito in quanto il materiale deve essere ordinato, eliminando eventuali fotocopie e verificando la completezza dei fascicoli; b) i documenti per cui esiste l obbligo di conservazione devono essere adeguatamente suddivisi dal rimanente materiale cartaceo per cui non esiste necessità e obbligo di conservazione (es. depliants, materiale pubblicitario, doppioni di riviste di cui già esiste una raccolta ufficiale, ulteriori copie di documenti di cui è agli atti un esemplare ecc.); detto materiale cartaceo, che non costituisce documento, dovrà essere avviato immediatamente al macero rivolgendosi al personale incaricato, evitando il trasporto all archivio amministrativo; 2

3 c) il materiale selezionato potrà essere accolto all archivio amministrativo in raccoglitori standard (scatole americane di cm32x30x33 e di cm46x32x35), da richiedere tramite la procedura delle richieste di magazzino, presente sulla intranet, oppure in faldoni o raccoglitori chiusi (project). Esso potrà inoltre essere raccolto, in relazione alla natura del materiale (ad esempio: schede o tabulati vari, planimetrie, ecc.) e confezionato in pacchi aventi le stesse dimensioni degli schedari o raccoglitori di cui si è detto. La documentazione con durata illimitata deve essere conservata in raccoglitori chiusi (porta progetto) o scatole. Il peso dei raccoglitori o faldoni non dovrà superare i 5 kg; mentre per le scatole è previsto un peso massimo di 15 kg; d) per ogni faldone/scatola è necessario accedere all applicativo ARCHIDOC, seguire la procedura per l inserimento a sistema del faldone/scatola che attribuirà un numero progressivo generale alla documentazione archiviata. Il programma prevede la stampa automatica dell etichetta da applicare alla scatola/faldone nonché la stampa della bolla che dovrà seguire il faldone/scatola dalla consegna alla ditta traslochi che curerà il trasferimento, alla presa in carico di detta documentazione all archivio di deposito. L addetto all archivio prende in consegna la scatola e provvede all inserimento sul programma ARCHIDOC della collocazione (fila, piano, settore), visibile dalle Strutture produttrici tramite la funzione di ricerca scheda sull applicativo stesso. Si precisa che la Struttura produttrice avrà cura di: o compilare la scheda d archivio in ARCHIDOC e incollare sulla scatola/faldone l etichetta identificativa della medesima (se si utilizza la scatola cm 46x32x35 collocare la succitata etichetta sul lato più lungo) o comunicare all indirizzo l avvenuta predisposizione di documentazione da inviare all archivio di deposito, precisando il numero di scatole/faldoni (citando il n. attribuito dalla procedura al momento dell inserimento) in modo da permettere all addetto all archivio di prendere contatti con la ditta traslochi competente al ritiro delle medesime; o consegnare la scatola/faldone alla ditta Traslochi competente, unitamente alla bolla di trasporto. Il Responsabile dell archivio gestisce i documenti ricevuti, dispone la collocazione degli stessi in appositi spazi, secondo le leggi ed i regolamenti e tiene traccia della movimentazione dei documenti presenti nell archivio tramite la compilazione del registro d archivio. Art. 5 Consultazione dei documenti La documentazione custodita nell archivio di deposito potrà essere consultata su richiesta del responsabile della Struttura o suo delegato utilizzando il modulo Richiesta documentazione all archivio di deposito amministrativo, scaricabile dalla intranet aziendale (Allegato 1) al presente regolamento), compilando i campi: - struttura richiedente; - tipologia dei documenti richiesti con l indicazione del n. di scatola attribuito dalla procedura; - collocazione dei documenti (fila, piano e settore); Il modulo debitamente compilato viene trasmesso dalla Struttura richiedente via ad che provvederà ad evadere la richiesta. 3

4 La documentazione consegnata potrà essere trattenuta dalla Struttura richiedente per il tempo strettamente necessario e comunque non oltre i trenta giorni dalla consegna, salvo casi eccezionali debitamente motivati. Per la restituzione della documentazione è possibile utilizzare il modulo presente sempre sulla intranet Restituzione documentazione all archivio di deposito amministrativo (Allegato 2) al presente regolamento). Il modulo debitamente compilato viene trasmesso via dalla Struttura richiedente ad che provvederà ad evadere la richieste. Il Responsabile dell archivio gestisce le richieste che pervengono dalle varie Strutture con le modalità stabilite dal presente regolamento aziendale. Art. 6 Scarto d'archivio Il Responsabile dell archivio cura periodicamente la procedura per lo scarto dei documenti: seleziona i documenti da scartare sulla base del piano di conservazione e scarto approvato dall Azienda, invia la proposta di scarto alla Soprintendenza Archivistica al fine del nulla osta, predispone l atto deliberativo, comunica l avvenuta distruzione alla Soprintendenza, secondo le disposizioni comunicate dalla stessa e reperibili sul sito 4

5 Allegato 1) al presente regolamento 5

6 Allegato 2) al presente regolamento 6

ALLEGATO N. 7 PIANO DI CONSERVAZIONE

ALLEGATO N. 7 PIANO DI CONSERVAZIONE ALLEGATO N. 7 PIANO DI CONSERVAZIONE 1. Composizione del piano Il Piano di Conservazione, oltre che dai seguenti articoli, è composto dal Piano di continuità operativa e disaster recovery e dal Titolario

Dettagli

Arc.O Archivio Organizzato il Software per la gestione dei flussi documentali e dell Archivio Generale della Regione Veneto

Arc.O Archivio Organizzato il Software per la gestione dei flussi documentali e dell Archivio Generale della Regione Veneto Arc.O Archivio Organizzato il Software per la gestione dei flussi documentali e dell Archivio Generale della Regione Veneto Aggiornato a Giugno 2007 Direzione Affari Generali - P.O. Protocollo Informatico,

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI Documento n. 8 - Allegato al manuale di gestione PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre che dai seguenti articoli

Dettagli

Allegato nr. 8 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI

Allegato nr. 8 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI Allegato nr. 8 DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE E LA TENUTA DEGLI ARCHIVI Le disposizioni di seguito riportate per la gestione degli archivi dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano, sono state elaborate in

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI Allegato n. 6 PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre che dai seguenti articoli è composto anche dal quadro di classificazione (Titolario), dal massimario

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale Ufficio del Segretario Generale Manuale di gestione per l archivio e il protocollo informatico Presidenza del Consiglio dei Ministri Manuale

Dettagli

Allegato n. 2 Delibera n. 545 del 13/09/2012

Allegato n. 2 Delibera n. 545 del 13/09/2012 REGOLAMENTO PER LO SCARTO DEI DOCUMENTI CARTACEI D ARCHIVIO, AMMINISTRATIVI E SANITARI, DELL AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina la procedura che ciascuna unità

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI 1

PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI 1 PIANO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI 1 Allegato 8 al Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi della Provincia di Pavia 1. Composizione

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000)

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 41 del 19.02.2008 In vigore

Dettagli

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO

DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CAPITOLATO TECNICO ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125 COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO DI CATALOGAZIONE, ARCHIVIAZIONE, GESTIONE E CONSULTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE CARTACEA AZIENDALE CIG:

Dettagli

Pianificare la conservazione e lo scarto Presentazione del Massimario di selezione per gli archivi del personale

Pianificare la conservazione e lo scarto Presentazione del Massimario di selezione per gli archivi del personale Pianificare la conservazione e lo scarto Presentazione del Massimario di selezione per gli archivi del personale Monica Martignon 6ª Conferenza organizzativa degli archivi delle università italiane 1 Il

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi COMUNE DI COMO Servizio Archivio e Protocollo Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi (Artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) Allegato n. 18 Piano di conservazione Conservazione

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI DELLA SCUOLA DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO

MANUALE PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI DELLA SCUOLA DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO MANUALE PER LA GESTIONE, TENUTA E TUTELA DEI DOCUMENTI DELLA SCUOLA DAL PROTOCOLLO ALL ARCHIVIO STORICO Emanato con D.P. n. 63 del 05/05/2005; modificato con D.R. n. 466 del 12/10/2015. Art. 1 (Ambito

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DA PARTE DELL UFFICIO PROTOCOLLO Approvato dalla G.C. con deliberazione n. 201 del 7.9.2000 INDICE CAPO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI CASTELFIDARDO ********* MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO - I N D I C E - INTRODUZIONE Pag. 5 Premessa Individuazione di una unica Area Organizzativa Omogenea

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI Comune di Castelnovo ne Monti MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1. Il presente manuale di gestione dei documenti

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE approvato con Deliberazione C. C. n 56 del 29-10-2013 Articolo 1. Impianto del Regolamento

Dettagli

Comune di Campogalliano Provincia di Modena

Comune di Campogalliano Provincia di Modena Comune di Campogalliano Provincia di Modena Manuale di gestione del protocollo informatico e di conservazione dei documenti Approvato con delibera di Giunta comunale n. 86 del 28 dicembre 2005 Modificato

Dettagli

Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione

Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione Sistema di gestione informatica dei documenti/protocollo informatico: nucleo minimo Sistema di gestione dei flussi documentali Manuale di gestione Brescia 15-22 ottobre 2011 Linee generali: Sistema di

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI OSIMO Provincia di ancona MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINISIONE Pag. 1 Definizione dei termini usati

Dettagli

MANUALE AZIENDALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI Contenente altresì il Piano di Conservazione degli Archivi e il Massimario di Scarto

MANUALE AZIENDALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI Contenente altresì il Piano di Conservazione degli Archivi e il Massimario di Scarto MAGD Rev. 0 del 31.10.2007 Pagina 1 di 71 MANUALE AZIENDALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI Contenente altresì il Piano di Conservazione degli Archivi e il Massimario di Scarto File MAGD Rev. 0 del 31.10.2007

Dettagli

NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823)

NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823) NOTE TECNICO-OPERATIVE (di cui alla Circolare n. 153 del 20 dicembre 2010 - Prot. n. 0025823) L Ateneo ha istituito dal 1 gennaio 2011, ai fini di una gestione unica e coordinata della documentazione amministrativa,

Dettagli

SERVIZI DI GESTIONE INTEGRATA DEGLI ARCHIVI DOCUMENTALI CARTACEI DELL AUTORITA E SUPPORTO ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI CORRENTI

SERVIZI DI GESTIONE INTEGRATA DEGLI ARCHIVI DOCUMENTALI CARTACEI DELL AUTORITA E SUPPORTO ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI CORRENTI SERVIZI DI GESTIONE INTEGRATA DEGLI ARCHIVI DOCUMENTALI CARTACEI DELL AUTORITA E SUPPORTO ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI CORRENTI CAPITOLATO TECNICO Sommario 1 Obiettivi del servizio....

Dettagli

M.Gentilini M. Vitale

M.Gentilini M. Vitale D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa art. 50 La gestione dei documenti deve essere effettuata mediante sistemi

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI. analogici e digitali. dott. Antonella Deiana archivius@tiscali.it. Bergamo, 30 novembre 2011 1

GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI. analogici e digitali. dott. Antonella Deiana archivius@tiscali.it. Bergamo, 30 novembre 2011 1 GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI analogici e digitali Bergamo, 30 novembre 2011 1 Programma della giornata Protocollo informatico e il sistema di gestione documentale così come previsto dal DPR 445/2000;

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A.

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A. 1 PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DELLA P.A. MANUALE DI GESTIONE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 223 del 22/12/2013 Modificato con deliberazione di Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ARCHIVIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L ARCHIVIO COMUNALE COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L ARCHIVIO COMUNALE Approvato con deliberazione di G.C. n. 288 del 27.12.2007 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI FONDAMENTALI art. 1 Definizioni, Funzioni

Dettagli

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n. Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.319 Il presente Manuale è stato redatto dal Gruppo di lavoro dell Università

Dettagli

La proala ARCHIVIO è uno sapzio dnetro il qaule porre a proprio piamecinto delle letetre che daino, come esse saino dipsotse, il ritalsuto

La proala ARCHIVIO è uno sapzio dnetro il qaule porre a proprio piamecinto delle letetre che daino, come esse saino dipsotse, il ritalsuto La proala ARCHIVIO è uno sapzio dnetro il qaule porre a proprio piamecinto delle letetre che daino, come esse saino dipsotse, il ritalsuto desiradeto. DG Wynkyl Web Wynkyl Web è una realtà nata dalla partnership

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI Hanno collaborato alla stesura del presente manuale Sandra Tesio, Antonella Nirino SS Affari Generali; Fabrizio Frandino

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Ufficio Provinciale Pisa Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Pisa Marzo 2012 Versione 3.0 Ufficio Provinciale Pisa SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3

Dettagli

Redazione di un Massimario di conservazione

Redazione di un Massimario di conservazione Il fascicolo di studente Angela Angeli Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Co.In.Fo. - UniDOC Benevento, 15 Ottobre 2013 UniDOC 2013 Redazione di un Massimario di conservazione del fascicolo di studente

Dettagli

Allegato n. 1 Glossario e normativa di riferimento

Allegato n. 1 Glossario e normativa di riferimento Allegato n. 1 Glossario e normativa di riferimento Edizione 01/2014 - Rev. 01 1. Glossario Al fine di garantire una più facile comprensione del Manuale di gestione, il presente Glossario offre specifiche

Dettagli

Comune di Vigonza Via Cavour n.16 35010 PD Tel.049 8090211 fax 049 8090200

Comune di Vigonza Via Cavour n.16 35010 PD Tel.049 8090211 fax 049 8090200 Comune di Vigonza Via Cavour n.16 35010 PD Tel.049 8090211 fax 049 8090200 MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA TENUTA, GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE CAPO I AMBITO DI

Dettagli

D.P.R. 20-10-1998 n. 428. Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche.

D.P.R. 20-10-1998 n. 428. Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche. D.P.R. 20-10-1998 n. 428 Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche. 1. Definizioni. 2. Gestione dei documenti con sistemi informativi

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI ALL. A) INDICE PARTE PRIMA AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI 1.1 Introduzione 1.2 Finalità del manuale 1.3

Dettagli

PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI

PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI Pagina 1 di 8 PS_01 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI STATO DEL DOCUMENTO REV. PAR. PAG. MOTIVO DATA 00 - - Emissione documento 31.05.2013 Responsabile Area Servizi per la Didattica

Dettagli

In collaborazione con il Centro per la cultura d impresa A cura di Gianluca Perondi con la collaborazione di Eddy Moschetti

In collaborazione con il Centro per la cultura d impresa A cura di Gianluca Perondi con la collaborazione di Eddy Moschetti MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI In collaborazione con il Centro per la cultura d impresa A cura di Gianluca Perondi con la collaborazione di Eddy Moschetti Revisione del febbraio 2013

Dettagli

Documentazione scolastica e manutenzione degli archivi. 1. Definire cos è un archivio e distinguere vari tipi di archivio. 1.

Documentazione scolastica e manutenzione degli archivi. 1. Definire cos è un archivio e distinguere vari tipi di archivio. 1. Documentazione scolastica e manutenzione degli archivi 1. Definire cos è un archivio e distinguere vari tipi di archivio 1.1 Premessa L'Archivio fin dalle origini dei sistemi di scrittura costituisce la

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI Premessa Il Manuale di gestione del protocollo informatico e della gestione dei flussi documentali, è uno strumento

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI CIVITAVECCHIA Regolamento per la gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Sommario PARTE PRIMA - Ambito di applicazione del manuale e definizioni... 3 Articolo

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Padova Aprile 2012 Versione 3.0 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONE E COMPITI...3 3.

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE E CONTROLLO DELLA DOCUMENTAZIONE E DELLE REGISTRAZIONI DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE

PROCEDURA DI GESTIONE E CONTROLLO DELLA DOCUMENTAZIONE E DELLE REGISTRAZIONI DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE Pag. 1/16 PROCEDURA DI DELLA DOCUMENTAZIONE E DELLE REGISTRAZIONI DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE LISTA DELLE REVISIONI REV DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 00 16.02.2004

Dettagli

Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito.

Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito. Corso base: il processo della Logistica Farmaceutica, prospettive e sfide per il farmacista del SSN Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito. Salvatore Coppolino Catania, 14 Febbraio

Dettagli

GESTIONE DOCUMENTALE. Certi&icazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 Servizi offerti e knowledge

GESTIONE DOCUMENTALE. Certi&icazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 Servizi offerti e knowledge GESTIONE DOCUMENTALE Certi&icazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 Servizi offerti e knowledge PROFILO AZIENDALE CERTIFICAZIONI ARCHIDOC, leader regionale nella gestione in outsourcing di archivi documentali,

Dettagli

I SERVIZI DI OUTSOURCING ARCHIVISTICO: LA PROPOSTA DEGLI OUTSOURCER

I SERVIZI DI OUTSOURCING ARCHIVISTICO: LA PROPOSTA DEGLI OUTSOURCER I SERVIZI DI OUTSOURCING ARCHIVISTICO: LA PROPOSTA DEGLI OUTSOURCER 1 PREMESSA Ogni ente produce nel corso della sua attività una notevole quantità di documenti e di informazioni, importantissimi sia dal

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSERVAZIONE E LO SCARTO DELLA DOCUMETAZIONE CONSERVATA PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

LINEE GUIDA PER LA CONSERVAZIONE E LO SCARTO DELLA DOCUMETAZIONE CONSERVATA PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO LINEE GUIDA PER LA CONSERVAZIONE E LO SCARTO DELLA DOCUMETAZIONE CONSERVATA PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO O G G E T T O Legge provinciale 14 febbraio 1992, n.11.

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI CASIER ART. 1 - PRINCIPI ISPIRATORI, ISTITUZIONE E FINALITÀ 1) Il Comune di Casier riconosce le funzioni peculiari del Servizio Biblioteca, richiamando e condividendo

Dettagli

Presentazione della società

Presentazione della società Presentazione della società Nata nel 1999, ESSEPI@ srl, Società Per Archiviazione, con l esperienza maturata in questi anni in materia di outsourcing documentale, è riuscita a sviluppare un modello di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ALLEGATO A Deliberazione UdP del 4 settembre 2012, n. 71 1 PREMESSA Il progetto Archivi del Consiglio nasce con la deliberazione dell

Dettagli

D E T E R M I N AZ I O N E SETTORE AMMINISTRATIVO D I R E T T O R E

D E T E R M I N AZ I O N E SETTORE AMMINISTRATIVO D I R E T T O R E D E T E R M I N AZ I O N E SETTORE AMMINISTRATIVO N. 112 Reg. Settore N. 112 del 19-08-2014 Oggetto: AFFIDAMENTO SERVIZIO DI TRASLOCO DELLA SEDE OPERA= TIVA DELL'ENTE PARCO - DETERMINAZIONE A CONTRATTA=

Dettagli

Regolamento di protocollazione e archiviazione dei documenti

Regolamento di protocollazione e archiviazione dei documenti Regolamento di protocollazione e archiviazione dei documenti Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n 350-340512 del 10 febbraio 2004 Indice CAPO I PROTOCOLLAZIONE 1 Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Anno 2015

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Anno 2015 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI VIA CARDUCCI N. 2 64028 SILVI (TE) teic83700d@istruzione.it teic83700d@pec.istruzione.it MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO,

Dettagli

Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio

Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio Comune di Lavena Ponte Tresa Provincia di Varese Via Libertà n. 28 LAVENA PONTE TRESA Tel. 0332/524111 Fax 0332/551754 - C.F. 00405070129 Manuale per la tenuta del protocollo informatico e dell archivio

Dettagli

La parola ARCHIVIO è uno spazio dentro il quale porre a proprio piacimento delle lettere che diano, come esse siano disposte, il risultato

La parola ARCHIVIO è uno spazio dentro il quale porre a proprio piacimento delle lettere che diano, come esse siano disposte, il risultato La parola ARCHIVIO è uno spazio dentro il quale porre a proprio piacimento delle lettere che diano, come esse siano disposte, il risultato desiderato. DG Wynkyl Web Wynkyl Web è una società che, dopo anni

Dettagli

APPALTO PER AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI OUTSOURCING PER LA GESTIONE DEI BENI ARCHIVISTICI DELL AZIENDA U.S.L. ROMA H CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI OUTSOURCING PER LA GESTIONE DEI BENI ARCHIVISTICI DELL AZIENDA U.S.L. ROMA H CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER AFFIDAMENTO DI UN SERVIZIO DI OUTSOURCING PER LA GESTIONE DEI BENI ARCHIVISTICI DELL AZIENDA U.S.L. ROMA H CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - PREMESSA... 1 ART. 2 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO... 1

Dettagli

G A D S. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva. Copia Archiviata Elettronicamente File: GADS 2012

G A D S. Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva. Copia Archiviata Elettronicamente File: GADS 2012 G A D S Guida di Archiviazione Documentale Sostitutiva Copia Archiviata Elettronicamente File: GADS 2012 Copia cartacea Controllata in distribuzione ad enti esterni N : 1 Rilasciata a CAAF CONFARTIGIANATO

Dettagli

GUIDA AL CALCOLO DEI COSTI DELLE ATTIVITA DI RICERCA DOCUMENTALE

GUIDA AL CALCOLO DEI COSTI DELLE ATTIVITA DI RICERCA DOCUMENTALE GUIDA AL CALCOLO DEI COSTI DELLE ATTIVITA DI RICERCA DOCUMENTALE L applicazione elaborata da Nordest Informatica e disponibile all interno del sito è finalizzata a fornirvi un ipotesi dell impatto economico

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

Soprintendenza Archivistica per l Emilia-Romagna. Selezione e scarto di documenti nelle aziende sanitarie

Soprintendenza Archivistica per l Emilia-Romagna. Selezione e scarto di documenti nelle aziende sanitarie Soprintendenza Archivistica per l Emilia-Romagna Selezione e scarto di documenti nelle aziende sanitarie Bologna, 15 febbraio 2008 1 Indice Introduzione 2 1. Riferimenti normativi 3 2. Definizioni 4 3.

Dettagli

1 Disposizioni generali

1 Disposizioni generali 1 Disposizioni generali 1.1 Ambito di applicazione Il presente manuale descrive il sistema di gestione e di conservazione dei documenti prodotti o ricevuti dal Comune nello svolgimento della sua attività

Dettagli

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ CAPO I Riferimenti normativi, ambito

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI SERVIZIO BILANCIO E RAGIONERIA proposta di massimario di conservazione e di scarto INDICE DI CLASSIFICAZIONE CLASSE 1 ATTIVITA' GIURIDICO NORMATIVA

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4 1. REQUISITI GENERALI L Azienda DSU Toscana si è dotata di un Sistema di gestione per la qualità disegnato in accordo con la normativa UNI EN ISO 9001:2008. Tutto il personale del DSU Toscana è impegnato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Art. 1. Oggetto 1- Il presente regolamento disciplina il diritto di accesso ai documenti amministrativi dell Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Consiglio Superiore della Magistratura

Consiglio Superiore della Magistratura Consiglio Superiore della Magistratura Fasc. 1241/VS/2014 - Progetto di dematerializzazione dei documenti del Consiglio Superiore della Magistratura situati presso l'immobile di proprietà dello Stato sito

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico

Manuale di gestione del protocollo informatico MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI UFFICIO GENERALE DEL SEGRETARIO GENERALE Servizio di Tenuta del Protocollo Informatico ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB D ITALIA UFFICIO PROVINCIALE DI VERONA. Manuale di Gestione del Protocollo Informatico

AUTOMOBILE CLUB D ITALIA UFFICIO PROVINCIALE DI VERONA. Manuale di Gestione del Protocollo Informatico AUTOMOBILE CLUB D ITALIA UFFICIO PROVINCIALE DI VERONA Manuale di Gestione del Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea: Ufficio Provinciale ACI di VERONA SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI GATTEO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELLA GESTIONE DEI FLUS DOCUMENTALI E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE INDICE 2 INTRODUZIONE 5 SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 7 Articolo

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE AOODRVE Ufficio Scolastico Regionale del Veneto MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO PPS-PRO-MM-DRVE-2.0 INDICE PREMESSA...4

Dettagli

COMUNE DI CREVALCORE (PROVINCIA DI BOLOGNA) REGOLAMENTO DELLA SEZIONE SEPARATA D'ARCHIVIO STORICO DEL COMUNE DI CREVALCORE

COMUNE DI CREVALCORE (PROVINCIA DI BOLOGNA) REGOLAMENTO DELLA SEZIONE SEPARATA D'ARCHIVIO STORICO DEL COMUNE DI CREVALCORE COMUNE DI CREVALCORE (PROVINCIA DI BOLOGNA) REGOLAMENTO DELLA SEZIONE SEPARATA D'ARCHIVIO STORICO DEL COMUNE DI CREVALCORE Approvato con delib. C.C. n. 48 del 12.5.98 TITOLO I Principi fondamentali 1.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993 AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993 LCP/PG/mf Rinnovo mat. Consumo per pc e stampanti mesi 36 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA Approvato con delibera di Giunta comunale n. 123 del 04/08/2011 18/08/2011 Pag INDICE SEZIONE I AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI Articolo 1 Articolo

Dettagli

Archiviazione ottica documentale

Archiviazione ottica documentale Archiviazione ottica documentale Le informazioni che cercate sempre disponibili e condivise, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza Chi siamo Cos è Charta Il processo di archiviazione I nostri punti

Dettagli

Software libero e riuso in un sistema di gestione documentale

Software libero e riuso in un sistema di gestione documentale Giorgetta Bonfiglio-Dosio Università degli Studi di Padova Software libero e riuso in un sistema di gestione documentale (Padova, 3 novembre 2010) GBD Che cos è un sistema? GALILEO GALILEI (1623) «Pluralità

Dettagli

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI Sede amministrativa Via E. Ramarini, 7 00015 Monterotondo Scalo Roma Tel. + 39 06 90.60.181 Fax. + 39 06.90.69.208 info@bucap.it www.bucap.it Sede legale Via Innocenzo XI, 8 00165 Roma Se d SOLUZIONE DI

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Revisione 07 INDICE DEI CONTENUTI CAPO I PRINCIPI GENERALI 05 1 PREMESSA 05 2 DEFINIZIONI 05 3 MANUALE DI GESTIONE 06 4 ELIMINAZIONE

Dettagli

CONTRATTO ESTIMATORIO

CONTRATTO ESTIMATORIO Allegato C3 FAC SIMILE Contratto estimatorio Protesi ortopediche e mezzi di sintesi Premessa Il contratto estimatorio è il contratto con cui una parte consegna una o più cose mobili all altra parte e questa

Dettagli

Regolamento di organizzazione Consultazione e prestito (Articoli 5-8 del Regolamento)

Regolamento di organizzazione Consultazione e prestito (Articoli 5-8 del Regolamento) Regolamento di organizzazione Consultazione e prestito (Articoli 5-8 del Regolamento) Articolo 1 Consultazione del materiale bibliografico in sala (Articolo 5, comma 2) 1. Il materiale bibliografico collocato

Dettagli

COMUNE DI FAENZA MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO (PROTOCOLLO INFORMATICO, FLUSSI DOCUMENTALI E ARCHIVIO)

COMUNE DI FAENZA MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO (PROTOCOLLO INFORMATICO, FLUSSI DOCUMENTALI E ARCHIVIO) COMUNE DI FAENZA MANUALE DI GESTIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO (PROTOCOLLO INFORMATICO, FLUSSI DOCUMENTALI E ARCHIVIO) Elaborato sulla base del Modello prodotto dal tavolo di coordinamento provinciale per

Dettagli

Procedura Qualità. Verifica Responsabile Servizio Qualità. 3 Firma ING. CARLO VERNETTI Firma ING. CARLO VERNETTI Firma CARLO VERNETTI

Procedura Qualità. Verifica Responsabile Servizio Qualità. 3 Firma ING. CARLO VERNETTI Firma ING. CARLO VERNETTI Firma CARLO VERNETTI Pagina 1 di 7 MATRICE DI VALIDAZIONE: Rev. Elaborazione Responsabile Servizio Qualità Verifica Responsabile Servizio Qualità Approvazione Amministratore Delegato 3 Firma ING. CARLO VERNETTI Firma ING.

Dettagli

BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO

BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO Il Comune di Cavagnolo intende incentivare con un contributo

Dettagli

Comune di Cuneo - Centro rete archivi. Comune di Sambuco

Comune di Cuneo - Centro rete archivi. Comune di Sambuco Comune di Cuneo - Centro rete archivi Comune di Sambuco INFORMAZIONI GENERALI SUL COMUNE Indirizzo: Piazza Umberto I, 46 Telefono/fax: 0171/96633 Referente: Daniela Groppo e-mail: comune.sambuco@libero.it;

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA E AGRICOLTURA DI LODI

MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA E AGRICOLTURA DI LODI MO-AG MANUALE DI GESTIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA E AGRICOLTURA DI LODI 04/01/2006 II emissione Approvato SG f.f. d.ssa Federica Pasinetti 1 INDICE PRESENTAZIONE...4

Dettagli

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE CAPO I Servizio di economato Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

Comune di Viareggio Manuale di gestione e conservazione dei documenti

Comune di Viareggio Manuale di gestione e conservazione dei documenti Comune di Viareggio Manuale di gestione e conservazione dei documenti (artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) (Approvato con Delibera. G.C. n. 305 del 30/06/2011 Modificato con Delibera. Commissario Pref. n.

Dettagli

MODELLI 730 ISPEZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOTE OPERATIVE

MODELLI 730 ISPEZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOTE OPERATIVE MODELLI 730 ISPEZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOTE OPERATIVE La nostra attività, come a tutti voi noto, è soggetta vigilanza da parte del Ministero dell Economia e delle Finanze. Questa attività si

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia MANUALE DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI APPROVATO CON DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.113 DEL 13/12/2004

Dettagli

Regolamento della Biblioteca della Regione Piemonte. Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto)

Regolamento della Biblioteca della Regione Piemonte. Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto) Regolamento della Biblioteca della Regione Piemonte Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) 1. La Biblioteca persegue la finalità primaria di fornire alle strutture e agli organi del

Dettagli

Contenuti. La dematerializzazione dei documenti delle P.A. Dematerializzazione. La dematerializzazione e la conservazione sostitutiva

Contenuti. La dematerializzazione dei documenti delle P.A. Dematerializzazione. La dematerializzazione e la conservazione sostitutiva La dematerializzazione e la conservazione sostitutiva Contenuti La dematerializzazione della PA Gli obiettivi I risparmi La conservazione sostitutiva La Normativa riferimento Concetto d archivio Il documento

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

ALLEGATO N. 12 REGISTRO DI EMERGENZA

ALLEGATO N. 12 REGISTRO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 12 REGISTRO DI EMERGENZA Nel caso di inconvenienti tecnici che dovessero protrarsi oltre le 48 ore sui collegamenti telematici o comunque sul funzionamento del sistema di protocollo, su disposizione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA E DI UTILIZZO DEL SITO E-COMMERCE WWW.DEDGY.IT

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA E DI UTILIZZO DEL SITO E-COMMERCE WWW.DEDGY.IT CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA E DI UTILIZZO DEL SITO E-COMMERCE WWW.DEDGY.IT 1. PREMESSA 1. Le presenti Condizioni Generali di Vendita hanno per oggetto la definizione dei diritti e degli obblighi delle

Dettagli

Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1. Principi fondamentali

Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1. Principi fondamentali Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1 Principi fondamentali Articolo 1 Generalità L Amministrazione comunale di Albinea

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI DEL COMUNE DI PERUGIA PREDISPOSTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI ( Art.5 DPCM 3

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI DEL COMUNE DI PERUGIA PREDISPOSTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI ( Art.5 DPCM 3 Data Versione Descrizione 1.0 Manuale di gestione dei documenti del Comune di Perugia MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI DEL COMUNE DI PERUGIA PREDISPOSTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI ( Art.5 DPCM 3 dicembre

Dettagli

BIBLIOTECA SCOLASTICA

BIBLIOTECA SCOLASTICA BIBLIOTECA SCOLASTICA REGOLAMENTO Art. 1 - Principi generali La Biblioteca Centro di Documentazione dell'i.i.s. "E. De Nicola", è un servizio culturale mediante il quale la Scuola persegue la promozione

Dettagli