Città di Latisana Provincia di Udine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Città di Latisana Provincia di Udine"

Transcript

1 Città di Latisana Provincia di Udine SETTORE AFFARI GENERALI Servizio Biblioteca PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA BASSA FRIULANA OCCIDENTALE INTRODUZIONE Nella convinzione che la cooperazione è ormai un aspetto irrinunciabile del mestiere del bibliotecario per il miglioramento del servizio al pubblico e per la realizzazione di economie di scala, le biblioteche dei Comuni di Latisana, Pocenia, Rivignano, Ronchis e Teor intendono costituire un sistema bibliotecario territoriale, denominato Sistema Bibliotecario della Bassa Friulana Occidentale, ai sensi della LR 25/2006, per il quale la Biblioteca Civica di Latisana si propone quale biblioteca centro sistema. La scelta della cooperazione trova le sue radici in motivazioni storiche e politiche, dal momento che viene coinvolto un territorio culturalmente omogeneo con un passato comune e con tanti progetti, potenzialità e prospettive condivisi. NOTE SUL TERRITORIO Il territorio latisanese L ambito territoriale latisanese si estende su un area molto vasta comprendente anche numerose e popolose frazioni: Pertegada, Latisanotta, Gorgo, Paludo (Tisanella), Bevazzana, Aprilia Marittima. Latisana è sempre stata il centro della cultura e dei servizi della Bassa Friulana Occidentale, il polo d attrazione attorno cui gravita un bacino d utenza sovracomunale. In virtù della sua continua crescita, nel 2004 l Amministrazione Comunale di Latisana ha inoltrato alla Regione richiesta di concessione del titolo di Città, successivamente ottenuto grazie alla propria importanza sotto il profilo storico-culturale, demografico e socio-economico e alla caratteristica di essere polo di gravitazione per il territorio circostante, avente insediamenti produttivi, industriali, turistici, storicoarcheologici e commerciali di rilevanza nazionale ed internazionale. Latisana, per la sua posizione baricentrica, ha sviluppato strutture amministrative e di servizio con forme e livelli di concentrazione importanti che le fanno assumere un ruolo strategico sia sul territorio regionale, che nei confronti del vicino Veneto orientale, nei servizi sanitari, nel welfare territoriale, nei servizi finanziari, giudiziari e di tutela e sicurezza del cittadino, nel settore dell istruzione e della cultura, nello sport, oltre che nella distribuzione commerciale e nel settore del turismo. In particolare la nostra città svolge un ruolo di attrazione internazionale per la sua affermata capacità di sviluppare una progettualità turistica originale, alternativa e complementare alla balneazione, nel settore della nautica da diporto, per cui è riuscita ad assumere un ruolo di primaria importanza a livello europeo non solo per il numero di approdi, ma anche grazie ai servizi (es. quello del rimessaggio a terra). La localizzazione geografica di Latisana evidenzia un bacino di utenza naturale, che travalica i confini regionali, (Ronchis, Palazzolo dello Stella, Precenicco, Muzzana del Turgnano, Pocenia, Teor, Rivignano, Lignano Sabbiadoro, Bibione, San Michele al Tagliamento, San Giorgio al Tagliamento) per tutti i servizi collegati non solo alla distribuzione commerciale, ma anche alla sanità ed assistenza (presenza dell'ospedale e dell'ambito Distrettuale per i Servizi Sociali dei Comuni), ai servizi finanziari (ufficio delle entrate, polo catastale), servizi giudiziari e di tutela e sicurezza del cittadino (Giudice di pace, tenenza dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Distaccamento dei Vigili del fuoco); è inoltre polo scolastico (Istituto Comprensivo per la scuola dell'obbligo, Liceo scientifico, Istituti professionali, Università della terza età), culturale (cinema e teatro) e sportivo (piscina, tennis, palazzetto dello sport, campi di calcio). Il comprensorio ha quindi una spiccata vocazione turistica e vede annualmente l arrivo di una consistente massa di turisti che è vissuto da Latisana come un importante elemento di forza. Le recenti politiche hanno instaurato un approccio unitario nella programmazione e nella promozione delle iniziative con gli altri enti ed organismi, soprattutto lo IAT della zona di Lignano e della laguna di Marano (che comprende i Comuni di

2 Carlino, Lignano Sabbiadoro, Latisana, Marano Lagunare, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Pocenia, Porpetto, Precenicco, Rivignano, Ronchis, San Giorgio di Nogaro, Teor, Torviscosa) e l Assessorato al turismo della Provincia di Udine. A tal proposito si segnala che il Comune di Latisana gestisce proficuamente già da alcuni anni lo sportello IAT tramite la Pro Loco e che è stato recentemente inserito nella FVG Card con la risalita del Tagliamento. E ormai assodato che il turista non si accontenta più di solo "mare e spiaggia", ma chiede un prodotto più ricco sotto il profilo culturale - costituito da intrattenimento, conoscenza dell ambiente e delle tipicità locali, cura della persona - che può essere assicurato attraverso l offerta dell entroterra. Questo è collegato anche alla necessità di destagionalizzare il flusso turistico attraverso iniziative indipendenti dalla stagione balneare in senso stretto. E il caso appunto del turismo naturalistico, ricreativo, enogastronomico che consente di ampliare l offerta e di catturare flussi turistici nuovi. La forte presenza di turisti che dalle vicine spiagge può visitare l entroterra, un pregevole ambito naturalistico con acque navigabili e tranquille nella Laguna di Marano e darsene attrezzate a Latisana Marittima, un imprenditoria che con caparbietà e tenace attaccamento alla terra ha saputo affermarsi nel settore dell agricoltura, della vinificazione, dell agriturismo: tutti questi elementi sono stati uniti in un progetto con l obiettivo di proporre il territorio di Latisana, assieme a quelli dei Comuni limitrofi, come un unica offerta turistica. Il Parco dello Stella L area dei Comuni dello Stella costituisce una naturale continuazione di un territorio con una spiccata vocazione turistica, trovando in particolare nell acqua l elemento unificante che caratterizza e contraddistingue questa terra. Se Latisana e Ronchis hanno il Tagliamento, l Unione dei Comuni di Rivignano-Teor-Pocenia ha lo Stella col suo parco. Il Parco dello Stella di Rivignano è un parco comunale nato dalla volontà dell amministrazione civica di rinsaldare lo storico rapporto tra la popolazione locale e l ambiente delle risorgive e dei corsi d acqua che ne derivano, nella convinzione che questo rapporto rappresenti l unica reale garanzia per la tutela attiva della meravigliosa natura che ritroviamo lungo lo Stella. Complessivamente il parco, che è anche un Sito di Importanza Comunitaria e comprende al suo interno il biotopo regionale Risorgive di Zarnicco, occupa 638 ha, dei quali 1/3 è rappresentato da elementi naturali di valore (boschi, prati stabili, acque) e la restante parte da coltivi. Un tempo, fino a poco più di 50 anni fa, la zona era ricoperta da arativi, praterie umide e paludi, ricche di orchidee e altre specie rare (come le carnivore Drosera rotundifolia e Pinguicola alpina), e da pochi alberi posti ai margini dei prati. Ora, con l abbandono delle pratiche agricole tradizionali, i prati si sono ridotti a soli 23 ha mentre il bosco ha riconquistato vaste aree poste a margine dei corsi d acqua (150 ha). La tutela dei prati relitti e la gestione di queste nuove superfici forestali rappresenteranno uno dei cardini della futura gestione del parco, così come l indirizzo delle attività agricole verso una gestione territoriale rispettosa dell ambiente, incentrata su un turismo a basso impatto e sulla produzione di prodotti biologici. Nell'ambito del Parco, presso il grazioso borgo di Ariis, c'è una zona meravigliosa, storicamente considerata il giardino di una villa un tempo abitata dalle famiglie nobili dei Savorgnan e, in seguito, Ottelio e adesso di proprietà della Regione Friuli Venezia Giulia, grazie ad una convenzione con la quale il Comune di Rivignano ha realizzato una serie di percorsi ciclo-pedonali che permettono di ammirare da vicino le meraviglie della natura. In questo luogo, contornati da un ambiente davvero suggestivo, sono concentrate molte delle peculiarità della zona, come le olle di risorgive e prati umidi, farnie e ontani neri, oltre a tante specie faunistiche. L Ambito Distrettuale Oltre all aspetto turistico tout court, Latisana si connota anche per essere il Comune capofila dell Ambito Distrettuale per i Servizi Sociali, cui afferiscono complessivamente n. 14 Comuni della Bassa Friulana. L Ambito di Latisana è un organismo strumentale per la gestione del sistema di servizi e interventi nel campo sociale e assistenziale per i Comuni che ne fanno parte. Il Comune di Latisana, secondo la convenzione approvata il , è l Ente Gestore del Servizio Sociale dei Comuni di Carlino, Latisana, Lignano Sabbiadoro, Marano Lagunare, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Pocenia, Porpetto, Precenicco, Rivignano, Ronchis, San Giorgio di Nogaro, Teor, Torviscosa. Il territorio dell Ambito coincide con quello di pertinenza del Distretto Sanitario ovest dell A.S.S. n. 5 Bassa Friulana ed ha una popolazione di circa abitanti. I Comuni dell Ambito Distrettuale di Latisana esercitano in forma associata la funzione di programmazione locale del sistema integrato di interventi e servizi sociali, le attività relative alla realizzazione dei progetti del Piano di zona; le attività e i servizi previsti dalla programmazione annuale e dalle specifiche normative regionali e nazionali in materia di servizi educativi ed assistenziali per minori e anziani, disabilità, fondo per l autosufficienza possibile, tutela dei minori, autorizzazione ai nidi d infanzia e contribuzione alle rette, immigrazione, famiglia, politiche giovanili, reddito di cittadinanza e politiche per l inclusione sociale.

3 L Associazione Intercomunale Riviera Turistica Friulana In virtù dell omogeneità territoriale sopra descritta e della propensione delle nostre Amministrazioni alla cooperazione, è sorta nel 2007 l Associazione Intercomunale Riviera Turistica Friulana (ASTER), comprendente i Comuni di Lignano Sabbiadoro, Carlino, Latisana, Marano Lagunare, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Pocenia, Precenicco, Rivignano, Teor e Ronchis, con lo scopo di gestire in forma associata una pluralità di servizi. In particolare i Comuni di Latisana, Carlino, Lignano Sabbiadoro, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Precenicco, Ronchis hanno sottoscritto una convenzione attuativa per lo svolgimento del Servizio Biblioteche, per il quale al Comune di Latisana era stato riconosciuto il ruolo di capofila. Per problemi tecnici purtroppo non è stato possibile far funzionare tale gestione associata. Il Polo Bibliotecario della Bassa Occidentale In verità la convenzione attuativa dell ASTER delle biblioteche non è il primo tentativo di gestire in maniera associata il servizio bibliotecario del nostro territorio, dal momento che già nel 2000 era stata firmata la Convenzione per lo svolgimento coordinato del servizio bibliotecario tra i Comuni di Latisana, Lignano Sabbiadoro, Precenicco e Ronchis denominato Polo Bibliotecario della Bassa Occidentale. Questo sistema è stato operativo per tre anni, fino al momento del rinnovo della convenzione, che però non è stato effettuato da parte di tutti gli Enti aderenti. Detto Polo Bibliotecario aveva le seguenti finalità (vd. art. 3 della Convenzione): 1. fornire strumenti di coordinamento alle biblioteche dei Comuni aderenti al fine di raggiungere risultati biblioteconomici e culturali vantaggiosi per gli utenti beneficiari dei servizi 2. diffondere l interesse alla lettura e consolidare l uso della biblioteca pubblica nel costume della comunità, anche con lo scambio di libri e attrezzature, nell intento di promuovere una realtà territoriale strutturalmente e funzionalmente idonea a un costante sviluppo dell ambito culturale, senza peraltro ledere l autonomia di ciascun Comune convenzionato 3. collaborare con strutture e servizi socio culturali del territorio, con Provincia, Regione e scuole. La gestione del polo era affidata al Comune di Latisana, che garantiva il servizio di coordinamento nei seguenti settori: catalogazione, acquisti, prestito interbibliotecario, programmazione delle attività, contatti con le strutture socio-culturali, promozione e tutela della cultura e della storia locale. Alla luce degli elementi di unità territoriale sopra descritti e delle forme di cooperazione già esistenti, il mandamento di Latisana si configura come il luogo più naturale per la costituzione di altre realtà associative per la gestione di servizi, e principalmente dei servizi culturali e bibliotecari, visto anche il precedente del Polo Bibliotecario attivo negli anni PRESENTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE La Biblioteca Civica di Latisana La Biblioteca Civica di Latisana, ubicata attualmente al primo piano del Centro Polifunzionale di via Goldoni, in centro a Latisana, conta un patrimonio documentario di circa volumi, tutti catalogati e a scaffale aperto, visibili nel catalogo on-line agli indirizzi friuli.on-line.it/sebinaopac (catalogo per adulti) e friuli.on-line.it/sebinaopacragazzi (catalogo per ragazzi). Grazie ai contributi regionali di questi ultimi anni, ai sensi della LR 25/2006, si sono potuti attuare numerosi importanti interventi che hanno reso la biblioteca sempre più efficiente e al passo con i tempi. E stato infatti possibile realizzare il totale recupero della catalogazione pregressa, il riordino di tutto il patrimonio documentario, la realizzazione di una mostra fotografico-documentaria permanente sulle alluvioni del Tagliamento a Latisana, l attivazione del prestito automatizzato con lettore ottico, la messa in funzione dell apparecchiatura antitaccheggio, l acquisto di nuovi arredi. La biblioteca si compone di una sala lettura con la Sezione adulti, la Sala Friuli con i documenti relativi alla nostra regione, la Sezione Ragazzi dove si svolgono anche le attività per i più piccini, l angolo emeroteca con n. 32 riviste in consultazione e a prestito, oltre che i quotidiani locali più diffusi. Sono inoltre messi a disposizione dell utenza n. 3 postazioni per la navigazione in internet, n. 1 PC per la consultazione del catalogo on-line, n. 1 PC per la videoscrittura e n. 1 stampante in rete. Accanto al cuore della biblioteca ci sono due ulteriori salette, una riservata allo studio e alla Sezione Consultazione con la mostra fotografica sul Tagliamento e l altra adibita a magazzino. Al piano terra dello stabile si trova l ampia sala conferenze gestita dal personale della biblioteca ed utilizzata, oltre che per le attività culturali organizzate dall Assessorato alla Cultura, anche da terzi. Numerose sono le attività promosse ed organizzate ogni anno dalla biblioteca, sia rivolte agli adulti che ai bambini e ai ragazzi. Appuntamenti ormai tradizionali e ricorrenti sono le attività formative rivolte agli

4 studenti delle scuole locali (materne, elementari e medie) che si svolgono durante tutto l anno scolastico, le iniziative rientranti nel progetto Nati per leggere (dall Ora del racconto, alle letture animate con professionisti per la fascia prescolare, ai corsi di formazione ed aggiornamento per lettori volontari), il ciclo Fatti portare dalla mamma in biblioteca con letture e racconti per i bambini delle scuole elementari, gli incontri nell ambito del progetto Youngster, la rassegna letteraria di incontri con l autore e presentazione di libri denominata Autori e libri in centro. A questi appuntamenti fissi si aggiungono gli interventi di promozione e valorizzazione della lingua friulana, infatti nel corso degli anni si sono organizzati corsi di lingua e cultura friulana, spettacoli musicali e teatrali in lingua friulana e inoltre si è aperto in biblioteca lo Sportello linguistico, che opera proficuamente in collaborazione con le altre realtà culturali del territorio. Alla biblioteca afferisce anche l Assessorato alle Pari Opportunità, nell ambito del quale si sono organizzati negli anni corsi di difesa personale per donne ed iniziative culturali tutte al femminile es. la rassegna artistico-letteraria IncontrArti. Non mancano poi altre attività quali mostre fotografiche e documentarie, incontri multiculturali per gli stranieri in collaborazione con i mediatori culturali linguistici, proiezioni di reportage di viaggio, conferenze su tematiche varie ecc. Da diversi anni vengono inoltre organizzati corsi di lingue straniere per adulti e corsi di lingua italiana per stranieri, in collaborazione con Enti e Ditte specializzati nel settore. Fiore all occhiello dell Amministrazione Comunale è il Premio Letterario Latisana per il Nord-Est, gestito ed organizzato sempre dalla biblioteca, giunto quest anno alla 17 edizione, che vede la partecipazione di illustri nomi del panorama letterario italiano. Si riportano di seguito alcuni dati statistici relativi alle attività della biblioteca (anno 2009): presenze , prestiti librari 9.074, prestiti riviste 571, prestiti interbibliotecari 298, utenti complessivi (di cui attivi 2.268), volumi inventariati al 31/12/ , utilizzo postazioni multimediali 2.289, concessioni sala conferenze 56. Il territorio comunale al 31/12/2009 contava abitanti. Biblioteche dell Unione dei Comuni Cuore dello Stella Le Biblioteche dell'unione dei Comuni Cuore dello Stella (Rivignano, Pocenia e Teor) hanno a disposizione un patrimonio documentario di oltre volumi, costituito da libri e materiale multimediale, collocato a scaffale aperto. In particolare presso la Biblioteca di Teor è presente la mediateca, che conta oltre 200 documenti tra dvd, videocassette, cd-musicali e cd-rom. In tutte le biblioteche sono presenti: la sezione adulti, la sezione ragazzi (dai 0 ai 14 anni), la sezione di cultura friulana ed infine la sezione denominata Genitori e figli: crescere insieme, che si rivolge ai genitori con libri dedicati all'educazione e alla cura dei figli. Inoltre nella Biblioteca di Rivignano sono presenti due Fondi, che prendono il nome dai loro donatori: Fondo Avv. Paolo Solimbergo e Fondo Guido Self. In tutte le sedi è presente un'emeroteca, che si compone di quotidiani, settimanali e oltre 40 abbonamenti a periodici di vario argomento. Al 31 dicembre 2009, i prestiti complessivi delle tre biblioteche sono stati 8407, di cui 4522 a Rivignano, 1600 a Pocenia e 2285 a Teor. In aggiunta si hanno i prestiti interbibliotecari, che sono stati 130. Gli iscritti al prestito sono 3666, di cui 1256 attivi. Oltre il 50% degli utenti è di sesso femminile e la fascia d'età che maggiormente utilizza il servizio è quella dai 6 ai 10 anni. Nel corso del 2009, presenze si sono registrate nelle tre biblioteche, contro 9148 dell'anno precedente. Il servizio bibliotecario aderisce al progetto nazionale Nati per leggere e ogni anno organizza laboratori di lettura ad alta voce per adulti, grazie ai quali si sono formati circa una trentina di lettori volontari che collaborano nelle attività di lettura ai bambini. Organizza, inoltre, appuntamenti fissi di letture ai bambini, distribuiti durante l'anno, dando particolare rilievo alla Settimana regionale Nati per leggere che si svolge in novembre, in concomitanza con la Giornata internazionale dei diritti dell infanzia. Sempre per gli utenti più piccoli, il servizio propone anche attività con esperti e laboratori manuali. Il servizio mette anche a disposizione degli utenti l'utilizzo di internet, con 4 postazioni a Rivignano e una ciascuno nelle altre sedi. Lo scorso anno il servizio è stato usato 1838 volte, contro le 727 del Il territorio dell Unione conta circa complessivamente abitanti. Biblioteca di Ronchis Il patrimonio documentario della Biblioteca ammonta a volumi, di cui gran parte catalogati ed inseriti nell Opac Sebina del Friuli. Oltre a volumi, la biblioteca possiede cd musicali, dvd, videocassette e diversi periodici a cui è abbonata. La biblioteca è suddivisa in settori: Sezione Adulti, Sezione Ragazzi (con appositi spazi dedicati), Sezione Locale. Vi è inoltre una postazione internet a disposizione degli utenti. In biblioteca ha sede anche il Progetto Giovani, gestito da operatori afferenti all Ambito Distrettuale di Latisana.

5 I prestiti, nell anno 2009, sono stati 459 ed i prestiti interbibliotecari circa 20. Gli utenti complessivi sono 467, di cui i nuovi iscritti nell anno di riferimento (2009) sono stati 37, gran parte della fascia d età dai 6 ai 10 anni. Si precisa che i dati riportati sono indicativi dal momento che nel 2009 la bibliotecaria è stata sostituita per maternità da personale di cooperativa. In precedenza, con la bibliotecaria titolare, venivano anche organizzati incontri ed attività in biblioteca rivolti alle classi delle locali scuole elementari. Il Comune di Ronchis conta circa abitanti. FINALITA E OBIETTIVI Il sistema bibliotecario è lo strumento mediante il quale gli enti aderenti, fatta salva, l autonomia di ciascuno, coordinano l accesso alle informazioni, l acquisizione, la conservazione, la pubblica fruizione dei beni documentari posseduti dalle relative biblioteche, costituendo un sistema informativo integrato, al fine di mettere a disposizione dei cittadini un più vasto e valido servizio di pubblica lettura, di documentazione e d informazione. Compito del sistema è anche quello di sperimentare iter più efficienti ed efficaci attraverso la centralizzazione di alcune procedure amministrative. Il sistema bibliotecario fornisce gratuitamente all utenza del proprio territorio servizi coordinati basati sull ottimizzazione delle risorse economiche, sullo sviluppo di politiche culturali comuni, su politiche di acquisto comuni e/o coordinate, sulla condivisione di strumenti e di conoscenze, sulla cooperazione tra le risorse umane, sull armonizzazione e sulla promozione delle attività di valorizzazione del patrimonio documentale, ai sensi dell art. 7, c. 2 della LR 25/2006. Per il perseguimento di tali finalità il sistema ha come obiettivi: - l integrazione dei sistemi informativi esistenti nel proprio ambito e la realizzazione di criteri omogenei per la valorizzazione e fruizione del patrimonio documentale; - l armonizzazione dei programmi informatici e telematici; - la costituzione di un catalogo collettivo; - il coordinamento degli acquisti di attrezzature e di materiale documentario; - il coordinamento e/o la gestione di servizi centralizzati di carattere biblioteconomico e amministrativo; - il potenziamento del prestito interbibliotecario, tenuto conto di quello promosso su scala provinciale; - il rilevamento dei dati statistici per la valutazione del servizio; - la promozione del servizio e la realizzazione di forme comuni di pubblicità relative al sistema e alle sue attività; - la promozione di forme di collaborazione con altri sistemi bibliotecari e con strutture e servizi socioculturali, nonché con altre realtà bibliotecarie; - la fornitura di ogni tipo di servizio, di supporto e di consulenza richiesto dalle biblioteche aderenti e concordato all interno del sistema stesso. ASSETTO ORGANIZZATIVO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO Biblioteca centro sistema Lo scorso anno la Biblioteca Civica di Latisana è stata riconosciuta, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 843 dell 8 aprile 2009 ai sensi della LR 25/2006, art. 11, c. 2, biblioteca d interesse regionale per un periodo massimo di due anni in attesa che giungano a compimento i processi aggregativi per la costituzione di un sistema bibliotecario territoriale. A seguito di tale riconoscimento, l orario d apertura della biblioteca è stato ampliato a 25 ore settimanali, come richiesto dall art. 5, c. 2 del Regolamento approvato con Decreto del Presidente della Regione n. 0262/Pres. del 30/09/2008. In quest ultimo anno i contatti tra gli Enti interessati per la costituzione di un sistema bibliotecario si sono fatti più frequenti e hanno consentito di concretizzare il progetto del sistema territoriale. Il Sistema Bibliotecario della Bassa Friulana Occidentale è costituito dalle biblioteche dei Comuni di Latisana, Ronchis, Rivignano, Teor e Pocenia, il primo dei quali si candida quale centro sistema in virtù delle proprie caratteristiche demografiche e della variegata tipologia di servizi resi al territorio, nonché per il fatto che la relativa biblioteca ha un bacino d utenza di dimensione sovracomunale. Questa si configura come una prima forma di aggregazione, in attesa che eventualmente maturino i tempi per ulteriori sviluppi ed ampliamenti. Al momento attuale la biblioteca di Latisana dovrebbe implementare alcuni aspetti del servizio per rispettare pienamente gli standard obiettivo dinamici approvati dalla Regione FVG con Deliberazione n del 13/11/2008, ma s impegna a proseguire il percorso già intrapreso per offrire un servizio quanto più ottimale, incrementando il proprio patrimonio documentario ed assumendo una persona full time, per avvicinarsi in tal modo agli standard previsti dalla Regione.

6 Risorse umane A Latisana operano due dipendenti, assunte a tempo indeterminato e full time, che si occupano della gestione della biblioteca e dell organizzazione delle attività culturali relative. A Ronchis attualmente la biblioteca viene tenuta aperta da un lavoratore socialmente utile per n. 6 ore settimanali, che sarà in servizio fino a dicembre prossimo. Nell Unione dei Comuni dello Stella una dipendente (assunta a tempo indeterminato e full time) ruota sulle tre biblioteche di Rivignano, Teor e Pocenia ed è coadiuvata, fino al 31 dicembre 2010, da una lavoratrice socialmente utile, a 36 ore, che prioritariamente presta servizio presso la sede di Rivignano e da un operatrice di sportello linguistico in friulano, assunta a tempo determinato, che svolge attività nella biblioteca di Rivignano per 8 ore la settimana. Nella prospettiva della costituzione del sistema bibliotecario, il Comune di Latisana ha già messo in preventivo per il 2011 l acquisizione di una ulteriore risorsa umana a tempo pieno - che avrà luogo nei primi mesi del prossimo anno tramite incarico ad una cooperativa specializzata - per coadiuvare il personale già di ruolo della biblioteca di Latisana. Si prevede inoltre la possibilità di accogliere stagisti e volontari a supporto del lavoro del personale dipendente; a tal fine il Comune di Latisana lo scorso anno ha stipulando una convenzione con l Università di Udine per ospitare presso la propria struttura studenti, laureandi o neo laureati, con particolare riguardo per la Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, per dei periodi di formazione e lavoro. Coordinatore del sistema sarà inizialmente il bibliotecario del Comune capofila, che verrà supportato dai colleghi delle altre biblioteche del sistema nell espletamento del proprio ruolo, fermo restando che le Amministrazioni interessate possono prevedere un coordinatore esterno con incarico a tempo determinato. I bibliotecari dei Comuni interessati si riuniranno periodicamente (Commissione tecnica) per coordinare le attività e per formulare le proposte da portare in sede di Conferenza dei sindaci. RAPPORTI INTERNI Le biblioteche dei Comuni aderenti al sistema mantengono la propria autonoma sfera di azione ed in particolare l autonomia finanziaria nella gestione degli acquisti, negli indirizzi di sviluppo delle biblioteche stesse, nella gestione delle attività culturali delle biblioteche. Ogni Comune iscrive a bilancio gli stanziamenti necessari per il funzionamento della propria biblioteca e per le iniziative che intende realizzare. Le attività del sistema bibliotecario verranno coordinate attraverso la Commissione tecnica e la Conferenza dei Sindaci. Si prevede altresì una centralizzazione delle pratiche amministrative (es. appalto per l acquisto del materiale documentario, domande di contributo a Provincia e Regione, organizzazione di attività comuni ecc.) che verranno istruite dalla biblioteca centro sistema. Forme di finanziamento Al finanziamento del sistema si provvederà, in una fase iniziale di avvio, essenzialmente con i contributi di altri Enti pubblici (Provincia e Regione). Detti contributi potranno essere utilizzati per le attività comuni organizzate nell ambito del sistema e/o ripartiti in base al criterio della distribuzione degli oneri secondo il numero degli abitanti residenti sul territorio comunale ed utilizzati, in quest ultimo caso, per il funzionamento delle biblioteche aderenti. I criteri di ripartizione verranno annualmente individuati dalla Conferenza dei Sindaci. Successivamente all avvio del sistema, la Conferenza potrà stabilire quali ulteriori fonti di finanziamento delle quote a carico degli Enti gestori delle biblioteche che ne fanno parte, determinate annualmente secondo i criteri approvati dalla Conferenza stessa. Altre forme di finanziamento del sistema potranno essere costituite da proventi derivanti dalla gestione dei servizi, delle attrezzature e delle iniziative promosse dal sistema, nonché da altre entrate ordinarie e straordinarie. MODALITA DI COOPERAZIONE E FUNZIONAMENTO La gestione associata dei servizi bibliotecari riguarderà in particolare i seguenti aspetti: Acquisto coordinato del materiale documentario Si realizzerà l acquisto coordinato del materiale documentario delle biblioteche aderenti al sistema, anche attraverso forme centralizzate, nel rispetto dell autonomia delle singole istituzioni bibliotecarie. La biblioteca centro sistema provvederà ad espletare le pratiche amministrative relative alla gara d appalto per la fornitura del materiale documentario per le biblioteche del sistema, che usufruiranno pertanto delle stesse modalità di fornitura per tutta la durata dell appalto.

7 Il personale delle biblioteche del sistema provvederà all incremento delle raccolte in modo coordinato, razionalizzando ed ottimizzando le risorse messe a disposizione. Specializzazione delle singole biblioteche in un settore d interesse prevalente Ciascuna biblioteca avrà un proprio ambito disciplinare in cui sarà specializzata, il cui incremento verrà particolarmente curato dai bibliotecari. Acquisto coordinato e scambio reciproco di attrezzature Nell ottica della piena cooperazione, si potranno prevedere procedimenti amministrativi centralizzati per l acquisizione di attrezzature necessarie alle attività del sistema. Si realizzerà inoltre, laddove possibile, il prestito reciproco, temporaneo, di mezzi ed attrezzature per le iniziative organizzate dal sistema. Uniformità dei regolamenti Ferma restando l autonomia di ciascun Ente nell esercizio della propria potestà regolamentare, si provvederà a rendere il più possibile omogenei ed uniformi i regolamenti delle biblioteche del sistema e del servizio internet per il pubblico. Verrà inoltre realizzato un regolamento unico per tutte le biblioteche relativo al servizio di prestito. Raccolta dei dati statistici Al fine della valutazione della qualità del servizio, verranno periodicamente raccolti dati statistici, individuati sulla base di criteri comuni e condivisi, che siano significativi per monitorare l andamento delle varie attività della biblioteca. Gestione uniforme del materiale bibliografico e catalogo unico Al fine di una gestione uniforme del materiale bibliografico, le biblioteche di Latisana e di Ronchis si stanno attivando per cambiare il proprio software di gestione, in modo da adeguarsi a quello utilizzato dalle biblioteche dell Unione dello Stella (che è il medesimo peraltro in uso presso le altre biblioteche limitrofe e nella maggior parte delle biblioteche della regione). Si prevede pertanto il passaggio a Bibliowin 5.0web, software che è in grado di garantire una possibile futura adesione al progetto Indice2 SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale) dal momento che ha già effettuato l esame di certificazione presso l ICCU di Roma al Livello 4 (massimo livello di colloquio con l Indice). L utilizzo di un unico programma di gestione consente non solo di ottimizzare i costi di manutenzione e assistenza, ma è soprattutto la condizione necessaria ed indispensabile per poter realizzare un catalogo unico di sistema. Sarà infatti questo uno degli obiettivi da perseguire, in modo da creare in tempi brevi un OPAC consultabile in rete da parte dell utenza. Portale web del sistema Grazie al nuovo software sarà possibile attivare un portale web dedicato ai servizi del sistema bibliotecario. Detto portale, fornito di servizi web 2.0 per gli utenti, darà visibilità al catalogo del sistema e agli eventi culturali organizzati sul territorio, in questo modo ciascuna biblioteca del sistema potrà promuovere i propri eventi e la biblioteca stessa attraverso pagine e vetrine personalizzate. Nel portale web sarà possibile attivare la funzionalità di integrazione con l OPAC e con i servizi di sincronia con il portale regionale Infoteca.it. Realizzazione di materiale informativo e promozionale comune Per promuovere il sistema e le sue attività, saranno realizzati materiali informativi comuni che verranno distribuiti sul territorio attraverso tutti i mezzi di comunicazione disponibili. Inoltre, per ottimizzare le risorse assegnate e rendere più efficace ed incisiva la divulgazione degli eventi organizzati nell ambito del sistema, verranno coordinate le attività di promozione, che potranno essere realizzate anche con il supporto di uffici stampa e agenzie esterni. Collaborazione con altre realtà bibliotecarie e culturali Al fine di creare una rete culturale integrata, s intende collaborare con le altre realtà bibliotecarie e sistemiche della regione, nonché con gli istituti culturali e scolastici di ogni ordine e grado e con le realtà associative del territorio, per promuovere la cultura e la conoscenza, sviluppare una cultura democratica e di pace, rafforzare l identità culturale delle comunità locali in una dimensione dinamica e multiculturale, integrare le categorie svantaggiate. Armonizzazione degli orari di apertura al pubblico delle biblioteche

8 Al fine di garantire un apertura al pubblico il più ampia possibile, verranno armonizzati e coordinati gli orari delle singole biblioteche del sistema, in modo da avere una sorta di unica biblioteca diffusa sul territorio con aperture (durante i giorni feriali) mattutine e pomeridiane. SERVIZI PER L UTENZA I servizi per l utenza che s intendono sviluppare in modo associato sono i seguenti: OPAC di sistema e servizi aggiuntivi Come sopra descritto, grazie all utilizzo di un unico programma di gestione, verrà attivato un nuovo OPAC di sistema, che potrà essere integrato nel portale web in modo da diffondere contestualmente l attività di catalogo e la promozione degli eventi culturali delle biblioteche. Con il software Bibliowin 5.0web sarà inoltre possibile predisporre tutte le tecnologie per il servizio di invio sms completamente integrato nel sistema, che consente di avvisare gli utenti relativamente a solleciti, prenotazioni, attività, e per l attivazione di un sistema di gestione controllata delle postazioni internet al pubblico. Entrambi i prodotti prevedono l integrazione dell anagrafica utenti. Tesseramento unico dei lettori Per facilitare la circolazione di documenti e lettori, si prevede la costituzione di un unica anagrafica degli utenti attraverso la fusione delle attuali anagrafiche separate; in questo modo sarà sufficiente iscrivere un lettore una tantum per tutte le biblioteche del sistema. All atto della registrazione, verrà data all utente una tessera, che sarà valida in tutte le biblioteche del sistema. Servizio di prestito Verrà predisposto un unico regolamento per la disciplina del prestito documentario valido in tutte le biblioteche del sistema. Prestito interbibliotecario Tenuto conto del prestito interbibliotecario da anni proficuamente attivo su scala provinciale, si potrà potenziare l interprestito a livello di sistema in modo da favorire la massima circolazione del materiale documentario. Servizio internet per gli utenti Si provvederà ad uniformare - per quanto le diverse realtà lo consentiranno - i regolamenti per l utilizzo delle postazioni internet riservate al pubblico, alle quali gli utenti potranno accedere gratuitamente, ai sensi della LR 25/2006, art. 9, c. 5. Per il controllo di tali postazioni sarà possibile acquisire il sistema di gestione sopra indicato, totalmente compatibile con il software Bibliowin. Organizzazione di attività culturali coordinate Saranno organizzate e diffuse sul territorio attività coordinate di valorizzazione del patrimonio documentario e di promozione del libro e della lettura, prestando particolare attenzione al mondo giovanile e scolastico. A tal fine verranno portate avanti attività realizzate in collaborazione con le scuole del territorio e iniziative rientranti nell ambito di progetti nazionali e regionali es. Nati per leggere, Youngster. Potranno venire realizzati progetti speciali per la valorizzazione delle lingue minoritarie e per l integrazione dell utenza svantaggiata (es. anziani, ipovedenti, portatori di handicap, ecc.) e degli immigrati, anche con il supporto di enti, istituti, associazioni operanti sul territorio.

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità

Biblio 1.1 storie & memorie biblioteche trevigiane tra memoria e modernità SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE COMUNI DELLA MARCA TREVIGIANA - Via Terraglio, 58 31022 Preganziol (TV) Enti co-progettanti:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli