Energia e Industria Chimica: le analisi e 18 Proposte per sostenere la competitività, anche nell applicazione del Protocollo di Kyoto.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Energia e Industria Chimica: le analisi e 18 Proposte per sostenere la competitività, anche nell applicazione del Protocollo di Kyoto."

Transcript

1 FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA Energia e Industria Chimica: le analisi e 18 Proposte per sostenere la competitività, anche nell applicazione del Protocollo di Kyoto. Milano, ottobre 2006

2

3 INDICE INTRODUZIONE pag. 2 EXECUTIVE SUMMARY 3 PARTE PRIMA: LE ANALISI 6 1. Energia e Industria Chimica in Italia 6 2. Energia: una priorità nazionale ed europea 7 3. I fattori di criticità in Italia 7 4. Il confronto con gli altri Paesi concorrenti 9 PARTE SECONDA: IL PROTOCOLLO DI KYOTO L applicazione del Protocollo di Kyoto in Italia Le Emissioni dei Gas Serra in Italia Le politiche nazionali di riduzione di Emissioni di Gas Serra I Piani Nazionali di Assegnazione: PNA1 ( ) e Bozza PNA2 ( ) Le criticità di ordine generale dello Schema di Emissions Trading La performance dell Industria Chimica in Italia 22 PARTE TERZA: LE 18 PROPOSTE DI FEDERCHIMICA 24 ALLEGATI 29 BIBLIOGRAFIA 36 1

4 INTRODUZIONE. Federchimica è la Federazione Nazionale dell Industria Chimica, e associa circa 1400 Imprese Chimiche, per un totale di circa dipendenti, in 17 Associazioni di settore, suddivise in 47 Gruppi Merceologici. Obiettivi primari di Federchimica sono il coordinamento e la tutela dell Industria Chimica operante in Italia. Inoltre, Federchimica gestisce il Programma Responsible Care e il S.E.T. Servizio Emergenze Trasporti. Federchimica coopera con le AA.PP., Centrali e Locali, con le Istituzioni di Ricerca, per lo sviluppo sostenibile dell Industria Chimica. Il Comitato Energia di Federchimica, ha lo scopo di rappresentare e tutelare gli interessi delle imprese associate, che nei mercati dell energia hanno un ruolo prevalente di consumatori, nonché costituire uno strumento di confronto e discussione, per diffondere corretta informazione e cultura sui temi di interesse; il Comitato comprende tra le sue attività: l elaborazione di documenti di posizione sui temi riguardanti l energia; la collaborazione con la Commissione Energia di Confindustria; l interazione con le Autorità nella formazione di provvedimenti normativi, come ad esempio quelli relativi alla preparazione dello Schema Europeo di Emissions Trading (da ora in avanti indicato come Schema ET ); l organizzazione di seminari su argomenti tecnici riguardanti il mercato dell Energia Elettrica e del gas, come ad esempio incontri di discussione con i fornitori di energia su aspetti riguardanti la contrattualistica. Il presente documento è stato realizzato dal Comitato Energia di Federchimica, che è composto da 52 Esperti, 1 rappresentanti di Imprese Associate e da 2 Invitati Permanenti, in rappresentanza di altre Istituzioni. 1 al

5 EXECUTIVE SUMMARY. LE ANALISI. L Industria Chimica è un importante consumatrice di energia, seconda solo all Industria Siderurgica. Rispetto agli altri settori, l Industria Chimica ha insieme una significativa intensità energetica sul fatturato, ed una quota significativa di esportazione, con conseguente sensitività alla competizione internazionale. Ciò fa dell energia un fattore rilevante della gestione, soprattutto quando incide sui costi di produzione per decine di punti percentuali. La recente istituzione dell «High Level Group on Competitiveness, Energy and the Environment», presso la Commissione Europea, testimonia il riconoscimento della criticità del tema anche a livello europeo. L Italia è particolarmente vulnerabile, per la fortissima dipendenza energetica dall estero. A causa di ciò, gli effetti degli aumenti della quotazione del greggio sulla bolletta energetica nazionale sono molto maggiori, spesso il doppio, rispetto a Paesi meno dipendenti da fonti fossili di importazione. La riduzione in corso della dipendenza dall olio combustibile non riduce la vulnerabilità, poiché essa è compensata da un forte spostamento del mix verso il Gas Naturale, finora non assistito da potenziamenti delle infrastrutture (gasdotti e terminali GNL); l emergenza gas degli ultimi due inverni ha evidenziato i ritardi nella politica industriale ed energetica. E in corso in Italia un rinnovo del parco di generazione elettrica, mentre i prezzi della Borsa Elettrica mostrano una riduzione della distanza rispetto al resto d Europa; si tratta però di quotazioni su mercato a breve, non rappresentativo del mercato totale, nel quale non si è ancora sviluppato un mercato a termine. Tuttavia, si sono per la prima volta verificati fenomeni di esportazione di Energia Elettrica, che non rappresentano una raggiunta parità di condizioni economiche tra i vari mercati, e che restano ancora essenzialmente isolati; il mercato dell Energia Elettrica è caratterizzato da meccanismi di formazione del prezzo sulla cui trasparenza anche a livello europeo si sono avanzate riserve. Il livello dei prezzi in Italia permane significativamente elevato, rispetto agli altri Paesi dell Unione Europea, con un conseguente gap di competitività. Sull Energia Elettrica pesano rilevanti oneri indiretti. Ci sono anche problemi di scarsa degressività: sull Energia Elettrica essa dipende solo da costi di trasporto e maggiorazioni, e sul gas essa è praticamente assente per i livelli di consumo molto elevati. Le ultime decisioni sui meccanismi di assegnazione di capacità di trasporto per l Energia Elettrica di import tendono a vanificare il vantaggio economico relativo, prima esistente. Il crescente ricorso al Gas Naturale anche nella generazione di Energia Elettrica porterà ad un accresciuta interdipendenza dei due mercati, con dinamiche di prezzo dipendenti da quelle del petrolio. 3

6 IL PROTOCOLLO DI KYOTO. In tema di politiche nazionali di riduzione delle emissioni di gas serra, occorre ridefinire i dati fondamentali di riferimento, a partire dalla formalizzazione non avvenuta delle variazioni di quelli compresi dalla Delibera CIPE 123/2002. Le citate modifiche erano finalizzate alla prima formulazione del Piano Nazionale di Assegnazione delle Quote di Gas Serra nell ambito dello Schema Europeo di Emissions Trading ET (Dir. 2003/87/CE). Le molte edizioni di tale Piano succedutesi dall aprile 2004 al febbraio 2006 richiamano la necessità di una riformulazione dei dati di riferimento per politiche rispetto alle quali lo Schema di Emissions Trading rappresenta solo uno dei capitoli. La formulazione del Piano di Assegnazione per il Periodo , da parte del MATT, dovrebbe consentire di affrontare aspetti rilevanti come l effettivo incentivo dello Schema alla riduzione delle emissioni di gas serra, al possibile incentivo alla riduzione di attività, in contrasto con la Strategia di Lisbona, all opportunità di soglie di esclusione per Piccoli Emettitori. LE 18 PROPOSTE DI FEDERCHIMICA. Il documento formula, a seguito delle analisi sviluppate, 18 proposte, raggruppate in 4 categorie: I. Consumatori Energy Intensive. 1. La salvaguardia dei Consumatori Energy Intensive. 2. L Energia Elettrica utilizzata come materia prima (impianti di elettrolisi). 3. I Poli Industriali Chimici. II. Aspetti contrattuali. 4. I Contratti di Lungo Termine. 5. Gli Oneri di Dispacciamento. 6. Il Servizio di Interrompibilità Elettrica Istantanea. 7. L Interrompibilità Elettrica con Preavviso. 8. L Interrompibilità di Gas Naturale. 9. L Import di Energia Elettrica. III. Incentivazione dell efficienza e risparmio energetico. 10. L Incentivazione della Cogenerazione. 11. L Incentivazione delle Fonti Rinnovabili. 4

7 12. L Incentivazione del GPL. 13. Disponibilità di Assistenza Tecnica per l Efficienza Energetica e il Risparmio Energetico. IV: Emissions Trading ( ET ) e politiche di riduzione di Gas ad Effetto Serra. Le proposte riguardano i seguenti punti: 14. ll complesso delle politiche nazionali di riduzione delle Emissioni di Gas Serra. 15. Gli Impianti di Combustione. 16. L Esclusione dallo Schema ET, dei Piccoli Emettitori. 17. Le Ripercussioni dello Schema ET sui Prezzi dell Energia Elettrica. 18. L Incongruità delle Clausole di Recupero degli Oneri ET. 5

8 PARTE PRIMA: LE ANALISI. 1. Energia e Industria Chimica in Italia. L Industria Chimica è un importante consumatrice di energia, seconda solo all Industria Siderurgica (vedi anche All. 1 e All. 2). Per le Imprese dell Industria Chimica, l incidenza del costo dei consumi energetici sul fatturato è variabile, da pochi punti a molte decine di punti percentuali; l andamento crescente del peso dei costi energetici ha dato al tema dell energia, tradizionalmente un capitolo secondario nella gestione economica, un ruolo meritevole di particolare attenzione, quando non di vero e proprio allarme, a causa dell importanza nei conti economici delle imprese energivore o energy intensive. Rispetto agli altri settori, l Industria Chimica ha una significativa intensità energetica sul fatturato, e, al tempo stesso, una quota significativa di esportazione, con conseguente sensitività alla competizione internazionale. In tal senso la posizione dell Industria Chimica Farmaceutica rispetto agli altri settori è illustrata nella Tav. 1, mentre maggiori dettagli sono forniti in All. 3. Tav. 1 - Esposizione Internazionale alla concorrenza e intensità energetica del fatturato, nei vari Settori Esposizione Internazionale alla concorrenza (Quota % esportata del fatturato) Meccanica 40 Tessile e Abbigliamento Chimica e farmaceutica 30 Metallurgia 20 Industria Estrattiva Materiali per edilizia, vetro e ceramica 10 Alimentare Carta e Stampa Industria delle Costruzioni Intensità energetica (GWh per 100 M di fatturato) Fonte: ISTAT, MSE 6

9 2. Energia: una priorità nazionale ed europea. Dopo che la Giornata dell Energia, organizzata nel dicembre del 2004 da Confindustria, aveva testimoniato la percezione della priorità raggiunta dal tema, gli sviluppi successivi nel 2005 e 2006 hanno contribuito a conservare un elevato livello di attenzione, anche in Europa. Tra i fattori più importanti si ricordano l andamento crescente dei prezzi del petrolio e, a fine 2005, i preoccupanti segnali della politica aggressiva della Russia come fornitore di gas, che hanno fatto riflettere sugli aspetti di sicurezza dell approvvigionamento energetico. A testimonianza dell attenzione a livello europeo si segnalano l indagine della Commissione Europea sui mercati dell Energia Elettrica e del gas, che ha evidenziato la distanza ancora da percorrere verso una completa liberalizzazione, il recente Libro Verde (COM (2006) 105) Una strategia europea per un energia sostenibile, competitiva e sicura e, ancora prima, la decisione di istituire un High Level Group on Competitiveness, Energy and Environment (HLG), con il compito di fornire indicazioni per la politica europea in queste aree nei prossimi due anni. I primi temi analizzati sono stati il funzionamento dei mercati dell energia, lo Schema di Emissions Trading dell U.E., l accesso all approvvigionamento di energia per i Consumatori intensivi e l efficienza energetica. 3. I fattori di criticità in Italia. La particolare debolezza della situazione italiana, dovuta all accumulo negli anni di ritardi in tema di politica industriale ed energetica, amplifica per il nostro Paese i contraccolpi negativi delle variabili internazionali. L Italia ha una dipendenza energetica dall estero di poco meno del 90% (89,4%, 89,9% e 89,2% rispettivamente nel 2002, 2003 e 2004). Inoltre, dipende dall estero per circa un sesto del suo fabbisogno di Energia Elettrica. Nella generazione di Energia Elettrica, l Italia sta progressivamente eliminando la sua dipendenza dall olio combustibile, sostituendola però con il Gas Naturale, le cui dinamiche di prezzo indicizzate al petrolio lasciano invariata la vulnerabilità. Le conseguenze, in termini di costo della bolletta energetica a seguito di aumento delle quotazioni del greggio, sono per l Italia notevolmente maggiori (in molti casi il doppio) rispetto a Paesi che possono contare su un mix prevalentemente basato sulla coppia carbone-nucleare. Lo spostamento del mix delle fonti primarie verso il Gas Naturale (aumento delle importazioni da 59,3 Gmc 2 del 2002 a 73,5 Gmc del 2005!) non è stato seguito, improvvidamente, né da potenziamenti delle infrastrutture (gasdotti per il trasporto interno e collegamento con l estero) né, soprattutto, da potenziamenti nella capacità di stoccaggio; ciò ha portato ad intaccare la riserva strategica di gas in maniera significativa e crescente nei primi mesi del 2005 e del 2006, con prospettive ugualmente difficili per i prossimi inverni, nei quali si continuerà a sentire l effetto del rinnovo del parco di generazione, prevalentemente incentrato su impianti a gas, con conseguenti aumenti del fabbisogno di Gas Naturale. 2 Gmc = 10 9 mc 7

10 Si registrano ritardi notevoli anche sul versante dei terminali GNL; la realizzazione di alcuni di essi, in aggiunta all unico esistente a Panigaglia (SP), potrebbe costituire una diversificazione, rispetto alla fornitura di gas, via tubo. Il rinnovo del parco di generazione (a fine 2005 risultavano autorizzati nuovi impianti per MW), e il conseguente contributo al miglioramento dell efficienza, dovrebbero nel giro di qualche anno attenuare la differenza tra i prezzi dell Energia Elettrica in Italia rispetto al resto dei Principali Paesi dell U.E.. L anno 2005 ha già mostrato qualche segnale il proposito: con riferimento alla Tav. 2, che mostra i valori mensili dei prezzi di Borsa dell Energia Elettrica in vari Paesi, si vede una sostanziale tendenza ad una convergenza a fine anno, mentre all inizio dell anno i valori dell IPEX (riferiti alla Borsa Elettrica in Italia) erano notevolmente superiori al gruppo degli altri prezzi, così come lo erano stati dal suo inizio (aprile 2004). Tav. 2 - Energia Elettrica: Prezzi Mensili delle principali Borse Elettriche Europee: 2005 e gen Prezzi mensili delle principali borse elettriche europee* euro/mwh Ipex Omel EEX APX Powernext gen-05 feb-05 mar-05 apr-05 mag-05 giu-05 lug-05 ago-05 set-05 ott-05 nov-05 dic-05 gen Fonte: Federchimica L andamento delle Borse Elettriche Europee, verso fine 2005, può essere messo in relazione agli episodi di esportazione di quantità non trascurabili di Energia Elettrica dall Italia 3. Si tratta di un segnale significativo, anche se occorre cautela nel sopravvalutare il suo significato, la cui corretta comprensione richiederebbe un appropriata riflessione sia 3 In realtà non si è trattato di esportazione fisica, ma di trattamento di partite estero su estero che hanno portato alla riduzione del flusso fisico di import verso l Italia. 8

11 sull adeguatezza dei dati (puntuali) della Domanda Elettrica in Italia a rappresentare i valori riferiti ai costi effettivi del consumo globale di Energia Elettrica, sia nel diverso grado di incorporazione dei costi collegati allo Schema di Emissions Trading dell U.E.. Occorre ricordare comunque che i prezzi che si realizzano nella Borsa Elettrica in Italia (IPEX Italian Power Exchange) non sono l espressione di un mercato a termine che ancora manca; ciò pone il problema di rappresentare correttamente il valore totale dell Energia Elettrica trattata. Inoltre, ad indicare la non imminenza di realizzazione di mercati a termine, rimane l esistenza della clausola di recesso, stabilita all inizio della liberalizzazione per la protezione del consumatore come parte contrattuale, e che è incompatibile con l affermarsi di contratti a medio o lungo termine. A causa della incompleta transizione verso una situazione di vero mercato, i meccanismi di formazione del prezzo possono risentire di posizioni dominanti (ciò risulta da diverse sedi di valutazione autorevoli ed ufficiali, secondo le quali la situazione dei mercati dell energia è insoddisfacente); inoltre, ricordiamo che una componente negativa è rappresentata dallo stesso meccanismo di formazione di prezzo della Borsa Elettrica in Italia: il system marginal price, che assegna a tutti i produttori il prezzo dell offerta più alta, funzionerebbe meglio in una situazione di significativa sovracapacità, che in circostanze in cui l offerta più alta non ha competitori. Tale osservazione è stata evidenziata anche nell ambito delle attività dell HLG. Il sistema industriale italiano è esposto, come risulta dai dati per il 2005, di seguito riportati, ed anche dal confronto tra il primo trimestre 2006 e il corrispondente periodo del 2005, ad un divario dei prezzi dell energia rispetto alla media europea, che raggiunge il 30%, in particolare per l Energia Elettrica. Si tratta di una penalizzazione preoccupante: considerato il livello dei consumi finali del settore (27 TWh/a), essa corrisponde in valore assoluto ad oltre 500 M /a e, ad esempio, nelle fasce di incidenza dei consumi elettrici tra il 15 e il 30%, ad un gap di competitività tra il 4,5 e il 9%. Dato lo scenario internazionale, l impossibilità di trasferire sui prezzi tali aumenti di costo si traduce in una seria minaccia alla già precaria stabilità economica di molte imprese, che richiede di essere adeguatamente affrontata. Il presente documento contiene proposte di possibili interventi: altre potrebbero essere formulate a livello di singola associazione di settore. 4. Il confronto con gli altri Paesi concorrenti. E vero che, facendo riferimento ai dati disponibili nel 2005 l Italia non è il Paese che registra i maggiori incrementi nei prezzi dell Energia Elettrica (anche EE) (vedi l All. 4, che mostra una minore crescita dei prezzi in Italia rispetto a quelli di altri Paesi dell U.E.), ma i costi industriali per l Energia Elettrica restano comunque elevati, soprattutto per le fasce alte di consumo, come si desume ad esempio dalla Tav. 3 nella pagina seguente, che mostra i dati a luglio

12 Tav. 3 - Prezzi finali 1 per fasce di consumo industriale di EE: Italia e media EU 15, 1 luglio Prezzi EE (euro/mwh) ,4 120,4 103, ,2 94,6 77,7 90,8 69,8 88,9 66,5 81,6 73,6 I EU , Tasse escluse Fonte: Eurostat 0,03 0,05 0,16 1, Fasce di Consumo (GWh/a) Occorre notare come per i prezzi in Italia i meccanismi di degressività siano quasi irrilevanti, essendo introdotti solo dagli effetti dei costi di trasporto e delle maggiorazioni per gli oneri di sistema. La Tav. 4 mostra la situazione dei prezzi industriali di gas, confrontati con la media dei Paesi EU15. Tav. 4 - Prezzi finali 1 per fasce di consumo industriale di gas: Italia e media EU 15, 1 luglio 2005 Prezzi del gas (euro/1000mc) ,8 320,8 291,8 280,8 246,5 250,7 210,3 208,4 193,1 I EU Tasse escluse Fonte: Eurostat 0,011 0,11 1, Fasce di Consumo (Mmc/a) 10

13 I pochi dati disponibili per i consumi industriali molto elevati confermano la maggiore difficoltà per i consumi industriali italiani, per i quali le condizioni di degressività sono abbastanza blande. I riferimenti per la Tav. 3 e la Tav. 4 sono riportati nell All. 5 e nell All. 6. Per l Energia Elettrica in Italia, occorre sottolineare il peso degli oneri indiretti, come stranded costs, oneri di dispacciamento, oneri di incentivazione di fonti rinnovabili (o rinnovabili solo per convenzione). A titolo di esempio, è opportuno ricordare che l importo degli oneri recuperati in tariffa, a seguito del meccanismo di incentivazione di fonti rinnovabili e assimilate per il 2004, è stato di oltre 2,3 miliardi di euro, saliti a oltre 3 miliardi di euro per il 2005 (vedi Bibliografia, riferimento 4). Per quanto riguarda l energia di import, la sua convenienza registrata in passato è minacciata sia dalla possibile riduzione del gap di prezzo in alcuni periodi, che da meccanismi di competizione imposti dai gestori esteri, sulla base di un interpretazione del regolamento europeo 1228/2003. In tal modo tende a ridursi una delle possibili leve di politica industriale per i settori energy intensive. Infatti il meccanismo di asta così come proposto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (anche AEEG), in una situazione di carenza di capacità non fa altro che trasferire il gap di prezzo ai produttori esteri, annullando i possibili benefici per il consumatore italiano. Una possibile soluzione è la gestione da parte di Terna S.p.A. dell importazione di tutta l energia con contratti ventennali (a fronte di una fee appropriata), e la distribuzione pro quota ai consumatori interni. Inoltre l energia di import è solo parzialmente disponibile a causa della destinazione di una parte notevole di essa (contratti di lungo termine del periodo pre-liberalizzazione, nella disponibilità di ENEL) per il mercato vincolato; uno spostamento degli equilibri attuali è ostacolato da motivi di consenso politico; gli stessi che hanno portato a formule di rallentamento del trasferimento sulle tariffe delle dinamiche di incremento dei prezzi, con la conseguenza di rendere il sistema più esposto al persistere di tali condizioni, e penalizzato negli eventuali periodi di discesa dei prezzi. Diventa importante, per i grandi Consumatori di Energia, favorire la stipula di contratti a lungo termine, per privilegiare le caratteristiche di regolarità di consumo, e controllare la possibile volatilità delle condizioni di mercato. L AEEG continua ad essere estremamente attiva (la produzione eccessiva di interventi è un altro dei problemi della situazione italiana); una proposta relativa all istituzione di un meccanismo di capacity payment è stata fortemente contrastata ed è al momento non operativa (in presenza però di un meccanismo transitorio che comunque pesa sul prezzo); occorrerà riformulare, per il periodo a partire dal 2008, le condizioni di remunerazione del servizio di interrompibilità. Per la situazione in Italia, comunque, dopo l avvio della Borsa Elettrica, con una acquisizione di maggiore trasparenza, ma in assenza di condizioni di vera competitività che la Borsa Elettrica può registrare ma non generare, risulta importante creare al più presto l auspicato Mercato Forward. 4 4 Mercato a termine, cioè per energia da consumarsi in periodo successivo alla stipula. 11

14 Il mercato del gas configura una situazione dalle ripercussioni potenziali su quello dell Energia Elettrica, a causa della crescente dipendenza dal Gas Naturale del parco di generazione elettrica, e dell uso invalso di usare come riferimento per il gas le dinamiche di prezzo del petrolio. Sono in discussione possibili soluzione a breve, difficili da individuare come risolutive, mentre sono interessanti, dal punto di vista di politica industriale, i temi di medio periodo: - una spinta per la creazione di concorrenza dal lato dell offerta (tra i fornitori di Energia) può essere data dallo sviluppo del GNL (terminali di rigassificazione), che in prospettiva potrebbe assegnare all Italia il ruolo di hub mediterraneo per gli altri Paesi, rispetto all attuale posizione di forte importatore; - il percorso per la sottrazione del controllo della rete dei gasdotti da parte di un unico protagonista, a favore di un controllo da parte di terzi rispetto al mercato finale, deve anche evitare il ben peggiore pericolo di controllo della stessa rete da parte di un player integrato a monte della filiera. 12

15 PARTE SECONDA: IL PROTOCOLLO DI KYOTO. (N.B.: i valori totali ottenuti per somma di alcune serie di dati APAT, riportati nelle Tavole di questa Parte del Documento, potrebbero non corrispondere, per quanto riguarda le cifre decimali, alle somme esatte degli addendi, a causa di effetti di arrotondamento.) 5. L applicazione del Protocollo di Kyoto in Italia. Le emissioni di gas serra 5 sono regolate dal Protocollo di Kyoto, che ne prescrive una riduzione (per i Paesi aderenti) rispetto al 1990, entro il Lo schema europeo, di Emissions Trading, invece, riguarda le emissioni della sola CO 2, per alcuni settori industriali. Ci proponiamo di descrivere in primo luogo i dati delle emissioni di gas serra in Italia e, in secondo luogo, la situazione delle normative relative. 6. I dati delle Emissioni nazionali di Gas Serra. Il quadro d insieme sui GHG. I dati delle emissioni nazionali di Gas Serra vengono periodicamente riportati, dagli Stati interessati, secondo un formato (CRF, Common Reporting Format) stabilito dall UNFCCC (United Nations Framework Climate Change Convention). I dati più recenti si riferiscono al 2004 (NIR, National Inventory Report del 2006), e sono descritti nella Tav. 5, che riporta quelli delle emissioni totali e quelli dei diversi gas serra. Le emissioni totali di gas serra in Italia nel 2004 ammontano a 583,3 MtCO 2 eq. 6 Come si vede, le emissioni di CO 2 sono preponderanti rispetto a quelle degli altri gas ( vs ), costituendo l 84 % del totale. Inoltre, delle 6 categorie che compongono la struttura del CRF (Energia,Processi Industriali, Uso di Solventi e altri prodotti, Agricoltura, Forestazione, Rifiuti) la prima raccoglie l 82% del totale ( vs kt CO 2 eq). La categoria Energia, che fa riferimento a processi di combustione, 7 comprende le Industrie energetiche, l industria manifatturiera e delle costruzioni, i trasporti, gli altri settori (civile e residenziale). Al di fuori della categoria Energia ci sono i processi industriali, l uso di solventi e altri prodotti, l agricoltura, i rifiuti. 8 I settori con emissioni più rilevanti sono quelli delle Industrie Produttrici di Energia (163.5 MtCO 2 eq), i Trasporti (132.6 MtCO 2 eq), il Settore Civile (88 MtCO 2 eq), l Industria Manifatturiera e delle Costruzioni (87.2 MtCO 2 ); a quest ultima voce l Industria Chimica contribuisce per 12,6 MtCO 2 eq (15% c.a.). 5 CO 2 ; CH 4 ; N 2 O; HFC; PFC; SF 6, vedi ad esempio Tav Tale valore è da confrontare con l obiettivo nazionale di 486 MtCO 2 eq, riduzione di 6,5% delle emissioni 1990 (519,8 MtCO 2 eq). 7 A parte la voce B, relativa alle emissioni fuggitive da gas e petrolio (7.508 kt ca). 8 La componente CO 2 della voce Forestazione (Land Use Change and Forestry), negativa, non contibuisce al totale dei gas serra controllato dalle normative di riduzione. 13

16 Tav. 5 - Emissioni di GHG (Italia, anno 2004). Dati in kt CO 2 eq. Settori Totale di cui CO 2 CH 4 N 2 O F gas 1 1. ENERGIA , , , ,00 A. Combustione , , , ,00 (1) Industrie produttrici di energia , ,73 447, ,11 1. Elettricità Pubblica e Produzione di Calore ,49 2. Raffinazione del Petrolio ,27 3. Manifattura di Carburanti solidi e altre Industrie Energetiche ,97 (2) Industria Manifatturiera e Costruzioni , ,22 128, ,30 1. Ferro e Acciaio , ,94 2. Metalli Non Ferrosi 1.196, ,11 3. Prodotti Chimici , ,48 9,03 86,80 4. Carta 4.625, ,03 5. Alimentare 6.928, ,22 6. Altri , ,44 (3) Trasporti , ,19 656, ,80 (4) Altri settori , ,17 558, ,57 (5) Altro 1.180, ,98 2,85 86,47 B. Emissioni fuggitive da gas e petrolio 7.508, , ,78 2. PROCESSI INDUSTRIALI , ,31 60, , ,29 A. Prodotti minerali , ,78 B. Industria chimica , ,72 6, ,81 18,30 C. Industria metallurgica 1.916, ,81 53,92 251,50 F. 3 Gas Fluorurati (cons.) 6.438, ,47 3. SOLVENTI , ,28 799,80 4. AGRICOLTURA , ,00 5. FORESTAZIONE, ETC , ,71 34,65 778,10 6. RIFIUTI ,20 210, , ,10 Totale , , , , ,29 Note: 1 Gas Fluorurati: HFC (diversi prodotti), PFC (diversi prodotti), SF 6 2 Solo emissioni di processo 3 Omesse le categorie: D (Altre Produzioni), vuota; E (Produzione Gas Fluorurati), in questa tabella attribuita ai settori di competenza (B e C). 4 Uso di solventi e altri prodotti 5 Senza la voce Forestazione per la CO 2, ma includendo le componenti non CO 2. Così, per convenzione, si calcola il totale nazionale. Fonte: APAT 14

17 L andamento delle emissioni e, in particolare, della CO 2 Le emissioni totali di gas serra in Italia, rilevanti ai fini di Kyoto, sono in significativo aumento nel periodo , essendo passate da 519,8 a 583,3 MtCO 2 eq, mentre l obiettivo di Kyoto per il Paese (riduzione del 6,5% rispetto al 1990) è di 486 MtCO 2 eq (i dati intermedi sono: 532,7 Mt per il 1995; 554,9 Mt per il 2000; 577,5 Mt per il 2003). Concentrando l attenzione sull anidride carbonica, come gas serra più rilevante, la Tav. 6 riporta l andamento delle emissioni di CO 2 nel periodo ; le categorie 1 (Energia) e 2 (Processi Industriali) coprono la quasi totalità delle emissioni di CO 2 (488 Mt su 489,6 Mt c.a., nel 2004). I dati evidenziano un trend decrescente per le emissioni dell Industria manifatturiera (da c.a. 88,9 Mt a 85,4 Mt), a fronte di aumenti vistosi (oltre che per la produzione di energia termoelettrica) per i Trasporti (da 101,5 Mt a 128 Mt c.a.) e per il Settore Civile (da 76,5 Mt a 84,1 Mt c.a.). L Industria Chimica mostra una significativa riduzione (da 20 Mt a 12,5 Mt c.a., nella parte Energia e da 2,186 Mt a 1,327 Mt c.a., per le emissioni di processo). Tav. 6 Emissioni di GHG (kt CO 2 ). Andamento della CO 2 nel periodo Settori ENERGIA , , , , ,84 A. Combustione , , , , ,25 (1) Ind. produttrici di energia ,73 1. Elettricità Pubblica e Produzione di Calore ,49 2. Raffinazione del Petrolio ,27 3. Manifattura di Carburanti solidi e altre Industrie Energetiche ,97 (2) Industria Manifatturiera e costruzioni ,22 1. Ferro e Acciaio ,94 2. Metalli Non Ferrosi 1.187,11 3. Prodotti Chimici , , , , ,48 4. Carta 4.586,03 5. Alimentare 6.858,22 6. Altri ,44 (3) Trasporti ,19 (4) Altri settori ,17 (5) Altro ,98 B. Emissioni fuggitive Da carburante ,56 2. PROCESSI INDUSTRIALI ,31 A. Prodotti minerali ,78 B. Industria chimica ,72 C. Industria metallurgica ,81 3. SOLVENTI ,28 4. AGRICOLTURA FORESTAZIONE, ETC ,71 6. RIFIUTI ,57 TOTALE ,00 Fonte: APAT 15

18 Lo schema ET e la corrispondenza con il CRF (Common Reporting Format) Il campo di applicazione dello schema ET riguarda settori industriali della produzione di energia e di processi industriali. I criteri di suddivisione per categorie dello schema dell UNFCCC, e dello schema europeo di ET non si prestano ad un confronto esauriente per visualizzare le categorie sotto ET. La Tab. 7 mostra il raccordo fra lo schema ET e lo schema CRF (Common Reporting Format) usato per UNFCCC. Tav. 7 Raccordo fra i dati della Tav.6 e il sistema di raccolta dei dati per lo Schema ET Settori Tav. 6 Settori Schema ET Produzione Energia Processi Industriali Uso di solventi Agricoltura Rifiuti Altro Termoelettrico Altri Impianti di combustione di cui Industria Chimica Raffinazione Produz. E trasformaz. di metalli ferrosi Carta Cemento Calce Vetro Ceramici Fonte: Federchimica 16

19 7. Le politiche nazionali di riduzione delle Emissioni di Gas Serra. Dopo la ratifica del Protocollo di Kyoto, avvenuta in Italia con la Legge 120 del 2002, manca tuttora un quadro di riferimento chiaro per le politiche nazionali di riduzione delle emissioni di gas serra. Un primo quadro di riferimento per le politiche dell Italia fu definito con la delibera CIPE n 123 del dicembre 2002, pubblicata in Gazzetta Ufficiale nel marzo I dettagli sono mostrati in Allegato 7. Tuttavia, alla fine del 2003, dopo la pubblicazione della Direttiva Emissions Trading (2003/87/CE, dell ottobre 2003), i dati della delibera CIPE 123/2002 furono rivisti, ma non formalizzati in una nuova delibera. Tali nuovi dati, tuttavia mai formalizzati, sono mostrati in Allegato 8. Come si vede, la situazione attuale è caratterizzata dall assenza di un riferimento univoco, a causa della mancata formalizzazione della delibera CIPE modificata. I dati della delibera CIPE dovevano formare il quadro di riferimento per lo Schema di Emissions Trading, a cui sono sottoposte le emissioni nazionali di CO 2 di alcuni settori industriali, mentre per le rimanenti emissioni dovevano essere previste altre misure specifiche. Come noto, si sono registrati notevoli ritardi relativi allo Schema di Emissions Trading, e nessuna azione per i settori al di fuori di esso. Inoltre, la revisione dei dati della delibera CIPE era funzionale alla prima versione del Piano Nazionale di Assegnazione delle Quote di Gas Serra, per il Periodo (anche PNA1) 9 da parte del MATT, cui ne sono seguite altre, senza peraltro aggiornare i dati di riferimento della delibera CIPE. L Allegato 9 riporta i dati delle Assegnazioni Totali di Quote di CO 2, ai vari settori industriali, del PNA, emesso nel febbraio Esso è stato il risultato di una lunga evoluzione, passando attraverso la versione del febbraio 2005, che per la prima volta ha riportato i dati per i singoli impianti, e la consultazione del dicembre Si noti che ad essere utilizzata per la trattativa, da parte del MATT con la Commissione Europea, è stata la versione del PNA del febbraio 2005, più volte modificata prima di quella definitiva. L Industria Chimica, non compresa nella Direttiva della Commissione Europea, vi rientra attraverso la categoria Altri Impianti di Combustione ; le assegnazioni a impianti dell Industria Chimica ammontano a circa 5,3 Mt/a (vedi anche All. 10). La Tav. 8 visualizza i dati più significativi per le politiche nazionali di riduzione delle emissioni di gas serra: dati storici per il 1990 (valore di riferimento del Protocollo di Kyoto), 2000, 2004, quote assegnate per lo schema ET nel PNA1 ( ), i valori finali (media ) tendenziali, di riferimento e di obiettivo del Protocollo di Kyoto. 9 Per PNA1 si intende il Piano Nazionale di Assegnazione delle Quote di CO 2 per il Periodo (Primo Periodo) ; per PNA2 si intende il Piano Nazionale di Assegnazione delle Quote di CO 2 per il Periodo (Secondo Periodo). 17

20 Tav. 8 - Emissioni di Gas Serra - i dati nazionali (in MtCO 2 eq/a) MtCO 2 eq Tendenziale 1 Riferimento , Campo Applicaz. ET Previsioni Obiettivo Kyoto 1 Vedi note in All Decisione (non formalizzata) fine Delibera CIPE 123/ Media Fonte: Federchimica A causa dei forti ritardi (definizione del PNA; nomina dei Verificatori per validazione emissioni 2005; realizzazione del Registro Emissioni; recepimento stesso della Direttiva) in Italia, meno che in altri Paesi, c è stata una discussione su temi dell impatto dello Schema ET sui prezzi dell elettricità (anche per più di 10 /MWh), che altrove in Europa sono molto vivaci. Su questo tema si sono registrate le richieste di alcuni Produttori di far pagare una specie di sovrapprezzo ET corrispondente alla possibile spesa del Produttore per coprire l eccesso di emissioni. Naturalmente ciò può rappresentare un indicazione della distanza da una situazione di effettiva competizione di mercato. Il prezzo che si forma sul mercato dovrebbe comprendere gli effetti ET e dunque si potrebbe generare la possibilità di pagarli due volte; inoltre non si comprende perché il consumatore di energia debba essere responsabilizzato per una conseguenza (le emissioni effettive) dipendente dalla libera scelta del produttore, ad esempio, di esportare o comunque produrre di più per ragioni di mercato. Secondo il calendario previsto, entro il 30 giugno 2006 gli Stati Membri avrebbero dovuto definire i Piani di Assegnazione per il periodo , con delle indicazioni della Commissione Europea di ampliare il campo di applicazione estendendo l interpretazione 18

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2002 COM(2002) 321 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione finale sul Libro verde "Verso una strategia

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia Autori: Pierluigi Totaro Francesco Pascoli Enrico Brandmayr Mirta Samengo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 I vantaggi del carbone Pag. 3 Il carbone e l ambiente Pag. 8 Le centrali a carbone in Italia

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

STOP. SUSSIDI alle FONTI FOSSILI

STOP. SUSSIDI alle FONTI FOSSILI STOP SUSSIDI alle FONTI FOSSILI Il Mondo sta vivendo una drammatica crisi climatica. L ultimo rapporto dell Ipcc ha confermato che la crescita delle emissioni di gas serra provocherà un ulteriore riscaldamento

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA A cura di Carlo Manna Workshop ENEA PER LA TECNOLOGIA, IL SISTEMA PRODUTTIVO E IL TERRITORIO Roma, 17 maggio

Dettagli