La sorveglianza e lo screening dei pazienti e del personale sanitario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sorveglianza e lo screening dei pazienti e del personale sanitario"

Transcript

1 La sorveglianza e lo screening dei pazienti e del personale sanitario Convegno ANIPIO «Gestione infezioni da germi multiresistenti: up to date» Pioltello 7 novembre 2014 Oliviero Rinaldi

2 Una priorità urgente: diminuire le aspettative nei confronti di una medicina mitica La morte è inevitabile La maggior parte delle malattie gravi non possono essere guarite Gli antibiotici non servono per curare l influenza Le protesi artificiali ogni tanto si rompono Gli ospedali sono luoghi pericolosi Ogni farmaco ha anche effetti collaterali La maggior parte degli interventi medici danno solo benefici marginali e molti non funzionano affatto Gli screening producono anche risultati falsi negativi Ci sono modi migliori di spendere i soldi che spenderli per acquistare indiscriminatamente tecnologia medico sanitaria Richard Smith, British Medical Journal 1999; 318:

3 - 1 persona su 25 ricoverata in ospedale per acuti in USA ha almeno un HAI; persone negli USA nel 2011 hanno avuto HAI - Ca sono morte durante il ricovero a causa dell infezione CDC HAI Prevalence Survey Magill SS, Edwards JR, Bamberg W, et al. Multistate Point-Prevalence Survey of Health Care Associated Infections. N Engl J Med 2014;370: :

4 Distribuzione della Prevalenza HAI Magill SS, Edwards JR, Bamberg W, et al. Multistate Point-Prevalence Survey of Health Care Associated Infections. N Engl J Med 2014;370:

5 Additionally, the financial burden is profound the annual direct medical costs for HAIs range from $28- $45 billion in the US alone

6 Come prevenire le infezioni ospedaliere? Il singolo L organizzazione Lavaggio delle mani Applicazione delle precauzioni standard Applicazione procedure Formazione (aggiornamento e conoscenza del contenuto della documentazione disponibile) Partecipazione alle attività di sorveglianza Sorveglianza delle infezioni rilevanti Valutazione dell aderenza alle raccomandazioni Formazione (aggiornamento, stesura e diffusione di procedure, feed back dei risultati) Approccio integrato (Comitato per il Controllo delle Infezioni Ospedaliere)

7 Joint Commission International Health Care Organization Managements Standards: Prevention & Control of Infections (PCI): Identify and reduce the risk of acquiring and transmitting infections among patients, staff, doctors, contract workers, volunteers, student and visitors 23 standard - 82 elementi misurabili Il controllo delle ICPA

8 Il controllo delle ICPA Standard JCI PCI. 1 Uno o più professionisti supervisionano le attività di prevenzione e controllo delle infezioni. Questi soggetti sono qualificati al controllo delle infezioni attraverso la formazione, l addestramento, l esperienza o la certificazione. PCI. 2 Esiste un meccanismo definito di coordinamento che coinvolge medici, infermieri ed altri in funzione delle dimensioni e della complessità dell organizzazione. PCI. 3 Il programma di controllo delle infezioni è basato sulle attuali conoscenze scientifiche, su linee guide pratiche accettate e sulla legislazione e i regolamenti applicabili. PCI. 4 I leader dell organizzazione forniscono adeguate risorse per supportare il programma di controllo delle infezioni. PCI. 5 L organizzazione disegna e implementa un programma globale per ridurre il rischio di infezioni nosocomiali nei pazienti e negli operatori sanitari. PCI. 6 L organizzazione stabilisce il focus del programma di prevenzione e riduzione delle infezioni.

9 Il controllo delle ICPA Standard JCI PCI. 7 L organizzazione identifica le procedure e i processi associati con il rischio di infezioni e implementa delle strategie per ridurne il rischio. PCI.8 L ospedale prevede procedure di protezione e di isolamento che proteggano i pazienti, i visitatori e il personale da malattie contagiose e protegge i pazienti immunodepressi dal contagio delle infezioni alle quali sono particolarmente soggetti. PCI. 9 Guanti, mascherine, occhiali ed altri dispositivi di protezione, detergenti e disinfettanti sono disponibili e usati correttamente dove richiesto. PCI. 10 Il processo di controllo delle infezioni è integrato con il programma generale di gestione e miglioramento della qualità e sicurezza del paziente. PCI.11 L ospedale provvede a istruire il personale, i medici, i pazienti e, laddove opportuno, i familiari e gli altri fornitori di assistenza, sulle pratiche di controllo delle infezioni.

10 Il controllo delle Infezioni Associate all Assistenza Sanitaria Ci può essere controllo delle infezioni senza sorveglianza? Ci può essere controllo delle infezioni senza sorveglianza, ma chi lo pratica senza misurare.. farà un viaggio nello spazio senza strumentazioni, incapace di conoscere la propria rotta, la probabilità di errore, la direzione del viaggio e in che momento del viaggio si trova. Richard Wenzel 1988.

11 La sorveglianza è efficace nel ridurre la frequenza di infezioni % decrease, ICU BSI VAP UTI Coronary Medical Surgical Pediatric Gaynes R, Emerging Infectious Disease 2001; 7

12 Il controllo delle ICPA Monitoring nosocomial pneumonia, surgical wound infections, urinary tract infections, catheterrelated bacteremia, Legionellosis, biological hazard contamination of staff; MDR Research & Education Networking with Quality Plan Infection Control Committee Program Updating, publishing and disseminating protocols and procedures aimed at preventing nosocomial infections

13 Sorveglianza mirata per localizzazione Infezioni della ferita chirurgica Polmoniti nosocomiali Infezioni delle vie urinarie Batteriemie correlate a CVC a breve termine

14 Selezione dei processi e degli indicatori da monitorare Il controllo delle ICPA Selezione di indicatori per la sorveglianza di: Infezioni delle vie urinarie associate a cateterismo vescicale Polmoniti nosocomiali; Polmoniti correlate a ventilazione assistita; Infezioni correlate a catetere venoso centrale; Infezioni della ferita chirurgica.

15 BATTERIEMIE DATO GENERALE luglio 2012-giugno 2014 Atteso: 2.4 casi per 1000 giorni posizionamento (Maki DG, Kluger DM et al. 2006) Osservato: 11 casi per 8951 giorni di posizionamento (1.2 casi per 1000 giorni)

16 Monitorare le Principali Infezioni Associate all Assistenza Sanitaria è Sufficiente?

17 Trend nelle resistenze ai Gram+, USA %\t di patogeni resistenti agli antibiotici MRSE MRSA DRSP VRE VISA VRSA Thornsberry C., 1998; Edmond M., CID, 1999; MMWR, 1997

18 Gli anni 90: le prime resistenze nei Gram negativi Enterobacteriaceae produttrici di beta-lattamasi a spettro esteso (ESBL). Tuttavia i batteri Gram-negativi risultavano ancora sensibili ai carbapenemici. Nel 2001 è stato descritto per la prima volta in Klebsiella pneumoniae un nuovo fenotipo di resistenza dovuto alla presenza di una nuova carbapenemasi: KPC (Klebsiella pneumoniae carbapenemase)

19 Susceptibility of Klebsiella pneumoniae Isolates to Carbapenems in Italy, ,8 26,7 15,2

20 Emergence of a new antibiotic resistance mechanism in India, Pakistan, and the UK: a molecular, biological, and epidemiological study Karthikeyan K Kumarasamy, Mark A Toleman, Timothy R Walsh, Jay Bagaria, Fafh ana Butt, Ravikumar Balakrishnan, Uma Chaudhary, Michel Doumith, Christian G Giske, Seema Irfan, Padma Krishnan, Anil V Kumar, Sunil Maharjan, Shazad Mushtaq, Tabassum Noorie, David L Paterson, Andrew Pearson, Claire Perry, Rachel Pike, Bhargavi Rao, Ujjwayini Ray, Jayanta B Sarma, Madhu Sharma, Elizabeth Sheridan, Mandayam A Thirunarayan, Jane Turton, Supriya Upadhyay, Marina Warner, William Welfare, David M Livermore, Neil Woodford Summary Background Gram-negative Enterobacteriaceae with resistance to carbapenem conferred by New Delhi metallo-βlactamase 1 (NDM-1) are potentially a major global health problem. We investigated the prevalence of NDM-1, in multidrug-resistant Enterobacteriaceae in India, Pakistan, and the UK. Methods Enterobacteriaceae isolates were studied from two major centres in India Chennai (south India), Haryana (north India) and those referred to the UK s national reference laboratory. Antibiotic susceptibilities were assessed, and the presence of the carbapenem resistance gene blandm-1 was established by PCR. Isolates were typed by pulsed-fi eld gel electrophoresis of XbaI-restricted genomic DNA. Plasmids were analysed by S1 nuclease digestion and PCR typing. Case data for UK patients were reviewed for evidence of travel and recent admission to hospitals in India or Pakistan. Findings We identifi ed 44 isolates with NDM-1 in Chennai, 26 in Haryana, 37 in the UK, and 73 in other sites in India and Pakistan. NDM-1 was mostly found among Escherichia coli (36) and Klebsiella pneumoniae (111), which were highly resistant to all antibiotics except to tigecycline and colistin. K pneumoniae isolates from Haryana were clonal but NDM-1 producers from the UK and Chennai were clonally diverse. Most isolates carried the NDM-1 gene on plasmids:those from UK and Chennai were readily transferable whereas those from Haryana were not conjugative. Many of the UK NDM-1 positive patients had travelled to India or Pakistan within the past year, or had links with these countries. Interpretation The potential of NDM-1 to be a worldwide public health problem is great, and co-ordinated international surveillance is needed. Ottobre 2011

21 In recent years, the Infectious Diseases Society of America has highlighted a faction of antibiotic-resistant bacteria (Enterococcus faecium, Staphylococcus aureus, Klebsiella pneumoniae, Acinetobacter baumannii, Pseudomonas aeruginosa and Enterobacter spp.) acronymically dubbed 'the ESKAPE pathogens' capable of 'escaping' the biocidal action of antibiotics and mutually representing new paradigms in pathogenesis, transmission and resistance

22 New systemic antibacterial agents approved by the US Food and Drug Administration per 5-year period, through Modified from Spellberg 2004

23 Allora che fare

24 Monitorare e controllare le più rilevanti colonizzazioni/infezioni da batteri multiresistenti

25 MRSA Sorveglianza dei pazienti colonizzati all ingresso con l obiettivo di limitarne la diffusione e la colonizzazione durante la degenza: 1) Individuare i pazienti a rischio di colonizzazione: - Recente ricovero in altra struttura ospedaliera o assistenziale (RSA o casa di riposo); - Recente intervento chirurgico e/o odontoiatrico; - Presenza di ferite croniche. 2) In caso di rischio esecuzione di tampone nasale e ricerca di MRSA

26 MRSA 3) In caso di colonizzazione accertata esecuzione di decolonizzazione con mupirocina nasale e bonifica cutanea con clorexidina e cetrimide 4) eventuale ricerca di colonizzazione sul personale sanitario: (tampone nasale) ed eventuale bonifica

27 Colonizzazione MRSA in IEO Dati maggio 2013: Sono stati sottoposti a tampone nasale all ingresso e alla dimissione tutti i pazienti accettati in area chirurgica durante la seconda settimana di maggio 2013 e in area medica durante la terza settimana dello stesso mese N: 197 Hanno eseguito correttamente tampone all ingresso e alla dimissione 142 pz Di questi sono risultati positivi all ingresso 2 pz (1,4%) 1 si è colonizzato durante il ricovero (0,7%)

28 Documenti di riferimento nazionale Attuare le precauzioni da contatto per tutti i pazienti sia infetti che colonizzati con Enterobacteriaceae resistenti ai carbapenemi o produttori di carbapenemasi ESCMID guidelines for the management of the infection control measures to reduce transmission of multidrug-resistant Gram-negative bacteria in hospitalized patients E. Tacconelli1, M. A. Cataldo2, S. J. Dancer3, G. De Angelis4, M. Falcone5, U. Frank6, G. Kahlmeter7, A. Pan8,9, N. Petrosillo2, J. Rodrıguez-Ba~no10,11,12, N. Singh13, M. Venditti5, D. S. Yokoe14 and B. Cookson15 Clin Microbiol Infect 2014; 20 (Suppl. 1): 1 55 The various types of IPC interventions used to prevent and control the spread of MDR-GNB were grouped into five main categories: hand hygiene measures (HH); active screening cultures (ASC); contact precautions (CP); environmental cleaning (EC); and antimicrobial stewardship (ABS).

29 Documenti di riferimento regionale

30 Gestione del Paziente Precauzioni da contatto (stanza singola; guanti monouso e camice; materiale dedicato); Igiene delle mani; Ricerca attiva portatori CPE nei pazienti ad alto rischio o reparti a maggior incidenza (tampone rettale); Pulizia ambiente; Passaggio dell informazione: in caso di dimissione o trasferimento

31 Screening pazienti colonizzati Sottoporre a tampone rettale o coprocoltura pazienti che provengono da paesi ad elevata endemia; Sottoporre a tampone rettale o coprocoltura i pazienti ricoverati in reparti «a rischio»: sulla base di evidenze epidemiologiche (1 o + casi di infezione o colonizzazione); TI; Ematologie; Centri Trapianto

32 Bonifica pazienti colonizzati Sconsigliabile la bonifica con antibiotici per os, al di fuori di studi clinici controllati; Utile uso di Clorexidina saponosa al 2-4% (bagno o spugnature a letto)

33 Utili Programmi e procedure su CU, CVC, Ventilazione Assistita; Politiche per il corretto uso degli antibiotici; Trattare solo i casi di infezione e non colonizzazione; Utilizzare indicatori di monitoraggio: diffusione delle CPE (tasso di isolamento; tasso di positività allo screening; batteriemie da CPE; urinocolture + per CPE; % di klebsiella resistente/totale; % di enterobatteriacee resistenti/totale); Compliance igiene delle mani o uso di soluzione idroalcolica

34 infection control and hospital epidemiology april 2010, vol. 31, no. 4 Successful Control of an Outbreak of Klebsiella pneumoniae Carbapenemase Producing K. Pneumoniae at a Long-Term Acute Care Hospital L. Silvia Munoz-Price, MD; Mary K. Hayden, MD; Karen Lolans, BS; Sarah Won, MD; Karen Calvert, BS, MT(ASCP); Michael Lin, MD; Alexander Stemer, MD; Robert A. Weinstein, MD Bundle: 1.Igiene del paziente con clorexidina 4% 2.Igiene ambientale 3.Colture di sorveglianza 4.Precauzioni da contatto

35 Grazie per l attenzione

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di sanità pubblica Roma, 5 giugno 2012 - ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi

Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi Trento, febbraio 2014 Paola Dallapé Direzione medica Ospedale di Trento Fonti bibliografiche consultate CDC. Guidelines

Dettagli

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.)

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.) Presentazione Infezioni correlate all assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica costituiscono due speciali problematiche sanitarie sulle quali importanti istituzioni internazionali, quali l OMS,

Dettagli

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale Il rischio infettivo connesso alla struttura ospedaliera Pietro Caramello Malattie Infettive A Malattie Infettive A,

Dettagli

Macrolide per il mal di gola? Resistenza ai macrolidi di Str. pyogenes isolati da T. faringei, RER 2011= 12,8% ( Grande variabilità tra le Aziende ).

Macrolide per il mal di gola? Resistenza ai macrolidi di Str. pyogenes isolati da T. faringei, RER 2011= 12,8% ( Grande variabilità tra le Aziende ). Macrolide per il mal di gola? Resistenza ai macrolidi di Str. pyogenes isolati da T. faringei, RER 2011= 12,8% ( Grande variabilità tra le Aziende ). Antibiotic selection pressure and Resistance in S.

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

Un confronto IMPARI. Le ICA. Una sfida in era di patogeni Multi-Drug-Resistant. Cianobatteri: 3.500.000.000 anni ni. Homo sapiens: < 200.

Un confronto IMPARI. Le ICA. Una sfida in era di patogeni Multi-Drug-Resistant. Cianobatteri: 3.500.000.000 anni ni. Homo sapiens: < 200. 18 settembre 2015 Le ICA. Una sfida in era di patogeni Multi-Drug-Resistant Matteo Un confronto IMPARI Cianobatteri: 3.500.000.000 anni ni Homo sapiens: < 200.000 anni Antibiotici: 85 anni Chi siamo noi?

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 a cura del 'Comitato di coordinamento regionale per la prevenzione e la lotta alle

Dettagli

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento Corso di Formazione aziendale: SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA A.S.L. CASERTA Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza

Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza Maria Luisa Moro 1 Infezioni correlate all assistenza Sono infezioni che insorgono come risultato di interventi sanitari Possono essere acquisite

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella

Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella Gestione del rischio clinico Indicazioni per la Sorveglianza dei Microrganismi Sentinella Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria, Direzione politiche sociali centrale e famiglia salute,

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria Nicola Principi Principali cefalosporine orali Farmaco

Dettagli

Definizione di infezione ospedaliera. Infezione che insorge durante il ricovero in ospedale, o in alcuni casi dopo che il. manifesta clinicamente nén

Definizione di infezione ospedaliera. Infezione che insorge durante il ricovero in ospedale, o in alcuni casi dopo che il. manifesta clinicamente nén TITOLO Corso di formazione: Rischio clinico Alessandria 21 settembre 2009 Dott.ssa Daniela Balestrino SOC Rischio Infettivo Definizione di infezione ospedaliera Infezione che insorge durante il ricovero

Dettagli

Gennaio 2013. (Questo documento sostituisce il precedente redatto nel mese di Luglio 2011)

Gennaio 2013. (Questo documento sostituisce il precedente redatto nel mese di Luglio 2011) Indicazioni pratiche e protocolli operativi per la diagnosi, la sorveglianza e il controllo degli enterobatteri produttori di carbapenemasi nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie Gennaio 2013 (Questo

Dettagli

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika.

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika. METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA SOMMARIO PRESENTAZIONE DEL SISTEMA METROLOGIKA - Introduzione - Il carico socio economico delle infezioni ospedaliere - Stime dei tassi di infezioni (ICA) correlate

Dettagli

Epidemiologia delle ICA. Margherita Vizio

Epidemiologia delle ICA. Margherita Vizio Epidemiologia delle ICA Margherita Vizio Sir James Simpson (1867) L uomo posto sul tavolo operatorio in un nostro reparto di chirurgia è esposto a più rischi di morte del soldato inglese sul campo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE ELABORATO FINALE Prevenzione delle

Dettagli

Polymerase Chain Reaction - PCR

Polymerase Chain Reaction - PCR Polymerase Chain Reaction - PCR Real-Time PCR Saggio Saggio di PCR monitorato di continuo Tubi Tubi chiusi Nessuna analisi post PCR Nessuna elettroforesi Caratterizzazione del prodotto Possibilità di quantificare

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE Luigi Boggio Presidente AssoBiomedicali Roma, 16 aprile 2015 LE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 COMITATO DI CONTROLLO DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA RACCOMANDAZIONE N.3 MODALITA DI ISOLAMENTO

Dettagli

Le infezioni ospedaliere: elementi di epidemiologia e prevenzione

Le infezioni ospedaliere: elementi di epidemiologia e prevenzione Organizzazione Sanitaria 3-4/2004, 3-26 Le infezioni ospedaliere: elementi di epidemiologia e prevenzione 3 CLAUDIO CAPOZZI Medico di Direzione Sanitaria Aziendale, Azienda ospedaliera universitaria Policlinico

Dettagli

I costi delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie

I costi delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie I costi delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie Capitolo 28 I costi delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie Candace Friedman Elementi chiave Le infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie (IOS)

Dettagli

Linee guida. REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE SANITA PUBBLICA Mario Valpreda

Linee guida. REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE SANITA PUBBLICA Mario Valpreda Linee guida REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE SANITA PUBBLICA Mario Valpreda GRUPPO DI LAVORO PER LA SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Oggetto: orientamenti in tema di controllo microbiologico

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

LA CAVITÀ ORALE. Fonte comprovata di polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP)

LA CAVITÀ ORALE. Fonte comprovata di polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP) LA CAVITÀ ORALE Fonte comprovata di polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP) La cavità orale è una fonte comprovata della polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP). 1,2 I batteri

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza sanitaria, il progetto INF-OSS

Infezioni correlate all assistenza sanitaria, il progetto INF-OSS ARTICOLI ORIGINALI Giornale Italiano delle Infezioni Ospedaliere vol. 13, n. 4, Ottobre-Dicembre 2006 GIIO Infezioni correlate all assistenza sanitaria, il progetto INF-OSS Maria Luisa Moro, Simona Nascetti

Dettagli

GESTIONE DEL PAZIENTE CON INFEZIONE/COLONIZZAZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI

GESTIONE DEL PAZIENTE CON INFEZIONE/COLONIZZAZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI Regione Piemonte AO S. Croce e Carle - Cuneo Documento di Indirizzo Gestione paziente con infezione/colonizzazione da germi multiresistenti Data emissione:21-08-2013 Rev. n. 0 pagina 1 di 26 C.I.O. (Comitato

Dettagli

Esperienze regionali a confronto: Regione Puglia

Esperienze regionali a confronto: Regione Puglia Le buone pratiche: Sicurezza in sala operatoria esperienze regionali a confronto Matera, Auditorium Madonna delle Grazie, 12 maggio 2012 Esperienze regionali a confronto: Regione Puglia Prof. A. Dell Erba,

Dettagli

Struttura Organizzativa

Struttura Organizzativa Capitolo 2 Struttura Organizzativa Ossama Rasslan Elementi chiave La prevenzione del rischio per i pazienti ed il personale riguarda ciascuno all interno della struttura, e deve essere sostenuta anche

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Indagine conoscitiva nazionale sulle attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere negli ospedali pubblici italiani Maria Luisa Moro (a), Claudia Gandin

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Automazione in batteriologia: nuove frontiere tecnologiche Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Cambiamenti in batteriologia: raccolta del campione Comparison of 3 swab

Dettagli

PREVENZIONE E GESTIONE DELLE INFEZIONI DA GERMI ANTIBIOTICO- RESISTENTI NEI PAZIENTI EMODIALIZZATI

PREVENZIONE E GESTIONE DELLE INFEZIONI DA GERMI ANTIBIOTICO- RESISTENTI NEI PAZIENTI EMODIALIZZATI G Ital Nefrol 2010; 27 (S52): S66-S72 PREVENZIONE E GESTIONE DELLE INFEZIONI DA GERMI ANTIBIOTICO- RESISTENTI NEI PAZIENTI EMODIALIZZATI Gianni Gattuso 1, Donatella Tomasoni 1, Cristina Chiarelli 3, Raffaello

Dettagli

SEDE: Istituto di Igiene e Medicina Preventiva, Università degli Studi di Sassari Via Padre Manzella, 4 07100 - SASSARI

SEDE: Istituto di Igiene e Medicina Preventiva, Università degli Studi di Sassari Via Padre Manzella, 4 07100 - SASSARI UNITÀ DI RICERCA DI SASSARI SEDE: Istituto di Igiene e Medicina Preventiva, Università degli Studi di Sassari Via Padre Manzella, 4 07100 - SASSARI RESPONSABILE SCIENTIFICO: Elena Muresu Tel: 079 228467

Dettagli

ANIPIO. Organo ufficiale di. In Questo Numero: Numero 1 - Orientamenti ANIPIO 2015

ANIPIO. Organo ufficiale di. In Questo Numero: Numero 1 - Orientamenti ANIPIO 2015 Organo ufficiale di Numero 1 - Orientamenti ANIPIO 2015 ANIPIO In Questo Numero: Strategie per Prevenire le Infezioni da Clostridium difficile negli Ospedali per Acuti: Aggiornamento 2014 Efficacia del

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche SCHEMA DA UTILIZZARE PER LA COMPILAZIONE DEI PROGRAMMI DI INSEGNAMENTO IN LINGUA ITALIANA E IN LINGUA INGLESE A.A. 2015/2016 CORSO DI STUDIO: LAUREA INFERMIERISTICA - MC CORSO INTEGRATO: IGIENE GENERALE

Dettagli

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Dott. Antonio Conti 3000 2500 2013 Campioni urinari 2000 1500 1000 500 Positivi pz Ambulatoriali : 19.4 % Positivi

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

Pr.Osp. 01/2003. Protocollo per l igiene delle mani PROTOCOLLO PER L IGIENE DELLE MANI

Pr.Osp. 01/2003. Protocollo per l igiene delle mani PROTOCOLLO PER L IGIENE DELLE MANI Pag. 1 di 14 PROTOCOLLO PER L IGIENE DELLE MANI Rev. n. Data Causale modifica Redatto da: Approvato da: Validato da: Dr. V. Marchianò Gruppo Operativo CIO Dr. S. Capizzi CIO CPSE D. Batticiocca CPS C.

Dettagli

RACCOMANDAZIONI CIVICHE SULLA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Progetto Prevenzione infezioni ospedaliere

RACCOMANDAZIONI CIVICHE SULLA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Progetto Prevenzione infezioni ospedaliere RACCOMANDAZIONI CIVICHE SULLA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Progetto Prevenzione infezioni ospedaliere Realizzato dal Tribunale per i Diritti del Malato Cittadinanzattiva In collaborazione

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli SOMMARIO Introduzione Obiettivi generali Obiettivi specifici Indicazioni

Dettagli

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Dati e Informazioni Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Autoreferenza Autoda sé stesso Referenza Informazione relativa alle capacità professionali di una persona rilasciata da chi ha avuto in passato rapporti

Dettagli

La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie. Dott. Andreas Kunze

La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie. Dott. Andreas Kunze La resistenza agli antibiotici emergenza mondiale: conseguenze per le sale operatorie Dott. Andreas Kunze Staphylococcus aureus Klebsiella pneumoniae Pseudomonas aeruginosa Nuovi antibiotici? Contaminazione

Dettagli

Gian Maria Rossolini. Università di Siena. Dip. Medicina Sperimentale e Clinica. Dip. Biotecnologie Mediche

Gian Maria Rossolini. Università di Siena. Dip. Medicina Sperimentale e Clinica. Dip. Biotecnologie Mediche Automazione in microbiologia: nuovi flussi organizzativi Gian Maria Rossolini Dip. Medicina Sperimentale e Clinica Università di Firenze Dip. Biotecnologie Mediche Università di Siena SODc Microbiologia

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO IN ELICOTTERO DI PAZIENTI AFFETTI DA PATOLOGIE INFETTIVE

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO IN ELICOTTERO DI PAZIENTI AFFETTI DA PATOLOGIE INFETTIVE RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO IN ELICOTTERO DI PAZIENTI AFFETTI DA PATOLOGIE INFETTIVE Vers. O1 18 giugno 2014 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento ha lo scopo di analizzare le problematiche

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

PROCEDURA. Procedura per il Lavaggio delle Mani INDICE

PROCEDURA. Procedura per il Lavaggio delle Mani INDICE Pagina 1 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONE 8. ALLEGATI 9. APPARECCHIATURE 10. REQUISITI

Dettagli

Nell'articolo sono presentati i risultati dell analisi LA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2006. RAPPORTO ANNUALE

Nell'articolo sono presentati i risultati dell analisi LA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2006. RAPPORTO ANNUALE LA LEGIONELLOSI IN ITALIA NEL 2006. RAPPORTO ANNUALE Maria Cristina Rota1, Maria Grazia Caporali1, Grazia Marta Caleo1, Giuseppina Mandarino2, Maria Scaturro2 e Maria Luisa Ricci2 1Centro Nazionale di

Dettagli

Simposio FAPP Torino Novembre 2007

Simposio FAPP Torino Novembre 2007 L Errore Medico. Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo Sabato 7 Novembre 7 Fondazione Arturo Pinna Pintor - Torino Campagne per la sicurezza del paziente e costruzione di un

Dettagli

Le precauzioni da contatto Razionale, evidenze e lineeguida

Le precauzioni da contatto Razionale, evidenze e lineeguida Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT Le precauzioni da contatto Razionale, evidenze e lineeguida Federica

Dettagli

Che cosa influenza le aspettative dei pazienti?

Che cosa influenza le aspettative dei pazienti? La medicina impossibile Sanità tra realtà e utopia la medicina generale Torino, 13 giugno 2015 GUIDO GIUSTETTO Medico di Medicina Generale Presidente Ordine Medici Chirurghi e Odontoiatri - Torino Che

Dettagli

Uso empirico degli antibiotici: l epidemiologia locale alla base delle scelte di profilassi e terapia

Uso empirico degli antibiotici: l epidemiologia locale alla base delle scelte di profilassi e terapia Uso empirico degli antibiotici: l epidemiologia locale alla base delle scelte di profilassi e terapia Marcello Meledandri (UOC M&V SFN) Clinical Conference EBM Terapia antibiotica empirica: vantaggi e

Dettagli

2 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria. La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: l applicazione dei bundle

2 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria. La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: l applicazione dei bundle 2 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: l applicazione dei bundle Enrica Martini SOD Igiene Ospedaliera Ospedali Riuniti di Ancona Cos è un bundle?

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Prevenzione delle comuni infezioni endemiche nosocomiali

Prevenzione delle comuni infezioni endemiche nosocomiali CAPITOLO VI Prevenzione delle comuni infezioni endemiche nosocomiali L e quattro infezioni nosocomiali di più frequente riscontro sono quelle del tratto urinario, le infezioni della ferita chirurgica,

Dettagli

Il controllo delle infezioni.

Il controllo delle infezioni. . L esperienza dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara. Dott.ssa Paola M. Antonioli Struttura Direzione Medica di Presidio Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara (e-mail: p.antonioli@ospfe.it)

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

TIPO DI DOCUMENTO PROCEDURA OPERATIVA. ELABORAZIONE R. BELLI, C. FANTON, A. MACOR, A. MARASEA Data: 08/09/2003

TIPO DI DOCUMENTO PROCEDURA OPERATIVA. ELABORAZIONE R. BELLI, C. FANTON, A. MACOR, A. MARASEA Data: 08/09/2003 P.O. 7 ev. 00 Pag. 1 di Pag. 5 TIPO DI DOUMENTO POEDUA OPEATIVA ELABOAZIONE. BELLI,. FANTON, A. MAO, A. MAASEA Data: 08/09/2003 INDIE 1. Introduzione pag. 2 2. Scopo pag. 2 3. ampo di applicazione pag.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo TORREGROSSA MARIA VALERIA 18, P.ZZA ALCIDE DE GASPERI, 90146, PALERMO Telefono 330373067 Fax 0916555226-3109

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Epidemiologia delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie

Epidemiologia delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie Capitolo 3 Epidemiologia delle Infezioni nelle Organizzazioni Sanitarie Akeau Unahalekhaka Elementi chiave I pazienti sono esposti a rischi infettivi quando ricevono assistenza nelle strutture sanitarie,

Dettagli

PROCEDURA AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI MONALDI COTUGNO - CTO. Titolo. Il Monitoraggio Microbiologico Ambientale

PROCEDURA AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI MONALDI COTUGNO - CTO. Titolo. Il Monitoraggio Microbiologico Ambientale Pagina 1 di 9 PROCEDURA Modalità di trasmissione alle UU.OO. Invio copia cartacea Pubblicazione sul sito aziendale Rev. Data Motivo Revisione Approvazione: CIO 01 Aprile 2011 Recepimento Nuove Linee Guida

Dettagli

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva Università degli Studi di Catania Dipartimento di Anestesia Rianimazione e Terapia Intensiva Policlinico G.Rodolico Direttore Prof.ssa M. Astuto Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un

Dettagli

I riferimenti normativi sanitari internazionali e nazionali relativi alle infezioni correlate all assistenza e alla sicurezza

I riferimenti normativi sanitari internazionali e nazionali relativi alle infezioni correlate all assistenza e alla sicurezza PFA Il controllo delle infezioni correlate all assistenza Cagliari 7 febbraio 2011 I riferimenti normativi sanitari internazionali e nazionali relativi alle infezioni correlate all assistenza e alla sicurezza

Dettagli

Il Comitato per la gestione del rischio infettivo: attività e sviluppi futuri

Il Comitato per la gestione del rischio infettivo: attività e sviluppi futuri Il Comitato per la gestione del rischio infettivo: attività e sviluppi futuri D.ssa Paola M. Antonioli Ospedaliera Qualità Servizi Ambientali Risk Management Società Medico Chirurgica di Ferrara Patologia

Dettagli

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri

Safe Surgery Saves Lives and Resourses. Dott. Francesco Venneri Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri CLINICAL RISK MANAGEMENT Safe Surgery Saves Lives and Resourses Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager Azienda Sanitaria Firenze Tutti

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

3. Gestione del rischio di infezioni correlate all assistenza

3. Gestione del rischio di infezioni correlate all assistenza 3. Gestione del rischio di infezioni correlate all assistenza 3.1 Problema e gestione del rischio infettivo Il problema Tra i diversi rischi associati all assistenza sanitaria e socio-sanitaria quello

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT ASL BAT Via Fornaci, 201 Andria Linee Guida Protezione da agenti biologici TITOLO X - ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI D.Lgs. 81/2008 A cura del gruppo di lavoro aziendale: Dr..sa Sabina Di Donato Dr. Tommaso

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Le infezioni post operatorie nel paziente chirurgico Vicenza, 27 febbraio 2009 Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Giuseppe Murolo, MD Ministero del Lavoro, della Salute e delle

Dettagli

PROBLEMATICHE IGIENICO AMBIENTALI E RISCHI SANITARI NEGLI AMBIENTI OSPEDALIERI DOTATI DI IMPIANTO AERAULICO

PROBLEMATICHE IGIENICO AMBIENTALI E RISCHI SANITARI NEGLI AMBIENTI OSPEDALIERI DOTATI DI IMPIANTO AERAULICO Università degli Studi di Genova University of Genoa DISSAL Dipartimento di Scienze della Salute Department of Health Sciences Laboratorio di Igiene Ospedaliera ed Ambientale Healthcare and Environmental

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO INFETTIVO LEGATO ALL ASSISTENZA Principi generali di gestione

LA GESTIONE DEL RISCHIO INFETTIVO LEGATO ALL ASSISTENZA Principi generali di gestione DIREZIONE GENERALE Direttore Generale: Dr. Nicola Giorgione SS Controllo Infezioni : Grazia Lomolino Sede Legale: 15100 Alessandria Via Venezia n. 16 tel. 0131/206767 C.F. P.I. 01640560064 LA GESTIONE

Dettagli

Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di Sanità Pubblica CLINICA & TERAPIA

Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di Sanità Pubblica CLINICA & TERAPIA Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di Sanità Pubblica CLINICA & TERAPIA Istituto Superiore di Sanità Roma 5 Giugno 2012 Mario Venditti Dipartimento di Sanità Pubblica

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL AUTORI Baratta S, Batistini R, Forni S, Francone C,

Dettagli

Sorveglianza. Capitolo 4. Mary-Louise McLaws. Elementi chiave. Sorveglianza

Sorveglianza. Capitolo 4. Mary-Louise McLaws. Elementi chiave. Sorveglianza Sorveglianza Capitolo 4 Sorveglianza Mary-Louise McLaws Elementi chiave La sorveglianza: dovrebbe rilevare i cambiamenti nelle caratteristiche dei processi di prevenzione e controllo delle infezioni associate

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO

AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO PREVENZIONE E CONTROLLO NELLE STRUTTURE SANITARIE: MODELLI ORGANIZZATIVI E SISTEMI DI INTERVENTO

Dettagli

Sorveglianza dell antibioticoresistenza e uso di antibiotici sistemici in Emilia-Romagna

Sorveglianza dell antibioticoresistenza e uso di antibiotici sistemici in Emilia-Romagna Sorveglianza dell antibioticoresistenza e uso di antibiotici sistemici in Emilia-Romagna Rapporto 2012 Redazione e impaginazione a cura di Federica Sarti - Agenzia sanitaria e sociale regionale dell Emilia-Romagna

Dettagli

Evidence Based Practice Information Sheets for Health Professionals

Evidence Based Practice Information Sheets for Health Professionals Volume 7, Issue 2, 2003 ISSN 1329-1874 Traduzione a cura di: Caposala CRISTIANA FORNI - Chemioterapia I.Ortopedico Rizzoli Collaboratrice del Centri studi EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico,

Dettagli

www.iss.it dell Istituto Superiore di Sanità

www.iss.it dell Istituto Superiore di Sanità www.iss.it Volume 25 - Numero 10 Ottobre 2012 ISSN 0394-9303 dell Istituto Superiore di Sanità Norma UNI per impianti di ventilazione e condizionamento per il blocco operatorio Sorveglianza delle infezioni

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2014

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2014 PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2014 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: Buone pratiche per la sorveglianza e il controllo dell antibioticoresistenza ENTE PARTNER: (Regione, Iss, Inail, Inmp, Agenas)

Dettagli