PRESENTAZIONE AZIENDALE aggiornata a Luglio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE AZIENDALE aggiornata a Luglio 2013"

Transcript

1 PRESENTAZIONE AZIENDALE aggiornata a Luglio 2013

2 Centrale di Strongoli Centrale di Crotone Slide 2

3 Indice La nostra squadra Missione & Valori Chi siamo Energia Tecnologia Combustibile Risorse Umane Sistema Integrato di Gestione Ambiente Sicurezza e Salute Qualità Responsabilità Sociale Sistema Etico Risk Management Indicatori economici ed industriali Sistema informatico Riconoscimenti Dicono di noi Slide 3

4 La nostra squadra PERCORSO Azienda Posizione Tofan Group (Romania) - automotive Amministratore Delegato YarNea (Romania) - tessile Direttore Generale FibrexNylon (Romania) - chimica Direttore Generale Graziano Trasm. (Italia) - meccanica Responsabile Sviluppo Business A.M.P. (U.S.A.) - componenti elettr. Responsabile Logistica Breed (U.S.A.) - automotive Responsabile Logistica Valeo (France) - automotive Responsabile acquisti Webasto (Germania) - automotive Acquisitore G.F.T. (Italia) - tessile Responsabile Controllo di Produzione Unicem (Italia) - cemento Controllo gestione in U.S.A. STUDI - Ingegnere nucleare LINGUE STRANIERE - inglese, francese, spagnolo, romeno CARICHE ASSOCIATIVE Dal 2007 Presidente della Sezione Ambiente & Energia di Confindustria Crotone Segretario Generale dell Associazione Imprenditori Italiani in Romania (AIIR) DATI PERSONALI - Anno di nascita: 1963 Guido CASTELLUCCIO Direttore Generale COMPETENZE SPECIFICHE - Riposizionamento, ristrutturazione e start-up industriali Slide 4

5 La nostra squadra PERCORSO Azienda Posizione Da - a BGM (Brindisi) Resp. Start Up & Commiss Foxboro (Ravenna) Resp. Start Up & Commiss Nuovo Pignone G.E. (Algeria) Resp. Start Up & Commiss STUDI - Tecnico (Istituto Tecnico Avanzato, Rossano) Francesco CARDAMONE Direttore Stabilimenti Strongoli & Crotone Assunzione: Gennaio 2001 LINGUE STRANIERE inglese, francese DATI PERSONALI Anno di nascita: 1970 COMPETENZE SPECIFICHE Gestione siti industriali con processi complessi ed integrati PERCORSO Azienda Posizione Da - a ERG Power & Gas Resp. Programmazione ISAB Energy Pianificazione Produzione ISAB Energy Gestione Contratti STUDI - Ingegnere (Facoltà di Ingegneria Elettrica, Ateneo di Palermo) LINGUE STRANIERE inglese DATI PERSONALI Anno di nascita: 1975 COMPETENZE SPECIFICHE Conoscenza tecnologica e gestione del mercato elettrico Dario SCANCARELLO Energy Manager Assunzione: Luglio 2008 Slide 5

6 La nostra squadra PERCORSO Azienda Posizione Da - a Eurococco Buyer Europellets Business Developer STUDI - Ingegnere (Facoltà di Ingegneria Gestionale, UNICAL) LINGUE STRANIERE inglese Vincenzo MANTELLA Resp. Acquisti Fuel Assunzione: Luglio 2008 DATI PERSONALI Anno di nascita: 1979 COMPETENZE SPECIFICHE Gestione della filiera di acquisti nel mercato delle biomasse Slide 6

7 Missione Produzione di energia attraverso il recupero di scarti vegetali ed altre fonti rinnovabili derivanti da processi industriali ed agricoli ecosostenibili. Il processo di conversione energetica tende sempre ad utilizzare le migliori competenze tecnologiche per assicurare il miglior rendimento impiantistico, nel rispetto assoluto ed incondizionato di tutte le più rigide normative per la protezione dell Ambiente e la sicurezza dei lavoratori. Il nostro modello di business si fonda sull integrazione nel sistema economico e sociale locale per sviluppare sinergie industriali e culturali a vantaggio di tutti i portatori di interesse (azionisti, dipendenti e fornitori, territorio). Slide 7

8 Il sistema di valori aziendali Slide 8

9 Il sistema di valori aziendali Slide 9

10 Il sistema di valori aziendali Slide 10

11 Chi siamo Biomasse Italia - nata nel 1997, attualmente gestisce la centrale a biomasse di Strongoli (KR) e fornisce a Biomasse Crotone tutti i servizi generali; Biomasse Crotone nata nel 2011 per gestire la centrale a biomasse nella zona industriale di Crotone; punto di riferimento nel panorama nazionale della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (biomasse solide) nel pieno rispetto dell Ambiente, consapevoli del proprio ruolo industriale e tecnologico nello sviluppo della politica energetica nazionale; orientate ad un sistema di approvvigionamento energetico sostenibile nel lungo periodo; si collocano ai primi posti tra le imprese private presenti in Calabria nel settore della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Slide 11

12 Chi siamo Compagine sociale api nòva energia è una società del Gruppo api, leader in Italia nel settore petrolifero, la cui missione è guidare con unitarietà di indirizzi e continuità la gestione e lo sviluppo del business elettrico e del gas del Gruppo. Da alcuni anni api ha avviato un processo di differenziazione energetica elaborando e realizzando, attraverso api nòva energia, importanti progetti per la produzione di energia elettrica, in particolare da fonti rinnovabili quali eolico, fotovoltaico e biomasse, nonché per lo sviluppo di impianti innovativi nell'ambito della rigassificazione di gas naturali liquefatti [LNG] e della produzione di biocarburanti. Bioenergie, attraverso le sue controllate (SMB) o partecipate (Biomasse Italia), è il maggiore produttore italiano di energia elettrica da biomassa vergine con 80 MWh installati e una produzione annuale di 650 GWh, vantando una esperienza pluriennale nella conduzione di tali impianti. Il rispetto delle norme di sicurezza ed ambientali, di un rigoroso codice etico, e il perseguimento dell integrazione dei propri siti produttivi nel contesto economico e sociale del territorio ospitante sono prerequisiti imprescindibili nella gestione del business. Bioenergie è inoltre attiva nello sviluppo di numerosi nuovi progetti per la produzione di energia elettrica da biomasse, biogas ed impianti eolici. Slide 12

13 Chi siamo Numeri principali struttura produttiva: due centrali elettriche localizzate presso le unità locali di Crotone e Strongoli (KR); 73 MWe di potenza totale ne fanno una delle più grandi realtà europee nel settore della produzione di energia elettrica da sola combustione di biomassa; produzione annuale di circa 600 GWh (a pieno funzionamento); circa 100 milioni di euro di fatturato annuo (a pieno funzionamento); circa tonnellate di biomasse utilizzate (a pieno funzionamento); quasi 200 milioni di euro investiti in impianti (costruzione e rifacimenti) oltre a decine di milioni di euro impegnati in capitale circolante (macchinari ed attrezzature, materiale a deposito). Slide 13

14 Gruppi funzionali Energia Tecnologia Finanza Miglioramento Innovazione Sistema Integrato di Gestione Fuel Risorse Umane Slide 14

15 Gruppo Funzionale Energia Rapporti con gestori sul mercato dell energia Gestione contratti Programmazione produzione impianti Rapporti con GSE Gestione operativa dei CV Rapporti con TERNA Conoscenza e rispetto del Codice di Rete Gestione RUP (Registro Unità di Produzione) Gestione dati statistici degli impianti Strategie commerciali Definizione strategia di vendita energia elettrica Negoziazione e gestione contratti energia elettrica Conoscenza dei mercati dei certificati verdi Lobby Assicurazioni Slide 15

16 Tecnologia Strongoli Capacità produttiva di 46 Mwe 360 GWh di produzione annua Inizio produzione: 2003 Rifacimento parziale: ott febr Tecnologia: due caldaie a letto fluido ri-circolato (CFB) una sola turbina a vapore del tipo a condensazione collegata ad un generatore un condensatore raffreddato ad acqua Alimentazione: biomassa costituita da cippato di legno proveniente da manutenzione boschiva e residui agro-alimentari provenienti dal mercato locale ed estero, sansa, PKS Consumi annui di biomassa: Tons Slide 16

17 Tecnologia Crotone Capacità produttiva di 27 Mwe 220 GWh prodotti ogni anno Inizio produzione: 2001 Rifacimento totale: gen ott Tecnologia: 2 caldaie Standardkessel: griglia a gradini raffreddata ad aria turbina a vapore condensatore raffreddato ad acqua Alimentazione: biomassa costituita da cippato di legno proveniente da manutenzione boschiva e residui agro-alimentari provenienti dal mercato locale ed estero, sansa, PKS Consumi annui di biomassa: Tons Slide 17

18 Combustibile Materie prime principali: biomassa legnosa sotto forma di cippato; sansa esausta; palm kernel shells (PKS); altre biomasse vergini di natura agro-forestale. Nuove materie prime della filiera locale biomasse provenienti: dalla manutenzione boschiva; dagli scarti di lavorazione in segheria; dalla potatura del verde pubblico; dalle ramaglie da attività agricole varie. Cippato di legno PKS Mercati di approvvigionamento % Mercato locale 85 Mercato estero (usando il nodo portuale di Crotone) 15 Porto di Crotone Slide 18

19 Risorse Umane Personale dipendente 62 persone a Strongoli (KR) e Crotone; personale laureato - 30%; personale diplomato - 65%; per la nostra vocazione internazionale, forniamo stimolanti opportunità professionali al personale con grande potenziale di crescita; tipologia delle assunzioni: ingegneri, manutentori, informatici, economisti, tecnici. Collaborazione con l Università della Calabria presentiamo le opportunità formative a tutti gli studenti interessati ed organizza visite presso l Azienda; si prevede lo sviluppo di collaborazioni di ricerca con diversi Dipartimenti universitari in funzione delle nostre esigenze. Slide 19

20 Modello organizzativo di management Slide 20

21 Mappa Organizzativa Gruppi Funzionali Produzione Crotone Servizi Tecnici RISORSE UMANE Servizi stabilimento Controllo Amm. & Finanza Legale TECNOLOGIA / PRODUZIONE SERVIZI IT Produzione Strongoli Comunicaz. & immagine Acquisti beni e servizi Direzione Generale Acquisti biomassa Qualità Ambiente FUEL Programmazione Management Risk Management Innovazione SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE Controllo processi gestionali Assicurazione Qualità Etica Sicurezza ENERGIA CSR Privacy Slide 21

22 Risorse Umane Progetto formativo investiamo costantemente nella formazione dei propri dipendenti e dei potenziali futuri componenti della squadra aziendale, avvalendoci di professionisti stranieri e specialisti; BlueLab è un percorso formativo che prevede momenti di istruzione teorica, di addestramento pratico, di interazione con professionalità esterne, di libero confronto interno, di verifica strutturata delle differenze tra competenze richieste e capacità acquisite; la formazione si concentra su competenze tecniche (norme di ambiente e sicurezza e relativi quadri legislativi, analisi di processo e piani strutturali di miglioramento, risk management, analisi economico finanziarie, metodi di controllo qualità, etica e responsabilità sociale, metodi di programmazione, discipline tecniche specialistiche, manutenzione impiantistica) e su gestione aziendale (lavoro di squadra, creatività e innovazione, gestire il cambiamento, comunicare in azienda, pensiero strategico, corsi di lingue straniere). Corsi di formazione organizzati nel 2012 Numero corsi Numero totale ore Numero di ore di formazione retribuite Numero persone coinvolte Competenze tecniche Gestione aziendale Formazione per la sicurezza Slide 22

23 Sistema Integrato di Gestione Descrizione e struttura documentale organizzativa Missione e descrizioni di base Livello 0 Manuale di Sistema complessivo Manuali dei corpi regolamentari Livello 1 Manuali specifici di gestione Regole d integrazione organizzativa e allineamento, conservando le specializzazioni di processo Livello 2 Manuale Integrato dell Organizzazione (Qualinet) Livello 3 Procedure operative ed istruzioni Documenti prescrittivi, operativi, di lavoro e di registrazione Livello 4 Documenti Slide 23

24 Sistema Integrato di Gestione Aspetti fondamentali di Qualinet Il manuale si articola su tre livelli logici: 1) Livello dei PROCESSI con la Piattaforma dei Processi 2) Livello dei REQUISITI con l Elenco Requisiti QUALINET 3) Livello dei COMPORTAMENTI nei Logigrammi e nelle Matrici + DOCUMENTI, DATI Ogni livello è sviluppato con l approccio grafico, corredato delle informazioni essenziali per il funzionamento del modello. Lo schema grafico facilita la comprensione evitando l uso di molte parole. Slide 24

25 Sistema Integrato di Gestione Management Risk Management Qualità Innovazione Etica SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE Ambiente Sicurezza Privacy CSR Controllo processi gestionali Slide 25

26 S.I.G. - Qualità Comportamenti QUALINET Requisiti Consulenze esterne Processi Audit interni Controllo operativo Ufficio Qualità Audit di certificazione Sistema di gestione della Qualità Audit Azioni correttive Obiettivi Integrazione con altri sistemi di gestione aziendale Processo di pianificazione del Sistema di Gestione della Qualità secondo la norma europea UNI EN ISO 9001 Formazione ed Addestramento Slide 26

27 S.I.G. - Ambiente La Politica Ambientale prevede i seguenti impegni: rispettare le leggi, prevenire l inquinamento, formulare obiettivi di miglioramento, adottare i migliori processi tecnologici e sviluppare la formazione. Controllo operativo Procedure operative Consulenze esterne Audit interni Audit di certificazione Ufficio Ambiente Azioni correttive Sistema di gestione ambientale certificato Obiettivi Audit Audit di parte terza Integrazione con altri sistemi di gestione aziendale Processo di pianificazione del Sistema di Gestione Ambientale secondo il D. Lgs. 152/06 e la norma europea UNI EN ISO Formazione ed Addestramento Slide 27

28 S.I.G. - Sicurezza la sicurezza sul lavoro costituisce una dimensione critica su cui si misura l impegno e la "qualità organizzativa" di Biomasse Italia, è percepita come una necessità e si basa sulla prevenzione. Consulenze esterne Squadra addetti alle emergenze Medico competente Implementazione di un sistema di Gestione secondo le OHSAS Normativa nazionale Servizio di prevenzione e protezione Gestione della sicurezza sul lavoro secondo il D.Lgs. 81/08 e OHSAS Integrazione con altri sistemi di gestione aziendale Formazione e informazione Audit interni Slide 28

29 S.I.G. Responsabilità Sociale Tavolo Tecnico Sviluppo Strongoli Capitale umano Capitale economico Rapporto di Sostenibilità Tavolo Sviluppo Sostenibile Locale Capitale sociale Capitale naturale Assets territoriali Cittadinanza d Impresa Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale secondo la norma SA8000 Formazione Partecipazione iniziative territoriali Distretto Energetico di Crotone Sviluppo Filiere Consulenze esterne Ufficio CSR Integrazione con altri sistemi di gestione aziendale Slide 29

30 S.I.G. Responsabilità Sociale Integrazione con il territorio integriamo il nostro business col territorio per poter favorire lo sviluppo a livello locale e regionale; privilegiamo la forza lavoro a livello locale, come occasione di miglioramento del sistema industriale locale; ci preoccupiamo della preparazione professionale dei giovani, sia nostri dipendenti che potenziali futuri componenti della nostra squadra aziendale; diversi professionisti locali, nazionali ed internazionali collaborano costantemente con l Azienda in attività di altissimo profilo; selezioniamo personale giovane meritevole proveniente dalle Università e dalle Scuole professionali; occupazione indotta: alcune centinaia di posti di lavoro in imprese boschive, personale portuale, cooperative di trasportatori, aziende di manutenzione, società di servizi vari. Ricadute economiche sul territorio alcune decine di Milioni di euro all anno in forniture e servizi all Azienda, da parte di imprese locali; stimolo allo sviluppo delle attività portuali e relative infrastrutture nel porto di Crotone; stimolo agli investimenti dei fornitori. Slide 30

31 S.I.G. Responsabilità Sociale Strumenti per lo sviluppo del piano di integrazione sociale e territoriale A. Tavolo Permanente per lo Sviluppo Sostenibile Locale strumento principale di dialogo con i numerosi attori del territorio; temi principali di discussione: progetti ambientali, rafforzamento della filiera delle biomasse, formazione di tecnici. B. Tavolo Tecnico per lo Sviluppo del Comune di Strongoli temi principali di discussione: la tutela ambientale e della salute, progetti per contribuire allo sviluppo del Comune. C. Polo di Innovazione per le Energie Rinnovabili di Crotone centro di eccellenza nella ricerca & sviluppo di nuovi combustibili; ricerca & sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche per la combustione di materiali alternativi alle biomasse tradizionali; sviluppare forme di collaborazione con gli attori del distretto su vari temi (tra cui eventualmente quello della Formazione, del Rapporto di Sostenibilità, del Tavolo, della sensibilizzazione) Slide 31

32 S.I.G. Responsabilità Sociale Strumenti per lo sviluppo del piano di integrazione sociale e territoriale D. Rapporto di Sostenibilità secondo la metodologia della Valutazione attraverso il Modello a 4 capitali documento che presenta periodicamente le politiche, i programmi e i risultati aziendali in un ottica di cittadinanza d impresa; presenta (per la prima volta in Europa) le due Aziende ed il loro rapporto con gli stakeholders all interno di un sistema territoriale complesso, caratterizzato da quattro capitali: il capitale economico, quello umano, quello sociale e quello naturale. strutturato su due livelli: uno relativo alla rendicontazione d impresa, l altro relativo alla valutazione del sistema territoriale. per ogni capitale a livello territoriale è stata effettuata un analisi descrittiva dei principali indicatori di contesto e della loro evoluzione nel passato, utile a tracciare un quadro di riferimento entro il quale valutare il contributo delle due aziende alle diverse dimensioni della sostenibilità. Le risultanze di quest analisi sono messe in relazione con gli indicatori monitorati costantemente dalle due aziende mediante il proprio bilancio di sostenibilità. i framework metodologici sono le linee guida per la redazione dei bilanci di sostenibilità di Global Reporting Initiative-G3, il Modello 4 Capitali ed il modello messo a punto dal Gruppo Bilancio Sociale GBS. Slide 32

33 S.I.G. Responsabilità Sociale Rapporto di Sostenibilità Capitale economico Sostenibilità economica delle attività svolte Distribuzione del valore aggiunto Resilienza Valutazione attraverso il modello dei 4 Capitali Capitale umano Skill, diritti Opportunità Capacity building Capitale Sociale Reti di attori Governance Trasparenza Legalità Capitale naturale Dotazione di risorse naturali Concentrazione di inquinanti Minimizzazione degli impatti ambientali Contributo alla risoluzione di problemi ambientali locali pressanti Slide 33

34 S.I.G. Responsabilità Sociale Comunicazione & Immagine: Valori & Stakeholders AMBIENTE FORNITORI AUTORITÀ E TERRITORIO RISORSE UMANE Gli investimenti in tecnologie avanzate proteggono l Ambiente ed assicurano sostenibilità al business Offriamo e chiediamo relazioni commerciali a lungo termine Integrazione nel tessuto industriale e sociale locale Le risorse umane rappresentano il capitale più importante per noi Tutti i processi aziendali, sia tecnologici sia gestionali, sono controllati da risorse specialistiche e dedicate per assicurare il rispetto dell Ambiente La qualità del servizio e la competitività del prezzo rappresentano la chiave della soddisfazione comune Impegno per lo sviluppo economico sostenibile del territorio di riferimento Siamo in costante evoluzione con molti progetti di Sviluppo & Ricerca garantisce l adozione ed il rispetto delle più rigorose procedure di tutela dell Ambiente Cresciamo insieme sviluppando soluzioni industriali che portino vantaggi a tutte le parti Impegno nella costruzione di migliori condizioni di vita sociale Cresciamo dando la possibilità di migliorarci ed investendo nella formazione con esperti internazionali Tutto il management, ad ogni livello, orienta le proprie scelte nel rispetto della protezione dell Ambiente Relazioni umane e professionali sempre basate sul rispetto del nostro Codice Etico Investiamo nei sistemi di prevenzione dei rischi, controllo e riduzione delle emissioni nell Ambiente Monitoraggio e miglioramento continuo delle condizioni di sicurezza del lavoro nel più rigoroso rispetto delle norme La nostra tecnologia è intrinsecamente a basso impatto ambientale L ENERGIA DI OGGI, L AZZURRO DI DOMANI CRESCIAMO INSIEME INTEGRATI NEL NOSTRO TERRITORIO I GIOVANI DI OGGI, L ENERGIA DI DOMANI Slide 34

35 S.I.G. Responsabilità Sociale Comunicazione & Immagine: La newsletter Energia qui OBIETTIVI DELLA NEWSLETTER Migliorare la capacità comunicativa tra il personale e con l esterno Migliorare il clima aziendale con informazioni più dirette Rafforzare i canali comunicativi interni ed esterni DISTRIBUZIONE A tutti gli stakeholders (incluso i dipendenti) ed agli altri attori con cui entriamo in contatto Slide 35

36 S.I.G. - Sistema Etico Esperti di procedura Esperti di normativa etica Esperti legali Controllo operativo (Organismo di Vigilanza) Azioni correttive Procedure operative Sistema di gestione etica Integrazione con altri sistemi di gestione aziendale Consulenze esterne Responsabile Etica Processo di pianificazione del Sistema Etico secondo la Legge 231 Direzione Generale Audit FLUSSO Organismo di Vigilanza Consiglio d Amministrazione Audit interni Formazione ed Addestramento Organismo di Vigilanza Slide 36

37 S.I.G. - Sistema Etico MAPPATURA AREE A RISCHIO REATO MAPPATURA ATTIVITA STRUMENTALI MAPPATURA REATO TRANSNAZIONALE SISTEMA SANZIONATORIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO STATUTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA CODICE ETICO QUALINET Slide 37

38 S.I.G. - Risk Management Rapporti Istituzionali Relazioni con Associazioni Relazioni con Pubblica Amm. Relazioni Industriali Relazioni Supporto Safety Protezione del Management Data Security SECURITY Tecniche di sicurezza sistemi di gestione della sicurezza e protezione delle informazioni Smaltimento rifiuti Supporto Logistica Supporto Assicurazioni Filiera Flotta aziendale Tecnologie e Sistemi integrati (SIS) Servizi generali Supporto Stabilimenti Intelligence Protocollo di Legalità Supporto Ambiente e Qualità fuel Vigilanza Vigilanza armata e non Reception / Segreteria Generale Porto Campionatura della biomassa Slide 38

39 S.I.G. - Risk Management PROTOCOLLO DI LEGALITÀ nel 2009 è stato sottoscritto il Protocollo di Legalità da Biomasse Italia e la Prefettura di Crotone con cui viene estesa a Biomasse Italia la normativa antimafia applicata alle pubbliche amministrazioni in tema di appalti; è il primo (protocollo di legalità) in Calabria con un Azienda privata ed uno dei pochissimi casi in Italia e auspichiamo che diventi un modello di comportamento per altre Aziende della Calabria ; nel 2010 è stato sottoscritto un addendum che estende il protocollo di legalità anche ai subcontratti o subappalti eventualmente sottoscritti dai fornitori di Biomasse Italia con soggetti terzi, sottoposti anch essi, quindi, alle verifiche circa i requisiti per contrarre con la pubblica amministrazione previsti dal D.P.R. 252/98; dopo la scissione, il Protocollo di Legalità è stato esteso nel 2012 a Biomasse Crotone; la Prefettura di Crotone e tutte le Istituzioni facenti parte il Gruppo Interforze assicurano a Biomasse Italia il supporto, inteso come intelligence, sorveglianza e protezione, necessario alla prosecuzione dell attività aziendale nella massima serenità e trasparenza. Slide 39

40 Indicatori economici ed industriali INDICATORI GENERALI * 2011 ** 2012 *** Valore della produzione (Mil. Euro) **** Energia elettrica ceduta (GWh) **** Ore di funzionamento (h) Disponibilità della centrale (%) 89% 83% 75% 76% 83% Potenza (MW) Efficienza della produzione (%) 99% 100% 103% 102% 97% Consumo biomassa (000 ton) Incidenza combustibile non-legno (%) 32% 40% 40% 30% 24% Ceneri (%) 6,0% 5,6% 4,1% 3,2% 5,4% * Con la fermata della linea 1 Crotone a settembre 2009 e della linea 2 Crotone a febbraio 2010 ** Con la fermata dell impianto di Strongoli ad ottobre 2011 *** Gli indicatori sono stati calcolati dall entrata in esercizio commerciale (17 Maggio per Strongoli e 24 Ottobre per Crotone). Solo il valore della produzione prende in considerazione tutto l anno 2012 **** Questi KPI includono l impianto fotovoltaico Slide 40

41 Sistema informatico Scenario attuale Presentazione dell azienda WebMail BiGate (Comunicazione) Area Utenti (Reporting): News (Comunicazione) Produzione Parco Sistema di Gestione Arrivi Qualità E-recruitment Consumi Datastream Report Fornitori Contratti R. Umane KR CV KPI e Sintesi Gestione integrata Centrale Termo-Elettrica Gestione integrata controllo emissioni CED Biomasse Italia SpA Gestione Risorse Umane Gestione Formazione interna Qualinet Gestione integrata smaltimento rifiuti IBR Quadrelli Gestione Pesatura Centrali di CROTONE e STRONGOLI Centro Direzionale Gestione integrata di contabilità SIAB Gestione integrata sistema organizzativo UFFICI UFFICI Gestione contratti Fuel Monitoraggio energia prodotta Asset Performance Management Manutenzione Magazzino Acquisti No Fuel Workgroup Biomasse Condivisione documenti e strumenti Backup Biomasse Gestione Backup Postazioni Production Side Service Side Slide 41

42 Sistema informatico Progetti IT Gestione APM Produzione Crotone Gestione APM Acquisti no Fuel Alfabetizzazione Informatica Progetto e-recruiting Planning Presenze Controllo Progetto ENERGIA Amm. & Finanza Archiviazione e Consultazione Contratti Legale Progetto ENERGIA Pubblicazione Trend Ambientali Sistema Qualinet tramite il Portale Web Servizi Tecnici Produzione Strongoli Qualità TECNOLOGIA Ambiente RISORSE UMANE Direzione Generale FINANZA FUEL Acquisti Fuel IT Programmazione Ottimizzazione Sistema Pesatura con interscambio automatico delle informazioni con gestore contratti Management Risk Management SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE Sicurezza ENERGIA Controllo Qualità Modello di Pianificazione Innovazione Etica CSR Privacy Privacy Estrapolazione Dati Fuel in Ingresso Pubblicazione Report Dati Analisi PORTALE WEB Slide 42

43 Sistema informatico Punti forti valutazione, approntamento e gestione nuove strumentazioni hardware; integrati nel portale web l area download, il link ad altri attori, la zona BiGate, lo strumento dedicato ai fornitori per visualizzare le proprie consegne; implementazione e gestione on-line degli strumenti presenti nel portale Web: Area Reporting (Arrivi, Qualità, Parco, Consumi, Produzione, Emissioni, Immissione, Dati di Produzione, Verifica Acquisti e Magazzino), Contratti, e-recruiting, Planning Presenze, e-ticket, Organizzazione Riunioni e relativi Verbali; raggiunto un alto livello di data security; gestione autonoma della rete aziendale (Intranet, Internet, Extranet); gestione integrata di vari software: manutenzione, acquisti, approvvigionamento, consegna fuel, magazzino, pesatura, gestione del personale, amministrazione, sistema integrato di qualità. Slide 43

44 Riconoscimenti elezione, nell ambito di Confindustria Crotone, alla Presidenza della Sezione Ambiente & Energia, con la responsabilità di impostare, promuovere e sviluppare i contenuti industriali del Polo per l Innovazione delle Energie Rinnovabili di Crotone, anche detto Distretto Energetico di Crotone entrata a far parte della Giunta di Confindustria Crotone cooptazione come membro del Consiglio Tecnico Confederale Energia e Mercato Confindustria Italia con delega all energia, come rappresentante della Calabria affidamento dalla Confindustria Calabria dell incarico di Coordinatore del costituendo Gruppo di Lavoro regionale sull Energia partecipazione alle principali strutture associative nazionali Slide 44

45 Dicono di noi Slide 45

46 Contatti BIOMASSE ITALIA S.p.A. S.S. 106 Km Strongoli KR Tel / 53 Fax Sito web: BIOMASSE CROTONE S.p.A. S.S. 106 Z.I Crotone Tel Fax Sito web: Slide 46

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli