DOCUMENTO DI SINTESI. AZIONI ORDINARIE SOCIETA : Gaz de France OBBLIGAZIONI SOCIETA : Gaz de France

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI SINTESI. AZIONI ORDINARIE SOCIETA : Gaz de France OBBLIGAZIONI SOCIETA : Gaz de France"

Transcript

1 DOCUMENTO DI SINTESI AZIONI ORDINARIE SOCIETA : Gaz de France OBBLIGAZIONI SOCIETA : Gaz de France Il presente Documento di sintesi non è un prospetto informativo ma un documento redatto il 10 luglio 2008 da Borsa Italiana ai sensi dell art. 57, comma 1, lettera h) del Regolamento Consob n /99 ai fini della ammissione alle negoziazioni delle azioni ordinarie nel segmento MTA International e delle obbligazioni nel segmento EuroMOT, in regime di esenzione dall obbligo di pubblicazione del prospetto, sulla base delle informazioni contenute nel Reference Document 2007, ove non diversamente specificato. Avvertenze: a) il presente documento va letto come un'introduzione alle informazioni diffuse dall emittente al mercato; b) qualsiasi decisione di investire negli strumenti finanziari dovrebbe basarsi sull'esame da parte dell'investitore delle informazioni diffuse dall emittente al mercato in conformità dei suoi obblighi di informazione; c) qualora sia proposta un azione dinanzi all autorità giudiziaria in merito alle informazioni contenute nelle informazioni diffuse dall emittente al mercato, l investitore ricorrente potrebbe essere tenuto a sostenere le spese di traduzione delle informazioni diffuse dall emittente al mercato prima dell inizio del procedimento; d) la responsabilità civile incombe sulle persone che hanno redatto il documento di sintesi, ed eventualmente la sua traduzione, soltanto qualora lo stesso risulti fuorviante, impreciso o incoerente se letto congiuntamente alle informazioni diffuse dall emittente al mercato. A. Fattori di rischio Secondo quanto riportato nel Reference Document 2007, Gaz de France (la Società o GdF ) identifica i seguenti fattori di rischio:? Rischi legati al settore di business della Società: il rischio primario nell attività di fornitura e vendita di gas ed elettricità risiede nella inadeguatezza del portafoglio di fornitura rispetto a quello di vendita in termini di quantità, localizzazione geografica, prezzi e scadenze. In particolare tra i rischi commerciali vengono evidenziati: o Preferenze verso un unico fornitore: molti potenziali clienti vorrebbero aver un unico fornitore di utenze per gas ed elettricità. Pertanto per GdF ogni difficoltà di fornitura di elettricità potrebbe avere impatti anche sulla vendita di gas e sulle quote di mercato. o Impegni dei contratti take or pay : è un tipo di contratto in forza del quale compratore e venditore si impegnano per una quantità minima a lungo termine. Per onorare tali accordi GdF impegna l 80% del suo portafoglio di forn itura. Se le vendite dovessero scendere sarebbe costretta a comprare gas naturale che sarebbe poi costretta a vendere con uno sconto sostanziale. 1

2 o Rischi nella domanda: la strategia della Società è basata su un assunzione di un aumento dei consumi di gas ed elettricità in Francia e in Europa. La redditività degli investimenti risulterà ovviamente impattata da un eventuale errore in tale assunzione. Nel lungo termine molti fattori possono influenzare le scelte energetiche: cambiamenti nella crescita economica, convenienza economica del gas naturale in confronto ad altre forme di energia, orientamenti politici dei singoli paesi e dell Unione Europea, politiche sull energia nucleare e sulle energie rinnovabili, cambiamenti tecnologici. Nel breve termine il fattore più rilevante riguarda le condizioni climatiche. o Aumento della competizione: la liberalizzazione del mercato dell energia consente la diversificazione di prodotti e mercati ma anche l aumento della competizione. I clienti potrebbero non identificare bene il fornitore. GdF sta investendo in comunicazione per rafforzare la propria immagine. o Tensioni sulla fornitura di energia: la dipendenza dell Europa dai paesi esteri per i gas naturali aumenterà a causa di una produzione locale in calo e di fabbisogni crescenti. Per soddisfare i propri clienti GdF interviene con i suoi impianti e acquistando sul mercato sia spot che con contratti a lungo termine. Sul mercato la volatilità dei prezzi può essere alta.? Rischi legati al prezzo dei prodotti petroliferi e dei tassi di cambio : parte del business della Società, come le esplorazione e la produzione, è influenzata dal prezzo dei prodotti petroliferi a dai tassi di cambio, in particolare USD/Euro.? Rischi legati alla qualità della controparte: GdF deve relazionarsi con un gran numero di controparti (fornitori, produttori, clienti) ed è ovviamente esposta ad rischio di fallimento di ciascuno di essi.? Rischi di regolamentazione: parte delle vendite di energia di GdF sono soggette a regolamentazione delle tariffe. Decisioni delle autorità francesi o di altri paesi potrebbero impattare sui ricavi e sulla profittabilità di GdF.? Rischi legati alla crescita della Società: la strategia di crescita di GdF può essere impattata da diversi fattori quali: o Rischi di profittabilità delle acquisizioni: la crescita per acquisizione implica il ricorso ad aumenti di capitale che possono diluire gli attuali azionisti, incremento del livello di indebitamento o svalutazione di immobilizzazioni immateriali. Inoltre le società acquisite presentano il rischio di integrazione e di mancato conseguimento delle sinergie. o Fattori politici ed economici: GdF ha una quota crescente delle sue forniture da paesi esposti a rischi di crisi geopolitiche ed economiche. La Società potrebbe non essere in grado di far valere i propri diritti nelle opportune corti di giustizia. o Rinnovo delle autorizzazioni: GdF deve ottenere concessioni in molte aree per svolgere la sua attività. Il mancato rilascio o rinnovo delle concessioni o il cambiamento delle relative regolamentazioni potrebbero impattare sulla profittabilità della Società.? Rischi legati ai requisiti della crescita sostenibile: la crescita e la profittabilità di GdF sono influenzate dalle politiche sociali dei vari paesi che si concretizzano in certificati verdi, benefici fiscali per fonti rinnovabili ed altri vincoli e incentivi.? Rischi associati ai cambiamenti nel mercato dell energia: in Francia la distribuzione dell energia ha subito delle modiche a cui GdF si è dovuta adattare. Tali modifiche di mercato implicano cambiamenti all interno dell organizzazione di GdF che potrebbero generare costi e disfunzioni. 2

3 ? Rischi industriali: i rischi operativi cui GdF è esposta sono diversi e dipendono dall attività delle singole società di GdF: o Rischi connessi all attività di esplorazione e produzione: per tale attività i rischi sono connessi agli alti investimenti necessari, possibilità di non trovare riserve sufficienti a coprire i costi, ritardi nella trivellazione, rischi fiscali derivanti dalla legislazione dei singoli paesi, corruzione e frodi. o Incidenti industriali: sono rischi associati alla estrazione, immagazzinamento e trasporto del gas. Le copertura assicurative della Società potrebbero non coprire tutti i possibili eventi. Anche la bassa qualità del gas (presenza di acqua, olio o polvere) potrebbe causare incidenti. o Interruzione nella continuità del servizio: la non disponibilità di infrastrutture o impianti dovuta a guasti, calamità naturali ed altre cause di forza maggiore potrebbero causare l interruzione della fornitura del servizio con conseguente danno economico e di immagine alla Società.? Rischi legati al controllo delle informazioni: questo tipo di rischio riguarda due generi di problemi, la possibile sottrazione dolosa di informazioni confidenziali e possibili disfunzioni del sistema informativo aziendale.? Rischi legati all ambiente, alla salute, all igiene e alla sicurezza: le esigenze di sicurezza e tutela industriale e ambientale imposte dalle varie legislazioni sono state trasmesse all interno della Società attraverso istruzioni e best practice. Tuttavia possono ugualmente accadere incidenti, sabotaggi e ulteriori restrizioni legislative che potrebbero impattare sull immagine e sulla profittabilità di GdF.? Risk Management: oltre all audit e al risk management, GdF ha risorse dedicate alla supervisione dei rischi, formulazione delle policy e sensibilizzazione dell organizzazione su tali aspetti. La divisione Insurance di GdF è responsabile delle policy assicurative per tutte le società del gruppo ad eccezione di esigenze locali per rischi specifici. L attività di controllo è centralizzata nella funzione di insurance management. I principali contratti assicurativi riguardano la responsabilità civile, danni alla proprietà, interruzioni dell attività ed altri rischi.? Gestione dei rischi finanziari: la gestione dei rischi finanziari (cambi, liquidità e rischio di controparte) è sotto la responsabilità della divisione finanza. o Rischio di credito: tale rischio è monitorato da un Credit Commitee presieduto dal Chief Financial Officer e convocato mensilmente. La liquidità in eccesso è investita in strumenti ad elevato rating. o Rischio di liquidità: GdF ha attività liquide che possono essere smobilizzate per far fronte ad esigenze di cassa o per supportare temporaneamente acquisizioni. La controllante ha una linea di credito sindacato pari a 3 miliardi di euro con scadenza GdF ha anche accesso al mercato del debito a breve con un programma di credito commerciale in euro (1,25 miliardi usati per 200 milioni alla data del 31 dicembre 2007) e dollari americani (1 miliardo non utilizzato alla data del 31 dicembre 2007). La Società dispone di un sistema di cash pooling. o Rischio di tasso: riguarda sia i tassi di interesse che i tassi di cambio. La Società gestisce tale rischio attraverso diversi strumenti finanziari tra cui contratti swap e opzioni. Nel 2001 e 2003 la Società ha cartolarizzato i prestiti ai dipendenti per l acquisto della casa attraverso un veicolo ad hoc rimanendo esposta al rischio di tasso in misura marginale su tali prestiti. I rischi di cambio riguardano soprattutto il dollaro americano su acquisti e vendite di energia nonché sulla traslazione di tale effetto in bilancio (rischio di conversione). o Rischio azionario: la Società è soggetta al rischio azionario per i titoli in suo possesso e per i contratti di opzione intrapresi. 3

4 o Rischio materie prime: GdF utilizza strumenti derivati per copertura sulle commodities che acquista (gas, elettricità, idrocarburi) B. Informazioni sull'emittente 1. Storia e sviluppo dell'emittente e panoramica delle attività aziendali Gaz de France è una Societè Anonyme di diritto francese con sede legale a Parigi in Francia. La Società è stata costituita nel 1946 ed è una delle principali aziende europee nella fornitura del gas naturale. L'organizzazione operativa del Gruppo si articola oggi attorno a 5 rami: il ramo "Global Gaz e GNL" il ramo "Energie France" il ramo "Services" il ramo "International" il ramo "Infrastructures"? Il ramo "Global Gaz e GNL": o assicura la fornitura di prodotti energetici a tutti i clienti e gestisce il portafoglio dell offerta del gas della Società. Allo scopo di assicurare le risorse necessari a prezzi competitivi la Società ha continuato ad investire in questo settore nel 2007.? Il ramo "Energie France": o assicura lo sviluppo, e lo sfruttamento mantenendo le capacità di produzione di elettricità in Francia ed all'estero. Gestisce le relazioni con la clientela e assicura la comunicazione commerciale ai clienti.? Il ramo "Services": o si occupa dello sviluppo di offerte di servizi complementari alla fornitura di energia: servizi energetici, manutenzione industriale. Questa divisione comprende la fornitura di servizi all energia, la produzione e la gestione delle unità di cogenerazione e la distribuzione e il marketing di Natural Gas for Vehicles (NGV) e la fornitura dei servizi associati.? Il ramo "International": o questo ramo ha l'incarico di rafforzare la posizione delle filiali del Gruppo ad esso collegate ed insediate nel Mondo. È responsabile dello sviluppo di Gaz de France nei paesi esteri sviluppando il business in quelle aree dove la presenza della Società è consolidata. Inoltre vengono continuamente perseguite nuove opportunità di crescita all estero. 4

5 ? Il ramo "Infrastructures": o questo ramo assicura il trasporto, la distribuzione, lo stoccaggio di gas naturale e la rigassificazione del gas naturale liquefatto (GNL), in Francia. Le controllate GRTgaz e GrDF gestiscono la trasmissione e la distribuzione del gas naturale in Francia sulla base delle tariffe regolamentate. 2. Amministratori, alti dirigenti, dipendenti e revisori Board of Directors ( Consiglio di Amministrazione) La Società è amministrata attraverso un Consiglio di Amministrazione in base ad un sistema tradizionale. Alla data del 15 maggio 2008, il Consiglio di Amministrazione aveva la seguente composizione: Nome Cognome Ruolo Note Jean-Francois Cirelli Presidente e CEO Olivier Barrault Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz De France Jean-Louis Beffa ¹ Presidente del Consiglio di Amministrazione di Saint Gobain Bernard Calbrix Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz De France Aldo Cardoso Corporate Director in Accor, Imerys, Rhodia, Mobistar Non Voting Director in Axa Inv.Managers, Bureau Veritas Paul -Marie Chavanne ² Presidente e CEO di Europe Airpost, Deputy Managing Director di La Poste Guy Dollè Company Director di IDHR, Praxis International, ARC International Philippe Favre ² Presidente della French Agency for International Investment, Ambasciatore responsabile per gli Investimenti Internazionali Pierre Graff ² Presidente e CEO degli Aeroporti di Parigi Yves Ledoux Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz de France Peter Lehmann ¹ Presidente di Greenworks e di Fuel Poverty Advisory Group Jean-Francois Le Jeune Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz de France Philippe Lemoine¹ Presidente e CEO di LaSer e Presidente di LaSer Cofinoga Anna Marie Mourer Amministratore eletto in rappresentanza dei dipendenti di Gaz de France Xavier Musca ² Director del Treasury and Economic Policy. Ministero delle Economia, della Finanza e dell Occupazione. Fl orence Tordjaman ² Deputy Director Gas and Fossil Fuel Distribution. Ministero dell Ecologia e dello Sviluppo Sostenibile Edouard Viellefond ² Direttore dell agenzia governativa delle Partecipazioni Statali Comitati ¹ eletto dagli azionisti ² in rappresentanza del Governo La Società è guidata da un Comitato Esecutivo che si basa sulle competenze di sei comitati di direzione: Commitments Committee, Upstream-Downstream Committee, Infrastructures 5

6 Committee, Senior Management Committee, Group Human Resources Committee e Sustainable Development and Ethics Committee. Il comitato esecutivo si riunisce una volta a settimana ed è così composto: Jean Francois Girelli (Presidente), Yves Colliou, Jean Marie Dauger, Stèphane Brimont, Pierre Clavel, Henri Ducrè, Emmanuel Hedde, Raphaele Rabatel e Philippe Saimpert. In particolare, qui sotto sono descritte le funzioni dei principali Comitati: Comitato Composizione Osservazioni Compensation Commitee Jean Luis Beffa (Presidente), Edouard Vieillefond, Philippe Lemoine Il Comitato esprime pareri e suggerimenti sulla retribuzione del Presidente, CEO e del COO. Rilascia raccomandazioni per il Consiglio di Amministrazione sulle retribuzioni di alcune figure chiave dell organizzazione. Sustainable Development and Ethics Committee. Accounts and Audit Committee Strategy and Investments Committee Peter Lehmann (Presidente), Florence Tordjaman, Anne Marie Mourer, Yves Ledoux, Jean Francois Lejeune. Aldo Cardoso (Presidente), Eric Buttazzoni, Edouard Vieillefond, Paul -Marie Chavanne, Bernard Calbrix Peter Lehmann (Presidente), Florence Tordjaman, Philippe Favre, Edouard Viellefond, Anne Marie Mourer, Jean-Francois, Le Jeune. Lo scopo del Comitato è quello di garantire che uno sviluppo etico e sostenibile sia tenuto in considerazione nella gestione della Società. A tal fine, studia i processi e la policy per uno sviluppo etico e sostenibile in essere. Il Comitato rivede l annual report della Società eccetto per la parte finanziaria. Il Comitato controlla la corretta applicazione dei principi contabili nella redazione dei bilanci consolidati e nel trattamento delle transazioni significative a livello di gruppo, viene informato della strategia finanziaria e delle transazioni rilevanti, verificando il budget della Società e rivede i draft de business e management report annuali. Inoltre, esso controlla i rischi e gli impegni più rilevanti, attraverso una mappatura dei rischi, rivede le policy sul risk management a conduce una verifica sulla performance annuale delle principali società controllate. Infine, esso verifica che le procedure interne per la raccolta di informazione garantiscano l affidabilità delle stesse. Rilascia pareri sull attività dei revisori e sulla organizzazione di tale attività. Verifica il rispetto delle regole e principi in materia di indipendenza dei revisori, venendo informato dei compensi di questi. Presenta al Board i principali obbiettivi strategici, in particolare industriali, che ritiene importanti per la Società, nonché le questioni di maggiore interesse relativamente a investimenti, crescita organica e finanza straordinaria. Fonte: Gaz de France Reference Document 2007 e Annual Report 2007, company website Dipendenti Al 31 dicembre 2007 Gaz de France impiegava dipendenti (al 31 dicembre 2006 erano ). Società di Revisione Mazards & Guerard Ernst & Young Audit. 6

7 3. Capitale sociale e principali azionisti Il capitale sociale al 31 dicembre 2007 ammontava a , diviso in azioni ordinarie del valore nominale di 1. Gaz de France è quotata sulla borsa di Parigi. La composizione dell azionariato al 31 dicembre 2007 era la seguente: % del capitale Stato Francese 79.8 Dipendenti 2 Flottante 18.2 Totale 100,00 Fonte: Company Website 4. Operazioni concluse con parti collegate o correlate alla società In tale sezione vengono citate le relazioni con lo Stato Francese, le relazioni col gruppo EDF sulla distribuzione di energia, la costruzione di una centrale con RTE, i contratti di servizio con GRTgaz, gli accordi per la trasmissione del gas naturale con GrDF, i rapporti con Société du terminal méthanier de Fos Cavaou e con Cofathec Maintenance. Per ulteriori informazioni e dettagli si faccia riferimento al Reference Document 2007 della Società. C. Informazioni riguardanti il patrimonio, la situazione finanziaria ed i risultati economici dell emittente 1. Conto Economico, Stato Patrimoniale e Rendiconto Finanziario Consolidati CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO (esercizio al 31 dic) Vendite di beni Vendite di servizi Altri ricavi Ricavi Costo dei beni e dei servizi venduti (19.131) (19.976) Costo del personale (2.628) (2.581) Altri costi operativi (792) (856) Altri ricavi e spese operative Ammortamenti e accantonamenti (1.532) (1.247) Reddito operativo Proventi finanziari Oneri finanziari ( 272) (196) Altri proventi finanziari Altri oneri finanziari (607) (749) 7

8 Proventi da partecipazioni Risultato netto da attività finanziaria (221) (181) Risultato ante imposte Imposte (1.153) (1.104) Utile Netto Interessi di minoranza Gaz de France Fonte: Gaz de France Reference Document 2007 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO (al 31 dic) ATTIVO Avviamento Concessioni Altre immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Partecipazioni Immobilizzazioni finanziarie Imposte differite Altre immobilizzazioni Attivo immobilizzato Scorte e semilavorati Crediti commerciali Crediti fiscali Altri crediti Valore corrente strumenti derivati Altre immobilizzazioni correnti Titoli Cassa e disponibilità liquide Attivo corrente TOTALE ATTIVO PASSIVO E PATRIMONIO NETTO Risultato netto del gruppo Interessi di minoranza Patrimonio Netto Imposte differite passive Fondi e accantonamenti Debiti finanziari Altri debiti Passività a lungo termine Fondi e accantonamenti

9 Debiti finanziari Debiti verso fornitori Debiti per imposte Valore corrente strumenti derivati Altri debiti Passività a breve termine TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO Fonte: Gaz de France Reference Document 2007 RENDICONTO FINANZIARIO CONSOLIDATO (esercizio al 31 dic) 2007 m 2006 m Flusso di cassa netto generato/(assorbito) dalla gestione caratteristica Flusso di cassa netto assorbito da attività di investimento (2.623) (2.174) Flusso di cassa netto generato/(assorbito) dall attività finanzi aria (1.403) (566) Disponibilità liquide e mezzi equivalenti a inizio esercizio Incremento/(Decremento) della liquidità e mezzi equivalenti Effetti del cambiamento del tasso di cambio e altri cambiamenti - 25 Disponibilità liquide e mezzi equivalenti a fine esercizio Fonte: Gaz de France Reference Document 2007 Per un dettagliato commento sulle singole voci di bilancio e sulle politiche contabili seguite, si invita a fare riferimento alle note del Reference Document Resoconto sulla gestione ed informazioni sulle tendenze previste I ricavi di Gaz de France hanno raggiunto i milioni di euro nel 2007, rispetto ai del Il fatturato internazionale ha raggiunto il 41% del totale. Sui risultati del 2007 hanno influito principalmente i seguenti fattori:? condizioni di mercato di fine d anno che hanno permesso a Gaz de France di sfruttare pienamente il suo portafoglio GNL;? aumento del controllo sui costi operativi;? condizioni climatiche favorevoli. Il segmento delle esplorazioni è quello che ha maggiormente contribuito al risultato di gruppo. L attività di acquisto e vendita di energia ha fatto registrare buoni risultati dal punto di vista delle vendite. Il segmento dei Servizi ha visto incrementare la sua profittabilità. L attività di Trasmissione e Immagazzinaggio ha fatto registrare ottimi risultati. L attività di distribuzione in Francia ha visto un anno difficoltoso a causa di sfavorevoli condizioni climatiche. L Utile Netto di Gaz de France nel 2007 ammontava a milioni, pari a circa l 8% dei ricavi. 9

10 3. Recenti operazioni straordinarie significative Nel corso del 2006 e del 2007 il consiglio di amministrazione di Gaz de France e quello di Suez si sono riuniti per dichiarare la loro volontà di realizzare una fusione tra le due società con la creazione di GDF SUEZ. La logica industriale dell operazione si basa sui seguenti fattori:? le nuovi dimensioni globali permetterebbero un controllo migliore sulla fornitura;? forti fattori di complementarità geografica e industriale;? migliore posizionamento competitivo di fronte ai cambiamenti del settore. Le sinergie create dovrebbero derivare da:? economie di scala e riduzione costi;? sinergie commerciali. 4. Risultati del primo trimestre 2008: Durante il primo trimestre 2008, la Società ha realizzato un fatturato di milioni con un incremenmto del 15% rispetto al primo trimestre A livello internazionale il fatturato è salito a milioni con un incremento del 19% rispetto al dato Viene confermato l obbiettivo di EBITDA 2008 a 6,1 miliardi. Di seguito sono riportate i ricavi del primo trimestre, suddivisi per divisione: Ricavi (tre mesi al 31 marzo) Variazione % Esplorazioni e produzione % Acquisto e vendita di energia % Servizi % Trasmissione e immagazzinaggio ,7% Distribuzione Francia ,1% Trasmissione e distribuzione ,6% internazionale Altri (2.226) (2.072) Totale Gruppo Fonte: Gaz de France First Quarter Revenues 2008 financial press releases 10

11 Documenti accessibili al pubblico Il presente documento di sintesi è stato elaborato sulla base del Gaz de France Reference Document 2007, Gaz de France Annual Report 2007 e del Gaz de France First Quarter Revenues 2008 financial press releases, reperibili sul sito web nella sezione Finance. I comunicati stampa della Società sono reperibili sul sito web nella medesima sezione. 11

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli