L integrazione sociosanitaria: la valutazione come strumento per apprendere e cambiare. - Contributo teorico -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L integrazione sociosanitaria: la valutazione come strumento per apprendere e cambiare. - Contributo teorico -"

Transcript

1 L integrazione sociosanitaria: la valutazione come strumento per apprendere e cambiare - Contributo teorico - Lucia Ferrara, dottoranda in Scienze delle relazioni Umane curriculum Progettazione e valutazione delle politiche sociali, Università degli Studi di Bari 1 Giuseppe Moro, professore ordinario di Sociologia, Università degli Studi di Bari Introduzione L invecchiamento, l aumento della cronicità e la scarsità di risorse rappresentano i nodi della società odierna nella riprogettazione delle politiche di welfare. I modelli di cure esistenti, frammentati e a compartimenti stagni, non sono più adeguati a rispondere alle necessità di una crescente popolazione anziana con bisogni sanitari multipli, complessi (Ham e Curry, 2011), continuativi ed onerosi. È ormai condiviso che per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini, sia necessario, nei sistemi pubblici universalistici, offrire l accesso e l erogazione dei servizi garantendo un approccio socio-sanitario integrato, specialmente per le categorie più fragili della popolazione, e proteggere indistintamente i cittadini contro i rischi economico-sociali legati alla malattia (Nuti e Bersanti, 2009). La ricerca sui modelli e le modalità di integrazione delle cure (IC) è divenuta una priorità per alimentare processi continui di innovazione, efficienza e qualità nell assistenza delle persone con bisogni clinici e sociali complessi. Sul versante degli indirizzi politico-amministrativi, l integrazione socio-sanitaria, costituisce, infatti, a partire dalla L. 328/2000, dal D.Lgs. 229/1999 e dal P.S.N , un tema fondamentale della normativa nazionale ed oggetto specifico delle strategie di politica della salute e delle normative regionali di programmazione sanitaria. A livello normativo e politico l integrazione è promossa come un fattore fondamentale di qualificazione dell offerta dei servizi e delle prestazioni socio sanitarie in grado di generare maggiore efficacia di 1 Autore corrispondente 1

2 cura e di sostegno, favorire un uso più efficiente delle risorse, ridurre il disagio dei cittadini nel rapporto con i servizi e garantire maggiore equità, livelli omogenei di opportunità per l accesso ai servizi, per la qualità dei trattamenti e nei costi e nella contribuzione a carico dei cittadini. Nonostante l attenzione crescente nei confronti dell integrazione e delle potenzialità ad essa connesse, l efficacia assoluta e comparativa dei programmi di integrazione rispetto ai diversi modelli di presa in carico dei pazienti fragili e l ampiezza con cui i servizi sono integrati per rispondere ai bisogni sanitari dei pazienti è spesso sconosciuta e raramente misurata e mancano a livello internazionale delle valutazioni robuste sull efficacia dei programmi di integrazione (Reynolds & Sutherland, 2013; Ye et al., 2012). Tre review sistematiche della letteratura (Armitage, Suter, Oelke, & Adair, 2009; Strandberg-Larsen & Krasnik, 2009; Lyngsø, Godtfredsen, Høst, & Frølich, 2014) hanno rilevato una mancanza di ricerche valutative di qualità e di strumenti standardizzati per valutare gli outcome dell integrazione e i meccanismi che favoriscono e rendono possibile l integrazione. La fretta a intervenire senza valutazioni e monitoraggi adeguati continuerà a risultare in una debole evidenza a supporto dei processi decisionali e di valutazione (Reynolds & Sutherland, 2013). Data l importanza attribuita all integrazione a livello politico governativo, risulta, pertanto, necessario e di estrema attualità e importanza sviluppare sistemi di valutazione e monitoraggio metodologicamente robusti per valutare gli effetti e i fattori che determinano e rendono possibile l integrazione (Greaves et al., 2013) al fine di supportare i decisori politici e le fasi di programmazione degli interventi. L obiettivo di questa review è, pertanto, identificare quali ricerche valutative sull integrazione sono state condotte, quali sono i metodi di valutazione, gli approcci, i framework di valutazione e gli strumenti di valutazione dell integrazione presenti in letteratura. In particolare nel presente lavoro si è cercato di rispondere a due principali domande di ricerca: 1. Quali ricerche valutative sono state condotte sull integrazione? E nello specifico, quali tipologie di ricerche valutative sono state condotte? Quali metodologie sono state usate? Quale funzione è stata attribuita alla valutazione (es. learning, accountability ecc)? In 2

3 quale momento si colloca la valutazione (ex ante in itinere ex post)? Qual è l oggetto della valutazione (politica, programma, progetto, servizio)? 2. Tenuto conto dei framework di integrazione individuati a livello internazionale, quali sono gli strumenti di valutazione e quali aspetti dell integrazione sono indagati? Metodologia di ricerca Strategia di ricerca È stata condotta una revisione sistematica della letteratura su PubMed, Medline, Jstor, CINAHL, usando come criteri di ricerca ("Int J Integr Care"[Journal] OR ("integrated"[all Fields] AND "care"[all Fields]) OR "integrated care"[all Fields]) AND ("evaluation studies"[publication Type] OR "evaluation studies as topic"[mesh Terms] OR "evaluation"[all Fields]). Inoltre, sono stati analizzati i siti internet di alcune rilevanti organizzazioni per individuare ulteriori rapporti di ricerca e pubblicazioni sul tema della valutazione dell integrazione. Sono stati considerati nell analisi gli articoli scritti in italiano, inglese, francese e spagnolo. Gli articoli scritti in altre lingue sono stati inclusi solo se un abstract in una delle precedenti lingue era fornito. Per l inclusione nella review, ogni articolo doveva soddisfare i seguenti criteri di inclusione: - essere pubblicato in un peer review journal tra il 1980 e il 2014; - includere un framework di valutazione dell integrazione; - includere un approccio di valutazione; - includere un modello di valutazione; - includere uno strumento di valutazione. Processo di revisione Dai quattro database sono stati identificati articoli. Dopo revisione dei titoli e delle parole chiave ed eliminazione degli articoli non rilevanti per la review e/o duplicati, 190 abstract sono stati analizzati. Da questi abstract 50 articoli sono stati selezionati per essere revisionati e analizzati nel dettaglio (Figura 1). Dall analisi dei testi e dei riferimenti bibliografici sono stati individuati 3

4 ulteriori 52 articoli potenzialmente rilevanti che sono stati oggetto di revisione specifica. Nessuno di questi articoli è stato successivamente incluso nella review. Figura 1 - Processo di revisione La ricerca in JStor, PubMEd ha prodotto articoli potenzialmente rilevanti I titoli e le parole chiave sono state analizzate e articoli sono stati esclusi perchè non rilevanti o duplicati 190 Articoli sono stati selezionati per una ulteriore analisi Gli abstract sono stati revisionati e 140 articoli sono stati esclusi 50 Articoli sono stati selezionati per una revisione detagliata I full text degli articoli sono stati revisionati e 31 articoli sono stati esclusi 19 articoli sono stati inclusi nella revisione sistematica Risultati Sono stati identificati 19 articoli che rispettano i criteri di ricerca e rispondono alle domande di ricerca: 9 articoli riportano case studies e 10 strumenti di valutazione. Di seguito si riporta una sintesi dei risultati più rilevanti. La valutazione dell integrazione I casi studio di valutazione riportati in letteratura sono stati analizzati al fine di individuare e riportare schematicamente quali sono gli elementi che caratterizzano queste valutazioni. Seguendo una tassonomia classica degli elementi di una valutazione, sono stati individuati gli obiettivi, le fasi, le funzioni, gli approcci e le metodologie di valutazione (Tabella 1). Le ricerche valutative individuate sono state condotte quasi nella totalità nel contesto anglosassone e mirano a valutare l efficacia degli interventi in termini di outcome e impatto sull uso dei servizi e sui costi. La valutazione svolge essenzialmente una funzione di learning, finalizzata a generare apprendimento, ovvero si tratta di valutazione in senso stresso, come stima degli effetti prodotti da un programma. È di tipo ex-post (raramente in itinere) e prospettica, per riorientare il disegno dei programmi. Dal 4

5 punto di vista degli approcci, si fa per lo più ricorso agli approcci sperimentali e quasi sperimentali, fanno eccezione la valutazione del programma Pilota The Northwest London Integrated Care Pilot in cui gli autori ricorrono alla teoria della valutazione degli interventi complessi (Curry e Ham, 2010) per sviluppare una responsive evaluation; il lavoro di Reynolds e Sutherland (2013) che ricorre all approccio sistematico di Rossi, Lipsey e Freeman (2004) per la valutazione dei programmi e il lavoro di Ling e colleghi (2010) che fanno ricorso alla valutazione basata sulla teoria (Weiss, 1997). Dal punto di vista dei metodi si tratta per lo più di ricerche che usano una metodologia mista (mixed method) attraverso la triangolazione di metodologie di ricerca proprie della ricerca qualitativa (interviste, focus group, osservazioni non partecipanti ecc.), della ricerca quantitativa (questionari, dati sui pazienti, ecc.) e della valutazione economica. In tutti i casi analizzati si tratta di singole valutazioni non inserite all interno di un programma strutturato di valutazioni ovvero slegate dal ciclo di vita dei programmi (Policy cycle analysis). 5

6 Tabella 1 - La valutazione dell'integrazione una tassonomia Articolo Obiettivo articolo Paese Esiti Funzione Tempo Oggetto Approccio Metodologia (Greaves et Valutare come la sperimentazione si Uk Impatto su Learning In itinere Programma Responsive Teoria della al., 2013) inserisce nell economia sanitaria, il uso dei Ex-post sperimentale valutazione degli suo impatto sugli outcome clinici e i costi e sull esperienza dei pazienti e servizi, costi, interventi complessi professionisti qualità Mixed method (Reynolds & Sutherland, 2013) (Curry et al., 2013) (Ling, et al., 2010) (Bernabei et al., 1998) (Horwitz al., 2012) (Gorina al., 2014) (Ignatowicz et al., 2014) et et (Haas et al., 2001) Definire un approccio sistematico alla valutazione dell integrazione a livello nazionale per favorire il processo decisionale Valutare l implementazione e l impatto di una sperimentazione Produrre un portfolio di evidenze per rafforzare le conoscenze sull integrazione e identificare i contesti in cui l integrazione è efficace Valutare l impatto di un programma di integrazione socio-sanitaria per gli anziani fragili Valutare le esperienze dei pazienti nei confronti di un servizio innovativo di integrazione Confrontare il livello di soddisfazione degli utenti inseriti in due modelli di presa in carico Valutare il coinvolgimento dei fornitori in un servizio integrato efficace Definire i fattori che possono influenzare una implementazione di successo e lo sviluppo di un servizio integrato USA UK UK Processo Impatto Outcome Processo Outcome Processo Outcome Learning In itinere Servizio Sistematico Monitoring and evaluation framework (M&E) Implementation In itinere (Dopo 1 anno sperimentazione) Learning In itinere (Dopo 1 anno sperimentazione) Italia Outcome Accountability In itinere Ex post (1 anno follow up) Nuova Zelanda 6 Programma sperimentale Service Programma Controfattuale Valutazione basata sulla teoria (Weiss) Mixed method Mixed method Programma Sperimentale Randomised controlled trial Outcome Learning Ex-post Servizio Quasi sperimentale Spagna Outcome Learning Ex-post Servizio Quasi sperimentale Ricerca quantitativa Ricerca quantitativa UK Processo Learning In itinere Programma Responsive Recerca qualitativa Paesi Bassi Processo Learning Ex-post Servizio Comparativo Analisi SWOT

7 Gli strumenti di valutazione dell integrazione L analisi della letteratura ha permesso di individuare 10 strumenti di valutazione dell integrazione: 1. Human service integration measure (Browne et al., 2004; Ye et al., 2012). 2. Questionnaire of interprofessional collaboration (Solinís et al., 2013). 3. Functional clinical integration measure (Ahgren & Axelsson, 2005). 4. Intersectoral collaboration measure(ahgren, Axelsson, & Axelsson, 2009). 5. Service delivery integration measure (Sheiman & Shevski, 2013). 6. Partnership self-assessment tool (Center for the Advancement of Collaborative Strategies in Health, 2002). 7. Team Climate Inventory (Anderson e West, 1994). 8. Perception of interprofessional collaboration model questionnaire (Ødegård, 2006). 9. Service Delivery Integration Index (Henrard et al., 2006). 10. Integration service delivery (Hébert & Veil, 2004). Di questi strumenti, 7 sono strumenti creati ad hoc per la valutazione dell integrazione, mentre 3 (il Partnership Self-Assessment Tool, il Team Climate Inventory questionnaire, e il Perception of Interprofessional Collaboration Model Questionnaire) sono mutuati da altre discipline e adattati per la valutazione dell integrazione. La Tabella 2 riporta per ogni strumento di misurazione dell integrazione individuato il Paese in cui è stato sperimentato e validato, l obiettivo specifico dello strumento, il punto di vista dell analisi (professionista, manager, paziente), l oggetto della misurazione e qual è l utilità dello strumento nella valutazione dell integrazione. 7

8 Tabella 2 - Strumenti di misurazione dell'integrazione Misura Paese Obiettivo Prospettiva Cosa va a misurare Human service Canada Fornitori dei integration servizi locali measure Quantifica l estensione, scopo e profondità della collaborazione. Identifica quali settori, servizi o agenzie sono connesse e stanno collaborando meglio/peggio con le alter al fine di migliorare la collaborazione. Portata, profondità, estensione dell Integrazione Caratteristiche Utilità strumento Misura quantitativa per ogni servizio e una misura totale del livello di integrazione tra servizi Scala Ordinale a 5 punti Permette di determinare quali servizi stanno collaborando meglio con gli altri e quali no. Fornisce una misura di base per comparare i progressi longitudinalmente Questionnire of interprofessional collaboration Functional clinical integration measure Intersectoral collaboration measure Spagna Svezia Svezia Valuta la collaborazione tra professionisti clinici in due differenti livelli di cura Valuta il grado di integrazione clinica funzionale Valuta l integrazione dei servizi e cattura la percezione degli utilizzatori Professionisti Collaborazione interprofessionale Managers Grado di integrazione Utilizzatori Percezione dell IC, struttura, processi e outcome Questionario Scala likert a 5 punti Griglia autovalutazione Ratio - scale di Questionario (32 domande scala ordinale e aperte) Misura come la collaborazione interprofessionale cambia nel tempo e con lo sviluppo di diverse iniziative di integrazione Include livelli ottimali di integrazione accanto ai livelli attuali Poche valutazioni della collaborazione intersettoriale tengono conto delle percezioni dei pazienti Service delivery integration measure Russia Sviluppare un modello analitico per la valutazione dell IC che include attributi, strumenti e indicatori del processo Professionisti Teamwork Coordinamento Continuità delle cure Questionario (58 domande 3/7 opzioni di risposta) Prende in considerazione tre attributi centrali dell IC Partnership selfassessment tool USA Valuta differenti aspetti della partnership, per imparare dai punti di forza e di debolezza e migliorare il processo collaborativo Professionisti Sinergia tra i partner e altre dimensioni del processo di collaborazione Questionario auto somministrato (11 domini, 67 items Yes/no o Likert Scale) Permette di conoscere i punti di forza e di debolezza e quali step mettere in atto per migliorare il processo collaborativo 8

9 Misura Paese Obiettivo Prospettiva Cosa va a misurare Team Climate UK Valuta il funzionamento del Professionisti Innovazione di Inventory team a livello di gruppo gruppo Perception of interprofessional collaboration model questionnaire Norvegia Misura le percezioni e i comportamenti tra professionisti nel processo di collaborazione a livello individuale, di gruppo e organizzativo Professionisti Percezioni sulla collaborazione interprofessionale Caratteristiche Utilità strumento Questionario auto Assume una prospettiva somministrato (14, 38 0 complessa verso i processi di 61 domande) gruppo. Può essere usata nella Scala Likert a valutazione della Partnership punti tra servizi sociali e sanitari. Questionario (48 Item Permette di valutare se la Scala Likert a 7 punti) qualità della collaborazione è un predittore dei risultati di salute Service Delivery integration index Integration service delivery Italia, Francia, Valuta le caratteristiche di base Paesi Bassi, di un servizio domicilare UK, Repubblica Ceca, Germania, Finlandia, Norvegia, Islanda, Svezia, Danimarca Canada Misura l implementazione di una specifica componente di un Integrated Service Delivery system Professionisti Indice di fornitura dei servizi Policymakers, Managers, clinici, pazienti caregivers informali e Grado di implementazione di un Integrated Service Delivery (ISD) system Questionario (Score 0-1) Ratio scale (Interviste, focus group, analisi della documentazione) Permette di comparare i livelli di integrazione delle cure. Fornisce informazioni a manager e policy makers su come il progetto sta evolvendo, per rendere conto dell uso delle risorse, identificare ostacoli e trovare strategie per spingere l implementazione. Descrive i fattori facilitanti e gli ostacoli che l implementazione futura deve considerare 9

10 Gli strumenti di valutazione dell integrazione individuati in letteratura sono stati successivamente analizzati tenendo conto dei livelli e delle dimensioni centrali dell integrazione definite sulla base dalla letteratura internazionale (Tabella 3) al fine di individuare le dimensioni dell integrazione oggetto di analisi da parte di ogni singolo strumento. La 10

11 Tabella 4 riporta per ogni strumento di valutazione individuato le dimensioni oggetto di analisi. Tabella 3 - Dimensioni e prospettive di integrazione dei processi di cura Integrazione di sistema Integrazione organizzativa Integrazione professionale Integrazione clinica Integrazione funzionale Integrazione normativa Il sistema di governance esplicita il coordinamento verticale (integrazione verticale), necessario tra i livelli di cura, gli ambiti di policy (sociale, sanitario, politiche del lavoro ecc) e i professionisti, e orizzontale (integrazione orizzontale), per ricomporre le diverse prospettive e promuovere l adozione di strumenti e valori comuni. Individua le soluzioni organizzative adottate per promuovere l integrazione dei processi di cura, sia a livello intra-organizzativo che inter-organizzativo, assumendo forme di organizzazione reticolare (network) diverse. Identifica le modalità di integrazione tra più professionisti, in particolare tra specialisti appartenenti a saperi disciplinari e modalità di lavoro distinte ad esempio, tra l approccio clinico (care) e quello sociale (cure). L integrazione professionale può assumere forme diverse lungo un continuum che va dalla cooperazione (spesso forzata dall alto) fino alla collaborazione effettiva, in cui obiettivi ed incentivi di risultato sono condivisi dal gruppo di cura. Nella progressione di questo continuum sono fondamentali gli strumenti di cui i professionisti si dotano per definire regole di comportamento reciproco e di modalità operative (protocolli). È tipica della presa in carico olistica e personalizzata della medicina generale, in grado di sintetizzare i diversi bisogni, assistenziali, sanitari e terapeutici, in modo continuativo nel tempo. Indica l attivazione e costruzione di strumenti finalizzati a supportare l integrazione: ad esempio, lo sviluppo di sistemi informativi, condivisi a livello di sistema, di meccanismi di finanziamento o modalità gestionali (es. gestione delle risorse umane, della qualità ecc). Si tratta di una dimensione strumentale e trasversale. Attiene agli aspetti valoriali e comportamentali del sistema, allo stile di leadership prevalente, e sottolinea la necessità di una vision e cultura condivisa da tutti gli attori per l integrazione dei processi di cure. Si tratta di una dimensione strumentale e trasversale, si ancora alla dimensione professionale, quale volano degli assetti valoriali e comportamentali che promuovono o ostacolano la collaborazione. Fonte 1: adattato da Fulop et al e Valentijn et al.,

12 Tabella 4 - Strumenti di misurazione e dimensioni dell'integrazione analizzate Strumento di misurazione Human service integration measure Questionnire of interprofessional collaboration Functional clinical integration measure Intersectoral collaboration measure Service delivery integration measure Partnership selfassessment tool Team Climate Inventory Perception of interprofessional collaboration model questionnaire Service Delivery integration index Integration service delivery Integrazione di sistema Organizzativa Professionale Clinica Funzionale Normativa Nessuno strumento di misurazione analizza l integrazione a livello di sistema (es. strategic planning, finanziamento ). Il Questionnaire of Interprofessional Collaboration è il più inclusivo in quanto tiene conto di quasi tutte le dimensioni dell integrazione. Conclusioni Nell ambito dell integrazione sociosanitaria la valutazione assume una certa rilevanza sia in una prospettiva di accountabilibity, in quanto rende conto a tutti i possibili stakeholder di come funziona realmente l integrazione e di quali fattori la favoriscono o la ostacolano, sia in una prospettiva di learning (apprendimento), in quanto rende conto di qual è effettivamente l efficacia e l impatto dell integrazione sui sistemi sociosanitari. Monitorare i miglioramenti nella efficienza ed equità del sistema sociosanitario potenzialmente associati all integrazione è, tuttavia, reso 12

13 difficoltoso dalla mancanza di strumenti di valutazione dell integrazione standardizzati che tengano conto dei vari aspetti dell integrazione e possano essere sistematicamente usati per valutare l impatto dell integrazione in termini di efficienza, efficacia, equità, qualità, miglioramento delle cure e dei processi di cura. La review ha messo in evidenza alcuni elementi fondamentali: in primo luogo, dal punto di vista della cultura della valutazione, occorre considerare che valutare l integrazione non significa individuare il modello di integrazione più efficace e che si adatta a tutti i contesti. L evoluzione teorica e le evidenze empiriche suggeriscono, infatti, che non è possibile individuare una soluzione ideale né modelli assoluti o stabili nel tempo che siano efficaci. L integrazione delle cure piuttosto va interpretata come un processo complesso e dinamico che avviene attraverso livelli diversi, macro (sistema), meso (organizzazioni e professionisti), micro (paziente e singolo professionista), e concentrici, in un continuum verticale, e trasversale, attraverso l utilizzo di strumenti comuni. La valutazione apporta a questo processo di analisi la possibilità di individuare quali sono gli effetti di un modello di valutazione in un determinato contesto, quali sono i fattori di contesto che favoriscono o ostacolano l integrazione e come questi fattori possono essere superati o al contrario favoriti. In secondo luogo, dal punto di vista degli strumenti di valutazione, nessuno degli strumenti individuati valuta tutte le dimensioni dell integrazione individuate ma, tenuto conto della complessità dell integrazione, possono essere usati in maniera coordinata per individuare diverse sfaccettature dell integrazione e da diverse prospettive (da quella dei manager ai professionisti, agli utilizzatori dei servizi). L analisi ha permesso di individuare quali sono le dimensioni principali dell integrazione sulle quali c è consenso a livello internazionale, quali sono gli elementi caratterizzanti di ogni dimensione (che possono essere operazionalizzate in indicatori) e come queste dimensioni possono essere valutate con gli strumenti a disposizione validati in altri contesti internazionali. I risultati della review forniscono la base per la definizione degli indicatori valutativi 13

14 utili a misurare gli effetti dell integrazione e comprendere quali fattori e meccanismi favoriscono e rendono possibile l integrazione o al contrario ostacolano l integrazione. Bibliografia Ahgren, B., e Axelsson, R. (2005). Evaluating integrated health care: a model for measurement. International Journal of Integrated Care, 5(3). Ahgren, B., Axelsson, S. B., & Axelsson, R. (2009). Evaluating intersectoral collaboration: a model for assessment by service users. International Journal of Integrated Care, 9(1). Anderson, N. R. e West, M. A. (1994). The team climate inventory. Manual and users guide. Assessment Services for Employment. Windsor, UK. Armitage, G. D., Suter, E., Oelke, N. D., e Adair, C. E. (2009). Health systems integration: state of the evidence. International Journal of Integrated Care, 9(2). Bernabei, R., Landi, F., Gambassi, G., Sgadari, A., Zuccala, G, Mor, V., Rubenstein, L. Z. e Carbonin, P. U. (1998). Integrated Care and Case Management for Older People Living in the Community. BMJ: British Medical Journal, 316(7141), Browne, G., Roberts, J., Gafni, A., Byrne, C., Kertyzia, J., & Loney, P. (2004). Conceptualizing and validating the human services integration measure. International Journal of Integrated Care, 4(2). Center for the Advancement of Collaborative Strategies in Health (2002). Partnership selfassessment tool (PSAT) Questionnaire. Curry, N., Harris, M., Gunn, L., Pappas, Y., Blunt, I., Soljak, M., Bardsley, M. (2013). Integrated care pilot in north west London: a mixed methods evaluation. International Journal of Integrated Care, 13(3) 14

15 Fulop N, Mowlem A and Edwards N (2005). Building Integrated Care: Lessons from the UK and elsewhere. London: NHS Confederation. Gorina, M., Limonero, J. T., Peñart, X., Jiménez, J., & Gassó, J. (2014). Comparison of level of satisfaction of users of home care: integrated model vs. dispensaries model. Atencion Primaria / Sociedad Española De Medicina De Familia Y Comunitaria, 46(6), Greaves, F., Pappas, Y., Bardsley, M., Harris, M., Curry, N., Holder, H., Car, J. (2013). Evaluation of complex integrated care programmes: the approach in North West London. International Journal of Integrated Care, 13(1). Haas, C. L. M., Falkmann, H., Douma, J., Gassel, J. G. van, Peters, W. G., Mierlo, R. van, Schrijvers, A. J. P. (2001). Organisational design for an integrated oncological department. International Journal of Integrated Care, 1(3). Ham C., Curry N. 2011). Integrated care: What is it? Does it work? What does it mean for the NHS? London: The Kings Fund. Hébert, Réjean, e Anne Veil Monitoring the degree of implementation of an integrated delivery system. International Journal of Integrated Care 4(3). Henrard, J.-C., Ankri, J., Frijters, D., Carpenter, I., Topinkova, E., Garms-Homolova, V., Bernabei, R. (2006). Proposal of a service delivery integration index of home care for older persons: application in several European cities. International Journal of Integrated Care, 6(3). Horwitz, R., Brener, L., & Treloar, C. (2012). Evaluation of an integrated care service facility for people living with hepatitis C in New Zealand. International Journal of Integrated Care, 12(6). 15

16 Ignatowicz, A., Greenfield, G., Pappas, Y., Car, J., Majeed, A., & Harris, M. (2014). Achieving Provider Engagement: Providers Perceptions of Implementing and Delivering Integrated Care. Qualitative Health Research. Ling, T., Bardsley, M., Adams, J., Lewis, R., & Roland, M. (2010). Evaluation of UK Integrated Care Pilots: research protocol. International Journal of Integrated Care, 10(3). Lyngsø, A. M., Godtfredsen, N. S., Høst, D., & Frølich, A. (2014). Instruments to assess integrated care: A systematic review. International Journal of Integrated Care, 14(3). Nuti S.; Barsanti S. (2009). L integrazione socio sanitaria: strumenti per la programmazione e la valutazione delle zone-distretto del sistema sanitario toscano. L integrazione Socio-sanitaria: Ricerca Scientifica Ed Esperienze Operative A Confronto - Strategie Ed Esperienze Della Regione Toscana, Il Mulino Ødegård, A. (2006). Exploring perceptions of interprofessional collaboration in child mental health care. International Journal of Integrated Care, 6. Reynolds, H. W., & Sutherland, E. G. (2013). A systematic approach to the planning, implementation, monitoring, and evaluation of integrated health services. BMC Health Services Research, 13, Rossi, Lipsey e Freeman (2004). Evaluation. A Systematic approach. Seventh Edition. Sage publication Sheiman, I., & Shevski, V. I. (2013). Evaluation of health care delivery integration: the case of the Russian Federation. International Journal of Integrated Care, 0(0). Solinís, R. N., Zabalegui, I. B., Arce, R. S., Rodríguez, L. S. M., & Polanco, N. T. (2013). Development of a questionnaire to assess interprofessional collaboration between two different care levels. International Journal of Integrated Care, 13(2). 16

17 Strandberg-Larsen, M., & Krasnik, A. (2009). Measurement of integrated healthcare delivery: a systematic review of methods and future research directions. International Journal of Integrated Care, 9(1). Valentijn, P. P., Schepman, S. M., Opheij, W., & Bruijnzeels, M. A. (2013). Understanding integrated care: a comprehensive conceptual framework based on the integrative functions of primary care. International Journal of Integrated Care, 13(1). Weiss, C. H. (1997). Theory-based evaluation: Past, present, and future. New Directions for Evaluation, 1997(76), Ye, C., Browne, G., Grdisa, V. S., Beyene, J., & Thabane, L. (2012). Measuring the degree of integration for an integrated service network. International Journal of Integrated Care, 12(5). 17

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE HTA

MANUALE DELLE PROCEDURE HTA MANUALE DELLE PROCEDURE HTA 1 AUTORI: Cerbo Marina Amicosante Annamaria Vincenza Cavallo Antonella Chiarolla Emilio Corio Mirella Gillespie Francesca Jefferson Thomas Oliver Lo Scalzo Alessandra Migliore

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli