3.4.1 Descrizione del Programma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3.4.1 Descrizione del Programma"

Transcript

1 PROGRAMMA N REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di P.E.G., a norma dell art. 169 del T.U.E.L. D.Lgs. 18/08/2000, n 267) Descrizione del Programma Il programma gestione beni demaniali e patrimoniali comprende tutti gli interventi mirati alla conservazione ed al mantenimento dello stato di efficienza del patrimonio mobiliare ed immobiliare nonché dei relativi impianti del Comune di Castiglione delle Stiviere (MN) che verranno attuati dal personale tecnico alle dipendenze del comune con ditte appaltatrici, fornitori vari e personale salariato. Il programma prevede tutti gli interventi che si renderanno necessari per garantire e migliorare l attuale livello dei servizi al cittadino e per mantenere in perfetta efficienza gli impianti ed attrezzature già in dotazione. Per la parte Ufficio Tecnico il programma prevede l alta sorveglianza, la verifica dei progetti e della Direzione Lavori eseguiti da progettisti esterni, la progettazione, direzione lavori e contabilità delle opere progettate internamente e concordate con l Amministrazione Comunale. Sarà cura del personale (tecnico ed amministrativo) dell Ufficio Tecnico garantire il costante aggiornamento di capitolati, bandi di gara e procedure che dovessero richiederlo per adeguamento alla normativa di legge. Il programma prevede la realizzazione di tutti gli interventi necessari a garantire l efficienza delle strade nella loro complessità includendo quindi la segnaletica orizzontale e verticale, il manto stradale, gli impianti tecnologici e tutti gli spazi annessi alla rete viabile. Il programma vedrà confermati per l anno 2013 gli interventi manutentivi che già negli anni precedenti si erano dimostrati efficaci per il mantenimento delle strutture, mentre per le emergenze verrà mantenuto e migliorato l attuale livello di efficienza che si è dimostrato efficace in tutti i casi rilevati. La pubblica illuminazione necessita di interventi di adeguamento alla parte impiantistica relativamente ai quadri elettrici, alle linee ed alla sostituzione di pali e corpi illuminanti. L Ufficio proporrà, come negli anni precedenti, gli interventi manutentivi e le proposte di necessarie, la cui realizzazione sarà comunque vincolata alle disponibilità finanziarie. Per definire le priorità di intervento di adeguamento degli impianti di pubblica illuminazione sarà redatto un piano regolatore dell illuminazione pubblica comunale (P.R.I.C.) dal quale discenderanno specifici progetti afferenti i suddetti lavori di adeguamento. Il servizio idrico integrato, che comprende la rete dell acquedotto comunale, la rete fognaria e l impianto di depurazione è gestito dalla Società Indecast S.r.l. di Castiglione delle Stiviere (MN) che all interno del proprio bilancio di previsione dovrà garantire il potenziamento della rete idrica ove necessario. Sarà inoltre compito dell Ufficio Tecnico comunale la sorveglianza dei lavori di gestione e manutenzione delle reti tecnologiche di proprietà comunale appaltati a soggetti esterni. 149

2 La manutenzione di aree verdi, parchi, giardini, viali e siepi sarà affidata direttamente ad una cooperativa sociale di tipo B, ai sensi della Legge n 381/1991 Disciplina delle cooperative sociali. Verrà garantito il numero di sfalci eseguito negli anni precedenti migliorando la viabilità di alcune aree attualmente poco valorizzate. Nel limite delle disponibilità finanziarie verranno ampliati gli impianti di irrigazione automatici dei giardini e saranno integrate le alberature nei parchi e lungo i viali Motivazione delle scelte Il Programma non prevede interventi programmati di manutenzione ma esclusivamente la riparazione o sostituzione di strutture od impianti esistenti per mancanza delle risorse indispensabili alla programmazione perché calibrato la scorta delle risorse finanziarie disponibili per la gestione del servizio manutentivo. Per quanto attiene al servizio idrico integrato, il programma è vincolato da scelte già fatte dalle precedenti Amministrazioni, per quanto inerente il potenziamento, manutenzione e miglioramento funzionale del servizio, come previsto dalla convenzione stipulata con la società, mentre rimane in carico al comune la programmazione delle aree di espansione delle reti tecnologiche all interno del territorio comunale Finalità da conseguire Le tà che il programma si prefigge sono il miglioramento del servizio, sia per velocità di intervento che per qualità della prestazione, in modo da renderlo il più aderente possibile alle esigenze del cittadino ed alle necessità del paese e la razionalizzazione delle risorse sia finanziarie che umane. Per quanto attiene al servizio idrico integrato le tà che il programma si prefigge riguardano essenzialmente il controllo dei lavori che la Società Indecast S.r.l. di Castiglione delle Stiviere (MN) esegue all interno delle convenzioni stipulate con il comune per la gestione del servizio idrico integrato ed il coordinamento degli stessi con le opere programmate dall Amministrazione Comunale. E incluso inoltre il controllo e coordinamento delle opere che la società di gestione deve proporre per il miglioramento del servizio e l adeguamento dello stesso ed eventuali nuovi standard dettati da disposizioni di legge che richiedano nuovi investimenti Investimento Gli interventi previsti per dar corso al programma sopra esposto fanno capo al Titolo e trovano copertura finanziaria negli appositi capitoli di Bilancio. Si rinvia al contenuto del corrispondente piano triennale per le opere pubbliche Erogazione dei servizi di consumo Si sostanzia nell espletamento delle attività indicate nel programma. In particolare saranno garantiti la manutenzione ordinaria di tutti gli stabili comunali ed il servizio al pubblico per informazioni ed assistenza per richieste varie e pratiche relative alle manutenzioni, nonché il costante adeguamento normativo. L Ufficio Lavori Pubblici è aperto al pubblico per qualsiasi informazione ed assistenza per segnalazione di guasti agli impianti e strutture. 150

3 E a disposizione inoltre per sopralluoghi e conenze al cittadino per tutte le problematiche inerenti la viabilità e l illuminazione pubblica. Garantisce altresì la manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione della rete stradale e della segnaletica orizzontale e verticale. Per quanto riguarda il servizio idrico integrato (acquedotto e fognatura) l assistenza all utenza è garantita dalla Società Indecast S.r.l. di Castiglione delle Stiviere (MN). Per quanto riguarda il servizio di distribuzione del gas metano, l Amministrazione Comunale è diventata proprietaria delle reti di distribuzione del gas metano a seguito di riscatto anticipato dalla Società Italgas S.p.A. La gestione delle reti è stata affidata con procedura di gara alla ditta SI.ME S.r.l. di Crema. L Ufficio Tecnico Comunale garantisce l assistenza per le autorizzazioni di taglio strada relative agli allacci alle varie utenze. I tecnici del comune e gli operai provvedono costantemente alla manutenzione di giochi ed attrezzature a servizio degli utenti Risorse umane da impiegare In sintonia con l elenco delle attività ricomprese nella descrizione del programma, le risorse umane da impiegare saranno quelle che, nella dotazione organica, sono associate ai servizi contabili richiamati Risorse strumentali da utilizzare In sintonia con l elenco delle attività ricomprese nella descrizione del programma, le risorse strumentali impiegate saranno quelle attualmente in dotazione ai centri di costo già detti, richiamate ed elencate, in modo analitico, nell inventario dell ente Coerenza con il Piano Regionale di Settore Il programma esposto rita essere coerente con le linee generali di medio lungo periodo della Regione. 151

4 3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA 14 - Realizzazione e manutenzione delle opere pubbliche e dei beni demaniali e patrimoniali Entrate ENTRATE SPECIFICHE Stato Regione Provincia Unione Europea Cassa DD.PP. - Credito sportivo ist. previdenza Altri Indebitamenti (1) Altre Entrate PROVENTI DEI SERVIZI QUOTE DI RISORSE GENERALI (A) (B) (C) Anno 2013 Anno 2014 Anno , , ,00 0,00 0, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 Legge di finanziamento e articolo TOTALE GENERALE (A+B+C) , , ,00 (1) Prestiti da istituti privati, ricorso al credito, prestiti obbligazionari e simili. 152

5 14 - Realizzazione e manutenzione delle opere pubbliche e dei beni demaniali e patrimoniali SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Impieghi Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 entità (c) entità (c) ,00 65,1 0, ,00 34, ,00 16, ,00 52,2 0, ,00 47, ,00 17, ,00 38,5 0, ,00 61, ,00 16,7 153

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -002 Razionalizzazione delle Risorse Umane e professionali RESPONSABILE SIG.- GUIDO PERGHEM (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2002-2003 - 2004 SEZIONE 3 PROGRAMMI

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2002-2003 - 2004 SEZIONE 3 PROGRAMMI RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2002-2003 - 2004 SEZIONE 3 PROGRAMMI Comune di Roseto degli Abruzzi 3.1 - Considerazioni generali e motivata dimostrazione delle variazioni rispetto all'esercizio

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -006 GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE FINANZIARIE RESPONSABILE DOTT. GIULIO PINCHETTI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di P.E.G.,

Dettagli

Comune di Tradate. Bilancio di previsione 2015 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CENTRO DI COSTO UFFICIO TECNICO

Comune di Tradate. Bilancio di previsione 2015 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CENTRO DI COSTO UFFICIO TECNICO Comune di Tradate Bilancio di previsione 2015 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CENTRO DI COSTO UFFICIO TECNICO Riferimenti Peg Centro di costo n. 901 Ufficio Tecnico Responsabile Centro di costo Geom. Cristina

Dettagli

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE Centro di responsabilità n. 01.601 Manutenzioni Responsabile: arch. Massimiliano Filipozzi Programma RPP n.1 Area Organizzativa: Gestione Territorio Servizio Organizzativo di Riferimento Manutenzione Reti

Dettagli

SICUREZZA DEI CITTADINI

SICUREZZA DEI CITTADINI 3.4 PROGRAMMA N 2 N. EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE DR. PAOLO GIROTTI. 3.4.1 Descrizione programma L anno 2012 è stato caratterizzato dalla stabilizzazione della organizzazione del Corpo

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

Procedura Gestione Settore Manutenzione

Procedura Gestione Settore Manutenzione Gestione Settore Manutenzione 7 Pag. 1 di 6 Rev. 00 del 30-03-2010 SOMMARIO 1. Scopo 2. Generalità 3. Applicabilità 4. Termini e Definizioni 5. Riferimenti 6. Responsabilità ed Aggiornamento 7. Modalità

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - ESERCIZIO 2010

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - ESERCIZIO 2010 Pag. 1 OPERATORI: PO04 LAVORI PUBBLICI OBIETTIVI: POLIZIA MUNICIPALE Attuazione del Servizio di vigilanza stradale, previsione, verifica ed aggiornamenti della segnaletica orizzontale e verticale. Adeguamento

Dettagli

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA RENDICONTO ATTIVITA SVOLTA Con riferimento all attività svolta nell anno 2012, nell Area Tecnica, si relaziona quanto appresso: PREMESSO CHE con determinazione

Dettagli

Il Global Service di seconda generazione : le esperienze del Comune di Bologna

Il Global Service di seconda generazione : le esperienze del Comune di Bologna Il Global Service di seconda generazione : le esperienze del Comune di Bologna Enzo Scudellari Ancona, 19 gennaio 2006 1 Lavori pubblici La logica dei lavori pubblici è quella della realizzazione, dietro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA COMUNE DI LANUSEI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 18/05/2006 TITOLO I - NORME GENERALI Indice

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore Territorio e Sviluppo Economico Allegato A STUDI DI FATTIBILITA - PROGRAMMA MANUTENZIONI INTERVENTI PIANO OPERE PUBBLICHE ANNO 2014 0. PREMESSE Il programma

Dettagli

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI Il programma garantisce il funzionamento degli uffici e dei servizi di carattere generale: tra questi i più importanti riguardano: a) la segreteria generale dell ente per

Dettagli

ALLEGATO b) ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 21 DEL 02.04.2015

ALLEGATO b) ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 21 DEL 02.04.2015 ATTO DI INDIRIZZO ANNO 2014 PER LA GESTIONE SPESE INVESTIMENTO E DI ALCUNI CAPITOLI DI SPESA CORRENTE 100 Segretario comunale Stampati, cancelleria ufficio segreteria 1221.049 1010202 100 Cassan Magda

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO APPALTO SERVIZI GESTIONE INTEGRATA DISCIPLINARE DI GARA ELABORATO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO CON LA CONSULENZA DI: Prof. Ing. Mauro Strada (Steam s.r.l.) e Ing.

Dettagli

Comune di Scandicci BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2014

Comune di Scandicci BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 Comune di Scandicci BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 Allegati - Quadri riassuntivi - Contributi comunitari - Funzioni delegate dalla Regione - Mutui - Personale QUADRO GENERALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO N 43 /III Sett. Data 07.05.2013 Aggiornamento annuale al 31/12/2012 dell inventario comunale dei beni mobili

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

COMUNE DI S.LORENZO ISONTINO

COMUNE DI S.LORENZO ISONTINO COMUNE DI S.LORENZO ISONTINO Stampa : Quadro generale Mutui Nome file : /home2/ascotweb/tmp/ascotweb/fmu10129.ist Eseguito da : PIACENTINIA Data della stampa : 01/07/2013 +---------------------------------------------------------+

Dettagli

3.4 - PROGRAMMA N AG AFFARI GENERALI N 17 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. GALASSO MARGHERITA. 3.4.1 -Descrizione del programma

3.4 - PROGRAMMA N AG AFFARI GENERALI N 17 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. GALASSO MARGHERITA. 3.4.1 -Descrizione del programma 3.4 - PROGRAMMA N AG N 17 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. GALASSO MARGHERITA AFFARI GENERALI 3.4.1 -Descrizione del programma Il programma AG00, il cui responsabile è la Dr.ssa Galasso,

Dettagli

Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito

Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito Autorità di Ambito Territoriale Ottimale del Servizio Idrico Integrato MARCHE SUD ASCOLI PICENO Viale Indipendenza n 42 63100 Ascoli Piceno Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE ED INDISPONIBILE DELL AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI PALERMO Allegato alla delibera n. 329 del 17/04/2015

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

IMPORTO BILANCIO DI OPERA / INTERVENTO DESCRIZIONE ALIENAZIONI FRONTALIERI PREVISIONE 2012 PROGRAMMA 1- RISORSE. progetto - politiche sul patrimonio

IMPORTO BILANCIO DI OPERA / INTERVENTO DESCRIZIONE ALIENAZIONI FRONTALIERI PREVISIONE 2012 PROGRAMMA 1- RISORSE. progetto - politiche sul patrimonio ANNO 2012 IMPORTO BILANCIO DI OPERA / INTERVENTO DESCRIZIONE ALIENAZIONI FRONTALIERI PREVISIONE 2012 CONTRIBUTI REGIONE, PROVINCIA E ALTRI ENTI PROVENTI DA ATTIVITA' TITOLO 4 TITOLO 4 TITOLO 4 TITOLO 4

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di urbanizzazione primaria deve essere assunto dai lottizzanti

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) www.comune.rosignano.livorno.it BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 ALLEGATO N. 15: Piano triennale 2015/2017 per la razionalizzazione dell utilizzo delle

Dettagli

Comune di Recanati ALLEGATO MUTUI TRIENNIO 2014/2016

Comune di Recanati ALLEGATO MUTUI TRIENNIO 2014/2016 Comune di Recanati ALLEGATO MUTUI TRIENNIO 2014/2016 FUNZIONE 1 - Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 2014 3010304 3010304002 Rimborso quota capitale prestito obbligazionario

Dettagli

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine

D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca UTC D.U.V.R.I. Sfalci e manutenzioni in varie zone cittadine DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE (art. 26 comma 3 del

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA COMUNE DI INVERSO PINASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 27/09/07

Dettagli

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI COMUNALI E STRUMENTALI, DELLE SOCIETA PARTECIPATE E PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

UNITA ORGANIZZATIVA TECNICA LAVORI PUBBLICI

UNITA ORGANIZZATIVA TECNICA LAVORI PUBBLICI Comune di Nave Unione dei Comuni della Valle del Garza UNITA ORGANIZZATIVA TECNICA LAVORI PUBBLICI Responsabile: Michele Rossetti PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PIANO DETTAGLIATO OBIETTIVI TRIENNIO 2014/2015/2016

Dettagli

I patti e le condizioni che regolano il rapporto della convenzione sono definiti nel seguente articolato.

I patti e le condizioni che regolano il rapporto della convenzione sono definiti nel seguente articolato. CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI A SEGUITO DI AFFIDAMENTO DI SERVIZI COMUNALI COMUNITA MONTANA DI VALLE SABBIA E IL COMUNE DI GAVARDO Vista la delibera

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE di Francesco Scriva Responsabile contratto Global Service Provincia di Genova 1. PRINCIPI E DEFINIZIONI Per poter affrontare la materia

Dettagli

SEZIONE 3 PROGRAMMI E PROGETTI

SEZIONE 3 PROGRAMMI E PROGETTI SEZIONE 3 PROGRAMMI E PROGETTI 43 Pag. 44 3.1 Considerazioni generali e motivata dimostrazione delle variazioni rispetto all'esercizio precedente La Relazione Previsionale e Programmatica anni 2011/2013

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO RURALE E PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA USO IRRIGUO COMUNE DI BIANZONE PROVINCIA DI SONDRIO Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 27.04.2011

Dettagli

ANALISI DEI PROGRAMMI

ANALISI DEI PROGRAMMI RIEPILOGO PROGRAMMI AA0000000000 BB0000000000 CC0000000000 DD0000000000 SETTORE AMMINISTRATIVO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI RESPONSABILE CONTABILE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE TECNICO E ASSETTO DEL

Dettagli

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno)

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DEL TERRITORIO COMUNALE DOCUMENTO UNICO DI

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI DOMUS DE MARIA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI DOMUS DE MARIA PROVINCIA DI CAGLIARI AREA TECNICA AL SEGRETARIO COMUNALE SEDE OGGETTO: PROCEDIMENTI AREA TECNICA Dal regolamento di organizzazione degli uffici e servizi approvato dalla Giunta

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE Art.1 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente Capitolato Speciale ha come oggetto la

Dettagli

PROGRAMMA N. 15: PER LA CASA E L ABITARE SOCIALE

PROGRAMMA N. 15: PER LA CASA E L ABITARE SOCIALE PROGRAMMA N. 15: PER LA CASA E L ABITARE SOCIALE 231 232 PROGETTO 15.1: ACCESSO ALLA CASA OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Politiche a favore del diritto alla casa Descrizione: Incentivazione

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME PER LA PRESA IN CARICO DELLE URBANIZZAZIONI Allegato B alla delibera di Consiglio Comunale n. 69 del 30/11/2011 Comune

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SANTA CROCE CAMERINA E LE DITTE PROPRIETARIE: xxxxxxx xxxxxxx PER L ATTUAZIONE DELLA PRESCRIZIONE ESECUTIVA DELLA ZONA OMOGENEA SOTTOZONA C2/8 E LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99

Comune di Rimini. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Comune di Rimini Allegato alla deliberazione di C.C. n. 203 del 16/12/99 Regolamento del Servizio Pubblico Globale di Gestione del Territorio del Comune di Rimini. Regolamento servizio pubblico globale.doc

Dettagli

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine Pag. 1 COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, PROVVISTE E SERVIZI (Approvato con deliberazione consiliare commissariale n. 48 dd. 29.11.2005) 1 Pag. 2

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate:

Le dotazioni strumentali anche informatiche che corredano le stazioni di lavoro degli uffici sono di seguito riportate: PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria 2008). ANNO 2012. AGGIORNAMENTO.

Dettagli

Inventario. Certificazione ISO:9001 per l Area Servizi

Inventario. Certificazione ISO:9001 per l Area Servizi Servizio di inventario dei beni mobili ed immobili e determinazione del conto del Patrimonio Il patrimonio, secondo una generale accezione, è costituito dal complesso dei rapporti attivi e passivi facenti

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970 CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO Data di nascita 13 febbraio 1970 Responsabile Area Tecnica e Tecnico Manutentiva del Comune di Lombardore (posizione D2) Tel. Ufficio:

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova VIABILITA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 2144/2014 Determina n. 1927 del 27/06/2014 Oggetto: DETERMINAZIONE A CONTRARRE LAVORI E FORNITURE DESTINATE AL MANTENIMENTO IN EFFICIENZA

Dettagli

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000)

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) COMUNE DI FAENZA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) Il presente lavoro è redatto e comunicato, ai sensi della citata normativa, per l adempimento degli obblighi propri

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

Città di Lecco Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136

Città di Lecco Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111- Fax. 286874 - C.F.00623530136 Città di Lecco Città di Lecco Piazza Diaz, 1 23900 Lecco (LC) Tel. 0341/ 481111 Fax. 286874 C.F.00623530136 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 225 Data : 10/04/2009 SETTORE: LAVORI PUBBLICI Servizio :

Dettagli

PREMESSA IL TERRITORIO

PREMESSA IL TERRITORIO PREMESSA La presente relazione accompagna il progetto esecutivo delle attività di pronto intervento diurno e notturno, feriale e festivo e la realizzazione di manutenzioni ordinarie delle reti, allacciamenti

Dettagli

AGGIORNAMENTO anno 2010

AGGIORNAMENTO anno 2010 Allegato alla delibera di G.C. n. 117 del 21/12/2010 PIANO TRIENNALE 2009-2011 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Il piano industriale deve contenere il flusso di cassa operativo secondo lo schema A1. La Commissione verifica la congruità del piano

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

1. PREMESSA Comune di San Giorgio del Sannio (BN)

1. PREMESSA Comune di San Giorgio del Sannio (BN) C O M U N E D I S A N G I O R G I O D E L S A N N I O ( P R O V. B N ) A G G I O R N A M E N T O I N V E N T A R I O E S E R C I Z I O F I N A N Z I A R I O 2 0 1 4 N O R M E D I R I F E R I M E N T O

Dettagli

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre.

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO PREMESSO che -

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE

PROGRAMMA N. 14: PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE PROGRAMMA N. 14: PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE 219 220 PROGETTO 14.1: INTEGRAZIONE CITTADINI DI ALTRI PAESI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Misure di accoglienza e di emergenza

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

AREA GOVERNO DEL TERRITORIO. Determinazione n. 344 Del 30/06/2014

AREA GOVERNO DEL TERRITORIO. Determinazione n. 344 Del 30/06/2014 ORIGINALE AREA GOVERNO DEL TERRITORIO Determinazione n. 344 Del 30/06/2014 OGGETTO: MANUTENZIONE AL PATRIMONIO COMUNALE. OPERE DA ELETTRICISTA. DETERMINAZIONE A CONTRATTARE. APPROVAZIONE CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

C O M U N E D I A I E L L I (PROVINCIA DI L AQUILA) UFFICIO TECNICO 67041 P.zza F. Angelitti P.iva 00098910664 TEL. 0863/78119 FAX 0863/789140

C O M U N E D I A I E L L I (PROVINCIA DI L AQUILA) UFFICIO TECNICO 67041 P.zza F. Angelitti P.iva 00098910664 TEL. 0863/78119 FAX 0863/789140 www.comunediaielli.it C O M U N E D I A I E L L I (PROVINCIA DI L AQUILA) UFFICIO TECNICO 67041 P.zza F. Angelitti P.iva 00098910664 TEL. 0863/78119 FAX 0863/789140 utc@comunediaielli.it PROGRAMMA DEI

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 PREMESSA Ai sensi di quanto previsto dal principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio

Dettagli

AREA TERRITORIO E SVILUPPO - SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI

AREA TERRITORIO E SVILUPPO - SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI COMUNE DI ARESE (CITTA' METROPOLITANA DI MILANO) 20020 Arese (MI) via Roma 2 / Tel. 02935271 / Fax 0293580465 / www.comune.arese.mi.it / P.Iva 03366130155 ORIGINALE DETERMINAZIONE N. 132/2015/4 DEL 06/08/2015

Dettagli

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12)

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12) 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Altri documenti preventivi Processo di formazione del preventivo Predisposizione dello schema di bilancio da parte dell esecutivo esecutivo. Processo:

Dettagli

Stampa Bilancio anno 2012

Stampa Bilancio anno 2012 Stampa Bilancio anno 2012 Cap. Art. Descrizione Ult. conto Prev. prec. In più In Meno Previsione 0 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0 34655,11 23970,62 0 58625,73 TIT. 1 ENTRATE CORRENTI SEZ. 01 QUOTE DI RIPARTO

Dettagli

La misurazione della qualità e delle prestazioni nel servizio idrico integrato: l esperienza dell AATO Medio Valdarno

La misurazione della qualità e delle prestazioni nel servizio idrico integrato: l esperienza dell AATO Medio Valdarno Roma 17 gennaio 2008 La misurazione della qualità e delle prestazioni nel servizio idrico integrato: l esperienza dell AATO Medio Autorità di Ambito Territoriale Ottimale Medio Sommario L ATO Medio Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 671 Data: 02-09-2011

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 671 Data: 02-09-2011 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 671-2011 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 671 Data: 02-09-2011 SETTORE : LAVORI PUBBLICI E

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REPERIBILITA ( approvato con deliberazione della Giunta municipale n. 211 del 29/05/2007) ART. 1 Oggetto del Regolamento. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

C O M U N E D I I G L E S I A S

C O M U N E D I I G L E S I A S C O M U N E D I I G L E S I A S Provincia Carbonia - Iglesias D E T E R M I N A Z I O N E D I R I G E N Z I A L E Numero 3322 del 29/12/2015 - Settore - Tecnico - Manutentivo Oggetto ORIGINALE Lavori di

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE A.F. 2012

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE A.F. 2012 RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE A.F. 2012 Il programma annuale è stato redatto, secondo quanto previsto dal Decreto Interministeriale n. 44 del 1 febbraio 2001, per attività e progetti. Nell imputare le

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI SETTORE PROMOZIONE SOCIALE

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI SETTORE PROMOZIONE SOCIALE COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI SETTORE PROMOZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI

Dettagli

presidio ospedaliero ''SS. Annunziata", attualmente facente capo all'asl n. 1 di Sassari destinato ad essere incorporato nella AOU di Sassari;

presidio ospedaliero ''SS. Annunziata, attualmente facente capo all'asl n. 1 di Sassari destinato ad essere incorporato nella AOU di Sassari; Allegato alla Delib.G.R. n. 31/9 del 17.6.2015 Linee di Indirizzo per la redazione dei piani di incorporazione e per le attività propedeutiche alla successione delle aziende ospedaliere nei rapporti attivi

Dettagli

3.4 - PROGRAMMA N.11 EDILIZIA SCOLASTICA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA

3.4 - PROGRAMMA N.11 EDILIZIA SCOLASTICA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA 3.4 - PROGRAMMA N.11 EDILIZIA SCOLASTICA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE ROBERTO ANELLI RESPONSABILE DOTT. ING. ANTONIO ZANNI 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA PROGETTAZIONE

Dettagli

Quorum è una società di property management che interviene nei processi destinati al miglioramento del reddito e del valore degli immobili.

Quorum è una società di property management che interviene nei processi destinati al miglioramento del reddito e del valore degli immobili. Quorum è una società di property management che interviene nei processi destinati al miglioramento del reddito e del valore degli immobili. Opera su tutto il territorio nazionale, dispone di strumenti

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE COMUNITÀ MONTANA DEI MONTI SABINI TIBURTINI CORNICOLANI PRENESTINI ENTE PUBBLICO LOCALE REGIONE LAZIO PROVINCIADI ROMA Via Tiburtina, n 2 00019 Tivoli (RM) CF 86000680586 CCP 55302004 Tel 0774/314712-3

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA CITTA' DI NARDO' Provincia di LECCE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA PER L'ESERCIZIO 2015 SEZIONE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL'ECONOMIA INSEDIATA E DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353

COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353 COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353 Dipartimento Tecnico Ambientale Servizio Lavori Pubblici Sicurezza sul lavoro - Attività Produttive Sportello

Dettagli

PROGRAMMA N.11 EDILIZIA SCOLASTICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA

PROGRAMMA N.11 EDILIZIA SCOLASTICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA 3.4 - PROGRAMMA N.11 EDILIZIA SCOLASTICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA AMMINISTRATORE COMPETENTE: PRESIDENTE ETTORE PIROVANO RESPONSABILE: ANTONIO ZANNI - GIUSEPPINA PETTINI 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Comune di Maddaloni Provincia di Caserta Piazza Matteotti, 9 C.A.P. 81024 cod Fisc: 80004330611 Partita IVA 00136920618

Comune di Maddaloni Provincia di Caserta Piazza Matteotti, 9 C.A.P. 81024 cod Fisc: 80004330611 Partita IVA 00136920618 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE/2013 Delibera n. 36 del 25/07/2013 Oggetto: Approvazione dell ipotesi di Bilancio stabilmente riequilibrato 2012 della Relazione e Programmatica e del Bilancio Pluriennale

Dettagli

COMUNE DI GERMAGNANO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI GERMAGNANO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI GERMAGNANO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI LAVORI, DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario

Dettagli

PROGRAMMA N. 7: POLITICHE FISCALI E IMPRENDITORIA COMUNALE

PROGRAMMA N. 7: POLITICHE FISCALI E IMPRENDITORIA COMUNALE PROGRAMMA N. 7: POLITICHE FISCALI E IMPRENDITORIA COMUNALE PROGETTO 7.1 POLITICHE FISCALI OBIETTIVI STRATEGICI PER IL TRIENNIO 2011-2013 Titolo obiettivo 1: Attività preparatorie per riforma tributi locali

Dettagli

La composizione dei consumi di utenze nel 2010

La composizione dei consumi di utenze nel 2010 LA GESTIONE DELLE UTENZE COMUNALI Relatore: Ing. Michele Mazzoni La composizione dei consumi di utenze nel 2010 Elettricità kwh 55.924.936 Gas metano mc 5.717.428 Gasolio lt 1.009.940 Acqua mc 1.507.985

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO COMUNE DI ORGIANO ALLEGATO PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO 2011 2012-2013 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli

RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 NOTA INTEGRATIVA

RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 NOTA INTEGRATIVA Viale Mirabellino 2, 20900 Monza (MB) www.reggiadimonza.it RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 NOTA INTEGRATIVA 1 INVENTARIO Il processo di armonizzazione contabile, impone una corretta gestione

Dettagli

il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha provveduto:

il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha provveduto: DELIBERAZIONE 22 GENNAIO 2015 10/2015/A ADESIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO ALLA CONVENZIONE STIPULATA DALLA SOCIETÀ CONSIP S.P.A. PER IL NOLEGGIO DI UNA AUTOVETTURA

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE.

REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE. Bollettino Ufficiale n. 42 del 21 / 10 / 2004 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 ottobre 2004, n. 11/R. Regolamento regionale recante: Utilizzo del fondo regionale di protezione civile. IL

Dettagli

METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO

METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO ALLEGATO I METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO DEI CESPITI 1 Introduzione, finalità ed ambito di applicazione Il presente manuale è rivolto al Gestore del S.I.I. con lo scopo di fornire le

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2, commi 594-599, Legge

Dettagli

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI STRUTTURA OPERATIVA AL 01/01/2015

ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI STRUTTURA OPERATIVA AL 01/01/2015 ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI STRUTTURA OPERATIVA AL 01/01/2015 DIREZIONE GENERALE Direttore Generale: BERTOZZI CINALBERTO Competenze: All intera organizzazione del Consorzio sovrintende il Direttore Generale

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli