PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE"

Transcript

1 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 05 MARZO 2013 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MACORIG DANIELE Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X LIZZI ELENA Assessore X MARCUZZO LUCA Assessore X MATTIUSSI FRANCO Assessore X PIUZZI ADRIANO Assessore X TEGHIL STEFANO Assessore X VIRGILI MARIO Assessore X Segretario Generale: CIPRIANO CARMINE N. 57 d'ordine OGGETTO: ADOZIONE DEL PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI DI CUI AL PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE , DEL PIANO TRIENNALE DELLA PRESTAZIONE Pagina 1 di 5

2 Vista la deliberazione consiliare n. 7/2013 del 27/02/2013 con la quale è stata approvata, unitamente al bilancio di previsione , anche la Relazione Previsionale e Programmatica recante gli obiettivi strategici di questa Amministrazione per il periodo ; Richiamato il testo dell art. 169 del T.U.E.L. D.Lgs. 267/00 che sancisce che, sulla base del Bilancio di Previsione deliberato, l Organo Esecutivo definisce il Piano Esecutivo di Gestione determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie ai Responsabili dei Servizi; Vista la Delibera Giuntale n. 286 del 03/09/2012, avente ad oggetto Sistema della Performance. Approvazione articoli regolamento degli uffici e dei servizi con la quale la Giunta ha approvato il nuovo Sistema della performance/prestazione all interno del Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi; Visto l art. 23 Il ciclo della prestazione del Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi, così come modificato dalla Delibera Giuntale n. 286/2012 sopra citata, articolo che prevede che il Piano Triennale della Prestazione è costituito da una sintesi v del programma di mandato del Presidente, della Relazione Previsionale e Programmatica (RPP), del Bilancio di Previsione e del Piano esecutivo di Gestione (PEG), e che tale Piano Triennale venga sottoposto ai portatori di interesse preventivamente e progressivamente individuati dalla Giunta, per raccogliere da questi eventuali osservazioni in vista dell approvazione definitiva del Piano; Vista la propria direttiva n. 113/2012 del 26/11/2012 con la quale si è proceduto ad individuare i Portatori di interesse con i quali condividere il Piano Triennale della Prestazione. Visto l art. 24 del Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi che riporta al comma 2: Il Presidente individua il grado percentuale di rilevanza di ogni obiettivo strategico. Visto l art. 25 del Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi che riporta: 2. Il Presidente della Provincia e la Giunta, coadiuvati dal Servizio Programmazione e Controllo, individuano, rispettivamente per il Segretario generale e ciascun dirigente, non più di cinque obiettivi operativi annuali specificandone i rispettivi indicatori e valori di risultato L O.I.V., con il supporto del Servizio Programmazione e Controllo ed in contraddittorio con i rispettivi dirigenti, valida gli obiettivi operativi assegnati dagli organi di governo sotto il profilo della pertinenza rispetto all obiettivo strategico di riferimento ed attribuisce ad ognuno di essi, ai fini della valutazione della prestazione individuale, apposito punteggio 4. Gli obiettivi operativi formalmente individuati ma non validati tramite l attribuzione del punteggio di cui al precedente comma, rientrano comunque nell ambito della valutazione delle competenze professionali e manageriali esigibili dai singoli dirigenti e, più in particolare, nel sub criterio attività di analisi, proposta e capacità di risolvere i problemi, misure organizzative di indirizzo e controllo di cui al successivo 6 comm a. Pagina 2 di 5

3 Considerato quindi essere necessario procedere all adozione preliminare della bozza di Piano Triennale della Prestazione Piano Dettagliato degli Obiettivi in modo da poterlo poi sottoporre sia ai Portatori di interesse, per riceverne eventuali osservazioni, che all Organismo Indipendente di Valutazione per consentire a tale Organismo la validazione e la pesatura degli Obiettivi Dirigenziali. Considerato inoltre che tale bozza sarà successivamente oggetto di approvazione definitiva da parte di questa Giunta Provinciale. Considerato che, nel corso dei mesi di settembre e di ottobre, tra il Presidente, gli Assessori ed i dirigenti si è proceduto a discutere il Piano dettagliato degli Obiettivi pervenendo a definire la bozza allegata sub A, secondo gli ultimi aggiornamenti effettuati sulla base delle indicazioni dei dirigenti. Considerato che in tale allegato i dirigenti propongono gli obiettivi operativi da sottoporre alla validazione dell O.I.V. Considerato inoltre che per quanto riguarda il Segretario Generale sia opportuno procedere all individuazione di alcuni obiettivi operativi, pur non essendo tale individuazione obbligatoria visto che egli ricopre in questo Ente un incarico a scavalco. Ritenuto quindi di adottare la bozza degli obiettivi operativi del Segretario Generale e dei Dirigenti, così come emergono dall allegato A titolato PIANO TRIENNALE DELLA PRESTAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI " di questa delibera, della quale forma parte integrante, e che tali obiettivi vengono distinti in due categorie: obiettivi da sottoporre a validazione dell Organismo Indipendente di Valutazione e obiettivi non soggetti a validazione. Considerato che il nuovo sistema della prestazione è stato introdotto in questo Ente lo scorso 3 settembre con la precedente propria deliberazione già citata n. 286/2012. Ritenuto quindi di dar corso a quanto disposto dalla legge regionale 16/2010 e dall art. 23 del Regolamento degli uffici e dei servizi, considerando per il il Piano Triennale della Prestazione (P.T.P.) come costituito dalle Linee Programmatiche del Presidente, dalla Relazione Previsionale e Programmatica , dal Bilancio di Previsione e dal Piano esecutivo di Gestione , di cui il Piano Dettagliato degli Obiettivi costituisce parte essenziale. Infatti: a) tale Piano Dettagliato individua gli obiettivi operativi assegnati ai Dirigenti, con l individuazione pure degli indicatori per la misurazione e la valutazione della prestazione, il tutto connesso con l assegnazione delle risorse umane, di cui si allega prospetto apposito alla lettera B, finanziarie e strumentali prevista dal resto del Piano Esecutivo di Gestione; b) Il P.E.G. - P.D.O. a sua volta discende direttamente dal Bilancio di Previsione e dalla Relazione Previsionale e Programmatica , nella quale Pagina 3 di 5

4 sono identificati le Linee Programmatiche del Presidente (programma di mandato) e gli Obiettivi Strategici di medio periodo dell Amministrazione, ai quali sono collegati gli obiettivi operativi di livello dirigenziale; Preso atto della individuazione da parte del Presidente del grado percentuale di rilevanza di ogni obiettivo strategico, secondo quanto riportato nell allegato C. Visto il parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica e contabile, espressi ai sensi dell art. 49, comma 1 del D.Lgs. n. 267/2000. A voti unanimi, espressi in forma palese, e separatamente per quanto concerne la immediata esecutività, D E L I B E R A 1) di adottare gli obiettivi operativi dei Dirigenti, così come emergono dall allegato A) PIANO TRIENNALE DELLA PRESTAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI ", di questa delibera, della quale forma parte integrante, e che tali obiettivi vengano distinti in due categorie: obiettivi da sottoporre a validazione dell Organismo Indipendente di Valutazione e obiettivi non soggetti a validazione da parte dell Organismo Indipendente di Valutazione. 2) di dar corso a quanto disposto dall art. 6, commi 1 e 2 della legge regionale 16/2010 e dall art. 23 del vigente Regolamento degli Uffici e dei Servizi, considerando per il , per le motivazioni in premessa citate, il Piano Triennale della Prestazione come costituito dalle Linee Programmatiche del Presidente (programma di mandato), dalla Relazione Previsionale e Programmatica , dal Bilancio di Previsione e dal Piano esecutivo di Gestione , di cui il Piano Dettagliato degli Obiettivi costituisce parte essenziale, così come individuato da questa delibera. 3) di proceder pure all individuazione degli obiettivi operativi del Segretario Generale come risulta nella Parte III dello stesso allegato A citato. 4) che gli obiettivi così individuati e l intero Piano Triennale della Prestazione siano comunicati ai Portatori di interesse e all Organismo Indipendente di Valutazione per il seguito di loro competenza come sopra illustrato; 5) di assegnare le risorse umane secondo lo schema allegato alla lettera B, e le dotazioni strumentali risultanti dall inventario dei beni mobili ed immobili in carico a ciascun Servizio; 6) di prendere atto della individuazione da parte del Presidente del grado percentuale di rilevanza di ogni obiettivo strategico, secondo quanto riportato nell allegato C Pagina 4 di 5

5 7) di diffondere il presente atto tramite il sito Internet della Provincia di Udine, ai sensi del Regolamento per la pubblicità degli atti ; 8) di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile. ISTRUTTORE: PARERE FAVOREVOLE (regolarità tecnica): PARERE FAVOREVOLE (regolarità contabile): Stefano Santi dott.ssa Nilla Patrizia Miorin dott.ssa Nilla Patrizia Miorin IL PRESIDENTE F.to FONTANINI IL SEGRETARIO GEN.LE F.to CIPRIANO Pagina 5 di 5

6 Allegato A PROVINCIA DI UDINE PIANO TRIENNALE DELLA PRESTAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI PARTE I OBIETTIVI DI AMBITO ORGANIZZATIVO GENERALE pag. 2 PARTE II - OBIETTIVI DEL SINGOLO AMBITO ORGANIZZATIVO DI RIFERIMENTO pag. 5 AVV. VALTER COLUSSA pag. 6 DOTT.SSA NILLA PATRIZIA MIORIN pag. 16 ING. SANDRO CHIARANDINI pag. 19 DOTT. MARCO CASASOLA pag. 22 DOTT.SSA MANUELA FRACAROSSI pag. 28 ING. DANIELE FABBRO pag. 46 Parte III OBIETTIVI DEL SEGRETARIO GENERALE pag. 51 1

7 PARTE I OBIETTIVI DI AMBITO ORGANIZZATIVO GENERALE Programmatica 1 Obiettivo Strategico 1.A Semplificazione, efficienza e trasparenza Nei confronti della struttura amministrativa continueranno con maggiore impulso le azioni volte a rendere l operato più trasparente, più rapido, più semplice, efficace ed efficiente. Contenimento, razionalizzazione e stabilizzazione costi gestionali Ottimizzazione, riduzione e stabilizzazione nel triennio dei costi gestionali dell'ente. Programmi della Relazione Previsionale e Programmatica Programma Gestione Economica, Finanziaria, Provveditorato, Programmazione e Controllo Di Gestione OBIETTIVO DA SOTTOPORRE A VALIDAZIONE DELL OIV REFERATO: Presidente P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO COMUNE 1 cod. 1.A.9- validità 2013 : Gestione coordinata del patto di stabilità. Valore di riferimento: In attesa di conoscere le indicazioni della Regione Friuli Venezia Giulia sul tema, gestire le poste del bilancio rilevanti al fine del rispetto del patto di stabilità in particolare gli impegni delle spese correnti e i pagamenti delle spese in conto capitale, collegati al saldo di competenza mista in modo coordinato tra tutti i dirigenti, secondo gli indirizzi della Giunta Provinciale e le decisioni prese in seno al Comitato Tecnico dei dirigenti, sotto la direzione del Segretario generale. Indicatore: Rispetto dei limiti del patto di stabilità nazionale. Tempistica: fino al 31/03 del 2013 REFERATO: ASS. M. VIRGILI OBIETTIVO OPERATIVO COMUNE 2 cod. 1.A.5 - validità INDIVIDUALE : monitoraggio dei tempi dei procedimenti Valore di riferimento: monitorare il numero ed i tempi di conclusione dei singoli procedimenti ritenuti più strategici (individuati di concerto tra il competente dirigente e l Assessore di riferimento) oggetto di ricognizione in base al regolamento sul procedimento, al fine di verificare i tempi realizzati nel corso dell esercizio rispetto ai termini massimi dedotti nelle schede procedimentali pubblicate nel sito internet dell ente; Indicatore: a) n procedimenti rilevati nell anno / n procedimenti strategici individuati con l Assessore di riferimento ; b) tempi conclusione singolo procedimento/tempi massimi del tipo di procedimento Tempistica: entro il 31/12 del

8 Obiettivo Strategico 1.B Un operato più trasparente Programma Istituzionale - Sottoprogramma Comunicazione Predisporre sistemi per la totale accessibilità dei dati relativi ai servizi resi, tramite la pubblicità e la trasparenza degli indicatori e delle valutazioni operate. REFERATO: Presidente P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO COMUNE 3 cod. 1.B.3 - validità collegato ad obiettivo del Servizio Sportello per il cittadino - 1.B.1 : inserimento e aggiornamento/monitoraggio Programma Trasparenza e Carta dei servizi Valore di riferimento: inserimento dati ed elementi di competenza, aggiornamento e monitoraggio di competenza previsti nel Programma Trasparenza e nella Carta dei servizi Indicatore: inserimento, aggiornamento e monitoraggio/gg Tempistica: quella prevista nei documenti di riferimento Obiettivo Strategico 1.C Miglioramento dei servizi tramite la valorizzazione delle risorse umane Valorizzazione delle risorse umane tramite l arricchimento professionale e l incentivazione del merito Programma Segreteria Generale, Personale e Organizzazione - Sottoprogramma Gestione Risorse Umane REFERATO: ASS. M. VIRGILI OBIETTIVO OPERATIVO COMUNE 4 cod. 1.C.3 - validità INDIVIDUALE : Gestione del Personale assegnato Valore di riferimento: a) Formalizzare gli obiettivi operativi ai propri collaboratori, in riferimento a quanto previsto dal c. 5 dell art. 25 del Regolamento degli Uffici e dei Servizi, entro 30 giorni dall adozione del PDO- PTP; b) Elaborare, entro 30 giorni dalla comunicazione di apposite indicazioni da parte del dirigente del Servizio gestione Risorse Umane, di un piano che individui le necessità di formazione specialistica per il personale dei servizi di competenza, c) misurare e valutare il personale di competenza entro 60 giorni dalla fine dell esercizio. d) trasmettere entro 5 giorni tempestivamente le informazioni sulle gli atti concernenti le variazioni organizzative di competenza al Servizio Gestione Risorse Umane. Indicatore: a) n giorni; b) piano specialistico/n giorni; c) valutazione/n dipendenti/n giorni; d) variazioni/ n giorni; Tempistica: vedi valore di riferimento; 3

9 REFERATO ASS. M. VIRGILI OBIETTIVO OPERATIVO COMUNE 5 cod. 1.F.3 - validità collegato ad obiettivo Servizio Informatica e Telematica 1.D.5 : implementazione utilizzo Posta Elettronica Certificata. Valore di riferimento: porre in essere azioni per aumentare, durante l anno, l utilizzo della PEC, sia in entrata che uscita rispetto alla posta protocollata, con depurazione dei mittenti e destinatari non dotati di PEC. Indicatore: relazione finale sulle misure adottate e analisi delle eventuali cause ostative al miglioramento della % PEC sulla posta protocollata in entrata ed uscita anno n > anno n-1, per Area. Tempistica: entro il 31/12 del strumentali: non si prevedono nuove ed ulteriori risorse O.S. 8.F Sostegno della Cooperazione sociale Programma Proseguiranno le azioni di monitoraggio e sostegno della cooperazione Politiche Sociali sociale REFERATO: ASS. A.PIUZZI OBIETTIVO OPERATIVO COMUNE 6 cod. 8.F.1 - validità : realizzazione riserva affidamenti a cooperative sociali Valore di riferimento: raggiungere, in quanto possibile, anche su base aggregata e compensativa a livello intersettoriale, la percentuale di affidamenti di competenza alle cooperative sociali tendenzialmente prevista da apposito atto di indirizzo della Giunta. Indicatore: % raggiunta /% programmata; Tempistica: entro il 31/12 del ; 4

10 PARTE II OBIETTIVI DEL SINGOLO AMBITO ORGANIZZATIVO DI RIFERIMENTO 5

11 AVV. VALTER COLUSSA AREA DI STAFF 1 E SERVIZI ESTERNI OBIETTIVI OBIETTIVI DEL SINGOLO AMBITO ORGANIZZATIVO n 20 (OBIETTIVI COMUNI n 6, PER COMPLESSIVI OBIETTIVI n 26 NEL 2012 ERANO 37) 6

12 Programmatica 1 Obiettivo Strategico 1.A Semplificazione, efficienza e trasparenza Nei confronti della struttura amministrativa continueranno con maggiore impulso le azioni volte a rendere l operato più trasparente, più rapido, più semplice, efficace ed efficiente. Contenimento, razionalizzazione e stabilizzazione costi gestionali Ottimizzazione, riduzione e stabilizzazione nel triennio dei costi gestionali dell'ente. Programmi della Relazione Previsionale e Programmatica Programma Altri Servizi Generali - Sottoprogramma Avvocatura Servizio: Avvocatura REFERATO: PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.A.6 - validità : Gestione interna del contenzioso. Valore di riferimento: Riduzione del ricorso al patrocinio esterno ai soli livelli di giurisdizione per i quali gli avvocati civici non sono abilitati e a quelli che la Giunta individuerà per particolare rilevanza tecnica od economica. Trattandosi di attività non standardizzata ne standardizzabile, l obiettivo potrà essere rimodulato in relazione alla qualità e quantità del carico di lavoro in corso di esercizio, limitando l assunzione di nuove vertenze in accordo con il Presidente. Indicatore: n e tipo vertenze assunte internamente/n incarichi esterni Tempistica: entro il 31/12 del ; - umane: due funzionari - avvocati civici supportati dal resto del personale del Servizio. - strumentali: quelle già in dotazione alle singole strutture di riferimento - finanziarie: nessuna aggiuntiva Servizio: Avvocatura REFERATO: PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.A.7 - validità : Recupero crediti e aggiornamento cause pendenti. Valore di riferimento: a) aggiornare semestralmente apposito registro informatizzato recante il grado e lo stato delle vertenze in atto, con quantificazione delle somme pretese da controparte e delle somme rivendicate dall Amministrazione e dello stato di maturazione del corrispettivo di spettanza ai legali esterni; b) procedere all esecuzione di tutte le attività di recupero stragiudiziale, preliminari all eventuale esecuzione forzata, delle somme da vertenza senza l ausilio del legale esterno entro 70 giorni dal deposito della sentenza definitiva o all emissione di atto ingiuntivo giudiziale; Indicatore: a) predisposizione-aggiornamento registro/gg; b) n procedimenti di recupero avviati dal servizio /n crediti riconosciuti da sentenze a seguito patrocinio esterno/ gg; Tempistica: a) entro il 31/03 del b) entro il 31/12 del umane: due funzionari - avvocati civici supportati dal resto del personale del Servizio. - strumentali: quelle già in dotazione alle singole strutture di riferimento - finanziarie: nessuna aggiuntiva Servizio: Avvocatura REFERATO: PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.A.8 - validità : Recupero crediti per danni al patrimonio viabilistico Valore di riferimento: procedere, entro 60 giorni dalla segnalazione dell ufficio interessato, alla richiesta di pagamento al danneggiante e all assicurazione dello stesso, assegnando un termine massimo di 60 giorni per il pagamento e, in caso negativo, accedere a procedura transattiva o avviare l azione giudiziaria per il recupero del credito entro i successivi 90 giorni. Indicatore: n. transazioni e/o atti di citazione /n. richieste di pagamento / n. segnalazioni Tempistica: sino al 31/12 del ; - umane: due funzionari - avvocati civici supportati dal resto del personale del Servizio. - strumentali: quelle già in dotazione alle singole strutture di riferimento - finanziarie: nessuna aggiuntiva 7

13 O.S. 1.B Un operato più trasparente Programma Predisporre sistemi per la totale accessibilità dei dati relativi ai servizi resi, tramite la pubblicità e la trasparenza degli indicatori e delle valutazioni operate. Servizio: Sportello per il Cittadino 8 Istituzionale - Sottoprogramma Comunicazione REFERATO. PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.B.1 - validità collegato ad obiettivo operativo comune dei dirigenti 1.B.6 : manutenzione Carta dei Servizi e del Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità Valore di riferimento: a) raccolta, dall Assessore, dal Segretario generale e dalla Dirigenza, delle proposte di aggiornamento ed arricchimento dei contenuti della Carta dei Servizi e del Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità e predisposizione della proposta di delibera di Giunta dell aggiornamento dei due documenti; b) posizionamento sul portale dell Ente delle nuove informazioni (che saranno fornite dai vari uffici e servizi, secondo competenza) nel rispetto dei suddetti documenti. Indicatore: a) predisposizione proposta di delibera da sottoporre alla Giunta; b) report finale con le indicazioni degli interventi effettuati. Tempistica: a) per il 2013 entro 60 giorni dall adozione del PDO-PTP, poi entro il 31 marzo del ; d) entro il 31/12 del ; umane: quelle già in dotazione alle singole strutture di riferimento strumentali: quelle già in dotazione alle singole strutture di riferimento finanziarie: nessuna aggiuntiva Obiettivo Strategico. 1.C Miglioramento dei servizi tramite la valorizzazione delle risorse umane Valorizzazione delle risorse umane tramite l arricchimento professionale e l incentivazione del merito. Servizio: Gestione Risorse Umane Programma Segreteria Generale, Personale e Organizzazione - Sottoprogramma Gestione Risorse Umane REFERATO: M. VIRGILI OBIETTIVO OPERATIVO 1.C.1 - validità : Rendicontazione spese per progetti europei Valori di riferimento: Garantire adeguato e tempestivo supporto ai vari Servizi dell Ente che gestiscono progetti europei per quanto riguarda a) la determinazione dei costi del personale utilizzato; b) la produzione dei documenti giustificativi del costo di tale fattore produttivo. Indicatore: rendicontazione/gg Tempistica: entro 10 gg dalla richiesta, che dovrà essere compatibile con le scadenze di legge e contrattuali proprie della gestione economica e del personale Servizio: Gestione Risorse Umane REFERATO: M. VIRGILI OBIETTIVO OPERATIVO 1.C.2 - validità 2013 : Flessibilità orario di servizio del personale Valore di riferimento: a) raccolta informazioni sulle esigenze del personale di rendere più flessibile l orario di lavoro, finalizzato alla riduzione dell utilizzo del part-time; b) elaborazione di una proposta di possibili soluzioni, con analisi dei costi e dei benefici, da sottoporre al Comitato dei Dirigenti e della Giunta,. Indicatore: elaborazione proposta / gg; Tempistica: a) entro il 31/05/2013; b) 31/10/2013

14 O.S. 1.D Comunicazione e multicanalità servizi provinciali Programma Istituzionale - Sviluppare un sistema efficiente di comunicazione, basato Sottoprogramma Comunicazione sull utilizzo di sistemi e mezzi moderni, rapidi ed economici. Servizio: Sportello per il Cittadino REFERATO. PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.D.1 - validità : Accompagnamento visitatori a Palazzo Belgrado. Valore di riferimento: a) assicurare ai richiedenti l effettuazione di visite gratuite alle sale con i dipinti di Palazzo Belgrado, mantenendo l evidenza dell iniziativa sul sito della Provincia di Udine, illustrando modalità di orario e di prenotazione; c) tenere aggiornato l apposito registro-presenze Indicatore: a) n richieste/n visite; b) aggiornamento pagina sito/gg; c) n visite guidate/registro presenze/gg Tempistica: entro il 31/12 del Servizio: Sportello per il Cittadino REFERATO. PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.D.2 - validità 2013 conferma obiettivo 1.D.2 del 2012 : Ampliare la diffusione di informazioni tramite diversi canali Valore di riferimento: a) pubblicazione sul portale dell Ente di puntate della trasmissione Provincia aperta, modulata sui lavori del Consiglio Provinciale, b) realizzazione della rubrica televisiva a cadenza settimanale Contile juste. Indicatore: a) n pubblicazioni realizzate/n sedute del Consiglio effettuate; b) n puntate realizzate / n puntate programmate; Tempistica: a) sino alla scadenza del mandato amministrativo; b) sino alla sospensione per la campagna elettorale; finanziarie: a) ,00 sul cap condizionatamente ai vincoli dettati dal patto di stabilità b) risorse gestite da Servizio Promozione delle identità Servizio: Sportello per il Cittadino REFERATO. PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.D.3 - validità collegato ad obiettivo operativo Servizio Promozione delle Identità 12.A.1 : TV via internet per friulani nel mondo Valore di riferimento: a) Pubblicazione sul portale dell Ente del materiale multimediale digitale, messo a disposizione da parte del Servizio Promozione delle Identità, degli eventi da documentare e inserire sul sito dell Ente previsti dal palinsesto; trasferire, oltre agli eventi, anche le puntate di Contile juste sul WEB, salvo sospensione per le campagne elettorali; Indicatore: a) e b) pubblicazione/gg Tempistica: a) e b) entro 5 giorni lavorativi dal ricevimento dei files; 9

15 Servizio: Informatica e telematica REFERATO: M. VIRGILI OBIETTIVO OPERATIVO 1.D.4 validità : Aggiornamento Piano strategico dei sistemi informativi Valore di riferimento: a) Predisporre la bozza del piano strategico dei Sistemi Informativi su base triennale, focalizzando le necessità e le priorità dei Servizi dell Ente, con la quantificazione delle risorse necessarie con analisi dei costi di esercizio e dei costi per interventi di nuova progettazione e sottoposizione all Assessore, al Segretario Generale e al Comitato Tecnico di coordinamento dei Dirigenti; b) recepimento osservazioni; c) predisposizione di proposta di delibera di Giunta per l approvazione del Piano. Indicatore: a) redazione bozza del piano/gg e sua presentazione al Segretario Generale, all Assessore e al Comitato dei Dirigenti; b) integrazione piano con osservazioni; c) presentazione di apposita proposta di delibera di Giunta per l approvazione del Piano Tempistica: a) per il 2013 entro 90 giorni dall adozione del PDO-PTP, per il entro il 28/02; b) per il 2013 entro 120 giorni dall adozione del PDO-PTP, per il entro il 31/03; c) per il 2013 entro 135 giorni dall adozione del PDO-PTP, per il entro il 15/04. Servizio: Informatica e telematica REFERATO: M. VIRGILI OBIETTIVO OPERATIVO 1.D.5- validità collegato ad obiettivo comune dirigenti 1.F.3 : monitoraggio utilizzo P.E.C. Valore di riferimento: aggiornare trimestralmente, sul sito internet dell ente, apposito report circa l utilizzo in entrata ed uscita di Posta Elettronica Certificata, organizzato per Servizio e Area; Indicatore: inserimento/aggiornamento/gg; Tempistica: trimestrale entro 15 giorni successivi alla fine di ciascun trimestre; Servizi: Sportello per il Cittadino - Informatica e telematica REFERATO: M. VIRGILI OBIETTIVO OPERATIVO 1.D.6 - validità 2013 : Ristrutturazione tecnica del sito istituzionale. Valore di riferimento: effettuare lo studio di fattibilità, presentando l ipotesi di ricorrere o meno a risorse esterne, sulla trasmigrazione del sito istituzionale dell Ente, al fine di renderlo compatibile con le specifiche tecniche richieste dalla normativa sulla Trasparenza ed Integrità, nonché dal Programma triennale dell Ente sull argomento; Indicatore: Presentazione studio/gg; Tempistica: entro 31/12/

16 OBIETTIVO DA SOTTOPORRE ALLA VALIDAZIONE DELL OIV Servizio: Informatica e telematica REFERATO: M. VIRGILI OBIETTIVO OPERATIVO 1.D.7 - validità 2013 : Attuazione Piano strategico dei sistemi informativi. Valore di riferimento: a) predisposizione del software di pubblicazione automatizzata sul sito delle determine dirigenziali; b) garantire il supporto tecnico all installazione del software per la presentazione on-line delle domande dei transiti eccezionali e consentire il collegamento con il software di gestione documentale dell Ente; c) Rinnovo convenzione licenze con Microsoft s.p.a.; d) consolidamento giuridico tecnico dell infrastruttura hardware e software del catasto strade; e) revisione software di gestione della contabilità allo sportello per il Servizio Motorizzazione Civile e del software per la gestione dei titoli di viaggio agevolati per il Servizio Trasporti; f) acquisizione modulo gestione autorizzazione utenti. Indicatore: a) comunicazione della disponibilità del software a tutti i Servizi; b) attivazione del supporto/ gg c) stipula contratto/gg; d) comunicazione al dirigente dell Area Tecnica della disponibilità dell infrastruttura per il Catasto strade; e) comunicazione al dirigente dell Area Mobilità e Sicurezza stradale della disponibilità dei due software; f) effettuazione collaudo modulo/gg Tempistica: a) entro 60 giorni dall adozione del PDO-PTP; b) entro 3 giorni lavorativi dalla richiesta della ditta fornitrice del software; c) e d) entro il 30/06/2013; e) entro il 30/09/2013; f) entro il 31/12/2013. finanziarie: a) nessuna aggiuntiva; b) acquisto del software a cura dell Area tecnica; c) ,00 sul cap ; d) ,00 su capitoli messi a disposizione dall Area Tecnica; e) ,00 sul cap. 3370; f) ,00 sul cap ; O.S. 1.E Razionalizzazione portafoglio partecipazioni Programma Altri Servizi Generali Revisione e razionalizzazione del portafoglio delle partecipazioni provinciali - Sottoprogramma Gestione partecipazioni in enti e società Servizio: Affari Generali e Istituzionali U.O. Gestione Partecipazioni in Enti e Società REFERATO: Presidente P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.E.1 - validità 2013 : Definizione obiettivi gestionali delle società partecipate. Valore di riferimento: illustrazione al Comitato dei Dirigenti della procedura prevista dal nuovo Regolamento dei Controlli interni per la definizione degli obiettivi gestionali delle società partecipate, ex art. 147 quater c.2 d.lgs. 267/2000 (T.U.E.L.), nonché definizione in tale contesto delle procedure e delle tempistiche di dettaglio da attivare per dar seguito durante l anno. Indicatore: definizione procedure desumibili dal verbale del Comitato /gg. Tempistica: entro 60 giorni dall adozione del PDO-PTP; 11

17 Servizio: Affari Generali e Istituzionali U.O. Gestione Partecipazioni in Enti e Società REFERATO: Presidente P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.E.2 - validità 2013 collegato ad obiettivo del Servizio Istruzione ed Università 3.B.1 : Supporto al Servizio Istruzione ed Università nella supervisione dell attività dei poli sperimentali nell area tecnico-professionale. Valore di riferimento: Acquisizione, analisi degli aspetti economico-patrimoniali e dell effettiva corrispondenza alle disposizioni statutarie, e invio al Servizio Istruzione ed Università a) della relazione annuale del rappresentante della Provincia e del rendiconto della gestione, b) delle convocazioni e dei verbali delle riunioni degli organi della Fondazione Malignani, sotto il profilo del rispetto dei termini e delle procedure e delle competenze statutarie. Indicatore: invio documenti e analisi / gg. Tempistica: a) entro 15 giorni dalla ricezione, b) entro 5 giorni dalla ricezione;, è necessario prevedere la sostituzione del funzionario di formazione economica non più in servizio Servizio: Affari Generali e Istituzionali U.O. Gestione Partecipazioni in Enti e Società REFERATO: REFERATO: Presidente P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.E.3 - validità 2013 : Gestione partecipazioni in consorzi Valore di riferimento: a) predisporre e attivare le procedure e gli atti (delibera Consiliare e conseguente comunicazione) per l uscita dal Consorzio Universitario del Friuli; b) dare attuazione alle decisioni politiche riguardanti il Consorzio Aussa-Corno circa il mantenimento, la dismissione o la ricapitalizzazione. Indicatore: a) e b) predisposizione atti / gg. Tempistica: a) entro 30/04/2013;e b) entro 31/12/2013, è necessario prevedere la sostituzione del funzionario di formazione economica non più in servizio O.S. 1.F Rafforzamento relazioni tra Istituzioni e cittadini Programma Istituzionale Garantire adeguato supporto all azione politica degli Amministratori, facilitare il loro rapporto con i cittadini Servizio: Segreteria del Presidente - Sottoprogramma Segreterie - Sottoprogramma Comunicazione REFERATO. PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 1.F.1 - validità newsletter a soggetti istituzionali e stakeholders Valore di riferimento : a) aggiornamento lista, b) pubblicazione e gestione della newsletter tramite s Indicatore: a) redazione/gg; b) pubblicazione e gestione/gg; Tempistica: a) per il 2013 entro 30 giorni dall adozione del PDO-PTP, per il entro il 31.01; b) entro il 31/12 del umane: quelle già in dotazione alle singole strutture di riferimento - strumentali: quelle già in dotazione alle singole strutture di riferimento - finanziarie: nessuna aggiuntiva 12

18 Servizio: Sportello per il Cittadino U.O. U.R.P. REFERATO: S. TEGHIL OBIETTIVO OPERATIVO 1.F.2 - validità : assistenza nel corso di incontri ufficiali. Valore di riferimento: a) Assicurare, compatibilmente con disponibilità effettive d organico, la presenza di n. 2 uscieri (uno dislocato al piano terra e uno al primo piano; in alternativa predisporre dei dispositivi per rendere facilmente reperibile l unico usciere) in occasione degli incontri ufficiali anche in orario serale (fino ore 19.00), in modo da garantire la massima ospitalità e presenza; b) Redigere da parte dell URP un calendario a cadenza MENSILE con le richieste delle giornate in cui servirà tale presenza. Indicatore: a) n uscieri/n incontri; b) calendario mensile/gg Tempistica: fino al 31/12 del ; 13

19 Programmatica 6 OBIETTIVO STRATEGICO 6.A Una viabilità più moderna La Provincia si farà portatrice di modifiche alla viabilità finalizzate a soddisfare gli specifici bisogni del territorio locale Garantire una sempre maggiore sicurezza stradale Aumento della sicurezza stradale tramite azioni di prevenzione e controllo sulle strade Servizio: Corpo di Polizia Provinciale Programmi della Relazione Previsionale e Programmatica Programma Viabilità - Sottoprogramma Corpo di Polizia Provinciale REFERATO: PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 6.A.4 - validità collegato con obiettivo del Servizio Motorizzazione Civile 6.A.2 : Controlli stradali finalizzati alla prevenzione degli incidenti stradali Valore di riferimento: a) produzione, entro il 31 gennaio di un report evidenziante la situazione al dell anno n-1 in cui si indicheranno il n. uscite finalizzate ai procedimenti sanzionatori avviati, il n. procedimenti sanzionatori avviati nell anno di riferimento, il n. atti connessi (sequestri, fermi, deduzioni tecniche relazioni avverso ricorsi, accertamento dello stato dei luoghi ecc.), l avvenuta predisposizione del provvedimento annuale di destinazione dei proventi da sanzioni del Codice della Strada per l anno n. b) Formulare, entro il 31 marzo, un piano annuale di controlli sul territorio; tale piano sarà concordato con il dirigente del Servizio Motorizzazione Civile laddove sarà prevista la collaborazione con tale Servizio. c) Fornire, a richiesta del Servizio Motorizzazione Civile e conformemente al piano annuale dei controlli, la collaborazione allo svolgimento delle giornate di controlli autocarri con Centro Mobile di Revisione preso a noleggio; d) avvio, entro il 30 giugno di ciascun anno di riferimento, sia dei controlli volti alla repressione della posa abusiva di pubblicità lungo le strade provinciali a tal fine indicate dal Servizio Viabilità sulla base di appositi elenchi delle autorizzazioni rilasciate, sia di n. 400 accertamenti sul rispetto dei limiti di velocità degli autoveicoli lungo le strade provinciali; e) eseguire, conformemente alla normativa vigente e nel rispetto del termine dalla stessa stabilito, la rendicontazione dei proventi da sanzioni del Codice della Strada per l anno n-1; f) produzione, entro il 31 luglio di ogni anno di un report finale evidenziante la situazione al 30.6 in cui si indicheranno il n. uscite finalizzate ai procedimenti sanzionatori avviati, il n. procedimenti sanzionatori avviati nel semestre, il n. atti connessi (sequestri, fermi, deduzioni tecniche relazioni avverso ricorsi, accertamento dello stato dei luoghi ecc.), il n. procedimenti sanzionatori arrivati a definizione, conferma dell avvenuta rendicontazione per l esercizio precedente dei proventi da sanzioni del Codice della Strada per l anno n-1; g) avvio, entro il 31 dicembre di ciascun anno di riferimento, di n. 400 accertamenti sul rispetto dei limiti di velocità degli autoveicoli lungo le strade provinciali finalizzati, in concomitanza con il periodo estivo, alla prevenzione degli incidenti stradali nonché continuazione dei controlli volti alla repressione della posa abusiva di pubblicità lungo le strade provinciali a tal fine indicate dal Servizio Viabilità con appositi elenchi; h) predisposizione, entro il 31 dicembre di ciascun anno di riferimento del provvedimento annuale di destinazione dei proventi da sanzioni del Codice della Strada per l anno n+1. Indicatore: a) e f): report/gg; b):piano/gg; c): n. giornate controlli previste/n. giornate effettuate; d) e g): n sanzioni e n accertamenti; e): provvedimento/ gg; h): rendiconto/ gg; Tempistica: come riportato ai singoli punti dell obiettivo umane: quelle già in dotazione alle singole strutture di riferimento strumentali: quelle già in dotazione alle singole strutture di riferimento finanziarie: nessuna aggiuntiva 14

20 Programmatica 7 L ambiente e la promozione della qualità della vita Diventa imprescindibile avviare un processo di revisione del modello di sviluppo economico, individuando come obiettivo principale di tutta la programmazione provinciale, il raggiungimento di un equilibrio tra attività umane e ambiente Programmi della Relazione Previsionale e Programmatica O.S. 7.B Aumento dei controlli ambientali Programma Caccia e Pesca nelle Aumento dei controlli ambientali sia sotto il profilo acque interne quantitativo che qualitativo, ottimizzando tutta la procedura a - Sottoprogramma partire dalle verifiche fino alla gestione del procedimento Vigilanza faunistica - sanzionatorio Corpo di Polizia Provinciale Servizio: Corpo di Polizia Provinciale REFERATO: PRESIDENTE P. FONTANINI OBIETTIVO OPERATIVO 7.B.3 - validità : pattugliamento territorio con finalità di protezione faunistica Valore di riferimento: a) predisporre un piano di rotazione territoriale delle pattuglie, tale però da non incidere sul consumo di carburante degli automezzi utilizzati dal Corpo che dove essere mantenuto sui livelli dell anno precedente; b) effettuare n 200 servizi di controllo durante i sabati e le domeniche c) effettuare n 30 interventi di controllo con 2 pattuglie contemporaneamente; d) mantenere i consumi di carburante per gli automezzi utilizzati dal Corpo (anche per i controlli stradali) sui livelli dell anno precedente Indicatore: a) predisposizione piano /gg b) n servizi /gg c) n uscite programmate/n uscite effettuate; Tempistica: a) entro il 30/04; b) e c) 31/12 del ; d) litri carburante anno n anno n-1 15

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-48 DEL GIORNO 30/09/2015 P.E.G. 2015-2017 - PIANO DELLA PRESTAZIONE 2015-2017

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-48 DEL GIORNO 30/09/2015 P.E.G. 2015-2017 - PIANO DELLA PRESTAZIONE 2015-2017 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-48 DEL GIORNO 30/09/2015 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 07 MARZO 2011 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MARCHETTI FABIO Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X FALESCHINI

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 01 SETTEMBRE 2014 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

GABINETTO DELLA PRESIDENZA

GABINETTO DELLA PRESIDENZA FUNZIONIGRAMMA GABINETTO DELLA PRESIDENZA GABINETTO DELLA PRESIDENZA Comunicazione e URP Servizi culturali e Valorizzazione Beni del Territorio Unità Operativa Comunicazione e URP Supporto alle attività

Dettagli

Funzionigramma della Provincia di Trieste. Allegato

Funzionigramma della Provincia di Trieste. Allegato Funzionigramma della Provincia di Trieste Allegato FUNZIONIGRAMMA SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE Pianificazione Controllo strategico e Valutazione Segretario Generale Assistenza giuridica amministrativa

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 13 FEBBRAIO 2013

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 13 FEBBRAIO 2013 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 13 FEBBRAIO 2013 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MACORIG DANIELE Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X LIZZI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: ADESIONE IN QUALITA DI PARTNER AL PROGETTO CTA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 06 NOVEMBRE 2014

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: ADESIONE IN QUALITA DI PARTNER AL PROGETTO CTA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 06 NOVEMBRE 2014 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 06 NOVEMBRE 2014 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Investimento delle eccedenze di liquidita dell Ente: modifica DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Investimento delle eccedenze di liquidita dell Ente: modifica DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 24 LUGLIO 2012 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MACORIG DANIELE Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X IOAN

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (P.T.T.I.) 2014/2016 1. INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL ENTE Il Comune di Terno d Isola è

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa RESPONSABILE: ANNA BRUZZO 2. Sportello Unico Attività Produttive-Edilizia e pratiche sismiche RESPONSABILE: NARA BERTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE NEN STEFANO

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE NEN STEFANO PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 24 OTTOBRE 2011 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MACORIG DANIELE Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X IOAN

Dettagli

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali.

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali. Aree funzionali Presidente Gabinetto della Presidenza Polizia Provinciale Rapporti Internazionali Segretario/Direttore Generale Avvocatura Area I Amministrativa Area II Finanziaria Area III Servizi alla

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

Indirizzo Sede Provincia di Udine, in Udine, P.zza Patriarcato, 3

Indirizzo Sede Provincia di Udine, in Udine, P.zza Patriarcato, 3 Curriculum professionale Informazioni personali Cognome Nome Valter COLUSSA Indirizzo Sede Provincia di Udine, in Udine, P.zza Patriarcato, 3 Esperienza professionale dirigente da giugno 2003 Dal 1.1.2009

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Legge 12 marzo 1999, n 68 Norme per il diritto al lavoro dei DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Legge 12 marzo 1999, n 68 Norme per il diritto al lavoro dei DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 13 NOVEMBRE 2013 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-41 DEL GIORNO

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-41 DEL GIORNO PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-41 DEL GIORNO 30/07/2015 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE Art. 1 - Premessa...2 Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 2 - Oggetto e ambito

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2 Numero : 01 Settore: AFFARI GENERALI E PIANIFICAZIONE SEGRETERIA E ORGANI COLLEGIALI Predisposizione informatizzata e relativa trasmissione agli uffici competenti delle proposte di delibere di giunta e

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 ALL/A COMUNE DI BITONTO (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 Elaborato il 10.06.2013 dal Funzionario Amministrativo 1 Settore-Servizi

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' ANNI 2015-2017 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Le principali novità... 3 3. Procedimento di elaborazione, adozione del

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Scarperia (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (Parte integrante dell Ordinamento generale degli uffici e dei servizi) Approvato

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI

COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI COMUNE DI MESAGNE PROVINCIA DI BRINDISI INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA (ALLEGATO AL PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE) ANNI 2014 2015 2016 PARTE I Introduzione 1.1 Organizzazione

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-25 DEL GIORNO 18/05/2015

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-25 DEL GIORNO 18/05/2015 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-25 DEL GIORNO 18/05/2015 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE DIPENDENTE

SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE DIPENDENTE ALLEGATO 1 PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI E DELLA PERFORMANCE - PAROP SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE

Dettagli

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO P.O. PROGRAMMAZIONE E BILANCIO E responsabile della formazione del bilancio di previsione annuale e pluriennale e della predisposizione relativi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Provincia di Crotone PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

Provincia di Crotone PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Provincia di Crotone PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Approvato con D.G.P. n. 36 del 20/03/2014 INDICE 1. PREMESSA... pag. 1 2. ORGANIZZAZIONE E FUNZIONE DELL ENTE... // 3

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE (PEG) e PIANO DEGLI OBIETTIVI (PdO) 2015

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE (PEG) e PIANO DEGLI OBIETTIVI (PdO) 2015 Allegato A) alla deliberazione di G.C. n. del PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE (PEG) e PIANO DEGLI OBIETTIVI (PdO) 2015 Il PdO è stato elaborato al termine di un lungo e condiviso lavoro di programmazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE 95 REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N 84 Reg./21 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 10/05/2011 Art.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti DIREZIONE GENERALE SICUREZZA 626 Datore di lavoro DIRETTORE GENERALE SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E QUALITA TOTALE COORDINAMENTO DEI DIRIGENTI FORMAZIONE E CONTRATTI COLLETTIVI

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: ARTT.4 E 19 BIS DELLA L.157/1992. PROGRAMMA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 29 OTTOBRE 2014

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: ARTT.4 E 19 BIS DELLA L.157/1992. PROGRAMMA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 29 OTTOBRE 2014 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 29 OTTOBRE 2014 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE ALLEGATO N. 2 AL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI ALLUMIERE Marzo 2015 1 1)

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014/2016 (Sezione del Piano triennale di prevenzione della corruzione) Introduzione L amministrazione trasparente

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI (Approvato con deliberazione consiliare n. 2/690 del 7 gennaio 2013) 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l'istituzione di

Dettagli

CITTÀ DI BATTIPAGLIA - STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE GIUNTA COMUNALE SINDACO CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO GENERALE SPORTELLO CONTRATTI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Gare Controllo strategico

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE PROGRAMMI E PROGETTI DELL AMMINISTRAZIONE PER IL PERIODO 2011-2012 - 2013 L Albero della Performance Consiglio Comunale Piano di mandato Sindaco e Giunta Comunale Piano della Performance

Dettagli

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce)

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Città di Campi Salentina di Guagnano di Novoli di Surbo di Trepuzzi REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA (ART. 33

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento di contabilità, adottato in applicazione dell art. 71 terdecies della Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

COMUNE DI CASNATE CON BERNATE

COMUNE DI CASNATE CON BERNATE COMUNE DI CASNATE CON BERNATE RELAZIONE AGGIORNAMENTO MISURE CONTENIMENTO SPESE DI FUNZIONAMENTO EX ART. 2, COMMI 594 E SEGG., L. 24.12.2007 N. 244 A) Premessa. L art. 2, commi 594 e segg. della legge

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011. Parte II: obiettivi e dotazioni. Volume 1: SERVIZI NON COMPRESI NELLE AREE

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011. Parte II: obiettivi e dotazioni. Volume 1: SERVIZI NON COMPRESI NELLE AREE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 51-1793/11 del 01/02/2011 Parte II: obiettivi e dotazioni Volume 1: SERVIZI NON COMPRESI NELLE AREE Provincia di

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Diploma di Laurea in Lingue e Letterature Straniere Diploma di Maturità Scientifica

Diploma di Laurea in Lingue e Letterature Straniere Diploma di Maturità Scientifica CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MAURO Angela Data di nascita 29/10/1967 Qualifica Esperto amministrativo e di supporto DG3 Amministrazione Provincia di Monza e della Brianza Incarico attuale

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Area Segretario Generale DIRETTORE CRISCUOLO avv. PASQUALE Numero di registro Data dell'atto 2064 16/12/2015 Oggetto : Approvazione contratto cessione azioni Autocamionale

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A.

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data n. 28/09/2015 con determinazione dell Amministratore

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI PALOSCO Provincia di Bergamo

COMUNE DI PALOSCO Provincia di Bergamo COMUNE DI PALOSCO Provincia di Bergamo mail: protocollo@comune.palosco.bg.it - pec: protocollo@pec.comune.palosco.bg.it sito istituzionale: www.comune.palosco.bg.it CODICE COMUNE 10161 Deliberazione G.C.

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Jelsi. Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 24

Comune di Jelsi. Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 24 COPIA Comune di Jelsi Provincia di Campobasso DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 24 OGGETTO: RELAZIONE AL CONSUNTIVO - ANNO 2011 - PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

Comune di San Pellegrino Terme. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA e L INTEGRITA 2014-2016

Comune di San Pellegrino Terme. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA e L INTEGRITA 2014-2016 Comune di San Pellegrino Terme PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA e L INTEGRITA 2014-2016 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 3,03 del 31 gennaio 2014 SOMMARIO INTRODUZIONE - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

DELLE SOCIETÀ PER. Francesca Lecci

DELLE SOCIETÀ PER. Francesca Lecci LE RELAZIONI DI SISTEMA DELLE SOCIETÀ PER AZIONI (1) Francesca Lecci Agenda Configurazione del sistema di offerta dei servizi pubblici Ruoli, relazioni e strumenti L ente localel L ente locale proprietario

Dettagli

SCHEDA SINTETICA OBIETTIVI SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E UMANE. SEGRETERIA-ELETTORALE RESPONSABILE TERZI DOTT. MARCO SINTESI OBIETTIVI

SCHEDA SINTETICA OBIETTIVI SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E UMANE. SEGRETERIA-ELETTORALE RESPONSABILE TERZI DOTT. MARCO SINTESI OBIETTIVI Comune di Luzzara Provincia di Reggio Emilia SCHEDA SINTETICA OBIETTIVI SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E UMANE. SEGRETERIA-ELETTORALE RESPONSABILE TERZI DOTT. MARCO SINTESI OBIETTIVI 0 n. obiettivo Peso

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia Allegato A Del. di Giunta comunale n. 69 del 30 luglio 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Sommario 1. Premessa... 3 2. Selezione dei dati da pubblicare... 4 3. Descrizione delle modalità di pubblicazione online dei dati... 8 4.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN GIOVANNI BOSCO Via Dante n. 18 92028 Naro (AG) Tel. 0922 956081 Fax 0922 956041 E- mail agic85300c@istruzione.it P.E.C. agic85300c@pec.istruzione.it C.F. 82002930848 PROGRAMMA

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -006 GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE FINANZIARIE RESPONSABILE DOTT. GIULIO PINCHETTI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di P.E.G.,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA Con la redazione del presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, il Comune di Sant Ilario d Enza

Dettagli

Piano per il miglioramento del Parco Naturale Adamello Brenta per il periodo 2013-2015. Strembo, 29 luglio 2013

Piano per il miglioramento del Parco Naturale Adamello Brenta per il periodo 2013-2015. Strembo, 29 luglio 2013 Piano per il miglioramento del Parco Naturale Adamello Brenta per il periodo 2013-2015 Strembo, 29 luglio 2013 Indice Riorganizzazione del Parco Naturale Adamello Brenta pag. 3 Semplificazione amministrativa

Dettagli

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza)

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA NR. 67 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL P.E.G. - PIANO DELLA PERFORMANCE 2013 (28 novembre 2013) L anno DUEMILATREDICI,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Premessa Sempre di più la Pubblica Amministrazione sta proseguendo nell opera di riorganizzazione e revisione del proprio assetto organizzativo e

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Premessa Il Sistema di misurazione e valutazione della performance è uno strumento pensato per sviluppare le competenze, riconoscere i risultati,

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 del 29/01/2015 Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DEL PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Marradi (Provincia di Firenze) DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con delibera della Giunta comunale n. 91/2012 Modificato con delibera della Giunta comunale

Dettagli

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE Sommario CAPO I....2 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA...2 ART. 1 - MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: PIANO DI ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI SCOLASTICI PER DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 22 LUGLIO 2013

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: PIANO DI ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI SCOLASTICI PER DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 22 LUGLIO 2013 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 22 LUGLIO 2013 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore X

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DOTAZIONE ORGANICA DELL ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA

STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DOTAZIONE ORGANICA DELL ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DOTAZIONE ORGANICA DELL ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA 1/19 Indice PRINCIPI GENERALI 1. Oggetto e finalità 2. Sistema organizzativo: principi generali ORGANI ISTITUZIONALI E STRUTTURA

Dettagli

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa

DELLA CORRUZIONE 2014/2016 I N D I C E. Art. 1 Premessa PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1 I N D I C E Art. 1 Premessa.. pag. 2 Art. 2 I settori e le attività particolarmente esposti alla corruzione. pag. 2 Art. 3 Attuazione e controllo delle

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE

SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELL ENTE E DEL PERSONALE Dirigenti e Posizioni Organizzative Personale dei Livelli Sistema Integrato di valutazione del personale.docx Sommario CAPO I METODOLOGIA

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

UNIONE FRA I COMUNI DI LONATE POZZOLO E FERNO. Verbale di deliberazione della Giunta dell'unione

UNIONE FRA I COMUNI DI LONATE POZZOLO E FERNO. Verbale di deliberazione della Giunta dell'unione UNIONE FRA I COMUNI DI LONATE POZZOLO E FERNO Provincia di Varese Deliberazione n. 0028 in data 29/11/2008 Verbale di deliberazione della Giunta dell'unione OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE 2008/2010

Dettagli

COMUNE DI SERRACAPRIOLA PROVINCIA DI FOGGIA

COMUNE DI SERRACAPRIOLA PROVINCIA DI FOGGIA COMUNE DI SERRACAPRIOLA PROVINCIA DI FOGGIA COPIA Numero 21 Del 18-03-2015 OGGETTO: Nomina referente fatturazione elettronica, adeguamento della struttura informatica e definizione delle misure organizzative

Dettagli

Pisa. Bozza. Approvazione.

Pisa. Bozza. Approvazione. DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSORZIO N. 04 DEL 05.02.2015 Struttura proponente: Direzione Generale. OGGETTO: Gestione in forma associata della centrale di committenza. Convenzione con la Provincia di Pisa.

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DEL CONSORZIO DI BONIFICA 4 CALTANISSETTA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DEL CONSORZIO DI BONIFICA 4 CALTANISSETTA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DEL CONSORZIO DI BONIFICA 4 CALTANISSETTA PER IL TRIENNIO 2015/2017 1 PREMESSA L art. 24 bis del D.L. 24 gennaio 2014 n. 90, introdotto dalla legge

Dettagli