Rischio biologico nelle strutture sanitarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rischio biologico nelle strutture sanitarie"

Transcript

1 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischio biologico nelle strutture sanitarie Il problema La Normativa Valutazione del rischio Sorveglianza sanitaria Informazione e Formazione Policy Procedura Aziendale Infortunio a Rischio Biologico

2 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Condizioni di sicurezza Carichi pesanti Agenti biologici Sostanze chimiche Radiazioni Microclima Illuminazione Vibrazioni Rumore Fattori di rischio legati all ambiente fisico Percezione del rischio nell ambiente ospedaliero da parte di esperti di 10 Paesi europei (European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions, Dublin, 1995)

3 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Agenti biologici Carico muscolo-scheletrico Sostanze chimiche Stress Aziende Sindacati Organizzazioni statali Altri Turni di lavoro % I 5 principali rischi e fattori di rischio dell ambiente ospedaliero Percezione del rischio da parte di diversi organismi 10 Paesi europei (European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions, Dublin, 1995)

4 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischi degli Operatori Sanitari Pubblicazioni recensite dall archivio di riferimento Medline (National Library of Medicine, Bethesda) nei periodi , , , e negli anni dal 1990 al 1996 con le parole chiave occupational disease o occupational risk + health care worker(s) (n = 4993) * * * * *media/anno

5 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischi degli Operatori Sanitari Pubblicazioni recensite dall archivio di riferimento Medline negli anni dal 1990 al 1996 con le parole chiave occupational disease o occupational risk + health care worker(s) (n = 1978). Distribuzione di 1433 pubblicazioni selezionate e classificate in base al rischio Rischio biologico Rischio allergico Rischi da organizzazione del lavoro Rischio ergonomico Rischio chimico Rischio fisico

6 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischi degli Operatori Sanitari Pubblicazioni recensite dall archivio di riferimento Medline negli anni dal 1990 al 1996 con le parole chiave occupational disease o occupational risk + health care worker(s) (n = 1978). Distribuzione di 1433 pubblicazioni selezionate e classificate in base al rischio Rischio chimicorischio fisico Rischio ergonomico 6% 1% 9% Rischi da organizzazione del lavoro 9% 11% 64% Rischio allergico Rischio biologico

7 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischio biologico degli Operatori Sanitari Pubblicazioni recensite dall archivio di riferimento Medline negli anni dal 1990 al 1996 con le parole chiave occupational disease o occupational risk + health care worker(s). Distribuzione di 910 pubblicazioni selezionate e classificate in base al rischio biologico Altre infezioni TB 11% 14% HCV 7% 15% 6% 47% HIV HBV HIV + HBV/HCV/TB

8 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Normativa in tema di sicurezza e tutela della salute degli operatori sanitari prima del decreto legislativo 626/94 norme generali per la sicurezza e igiene del lavoro (DPR 303/56) norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro (DPR 547/55) accertamenti di medicina preventiva (art. 24, DPR 384/90) vaccinazioni (varie normative) utilizzo di formaldeide (CM 56/83) utilizzo di ossido di etilene (CM 57/83) utilizzo di anestetici volatili (CM 5/89)

9 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Applicazione dei decreti legislativi 626/94 e 242/96 nelle strutture sanitarie norme generali (titolo I), luoghi (titolo II) e attrezzature di lavoro (titolo III), dispositivi di protezione personale (titolo IV) movimentazione manuale dei carichi (titolo V) uso di attrezzature munite di videoterminali (titolo VI) protezione da agenti cancerogeni (titolo VII) protezione da agenti biologici (titolo VIII)

10 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Gli Attori del decreto legislativo 626/94 nelle Aziende sanitarie ll Direttore Generale ll Direttore Sanitario ll DirettoreAmministrativo Il Servizio di Prevenzione e Protezione Il Medico Competente

11 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Attività del Medico Competente In collaborazione con: Datore di lavoro e Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Attività di pertinenza esclusiva del Medico Competente Valutazione del rischio Formazione Informazio Sorveglianza Sanitaria

12 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Campo di Applicazione (Capo I, Art. 73) Le norme del presente titolo si applicano a tutte le attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici (comma 1) Esempi di attività lavorative che possono comportare la presenza di agenti biologici (allegato IX) Attività nei servizi sanitari, comprese le unità di isolamento e post-mortem Attività nei laboratori clinici, veterinari e diagnostici, esclusi i laboratori di diagnosi microbiologica Attività in impianti si smaltimento rifiuti e raccolta di rifiuti speciali potenzialmente infetti

13 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Definizioni (Capo I, Art. 74) Agente biologico: qualsiasi microorganismo, anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni (comma 1, lettera a) Microorganismo: qualsiasi entità microbiologica, cellulare o meno, in grado di riprodursi o trasferire materiale genetico (comma 1, lettera b) Coltura cellulare: il risultato della crescita in vitro di cellule derivate da organismi unicellulari (comma 1, lettera c)

14 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Classificazione degli agenti biologici (Capo I, Art. 75) Probabilità di causare danno nell uomo 1 + Probabilità di diffusione nelle comunità Disponibilità di misure preventive e terapeutiche 2 +/ /

15 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Esempi di classificazione degli agenti biologici (Allegato XI) Probabilità di causare danno nell uomo Probabilità di diffusione nelle comunità Disponibilità di misure preventive e terapeutiche 2: Clostridium tetani, Staphylococcus aureus; Virus dell epatite A, Virus della poliomielite; Necator americanus 3: Brucella melitensis, Mycobacterium tuberculosis, Salmonella typhi; Virus dell epatite B, Virus dell epatite C, Virus dell AIDS, Agenti non classificati associati con la malattia di Creutzfeldt-Jacob 4: Virus Ebola

16 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Misure specifiche per le strutture sanitarie e veterinarie (Capo I, Art. 81) Valutazione del rischio presenza di agenti biologici nell organismo di pazienti e nei campioni biologici Misure di prevenzione applicazione di procedure per manipolare, decontaminare e eliminare i materiali e i rifiuti contaminati Misure di contenimento per i servizi di isolamento a potenziale contaminamento di agenti dei gruppi 3 e 4 sono previste particolari misure di contenimento (allegato XII)

17 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Sorveglianza sanitaria (Capo I, Art. 86) I lavoratori addetti alle attività per le quali la valutazione dei rischi ha evidenziato un rischio per la salute sono sottoposti a sorveglianza sanitaria (comma 1) accertamenti preventivi e periodici allontanemento temporaneo messa a disposizione di vaccini efficaci informare i lavoratori informare il datore di lavoro dell insorgenza di anomalie imputabili all agente e conseguente rivalutazione del rischio

18 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Registro degli esposti e degli eventi accidentali (Capo I, Art. 87) I lavoratori addetti ad attività comportanti uso di agenti del gruppo 3 o 4 sono iscritti in un registro in cui sono riportati, per ciascuno di essi, l attività svolta, l agente utilizzato e gli eventuali casi di esposizione individuale (comma 1) Il datore di lavoro istituisce e aggiorna il registro di cui al comma 1 e ne cura la tenuta tramite il medico competente. Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il rappresentante per la sicurezza hanno accesso a detto registro (comma 2)

19 Boston Medical Center (university teaching hospital, medical school, dental school): Policy Identification and reporting of infected providers 2. Self-reporting policies for infected providers 3. Categorization of exposure-prone procedures by risk 4. Educational programs for infected providers 5. Programs to monitor infected persons for safety compliance 6. Protective measures to prevent transmission in procedures 7. Limitations on practice for infected persons 8. Informed consent by patients for infected providers 9. Disclosure of exposures to patients who are exposed to blood 10. Testing policies for providers who expose a patient to blood 11. Disclosure of provider test results to exposed patients 12. Reasonable accommodation policies for infected providers

20 Rischio biologico: Epatiti e sindrome HIV Definizioni e valutazione delle situazioni a rischio Cattedra e Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro dell Università di Modena e Reggio Emilia Con la collaborazione della dottssadott.ssa Luciana Verni

21 Rischio biologico: definizione delle situazioni a rischio Il rischio di infezione da patogeni a trasmissione ematica in ambiente sanitario è un fenomeno ben conosciuto e riconducibile a 3 modalità: nosocomiale propriamente detta (dall ambiente ai pazienti oppure crociata tra i pazienti) occupazionale (da paziente infetto ad operatore) da operatore infetto a paziente

22 Infortunio a rischio biologico: definizione Infortunio sul lavoro: evento dannoso per la salute avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro Le infezioni professionalmente trasmesse sono da considerarsi infortunio sul lavoro Gli infortuni sono considerati a rischio biologico quando: la tipologia dell incidente è a rischio (puntura o taglio con aghi, bisturi o altro presidio contaminato con materiali organici a rischio) avviene la contaminazione di mucose (nasale, orale e congiuntivale) o cute non integra con sangue o qualsiasi altro materiale biologico visibilmente contaminato da sangue Il materiale biologico proviene da paziente con infezione accertata da HBV, HCV, HIV oppure da paziente fonte a rischio ma di cui non è nota la sierologia o che sia risultato negativo ad un test effettuato più di tre mesi prima

23 Rischio biologico: Epatiti virali e sindrome da HIV Gli operatori sanitari sono a rischio di esposizione occupazionale a patogeni a trasmissione ematica, inclusi il virus dell epatite B (HBV), epatite C (HCV), e il virus dell immunodeficienza umana (HIV) Il rischio di contrarre una specifica infezione per gli operatori sanitari dipende: dalla incidenza delle malattie infettive nella popolazione assistita dal tipo di trasmissibilità del microrganismo dal tipo e dalla frequenza di esposizione dal rischio definito per singola esposizione

24 Rischio biologico: epatiti virali e sindrome da HIV La maggior parte delle esposizioni non determina una infezione In seguito a specifiche esposizioni, il rischio di infezione può variare a seconda dei seguenti fattori: il patogeno coinvolto il tipo di esposizione la quantità di sangue coinvolta durante l esposizione la quantità di virus presente nel sangue del paziente infetto al tempo dell esposizione

25 Personale a rischio Personale sanitario maggiormente coinvolto negli infortuni a rischio biologico : personale infermieristico personale di laboratorio medici odontoiatri ausiliari personale addetto all assistenza al letto del malato

26 Situazioni a rischio Procedure invasive a rischio: penetrazione chirurgica in tessuti, cavità o organi, o la sutura di ferite traumatiche maggiori effettuate in sala operatoria o sala parto, pronto soccorso o ambulatorio sia medico che chirurgico; La cateterizzazione cardiaca e procedure angiografiche Il parto naturale o cesareo o altre operazioni ostetriche durante le quali possono verificarsi sanguinamenti La manipolazione, la sutura o la rimozione di ogni tessuto orale o periorale, inclusi i denti, manovre durante le quali si verifica il sanguinamento o esiste il rischio di sanguinamento

27 Rischio biologico: epatite B L esposizione è a rischio solo per i lavoratori non immuni all HBV Il tasso di trasmissione di HBV in operatori sanitari non vaccinati varia dal 6 al 30% dopo una singola esposizione a puntura con ago con paziente HBV infetto (CDC1997 b) Se un lavoratore non vaccinato è esposto all HBV, la profilassi post esposizione con immunoglobuline e l esecuzione del ciclo vaccinale contro l epatite B, risulta efficace nel 90% nel prevenire l infezione da HBV (CDC 1997 b)

28 Rischio biologico: epatite B Decremento delle infezioni da quando nel 1982 è diventato disponibile il vaccino anti HBV Decremento del 90% nel numero di casi di infezione da HBV in operatori sanitari dal 1985 al Il declino è dovuto alla campagna di vaccinazione degli operatori sanitari e all adozione di precauzioni universali ed altre misure richieste dal Occupational Safety and Health Administration (OSHA) La copertura vaccinale tra gli operatori sanitari è del 73% nelle aree del Nord Italia e del 51% nel sud (documento n 109 linee guida per diagnosi, la terapia ed il controllo delle epatiti Roma, 22 luglio 1998)

29 Rischio biologico: epatite B e Precauzioni Universali (DMS, 1990) Le Precauzioni Universali stabiliscono che ogni paziente deve essere considerato come potenzialmente infetto e pertanto le stesse misure vanno applicate e tutti i pazienti Le misure da applicare per la prevenzione delle infezioni trasmesse per via ematica, incluso l HBV in tutti i contesti pubblici e privati Tutti gli operatori sanitari dovrebbero, nel rispetto della normativa vigente, essere sottoposti a vaccinazione contro l epatite B quanto prima possibile e, comunque, al momento dell assunzione

30 Rischio biologico: epatite C Studi prospettici su operatori sanitari esposti ad HCV dopo infortunio a rischio biologico (puntura con ago o imbrattamento con sangue su cute lesa) hanno trovato che l incidenza di siero conversione per HCV era attorno al 1,8% (intervallo tra lo 0% e il 7%) per ferita. (CDC 1998 b) Allo stato attuale non esiste un vaccino efficace per prevenire l infezione da HCV; non è raccomandata neppure una terapia antivirale o con immunoglobuline come profilassi post-esposizione

31 Rischio biologico da epatite C: Gruppi a rischio I gruppi a rischio sono: persone che fanno uso di droghe iniettive pazienti in emodialisi personale sanitario rapporti sessuali con persone infette sangue destinato a trasfusioni donato prima del 1992 bambini nati da madre infetta Su tali gruppi dovrebbe essere eseguito routinariamente la determinazione dell HCV

32 Rischio biologico da epatite C La trasmissione nosocomiale di HCV è possibile se le tecniche di controllo dell infezione o le procedure di disinfezione non sono adeguate Gli operatori sanitari e gli operatori addetti all emergenza (medici e paramedici) e operatori del settore pubblico (vigili del fuoco, addetti all assistenza dei disabili, forze dell ordine) che hanno una esposizione a sangue in ambito lavorativo sono a rischio di infettarsi con HCV La prevalenza di HCV tra gli operatori sanitari inclusi ortopedici, chirurghi, odontoiatri non è maggiore rispetto alla popolazione generale, con un tasso del 1-2%, ed è 10 volte più bassa rispetto all infezione da HBV Tra gli operatori infetti con HCV, all anamnesi si rilevava un pregresso infortunio a rischio biologico

33 Situazioni a rischio: Epatite C Il rischio di trasmissione dell infezione da paziente a operatore è clinicamente rilevante se sono soddisfatte contemporaneamente le seguenti condizioni: procedure a rischio (exposure-prone) ruolo di primo operatore nell esecuzione dell intervento positività per il paziente per anti HCV, HCV- RNA

34 Attività associate ad infortunio a rischio biologico Circa il 38% di punture percutanee avvengono durante l uso dei dispositivi e il 42% avvengono o prima o dopo l uso (EPINet 1999) Le attività lavorative che espongono ad un rischio maggiore di infortunio a rischio biologico sono: reincappucciamento di aghi trasferimento di fluidi organici in più contenitori errate procedure di inserimento di aghi, siringhe, provette negli appositi contenitori rigidi

35 Attività associate ad infortunio a rischio biologico Diversi studi hanno dimostrato che percentuali varianti dal 10% al 25% degli infortuni a rischio biologico avvenivano durante il reincappucciamento di aghi usati (Ruben et al. 1983; Krasinski et al. 1987; McCormick and Maki 1981; Yassi and McGill 1991) Inoltre se aghi o oggetti taglienti vengono lasciati incustoditi nell area di lavoro o vengono smaltiti in contenitori non adatti ne può esitare un infortunio a rischio biologico

36 Epatite C e precauzioni riguardanti gli operatori sanitari In emodialisi deve essere fatto uno sforzo maggiore nella formazione del personale sanitario Le precauzioni nei centri di emodialisi sono più restrittive rispetto alle precauzioni standard. Le precauzioni standard richiedono ad esempio l uso di guanti solo se si manipola sangue, secrezioni, fluidi organici. In emodialisi l uso di guanti è richiesto anche quando si viene a contatto con il paziente e quando si manipola l attrezzatura di dialisi L appropriato uso di precauzioni nei centri di emodialisi dovrebbe prevenire la trasmissione di HCV tra i pazienti emodializzati e la trasmissione da paziente ad operatore sanitario L isolamento dei pazienti HCV positivi allo stato attuale non è necessario né raccomandato

37 Epatite C e precauzioni riguardanti gli operatori sanitari Gli operatori sanitari dovrebbero essere informati sui rischi e formati sugli interventi da adottare per prevenire le infezioni trasmesse con il sangue Dovrebbe essere implementato l uso di dispositivi di protezione e l adeguamento a protocolli standardizzati I protocolli devono essere ben visibili e posti in luoghi accessibili a tutti. Devono contenere il follow up che l operatore deve eseguire in caso di esposizione percutanea o mucosale a sangue o fluidi contenenti sangue

38 Procedura da seguire in caso di infortunio a rischio biologico (1) Immediatamente dopo un infortunio a rischio biologico si deve: lavare la ferita e la cute con sapone o acqua lavare naso, bocca, cute dopo imbrattamento/schizzi di sangue sul viso irrigare gli occhi con acqua pulita, salina o sterile dopo schizzi di sangue nel occhio Non esistono evidenze scientifiche che l uso di antisettici o spremere la ferita per fare uscire sangue riducano il rischio di trasmissione da agenti patogeni trasmessi con il sangue

39 Procedure da seguire in caso di infortunio a rischio biologico (2) Successivamente ad un infortunio a rischio biologico il lavoratore deve: informare il servizio responsabile della gestione degli infortuni a rischio biologico dell avvenuta esposizione (a rapida informazione è essenziale in quanto, in alcuni casi, è raccomandato il trattamento post-esposizione e questo deve essere iniziato il prima possibile) Discutere con l infettivologo i possibili rischi di acquisire l epatite B e C e la necessità di un trattamento post-esposizione Iniziare, se necessario, il ciclo vaccinale contro l epatite B. Il vaccino è sicuro ed efficace nel prevenire l infezione da HBV

40 Dispositivi associati a infortuni a rischio biologico (puntura con ago) Gli operatori sanitari utilizzano diversi tipi di aghi e diversi dispositivi taglienti per provvedere alle cure del paziente Solo pochi aghi o dispositivi taglienti sono associati alla maggioranza degli infortuni (International Health Care Worker safety Center 1997; EPINet 1999) Il 62% degli infortuni erano dovuti a puntura con ago, soprattutto aghi ipodermici attaccati a siringhe (29%) e punture con aghi di tipo butterfly (13%) (5000 infortuni riportati tra il giugno 1995 e il luglio 1999)

41 Regolamentazione: OSHA Le linee guida dell OSHA si applicano a tutti gli esposti a sangue o altro materiale potenzialmente infetto. Esse riguardano: piani di controllo scritti e ben esposti per minimizzare o eliminare l esposizione a patogeni trasmessi con il sangue compliance per quanto riguarda le precauzioni universali (trattare tutti i materiali come se fossero materiali infetti da patogeni) utilizzare i dispositivi di protezione individuale proibire il reincappucciamento, rimozione di aghi contaminati o altri oggetti taglienti seguendo soltanto procedure standardizzate offrire la vaccinazione contro l epatite B a lavoratori esposti occupazionalmente a patogeni trasmessi con il sangue predisporre corsi di informazione e formazione per i lavoratori in caso di infortunio a rischio biologico proporre eventualmente la profilassi post-esposizione e seguire il dipendente per il follow up

42 Regolamentazione: FDA Le linee della Food Drug Administration si occupano in particolare della sicurezza dei dispositivi di protezione: i dispositivi devono essere catalogati, etichettati e devono possedere i requisiti di buona pratica per qualsiasi nuovo dispositivo messo in commercio si deve dimostrare che il nuovo dispositivo è sostanzialmente equivalente ai dispositivi legalmente registrati deve essere documentata la sicurezza e l efficacia del nuovo dispositivo sia per i pazienti sia per gli operatori sanitari

43 Caratteristiche desiderabili dei dispositivi Sono disponibili una varietà e un numero sempre crescente di dispositivi di protezione, ma molti di questi dispositivi hanno solo un limitato uso nella pratica clinica Questi dispositivi dovrebbero essere progettati per soddisfare criteri di sicurezza dell operatore sanitario e per soddisfare i seguenti requisiti: deve essere sicuro ed affidabile deve essere accettato dall operatore non deve avere effetti avversi per il paziente Se un operatore utilizza dispositivi con sistemi di sicurezza, deve seguire precise linee guida per potere validare lo strumento

44 Caratteristiche desiderabili dei dispositivi Le caratteristiche desiderabili di un dispositivo dovrebbero essere: il dispositivo dovrebbe essere senza punte il dispositivo di sicurezza deve essere parte integrante del dispositivo il dispositivo deve preferibilmente lavorare passivamente. Se è richiesta attivazione da parte dell operatore, il dispositivo deve essere impugnato con una sola mano e l altra deve rimanere lontano dal raggio di azione del dispositivo il dispositivo deve essere semplice da usare e pratico sicuro ed efficace per il paziente il dispositivo di sicurezza non può essere disattivato

45 Raccomandazioni per il datore di lavoro Al fine di proteggere i lavoratori dagli infortuni a rischio biologico, il datore di lavoro dovrebbe garantire un luogo di lavoro sicuro, dispositivi con meccanismi di sicurezza e programmi di sicurezza efficaci garantire la privacy Il datore di lavoro dovrebbe adottare le seguenti azioni per implementare un programma che riduca gli infortuni a rischio biologico eliminare l uso di dispositivi appuntiti quando sono disponibili alternative sicure ed efficaci utilizzare dispositivi con meccanismo di sicurezza fornire linee guida o procedure agli operatori sanitari istituire corsi di formazione/informazione

46 Raccomandazioni per gli operatori sanitari (formazione) Eliminare i dispositivi appuntiti quando sono disponibili alternative sicure ed efficaci Aiutare il datore di lavoro nella scelta del dispositivo con meccanismo di sicurezza e preferire l utilizzo di tali dispositivi Evitare di reincappucciare gli aghi Organizzare il piano e la zona di lavoro prima di utilizzare dispositivi taglienti o appuntiti Riporre aghi o oggetti taglienti negli appositi contenitori rigidi Denunciare tutti gli infortuni a rischio biologico in maniera tale da iniziare immediatamente un appropriato follow up Partecipare ai corsi di formazione/informazione messi a disposizione dal datore di lavoro

47 La prevenzione si basa sulla valutazione del rischio da TB individuale e collettivo (CDC, 1994 * ) 1. Valutazione del rischio di trasmissione nosocomiale della TB 2. Definizione di protocolli mirati alla riduzione dell esposizione a persone infette 3. Attivazione di un programma di sorveglianza sanitaria 4. Attuazione di interventi strutturali 5. Uso di dispositivi di protezione individuale * Actions recommended are consistent with general standard of good infection control (Tuberculosis in the workplace, National Academy of Sciences, 2001)

48 Valutazione del rischio da TB Fattori che influiscono sulla dose aumentando la contagiosità Presenza di lesioni cavitarie Dimostrazione nell espettorato di bacilli acido-alcol resistenti Diagnosi tardiva Ritardo nell attuazione del trattamento Sospensione prematura del trattamento

49 Valutazione del rischio da TB Fattori legati alla suscettibilità individuale che influiscono sull effetto/risposta Condizioni morbose (diabete, infezione HIV, neoplasie, silicosi, patologia infettiva intestinale, magrezza patologica) Fattori non controllabili (età e immunodepressione genetica) Uso di farmaci immunosopressivi

50 Programma di sorveglianza sanitaria per il rischio da TB 1. Screening con PPD di tutti i nuovi assunti in fase preassuntiva 2. Screening con PPD con periodicità annuale degli operatori dei reparti a maggiore rischio 3. Screening con PPD degli operatori potenzialmente infetti dopo un contatto con un paziente contagioso

51 Screening con periodicità annuale degli operatori dei reparti a maggiore rischio: cutipositività nel triennio Esposti Tisiologia Malattie infettive Microbiologia Anatomia patologica Controlli % PPD Dati riferiti a 97 operatori su 141 (16 cutipositivi tra i 42 vaccinati con BCG)

52 Screening degli operatori potenzialmente infetti dopo un contatto con un paziente contagioso: cuticonversioni nel quadriennio Reparto, anno N screening/operatori esposti cuticonversioni Pronto soccorso, 1998 Medicina 3, 1999 Anatomia patologica, 2000 Ortopedia, 2000 Pronto soccorso, 2000 Medicina 2, 2000 DH Ematologia, 2000 Chirurgia toracica, 2000 Ortopedia, 2000 Cardiologia, 2000 Ortopedia, 2001 Medicina 3, 2001 DH Prenatale, 2001 Chirurgia, /20 1/2 1/4 15/23 6/10 3/13 10/22 26/53 21/32 8/21 17/28 14/29 2/8 0/

53 Screening degli operatori potenzialmente infetti dopo il contatto con una paziente contagiosa affetta da MDR-TB Reparto Ostetricia Nido Sala Parto Pediatria Servizi pulizia N screening/operatori esposti 34/36 28/29 15/15 9/9 5/5 cuticonversioni Dati aggiornati al 13 febbraio 2002

54 Valutazione del rischio da TB (CDC, 1994) nel Policlinico di Modena N casi popolazione generale N ricoveri TB/anno Tasso cuticonversione N casi TB negli operatori Classificazione del rischio 0 0 Minimo 0 TB solo ambulatorio Molto basso <6 = popolazione generale Basso >6 = popolazione generale No Intermedio 16% >6 ~150 ( ) > popolazione generale 52% vs 16% Sì (1) Alto Dati tratti da S. Martinelli, Tesi di laurea in Medicina, a.a e da A. Franchi, Tesi di Specializzazione in Medicina del lavoro, a.a Relatore G Franco

55 Prevenzione del rischio da TB Valutazione del rischio Piano di prevenzione Attuazione del piano Politica della Qualità Missione aziendale

56 Piano di prevenzione (CDC, 1994 Ministero della Sanità, 1998) Misure di controllo Rischio Minimo Rischio Molto Basso Rischio Basso Rischio Intermedio Rischio Alto Valutazione rischio di base r r r r r Profilo TB nella comunità a a a a a Sorveglianza del presidio c c c c c Analisi test PPD operatori no o a 6-12 m 3 m Revisione cartelle casi di TB no o a 6-12 m 3 m Osservazione misure di controllo no no a 6-12 m 3 m Valutazione interventi di bonifica o o a 6-12 m 3 m Programma di controllo scritto r r r r r Rivalutazione del rischio a a a 6-12 m 3 m Protocollo identificazione casi TB r r r r r Protocollo diagnosi TB no r r r r Protocollo trasmissione dati laboratorio no r r r r Protocollo trattamento casi TB no r r r r Isolamento pazienti con TB no no r r r Dispositivi di protezione individuale no o r r r Protocollo per aerosol o altre manovre o o r r r Educazione/addestramento operatori r r r r r Counseling operatori r r r r r Protocollo per screening malattia r r r r r Test tubercolinico iniziale o r r r r Esecuzione periodica test no o a 6-12 m 3 m Protocollo gestione infetti r r r r r Protocollo gestione casi TB attiva r r r r r Protocollo indagini epidemiologiche r r r r r Notifica tempestiva dei casi r r r r r r = raccomandato, a = annuale, c = continua, o = opzionale

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI

IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI IL RISCHIO BIOLOGICO NEGLI STUDI ODONTOIATRICI INQUADRAMENTO NORMATIVO AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 dott. Davide Ferrari Titolo X D.Lgs. 81/08 Protezione da agenti biologici Campo di applicazione Tutte le

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 Area igienico sanitaria 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 SALUTE SICUREZZA 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 2 Cosa intendiamo per sicurezza. Sicurezza: situazione certa e costante

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica S.S. Medico pagina 1 di 12 1. Titolo e descrizione sintetica... 1 2. Titolo... 1 3. Descrizione sintetica... 1 4. Responsabile della procedura... 1 5. Obiettivi... 2 6. Ambito di Applicazione... 2 7. Documenti

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO ASS 4 MEDIO FRIULI PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO Dr.ssa Mauro Katia Dipartimento di Prevenzione DEFINIZIONI Incidente a Rischio Biologico: si definisce

Dettagli

COS E UN AGENTE BIOLOGICO?

COS E UN AGENTE BIOLOGICO? RICHIO BIOLOGICO Rischio connesso con l esposizione a organismi e microrganismi patogeni e non, colture cellulari, endoparassiti umani presenti nell ambiente di lavoro a seguito di emissione e/o trattamento

Dettagli

CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO

CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO Corso per RSPP modulo B Rischio biologico 1 Definizione Probabilità di contrarre una infezione o una malattia infettiva a causa del proprio lavoro in seguito

Dettagli

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tattoo e piercing La protezione dell operatore Parma 18 marzo 2013 Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tutti i pazienti possono essere portatori di microorganismi trasmissibili

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

La prevenzione dei rischi professionali nel settore sanitario: Istruzioni operative di sicurezza

La prevenzione dei rischi professionali nel settore sanitario: Istruzioni operative di sicurezza Agostino Messineo, Fiammetta Nori La prevenzione dei rischi professionali nel settore sanitario: Istruzioni operative di sicurezza vai alla scheda del libro Agostino Messineo - Fiammetta Nori La prevenzione

Dettagli

R I S C H I O B I O L O G I C O

R I S C H I O B I O L O G I C O Via Nizza,146-84124 Salerno C.F./P.Iva 04701800650 MEDICINA del LAVORO AZIENDALE Struttura di Staff alla DIREZIONE GENERALE Sede Istituzionale : via Nizza 146 Salerno - via G. Falcone 50 Nocera Inferiore

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA. Da Studente a RSPP Progetto sperimentale per gli Istituti superiori per Geometri della Provincia di Modena

LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA. Da Studente a RSPP Progetto sperimentale per gli Istituti superiori per Geometri della Provincia di Modena LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA Da Studente a RSPP Progetto sperimentale per gli Istituti superiori per Geometri della Provincia di Modena La valutazione dei rischi in relazione alla relativa

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto D.P.I. (DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE) DPI cosa sono? DEFINIZIONE: per dispositivo di protezione individuale,

Dettagli

Procedura aziendale per la gestione degli infortuni a rischio biologico per i virus HBV, HCV e HIV.

Procedura aziendale per la gestione degli infortuni a rischio biologico per i virus HBV, HCV e HIV. Pagina 1 di 10 Procedura aziendale per la gestione degli infortuni a rischio Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata Codice Documento Rev. N Data emissione Motivo revisione

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto RISCHIO BIOLOGICO DEFINIZIONE: Il rischio biologico è la possibilità di contrarre una malattia infettiva nel corso delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENZA. RISCHIO BIOLOGICO Titolo X D. Lgs. 81/2008

NOTA INFORMATIVA PER L UTENZA. RISCHIO BIOLOGICO Titolo X D. Lgs. 81/2008 NOTA INFORMATIVA PER L UTENZA RISCHIO BIOLOGICO Titolo X D. Lgs. 81/2008 Segnale di rischio biologico Il Titolo X del D. Lgs. 81/2008 riguarda la prevenzione e la protezione dei lavoratori dall esposizione

Dettagli

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Centro Operativo AIDS WORKSHOP Progetto DTPI Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Linee di indirizzo DPA e Ministero della Salute

Dettagli

TITOLO IV Uso dei dispositivi di protezione individuale. blica 18 marzo 1956, n. 303, dopo il comma 2 sono aggiunti, in fine, i seguenti commi:

TITOLO IV Uso dei dispositivi di protezione individuale. blica 18 marzo 1956, n. 303, dopo il comma 2 sono aggiunti, in fine, i seguenti commi: APPENDICE LEGISLATIVA blica 18 marzo 1956, n. 303, dopo il comma 2 sono aggiunti, in fine, i seguenti commi: [ ]. 8. Le disposizioni del presente articolo entrano in vigore tre mesi dopo la pubblicazione

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE

IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SOMMARIO INTRODUZIONE...3 OBBLIGHI DEI LAVORATORI...3 DECRETO LEGISLATIVO 626/94: OBBLIGHI DEI LAVORATORI...3 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard)

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard) DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO (E. Vuillard) La strategia delle Precauzioni Standard Sangue Liquidi e materiali biologici Tutte le - secrezioni - escrezioni, Cute lesa

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DI DISPOSITIVI MEDICI TAGLIENTI E PUNGENTI PER LA PREVENZIONE DELLE FERITE DA TAGLIO E DA PUNTA

UTILIZZO IN SICUREZZA DI DISPOSITIVI MEDICI TAGLIENTI E PUNGENTI PER LA PREVENZIONE DELLE FERITE DA TAGLIO E DA PUNTA Pag.1 PROCEDURA OPERATIVA MEDICI TAGLIENTI E PUNGENTI PER LA PREVENZIONE DELLE FERITE DA TAGLIO Pag.2 1. SCOPO Manipolazione e smaltimento in sicurezza dei dispositivi medici taglienti e pungenti e dei

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI OCCUPAZIONALI AD HIV E VIRUS EPATITI B, C

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE ESPOSIZIONI OCCUPAZIONALI AD HIV E VIRUS EPATITI B, C UOC DIREZIONE MEDICA OSPEDALIERA RIETI-AMATRICE DIRETTORE: Dr Pietro Manzi Tel. 0746/278221 FAX 0746/278440 email: p.manzi@asl.rieti.it Dirigente medico responsabile del procedimento: Dssa Antonella Stefania

Dettagli

Prevenzione delle infezioni trasmesse per via ematica nei laboratori di analisi cliniche

Prevenzione delle infezioni trasmesse per via ematica nei laboratori di analisi cliniche Prevenzione delle infezioni trasmesse per via ematica nei laboratori di analisi cliniche Il modello Suva La Suva è più che un assicurazione perché coniuga prevenzione, assicurazione e riabilitazione. La

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO NEI LABORATORI Valutazione del rischio

RISCHIO BIOLOGICO NEI LABORATORI Valutazione del rischio RISCHIO BIOLOGICO NEI LABORATORI Valutazione del rischio in questo incontro parleremo di: generalità aspetti normativi criteri di classificazione degli agenti biologici esposizione a rischio biologico

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 CAPITOLO 1 LA MEDICINA E L IGIENE DEL LAVORO Sommario 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 FIGURE E COMPITI DELLA MEDICINA DEL LAVORO Il medico

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S.

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S. Il Laboratorio di SieroImmunologia e le urgenze infettive: la patologia materno fetale e gli incidenti professionali a rischio di infezioni emotrasmesse Danila Bassetti, MD Responsabile Struttura Semplice

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PR/AD/03 IO/AD/117 PR/AD/02 Gestione unità di degenza Medicina Interna Scheda di processo unità di degenza Medicina Interna Gestione unità di degenza Medicina d Urgenza Ciclo Degenza Accettazione sanitaria

Dettagli

72 Congresso Nazionale SIMLII Firenze 25-28 28 Novembre 2009

72 Congresso Nazionale SIMLII Firenze 25-28 28 Novembre 2009 72 Congresso Nazionale SIMLII Firenze 25-28 28 Novembre 2009 Infortuni sul lavoro da lesioni con taglienti potenzialmente infetti nel personale sanitario: carenze della prevenzione primaria e della profilassi

Dettagli

Disposizioni pratiche da adottare in seguito ad incidenti con esposizione a liquidi biologici. nell attività sanitaria

Disposizioni pratiche da adottare in seguito ad incidenti con esposizione a liquidi biologici. nell attività sanitaria Disposizioni pratiche da adottare in seguito ad incidenti con esposizione a liquidi biologici e profilassi post esposizione nell attività sanitaria Per far fronte all'eventualità di incidenti con esposizione

Dettagli

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI DEI LOCALI I locali nei quali sono eseguite le attività di tatuaggio e di piercing devono essere in possesso

Dettagli

BISCEGLIE, 22 23 NOVEMBRE

BISCEGLIE, 22 23 NOVEMBRE CONGRESSO REGIONALE ANìMO PUGLIA BISCEGLIE, 22 23 NOVEMBRE 2013 DIDM LUCIA LUCCI Il settore sanitario impiega circa il 10% dell'intera forza lavoro a livello di Unione europea. Il 45% sono donne. (Agenzia

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO MALATTIA DA VIRUS EBOLA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 FINALITA Identificare casi sospetti/probabili di malattia da virus Ebola durante l intervista telefonica; Adottare speciali precauzioni

Dettagli

La valutazione dei rischi e la prevenzione

La valutazione dei rischi e la prevenzione Università di Ferrara Insegnamento di Sicurezza nei luoghi di lavoro CdL Area Sanitaria A.A. 2011-2012 La valutazione dei rischi e la prevenzione Dr. Salvatore Mìnisci 1 RAPPORTO LAVORO / SALUTE CONDIZIONI

Dettagli

ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA

ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA FARMACIA XXXXXX del dott. XXXXXX Via xxxxx, xx xxxxxx yyyyyyy PROCEDURA 3 - ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA Rev. 0 del 04/03/2015 ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA

Dettagli

Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi

Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi Trento, febbraio 2014 Paola Dallapé Direzione medica Ospedale di Trento Fonti bibliografiche consultate CDC. Guidelines

Dettagli

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI : OGPRO07/d MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli

Punto 1 Introduzione. Punto 2 Oggetto e definizioni

Punto 1 Introduzione. Punto 2 Oggetto e definizioni LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ED APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE DI COMPORTAMENTO PER LA CORRETTA GESTIONE DELLA GRAVIDANZA, DEL PUERPERIO E DELL ALLATTAMENTO FINO A 7 MESI DOPO IL PARTO Punto

Dettagli

DVR. Esempio di Stampa. VALUTAZIONE ESPOSIZIONE AGENTI BIOLOGICI (Titolo X, D. Lgs.81/08 come modificato da D. Lgs. 106/09)

DVR. Esempio di Stampa. VALUTAZIONE ESPOSIZIONE AGENTI BIOLOGICI (Titolo X, D. Lgs.81/08 come modificato da D. Lgs. 106/09) DVR VALUTAZIONE ESPOSIZIONE AGENTI BIOLOGICI (Titolo X, D. Lgs.81/08 come modificato da D. Lgs. 106/09) Azienda: Azienda Esempio SPA Indirizzo: Via sede legale esempio, 8 Città: Milano 1. PREMESSA La durata

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika.

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika. METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA SOMMARIO PRESENTAZIONE DEL SISTEMA METROLOGIKA - Introduzione - Il carico socio economico delle infezioni ospedaliere - Stime dei tassi di infezioni (ICA) correlate

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

LE IDONEITÀ DIFFICILI

LE IDONEITÀ DIFFICILI LE IDONEITÀ DIFFICILI Il giudizio di idoneità in operatori sanitari HBV, HCV, HIV positivi Giantommaso Pagliaro - AO Ordine Mauriziano di Torino - APAMIL APAMIL - Associazione Piemontese e Aostana di Medicina

Dettagli

La valutazione dei rischi da agenti biologi

La valutazione dei rischi da agenti biologi DEFINIZIONI La valutazione dei rischi da agenti biologi Paola Tomao ISPESL- Paola Tomao 1 PERICOLO : Proprietà o qualità intrinseca di una determinata entità (es. materiali o attrezzature di lavoro, metodi

Dettagli

DEFINIZIONI. lavoro. ISPESL- Paola Tomao 2

DEFINIZIONI. lavoro. ISPESL- Paola Tomao 2 La valutazione dei rischi da agenti biologi Paola Tomao ISPESL- Paola Tomao 1 DEFINIZIONI PERICOLO : Proprietà o qualità intrinseca di una determinata entità (es. materiali o attrezzature di lavoro, metodi

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente alle voci previste nel capitolo Requisiti generali, in particolare i punti:

Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente alle voci previste nel capitolo Requisiti generali, in particolare i punti: Requisiti richiesti agli studi odontoiatrici, per ottemperare a quanto previsto dalla Delibera della Giunta Regionale dell Emilia-Romagna n. 327 del 23/02/04 Le seguenti indicazioni rispondono complessivamente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. H al bando di ammissione in data 27 settembre 2011 - II GRUPPO Art. 1 Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2011/2012, presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, Dipartimento

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Malattie infettive in carcere

Malattie infettive in carcere La gestione delle La gestione delle Malattie infettive in carcere A livello internazionale i cittadini detenuti sono considerati una popolazione ad alto rischio di contrarre malattie infettive (HIV, epatiti,

Dettagli

Preparazione degli strumenti

Preparazione degli strumenti La Borsa degli strumenti per l assistenza di base ai pazienti con Tubercolosi Modulo introduttivo - SET THE BAG Preparazione degli strumenti Informazioni sul modulo introduttivo destinatari medici di medicina

Dettagli

Compiti del medico competente:

Compiti del medico competente: Fulvio d Orsi Compiti del medico competente: la sorveglianza sanitaria responsabilità del datore di lavoro e del dirigente in caso di idoneità parziale o di inidoneità alla mansione PREVENZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Revisione Data ------22/04/2013--------

Revisione Data ------22/04/2013-------- CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D OPERA PRIMA INFORMAZIONE sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui l appaltatore è destinato a operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate,

Dettagli

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA?

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? MALATTIE INFETTIVE CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? E IL RISULTATO DEL CONTATTO TRA UN SOGGETTO SANO E UN MICRORGANISMO I MICRORGANISMI POSSONO ESSERE DI DIVERSI TIPI: BATTERI VIRUS FUNGHI BATTERI Posseggono

Dettagli

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Rev Data Causale Verifica Approvazione Destinatari 0 20/10/2007 Prima emissione Comitato Infezioni Ospedaliere 1 06/09/2010 Aggiornamento Comitato Infezioni Ospedaliere 2 20/09/2012

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

ATTIVITA DI TIROCINIO

ATTIVITA DI TIROCINIO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Ospedale di Circolo Fondazione Macchi CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA ATTIVITA DI TIROCINIO Studente Anno Accademico 2012-2013

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO PER I LAVORATORI DELLA SANITA : LINEE GUIDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA

RISCHIO BIOLOGICO PER I LAVORATORI DELLA SANITA : LINEE GUIDA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L ACCREDITAMENTO DEL MEDICO DEL LAVORO SOCIETA ITALIANA di MEDICINA DEL LAVORO ed IGIENE INDUSTRIALE RISCHIO BIOLOGICO PER I LAVORATORI DELLA SANITA : LINEE GUIDA

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

INFORTUNIO E INCIDENTE A RISCHIO BIOLOGICO

INFORTUNIO E INCIDENTE A RISCHIO BIOLOGICO INFORTUNIO E INCIDENTE A RISCHIO BIOLOGICO -ISTRUZIONI PER IL LAVORATORE- Redazione: Verifica: Approvazione: Gruppo di lavoro Dott. Fabrizio Bellomo Dott.ssa Daniela De Corti Dott.ssa Stefania Degan SOC

Dettagli

Igiene delle mani negli ambienti sanitari

Igiene delle mani negli ambienti sanitari LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori UU.OO. Servizio Infermieristico Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev Causale Redazione Verifica Approv. DG 01 14.02.2012 Revisione Gruppo

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Procedura per la prevenzione ed il controllo della malattia tubercolare negli Operatori Sanitari dell Azienda Sanitaria Locale SALERNO

Procedura per la prevenzione ed il controllo della malattia tubercolare negli Operatori Sanitari dell Azienda Sanitaria Locale SALERNO Procedura per la prevenzione ed il controllo della malattia tubercolare negli Operatori Sanitari dell Azienda Sanitaria Locale SALERNO Edizione aggiornata Agosto 2014 Documento redatto da : Ferdinando

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA

LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA SORVEGLIANZA SANITARIA 1 IL MEDICO COMPETENTE chi è? medico incaricato della sorveglianza sanitaria dei lavoratori nei casi previsti dalla normativa vigente 2 Disposizioni di legge Rischi / lavorazioni/

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale BR Via Napoli, 8 Brindisi

Azienda Sanitaria Locale BR Via Napoli, 8 Brindisi Azienda Sanitaria Locale BR Via Napoli, 8 Brindisi OPUSCOLO INFORMATIVO (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) IL RISCHIO BIOLOGICO: SORVEGLIANZA SANITARIA E MISURE DI PREVENZIONE E

Dettagli

QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS

QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS 800.861.061 Reparto Epidemiologia Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate Istituto Superiore di Sanità QUESITI

Dettagli

LIMINA ROSA MARIA VIALE EUROPA 11 25123 - BRESCIA. limina@med.unibs.it

LIMINA ROSA MARIA VIALE EUROPA 11 25123 - BRESCIA. limina@med.unibs.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Indirizzo Ufficio Telefono ufficio 030 3717694 LIMINA ROSA MARIA VIALE EUROPA 11 25123 - BRESCIA

Dettagli

Aggiornamento professionale

Aggiornamento professionale ROBERTO DE LORENZIS E GIUSEPPE VIBRACCI La Sorveglianza sanitaria dei rischi Tutti gli adempimenti, gli obblighi e le funzioni Argomento Riferimenti Premessa La sorveglianza sanitaria rappresenta una delle

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

LUISA GUIDOTTI HOSPITAL

LUISA GUIDOTTI HOSPITAL LUISA GUIDOTTI HOSPITAL Proposta di progetto: HIV/AIDS Treatment Aid Presentato da: Dr Massimo Migani (Direttore del LGH) 29 Novembre 2014 Contribuire alla riduzione della mortalità e morbosità causate

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA...

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... XIII XV GLOSSARIO... 1 ADDETTO Servizio Prevenzione e Protezione... 3 ADEMPIMENTO... 6 ADDESTRAMENTO... 8 AGENTI:... 9 Biologici... 9 Chimici... 9 Fisici... 10 Cancerogeni

Dettagli

Sorveglianza e controllo delle infezioni da HIV e da altri patogeni a trasmissione ematica nelle strutture sanitarie

Sorveglianza e controllo delle infezioni da HIV e da altri patogeni a trasmissione ematica nelle strutture sanitarie Sorveglianza e controllo delle infezioni da HIV e da altri patogeni a trasmissione ematica nelle strutture sanitarie Programma realizzato nell ambito della ricerca promossa da Ministero della Salute Istituto

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO NOME DATA FIRMA REDAZIONE R.S.P.P. Prof. Ssa Barone Rita Iolanda APPROVAZIONE Il Dirigente Scolastico AUTORIZZAZIONE Il Dirigente Scolastico AGGIORNAMENTO

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli