L assistenza del consulente psicologo alle indagini difensive dell avvocato: l esame testimoniale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L assistenza del consulente psicologo alle indagini difensive dell avvocato: l esame testimoniale"

Transcript

1 Fondazione Guglielmo Gulotta di Psicologia Forense e della Comunicazione - Onlus L assistenza del consulente psicologo alle indagini difensive dell avvocato: l esame testimoniale Dott.ssa Chiara Vercellini Laureata in Psicologia Tutor di riferimento: Dott.ssa Ylenia Manni

2 Abstract Il presente lavoro indaga il contributo che il consulente psicologo può fornire all avvocato durante la fase delle indagini difensive. In relazione alla legge 397/2000, che disciplina tale materia, viene presentato l ambito operativo dell esperto in psicologia della testimonianza e, alla luce di ciò, è illustrato un caso reale, in cui il contributo del consulente tecnico è stato determinante. 2

3 INDICE Introduzione... pag 4 Capitolo 1. Le indagini difensive Premessa... pag 6 1. Le indagini difensive... pag L incarico professionale, i termini e il mandato... pag Le modalità operative... pag Gli elementi di prova a contenuto dichiarativo... pag L utilizzazione della documentazione delle investigazioni difensive... pag 9 2. Il ruolo del consulente tecnico... pag Prima della legge 397/ pag Nel codice attuale... pag 10 Capitolo 2. Il consulente psicologo Premessa... pag La figura del consulente psicologo in campo investigativo... pag La normativa sull assunzione delle sommarie informazioni... pag La psicologia della testimonianza... pag La testimonianza... pag I fattori di influenza... pag L attendibilitàpag... pag Il ruolo dell intervistatore... pag Scoprire le menzogne... pag Il contenuto verbale... pag Le risposte fisiologiche... pag Il comportamento non verbale... pag 22 Capitolo 3. Dalla teoria alla pratica 1. Il caso... pag La strategia delle indagini difensive... pag Il ruolo dello psicologo... pag 26 Conclusione... pag 28 3

4 Introduzione Sono esploratori cattivi quelli che pensano che non ci sia terra se vedono solo il mare. Francis Bacon In Italia, la figura dello psicologo esperto in psicologia giuridica, che lavora nel campo investigativo è ancora guardata con diffidenza (Gulotta, 2008), sia da parte degli appartenenti alle forze dell ordine (Volpini, Tucciarone, De Leo, 2006), sia da parte degli attori (avvocati e giudici) del procedimento giudiziale (Rossi, Zappalà, 2005). Attualmente, la psicologia viene vista, per lo più, come disciplina utile alla formazione, selezione e sostegno degli investigatori; oppure impiegata in ambito forense, con fini peritali e valutativi. Non è ancora percepita una sua utilità, con un ruolo attivo e stabile di uno psicologo all interno del team investigativo (Gulotta 2008). In realtà, sia i campi applicativi della psicologia al settore criminologico e giudiziario, sia i suoi metodi possono rivelarsi numerosi e di notevole interesse, trovando sempre più ampie possibilità di utilizzo. Per esempio, uno degli ambiti che maggiormente può sfruttarne i contributi è quello investigativo, ambito che, soprattutto negli ultimi decenni, ha avuto un forte input e una forte risonanza, anche a livello pubblico, soprattutto grazie alle analisi condotte, negli Stati Uniti, dal Federal Bureau of Investigation (Picozzi, Zappalà, 2002). Ma non si deve dimenticare che già alcuni primissimi studi di psicologia giudiziaria italiani presentavano alcune brillanti intuizioni sul tema. Basti ricordare, ad esempio, l opera di F. Ferracuti, Appunti di psicologia giudiziaria (Scuola Ufficiali Carabinieri, 1959), in cui l autore accennava agli errori di valutazione in cui può incorrere l esaminatore della scena del crimine in base ai suoi processi psichici. La figura dello psicologo, infatti, nel mondo giuridico e forense, può essere investita di ruoli diversi. Ad esempio, nelle aule di tribunale, lo si può trovare impegnato nel ruolo perito (anche per le audizioni protette, in particolare quando siano coinvolti soggetti minorenni) e lo si ascolta come consulente tecnico d ufficio e/o di parte e come teste. In ambito carcerario, d altro canto, lo psicologo può essere l esperto per la valutazione, il sostegno e/o il trattamento dei detenuti (esperto ex art. 80 Legge 354/75). Infine, ma non ultimo, gli psicologi impegnati in ambito di ricerca e di formazione hanno il compito di studiare l applicazione della psicologia alla legge, le conseguenze della violenza sulla psicologia delle vittime, gli autori di reato e la loro psicologia/comportamento, la psicologia della giuria e la psicologia della testimonianza. Tutto ciò, insieme allo studio della credibilità e della menzogna, può rappresentare una parte degli strumenti che gli psicologi, impegnati in ambito giuridico e forense, utilizzano. 4

5 Inoltre, con l entrata in vigore della legge 397/2000 (Attività investigativa del difensore), l avvocato si trova nella situazione di evolversi e di cimentarsi nell attività investigativa, ambito per lui nuovo, per affrontare al meglio i momenti decisionali delle scelte processuali. Deve, inoltre, saper sfruttare quelle conoscenze tecniche e cognitive che gli consentano di rispondere alle nuove necessità professionali e di indagine (Gulotta, 2003). In merito a ciò, la suddetta legge si rivela decisamente utile ed utilizzabile nel concreto, in particolare attraverso la presenza di consulenti e esperti in materia investigativa e nelle scienze forensi, i quali si ritrovano ad operare in un ruolo con funzione investigativa. Date queste premesse, pertanto, non si può non pensare allo psicologo quale esperto in scienze forensi, criminali, investigative che possa trovare uno spazio nella fase di indagine di un procedimento penale e di come il lavoro da lui svolto possa poi potenzialmente essere utilizzato e trovare spazio nel giudizio vero e proprio. Scopo del presente lavoro, quindi, è fornire uno stimolo, una proposta da cui partire per osservare il ruolo dello psicologo nel mondo delle investigazioni, con particolare riferimento all ambito operativo del consulente tecnico in ausilio alle indagini difensive che l avvocato può svolgere al fine di trovare elementi di prova a favore del suo assistito. La psicologia investigativa, infatti, sfrutta differenti strumenti per rispondere, in relazione ad eventi umani, a domande di questo tipo: «Cosa è successo?» «Cosa sta succedendo?» «Cosa potrebbe succedere?» «Come?» «Perché?» (Gulotta e coll., 2000). La metodologia delle indagini riguarda sì le persone, i sospetti autori di reato, ma soprattutto deve esaminare le situazioni umane ed interpersonali (Jorgesen, 1989). E la ricerca investigativa, oltre ad avere lo scopo di trovare le prove, ha anche la funzione di descrivere e spiegare (Gulotta, 2008). Inoltre, come affermano nel loro lavoro Volpini, Tucciarone e De Leo (2006), la psicologia investigativa può dimostrarsi utile per risolvere, o comunque ridurre, le carenze e gli errori, spesso presenti nel campo dell investigazione. Tutto ciò può essere ben riassunto affermando che: Lo psicologo-investigatore e lo psicanalista sono come archeologi che raccolgono frammenti sparsi e stabiliscono un collegamento fra la realtà che non c è più e la realtà soggettiva del paziente o dell autore del reato (Gulotta, 2008). 5

6 Capitolo 1 Le indagini difensive Premessa Le indagini difensive, ovvero il diritto di difendersi provando. Tale diritto è uno dei principi cardine e maggiormente significativi, non solo di un ordinamento processuale penale di stampo accusatorio, ma anche di ogni ordinamento che voglia essere garantista e rispettoso del diritto alla difesa, nonché del principio del contraddittorio. Un primo cenno di questa legge si ritrova nell art. 38 disp. att. c.p.p. (Facoltà dei difensori per l esercizio del diritto alla prova), ora abrogato, ma la codificazione delle indagini difensive è stata introdotta dalla legge 397 del 7 dicembre 2000, nel libro quinto del codice di procedura penale (Indagini preliminari e udienza preliminare), più precisamente all articolo 327bis (Attività investigativa del difensore) e nel nuovo titolo VI bis, contenente gli articoli dal 391bis al 391decies, che ne disciplinano l oggetto, le modalità e i termini. La ratio si configura sia nell estensione delle garanzie e per la realizzazione del principio di parità tra le parti del procedimento, sia nella ricerca e nell individuazione di elementi di prova, attraverso le modalità previste dal codice, affinché possano essere introdotti nel processo penale. Si evidenzia, in questo modo, il radicale cambiamento di metodologia di difesa che il codice Zanardelli (1989) propone, rispetto al codice Rocco del 1930: una difesa attiva, a partire dalla fase pre-processuale delle indagini preliminari, e non più una difesa passiva di attesa delle mosse del pubblico ministero, evidenziando, così, l aspetto dinamico della difesa. Al difensore vengono attribuiti molteplici poteri investigativi, che precedentemente erano riconosciuti esclusivamente alla pubblica accusa e sono imposte delle chiare regole di documentazione delle attività difensive svolte. Tutto ciò al fine di garantire un grado di affidabilità pari a quello relativo ai risultati delle indagini che la pubblica accusa pone al vaglio del giudice. 1. La normativa 1.1 L incarico professionale, i termini e il mandato L art. 327bis fa riferimento all incarico professionale, sancendo, attraverso il primo comma che il difensore (sia di fiducia che d ufficio) ha la facoltà di svolgere investigazioni al fine di ricercare ed individuare elementi di prova a favore del proprio assistito, nel rispetto delle forme e degli scopi indicati dalle disposizioni contenute nel titolo VI bis del libro V del codice. Il secondo comma, invece, stabilisce che questo incarico può aver luogo in ogni stato e grado del procedimento ed, esaurito il processo, in fase di esecuzione penale e per promuovere un giudizio di revisione. Il terzo 6

7 comma, infine, specifica che il difensore ha la possibilità di delegare, con apposito incarico, l attività di indagine difensiva, o parte di essa, ad un suo sostituto, ad un investigatore privato autorizzato o, nel caso siano necessarie specifiche competenze, ad un consulente tecnico. È certo, però, che l unico soggetto titolare del diritto alle investigazioni rimane il difensore, avendo la responsabilità per la direzione e il controllo delle indagini difensive, anche quando queste vengono svolte da suoi incaricati (Triggiani, La l. 7 dicembre 2000 n. 397: prime riflessioni, in Cass. pen. 2001, 2274). Infine, data la genericità dell art 327bis, che parla semplicemente di assistito, si può affermare che tutte le parti private nel processo penale possono avvalersi delle investigazioni difensive. Sempre il comma 1 del citato articolo, prevede che l avvocato difensore, che intenda svolgere indagini a favore del proprio assistito, debba essere officiato da quest ultimo con un apposito mandato, risultante da atto scritto. Non vengono, però, richieste particolari formalità per il rilascio di tale mandato e non vengono prescritte speciali indicazioni riguardo il suo contenuto. Il mandato, pertanto, dovrà essere rilasciato nel rispetto dell art. 96 c.p.p., cioè con atto sottoscritto dall assistito. Dovrà essere trasmesso all autorità giudiziaria a cura del difensore; oppure, la nomina potrà risultare dal verbale dell attività compiuta dall autorità giudiziaria, dinnanzi alla quale il difensore è stato nominato, verbalmente, dall interessato. Il comma 2 dell art. 391nonies (Attività investigativa preventiva), inoltre, prevede che, nel caso in cui sussista l eventualità che si instauri un procedimento penale, l avvocato ha facoltà di svolgere indagini preventive, avendo ricevuto apposito mandato dal proprio cliente. Tale mandato viene rilasciato dall interessato con la sottoscrizione autenticata e con l indicazione del difensore nominato e dei fatti ai quali la nomina si riferisce. 1.2 Le modalità operative Per quel che riguarda, invece, le modalità operative di tale mandato, sempre nel primo comma si può leggere che il difensore può avvalersi delle forme e per le finalità stabilite nel titolo VI bis. Dalla lettura degli art. 391bis, 391ter, 391quater, 391 sexies e 391nonies, si desume che le attività investigative di indagine previste dal codice si concretizzino nell assunzione di informazioni, nella richiesta di documentazione alla pubblica amministrazione, nella possibilità di accedere a luoghi anche se privati o non aperti al pubblico e di documentare l attività di sopralluogo svolta, nella possibilità di formare la documentazione di atti ed accertamenti tecnici non ripetibili destinati a confluire nel fascicolo del dibattimento. Le forme cui il legislatore si riferisce sono quelle previste per ogni attività, intese come le modalità di svolgimento definite per ciascuna delle attività tipizzate. Ad esempio, se si vorrà procedere all assunzione di informazioni, lo si dovrà fare nel 7

8 rispetto delle prescrizioni contenute nell art. 391bis, per accedere in luoghi privati occorrerà procurarsi il consenso della persona che ne ha la disponibilità, ovvero un autorizzazione del giudice, ecc. È, comunque, ipotizzabile, che sia possibile che il difensore scelga modalità di esplicazione della propria attività investigativa anche al di fuori dei moduli stabiliti dal suddetto libro (e dunque, potrà svolgere pedinamenti, appostamenti, individuazioni di persone e cose ecc.) fermo il divieto alla coercizione della volontà privata e alla limitazione dei diritti inviolabili della persona (Bosco, 2005). 1.3 Gli elementi di prova a contenuto dichiarativo È facilmente deducibile che l atto investigativo tipico del difensore sia costituito dall assunzione di informazioni. L avvocato, attraverso il conferimento con persone in grado di riferire sui fatti di causa, acquisisce notizie attraverso un colloquio non documentato (facoltà che sussiste anche per gli investigatori privati autorizzati e per i consulenti tecnici nominati dall avvocato o dal sostituto). Sono previste tre modalità per raccogliere le informazioni: il colloquio, la richiesta di dichiarazione scritta e la richiesta di informazioni da verbalizzare (art. 391bis). Il colloquio costituisce un primo contatto informale con la persona da ascoltare. È un atto preliminare, i cui risultati non possono venire utilizzati in sede processuale. Ha lo scopo di verificare quali circostanze la persona conosca, se essa sia credibile e se, eventualmente, sia necessario formalizzare il contenuto del colloquio con una richiesta di dichiarazione scritta o con un ascolto verbalizzato. Il colloquio non viene vincolato ad un preciso contesto spaziale, tanto è che il Giudice per le indagini preliminari può autorizzare il difensore a comunicare anche con un soggetto detenuto, altresì se coimputato, previo avviso al suo difensore, e che il colloquio può essere svolto oralmente o essere documentato. Sono, poi, stati previsti alcuni adempimenti essenziali per il difensore, sanzionati dall inutilizzabilità del materiale raccolto in violazione di legge. Si tratta di oneri informativi: sulla qualità di difensore e sullo scopo del colloquio, sulla possibilità di tacere o riferire per iscritto o di conferire oralmente (con o senza documentazione ), sul divieto di rivelare quanto eventualmente già chiesto dalla Polizia Giudiziaria. o dal PM e sulle responsabilità in caso di mendacio. Inoltre, la persona informata dei fatti ha l obbligo di dichiarare l eventuale qualità di coindagato o coimputato, ma potrà avvalersi della garanzia ex art. 63 c.p.p., che dispone sugli interrogatori resi dinnanzi all autorità giudiziaria o alla polizia giudiziaria. Per fare in modo che il colloquio risulti credibile e affidabile e che l atto sia compiuto scevro di inquinamenti probatori, vige il divieto all indagato, all offeso ed alle altre parti private di assistervi. Infine, l avvocato, o il sostituto, hanno l obbligo di interrompere l assunzione di informazioni nel momento in cui la persona, di cui all assunzione, sia persona imputata o sottoposta ad indagini, 8

9 ovvero emergano indizi di reità a suo carico. In questo caso, le dichiarazioni eventualmente assunte non possono essere utilizzate contro colui che le ha rese, in quanto verrebbe violato il diritto di assistenza obbligatoria al difensore. Se il colloquio informale ha permesso di venire a conoscenza di informazioni utili al proprio assistito, è possibile richiedere una dichiarazione scritta, che deve essere firmata dal dichiarante, deve essere autenticata dal difensore o da un suo sostituto e ad essa va allegata la relazione del legale. Il difensore, per la redazione del verbale, può farsi assistere da persone di sua fiducia. La seconda opzione è richiedere che la persona informata dei fatti sia formalmente ascoltata per rendere informazioni da inserire in un apposito documento (art. 391bis, comma 2). Va però specificato che queste ultime due alternative sono possibili anche in assenza di colloquio informale, ma che possono essere compiute solamente dal difensore e dal suo sostituto, non dall investigatore o dal consulente. Questi, però, hanno la possibilità di assistere, in veste di ausiliari, alla redazione dei verbali. 1.4 L utilizzazione della documentazione delle investigazioni difensive Merita sicuramente anche un accenno il regime di utilizzo delle indagini difensive, sia come previsto dall art. 391decies (Utilizzazione della documentazione delle investigazioni difensive), sia in riferimento ai principi generali del codice di procedura penale. È evidente che il risultato delle indagini difensive arriverà a dibattimento solo a determinate condizioni e con specifiche modalità. Nell attuale processo penale la prova si forma in aula, nel contraddittorio fra le parti. I risultati delle indagini, quindi, entreranno nel processo solo in questo modo. E lo stesso vale anche per il materiale delle indagini difensive e delle indagini preventive. Il fascicolo del difensore (art. 391octies), infatti, verrà integrato a quello del PM (art. 433 c.p.p.), salvo alcune ipotesi. Di fatto, solo nel caso degli atti irripetibili le indagini del difensore potranno entrare nel fascicolo per il dibattimento (art. 431 c.p.p.), cioè il solo fascicolo di cui il giudice avrà cognizione nel processo. Negli altri casi, gli atti di indagine sono utilizzabili ai sensi e nei limiti indicati dagli art. 500 c.p.p. (contestazioni nell esame testimoniale) e 513 c.p.p. (lettura delle dichiarazioni rese all imputato nel corso delle indagini preliminari o nell udienza preliminare). 2. Il ruolo del consulente tecnico 2.1 Prima della legge 397/2000 Prima dell entrata in vigore della legge 397/2000, il nostro Codice prevedeva disposizioni riguardanti le figure del perito, nominato dal giudice, e del consulente, nominato dal Pubblico 9

10 Ministero e dalle parti private. Si tratta di esperti che affiancano il lavoro delle parti del processo (libro terzo titolo II) ed è possibile ricorre al loro ausilio durante tutta la fase delle indagini preliminari. Quando si rende necessario svolgere indagini o acquisire dati o valutazioni che richiedano specifiche competenze tecniche, scientifiche o artistiche, il giudice ha la possibilità, scegliendo fra gli iscritti agli appositi albi o tra persone fornite di particolare competenza in una specifica disciplina, di nominare un perito, il quale ha il compito di redigere una relazione peritale che risponda ai quesiti che gli sono stati posti, attraverso le attività regolamentate dall art. 288 c.p.p. (Attività del perito). Le parti, invece, hanno facoltà di nominare dei propri consulenti tecnici, anche nei casi in cui non sia stata disposta una perizia. Per quel che riguarda, invece, il momento prettamente investigativo, l esperto veniva previsto o quando le operazioni della Polizia Giudiziaria richiedevano specifiche competenze tecniche (art. 348 c.p.p.) o se il PM aveva necessità di procedere ad accertamenti, rilievi segnaletici, descrittivi o fotografici o ad ogni altra operazione tecnica per cui fossero necessarie specifiche competenze (art. 359 c.p.p.). È lampante che l utilizzo degli esperti in fase investigativa era prerogativa riservata agli organi inquirenti, la Polizia Giudiziaria e la Pubblica Accusa. Le altre parti potevano partecipare al momento investigativo, con consulenti di loro fiducia, solo nel caso in cui gli accertamenti, di cui all art. 359 c.p.p., avevano le caratteristiche degli accertamenti non ripetibili (art. 360 c.p.p.). A tale proposito, sembra utile considerare che nel codice Zanardelli veniva completamente ignorato l istituto dell indagine difensiva. Questo era delineato, solo in maniera ridotta, nel testo definitivo dell art. 38 delle norme di attuazione, coordinamento e transitorie del Codice di Rito penale. Questo articolo, effettivamente, consentiva, al difensore e all investigatore privato, soltanto la possibilità di conferire con le persone informate sui fatti, non di acquisirne le dichiarazioni, informazioni ovvero documenti utili alle indagini. 2.2 Nel codice attuale Grazie alla modifica che l art. 5 (attraverso i commi 1bis e 1ter) della legge 397/2000 fa dell art. 233 c.p.p, il ruolo del consulente tecnico, in sede extraperitale e investigativa, si connota per aspetti e ambiti nuovi. Può, come prima cosa, esaminare i beni sequestrate nel luogo in cui si trovano. Ha la possibilità, cioè, di ispezionare, previa autorizzazione successiva al sequestro, le cose in oggetto del sequestro stesso, senza però poterle rimuoverle (art. 253, Oggetto e formalità del sequestro; art. 254, Sequestro di corrispondenza; art. 255, Sequestro presso banche). 10

11 Ha, poi, la possibilità di intervenire alle ispezioni, ovvero ad esaminare l oggetto delle ispezioni alle quali il consulente non è intervenuto. Infine, è prevista la possibilità di esaminare, in un momento successivo all esame del PM, un oggetto, nel caso in cui la nomina del difensore o del consulente sia stata tardiva rispetto ai tempi previsti dal codice (art. 364, nomina e assistenza del difensore). Non bisogna, poi, dimenticare, la possibilità, per il consulente di avviare o partecipare alle eventuali attività di indagine preventiva, nel caso in cui si ipotizza che possa instaurarsi un procedimento penale. Il comma 3 dell art. 327bis è alquanto lacunoso per quel che riguarda l incarico al sostituto, all investigatore privato autorizzato o al consulente tecnico, poiché non è prevista alcuna specifica forma. In particolare, riguardo alla figura del consulente tecnico, si può osservare che il riferimento alle specifiche competenze, che potrebbero rendere necessario l incarico al consulente tecnico, serve a chiarire che il difensore ricorrerà all ausilio di un consulente tecnico quando il compimento di un atto presuppone speciali conoscenze (Brichetti, Randazzo, 2000). 11

12 Capitolo 2 Il consulente psicologo Premessa Le possibili applicazioni della scienza psicologica al campo criminologico e giudiziario sono numerose e si possono trovare nel settore investigativo già da molto tempo. Basti pensare, ad esempio, agli studi del torinese Cesare Lombroso, che contribuì allo sviluppo di questo ramo della scienza, sfruttando i contributi delle discipline comportamentali e della psicologia, studiando lo sviluppo del pensiero criminologico. La psicologia investigativa, però, non si configura esclusivamente come un settore di studio e di ricerca all interno della cultura giuridica, ma il suo supporto può essere utilizzato a diversi livelli. Ad esempio, sopratutto in ambito investigativo, fornisce strumenti adeguati per ottenere informazioni da luoghi e situazioni che vanno osservati con occhio tecnico, in particolare nel momento in cui è necessario incontrare le persone implicate, quali, ad esempio, le vittime, i testimoni, gli autori di reato e le persone informate sui fatti. Negli ultimi anni, poi, si è sviluppato un dibattito sul ruolo della psicologia, intesa come disciplina in grado di offrire metodi e strumenti utilizzabili in senso investigativo. Nel Regno Unito, il professor David Canter, fondatore, presso l Università di Liverpool, del primo centro di Psicologia Investigativa, ha coniato il termine investigative psychology, con il quale intende l uso della psicologia nel processo investigativo e, più in generale, nell attività di Polizia Giudiziaria. La psicologia investigativa di Canter studia come reperire, valutare e utilizzare in modo efficace l informazione investigativa, come supportare le azioni e le decisioni delle Forze di Polizia e le inferenze che si possono trarre dall attività criminale. Nel nostro paese, invece, il professor Guglielmo Gulotta usa questa espressione per indicare lo studio dei fenomeni sociali. La psicologia investigativa, in questo senso, viene intesa come una metodologia investigativa rivolta allo studio delle persone nelle situazioni sociali e dei fenomeni nel loro contesto naturale (Gulotta, 2003) e, di conseguenza, è possibile considerare la psicologia investigativa forense come l applicazione della metodologia investigativa al crimine, inteso come fenomeno sociale particolare (Gulotta, 1993a, 2000). Ne deriva che sono due i suoi possibili ambiti di intervento: non solo serve ad indagare ciò che si ignora (ad esempio stabilire l identità dell autore sconosciuto di un crimine ed il suo modus operandi, collaborare alle indagini per morte equivoca e autopsia psicologica, ecc), ma la psicologia investigativa può essere anche utilizzata per interpretare, sotto il profilo psicosociale, una condotta 12

13 umana, al fine di valutare la responsabilità, capire il perché e le circostanze psicologiche di un determinato evento criminoso (Gulotta 2008). 1. La figura del consulente psicologo in campo investigativo Sulla base di queste definizioni, quindi, è possibile definire lo psicologo come un detective che indaga i fenomeni sociali con metodo quasi giudiziario e congettura i fatti basandosi sul paradigma indiziario (Ginzburg, 1983, in Gulotta 2008). Si è visto che, con l introduzione della legge 397/2000, l avvocato difensore ha la necessità di apprendere e, soprattutto, sfruttare quelle tecniche che gli consentano di rispondere alle nuove richieste e alle nuove necessità che dovrà affrontare in sede di indagini investigative (Gulotta, 2003) e che può, a tal fine, avvalersi delle competenze, delle conoscenze e delle capacità proprie del consulente psicologo. Difatti, grazie all articolo 391bis c.p.p., all esperto di psicologia forense vengono riconosciuti compiti connessi alla ricerca di fonti di prova ed egli ottiene, quindi, in questa fase, un ruolo decisamente più partecipe, costruttivo e dinamico, rispetto alla sola attività di consulente tecnico, in supporto alle indagini difensive delle parti private (De Leo, Volpini, Tucciarone, 2006). Sono molteplici i casi in cui la consulenza dello psicologo, qualificato in psicologia forense e investigativa, costituisce un valido strumento (De Leo, 2006). Egli, ad esempio, può collaborare efficacemente nelle fasi di sopralluogo ed accertamenti tecnici, poiché in grado di esaminare i fatti alla luce della sua preparazione specifica (analisi dell ambiente e del modus operandi, firma, ecc ). Ha le capacità, altresì, per fornire un importante supporto sia nella fase di arresto del presunto autore di reato, rivolgendo l attenzione alle reazioni immediate e spontanee del soggetto ed, eventualmente, all analisi dell ambiente proprio del soggetto stesso, per poter raccogliere informazioni utili ai fini investigativi, nonché interrogando le persone presenti; sia per contribuire alla difesa dell indagato, ricercando elementi a discarico, eventualmente a carattere psicologico (profiling, case linkcage ) (Rossi, 2005). In particolare, il consulente psicologo può fornire un contributo rilevante per la raccolta delle testimonianze durante la fase delle indagini ed è in grado di fornire consulenza nella scelta della strategia forense e di interrogatorio applicabile in relazione al crimine investigato e al sospettato o indagato (Rossi, Zappalà, 2005). Come si è visto, infatti, gli articoli 391 bis/decies c.p.p., attribuiscono un ruolo importantissimo alle attività inerenti il contatto con i potenziali testimoni ( conferire con le persone in grado di riferire circostanze utili ai fini dell attività investigativa ), poiché, nell ambito delle attività investigative 13

14 difensive, la raccolta delle informazioni, sia dal possibile autore dell atto, sia dalle dichiarazioni testimoniali, rappresenta una della maggiori fonti dei dati delle investigazioni (Gulotta, 1993), poiché permette di ottenere e raccogliere notizie di grande rilevanza investigativa, quali dati e indizi, e di classificare i diversi aspetti della vicenda per cercare di fare chiarezza sui fatti oggetto di indagine. L intervista investigativa, inoltre, può essere impiegata per ottenere una confessione, per provocare un ammissione di colpevolezza o di complicità, per verificare elementi provenienti da altre fonti di prove e può servire anche a preparare alcuni soggetti all interrogatorio e per preparare l interrogatorio di alcuni soggetti (Lavorino, 2000). L ascolto del testimone rappresenta, quindi, un momento fondamentale per l indagine investigativa, soprattutto in fase di raccolta degli elementi di prova. 2. La normativa sull assunzione delle sommarie informazioni Il Codice di Procedura Penale, attraverso gli articoli 350 e 351, disciplina l assunzione delle sommarie informazioni, che possono essere rese sia dalle persone sottoposte alle indagini sia dalle persone informate sui fatti. Si tratta di un atto tipico delle indagini preliminari, finalizzato ad assumere informazioni utili per le investigazioni, mentre l interrogatorio (svolto dal PM a carico dell imputato), la testimonianza (mezzo di prova che garantisce l oralità e il diritto al contraddittorio, svolto in dibattimento, a carico di coloro che nella fase precedente erano dette persone informate e che in questa fase assumono la dicitura di testimoni) e l esame (mezzo di prova esperibile in dibattimento e che riguarda la dichiarazione resa da una persona in qualità di parte processuale) rientrano nella fase dibattimentale. Come si può vedere, le differenze dipendono dal soggetto che vi è sottoposto o dalla persona che li pone in essere (Rossi, Zappalà, 2005). Il legislatore, in particolare, prevede tre possibilità, per quel che riguarda l assunzione di informazioni da parte dell indagato (art. 64 c.p.p.: assunzione di sommarie informazioni, assunzione di sommarie informazioni sul luogo ovvero nell immediatezza del fatto, ricezioni di dichiarazioni spontanee). Con l art. 351 c.p.p. viene sancita l acquisizione di informazioni da una persona, informata sui fatti (vengono applicate le regole previste in tema di prova testimoniale), che non ha la qualifica di indagato e che possa permettere di ricostruire lo svolgimento degli eventi e stabilire una relativa verità processuale. È necessario che l acquisizione delle informazioni avvenga, in ogni fase dell indagine, in maniera ineccepibile, al fine di garantirne la piena utilizzabilità in fase processuale. Ciò richiede il rispetto degli articoli del c.p.p. (in particolare dell art. 188, il cui obiettivo è il rispetto della corretta modalità con cui la confessione è stata raccolta e di come dovrà essere poi documentata in fase 14

15 processuale) che disciplinano le modalità di assunzione delle informazioni. Ovviamente, secondo il c.p.p. le dichiarazioni non possono essere forzate, né estorte con minacce o violenze. 3. La psicologia della testimonianza Si è detto che la testimonianza rappresenta una delle principali fonti di prova all interno del processo penale e che il suo scopo è chiarire i fatti oggetto di indagine. Nel 1939, Stern definì la testimonianza come la riproduzione verbale o scritta di contenuti mnemonici, che fanno riferimento ad una particolare esperienza o ad un certo evento esperito. A livello teorico, inoltre, è possibile sostenere che l intervista investigativa è il mezzo attraverso il quale due o più persone danno luogo a uno spazio comunicativo, generalmente co-regolato dai parlanti, in cui la qualità della comunicazione dipende da fattori come la relazione in gioco e la situazione contingente (De Leo, Scali e Caso, 2005). Le interviste e i colloqui hanno luogo, durante la fase investigativa, in diversi momenti e coinvolgono non solo i testimoni, che rappresentano uno dei ruoli chiave di ogni processo penale, ma anche le vittime e i sospettati. Lo studio psicologico del processo testimoniale, di conseguenza, offre una specifica utilità legata alla possibilità di conoscere le fonti di interferenza e le deformazioni più frequenti, che possono generare discrepanze tra la realtà obiettiva dei fatti e la loro rievocazione da parte del soggetto. Difatti, la testimonianza è condizionata da vari processi psichici, che entrano in azione quando il futuro testimone si trova ad osservare, oppure viene a conoscenza di un fatto, e agiscono anche durante la rievocazione del fatto stesso. È utile, infatti, specificare che è molto diverso aver osservato direttamente un fatto (testimonianza di primo grado) ed esserne venuti a conoscenza indirettamente, magari attraverso narrazioni di altri (testimonianza di secondo grado). In quest ultimo caso, il soggetto, in genere, espone la rappresentazione che si è fatto di quanto è accaduto, sulla base della narrazione udita, deformando, quindi, il fatto che gli è stato riferito. 3.1 La testimonianza Il processo testimoniale è un evento complesso che consiste nell esposizione e nella rappresentazione dei fatti vissuti, osservati, o riferiti (Lavorino, 2000). Questo processo si verifica attraverso quattro funzioni psicologiche di base: la fissazione, che è quello stadio in cui lo stimolo arriva al sistema nervoso centrale; la ritenzione, che consiste nella conservazione dello stimolo così percepito; la rievocazione, cioè il richiamare alla memoria il materiale ritenuto ed infine, il riconoscimento, cioè l identificazione di tale materiale. 15

16 Schacter (1996) sostiene che il processo di codifica e il ricordo sono inseparabili, poiché si ricorda soltanto ciò che si è codificato e ciò che viene codificato dipende da chi siamo, dalle nostre esperienze passate, dalle nostre conoscenze, dai nostri bisogni. 3.2 I fattori di influenza La testimonianza dipende dalla memoria e da molti altri fattori, meccanismi e processi psicologici, sia esterni che interni al soggetto, i quali possono distorcerne il contenuto, in misura più o meno rilevante (Rossi, 2005). Esserne a conoscenza è l unico modo per eliminarli o ridurli o, quanto meno, tenerne conto nella valutazione della testimonianza. Schematizzando (Gulotta, 2008), si può dire che essi possono essere così suddivisi: - durante la codifica: la durata dell esposizione, la qualità percettiva dell evento, la distintività dell evento, l attenzione allocata, l intenzionalità della memorizzazione, la profondità dell elaborazione, i processi costruttivi, lo stress e gli stati emotivi; - durante l immagazzinamento: il passaggio del tempo dalla percezione all evento, l organizzazione gerarchica, le ripetute narrazioni e rievocazioni dell evento, le informazioni successive alla codifica dell evento, l impianto di false memorie, gli indizi per il recupero, il contesto, i processi ricostruttivi; - durante il monitoraggio: il contenuto della memoria, la fluidità percettiva, la fluidità di richiamo; - durante il controllo: la motivazione e i fattori pragmatici, la formulazione delle domande, l utilizzo di domande suggestive, la rievocazione e il riconoscimento, la sensibilità al controllo, lo stato mentale. Lavorino (2000), d altra parte, sostiene che gli elementi discriminanti della testimonianza sono sette e che essi devono essere valutati e considerati: 1) l errore di memoria o altre condizioni psico-fisiopatologiche: è sufficiente un interferenza o un alterazione in una fase della memoria perché essa venga distorta 2) l inadeguatezza percettiva: per fattori fisici, fisiologici o cognitivi 3) la distorsione causata dalle variabili soggettive: aderenza alla realtà; soggetto suggestionabile; assenza o presenza di patologie di varia natura; caratteristiche delle singole culture, razze o genere; capacità cognitiva; capacità espressiva e del linguaggio; capacità ed efficienza mestica; coinvolgimento personale ed emotivo nel fatto criminoso; coinvolgimento personale nell indagine, in quanto schierato o con pregiudizio; efficienza dell organismo nell ambito delle attività fisiche e psichiche; motivazioni della testimonianza e ruolo nella vicenda; resistenza allo stress fisico e psicologico; tipo di personalità e sicurezza personale 16

17 4) le variabili del percorso testimoniale: azioni esterne, eventi casuali, eventi interconnessi, eventi obbliganti, eventi del procedimento investigativo e giudiziario, scambio di idee e considerazioni con terzi, possibilità che le variabili ambientali post testimonianza possano aver interferito sulla testimonianza stessa e quindi averla distorta (azione dei media, presa d atto delle implicazioni, conseguenze sugli altri e sui rapporti con gli altri, effetti di feed-back, effetti sulle relazioni familiari e sociali, variazioni dello stile di vita) 5) le variabili del contesto: il contesto (ambiente, territorio, posizione, atteggiamenti, comportamenti, metodiche interlocutorie, clima psicologico, ecc) in cui avviene la testimonianza; l obbligo civico e legale di non tacere o omettere nulla e di dire tutta la verità, con il conseguente bisogno del teste di voler dare l impressione di essere attendibile e credibile; l obbligo di non dire cose contrastanti con ciò che è già stato assodato e che è agli atti (il timore di contrastare con le tesi investigative); la minaccia della sanzione o di una persecuzione da parte dell autorità; l impegno sociale e civico che contrasta con la mentalità, le tradizioni e l ideologia del soggetto; la responsabilità sociale e legale; le conseguenze penali, sociali, economiche e psicologiche sugli altri di quel che si dichiara; le reazioni dell ambiente familiare, di lavoro, di amicizie e di interessi 6) la tipologia della menzogna: può essere causata da fattori psicologici, fattori evolutivi, fattori socio-culturali, come, per esempio, ammettere un emozione indicandone una falsa causa al fine di sviare i sospetti, esporre la verità in maniera così esagerata o umoristica con lo scopo di trarre in inganno il destinatario, dissimulare a metà ammettendo solo una parte di verità per sviare l interesse dell interlocutore da ciò che viene celato, dire la verità ma in modo da lasciare intendere l esatto contrario 7) la possibilità di bugia psicopatologica o mitomania: il bugiardo patologico è un soggetto insicuro che, per gestire la relazione con l altro, può agire solo in termini fantastici alterando la realtà dei fatti: si parte dal semplice nevrotico fino alla patologia grave, che compromette la capacità di discernimento fra realtà oggettiva e proprie produzioni fantastiche. Il mitomane, invece, altera i fatti con lo scopo di mettersi al centro dell attenzione, mantenendo, però, intatto il contatto con la realtà. Riassumendo, si può, quindi, affermare che la qualità della testimonianza dipende dall interazione tra il contenuto della memoria, il contenuto dell evento su cui si rendono dichiarazioni e i processi decisionali relativi a cosa, come e perchè si riferisce (Mazzoni, 2003). 3.2 L attendibilità L attendibilità di una testimonianza fa riferimento sia alla sua accuratezza (aspetti percettivi, cognitivi e riproduttivi), sia alla sua credibilità (aspetti motivazionali, interesse personale, desiderabilità sociale, voglia di compiacere, pregiudizi) (Gulotta, 2008). 17

18 Per quel che riguarda, l accuratezza della testimonianza, è necessario tenere in considerazione il rapporto che sussiste fra la realtà oggettiva, cioè ciò che si è veramente verificato, e la ricostruzione soggettiva dei fatti compiuta dal soggetto, cioè ciò che egli ritiene di aver percepito (Loftus, 1999; Gulotta 1987 e 2002; De Cataldo, 1988; Cavedon, 1992; Mazzoni, 1997 e 2000); mentre, per quel che riguarda la credibilità, si deve far riferimento al rapporto tra la realtà soggettiva e la realtà riferita, tenendo in considerazione gli aspetti motivazionali, l interesse personale, la desiderabilità sociale, la voglia di compiacere e i pregiudizi (Gulotta, 2000). Proprio questo, infatti, rappresenta uno dei maggiori problemi relativi alla testimonianza e all investigazione, poiché esse riguardano non tanto quello che è successo, ma quello che viene raccontato di ciò che è successo (Gulotta, 2008, Rossi, Zappalà, 2004). Poiché, dunque, il ricordo di un evento è, in realtà, la sua ricostruzione, è necessario esaminare sia i fattori che intercorrono prima dell evento, sia quelli costituenti le fasi del processo mnestico e, infine, le azioni ed i processi che accadono dopo l evento e che potrebbero alterarne la ritenzione ed il recupero (Petruccelli, Petruccelli, 2004). In particolare, utilizzando il quadrato semiologico di Greimas, si evince che la testimonianza dipende dal rapporto fra il dire ed il sapere, per cui, testimoniare significa dire e sapere, essere reticente significa sapere e non dire, ignorare significa non sapere e non dire ed errare significa dire e non sapere (Gulotta 2000, 2008). 3.2 Il ruolo dell intervistatore Da diverse ricerche (per esempio, Kassin S.M.J., Ellsworth e Smith) è emerso che la conduzione adeguata di un colloquio facilita le indagini, poiché permette di ottenere più informazioni sull evento, senza distorcere il ricordo dei testimoni, creando eventualmente le condizioni favorevoli per portare un sospettato a confessare il crimine commesso oppure a fornire dettagli attendibili riguardo alla dinamica dell evento o al coinvolgimento di terze persone (Gulotta, 2008). Ne consegue che saper porre domande nel modo giusto è un requisito fondamentale per la conduzione delle interviste e le conoscenze della psicologia forniscono un valido contributo nella conduzione dei colloqui con il testimone, il presunto autore di reato e la vittima (Picozzi, Zappalà, 2005). Una delle principali difficoltà della raccolta delle informazioni deriva dalla situazione di dipendenza del testimone nei confronti di chi conduce il colloquio. Spesso, infatti, le persone, di fronte ad una figura autoritaria, assumono, inconsapevolmente, uno stato emotivo che può facilitare la suggestione, favorire lo stress o la paura di non essere creduti (Cannaviccii, 2006; Gulotta, 2008). Si 18

19 tratta di fattori che influenzano l attendibilità della testimonianza ed è, quindi, necessario, per l intervistatore, conoscerli (Gulotta, 2003). Pertanto, per condurre un intervista che sia efficace, è necessario predisporre il contesto, affinché risulti informale ed amichevole, mettendo il testimone a proprio agio e dandogli la sensazione di non venir giudicato (De Leo, Scali, Caso, 2005; Gulotta, 2008). È indicato il colloquiare con calma e con serenità, ragionando e riflettendo. Agire con aggressività o violenza, fino ad intimorire il soggetto, non serve, sia perché vietato dalla legge, sia perché ai fini delle strategie psicologiche che si vogliono utilizzare, è controproducente (Cannavicci, 2006). La persona ascoltata, a qualsiasi titolo, deve essere invitata ad esporre spontaneamente quello che sa, per ottenere una deposizione non influenzata dalle domande e dalle suggestioni. Le domande di chiarimento, per colmare le lacune e per precisare meglio i fatti descritti potranno essere rivolte in un secondo momento. Sarebbe meglio, per l interrogante, usare un basso numero di parole e formulare le domande in maniera accurata, verificandone la comprensione da parte del soggetto e, allo stesso tempo, controllare di aver compreso realmente le risposte. Vanno chiarire le regole del colloquio, per evitare che il soggetto cerchi di compiacere l intervistatore, inventando o cercando di indovinare ed è utile sviluppare strategie per intensificare il desiderio di comunicare. È opportuno ricercare ipotesi alternative, anziché cercare semplicemente di confermare l idea iniziale, per non condizionare il racconto o ignorare gli elementi che non si accordano alla teoria di partenza. È anche importane cercare di controllare il proprio comportamento non verbale e, ad ogni modo, dimostrare un attenzione vigile, mantenendo il controllo oculare (Gulotta, 2008). È, comunque, positivo sviluppare uno stile personale, tenendo in considerazione gli obiettivi e i limiti imposti dalla legge, eventualmente al fine di poter creare idonei atti processuali. Infine, vista l importanza che rivestono le testimonianze come fonte di prova, si ravvisa la necessità di utilizzare delle tecniche che consentano di valutare e migliorare la validità delle dichiarazioni (Gulotta, 2008). Fra le diverse proposte esistenti, una delle modalità più conosciute ed efficaci per interrogare è l intervista cognitiva. Si tratta di una tecnica investigativa, simile all interrogatorio, attraverso la quale vengono utilizzate strategie di recupero guidato delle informazioni, cioè particolari procedure create dagli psicologi sperimentali per migliorare la rievocazione della memoria episodica. Un altro strumento che può essere impiegato è la Statement validity assessment, che esamina le dichiarazioni degli adulti e si compone di un intervista strutturata, di un analisi del contenuto basata su dei criteri e di una lista di controllo della validità. Inoltre, durante il colloquio, è utile osservare attentamente gli atteggiamenti ed il comportamento non verbale del soggetto intervistato (ad esempio, le reazioni insolite o l ostentata indifferenza e tranquillità, oppure la mimica, il pallore, il rossore, i tremori, ecc), sia in assenza di stimoli che in 19

20 risposta alle domande, per poterne ricavare indicazioni sul carattere del soggetto ed avere dei riferimenti sul colloquio in corso: tanto più una domanda ottiene una risposta mimica e non verbale, tanto più indica un punto che colpisce il soggetto ed è un utile elemento (Cannavicci, 2006). Si tratta del campo applicativo della cinesica, cioè la disciplina che studia il linguaggio dei gesti, cioè quel linguaggio inconsapevole, naturale e direttamente collegato con lo stato psicologico e, di conseguenza, con lo stato emotivo. 4. Scoprire le menzogne Uno dei punti cardine dell attività investigativa è, per l appunto, smascherare le menzogne. Si deve, però, precisare che mentire non significa dire il falso ed essere sincero non significa dire il vero (Gulotta, 2008). Infatti, facendo riferimento al quadrato della veridizione di Greimas, si deduce che dire la verità significa che ciò che si dichiara è realmente accaduto (ciò che è quel che sembra), mentre mentire significa dire ciò che si crede non vero (ciò che non è ciò che sembra); si può, inoltre, aggiungere che il segreto è ciò che non sembra ciò che è e la falsità è ciò che non sembra e non è. Per chiarire con degli esempi, se un testimone accusa qualcuno di omicidio perché lo ha visto accoltellare una persona, egli può essere sincero e dire la verità (l omicidio è effettivamente stato commesso dalla persona indicata), ma anche essere sincero e dire il falso (la persona, in realtà, stava pugnalando un cadavere. Ergo, non ha commesso omicidio). Ma si può anche mentire dicendo una cosa falsa (si assiste ad un furto e lo si nega), oppure mentire, ma dicendo una cosa vera (pur avendo assistito al fatto, si nega che una persona abbia rubato un portafoglio, ma questo, in realtà, era di proprietà della persona indicata) (De Cataldo Neuburger e Gulotta, 1996; Gulotta, 2000 e 2008). È plausibile affermare che la persona che intende mentire non sia in grado di controllare tutto ciò che accade nella sua mente e nel suo corpo durante l interrogatorio, motivo per cui chi interroga deve prestare la massima attenzione sia al canale verbale (ciò che il soggetto dice), sia al canale comportamentale (il modo con cui lo dice), in modo da rilevare eventuali discrepanze che possano far sospettare una menzogna (Lavorino, 2000). Infatti, gli studi in materia dimostrano che quando i messaggi verbali e non verbali che una persona trasmette sono discordi in maniera contraddittoria, tendenzialmente si considerano più affidabili quelli non verbali, in quanto più difficilmente manipolabili (Rossi, Zappalà, 2005; Gulotta, De Cataldo, 1996). La menzogna, in ogni caso, dovrà, poi, essere successivamente provata e verificata nel contraddittorio dell interrogatorio. Sono stati elaborati, nel corso degli anni, diversi sistemi, strumenti e indizi per rilevare le menzogne, che si basano sull analisi del contenuto dell eloquio, sulle risposte fisiologiche e sulla valutazione del comportamento non verbale. 20

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

L istituto della messa alla prova per gli adulti : indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1

L istituto della messa alla prova per gli adulti : indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1 indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1 di Valeria Bove giudice del Tribunale di Napoli SOMMARIO 1 Introduzione: un vademecum rivolto ai giudici del Tribunale di Napoli 1 2 L

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DEONTOLOGICO FORENSE (Testo approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 17 aprile 1997 ed aggiornato con le modifiche introdotte il 16 ottobre 1999, il 26 ottobre 2002, il 27 gennaio

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

COMMENTO GENERALE N. 12

COMMENTO GENERALE N. 12 COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMMENTO GENERALE N. 12 Il diritto del bambino e dell adolescente di essere ascoltato uniti per i bambini COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/GC/12 Cinquantunesima

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli