Nicholas Sparks VICINO A TE NON HO PAURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nicholas Sparks VICINO A TE NON HO PAURA"

Transcript

1 Nicholas Sparks VICINO A TE NON HO PAURA Quando hai un segreto che ti costringe a fuggire. Quando il tuo passato entra con violenza nel presente. Quando tutto sembra perduto... l'unico posto dove puoi andare è l'amore.

2 1. Il vento proveniente dall'atlantico scompigliò i capelli a Katie, che si aggirava per i tavoli reggendo in bilico quattro piatti. Indossava i jeans e una maglietta con la scritta da ivan, il re del pesce. Portò le ordinazioni a quattro uomini in abbigliamento casual; quello più vicino incrociò il suo sguardo e le sorrise. Sebbene si atteggiasse a tipo disinvolto e scherzoso, lei si accorse che la fissava mentre si allontanava. Melody le aveva accennato che quei tizi erano arrivati da Wilmington, alla ricerca di location per un film. Dopo aver preso una caraffa di tè, Katie riempì loro i bicchieri, poi tornò al banco. Lanciò una rapida occhiata al panorama. Era fine aprile, la temperatura perfetta, il cielo azzurro e limpido fino all'orizzonte. Alle sue spalle, il canale era calmo nonostante la brezza e rispecchiava il colore del cielo. Uno stormo di gabbiani era appollaiato sulla ringhiera, pronto a tuffarsi sotto i tavoli non appena qualcuno faceva cadere una briciola. Ivan Smith, il proprietario del locale, li detestava. Li chiamava «ratti con le ali», e aveva già pattugliato due volte il parapetto agitando uno sturalavandini di legno nel tentativo di scacciarli. Melody le aveva sussurrato di essere più allarmata per la provenienza dell'arnese che per la presenza dei gabbiani. Lei non aveva ribattuto. Preparò un'altra caraffa di tè e pulì il bancone. Un istante dopo sentì qualcuno batterle sulla spalla. Voltandosi si trovò davanti la figlia di Ivan, Eileen. Era una graziosa diciannovenne con una lunga coda di cavallo e lavorava parttime come direttrice del locale. «Katie... puoi occuparti anche di un altro tavolo?» Diede un'occhiata intorno, calcolando mentalmente i ritmi di lavoro. «Certo», annuì. Eileen scese le scale. Dal suo posto, Katie udiva brandelli di conversazione... gente che parlava di amici o famigliari, del tempo o di pesca. Vide i due clienti seduti nell'angolo chiudere i menu. Si affrettò verso di loro e prese l'ordinazione, senza trattenersi a chiacchierare come era solita fare Melody. Non era brava a socializzare, ma era veloce ed educata e la clientela sembrava soddisfatta. Lavorava nel ristorante dall'inizio di marzo. Ivan l'aveva assunta in un freddo e terso pomeriggio di sole. Quando le aveva detto che poteva cominciare il lunedì successivo, lei aveva dovuto fare uno sforzo immane per non scoppiare a piangere lì per lì dal sollievo, ma più tardi era crollata. Aveva aspettato di tornare verso casa, prima di crollare. All'epoca era sfinita e non mangiava da due giorni. Fece un altro giro per riempire d'acqua e di tè i bicchieri, poi si diresse verso la cucina. Ricky, uno dei cuochi, le strizzò l'occhio. Qualche giorno prima le aveva chiesto di uscire, ma lei gli aveva risposto che non voleva frequentare nessuno del ristorante. Sospettava che lui ci avrebbe riprovato, anche se sperava tanto di sbagliarsi. «Non credo che oggi il ritmo rallenterà», osservò Ricky. Biondo e dinoccolato, di un paio d'anni più giovane di Katie, viveva ancora con i genitori. «Tutte le volte che pensiamo di poter tirare il fiato, ci ritroviamo sommersi di lavoro.» «È una bellissima

3 giornata.» «Ma perché la gente viene qui? Con una giornata del genere dovrebbero andare al mare, o a pescare. Il che è esattamente quello che farò appena finito il turno.» «Ottima idea.» «Posso accompagnarti a casa, dopo?» Si offriva di darle un passaggio in macchina almeno un paio di volte alla settimana. «Ti ringrazio, ma non è necessario. Non abito lontano.» «Guarda che non è un problema», insistette lui. «Mi fa bene camminare.» Gli porse il foglietto e Ricky l'appuntò al pannello, poi le consegnò un'altra ordinazione. Lei la portò al tavolo. Aperto da quasi trent'anni, quel ristorante era una vera istituzione. Ormai Katie aveva imparato a riconoscere i clienti abituali e, mentre attraversava la sala, li oltrepassò con lo sguardo per soffermarsi sulle persone che non aveva mai visto. Coppie di innamorati, altre coppie che si ignoravano. Famiglie. Nessuno sembrava sospetto e nessuno aveva fatto domande su di lei, ma a volte le mani cominciavano a tremarle lo stesso, e dormiva ancora con la luce accesa. Teneva i capelli corti; se li tingeva di castano nella cucina della casetta che aveva affittato. Non si truccava e sapeva che il suo viso si stava abbronzando, anche troppo. Avrebbe dovuto comprarsi una crema solare, ma dopo aver pagato l'affitto e le bollette non le restava molto per i lussi. Persino per una crema solare. Si trattava di un ristorante alla buona e le mance erano modeste: a forza di mangiare solo riso e fagioli, pasta o avena, negli ultimi quattro mesi era dimagrita. Aveva le costole sporgenti e fino a qualche settimana prima anche delle profonde occhiaie che temeva non sarebbero più sparite. «Credo ti abbiano notata», osservò Melody facendo un cenno verso il tavolo con i quattro tizi dello studio cinematografico. «In particolare, quello bruno. Il più carino.» «Oh», si limitò a rispondere lei. Preparò un'altra caffettiera. Era certa che qualunque cosa avesse detto a Melody sarebbe diventata di dominio pubblico, così evitava di confidarsi. «Ma come? Non lo trovi carino?» «Sinceramente non ci ho fatto caso.» «Come fai a non accorgerti se un uomo è attraente?» L'altra la fissò incredula. «Non lo so.» Anche Melody aveva un paio d'anni meno di lei. Sui venticinque, era una bella ragazza con i capelli neri e gli occhi verdi, e stava con un certo Steve che faceva il fattorino per il negozio di bricolage dall'altra parte della città. Era cresciuta a Southport, che descriveva come un paradiso per bambini, famiglie e anziani, ma il luogo più tetro del mondo per i single. Continuava a dire di volersene andare a Wilmington, dove c'erano bar e club e tanti bei negozi. Sapeva tutto di tutti. A volte Katie pensava seriamente che la principale occupazione di Melody fosse raccogliere pettegolezzi. «Ho sentito che Ricky ti ha chiesto di uscire», disse ora cambiando argomento, «e che tu gli hai dato picche.» «Non voglio complicazioni sentimentali con i colleghi.» Katie finse di essere impegnata a sistemare i vassoi delle portate. «Potremmo uscire in quattro, allora. Ricky e Steve vanno a pescare insieme.» Chissà se era stato Ricky a suggerirle quella pensata, o se era un'idea sua. Forse di tutti e due. La sera, dopo l'ora di chiusura, la maggior parte del personale si fermava nel locale a bere qualche birra. A parte Katie, tutti gli altri lavoravano da Ivan da diversi anni. «Non credo sia una buona idea», si schermì lei. «Perché no?» «In passato ho avuto una brutta esperienza con un tizio conosciuto sul lavoro... Da allora mi sono imposta di non ricascarci.» Melody alzò gli occhi al cielo

4 prima di affrettarsi verso uno dei suoi tavoli. Katie incassò un paio di conti e sparecchiò. Non stava ferma un attimo, come al solito, cercando di essere efficiente e invisibile. Lavorava a testa bassa e teneva sempre il bancone in perfetto ordine. Era un modo per far passare più in fretta la giornata. Non si mise a flirtare con il giovane dello studio cinematografico, e lui se ne andò senza voltarsi indietro. A volte Katie copriva entrambi i turni, pranzo e cena. Quando calava la sera le piaceva guardare il cielo infiammarsi sul bordo occidentale del mondo. Al tramonto l'acqua scintillava e le barche a vela si inclinavano nella brezza. Gli aghi dei pini sembravano brillare. Non appena il sole scendeva dietro l'orizzonte, Ivan accendeva le stufe a propano e il riverbero arancione brillava come lumini dentro zucche vuote. Katie si era leggermente scottata al sole e le ondate di calore le facevano pungere la pelle. In genere di sera Abby e Big Dave sostituivano Melody e Ricky. Abby frequentava l'ultimo anno delle superiori e rideva un sacco, mentre Big Dave faceva il cuoco lì da quasi vent'anni. Sposato, con due figli, aveva uno scorpione tatuato sull'avambraccio destro. Pesava più di cento chili e in cucina la faccia gli diventava lucida di sudore. Trovava soprannomi per tutti, e aveva deciso di chiamarla Katie Kat. Alle nove, quando i clienti venuti a cena cominciarono ad andarsene, Katie pulì e chiuse il bancone. Aiutò gli sguatteri a portare i piatti verso la lavastoviglie mentre gli ultimi avventori finivano di mangiare. Tra loro c'era una giovane coppia con la fede al dito. Si tenevano per mano, erano belli e felici, e Katie provò un senso di déjàvu. Anche lei un tempo era stata così, tanto tempo prima, solo per un istante. O almeno così pensava, perché aveva imparato che quel momento era stato soltanto un'illusione. Distolse lo sguardo da quella coppia innamorata, augurandosi di poter cancellare per sempre i ricordi e di non provare mai più quell'emozione. 2. Il mattino dopo Katie uscì sulla veranda con una tazza di caffè. Le assi del pavimento scricchiolarono sotto i suoi piedi nudi, mentre andava ad appoggiarsi alla ringhiera. Tra l'erbaccia di quella che era stata un'aiuola fiorivano i gigli, e lei si avvicinò la tazza alle labbra, assaporando l'aroma. Le piaceva stare lì. Southport era diversa da Boston, Filadelfia o Atlantic City, con l'onnipresente frastuono del traffico, gli odori, i passanti frettolosi sui marciapiedi, ed era la prima volta nella vita che aveva un posto tutto per sé. La casetta dove stava non era granché, ma era sua, e appartata, e questo le bastava. Sorgeva in fondo a un viottolo di ghiaia, accanto a un'altra identica. Erano costruzioni di legno, in origine usate come casotti di caccia, nascoste in un fitto di querce e pini ai margini della foresta che arrivava fino alla costa. Il soggiorno e la cucina erano pìccoli e la camera da letto non aveva l'armadio, ma il cottage era ammobiliato con tanto di sedie a dondolo in veranda e l'affitto era basso. Pur non essendo decrepito, il posto soffriva di anni di trascuratezza e il padrone di casa si era offerto di sponsorizzare una rinfrescata. Da quando Katie vi si era trasferita, aveva passato quasi tutto il tempo libero inginocchiata a strofinare, oppure in piedi su una sedia a fare la stessa cosa. Aveva riempito di stucco i buchi nei muri, poi li aveva scarteggiati per lisciarli. Aveva tinteggiato la cucina di un giallo

5 squillante e dato una mano di smalto bianco agli armadietti. La camera da letto adesso era azzurro chiaro, il soggiorno beige e la settimana prima con un nuovo copridivano, aveva rinnovato il sofà. Con il grosso del lavoro ormai alle spalle, nel pomeriggio amava sedersi in veranda a leggere libri presi in prestito dalla biblioteca. A parte il caffè, la lettura era il suo unico vizio. Non aveva né televisore, né radio, né cellulare, non possedeva un forno a microonde e neppure un'auto, e tutti i suoi averi riempivano una borsa. A ventisette anni era una ex bionda dalla lunga chioma senza veri amici. Era arrivata lì praticamente a mani vuote, e a mesi di distanza continuava a non possedere quasi niente. Metteva da parte metà delle mance e tutte le sere arrotolava le banconote per infilarle in un barattolo del caffè che teneva nascosto nell'intercapedine sotto la veranda. Erano soldi destinati alle emergenze, e avrebbe preferito morire di fame piuttosto che toccarli. Il fatto di averli le bastava per sentirsi sollevata, perché il passato incombeva ancora e sarebbe potuto tornare in qualsiasi momento. Vagava per il mondo sulle sue tracce, e lei sapeva che si faceva di giorno in giorno sempre più rabbioso. «Salve», disse una voce strappandola ai suoi pensieri. «Tu devi essere Katie.» Si voltò. Sulla veranda mezzo sfondata del cottage vicino al suo c'era una donna dai lunghi capelli castani e ribelli che la salutava con la mano. Doveva essere sulla trentina, indossava un paio di jeans e una camicia con le maniche arrotolate. Annidati tra i riccioli sulla sommità del capo portava un paio d'occhiali da sole. Teneva in mano una stuoia e sembrava incerta se scrollarla o meno, poi la gettò da parte e si incamminò verso di lei. Si muoveva con l'energia e la disinvoltura di chi fa esercizio fisico regolarmente. «Irv Benson mi ha parlato di te.» Il padrone di casa, pensò Katie. «Non sapevo che qualcun altro sarebbe venuto a vivere qui.» «In realtà non lo sapeva nemmeno lui. È quasi caduto dalla sedia per la sorpresa, quando gli ho detto che volevo affittare la casa.» Ormai aveva raggiunto Katie e le porgeva la mano. «Gli amici mi chiamano Jo», si presentò. «Piacere di conoscerti.» «Hai visto che tempo? Davvero meraviglioso.» «Sì, è una bella mattina», concordò Katie dondolandosi da un piede all'altro. «Quando sei arrivata?» «Ieri pomeriggio. E poi, fortuna delle fortune, ho passato la notte a starnutire. Credo che Benson abbia collezionato tutta la polvere che è riuscito a trovare e l'abbia portata nel mio cottage. È davvero uno strazio.» Katie fece un cenno verso la porta. «Anche da me era lo stesso.» «Però non sembra. Scusa, sai, ma non ho potuto fare a meno di lanciare un'occhiata dentro casa tua, quando hai aperto le finestre. È allegra e luminosa. Io, invece, ho affittato una catapecchia polverosa e piena di ragni.» «Il signor Benson mi ha permesso di ritinteggiarla.» «Ci credo. Immagino lo permetterà anche a me. Così si ritroverà con un cottage grazioso e pulito, senza nessuna fatica.» Sorrise maliziosa. «Da quanto tempo abiti qui?» Katie incrociò le braccia sul petto, mentre il sole del mattino cominciava a scaldarle la faccia. «Da quasi due mesi.» «Non so se io riuscirò a resistere tanto a lungo. Se continuo a starnutire come la notte scorsa, la testa mi si staccherà molto prima.» Si tolse gli occhiali da sole e cominciò a pulire le lenti con un lembo della camicia. «Che te ne pare di Southport? È un mondo tutto a sé, vero?» «In che senso?» «Non hai l'accento di queste parti. Sei del Nord, giusto?» Dopo un attimo di esitazione, Katie annuì.

6 «Lo immaginavo», proseguì Jo. «Ci vuole del tempo per abituarsi a stare qui. Cioè, io l'ho sempre amata, ma devo dire che ho un debole per le città di provincia.» «Sei di qui?» «Sono nata a Southport, me ne sono andata e alla fine sono tornata. La storia più vecchia del mondo, no? E poi, non è che trovi dappertutto posti polverosi come questo.» Katie sorrise, e per un istante regnò il silenzio. Jo le stava di fronte tranquilla, aspettando che fosse lei a fare la mossa successiva. Bevve un altro sorso dalla tazza, lo sguardo perso verso il bosco, poi ricordò la buona educazione. «Vuoi un caffè? L'ho appena fatto.» Jo si infilò di nuovo gli occhiali tra i capelli. «Sai, speravo proprio che me lo chiedessi. Lo gradirei molto. Tutta l'attrezzatura da cucina è ancora negli scatoloni e ho la macchina dal meccanico. Hai idea di cosa significhi affrontare la giornata senza caffeina?» «Lo so, eccome.» «Per tua informazione, sono una vera caffèdipendente. Soprattutto quando devo disfare bagagli. Te l'ho detto che detesto farlo?» «Non mi pare.» «Secondo me, non c'è niente di peggio. Pensare a dove mettere ogni cosa, sbattere contro gli spigoli mentre ti aggiri in mezzo al casino. Comunque non preoccuparti, non sono il genere di vicina che chiede aiuto. Un caffè, però...» «Vieni, entra.» Katie la invitò con un gesto. Una volta in cucina, prese una tazza dalla credenza, la riempì e la porse a Jo. «Mi spiace, non ho né panna né zucchero.» «Non importa», rispose l'altra. Soffiò sopra il caffè, poi ne bevve un sorso. «Ok, è ufficiale», annunciò. «Per il momento sei la mia amica del cuore. Ah, com'è buono!» «Figurati», rispose Katie. «Benson mi ha detto che lavori da Ivan, giusto?» «Faccio la cameriera.» «Big Dave c'è ancora?» Vedendola annuire, Jo proseguì: «Ricordo che lavorava lì fin da quando ero al liceo. Appioppa ancora soprannomi a tutti?» «Sì.» «E Melody? Continua a parlare di quanto siano carini i clienti?» «Ogni giorno.» «E Ricky tampina sempre le nuove cameriere?» Di fronte all'ennesimo cenno d'assenso, Jo rise. «Quel posto non cambia mai.» «Ci hai lavorato anche tu?» «No, ma la città è piccola e Ivan è un'istituzione. E poi, a mano a mano imparerai che non possono esistere segreti in questa città. Si sa tutto di tutti e alcune persone, come, diciamo... Melody... hanno elevato il pettegolezzo a una forma d'arte. Un tempo mi dava terribilmente sui nervi. In realtà, mezza Southport è fatta così. Non c'è granché da fare qui, a parte spettegolare.» «Tu però ci sei tornata.» Jo alzò le spalle. «Sì, è vero. Che posso dire? Forse mi piace la gente un po' pazza.» Bevve un altro sorso di caffè e indicò fuori dalla finestra. «Sai, fino a ieri non conoscevo l'esistenza di queste due casette.» «Il padrone di casa mi ha spiegato che erano capanni di caccia. Appartenevano alla piantagione prima che lui li desse in affitto.» «Non riesco a credere che tu sia venuta ad abitare cosìiuori mano.» «Dopo tutto lo hai fatto anche tu», ribatté Katie. «Sì, ma io sapevo che non sarei stata l'unica donna in fondo a una strada sterrata in mezzo al nulla. È un luogo molto isolato.» È proprio per questo che l'ho scelto. «Non è poi tanto male», rispose invece Katie. «Ormai mi ci sono abituata.» «Spero di riuscirci anch'io.» Soffiò di nuovo sul caffè per raffreddarlo. «Dimmi, che cosa ti ha portata a Southport? Sono sicura che non è stato per le allettanti prospettive di carriera da Ivan. Hai dei parenti da queste parti? I tuoi genitori? Fratelli o sorelle?» «No», rispose Katie. «Sono soltanto io.» «Hai seguito un ragazzo?» «No.» «Allora... ti sei trasferita e basta.» «Esatto.» «Si può sapere perché

7 diavolo l'hai fatto?» Katie esitò. Erano le stesse domande di Ivan, Melody e Ricky. Si rendeva conto che non c'erano secondi fini, era semplice curiosità, ma lei non sapeva mai bene cosa dire, se non la pura verità. «Volevo un posto dove poter cominciare daccapo.» Jo bevve un altro sorso di caffè, con l'aria di riflettere su quella risposta e, con sorpresa di Katie, non chiese altro. Si limitò ad annuire. «Ho capito. A volte uno ha proprio bisogno di ricominciare. Io lo trovo ammirevole. Tanta gente non ne ha il coraggio.» «Lo pensi davvero?» «Lo so», ribatté Jo. «Allora, che cosa hai in programma per oggi? Mentre io lacrimerò, disferò i bagagli e pulirò sino a scorticarmi le mani?» «Più tardi devo andare al lavoro. Per il resto, non molto. Devo giusto fare un po' di spesa.» «In città?» «No, farò un salto da Fisher.» «Hai già incontrato il proprietario dell'emporio? Quel tizio con i capelli grigi?» Katie annuì. «Un paio di volte.» Jo svuotò la tazza e la posò nel lavandino, poi fece un sospiro. «Bene», disse niente affatto entusiasta. «Basta rimandare. Se non comincio subito, non finirò mai. Fammi gli auguri.» «Buona fortuna.» Jo agitò brevemente la mano. «Grazie del caffè, Katie. Ci vediamo.» Dalla finestra della cucina Katie guardò Jo scrollare la stuoia che aveva posato prima. Sembrava un tipo amichevole, ma era un po' turbata all'idea di avere una vicina di casa. Anche se sarebbe stato piacevole poter scambiare due chiacchiere con qualcuno di tanto in tanto, ormai si era abituata a stare da sola. D'altronde, sapeva che scegliendo di abitare in una città di provincia non avrebbe potuto mantenere a lungo l'isolamento che si era autoimposta. Doveva andare al lavoro, fare la spesa, attraversare a piedi il centro; alcuni clienti del ristorante la riconoscevano già. E poi bisognava ammettere che era stato bello parlare con Jo. Chissà perché, aveva l'impressione che in lei ci fosse di più di quanto apparisse a prima vista, qualcosa... di solido e affidabile, sebbene non riuscisse a spiegarselo. Inoltre era una donna single, il che rappresentava decisamente un vantaggio. Katie non voleva neppure immaginare come avrebbe reagito se un uomo si fosse trasferito lì accanto, e si domandò come mai non avesse preso in considerazione quella possibilità. Lavò le tazze, poi le ripose nella credenza. Era un gesto tanto familiare che per un attimo si sentì rituffata nella vita che si era lasciata alle spalle. Le mani cominciarono a tremarle, e allora le strinse mentre faceva qualche profondo respiro. Due mesi prima - persino due settimane prima - non avrebbe avuto modo di fermarle. Era un bene che quegli attacchi d'ansia andassero scemando, ma ciò significava che cominciava ad ambientarsi, e questo la spaventava. Rischiava così di abbassare la guardia, quando non poteva permetterselo. Comunque era contenta di essere finita a Southport. Era una cittadina storica di poche migliaia di abitanti, che sorgeva alla foce del Cape Fear River, proprio nel punto dove il fiume si gettava nel canale navigabile. C'erano ampi marciapiedi ombreggiati da alberi e fiori che sbocciavano dal terreno sabbioso. Rami e tronchi erano drappeggiati di tralci. Aveva visto i bambini andare in bicicletta e giocare a pallone per strada ed era rimasta sorpresa dal numero di chiese, una a ogni incrocio. La sera si riempiva del canto di grilli e rane e fin dal principio aveva avuto la sensazione che quello fosse il posto giusto. Che fosse un posto «sicuro», come se l'avesse chiamata da sempre, promettendole protezione. Katie si infilò il suo unico paio di scarpe, delle Converse ormai consunte. Il cassettone

8 era praticamente vuoto e in cucina non c'erano provviste, ma mentre chiudeva la porta e usciva sotto il sole, diretta verso l'emporio, pensò: Questa è casa mia. Inspirando l'aria che profumava di giacinti ed erba appena tagliata, si rese conto di non sentirsi così felice da molti anni. 3. I capelli gli erano diventati tutti grigi intorno ai venticinque anni, provocando non poche battute benevole da parte degli amici. Nella sua famiglia, era un caso isolato. Stranamente, la cosa non aveva turbato troppo Alex Wheatley. Anzi, quando era sotto le armi a volte sospettava che lo avesse aiutato nella carriera. Aveva servito nella divisione investigativa criminale, o CID, di stanza in Germania e in Georgia, e aveva trascorso dieci anni indagando su crimini militari, affrontando casi di ogni genere, dai soldati disertori ai furti, dagli abusi domestici agli stupri, fino agli omicidi. Era stato promosso regolarmente, e si era ritirato all'età di trentadue anni con il grado di maggiore. Conclusa la carriera militare, si era trasferito a Southport, città natale della moglie. Appena sposato e in attesa del primo figlio, pensava di fare domanda per entrare in polizia, ma il suocero si era offerto di cedergli la sua attività. Era il classico emporio di campagna, con assi di legno imbiancate, persiane azzurre, una veranda con il tetto spiovente, una panca sul davanti. Il genere di bottega in voga molto tempo addietro e ormai quasi del tutto scomparso. Al primo piano si trovava l'abitazione della famiglia. Un'enorme magnolia gettava ombra sul lato dell'edificio, mentre sul davanti cresceva una quercia. Il parcheggio era asfaltato solo per metà, ma di rado restava vuoto. Il suocero aveva aperto l'emporio prima della nascita di Carly, quando tutt'intorno c'erano quasi solo campi. Si vantava di capire i bisogni della gente e voleva soddisfarli in tutto, il che conferiva al negozio un'aria piuttosto gremita. Alex condivideva in pieno. Cinque o sei corsie erano dedicate agli articoli di drogheria e da bagno, vicino alla porta c'erano cesti di frutta e verdura fresca, i frigoriferi sul fondo traboccavano di bevande gassate, acqua, birra e vino, e, come qualsiasi altro emporio, anche questo aveva espositori di caramelle, patatine e tutto quel cibo spazzatura che la gente compra mentre è in coda alla cassa. Ma le analogie finivano qui. C'erano anche scaffali con attrezzature da pesca, esche vive, e una rosticceria gestita da Roger Thompson, ex agente di Borsa trasferitosi a Southport in cerca di uno stile di vita più semplice. La rosticceria offriva hamburger, panini e hotdog, e aveva qualche posto a sedere. C'erano DVD a noleggio, diversi tipi di munizioni, giacche a vento, ombrelli e una piccola scelta di romanzi nuovi e classici. L'emporio vendeva pure candele per motori, cinghie varie e bombole di gas; nel retrobottega Alex aveva un macchinario per duplicare le chiavi. Gestiva anche tre pompe di benzina e un'altra sul molo, l'unico posto oltre al porto dove le imbarcazioni potevano fare rifornimento. A dispetto delle apparenze, non era difficile tenere aggiornato l'inventario. Alcuni articoli si esaurivano regolarmente, altri no. Alex intuiva al primo sguardo le necessità delle persone. Aveva un forte spirito di osservazione, una capacità che gli era tornata molto utile quando lavorava nel CID. Inoltre cercava sempre nuovi prodotti, per stare al passo con i mutevoli gusti della clientela. Non avrebbe mai immaginato di fare quel lavoro, ma era stata una scelta giusta, se non

9 altro perché gli permetteva di tenere d'occhio i ragazzi. Jòsh andava già a scuola, mentre Kristen avrebbe iniziato solo in autunno e trascorreva le giornate al negozio assieme a lui. Aveva attrezzato un'area giochi dietro il banco per la sua intelligente e loquace bambina, che a cinque anni sapeva già usare il registratore di cassa e dare il resto, servendosi di uno sgabello per raggiungere i tasti. Alex si divertiva un sacco nel vedere l'espressione dei clienti quando lei cominciava a fare il conto. Forse quella non era l'infanzia ideale, ma era l'unica che lui potesse offrirle. Era perfettamente consapevole che badare ai figli e al negozio gli prosciugava le forze. A volte gli sembrava di non farcela: doveva preparare il pranzo a Josh, poi accompagnarlo a scuola, ordinare la merce ai fornitori, incontrare i rappresentanti, servire i clienti e intanto intrattenere Kristen. I pomeriggi erano ancora più impegnativi. Seguiva le loro attività: con Josh era facile, ma a Kristen piaceva giocare con le bambole e i pentolini, e lui non era bravo in questo. A tutto ciò si aggiungevano la cena da preparare e la casa da pulire, così a volte aveva l'impressione di annegare. Quando finalmente riusciva a mettere a letto i bambini, stentava a rilassarsi, perché c'era sempre qualcos'altro da fare. La sera non c'era nessuno a fargli compagnia. Sebbene conoscesse quasi tutti in città, non aveva molti veri amici. Le coppie che prima lui e Carly frequentavano si erano allontanate lentamente ma inesorabilmente. In parte era colpa sua - era sempre preso -, ma a volte aveva la sensazione di metterle a disagio, come se rappresentasse per loro un monito circa la spaventosa imprevedibilità del destino e la possibilità che il vento cambiasse da un momento all'altro. Era uno stile di vita stressante e solitario, incentrato su Josh e Kristen. Anche se ora capitava di rado, entrambi soffrivano di incubi da quando Carly era scomparsa. Se si svegliavano singhiozzando inconsolabili nel cuore della notte, lui li stringeva tra le braccia, mormorando paroline rassicuranti finché si calmavano e si riaddormentavano. Nei primi tempi tutti e tre avevano ricevuto sostegno psicologico, ma gli incubi erano continuati per quasi un anno. Ogni tanto, mentre colorava assieme a Kristen, o pescava con Josh, li vedeva farsi taciturni e capiva che pensavano alla mamma. In certi momenti la piccola esprimeva il proprio dolore con voce infantile e tremante mentre le lacrime le rigavano le guance. Lui sentiva il cuore spezzarsi, perché sapeva di non poter fare né dire niente per aiutarla. La psicologa gli aveva assicurato che i bambini in genere avevano una tempra molto forte e che, se si sentivano amati, con il tempo avrebbero superato il trauma. Aveva ragione, ma ora Alex si trovava ad affrontare un'altra forma di perdita, altrettanto dolorosa: il ricordo della mamma stava gradualmente svanendo in loro. Avevano solo quattro e tre anni quando se n'era andata, e questo voleva dire che un giorno la madre sarebbe diventata per loro più un'idea astratta che una persona in carne e ossa. Era inevitabile, anche se a volte Alex non trovava giusto che loro dimenticassero il suono della risata di Carly, o il suo modo di abbracciarli teneramente quand'erano piccoli, o il suo amore incondizionato. In genere era sua moglie a usare la macchina fotografica, e di conseguenza c'erano poche foto di lei con i bambini. Per quanto Alex si sforzasse di sfogliare spesso l'album assieme a Josh e Kristen, intuiva che le sue stavano diventando semplici storie. Le emozioni collegate ai racconti erano come castelli di sabbia in riva al mare, erosi piano

10 piano dalle onde. Lo stesso stava succedendo con il ritratto appeso in camera da letto. Lei non lo voleva, ma ora lui era contento di aver insistito. Nella foto appariva bella e indipendente, la donna volitiva che aveva catturato il suo cuore, e di notte, quando i bambini dormivano, a volte fissava l'immagine, con il cuore in tumulto. Josh e Kristen, invece, non la guardavano quasi più. Pensava sempre a lei, gli mancavano l'affiatamento e l'amicizia che erano stati alla base del loro matrimonio. Nei momenti di massima sincerità con se stesso, ammetteva di rimpiangere quelle sensazioni. Doveva riconoscere di sentirsi solo. Nel periodo subito dopo la scomparsa di Carly non riusciva neppure a immaginare di avere in futuro una nuova relazione, men che meno di potersi innamorare di un'altra. Passato un anno, quello era un pensiero che scacciava ancora. Il dolore era troppo recente, il ricordo troppo atroce. Qualche mese prima, però, aveva portato i bambini all'acquario e, mentre erano di fronte alla vasca degli squali, si era messo a chiacchierare con una donna dall'aria simpatica. Anche lei era lì con i figli, e anche lei non portava la fede al dito. I bambini erano coetanei di Josh e Kristen e per un po' erano rimasti tutti insieme a guardare i pesci; lei aveva riso di qualche sua battuta e lui aveva provato una scintilla d'attrazione, che gli aveva ricordato antiche emozioni. Alla fine si erano separati, ma all'uscita l'aveva rivista. La donna lo aveva salutato con la mano e per un istante lui aveva sentito l'impulso di raggiungere la sua macchina per chiederle il numero di telefono. Quella sera si aspettava di provare un'ondata di rimorso, che stranamente non era arrivata. Né gli sembrava di aver fatto qualcosa di sbagliato. Al contrario, si sentiva... a posto. Non su di giri, non allegro, ma a posto, e per quel motivo aveva capito che stava cominciando finalmente a guarire. Ciò non significava che fosse pronto per l'avventura. Se fosse accaduto, tanto meglio. E se invece non succedeva? Be', ci avrebbe pensato al momento. Era disposto ad aspettare di incontrare la persona giusta, qualcuno che non solo riportasse la gioia nella sua vita, ma amasse i suoi figli quanto lui. Southport però era piccola. Non c'erano molte donne single in giro, tanto meno disposte a prendersi l'intero pacchetto, bambini compresi. E questa, ovviamente, era la condizione imprescindibile. Anche se si sentiva solo, anche se desiderava una compagna, non era disposto a sacrificare il bene dei figli per questo. Avevano già sofferto abbastanza e sarebbero sempre stati la sua priorità. Tuttavia... una possibilità esisteva, pensò. C'era una persona che gli interessava, sebbene non sapesse quasi niente di lei, a parte il fatto che era sola. Aveva cominciato a bazzicare l'emporio all'inizio di marzo. La prima volta che l'aveva vista era pallida e smunta, di una magrezza spaventosa. Di regola non avrebbe attirato la sua attenzione. Capitava spesso che chi era di passaggio in città si fermasse da lui per comprare qualcosa da bere e uno spuntino o per fare rifornimento. Lei, però, non voleva nessuna di queste cose; si aggirava per le corsie a testa bassa, come se cercasse di rendersi invisibile, come una specie di fantasma. Ma non aveva funzionato: era troppo attraente per passare inosservata. Sembrava vicino ai trenta, aveva considerato lui, con i capelli castani dal taglio un po' irregolare che le arrivavano appena sopra le spalle. Non era truccata e gli zigomi alti con i grandi occhi distanziati le davano un che di elegante e fragile nello stesso tempo.

11 Quel giorno, vedendola avvicinarsi alla cassa, Alex si era reso conto che era davvero molto carina. Aveva gli occhi verdi con pagliuzze dorate e gli rivolse un rapido sorriso posando la roba sul banco: caffè, riso, avena, pasta, burro d'arachidi e articoli da bagno. Intuendo che una conversazione l'avrebbe messa a disagio, lui batté il conto in silenzio. «Ha per caso dei fagioli secchi?» gli chiese lei, in tono esitante. «Purtroppo no», le rispose. «In genere non li tengo.» Mentre metteva la merce nel sacchetto, notò che la donna guardava fuori dalla vetrina, mordendosi distrattamente il labbro inferiore. Ebbe la sensazione che stesse per mettersi a piangere. Si schiarì la voce. «Se le servono regolarmente, glieli posso ordinare. Mi basta sapere che tipo preferisce.» «Non voglio darle disturbo.» La sua voce era poco più di un sussurro. Pagò con banconote di piccolo taglio, poi se ne andò dal negozio. La vide incamminarsi a piedi oltre il parcheggio, il che aumentò la sua curiosità. La settimana successiva si era procurato fagioli secchi di tre varietà, una confezione per ciascuna, e quando lei tornò, la informò che poteva trovarli sullo scaffale in basso nell'angolo. La donna le prese tutte e tre, poi gli chiese se aveva le cipolle. Alex indicò alcuni sacchetti. «Me ne serve una soltanto», mormorò con un sorriso di scusa. Contò le banconote con dita tremanti e anche questa volta se ne andò a piedi. Da allora c'erano sempre fagioli e una cipolla singola in vendita e nelle settimane successive lei era diventata quasi una cliente regolare. Nonostante l'aspetto dimesso, sembrava meno fragile, meno nervosa di quando era arrivata. Piano piano le occhiaie le stavano sparendo e il viso aveva preso colore. Aveva anche messo su peso, non troppo, quel tanto che bastava per ammorbidire i suoi delicati lineamenti. La voce era più decisa e, per quanto non avesse ancora manifestato un vero interesse per lui, riusciva a sostenere il suo sguardo un po' più a lungo prima di abbassare gli occhi. Non avevano fatto grossi progressi nella conversazione, al di là di «Ha trovato tutto ciò che le occorre?» seguito da un «Sì, grazie», ma anziché scappare dall'emporio come un cerbiatto inseguito, ora capitava che lei si soffermasse tra gli scaffali, e aveva cominciato a chiacchierare con Kristen, quando lui non era al banco. Per la prima volta l'aveva vista abbassare le difese. Il suo atteggiamento naturale ed estroverso nei confronti della bambina lo aveva colpito. Anche Kristen ne era affascinata, tanto che gli confidò di avere una nuova amica, che si chiamava Miss Katie. Comunque Katie non si sentiva ancora a proprio agio con lui. La settimana prima, dopo aver scambiato quattro chiacchiere con la piccola, si era messa a guardare le copertine dei romanzi che c'erano in negozio. Alla fine non aveva preso nessun libro, e quando alla cassa le aveva chiesto casualmente quale fosse il suo autore preferito, Alex aveva scorto sul suo viso un lampo del vecchio nervosismo. Non avrebbe dovuto farle capire di averla osservata. «Non importa», si era affrettato ad aggiungere. Mentre usciva, tuttavia, lei si era fermata un istante, la borsa della spesa stretta tra le braccia. Senza girarsi del tutto, aveva borbottato: «Mi piace Dickens». Poi aveva aperto la porta e si era incamminata per la strada. Da allora lui si sorprendeva a pensare spesso a lei, ma erano pensieri vaghi, contornati di mistero e animati dalla consapevolezza di volerla conoscere meglio. Però non sapeva come fare. A parte l'anno in cui aveva corteggiato Carly, non era mai stato bravo con le

12 ragazze. Al college, tra lo studio e gli allenamenti di nuoto, non aveva avuto molto tempo per uscire con loro. Poi si era buttato nella carriera militare, lavorando duramente e facendosi trasferire a ogni promozione. Aveva avuto qualche donna, ma si era trattato di storie fugaci che di solito cominciavano e finivano in camera da letto. A volte, ripensando alla sua vita di un tempo, faticava a riconoscere se stesso, e sapeva che l'artefice di tale cambiamento era Carly. Sì, a volte era dura, e sì, si sentiva solo. Gli mancava la moglie e, sebbene non lo dicesse a nessuno, in certi momenti gli sembrava davvero di avvertire la sua presenza accanto a sé: vegliava su di lui, per assicurarsi che tutto andasse bene. Visto il bel tempo, quella domenica il negozio era più affollato del solito. Alle sette, quando Alex aveva aperto la porta, c'erano già tre imbarcazioni ormeggiate al molo. Dopo aver fatto rifornimento di benzina, i proprietari avevano comprato spuntini, bevande e buste di ghiaccio da stivare in barca. Roger - che come sempre era al bancone della rosticceria - non aveva avuto un momento di pausa da quando si era allacciato il grembiule, e i tavoli erano gremiti di gente che mangiava salsicce o hamburger chiedendogli consigli sul mercato azionario. In genere Alex stava alla cassa fino a mezzogiorno, dopo di che lasciava il posto a Joyce, la sua preziosa collaboratrice. Ex impiegata del tribunale, l'aveva per così dire ereditata assieme al negozio. Suo suocero l'aveva assunta dopo che era andata in pensione e ora, a settant'anni, non mostrava alcun segno di cedimento. Il marito era morto diversi anni prima, i figli vivevano altrove e per lei i clienti erano come una famiglia. Joyce apparteneva all'emporio tanto quanto gli articoli sugli scaffali. Soprattutto, però, capiva che Alex aveva bisogno di passare del tempo con i bambini e non le spiaceva lavorare la domenica. Appena arrivava, s'infilava dietro la cassa e gli diceva di andarsene pure, con un tono più da capo che da dipendente. Joyce era anche la sua babysitter, l'unica di cui lui si fidasse quando doveva recarsi fuori città. Non capitava spesso, comunque ormai considerava quella donna una benedizione. Era sempre disponibile ed affidabile. Mentre aspettava il suo arrivo, Alex perlustrava le corsie. Il sistema computerizzato aveva semplificato molto l'inventario, ma lui sapeva bene che un buon paio d'occhi valuta meglio la situazione. Per condurre un'attività commerciale con successo era necessario variare spesso l'offerta, e questo significava che lui doveva procurarsi merce che non si trovava da nessun'altra parte. Aveva marmellate e gelatine fatte in casa; aromi «ricetta segreta»; una selezione di frutta e verdura in scatola di produzione locale. Persino chi si riforniva regolarmente al supermercato locale capitava spesso all'emporio per acquistare alcune specialità che Alex teneva orgogliosamente a disposizione. Più ancora di quanto, gli interessava capire quando un determinato articolo andava a ruba, un fattore che non era necessariamente evidenziato dalle cifre. Per esempio, aveva imparato che i panini da hotdog si volatilizzavano nel fine settimana; i filoni di pane, invece, durante i giorni feriali. Sulla base di questo genere di osservazioni faceva in modo di avere sempre scorte sufficienti, aumentando così le vendite. Non era niente di particolare, ma sommato a tutto il resto gli permetteva di restare a galla anche in un'epoca in cui le grandi catene stavano soppiantando i negozi al dettaglio. Si chiese che cosa fare quel giorno con i bambini. Caricare i figli sul seggiolino e girare su due ruote per la città era stata una delle grandi passioni di Carly, ma un giro in

13 bicicletta non era abbastanza per riempire un intero pomeriggio. Magari potevano arrivare fino al parco... di sicuro si sarebbero divertiti. Dopo aver dato un'occhiata all'ingresso per assicurarsi che non stesse entrando nessuno, si affrettò verso il retrobottega e sporse fuori la testa. Josh stava pescando sul molo, il che era di gran lunga la sua occupazione preferita. Ad Alex non piaceva che il figlio se ne stesse là fuori da solo - era sicuro che qualcuno lo considerasse un cattivo padre per questo - ma il bambino restava sempre entro il raggio della telecamera di sicurezza. Era una regola, e Josh non la infrangeva mai. Kristen, come al solito, era seduta al tavolino nell'angolo dietro la cassa. Aveva suddiviso gli abiti della sua Barbie in diversi mucchietti e continuava a cambiarla. Ogni volta alzava gli occhi e lo guardava con un'aria fiduciosa e innocente, chiedendogli se gli piaceva la bambola vestita così. Come se lui potesse mai dire di no. Le bambine... sanno sciogliere anche il cuore più duro. Stava rimettendo in ordine alcuni condimenti quando sentì tintinnare il campanello sopra la porta. Sbirciò verso l'ingresso, e vide entrare Katie. «Ciao, Miss Katie», esclamò Kristen. «Ti piace la mia bambola?» Da dove si trovava, lui scorgeva appena la testa di sua figlia che spuntava oltre il banco, tenendo in alto... Vanessa? Rebecca? «È molto bella, Kristen», rispose lei. «Ha un vestito nuovo?» «No, ce l'ha da un po'. Ma non gliel'avevo più messo.» «Come si chiama?» «Vanessa.» Ah, ecco, pensò Alex. Più tardi avrebbe fatto i complimenti a Vanessa, dimostrandosi un padre molto attento. «Gliel'hai dato tu questo nome?» «No, era già il suo. Puoi aiutarmi a metterle gli stivali? Io non ci riesco.» Porse la bambola a Katie, che cominciò a manovrare i morbidi stivali di plastica. Per esperienza, Alex sapeva che non era affatto facile infilarli, invece lei ci riuscì subito. Restituì la bambola alla bambina. «Va bene così?» «Sì, grazie», rispose Kristen. «Secondo te, devo metterle il cappotto?» «No, non fa tanto freddo fuori.» «Lo so, ma Vanessa a volte prende il raffreddore. Ci vuole il cappotto.» La testa di Kristen scomparve dietro il banco per poi rispuntare un attimo dopo. «Quale preferisci? Blu o rosso?» La ragazza si portò un dito sulle labbra, con aria pensosa. «Credo che quello rosso vada bene.» Kristen annuì. «Sì, anch'io. Grazie.» Katie le sorrise prima di voltarsi e Alex si concentrò sugli scaffali per evitare che lei lo sorprendesse a fissarla. Sistemò i barattoli di senape su un ripiano. Con la coda dell'occhio la vide prendere un cestino per la spesa e spostarsi verso un'altra corsia. Tornò rapidamente alla cassa. Quando lei guardò dalla sua parte, le rivolse un cenno di saluto. «Buongiorno», le disse. «Salve.» Cercò di scostarsi una ciocca, ma era troppo corta. «Devo prendere solo un paio di cose.» «Chieda pure, se non trova qualcosa. A volte spostano la roba.» Lei fece un cenno d'assenso. Mentre s'infilava dietro la cassa, Alex lanciò un'occhiata al monitor appeso alla parete: Josh stava pescando nello stesso punto di prima e una barca si avvicinava lentamente. «Ti piace, papà?» Kristen gli tirò la gamba dei pantaloni sollevando la bambola verso di lui. «Accipicchia! È molto bella.» Si inginocchiò di fronte alla figlia. «Che cappotto elegante. Vanessa ogni tanto si prende il raffreddore, vero?» «Sì», rispose Kristen.

14 «Però mi ha detto che vuole andare sull'altalena, così devo cambiarla di nuovo.» «Ottima idea. Che ne dici se dopo facciamo un giro al parco tutti insieme? Tu hai voglia di andarci, sull'altalena.» «Io non voglio andare sull'altalena. E Vanessa che vuole. E poi è tutto inventato, papà.» «Oh», fece lui rialzandosi. «D'accordo.» Gita al parco archiviata. Immersa nel suo mondo, Kristen si mise a spogliare di nuovo la bambola. Alex controllò Josh sul monitor mentre un ragazzino entrava nell'emporio con indosso solo un paio di bermuda. Gli porse un mazzo di banconote. «Per la benzina al molo», disse, prima di uscire di corsa. Alex incassò i soldi e azzerò la pompa, mentre Katie si avvicinava al banco. I soliti acquisti di sempre, con in più un tubetto di crema solare. Quando lei girò lo sguardo verso Kristen, lui notò i suoi occhi cangianti. «Ha trovato tutto ciò che le occorre?» «Sì, grazie.» Alex cominciò a riempire la borsa. «Il mio romanzo preferito di Dickens è Grandi speranze», osservò cercando di avere un tono disinvolto. «E il suo?» Katie lo guardò interdetta, sorpresa che lui si ricordasse dei suoi gusti letterari. «Storia di due città», rispose a bassa voce. «Piace anche a me. Però è triste.» «Sì», convenne lei. «E per questo che mi piace.» Siccome sapeva che era venuta a piedi, le distribuì la spesa in due borse. «Dato che ha già conosciuto mia figlia, penso che forse dovrei presentarmi... Mi chiamo Alex», disse. «Alex Wheatley.» «Lei è Miss Katie», squittì la bambina dietro di lui. «Te l'avevo già detto, ricordi?» Alex si voltò e quando tornò a guardare in avanti, la donna stava sorridendo con i soldi in mano. «Chiamatemi semplicemente Katie.» «Piacere di conoscerti, allora.» Alex batté sui tasti e il cassetto del registratore si aprì con suono argentino. «Abiti qui vicino?» Nessuna risposta. Alzando lo sguardo dalla cassa, lui vide la sua espressione terrorizzata, fissa sul monitor: Josh era caduto in acqua e agitava le braccia in preda al panico. Alex sentì un nodo alla gola e agì d'istinto. Si precipitò fuori dal banco e attraversò a razzo l'emporio e il retrobottega, urtando gli scatoloni. Poi spalancò la porta posteriore, il corpo percorso da scariche di adrenalina, scavalcò una fila di cespugli e prese una scorciatoia fino al molo. Corse a tutta velocità sulle assi, lanciandosi verso il figlio, che continuava ad agitare le braccia. Con il cuore in gola, Alex si librò in volo e si tuffò nel fiume. L'acqua non era alta - un metro e ottanta al massimo - e lui toccò con i piedi il fondo fangoso prima di tornare di slancio in superficie, le braccia tese per afferrare il bambino. «Ti ho preso!» gridò. «Ti ho preso!» Josh si dibatteva e tossiva, annaspando a corto d'aria, e Alex non riusciva a tenerlo fermo mentre guadagnava la riva. Poi, sollevandolo con un enorme sforzo, lo adagiò nell'erba, mentre prendeva in considerazione freneticamente le varie possibilità di rianimazione. Cercò di distendere Josh, ma lui oppose resistenza. Si agitava e tossiva e, sebbene fosse sconvolto, Alex ebbe sufficiente presenza di spirito per capire che quella era una reazione positiva. Non sapeva quanto tempo fosse trascorso - forse giusto una manciata di secondi che a lui parvero un'eternità -, comunque alla fine Josh diede un colpo di tosse più forte, sputò un fiotto d'acqua e riuscì a riprendere a respirare. Inspirò a fondo, tossì di

15 nuovo, inspirò e tossì, ma stavolta sembrava più che altro per un impulso a liberarsi la gola. Fece qualche respiro profondo, ancora sotto choc, e solo a quel punto parve rendersi conto di ciò che era accaduto. Si girò verso il padre, che lo abbracciò stretto. Josh scoppiò a piangere e Alex provò un brivido di paura. Che cosa sarebbe successo se non si fosse accorto che Katie fissava il monitor? Se fosse passato un altro minuto? La risposta a quelle domande lo lasciò sgomento. Piano piano i singhiozzi del bambino si placarono. «Mi spiace, papà», ansimò. «Anche a me», mormorò Alex continuando a stringerlo. Quasi temeva che, lasciandolo, potesse tornare indietro nel tempo al momento dell'incidente, e stavolta con un esito diverso. Quando finalmente riuscì a staccarsi da Josh, scorse un capannello di persone. C'erano Roger e i clienti della rosticceria. Poi un altro paio di curiosi, probabilmente appena arrivati. E naturalmente Kristen. All'improvviso Alex si sentì di nuovo un padre inadeguato, perché vide che la sua bambina piangeva disperata e aveva bisogno di lui, anche se si era rifugiata tra le braccia di Katie. Solo dopo che lui e il figlio si erano cambiati i vestiti, Alex riuscì a ricostruire l'accaduto. Roger aveva preparato per i bambini hamburger e patatine fritte, e si erano seduti tutti a un tavolo della rosticceria, anche se nessuno di loro aveva fame. «La mia lenza si è impigliata nella barca che si stava staccando dal molo, e non volevo perdere la canna da pesca. Pensavo che il filo si sarebbe spezzato, invece mi ha trascinato in acqua e io ho bevuto. Poi non riuscivo a respirare e mi sembrava che qualcosa mi tirasse verso il fondo.» Josh esitò. «Credo che la canna sia finita nel fiume.» Kristen era accanto a lui, gli occhi ancora rossi e gonfi. Katie, che nel frattempo era rimasta a farle compagnia, le teneva la mano. «Non importa. Proverò a cercarla più tardi e se non riesco a trovarla, te ne comprerò una nuova. La prossima volta, però, molla il colpo. Hai capito?» Josh tirò su col naso e annuì. «Scusami», disse. «È stato un incidente», lo tranquillizzò Alex. «E adesso non mi permetterai più di pescare.» No di certo, pensò Alex. «Ne parliamo più tardi, d'accordo?» «E se ti prometto che la prossima volta lascerò andare la canna?» «Ho detto che ne parleremo dopo. Ora non ti va di mangiare qualcosa?» «Non ho fame.» «Lo so, ma è ora di pranzo.» Josh prese una patatina e l'addentò senza convinzione, masticando meccanicamente. Kristen fece lo stesso. A tavola imitava sempre il fratello, che si arrabbiava. Adesso però lui non aveva la forza di reagire. Alex si voltò verso Katie. Deglutì, sentendosi improvvisamente nervoso. «Posso parlarti un momento?» Si alzarono da tavola e raggiunsero un punto dove i bambini non potevano sentirli. Lui si schiarì la voce. «Volevo ringraziarti per quello che hai fatto.» «Non ho fatto niente di speciale», protestò lei. «Sì, invece», ribatté lui. «Se tu non avessi guardato il monitor, io non avrei visto che cosa stava succedendo e non sarei riuscito a intervenire in tempo.» Tacque un istante. «Grazie anche di esserti presa cura di Kristen. È una bambina dolcissima e molto sensibile. Sono contento che tu non l'abbia lasciata sola, anche mentre noi eravamo di

16 sopra a cambiarci.» «Chiunque avrebbe fatto come me», si schermì Katie. Nel silenzio che seguì, sembrò rendersi conto di quanto fossero vicini e fece un mezzo passo indietro. «Ora devo proprio andare.» «Aspetta», disse Alex. Si diresse verso i frigoriferi sul retro del negozio. «Ti piace il vino?» «Sì, però...» Prima che lei potesse finire la frase, aprì lo sportello e tirò fuori una bottiglia di Chardonnay. «Per favore», le disse, «accettalo. È davvero molto buono. Quando ero nell'esercito un mio amico mi ha insegnato ad apprezzare il vino di qualità. Lui è un conoscitore, e sceglie per me le marche da tenere in negozio.» «Davvero non devi...» «È il minimo che io possa fare per ringraziarti.» Le sorrise. Per la prima volta da quando si erano incontrati, lei non abbassò lo sguardo. «D'accordo», cedette infine. Recuperò le borse della spesa e uscì dall'emporio. Alex tornò al tavolo dai figli. Insistendo ancora un po', li convinse a finire gli hamburger mentre lui cercava di recuperare la canna da pesca. Quando rientrò nel negozio, Joyce si stava infilando il grembiule e lui portò i figli a fare un giro in bicicletta. Quindi li accompagnò a Wilmington, dove andarono al cinema e a mangiare una pizza, i classici passatempi più amati dai bambini. Tornarono a casa che il sole era già tramontato, così gli fece la doccia e gli infilò il pigiama. Rimase a letto in mezzo a loro per un'ora, a leggere delle storie, prima di spegnere la luce. Poi andò in salotto, accese il televisore e saltò da un programma all'altro. Continuava a pensare a Josh, e pur sapendo che era sano e salvo di sopra, fu assalito di nuovo da un brivido di paura, e da un senso di fallimento. Stava facendo del suo meglio e nessuno amava i figli più di lui, eppure forse questo non bastava. Più tardi andò in cucina e prese una birra dal frigorifero. Se la portò in salotto e la sorseggiò lentamente. I ricordi della giornata gli affollavano la mente. Ripensò a Kristen e al modo in cui si era aggrappata a Katie, nascondendo il viso nel suo collo. L'ultima volta che l'aveva vista fare così, si disse, era stato quando Carly era ancora viva. 4. Aprile lasciò il posto a maggio mentre le giornate si susseguivano tranquille. Il ristorante si faceva sempre più affollato e la mazzetta di banconote nel barattolo del caffè a casa di Katie diventava ogni giorno più spessa e rassicurante. Ora poteva andarsene da lì, in caso di necessità. Per la prima volta da molti anni riusciva a mettere da parte qualcosa dopo aver pagato l'affitto e le bollette. Non molto, ma abbastanza da sentirsi libera e leggera. Un venerdì andò da Anna Jean, un negozio di abbigliamento di seconda mano. Trascorse lì quasi l'intera mattina, e alla fine comprò due paia di scarpe, due pantaloni, dei calzoncini, tre magliette e alcune camicette; tutti capi di marca che sembravano quasi nuovi. Stentava a credere che ci fossero donne con un guardaroba così fornito da poter scartare vestiti del genere. Al suo rientro, la vicina stava appendendo una campana a vento. Non avevano parlato molto dal loro primo incontro. Il lavoro di Jo, qualunque cosa fosse, la teneva molto impegnata e Katie copriva tutti i turni che poteva. Quando tornava la notte vedeva che le luci a casa di Jo erano ancora accese; il weekend precedente, invece, la donna era andata via. «Ehi, quanto tempo», disse la ragazza salutandola con un cenno della mano. Fece

17 tintinnare la campana prima di attraversare il cortile. Katie salì in veranda e posò il sacchetto. «Dove sei stata?» «Sai com'è. Si fa tardi, ci si alza presto, si corre di qua e di là. Vivo quasi costantemente con l'impressione di essere tirata da tutte le parti.» Indicò le sedie a dondolo. «Mi permetti? Devo riposarmi un attimo. È tutta la mattina che pulisco e ho appena appeso quell'oggettino. Mi piace il suono che fa.» «Accomodati pure.» Jo si mise a sedere e cominciò a ruotare le spalle per sciogliere la tensione. «Vedo che hai preso un po' di sole», osservò. «Sei andata al mare?» «No.» Spinse di lato il sacchetto per far spazio ai piedi. «In queste settimane ho coperto qualche turno extra di giorno e ho servito sulla terrazza.» «Sole, acqua... che cos'altro vuoi? Lavorare da Ivan deve essere una specie di vacanza.» Katie rise. «Non proprio. E tu che mi racconti?» «Niente sole e niente mare per me. Volevo venire da te stamattina per mendicare una tazza di caffè, ma eri già uscita.» «Sono andata a fare shopping.» «Lo vedo. Hai scovato qualcosa di bello?» «Credo di sì», confessò Katie. «Allora forza, fammi vedere che cosa hai comprato.» «Ti interessa davvero?» Jo rise. «Abito in una casetta in fondo a una strada sterrata in mezzo al nulla e passo la mattina a lavare armadietti. Ho altre occasioni di divertimento?» Katie tirò fuori un paio di jeans e glieli mostrò. Lei li prese e li rigirò davanti e dietro. «Uau!» esclamò. «Scommetto che li hai trovati da Anna Jean. Mi piace molto quel negozio.» «Come fai a sapere che sono stata lì?» «Perché nessun altro posto da queste parti vende roba così carina. E poi è quasi come nuova.» Li appoggiò sulle ginocchia e passò una mano sulle cuciture delle tasche. «Sono davvero stupendi. Adoro queste impunture!» Lanciò un'occhiata al sacchetto. «Cos'altro hai preso?» Le mostrò gli acquisti uno alla volta, ricevendo un mucchio di complimenti. Quando il sacchetto fu vuoto, Jo sospirò. «Ok, è ufficiale. Sono invidiosa. E scommetto che non è rimasto niente per me, giusto?» Katie la guardò, assalita da un'improvvisa timidezza. «Scusa», disse. «In effetti ho setacciato tutto il negozio.» «Hai fatto bene. Questi vestiti sono fantastici.» «Come vanno i lavori? Hai già iniziato a tinteggiare?» «Non ancora.» «Sei troppo impegnata con il lavoro?» Jo fece una smorfia. «Per essere sincera, dopo aver disfato i bagagli e pulito le stanze da cima a fondo, è come se avessi esaurito le energie. Meno male che ogni tanto posso venire qui da te, dove tutto è così allegro e luminoso.» «Vieni pure quando vuoi.» «Grazie, sei gentile. Però il malvagio Benson mi porterà dei barattoli di vernice, domani. Il che spiega perché ho bisogno di distrarmi. Mi angoscia già l'idea di trascorrere l'intero weekend coperta di schizzi.» «Non è poi tanto male. Si fa in fretta.» «Vedi queste mani?» chiese Jo sollevandole. «Sono fatte per accarezzare bellissimi uomini e portare unghie smaltate e anelli di diamanti. È un peccato sciuparle impugnando rulli e grossi pennelli.» Katie ridacchiò. «Vuoi che ti aiuti?» «No, non preoccuparti per me. Sono bravissima a rimandare, sai, ma quando mi ci metto riesco a cavarmela da sola.» Delle starne si levarono in volo dagli alberi, muovendosi con un ritmo quasi musicale. Le assi della veranda scricchiolavano leggermente sotto il peso delle sedie a dondolo. «Posso sapere che lavoro fai?» domandò Katie. «Sono una consulente psicologa.» «Nelle scuole?» «No», rispose Jo. «Io mi occupo di elaborazione del lutto.» «Oh», fece Katie. E dopo una pausa, aggiunse: «Spiegati meglio».

18 «In pratica, fornisco un supporto psicologico alla gente che soffre per la morte di una persona cara.» Si fermò, e riprese con voce più morbida: «Di fronte al dolore ognuno reagisce a modo suo, e sta a me trovare la chiave per aiutare i miei pazienti ad accettare l'accaduto, come si dice. In realtà odio tale espressione, dato che si tratta di un processo lungo e penoso, ma è più o meno quello il mio obiettivo. Perché alla fine, per quanto sia difficile, l'accettazione della perdita è l'unica cosa che ci permette di andare avanti. Anche se a volte...» Tacque. Grattò via con l'unghia un pezzo di vernice dalla sedia a dondolo. «A volte, saltano fuori questioni di altro genere, ed è di questo che mi sto occupando ultimamente. Ci sono persone che hanno bisogno di sostegno per superare certi traumi emotivi.» «Deve essere un lavoro che dà soddisfazione.» «Infatti. Comunque è sempre una sfida.» Si girò verso Katie. «E tu?» «Lo sai che faccio la cameriera da Ivan.» «Però non mi hai raccontato nulla di te.» «Non c'è molto da dire», ribatté Katie intenzionata a cambiare argomento. «Non ci credo. Ognuno ha la sua storia. Per esempio, che cosa ti ha spinta veramente a trasferirti a Southport?» «Te l'ho già spiegato. Volevo un posto dove poter ricominciare.» Jo la fissò negli occhi, come se volesse leggerle dentro, mentre valutava la risposta. «D'accordo», replicò alla fine in tono leggero. «Ho afferrato il messaggio. Non sono affari miei.» «Non intendevo questo...» «Invece sì, anche se l'hai fatto in modo carino. E io rispetto la tua volontà, perché hai ragione: la cosa non mi riguarda. Ma sappi che, se mi dici che volevi cominciare da capo, come psicologa non posso fare a meno di chiedermi perché tu abbia sentito questa necessità. E, soprattutto, che cosa ti sia lasciata alle spalle.» Katie si irrigidì. Avvertendo il suo disagio, Jo proseguì in tono gentile: «Senti, lascia perdere. Però se un giorno avessi voglia di confidarti con qualcuno, puoi sempre rivolgerti a me. Sono brava ad ascoltare. E che tu ci creda o no, a volte sfogarsi aiuta». «E se non potessi parlarne?» replicò Katie in un involontario sussurro. «Qual è il problema? Dimentica che sono una psicologa. Siamo semplicemente amiche, e tra amiche si chiacchiera di tutto e di niente. Per esempio, potresti incominciare da dove sei nata e da cosa ti piaceva fare da bambina.» «Perché, sono cose importanti?» «No, ed è proprio questo il punto. Così non sei obbligata a dirmi quello che non vuoi.» Katie rifletté su quelle parole prima di lanciarle un'occhiata diffidente. «Sei forte nel tuo lavoro, eh?» «Ci provo», riconobbe Jo. Intrecciò le dita in grembo. «D'accordo. Sono nata ad Altoona, in Pennsylvania.» Jo si appoggiò alla spalliera della sedia. «E com'è?» «E una di quelle vecchie cittadine sorte lungo la ferrovia», rispose Katie. «Piena di gente onesta, grandi lavoratori che cercano solo di migliorare il proprio tenore di vita. E aveva un certo fascino, soprattutto in autunno, quando le foglie cambiano colore. Un tempo pensavo che non ci fosse un posto più bello al mondo.» Abbassò gli occhi, persa nei ricordi. «Avevo un'amica, Emily, e il nostro principale divertimento era andare ad appoggiare le monetine sui binari. Dopo il passaggio del treno ci mettevamo a cercarle, e restavamo sempre meravigliate di come fossero diventate completamente lisce. A volte erano ancora calde. Ricordo che un giorno mi sono quasi scottata le dita. Se ripenso alla mia infanzia, mi tornano in mente piccoli piaceri del genere.» Katie alzò gli occhi per guardarla, ma Jo sorrise in silenzio, aspettando che lei continuasse.

19 «Ho frequentato le scuole lì. Fino al diploma, e poi, non so... probabilmente mi ero stancata... di tutto quanto, sai? La vita di provincia, ogni weekend uguale all'altro. Sempre le stesse persone alle stesse feste, gli stessi ragazzi che bevevano birra a bordo dei loro pickup. Volevo qualcosa di più, ma il college non faceva per me, così sono finita ad Atlantic City. Ho lavorato in quella città per qualche anno, dopo di che ho girato un po', e ora eccomi qui.» «In un'altra cittadina di provincia.» Katie fece una smorfia. «Qui è diverso. Mi sento...» Vedendo che si era interrotta, Jo finì la frase per lei: «Al sicuro?» Katie la fissò sbigottita e Jo replicò: «Non era difficile da immaginare. Tu hai detto che volevi ricominciare, e quale posto migliore per farlo, se non questo? Dove non succede mai niente». Fece una pausa. «Be', non è proprio vero. Ho sentito che c'è stato un po' di trambusto un paio di settimane fa, quando tu eri all'emporio.» «Te l'hanno riferito?» «La città è piccola, e si viene sempre a sapere tutto. Raccontami com'è andata.» «Che spavento... Un attimo prima parlavo con Alex e quando ho alzato la testa verso il monitor, lui deve aver notato la mia espressione, perché subito dopo è scappato fuori. Ha attraversato il negozio in un lampo, poi anche Kristen ha guardato lo schermo ed è scoppiata a piangere. Io l'ho presa in braccio e sono uscita per seguire il suo papà. Prima che arrivassimo al molo, Alex aveva già riportato a riva Josh. È andato tutto bene.» «Per fortuna», annuì Jo. «Che ne pensi di Kristen? Non è una bambina dolcissima?» «Mi chiama Miss Katie.» «È adorabile», disse portandosi le ginocchia al petto. «Comunque non mi sorprende che andiate d'accordo. Né che si sia affidata a te in un momento di paura.» «Perché dici così?» «È molto sensibile. Sa che tu hai buon cuore.» Katie assunse un'aria scettica. «Forse era semplicemente spaventata per il fratello e, una volta uscito il padre, io ero l'unica persona vicina a lei.» «Non sottovalutarti. Come ho già detto, è molto sensibile», la incalzò Jo. «E Alex? Si è ripreso dopo l'incidente?» «Era ancora un po' scosso, ma sembrava di sì.» «Avete avuto occasione di parlare spesso da allora?» Katie non si sbilanciò. «È sempre molto gentile con me quando vado all'emporio, e mi tiene da parte quello che mi occorre. Tutto qui.» «Ci sa fare con i clienti», disse Jo con aria convinta. «Parli come se lo conoscessi bene.» L'altra si dondolò per un po'. «In effetti, penso di conoscerlo.» Katie aspettò che proseguisse, ma Jo rimase in silenzio. «Ne vuoi parlare?» le domandò allora con aria innocente. «Sai, a volte aiuta, soprattutto con un'amica.» Gli occhi di Jo si illuminarono. «Ho sempre sospettato che tu sia molto più in gamba di quanto vuoi far credere. Stai usando le mie stesse parole. Dovresti vergognarti.» Katie sorrise senza dire niente, come aveva visto fare all'altra. E sorprendentemente lo stratagemma funzionò. «Non sono sicura di poterti raccontare tutto», cominciò Jo. «Ma questo posso dirtelo: è una brava persona. Il genere d'uomo su cui puoi contare, che fa sempre la cosa giusta. Lo si vede da come ama i figli.» Katie strinse le labbra per un istante. «Vi siete mai frequentati?» Jo scelse con cura le parole. «Sì, ma forse non nel modo che pensi tu. E comunque voglio precisare: è successo tempo fa e poi ognuno è andato per la sua strada.» Katie non sapeva bene come interpretare quella risposta, ma non voleva insistere. «Qual è la sua storia? Immagino sia divorziato, giusto?» «Dovresti chiederlo a lui.» «Io? Perché dovrei farlo?» «Perché lo hai chiesto a me», rispose alzando un sopracciglio. «Il che ovviamente significa che quell'uomo ti interessa.» «Non è vero.» «Allora perché fare domande su di lui?» Katie si accigliò. «Per essere un'amica, sei un

20 po' sfacciata.» Jo si strinse nelle spalle. «Mi limito a dire alle persone quello che già sanno ma hanno paura di ammettere con se stesse.» Katie ci pensò un istante. «A questo punto ritiro ufficialmente la mia offerta di aiutarti a tinteggiare casa.» «L'hai fatto spontaneamente.» «È vero, però ora ho cambiato idea.» Jo scoppiò a ridere. «Ehi, hai degli impegni stasera?» «Tra poco inizia il mio turno al ristorante. Anzi, dovrei già prepararmi.» «E domani sera? Lavori?» «No, ho il weekend libero.» «Che ne dici allora se vengo qui con una bottiglia di vino? Sicuramente avrò bisogno di bere qualcosa e non voglio passare più tempo del necessario a respirare i vapori della pittura. Ti va l'idea?» «D'accordo.» «Bene.» Jo appoggiò i piedi a terra e si alzò dalla sedia. «È deciso.» 5. All'alba di sabato il cielo era azzurro, ma ben presto si coprì di nuvole spesse e plumbee, sospinte da raffiche di vento. La temperatura si abbassò bruscamente e Katie dovette indossare una felpa prima di uscire di casa. L'emporio distava all'inarca tre chilometri, il che equivaleva a una mezz'ora a piedi, e lei doveva sbrigarsi, se non voleva farsi sorprendere dal temporale. Quando raggiunse la statale, sentì rimbombare il primo tuono. Accelerò il passo, avanzando nell'aria umida che odorava di salsedine. Un camion le sfrecciò accanto, e Katie si spostò sul ciglio sabbioso. Sopra di lei si librava un falco coda rossa, sfidando la forza del vento. Mentre procedeva con andatura sostenuta, ripensò alla sua conversazione con Jo. Era evidente che quella donna si sbagliava, considerò. Lei voleva solo fare quattro chiacchiere innocenti, mentre l'altra aveva frainteso le sue parole su Alex. Certo, il tipo sembrava proprio una brava persona e, come sosteneva Jo, Kristen era una bambina dolcissima, ma lui non le interessava. Non lo conosceva neppure. Da quando Josh era caduto nel fiume, non si erano praticamente più visti, e l'ultima cosa che lei desiderava era una relazione di qualsiasi genere. Allora perché aveva l'impressione che Jo cercasse di metterli insieme? Comunque non aveva importanza. Era contenta che Jo venisse da lei quella sera. Due amiche che si trovavano davanti a un buon bicchiere... Niente di speciale. Molte altre donne lo facevano in continuazione. Si accigliò. D'accordo, non in continuazione, forse, ma la maggior parte di loro probabilmente sapeva di poterlo fare, se voleva, ed era proprio questa la differenza tra lei e le altre. Da quanto tempo non viveva più una vita normale? Da quando era bambina. Dall'epoca in cui metteva le monetine sui binari. In realtà non era stata sincera fino in fondo con Jo. Non le aveva detto che spesso si recava alla ferrovia per sfuggire alle grida dei genitori che litigavano, alle loro voci biascicate. E che una volta, a dodici anni, era finita in mezzo a quel fuoco incrociato ed era stata colpita da una palla di vetro con la neve finta che il padre aveva lanciato contro sua madre. Quella ferita alla testa aveva sanguinato per ore, ma nessuno dei due si era preoccupato di portarla all'ospedale. Non aveva raccontato a Jo che il padre diventava cattivo quando beveva, e che lei non invitava mai nessuno, neppure Emily; e nemmeno che non era andata al college perché i suoi genitori lo consideravano uno spreco di soldi e di tempo. O che l'avevano buttata fuori di casa a calci il giorno stesso del diploma. Forse prima o poi si sarebbe confidata con Jo. Oppure no. Che cosa c'era di strano se

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA .IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA C era una volta un mago di nome Mattia che era considerato il mago più bravo di tutti i tempi e per questo veniva invitato in tutte le città del mondo

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli