Rischio biologico nelle strutture sanitarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rischio biologico nelle strutture sanitarie"

Transcript

1 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischio biologico nelle strutture sanitarie Il problema La Normativa Valutazione del rischio Sorveglianza sanitaria Informazione e Formazione Policy Procedura Aziendale Infortunio a Rischio Biologico

2 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Condizioni di sicurezza Carichi pesanti Agenti biologici Sostanze chimiche Radiazioni Microclima Illuminazione Vibrazioni Rumore Fattori di rischio legati all ambiente fisico Percezione del rischio nell ambiente ospedaliero da parte di esperti di 10 Paesi europei (European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions, Dublin, 1995)

3 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Agenti biologici Carico muscolo-scheletrico Sostanze chimiche Stress Aziende Sindacati Organizzazioni statali Altri Turni di lavoro % I 5 principali rischi e fattori di rischio dell ambiente ospedaliero Percezione del rischio da parte di diversi organismi 10 Paesi europei (European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions, Dublin, 1995)

4 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischi degli Operatori Sanitari Pubblicazioni recensite dall archivio di riferimento Medline (National Library of Medicine, Bethesda) nei periodi , , , e negli anni dal 1990 al 1996 con le parole chiave occupational disease o occupational risk + health care worker(s) (n = 4993) * * * * *media/anno

5 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischi degli Operatori Sanitari Pubblicazioni recensite dall archivio di riferimento Medline negli anni dal 1990 al 1996 con le parole chiave occupational disease o occupational risk + health care worker(s) (n = 1978). Distribuzione di 1433 pubblicazioni selezionate e classificate in base al rischio Rischio biologico Rischio allergico Rischi da organizzazione del lavoro Rischio ergonomico Rischio chimico Rischio fisico

6 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischi degli Operatori Sanitari Pubblicazioni recensite dall archivio di riferimento Medline negli anni dal 1990 al 1996 con le parole chiave occupational disease o occupational risk + health care worker(s) (n = 1978). Distribuzione di 1433 pubblicazioni selezionate e classificate in base al rischio Rischio chimicorischio fisico Rischio ergonomico 6% 1% 9% Rischi da organizzazione del lavoro 9% 11% 64% Rischio allergico Rischio biologico

7 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Rischio biologico degli Operatori Sanitari Pubblicazioni recensite dall archivio di riferimento Medline negli anni dal 1990 al 1996 con le parole chiave occupational disease o occupational risk + health care worker(s). Distribuzione di 910 pubblicazioni selezionate e classificate in base al rischio biologico Altre infezioni TB 11% 14% HCV 7% 15% 6% 47% HIV HBV HIV + HBV/HCV/TB

8 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Normativa in tema di sicurezza e tutela della salute degli operatori sanitari prima del decreto legislativo 626/94 norme generali per la sicurezza e igiene del lavoro (DPR 303/56) norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro (DPR 547/55) accertamenti di medicina preventiva (art. 24, DPR 384/90) vaccinazioni (varie normative) utilizzo di formaldeide (CM 56/83) utilizzo di ossido di etilene (CM 57/83) utilizzo di anestetici volatili (CM 5/89)

9 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Applicazione dei decreti legislativi 626/94 e 242/96 nelle strutture sanitarie norme generali (titolo I), luoghi (titolo II) e attrezzature di lavoro (titolo III), dispositivi di protezione personale (titolo IV) movimentazione manuale dei carichi (titolo V) uso di attrezzature munite di videoterminali (titolo VI) protezione da agenti cancerogeni (titolo VII) protezione da agenti biologici (titolo VIII)

10 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Gli Attori del decreto legislativo 626/94 nelle Aziende sanitarie ll Direttore Generale ll Direttore Sanitario ll DirettoreAmministrativo Il Servizio di Prevenzione e Protezione Il Medico Competente

11 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Attività del Medico Competente In collaborazione con: Datore di lavoro e Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Attività di pertinenza esclusiva del Medico Competente Valutazione del rischio Formazione Informazio Sorveglianza Sanitaria

12 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Campo di Applicazione (Capo I, Art. 73) Le norme del presente titolo si applicano a tutte le attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici (comma 1) Esempi di attività lavorative che possono comportare la presenza di agenti biologici (allegato IX) Attività nei servizi sanitari, comprese le unità di isolamento e post-mortem Attività nei laboratori clinici, veterinari e diagnostici, esclusi i laboratori di diagnosi microbiologica Attività in impianti si smaltimento rifiuti e raccolta di rifiuti speciali potenzialmente infetti

13 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Definizioni (Capo I, Art. 74) Agente biologico: qualsiasi microorganismo, anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni (comma 1, lettera a) Microorganismo: qualsiasi entità microbiologica, cellulare o meno, in grado di riprodursi o trasferire materiale genetico (comma 1, lettera b) Coltura cellulare: il risultato della crescita in vitro di cellule derivate da organismi unicellulari (comma 1, lettera c)

14 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Classificazione degli agenti biologici (Capo I, Art. 75) Probabilità di causare danno nell uomo 1 + Probabilità di diffusione nelle comunità Disponibilità di misure preventive e terapeutiche 2 +/ /

15 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Esempi di classificazione degli agenti biologici (Allegato XI) Probabilità di causare danno nell uomo Probabilità di diffusione nelle comunità Disponibilità di misure preventive e terapeutiche 2: Clostridium tetani, Staphylococcus aureus; Virus dell epatite A, Virus della poliomielite; Necator americanus 3: Brucella melitensis, Mycobacterium tuberculosis, Salmonella typhi; Virus dell epatite B, Virus dell epatite C, Virus dell AIDS, Agenti non classificati associati con la malattia di Creutzfeldt-Jacob 4: Virus Ebola

16 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Misure specifiche per le strutture sanitarie e veterinarie (Capo I, Art. 81) Valutazione del rischio presenza di agenti biologici nell organismo di pazienti e nei campioni biologici Misure di prevenzione applicazione di procedure per manipolare, decontaminare e eliminare i materiali e i rifiuti contaminati Misure di contenimento per i servizi di isolamento a potenziale contaminamento di agenti dei gruppi 3 e 4 sono previste particolari misure di contenimento (allegato XII)

17 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Sorveglianza sanitaria (Capo I, Art. 86) I lavoratori addetti alle attività per le quali la valutazione dei rischi ha evidenziato un rischio per la salute sono sottoposti a sorveglianza sanitaria (comma 1) accertamenti preventivi e periodici allontanemento temporaneo messa a disposizione di vaccini efficaci informare i lavoratori informare il datore di lavoro dell insorgenza di anomalie imputabili all agente e conseguente rivalutazione del rischio

18 Cattedra di Medicina del lavoro Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Modena Servizio di Sorveglianza Sanitaria Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena Il titolo VIII del decreto legislativo 626/94 (Biological Agents 90/679/EC) Registro degli esposti e degli eventi accidentali (Capo I, Art. 87) I lavoratori addetti ad attività comportanti uso di agenti del gruppo 3 o 4 sono iscritti in un registro in cui sono riportati, per ciascuno di essi, l attività svolta, l agente utilizzato e gli eventuali casi di esposizione individuale (comma 1) Il datore di lavoro istituisce e aggiorna il registro di cui al comma 1 e ne cura la tenuta tramite il medico competente. Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il rappresentante per la sicurezza hanno accesso a detto registro (comma 2)

19 Boston Medical Center (university teaching hospital, medical school, dental school): Policy Identification and reporting of infected providers 2. Self-reporting policies for infected providers 3. Categorization of exposure-prone procedures by risk 4. Educational programs for infected providers 5. Programs to monitor infected persons for safety compliance 6. Protective measures to prevent transmission in procedures 7. Limitations on practice for infected persons 8. Informed consent by patients for infected providers 9. Disclosure of exposures to patients who are exposed to blood 10. Testing policies for providers who expose a patient to blood 11. Disclosure of provider test results to exposed patients 12. Reasonable accommodation policies for infected providers

20 Rischio biologico: Epatiti e sindrome HIV Definizioni e valutazione delle situazioni a rischio Cattedra e Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro dell Università di Modena e Reggio Emilia Con la collaborazione della dottssadott.ssa Luciana Verni

21 Rischio biologico: definizione delle situazioni a rischio Il rischio di infezione da patogeni a trasmissione ematica in ambiente sanitario è un fenomeno ben conosciuto e riconducibile a 3 modalità: nosocomiale propriamente detta (dall ambiente ai pazienti oppure crociata tra i pazienti) occupazionale (da paziente infetto ad operatore) da operatore infetto a paziente

22 Infortunio a rischio biologico: definizione Infortunio sul lavoro: evento dannoso per la salute avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro Le infezioni professionalmente trasmesse sono da considerarsi infortunio sul lavoro Gli infortuni sono considerati a rischio biologico quando: la tipologia dell incidente è a rischio (puntura o taglio con aghi, bisturi o altro presidio contaminato con materiali organici a rischio) avviene la contaminazione di mucose (nasale, orale e congiuntivale) o cute non integra con sangue o qualsiasi altro materiale biologico visibilmente contaminato da sangue Il materiale biologico proviene da paziente con infezione accertata da HBV, HCV, HIV oppure da paziente fonte a rischio ma di cui non è nota la sierologia o che sia risultato negativo ad un test effettuato più di tre mesi prima

23 Rischio biologico: Epatiti virali e sindrome da HIV Gli operatori sanitari sono a rischio di esposizione occupazionale a patogeni a trasmissione ematica, inclusi il virus dell epatite B (HBV), epatite C (HCV), e il virus dell immunodeficienza umana (HIV) Il rischio di contrarre una specifica infezione per gli operatori sanitari dipende: dalla incidenza delle malattie infettive nella popolazione assistita dal tipo di trasmissibilità del microrganismo dal tipo e dalla frequenza di esposizione dal rischio definito per singola esposizione

24 Rischio biologico: epatiti virali e sindrome da HIV La maggior parte delle esposizioni non determina una infezione In seguito a specifiche esposizioni, il rischio di infezione può variare a seconda dei seguenti fattori: il patogeno coinvolto il tipo di esposizione la quantità di sangue coinvolta durante l esposizione la quantità di virus presente nel sangue del paziente infetto al tempo dell esposizione

25 Personale a rischio Personale sanitario maggiormente coinvolto negli infortuni a rischio biologico : personale infermieristico personale di laboratorio medici odontoiatri ausiliari personale addetto all assistenza al letto del malato

26 Situazioni a rischio Procedure invasive a rischio: penetrazione chirurgica in tessuti, cavità o organi, o la sutura di ferite traumatiche maggiori effettuate in sala operatoria o sala parto, pronto soccorso o ambulatorio sia medico che chirurgico; La cateterizzazione cardiaca e procedure angiografiche Il parto naturale o cesareo o altre operazioni ostetriche durante le quali possono verificarsi sanguinamenti La manipolazione, la sutura o la rimozione di ogni tessuto orale o periorale, inclusi i denti, manovre durante le quali si verifica il sanguinamento o esiste il rischio di sanguinamento

27 Rischio biologico: epatite B L esposizione è a rischio solo per i lavoratori non immuni all HBV Il tasso di trasmissione di HBV in operatori sanitari non vaccinati varia dal 6 al 30% dopo una singola esposizione a puntura con ago con paziente HBV infetto (CDC1997 b) Se un lavoratore non vaccinato è esposto all HBV, la profilassi post esposizione con immunoglobuline e l esecuzione del ciclo vaccinale contro l epatite B, risulta efficace nel 90% nel prevenire l infezione da HBV (CDC 1997 b)

28 Rischio biologico: epatite B Decremento delle infezioni da quando nel 1982 è diventato disponibile il vaccino anti HBV Decremento del 90% nel numero di casi di infezione da HBV in operatori sanitari dal 1985 al Il declino è dovuto alla campagna di vaccinazione degli operatori sanitari e all adozione di precauzioni universali ed altre misure richieste dal Occupational Safety and Health Administration (OSHA) La copertura vaccinale tra gli operatori sanitari è del 73% nelle aree del Nord Italia e del 51% nel sud (documento n 109 linee guida per diagnosi, la terapia ed il controllo delle epatiti Roma, 22 luglio 1998)

29 Rischio biologico: epatite B e Precauzioni Universali (DMS, 1990) Le Precauzioni Universali stabiliscono che ogni paziente deve essere considerato come potenzialmente infetto e pertanto le stesse misure vanno applicate e tutti i pazienti Le misure da applicare per la prevenzione delle infezioni trasmesse per via ematica, incluso l HBV in tutti i contesti pubblici e privati Tutti gli operatori sanitari dovrebbero, nel rispetto della normativa vigente, essere sottoposti a vaccinazione contro l epatite B quanto prima possibile e, comunque, al momento dell assunzione

30 Rischio biologico: epatite C Studi prospettici su operatori sanitari esposti ad HCV dopo infortunio a rischio biologico (puntura con ago o imbrattamento con sangue su cute lesa) hanno trovato che l incidenza di siero conversione per HCV era attorno al 1,8% (intervallo tra lo 0% e il 7%) per ferita. (CDC 1998 b) Allo stato attuale non esiste un vaccino efficace per prevenire l infezione da HCV; non è raccomandata neppure una terapia antivirale o con immunoglobuline come profilassi post-esposizione

31 Rischio biologico da epatite C: Gruppi a rischio I gruppi a rischio sono: persone che fanno uso di droghe iniettive pazienti in emodialisi personale sanitario rapporti sessuali con persone infette sangue destinato a trasfusioni donato prima del 1992 bambini nati da madre infetta Su tali gruppi dovrebbe essere eseguito routinariamente la determinazione dell HCV

32 Rischio biologico da epatite C La trasmissione nosocomiale di HCV è possibile se le tecniche di controllo dell infezione o le procedure di disinfezione non sono adeguate Gli operatori sanitari e gli operatori addetti all emergenza (medici e paramedici) e operatori del settore pubblico (vigili del fuoco, addetti all assistenza dei disabili, forze dell ordine) che hanno una esposizione a sangue in ambito lavorativo sono a rischio di infettarsi con HCV La prevalenza di HCV tra gli operatori sanitari inclusi ortopedici, chirurghi, odontoiatri non è maggiore rispetto alla popolazione generale, con un tasso del 1-2%, ed è 10 volte più bassa rispetto all infezione da HBV Tra gli operatori infetti con HCV, all anamnesi si rilevava un pregresso infortunio a rischio biologico

33 Situazioni a rischio: Epatite C Il rischio di trasmissione dell infezione da paziente a operatore è clinicamente rilevante se sono soddisfatte contemporaneamente le seguenti condizioni: procedure a rischio (exposure-prone) ruolo di primo operatore nell esecuzione dell intervento positività per il paziente per anti HCV, HCV- RNA

34 Attività associate ad infortunio a rischio biologico Circa il 38% di punture percutanee avvengono durante l uso dei dispositivi e il 42% avvengono o prima o dopo l uso (EPINet 1999) Le attività lavorative che espongono ad un rischio maggiore di infortunio a rischio biologico sono: reincappucciamento di aghi trasferimento di fluidi organici in più contenitori errate procedure di inserimento di aghi, siringhe, provette negli appositi contenitori rigidi

35 Attività associate ad infortunio a rischio biologico Diversi studi hanno dimostrato che percentuali varianti dal 10% al 25% degli infortuni a rischio biologico avvenivano durante il reincappucciamento di aghi usati (Ruben et al. 1983; Krasinski et al. 1987; McCormick and Maki 1981; Yassi and McGill 1991) Inoltre se aghi o oggetti taglienti vengono lasciati incustoditi nell area di lavoro o vengono smaltiti in contenitori non adatti ne può esitare un infortunio a rischio biologico

36 Epatite C e precauzioni riguardanti gli operatori sanitari In emodialisi deve essere fatto uno sforzo maggiore nella formazione del personale sanitario Le precauzioni nei centri di emodialisi sono più restrittive rispetto alle precauzioni standard. Le precauzioni standard richiedono ad esempio l uso di guanti solo se si manipola sangue, secrezioni, fluidi organici. In emodialisi l uso di guanti è richiesto anche quando si viene a contatto con il paziente e quando si manipola l attrezzatura di dialisi L appropriato uso di precauzioni nei centri di emodialisi dovrebbe prevenire la trasmissione di HCV tra i pazienti emodializzati e la trasmissione da paziente ad operatore sanitario L isolamento dei pazienti HCV positivi allo stato attuale non è necessario né raccomandato

37 Epatite C e precauzioni riguardanti gli operatori sanitari Gli operatori sanitari dovrebbero essere informati sui rischi e formati sugli interventi da adottare per prevenire le infezioni trasmesse con il sangue Dovrebbe essere implementato l uso di dispositivi di protezione e l adeguamento a protocolli standardizzati I protocolli devono essere ben visibili e posti in luoghi accessibili a tutti. Devono contenere il follow up che l operatore deve eseguire in caso di esposizione percutanea o mucosale a sangue o fluidi contenenti sangue

38 Procedura da seguire in caso di infortunio a rischio biologico (1) Immediatamente dopo un infortunio a rischio biologico si deve: lavare la ferita e la cute con sapone o acqua lavare naso, bocca, cute dopo imbrattamento/schizzi di sangue sul viso irrigare gli occhi con acqua pulita, salina o sterile dopo schizzi di sangue nel occhio Non esistono evidenze scientifiche che l uso di antisettici o spremere la ferita per fare uscire sangue riducano il rischio di trasmissione da agenti patogeni trasmessi con il sangue

39 Procedure da seguire in caso di infortunio a rischio biologico (2) Successivamente ad un infortunio a rischio biologico il lavoratore deve: informare il servizio responsabile della gestione degli infortuni a rischio biologico dell avvenuta esposizione (a rapida informazione è essenziale in quanto, in alcuni casi, è raccomandato il trattamento post-esposizione e questo deve essere iniziato il prima possibile) Discutere con l infettivologo i possibili rischi di acquisire l epatite B e C e la necessità di un trattamento post-esposizione Iniziare, se necessario, il ciclo vaccinale contro l epatite B. Il vaccino è sicuro ed efficace nel prevenire l infezione da HBV

40 Dispositivi associati a infortuni a rischio biologico (puntura con ago) Gli operatori sanitari utilizzano diversi tipi di aghi e diversi dispositivi taglienti per provvedere alle cure del paziente Solo pochi aghi o dispositivi taglienti sono associati alla maggioranza degli infortuni (International Health Care Worker safety Center 1997; EPINet 1999) Il 62% degli infortuni erano dovuti a puntura con ago, soprattutto aghi ipodermici attaccati a siringhe (29%) e punture con aghi di tipo butterfly (13%) (5000 infortuni riportati tra il giugno 1995 e il luglio 1999)

41 Regolamentazione: OSHA Le linee guida dell OSHA si applicano a tutti gli esposti a sangue o altro materiale potenzialmente infetto. Esse riguardano: piani di controllo scritti e ben esposti per minimizzare o eliminare l esposizione a patogeni trasmessi con il sangue compliance per quanto riguarda le precauzioni universali (trattare tutti i materiali come se fossero materiali infetti da patogeni) utilizzare i dispositivi di protezione individuale proibire il reincappucciamento, rimozione di aghi contaminati o altri oggetti taglienti seguendo soltanto procedure standardizzate offrire la vaccinazione contro l epatite B a lavoratori esposti occupazionalmente a patogeni trasmessi con il sangue predisporre corsi di informazione e formazione per i lavoratori in caso di infortunio a rischio biologico proporre eventualmente la profilassi post-esposizione e seguire il dipendente per il follow up

42 Regolamentazione: FDA Le linee della Food Drug Administration si occupano in particolare della sicurezza dei dispositivi di protezione: i dispositivi devono essere catalogati, etichettati e devono possedere i requisiti di buona pratica per qualsiasi nuovo dispositivo messo in commercio si deve dimostrare che il nuovo dispositivo è sostanzialmente equivalente ai dispositivi legalmente registrati deve essere documentata la sicurezza e l efficacia del nuovo dispositivo sia per i pazienti sia per gli operatori sanitari

43 Caratteristiche desiderabili dei dispositivi Sono disponibili una varietà e un numero sempre crescente di dispositivi di protezione, ma molti di questi dispositivi hanno solo un limitato uso nella pratica clinica Questi dispositivi dovrebbero essere progettati per soddisfare criteri di sicurezza dell operatore sanitario e per soddisfare i seguenti requisiti: deve essere sicuro ed affidabile deve essere accettato dall operatore non deve avere effetti avversi per il paziente Se un operatore utilizza dispositivi con sistemi di sicurezza, deve seguire precise linee guida per potere validare lo strumento

44 Caratteristiche desiderabili dei dispositivi Le caratteristiche desiderabili di un dispositivo dovrebbero essere: il dispositivo dovrebbe essere senza punte il dispositivo di sicurezza deve essere parte integrante del dispositivo il dispositivo deve preferibilmente lavorare passivamente. Se è richiesta attivazione da parte dell operatore, il dispositivo deve essere impugnato con una sola mano e l altra deve rimanere lontano dal raggio di azione del dispositivo il dispositivo deve essere semplice da usare e pratico sicuro ed efficace per il paziente il dispositivo di sicurezza non può essere disattivato

45 Raccomandazioni per il datore di lavoro Al fine di proteggere i lavoratori dagli infortuni a rischio biologico, il datore di lavoro dovrebbe garantire un luogo di lavoro sicuro, dispositivi con meccanismi di sicurezza e programmi di sicurezza efficaci garantire la privacy Il datore di lavoro dovrebbe adottare le seguenti azioni per implementare un programma che riduca gli infortuni a rischio biologico eliminare l uso di dispositivi appuntiti quando sono disponibili alternative sicure ed efficaci utilizzare dispositivi con meccanismo di sicurezza fornire linee guida o procedure agli operatori sanitari istituire corsi di formazione/informazione

46 Raccomandazioni per gli operatori sanitari (formazione) Eliminare i dispositivi appuntiti quando sono disponibili alternative sicure ed efficaci Aiutare il datore di lavoro nella scelta del dispositivo con meccanismo di sicurezza e preferire l utilizzo di tali dispositivi Evitare di reincappucciare gli aghi Organizzare il piano e la zona di lavoro prima di utilizzare dispositivi taglienti o appuntiti Riporre aghi o oggetti taglienti negli appositi contenitori rigidi Denunciare tutti gli infortuni a rischio biologico in maniera tale da iniziare immediatamente un appropriato follow up Partecipare ai corsi di formazione/informazione messi a disposizione dal datore di lavoro

47 La prevenzione si basa sulla valutazione del rischio da TB individuale e collettivo (CDC, 1994 * ) 1. Valutazione del rischio di trasmissione nosocomiale della TB 2. Definizione di protocolli mirati alla riduzione dell esposizione a persone infette 3. Attivazione di un programma di sorveglianza sanitaria 4. Attuazione di interventi strutturali 5. Uso di dispositivi di protezione individuale * Actions recommended are consistent with general standard of good infection control (Tuberculosis in the workplace, National Academy of Sciences, 2001)

48 Valutazione del rischio da TB Fattori che influiscono sulla dose aumentando la contagiosità Presenza di lesioni cavitarie Dimostrazione nell espettorato di bacilli acido-alcol resistenti Diagnosi tardiva Ritardo nell attuazione del trattamento Sospensione prematura del trattamento

49 Valutazione del rischio da TB Fattori legati alla suscettibilità individuale che influiscono sull effetto/risposta Condizioni morbose (diabete, infezione HIV, neoplasie, silicosi, patologia infettiva intestinale, magrezza patologica) Fattori non controllabili (età e immunodepressione genetica) Uso di farmaci immunosopressivi

50 Programma di sorveglianza sanitaria per il rischio da TB 1. Screening con PPD di tutti i nuovi assunti in fase preassuntiva 2. Screening con PPD con periodicità annuale degli operatori dei reparti a maggiore rischio 3. Screening con PPD degli operatori potenzialmente infetti dopo un contatto con un paziente contagioso

51 Screening con periodicità annuale degli operatori dei reparti a maggiore rischio: cutipositività nel triennio Esposti Tisiologia Malattie infettive Microbiologia Anatomia patologica Controlli % PPD Dati riferiti a 97 operatori su 141 (16 cutipositivi tra i 42 vaccinati con BCG)

52 Screening degli operatori potenzialmente infetti dopo un contatto con un paziente contagioso: cuticonversioni nel quadriennio Reparto, anno N screening/operatori esposti cuticonversioni Pronto soccorso, 1998 Medicina 3, 1999 Anatomia patologica, 2000 Ortopedia, 2000 Pronto soccorso, 2000 Medicina 2, 2000 DH Ematologia, 2000 Chirurgia toracica, 2000 Ortopedia, 2000 Cardiologia, 2000 Ortopedia, 2001 Medicina 3, 2001 DH Prenatale, 2001 Chirurgia, /20 1/2 1/4 15/23 6/10 3/13 10/22 26/53 21/32 8/21 17/28 14/29 2/8 0/

53 Screening degli operatori potenzialmente infetti dopo il contatto con una paziente contagiosa affetta da MDR-TB Reparto Ostetricia Nido Sala Parto Pediatria Servizi pulizia N screening/operatori esposti 34/36 28/29 15/15 9/9 5/5 cuticonversioni Dati aggiornati al 13 febbraio 2002

54 Valutazione del rischio da TB (CDC, 1994) nel Policlinico di Modena N casi popolazione generale N ricoveri TB/anno Tasso cuticonversione N casi TB negli operatori Classificazione del rischio 0 0 Minimo 0 TB solo ambulatorio Molto basso <6 = popolazione generale Basso >6 = popolazione generale No Intermedio 16% >6 ~150 ( ) > popolazione generale 52% vs 16% Sì (1) Alto Dati tratti da S. Martinelli, Tesi di laurea in Medicina, a.a e da A. Franchi, Tesi di Specializzazione in Medicina del lavoro, a.a Relatore G Franco

55 Prevenzione del rischio da TB Valutazione del rischio Piano di prevenzione Attuazione del piano Politica della Qualità Missione aziendale

56 Piano di prevenzione (CDC, 1994 Ministero della Sanità, 1998) Misure di controllo Rischio Minimo Rischio Molto Basso Rischio Basso Rischio Intermedio Rischio Alto Valutazione rischio di base r r r r r Profilo TB nella comunità a a a a a Sorveglianza del presidio c c c c c Analisi test PPD operatori no o a 6-12 m 3 m Revisione cartelle casi di TB no o a 6-12 m 3 m Osservazione misure di controllo no no a 6-12 m 3 m Valutazione interventi di bonifica o o a 6-12 m 3 m Programma di controllo scritto r r r r r Rivalutazione del rischio a a a 6-12 m 3 m Protocollo identificazione casi TB r r r r r Protocollo diagnosi TB no r r r r Protocollo trasmissione dati laboratorio no r r r r Protocollo trattamento casi TB no r r r r Isolamento pazienti con TB no no r r r Dispositivi di protezione individuale no o r r r Protocollo per aerosol o altre manovre o o r r r Educazione/addestramento operatori r r r r r Counseling operatori r r r r r Protocollo per screening malattia r r r r r Test tubercolinico iniziale o r r r r Esecuzione periodica test no o a 6-12 m 3 m Protocollo gestione infetti r r r r r Protocollo gestione casi TB attiva r r r r r Protocollo indagini epidemiologiche r r r r r Notifica tempestiva dei casi r r r r r r = raccomandato, a = annuale, c = continua, o = opzionale

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Prevenzione di ferite da punta e da taglio nel settore ospedaliero e sanitario

Prevenzione di ferite da punta e da taglio nel settore ospedaliero e sanitario Prevenzione di ferite da punta e da taglio nel settore ospedaliero e sanitario Guida per il recepimento dell accordo quadro europeo, la direttiva del Consiglio e la legislazione nazionale associata Introduzione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso Aggiornamento: 20 Ottobre 2014 Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso 1. Introduzione Il presente aggiornamento tecnico

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI Edizione in lingua italiana Terza edizione Supplemento di Prevenzione Oggi numero 2 anno 2005 - Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale 70% - DCB - Roma

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC]

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] Comitato Tecnico Aziendale per il Controllo e la Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere [C.I.O.] Elaborata il:

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli