International mobility, tourism and cross-border healthcare.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "International mobility, tourism and cross-border healthcare."

Transcript

1 Trieste, 29 th October 2014 Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients The case for cross-border collaboration: a pilot project to improve access to primary angioplasty to treat acute heart attack patients across borders between Italy, Slovenia and Croatia International mobility, tourism and cross-border healthcare. Leopoldo Comisso Coordinator of the W.P. 8 Project HoNCAB A.S.S. n.5 Bassa Friulana The content of this document reflects only the author s views and the Executive Agency for Health and Consumers is not responsible for any use that may be made of the information contained herein. Grant Agreement HoNCAB Project

2 Per una regione di confine i flussi legati alla mobilità transfrontaliera sono assai importanti DEFINIZIONE: mobilità delle persone, cittadini di altro Stato, temporaneamente presenti nella Regione Friuli Venezia Giulia. Entità dei FLUSSI rilevati attraverso i dati sulle presenze ed i pernottamenti turistici (turismo, lavoro, passaggio-trasferimento)

3 TURISMO SALUTE Il turista può avere la necessità di doversi rivolgere alle strutture sanitarie presenti nel luogo di vacanza. La qualità delle cure e dell assistenza ricevute, per un turista, in particolare se straniero, diventa un importante biglietto da visita dell Azienda Sanitaria e del Servizio Sanitario Regionale, della località turistica che lo ha ospitato, della Regione e dell Italia

4 L ASSISTENZA SANITARIA è un ELEMENTO STRATEGICO per la PROMOZIONE TURISTICA Il TURISMO è un elemento IMPORTANTE della PIANIFICAZIONE, ORGANIZZAZIONE, LOCALIZZAZIONE e GESTIONE dei SERVIZI SANITARI

5

6

7 Una VARIABILE che orienta la SCELTA della META TURISTICA è la SICUREZZA di POTER RICEVERE, nella località in cui ci si recherà in vacanza, un ADEGUATA ed ECCELLENTE ASSISTENZA SANITARIA nell eventuale MOMENTO DI BISOGNO della persona, situazione caratterizzata da fragilità e vulnerabilità, specialmente se ci si trova in un Paese straniero

8 L ampliamento delle conoscenze sulle aspettative e sulle problematiche che può incontrare il cittadino straniero, che riceve cure in un Paese straniero, e sulle problematiche assistenziali ed amministrative incontrate dalle strutture eroganti e da quelle paganti e la costruzione di reti, tra Ospedali/Istituzioni sanitarie/casse mutue del proprio Paese, possono essere trasformate in driver di miglioramento e di valore per le strutture eroganti utili a migliorare i percorsi/processi assistenziali, organizzativi ed amministrativi ed anche aiutare a coinvolgere i professionisti ed il paziente in modo nuovo empowerment in linea con gli indirizzi della Commissione europea e con le indicazioni della Direttiva UE 24/2011)

9 Riguardo alle possibili sinergie tra ASSISTENZA SANITARIA e TURISMO Va evidenziato che la Legge Regionale, del Friuli Venezia Giulia, n.2 del 16/1/2002 «Disciplina organica del turismo» all art. 4 «miglioramento dei servizi sanitari e di prevenzione e sicurezza», comma 1 recita: «La Regione concorre a promuovere il miglioramento dei servizi sanitari e di prevenzione e sicurezza nelle località con afflusso turistico rilevante, quale indispensabile supporto all offerta turistica».

10 2011 Lignano Sabbiadoro (fa parte dell Ambito territoriale Ovest) Ambito territoriale Ovest (senza Lignano) Ospedale di Latisana Arrivi % Presenze % ,38% ,44% ,80% ,12% Ambito territoriale Est Ospedale di Palmanova ,82% ,44% Ambito territoriale ASS5-BF % % 2012 Lignano Sabbiadoro (fa parte dell Ambito territoriale Ovest) Ambito territoriale Ovest (senza Lignano) Ospedale di Latisana ,32% ,67% ,03% ,64% Ambito territoriale Est Ospedale di Palmanova ,65% ,69% Ambito territoriale ASS5-BF % % 2013 Lignano Sabbiadoro (fa parte dell ambito territoriale Ovest) Ambito territoriale Ovest (senza Lignano) Ospedale di Latisana ,51% ,25% ,92% ,52% Ambito territoriale Est Ospedale di Palmanova ,57% ,23% Ambito territoriale ASS5-BF % %

11 Le esigenze di alcune casse mutue tedesche: di acquisire un vantaggio rispetto ai propri diretti competitor; di fornire, al proprio assicurato, una migliore assistenza nei luoghi di villeggiatura; di poter indicare, al proprio assicurato, Centri e Strutture sanitarie estere convenzionate e nelle quali è stato verificato e validato lo standard qualitativo di erogazione; di aumentare, nel proprio assicurato, la percezione di essere seguito dalla propria Cassa Mutua (aumenta la sicurezza e la tutela). incontrando la disponibilità e l interesse della Regione Friuli - Venezia Giulia. hanno portato la Giunta delle Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, con il contributo della Azienda per i Servizi Sanitari n. 5 Bassa Friulana, ad adottare, con la generalità n.83 del 19 gennaio 2007, la Convenzione tipo per la fornitura di prestazioni sanitarie agli assicurati delle Casse Mutue della Germania: Techniker Krankenkasse TK AOK Die Gesundheitskasse: AOK Rheinland/Hamburg; AOK Sachsen - Anhalt ; AOK NORDOST ; AOK NORDWEST

12 Techniker Krankenkasse ed AOK Rheinland/Hamburg con le AOK associate assicurano in Germania, circa 19 MILIONI di persone Il Direttore Generale della A.S.S. n. 5 sottoscrive la Convenzione il giorno 1 agosto 2009 e lo stesso giorno i percorsi di accoglimento sono operativi. L accordo, prevede l erogazione delle prestazioni ospedaliere (in regime di ricovero ordinario o day hospital; di urgenza-emergenza; ambulatoriali specialistiche e di riabilitazione) che il personale sanitario riterrà necessarie per il più idoneo trattamento dei pazienti Le condizioni per l erogazione delle prestazioni sanitarie rese ai cittadini tedeschi, assicurati con le casse mutue convenzionate, in temporaneo soggiorno nel territorio regionale sono analoghe a quelle garantite ai residenti in Regione ; Le Casse mutue si sostituiscono al paziente per il pagamento dell intero corrispettivo della prestazione.

13 Valutando l evoluzione del contesto internazionale e l aumento, delle presenze turistiche di cittadini delle ex repubbliche sovietiche, la ASS n.5, nel corso del 2011, ha iniziato le negoziazioni, con la direzione di MOSCA, della Global Voyager Assistance GVA per verificare le possibilità di avviare un progetto sperimentale pilota per la fornitura di prestazioni sanitarie a cittadini della Federazione Russa e ad assicurati GVA. Il 20 novembre 2013, è stata sottoscritta la Convenzione per l assistenza sanitaria a cittadini della Federazione Russa e ad assicurati G.V.A. nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Oggetto: fornire prestazioni sanitarie urgenti e/o medicalmente necessarie, (lasciando aperta la possibilità di erogare interventi programmati o in elezione) agli ospiti/turisti russi e delle ex repubbliche sovietiche che dovessero necessitare di cure durante la loro permanenza nella Bassa Friulana.

14 La Convenzione ha l ambizione di rappresentare il primo esempio in ITALIA di collaborazione che è nel contempo sperimentazione, laboratorio in progress e progetto pilota di cooperazione, tra una primaria ASSICURAZIONE PRIVATA che opera nella FEDERAZIONE RUSSA e la A.S.S. n.5 Bassa Friulana, AZIENDA SANITARIA PUBBLICA del Servizio Sanitario Regionale del Friuli - Venezia Giulia.

15

16

17

18 Obiettivi generali di HoNCAB : Impostare una rete di strutture sanitarie collegate (Set up a pilot network of Hospitals) ed un sistema per lo scambio di informazioni e comunicazioni ed il rilievo della soddisfazione dei pazienti (Establish a system to report and exchange information on administrative issues related to payment of care for cross-border patients and on patient satisfaction) Comparare le differenze di DRGs e tariffe (Compare differences between Diagnosis Related Groups and tarifs) Analizzare alcuni case-studies in realtà locali in cui sono già in atto sperimentazioni di cure sanitarie transfrontaliere (Investigation on key thematic issues: tourism and cross-border healtcare) Diffondere raccomandazioni operative comuni per i partners relativamente all assistenza sanitaria transfrontaliera ed ai passi necessari all implementazione, a livello di Stati Membri della U.E., della Direttiva 2011/24/EU (Provide recommendation on the organisational requirements for crossborder management of payment issues) Based on the findings of the project, publish a Compendium of results for policy makers and a Handbook for Hospitals.

19 Il Progetto HoNCAB si sviluppa in 9 Work Package. La A.S.S. 5 Bassa Friulana coordina il WP 8 Obiettivi specifici del WP8 Investigation on tourism and cross-border health di HoNCAB: Cosa Individuare e studiare alcune esperienze consolidate di assistenza sanitaria transfrontaliera diretta fornita a pazienti affiliati a sistemi sanitari di nazione diversa da quella della struttura erogatrice. Dove In particolari aree geografiche dove siano attivi dei progetti di collaborazione, di cooperazione sanitaria transfrontaliera e/o specifici accordi/contratti/convenzioni a livello di regioni, Aziende sanitari, Casse Mutue/assicurazioni e presenza di flussi di persone tra regioni di confine appartenenti a Stati diversi e/o significativi movimenti per turismo stagionale od annuale. Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

20 Case study A.S.S. n. 5 Bassa Friulana & international Partners of the WP8 of the HoNCAB Project INDEX Introduction 1. Presence ed evidence of cross-border phenomenon in the specific geographical area. 2. What are the caracteristics of the people involved in the cross-border healthcare phenomenon at the specific site? 3. What are the caracteristics (in terms of governance and organization) of the healthcare organization in order to respond to the cross-border phenomenon? 4. What is the opinion of the Leadership/Governance relatively to the crossborder phenomenon? 5. What are the administrative and financial aspects related to the healthcare cross-border phenomenon? 6. At which extent is modern E-health technology used in the management of the cross-border phenomenon? Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

21 Elementi che fanno funzionare o affossano una cooperazione cross-border 1. Fattore umano (persone che ci credono, hanno le competenze e capacità e sono determinati); 2. Esigenze a livello locale (pazienti interessati ad usufruire di servizi nell altro Stato); 3. Interessi comuni (entrambi i partner devono trovare vantaggio); 4. Sostegno esterno (per poter evitare azioni di ostruzionismo da chi vede la collaborazione cross-border come una minaccia al proprio status quo; sostegno economico/finanziario) 5. Condivisione interessi comuni tra i due paesi a livello di governo. spunto dalla relazione della prof.ssa I. Glinos all evento di Venezia organizzato dal mattone Internazionale il 23,24 ottobre 2014 Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

22 1. Presence ed evidence of cross-border phenomenon in the specific geographical area. Abbiamo proposto di studiare i flussi di persone che richiedono assistenza medica in un paese straniero individuando i seguenti possibili fenomeni: Presence of direct cross-border healthcare (Assistenza transfrontaliera in regioni di confine); Presence of health tourism (Turismo sanitario intendendo chi si reca espressamente in un paese straniero per ricevere cure mediche); Presence of healthcare to tourist who need sanitary treatments during a temporary staying in a Member State different from their State of residence (Assistenza sanitaria a turisti o persone che necessitano di cure sanitarie durante una loro temporanea presenza in uno Stato differente da quello di loro affiliazione al Servizio Sanitario) e l esistenza di collaborations/contracts/agreements (Collaborazioni/Contratti/accordi/convenzioni che coinvolgano fornitori di cure e pagatori di Paesi diversi - tra Regioni, Istituzioni, Ospedali, Aziende Sanitarie, Casse mutue/fondi). Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

23 Cross-border healthcare on border regions ( Direct cross-border Healthcare) Flussi sanitari transfrontalieri di cittadini che vanno a curarsi nelle strutture sanitarie di uno Stato/regione confinante (Situazione delimitata a specifiche aree di confine tra due o più paesi). Flussi originati e/o regolati da prassi esistenti (vicinanza, presenza/non presenza di determinate specialità, struttura specializzata, specialista rinomato ecc.); progetti di collaborazione/cooperazione sanitaria transfrontaliera; accordi, convenzioni a livello di regioni, di aziende sanitarie e/o ad altro livello, con descrizione ed evidenziazione dei meccanismi di pagamento/rimborso delle prestazioni. Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

24 Health tourism Assistenza Sanitaria per cure programmate, fornite a pazienti provenienti da Paesi diversi da quello che eroga le cure, che si sono recati in uno Stato estero volontariamente ed esplicitamente per ricevere delle cure sanitarie. Ai fini dello studio si differenzieranno le situazioni che possono essere ricondotte alla Direttiva 2011/24/EU, da quelle previste dalla regolamentazione comunitaria che disciplina l assistenza sanitaria nel caso di trasferimenti all estero (Regolamenti UE n.883/2004 e n.987/2009). Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

25 Healthcare to tourists that needs sanitary treatments during a temporary stay in a Member State different from their M. S. of residence/affiliation Assistenza sanitaria a Turisti e ad altri soggetti che hanno necessità di ricevere cure durante un periodo di presenza temporanea nello Stato erogante. Si vuole ricomprendere in questa definizione tutte le situazioni di accesso alle strutture del servizio sanitario del Paese in cui ci si trova temporaneamente presenti per turismo, lavoro, transito, cittadini che vivono una parte dell anno in uno Stato diverso da quello di residenza abituale, ecc. In genere l accesso, ai servizi sanitari, è dovuto a necessità di ricevere cure urgenti o medicalmente necessarie ed in alcuni casi, per persone che hanno la necessità di sottoporsi a cicli di cure come ad esempio la dialisi, le cure sono programmate prima della partenza dal Paese di residenza. le istituzioni sanitarie devono organizzare i propri servizi per fornire assistenza sia ai propri residenti che ai cittadini turisti (italiani e stranieri), ciò è più o meno complicato anche in funzione dei picchi stagionali di presenza turistica. Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

26 Per la ASS n.5 B.F. la partecipazione al progetto HoNCAB e l assunzione del ruolo di coordinatore del WP8 implica: Accrescere le professionalità di gestione e coordinamento di gruppi di lavoro internazionali; Imparare dalle realtà dei partner e proporre le proprie esperienze condividendo e confrontandosi; Acquisire visibilità internazionale e valorizzare le competenze specifiche maturate nell assistenza sanitaria ai turisti; Dare visibilità internazionale a Regione, e soggetti con i quali la ASS n.5 collabora (Regione, Direzione Centrale Salute, Agenzia regionale per il Turismo, Comuni, operatori turistici ) Agevolare lo scambio di informazioni relative alle problematiche inerenti la assistenza sanitaria «cross border» percorsi assistenziali, amministrativi, di pagamento e rimborso; Mettere a disposizione del sistema regione l expertise maturata Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

27 Far parte di una rete europea Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

28 permette di essere riconosciuto come «Associated partner» di HoNCAB, marchio di fatto legittimato dalla Commissione Europea Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

29 Indirettamente, promuovere località turistiche regionali può Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

30 GRAZIE dell attenzione! Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

31 ASS n. 5 "Bassa Friulana - Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia dott. Leopoldo Comisso Coordinator of the W.P. 8 European Project HoNCAB Tel.: Mail: The content of this document reflects only the author s views and the Executive Agency for Health and Consumers is not responsible for any use that may be made of the information contained herein. Grant Agreement HoNCAB Project Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients

Work Package n.8 Case Study LIGNANO. Leopoldo Comisso. Lignano Sabbiadoro, 9 Aprile 2015

Work Package n.8 Case Study LIGNANO. Leopoldo Comisso. Lignano Sabbiadoro, 9 Aprile 2015 Lignano Sabbiadoro, 9 Aprile 2015 Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients Valorizzazione dell offerta turistica. Sicurezza, benessere e salute

Dettagli

EUROPE Health and Tourism Rehabilitative treatments and SPA care in the perspective of international tourism. European cross-border planning.

EUROPE Health and Tourism Rehabilitative treatments and SPA care in the perspective of international tourism. European cross-border planning. Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients International Conference Austria - Czech Republic Germany Italy Slovenia EUROPE Health and Tourism Rehabilitative

Dettagli

Città di Lignano Sabbiadoro CONVEGNO:

Città di Lignano Sabbiadoro CONVEGNO: Città di Lignano Sabbiadoro CONVEGNO: VALORIZZAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA: SICUREZZA, BENESSERE E SALUTE PER IL TURISTA. Progettualità europea e progetti internazionali di cooperazione transfrontaliera.

Dettagli

Progetto HoNCAB e turismo sanitario

Progetto HoNCAB e turismo sanitario Milano, 25 settembre 2015 CORSO ECM EUROREGIONE ALPINA E TURISMO SANITARIO 2015 Support creation of pilot network of hospitals Progetto HoNCAB e turismo sanitario Leopoldo Comisso A.A.S. n.2 Bassa Friulana

Dettagli

Mobilità turistica internazionale ed assistenza sanitaria transfrontaliera

Mobilità turistica internazionale ed assistenza sanitaria transfrontaliera Lignano Sabbiadoro 5 novembre 2013 Mobilità turistica internazionale ed assistenza sanitaria transfrontaliera Partecipazione A.S.S. n.5 Bassa Friulana al Progetto HoNCAB Leopoldo Comisso ASS n5 BF The

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT. WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare

MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT. WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare Bruxelles, 26 Febbraio 2013 Ing. Paolo Di Loreto Representative

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES SME SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES INTEGRATION GUIDE IT With financial support from the European Union Sole responsibility lies with the author and the Commission is not responsible for any use that

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

Turismo sanitario come opportunità per la promozione della rete delle strutture sanitarie

Turismo sanitario come opportunità per la promozione della rete delle strutture sanitarie PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP Le sinergie nell Unione Europea tra servizi sanitari nazionali e politiche del turismo Venezia, 14 aprile 2014 Turismo sanitario come opportunità per la promozione

Dettagli

PIANO DI VALUTAZIONE MONITORAGGIO. RING TransferRING Supports for Caregivers IT-0446

PIANO DI VALUTAZIONE MONITORAGGIO. RING TransferRING Supports for Caregivers IT-0446 This project has been funded with support from the European Commission. This publication [communication] reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

In-Diversity Newsletter 3

In-Diversity Newsletter 3 Newsletter 3 APRILE 2012 This project has been funded with support from the European Commission. This communication reflects the views only of the authors, and the Commission cannot be held responsible

Dettagli

SESSIONE PARALLELA 2 Dall Handbook al progetto pilota

SESSIONE PARALLELA 2 Dall Handbook al progetto pilota SESSIONE PARALLELA 2 Dall Handbook al progetto pilota Annalisa Malgieri Direzione delle Professioni Sanitarie e delle Risorse Umane del SSN Ministero della Salute WP5 team Roma, 5 Dicembre 2014 La determinazione

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Ufficio di Collegamento di Bruxelles del Friuli Venezia Giulia Bruxelles, 29 febbraio 2016

Ufficio di Collegamento di Bruxelles del Friuli Venezia Giulia Bruxelles, 29 febbraio 2016 Ufficio di Collegamento di Bruxelles del Friuli Venezia Giulia Bruxelles, 29 febbraio 2016 Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross border patients Work Package

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

La Piattaforma EFISIO

La Piattaforma EFISIO Strumenti finanziari e sviluppo urbano sostenibile: dalla finanza di progetto alla finanza di programma La Piattaforma EFISIO INFO DAY ITALIA 14/11/2014 Dimensione urbana e strumen. finanziari nella programmazione

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

Art. 12: Reti di riferimento

Art. 12: Reti di riferimento Progetto Mattone Internazionale: Workshop Applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Perugia, 10 maggio 2013 Approfondimenti su tematiche specifiche legate

Dettagli

"Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni"

Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni "Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni" Mario Melazzini Direttore Scientifico Centro Clinico NeMo, Fondazione Serena, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda, Milano Il punto di partenza

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

TOURISTS HEALTH PROTECTION ABROAD:

TOURISTS HEALTH PROTECTION ABROAD: 5th Jubilee Annual Scientific Conference with International Participation «Medicine and Law in the 21st Century» 28-29 November 2013 TOURISTS HEALTH PROTECTION ABROAD: THE ITALIAN EXPERIENCE Francesca

Dettagli

per l Azienda Turistica

per l Azienda Turistica Marketing Comunicazione e Internet per l Azienda Turistica Rurale Il Corso è inserito nel Catalogo Interregionale di Alta Formazione www.altaformazioneinrete.it GATEWAY TO LEARNING Titolo del corso: Marketing,

Dettagli

T U R I S M O W E B A G E N C Y C O N S U L E N Z E E U R O P A P R O G E T T I

T U R I S M O W E B A G E N C Y C O N S U L E N Z E E U R O P A P R O G E T T I TURISMO WEB AGENCY CONSULENZE EUROPA PROGETTI www.pixelsc.it PIXEL È SOLUZIONI ICT PER IL TURISMO TURISMO Pixel fornisce agli operatori del settore turistico e alberghiero gli strumenti per presentare

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

PROGETTO IL PROGETTO DEL DIPARTIMENTO SALUTE SI COLLOCA NELL INZIATIVA COMUNITARIA INTERREG

PROGETTO IL PROGETTO DEL DIPARTIMENTO SALUTE SI COLLOCA NELL INZIATIVA COMUNITARIA INTERREG PROGETTO IL PROGETTO DEL DIPARTIMENTO SALUTE SI COLLOCA NELL INZIATIVA COMUNITARIA INTERREG III C WEST ZONE ED E E TITOLATO: HEALTH CLUSTER NETWORK: ENGAGING THE HEALTH SECTOR MORE EFFECTIVELY IN REGIONAL

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI IQEA: UN PROGET TO PER DARE VALORE ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI GIANFRANCO MASSA - EXFOR Alcuni temi centrali per il welfare Assicurare qualità dell assistenza basata sulle competenze delle

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli

Il Portfolio Europeo delle Lingue

Il Portfolio Europeo delle Lingue Il Portfolio Europeo delle Lingue Una guida introduttiva per aziende, enti pubblici e associazioni in genere Il Portfolio Europeo delle Lingue propone standard internazionali che permettono di misurare

Dettagli

La gestione del rischio controparti

La gestione del rischio controparti Risk Assurance Services www.pwc.com/it La gestione del rischio controparti Un esigenza da presidiare per la tutela della reputazione e del valore aziendale La reputazione è un asset strategico da valorizzare,

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5.

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5. NEWSLETTER Edizione 3, Invecchiamento Attivo, fatelo voi! La Comunità di Apprendimento per l Invecchiamento Attivo @Learn è un progetto multilaterale Grundtvig che riunisce le organizzazioni partner da

Dettagli

L esperienza di una partecipante:

L esperienza di una partecipante: Seminario di orientamento Visite di Studio 2013/14 L esperienza di una partecipante: Visita di Studio n. 263 ad Aalborg 9. - 13. 5. 2011 Firenze, 09 Settembre 2013 A cura di Carla Sabatini Argomenti di

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

La Cooperazione Territoriale Europea: il Programma IPA Adriatic e prospettive future. Criticità nell attuazione dei progetti: aspetti amministrativi

La Cooperazione Territoriale Europea: il Programma IPA Adriatic e prospettive future. Criticità nell attuazione dei progetti: aspetti amministrativi La Cooperazione Territoriale Europea: il Programma IPA Adriatic e prospettive future Criticità nell attuazione dei progetti: aspetti amministrativi Let's grow up together L Aquila, 14/04/2014 Federica

Dettagli

Cosa cambia con la Direttiva 24/2011 del Parlamento Europeo. Silvio Brusaferro

Cosa cambia con la Direttiva 24/2011 del Parlamento Europeo. Silvio Brusaferro Cosa cambia con la Direttiva 24/2011 del Parlamento Europeo Silvio Brusaferro L intervento L evoluzione del contesto europeo La direttiva 24/2011/UE Le reti di riferimento Prospettive L intervento L evoluzione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

La cooperativa di servizi alla medicina generale per la gestione delle AFT/UCCP: obiettivi, struttura, processi, ruoli e persone

La cooperativa di servizi alla medicina generale per la gestione delle AFT/UCCP: obiettivi, struttura, processi, ruoli e persone La cooperativa di servizi alla medicina generale per la gestione delle AFT/UCCP: obiettivi, struttura, processi, ruoli e persone Milano 8 Giugno 2013 Gianfranco Piseri Obiettivi delle UCCP Coordinamento

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

SIRED Sistema informativo di raccolta ed elaborazione dati sul movimento turistico

SIRED Sistema informativo di raccolta ed elaborazione dati sul movimento turistico SIRED Sistema informativo di raccolta ed elaborazione dati sul movimento turistico Il sistema della Regione Autonoma della Sardegna per la raccolta, gestione ed elaborazione di dati statistici sul turismo

Dettagli

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Roma 10 Aprile 2015 La salute nella Persona con Lesione Midollare stabilizzata: la rete dei servizi territoriali nella centralità del progetto individuale:

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

New means of cross cultural clearing and counselling instruments for VET in order to grant access to qualification and training for juvenile migrants

New means of cross cultural clearing and counselling instruments for VET in order to grant access to qualification and training for juvenile migrants Linee-guida per la conduzione di colloqui di lavoro con giovani migranti - versione per managers delle risorse umane Risultato del WP2 - Focus groups e interviste con giovani migranti New means of cross

Dettagli

LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI

LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI Lorenzo Canova Futuro sostenibile: azioni e strumenti Conferenza Programmatica -25 Gennaio 2005 Milano 1 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PROMOZIONE

Dettagli

Analisi strutturata del problema

Analisi strutturata del problema SCHEDA PROGETTO L impatto della proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio concernente l applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera del 2

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale dell Immigrazione Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Programmi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

DOSSIER PER LA STAMPA

DOSSIER PER LA STAMPA DOSSIER PER LA STAMPA INDICE ERASMUS GIOVANI IMPRENDITORI : UN NUOVO PROGRAMMA DI SCAMBIO...3 CHI PUO' PARTECIPARE?... 5 QUALI BENEFICI E PER CHI?...6 COME FUNZIONA? STRUTTURA E IMPLEMENTAZIONE...7 CHI

Dettagli

Il programma nazionale buone pratiche

Il programma nazionale buone pratiche Il programma nazionale buone pratiche Dott. Giovanni Caracci Dirigente Sezione Qualità e Accreditamento Agenas Il razionale, il mandato, le teorie di riferimento Le fasi, le attività, gli strumenti Attività

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Obiettivo del Report è quello di fornire un quadro delle attività dell Ufficio Relazioni con il Pubblico del nostro Ente allo scopo di valutare

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina"

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 Bassa Friulana-Isontina Pagina n.1 Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina" Gorizia N. 173 del 22/04/2015 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE OGGETTO: ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA TURISTICA NEL

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA INDICE AMBITO LEGALE-REGOLATORIO-CLINICO PAG. 2 AMBITO FORMATIVO-CULTURALE-ORGANIZZATIVO PAG. 3 FINANZIAMENTO E RIMBORSABILITÀ DELLE PRESTAZIONI PAG. 4

Dettagli

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA PROGETTO SALEM PER L ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI IMMIGRATI E AGLI INDIGENTI SENZA FISSA DIMORA

Dettagli

L.e.A. - Lavoro e Accoglienza

L.e.A. - Lavoro e Accoglienza L.e.A. - Lavoro e Accoglienza Ricerca intervento sul fenomeno della violenza sulle donne della Regione Abruzzo Linea di intervento B Ente attuatore: Le Onde Onlus Referente locale: Associazione femminile

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato Newsletter n.5 Promuovere lo sviluppo sociale regionale incoraggiando il NETworking tra stakeholder pubblici e volontari al fine di incentivare l innovazione nella fornitura di servizi di assistenza socio-sanitaria

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx xxxxxxxxx xxxxxxxxxx La rete territoriale nel gambling e possibili integrazioni A cura di Arezzo, 11 maggio 2007 1 Obiettivi del contributo fornire alcuni elementi generali sulle reti sociali introdurre

Dettagli

Assistenza transfrontaliera

Assistenza transfrontaliera Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Rare II Clinica Pediatrica Ospedale Pediatrico Microcitemico Assistenza transfrontaliera Dott.ssa Francesca Meloni Dott.ssa Paola Pilia, Dott. Matteo Manca

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Scheda informativa dell'impresa sociale FONDAZIONE DIAMANTE. http://www.f-diamante.ch

Scheda informativa dell'impresa sociale FONDAZIONE DIAMANTE. http://www.f-diamante.ch Scheda informativa dell'impresa sociale FONDAZIONE DIAMANTE (SVIZZERA) Fondata nel 1978 Forma legale Settore Area servita Sito web Fondazione (CCS) Sociale / Fornitore di servizi Locale (Canton Ticino)

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale PARTNER DI PROGETTO Il raggruppamento dei soggetti attuatori è altamente qualificato. Da una parte, la presenza di quattro aziende del settore ICT garantirà, ognuna per le proprie aree di competenza, un

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Formazione e mobilità in Key Q

Formazione e mobilità in Key Q Formazione e mobilità in Key Q Giovanni Zonin Rovigno 12 aprile 2011 Sviluppo Curricula Didattici Obiettivo: definire, condividere, discutere e validare il piano didattico per tutti i moduli e le sessioni

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

PIANO IMMIGRAZIONE 2013 Progetto MEDIAZIONE CULTURALE NEI CENTRI PER L IMPIEGO

PIANO IMMIGRAZIONE 2013 Progetto MEDIAZIONE CULTURALE NEI CENTRI PER L IMPIEGO Assessore alle Politiche per la famiglia, Cooperazione sociale, Politiche giovanili, Volontariato, Informatizzazione, Pari opportunità e Politiche identitarie. Assessorât a lis Politichis pe Famee, ae

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile Assessorato alla Protezione Civile La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Provincia di Alessandria La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Sempre

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

LE AMBIZIONI HANNO UN VOLTO. Adecco Industrial, la Business Line dedicata ai profili del settore industriale.

LE AMBIZIONI HANNO UN VOLTO. Adecco Industrial, la Business Line dedicata ai profili del settore industriale. LE AMBIZIONI HANNO UN VOLTO. Adecco Industrial, la Business Line dedicata ai profili del settore industriale. UNA BUSINESS LINE PER OGNI ESIGENZA Dare lavoro alle ambizioni significa mettere al centro

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

Nel 2005 viene istituito l Albo comunale per censire i volontari

Nel 2005 viene istituito l Albo comunale per censire i volontari L Amministrazione di Sostegno. Il Ruolo del Servizio Sociale. Parto dall esperienza del Servizio Sociale dei 4 Ambiti Distrettuali (S. Vito, Pordenone, Cividale e Tarcento), soffermandomi in particolare

Dettagli

Dalla relazione finale

Dalla relazione finale V.O.I.C.E.S. Project - Voluntary Organisation for International Children Teenagers And Women s Emergency Service - Daphne Initiative 1999 VIOLENCE IS WHEN... Violence against Women and Children from Telephonic

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Progetto Atipico. Partners

Progetto Atipico. Partners Progetto Atipico Partners Imprese Arancia-ICT Arancia-ICT è una giovane società che nasce nel 2007 grazie ad un gruppo di professionisti che ha voluto capitalizzare le competenze multidisciplinari acquisite

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity Network for Tuning Standards and Quality of Education Programmes in Speech and Language Therapy/Logopaedics across

Dettagli

Scheda progetto. Titolo del progetto LOVE YOUR HEART. Oggetto:

Scheda progetto. Titolo del progetto LOVE YOUR HEART. Oggetto: Scheda Titolo del Oggetto: Capofila Ente finanziatore Durata: Paesi partner del Strategia LOVE YOUR HEART (codice: 2 ord./0087/0) Cooperazione transfrontaliera Adriatica nel settore socio-sanitario per

Dettagli