L integrazione sociosanitaria: la valutazione come strumento per apprendere e cambiare. - Contributo teorico -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L integrazione sociosanitaria: la valutazione come strumento per apprendere e cambiare. - Contributo teorico -"

Transcript

1 L integrazione sociosanitaria: la valutazione come strumento per apprendere e cambiare - Contributo teorico - Lucia Ferrara, dottoranda in Scienze delle relazioni Umane curriculum Progettazione e valutazione delle politiche sociali, Università degli Studi di Bari 1 Giuseppe Moro, professore ordinario di Sociologia, Università degli Studi di Bari Introduzione L invecchiamento, l aumento della cronicità e la scarsità di risorse rappresentano i nodi della società odierna nella riprogettazione delle politiche di welfare. I modelli di cure esistenti, frammentati e a compartimenti stagni, non sono più adeguati a rispondere alle necessità di una crescente popolazione anziana con bisogni sanitari multipli, complessi (Ham e Curry, 2011), continuativi ed onerosi. È ormai condiviso che per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini, sia necessario, nei sistemi pubblici universalistici, offrire l accesso e l erogazione dei servizi garantendo un approccio socio-sanitario integrato, specialmente per le categorie più fragili della popolazione, e proteggere indistintamente i cittadini contro i rischi economico-sociali legati alla malattia (Nuti e Bersanti, 2009). La ricerca sui modelli e le modalità di integrazione delle cure (IC) è divenuta una priorità per alimentare processi continui di innovazione, efficienza e qualità nell assistenza delle persone con bisogni clinici e sociali complessi. Sul versante degli indirizzi politico-amministrativi, l integrazione socio-sanitaria, costituisce, infatti, a partire dalla L. 328/2000, dal D.Lgs. 229/1999 e dal P.S.N , un tema fondamentale della normativa nazionale ed oggetto specifico delle strategie di politica della salute e delle normative regionali di programmazione sanitaria. A livello normativo e politico l integrazione è promossa come un fattore fondamentale di qualificazione dell offerta dei servizi e delle prestazioni socio sanitarie in grado di generare maggiore efficacia di 1 Autore corrispondente 1

2 cura e di sostegno, favorire un uso più efficiente delle risorse, ridurre il disagio dei cittadini nel rapporto con i servizi e garantire maggiore equità, livelli omogenei di opportunità per l accesso ai servizi, per la qualità dei trattamenti e nei costi e nella contribuzione a carico dei cittadini. Nonostante l attenzione crescente nei confronti dell integrazione e delle potenzialità ad essa connesse, l efficacia assoluta e comparativa dei programmi di integrazione rispetto ai diversi modelli di presa in carico dei pazienti fragili e l ampiezza con cui i servizi sono integrati per rispondere ai bisogni sanitari dei pazienti è spesso sconosciuta e raramente misurata e mancano a livello internazionale delle valutazioni robuste sull efficacia dei programmi di integrazione (Reynolds & Sutherland, 2013; Ye et al., 2012). Tre review sistematiche della letteratura (Armitage, Suter, Oelke, & Adair, 2009; Strandberg-Larsen & Krasnik, 2009; Lyngsø, Godtfredsen, Høst, & Frølich, 2014) hanno rilevato una mancanza di ricerche valutative di qualità e di strumenti standardizzati per valutare gli outcome dell integrazione e i meccanismi che favoriscono e rendono possibile l integrazione. La fretta a intervenire senza valutazioni e monitoraggi adeguati continuerà a risultare in una debole evidenza a supporto dei processi decisionali e di valutazione (Reynolds & Sutherland, 2013). Data l importanza attribuita all integrazione a livello politico governativo, risulta, pertanto, necessario e di estrema attualità e importanza sviluppare sistemi di valutazione e monitoraggio metodologicamente robusti per valutare gli effetti e i fattori che determinano e rendono possibile l integrazione (Greaves et al., 2013) al fine di supportare i decisori politici e le fasi di programmazione degli interventi. L obiettivo di questa review è, pertanto, identificare quali ricerche valutative sull integrazione sono state condotte, quali sono i metodi di valutazione, gli approcci, i framework di valutazione e gli strumenti di valutazione dell integrazione presenti in letteratura. In particolare nel presente lavoro si è cercato di rispondere a due principali domande di ricerca: 1. Quali ricerche valutative sono state condotte sull integrazione? E nello specifico, quali tipologie di ricerche valutative sono state condotte? Quali metodologie sono state usate? Quale funzione è stata attribuita alla valutazione (es. learning, accountability ecc)? In 2

3 quale momento si colloca la valutazione (ex ante in itinere ex post)? Qual è l oggetto della valutazione (politica, programma, progetto, servizio)? 2. Tenuto conto dei framework di integrazione individuati a livello internazionale, quali sono gli strumenti di valutazione e quali aspetti dell integrazione sono indagati? Metodologia di ricerca Strategia di ricerca È stata condotta una revisione sistematica della letteratura su PubMed, Medline, Jstor, CINAHL, usando come criteri di ricerca ("Int J Integr Care"[Journal] OR ("integrated"[all Fields] AND "care"[all Fields]) OR "integrated care"[all Fields]) AND ("evaluation studies"[publication Type] OR "evaluation studies as topic"[mesh Terms] OR "evaluation"[all Fields]). Inoltre, sono stati analizzati i siti internet di alcune rilevanti organizzazioni per individuare ulteriori rapporti di ricerca e pubblicazioni sul tema della valutazione dell integrazione. Sono stati considerati nell analisi gli articoli scritti in italiano, inglese, francese e spagnolo. Gli articoli scritti in altre lingue sono stati inclusi solo se un abstract in una delle precedenti lingue era fornito. Per l inclusione nella review, ogni articolo doveva soddisfare i seguenti criteri di inclusione: - essere pubblicato in un peer review journal tra il 1980 e il 2014; - includere un framework di valutazione dell integrazione; - includere un approccio di valutazione; - includere un modello di valutazione; - includere uno strumento di valutazione. Processo di revisione Dai quattro database sono stati identificati articoli. Dopo revisione dei titoli e delle parole chiave ed eliminazione degli articoli non rilevanti per la review e/o duplicati, 190 abstract sono stati analizzati. Da questi abstract 50 articoli sono stati selezionati per essere revisionati e analizzati nel dettaglio (Figura 1). Dall analisi dei testi e dei riferimenti bibliografici sono stati individuati 3

4 ulteriori 52 articoli potenzialmente rilevanti che sono stati oggetto di revisione specifica. Nessuno di questi articoli è stato successivamente incluso nella review. Figura 1 - Processo di revisione La ricerca in JStor, PubMEd ha prodotto articoli potenzialmente rilevanti I titoli e le parole chiave sono state analizzate e articoli sono stati esclusi perchè non rilevanti o duplicati 190 Articoli sono stati selezionati per una ulteriore analisi Gli abstract sono stati revisionati e 140 articoli sono stati esclusi 50 Articoli sono stati selezionati per una revisione detagliata I full text degli articoli sono stati revisionati e 31 articoli sono stati esclusi 19 articoli sono stati inclusi nella revisione sistematica Risultati Sono stati identificati 19 articoli che rispettano i criteri di ricerca e rispondono alle domande di ricerca: 9 articoli riportano case studies e 10 strumenti di valutazione. Di seguito si riporta una sintesi dei risultati più rilevanti. La valutazione dell integrazione I casi studio di valutazione riportati in letteratura sono stati analizzati al fine di individuare e riportare schematicamente quali sono gli elementi che caratterizzano queste valutazioni. Seguendo una tassonomia classica degli elementi di una valutazione, sono stati individuati gli obiettivi, le fasi, le funzioni, gli approcci e le metodologie di valutazione (Tabella 1). Le ricerche valutative individuate sono state condotte quasi nella totalità nel contesto anglosassone e mirano a valutare l efficacia degli interventi in termini di outcome e impatto sull uso dei servizi e sui costi. La valutazione svolge essenzialmente una funzione di learning, finalizzata a generare apprendimento, ovvero si tratta di valutazione in senso stresso, come stima degli effetti prodotti da un programma. È di tipo ex-post (raramente in itinere) e prospettica, per riorientare il disegno dei programmi. Dal 4

5 punto di vista degli approcci, si fa per lo più ricorso agli approcci sperimentali e quasi sperimentali, fanno eccezione la valutazione del programma Pilota The Northwest London Integrated Care Pilot in cui gli autori ricorrono alla teoria della valutazione degli interventi complessi (Curry e Ham, 2010) per sviluppare una responsive evaluation; il lavoro di Reynolds e Sutherland (2013) che ricorre all approccio sistematico di Rossi, Lipsey e Freeman (2004) per la valutazione dei programmi e il lavoro di Ling e colleghi (2010) che fanno ricorso alla valutazione basata sulla teoria (Weiss, 1997). Dal punto di vista dei metodi si tratta per lo più di ricerche che usano una metodologia mista (mixed method) attraverso la triangolazione di metodologie di ricerca proprie della ricerca qualitativa (interviste, focus group, osservazioni non partecipanti ecc.), della ricerca quantitativa (questionari, dati sui pazienti, ecc.) e della valutazione economica. In tutti i casi analizzati si tratta di singole valutazioni non inserite all interno di un programma strutturato di valutazioni ovvero slegate dal ciclo di vita dei programmi (Policy cycle analysis). 5

6 Tabella 1 - La valutazione dell'integrazione una tassonomia Articolo Obiettivo articolo Paese Esiti Funzione Tempo Oggetto Approccio Metodologia (Greaves et Valutare come la sperimentazione si Uk Impatto su Learning In itinere Programma Responsive Teoria della al., 2013) inserisce nell economia sanitaria, il uso dei Ex-post sperimentale valutazione degli suo impatto sugli outcome clinici e i costi e sull esperienza dei pazienti e servizi, costi, interventi complessi professionisti qualità Mixed method (Reynolds & Sutherland, 2013) (Curry et al., 2013) (Ling, et al., 2010) (Bernabei et al., 1998) (Horwitz al., 2012) (Gorina al., 2014) (Ignatowicz et al., 2014) et et (Haas et al., 2001) Definire un approccio sistematico alla valutazione dell integrazione a livello nazionale per favorire il processo decisionale Valutare l implementazione e l impatto di una sperimentazione Produrre un portfolio di evidenze per rafforzare le conoscenze sull integrazione e identificare i contesti in cui l integrazione è efficace Valutare l impatto di un programma di integrazione socio-sanitaria per gli anziani fragili Valutare le esperienze dei pazienti nei confronti di un servizio innovativo di integrazione Confrontare il livello di soddisfazione degli utenti inseriti in due modelli di presa in carico Valutare il coinvolgimento dei fornitori in un servizio integrato efficace Definire i fattori che possono influenzare una implementazione di successo e lo sviluppo di un servizio integrato USA UK UK Processo Impatto Outcome Processo Outcome Processo Outcome Learning In itinere Servizio Sistematico Monitoring and evaluation framework (M&E) Implementation In itinere (Dopo 1 anno sperimentazione) Learning In itinere (Dopo 1 anno sperimentazione) Italia Outcome Accountability In itinere Ex post (1 anno follow up) Nuova Zelanda 6 Programma sperimentale Service Programma Controfattuale Valutazione basata sulla teoria (Weiss) Mixed method Mixed method Programma Sperimentale Randomised controlled trial Outcome Learning Ex-post Servizio Quasi sperimentale Spagna Outcome Learning Ex-post Servizio Quasi sperimentale Ricerca quantitativa Ricerca quantitativa UK Processo Learning In itinere Programma Responsive Recerca qualitativa Paesi Bassi Processo Learning Ex-post Servizio Comparativo Analisi SWOT

7 Gli strumenti di valutazione dell integrazione L analisi della letteratura ha permesso di individuare 10 strumenti di valutazione dell integrazione: 1. Human service integration measure (Browne et al., 2004; Ye et al., 2012). 2. Questionnaire of interprofessional collaboration (Solinís et al., 2013). 3. Functional clinical integration measure (Ahgren & Axelsson, 2005). 4. Intersectoral collaboration measure(ahgren, Axelsson, & Axelsson, 2009). 5. Service delivery integration measure (Sheiman & Shevski, 2013). 6. Partnership self-assessment tool (Center for the Advancement of Collaborative Strategies in Health, 2002). 7. Team Climate Inventory (Anderson e West, 1994). 8. Perception of interprofessional collaboration model questionnaire (Ødegård, 2006). 9. Service Delivery Integration Index (Henrard et al., 2006). 10. Integration service delivery (Hébert & Veil, 2004). Di questi strumenti, 7 sono strumenti creati ad hoc per la valutazione dell integrazione, mentre 3 (il Partnership Self-Assessment Tool, il Team Climate Inventory questionnaire, e il Perception of Interprofessional Collaboration Model Questionnaire) sono mutuati da altre discipline e adattati per la valutazione dell integrazione. La Tabella 2 riporta per ogni strumento di misurazione dell integrazione individuato il Paese in cui è stato sperimentato e validato, l obiettivo specifico dello strumento, il punto di vista dell analisi (professionista, manager, paziente), l oggetto della misurazione e qual è l utilità dello strumento nella valutazione dell integrazione. 7

8 Tabella 2 - Strumenti di misurazione dell'integrazione Misura Paese Obiettivo Prospettiva Cosa va a misurare Human service Canada Fornitori dei integration servizi locali measure Quantifica l estensione, scopo e profondità della collaborazione. Identifica quali settori, servizi o agenzie sono connesse e stanno collaborando meglio/peggio con le alter al fine di migliorare la collaborazione. Portata, profondità, estensione dell Integrazione Caratteristiche Utilità strumento Misura quantitativa per ogni servizio e una misura totale del livello di integrazione tra servizi Scala Ordinale a 5 punti Permette di determinare quali servizi stanno collaborando meglio con gli altri e quali no. Fornisce una misura di base per comparare i progressi longitudinalmente Questionnire of interprofessional collaboration Functional clinical integration measure Intersectoral collaboration measure Spagna Svezia Svezia Valuta la collaborazione tra professionisti clinici in due differenti livelli di cura Valuta il grado di integrazione clinica funzionale Valuta l integrazione dei servizi e cattura la percezione degli utilizzatori Professionisti Collaborazione interprofessionale Managers Grado di integrazione Utilizzatori Percezione dell IC, struttura, processi e outcome Questionario Scala likert a 5 punti Griglia autovalutazione Ratio - scale di Questionario (32 domande scala ordinale e aperte) Misura come la collaborazione interprofessionale cambia nel tempo e con lo sviluppo di diverse iniziative di integrazione Include livelli ottimali di integrazione accanto ai livelli attuali Poche valutazioni della collaborazione intersettoriale tengono conto delle percezioni dei pazienti Service delivery integration measure Russia Sviluppare un modello analitico per la valutazione dell IC che include attributi, strumenti e indicatori del processo Professionisti Teamwork Coordinamento Continuità delle cure Questionario (58 domande 3/7 opzioni di risposta) Prende in considerazione tre attributi centrali dell IC Partnership selfassessment tool USA Valuta differenti aspetti della partnership, per imparare dai punti di forza e di debolezza e migliorare il processo collaborativo Professionisti Sinergia tra i partner e altre dimensioni del processo di collaborazione Questionario auto somministrato (11 domini, 67 items Yes/no o Likert Scale) Permette di conoscere i punti di forza e di debolezza e quali step mettere in atto per migliorare il processo collaborativo 8

9 Misura Paese Obiettivo Prospettiva Cosa va a misurare Team Climate UK Valuta il funzionamento del Professionisti Innovazione di Inventory team a livello di gruppo gruppo Perception of interprofessional collaboration model questionnaire Norvegia Misura le percezioni e i comportamenti tra professionisti nel processo di collaborazione a livello individuale, di gruppo e organizzativo Professionisti Percezioni sulla collaborazione interprofessionale Caratteristiche Utilità strumento Questionario auto Assume una prospettiva somministrato (14, 38 0 complessa verso i processi di 61 domande) gruppo. Può essere usata nella Scala Likert a valutazione della Partnership punti tra servizi sociali e sanitari. Questionario (48 Item Permette di valutare se la Scala Likert a 7 punti) qualità della collaborazione è un predittore dei risultati di salute Service Delivery integration index Integration service delivery Italia, Francia, Valuta le caratteristiche di base Paesi Bassi, di un servizio domicilare UK, Repubblica Ceca, Germania, Finlandia, Norvegia, Islanda, Svezia, Danimarca Canada Misura l implementazione di una specifica componente di un Integrated Service Delivery system Professionisti Indice di fornitura dei servizi Policymakers, Managers, clinici, pazienti caregivers informali e Grado di implementazione di un Integrated Service Delivery (ISD) system Questionario (Score 0-1) Ratio scale (Interviste, focus group, analisi della documentazione) Permette di comparare i livelli di integrazione delle cure. Fornisce informazioni a manager e policy makers su come il progetto sta evolvendo, per rendere conto dell uso delle risorse, identificare ostacoli e trovare strategie per spingere l implementazione. Descrive i fattori facilitanti e gli ostacoli che l implementazione futura deve considerare 9

10 Gli strumenti di valutazione dell integrazione individuati in letteratura sono stati successivamente analizzati tenendo conto dei livelli e delle dimensioni centrali dell integrazione definite sulla base dalla letteratura internazionale (Tabella 3) al fine di individuare le dimensioni dell integrazione oggetto di analisi da parte di ogni singolo strumento. La 10

11 Tabella 4 riporta per ogni strumento di valutazione individuato le dimensioni oggetto di analisi. Tabella 3 - Dimensioni e prospettive di integrazione dei processi di cura Integrazione di sistema Integrazione organizzativa Integrazione professionale Integrazione clinica Integrazione funzionale Integrazione normativa Il sistema di governance esplicita il coordinamento verticale (integrazione verticale), necessario tra i livelli di cura, gli ambiti di policy (sociale, sanitario, politiche del lavoro ecc) e i professionisti, e orizzontale (integrazione orizzontale), per ricomporre le diverse prospettive e promuovere l adozione di strumenti e valori comuni. Individua le soluzioni organizzative adottate per promuovere l integrazione dei processi di cura, sia a livello intra-organizzativo che inter-organizzativo, assumendo forme di organizzazione reticolare (network) diverse. Identifica le modalità di integrazione tra più professionisti, in particolare tra specialisti appartenenti a saperi disciplinari e modalità di lavoro distinte ad esempio, tra l approccio clinico (care) e quello sociale (cure). L integrazione professionale può assumere forme diverse lungo un continuum che va dalla cooperazione (spesso forzata dall alto) fino alla collaborazione effettiva, in cui obiettivi ed incentivi di risultato sono condivisi dal gruppo di cura. Nella progressione di questo continuum sono fondamentali gli strumenti di cui i professionisti si dotano per definire regole di comportamento reciproco e di modalità operative (protocolli). È tipica della presa in carico olistica e personalizzata della medicina generale, in grado di sintetizzare i diversi bisogni, assistenziali, sanitari e terapeutici, in modo continuativo nel tempo. Indica l attivazione e costruzione di strumenti finalizzati a supportare l integrazione: ad esempio, lo sviluppo di sistemi informativi, condivisi a livello di sistema, di meccanismi di finanziamento o modalità gestionali (es. gestione delle risorse umane, della qualità ecc). Si tratta di una dimensione strumentale e trasversale. Attiene agli aspetti valoriali e comportamentali del sistema, allo stile di leadership prevalente, e sottolinea la necessità di una vision e cultura condivisa da tutti gli attori per l integrazione dei processi di cure. Si tratta di una dimensione strumentale e trasversale, si ancora alla dimensione professionale, quale volano degli assetti valoriali e comportamentali che promuovono o ostacolano la collaborazione. Fonte 1: adattato da Fulop et al e Valentijn et al.,

12 Tabella 4 - Strumenti di misurazione e dimensioni dell'integrazione analizzate Strumento di misurazione Human service integration measure Questionnire of interprofessional collaboration Functional clinical integration measure Intersectoral collaboration measure Service delivery integration measure Partnership selfassessment tool Team Climate Inventory Perception of interprofessional collaboration model questionnaire Service Delivery integration index Integration service delivery Integrazione di sistema Organizzativa Professionale Clinica Funzionale Normativa Nessuno strumento di misurazione analizza l integrazione a livello di sistema (es. strategic planning, finanziamento ). Il Questionnaire of Interprofessional Collaboration è il più inclusivo in quanto tiene conto di quasi tutte le dimensioni dell integrazione. Conclusioni Nell ambito dell integrazione sociosanitaria la valutazione assume una certa rilevanza sia in una prospettiva di accountabilibity, in quanto rende conto a tutti i possibili stakeholder di come funziona realmente l integrazione e di quali fattori la favoriscono o la ostacolano, sia in una prospettiva di learning (apprendimento), in quanto rende conto di qual è effettivamente l efficacia e l impatto dell integrazione sui sistemi sociosanitari. Monitorare i miglioramenti nella efficienza ed equità del sistema sociosanitario potenzialmente associati all integrazione è, tuttavia, reso 12

13 difficoltoso dalla mancanza di strumenti di valutazione dell integrazione standardizzati che tengano conto dei vari aspetti dell integrazione e possano essere sistematicamente usati per valutare l impatto dell integrazione in termini di efficienza, efficacia, equità, qualità, miglioramento delle cure e dei processi di cura. La review ha messo in evidenza alcuni elementi fondamentali: in primo luogo, dal punto di vista della cultura della valutazione, occorre considerare che valutare l integrazione non significa individuare il modello di integrazione più efficace e che si adatta a tutti i contesti. L evoluzione teorica e le evidenze empiriche suggeriscono, infatti, che non è possibile individuare una soluzione ideale né modelli assoluti o stabili nel tempo che siano efficaci. L integrazione delle cure piuttosto va interpretata come un processo complesso e dinamico che avviene attraverso livelli diversi, macro (sistema), meso (organizzazioni e professionisti), micro (paziente e singolo professionista), e concentrici, in un continuum verticale, e trasversale, attraverso l utilizzo di strumenti comuni. La valutazione apporta a questo processo di analisi la possibilità di individuare quali sono gli effetti di un modello di valutazione in un determinato contesto, quali sono i fattori di contesto che favoriscono o ostacolano l integrazione e come questi fattori possono essere superati o al contrario favoriti. In secondo luogo, dal punto di vista degli strumenti di valutazione, nessuno degli strumenti individuati valuta tutte le dimensioni dell integrazione individuate ma, tenuto conto della complessità dell integrazione, possono essere usati in maniera coordinata per individuare diverse sfaccettature dell integrazione e da diverse prospettive (da quella dei manager ai professionisti, agli utilizzatori dei servizi). L analisi ha permesso di individuare quali sono le dimensioni principali dell integrazione sulle quali c è consenso a livello internazionale, quali sono gli elementi caratterizzanti di ogni dimensione (che possono essere operazionalizzate in indicatori) e come queste dimensioni possono essere valutate con gli strumenti a disposizione validati in altri contesti internazionali. I risultati della review forniscono la base per la definizione degli indicatori valutativi 13

14 utili a misurare gli effetti dell integrazione e comprendere quali fattori e meccanismi favoriscono e rendono possibile l integrazione o al contrario ostacolano l integrazione. Bibliografia Ahgren, B., e Axelsson, R. (2005). Evaluating integrated health care: a model for measurement. International Journal of Integrated Care, 5(3). Ahgren, B., Axelsson, S. B., & Axelsson, R. (2009). Evaluating intersectoral collaboration: a model for assessment by service users. International Journal of Integrated Care, 9(1). Anderson, N. R. e West, M. A. (1994). The team climate inventory. Manual and users guide. Assessment Services for Employment. Windsor, UK. Armitage, G. D., Suter, E., Oelke, N. D., e Adair, C. E. (2009). Health systems integration: state of the evidence. International Journal of Integrated Care, 9(2). Bernabei, R., Landi, F., Gambassi, G., Sgadari, A., Zuccala, G, Mor, V., Rubenstein, L. Z. e Carbonin, P. U. (1998). Integrated Care and Case Management for Older People Living in the Community. BMJ: British Medical Journal, 316(7141), Browne, G., Roberts, J., Gafni, A., Byrne, C., Kertyzia, J., & Loney, P. (2004). Conceptualizing and validating the human services integration measure. International Journal of Integrated Care, 4(2). Center for the Advancement of Collaborative Strategies in Health (2002). Partnership selfassessment tool (PSAT) Questionnaire. Curry, N., Harris, M., Gunn, L., Pappas, Y., Blunt, I., Soljak, M., Bardsley, M. (2013). Integrated care pilot in north west London: a mixed methods evaluation. International Journal of Integrated Care, 13(3) 14

15 Fulop N, Mowlem A and Edwards N (2005). Building Integrated Care: Lessons from the UK and elsewhere. London: NHS Confederation. Gorina, M., Limonero, J. T., Peñart, X., Jiménez, J., & Gassó, J. (2014). Comparison of level of satisfaction of users of home care: integrated model vs. dispensaries model. Atencion Primaria / Sociedad Española De Medicina De Familia Y Comunitaria, 46(6), Greaves, F., Pappas, Y., Bardsley, M., Harris, M., Curry, N., Holder, H., Car, J. (2013). Evaluation of complex integrated care programmes: the approach in North West London. International Journal of Integrated Care, 13(1). Haas, C. L. M., Falkmann, H., Douma, J., Gassel, J. G. van, Peters, W. G., Mierlo, R. van, Schrijvers, A. J. P. (2001). Organisational design for an integrated oncological department. International Journal of Integrated Care, 1(3). Ham C., Curry N. 2011). Integrated care: What is it? Does it work? What does it mean for the NHS? London: The Kings Fund. Hébert, Réjean, e Anne Veil Monitoring the degree of implementation of an integrated delivery system. International Journal of Integrated Care 4(3). Henrard, J.-C., Ankri, J., Frijters, D., Carpenter, I., Topinkova, E., Garms-Homolova, V., Bernabei, R. (2006). Proposal of a service delivery integration index of home care for older persons: application in several European cities. International Journal of Integrated Care, 6(3). Horwitz, R., Brener, L., & Treloar, C. (2012). Evaluation of an integrated care service facility for people living with hepatitis C in New Zealand. International Journal of Integrated Care, 12(6). 15

16 Ignatowicz, A., Greenfield, G., Pappas, Y., Car, J., Majeed, A., & Harris, M. (2014). Achieving Provider Engagement: Providers Perceptions of Implementing and Delivering Integrated Care. Qualitative Health Research. Ling, T., Bardsley, M., Adams, J., Lewis, R., & Roland, M. (2010). Evaluation of UK Integrated Care Pilots: research protocol. International Journal of Integrated Care, 10(3). Lyngsø, A. M., Godtfredsen, N. S., Høst, D., & Frølich, A. (2014). Instruments to assess integrated care: A systematic review. International Journal of Integrated Care, 14(3). Nuti S.; Barsanti S. (2009). L integrazione socio sanitaria: strumenti per la programmazione e la valutazione delle zone-distretto del sistema sanitario toscano. L integrazione Socio-sanitaria: Ricerca Scientifica Ed Esperienze Operative A Confronto - Strategie Ed Esperienze Della Regione Toscana, Il Mulino Ødegård, A. (2006). Exploring perceptions of interprofessional collaboration in child mental health care. International Journal of Integrated Care, 6. Reynolds, H. W., & Sutherland, E. G. (2013). A systematic approach to the planning, implementation, monitoring, and evaluation of integrated health services. BMC Health Services Research, 13, Rossi, Lipsey e Freeman (2004). Evaluation. A Systematic approach. Seventh Edition. Sage publication Sheiman, I., & Shevski, V. I. (2013). Evaluation of health care delivery integration: the case of the Russian Federation. International Journal of Integrated Care, 0(0). Solinís, R. N., Zabalegui, I. B., Arce, R. S., Rodríguez, L. S. M., & Polanco, N. T. (2013). Development of a questionnaire to assess interprofessional collaboration between two different care levels. International Journal of Integrated Care, 13(2). 16

17 Strandberg-Larsen, M., & Krasnik, A. (2009). Measurement of integrated healthcare delivery: a systematic review of methods and future research directions. International Journal of Integrated Care, 9(1). Valentijn, P. P., Schepman, S. M., Opheij, W., & Bruijnzeels, M. A. (2013). Understanding integrated care: a comprehensive conceptual framework based on the integrative functions of primary care. International Journal of Integrated Care, 13(1). Weiss, C. H. (1997). Theory-based evaluation: Past, present, and future. New Directions for Evaluation, 1997(76), Ye, C., Browne, G., Grdisa, V. S., Beyene, J., & Thabane, L. (2012). Measuring the degree of integration for an integrated service network. International Journal of Integrated Care, 12(5). 17

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità La soddisfazione degli utenti come strumento di valutazione di performance Roma, 14 dicembre 2010 Giovanni Caracci Agenas - Agenzia nazionale

Dettagli

Rimini, 28 marzo 2007 Case management e governo di sistema

Rimini, 28 marzo 2007 Case management e governo di sistema Rimini, 28 marzo 2007 Case management e governo di sistema Prof. Valeria Fabbri Università di Firenze - Università LUMSA Palermo Case management / gestione del caso / governo di sistema La Community Care

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia 5 a Conferenza Nazionale GIMBE Dall'Evidence-based Practice alla Clinical Governance Bologna, 5 febbraio 2010 Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA 1 PROGRAMMA: La misura

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

Salute in tutte le politiche. Carlo Favaretti Università Cattolica del Sacro Cuore

Salute in tutte le politiche. Carlo Favaretti Università Cattolica del Sacro Cuore CIVES CITTÀ VIVE, EQUE E SANE 20-2323 APRILE 2015 Salute in tutte le politiche Carlo Favaretti Università Cattolica del Sacro Cuore Concetti chiave Che cos è la salute Che cos è la promozione della salute

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Presentazione Generale

Presentazione Generale Presentazione Generale Milano, Maggio 2015 info@svreporting.com Servizi Se vuoi cambiare il modo di pensare di qualcuno, lascia perdere; non puoi cambiare come pensano gli altri. Dai loro uno strumento,

Dettagli

Recenti scenari europei in tema d integrazione sociosanitaria. Marco d Angelantonio Health Information Management, Bruxelles

Recenti scenari europei in tema d integrazione sociosanitaria. Marco d Angelantonio Health Information Management, Bruxelles Recenti scenari europei in tema d integrazione sociosanitaria Marco d Angelantonio Health Information Management, Bruxelles ATOUTS PRINCIPALI Nata a Bruxelles nel 1997, nel corso degli anni HIM S.A. ha

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE Sergio Iavicoli INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro Roma 12 ottobre 2011 IMPLEMENTAZIONE DELL ACCORDO

Dettagli

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010 WP n.1 Titolo: Analisi dei bisogni e fattibilità Obiettivi: - Collegare le diverse analisi dei bisogni del gruppo target per individuare, definire e condividere le principali criticità registrate nei diversi

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore di lavoro

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

Dai risultati del sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE agli interventi di prevenzione dell obesità infantile

Dai risultati del sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE agli interventi di prevenzione dell obesità infantile Dai risultati del sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE agli interventi di prevenzione dell obesità infantile Paola Nardone 1 e Gianfranco Mazzarella 2 per il Comitato Tecnico di OKkio alla SALUTE

Dettagli

Album delle 10 buone pratiche di integrazione socio-sanitaria sanitaria in Europa: fattori di efficacia e lezione appresa

Album delle 10 buone pratiche di integrazione socio-sanitaria sanitaria in Europa: fattori di efficacia e lezione appresa Album delle 10 buone pratiche di integrazione socio-sanitaria sanitaria in Europa: fattori di efficacia e lezione appresa Sara Santini INRCA- Istituto nazionale di Ricerca e Cura degli Anziani www.inrca.it

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Dal New Public Management alla Public Governance

Dal New Public Management alla Public Governance Dal New Public Management alla Public Governance Processi di cambiamento della pa e valutazione delle politiche pubbliche 9 maggio 2008 cinzia raimondi 1 Valutazione e amministrazione Processi di riforma

Dettagli

Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni

Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni Nel documento Linee di indirizzo per il riconoscimento della figura professionale del mediatore interculturale prodotto dal

Dettagli

L accesso alla Cochrane è consentito solo dal PC collegati alla rete della struttura tramite controllo dell indirizzo IP.

L accesso alla Cochrane è consentito solo dal PC collegati alla rete della struttura tramite controllo dell indirizzo IP. La Cochrane Library è il principale prodotto della Cochrane Collaboration. Si tratta di un Database che raccoglie tutte le revisioni sitematiche (RS) prodotte dalla Cochrane Collaboration ed i protocolli

Dettagli

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma 1 m a r c o l o m b a r d i r o m a 2 4 a p r i l e 2 0 1 5 m l o m b a r d i @ a u s l. p r. i t Case della Salute: programmazione

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo?

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? Premessa indispensabile alla tematica di gestione del rischio è il COINVOLGIMENTO

Dettagli

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale E-health 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati

Dettagli

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR Le reti per il miglioramento della qualità e dell efficienza dell assistenza Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR il sistema sanitario non è un sistema non è un sistema

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010 Allegato 1 TITOLO: La definizione del case-mix nelle cure domiciliari:

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

Development & Assessment Tools

Development & Assessment Tools Development & Assessment Tools Grazie a una partnership internazionale offriamo una gamma di strumenti che consentono di: rendere più efficace ed efficiente la fase di analisi delle esigenze aziendali

Dettagli

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA G. Martinotti Addictive Behaviours Unit Istituto di Psichiatria e Psicologia Università Cattolica del Sacro Cuore Roma L outcome in psicoterapia La valutazione

Dettagli

La governance regionale nello sviluppo di programmi di promozione alla salute nelle comunità: l esperienza in Lombardia. Liliana Coppola DG Health

La governance regionale nello sviluppo di programmi di promozione alla salute nelle comunità: l esperienza in Lombardia. Liliana Coppola DG Health La governance regionale nello sviluppo di programmi di promozione alla salute nelle comunità: l esperienza in Lombardia Liliana Coppola DG Health Le malattie croniche: un allarme mondiale 57 milioni di

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Mattone Patient File 19 giugno 2007 Principi generali sul Fascicolo Sanitario

Dettagli

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta

La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Calogero Gugliotta La professione infermieristica ed il Risk Management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente. Gli stakeholder SONO I PORTATORI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DELL AZIENDA (che sono quindi

Dettagli

Il programma nazionale buone pratiche

Il programma nazionale buone pratiche Il programma nazionale buone pratiche Dott. Giovanni Caracci Dirigente Sezione Qualità e Accreditamento Agenas Il razionale, il mandato, le teorie di riferimento Le fasi, le attività, gli strumenti Attività

Dettagli

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

Reti sanitarie e Social Network Analysis

Reti sanitarie e Social Network Analysis Reti sanitarie e Social Network Analysis LUISS Business School Roma, 12 Novembre 2010 Keith G. Provan Eller College of Management and School of Government and Public Policy University of Arizona and Department

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. Il PReSiDenTe GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

Passione per ciò che conta kpmg.com/it

Passione per ciò che conta kpmg.com/it HEALTHCARE Passione per ciò che conta kpmg.com/it Chi siamo Global Reach, Local Knowledge KPMG è uno dei principali Network di servizi professionali alle imprese, leader nella revisione e organizzazione

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

UNA SOLUZIONE PER IL PERFORMANCE MANAGEMENT

UNA SOLUZIONE PER IL PERFORMANCE MANAGEMENT IT PROFESSIONAL SERVICES UNA SOLUZIONE PER IL PERFORMANCE MANAGEMENT Gestire il portfolio applicativo monitorando qualità, produttività e costi dello sviluppo software Overview ARGOMENTI: Overview A chi

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio SEMINARIO Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio Novara, 29 gennaio e 26 febbraio 2015 Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Dettagli

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale La cultura è ciò che resta GT Cooperation Consulting Il nome GT, oltre a ricordare le iniziali dei nomi dei soci fondatori, Giulio Care e Tullio

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

Dialogue tool. Introduzione

Dialogue tool. Introduzione Dialogue tool Introduzione Questo strumento di dialogo è stato realizzato in seno al progetto Healthy Regions, cofinanziato dal Programma europeo di Salute Pubblica 2003 2008. Il dialogue tool tocca le

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. IL PRESIDENTE GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

Torino Social Innovation.

Torino Social Innovation. Torino Social Innovation. Un programma di lavoro per la città e la giovane imprenditorialità. Le città e le comunità urbane sono al centro di un acceso dibattito politico-istituzionale europeo, che le

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

DOCUMENTO FINALE LINEE GUIDA (sono riportate in ordine cronologico rispetto alla data di emanazione)

DOCUMENTO FINALE LINEE GUIDA (sono riportate in ordine cronologico rispetto alla data di emanazione) DOCUMENTO FINALE LINEE GUIDA (sono riportate in ordine cronologico rispetto alla data di emanazione) LINEE GUIDA DELLO STATO DEL NEW HAMPSHIRE (U.S.A.) Le linee guida dell autismo dello Stato del New Hampshire

Dettagli

Schema per la stesura dei Progetti CCM

Schema per la stesura dei Progetti CCM Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Schema per la stesura dei Progetti CCM Quadro 1 Elementi generali. Analisi della situazione iniziale MODELLI INNOVATIVI

Dettagli

#ars4integrity. l Osservatorio per la Qualità e l Equità per un sistema sociosanitario pubblico e integro. Andrea Vannucci, Giacomo Galletti

#ars4integrity. l Osservatorio per la Qualità e l Equità per un sistema sociosanitario pubblico e integro. Andrea Vannucci, Giacomo Galletti #ars4integrity l Osservatorio per la Qualità e l Equità per un sistema sociosanitario pubblico e integro Andrea Vannucci, Giacomo Galletti Osservatorio Qualità ed Equità Agenzia regionale di sanità della

Dettagli

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca A cura dell Ufficio Studi e Ricerca per l Innovazione e la Promozione della

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

Destinazioni turistiche come network

Destinazioni turistiche come network 5 e 6 settembre 2013 La Salle, Aosta 26 novembre 2013 Aosta Destinazioni turistiche come network Tripodi C., Università della Valle d Aosta e SDA Bocconi Turci L., Università della Valle d Aosta e Oxford

Dettagli

Health Technology Assessment

Health Technology Assessment Health Technology Assessment Strumento strategico per la valutazione delle Tecnologie Sanitarie 1 Tecnologia e Sanita Lo sviluppo di spazi e strutture a supporto dei percorsi assistenziali deve tenere

Dettagli

Dr Giuseppe DONATO MMG ASL RmF. Fiumicino 29 Gennaio 2011 Via F. Brandileone, 17 - Aranova

Dr Giuseppe DONATO MMG ASL RmF. Fiumicino 29 Gennaio 2011 Via F. Brandileone, 17 - Aranova 1 Incontro tra cooperativa Medicina Del Territorio e associazioni dei malati oncologici (AIMaC/FAVO) nell ambito del percorso assistenziale territoriale al malato cronico/oncologico Dr Giuseppe DONATO

Dettagli

Maria Milano (CSeRMEG)

Maria Milano (CSeRMEG) (CSeRMEG) Il Centro Studi del Co.S La mission L organizzazione Gli obiettivi Quali indicatori per quale ricerca? Quale Ricerca? Il Centro Studi del Co.S Lo Statuto: associazione a carattere scientifico

Dettagli

OPTIGOV: Optimizing Health Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology

OPTIGOV: Optimizing Health Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology Aut Mecine OPTIGOV: Optimizing Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology Ricciar, W., Campana, A. *, Specchia, M.L. Department of Public, Catholic University of the Sacred Heart, Roma,

Dettagli

Le politiche per le demenze: criticità e prospettive

Le politiche per le demenze: criticità e prospettive Le politiche per le demenze: criticità e prospettive Teresa Di Fiandra Ministero della Salute VI Convegno UVA ISS, Roma 16 novembre 2012 Le politiche in Europa (1) Conferenza di Parigi (ottobre 2008) sotto

Dettagli

Proteggere il proprio Business con BSI.

Proteggere il proprio Business con BSI. Proteggere il proprio Business con BSI. Siamo i maggiori esperti nello standard ISO/IEC 27001, nato dalla nostra norma BS 7799: è per questo che CSA ci ha coinvolto nello sviluppo della Certificazione

Dettagli

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 il Nino Cartabellotta 3. Strumentiti

Dettagli

Convegno internazionale

Convegno internazionale Con il patrocinio di Convegno internazionale Nutrire la memoria per nutrire le generazioni: anziani attivi e benessere Feeding the memory to feed the generations: active elders and well-being 11-12 Maggio

Dettagli

Massimo Re. Dipartimento interaziendale della Fragilità, ASL/AO di Lecco. Roma, 23 settembre 2015

Massimo Re. Dipartimento interaziendale della Fragilità, ASL/AO di Lecco. Roma, 23 settembre 2015 ICT applicata e interoperabilità l uso degli strumenti di VMD interrai Home Care e Palliative Care nella gestione dei percorsi di cura. L esperienza del DIFRA di Lecco. Massimo Re Dipartimento interaziendale

Dettagli

La promozione della sicurezza dei pazienti: riflessioni a tre anni di attività dell Osservatorio Agenas. Barbara Labella Agenas

La promozione della sicurezza dei pazienti: riflessioni a tre anni di attività dell Osservatorio Agenas. Barbara Labella Agenas La promozione della sicurezza dei pazienti: riflessioni a tre anni di attività dell Osservatorio Agenas Barbara Labella Agenas Un bilancio 1. Definizione dell oggetto (scope) dell Osservatorio 2. Definizione

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S.

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. Materiale a cura di Antonella Cifalinò «Quale» PHC? Si assume una concezione

Dettagli

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in «Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in settori diversi da quello sanitario. Pertanto, gli interventi

Dettagli

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare

Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 12 dicembre 2011 Come scrivere Revisioni Sistematiche e Meta- Analisi anche in Medicina Nucleare Cosa sono le Revisioni Sistematiche e le Meta- Analisi?

Dettagli

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it )

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) CEPIS e-cb Italy Report Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) Free online selfassessment tool Online services Enables the identification of competences needed for various ICT roles e-cf Competences

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL)

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) P. CLERICI*, A. GUERCIO**, L. QUARANTA** RIASSUNTO L organizzazione è costituita dalle persone e dalle loro relazioni reciproche e

Dettagli