DOCUMENTO DI SINTESI. AZIONI ORDINARIE SOCIETA : Gaz de France OBBLIGAZIONI SOCIETA : Gaz de France

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI SINTESI. AZIONI ORDINARIE SOCIETA : Gaz de France OBBLIGAZIONI SOCIETA : Gaz de France"

Transcript

1 DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : Gaz de France OBBLIGAZIONI SOCIETA : Gaz de France Il presente Documento di sintesi non è un prospetto informativo ma un documento redatto il 10 luglio 2008 da Borsa Italiana ai sensi dell art. 57, comma 1, lettera h) del Regolamento Consob n /99 ai fini della ammissione alle negoziazioni delle azioni ordinarie nel segmento MTA International e delle obbligazioni nel segmento EuroMOT, in regime di esenzione dall obbligo di pubblicazione del prospetto, sulla base delle informazioni contenute nel Reference Document 2007, ove non diversamente specificato. Avvertenze: a) il presente documento va letto come un'introduzione alle informazioni diffuse dall emittente al mercato; b) qualsiasi decisione di investire negli strumenti finanziari dovrebbe basarsi sull'esame da parte dell'investitore delle informazioni diffuse dall emittente al mercato in conformità dei suoi obblighi di informazione; c) qualora sia proposta un azione dinanzi all autorità giudiziaria in merito alle informazioni contenute nelle informazioni diffuse dall emittente al mercato, l investitore ricorrente potrebbe essere tenuto a sostenere le spese di traduzione delle informazioni diffuse dall emittente al mercato prima dell inizio del procedimento; d) la responsabilità civile incombe sulle persone che hanno redatto il documento di sintesi, ed eventualmente la sua traduzione, soltanto qualora lo stesso risulti fuorviante, impreciso o incoerente se letto congiuntamente alle informazioni diffuse dall emittente al mercato. A. Fattori di rischio Secondo quanto riportato nel Reference Document 2007, Gaz de France (la Società o GdF ) identifica i seguenti fattori di rischio:? Rischi legati al settore di business della Società: il rischio primario nell attività di fornitura e vendita di gas ed elettricità risiede nella inadeguatezza del portafoglio di fornitura rispetto a quello di vendita in termini di quantità, localizzazione geografica, prezzi e scadenze. In particolare tra i rischi commerciali vengono evidenziati: o Preferenze verso un unico fornitore: molti potenziali clienti vorrebbero aver un unico fornitore di utenze per gas ed elettricità. Pertanto per GdF ogni difficoltà di fornitura di elettricità potrebbe avere impatti anche sulla vendita di gas e sulle quote di mercato. o Impegni dei contratti take or pay : è un tipo di contratto in forza del quale compratore e venditore si impegnano per una quantità minima a lungo termine. Per onorare tali accordi GdF impegna l 80% del suo portafoglio di forn itura. Se le vendite dovessero scendere sarebbe costretta a comprare gas naturale che sarebbe poi costretta a vendere con uno sconto sostanziale. 1

2 o Rischi nella domanda: la strategia della Società è basata su un assunzione di un aumento dei consumi di gas ed elettricità in Francia e in Europa. La redditività degli investimenti risulterà ovviamente impattata da un eventuale errore in tale assunzione. Nel lungo termine molti fattori possono influenzare le scelte energetiche: cambiamenti nella crescita economica, convenienza economica del gas naturale in confronto ad altre forme di energia, orientamenti politici dei singoli paesi e dell Unione Europea, politiche sull energia nucleare e sulle energie rinnovabili, cambiamenti tecnologici. Nel breve termine il fattore più rilevante riguarda le condizioni climatiche. o Aumento della competizione: la liberalizzazione del mercato dell energia consente la diversificazione di prodotti e mercati ma anche l aumento della competizione. I clienti potrebbero non identificare bene il fornitore. GdF sta investendo in comunicazione per rafforzare la propria immagine. o Tensioni sulla fornitura di energia: la dipendenza dell Europa dai paesi esteri per i gas naturali aumenterà a causa di una produzione locale in calo e di fabbisogni crescenti. Per soddisfare i propri clienti GdF interviene con i suoi impianti e acquistando sul mercato sia spot che con contratti a lungo termine. Sul mercato la volatilità dei prezzi può essere alta.? Rischi legati al prezzo dei prodotti petroliferi e dei tassi di cambio : parte del business della Società, come le esplorazione e la produzione, è influenzata dal prezzo dei prodotti petroliferi a dai tassi di cambio, in particolare USD/Euro.? Rischi legati alla qualità della controparte: GdF deve relazionarsi con un gran numero di controparti (fornitori, produttori, clienti) ed è ovviamente esposta ad rischio di fallimento di ciascuno di essi.? Rischi di regolamentazione: parte delle vendite di energia di GdF sono soggette a regolamentazione delle tariffe. Decisioni delle autorità francesi o di altri paesi potrebbero impattare sui ricavi e sulla profittabilità di GdF.? Rischi legati alla crescita della Società: la strategia di crescita di GdF può essere impattata da diversi fattori quali: o Rischi di profittabilità delle acquisizioni: la crescita per acquisizione implica il ricorso ad aumenti di capitale che possono diluire gli attuali azionisti, incremento del livello di indebitamento o svalutazione di immobilizzazioni immateriali. Inoltre le società acquisite presentano il rischio di integrazione e di mancato conseguimento delle sinergie. o Fattori politici ed economici: GdF ha una quota crescente delle sue forniture da paesi esposti a rischi di crisi geopolitiche ed economiche. La Società potrebbe non essere in grado di far valere i propri diritti nelle opportune corti di giustizia. o Rinnovo delle autorizzazioni: GdF deve ottenere concessioni in molte aree per svolgere la sua attività. Il mancato rilascio o rinnovo delle concessioni o il cambiamento delle relative regolamentazioni potrebbero impattare sulla profittabilità della Società.? Rischi legati ai requisiti della crescita sostenibile: la crescita e la profittabilità di GdF sono influenzate dalle politiche sociali dei vari paesi che si concretizzano in certificati verdi, benefici fiscali per fonti rinnovabili ed altri vincoli e incentivi.? Rischi associati ai cambiamenti nel mercato dell energia: in Francia la distribuzione dell energia ha subito delle modiche a cui GdF si è dovuta adattare. Tali modifiche di mercato implicano cambiamenti all interno dell organizzazione di GdF che potrebbero generare costi e disfunzioni. 2

3 ? Rischi industriali: i rischi operativi cui GdF è esposta sono diversi e dipendono dall attività delle singole società di GdF: o Rischi connessi all attività di esplorazione e produzione: per tale attività i rischi sono connessi agli alti investimenti necessari, possibilità di non trovare riserve sufficienti a coprire i costi, ritardi nella trivellazione, rischi fiscali derivanti dalla legislazione dei singoli paesi, corruzione e frodi. o Incidenti industriali: sono rischi associati alla estrazione, immagazzinamento e trasporto del gas. Le copertura assicurative della Società potrebbero non coprire tutti i possibili eventi. Anche la bassa qualità del gas (presenza di acqua, olio o polvere) potrebbe causare incidenti. o Interruzione nella continuità del servizio: la non disponibilità di infrastrutture o impianti dovuta a guasti, calamità naturali ed altre cause di forza maggiore potrebbero causare l interruzione della fornitura del servizio con conseguente danno economico e di immagine alla Società.? Rischi legati al controllo delle informazioni: questo tipo di rischio riguarda due generi di problemi, la possibile sottrazione dolosa di informazioni confidenziali e possibili disfunzioni del sistema informativo aziendale.? Rischi legati all ambiente, alla salute, all igiene e alla sicurezza: le esigenze di sicurezza e tutela industriale e ambientale imposte dalle varie legislazioni sono state trasmesse all interno della Società attraverso istruzioni e best practice. Tuttavia possono ugualmente accadere incidenti, sabotaggi e ulteriori restrizioni legislative che potrebbero impattare sull immagine e sulla profittabilità di GdF.? Risk Management: oltre all audit e al risk management, GdF ha risorse dedicate alla supervisione dei rischi, formulazione delle policy e sensibilizzazione dell organizzazione su tali aspetti. La divisione Insurance di GdF è responsabile delle policy assicurative per tutte le società del gruppo ad eccezione di esigenze locali per rischi specifici. L attività di controllo è centralizzata nella funzione di insurance management. I principali contratti assicurativi riguardano la responsabilità civile, danni alla proprietà, interruzioni dell attività ed altri rischi.? Gestione dei rischi finanziari: la gestione dei rischi finanziari (cambi, liquidità e rischio di controparte) è sotto la responsabilità della divisione finanza. o Rischio di credito: tale rischio è monitorato da un Credit Commitee presieduto dal Chief Financial Officer e convocato mensilmente. La liquidità in eccesso è investita in strumenti ad elevato rating. o Rischio di liquidità: GdF ha attività liquide che possono essere smobilizzate per far fronte ad esigenze di cassa o per supportare temporaneamente acquisizioni. La controllante ha una linea di credito sindacato pari a 3 miliardi di euro con scadenza GdF ha anche accesso al mercato del debito a breve con un programma di credito commerciale in euro (1,25 miliardi usati per 200 milioni alla data del 31 dicembre 2007) e dollari americani (1 miliardo non utilizzato alla data del 31 dicembre 2007). La Società dispone di un sistema di cash pooling. o Rischio di tasso: riguarda sia i tassi di interesse che i tassi di cambio. La Società gestisce tale rischio attraverso diversi strumenti finanziari tra cui contratti swap e opzioni. Nel 2001 e 2003 la Società ha cartolarizzato i prestiti ai dipendenti per l acquisto della casa attraverso un veicolo ad hoc rimanendo esposta al rischio di tasso in misura marginale su tali prestiti. I rischi di cambio riguardano soprattutto il dollaro americano su acquisti e vendite di energia nonché sulla traslazione di tale effetto in bilancio (rischio di conversione). o Rischio azionario: la Società è soggetta al rischio azionario per i titoli in suo possesso e per i contratti di opzione intrapresi. 3

4 o Rischio materie prime: GdF utilizza strumenti derivati per copertura sulle commodities che acquista (gas, elettricità, idrocarburi) B. Informazioni sull'emittente 1. Storia e sviluppo dell'emittente e panoramica delle attività aziendali Gaz de France è una Societè Anonyme di diritto francese con sede legale a Parigi in Francia. La Società è stata costituita nel 1946 ed è una delle principali aziende europee nella fornitura del gas naturale. L'organizzazione operativa del Gruppo si articola oggi attorno a 5 rami: il ramo "Global Gaz e GNL" il ramo "Energie France" il ramo "Services" il ramo "International" il ramo "Infrastructures"? Il ramo "Global Gaz e GNL": o assicura la fornitura di prodotti energetici a tutti i clienti e gestisce il portafoglio dell offerta del gas della Società. Allo scopo di assicurare le risorse necessari a prezzi competitivi la Società ha continuato ad investire in questo settore nel 2007.? Il ramo "Energie France": o assicura lo sviluppo, e lo sfruttamento mantenendo le capacità di produzione di elettricità in Francia ed all'estero. Gestisce le relazioni con la clientela e assicura la comunicazione commerciale ai clienti.? Il ramo "Services": o si occupa dello sviluppo di offerte di servizi complementari alla fornitura di energia: servizi energetici, manutenzione industriale. Questa divisione comprende la fornitura di servizi all energia, la produzione e la gestione delle unità di cogenerazione e la distribuzione e il marketing di Natural Gas for Vehicles (NGV) e la fornitura dei servizi associati.? Il ramo "International": o questo ramo ha l'incarico di rafforzare la posizione delle filiali del Gruppo ad esso collegate ed insediate nel Mondo. È responsabile dello sviluppo di Gaz de France nei paesi esteri sviluppando il business in quelle aree dove la presenza della Società è consolidata. Inoltre vengono continuamente perseguite nuove opportunità di crescita all estero. 4

5 ? Il ramo "Infrastructures": o questo ramo assicura il trasporto, la distribuzione, lo stoccaggio di gas naturale e la rigassificazione del gas naturale liquefatto (GNL), in Francia. Le controllate GRTgaz e GrDF gestiscono la trasmissione e la distribuzione del gas naturale in Francia sulla base delle tariffe regolamentate. 2. Amministratori, alti dirigenti, dipendenti e revisori Board of Directors ( Consiglio di Amministrazione) La Società è amministrata attraverso un Consiglio di Amministrazione in base ad un sistema tradizionale. Alla data del 15 maggio 2008, il Consiglio di Amministrazione aveva la seguente composizione: Nome Cognome Ruolo Note Jean-Francois Cirelli Presidente e CEO Olivier Barrault Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz De France Jean-Louis Beffa ¹ Presidente del Consiglio di Amministrazione di Saint Gobain Bernard Calbrix Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz De France Aldo Cardoso Corporate Director in Accor, Imerys, Rhodia, Mobistar Non Voting Director in Axa Inv.Managers, Bureau Veritas Paul -Marie Chavanne ² Presidente e CEO di Europe Airpost, Deputy Managing Director di La Poste Guy Dollè Company Director di IDHR, Praxis International, ARC International Philippe Favre ² Presidente della French Agency for International Investment, Ambasciatore responsabile per gli Investimenti Internazionali Pierre Graff ² Presidente e CEO degli Aeroporti di Parigi Yves Ledoux Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz de France Peter Lehmann ¹ Presidente di Greenworks e di Fuel Poverty Advisory Group Jean-Francois Le Jeune Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz de France Philippe Lemoine¹ Presidente e CEO di LaSer e Presidente di LaSer Cofinoga Anna Marie Mourer Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz de France Xavier Musca ² Director del Treasury and Economic Policy. Ministero delle Economia, della Finanza e dell Occupazione. Fl orence Tordjaman ² Deputy Director Gas and Fossil Fuel Distribution. Ministero dell Ecologia e dello Sviluppo Sostenibile Edouard Viellefond ² Direttore dell agenzia governativa delle Partecipazioni Statali Comitati ¹ eletto dagli azionisti ² in rappresentanza del Governo La Società è guidata da un Comitato Esecutivo che si basa sulle competenze di sei comitati di direzione: Commitments Committee, Upstream-Downstream Committee, Infrastructures 5

6 Committee, Senior Management Committee, Group Human Resources Committee e Sustainable Development and Ethics Committee. Il comitato esecutivo si riunisce una volta a settimana ed è così composto: Jean Francois Girelli (Presidente), Yves Colliou, Jean Marie Dauger, Stèphane Brimont, Pierre Clavel, Henri Ducrè, Emmanuel Hedde, Raphaele Rabatel e Philippe Saimpert. In particolare, qui sotto sono descritte le funzioni dei principali Comitati: Comitato Composizione Osservazioni Compensation Commitee Jean Luis Beffa (Presidente), Edouard Vieillefond, Philippe Lemoine Il Comitato esprime pareri e suggerimenti sulla retribuzione del Presidente, CEO e del COO. Rilascia raccomandazioni per il Consiglio di Amministrazione sulle retribuzioni di alcune figure chiave dell organizzazione. Sustainable Development and Ethics Committee. Accounts and Audit Committee Strategy and Investments Committee Peter Lehmann (Presidente), Florence Tordjaman, Anne Marie Mourer, Yves Ledoux, Jean Francois Lejeune. Aldo Cardoso (Presidente), Eric Buttazzoni, Edouard Vieillefond, Paul -Marie Chavanne, Bernard Calbrix Peter Lehmann (Presidente), Florence Tordjaman, Philippe Favre, Edouard Viellefond, Anne Marie Mourer, Jean-Francois, Le Jeune. Lo scopo del Comitato è quello di garantire che uno sviluppo etico e sostenibile sia tenuto in considerazione nella gestione della Società. A tal fine, studia i processi e la policy per uno sviluppo etico e sostenibile in essere. Il Comitato rivede l annual report della Società eccetto per la parte finanziaria. Il Comitato controlla la corretta applicazione dei principi contabili nella redazione dei bilanci consolidati e nel trattamento delle transazioni significative a livello di gruppo, viene informato della strategia finanziaria e delle transazioni rilevanti, verificando il budget della Società e rivede i draft de business e management report annuali. Inoltre, esso controlla i rischi e gli impegni più rilevanti, attraverso una mappatura dei rischi, rivede le policy sul risk management a conduce una verifica sulla performance annuale delle principali società controllate. Infine, esso verifica che le procedure interne per la raccolta di informazione garantiscano l affidabilità delle stesse. Rilascia pareri sull attività dei revisori e sulla organizzazione di tale attività. Verifica il rispetto delle regole e principi in materia di indipendenza dei revisori, venendo informato dei compensi di questi. Presenta al Board i principali obbiettivi strategici, in particolare industriali, che ritiene importanti per la Società, nonché le questioni di maggiore interesse relativamente a investimenti, crescita organica e finanza straordinaria. Fonte: Gaz de France Reference Document 2007 e Annual Report 2007, company website Dipendenti Al 31 dicembre 2007 Gaz de France impiegava dipendenti (al 31 dicembre 2006 erano ). Società di Revisione Mazards & Guerard Ernst & Young Audit. 6

7 3. Capitale sociale e principali azionisti Il capitale sociale al 31 dicembre 2007 ammontava a , diviso in azioni ordinarie del valore nominale di 1. Gaz de France è quotata sulla borsa di Parigi. La composizione dell azionariato al 31 dicembre 2007 era la seguente: % del capitale Stato Francese 79.8 Dipendenti 2 Flottante 18.2 Totale 100,00 Fonte: Company Website 4. Operazioni concluse con parti collegate o correlate alla società In tale sezione vengono citate le relazioni con lo Stato Francese, le relazioni col gruppo EDF sulla distribuzione di energia, la costruzione di una centrale con RTE, i contratti di servizio con GRTgaz, gli accordi per la trasmissione del gas naturale con GrDF, i rapporti con Société du terminal méthanier de Fos Cavaou e con Cofathec Maintenance. Per ulteriori informazioni e dettagli si faccia riferimento al Reference Document 2007 della Società. C. Informazioni riguardanti il patrimonio, la situazione finanziaria ed i risultati economici dell emittente 1. Conto Economico, Stato Patrimoniale e Rendiconto Finanziario Consolidati CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO (esercizio al 31 dic) Vendite di beni Vendite di servizi Altri ricavi Ricavi Costo dei beni e dei servizi venduti (19.131) (19.976) Costo del personale (2.628) (2.581) Altri costi operativi (792) (856) Altri ricavi e spese operative Ammortamenti e accantonamenti (1.532) (1.247) Reddito operativo Proventi finanziari Oneri finanziari ( 272) (196) Altri proventi finanziari Altri oneri finanziari (607) (749) 7

8 Proventi da partecipazioni Risultato netto da attività finanziaria (221) (181) Risultato ante imposte Imposte (1.153) (1.104) Utile Netto Interessi di minoranza Gaz de France Fonte: Gaz de France Reference Document 2007 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO (al 31 dic) ATTIVO Avviamento Concessioni Altre immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Partecipazioni Immobilizzazioni finanziarie Imposte differite Altre immobilizzazioni Attivo immobilizzato Scorte e semilavorati Crediti commerciali Crediti fiscali Altri crediti Valore corrente strumenti derivati Altre immobilizzazioni correnti Titoli Cassa e disponibilità liquide Attivo corrente TOTALE ATTIVO PASSIVO E PATRIMONIO NETTO Risultato netto del gruppo Interessi di minoranza Patrimonio Netto Imposte differite passive Fondi e accantonamenti Debiti finanziari Altri debiti Passività a lungo termine Fondi e accantonamenti

9 Debiti finanziari Debiti verso fornitori Debiti per imposte Valore corrente strumenti derivati Altri debiti Passività a breve termine TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO Fonte: Gaz de France Reference Document 2007 RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO (esercizio al 31 dic) 2007 m 2006 m Flusso di cassa netto generato/(assorbito) dalla gestione caratteristica Flusso di cassa netto assorbito da attività di investimento (2.623) (2.174) Flusso di cassa netto generato/(assorbito) dall attività finanzi aria (1.403) (566) Disponibilità liquide e mezzi equivalenti a inizio esercizio Incremento/(Decremento) della liquidità e mezzi equivalenti Effetti del cambiamento del tasso di cambio e altri cambiamenti - 25 Disponibilità liquide e mezzi equivalenti a fine esercizio Fonte: Gaz de France Reference Document 2007 Per un dettagliato commento sulle singole voci di bilancio e sulle politiche contabili seguite, si invita a fare riferimento alle note del Reference Document Resoconto sulla gestione ed informazioni sulle tendenze previste I ricavi di Gaz de France hanno raggiunto i milioni di euro nel 2007, rispetto ai del Il fatturato internazionale ha raggiunto il 41% del totale. Sui risultati del 2007 hanno influito principalmente i seguenti fattori:? condizioni di mercato di fine d anno che hanno permesso a Gaz de France di sfruttare pienamente il suo portafoglio GNL;? aumento del controllo sui costi operativi;? condizioni climatiche favorevoli. Il segmento delle esplorazioni è quello che ha maggiormente contribuito al risultato di gruppo. L attività di acquisto e vendita di energia ha fatto registrare buoni risultati dal punto di vista delle vendite. Il segmento dei Servizi ha visto incrementare la sua profittabilità. L attività di Trasmissione e Immagazzinaggio ha fatto registrare ottimi risultati. L attività di distribuzione in Francia ha visto un anno difficoltoso a causa di sfavorevoli condizioni climatiche. L Utile Netto di Gaz de France nel 2007 ammontava a milioni, pari a circa l 8% dei ricavi. 9

10 3. Recenti operazioni straordinarie significative Nel corso del 2006 e del 2007 il consiglio di amministrazione di Gaz de France e quello di Suez si sono riuniti per dichiarare la loro volontà di realizzare una fusione tra le due società con la creazione di GDF SUEZ. La logica industriale dell operazione si basa sui seguenti fattori:? le nuovi dimensioni globali permetterebbero un controllo migliore sulla fornitura;? forti fattori di complementarità geografica e industriale;? migliore posizionamento competitivo di fronte ai cambiamenti del settore. Le sinergie create dovrebbero derivare da:? economie di scala e riduzione costi;? sinergie commerciali. 4. Risultati del primo trimestre 2008: Durante il primo trimestre 2008, la Società ha realizzato un fatturato di milioni con un incremenmto del 15% rispetto al primo trimestre A livello internazionale il fatturato è salito a milioni con un incremento del 19% rispetto al dato Viene confermato l obbiettivo di EBITDA 2008 a 6,1 miliardi. Di seguito sono riportate i ricavi del primo trimestre, suddivisi per divisione: Ricavi (tre mesi al 31 marzo) Variazione % Esplorazioni e produzione % Acquisto e vendita di energia % Servizi % Trasmissione e immagazzinaggio ,7% Distribuzione Francia ,1% Trasmissione e distribuzione ,6% internazionale Altri (2.226) (2.072) Totale Gruppo Fonte: Gaz de France First Quarter Revenues 2008 financial press releases 10

11 Documenti accessibili al pubblico Il presente documento di sintesi è stato elaborato sulla base del Gaz de France Reference Document 2007, Gaz de France Annual Report 2007 e del Gaz de France First Quarter Revenues 2008 financial press releases, reperibili sul sito web nella sezione Finance. I comunicati stampa della Società sono reperibili sul sito web nella medesima sezione. 11

PROFILO DEL. GRuPPO L ATTIVITÀ E LA STRUTTURA DEL GRUPPO 14 PRINCIPALI RISCHI E OPPORTUNITÀ DELLE ATTIVITÀ DI GTECH 15

PROFILO DEL. GRuPPO L ATTIVITÀ E LA STRUTTURA DEL GRUPPO 14 PRINCIPALI RISCHI E OPPORTUNITÀ DELLE ATTIVITÀ DI GTECH 15 PROFILO DEL GRuPPO L ATTIVITÀ E LA STRUTTURA DEL GRUPPO 14 PRINCIPALI RISCHI E OPPORTUNITÀ DELLE ATTIVITÀ DI GTECH 15 CORPORATE GOVERNANCE E COMPLIANCE 15 12 Bilancio di Sostenibilità GTECH Il Profilo

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2015

Comunicato Stampa 12 novembre 2015 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 settembre 2015 Fatturato pari a Euro 145,6 mln (Euro 173,9 mln al 30 settembre 2014) EBITDA pari a Euro 1,9 mln (Euro 14,1 mln al 30 settembre 2014) EBIT pari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 NELL ANNO RICAVI IN CRESCITA DEL 4,2% A CAMBI COSTANTI E DELL 1,8% AL

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015

EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 Amaro (UD), 13 novembre 2015 Ricavi consolidati: da 45,95 milioni a 47,26 milioni Primo margine consolidato: da 22,15 milioni

Dettagli

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004 APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004 PROPOSTA LA DISTRIBUZIONE DI DIVIDENDI 1. Attività del Gruppo Alerion nel 2004 Investimenti in partecipazioni strategiche o Enertad o Eurovision Dismissioni immobiliari

Dettagli

Comunicato Stampa 13 novembre 2014

Comunicato Stampa 13 novembre 2014 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 settembre 2014; il terzo trimestre conferma il trend di crescita di fatturato e utile Fatturato pari a Euro 173,9 mln,

Dettagli

risultato operativo (EBIT) positivo e pari ad euro 58 migliaia; risultato netto di competenza del Gruppo negativo e pari ad euro 448 migliaia.

risultato operativo (EBIT) positivo e pari ad euro 58 migliaia; risultato netto di competenza del Gruppo negativo e pari ad euro 448 migliaia. Il Gruppo Fullsix consolida la crescita e la marginalità industriale. Il Consiglio di Amministrazione di FullSix S.p.A. ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015. Nel dettaglio,

Dettagli

BANCA DI ROMAGNA S.P.A.

BANCA DI ROMAGNA S.P.A. BANCA DI ROMAGNA S.P.A. Sede sociale in Faenza (RA), Corso Garibaldi n. 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5294 Appartenente al Gruppo CASSA DI RISPARMIO DI CESENA iscritto all Albo dei Gruppi Bancari

Dettagli

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA Società cooperativa per azioni Sede sociale: Vicenza, Via Btg. Framarin n. 18 Iscritta al n. 1515 dell Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari, codice ABI 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. Fatturato consolidato a Euro 450,5 milioni, in crescita del 29,0% rispetto allo

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : DEUTSCHE TELEKOM A.G. OBBLIGAZIONI SOCIETA : DEUTSCHE TELEKOM A.G.

DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : DEUTSCHE TELEKOM A.G. OBBLIGAZIONI SOCIETA : DEUTSCHE TELEKOM A.G. DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : DEUTSCHE TELEKOM A.G. OBBLIGAZIONI SOCIETA : DEUTSCHE TELEKOM A.G. Il presente Documento di sintesi non è un prospetto informativo ma un documento redatto

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 Geox S.p.A. Sede in Biadene di Montebelluna (TV) - Via Feltrina Centro 16 Capitale Sociale euro 25.884.400 = int. versato Codice fiscale

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 Dati semestrali consolidati al 30 giugno 2015 redatti secondo i principi contabili internazionali

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale 1 trimestre 2007 Reno De Medici S.p.A. Sede Legale in Milano Via dei Bossi, 4 Direzione Generale e Amministrativa: Pontenuovo di Magenta (MI) Via G. De Medici, 17 Capitale sociale

Dettagli

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 Ricavi 1H15 in crescita del +23% (Euro 99,7 milioni vs Euro 81,2 milioni nel 1H14), rispetto al +13% 1 registrato nell 1H14 vs 1H13 o +25% i Ricavi

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Salvatore Ferragamo S.p.A.

Salvatore Ferragamo S.p.A. COMUNICATO STAMPA Salvatore Ferragamo S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 Continua la crescita dei Ricavi e dei Profitti del

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo trimestre 2006 e un nuovo finanziamento Ricavi nel trimestre a 202,7 milioni di Euro, in crescita del 17% su base annua EBITDA nel

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : PPR OBBLIGAZIONI SOCIETA : PPR

DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : PPR OBBLIGAZIONI SOCIETA : PPR DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : PPR OBBLIGAZIONI SOCIETA : PPR Il presente Documento di sintesi non è un prospetto informativo ma un documento redatto il 13 dicembre 2006 da Borsa Italiana

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

LVENTURE GROUP: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

LVENTURE GROUP: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 LVENTURE GROUP: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Valore del Portafoglio startup pari a circa Euro 4,0 milioni, +18% rispetto a Euro 3,4 milioni al 31 dicembre 2014 13 operazioni di investimento

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Comunicato Stampa 27 agosto 2013

Comunicato Stampa 27 agosto 2013 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 giugno 2013 o Fatturato a 112,0 milioni di euro (139,2 milioni di euro al 30 giugno 2012) o EBITDA a 5,1 milioni di euro (16,2 milioni di euro al 30 giugno

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

Comunicato Stampa 13 marzo 2015

Comunicato Stampa 13 marzo 2015 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento nel 2014 Fatturato pari a Euro 233,2 mln, +5% rispetto a Euro 222,8 mln nel 2013 EBITDA pari a Euro 18,3 mln, +66% rispetto

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 APPROVATI I RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2015 Ricavi consolidati totali: 36,1

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Margine Operativo Lordo, a 562 milioni di euro,

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 Ricavi netti 3.875 migliaia ( 3.164 migliaia al 30 giugno 2014)

Dettagli

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 COMUNICATO STAMPA BIENNE, 14 MARZO 2008 SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 Utile netto supera per la prima volta il tetto di 1 miliardo di CHF. Margine operativo migliorato a 21.9% (anno precedente 20.2%);

Dettagli

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013

Comunicato Stampa. Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Comunicato Stampa Il Consiglio di Amministrazione di Ambromobiliare S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2013 Ricavi netti 1.799 migliaia ( 1.641 migliaia al 30 giugno 2012)

Dettagli

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2014 Il Gruppo ha chiuso il 2014 superando gli obiettivi di margine operativo lordo e indebitamento finanziario netto Ricavi a 948,0

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

Salvatore Ferragamo S.p.A.

Salvatore Ferragamo S.p.A. COMUNICATO STAMPA Salvatore Ferragamo S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 e il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 Un altro anno di crescita del

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. AZIONI ORDINARIE SOCIETA : Carrefour S.A. OBBLIGAZIONI SOCIETA : Carrefour S.A.

DOCUMENTO DI SINTESI. AZIONI ORDINARIE SOCIETA : Carrefour S.A. OBBLIGAZIONI SOCIETA : Carrefour S.A. DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : Carrefour S.A. OBBLIGAZIONI SOCIETA : Carrefour S.A. Il presente Documento di sintesi non è un prospetto informativo ma un documento redatto il 18 luglio

Dettagli

NOTA DI SINTESI. Informazioni generali sugli Emittenti e sul Garante. Emittenti:

NOTA DI SINTESI. Informazioni generali sugli Emittenti e sul Garante. Emittenti: NOTA DI SINTESI La presente nota di sintesi deve essere letta come introduzione a questo Prospetto di Base e qualsiasi decisione di investire nei Titoli dovrebbe essere basata sull esame da parte dell

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015 Risultati progressivi in forte miglioramento (EBITDA +23%). Indebitamento finanziario

Dettagli

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 COMUNICATO STAMPA Nel 1H11: Ricavi consolidati: 174,0 milioni di euro (+1,4% sul 1H10) Utile ante imposte: 48,6 milioni di euro (+2,7% sul 1H10) Utile netto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : CRÉDIT AGRICOLE S.A. OBBLIGAZIONI SOCIETA : CRÉDIT AGRICOLE S.A.

DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : CRÉDIT AGRICOLE S.A. OBBLIGAZIONI SOCIETA : CRÉDIT AGRICOLE S.A. DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : CRÉDIT AGRICOLE S.A. OBBLIGAZIONI SOCIETA : CRÉDIT AGRICOLE S.A. Il presente Documento di sintesi non è un prospetto informativo ma un documento redatto

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato dell esercizio 2014.

Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato dell esercizio 2014. Comunicato stampa Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato dell esercizio 2014. Ricavi a 354,7 milioni di euro (355 milioni di euro nel 2013) EBITDA a 31,5 milioni di euro (33,1

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2010 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2015

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 Significativa crescita dei Ricavi o +20% nel 1Q15 vs 1Q14 (Euro 49,7 milioni rispetto a Euro 41,3 milioni nel 1Q14) rispetto al +12% 1 di crescita registrato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE RICAVI: 70,5 milioni di euro; -1,7 milioni di euro rispetto all esercizio (72,2 milioni di euro) EBITDA: 25,4 milioni

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

Banca Romagna Cooperativa Credito Cooperativo Romagna Centro e Macerone s.c.

Banca Romagna Cooperativa Credito Cooperativo Romagna Centro e Macerone s.c. Società Cooperativa Sede Legale: 47023 Cesena Via L.Lucchi 135 Codice ABI 07073 - C.F.-P.IVA-03762240400 Iscrizione Albo Banche n. 5695 Iscrizione Albo Soc. Cooperative n. A194399 R.E.A. (Repertorio Economico

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 Convocata l Assemblea ordinaria della società per il prossimo 24 aprile in unica convocazione Valutati i requisiti di indipendenza

Dettagli

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2014

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2014 BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2014 Significativa crescita dei Ricavi o +21% i Ricavi totali (Euro 185,0 milioni rispetto a Euro 153,0 milioni nel 2013) o +23% i Ricavi e-commerce (Euro

Dettagli

Relazione Finanziaria Annuale 2012

Relazione Finanziaria Annuale 2012 Relazione Finanziaria Annuale 2012 RElazione finanziaria annuale 2012 INDICE 3 > Indice Relazione sulla Gestione 5 Appendice 44 Relazione sul Governo Societario 55 Bilancio consolidato 95 Situazione

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 In considerazione dei positivi risultati economico finanziari il CdA propone

Dettagli

SINTESI DEL PROSPETTO

SINTESI DEL PROSPETTO società per azioni (société anonyme) con capitale sociale pari a 583,270,841.25 sede legale: 29, boulevard Haussmann 75009 PARIGI 552 120 222 R.C.S PARIGI SINTESI DEL PROSPETTO La presente nota di sintesi

Dettagli

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP Requisiti di partecipazione Per FIA si intende lo OICR in fase raccolta che viene proposto. Per GEFIA (di seguito per brevità SOCIETA o GEFIA) si intende il soggetto che ha costituito e gestirà il FIA.

Dettagli

Iniziative e sviluppi del 2013

Iniziative e sviluppi del 2013 COMUNICATO STAMPA GALA: il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio individuale e consolidato dell esercizio 2013: Ricavi consolidati a 1.341,5 milioni di Euro e utile netto a 20,5 milioni di Euro

Dettagli

LOTTOMATICA GROUP S.p.A.

LOTTOMATICA GROUP S.p.A. LOTTOMATICA GROUP S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d 00154 Roma Capitale sociale Euro 152.286.837,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE Redatta secondo principi contabili internazionali IAS/IFRS Gruppo MutuiOnline S.p.A. (in breve Gruppo MOL S.p.A. o MOL Holding S.p.A.) Sede Legale: Corso

Dettagli

Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano ufficiostampa@edison.it

Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano ufficiostampa@edison.it Edison Spa Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano ufficiostampa@edison.it Comunicato stampa EDISON CHIUDE IL PRIMO TRIMESTRE CON RICAVI A 3,1 MILIARDI

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE 2013 IAS/IFRS

RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE 2013 IAS/IFRS RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE 2013 IAS/IFRS Luxottica Group S.p.A., Via Cantù, 2, 20123 Milano - C.F. Iscr. Reg. Imp. Milano n. 00891030272 - Partita IVA 10182640150 1. RELAZIONE SULLA GESTIONE 2. RELAZIONE

Dettagli

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98)

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) INDICE PREMESSA... 4 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015... 5 HIGHLIGHTS DEL PERIODO... 6

Dettagli

LOTTOMATICA ANNUNCIA I RISULTATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2007 AL 30 SETTEMBRE 2007

LOTTOMATICA ANNUNCIA I RISULTATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2007 AL 30 SETTEMBRE 2007 COMUNICATO STAMPA LOTTOMATICA ANNUNCIA I RISULTATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2007 AL 30 SETTEMBRE 2007 Ricavi pari a 1,22 miliardi di euro nei nove mesi del 2007, rispetto ai 566 milioni di euro relativi

Dettagli

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo prospetto semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese.

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo prospetto semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo prospetto semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. MSMM FUNDS PLC Gli Amministratori Director s signature

Dettagli

P R E S S R E L E A S E

P R E S S R E L E A S E TXT e-solutions: Ricavi 2014 +6,3% a 55,9 milioni EBITDA +8,4%, Utile netto 4,2 milioni Proposto dividendo di 0,25 per azione 1 azione gratuita ogni 10 possedute Ricavi netti consolidati: 55,9 milioni

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

NOTA DI SINTESI EMITTENTE ALERION CLEAN POWER S.P.A.

NOTA DI SINTESI EMITTENTE ALERION CLEAN POWER S.P.A. NOTA DI SINTESI EMITTENTE ALERION CLEAN POWER S.P.A. Nota di Sintesi depositata presso Consob in data 30 gennaio 2015 a seguito di comunicazione del provvedimento di approvazione, con nota del 30 gennaio

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA Società cooperativa per azioni Sede sociale: Vicenza, Via Btg. Framarin n. 18 Iscritta al n. 1515 dell Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari, codice ABI 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare di

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012

Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012 Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012 Vendite pari a Euro 40,7 milioni (Euro 41,4 milioni al 31 dicembre 2011) EBITDA negativo per Euro 0,66 milioni (negativo per Euro

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007

Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007 Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007 Sommario i Ricavi del semestre sono pari a 101,5 milioni, in diminuzione del 6,9% rispetto a 109 milioni consuntivati

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TE WIND S.A.

COMUNICATO STAMPA TE WIND S.A. COMUNICATO STAMPA TE WIND S.A. IL CDA APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 3 GIUGNO 214 IL PIANO OPERATIVO PROSEGUE CON SUCCESSO IN AUMENTO SIA LE INSTALLAZIONI CHE LE TURBINE IN

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO Sede legale: Foro Buonaparte, 24, 20121 Milano Capitale sociale: 80.100.090,32 i.v. Registro delle Imprese di Milano e C.F. 05916630154 DOCUMENTO INFORMATIVO (Ai sensi dell art. 71 del Regolamento CONSOB

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Il CdA di Meridiana S.p.A. approva il progetto di bilancio separato e consolidato dell esercizio 2012

Il CdA di Meridiana S.p.A. approva il progetto di bilancio separato e consolidato dell esercizio 2012 Comunicato stampa / Press release Il CdA di Meridiana S.p.A. approva il progetto di bilancio separato e consolidato dell esercizio 2012 Il Socio AKFED converte a fondo copertura perdite finanziamenti per

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli