CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRIGENTE DI STRUTTURA COMPLESSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRIGENTE DI STRUTTURA COMPLESSA"

Transcript

1 AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA POLICLINICO-VITTORIO EMANUELE CATANIA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRIGENTE DI STRUTTURA COMPLESSA (ART. 1 D.D.G 3245 DEL 30/12/2009)

2 INDICE 1. DENOMINAZIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE DA SVOLGERSI PRESSO L AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO VITTORIO EMANUELE CATANIA 2. OBIETTIVI E RISULTATI ATTESI 3. NUMERO PARTECIPANTI 4. SOGGETTO REALIZZATORE DELLE ATTIVITA FORMATIVE 5. STRUTTURA E CONTENUTI DEL CORSO 2

3 1. DENOMINAZIONE DELLE ATTIVITA' FORMATIVE DA SVOLGERSI PRESSO L AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA POLICLINICO VITTORIO EMANUELE DI CATANIA Corso di formazione manageriale per Dirigenti di struttura complessa (ai sensi del punto 3) dell art. 1 del D.D.G del 30/12/2009) 2. OBIETTIVI E RISULTATI ATTESI Il Corso per la formazione manageriale di dirigenti di struttura complessa si propone di formare e consolidare la capacità gestionale, organizzativa e di direzione dei dirigenti al fine di promuovere la gestione efficiente dell Azienda e delle sue articolazioni organizzative, e una programmazione di servizi sempre più rispondenti ai bisogni sanitari della popolazione. In particolare, l'obiettivo del Corso è di far acquisire ai partecipanti una base comune di competenze sui processi decisionali e sui sistemi di gestione, coerenti con le odierne esigenze delle organizzazioni sanitarie. Il Corso intende, quindi, contribuire a sviluppare una capacità di interpretazione economica dei problemi aziendali, e di decisione razionale, coerente con le finalità perseguite dal sistema sanitario nel suo complesso. Coerentemente con tale obiettivo, il Corso offrirà un bagaglio di conoscenze economico-aziendali e di carattere legislativo, nonché una metodologia per affrontare e progettare soluzioni dei problemi organizzativi e gestionali, tipici di un'azienda sanitaria. In particolare, il Corso garantirà una conoscenza avanzata ed aggiornata dei principi di organizzazione e gestione dei servizi sanitari, degli indicatori di qualità dei servizi sanità pubblica, della gestione delle risorse umane, dei criteri di finanziamento e degli elementi di bilancio e controllo, rilevanti per la gestione delle aziende sanitarie. 3. NUMERO PARTECIPANTI Il numero massimo dei partecipanti al Corso è di 30, così come previsto dall'art. 8 del D.D.G. 3245/2009. Qualora il numero degli iscritti fosse superiore a quello sopra indicato, saranno realizzate più edizioni dell'intervento formativo proposto. 4. SOGGETTO REALIZZATORE DELLE ATTIVITA FORMATIVE Il Corso sarà realizzato a cura dell Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico Vittorio Emanuele di Catania in collaborazione con il Dipartimento di Economia e Metodi Quantitativi (DEMQ) dell Università degli Studi di Catania, che fornisce il supporto tecnico per la progettazione del Corso. Il DEMQ è un Dipartimento universitario, composto da docenti delle Facoltà di Economia e Giurisprudenza dell'università di Catania. Il Dipartimento vanta una consolidata tradizione di ricerca nelle discipline dell'economia pubblica, dell'economia dello sviluppo, della teoria delle decisioni e dell'analisi finanziaria. Al Dipartimento fa capo il programma di Dottorato di ricerca in Economia Pubblica (già Dottorato di ricerca in Economia Sanitaria). In passato, il 3

4 DEMQ ha curato la realizzazione di due edizioni di un analogo Corso di formazione manageriale per l Azienda USL 8 di Siracusa. All'interno del DEMQ, viene svolta un ampia attività di ricerca nelle tematiche dell'economia sanitaria. Sono state svolte ricerche di rilevanza nazionale e internazionale, finanziate dal Ministero della Salute e dalla UE, in collaborazione con aziende sanitarie e con alcuni assessorati regionali alla sanità, sono stati sottoscritti protocolli di intesa ed accordi di collaborazione con aziende sanitarie, con l'ordine dei medici e con la Federfarma per lo svolgimento di attività formative e di attività di ricerca. La direzione del Corso sarà affidata al Prof. Giacomo Pignataro, Professore ordinario di Economia sanitaria presso la Facoltà di Economia dell Università di Catania. Il Prof. Pignataro, attualmente Vice Presidente dell Associazione Italiana di Economia Sanitaria, è stato Coordinatore del Corso di Formazione Avanzata in Dirigenza delle Aziende Sanitarie e del Master universitario in economia e management delle aziende sanitarie, della Scuola Superiore di Catania, nonché Direttore del Corso di formazione manageriale per dirigenti di struttura complessa, organizzato dall Azienda USL 8 di Siracusa. 5. STRUTTURA E CONTENUTI DEL CORSO 5.1 Struttura del corso. Il corso avrà una durata di 4 mesi circa, articolato in 25 giornate, con un impegno giornaliero di 5,5 ore, dalle 14,30 alle 20,00. Il numero di ore di attività didattica frontale previsto è di 137,5, articolate in moduli didattici, raggruppati in tre ambiti, come indicato nel successivo paragrafo, comprendenti attività didattiche teoriche e pratiche (presentazione di casi-studio, esercitazioni, simulazioni di decisioni aziendali, utilizzo di database ecc.) e seminari con partecipazione di esperti. Alla fine del corso è prevista la redazione di un project-work, che conterrà l elaborazione di un idea progettuale, relativa all attività dell Unità operativa di appartenenza dei partecipanti, e lo studio della sua fattibilità. 4

5 5.2 Programma didattico. Il programma didattico del corso è articolato in tre parti. In una prima parte, il ruolo e la funzione dell'azienda sanitaria saranno analizzati nell'ambito delle finalità e delle caratteristiche del sistema sanitario di cui essa è parte. In particolare, si fornirà un quadro interpretativo generale dell'organizzazione dei sistemi sanitari, individuandone l'articolazione fondamentale e le possibili caratterizzazioni in termini di efficienza ed equità, soprattutto con riferimento ai flussi finanziari interni al sistema. Nel quadro delle riforme che hanno contraddistinto il sistema sanitario italiano, saranno, quindi, considerati la configurazione istituzionale delle aziende sanitarie e i problemi organizzativi fondamentali che essa oggi affronta. Nella seconda parte, saranno trattati gli aspetti fondamentali delle strategie aziendali orientate al miglioramento della qualità e dell appropriatezza dell attività sanitaria, e le metodologie per l implementazione di tali strategie anche attraverso attività di progettazione. La terza parte si occuperà di analizzare ed applicare gli strumenti di gestione, da quelli di natura contabile a quelli relativi alla valutazione economica, dalla gestione delle risorse umane alla comunicazione aziendale. Di seguito si fornisce un quadro sinottico dell'organizzazione modulare dell'attività didattica, al quale seguono schede riassuntive dei contenuti didattici e dell'organizzazione dell'attività didattica di ciascun modulo. Moduli Ore I) L'azienda sanitaria nel sistema sanitario Economia della salute e organizzazione dei 11 sistemi sanitari Il sistema delle relazioni tra aziende sanitarie 11 e SSR II) Le scelte strategiche aziendali e l implementazione organizzativa L'azienda sanitaria pubblica e la sua gestione 16,5 organizzativa Il management della qualità e del rischio Parte I: Risk management e responsabilità 22 professionale 16,5 Parte II: Qualità e appropriatezza III) Gli strumenti per la gestione delle aziende sanitarie Statistica sanitaria ed epidemiologia 22 Sistemi di programmazione e controllo nelle 16,5 aziende sanitarie Valutazione delle tecnologie sanitarie 5,5 Organizzazione aziendale, gestione delle 16,5 risorse umane e comunicazione 5

6 5.3 Contenuti dei moduli didattici I) L azienda sanitaria nel sistema sanitario MODULO 1 ECONOMIA DELLA SALUTE E ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI SANITARI Obiettivi: Il modulo introduce l'approccio economico all'interpretazione dei principali problemi affrontati da ogni sistema sanitario e alla individuazione delle loro possibili soluzioni. Il problema economico fondamentale alla base della trattazione dei temi discussi nel modulo è quello della scarsità delle risorse necessarie per soddisfare i bisogni di una collettività e delle scelte da compiere per allocare tali risorse, selezionando i bisogni. Saranno illustrati i diversi sistemi per organizzare il finanziamento, la produzione e l'accesso ai servizi sanitari da parte di coloro che ne fanno domanda. Il modulo trasmetterà la consapevolezza dei valori coinvolti nei diversi modelli di organizzazione dei sistemi sanitari, attraverso l'analisi della natura delle differenze fondamentali tra i sistemi sanitari di alcuni paesi. Contenuti: 1. Organizzazione dei sistemi sanitari (5,5 ore) - schema generale di organizzazione di un sistema sanitario: finanziamento, produzione e ruolo degli assicuratori; - finanziamento e accesso ai servizi in diversi modelli: modello assicurativo privato modello assicurativo sociale modello SSN - Analisi comparata della performance dei sistemi sanitari dei paesi industrializzati; - Le riforme dei sistemi sanitari internazionali; Docente: Prof. Romilda Rizzo, Professore di Scienza delle finanze dell Università di Catania 2. Il Servizio Sanitario Nazionale: assetti organizzativi e finanziari (5,5 ore) - L evoluzione del SSN; - I livelli di governo del SSN; - Riforme: dall introduzione dei DRG ai costi standard; 6

7 Docente: Prof. Calogero Guccio, Ricercatore di Scienza delle finanze dell Università di Catania Distribuzione delle attività formative del modulo Attività formative Ore Lezioni 7 Esercitazioni 2 Lavoro di gruppo assistito 2 Totale 11 MODULO 2 IL SISTEMA DELLE RELAZIONI TRA AZIENDE SANITARIE E SSR Obiettivi: Il modulo approfondisce il sistema delle relazioni organizzative e finanziarie tra le aziende sanitarie e i governi regionali, e fornisce un quadro delle specificità del rapporto tra l Università e le Regioni, nonché del sistema di finanziamento delle prestazioni ospedaliere nella nostra Regione. Contenuti: 1. Le aziende sanitarie nel Servizio Sanitario regionale (5,5 ore) - Il rapporto tra la Regione, le Aziende Sanitarie Regionali e gli altri soggetti erogatori: duplice ruolo regionale: tutela/regolazione del SSR e holding delle aziende sanitarie regionali; rapporto tra le due funzioni e le conseguenze nel sistema di regolazione di mercato e nei rapporti con le aziende sanitarie; assetto del SSR: ASP e AO La regolazione dei rapporti tra Regioni e Università: i protocolli di intesa Docente: Prof.Giacomo Pignataro, Professore di Scienza delle finanze dell Università di Catania 7

8 2. Finanziamento della rete ospedaliera regionale (5,5 ore) - Il sistema DRG per la remunerazione delle prestazioni ospedaliere nella Regione Siciliana; - Il meccanismo tariffario in ambito ospedaliero e sue implicazioni; - Strumenti di controllo della spesa: un quadro dei provvedimenti regionali in ambito tariffario; Docente: Prof. Calogero Guccio, Ricercatore di Scienza delle finanze dell Università di Catania Distribuzione delle attività formative del modulo Attività formative Ore Lezioni 11 Totale 11 II) Le scelte strategiche aziendali e l implementazione organizzativa MODULO 3 L'AZIENDA SANITARIA PUBBLICA E LA SUA GESTIONE ORGANIZZATIVA Obiettivi: Il Modulo si propone di analizzare il ruolo e le caratteristiche organizzative di una moderna azienda sanitaria pubblica nel contesto dell attuale sistema sanitario, e data la sua tipica configurazione giuridica e istituzionale. Saranno, quindi, analizzati i riflessi organizzativi sulle strutture interne all azienda e sul contenuto della responsabilità di chi dirige tali strutture. In relazione a quest ultimo aspetto, il modulo intende fornire un approccio metodologico alla gestione dei progetti e all adesione degli assetti organizzativi ai disegni strategici. Contenuti: 1. L azienda sanitaria pubblica (5,5 ore) - Natura e caratteristiche organizzative dell azienda sanitaria pubblica; - La macrostruttura aziendale: struttura e assetti organizzativi; - L organizzazione dipartimentale; - Analisi e progettazione delle strutture a livello micro organizzativo; 8

9 Docente: Prof. Marco Meneguzzo, Professore di Economia Aziendale, Università di Roma Tor Vergata 2. Organizzazione e gestione dei progetti (5,5 ore) - Introduzione sul ruolo del project-management nel settore sanitario; - Organizzazione di progetto: ruoli e responsabilità; - Svolgimento di progetto; - Aspetti fondamentali del controllo di un progetto: tempi, risultati e costi; Docenti: Prof. Marco Meneguzzo, Professore di Economia Aziendale, Università di Roma Tor Vergata; dr.ssa Antonella D Adamo Università di Roma Tor Vergata 3. Assetti organizzativi e disegni strategici nell azienda sanitaria pubblica (5,5 ore) - Introduzione; - Aspetti legislativi; - Prassi metodologiche; - Casi studio; Docente: Dr.ssa Gloria Fiorani Università di Roma Tor Vergata. Distribuzione delle attività formative del modulo Attività formative Ore Lezioni 10 Esercitazioni 3 Lavoro di gruppo assistito 3,5 Totale 16,5 9

10 MODULO 4 IL MANAGEMENT DELLA QUALITA E DEL RISCHIO Obiettivi: Le sfide più importanti per le moderne aziende sanitarie riguardano la qualità delle proprie prestazioni e la loro appropriatezza. Il Modulo si prefigge l obiettivo di analizzare tali sfide, individuando gli strumenti e le scelte che coinvolgono la responsabilità dei dirigenti delle strutture interne all azienda al fine di migliorare qualità e appropriatezza delle prestazioni erogate. Il dirigente medico è personalmente responsabile della qualità e della sicurezza delle prestazioni nei confronti dei propri pazienti. Tale responsabilità ha, peraltro, effetti sul comportamento del medico (c.d. medicina difensiva) e, spesso, sull appropriatezza delle prestazioni. Il Modulo intende approfondire i diversi elementi di questa responsabilità, al fine di delimitarne i contenuti e di migliorare la consapevolezza dei partecipanti delle principali norme, degli orientamenti giurisprudenziali e di discutere, in relazione ad essi, il comportamento più appropriato. Infine, sarà preso in considerazione anche il percorso progettuale e organizzativo per l accreditamento delle strutture sanitarie. Contenuti: Parte I : Risk management e responsabilità professionale 1. Risk management nel settore sanitario (11 ore) - Definizione e gestione del rischio in ambito clinico; - Metodologie per la gestione del rischio; - L uso delle linee guida cliniche; Docenti: Dott. Ottavio Nicastro, Agenzia Sanitaria e Sociale Regione Emilia Romagna, Area Qualità e Accreditamento, referente del Programma Gestione del Rischio Dott. Renata Cinotti, Responsabile Area Accreditamento e qualità Agenzia Sanitaria e Sociale Regione Emilia-Romagna 2. Le responsabilità professionali del personale sanitario (11 ore) - Progetto terapeutico e consenso. L amministratore di sostegno; - Condotta professionale medica e colpa professionale: profili medici e profili giuridici; - Causalità ed evento in materia di colpa professionale medica; - L urgenza/emergenza e l intervento sanitario non terapeutico; Docente: Dott. Gaetano Siscaro, Sostituto Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Catania 10

11 Parte II: Qualità e appropriatezza 3. I sistemi di accreditamento (11 ore) - L autorizzazione, l accreditamento e la certificazione delle aziende di servizi sanitari; - L accreditamento delle strutture sanitarie: le linee guida ministeriali; - I provvedimenti regionali di definizione dei requisiti per l accreditamento: le fasi e i tempi di attuazione; - L accreditamento del sistema aziendale secondo l approccio Joint Commission; Docenti: Dott. Gaetano Sirna, Direttore Sanitario dell Azienda Ospedaliero- Universitaria Policlinico- Vittorio Emanuele di Catania Dott. Vincenzo Parrinello, Responsabile Qualità e rischio clinico dell Azienda Ospedaliero- Universitaria Policlinico-Vittorio Emanuele di Catania 4. L uso appropriato dei farmaci (5,5 ore) - La politica dei farmaci e dei presidi; - Modalità e strumenti di contenimento della spesa farmaceutica; Docente: Prof. Achille Caputi, Professore di Farmacologia dell Università di Messina Distribuzione delle attività formative del modulo Attività formative Ore Lezioni 22 Esercitazioni 8 Lavoro di gruppo assistito 8,5 Totale 38,5 11

12 MODULO 5 STATISTICA SANITARIA ED EPIDEMIOLOGIA Obiettivi: Il Modulo si propone di richiamare i concetti fondamentali della statistica di base e dell epidemiologia per fornire le competenze necessarie per effettuare un analisi completa ed esaustiva dei dati a disposizione. In particolare, si mostrerà ai partecipanti, come, a partire dai dati disponibili in sanità sia possibile descrivere un fenomeno in modo sempre più completo fino a giungere alla definizione di un modello interpretativo, sulla base del quale poter effettuare delle previsioni. Contenuti: 1. Elementi di statistica ed epidemiologia (11 ore) - Statistica descrittiva ed esplorazione dei dati; - La correlazione e la regressione lineare semplice; - Indicatori statistici di attività; Docenti: Prof. Salvatore Sciacca, Professore di Igiene dell Università di Catania Dott. Marine Castaing, Istituto di Igiene e Sanità Pubblica dell Università di Catania 2. Epidemiologia clinica ed Evidence Based Medicine (5,5 ore) - Misure epidemiologiche ed elementi di demografia sanitaria; - La EBM; - L uso delle banche dati di letteratura EBM; Docente: Prof. Alessandro Liberati, Professore di Statistica medica dell Università di Modena e Reggio Emilia 3. Sistemi di classificazione e di codificazione delle attività cliniche (5,5 ore) - ICD-9-CM; - DRG; - APR-DRG; - ACC; Docente: Dott. Laura Arcangeli, Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli di Assistenza e dei Principi Etici di Sistema del Ministero della Salute 12

13 Distribuzione delle attività formative del modulo Attività formative Ore Lezioni 17 Esercitazioni 5 Totale 22 13

14 MODULO 6 SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO NELLE AZIENDE SANITARIE Obiettivi: Il modulo si pone l obiettivo di studiare la generazione, la cognizione dei flussi informativi e l implementazione di adeguati sistemi amministrativo-contabili e di programmazione e controllo, attraverso i quali si realizza, in generale, la formulazione e la gestione manageriale delle linee strategiche fissate dalle aziende sanitarie. Nel modulo, l attività delle aziende sanitarie viene interpretata e discussa, attraverso l esplicitazione dei processi amministrativi, anche in riferimento ai principi ed alle risultanze di contabilità analitica e di programmazione budgetaria, ed in riferimento alle esigenze complessive del controllo, dedicando ampio spazio alle modalità di progettazione dei sistemi informativi, alla misurazione della performance, in particolare dell efficienza, alla creazione dei sistemi di reporting e quindi all'utilizzo delle informazioni da parte della direzione. Contenuti: 1. La dinamica aziendale e le attività gestionale nelle aziende sanitarie pubbliche (5,5 ore) - L azienda sanitaria: identificazione dei processi per l analisi ed il controllo; - Il sistema degli equilibri aziendali e il sistema informativo; - Programmazione gestionale e i flussi informativi; Docente: Dr. Pierluigi Catalfo, Ricercatore di Economia Aziendale dell Università di Catania. 2. Pianificazione strategica e pianificazione di gestione attraverso il budget (5,5 ore) - La logica di funzionamento e il procedimento operativo; - I modelli di formazione: stili direzionali e flussi informativi per la costruzione del budget; - Il valore strategico del budget e il processo decisionale; Docente: Dr. Manuel Festuccia Università di Roma Tor Vergata. 3. Le informazioni per la gestione e il sistema di reporting (5,5 ore) - Il processo e il valore delle informazioni; - La comunicazione interna e la qualità dei dati; - La comunicazione interna in funzione del processo decisionale; 14

15 - Controllo strategico e il sistema di reporting; Docente: Dr Corrado Cuccurullo Università di Roma Tor Vergata. Distribuzione delle attività formative del modulo Attività formative Ore Lezioni 12 Esercitazioni 2 Lavoro di gruppo assistito 2,5 Totale 16,5 15

16 MODULO 7 VALUTAZIONE DELLE TECNOLOGIE SANITARIE Obiettivi: Il Modulo introduce le principali problematiche metodologiche relative alle tecniche di valutazione economica utilizzate nella letteratura. Il Modulo si prefigge l obiettivo di illustrare i diversi metodi di valutazione economica esistenti, di descriverne vantaggi e svantaggi e di trasmettere ai partecipanti la capacità di operare una scelta accurata del metodo più adatto in relazione al problema che si vuole affrontare. Contenuti: 1. Health Technology Assessment (5,5 ore) Docente: Prof. Lorenzo Lupo, Direttore del Presidio ospedaliero Policlinico Gaspare Rodolico dell Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico- Vittorio Emanuele di Catania Distribuzione delle attività formative del modulo Attività formative Ore Lezioni 4 Esercitazioni 1,5 Totale 5,5 16

17 MODULO 8 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE, GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E COMUNICAZIONE Obiettivi: Il modulo si prefigge di analizzare la progettazione e la messa in atto di sistemi di gestione, finalizzati a valorizzare competenze e conoscenze ed a favorire processi di trasferimento e diffusione del know how nell ambito di istituzioni sanitarie. Il modulo è, conseguentemente, focalizzato sui processi di progettazione dell'organizzazione aziendale, di programmazione di carriera, di sviluppo e formazione del personale, sui sistemi premianti e sulla valutazione del personale, nonché sulle strategie di comunicazione all interno e all esterno delle aziende. Contenuti: 1. Il quadro di riferimento della gestione delle risorse umane (5,5 ore) - La gestione degli organici; - La gestione dei conflitti intra-aziendali; - La centralità dei profili professionali; - La remunerazione variabile; - Il sistema di ricompense; - Il collegamento tra budget e sistemi incentivanti Docente: Dr.ssa Antonella D Adamo, Università di Roma Tor Vergata 2. La riqualificazione della spesa per il personale e sistema premiale (5,5 ore) - Il sistema di valutazione del personale; - La definizione del grado di autonomia; - Ruolo centralità e qualità della contrattazione collettiva; - Gestione degli istituti contrattuali; Docente: dr.ssa Antonella D Adamo Università di Roma Tor Vergata 3. Contrattazione e negoziazione con il personale nel settore sanitario (5,5 ore) - Introduzione, lo scenario; - La complessità del rapporto negoziale; - Il processo negoziale; - La tipologia delle situazioni negoziali tipiche e strategie di approccio; 17

18 Docenti: (gruppo) Prof. Marco Meneguzzo, Professore di Economia Aziendale, Università di Roma Tor Vergata; Dr.ssa Antonella D Adamo Università di Roma Tor Vergata Distribuzione delle attività formative del modulo Attività formative Ore Lezioni 12 Esercitazioni 2 Lavoro di gruppo assistito 2,5 Totale 16,5 18

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE 1 1 LEGGE REGIONALE 23 dicembre 2004, n. 29 #LR-ER-2004-29# NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R.

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti di L.Va. pdf L indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn Questa

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Parc Hotel Villa Immacolata

Parc Hotel Villa Immacolata SEMINARIO di presentazione del corso: USO EFFICIENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE: L AZIENDA E L ENERGY MANAGEMENT Pescara, 13 Marzo 2009 Segreteria organizzativa Centro Congressi Strada Comunale San Silvestro,

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani \ Regione Siciliana Azienda Sanitaria Provinciale Trapani Documento di Organizzazione Direzione Amministrativa Direzione Generale Direzione Sanitaria Staff Direzionale TP 1 Distretto Ospedaliero TP 2 Distretto

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli