Rapporto sull'ambiente Canon Italia you can

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto sull'ambiente Canon Italia 2009. you can"

Transcript

1 Rapporto sull'ambiente Canon Italia 2009 you can

2 Editoriale È il momento della responsabilità È il mio terzo bilancio ambientale, forse il più importante: non perché ultimo, ma per la prova che deve offrire di consistenza e continuità. Per un attimo ho ripercorso le edizioni precedenti, notando come entrambe siano vissute di un entusiasmo positivo : quello che parla della voglia di fare, di iniziative intraprese e di traguardi raggiunti. Oggi occorreva qualcosa in più, soprattutto nel contesto che stiamo vivendo. La complessità economica ci ha fornito delle indicazioni forti, che portassero a nuove soluzioni da percorrere, ma anche a un modello economico - produttivo rinnovato, concreto, pragmatico. Sotto questo profilo, l attenzione per l ambiente (e quindi anche il contenuto di questo bilancio) diventa progetto, idea da mettere in pratica, forse anche risposta: la regola primaria di una visione globale che parte ormai da lontano, ma che ancora oggi ha bisogno di principi ai quali obbedire. Responsabilità in tutto ciò che facciamo: questo è il senso che dovremo dare alle azioni e alle scelte future. Anche questo documento non poteva sfuggire alla regola; ecco quindi un edizione più corposa, maggiormente dettagliata, forse orientata al linguaggio tecnico e meno all entusiasmo di fondo. Di quest ultimo abbiamo già dato prova nelle due edizioni precedenti e sono sicuro esista ancora oggi: nelle immagini che tutti i colleghi hanno voluto dedicare, li ringrazio per questo, e nell impegno quotidiano teso al costante miglioramento. È giunto il momento della responsabilità collettiva: non più contagiosa, ma reale. Spero che questo si riveli dal Rapporto sull Ambiente 2009, ma il giudizio lo lascio a tutti i Partner e i Clienti che avranno l opportunità di leggerlo. Jean-Marie Minelli AD Canon Italia S.p.A. Kyosei Kyosei è la filosofia aziendale di Canon ed è alla base del nostro marchio, dell azienda e delle attività di sponsorizzazione. Il termine giapponese Kyosei vuol dire vivere e lavorare insieme per il bene comune, un principio condiviso da tutti i dipendenti di Canon a tutti i livelli della nostra organizzazione. Tale principio è alla base della nostra missione, dei nostri valori e del nostro modo di rapportarci alle persone e al business. Oltre alle attività dell azienda, Kyosei influenza il nostro modo di operare nell ambito della comunità e con le organizzazioni in tutto il mondo. Siamo convinti che un comportamento corretto nella società sia di fondamentale importanza e siamo consapevoli dell impatto che le nostre attività hanno sui nostri clienti, dipendenti, partner e sul mondo che ci circonda. Canon è convinta che la consapevolezza ambientale sia un presupposto fondamentale per un comportamento civicamente responsabile da parte di un azienda. Sviluppo, produzione, uso e riciclo dei prodotti: in ogni fase ci impegniamo a creare prodotti ecocompatibili. Tutti i nostri prodotti sono stati progettati in modo da ridurre i consumi energetici, conservare le risorse ed eliminare le sostanze nocive. Come risultato dei nostri sforzi, abbiamo ottenuto lo standard ISO 14001, riconosciuto a livello mondiale, in oltre 20 stabilimenti in tutto il mondo e il marchio Blue Angel in Germania per le nostre copiatrici. Canon e il WWF Canon Europe è diventata uno dei primi Conservation Partner del WWF nel In quanto tali, facciamo parte di un gruppo selezionato di multinazionali che contribuiscono alle attività di conservazione del WWF attraverso fondi significativi. Il rapporto con il WWF mette in evidenza il nostro senso di responsabilità al di fuori dell ambito commerciale. Condividiamo infatti gli obiettivi dichiarati del WWF, ovvero arrestare e infine invertire la tendenza al degrado dell ambiente naturale del pianeta e costruire un futuro in cui l umanità possa vivere in armonia con la natura. Il nostro sostegno alla missione del WWF comprende: Finanziamento delle attività attraverso le sponsorizzazioni; Adozione di comportamenti che rispettino un forte senso di responsabilità ambientale e di cittadinanza solidale; Promozione della conservazione dell ambiente tramite materiali pubblicitari che esplicitino la nostra collaborazione con la fondazione; Essere da esempio per le altre aziende; A partire dal 2007, sviluppo del programma WWF-Canon Polar Bear Tracker e del relativo minisito Canon Kids Zone per i bambini. Foto di copertina: Federico Gasparotti Foto in questa pagina: Roberto Fioretti 3

3 Normativa Foto: Federico Gasparotti 5

4 RAEE RoHS La direttiva RAEE è entrata in vigore in Europa nel febbraio I paesi partecipanti hanno istituito e modificato le proprie le leggi, predisponendo delle infrastrutture di raccolta, riutilizzo e riciclaggio dei prodotti usati. Canon ha risposto alla direttiva attraverso sforzi come l etichettatura dei prodotti che devono essere raccolti separatamente e la somministrazione agli utenti di informazioni sul riciclaggio. In aggiunta, sotto la direzione degli Headquarter di Canon Europea, le organizzazioni nazionali di vendita, per ciascuno dei paesi dell'ue, hanno promosso la partecipazione a consorzi e la creazione di propri programmi di riciclaggio. Queste organizzazioni si sono registrate come produttori, conformemente alle legislazioni e contribuisco alle spese del sistema di raccolta e riciclaggio. Il Decreto RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), che costituisce il recepimento da parte dell Italia della direttiva europea sulla gestione del fine vita delle apparecchiature elettriche ed elettroniche, è stato pubblicato il 29 luglio La finalità del decreto, i cui adempimenti hanno cominciato ad avere effetto a partire dal febbraio 2008, è quella di promuovere il reimpiego, il riciclaggio e il recupero dei RAEE, riducendone così la quantità da avviare a smaltimento. L obiettivo dichiarato è di raccogliere, entro la fine del 2008, almeno 4 Kg di RAEE in media per abitante. I principali problemi derivanti da questo tipo di rifiuti sono la presenza di sostanze tossiche per l'ambiente e la non biodegradabilità di tali apparecchi. La crescente diffusione determina un sempre maggiore rischio di abbandono nell'ambiente o in discariche e inceneritori con conseguenze di inquinamento del suolo, dell'aria, dell'acqua con ripercussioni sulla salute umana. Questi prodotti vanno trattati correttamente e destinati al recupero differenziato dei materiali di cui sono composti, come rame, ferro, acciaio, alluminio, vetro, argento, oro, evitando così uno spreco di risorse che possono essere riutilizzate per costruire nuove apparecchiature. Il Decreto RAEE è basato sul principio secondo il quale chi inquina paga. Per ottemperare a questo principio, il finanziamento e la gestione del fine vita dei RAEE sono posti in capo ai produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche, che fanno anche da garanti del corretto trattamento delle apparecchiature raccolte. Per gestire efficientemente e in modo ottimale, sia per i clienti sia per l azienda stessa, la raccolta e il trattamento dei RAEE IT sul territorio italiano, Canon Italia si è fatta promotrice del consorzio EcoR IT, favorendone la nascita. Conosciamo tutti i danni causati allo strato di ozono dall emissione in atmosfera di sostanze pericolose. Nei primi anni novanta Canon ha abolito l uso di sostanze lesive per l ozono, molto prima che la scadenza sancita dal Protocollo di Montréal lo rendesse obbligatorio. Il 27 gennaio 2003 è stata emanata la direttiva europea RoHS (Restriction of Hazardous Substances in electrical and electronic equipment) che disciplina l uso di sostanze pericolose su apparecchiature o prodotti elettrici ed elettronici. Gli obiettivi ambientali di Canon miravano a eliminare l uso delle sei sostanze proibite dalla direttiva (piombo, cadmio, mercurio, cromo esavalente, PBD, PBDE) entro la fine del 2004, nonostante la direttiva ponesse questo limite al luglio Grazie allo sviluppo di tecnologie alternative, Canon ha introdotto prodotti conformi alla direttiva notevolmente prima dell entrata in vigore della stessa. Infatti, fin dal 1997, Canon è fortemente impegnata nel perseguire il controllo e l eliminazione delle Timeline delle principali misure adottate da Canon per soddisfare la direttiva RoHS Utilizzo lenti ottiche senza piombo Eliminazione completa PBB e PBDE (alloggiamenti in plastica) Completa adozione di acciaio e viti prive di cromo esavalente, saldature senza piombo, ecc. Adozione di cavi e fili elettrici privi di piombo Commercializzazione di prodotti conformi alla direttiva RoHS (copiatrici, fotocamere e stampanti) Adozione di un sistema di assicurazione delle sostanze chimiche sostanze pericolose dai propri prodotti. Nella progettazione, lo sviluppo e la produzione di apparecchiature si è mirato a eliminare tutte quelle sostanze chimiche che possono avere dei potenziali impatti negativi sull ambiente una volta che i prodotti vengono eliminati. L obiettivo è stato applicato non solo alle sei sostanze della direttiva, ma anche ad alogenati, ritardanti di fiamma e sostanze che generano diossine durante l incenerimento Obiettivo Canon Conformità RoHS per tutti i prodotti commercializzati a partire dal luglio 2006 Entrata in vigore della direttiva RoHS Foto: Marco Sturaro 6 7

5 REACH Foto: Elvio Melzi REACH è il regolamento per la registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche (Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemicals). Esso è entrato in vigore il primo giugno 2007 allo scopo di semplificare e migliorare l'ex quadro legislativo per le sostanze chimiche dell'unione Europea (UE). Il regolamento REACH restituisce maggiore responsabilità all industria per la gestione dei rischi che le sostanze chimiche possono comportare per la salute e l'ambiente. Il regolamento si applica a tutte le sostanze fabbricate o importate nell Unione Europea in quantitativi 1 tonnellata all'anno (tpa) e sarà attuato nel corso dei prossimi dieci anni. Il REACH instaura un sistema più efficace di valutazione, gestione e comunicazione delle informazioni sui rischi e i pericoli dei prodotti chimici all'interno dell'ue. Tutte le sostanze prodotte o importate in quantità 1 tonnellata all'anno devono essere registrate con l ECHA (Europen Chemicals Agency). Gli scopi del REACH Migliorare la protezione della salute umana e dell ambiente dai rischi che possono essere rappresentati dai prodotti chimici. Rafforzare la competitività dell industria chimica europea, un settore chiave per l economia dell UE. Promuovere metodi alternativi per la valutazione dei rischi delle sostanze chimiche. Garantire la libera circolazione di sostanze sul mercato interno dell Unione europea. Canon Anche i prodotti Canon sono interessati dal REACH, in particolare si possono individuare due categorie: le sostanze che sono fornite in forma di preparati (prodotti utilizzati per l assistenza tecnica come oli e grassi), e quelle contenute negli articoli, che sono destinate ad essere impiegate nel corso del normale utilizzo e smaltimento (toner e inchiostri in cartucce). In linea con le responsabilità ambientali di Canon, si sta adottando un approccio proattivo, per garantire continuamente la conformità al regolamento in tutte le attività in Europa. Gli obiettivi globali di conformità sono evidenziati nel diagramma sottostante. Canon Italia Canon Italia non è produttore od importatore ai sensi del regolamento REACH, ma in quanto fornitore di articoli è tenuta alla comunicazione delle informazioni sulle sostanze presenti all interno dei propri prodotti. Tale adempimento si espleta attraverso l invio, su richiesta, delle schede di sicurezza (SDS) dei prodotti. E possibile richiedere le SDS all'indirizzo: Sapevate che... Il regolamento REACH sostituisce approssimativamente 40 leggi sulle sostanze chimiche in Europa. Le principali misure adottate da Canon per soddisfare il regolamento REACH 1 Giugno 2007 Entrata in vigore 1 Giugno 2008 Pre-registrazione delle sostanze chimiche 1 Dicembre 2008 Registrazione delle sostanze chimiche 1 Giugno 2011 Notifica delle sostanze chimiche Sostanze chimiche Valutazione delle sostanze chimiche Pre-registrazione Inizio registrazione Prodotti Formulazione dei principali processi industriali e creazione di un sistema interno Inizio notifica Toner, inchiostri, adesivi e altre sostanze chimiche pure o composte Fotocopiatrici, stampanti, fotocamere, ecc. 8 9

6 Foto: Elisa Pagano Batterie e Accumulatori Direttiva 2006/66/CE Il 26 settembre 2006 è entrata in vigore la direttiva 2006/66/CE sulla commercializzazione di pile e batterie e sulla gestione di quelle a fine vita. La direttiva definisce tre famiglie di pile ed accumulatori: 1. Pile e accumulatori portatili (pile, pile a bottone, pacchi batteria o accumulatori sigillati o trasportabili a mano); 2. Pile o gli accumulatori progettati esclusivamente a uso industriale o professionale, utilizzati in qualsiasi tipo di veicoli elettrici; 3. Batterie o accumulatori per autoveicoli (utilizzati per l'avviamento, l'illuminazione e l'accensione). Obiettivo primario: il riciclaggio La nuova direttiva indica proprio il riciclo come la linea principale su cui creare o armonizzare i sistemi nazionali per la raccolta di pile ed accumulatori. Ciascuno Stato, infatti, in linea con la Direttiva dovrà adottare le misure necessarie per promuovere al massimo la raccolta differenziata di questi rifiuti. Creare adeguati sistemi di raccolta Nei confronti degli Stati membri, la direttiva dispone che provvedano alla predisposizione di adeguati sistemi di raccolta di rifiuti di pile e accumulatori. Tali sistemi: Consentono agli utilizzatori finali di disfarsi dei rifiuti di pile o accumulatori in punti di raccolta accessibili nelle vicinanze, tenuto conto della densità della popolazione; Esigono che i distributori, quando forniscono pile o accumulatori, siano tenuti a recuperarne gratuitamente i rifiuti; Non comportano oneri per gli utilizzatori finali nel momento in cui si disfano dei rifiuti di pile o accumulatori, né l'obbligo di acquistare nuove pile o nuovi accumulatori. Canon Canon, in quanto azienda produttrice ed importatrice, predisporrà un sistema di raccolta per il trattamento e il riciclaggio dei rifiuti di pile e accumulatori, su base individuale o collettiva, in ogni stato membro. Canon sta lavorando con le organizzazioni e associazioni locali per assicurarsi che tali sistemi siano attivi come richiesto dalle legislazioni nazionali. La messa in vigore della legislazione a livello nazionale è pre-requisito per l introduzione di sistemi per il trattamento e il riciclaggio di pile e accumulatori. In Italia la direttiva in oggetto è stata recepita con D.Lgs. 188/2008. Simboli Il simbolo riportato di seguito indica che le batterie e gli accumulatori utilizzati nel prodotto devono essere smaltiti separatamente dai rifiuti domestici, in conformità con la Direttiva UE 2006/66/CE e con le normative locali. Se sotto il simbolo indicato sopra è riportato un simbolo chimico, questo indica la presenza di un metallo pesante (Hg = Mercurio, Cd = Cadmio, Pb = Piombo) nella batteria o nell'accumulatore, con un livello di concentrazione superiore a una soglia applicabile specificata nella Direttiva. Le batterie e gli accumulatori non devono essere smaltiti come rifiuti urbani indifferenziati. L'utente deve utilizzare le apposite strutture di raccolta per il conferimento, il riciclaggio e il trattamento di batterie e accumulatori. Se il prodotto Canon contiene batterie non rimovibili, l'intero prodotto è già coperto dalla Direttiva UE RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) e deve pertanto essere conferito a un sito di raccolta autorizzato ai sensi di tale Direttiva, che provvederà a eseguire gli interventi appropriati per il riciclaggio e il trattamento del prodotto, comprese le batterie. La partecipazione dei Clienti alla raccolta e al riciclaggio delle batterie e degli accumulatori è importante per ridurre al minimo il potenziale impatto sull'ambiente e sulla salute umana delle sostanze utilizzate in tali componenti. Nell'Unione Europea sono previsti protocolli distinti per la raccolta e il riciclaggio di batterie e accumulatori. Per informazioni sul protocollo adottato nella propria area geografica, contattare le autorità locali, l'ente responsabile della raccolta dei rifiuti o una struttura di smaltimento municipale. Simbolo ufficiale della Direttiva UE 2006/66/CE. Indica che il rifiuto è soggetto a raccolta separata

7 Riepilogo leggi e regolamenti Foto: Sergio Buriol Aspetti ambientali Leggi, regolamenti o iniziative ambientali Azioni Canon a livello di gruppo Azioni Canon Italia Riduzione CO 2 (Conservazione dell'energia) Protocollo di Kyoto EuP Trattato internazionale per la mitigazione dei cambiamenti climatici Miglioramento dell'efficienza nell'uso dell'energia. Progettazione ecocompatibile dei prodotti che consumano energia Focalizzandoci sulla riduzione delle emissioni di CO 2 nell'intero ciclo di vita del prodotto, abbiamo posto, per il 2009, l'obiettivo di riduzione del 2% rispetto ai valori del Canon ha proattivamente introdotto misure per il risparmio energetico, come la tecnologia di fissaggio on-demand. La maggior parte dei prodotti Canon (oltre il 92%) ha, inoltre, il marchio ENERGY STAR. Focalizzandoci sulla riduzione delle emissioni di CO 2 nell'intero ciclo di vita del prodotto, abbiamo posto, per il 2009, l'obiettivo di riduzione del 2% rispetto ai valori del Conservazione delle risorse RAEE Promozione del riciclaggio di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche nell'unione Europea Durante l'implementazione della direttiva Canon ha partecipato alla formulazione di schemi di riciclaggio all'interno degli stati membri e ad oggi effettua le operazioni di raccolta, trasporto, recupero e smaltimento secondo tali schemi. Contemporaneamente Canon ha sviluppato il proprio sistema di riciclaggio cartucce su scala globale. Da sempre Canon ha mirato ad incrementare la riciclabilità dei propri prodotti fin dalle fasi di progettazione. Canon Italia si è fatta promotrice del consorzio EcoR'IT per garantire una gestione del fine vita delle apparecchiature elettroniche conforme alla legislazine vigente. Batterie e Accumulatori Immissione sul mercato delle pile e degli accumulatori Canon ha reagito prontamente alle nuove disposizioni in materia di conservazione delle risorse coordinando l'implementazione della direttiva e promuovendo, all'interno delle organizzazioni nazionali, azioni volte al raggiungimento della conformità legislativa nei termini previsti. Canon Italia sta istituendo, su base collettiva, sistemi per il trattamento e il riciclaggio dei rifiuti di pile e accumulatori. Si prevede che lo schema di gestione di tali rifiuti sia pronto entro i termini previsti per legge (26/09/09). RoHS Restrizione nell'utilizzo di sostanze pericolose all'interno dell'ue. Normative analoghe sono state introdotte in altri paesi come il Giappone e la Cina. Canon ha cominciato a commercializzare globalmente prodotti conformi RoHS già a partire dal 2004, in anticipo di due anni rispetto all'entrata in vigore di questa direttiva europea. Canon Italia ha implementato un sistema di controllo dei propri fornitori di apparecchiature elettroniche al fine di garantire la conformità RoHS agli utenti finali. Gestione delle sostanze chimiche REACH Regolamento concerne la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (sono comprese anche le sostanze contenute nei prodotti). Canon e i propri fornitori di sostanze chimiche hanno completato la pre-registrazione di tutte le sostanze importate nell Unione Europea in quantità superiori a 1 t/anno. Canon sta ora preparando la registrazione finale di tali sostanze conformemente ai termini previsti: Canon Italia, come fornitore di articoli, si è strutturata per rispondere prontamente alle richieste dei clienti, fornendo le informazioni previste dalla legislazione vigente. IECTC111 Material Declaration Standardizzazione del Green procurement Stiamo promuovendo la standarzizzazione in Giappone attraverso la Green Procurement Survey Standardization Initiative (presieduta da Canon) e globalmente attraverso le Commissioni Elettrotecniche Internazionali. Divulgazione delle informazioni ambientali Eco-Declaration Modalità per fornire ai clienti ed alle terze parti informazioni ambientali che concernono il prodotto. Canon partecipa attivamente nelle discussioni sulle modalità di comunicazione di tali informazioni, come il TED (The Eco Declaration). Canon Italia ha predisposto un database delle Eco-Declaration relative ai prodotti immessi sul mercato nazionale e provvede prontamente alla distribuzione delle schede a fronte delle richieste dei clienti

8 Foto: Stefano Calcidese ISO Sistema di gestione ambientale Il concetto di cittadinanza responsabile è uno dei valori fondamentali di Canon e dimostra una coscienza sociale che va oltre l obbligo delle prescrizioni legislative. Attraverso l implementazione di un unico sistema di gestione ambientale, che copra tutte le attività di business (incluse ricerca e sviluppo, produzione, logistica, vendite e servizi) il concetto di cittadinanza responsabile si integra in tutto l operare quotidiano. A tale scopo, nel 2005 si è dato il via ad un progetto triennale mirato a ridurre al minimo le distanze tra i vari sistemi di gestione ambientale. Canon Italia, certificata ISO sin dal 2003, è tra i paesi che hanno dato il via a questo processo di implementazione e, nel luglio 2005, è stata tra le prime 5 nazioni europee ad entrare a far parte della certificazione globale ISO insieme a Finlandia, Germania, Svezia e Svizzera. Oggi, allo scadere del triennio, Canon ha raggiunto il proprio scopo, certificando 185 organizzazioni in 22 nazioni europee. Tra le organizzazioni certificate spiccano i due siti produttivi di Canon Bretagne e Canon Giessen. Il primo impianto è strutturato per la rifabbricazione delle cartucce toner esauste. Queste vengono spedite allo stabilimento francese da 11 paesi europei. In seguito ad un controllo della qualità, alcune parti delle cartucce vengono utilizzate per crearne di nuove, mentre le rimanenti vengono suddivise in relazione al materiale di cui sono costituite e destinate ad essere riciclate, per la fabbricazione di altri prodotti nelle industrie francesi. L impianto di Canon Giessen in Germania, invece, è specializzato nella rifabbricazione delle macchine fotocopiatrici. Partendo dalla convinzione che il riutilizzo dei componenti ha un impatto ambientale molto minore che il semplice riciclo sotto forma di materiali, le fotocopiatrici usate vengono raccolte e smontate in centri di riciclo. Si passa, quindi, al lavaggio delle parti smontate e solo i componenti che hanno la stessa elevata qualità delle parti nuove vengono rimesse nella linea di produzione. I controlli garantiscono che i componenti recuperati offrano prestazioni e caratteristiche identiche ai nuovi; altrimenti questi vengono riusati come materia prima. Grazie al processo di rifabbricazione, si arriva a riutilizzare, in termini di peso, fino all'83% delle parti. Canon Europa ha la funzione di coordinare la certificazione di gruppo di tutto il territorio EMEA (Europe, Middle East, Africa). Tale funzione viene svolta attraverso la definizione di obiettivi e medio termine comuni, incontri periodici per la verifica dello stato di avanzamento verso gli obiettivi definiti, svolgimento di audit interni condotti da personale specializzato di Canon Europa. Nelle immagini a lato, l'impianto per la rifabbricazione delle cartucce toner esauste di Canon Bretagne. Flusso di riciclo della plastica di Canon Bretagne Centri Canon di riciclaggio nel mondo Frantumazione delle cartucce utilizzate e separazione dei materiali 1 3 Produzione delle parti plastiche 2 Plastica ricavata dalle cartucce utilizzate Europe Collection Control Canon Europa N.V. / Canon Europe Ltd. Canon Giessen GmbH Canon Bretagne S.A.S. Asia Collection Control Canon Asia Marketing Group Canon Dalian Business Machines, Inc. Japan Collection Control Canon Marketing Japan Inc. Canon Ecology Industry Inc. Top Business Machines Co. Ltd. Oceania Collection Control Canon Australia Pty. Ltd. U.S. Collection Control Canon U.S.A. Inc. Canon Virginia, Inc. Industrial Resource Technologies, Inc. Legenda Fotocopiatrici Toner Cartucce Inkjet 14 15

9 Reparto di demontaggio nell'impianto di Canon Bretagne. Audit Ambientali interni Gli audit ambientali interni di Canon hanno lo scopo di valutare la conformità dei sistemi alla norma ISO 14001, a leggi e regolamenti e anche agli standard ambientali definiti dal Gruppo Canon. Tali controlli sono inoltre indirizzati alla verifica dello stato di avanzamento degli obiettivi definiti, alla corretta applicazione dei programmi di miglioramento ed all efficacia delle azioni correttive relative ad eventuali anomalie riscontrate. I risultati degli audit vengono riportati all Headquarter Ambientale e utilizzati come dati di input per i Riesami della Direzione. La certificazione ISO ha il triplice scopo di assicurare la conformità alla legislazione vigente, favorire la prevenzione all inquinamento e promuovere il continuo miglioramento delle performance ambientali di Canon. Al fine di raggiungere tali obiettivi, tutti i dipendenti sono stati formati sui programmi ambientali di Canon e sensibilizzati sulle tematiche ambientali più attuali. L interesse nei confronti dell ambiente e la convinzione che lo sviluppo tecnologico sia ormai indissolubilmente legato alla sostenibilità ambientale ha portato il Gruppo Canon ad essere, tra le aziende del proprio settore, quella con il maggior numero di siti all interno di un unico certificato, ben 719, di cui 185 europei: una consapevolezza estesa a dipendenti. Politica per l'ambiente di Canon Italia Obiettivi ambientali (Pianificazione) Miglioramento delle attività ambientali (Azioni per il miglioramento) Promuovere l'efficienza delle risorse Sistema di valutazione ambientale (Controllo) Attività di assicurazione della qualità ambientale in ogni divisione (Esecuzione della pianificazione) 16 17

10 Foto: Luigi Maina Il protocollo di Kyoto Il Protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici è un accordo internazionale che stabilisce precisi obiettivi per i tagli delle emissioni di gas responsabili dell'effetto serra e del riscaldamento del pianeta da parte dei Paesi industrializzati. Il Protocollo è stato ratificato da 146 Paesi ed è entrato in vigore nel Gennaio Viene fissata per i paesi industrializzati una diminuzione del 5% in media (6,5% per l'italia) entro il 2012, rispetto ai loro livelli di emissione del E' l'unico accordo internazionale che sancisce una limitazione delle emissioni ritenute responsabili dell'effetto serra, degli stravolgimenti climatici, del surriscaldamento globale. L' accordo riguarda sei gas a effetto serra: biossido di carbonio, metano, protossido di azoto, perfluorocarburi, idrofluorocarburi ed esafloruro di zolfo. Punti chiave Per i Paesi più industrializzati (quelli inseriti nel c.d. Allegato I) l'obbligo è ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990, nel periodo Gli stessi Paesi devono rafforzare o istituire politiche di riduzione delle emissioni, sviluppando fonti di energia rinnovabili, migliorando l'efficienza energetica, predisponendo progetti di protezione di boschi, foreste, terreni agricoli che assorbono anidride carbonica, (perciò sono detti ''carbon sinks', cioè immagazzinatori di CO 2 ). Inoltre possono guadagnare 'carbon credit' aiutando i Paesi in via di sviluppo ad evitare emissioni inquinanti, esportando tecnologie pulite. Ogni paese dell'allegato I, inoltre, dovrà realizzare un sistema nazionale per la stima delle emissioni gassose. E dovrà essere creato un sistema globale per compensarle. I Paesi firmatari andranno incontro a sanzioni se mancheranno di raggiungere gli obiettivi. Il protocollo di Montréal Oltre al problema del surriscaldamento globale non bisogna dimenticare l assottigliamento dello strato di ozono. Negli ultimi decenni, secondo rilevamenti eseguiti nell'atmosfera, lo strato di ozono sta diventando più sottile, specialmente sopra l'antartide. Secondo gli scienziati, alcune sostanze chimiche sono le principali responsabili del problema. Queste sostanze, chiamate ODS (Ozone Depleting Substances) comprendono molti gas contenenti cloro e bromo, come ad esempio i CFC. Il "Protocollo di Montréal " del 1987 è il trattato internazionale per la protezione dello strato di ozono, che regola l'accordo per bandire le sostanze nocive per l'ozono stratosferico. In accordo con il Protocollo di Montréal e i successivi emendamenti, l'uso dei CFC e degli Halon è stato ridotto o eliminato. Gli obiettivi Canon Per conformarsi al Protocollo di Kyoto, il gruppo Canon ha imposto obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra (convertite in kg di biossido di carbonio equivalenti). Lo scopo è di ridurre del 25% le emissioni entro l anno 2010, prendendo come riferimento il Il raggiungimento di questo obiettivo sarà possibile attraverso iniziative globali che comprendono riorganizzazioni strutturali, miglioramento dei processi produttivi, utilizzo di apparecchiature ad alta efficienza e sforzi tesi al risparmio energetico. Inoltre, in conformità ai regolamenti europei ed alle disposizioni del Protocollo di Montréal, Canon Italia tiene sotto controllo tutte le attività che possono comportare emissioni di gas nocivi per lo strato di ozono e di gas ad effetto serra. In seguito ad analisi strutturale degli uffici è stato riscontrato il rischio di emissioni di tali gas ad opera degli impianti di condizionamento. Per questo motivo tali apparecchi sono stati censiti e suddivisi in relazione ai gas che utilizzano e alle relative quantità. Gas Tipologia Quantità N. apparecchiature Metodi di controllo R22 Idroclorofluorocarburo lesivo per lo strato di ozono < 3 Kg 3 Monitoraggio annuale della quantità di gas rabboccata Kyoto & Montréal R407C Gas fluorurato a effetto serra Compresa tra 3Kg e 30 Kg 3 > 30 Kg 3 Controllo annuale, mediante apposita strumentazione, per individuare eventuali perdite e registrazione su libretto di impianto Controllo semestrale, mediante apposita strumentazione, per individuare eventuali perdite e registrazione su libretto di impianto < 3 Kg 5 Monitoraggio annuale della quantità di gas rabboccata R410A Gas fluorurato a effetto serra Compresa tra 3Kg e 30 Kg 1 Controllo annuale, mediante apposita strumentazione, per individuare eventuali perdite e registrazione su libretto di impianto 18 19

11 Foto: Ciro Savarese I.P.E.R. L evoluzione dei prodotti dovrebbe accompagnarsi ad una migliorata attenzione per l ambiente, cui Canon dedica la stessa cura già messa in atto nel progettare, costruire e commercializzare prodotti, servizi e soluzioni. Canon, poi, crede che sia necessario un ulteriore impegno: fare in modo di raccogliere in maniera strutturata i materiali, una volta obsoleti. Con questi scopi è nato I.P.E.R., un programma creato per pianificare, controllare e gestire la raccolta dei materiali di scarto, e recuperare quelli ancora riutilizzabili. Attraverso il programma I.P.E.R., viene proposto ai clienti un Servizio di Raccolta, specifico per la gestione ecologica dei materiali di scarto provenienti dalle attività di ufficio, in collaborazione con operatori specializzati. I.P.E.R. si avvale dell utilizzo di Ecobox, scatole di dimensioni 40x40x60 cm, per la raccolta dei materiali di scarto. I.P.E.R. A.C.T.I.V.A. è studiato al fine di ridurre l impatto ambientale dell assistenza tecnica svolta da Canon Italia. Durante la manutenzione, vengono inserite nell Ecobox le parti di ricambio guaste o non più utilizzabili. Gli operatori coinvolti nei programmi agiscono nel rispetto delle disposizioni legislative vigenti. I materiali di scarto raccolti vengono concentrati in appositi siti di stoccaggio. Cartucce, parti in metallo e in plastica sono classificate e avviate ad alimentare cicli di riutilizzo di materie prime. Canon Italia effettua periodicamente audit presso i propri fornitori proprio al fine di garantire al cliente il rispetto della normativa vigente in materia. Flusso di Raccolta Installazione di un Ecobox presso il cliente Riempimento dell Ecobox Il cliente inserisce i consumabili esausti Attivazione del ciclo di raccolta Quando l Ecobox è pieno, il cliente effettua la richiesta di un intervento specialistico ambientale Prelevamento e reinstallazione di un nuovo Ecobox Nel momento del ritiro dell Ecobox, il trasportatore autorizzato provvederà alla sostituzione dello stesso con un contenitore nuovo Ritiro Ecobox con mezzi autorizzati Compilazione FIR (Formulario di Identificazione Rifiuti) Quando il rifiuto arriva a destinazione, una copia del FIR viene inviata al produttore Trasporto, Stoccaggio, Recupero e Smaltimento Ciclo di Raccolta 20 21

12 Foto: Daniele Moscoloni I.P.E.R. in cifre Peso (Kg) Riciclaggio delle cartucce Numero di Ritiri I.P.E.R. sul territorio I.P.E.R. I.P.E.R. A.C.T.I.V.A. Nel 1982 Canon è stata la prima azienda a creare le cartucce All-Inclusive per le copiatrici personali, seguite subito dopo da quelle per le stampanti laser. Grazie a questo tipo di cartucce, ad ogni sostituzione la stampante torna come nuova, perché le componenti essenziali sono sostituite tutte insieme. Canon non solo è stata all avanguardia nella tecnologia delle cartucce, ma è stata una delle prime società a comprendere le proprie responsabilità nei confronti dell ambiente. Nel 1990, prima nel mondo, Canon ha iniziato il programma di riciclaggio delle cartucce. Il riciclaggio inizia con te Ogni nuova cartuccia di toner è accompagnata da istruzioni che spiegano chiaramente come restituire quella esaurita. Il processo è veramente semplice. Il servizio è disponibile in 11 paesi europei, purtroppo in Italia questo non è possibile. La legislazione in vigore non lo consente. Ma è opportuno sapere che in molti paesi europei questo è possibile, infatti, il programma di riciclaggio inizia non appena la cartuccia esausta è estratta dalla stampante. È sufficiente inserire la cartuccia usata nella confezione di quella nuova e sigillarla, quindi scaricare da un sito internet dedicato le etichette per la restituzione prepagata, e applicarle sulla scatola prima di spedirla. Canon paga la spedizione all'impianto di riciclaggio più vicino. In Italia, per gli uffici che hanno grandi quantitativi di cartucce usate, Canon ha creato i Programmi I.P.E.R.. Per saperne di più consulta il nostro sito nell area Ambiente, Programmi I.P.E.R.. Riciclaggio cartucce Canon: intelligente, pulito, migliore Il riciclaggio delle cartucce Canon è un programma nel quale ogni componente della cartuccia usata è riutilizzato o riciclato. Le parti meccaniche sono pulite e ne viene analizzata attentamente la qualità, per garantire l adattabilità al riutilizzo. Le componenti non adatte sono impiegate come materiale di base in altri settori industriali, ad esempio per la produzione delle tegole dei tetti. Per ogni cartuccia raccolta, Canon paga un contributo al programma Freshwater del WWF. Componenti riutilizzate, come nuove Una volta che le cartucce raggiungono la sede di riciclaggio, prima di essere smontate sono raggruppate in base al modello. È a questo punto che le parti che possono essere riutilizzate sono pulite e recuperate. Dopo la pulizia, le parti riutilizzabili sono sottoposte ad un attento controllo che si basa sugli stessi standard qualitativi applicati alle parti nuove. Quelle utilizzate per la nuova cartuccia sono il cilindro di caricamento, il manicotto e il cilindro magnetico. Le cartucce contenenti gli elementi riciclati sono della medesima qualità di quelle nuove: per questo motivo tutte le cartucce sono accompagnate da un messaggio che spiega ai consumatori che la cartuccia potrebbe contenere parti rigenerate e rispettose dell ambiente. Grazie al rispetto degli standard qualitativi, è impossibile capire quando una cartuccia è stata riciclata o è nuova. Riciclate, non riempite nuovamente Canon condivide la politica che non prevede nessuno scarto di lavorazione. Ogni elemento della cartuccia restituita viene riutilizzato: diventa il componente di una nuova cartuccia, il materiale base per altre industrie o un sostituto dei combustibili fossili. Nessuna parte della cartuccia finisce in pattumiera. Il riciclaggio garantisce che le cartucce non sono né riempite, né rifabbricate. Le cartucce riempite o rifabbricate utilizzano parti danneggiate e vicine alla fine del loro ciclo vitale. Potrebbero causare malfunzionamenti, generare un numero inferiore di pagine e non garantire l alta qualità di stampa. Grazie al riciclaggio delle cartucce, Canon ne salvaguarda la qualità e protegge l ambiente. Dato che Canon è il produttore delle cartucce, la società stessa conosce alla perfezione come trattare i materiali di cui sono composte. Quelle riciclate sono sottoposte a controlli rigorosi che garantiscono un ottimo funzionamento. Toner residuo Usato come materia prima per toner Parti dell'involucro Triturato e usato come materiale per cartucce Toner di scarto Convertito in olio e cemento Fatti e numeri Alla fine del 2008, Canon aveva raccolto più di tonnellate di cartucce. Nord Centro Sud I.P.E.R. I.P.E.R. A.C.T.I.V.A. N. Ecobox Peso (Kg) N. Ecobox Peso (Kg) N. Ecobox 98 Peso (Kg) 1159 Per ogni cartucce usate che noi ricicliamo, risparmiamo chilogrammi di alluminio e 40 tonnellate di plastica (equivalente a litri di olio). Il gas a base di carbonio è considerato la causa principale del riscaldamento del pianeta. Il programma di riciclaggio delle cartucce Canon contribuisce alla diminuzione delle emissioni di CO 2, alla conservazione delle cartucce e alla riduzione degli sprechi. I sistemi di protezione dell ambiente Canon si sono guadagnati accreditamenti ufficiali, tra cui la certificazione ISO, per oltre 40 stabilimenti di produzione sparsi in tutto il mondo. Grazie alla raccolta delle cartucce, Canon contribuisce al Freshwater Programme del WWF. Rullo magnetico Riutilizzato Rullo di carica Riutilizzato Cilindro tamburo Materiale riciclabile Lama C Ripristino energia 22 23

13 Foto: Elena Vai I consumi energetici di Canon Italia sono determinati dalle tre principali attività aziendali: Gestione infrastrutture Attività di business (back office e vendite) Attività di assistenza tecnica Lo schema seguente mostra come l applicazione di un sistema di Gestione Ambientale influisca sul miglioramento delle performance ambientali: le emissioni di CO 2 dal 2005 al 2008 sono state abbattute dell 11%. In Canon Italia l ente responsabile dell implementazione e del mantenimento del Sistema di Gestione Ambientale è l Ufficio Qualità, Sicurezza, Ambiente. I nostri esperti, dopo aver analizzato gli aspetti ambientali significativi derivanti dalle attività aziendali, promuovono strategie ambientali applicabili a livello nazionale al fine di raggiungere gli obiettivi a medio termine fissati dagli organi competenti di Canon Europa. Dato che il principale obiettivo ambientale del Gruppo Canon nel mondo è quello di ridurre le emissioni di biossido di carbonio, anche in Europa viene posta particolare attenzione al bilancio energetico ed alla valutazione delle principali fonti di emissione di CO 2. Nel corso del 2008 le emissioni di anidride carbonica si sono attestate sul valore dell anno precedente. Questo risultato è da ritenersi positivo, considerando che è stato riscontrato un aumento nel consumo di gasolio per le autovetture, dovuto all incremento dell organico commerciale ed al rafforzamento delle attività legate alle vendite dirette. Risparmio delle risorse Oltre agli obiettivi di riduzione del consumo energetico, Canon Italia si impegna in attività volte al risparmio delle risorse. Ne è testimonianza il crescente impegno nella differenziazione dei rifiuti prodotti nelle cinque sedi italiane, nonché l implementazione dei servizi I.P.E.R. offerti ai clienti per la gestione ecologica dei materiali di scarto provenienti dalle attività d ufficio. Il grafico riportato qui a lato mostra le tipologie di rifiuti gestiti in maniera differenziata nel corso del San Donato Milanese risulta la sede che produce il maggior quantitativo di rifiuti. Il dato non deve stupire, considerando che questi uffici occupano complessivamente m 2, all interno dei quali si svolgono le principali attività amministrative e commerciali di tutta Canon Italia. Apparentemente la sede di Catania non ha gestito alcun rifiuto in maniera differenziata, nel corso del Le ragioni di tale anomalia sono da ricercarsi nella tipologia di attività svolta presso la sede, nel posizionamento degli uffici e nelle relative dimensioni. In primo luogo la sede occupa 14 dipendenti, la maggior parte dei quali è costituita da tecnici che lavorano direttamente presso il Cliente, quindi l attività di back office viene svolta da un numero limitato di persone; inoltre, gli uffici si trovano all interno di un comprensorio che, per il ritiro dei rifiuti, viene servito direttamente dall azienda municipale. Le frazioni differenziate provenienti dagli uffici di Catania (carta, plastica e vetro) vengono, quindi, conferite anch esse alla municipalizzata, ma attualmente non è possibile tenere traccia delle quantità. L ingente quantità di rifiuti prodotti nella sede di Peschiera Borromeo è invece dovuta all attività di assistenza tecnica che si svolge all interno dei laboratori. Gran parte dei rifiuti avviati a riciclo e smaltimento è infatti costituita da apparecchiature fuori uso e da parti di ricambio non riparabili. Descrizione Kg Carta e cartone Apparecchiature fuori uso contenenti sostanze pericolose Imballaggi in carta e cartone Componenti rimosse da apparecchiature fuori uso Toner per stampa esauriti Imballaggi in legno Imballaggi in plastica Assorbenti, materiali filtranti non contenenti sostanze pericolose 890 Imballaggi in materiali misti 840 Imballaggi in vetro 443 Apparecchiature fuori uso contenenti sostanze pericolose 235 Imballaggi metallici 143 Batterie ed accumulatori 35 Totale Gestione differenziata dei rifiuti Rifiuti indifferenziati Rifiuti differenziati 120% 120% Bilancio energetico ed emissioni CO % 80% 60% 40% 20% 0% Gli sforzi tesi ad incrementare la differenziazione dei rifiuti ed il conseguente impegno a promuoverne la riciclabilità, hanno portato, nel corso degli ultimi anni, ad una continua crescita delle frazioni gestite in forma differenziata all interno degli uffici e dei % 80% 60% 40% 20% 80% 0% 88% 72% 61% 100% 39% 28% 20% 12% 0% S. Donato M.se Peschiera B. Cologno M. Roma Catania laboratori, nonché all aumento del rapporto tra i rifiuti differenziati e la produzione totale. Tale rapporto è incrementato, dal 2005 ad oggi, del 10%, attestandosi alla fine del 2008 all 80%. La tabella riportata qui sopra mostra la percentuale di rifiuti gestiti in forma differenziata rispetto al totale dei rifiuti prodotti nel corso del Il dato è rappresentato suddiviso per sede. 25

14 Obiettivi e risultati ricavati dall'analisi dell'impatto ambientale nelle aree di attività Infrastrutture Business Service Obiettivi % CO 2 / Netsales -10% Consumo di carta per dipendente Competizione per almeno un premio ambientale di rilevanza europea Partecipazione ad attività o progetti ambientali insieme alla comunità locale Formazione del personale sugli aspetti ambientali rilevanti di Canon Europa Implementazione del programma di raccolta RAEE Implementazione di una politica di Green Procurement -5% Consumo di elettricità -2% Consumo di metano -3% Consumo di carta per dipendente Installazione sistema di teleriscaldamento in almeno una sede -5% Consumo di carburante per autovetture Sostituzione progressiva del parco auto con veicoli ecologici Aumento dell'utilizzo di teleconferenze Sensibilizzazione del personale sulle principali tematiche ambientali -5% Consumo di carburante per autovetture Sostituzione progressiva del parco auto con veicoli ecologici Sensibilizzazione del personale sulle principali tematiche ambientali Elettricità KWh Foto: Antonella Di Vincenzo Input 2005 Riscaldamento (metano) Nm 3 Riscaldamento (gasolio) l Autovetture a gasolio Voli aerei l Km Autovetture a gasolio l Carta Kg Output 2005 CO 2 682,94 t CO ,95 t CO 2 220,62 t Output 2008 CO 2 566,87 t CO ,55 t CO 2 240,03 t Quantità di CO 2 (t) Elettricità Riscaldamento Aerei Automobili

15 Ufficio Qualità, Sicurezza, Ambiente Foto: Federico Gasparotti Data la sensibilità che Canon Italia ha nei confronti delle tematiche ambientali, al suo interno è presente un apposito ufficio la cui mission è dedicata al costante miglioramento delle performance ambientali. Il presidio del sistema di gestione ambientale e il continuo impegno in ambito sociale sono elementi fondanti dell Ufficio Qualità, Sicurezza, Ambiente che, anche grazie a una comunicazione efficace nell ambito dei progetti e delle iniziative, promuove verso tutti gli stakeholders una sempre maggior sensibilità ambientale. L ufficio QSA, oltre a essere sinonimo d impegno ambientale, riveste un ruolo fondamentale nel costante monitoraggio dei parametri d efficienza aziendali: tramite il presidio del sistema di gestione per la qualità ed una continua presenza sui fornitori, assicura che la soddisfazione del cliente sia elemento fondante delle attività di Canon Italia. Ambiente e Qualità sono elementi chiave per lo sviluppo di Canon Italia, ma senza dimenticare mai l attenzione verso l individuo; a tale scopo l ufficio QSA integra al suo interno tutte le attività collegate alla sicurezza dei lavoratori. Occupandosi anche di sicurezza dei prodotti, l Ufficio QSA costituisce l ente che all interno di Canon e verso il Cliente fornisce tutte le informazioni relative alla conformità dei prodotti rispetto alle normative vigenti. Dichiarazioni di conformità CE Si tratta di documenti che contengono informazioni relative alla conformità dei prodotti Canon, con i requisiti essenzialmente previsti dalle norme internazionali di riferimento. Il possesso di tali requisiti consente la marcatura CE. Schede di sicurezza dei prodotti Le schede di sicurezza contengono informazioni relative alle sostanze contenute all'interno del prodotto e ad eventuali classificazioni di pericolosità. Esse si riferiscono ai soli materiali di consumo, consumabili e parti di ricambio commercializzate da Canon. Le leggi in vigore prevedono che queste schede siano in lingua italiana solo nel caso in cui le informazioni si riferiscano a materiali pericolosi, ma per fornire una maggiore chiarezza al cliente Canon ha comunque tradotto la maggior parte delle schede disponibili in italiano. Dichiarazioni di conformità RoHS La Direttiva 2002/95/CE ( Restriction of the use of certain Hazardous Substances in electrical and electronic equipment - RoHS), recepita in Italia con il Decreto n. 151 del 2005, prevede la limitazione dell uso di determinate sostanze pericolose nelle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. A partire dal 1 luglio 2006, è vietato immettere sul mercato apparecchiature elettriche ed elettroniche nuove contenenti piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente, bifenili polibromurati (pbb) o etere di difenile polibromurato (pbde). Già a partire dal 1997, Canon studia e gestisce le sostanze nei propri prodotti che hanno un impatto sull ambiente, con lo scopo di eliminare le sostanze pericolose. Canon è stata una delle prime aziende a conformarsi alla direttiva RoHS. Nella primavera del 2004, Canon è diventata la prima azienda del settore a commercializzare prodotti conformi alla direttiva. Canon Italia Oltre alle informazioni sui prodotti citati sopra, l Ufficio QSA provvede a rilasciare, su richiesta, informazioni riguardanti lo smaltimento ed il recupero dei prodotti RAEE, la raccolta e il riciclaggio di batterie e accumulatori ai sensi del decreto legislativo 188/08 e le caratteristiche ecologiche dei prodotti (attraverso le ecodeclaration). Per ottenere la risposta in tempi rapidi, a seconda delle caratteristiche del documento richiesto, è possibile effettuare la richiesta online oppure contattare direttamente l Ufficio QSA all indirizzo Ambiente, Qualità e Sicurezza sono i tre fondamenti su cui Canon Italia costruisce un impegno verso la sostenibilità nei confronti del mercato del Cliente e della società. Le Eco Declaration sono autodichiarazioni volontarie sulle caratteristiche ambientali di un prodotto. Soddisfano la richiesta sempre crescente da parte del cliente di avere informazioni ambientali standard e comparabili sui diversi prodotti. Contenuti Profilo ambientale dell'azienda Sistemi di gestione e certificazioni (ISO 14001, EMAS...) Politiche ambientali Schemi di raccolta e riciclo (prodotti, imballaggi...) Caratteristiche ambientali del prodotto Emissioni Consumi elettrici Rumorosità Utilizzo di sostanze pericolose Imballi Ergonomia Design (facilità di disassemblaggio) 28 29

16 Risultati della gestione ambientale 2008 Obiettivi ambientali 2009 Obiettivo Traguardo Risultato Successo Obiettivo Traguardo Prevenzione riscaldamento globale Conservazione delle risorse Aumento del rapporto net sales/emissioni CO 2 al 12% nel periodo Riduzione consumo carta per dipendente del 10% nel periodo % +13% ( 5% rispetto al 2007) Ampliamento della strategia di Green Procurement Almeno l'80% dei fornitori europei selezionati coinvolti nel progetto di Green Procurement Collaborazione tra Procurement e QSA per supportare e implementare il processo europeo a livello locale Garantire un'adeguata divulgazione delle informazioni relative all'implementazione del Regolamento REACH, come da linee guida europee Miglioramento nell'informazione e comunicazione ambientale Creare e mantenere aggiornate pagine web a contenuto ambientale che siano facilmente raggiungibili Pubblicazione Rapporto sull'ambiente 2008 Acquisto responsabile della carta Standard e criteri ambientali applicati ai fornitori di carta e materiale cartaceo (brochure, cataloghi, ). Attuare e comunicare a livello locale le linee guida europee Ridurre del 2% le emissioni di CO 2 rispetto al 2008 Promuovere la condivisione delle informazioni di carattere ambientale sia fra i dipendenti, sia fra i clienti Canon Proseguire nelle strategie mirate alla riduzione delle emissioni di CO 2 Introduzione di corsi di guida ecologica e sicura Impiego di energia verde in tutte le sedi di Canon Italia Attività Ambientali Partecipare ad almeno un progetto o attività locale a carattere ambientale. Organizzare almeno 3 attività esterne correlate a comunicazione ambientale locale, contributo sociale, attività mirate a ridurre l'impatto ambientale (alle quali possono participare tutti i dipendenti) Canon Pit Stop Meeting in area protetta WWF Concorso interno "Uno scatto per l'ambiente" - Le fotografie dei vincitori sono state pubblicate nel Rapporto sull'ambiente Canon Italia 2008 Parziale Riduzione dei rifiuti e aumento della quantità di materiale riciclato / riutilizzato Attività di comunicazione/sensibilizzazione Attuazione della Car Policy europea Riduzione consumo carta per dipendente del 3% rispetto al 2008 Contribuire al progetto europeo "Project 31" mirato all'ottimizzazione dei processi di gestione rifiuti, riciclo, riutilizzo Awards Green Procurement Partecipare a concorsi di carattere ambientale Implementare procedure di Green procurement: sostanze chimiche e acquisto responsabile della carta Premio "Innovazione amica dell'ambiente" Premio "Progetti sostenibili e Green Public Procurement" Miglioramento nell'informazione e comunicazione ambientale Pubblicazione del Rapporto sull'ambiente di Canon Italia, ed Traduzione/divulgazione del "Sustainability Report" versione europea Organizzare almeno 6 progetti o attività sociali a carattere ambientale (attività esterne correlate a comunicazione ambientale locale, contributo sociale, attività mirate a ridurre l'impatto ambientale alle quali possono participare tutti i dipendenti,...) Foto: Mariano Spagnoli 30 31

17 Foto: Mauro Passarella Bioplastica La plastica, che contiene oltre il 25% (in peso) di polimeri provenienti da materie prime vegetali, sarà utilizzata per produrre i componenti in plastica esterni delle macchine da ufficio multifunzionali Canon introdotte sul mercato nel corso del Rispetto alle plastiche convenzionali basate sul petrolio, si prevede che Ecodear ridurrà le emissioni di CO 2 di circa il 20% durante il processo produttivo. Sebbene le plastiche derivate da risorse vegetali abbiano proprietà che riducono efficacemente l impronta ambientale, finora non hanno dato le stesse prestazioni delle plastiche convenzionali basate sul petrolio in caratteristiche quali la ritardabilità della fiamma, la resistenza termica e la lavorazione mediante stampaggio. Ecodear è la prima bioplastica al mondo a essere utilizzata in macchine da ufficio multifunzionali. Costruzione Decomposizione Prodotti Sintesi plastica Conversione delle materie prime vegetali Fotosintesi Natura Ricarica elettrica priva di ozono Ricaricatore a fili Ricaricatore a rullo Fili corona Tamburo fotosensibile Tamburo fotosensibile Rullo I prodotti elettrofotografici, quali stampanti laser e multifunzioni, producono le immagini caricando di corrente elettrostatica un tamburo fotosensibile. I fili corona, deputati alla scarica del tamburo, utilizzano dei voltaggi che possono andare dai 5 ai 10 kv, che possono generare odori sgradevoli ed anche effetti indesiderati sulla pelle; questo perché producono ozono. Generalmente, per eliminare questi effetti, occorre un filtro con anche un sistema di ventilazione forzata che convogli verso di esso il gas generato dalle scintille del filo corona. Canon ha scelto una via innovativa per far fronte a questi problemi. La carica del tamburo avviene tramite la sovrapposizione di due correnti elettriche: una continua e l altra alternata, attraverso un rullo dalle proprietà conduttive. Facendo una comparazione con il filo corona tradizionale, la produzione di ozono viene ridotta di mille volte, o anche più: anche perché i livelli di carica e scarica si portano ad 1/5 rispetto ai metodi tradizionali. Tecnologie per il riciclaggio della plastica Tecnologia & Innovazione Sin dal 1990 Canon utilizza diverse tipologie di plastica riciclata nella fabbricazione delle parti funzionali interne ed esterne dei propri prodotti. Il modello a sandwich, che prevede l inserimento di uno strato di materiali riciclati tra due strati di plastica vergine, rende possibile la creazione di parti contenenti fino al 30% di plastica riciclata. Con l obiettivo di aumentare la percentuale di materiale riciclato fino all 80%, Canon si è orientata verso tecnologie mirate a rendere sempre più sottile lo strato di plastica vergine. Materiale vergine Materiale riciclato 32 33

18 Riduzione del residuo di molatura lenti Prodotti Il residuo di molatura è un'inevitabile sottoprodotto del processo di fabbricazione delle lenti che si genera durante le attività di lisciatura della superficie delle lenti stesse. Tale residuo costituisce un rifiuto industriale che va ridotto il più possibile. Già dal 1996, Canon collabora con un produttore di vetro per ottica, con lo scopo di ridurre la quantità di residui di molatura. Tali sforzi hanno portato allo sviluppo di un metodo di produzione che riduce i residui di molatura tra Nelle copiatrici e nelle stampanti laser il toner viene fissato sulla carta grazie a calore e pressione. Con il metodo tradizionale di fissaggio, il cilindro deve essere mantenuto sempre caldo, anche quando l'apparecchiatura è in stand-by. La tecnologia Canon On-Demand SURF (Surface Rapid Fixing) utilizza un riscaldatore lineare in ceramica e una pellicola di fissaggio ad alta conduttività termica e a bassa capacità termica. Il riscaldatore si attiva solo quando la pellicola di fissaggio ruota, trasferendo il calore, attraverso la pellicola, per fissare l'immagine. Ciò rende possibile un tempo di riscaldamento ridottissimo che risulta in una drastica diminuzione dei consumi energetici: il 75% in meno rispetto ai tradizionali metodi di fissaggio. Canon ha inoltre sviluppato un metodo di fusione On-Demand per le proprie stampanti e copiatrici a colori, sostituendo il materiale utilizzato per lo strato di base della pellicola di fissaggio: passando da una resina resistente al calore a una sottile pellicola metallica. L'unità di fissaggio è composta da tre strati anziché due come in passato: si è aggiunto uno strato di gomma tra quello di superficie e la base. Lo strato di gomma, più soffice, contribuisce ad un miglioramento nel processo di fissaggio dei il 50% e l'80% rispetto ai sistemi tradizionali. Canon, a seguito di analisi approfondite, ha proposto una forma di lente che riducesse al minimo la porzione di vetro da molare ed ha elaborato tecniche di molatura ad altissima precisione. Il produttore, dal canto suo, ha sviluppato una tecnica di pressatura del vetro ad alta precisione che ha portato, anche in questo caso, a diminuire la porzione di vetro soggetta a molatura. Imballaggio "airshell" per le cartucce toner Cartuccia di toner Cuscinetti d'aria Maggiore efficienza del packaging grazie alla distanza dei cuscinetti d'aria migliorata Apertura Per il trasporto delle cartucce toner, Canon utilizza un materiale da imballaggio denominato "airshell", che impiega cuscinetti d'aria per migliorare la protezione dei prodotti. L'utilizzo di tale materiale ha permesso di ridurre del 30% le dimensioni degli imballi. Ciò ha significato anche un notevole miglioramento nell'efficienza di carico, che ha portato a una riduzione tra il 23% e il 49% Tecnologia di fissaggio On-Demand toner garantendo così una distribuzione del calore più uniforme per produrre immagini di alta qualità dai colori compatti. Fissaggio a cilindro Riscaldatore Fissaggio On-Demand Riscaldatore in ceramica Cilindro di fissaggio Carta Toner Cilindro di pressione Pellicola di fissaggio Carta Toner Cilindro di pressione Lenti convenzionali Lenti con l'80% in meno di superficie da levigare nelle emissioni di CO 2 durante il trasporto rispetto al passato. Nel 2004 "airshell" ha vinto diversi premi, incluso il WorldStar Packaging Award, premio internazionale sui materiali da imballaggio. PowerShot G10 Produzione Corpo macchina più leggero, grazie alle ridotte dimensioni delle batterie (minore utilizzo di materie prime) Imballi notevolmente ridotti (-35% del volume, +23% in leggerezza) Eliminazione delle sostanze pericolose, conformemente al decreto RoHS Utilizzo Foto di alta qualità grazie al processore Digic 4 Utilizzo di nuove tecnologie per una maggiore silenziosità del motore Monitor LCD più ampio per una migliore visibilità delle immagini Riciclo Agevolato il riciclo e il re-impiego di componenti e materiali, conformemente al decreto RAEE Pixma MX330 Produzione Design compatto per ridurre peso e dimensioni del prodotto (minore utilizzo di materie prime) Eliminazione delle sostanze pericolose, conformemente al decreto RoHS Utilizzo La tecnologia on-demand consente un notevole risparmio energetico Ridotto consumo di carta grazie all'impostazione fronte-retro automatica Riciclo Alloggiamento dell'alimentatore in plastica riciclata Agevolato il riciclo e il re-impiego di componenti e materiali, conformemente al decreto RAEE ir C2380i Produzione Design compatto: prodotto più leggero e di dimensioni ridotte (largo solo 565 mm e più leggero dell'8% circa rispetto al modello precedente) Utilizzo di tecnologie alternative per l'eliminazione delle sostanze pericolose, conformemente al decreto RoHS Utilizzo La tecnologia di fissaggio on-demand riduce i consumi energetici di circa l'80% rispetto al metodo di fissaggio tradizionale a cilindro L'esclusiva tecnologia di caricamento del cilindro garantisce che le emissioni di ozono siano pari a zero Riciclo Rivestimento esterno in plastica riciclata proveniente dai prodotti obsoleti oggetto di raccolta separata Agevolato il riciclo e il re-impiego di componenti e materiali, conformemente al decreto RAEE 34 35

19 Foto: Luca Bracali Testimonianze Sul ghiaccio con Canon Uso Canon da sempre. La scelta iniziale fu istintiva, di pelle; poi suffragata dagli eventi che ho avuto l opportunità di affrontare, nel tempo: le corse, i viaggi, la natura equatoriale, il ghiaccio artico e antartico. Anche la tecnologia ha fatto la sua parte, perché, durante la mia carriera, non è mai venuta meno la consapevolezza di maneggiare lo strumento più attuale : anche in relazione alle attese che mi ponevo. Fare fotografia significa praticare una disciplina, che però possiede una componente forte legata allo strumento: la stessa che alle volte si traduce in tranquillità, di fronte ad un uso massiccio, o addirittura in orgoglio, quando continui a scattare dopo giorni a -40 o più. Oggi il mio percorso personale mi porta ad affrontare il ghiaccio da un punto di vista estetico, ma soprattutto scientifico. Nelle varie spedizioni ho potuto collaborare con Victor Boyarsky, titolare di Vicaar (Victory in Arctic and Antarctic Research) ed assieme a Sergey Poliakov e Andrey Bezgreshnov, glaciologi e ricercatori presso Arctic and Antarctic Research Institute di San Pietroburgo. Loro mi hanno detto che la calotta polare è ricoperta da un buon 30% di ice-ridge (creste di ghiaccio, accumuli di ghiaccio) che, rispetto al pack più compatto, assorbono un 10% in più della radiazione solare. Da qui l incremento dello scioglimento dei ghiacci, con il picco raggiunto nell agosto del 2007: quando la calotta polare ne era priva per quasi la metà della superficie. La storia dell uomo forse è a una svolta, che dovrà obbligatoriamente tener conto di comportamenti ed ideali da rinnovare. Questo vuol dire anche una nuova coscienza di sé, soprattutto nei confronti del pianeta. Quando vedo le tracce dei miei sci, provo quasi un senso di colpa. Sapere che le mie apparecchiature fotografiche nascono da un ciclo produttivo a basso impatto fa vivere in me una consapevolezza in più: chiamata coerenza. Prenderne atto, nelle lunghe notti artiche, non è cosa da poco. Luca Bracali Fotografo 36 37

20 Riscoprire Canon, ogni giorno La mia vita lavorativa (e imprenditoriale) nasce con Canon. Dopo la laurea, l economia locale, ma anche le aspirazioni personali, non mi consentivano alternative se non il più classico dei mettersi in proprio. Canon l ho scelta quasi per istinto, così mi sono trovato a conoscerla giorno per giorno: negli anni. Col tempo, ne ho apprezzato la tecnologia, la qualità dei prodotti, la tendenza all innovazione e alla ricerca: così mi sono trovato a crescere con lei, perché con i vari cambiamenti giungevano anche indicazioni forti, strategiche e strutturali. Oggi vivo un azienda di 40 persone, in una regione (la Sardegna) che proprio perché isola esalta i temi ambientali, esigendone, di contro, risposte concrete. Che Canon fosse attenta all ambiente è cosa nota da tempo; è invece una novità come il Cliente (in particolare la PA) sia diventato maggiormente sensibile alla salute del pianeta, ma anche quella della propria comunità (nel mio caso, l ufficio). Il green dei prodotti si è trasformato in un fattore competitivo e, di certo, in una via di dialogo: perché se ne parla e occorre farlo. Da parte mia, tanta consapevolezza: che si aggiunge alla stima per il brand e all orgoglio di esserne parte. Dopo 30 di vita con Canon, poi, un motivo in più per gratificarsi di una scelta. Forse nulla viene per caso. La Faticoni S.p.A. è un'azienda con oltre 40 professionisti, presente sul territorio regionale con sue sedi, una a Cagliari e l altra a Sassari. Da oltre trent anni soddisfa le esigenze ICT del privato e della pubblica amministrazione, con il risultato di essere un azienda consolidata nel settore, che è stata in grado di applicare le conoscenze e le competenze dei propri professionisti in diversi settori di mercato ed è per questo che la porta ad avere un atteggiamento di first mover verso l adozione e la promozione di nuove tecnologie per tutte le esigenze del mercato ICT. Faticoni è specializzata nella consulenza informatica e nelle soluzioni su misura per la Pubblica Amministrazione, Piccola media Impresa (PMI) e professionisti. E proprio nel concetto di soluzione che sta la filosofia della Faticoni: impiegare un team di esperti in grado di risolvere qualsiasi esigenza di natura informatica e office, e farlo in maniera corretta utilizzando le strategie migliori, senza lasciare mai nulla al caso. Faticoni ha la sede centrale a Cagliari, dove sono il management dell azienda, la direzione commerciale e quella tecnica, e i servizi di supporto pre e post-vendita, e una filiale a Sassari, con ufficio commerciale, laboratorio di assistenza tecnica dotato di segreteria per la gestione delle chiamate e magazzino ricambi, e servizio di help desk telefonico. Entrambe le sedi che sono collegate tra loro con una connessione a banda larga, che permette una comunicazione in tempo reale dispongono di aree attrezzate per la dimostrazione dei prodotti e di sale per i corsi di formazione. L azienda è strutturata in quattro business unit: Office, che rappresenta il nucleo storico e ha come punto di riferimento Canon; Informatica, che opera da anni nel mondo dell information technology e ha come punto di riferimento HP; CAD, una struttura unica in Sardegna per competenze e specializzazione, che ha come punto di riferimento Autodesk; e Soluzioni ICT, la divisione più giovane dell azienda, che ha il compito di sviluppare i progetti di innovazione e dispone al suo interno di significative competenze nell area delle infrastrutture e dello sviluppo software. Faticoni ha un organico di 45 dipendenti e numerosi consulenti per i progetti più complessi. Roberto Faticoni CEO Faticoni S.p.A. 38 Foto: Antonello Cuccuru 39

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Dott. Marco Ottaviani Coordinatore Area Ambiente ANIE-CSI Convegno Mercoledì 6 maggio 2009 Palazzo delle Stelline, Milano, C.so Magenta

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano Area Comunicazione R.A.E.E cosa SONO come SI RAccOLgONO cosa diventano I R.A.E.E. QUALI SONO? I R.A.E.E. sono apparecchiature non funzionanti o di cui ci si vuole disfare, alimentate elettricamente o con

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA DOMANDA Il COMPOST Le batterie auto al piombo Dividere correttamente i rifiuti è importante Lo smaltimento ideale degli olii vegetali per cottura di alimenti avviene tramite Indumenti usati e accessori

Dettagli

CERTIFICAZIONE ROHS. aggiunta nella sezione tipi di certificazione

CERTIFICAZIONE ROHS. aggiunta nella sezione tipi di certificazione LaCertificazione CERTIFICAZIONE ROHS aggiunta nella sezione tipi di certificazione In un contesto dove l'evoluzione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche presenta una crescita esponenziale,

Dettagli

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE a. Finalità e ambito dell intervento Questo primo studio è volto alla ricerca e all analisi di dati sulle emissioni di CO2 relative agli eventi musicali nel loro complesso

Dettagli

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO?

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? Le cause dell inquinamento del suolo Il suolo viene inquinato a causa di vari tipi di rifiuti: quelli solidi, liquidi e gassosi. I rifiuti solidi possono essere

Dettagli

Riciclo e recupero dell alluminio

Riciclo e recupero dell alluminio Capitolo 13 Riciclo e recupero dell alluminio 13.1. Alluminio e sviluppo sostenibile È sviluppo sostenibile quello in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la capacità

Dettagli

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti.

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Servizi Ambientali per Banche ed Imprese Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Forum Green Economy 2014 Roma 4/5 giugno 2014 relatore: Moreno Lolli coordinamento: Elena Mazzoni Un po di storia 1997

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE

ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE D. Lgs. 49/2014 ATTUAZIONE DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RAEE Torino, 14 aprile 2014 GIANLUCA CENCIA Direttore Federambiente RECEPIMENTO DIRETTIVA EUROPEA SUI RAEE D. Lgs. 14 marzo 2014, n. 49 Attuazione della

Dettagli

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GREEN PUBLIC PROCUREMENT Il Green Public Procurement (GPP) o Acquisti Verdi è una modalità di acquisto, da parte delle pubbliche amministrazioni locali e nazionali,

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED ACQUISTI VERDI L Agenzia nello svolgimento delle proprie attività istituzionali concorre

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" Secondo il WBCSD (World Business Council for Sustainable Development),

Dettagli

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà COpertina Esempio:Layout 1 30-04-2009 13:04 Pagina 1 La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà Bastioni di Porta Volta, 7 20121 Milano Tel.: 02/29003018 Fax: 02/29003396 Viale Pasteur, 10 00144 Roma Tel.: 06/5919131

Dettagli

Risposte chiare alla normativa sulle batterie con Johnson Controls ed ecosteps!

Risposte chiare alla normativa sulle batterie con Johnson Controls ed ecosteps! Risposte chiare alla normativa sulle batterie con Johnson Controls ed! Affidatevi a Johnson Controls ed. Ci assumiamo la piena responsabilità dei nostri prodotti, dalla corretta etichettatura a un riciclaggio

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business).

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business). 1/8 1. PRESENTAZIONE A TLC S.r.l. sviluppa, produce e commercializza apparati per le telecomunicazioni, tra cui: terminazioni di rete ISDN; dispositivi di accesso alle reti xdsl; strumenti di misura per

Dettagli

Commento al nuovo decreto RAEE

Commento al nuovo decreto RAEE Commento al nuovo decreto RAEE prof. Stefano Maglia La crescita esponenziale dei consumi di apparecchiature elettriche ed elettroniche degli ultimi anni e la sempre più rapida obsolescenza di questo genere

Dettagli

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Servizio Appalti e Contenzioso U.O. APPALTI, CONTRATTI E PROVVEDITORATO ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA La

Dettagli

Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma. Fabrizio Longoni

Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma. Fabrizio Longoni Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma Fabrizio Longoni Salerno, 10 aprile 2015 Inquadramento normativo e premesse Il d.lgs. 49 del 14 marzo 2014 recepisce

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

LA BANCA E L'AMBIENTE

LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE Abbiamo maturato negli anni una sempre maggiore sensibilità verso le tematiche ecologiche e verso la tutela dell ambiente, nonostante la nostra organizzazione

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT:

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT: La carta utilizzata per stampare elenchi proviene tra il 30% ed il 40% di fibre riciclate e la restante parte è carta ecologica certificata FSC; La materia prima è acquistata presso Cartiere che adottano

Dettagli

Il Programma Planet Partners e i materiali di consumo originali HP: la scelta che rispetta l ambiente Hewlett - Packard Italiana Marzo 2015

Il Programma Planet Partners e i materiali di consumo originali HP: la scelta che rispetta l ambiente Hewlett - Packard Italiana Marzo 2015 Il Programma Planet Partners e i materiali di consumo originali HP: la scelta che rispetta l ambiente Hewlett - Packard Italiana Marzo 2015 Copyright 2012 Hewlett-Packard Development Company, L.P. The

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Criteri dell'ue per i GPP in materia di apparecchiature per la riproduzione di immagini

Criteri dell'ue per i GPP in materia di apparecchiature per la riproduzione di immagini Criteri dell'ue per i GPP in materia di apparecchiature per la riproduzione di immagini Gli appalti pubblici "verdi" (public procurement, GPP) costituiscono uno strumento di carattere volontario. Il presente

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE EMOZIONI GREEN - Sintesi da Momenti Green - Mondi, Badia Campoleone 20 aprile 2010 1 giugno 2010 - pag. 1 ENVIROMENTAL = AMBIENTALE Per Impatto Ambientale si intende

Dettagli

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI ci prendiamo cura dell ambiente in cui viviamo e abbiamo i numeri per farlo GLI OBIETTIVI DI ECODOM Eccellenza ambientale, efficienza operativa ed economica sono i

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010]

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] www.ecocongress.it / info@ecocongress.it RESPONSABILE DELLA DIVISIONE SCIENTIFICA Dott. Flavio Scrucca scrucca@ecocongressi.it [VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] 2010 Relazione

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

Italog, Gruppo Alpha: Lead Logistics Provider. Innovation, High performances and Sustainability as key success factors

Italog, Gruppo Alpha: Lead Logistics Provider. Innovation, High performances and Sustainability as key success factors Genova, 30 Novembre 2007 LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e privato possono vincere insieme Italog, Gruppo Alpha: Lead Logistics Provider. Innovation, High performances and Sustainability as key success

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO

PROGETTO DI RIPRISTINO REGIONE TOSCANA PROVINCIA LIVORNO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA 7,17 MWp Strada Loc. Forni Comune di Suvereto VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A V.I.A. "PROGETTO DEFINITIVO" RETE RINNOVABILE S.R.L. Via

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Per un mondo più vivibile...

Per un mondo più vivibile... Le vostre abitudini possono portarvi ad ignorare un nuovo tipo di qualità ed efficienza. Non decidete senza prima avere visto MARVEL! Per un mondo più vivibile... Un saluto agii amici dell'ecologla lo

Dettagli

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005 Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni Milano, 28 giugno 2005 IL RUOLO DEI PRODUTTORI E LE PROBLEMATICHE ANCORA APERTE Dr.ssa Daniela Capaccioli Responsabile

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Eco-Design e RAEE: buone pratiche e prospettive. Workshop Eco-Design per Piccole e Medie Imprese del Settore Elettronico

Eco-Design e RAEE: buone pratiche e prospettive. Workshop Eco-Design per Piccole e Medie Imprese del Settore Elettronico Eco-Design e RAEE: buone pratiche e prospettive Workshop Eco-Design per Piccole e Medie Imprese del Settore Elettronico Milano, 18 maggio 2005 Amiat TBD: chi siamo Amiat TBD è una società del gruppo AMIAT

Dettagli

Il decreto legislativo di recepimento delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE. Rosanna Laraia SERVIZIO RIFIUTI

Il decreto legislativo di recepimento delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE. Rosanna Laraia SERVIZIO RIFIUTI Il decreto legislativo di recepimento delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE Rosanna Laraia Il Consiglio dei Ministri n. 14 del 22 luglio 2005 ha approvato il D.Lgs. di recepimento delle

Dettagli

PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE PROGETTO LIFE N. 538 PIRR PIATTAFORMA INTEGRATA PER IL RECUPERO DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE CRITERI INFORMATORI E OBIETTIVI DEL PROGETTO GABRIELE CANE AMMINISTRATORE DELEGATO

Dettagli

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti BIOSOST BIOSOST di Roberta Di Monte 12/10/2013 C'è un piacere nei boschi senza sentieri, c'è un'estasi sulla spiaggia desolata, c'è vita, laddove nessuno

Dettagli

La nuova Normativa sul riciclo dei RAEE.

La nuova Normativa sul riciclo dei RAEE. 2 I RAEE, Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. Frigoriferi e climatizzatori, piccoli e grandi elettrodomestici, televisori e computer, apparecchiature audio/foto/video e lampade a risparmio

Dettagli

Attrezzature informatiche: Criteri Chiave Procura + Versione Estesa

Attrezzature informatiche: Criteri Chiave Procura + Versione Estesa Attrezzature informatiche: Criteri Chiave Procura + Versione Estesa 1 INTRODUZIONE 1 2 CRITERI CHIAVE PROCURA + ATTREZZATURE INFORMATICHE 3 3 ULTERIORI SUGGERIMENTI 4 4 PRINCIPALI ETICHETTE PRODOTTO 8

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

La teoria Rifiuti Zero

La teoria Rifiuti Zero 1. La visione rifiuti zero: La fine dell era dello spreco Per tutto il XX secolo, i rifiuti sono stati considerati come il termine naturale della produzione industriale, lasciati alla gestione da parte

Dettagli

Eco-Recuperi è certificata UNI ISO 9001 qualità e UNI ISO 14001 ambiente.

Eco-Recuperi è certificata UNI ISO 9001 qualità e UNI ISO 14001 ambiente. Per realizzare questa brochure Eco-Recuperi ha adottato una stampa fronte retro, carta e cartoncini riciclati, cartucce rigenerate e un dorsino in carta per rilegarla. Questi accorgimenti hanno consentito

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

GREEN IT. Ancora soltanto un ipotesi o già una interessante mainstream? Marzo 2008. GREEN IT rel 1.2

GREEN IT. Ancora soltanto un ipotesi o già una interessante mainstream? Marzo 2008. GREEN IT rel 1.2 GREEN IT Ancora soltanto un ipotesi o già una interessante mainstream? Marzo 2008 GREEN IT rel 1.2 1 INDICE Visione di insieme I diversi aspetti del GREEN IT Cosa dicono gli IT Manager 7 buoni motivi per

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

Rifiuti & riciclaggio

Rifiuti & riciclaggio Rifiuti & riciclaggio Ridurre e riutilizzare i rifiuti e rendere gli imballaggi sempre più ecologici: ecco i principi di Migros. Nel 214 l impresa ha ampliato il proprio sistema di riciclaggio, si è impegnata

Dettagli

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI Fiorella Perrucci Centro Studi Area Prevenzione CONAI 7 ottobre 2014 Il Sistema CONAI, Consorzio

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

CONSUMABILI DI STAMPA

CONSUMABILI DI STAMPA CONSUMABILI DI STAMPA #2012 L AZIENDA 39 35 37.00-16 11 17.07 Fin dal 1995, Sanzo Srl, è un azienda leader nel settore della produzione di consumabili di stampa che fornisce servizi e soluzioni integrate

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 COM(2014) 750 final 2014/0359 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa all accettazione dell emendamento del protocollo del 1998 della convenzione del

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta:

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: SCHEDA DIDATTICA NOME: COGNOME: CLASSE: Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: 1) Secondo te è più pesante una bottiglia

Dettagli

RINFRESCHIAMOCI. senza riscaldare il pianeta. Campagna di informazione per la corretta gestione dei fluorocarburi. con il patrocinio di

RINFRESCHIAMOCI. senza riscaldare il pianeta. Campagna di informazione per la corretta gestione dei fluorocarburi. con il patrocinio di T E C H N O L O G I E S E U R O P E RINFRESCHIAMOCI senza riscaldare il pianeta Campagna di informazione per la corretta gestione dei fluorocarburi con il patrocinio di INTRODUZIONE I fluorocarburi fanno

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

La sempre maggior diffusione nelle nostre

La sempre maggior diffusione nelle nostre Il Decreto Legislativo 151 del 2005 sui RAEE: vincoli normativi, obiettivi e impegni futuri per la raccolta e il riciclo 58 RACCOLTA E TRATTAMENTO DELLE APPARECCHIATURE DI ILLUMINAZIONE di Luca Bernardi

Dettagli

Il treno, amico del clima

Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima IL TRENO PROTEGGE IL CLIMA Il treno è il mezzo di trasporto che più di tutti rispetta l ambiente e il clima. Produce basse quantità di gas serra, consente

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

Newsletter Marzo 2014

Newsletter Marzo 2014 Newsletter Marzo 2014 www.raeeincarcere.org NEWS DAI LABORATORI RAEEINCARCERE BOLOGNA Nel mese di dicembre è terminato il tirocinio formativo finanziato dal Progetto Acero per un detenuto uscito in semi-libertà

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

LE NORME CEN SUI REQUISITI ESSENZIALI DEGLI IMBALLAGGI

LE NORME CEN SUI REQUISITI ESSENZIALI DEGLI IMBALLAGGI Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica LE NORME CEN SUI REQUISITI ESSENZIALI DEGLI IMBALLAGGI SCOPO DI QUESTA PUBBLICAZIONE è quello di illustrare le caratteristiche

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

RoHS Cina AGGIORNAMENTO Marcia 2011. www.element14.com

RoHS Cina AGGIORNAMENTO Marcia 2011. www.element14.com RoHS Cina AGGIORNAMENTO Marcia 2011 Dichiarazione Restrizione Ambito Imballaggio Differenze dalla direttiva RoHS Europea Primo catalogo RoHS2 Cina 1 RoHS in Cina Misure per l'amministrazione del controllo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente Roberta Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde PROGETTO GREEN PUBLIC PROCUREMENT E CONSUMO RESPONSABILE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA WORKSHOP

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Scheda 5 «La gestione integrata dei rifiuti» LA SITUAZIONE ITALIANA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 5 «La gestione integrata dei rifiuti» LA SITUAZIONE ITALIANA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 5 «La gestione integrata dei rifiuti» GREEN JOBS Formazione e Orientamento La disciplina italiana della gestione dei rifiuti è oggi contenuta principalmente nel codice dell ambiente (Decreto Legislativo

Dettagli

Sapi informa. Standard di qualità: un fattore vincente AZIENDA

Sapi informa. Standard di qualità: un fattore vincente AZIENDA Standard di qualità: un fattore vincente AZIENDA La crisi economica mondiale ha toccato ormai tutti i settori commerciali cambiando di conseguenza anche le abitudini del consumatore. Questi cerca di spendere

Dettagli

COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO

COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO L alternativa all inceneritore è possibile. Sistema di trattamento meccanico e riciclo, con incentivazione della raccolta differenziata (separazione umido secco / separazione

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità. I Pilastri della sostenibilità: Ambiente Sicurezza Sviluppo ASSOCASA. FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010

Master La pulizia sostenibile come opportunità. I Pilastri della sostenibilità: Ambiente Sicurezza Sviluppo ASSOCASA. FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 I Pilastri della sostenibilità: Ambiente Sicurezza Sviluppo ASSOCASA Assocasa e la sostenibilità La sostenibilità è un approccio

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

ITINERA Venerdì 01 marzo 2013 ITINERA 2013. ForGreen Spa Viale del Lavoro, 33 37135 Verona forgreen.it

ITINERA Venerdì 01 marzo 2013 ITINERA 2013. ForGreen Spa Viale del Lavoro, 33 37135 Verona forgreen.it ITINERA Venerdì 01 marzo 2013 ITINERA 2013 ITINERA 2013 Energyland La filiera delle energie rinnovabili Programma Presentazione del progetto Itinera, Savoia Enrica Lo scenario energetico e il mercato,

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1005/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 settembre 2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono

REGOLAMENTO (CE) N. 1005/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 settembre 2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono 2009R1005 IT 08.09.2010 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1005/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

RIFIUTI OBIETTIVI INDICATORI. Analizzare l andamento della produzione di rifiuti e verificarne il disaccoppiamento con la crescita economica

RIFIUTI OBIETTIVI INDICATORI. Analizzare l andamento della produzione di rifiuti e verificarne il disaccoppiamento con la crescita economica OBIETTIVI Analizzare l andamento della produzione di rifiuti e verificarne il disaccoppiamento con la crescita economica Fornire un indicazione sull efficacia delle politiche di gestione dei rifiuti Misurare

Dettagli

la natura ringrazia con il GPL

la natura ringrazia con il GPL con il GPL la natura ringrazia Il è un combustibile a basso impatto ambientale con elevato potere energetico e calorifico. Tramite lo stoccaggio in bombola, oltre ai classici utilizzi per cucina e riscaldamento,

Dettagli

ADEMPIMENTIESCADENZE. a cura dimariofabrizio, avvocato in Roma DICEMBRE

ADEMPIMENTIESCADENZE. a cura dimariofabrizio, avvocato in Roma DICEMBRE a cura dimariofabrizio, avvocato in Roma ADEMPIMENTIESCADENZE 20 Denuncia periodica imballaggi mese precedente. Il 20 dicembre 2013 è l ultimo giorno per i produttori o utilizzatori di imballaggi iscritti

Dettagli

Assistenza informatica

Assistenza informatica Assistenza informatica Il servizio di assistenza tecnica informatica consiste nella risoluzione di problematiche tecniche, nella gestione e manutenzione delle reti aziendali, nella progettazione di soluzioni

Dettagli

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Alberto Casarotti Orari Martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 16,00 Su appuntamento in orari diversi da quelli indicati sopra tel. 0532 299540 fax 0532 299525 rispondiamo

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti

Regolamento per la gestione dei rifiuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche Regolamento per la gestione dei rifiuti revisione maggio 2015 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE

Dettagli

Innovazione e qualità

Innovazione e qualità Innovazione e qualità La filosofia dell azienda si basa fin dagli anni 70 sulla ricerca della qualità per garantire al consumatore finale un prodotto fresco e sano TEDALDI L azienda Tedaldi, con sede principale

Dettagli

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED

I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED I RAEE: RIFIUTI DA ELETTRICHE ED 10 IDEE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE di Gaia Gusso Intervista al dottor Paolo Pipere, Responsabile Servizio Territorio, Ambiente e Cultura della Camera di Commercio Industria

Dettagli