Collaboratore Professionale Coordinatore Esperto Tecnico Sanitario Laboratorio Biomedico Auditor Qualità certificato KHC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collaboratore Professionale Coordinatore Esperto Tecnico Sanitario Laboratorio Biomedico Auditor Qualità certificato KHC"

Transcript

1 LEZIONE: "DALLA GESTIONE DELLE RISORSE ALLA VALIDAZIONE DEL PROCESSO" DOTT.SSA RAFFAELINA LOCONT Collaboratore Professionale Coordinatore Esperto Tecnico Sanitario Laboratorio Biomedico Auditor Qualità certificato KHC

2 Indice 1 INTRODUZIONE OBIETTIVO LA LEGISLAZIONE DL. 30/12/92 N I DECRETI MINISTERIALI D.L. N. 42 DEL 26/02/ LEGGE 10 AGOSTO 2000, N.251 LA DIRIGENZA D.M 2 APRILE I CONTRATTI NAZIONALI DEL LAVORO L EVOLUZIONE PROFESSIONALE IL COORDINATORE QUALE AGENTE PER IL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO LE FUNZIONI DI MANAGEMENT DEL COORDINATORE IL COORDINATORE QUALE TEAM LEADER LO STAFFING LA GESTIONE DEI PROCESSI E DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E STRUTTURALI IL COORDINATORE NELLA GESTIONE DEL PROCESSO DI VALIDAZIONE DI PROCESSI, PRODOTTI, SERVIZI SINTESI BIBLIOGRAFIA di 24

3 1 Introduzione Il presente documento è a supporto del seminario d approfondimento dal titolo dalla gestione delle risorse alla validazione del processo, del Master: Management per le funzioni di coordinamento nell area delle professioni sanitarie. 3 di 24

4 2 Obiettivo 1 Obiettivo della presentazione è descrivere il ruolo del Coordinatore Sanitario attraverso la disamina d aspetti legislativi e contrattuali che hanno determinato l evoluzione delle funzioni del Coordinatore, evoluzione che ha impattato in maniera significativa non solo sugli aspetti professionali ma anche organizzativi e gestionali, proiettando il Coordinatore nel complesso sistema del Management Sanitario. 1 Diapositiva 1 4 di 24

5 3 La legislazione DL. 30/12/92 n Con il DL. 30/12/92 n. 502 (G.U. 30/12/92, supplemento ordinario) Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della Legge 23/10/92 n. 421 integrato con D.L. 07/12/93 n. 517 (G.U. 15/12/93 Supplemento ordinario) si completa l attuazione della delega data al Governo per il riordino della sanità, al comma 3 dell articolo 6 sono regolamentati i rapporti tra il Sistema Sanitario Nazionale e l Università per l istituzione e la regolamentazione dei corsi universitari abilitanti alla professione, per la formazione del personale sanitario infermieristico, tecnico e della riabilitazione dopo che il Ministro della Sanità abbia individuato, con appositi decreti, le figure professionali ed i relativi profili I Decreti Ministeriali 4 Il Ministero della Sanità emana dal 1992 al 1999 (ad eccezione del D.M n. 182 per il profilo professionale di Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica che data ) i decreti ministeriali che individuano i relativi profili professionale decretandone l autonomia professionale e definendone le responsabilità.(figura 1) 2 Diapositive da 3 a 25 3 Diapositive 3 e 4 4 Diapositive da 5 a 8 5 di 24

6 Elenco delle professioni sanitarie riconosciute dal Ministero della Salute 3.3 D.L. n. 42 del 26/02/ Il Decreto Legge n.42 del 1999 ha rappresentato il cambiamento epocale per tutti gli operatori sanitari che operano nel Sistema Sanitario Nazionale. L Articolo 1 recita : la denominazione professione sanitaria ausiliaria nel testo unico delle leggi sanitarie, approvato con regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265, e successive 5 Diapositive da 9 a 11 6 di 24

7 modificazioni, nonché in ogni altra disposizione di legge,è sostituita dalla denominazione professione sanitaria. Ciò comporta che agli operatori sanitari dell area comparto è riconosciuta dignità di Professionisti, essi non sono più relegati a ruolo di ausiliare cioè esecutori di compiti ma professionisti in grado di svolgere la propria attività in piena autonomia professionale. Il decreto inoltre prevede che l esercizio delle professioni sia regolate da quattro tipologie di norme regolamentari: Profilo Professionale Ordinamento Didattico Universitario del Corso di Laurea Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Codice Deontologico LEGGE 10 agosto 2000, n.251 la dirigenza 6 La Legge 251 del 2000 disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della prevenzione nonché della professione ostetrica costituisce una pietra miliare per la progressione professionale degli operatori del comparto sanità consentendo a tutte le tipologie professionali di essere dirette da un professionista appartenente alla stessa area. Essa distribuisce le professioni sanitarie nelle quattro categorie: Professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria di ostetrica; Professioni sanitarie riabilitative; Professioni tecnico-sanitarie; Professioni tecniche della prevenzione La 251, al comma 1 degli articoli 1,2,3e 4, decreta l autonomia professionale di tutti i professionisti delle quattro aree, nell espletamento delle funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonché dagli specifici codici deontologici. Data l importanza di questa legge si riportano con degli omissis gli articoli salienti: Art. 1 Professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche 1-Gli operatori delle professioni sanitarie dell area delle scienze infermieristiche e della professione sanitaria ostetrica svolgono con autonomia professionale attività dirette alla 6 Diapositive da 12 a 19 7 di 24

8 prevenzione, alla cura e salvaguardia della salute individuale e collettiva, espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonché dagli specifici codici deontologici ed utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi dell assistenza. Art. 2. Professioni sanitarie riabilitative 1. Gli operatori delle professioni sanitarie dell area della riabilitazione svolgono con titolarità e autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dai relativi profili professionali. Art. 3. Professioni tecnico-sanitarie 1.Gli operatori delle professioni sanitarie dell'area tecnico-diagnostica e dell'area tecnicoassistenziale svolgono, con autonomia professionale, le procedure tecniche necessarie all esecuzione di metodiche diagnostiche su materiali biologici o sulla persona, in altre parole attività tecnico-assistenziale, in attuazione di quanto previsto nei regolamenti concernenti l'individuazione delle figure e dei relativi profili professionali definiti con decreto del Ministro della Sanità. 2. Lo Stato e le regioni promuovono, nell'esercizio delle proprie funzioni legislative, d indirizzo, di programmazione ed amministrative, lo sviluppo e la valorizzazione delle funzioni delle professioni sanitarie dell'area tecnico-sanitaria, al fine di contribuire, anche attraverso la diretta responsabilizzazione di funzioni organizzative e didattiche, al diritto alla salute del cittadino, al processo d aziendalizzazione e al miglioramento della qualità organizzativa e professionale nel Servizio Sanitario Nazionale con l'obiettivo di una integrazione omogenea con i servizi sanitari e gli ordinamenti degli altri Stati dell'unione europea. Art. 4. Professioni tecniche della prevenzione 1. Gli operatori delle professioni tecniche della prevenzione svolgono con autonomia tecnico-professionale attività di prevenzione, verifica e controllo in materia d igiene e sicurezza ambientale nei luoghi di vita e di lavoro, d igiene degli alimenti e delle bevande, d igiene e sanità pubblica e veterinaria. Tali attività devono comunque svolgersi nell ambito della responsabilità derivante dai profili professionali. L articolo 5 tratta della regolamentazione della formazione universitaria il Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica (MURST) in concerto con il Ministero della Sanità omissis.., individua con uno o più decreti per la disciplina degli ordinamenti didattici di specifici 8 di 24

9 corsi universitari ai quali possono accedere gli esercenti le professioni sanitarie di cui agli articoli 1,2,3,4 della presente legge, in possesso di diploma Universitario o di titolo equipollente. L articolo 6 definisce le professioni ed i relativi livelli di inquadramento; al comma 1 recita: il Ministero della Sanità in concerto con il M.U.R.S.T. acquisiti i pareri del Consiglio Superiore della Sanità e del Comitato di Medicina del Consiglio Universitario Nazionale, include le figure professionali esistenti o che saranno individuate successivamente in una delle fattispecie di cui articoli 1,2,3,4. Al comma 2 recita: il Governo..omissis..definisce la disciplina concorsuale, riservata al personale in possesso degli specifici Diplomi rilasciati al termine dei corsi universitari di cui all articolo 5 comma 1 della presente legge per l accesso ad una nuova qualifica unica di dirigente del ruolo sanitario alla quale si accede con requisiti omologhi a quelli richiesti per l accesso alla dirigenza del Servizio Sanitario Nazionale di cui all articolo 26 del D.L. n. 29 del 03/02/93. L Articolo 7 Disposizioni transitorie dispone, al comma 1 che ai fini del miglioramento dell assistenza per la qualificazione delle risorse le aziende sanitarie possono istituire il servizio di assistenza infermieristica ed ostetrica e possono attribuire l incarico di Dirigente del medesimo servizio omissis.. Gli incarichi di cui al presente articolo comportano l'obbligo per l'azienda di sopprimere un numero pari di posti di dirigente sanitario nella dotazione organica definita ai sensi della normativa vigente. comma 2. Le aziende sanitarie possono conferire incarichi di dirigente, con modalità analoghe a quelle previste al comma 1, per le professioni sanitarie di cui alla legge 26 febbraio 1999, n. 42, nelle regioni nelle quali sono emanate norme per l'attribuzione della funzione di direzione relativa alle attività della specifica area professionale D.M 2 aprile Determinazione delle classi delle lauree universitarie delle professioni sanitarie Con questo decreto sono istituite le classi di Laurea, si completa così l iter istitutivo delle professioni sanitarie. L art. 1 al comma 1 definisce le classi dei corsi di laurea per le professioni sanitarie in ottemperanza degli articoli: 17 comma 95 della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni, nonché dell'articolo 4, commi 1 e 2, del decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 9 di 24

10 509, ed al comma 2 precisa che i corsi di laurea istituiti dalle università, ai sensi del presente provvedimento e con le modalità previste dall'articolo 11, comma 1, della legge n. 341/90, sono finalizzati a formare laureati secondo gli specifici profili professionali di cui ai decreti adottati dal Ministro della sanità ai sensi dell'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni. 7 Diapositive da 20 a di 24

11 4 I Contratti Nazionali del Lavoro 8 Le leggi descritte ai capitoli precedenti impattano in modo determinante sulla stipula dei contratti di Lavoro sia per gli aspetti normativi sia economici, l inquadramento dei professionisti del comparto sanità come le norme d accesso ai rispettivi livelli d inquadramento si modificano a decorrere dal Contratto Nazionale del Comparto Sanità per il quadriennio L articolo 13 del contratto nazionale del 07 aprile 1999 regolamenta il nuovo sistema di classificazione del personale che prevede quattro classi d inquadramento A, B, C e D e l articolo 14 definisce le modalità d accesso alle stesse. L articolo 14 introduce le posizioni organizzative l articolo 20 ne definisce le funzioni ed al comma 1 recita omissis che richiedono lo svolgimento di funzioni con assunzione diretta d elevata responsabilità e l articolo 21 prevede che le stesse siano attribuite al personale di categoria D. I coordinatori sono inquadrati nella categoria D con progressione in DS. L allegato 1 declaratorie delle categorie e profili del Contratto Nazionale integrativo 1998/2001 biennio economico 2000/2001, recita per i Profili professionali del livello economico Super DS ( Collaboratore professionale sanitario esperto): Programma, nell ambito dell attività d organizzazione dei servizi sanitari..omissis.. la migliore utilizzazione delle risorse umane secondo le indicazioni e le richieste dei responsabili dei servizi e dei presidi e verifica l espletamento delle attività del personale medesimo. Collabora alla formulazione dei piani operativi e dei sistemi di verifica della qualità ai fini dell ottimizzazione dei servizi sanitari. Coordina le attività didattiche tecnico-pratiche e di tirocinio, di formazione del personale appartenente ai profili sanitari a lui assegnate. Assume responsabilità diretta per le attività professionali cui è preposto e formula proposte operative per l organizzazione del lavoro nell ambito dell attività affidatagli.. L articolo 10 del Contratto Nazionale de Lavoro 1998/2001 biennio economico determina al comma 1, per il riconoscimento delle responsabilità e dell autonomia professionale del coordinatore, un indennità economica: ART. 10- Coordinamento Comma 1: Al fine di dare completa attuazione all art. 8, commi 4 e 5 e per favorire le modifiche dell organizzazione del lavoro nonché valorizzare l autonomia e responsabilità delle 8 Diapositive da 22 a di 24

12 professioni ivi indicate è prevista una specifica indennità per coloro cui è affidata la funzione di coordinamento delle attività dei servizi d assegnazione nonché del personale appartenente allo stesso o ad altro profilo anche di pari categoria ed ove articolata al suo interno di pari livello economico, con assunzione di responsabilità del proprio operato omissis.. L articolo 19 del Contratto Nazionale del Lavoro del 19 aprile 2004 al comma b recita per il personale con reali funzioni di coordinamento riconosciute al 31 agosto 2001 ai sensi dell articolo 10 del CCNL 98/2001 relativo al biennio economico a decorrere dal tenuto conto dell effettivo svolgimento delle funzioni stesse, è previsto il passaggio nel livello DS. Con il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Personale del Comparto del Servizio Sanitario Nazionale Quadriennio Normativo e Biennio Economico è definito il livello formativo d accesso alla funzione di Coordinatore come si evince dalla lettura dell Articolo 4 comma 1. Art.4 Coordinamento 1. Ai sensi di quanto previsto dalla L. n. 43/2006 (relativamente alle funzioni di coordinamento),.omissis., ai fini dell affidamento dell incarico di coordinamento di cui all art. 10 del CCNL omissis.., è necessario il possesso del master di primo livello in management per le funzioni di coordinamento rilasciato dall Università ai sensi dell art. 3,comma 8 del regolamento..omissis.. 12 di 24

13 5 L evoluzione professionale 9 Il riconoscimento dell autonomia professionale, il nuovo percorso formativo, la possibilità di progressione di carriera, proiettano i professionisti del comparto sanità in una dimensione funzionale nella quale si coniugano responsabilità, competenza, azione, decisionismo. L autonomia professionale dei professionisti del comparto sanità sembra però sminuire il ruolo del coordinatore sanitario in quanto la presa in carico del paziente e/o delle sue proprietà che prima erano attività gestita dal caposala/capotecnico che attribuiva compiti ai suoi collaboratori, ora è una delle funzioni alle quali assolve, in autonomia, l operatore sanitario collaboratore. In effetti il ruolo del coordinatore non è sminuito ma si rafforza, infatti anche il coordinatore ha responsabilità sulla presa in carico del paziente o campioni biologici in quanto è sua prerogativa assegnare un paziente o una linea analitica, ai propri collaboratori in relazione alle competenze ed individualità del collaboratore stesso. Il Coordinatore Sanitario è proiettato in una dimensione in cui le competenze professionali ed organizzativo - gestionali rappresentano il cardine per gestire in modo efficace ed efficiente risorse e processi nell ottica del miglioramento continuo. Le funzioni del coordinatore si collocano in un contesto più ampio quello di Governance, ciò presuppone l acquisizione di competenze che gli consentono di gestire risorse, processi, servizi soddisfacendo requisiti di qualità, sicurezza, efficacia finalizzati al miglioramento continuo ed alla soddisfazione del paziente/utente e di tutte le parti interessate compresi gli operatori stessi. Il governo clinico è il contesto in cui i servizi sanitari si rendono responsabili del miglioramento continuo della qualità dell assistenza e mantengono elevati livelli di prestazioni creando un ambiente che favorisce l espressione dell eccellenza clinica 10 9 Diapositive da 26 a Definizione da A first class service ( London Department of Health, 1998) 13 di 24

14 Le funzioni del coordinatore diventano più complesse, passando dalla gestione di sottoprocessi alla gestione di macroprocessi. (fig. 2) Caposala/Capotecnico (ante 1999) Risorse Umane: Gestione turni lavoro personale, affidamento compiti; Gestione paziente; Gestione documentazione sanitaria; Approvvigionamento materiale d uso e DPI : ordini e gestione magazzino; Manutenzione attrezzature di supporto: tenuta sotto controllo manutenzione frigoriferi, centrifughe e termostati; Coordinatore(post 1999) Gestione Risorse Umane: organigramma e funzionigramma del personale del comparto in relazione alle competenze specifiche.gestione formazione ed addestramento.gestione turnistica. Gestione paziente e/o sue proprietà:presa in carico, acquisizione di informazioni finalizzate al miglioramento delle prestazioni,,monitoraggio del grado di soddisfazione Gestione Approvvigionamento: farmaci, tecnologie, reagenti, materiale d uso e DPI, manutenzione, appalti. Gestione prodotti approvvigionati:presa in carico, destinazione d uso, tenuta sotto controllo, pianificazione e verifica, manutenzione, monitoraggio. Gestione rischio: individuazione, analisi, gestione e monitoraggio dei processi critici. Gestione Qualità: tenuta sotto controllo, verifica e monitoraggio dei processi e dei prodotti. Controllo Qualità e validazione dei processi e dei prodotti Formazione continua 14 di 24

15 5.1. Il coordinatore quale agente per il cambiamento organizzativo 11 La rapida evoluzione negli ultimi anni dello status delle professioni sanitarie ha determinato la nascita di nuovi modelli assistenziali integrati nelle strutture sanitarie pubbliche, con caratteristici connotati di tipo manageriale. In conformità a ciò le strutture ospedaliere devono istituire nuove aree funzionali, forti già della loro organizzazione interna, ma non senza alcune difficoltà in quanto il ruolo centrale attribuito dalla normativa ai professionisti non medici comporta cambiamenti significativi nell assetto aziendale di ognuna. anzi, Non per questo l importanza di una modifica epocale deve essere sminuita e sottovalutata, queste proposte neo-formate stanno già subendo notevoli miglioramenti ed integrazioni visibili nei documenti ufficiali rinnovati periodicamente a livello regionale, locale e aziendale da cui emerge la nuova gestione delle politiche sanitarie. Il ruolo della dirigenza delle professioni sanitarie, in prospettiva di medio termine, potrebbe rivelarsi importante se non essenziale al fine di una corretta gestione dell assistenza all utente sanitario, considerando anche il potenziale sviluppo che potrebbe avere sul territorio Le funzioni di management del coordinatore 12 Il coordinatore sanitario del comparto è chiamato a svolgere funzioni di management gestionale e relazionale. Le funzioni fondamentali del management gestionale sono: 1. La pianificazione: capacità di analizzare e predeterminare il corso dell azione. 2. L organizzazione: la capacità di organizzare mezzi e risorse per prendere delle decisioni. 3. La fattibilità: l analisi dell esistente per realizzare le decisioni 4. La programmazione: la definizione delle attività in funzione delle risorse e dei tempi. 5. La misurabilità: definire obiettivi ed indicatori. 6. La verifica ed il Monitoraggio continuo finalizzati al miglioramento 11 Marco Buccianti: ipotesi di modello organizzativo e gestionale dell area delle professioni sanitarie sulla base del vigente status normativo, con specifico riferimento all area professionale dietistica 12 Antonio Petralia : L applicazione del management sanitario nella progettazione di uno strumento informatico per il Servizio di Perfusione: ruolo del coordinatore tecnico. 15 di 24

16 Le funzioni fondamentali del management relazionale sono : 1. Lo staffing: capacità di far crescere e sviluppare le risorse umane. 2. La direzione: capacità di dirigere le azioni verso gli obiettivi. 3. La verifica: capacità di valutare in itinere attività e prodotti interagendo con le risorse umane coinvolte al fine di conseguire gli obiettivi prefissati. I Management gestionale e relazionale non rappresentano sistemi di gestione disgiunti ma integrati non è ipotizzabile gestire risorse senza una conoscenza dettagliata dell organizzazione. Lo staffing è una funzione critica, infatti l ottimale gestione delle risorse umane è condizione indispensabile per il successo di qualsiasi progetto di lavoro. Il valore aggiunto per un coordinatore è rappresentato dal possesso di riconosciute capacità di Team leader Il coordinatore quale team leader 13 Il coordinatore deve essere in grado di guidare il gruppo di persone che gestisce, deve acquisire consensi e fiducia, favorire il coinvolgimento grazie ad una buona comunicazione ad una competente conoscenza delle attività da eseguire e da monitorare, deve favorire la comunicazione trasversale tra il personale, condividere incertezze per definire adeguate Azioni Correttive, individuare indicatori d efficacia, elaborare ed analizzare dati, condividere decisioni, intraprendere azioni di miglioramento, deve pianificare la formazione, l aggiornamento continuo e l addestramento al fine di migliorare le conoscenze, le competenze, la consapevolezza del ruolo d ogni operatore sanitario. Il coordinatore deve pianificare audit interni, momenti d incontro che favoriscono la libera espressione d ogni operatore, gli audit possono prevedere discussione ed analisi di casi clinici o di procedure o d aspetti organizzativi e rappresentano un momento di confronto utile sia per gli aspetti organizzativo-gestionali sia di crescita professionale. Se il coordinatore ha carisma e gli si riconoscono doti e capacità di Team-Leader, acquisirà consensi che gli permetteranno di evitare o comunque mitigare contenziosi, in sintesi riuscirà a creare un buon clima interno. 13 Diapositive da 40 a di 24

17 5.4. Lo staffing 14 Un buon team leader è in grado di gestire al meglio la strategica funzione di staffing, funzione manageriale preposta a far crescere, sviluppare e formare le risorse umane, infatti è compito del coordinatore: Selezionare (per competenze e capacità) Orientare (verso un obiettivo dando informazioni e formazione) Addestrare (trasferire buone pratiche, coinvolgere) Sviluppare (competenze, motivazioni, esperienze) Per poter svolgere in modo ottimale tale funzione il coordinatore deve avere competenze e conoscenze dei processi dell organizzazione in cui opera al fine di gestirli in qualità, deve gestire ed avere competenze su tutte le risorse tecnologiche e strutturali proprie dell organizzazione in cui opera, deve sviluppare competenze con l aggiornamento continuo al fine di selezionare, orientare, addestrare e sviluppare in relazione a: Caratteristiche individuali; Tecnologie e metodologie da utilizzare; I processi del Dipartimento/Servizio/Unità Operativa La gestione dei processi e delle risorse tecnologiche e strutturali 15 Qualsiasi organizzazione che intende perseguire obiettivi orientati alla soddisfazione dell utente/cliente deve implementare percorsi finalizzati al miglioramento continuo della Qualità, acquisendo informazioni di ritorno sui prodotti e/o servizi erogati. Per garantire la piena soddisfazione del cliente è indispensabile che tutti i componenti dell organizzazione siano orientati verso obiettivi comuni e che questi siano monitorati nel tempo grazie all utilizzo d idonei indicatori. Obiettivo principale è quello di erogare prestazioni che soddisfano l esigenza di salute del cittadino che si affida al SSN e che quindi lo preservino da criticità che potrebbero, invece, causargli danni, a tal fine è indispensabile monitorare tutto ciò che può rendere critico il buon esito delle prestazioni. 14 Diapositive 44 e di 24

18 È chiaro che il processo principale di un organizzazione è rappresentato dall erogazione della prestazione, ma è indubbio che questa per essere erogata deve essere supportata da altri processi come per esempio il processo d approvvigionamento finalizzato a fornire tecnologie, farmaci, dispositivi medici a diversa complessità, ma anche software gestionali, suppellettili, e servizi quali quelli di manutenzione per il buon funzionamento delle attrezzature, o di smaltimento rifiuti, ed ancora i processi per la sterilizzazione e quant altro. È chiaro quindi che per perseguire obiettivi di qualità in primis è necessario individuare tutti i processi dell organizzazione, valutarne le interazioni,le criticità. 16 Il coordinatore in staff alla direzione partecipa alla: Individuazione dei processi; Elaborazione mappatura e interrelazione dei processi; Individuazione delle interfacce; Individuazione ed analisi dei processi critici; Esecuzione dei processi di monitoraggio che orientano verso la definizione d Azioni Correttive e Preventive e monitoraggio dell efficacia delle stesse; Validazione dei processi e prodotti/prestazioni erogate La tenuta sotto controllo dei processi permette di evidenziare processi critici che dovranno essere monitorati con specifici indicatori e possibilmente corredati di procedure o istruzioni operative che descrivano in dettaglio le operazioni necessarie ed i criteri di validazione da applicare al fine di evitare l accadimento d eventi avversi. La validazione è uno dei processi più importanti in quanto definisce la conformità del processo, del prodotto o prestazione erogata a requisiti definiti. Tra i processi di supporto alla erogazione della prestazione sanitaria è bene evidenziare le responsabilità del Coordinatore nella gestione dell approvvigionamento e delle risorse tecnologiche e strutturali. Il coordinatore in staff alla direzione provvede alla: Gestione dell approvvigionamento contribuendo alla definizione dei requisiti minimi che il prodotto da approvvigionare deve soddisfare e in relazione alla prestazione d uso cui è destinato ed in relazione alla competenza del personale che lo deve utilizzare e gestire; 15 Diapositive da 46 a Diapositiva di 24

19 Gestione dei prodotti approvvigionati dalla presa in carico alla messa in uso, garantendone la continua tracciabilità; Ottimizzazione gestione tecnologie dalla presa in carico, al collaudo, alla manutenzione alla destinazione d uso in funzione delle competenze e peculiarità individuali degli operatori che le dovranno utilizzare; Aggiornamento continuo per il buon uso del prodotto approvvigionato e dell offerta di mercato; Validazione dei fornitori e dei prodotti approvvigionati in relazione ai contratti stipulati ed alla rispondenza delle caratteristiche prestazionali del bene acquisito. Il coordinatore quindi deve provvedere alla: tenuta sotto controllo dei prodotti approvvigionati con la valutazione continua delle eventuali Non Conformità registrate; aggiornamento elenchi fornitori e patrimonio strumentale del Servizio; pianificazione e verifica dell eseguita manutenzione strumentale giornaliera, periodica e straordinaria nel rispetto dei requisiti espressi dal manuale d uso dello strumento e dalle normative vigenti anche in termini di sicurezza. gestione delle Non Conformità: strumentali, fornitori e forniture La pianificazione per la gestione delle risorse strumentali prevede inoltre l esecuzione della taratura, calibrazione e Controllo di Qualità (CQ) anche di presidi medici semplici se previste dai manuali d uso, così anche per le attrezzature di supporto e software. Queste prove che accertano lo stato d idoneità delle attrezzature, sono a carico dell operatore destinato alla gestione di quello strumento che inoltre provvederà a risolvere eventuali inconvenienti in funzione dell addestramento ricevuto al momento della presa in carico dello stesso. Il coordinatore provvederà a verificare periodicamente le registrazioni di Non Conformità strumentale concordando con la direzione e l operatore utilizzatore l eventuale apertura di un rapporto di Non Conformità nei confronti della ditta di manutenzione o della casa costruttrice dello strumento. Quindi il coordinatore per quanto attiene la funzione di staffing deve selezionare, orientare, addestrare e sviluppare le risorse in relazione alle Caratteristiche individuali, alle Tecnologie da utilizzare, ai processi del Dipartimento/Servizio/Unità Operativa, e per quanto 19 di 24

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIII LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE approvato dal Senato della Repubblica, il 9 giugno 1998, in un testo risultante dall'unificazione dei disegni di legge (V. Stampati nn. 251, 431,

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie

L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie III Corso Regionale Mario Nironi 24 ottobre 2008 Lorenzo Broccoli 1 Le Professioni Sanitarie: Fonti normative (1) Art. 99 R.D. n. 1265/1934 (Testo unico

Dettagli

La figura professionale del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

La figura professionale del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza La figura professionale del Tecnico Sanitario

Dettagli

LEGGE 10 agosto 2000, n.251

LEGGE 10 agosto 2000, n.251 LEGGE 10 agosto 2000, n.251 Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonche' della professione ostetrica. La Camera dei deputati ed il

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica

Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica BOZZA Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (implementazione delle competenze

Dettagli

Bozza di Accordo Stato-Regioni sulle Competenze Specialistiche degli infermieri

Bozza di Accordo Stato-Regioni sulle Competenze Specialistiche degli infermieri Bozza di Accordo Stato-Regioni sulle Competenze Specialistiche degli infermieri CONDIVISA DAL MINISTRO ALLA SALUTE E DALLE REGIONI ED ORA ALL'ESAME DEGLI ALTRI MINISTERI, RELAZIONE ILLUSTRATIVA Evoluzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE DI CARRIERA DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE DI CARRIERA DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 REGOLAMENTO PER LA PROGRESSIONE DI CARRIERA DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con Determinazione del Direttore Generale n. 243 del 20/07/2010 Premessa CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE Finalità - Campo

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1).

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1). L. 1-2-2006 n. 43 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei relativi ordini

Dettagli

Il Coordinatore Tecnico nel processo di cambiamento istituzionale ed organizzativo

Il Coordinatore Tecnico nel processo di cambiamento istituzionale ed organizzativo Torino 2008 Il Coordinatore Tecnico nel processo di cambiamento istituzionale ed organizzativo Da Capo-Tecnico a Coordinatore.. a Dirigente Intermedio Dott. Antonio Esposito Nunzia Cosenza: Tristezza Coordinatore?

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5425 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

Competenza e Ricerca

Competenza e Ricerca Competenza e Ricerca La ricerca è alla base del progresso infermieristico, dello sviluppo della disciplina e della professione. Metodologia della ricerca come presupposto per l acquisizione di una mentalità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori Legislazione e competenze degli infermieri 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: ART. 1. (Definizione).

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. la seguente legge: ART. 1. (Definizione). LEGGE 1 febbraio 2006, n.43 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario) è parte integrante

Dettagli

Competenze, attività e responsabilità

Competenze, attività e responsabilità Competenze, attività e responsabilità Art. 2229 del Codice Civile Inerente al fatto che "la legge determina le professioni intellettuali per l'esercizio delle quali è necessaria l'iscrizione in appositi

Dettagli

La legislazione in Italia sulle professioni sanitarie: una straordinaria avventura e siamo appena all inizio...

La legislazione in Italia sulle professioni sanitarie: una straordinaria avventura e siamo appena all inizio... legislazione in Italia sulle professioni sanitarie: una straordinaria avventura e siamo appena all inizio... Francesco Saverio Proia Dirigente Ministero Salute 1 Come eravamo: Il Testo unico delle leggi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6229 PROPOSTE DI LEGGE D INIZIATIVA DEI SENATORI TOMASSINI; TOMASSINI; BETTONI, BRANDANI, MASCIONI, BAIO DOSSI, CARELLA, CORTIANA, DI GIROLAMO,

Dettagli

Norme per la valorizzazione delle professioni sanitarie e sociali

Norme per la valorizzazione delle professioni sanitarie e sociali PREMESSA Salute Lazio,proposta legge bipartisan per valorizzazione professioni Roma, 10 NOV (il Velino/AGV) - "Una proposta di legge finalizzata alla valorizzazione delle professioni sanitarie e sociali,

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

La formazione di base

La formazione di base Formazione La formazione di base LA FORMAZIONE DI BASE PROFESSIONALIZZANTE Per formazione di base si intende la formazione scolastica, professionale, accademica e di riqualificazione che, attuandosi secondo

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DI CUI ALLA L. 251/2000. TRA la Regione del Veneto

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA Lorena Martini 1 Il processo di professionalizzazione dell'infermiere è frutto di un lungo percorso di trasformazione che comincia a delinearsi

Dettagli

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Brescia 31 MAGGIO 2011 Aula MONTINI Azienda Ospedaliera SPEDALI RIUNITI di Brescia Fulvia Pasi 1 Il Processo di riforma delle Professioni Sanitarie: dalla legge 42/99

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

L evoluzione dell inquadramento dei coordinatori

L evoluzione dell inquadramento dei coordinatori L evoluzione dell inquadramento dei coordinatori Luca Benci http://www.lucabenci.it A.n.u.l. 1974 Accordo nazionale unico di lavoro per il personale ospedaliero Livello Qualifiche 1 Ausiliario Portantino

Dettagli

La responsabilità del coordinatore delle professioni sanitarie

La responsabilità del coordinatore delle professioni sanitarie La responsabilità del coordinatore delle professioni sanitarie Luca Benci www.lucabenci.it Twitter @Luca_Benci A.n.u.l. 1974 Accordo nazionale unico di lavoro per il personale ospedaliero Livello Qualifiche

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR/RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI S.G.Q. NEL SETTORE SANITARIO

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR/RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI S.G.Q. NEL SETTORE SANITARIO Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 6 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR/RESPONSABILI

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 29 aprile 2009 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25 gennaio 2008 Gazzetta Ufficiale 26 febbraio 2008, n. 48 Recepimento dell accordo 15 novembre 2007, tra il Governo,

Dettagli

L evoluzione formativa: le prospettive occupazionali. Dr Maurilio BESSONE Torino, 9 Maggio 2009

L evoluzione formativa: le prospettive occupazionali. Dr Maurilio BESSONE Torino, 9 Maggio 2009 L evoluzione formativa: le prospettive occupazionali Dr Maurilio BESSONE Torino, 9 Maggio 2009 Nei momenti di crisi, la formazione è il fulcro della ripresa. Formare significa potenziare le risorse umane

Dettagli

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese

Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Coordinamento Professioni Sanitarie ASL 2 Savonese Il 26 marzo 2014 con l approvazione della legge regionale : - Disposizioni in materia di esercizio di attività professionale da parte del personale di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE CHIARIMENTI PRELIMINARI L ACCORDO S/R 16.12.2012 SUI REQUISITI MINIMI, ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI DELLE ATTIVITA

Dettagli

Prof. Antonio De Palma

Prof. Antonio De Palma RUOLO E RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO INFERMIERE Analisi comparata e studio esegetico-metodologico di parti campione delle norme di riforma delle professioni sanitarie infermieristiche Prof.

Dettagli

I PROCESSI DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE NELL AOUD

I PROCESSI DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE NELL AOUD I PROCESSI DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE NELL AOUD INDICE 1. Premessa 2. Riferimenti normativi e bibliografici Pag. 3 Pag. 5 3. La valutazione individuale Pag. 6 4. Il percorso valutativo 5. I principi

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master 84 1 Titolo MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

Dettagli

La normativa di valorizzazione delle professioni sanitarie in Friuli Venezia Giulia

La normativa di valorizzazione delle professioni sanitarie in Friuli Venezia Giulia PROFESSIONE FISIOTERAPISTA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Convegno A.I.FI. FVG Palmanova 11.9.2009 La normativa di valorizzazione delle professioni sanitarie in Friuli Venezia Giulia avv. Salvatore Spitaleri

Dettagli

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO AZIENDALE

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO AZIENDALE Regione Emilia Romagna AZIENDA OSPEDALIERA DI BOLOGNA Policlinico S.Orsola-Malpighi DIREZIONE DEL SERVIZIO INFERMIERISTICO IL SERVIZIO INFERMIERISTICO AZIENDALE Delibera N. 1544 del 10.7.1996 Bologna,

Dettagli

Luca Rossi. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche Specialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

Luca Rossi. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche Specialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Luca Rossi Laboratorio Analisi Chimico Cliniche Specialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana L idea chiave che giustifica il carattere continuo della formazione è la necessità di: sviluppare

Dettagli

Processo di professionalizzazione dell infermiere

Processo di professionalizzazione dell infermiere Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma Facoltà di Medicina e Chirurgia Piccola Casa della Divina Provvidenza Ospedale Cottolengo di Torino Processo di professionalizzazione dell infermiere Sr. Anna

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

COMPETENZE E RESPONSABILITA : CHI FA COSA. GRAZIANO LEPRI grazianolepri@libero.it

COMPETENZE E RESPONSABILITA : CHI FA COSA. GRAZIANO LEPRI grazianolepri@libero.it COMPETENZE E RESPONSABILITA : CHI FA COSA GRAZIANO LEPRI grazianolepri@libero.it Legge 1 febbraio 2006, n.43 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 17 febbraio 2006 n.40 Disposizioni in materia di professioni

Dettagli

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Sala del Tempio 2 Dall AFD al Master. Inquadramento storico della formazione e sviluppo in relazione all esercizio professionale e agli assetti organizzativi G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Il Coordinamento

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

La multidisciplinarietà delle cure a casa: quali competenze. F. Saverio Proia Ministero della Salute

La multidisciplinarietà delle cure a casa: quali competenze. F. Saverio Proia Ministero della Salute III GIORNATA NAZIONALE DELLE CURE A CASA Qualità, tecnologie e sostenibilità nelle cure domiciliari Ospedale S. Giovanni Calibita Fatebenefratelli, Sala Assunta Isola Tiberina, Roma 12 settembre 2011 -

Dettagli

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie Relatore Luca Benci Le professioni sanitarie nel XX secolo Medico Speziale Levatrice La dominanza medica: gli elementi

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4)

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) Master di primo livello Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) IV Edizione Anno accademico 2007/2008 Finalità Il master universitario, di durata annuale, ha lo scopo di

Dettagli

CONVEGNO F.I.Te.La.B. IL RUOLO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

CONVEGNO F.I.Te.La.B. IL RUOLO DELLE PROFESSIONI SANITARIE CONVEGNO F.I.Te.La.B. IL RUOLO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Il processo di riforma delle professioni sanitarie alla luce della Legge 251/00: La dirigenza delle Professioni Sanitarie alla luce dei vigenti

Dettagli

Azienda Ospedaliera Mellino Mellini - Chiari (BS), viale Mazzini n 4, 25032, Chiari (BS)

Azienda Ospedaliera Mellino Mellini - Chiari (BS), viale Mazzini n 4, 25032, Chiari (BS) Formato europeo per il curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome Paolo Musatti Indirizzo C/O via della Valle 2, Monticelli Brusati (BS), cap. 25040, Italia Telefono 030-652423 Fax 030-6852048 E-mail

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016. Scheda di lettura su Risk management in ospedale e disposizioni su personale e nuove assunzioni

LEGGE DI STABILITA 2016. Scheda di lettura su Risk management in ospedale e disposizioni su personale e nuove assunzioni LEGGE DI STABILITA 2016 Scheda di lettura su Risk management in ospedale e disposizioni su personale e nuove assunzioni A cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico IL PERCORSO FORMATIVO INDIVIDUALE DEI MEDICI: RUOLO E COMPITI DEL CO.GE.A.P.S. Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico Lucia Livatino Settore di Staff Formazione

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

PRINCIPI NORMATIVI e DEONTOLOGICI delle PROFESSIONI di INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO e ASSISTENTE SANITARIO

PRINCIPI NORMATIVI e DEONTOLOGICI delle PROFESSIONI di INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO e ASSISTENTE SANITARIO INFERMIERI PROFESSIONALI ASSISTENTI SANITARI VIGILATRICI D INFANZIA Collegio Provinciale di Bergamo 24125 Bergamo Via Rovelli n.45 Telefono 035/217090 fax 035/236332 Cod.Fiscale 80039530169 www.ipasvibergamo.it

Dettagli

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici Commissione 12 Igiene e Sanità 8 luglio 2014, Roma Oggetto: Esame del Disegno di legge n 1324 Deleghe al Governo in materia di sperimentazione clinica

Dettagli

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015

Università Iuav di Venezia. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 Università Iuav di Venezia Piano triennale di prevenzione della corruzione 2013-2015 (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) della legge 6 novembre 2012, n. 190) 1 1. Premessa La legge 6 novembre 2012,

Dettagli

Il riordino delle professioni sanitarie infermieristiche: dal D.M. 739/94 alla Legge 251/00

Il riordino delle professioni sanitarie infermieristiche: dal D.M. 739/94 alla Legge 251/00 Il riordino delle professioni sanitarie infermieristiche: dal D.M. 739/94 alla Legge 251/00 Dott.DAI Errera Gilda1 13/11/2008 1 Obiettivi: Descrivere il percorso culturale e normativo per la definizione

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Master Management Infermieristico Università Cattolica Sacro Cuore Il 27/03/2006 con Menzione di merito

Master Management Infermieristico Università Cattolica Sacro Cuore Il 27/03/2006 con Menzione di merito CURRICULUM Dati anagrafici Sciretti Massimiliano Residente a Torino Lavoro Asl TO1 Presidio Ospedale Martini Via Tofane 71 011-70952403 3204323817 Email massimiliano.sciretti@unito.it Titolo di studio

Dettagli

Disciplina organica della professione di Assistente sociale

Disciplina organica della professione di Assistente sociale PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della Senatrice Anna Maria SERAFINI Disciplina organica della professione di Assistente sociale e Assistente sociale Specialista. Onorevoli Colleghi, nel corso degli ultimi

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DELL IRCCS FONDAZIONE SANTA LUCIA

REGOLAMENTO ORGANICO DELL IRCCS FONDAZIONE SANTA LUCIA REGOLAMENTO ORGANICO DELL IRCCS FONDAZIONE SANTA LUCIA Con modifiche ed integrazioni al regolamento del 19 maggio 2004 approvate dal Consiglio di Amministrazione il 28/09/2009 per completare l adeguamento

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI Pagina 1 di 19 Testo Unico Regio Decreto 31 agosto 1933, n. 1592 Approvazione del testo unico delle leggi sull istruzione superiore D.P.R., n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLARI TIZIANO Indirizzo VIALE PICENO, 60 20129 MILANO Telefono 02.7740.2569 Fax 02.7740.2499 E-mail t.cappellari@provincia.milano.it

Dettagli

COORDINAMENTO PROFESSIONI SANITARIE DEL VENETO

COORDINAMENTO PROFESSIONI SANITARIE DEL VENETO Al Presidente V Commissione Padrin Leonardo Al Vice Presidente V Commissione Sinigaglia Claudio Al Segretario V Commissione Lazzarini Arianna Ai componenti della V Commissione Bon Dario Caner Federico

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI LUCA BENCI FIRENZE http:// Il sistema di abilitazione all esercizio professionale Per i medici: non esistono di fatto norme di carattere generale

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro

Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro Il tecnico della Prevenzione tra tutela dell ambiente e sicurezza nei luoghi di lavoro LE PROFESSIONI SANITARIE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEL TERZO MILLENNIO Brescia 06/10/2006 T.d.P. Katia Razzini

Dettagli

Azienda Sanitaria territoriale pubblica del Sistema sanitario Nazionale. Governo Economico dell Azienda..

Azienda Sanitaria territoriale pubblica del Sistema sanitario Nazionale. Governo Economico dell Azienda.. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail SALVATORE DE PAOLA Nazionalità Data di nascita Italiana 1 LUGLIO 1955 IN COSENZA

Dettagli

Relazione d Audit/ Assessment

Relazione d Audit/ Assessment Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) B e r n s t r a s s e 1 0 3 C a s e l l a p o s t a l e 6 8 6 C H - 3 0 5 2 Z o l l i k o f e n T e l. + 4 1 3 1 9 1 0 3 5 3 5 F a x.

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident reporting in ambito di gestione del rischio clinico

Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident reporting in ambito di gestione del rischio clinico Aldo Armisi Consulente I.T. autore autore Luca Armisi Consulente in ingegneria clinica e sistemi di gestione in ambito sanitario Progettazione di un software gestionale di supporto ai processi di incident

Dettagli

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza QUALITY FOR MASTER Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Una preparazione meramente teorica, seppur di rilievo, non è più sufficiente per affrontare le complesse dinamiche aziendali.

Dettagli

Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute

Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382, Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione

Dettagli

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI Obiettivi formativi: Abstract/Razionale del corso/convegno: in conformità all obiettivo generale (da individuare un obiettivo tra quelli contenuti nella tabella allegata (allegato 1)) individuato nell

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INDICE PARTE I - L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE: I PRINCIPI CAPO I - L Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di Trento Art. 1 - Denominazione, sede legale, logo, patrimonio dell

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico RIPENSARE LA STERILIZZAZIONE DEI DM: Sfide Organizzative e soluzioni innovative La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico Dr.ssa S. Remafedi Prima Parte s.remafedi@ao-pisa.toscana.it

Dettagli