dichiarazione ambientale 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "10.06.2015. dichiarazione ambientale 2014"

Transcript

1

2

3 dichiarazione ambientale 2014

4 INDICE I. PREMESSA 7 RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE CONVALIDA DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE 8 EFFETTI SULLA BIODIVERSITÀ 72 CFC/HCFC. SOSTANZA LESIVE PER LO STRATO DI OZONO E GAS SERRA 72 II. ALTRI ASPETTI AMBIENTALI 74 ABBVIE OGGI ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI ABBVIE NEL MONDO: I PRODOTTI E I MERCATI DI RIFERIMENTO 12 GESTIONE (SUB) APPALTATORI, FORNITORI E SCELTA DELLE FORNITURE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 12 COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI E DEL PERSONALE ABBVIE DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ PRINCIPALI 14 SVILUPPO AMBIENTALE DEL CONTESTO LOCALE E SENSIBILIZZAZIONE AMBIENTALE I VOLUMI DI PRODUZIONE DEI DUE REPARTI CHIMICI 15 COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI E DEL PERSONALE ABBOTT PRESENTE 80 NELLO STABILIMENTO ABBVIE III. L IMPEGNO DI ABBVIE PER L AMBIENTE E IL SISTEMA DI GESTIONE EHS&E 19 V. 3.1 LA POLITICA EHS&E 20 GLI OBIETTIVI DI SOSTENIBILITA E PROTEZIONE AMBIENTALE AL IL SISTEMA DI GESTIONE EHS&E OBIETTIVO GLI ASPETTI AMBIENTALI LEGATI ALLE ATTIVITÀ DEL SITO OBIETTIVO OBIETTIVO 3 86 IV. 5.4 OBIETTIVO 4 88 LE PRESTAZIONI AMBIENTALI, I RISULTATI RAGGIUNTI E LE AZIONI IMPLEMENTATE OBIETTIVO ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI 32 EMISSIONI IN ATMOSFERA 32 VI. EMISSIONI DERIVANTI DALLA PRODUZIONE DI ENERGIA 35 ABBVIE E LA SICUREZZA 93 EMISSIONI DI CO RISCHIO DI INCIDENTI RILEVANTI 94 SCARICHI IDRICI GLI EFFETTI PER L AMBIENTE 96 RIFIUTI MISURE DI SICUREZZA ADOTTATE 97 USO E CONTAMINAZIONE DEL TERRENO GESTIONE DELLE EMERGENZE 97 UTILIZZO DI RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PREVENZIONE INCENDI 98 UTILIZZO DI MATERIE PRIME AUSILIARIE I RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI 98 RECUPERO DEI SOLVENTI ESAUSTI L ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI 99 CONSUMI ENERGETICI RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO 99 RUMORE ESTERNO INDICATORI DI INFORTUNIO

5 PREMESSA

6 1 PREMESSA Il presente documento raccoglie gli elementi di aggiornamento annuale al contenuto della Dichiarazione Ambientale Dati aggiornati al di AbbVie S.r.l., redatta e pubblicata ai sensi di quanto indicato dal Regolamento EMAS n. 1221/2009 del 25/11/2009 dell Unione Europea sull adesione volontaria delle organizzazioni ad un sistema comunitario di eco-gestione ed audit cosiddetto EMAS III. Nel documento si trovano in particolare presentati: breve descrizione dell azienda, delle attività e in cui opera; i dati relativi ai volumi di produzione degli anni ; l impegno ambientale ed una descrizione del sistema di gestione integrato; i dati quantitativi e gli indicatori relativi ai trend delle prestazioni ambientali aggiornati all anno 2014 da cui è possibile effettuare un confronto con le prestazioni ambientali degli anni precedenti; gli obiettivi di miglioramento La presente Dichiarazione Ambientale, redatta secondo quanto previsto dall allegato IV del Regolamento 1221/2009 del 25/11/2009, si applica alle attività di: 1. Fabbricazione e commercializzazione di prodotti farmaceutici di base 2. Fabbricazione e commercializzazione di medicinali e preparati farmaceutici svolte da AbbVie S.r.l. presso il sito di Campoverde S.R. Pontinia km 52, Campoverde di Aprilia (LT). La Dichiarazione Ambientale rappresenta il documento attraverso cui AbbVie, intende comunicare con i propri dipendenti, i fornitori, i clienti, le autorità, le istituzioni, i cittadini e con tutte le parti esterne interessate in merito agli aspetti relativi alla gestione ambientale delle proprie attività. È disponibile in stabilimento l elenco delle parti esterne interessate in cui sono elencati i nominativi. Le prestazioni e i risultati descritti nel presente documento relativi al periodo precedente alla nascita di AbbVie (avvenuta il 1 agosto 2012) si riferiscono ad Abbott S.r.l. Infatti la creazione della nuova azienda non ha portato a livello di stabilimento produttivo modifiche dal punto di vista degli aspetti operativi (processi, impianti) ambientali e di sicurezza, pertanto si è ritenuto utile mantenere tutte le informazioni riguardanti gli anni precedenti che rimangono quindi rappresentativi degli aspetti ambientali e di sicurezza del sito. 1.1 CONVALIDA DELLA DICHIARAZIONE AMBIENTALE Il Verificatore Ambientale Certiquality, con accreditamento IT-V-0001 e sede in Via Gaetano Giardino n Milano, ha verificato e convalidato in data 5/06/2015 l aggiornamento della Dichiarazione Ambientale di AbbVie S.r.l. riportante i dati aggiornati al 31/12/2014, ai sensi del Regolamento n. 1221/2009 del 25/11/2009. Riferimento aziendale per ambiente, salute e sicurezza SAVERIO GAROFALO Direttore Ambiente, Salute e Sicurezza AbbVie S.r.l. si impegna a trasmettere all Organismo Competente a Roma sia gli aggiornamenti annuali, sia la revisione della Dichiarazione Ambientale completa entro tre anni dalla data di convalida della presente ed a metterli a disposizione del pubblico secondo quanto previsto dal Regolamento. Tel.: Fax: Sito internet: AbbVie - AbbVie Italia 8 9

7 ABBVIE OGGI

8 2 ABBVIE OGGI 2.1 ABBVIE NEL MONDO: I PRODOTTI E I MERCATI DI RIFERIMENTO AbbVie Inc, con sede in Waukegan (Illinois) è una società farmaceutica basata sulla ricerca e dedicata allo sviluppo ed alla produzione di prodotti innovativi per la cura della salute umana. AbbVie possiede una rete internazionale di siti dedicati allo sviluppo, produzione e distribuzione di: funzionalmente al Director of Operations, ma ha una struttura indipendente. L organizzazione Commerciale rappresentata dal General Manager è a capo delle Direzioni Commerciali che annoverano circa 250 Informatori Scientifici del Farmaco (ISF) 1 operanti su tutto il territorio nazionale. Sono inoltre presenti nel sito le direzioni HR, legale, finanziaria, medica, IT e servizi commerciali. I dipendenti delle altre Direzioni ed i responsabili e le segreterie amministrative degli informatori scientifici lavorano stabilmente nel sito di Campoverde. Le due organizzazioni sono indipendenti tra di loro ma condividono molti servizi quali Risorse Umane, Finanziario,Ingegneria e EHS (Ambiente, Salute e Sicurezza). Principi attivi farmaceutici; Farmaci biologici innovativi; Prodotti finiti diversificati (solidi orali, iniettabili, sterili,) associati a strumenti per la somministrazione. La AbbVie Inc è stata fondata nel 2012 da una decisione di Abbott Laboratories Ltd di separare il business farmaceutico dei prodotti innovativi, basato sulla ricerca, dalle altre componenti di Business che caratterizzavano Abbott Laboratories, quali il business dei prodotti farmaceutici maturi, ovvero non più coperti da brevetto, dei medical device (strumenti per la diagnostica e la somministrazione di farmaci) e dei prodotti nutrizionali. AbbVie Inc. serve clienti in più di 170 Paesi, con oltre dipendenti in tutto il mondo per la produzione, distribuzione, ricerca e sviluppo ed altre attività. AbbVie Srl, è l affiliata Italiana di AbbVie Inc. Il sito produttivo di Campoverde è parte integrante di un network che coinvolge 13 siti produttivi. AbbVie è una nuova azienda, ma con una lunga storia, è infatti presente con i suoi prodotti sul mercato Italiano da più di 50 anni. 2.2 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA La società AbbVie S.r.l. è presente a Campoverde con due organizzazioni, Manufacturing e Commercial. Il Manufacturing è suddiviso in Direzione Tecnica e Direzione Quality Assurance. Al Responsabile della Direzione Tecnica, denominato Site Director rispondono tutte le funzioni interne coinvolte nelle attività produttive e servizi asserviti alla produzione (progettazione, energy management, manutenzione, servizi generali, logistica e magazzini), fra cui l EHS & Security Director (Ambiente, Salute e Sicurezza). La Direzione Quality Assurance come controllore della Qualità delle attività produttive non risponde 12 1 Per Informazione Scientifica del Farmaco si intende mezzo di trasmissione a medici e farmacisti di quella serie di notizie riguardanti la composizione dei farmaci ad uso umano, la loro attività terapeutica, le indicazioni, la posologia, le modalità d uso, le precauzioni e l eventuale, o meno, concedibilità da parte del Servizio Sanitario Nazionale italiano 13

9 2 2.3 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ PRINCIPALI FABBRICAZIONE DI PRINCIPI ATTIVI (API) 2 Reparto Chimico CPD1 Il Reparto Chimico CPD1 si occupa della sintesi di un prodotto anestetico ospedaliero (Sevoflurane) ottenuto attraverso un processo complesso di reazioni chimiche. Nel processo sono impiegate materie prime (tra le quali l acido fluoridrico) che vengono stoccate in condizioni di sicurezza all interno di magazzini separati e dotati di sistemi di rilevazione in continuo delle concentrazioni di gas in ambiente. Le lavorazioni sviluppano vapori che vengono intercettati e trattati mediante sistemi di abbattimento ad umido (con acqua a ricircolo) in linea con le migliori tecnologie ad oggi disponibili e che garantiscono un abbattimento degli inquinanti prodotti. il contatto con l acqua. Nelle fasi durante le quali si movimentano e si impiegano prodotti polverulenti si producono emissioni di polveri che vengono intercettate da filtri assoluti ad alta efficienza. Le fasi di confezionamento farmaceutico possono dar luogo a scarti di lavorazione, imballaggi (contaminati e non) e altri rifiuti che vengono smaltiti presso impianti terzi autorizzati. Le acque di rifiuto prodotte dal reparto per gli scarichi di lavorazione e/o operazioni di lavaggio delle linee vengono convogliate all impianto di trattamento biologico. 2.4 I VOLUMI DI PRODUZIONE DEI DUE REPARTI CHIMICI Reparto Chimico CPD2 L Impianto Chimico CPD2 è impegnato nella produzione di principi attivi farmaceutici (Lopinavir/ Ritonavir) per la formulazione di un farmaco utilizzato nel trattamento delle infezioni da HIV e di alcuni intermedi per la produzione di un farmaco contro l epatite C. I prodotti del reparto CPD2 si ottengono mediante reazioni che avvengono all interno di apposite apparecchiature e che hanno emissioni volatili, captate e trattate mediante impianti di abbattimento in linea con le migliori tecnologie ad oggi disponibili. I processi produttivi di questo reparto chimico impiegano come materie prime solventi ed altre sostanze pericolose. Le sintesi chimiche portano alla formazione di materiali di scarto, rifiuti solidi pericolosi, acque reflue (ad esempio le acque di lavaggio), solventi esausti, gestiti secondo quanto previsto dalla normativa. A servizio di tale reparto vi è un parco serbatoi fuori terra dotati di bacini di contenimento, dove sono depositati solventi freschi, solventi recuperati e un impianto di distillazione che permette il recupero ed il riutilizzo di più del 50% dei solventi utilizzati in reparto. Nell anno 2014 la produzione del CPD1 è rimasta pressoché costante mentre i volumi di produzione del reparto CPD2 sono in continuo aumento. Nel corso dell anno 2014 sono stati introdotti nell impianto chimico CPD2 nuovi processi produttivi (Nonaflate, Uracil Naftolo), intermedi per la sintesi di un principio attivo per la cura dell HCV lanciato da Abbvie all inizio del FABBRICAZIONE DI PRODOTTI FARMACEUTICI FINITI Fabbricazione di prodotti farmaceutici finiti Nell impianto farmaceutico vengono effettuate lavorazioni per la produzione e confezionamento di granulati, compresse e liquidi. Le fasi del processo di produzione si distinguono principalmente nella fase di manifattura e confezionamento. Le fasi di manifattura, in relazione alla tipologia di farmaco in lavorazione possono essere caratterizzate da uso di solventi che possono rilasciare nell ambiente dei vapori. Tali vapori sono intercettati ed abbattuti mediante impianti di abbattimento ad umido (scrubbers ad acqua) che consentono di abbattere la concentrazione di sostanze presenti in una corrente gassosa, attraverso 14 2 API: Active Pharmaceutical Ingredients. Principi Attiviti farmaceutici 15

10 2 Nel sito di Campoverde è inoltre presente un impianto di produzione farmaceutica, organizzata in tre aree: produzione solidi, confezionamento solidi e produzione e confezionamento liquidi. Le aree terapeutiche della produzione farmaceutica sono le seguenti: MANIFATTURA SOLIDI (prodotti granuli e compresse) Antibiotici per adulti e bambini: Claritromicina Antinfiammatori: Ibuprofene Ansiolitici: Delorazepam Procinetici anti dopaminici: Levosulpiride MANIFATTURA LIQUIDI (sciroppi, sospensioni, soluzioni, gocce e spray) Prevenzione di virus respiratorio sinciziale (VRS) Anestetici per chirurgia locale Antinfiammatori Ansiolitici Procinetici e antidopaminici: Levosulpiride Multivitaminici La produzione dei principi attivi uracil naftolo e nonaflate è stata introdotta nel

11 2 L IMPEGNO DI ABBVIE PER L AMBIENTE E IL SISTEMA DI GESTIONE EHS&E L andamento dei volumi della produzione farmaceutica è descritto nella figura sottostante. La produzione del 2014 è aumentata rispetto all anno precedente, ma rispetto al 2008 in controtendenza rispetto a quanto avvenuto per la produzione di principi attivi si è avuto un calo del 30% della produzione. Figura Produzione Farmaceutica ton/anno

12 3 L IMPEGNO DI ABBVIE PER L AMBIENTE E IL SISTEMA DI GESTIONE EHS&E 3.1 LA POLITICA EHS&E L impegno per la salvaguardia dell ambiente, la salute e la sicurezza di coloro che operano nel sito e che vivono nei dintorni dello stabilimento è uno degli elementi cardine della missione di AbbVie, insieme al rispetto della normativa applicabile e al miglioramento continuo delle prestazioni, è argomento fondante della Politica EHS & E. A marzo 2015 il documento di Politica in materia di Ambiente, Salute, Sicurezza e Rischio di incidente rilevante ed Energia è stato aggiornato per meglio specificare nel testo l impegno alla prevenzione degli incidenti rilevanti. Il nuovo documento è stato poi affisso nelle bacheche aziendali e comunicato a tutti i dipendenti attraverso una comunicazione ufficiale. Nella pagina accanto potete trovare il testo integrale del documento di Politica in cui in azzurro sono evidenziati: i valori fondamentali sui cui si basa l operato dell organizzazione ; i principali impegni di Abbvie in termini di salute, sicurezza e ambiente; Il contributo che l azienda chiede da tutti i dipendenti ed a coloro che operano per conto di essa nell adempiere all impegno preso. 3.2 Il Sistema di Gestione EHS&E In AbbVie le gestioni di Ambiente, Energia e Sicurezza e Rischio di incidente rilevante sono state integrate al fine di sfruttarne le sinergie alla luce della stretta relazione esistente fra la protezione dell ambiente e delle risorse e la tutela della salute dei lavoratori e dell incolumità pubblica Lo Stabilimento di Campoverde rientra nell ambito di applicazione della normativa sui grandi rischi. In particolare ll D. Lgs n. 334 del 17/8/99 e s.m.i., sulla prevenzione degli incidenti rilevanti, introduce la necessità, per il gestore degli impianti, di definire una propria Politica di prevenzione degli incidenti rilevanti e di attuare un Sistema di Gestione della Sicurezza in accordo alle linee guida del Decreto Ministeriale del 9 Agosto In AbbVie il sistema è stato certificato anche ai sensi della norma nazionale UNI Impianti di processo a rischio di incidente rilevante Sistema di gestione della sicurezza. 21

13 3 Il mantenimento di un sistema di gestione integrato ambiente, energia, salute, sicurezza e rischio di incidente rilevante e la diffusione della cultura del miglioramento continuo e dell attenzione all ambiente e alla sicurezza richiedono un grande impegno da parte dell organizzazione, ma consentono: La sistematica identificazione di tutte le prescrizioni legali applicabili, garantendo la piena conformità normativa delle attività dello stabilimento considerata presupposto essenziale per la Registrazione EMAS; L identificazione e la valutazione degli aspetti ambientali, sia diretti che indiretti, al fine di individuare quelli più significativi per l azienda e dei rischi connessi alle attività; La definizione ed aggiornamento degli obiettivi di miglioramento e dei piani di attuazione condivisi e concordati con tutte le funzioni aziendali; La misurazione delle prestazioni finali e il loro monitoraggio nel tempo. Per misurare l efficacia e l efficienza del sistema di gestione e garantire il miglioramento continuo delle prestazioni è stato istituito un sistema di verifiche e controlli. A questo scopo è stato definito un piano di sorveglianza ambientale per il monitoraggio degli aspetti e degli impatti ambientali derivanti dalle attività svolte dal sito. Il piano di Monitoraggio Ambientale è stato approvato da ARPA Agenzia Regionale Protezione dell Ambiente del Lazio. Inoltre viene svolta un attività periodica di raccolta e analisi di indicatori di prestazione EHS. L uso di indicatori di riferimento è necessario per descrivere l andamento nel tempo dei parametri critici dei processi analizzati. Il trend degli indicatori chiave legati agli obiettivi di miglioramento del sito è monitorato mensilmente e rivisto con la stessa periodicità nell ambito delle riunioni di Direzione. Mensilmente viene esposto nelle bacheche di reparto il Monthly Pill un breve sinottico dei principali indicatori gestionali in termini di EHS, numero di infortuni, numero di segnalazioni di mancati incidenti, numero di segnalazioni di eventi ambientali. Ogni anno viene emesso un programma di audit che comprende diverse ispezioni effettuate da personale interno qualificato. Vengono inoltre effettuati sempre da personale interno qualificato audit a smaltitori di rifiuti e alle ditte esterne e cantieri presenti nel sito. L azienda riceve inoltre annualmente l ispezione da parte dell ente di certificazione per il mantenimento delle Certificazioni ISO 14001, OHSAS 18001, UNI 10617, ISO e per la registrazione EMAS e la 22 23

14 3 convalida degli aggiornamenti della Dichiarazione Ambientale. I risultati degli audit condotti internamente, lo stato di attuazione del programma di miglioramento, l analisi dei trend degli indicatori e altre informazioni sul funzionamento generale del sistema, rappresentano parte degli elementi di input per il Riesame dei risultati della gestione EHS&E di AbbVie Per quanto riguarda la formazione in materia EHS, essa rappresenta un processo necessario e propedeutico per svolgere un attività lavorativa e per fornire al lavoratore un adeguato livello di conoscenze delle procedure aziendali e degli aspetti EHS legati alle attività svolte, oltrechè assicurare a tutto il personale ed ai responsabili delle ditte esterne il trasferimento dell informazione in materia di EHS in modo coordinato e programmato. Nell ambito del sistema di gestione integrato EHS&E viene prestata particolare attenzione alla formazione alla comunicazione e al coinvolgimento sulle tematiche EHS come elemento trainante e come presupposto dell efficacia del sistema di gestione integrato stesso. Le attività di comunicazione interna in materia di EHS sono principalmente rivolte a sensibilizzare ed informare il personale circa le problematiche ambientali e di sicurezza delle attività del sito, il sistema di gestione, le prestazioni ottenute, gli obiettivi e i risultati raggiunti in materia di ambiente, energia, salute e sicurezza. Inoltre, un buona comunicazione interna consente di ricevere e rispondere ai feedback del personale interno ed esterno e di tutti i lavoratori che operano nel sito, dando inoltre la possibilità ai dipendenti di formulare suggerimenti utili al miglioramento della performance. Aderire alla cultura Zero, Believe it, Achieve it, significa impegnarsi verso la sicurezza il benessere e la sostenibilità. Significa prendere decisioni consapevoli, che non devono mai compromettere la salute e la sicurezza ed agire, quando si osserva qualcosa che può avere un impatto negativo sull ambiente o comportamenti insicuri o lesivi della salute. Il messaggio chiave dato a tutti i dipendenti nel corso del 2014, a vari livelli, dalle comunicazioni istituzionali dei VicePresidents, negli spazi dedicati durante i General Employee Meeting (gli incontri trimestrali di tutti i dipendenti con il direttore di stabilimento e il General manager) è che ZBA (Zero Believe it, Achieve it) è uno stato mentale nuovo, non uno standard o una procedura. E la profonda convinzione che zero incidenti è una possibilità reale. In questo anno nel sito sono stati rinnovati i banner che ricordano il nostro impegno in linea con Zero, Believe it, Achieve it, a mettere la salute, la sicurezza e l ambiente al primo posto in ogni attività svolta all interno dello stabilimento. Per le comunicazioni di tipo top-down vengono utilizzati, in maniera integrata, diversi canali di informazione, quali: comunicazioni via mail da parte della Direzione, campagne di comunicazione ed eventi specifici, survey e sistema raccolta feedback, sito web Intranet/Internet, poster, giornale aziendale, comunicazioni in bacheca, video e megascreen, meeting del comitato EHS, workshop, corsi di formazione. Nel corso del 2014 è stata lanciata a livello globale la nuova campagna Zero, Believe it. Achieve it, la cui traduzione in Italiano è: Zero, Se ci crediamo, possiamo raggiungerlo. Il fondamento su cui si basa la nuova filosofia è la profonda convinzione che ciascun incidente EHS si può evitare grazie all attenzione verso gli altri, ad un atteggiamento proattivo in cui ogni persona ogni giorno, si interroga su come fare per prevenire gli incidenti di sicurezza dei processi, sicurezza sul lavoro e gli incidenti ambientali

15 3 Nel corso del 2014 è stata dedicata una giornata alla preparazione e risposta alle emergenze. Sono stati distribuiti a tutti i dipendenti dei badge da tenere sempre con se, che riportano i numeri da contattare in caso di incendio, emergenza sanitaria ed altre emergenze con indicati i primi comportamenti da seguire. Nell anno 2014 inoltre sono stati realizzati due video utili per comunicare in modo semplice ed interattivo ai visitatori occasionali del sito di Campoverde ed ai trasportatori le principali regole comportamentali da seguire e i comportamenti da attuare in caso di emergenza. Il video dei visitatori è disponibile in italiano e in inglese, il video dei trasportatori, in italiano, inglese e nelle lingue comunemente parlate dal personale che accede al sito di Campoverde per caricare o scaricare merci di vario tipo. Nel corso dei primi mesi del 2015 è stata lanciata la campagna di comunicazione sulla riduzione degli sprechi energetici dedicata alle persone che lavorano negli uffici di Abbvie. L impatto ambientale derivante dalle attività che giornalmente vengono effettuate negli uffici non è per nulla trascurabile. Per questa ragione quest anno si è scelto di chiedere ai dipendenti AbbVie di mettere in atto alcuni semplici gesti quotidiani e di sviluppare una sensibilità e un attenzione al risparmio energetico in ufficio come a casa. La campagna ha avuto l obiettivo di promuovere buone pratiche sulla sostenibilità energetica, indicando in 5 video messaggi inviati settimanalmente e affidati alla voce dei colleghi dell Energy team, facili suggerimenti per mettere in pratica comportamenti virtuosi sull uso di stampanti, pc, monitor, climatizzatori e illuminazione. Per quanto riguarda le attività di comunicazione esterna verso le parti interessate (enti istituzionali, popolazione, enti di certificazione, ecc.) l azienda mantiene aperto il dialogo e collabora con gli stakeholder esterni sui programmi di interesse comune. Nei primi mesi del 2015 AbbVie ha sponsorizzato l operazione Spiagge Pulite. L Associazione Arco Muto Sub Anzio ed i piccoli studenti della Scuola Primaria Viale Severiano si sono dati appunta mento per ripulire la spiaggia delle Grotte di Nerone ad Anzio. Il direttore dell impianto chimico e il responsabile di produzione CPD2 hanno partecipato all evento. I volontari dell Associazione si sono dedicati alla pulizia del fondale marino: con la muta e senza l ausilio di bombole si sono immersi in mare recuperando una grande quantità di materiali depositati quali bottiglie, vetro e perfino un pneumatico. Mentre i bambini delle classi 1, 3 e 5, insieme alle loro insegnanti, armati di guanti e rastrello, con entusiasmo hanno rimosso rifiuti di vario genere, eredità dell inverno trascorso. Con questa iniziativa volta a sensibilizzare fin da bambini al rispetto dell ambiente e del mare, Abbvie conferma il proprio impegno in termini di responsabilità sociale, attraverso il sostegno ad azioni per la tutela e la salvaguardia del territorio

16 3 Si riportano di seguito le iniziative intraprese nel triennio precedente, sia in termini di comunicazione interna che esterna, già illustrate nelle precedenti edizioni della Dichiarazione Ambientale: Settimana Europea della Sicurezza Nell ambito della campagna organizzata dall Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) si svolge annualmente nel Sito, la campagna relativa i temi di sicurezza. 3.3 GLI ASPETTI AMBIENTALI LEGATI ALLE ATTIVITÀ DEL SITO Le tabelle seguenti riportano il risultato della valutazione eseguita, rispettivamente sugli aspetti ambientali diretti in condizioni operative normali, anomale e di emergenza, e sugli aspetti ambientali indiretti. Campagna di comunicazione: Energy Saving Premio EMAS Italia 2012 Il Sito ha vinto l edizione 2012 del Premio EMAS Italia. Questo premio è per quelle organizzazioni che hanno raggiunto i migliori risultati nella gestione della risorsa idrica, tema individuato dalla Commissione Europea per l EMAS Award Tabella Condizioni Operative Normali - Riepilogo della valutazione della significatività degli aspetti ambientali diretti Concorso Fotografico OSH in images Il sito è stato scelto per il progetto fotografico dell Agenzia Europea per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro. Sponsorizzazione del progetto educativo sul tema della sostenibilità di Legambiente (Circolo MelaVerde di Aprilia). Tabella Condizioni Operative Anomale -Riepilogo della valutazione della significatività degli aspetti ambientali diretti 28 29

17 3 LE PRESTAZIONI AMBIENTALI, I RISULTATI RAGGIUNTI E LE AZIONI IMPLEMENTATE Tabella 3.3 Condizioni Operative di Emergenza -Riepilogo della valutazione della significatività degli aspetti ambientali diretti Tabella 3.4 Riepilogo della valutazione degli aspetti ambientali indiretti 30

18 4 LE PRESTAZIONI AMBIENTALI, I RISULTATI RAGGIUNTI E LE AZIONI IMPLEMENTATE Vengono di seguito riportati i dati aggiornati al 2014 e vengono illustrati per i diversi aspetti ambientali del sito le prestazioni ed i risultati raggiunti negli ultimi anni. Il processo di raccolta, elaborazione e consolidamento dei dati ambientali per garantire accuratezza, verificabilità e riproducibilità viene realizzato secondo specifiche modalità operative secondo quanto indicato nella procedure di riferimento che definiscono ruoli, responsabilità e modalità di calcolo e analisi degli indicatori di prestazione del Sistema di Gestione EHS&E. I dati delle valutazione delle performance ambientali vengono inoltre comunicati trimestralmente a casa madre per la pubblicazione a livello globale delle prestazioni ambientali della compagnia. Nel corso dei primi mesi del 2015 il sito di Campoverde ha ricevuto un audit di terza parte commissionato dalla corporate per la validazione dei dati relativi all anno I dati comunicati nel corso del 2014 sono stati confermati e ne è stata verificata l accuratezza. In base alla valutazione della significatività degli aspetti, ai trend dei dati storici, ai risultati della sorveglianza ambientale svolta in accordo all AIA si riportano gli indicatori che provvedono, per i diversi aspetti ambientali significativi a fornire un quadro rappresentativo dell impatto ambientale delle attività del sito, tralasciando in questo documento, indicatori che, sebbene monitorati evidenziano un impatto marginale delle attività. Si considerano significative invece per la rappresentazione dell impatto ambientale sull atmosfera del sito le emissioni totali di solventi organici volatili. AbbVie effettua annualmente, ai sensi dell art. 275 del D.Lgs. n. 152/2006, il calcolo per il bilancio di solventi in accordo alla metodologia riportata nell allegato IV. I valori degli ultimi 4 anni sono riportati di seguito. 4.1 ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI EMISSIONI IN ATMOSFERA Nello stabilimento di Campoverde sono presenti punti di emissioni in atmosfera di tipo convogliato autorizzati dalla Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), rilasciata dalla autorità competente ai sensi del D.Lgs. n. 152/2006 s.m.i. I principali inquinanti emessi durante il processo produttivo sono rappresentati da Sostanze Organiche Volatili (S.O.V.), Sostanze Inorganiche Volatili (S.I.V.) e polveri. I dati sulle emissioni in atmosfera per ciascuno dei camini soggetti ad autorizzazione e sottoposti a monitoraggio risultano conformi ai limiti previsti dall atto autorizzativo, sia dal punto di vista delle concentrazioni (date dal rapporto tra la massa di sostanza inquinante emessa e il volume dell effluente) che del flusso di massa (massa di sostanza inquinante emessa per unità di tempo). L indicatore relativo alle emissioni di polveri è costante rispetto all andamento riportato nella Dichiarazione precedente, inoltre la frequenza di campionamento prescritta da AIA è semestrale per gli impianti chimici e annuale per il reparto farmaceutico, per cui non è possibile valutare un trend rappresentativo per questo indicatore

19 4 I dati del bilancio solventi, regolarmente comunicati alle autorità competenti, dimostrano che l azienda è conforme ai limiti normativi. L azienda inoltre ha valutato di essere conforme alle Migliori Tecnologie Disponibili (MTD) anche dette con termine inglese Best Available Tecniques (BAT). Con questo acronimo si intendono le tecniche e le tecnologie più efficaci ed economicamente disponibili a livello industriale per ottenere un elevato livello di protezione dell ambiente nel suo complesso. L emissione totale è dello 0,2%, espressa come percentuale di solventi totali emessi rispetto alla quantità utilizzata nel processo. Tale valore è largamente inferiore al limite normativo del 5% (D. Lgs. n. 152/2006) imposto per i nuovi impianti e che consideriamo come valore obiettivo di riferimento e raggiungibile con l applicazione delle MTD, e inferiore al 15% il limite di legge per gli impianti esistenti. Si evidenzia come il contributo delle emissioni puntuali (riportate nella riga O1) sia irrilevante se confrontato con l emissione diffusa. Inoltre le analisi delle emissioni puntuali, effettuate secondo le frequenze definite dal Piano di Monitoraggio e Controllo riportato nell Autorizzazione Integrata Ambientale, ed inviate sistematicamente agli enti di controllo evidenziano sempre la piena conformità di tutti i punti di emissione ai limiti imposti nell atto autorizzativo. Per analizzare questo aspetto ambientale si considera anche l emissione totale confrontata con la produzione del reparto. Nella tabella sottostante sono riportati i dati. che i risultati dei campionamenti puntuali sono conformi ai limiti di legge e che il contributo della emissione totale del reparto CPD1 è irrilevante rispetto al sito. Per il reparto farmaceutico l andamento è pressochè costante nel tempo. Nel reparto farmaceutico sono ormai consolidate da anni prassi per la diminuzione delle emissioni fuggitive di SOV quali la raccolta in fusti e l invio a smaltimento esterno dei solventi condensati. Le percentuali di raccolta dell alcool isopropilico esausto sono cresciute mediamente negli anni grazie ai progressivi miglioramenti tecnologici effettuati sul sistema di condensazione dei solventi che ne permette il recupero e si sono ormai stabilizzate sui valori del Le emissioni di sostanze pericolose dai processi produttivi sono un aspetto ambientale particolarmente importante per AbbVie, sia dal punto di vista della salvaguardia dell ambiente, sia per la riduzione dell esposizione dei lavoratori a tali sostanze. Per questa ragione già in fase di progettazione del prodotto, e di sviluppo vengono ricercate soluzioni finalizzate a diminuire l impiego e lo sviluppo di emissioni di sostanze pericolose. Negli anni scorsi il gruppo di sviluppo MS&T (Manufacturing Science & Technology), il servizio di sito di sviluppo tecnologico dei processi produttivi, ha implementato modifiche di processo che hanno portato alla riduzione di tali emissioni descritti nelle edizioni precedenti della Dichiarazione Ambientale. EMISSIONI DERIVANTI DALLA PRODUZIONE DI ENERGIA In aggiunta alle emissioni da processo, vengono prodotte nello stabilimento anche emissioni legate alla generazione di energia. In particolare, il processo di combustione dà luogo ad emissioni di NO X, il cui andamento rileva buone prestazioni in termini di emissioni per unità di energia prodotta. Tali prestazioni in termini di emissioni di NO X sono dovute principalmente al fatto che il cogeneratore usato per produrre l energia necessaria al sito è dotato di una tecnologia all avanguardia denominata SoLoNO X. Questo sistema realizza una ottimizzazione della combustione in camera di combustione, riducendo la formazione degli NO X. L indicatore evidenzia in particolare nel reparto CPD2 un miglioramento che si deve alla implementazione dell impianto di abbattimento criogenico, che ha significativamente ridotto le emissioni diffuse del reparto, anche in valore assoluto come si evince dalla tabella 4.1. Per il reparto chimico CPD1 il valore è leggermente aumentato a causa dell aumento delle emissioni puntuali misurate, il cui dato è ricavato da due soli campionamenti annuali in accordo alle frequenze definite dall Autorizzazione Integrata Ambientale. Va precisato 34 35

20 4 I dati delle emissioni di NO X provengono dal sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni dell impianto di cogenerazione (SME). La veridicità dei dati ricavati dal sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni, prescritto dall autorizzazione integrata ambientale, è assicurata dalle prove di linearità e riproducibilità certificate. Tutti i valori di concentrazione di NO X sono riferiti ad uno specifico tenore di Ossigeno (15% per l impianto di cogenerazione). L emissione di NO X nel 2014 è diminuita in quanto la turbina ha totalizzato un numero di ore di funzionamento inferiore a quelle dell anno precedente a causa di interventi di manutenzione straordinari. Tra le attività di manutenzione effettuate c è stato anche un aggiornamento dei PLC, sistemi che inviano i segnali per il controllo della combustione. Una maggiore velocità dei segnali protrebbe anche aver influito sull efficienza della combustione, contribuendo ad un valore inferiore di emissione di NO X in valore assoluto e del relativo indice. Si evidenzia che i valori di NO X massimi registrati in termini di flusso di massa e EMISSIONI DI CO 2 L impianto per la generazione di energia elettrica produce anche emissioni in atmosfera di anidride carbonica (CO 2 ) e rientra nell ambito di applicazione della Direttiva Emission Trading per il monitoraggio e la comunicazione delle emissioni dei gas ad effetto serra. Le quantità di CO 2 emesse vengono monitorate mensilmente in modo indiretto attraverso la contabilizzazione dei consumi di combustibile impiegato per alimentare gli impianti di cogenerazione e le caldaie per la produzione di energia e calore. La metodologia di calcolo della CO 2 emessa in relazione al metano consumato è conforme alla linee guida per il monitoraggio e la comunicazione delle emissioni di gas a effetto serra, è stata ufficialmente approvata e viene verificata annualmente da un ente di certificazione accreditato. Le quantità di anidride carbonica emesse negli ultimi quattro anni sono riportate di seguito. concentrazione sono comunque inferiori al limite di legge. (La massima concentrazione istantanea di NO X registrata nel 2014 è 75 mg/nm3, rispetto al limite di 80 mg/nm3). Il Piano Nazionale di Allocazione per il periodo assegna a titolo gratuito ad AbbVie un numero di quote per il 2014 pati a tonnellate. Secondo quanto previsto dalla Direttiva 2003/87/CE, AbbVie ricorre alle quote di emissione rimanenti dal periodo di scambio precedente per la restituzione delle emissioni emesse. Le emissioni di anidride carbonica per la prima volta nel 2014 sono state inferiori anche se di poco a quelle dell anno precedente grazie all attenzione al risparmio energetico dell azienda e alle innumerevoli iniziative per la riduzione dei consumi che sono state implementate nel corso degli ultimi anni. L indicatore di prestazione dato dal rapporto tra le emissioni di CO 2 e la quantità di energia elettrica registrato nel 2014 è aumentato. Tale incremento è imputabile al fatto che l energia prodotta dal cogeneratore è diminuita nel 2014 a causa del fermo della turbina descritto in precedenza, mentre l emissione di CO 2, calcolta in base ai consumi di gas metano è rimasta costante in quanto si è fatto ricorso all uso delle caldaie convenzionali per la produzione di vapore

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento Lamberti SpA di Zanica è uno degli insediamenti più importanti del Gruppo Lamberti grazie agli impianti e alle tecnologie

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013

CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 CENTRALE DI JESI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 Dichiarazione Ambientale 2013 1 INDICE Jesi Energia Spa Centrale di Jesi Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DEL DOCUMENTO Il quadro di definizione delle

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa.

Il file word contenente la relazione tecnica dovrà essere contenuto in un CD non riscrivibile, con sessione chiusa. ALLEGATO III b) LINEA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA PER GLI IMPIANTI ESISTENTI DEI SETTORI INDUSTRIA E TRATTAMENTO RIFIUTI Con riferimento alla DGR 5 agosto 2004

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica La Geos Environment, nell ambito del proprio Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001/2004, ha valutato la significatività dei propri aspetti ambientali e tiene sotto controllo

Dettagli

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net LA POLITICA E LA MISSION La MEDI srl opera nel settore della Progettazione, Smontaggi,

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE Autorizzazione Integrata Ambientale - Direttiva IPPC REPORT ANNUALE PER L INVIO DEI DATI DI AUTOCONTROLLO Modello generale per tutte le attività dell'allegato I del D. Lgs. 59/2005 (escluse le attività

Dettagli

ALLEGATO A Norme generali

ALLEGATO A Norme generali ALLEGATO A Norme generali Rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - dell Impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e valorizzazione della accolta differenziata a servizio dell Ambito Ottimale

Dettagli

CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013

CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 CENTRALE DI SAN QUIRICO TRECASALI DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2013 Dichiarazione Ambientale 2013 1 INDICE Edison Spa Centrale di San Quirico Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli

Dettagli

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati:

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati: D. R. S. n. 308 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico ed acustico

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE GIANPAOLO QUATRARO Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Il supporto della consulenza nel programma ambientale 1 Il

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Ragione sociale : XXX Indirizzo : XXX Tel. XXX e mail : XXX web : XXX XXX Pagina 1 di 18 Revisione del XXX INDICE Indice... 2 Le politiche aziendali... 3 Le certificazioni aziendali... 5 Campo di applicazione

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

una squadra di esperti, un solo interlocutore

una squadra di esperti, un solo interlocutore una squadra di esperti, un solo interlocutore Il vantaggio di avere una squadra di esperti e la comodità di parlare con un solo interlocutore CHI SIAMO Il Gruppo E.S.G. EURO SERVICE GROUP - SYNTESY - A.IN.COM.

Dettagli

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO Effettuazione del collaudo dell impianto per il periodo

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2008

DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2008 DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2008 Revisione 1 del 26 Giu. 2009 Stabilimento "Panariagroup 2" - via dell'industria, 15-42010 Toano (RE) Indice 1 Premessa... 1 2 Insediamento produttivo Panariagroup

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0118554 / 2014 Atto N. 5174 OGGETTO: GIUSEPPE SANTORO S.R.L.. CALATA

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2008

DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2008 DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2008 Revisione 1 del 26 Giu. 2009 Stabilimento "Panariagroup 4" - via Cameazzo, 21-41042 Fiorano Modenese (MO) Indice 1 Premessa... 1 2 Insediamento produttivo Panariagroup

Dettagli

Introduzione. Raffineria di Taranto

Introduzione. Raffineria di Taranto Introduzione La Raffineria di Taranto è entrata in esercizio alla fine degli anni 60 ed è stata sottoposta negli anni ad un continuo processo d adeguamento delle sue strutture alle esigenze del mercato

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED ACQUISTI VERDI L Agenzia nello svolgimento delle proprie attività istituzionali concorre

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL CONSULENTE E DEI GESTORI: CRITICITÀ NELL APPLICAZIONE DEL D.LGS. 46/14

IL PUNTO DI VISTA DEL CONSULENTE E DEI GESTORI: CRITICITÀ NELL APPLICAZIONE DEL D.LGS. 46/14 IL PUNTO DI VISTA DEL CONSULENTE E DEI GESTORI: CRITICITÀ NELL APPLICAZIONE DEL D.LGS. 46/14 Seminario Tecnico D.Lgs. 46/14, modifica del D.Lgs. 152/06 ed attuazione della Direttiva Europea 2010/75/UE:

Dettagli

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Il Comune di Rozzano 12,5 kmq 40.502 abitanti (31/12/08) 73 km strade comunali 6 km strade provinciali 4 km

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Introduzione Introduzione Gli impianti di depurazione della Business Unit Ambiente di CURRENTA sono specifici per il trattamento

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA

LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA LE COMPETENZE DELLE PROVINCIE IN EMILIA-ROMAGNA Competenze delegate dalla legge nazionale (art. 197 D.lgs 152/2006): a) controllo e verifica degli interventi di bonifica e loro monitoraggio; b) controllo

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

DUE DILIGENCE AMBIENTALE: UNA CHECK LIST PER LA PRIMA FASE DI VALUTAZIONE

DUE DILIGENCE AMBIENTALE: UNA CHECK LIST PER LA PRIMA FASE DI VALUTAZIONE Inserto DUE DILIGENCE AMBIENTALE: UNA CHECK LIST PER LA PRIMA FASE DI VALUTAZIONE La due diligence è un particolare processo volto ad analizzare e accertare le condizioni complessive di un attività imprenditoriale

Dettagli

Stabilimento del Terrafino Autorizzazione Integrata Ambientale Sintesi non tecnica ai sensi del DLgs. 59/2005

Stabilimento del Terrafino Autorizzazione Integrata Ambientale Sintesi non tecnica ai sensi del DLgs. 59/2005 Stabilimento del Terrafino Autorizzazione Integrata Ambientale Sintesi non tecnica ai sensi del DLgs. 59/2005 Ed. 1.0 Novembre 2005 Pag. 1 di 13 INDICE 1 INQUADRAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DELL IMPIANTO...2

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

APPROCCIO GESTIONALE INTEGRATO:GAP ANALYSIS, PMC, SISTEMI CERTIFICATI ED EFFICIENZA ENERGETICA

APPROCCIO GESTIONALE INTEGRATO:GAP ANALYSIS, PMC, SISTEMI CERTIFICATI ED EFFICIENZA ENERGETICA APPROCCIO GESTIONALE INTEGRATO:GAP ANALYSIS, PMC, SISTEMI CERTIFICATI ED EFFICIENZA ENERGETICA Seminario Tecnico Il punto sulla Direttiva IPPC: Autorizzazioni Integrate Ambientali (AIA), Piano di Monitoraggio

Dettagli

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD

ALLEGATO D APPLICAZIONE DELLE MTD WIENERBERGER S.p.A. Unipersonale Sede legale in 40027 Mordano (BO), Via Ringhiera 1 Insediamento sito in 32020 Feltre (BL) Strada della Fornace 7 Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) D.lgs. 152/2006

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

231 e Reati ambientali

231 e Reati ambientali 231 e Reati ambientali Aggiornamento del Modello 231: un possibile approccio per l aggiornamento dei Modelli, con focus sui Sistemi di Gestione Integrati 1 Indice Conoscere gli aspetti ambientali e i connessi

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi R IFIUTI PE R IC OLOS I Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi Firenze, 13 dicembre 2007 R elazione a cura di: Dott. Chim. R enato Bargna CS A srl e-mai: r.bargna@

Dettagli

PRESENTAZIONE SOCIETA SERVIZI OFFERTI

PRESENTAZIONE SOCIETA SERVIZI OFFERTI PRESENTAZIONE SOCIETA SERVIZI OFFERTI Via XXV Luglio, 59 41037 Mirandola (MO) Tel. 0535 611575 - Fax 0535 665485 e-mail: info@laboratoriosafe.it sito web: www.laboratoriosafe.it Safe nasce come laboratorio

Dettagli

ORSO Osservatorio Rifiuti Sovraregionale SPECIFICHE PER LA COMPILAZIONE DELL APPLICATIVO SCHEDA IMPIANTI per la Regione Lombardia

ORSO Osservatorio Rifiuti Sovraregionale SPECIFICHE PER LA COMPILAZIONE DELL APPLICATIVO SCHEDA IMPIANTI per la Regione Lombardia ORSO Osservatorio Rifiuti Sovraregionale SPECIFICHE PER LA COMPILAZIONE DELL APPLICATIVO SCHEDA IMPIANTI per la Regione Lombardia Sul sito internet di ARPA Lombardia, alla pagina http://ita.arpalombardia.it/ita/servizi/rifiuti/orso.asp

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI ci prendiamo cura dell ambiente in cui viviamo e abbiamo i numeri per farlo GLI OBIETTIVI DI ECODOM Eccellenza ambientale, efficienza operativa ed economica sono i

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

D C E, C V M e P V C

D C E, C V M e P V C 1 D C E, C V M e P V C Il cloruro di vinile monomero (CVM) viene utilizzato quasi esclusivamente per la produzione del polivinilcloruro (PVC) e dei suoi omo e copolimeri, a meno di una piccola parte che

Dettagli

LA BANCA E L'AMBIENTE

LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE Abbiamo maturato negli anni una sempre maggiore sensibilità verso le tematiche ecologiche e verso la tutela dell ambiente, nonostante la nostra organizzazione

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale OGGETTO: Progetto: Ampliamento dell attività di deposito preliminare Comune: Avigliana (TO) Proponente: Ecoidea Ambiente s.r.l.

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE Prot. Generale N. 0042789 / 2014 Atto N. 1886 OGGETTO: Autorizzazione alle

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

Percorso per la rivalutazione dell acqua di rubinetto

Percorso per la rivalutazione dell acqua di rubinetto Percorso per la rivalutazione dell acqua di rubinetto Le buone pratiche per la tutela dell ambiente Riservato ad Associazioni L acqua di rete: lo scenario Pur in una situazione italiana di alti consumi

Dettagli

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA DOMANDA Il COMPOST Le batterie auto al piombo Dividere correttamente i rifiuti è importante Lo smaltimento ideale degli olii vegetali per cottura di alimenti avviene tramite Indumenti usati e accessori

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

The Solaire L ESEMPIO

The Solaire L ESEMPIO L ESEMPIO The Solaire The Solaire, situato nella Battery Park City di New York, su un area nella parte occidentale di Manhattan, direttamente adiacente a Ground Zero, è il primo edificio progettato in

Dettagli

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Settore Attività industriali, Controlli e Coordinamento Laboratori Viale Restelli, 3/1-20124 Milano Tel. 02-69666385 Fax. 0269666254 e-mail: d.cristofaro@arpalombardia.it

Dettagli

COMPANY PROFILE IMPIANTI TECNOLOGICI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ENERGIE RINNOVABILI BUILDING AUTOMATION IMPIANTI TECNOLOGICI

COMPANY PROFILE IMPIANTI TECNOLOGICI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ENERGIE RINNOVABILI BUILDING AUTOMATION IMPIANTI TECNOLOGICI COMPANY PROFILE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ENERGIE RINNOVABILI BUILDING AUTOMATION La mente per competere, il cuore per vincere. Insieme da oltre 30 anni. Intelligenza e passione: SINECTRA è un importante

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna

Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala conferenze Il PMC di BioPower Sardegna: l esperienza del primo impianto IPPC autorizzato in Sardegna a cura di Alessandro Maestro BioPower Sardegna Il PMC

Dettagli

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani

Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1 Appendice al Cap. 3 (della Parte Seconda del Corso) Produzione di Energia Elettrica da Rifiuti Urbani 1. Generalità Per quanto riguarda l Italia, il Decreto Legislativo n 22 del 5/02/97 (Decreto Ronchi),

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale N. 66 29422/2011 OGGETTO: Progetto: Trasferimento di attività di recupero di recupero rifiuti non pericolosi Comune: Poirino (TO)

Dettagli

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi PRESENTAZIONE SI.ECO. è la Società che fornisce servizi di consulenza specialistica qualitativamente elevati ad Enti Pubblici ed Aziende private nel settore della gestione del territorio, dell ambiente

Dettagli

indice pag. 5 - Introduzione pag. 7 - Energia pag. 10 - Acqua pag. 12 - Carta pag. 14 - Rifiuti pag. 16 - Banconote triturate

indice pag. 5 - Introduzione pag. 7 - Energia pag. 10 - Acqua pag. 12 - Carta pag. 14 - Rifiuti pag. 16 - Banconote triturate 2 indice pag. 5 - Introduzione pag. 7 - Energia pag. 10 - Acqua pag. 12 - Carta pag. 14 - Rifiuti pag. 16 - Banconote triturate pag. 18 - Mobilità sostenibile - business travel pag. 20 - Mobilità sostenibile

Dettagli