SCUSI, DOV È LA PARROCCHIA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUSI, DOV È LA PARROCCHIA?"

Transcript

1 114 marzo-aprile 2013 (xxiii) La parrocchia nel vento nuovo del Concilio SCUSI, DOV È LA PARROCCHIA? Una sera, con un gruppo di quando non è amabile: in me, con il sacerdote che vi amici a rispolverare - è che misura ci rapporta con risiedeva in modo stabile. proprio il caso di dirlo dopo il mondo? Testimonianze di questa cinquant anni - i grandi documenti C era una volta la par- epoca sono le pievi, luoghi del Concilio, mi colpivarocchia... dove la gente si radunava no le parole che introducono Il cristianesimo si era sviluppato nei giorni di festa, vendeva il documento sulla chiesa, definendo nelle città dove il e scambiava i prodotti della questa sacramento o vescovo e i sacerdoti vivevano terra, perché lì si custodivano segno e strumento dell intima insieme. Successivamente l attenzione campioni di pesi e misure, unione con Dio e dell unità di delle comunità cri- si intessevano relazioni e ci si tutto il genere umano. stiane si era rivolta alla gente riuniva in assemblea. La chiesa segno e mezzo che viveva nelle campagne. Presso la pieve si faceva per vivere l unione con Dio Per molto tempo il missionario scuola e nell Hospitale si e con gli uomini! andava nei villaggi, offriva accoglienza al pelle- Impossibile non chiedersi: ma faceva ritorno in città a grino e allo straniero. è segno la nostra comunità? vivere insieme al vescovo e Alla domenica, la plebs, Come vive essa questa capacità? al presbiterio, perché era im- cioè il popolo (da qui, appun- Quale preoccupazione pensabile che la chiesa non to, pieve) vi si recava per c è per gli altri? Se la chiesa vivesse la comunione di vita. la messa; qui si riceveva il è segno dell amore di Dio, Col tempo, queste succursali battesimo, ci si sposava e, egli ama il mondo anche divennero autono- nell attiguo cimitero, si era Pieve Romanica in Garfagnana Gita Parrocchiale, aprile 2009 informazioni della comunità parrocchiale di san martino d albaro via lagustena 33 tel genova Tanto più si è vicini a Dio, quanto più si è gratuitamente per il mondo. Vito Mancuso sepolti, perché la pieve era lo spazio della vita. Anche in città le cattedrali occupavano spesso gli spazi centrali, influenzando la vita sociale. Intorno alla chiesa ruotava la vita. Essa era il segno della sua attenzione all uomo. Con il tempo, la realtà ha iniziato a cambiare per le immigrazioni interne, per la mobilità sociale, per il pendolarismo e la parrocchia non è più stata capace del primitivo slancio missionario, riducendosi a struttura di conservazione. Con il vento nuovo del Concilio, infatti, si cominciò a parlare della necessità di passare da una pastorale di conservazione a una pastorale di evangelizzazione. Lo testimoniano tutti i documenti dei vescovi, che hanno accompagnato in questi decenni il cammino delle comunità cristiane. Con un mondo sempre più lontano (il Decimonono ricordava qualche tempo fa che, nel 2011, pur in un mare di convivenze, i matrimoni civili hanno superato quelli religiosi; qualche bambino incomincia a non essere più battezzato...) la parrocchia ha perso il suo ruolo primordiale, anche se continua a essere insostituibile. Come, in quegli anni lontani, sarebbe difficile pensare a percorsi per chi non crede o fa fatica a credere? 1

2 Come sarebbe nuova una pastorale che, senza dimenticare i vicini, spendesse molte energie verso coloro che non frequentano i nostri circuiti ecclesiali! Perché non attingere in ogni parrocchia a quella grande intuizione del Card. Martini con la Cattedra dei non credenti? Si parla di vicini e lontani. Da chi? È istintivo affermare che gran parte della gente è indifferente e lontana rispetto a Gesù... ma quale Gesù? Quello che ha percorso le strade della Palestina, oppure quello che testimoniamo oggi? Per Gesù sempre in cammino, esistevano i lontani? Non posso allora non pensare a un ritorno ai primi tempi, a un esperienza di chiesa in cui si dia grande importanza alle persone, soprattutto a chi è fuori, non per fare proseliti, ma per condividere la vita bella del vangelo. Non posso non ricordare il momento in cui Pietro (non uno qualunque!) si accorge che il vangelo può essere offerto non solo agli ebrei, ma anche ai pagani; e con gioia dice:... sto rendendomi conto che Dio non fa preferenze di persone, ma chi teme e pratica la giustizia... è a Lui accetto. Potrebbe diventare questa la nostra esperienza, rendendo lode a Dio per il dono di essere suoi messaggeri, offrendo la gioia di credere, di cui abbiamo tutti bisogno? Don Adriano Pieve San Lorenzo in Toscana PARLIAMONE UNA MAMMA COME TE Avevo chiesto ad un amica se si sentiva di rispondere alla lettera che le avevo inviato, era quella di una mamma, malata come lei, di sclerosi multipla in stato avanzato. Qui sotto la risposta della mamma all altra mamma. La propongo per questa Quaresima al fine di fermarci un momento a riflettere. 27 marzo Domenica delle Palme Cara mamma, ho saputo da Carla, nostra comune amica, che la tua lunga malattia è, ogni giorno, più pesante da sopportare. E la quaresima che vi vi insieme al Signore, ogni giorno richiede uno sforzo... ma c è Lui vicino a te, come compagno di cammino. Anch io sono una mamma come te e non ho parole da dirti, posso solo prenderti per mano e accompagnarti nella piccola chiesetta davanti a casa mia, metterci spiritualmente davanti a Gesù in Sacramento, perché solo Lui può parlare al tuo cuore e dirti le parole che non passano mai. Ecco, Signore, siamo qui, davanti a Te, noi due mamme, ci teniamo per mano e non abbiamo più niente da chiederti e da dirti, ormai ci sembra che tutte le parole le abbiamo usate, che tutti i perché te li abbiamo chie sti. Siamo qua, in silenzio, solo per ringraziarti di tutto quello che ci hai dato e ci hai tolto e per quello che an cora ci chiederai, anche se non sappiamo che cosa sarà. La nostra vita, la no stra famiglia, i nostri figli, la nostra sofferenza, tutto appartiene a Te e sappiamo che attraverso loro abbiamo imparato a credere, ad amare e perdonare, abbiamo scoperto che questo è lo scopo della nostra vita. Proteggi i nostri figli che sono la cosa più importante che Tu ci hai affidato, sono il motivo della nostra vita, sono la nostra vita stessa! È per questo che oggi, siamo qui davanti a Te per ringraziarti. Grazie, Signore, perché questa malattia ha colpito noi e non i nostri figli. Signore, preservali da ogni male! Noi te li affidiamo e ti offriamo con gioia la nostra sofferenza. Ti preghiamo: illumina le menti di chi studia per vincere queste malattie così invalidanti, affinché le prossime generazioni non le contraggano più. A noi, Signore, concedi che possiamo stare con i nostri figli ancora un po, fino a quando avranno bisogno di noi. Grazie, Signore!. Cara mamma, io so che per i tuoi figli sei molto importante, perché fai loro anche da papà; il Signore ascolterà questa nostra preghiera. In questa ultima settimana di Quaresima, facendo la Via Crucis ci teniamo per mano e lo accompagniamo come le donne di Gerusalemme. Lui accoglierà la nostra offerta e quella di ogni mamma, perché Maria madre di tutti i bambini del mondo, intercederà per il bene dei nostri figli. Ti auguro una Pasqua di gioia, insieme a loro, e ti abbraccio. ROSANNA, 2 una mamma come te, di Mantova. Non posso fare a meno di terminare questa briciola di Quaresima riportando la breve meditazione che fu letta nel 1988 all VIII stazione della Via Crucis al Colosseo. LE DONNE DI GERUSALEMME PIANGONO CON GESÙ Gesù non ha avuto nemici fra le donne. Una sconosciuta versa sulla tua testa un prezioso profumo: consacrazione messianica; una prostituta bagna con le sue lacrime i tuoi piedi e li asciuga con i suoi capelli, per il suo amore e con la tua morte, tu la benedici ( ) Ora le donne ti accompagnano e piangono, ma tu dici loro: Piangete piuttosto su di voi e sui vostri figli. Il mondo è pieno delle lacrime delle madri, le donne folli della piazza di Maggio e quella poetessa russa che per diciassette mesi aspettò davanti alle prigioni. Il mondo è pieno delle lacrime delle madri alle quali la droga, i soldi o la fame hanno rubato i figli. Rachele non vuole essere consolata, continua il massacro degli innocenti, di quelli che non si vogliono far nascere. Risuscita, risuscita, risuscita tutti i nostri figli. Donaci la tua linfa, legno verde, affinché la Donna vestita di sole e tutte le donne, partoriscano una terra sulla quale possa scendere la nuova Gerusalemme. (testo di Olivier Clement) Con questo: RISUSCITA - RISU- SCITA auguro BUONA PASQUA 2013 IN PACE CON TUTTI. Carla Zichetti Via Lagustena 146 / Genova tel

3 Proviamo a riflettere UN SOLO PRETE: QUANTI LAICI? Periodo di cambiamenti, questo che stiamo vivendo, a tutti i livelli. Anche la nostra comunità di San Martino ne è stata coinvolta: con la partenza di don Daniele, don Adriano è rimasto solo a fronteggiare le tante necessità quotidiane in una Parrocchia di abitanti. In realtà sapevamo bene - don Adriano più di tutti - che un fatto del genere doveva essere messo in preventivo, vista la diminuzione crescente del numero dei sacerdoti nella nostra Diocesi. Resta la speranza che uno dei giovani che nel prossimo giugno saranno ordinati preti venga assegnato alla nostra Parrocchia, ma non possiamo cullarci su questa prospettiva e aspettare tempi migliori. E allora, che cosa fare? Una prima cosa possibile a ognuno di noi è dimostrare nei fatti la nostra vicinanza a don Adriano: come tutti, deve fare i conti con le forze che con l età diminuiscono (esattamente come capita a noi), con la fatica, le preoccupazioni, la necessità di dare priorità giuste ai tanti impegni...; come tutti, può ricevere forza e incoraggiamento dalla consapevolezza che la sua fatica è compresa e condivisa. Ma non basta: i tempi ci dicono che è urgente cambiare mentalità. Quando in una parrocchia come la nostra c erano tre preti fissi e due o tre cappellani di rinforzo (mi riferisco a quando ero ragazza), ci si poteva permettere il lusso di reclamare un prete sempre a disposizione, anche se già allora era una pretesa sbagliata. Oggi dovremmo imparare a distinguere ciò che è proprio del prete e dei suoi compiti specifici e ciò che è proprio della comunità nel suo complesso, e quindi dei laici. Non è giusto che un parroco debba impiegare tanta parte del suo tempo a preoccuparsi di problemi materiali (lavori ordinari e straordinari, prati- che d ufficio ecc.) a scapito del suo ministero. Negli Atti degli Apostoli si narra che, nella Chiesa delle origini, furono istituiti i diaconi (scelti tra i laici), per far fronte alle necessità di intervento a favore dei poveri: in questo modo gli apostoli Orizzonte potevano dedicarsi a tempo pieno alla predicazione. Dovremmo tornare a quello spirito: se ognuno di noi contribuisse con le sue capacità, grandi o piccole, alla vita della Parrocchia, questa diventerebbe, più di quanto sia adesso, un luogo dove fare esperienza di comunità: con tanti limiti, certamente, ma anche con la gioia di una fede condivisa con molti e tradotta in pratica, pur nelle inevitabili manchevolezze. Forse questa è la via per superare tante difficoltà che ci tengono ai margini o in una posizione critica che, se non si traduce in proposte concrete e in vero impegno personale, non porta alcun frutto. Le circostanze attuali, in sé negative, potrebbero diventare provvidenziali se fossero occasione per una seria riflessione comune e un impegno rinnovato. Laura Consiglio Pastorale News - 15/01/2013 Il Consiglio Pastorale del 15 gennaio 2013 ha affrontato in modo particolare due ambiti, entrambi di grande importanza per la vita della nostra Parrocchia: ü Progetto per la pastorale giovanile. Don Daniele ha esposto i principi guida concordati con l équipe degli educatori, che hanno permesso a tutti di intervenire in una condivisione molto intensa. Si è deciso di continuare il lavoro con la stesura di una parte applicativa del progetto, articolata secondo i vari livelli di età. Il lavoro è stato affidato all équipe educativa e a tre membri del Consiglio, che si sono dichiarati interessati e disponibili. ü Iniziative per l Oratorio. Si sono esaminate le proposte di attività per ragazzi e adulti emerse nell incontro di martedì 8 gennaio grazie alla disponibilità di alcune persone: doposcuola per i ragazzi delle medie; giochi e tornei organizzati; attività teatrale; incontri culturali; piccola biblioteca... Si comincerà gradualmente, per misurare le forze, ma con determinazione. Da segnalare la disponibilità di tre volontari per la pulizia dell oratorio e di altri tre per le piccole manutenzioni, sempre necessarie. 3

4 Lettera a D... Persone che anche se quasi sempre vestite di nero sono simili all arcobaleno Esistono persone capaci di colorare ogni foglio... capaci di riaccenderti il sorriso anche nei giorni in cui non ti sembra di aver nulla, o quasi, per cui sia naturale sorridere. Ci sono persone che, se anche vestite quasi sempre di nero, sono simili all arcobaleno. Chiedetelo ai bambini, loro sanno di cosa sto parlando. Noi adulti spesso abbiamo perso la capacità di vedere tanti colori... non tutti dico, per fortuna... Ci sono persone differenti... nascono differenti, scelgono strade differenti... camminano sentieri meno battuti, per questo sono diversi... soffrono forse più di noi, sono sensibili forse più di noi, sanno capire più di noi. Molti li adorano, altri non li capiscono, e, purtroppo, non li capiranno mai...è un peccato, vero D.?!... Beh, sono passati veloci, velocissimi questi anni, insieme a me e ai miei amici hai camminato, cantato, pedalato, pregato e hai cercato di regalarci, a modo tuo, Speranza nel futuro e Amore per Gesù. Niente di più vero, nulla di più presente nelle tue parole: quanto volessi bene al Signore, più che a un amico, a un compagno di viaggio, a un fratello, come se fosse con noi, sul serio, seduto in cerchio. Per te era così, per te è così. Questa è la tua vera Partenza: in quegli occhi, quel giorno, dall altare, ci spiegavi che era arrivato il tempo di andare. Tutto qui. Punto, come dici tu. Il resto ora conta poco... parole, discorsi, errori, gioia, rimpianti, sorrisi, catechesi, riunioni... tutto sembra perdere significato... sembra... ma non è così... Oggi è lunedì, la tua Fiesta non c è più... e manca tanto la tua voce in piazzetta... non sei in Chiesa a pregare con il cappello di lana in testa, non sei in giro a parlare con qualcuno, non sei a prendere il cappuccino e a berlo cucchiaino dopo cucchiaino, non sei a una delle tue mille riunioni, non stai neanche andando in ritardo, come sempre, da qualcun altro mentre avevi appuntamento con me dieci minuti fa... sei con te stesso da qualche parte, ma non importa dove, l importante è che tu stia bene. Per me, per noi, conta solo questo. Altri ora devono conoscerti, apprezzarti e volerti bene. Tu devi avere altri... conoscerli e amarli... il Vangelo era cristallino domenica: niente tende sulla montagna, si va in mezzo alla gente, so- l B b d q p s e a Ragazzi per Donda L allegria e la spensieratezza che mi hai trasmesso nelle varie esperienze vissute assieme saranno dei punti fermi che arricchiranno la mia crescita e la mia vita nella comunità. Mi mancherai tanto, ma la tua amicizia rimarrà per sempre. A presto. Ti voglio bene Don Alessandra M i hanno detto di scriverti... ci ho provato ma è davvero difficile. Scrivere non mi piace, per lo stesso motivo farei a meno di parlare: le parole sono vuote. Neppure le più belle, le più profonde, le più appassionate hanno la capacità di esprimere il casino di sensazioni che proviamo quando pensiamo o ricordiamo. Nelle parole leggo il tuo sorriso e la gioia con cui affronti il mondo ogni giorno, ci leggo le emozioni che ho provato grazie a te... tu leggici quello che vuoi, se riesci, anche di me. Enrico Grazie, Don Daniele, per questi sei anni assieme! Grazie per esserti messo in gioco, fin dal principio, dedicando tempo e passione alla scoperta di questo nostro mondo. Grazie per avere aperto totalmente il tuo cuore a ogni ragazzo che te lo chiedeva, e anche a coloro che erano più restii a farlo. Grazie per aver dedicato il tuo tempo, il tuo entusiasmo e il tuo essere bambino alla comunità capi, che da te ha ricevuto moltissimo e che, spera, di averti lasciato qualcosa. Grazie davvero da tutti noi per ogni singolo pezzo di strada fatta assieme fino a qui!! Ho conosciuto don Daniele Ho conosciuto don Daniele, non ricordo come, né dove: mi capita spesso, con le persone a cui voglio bene, che l impressione che conta non sia la prima, ma quella che viene dopo. E tutte le impressioni sommate hanno formato, nel mio cuore, il ritratto di una persona che, anche se in maniera non proprio ortodossa, mi ha insegnato cosa significa seguire le orme del Vangelo, quando mi ha trascinato, più che accompagnato, nell attività di educatore. Se non fosse stato per questo piccolo, ma grande, viceparroco, avrei forse trovato un altra strada, ma non sarei circondato da amici sinceri e ragazzi motivati. In uno dei tortuosi viaggi in macchina verso Belpiano, sede del terzo campo fatto assieme, mi ha raccontato di come avesse maturato la scelta di entrare in seminario. C era una forza tale, nelle sue parole, da farmi L incertezza del futuro, a volte, ci porta a tralasciare i momenti magici. Con questo piccolo gesto... rendo vivo il tuo ricordo che sarà sempre in me. Ti voglio bene! Fabiana c d t m s n s n l s P c t l c p v m e q l p 4

5 lamente un po di tempo per riposarsi. Bisogna essere buona farina per essere buon pane per gli altri, no? Grazie D... per quello che hai fatto, detto, pensato per questa gente, per questa Parrocchia... per le preghiere, per i sorrisi, per averci saputo conoscere, capire e perdonare. Grazie per essermi stato amico, D.! Grazie per averci sposato! Buona Strada! Gugu & Silvia credere che, se avessi voluto, avrei davvero potuto smuovere le montagne, solo prendendo in mano la mia vita, come ha fatto lui, con la sua forza di volontà e il suo spirito. A volte abbiamo litigato, fino a non poterne più. Ma dalle discussioni nasceva il bisogno di riavvicinarci e chiedere perdono. Don Daniele è così: sembra che la sua anima sia troppo grande per stare in un corpicino così piccolo. Per questo continuo a pensare a come cercava di dare il meglio per tutti: Ci pensa Gesù era spesso la risposta alle richieste di noi educatori. Non so se Gesù ci abbia davvero pensato, ma so per certo che ho visto quanto cuore don Daniele mettesse in tutto ciò che faceva, e penso che, forse, lui sia una di quelle persone che, nel perseguire la loro missione, ci fanno vedere un piccolo spiraglio di Paradiso. Marco Buon viaggio hermano querido e buon cammino ovunque tu vada, forse un giorno potremo incontrarci di nuovo lungo la strada. Anna San Martino, quartiere di persone speciali, che possono rinascere prima di morire. Un giorno della vita, dopo avere già scoperto di non essere fisicamente immortali - il che è già un bel passo avanti - ci si potrebbe accorgere della vecchiaia e di appartenervi. Lo dicono gli sguardi nuovi, adattati alla circostanza, che esprimono, ora, un misto di commiserazione, di però come sei cambiato, di sarai mica rimbambito, o, quando va bene, di premurosa tenerezza. Non gli stessi sguardi, che, nel pezzo di vita precedente, erano acutamente critici e indagatori, pronti ad abbracciare, come con distratte pennellate, lo stile del portamento, l eleganza o la trascuratezza degli abiti, l assenza o il peso degli ornamenti. Erano, quelli, sguardi ironici, attenti, pungenti, ma puntualmente sostenuti e rimbalzati. Talvolta non-sguardi: unico caso in cui l indifferenza non può fare che bene, dato che le occhiate del prossimo dicono, spesso, più delle parole. Allora cominciano i sussulti emotivi, prima scacciati come si fa con le zanzare, poi sempre più numerosi e a ondate ricorrenti: sarò mica come quello lì? Sto rallentando. Divento curvo. Mi spelacchio. E se perdo improvvisamente la memoria? E se muoio? Niente panico: càpita solo agli altri. Tant è da quanto tempo esercito l automatismo di entrare in chiesa senza farmi domande? Dai tempi dell abate Cavassa? Allora sono tanti anni. E se andassi un po a vedere? Dio c è di sicuro: mi ha donato affetti e tranquillità. Se così non fosse, dovrei rivedere il contratto e dubiterei della sua esistenza. Però! Chi sono quei santi e che cosa hanno fatto? Sarà il caso che accenda qualche candelina qua e là? Come ha potuto la Madonna sopravvivere al dolore più lacerante del mondo? E cosa mi dice quell Uomo in croce? Cosa ho combinato di buono, nei miei anni, francamente non lo potrei elencare. So solo che mi sono sempre stimato una brava persona, e vorrei che apparisse chiaro, almeno al mio funerale. E lì che si celebrano, con la dovuta retorica, le qualità degli umani. Non ho rubato, almeno consapevolmente; non ho contribuito al degrado del quartiere: ho raccolto lo sporco del mio cane; rispondo quasi sempre ai saluti, però non a quelli degli antipatici; chiedo permesso prima di entrare, ma non sempre prima di parlare; faccio l elemosina ai clienti fissi. In più vado a messa, ogni tanto. Conosco le preghiere, ma mi vergogno di dirlo agli amici, che sono più importanti di tutto, perché ci raccontiamo le storielle e ridiamo; vado a trovare gli ammalati, basta che non si lamentino; ho qualche rara frequentazione persino con gli abitanti delle residenze protette, se sono parenti. Allora sono un buon cristiano o un uomo rispettabile o un uomo e basta. O un quasi-uomo? Vediamo se, oltre a non aver fatto niente di male e di aver bazzicato qua e là nelle opere buone, mi sono mai chiesto in che modo avrei praticato la mia bontà. Che dire dello stile aggressivo che abitualmente usavo nelle riunioni, solo per imporre il mio punto di vista, senza ascoltare - nè rispettare - quello altrui? E tutte le volte che ho risposto a un saluto con quell aria di sufficienza propria di chi si reputa - ma diciamolo - superiore a molta parte del prossimo? E quando, alle svariate richieste di attenzione, rispondevo con quello sguardo ipocritamente pietoso, intriso di sufficienza, o di disprezzo? E quanto - e come - e quante volte mi sono sentito potente nello sbattere in faccia agli astanti ammutoliti la mia infinita cultura e onniscienza su tutte le tematiche correnti, proprio come fanno i divi incantatori del gregge videodipendente? La cosa più sottilmente malvagia - ora che ci penso - è il rintuzzare continuamente l interlocutore per stancarlo fino a metterlo a tappeto. Mi ci sono divertito, poi ci ho preso l abitudine. Devo essere stato odioso. Quanti come me? Pochi: sono il migliore. Ma. Dovrò smetterla di confrontarmi con il mio prossimo. Andrò a trovare don Adriano con uno spirito che si vuol rinnovare. gianna 5 5

6 Storie di partecipazione attiva la carità in parrocchia Il Centro di Ascolto oggi nche la nostra parrocchia è coin- in un attività di aiuto alle Avolta persone in difficoltà, nell ambito del progetto CARITAS, attraverso il Centro di Ascolto Vicariale con sede presso la parrocchia della Risurrezione in Via Torricelli 6 A. Il lunedì e il giovedì mattina alcuni nostri fratelli, residenti nelle 11 parrocchie del Vicariato, con problematiche prevalentemente economiche, esplicitano le loro difficoltà ai volontari del Centro di Ascolto. Ascolto Inizia così un percorso di attenzioni, di raccolta dati e di verifiche, per cercare di aiutare queste persone ad affrontare le loro difficoltà. Il momento è drammatico: i licenziamenti, la mancanza di possibilità di lavoro, il mancato pagamento degli stipendi, il saldo non corrisposto dei lavori eseguiti a piccole ditte e ad artigiani finiscono per essere causa di nuove povertà, che si uniscono a quelle conseguenti le separazioni tra coniugi. In più, quando vengono a mancare gli anziani che danno lavoro a badanti stranieri, questi devono affrontare non pochi disagi per trovare nuove analoghe occupazioni. Le risorse umane ed economiche per affrontare questa emergenza, della quale non sembra vedersi una fine, non sono incoraggianti. Abbiamo famiglie con entrambi i coniugi senza lavoro, dove mancano i denari per comprare le vitamine e i fermenti lattici ai bambini che hanno preso gli antibiotici dispensati attraverso il SSN. Altre ancora che non hanno la corrente elettrica neppure per fare l aerosol alla bimba asmatica. Ci sono famiglie che debbono rimanere al freddo perché - avendo il riscaldamento autonomo - non usano la calderina per evitare di pagare salatissime bollette del gas. Il Centro Emergenza Famiglie e la stessa Caritas Diocesana ci danno la possibilità di provvedere a qualche salvataggio, a volte almeno temporaneo, ma nella marea di miseria crescente, figlia di questa situazione di deriva economica e sociale, temiamo che le condizioni, almeno per ora, non possano migliorare. Una considerazione finale: cerchiamo di capire chi è in difficoltà e si vergogna di palesarlo apertamente! A volte, tra queste persone, ci sono, coloro che hanno più necessità di aiuto... Mario Il nostro Oratorio In oratorio Dico nostro perché appartiene a tutta la comunità di San Martino. Vorrebbe essere un luogo dove potersi incontrare per stare insieme. I principali fruitori di questo spazio sono i nostri ragazzi con attività formative: la domenica sera i giovanissimi (13/17 anni), il lunedì sera i giovani (dai 19 in su) e il venerdì pomeriggio la fascia elementare; per momenti più ludici e aggregativi abbiamo il mercoledì pomeriggio con spazio libero e l organizzazione di tre eventi specifici il sabato pomeriggio: uno già svolto con successo il 16 di febbraio, i prossimi previsti il 20 di aprile e l 11 di maggio. Attraverso il gioco vorremmo coinvolgere i ragazzi nella gestione degli eventi per aiutarli a crescere in determinazione e responsabilità. Grazie alla disponibilità di un gruppo di amiche, in collaborazione con la scuola media inferiore Boccanegra, sarà attivato un doposcuola per ragazzi con importanti difficoltà nell apprendimento. Anche questo ci permette di entrare in rete con le strutture educative del quartiere, per contribuire, come valido supporto, alla crescita della persona. Tutto ciò non è lontano dall essere cristiano, anzi diventa occasione per poter testimoniare ciò in cui crediamo. I ragazzi ci osservano e sanno vedere quanto, di quello che affermiamo, si trasformi in vita. La disponibilità e la gratuità degli adulti che ruotano intorno all oratorio, dalla pulizia alla sorveglianza, al doposcuola, all organizzazione di eventi e di incontri, è la testimonianza di quanto si tenga ai nostri ragazzi, alla loro felicità e realizzazione come persone. Anche i grandi hanno voglia di vedersi per stare bene insieme e non solo per parlare di cose serie. Quindi, oltre alle cene, via con il teatro... Ogni settimana, il giovedì o in alternativa il lunedì, s incontrano i probabili attori e 6 Cena di Carnevale chissà se per giugno ci faranno vedere qualcosa!!! Lo spazio è bello, piacevole, accogliente, ma ha dei costi di manutenzione piuttosto consistenti: luce, acqua e metano gravano molto sull economia della parrocchia e incidenti, come infiltrazioni o guasti alla caldaia, contribuiscono ulteriormente ad appesantire i bilanci. Quindi l appello: chi crede - come noi - che l oratorio sia uno spazio importante per la comunità, se non può aiutarci con il suo tempo ci aiuti con una sottoscrizione minima, ma costante, che ci permetta di rendere l oratorio economicamente indipendente. Laura B.

7 Visita pastorale del Cardinale Arcivescovo vicariato S. Martino - Valle Sturla dal 21 al 28 aprile Il Vescovo va a trovare la sua diocesi. A ispezionare si diceva una volta. In aprile verrà da noi, per incontrare una parte della chiesa che gli è stata affidata. Anche se ci vorrebbe ben altro, per un rapporto familiare e profondo, siamo contenti di questa occasione per condividere con lui come vanno le cose, nella certezza che, come padre, sappia comprendere e attendere, con l affetto e la carità di sempre. Programma di un evento atteso Presentiamo il programma della visita pastorale vicariale, che si svolgerà dal 21 al 28 aprile. Dal prospetto che segue, potete conoscere i momenti degli incontri vicariali e parrocchiali Domenica 21 aprile Parrocchia della Risurrezione Ore 17.00: concelebrazione di apertura della Visita pastorale e incontro con la comunità parrocchiale Ore 18.30: incontro vicariale dei Consigli pastorali parrocchiali, vicariale e per gli affari economici. Lunedì 22 aprile Parrocchia di Gesù Adolescente Ore 9.00: incontro alunni e insegnanti dell Istituto dell Immacolata Ore 10.00: incontro con tutti i sacerdoti e i religiosi del Vicariato Ore 17.00: Santa Messa e incontro con la comunità parrocchiale. Ore 19.00: incontro vicariale con gli educatori e i catechisti. Martedi 23 aprile Nella mattinata: incontro con docenti e studenti dell istituto Giorgi e Montale e con insegnanti e alunni della scuola di San Desiderio. Ore 18.00: Santa Messa nella parrocchia di San Martino d Albaro e incontro con la comunità parrocchiale. Mercoledi 24 aprile Ore 9.00: incontro con docenti e alunni scuola media Boccanegra Ore 10.30: incontro con scuole medie di Borgoratti Ore 12.00: incontro con insegnanti e alunni della scuola della Purificazione. Parrocchia di San Rocco Ore 17.00: incontro vicariale con gli Operatori della carità. Ore 18.00: Santa Messa e incontro con la comunità parrocchiale. Ore 21.00: incontro vicariale con i giovani. Giovedi 25 aprile il Cardinale è fuori sede. Venerdi 26 aprile Ore 9.00: visita all istituto ospedaliero del Chiappeto (ex Seminario Minore). Ore 10.00: visita all opera diocesana della Caritas per malati sieropositivi Casa Nostra, in via al Forte di San Martino. Ore 11.00: visita all Hospice Gigi Ghirotti. Ore 15.30: incontro vicariale con la Terza Età presso l oratorio Fra le case. Ore 18.00: Santa Messa nella parrocchia del Chiappeto e incontro con la comunità parrocchiale. Ore 21.00: incontro vicariale con i Gruppi Famiglia e C.P.M. al Tabernacolo. Sabato 27 aprile Ore 10.00: visita all istituto per anziani Le Clarisse. Ore 11.00: visita all Opera Benedetto XV di suor Lucia. Ore 15.30: incontro vicariale con i genitori e bambini presso la CITTA DEI RAGAZZI di Gesù Adolescente. Domenica 28 aprile Ore 10.00: Santa Messa ad Apparizione e incontro con la comunità parrocchiale. Ore 11.15: incontro vicariale con le Confraternite. Parrocchia del Tabernacolo Ore 16.00: incontro con la comunità parrocchiale. Ore 17.00: incontro vicariale con i ministranti. Ore 17.30: solenne concelebrazione di chiusura della visita pastorale. 7 LA CARITà SI AGGIORNA Un piccolo libro sul tuo scaffale Viene da lontano l impegno alla Carità nella parrocchia di San Martino. Le Dame della Carità della San Vincenzo erano presenti in località Puggia dal 1656 e vi sono rimaste fino alla metà degli anni Settanta del secolo scorso. Oggi, con i nuovi tempi, l attività caritativa si evolve e coinvolge più di qualche gruppo parrocchiale, come il gruppo Rete, dedito all assistenza degli anziani e degli ammalati, come i volontari per i senza fissa dimora e come la Caritas nel suo doppio ruolo di presenza nel vicariato e di sensibilizzazione in parrocchia. L auspicio è quello che tutta la comunità cristiana diventi operatrice di carità, con spirito e strumenti nuovi. Intanto oggi abbiamo da noi, a riproporre lo spirito vincenziano in continuità con il passato, Padre Luigi, prete della Missione di San Vincenzo. E suo l interessante libretto che tratta del beato Antonio Federico Ozanam, laico sposato e padre di due figli, vissuto in Francia dal 1813 al 1853, del quale, quest anno, si celebra il bicentenario della nascita. Ozanam fu promotore delle Conferenze della Carità vincenziane e fu beatificato da Giovanni Paolo II nel Cosa faceva? Visitava a casa i poveri, avvicinava gli operai malati e afflitti dalle innumerevoli ingiustizie dell epoca. Usava le Conferenze della Carità e la cattedra dell università nella quale insegnava, e invitava i giovani al servizio della carità, per denunciare i soprusi del sistema sociale, che, in quegli anni, vedeva nascere l industria, gli opifici e le filande. Sapeva aiutare gli infelici, ma sapeva anche denunciare le cause della loro sofferenza: Vi è sfruttamento quando il padrone considera l operaio non come un collaboratore e un suo ausiliario, ma come uno strumento, dal quale bisogna trarre il maggior utile possibile, con la minore spesa. Il metodo della sua protesta esplicitava, con chiarezza, la sua formazione umana e cristiana: La questione del bene sociale e delle riforme benefiche si impara meno curvi sui libri e seduti ai piedi della tribuna politica, che non salendo alla stamberga del povero, sedendo al suo capezzale, soffrendo il suo medesimo freddo, penetrando nel segreto del suo cuore esacerbato Mirio Il libretto è disponibile, oltre che in libreria, nella sacrestia della nostra parrocchia. Luigi Nuovo Il Beato Antonio Federico Ozanam Testimone della fede educatore alla carità (Tau editrice, )

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

ISCRIZIONE AL CATECHISMO 2014/2015:

ISCRIZIONE AL CATECHISMO 2014/2015: COMUNITÀ PASTORALE MARIA MADRE DELLA SPERANZA, SAMARATE Incontro con i genitori all inizio dell anno oratoriano 2014/2015 Carissimi genitori, all inizio di questo nuovo anno ci lasciamo guidare dalle parole

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Parrocchia S. Maria Nuova

Parrocchia S. Maria Nuova Parrocchia S. Maria Nuova Piazza Santa Maria Nuova, 4 01100 Viterbo Tel/Fax 0761.340700 - c/c postale n. 79886701 www.santamarianuova-viterbo.it - info@santamarianuova-viterbo.it Recapiti telefonici dei

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana Parrocchia Santi Giacomo - Schema per la catechesi dei Fanciulli: Tappa 11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre 30 novembre I segni di Primo Anno Ci accoglie

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) 18 novembre 2012 prima di avvento anno C ore 18.00 ore 10.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Oggi è una domenica speciale: oggi inizia l Avvento.

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Andando insegnate... /Italia 23. A catechismo con. Padre Pianzola. di Sannazzaro e di Pieve Albignola

Andando insegnate... /Italia 23. A catechismo con. Padre Pianzola. di Sannazzaro e di Pieve Albignola Andando insegnate... /Italia 23 A catechismo con Padre Pianzola Dalle immagini del DVD alla realtà di Sartirana: a Sannazzaro e a Pieve Albignola un esperienza di catechismo-laboratorio sul Beato Le catechiste

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli