1. I mesi prima degli scritti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. I mesi prima degli scritti"

Transcript

1 3 1. I mesi prima degli scritti Il periodo più importante per chi si appresta ad affrontare l esame di avvocato è rappresentato indubbiamente dai mesi che precedono il tradizionale appuntamento di metà dicembre con le prove scritte. Ev in questo lasso temporale, infatti, che l aspirante avvocato deve munirsi di quegli strumenti teorici e pratici che gli consentiranno poi di affrontare serenamente le tracce d esame. Il periodo che precede l esame deve, pertanto, essere sfruttato al meglio, razionalizzando al massimo il tempo a disposizione ed evitando inutili dispendi di energie. L esperienza di alcuni anni di docenza in corsi diretti alla preparazione per l esame rivela che, almeno nella maggior parte dei casi, l aspirante avvocato inizia a «preoccuparsi» seriamente dell esame a partire da settembre, cioè circa due mesi prima delle prove scritte. Già questo, a dire il vero, rappresenta un primo errore: l esame di avvocato, soprattutto presso alcune Corti di appello, ha ormai raggiunto un livello di difficoltà molto elevato, con percentuali di promozione a volte inferiori a quelle di alcuni concorsi pubblici tradizionalmente ritenuti molto selettivi (basti pensare che in alcune sedi la percentuale di ammessi agli orali è del 15%). La difficoltà dell esame è, inoltre, sensibilmente accresciuta dal fatto che al candidato si richiede dimostrare non solo una buona conoscenza degli istituti sostanziali e processuali, ma anche il possesso delle regole redazionali per la stesura degli atti tipici della professione (atti giudiziari e pareri). E la cattiva redazione (sotto il profilo formale-metodologico) dell atto o del parere può compromettere l esito dell esame, non meno di quanto possano farlo eventuali lacune teoriche. Se si pensa che spesso molti candidati si avvicinano all esame senza aver mai fatto una pratica effettiva e, a volte, anche coloro che l abbiano svolta non sempre sono riusciti ad acquisire la necessaria dimestichezza con le tecniche redazionali, ben si comprende la ragione per la quale, senza una adeguata prepa-

2 4 GUIDA ALLA REDAZIONE DEL PARERE PENALE razione anche di carattere metodologico, il rischio di non riuscire a superare le prove è certamente significativo. Per tale motivo, si è ritenuto opportuno iniziare questo volume di guida alla redazione del parere di diritto penale con qualche breve consiglio su come investire, nel modo più proficuo possibile, i mesi precedenti l esame. Si diceva poc anzi che la stragrande maggioranza dei candidati inizia a pensare seriamente all esame solo a settembre, dopo la pausa estiva. Non è certamente una soluzione consigliabile, soprattutto per chi non ha già una solida preparazione universitaria e post-universitaria, ma è la soluzione più diffusa tra gli aspiranti avvocati. Cominceremo allora il nostro ipotetico percorso di preparazione all esame ipotizzando di trovarci in questa situazione di emergenza e di avere, quindi, circa due mesi di tempo a disposizione. Ev evidente che coloro che vorranno dedicare alla preparazione un periodo più lungo potranno agevolmente diluire nel maggior tempo a disposizione il programma che cercheremo di illustrare. 2. Esercitarsi a scrivere La prima cosa da fare in questi due mesi è scrivere, scrivere, scrivere. Questo l imperativo categorico dell aspirante avvocato! Il titolare di uno dei corsi più frequentati per la preparazione al concorso in magistratura e all esame di avvocato ha scritto nel sito internet di una rivista on line dedicata ai concorsi (www.ildirittopericoncorsi.it) che «per vincere un concorso o superare un esame come si scrive è più importante di quello che si scrive» e che «per imparare a scrivere l esercizio è indispensabile». Queste due affermazioni devono rappresentare il costante punto di riferimento del nostro percorso di preparazione. Nelle Università italiane si scrive poco, quasi niente, almeno fino alla tesi di laurea. Capita allora che si esca dall Università con un ricco bagaglio di conoscenze, ma senza l abitudine a scrivere. Anzi, con una disabitudine invero alquanto pericolosa. Anche la pratica professionale a volte non offre grandi occasioni per esercitarsi nella scrittura (soprattutto quando il praticante è «utilizzato» per le presenze in udienza, le file in cancelleria, la redazione di atti ripetitivi). Tutto ciò produce una specie di «ruggine», che è possibile eliminare solo con una esercitazione costante e sistematica. Così, come detto, molto spesso la causa della bocciatura non è data dalla mancata individuazione della soluzione in diritto, ma dalla poca abitudine alla scrittura. Infatti, a ben vedere, grazie alla giurisprudenza riportata nei codici commentati, si riesce a trovare abbastanza agevolmente la sentenza che contiene la soluzione della traccia. Ciò che fa veramente la differenza è proprio il modo di scrivere, lacapacità di argomentare, digiungere in maniera chiara e rigo-

3 CAPITOLO I PREPARARSI ALLA REDAZIONE DEL PARERE: ALCUNI CONSIGLI PRATICI 5 rosa da una premessa ad una conclusione, dicollegare coerentemente i vari passaggi dell elaborato. Queste abilità si acquisiscono solo con l esercizio: scrivere molto rappresenta quindi la migliore vaccinazione contro il rischio di bocciatura. Un valido consiglio può essere allora quello di prendere le tracce uscite agli anni precedenti o, meglio ancora, quelle contenute nei vari libri di pareri che periodicamente sono pubblicati in vista dell esame di avvocato e provare a cimentarsi nella redazione di un parere o di un atto. Se ha optato per la raccolta di pareri già svolti, l aspirante avvocato potrà poi confrontate il suo elaborato con quello pubblicato e si renderà conto del livello del suo «compito»; potrà cioè autovalutarsi e vedere se, ad esempio, si è soffermato troppo o troppo poco su una questione, se lo schema logico seguito rispecchia quello dell autore del parere pubblicato, se le conclusioni coincidono, e via discorrendo. L esperienza di docenza nei corsi di preparazione all esame di avvocato tenuto a Roma, Bari e a Milano rivela che in due mesi di esercizio intenso (con una media di un parere e/o un atto ogni settimana) la capacità redazionale dei corsisti cresce in maniera esponenziale: si passa dai primi pareri che si leggono a fatica, agli ultimi pareri che mostrano una accresciuta fluidità nel linguaggio e un maggiore rigore argomentativo. Raggiunto questo standard redazionale, il superamento dell esame è quasi sicuro: a prescindere dalla questione di diritto (che, in un modo o nell altro, grazie ai codici commentati, come si diceva, si riesce a risolvere), il candidato riuscirà infatti a scrivere un parere (o un atto) fluido, organico, coerente, schematico. Si tratta del vero valore aggiunto, dell elemento che distingue dalla massa dei candidati e che spesso segna la differenza tra la promozione e la bocciatura. I componenti della Commissione, costretti a leggere centinaia di elaborati, molti disorganici e «arrugginiti», quando trovano un parere scritto bene sono disposti a «perdonare» anche una piccola lacuna o imprecisione giuridica. Al contrario, è inutile avere un ricco bagaglio di conoscenze, se poi non si riesce ad esprimerle in maniera compiuta e rigorosa. Fra l altro, l uso dei codici commentati con la giurisprudenza produce inevitabilmente un significativo livellamento del contenuto degli elaborati, almeno sotto il profilo dei contenuti giuridici (quasi tutti i candidati, in un modo o nell altro, riescono ad individuare la sentenza che risolve il caso). E allora a fare davvero la differenza è ancora una volta proprio la capacità espositiva del candidato. Per prepararsi all esame di avvocato, quindi, la prima cosa da fare non è tanto la ripetizione dei principi istituzionali appresi durante gli anni dell Università (principi facilmente recuperabili attraverso la lettura di un buon manuale), quanto piuttosto esercitarsi alla scrittura.

4 6 GUIDA ALLA REDAZIONE DEL PARERE PENALE 3. Riabituarsi alla scrittura manuale Un problema che può apparire banale, ma in realtà non lo è affatto, è quello legato alla scrittura manuale. Nella quotidianità, invero, quasi nessuno redige più atti o pareri in forma manoscritta, essendo ormai comunemente utilizzati a tale scopo i programmi di videoscrittura tramite computer. In sede di esame, invece, il candidato dovrà redigere atti e pareri utilizzando la scrittura manuale. Questo comporta, come è stato giustamente osservato (cfr. Sanzo, La prova scritta dell esame di avvocato, Padova, 2003, 5 ss.), tre ordini di problemi: mentre scrivendo al computer è possibile con molta facilità aggiungere e sopprimere frasi, modificarne la costruzione, spostare periodi, quando si scrive a mano tutto ciò diventa molto più difficile; l approccio mentale di chi scrive al computer è diverso da quello di chi scrive a mano: il primo, grazie anche alla maggiore facilità di correzione, tende a scrivere sull onda dell impulso con una (inevitabile) minor dose di riflessione; il secondo è invece portato a riflettere di più prima di scrivere; la scrittura elettronica, a differenza di quella manuale, è intelligibile da chiunque; non si pongono problemi di calligrafia. Ev opportuno allora che l aspirante avvocato si eserciti non solo a scrivere, ma anche a scrivere a mano, recuperando carta e penna, perché questi soli saranno i mezzi che avrà a disposizione in sede di esame. Ed è altrettanto importante che si abitui a scrivere con una scrittura leggibile, perché non vi è dubbio che la bella grafia ha un peso importantissimo nella valutazione della prova scritta. 4. La selezione della giurisprudenza Oltre a scrivere molto, è davvero utile, durante il periodo di preparazione agli scritti di avvocato, la lettura della giurisprudenza degli ultimi due anni. Come è noto, infatti, è ormai invalsa la prassi (non solo, peraltro, all esame di avvocato) di prendere spunto, nella elaborazione della traccia, da sentenza recenti. Si tratta normalmente di decisione intervenute nell anno in corso (ma quasi mai dei mesi a ridosso degli scritti, normalmente ci si ferma a giugno o a luglio) o negli ultimi mesi dell anno precedente. Solo eccezionalmente, quando di tratta di decisioni particolarmente importanti (ad esempio, interventi delle Sezioni Unite), possono assumere rilevanza anche sentenze di anni precedenti. Di regola, quindi, consultando le sentenze più importanti uscite tra il mese di aprile dell anno precedente a quello degli scritti e quello di giugno dell anno in corso, si riesce, con altissime probabilità, ad individuare la traccia che uscirà all esame.

5 CAPITOLO I PREPARARSI ALLA REDAZIONE DEL PARERE: ALCUNI CONSIGLI PRATICI 7 L esperienza dei corsi di preparazione rivela che questo è un metodo vincente: utilizzando proprio questa semplice accortezza, in questi anni è capitato di «scovare» quasi tutte le tracce poi effettivamente uscite. La principale difficoltà che l aspirante avvocato autodidatta può incontrare in questa opera di lettura della giurisprudenza è quella del criterio di selezione: non essendo ovviamente possibile leggere tutte le sentenze uscite negli ultimi due anni, come si selezionano quelle più importanti? La selezione delle sentenze è, in effetti, un operazione non semplice, perché c è il fondato rischio di impiegare tempo prezioso a leggerne molte che non potranno mai uscire, disperdendo preziose energie e finendo per trascurare inevitabilmente altre sentenze di alta probabilità concorsuale. A tal fine, è molto importante scegliere una buona rivista, capace di operare una selezione intelligente. Ev consigliabile una rivista generalista, che tratta cioè sia il diritto civile, sia il penale, sia (per chi è interessato) l amministrativo, anche per evitare di perdersi in un eccesso di materiale. Oltre alle quelle tradizionali (Il Foro italiano, Giurisprudenza italiana, Il Corriere giuridico, di periodicità mensile; Guida al diritto di periodicità settimanale), si segnalano anche alcune interessanti riviste on line (che hanno il vantaggio dell aggiornamento in tempo reale) quali (da gennaio 2007 esclusivamente in versione telematica) e Per chi vuole essere più sicuro e approfondire su riviste specialistiche di diritto penale, vanno senza dubbio consigliate la rivista Cassazione penale (Giuffrè editore), Diritto penale e processo (Ipsoa editore), Rivista penale (Casa editrice La Tribuna), tutte molto attente alle novità giurisprudenziali e di periodicità mensile, oltre alla classica Rivista italiana di diritto e procedura penale (Giuffrè editore). Selezionate le sentenze, un ottimo esercizio è quello di provare, dopo averle lette, a ricavare dalle stesse una traccia e poi svolgere il parere (o l atto). L elaborazione della traccia è, infatti, un esercizio utilissimo, sia per inquadrare e comprendere meglio le questioni giuridiche sottese alla sentenza, sia (e soprattutto) per imparare a ragionare nell ottica non più dell esaminando, ma dell esaminatore. Ev un esercizio, infatti, che aiuta a capire le logiche ed i meccanismi che stanno alla base delle tracce, anche di quelle che usciranno in sede di esame. 5. La scelta dei testi Sovente ai corsi di preparazione all esame di avvocato, molti frequentanti chiedono consigli sui testi da utilizzare per la preparazione e sulle parti da studiare con maggiore cura. Si tratta di domande cui non è facile dare una risposta, anche perché molto

6 8 GUIDA ALLA REDAZIONE DEL PARERE PENALE dipende dal livello di preparazione pregresso del candidato e dal tempo che ha a disposizione. Se il tempo è poco e il livello non è altissimo, forse è meglio ripassare le nozioni basilari su un buon manuale universitario. Se, invece, il livello di preparazione del candidato è già buono, si può pensare a testi di approfondimento. Comunque, provando a dare, senza pretesa di completezza e di esaustività, qualche indicazione di massima, appare opportuno consigliare alcuni testi. Per il diritto penale, per l impostazione teorica e l analisi problematica delle questioni, sicuramente G. Fiandaca-E. Musco, Diritto penale, Parte generale, Zanichelli, 2006; per la ricchezza di approfondimenti e aggiornamenti, anche giurisprudenziali, R. Giovagnoli, Studi di diritto penale, Parte generale, Giuffrè, Naturalmente, resta ferma la possibilità di scegliere testi ugualmente ricchi di contenuto, soprattutto per chi li ha già studiati all Università, quali, in particolare, G. Marinucci-E. Dolcini, Manuale di diritto penale, Giuffrè, 2006 (con utilissimi schemi di riepilogo a fine capitolo); D. Pulitanò, Diritto penale, Giappichelli, 2007; A. Pagliaro, Principi di diritto penale, Giuffrè, 2005; S. Fiore-C. Fiore, Diritto penale, 2 volumi, Utet, 2006; T. Padovani, Diritto penale, Giuffrè, Particolarmente proficua, per chi ha voglia e tempo di approfondire specifiche tematiche, può risultare la consultazione di un codice penale commentato con dottrina e giurisprudenza; il più completo, da questo punto di vista, è sicuramente quello curato per la Ipsoa da G. Marinucci e E. Dolcini, aggiornato al 2006, con utile e pratico CD-Rom di supporto. Discorso più difficile per il Diritto civile, dove si passa da testi forse troppo brevi (che richiedono una necessaria integrazione con riferimenti giurisprudenziali) a testi molto completi, ma lunghi. Consigliati, per chi ha poco tempo e vuole ripassarsi le rapidamente i principi, Balloriani, De Rosa, Mezzanotte, Diritto civile, Giuffrè. Per chi ha un po più di tempo; Trabucchi, Istituzioni di Diritto civile, Cedam; Galgano, Diritto privato, Cedam. Per maggiori approfondimenti, ovviamente, Gazzoni, Manuale di diritto privato, Esi, e l ottimo (per aggiornamento e completezza) Manuale di diritto civile (in IV tomi) di Caringella (Giuffrè, collana Percorsi). Altra domanda frequente è seènecessario studiare un testo di procedura civile o di procedura penale. Alla domanda, si può rispondere di no (assumendocene la responsabilità). Un «no» che non va però frainteso: lo studio delle procedure è senza dubbio utile, ma, onestamente, non strettamente necessario. Non è necessario perché di regola le tracce sollevano questioni di diritto sostanziale puro, e difficilmente investono questioni di procedura. Del resto, la normativa che regola l esame di avvocato fa riferimento ad un parere su materia regolata dal codice civile e dal codice penale (non dai codici di rito). Nozioni di procedura sono certamente utili per la redazione dell atto giudizia-

7 CAPITOLO I PREPARARSI ALLA REDAZIONE DEL PARERE: ALCUNI CONSIGLI PRATICI 9 rio, ma, a tal fine, è preferibile studiare (soprattutto se uno ha a disposizione pochi mesi di tempo) le formule di redazione degli atti, più che le procedure tout court. In definitiva, a chi ha due mesi di tempo per preparare il concorso, il consiglio è di accantonare le procedure, dando priorità ad altri profili. Altrimenti, il rischio è di disperdersi e sapere poco di tutto (procedure comprese). 6. Imparare a gestire il tempi in sede di esame Molte volte, una delle principali difficoltà che il candidato incontra in sede di esame è legata all incapacità di gestire il tempo a disposizione. Spesso accade, infatti, che il candidato per aver calcolato male i tempi non riesca a consegnare alla Commissione un elaborato completo o non riesca a consegnare la «bella» copia (e, soprattutto per chi non ha una bella grafia, questo può essere un errore fatale). Nei mesi che precedono l esame bisogna allora esercitarsi anche a gestire le sette ore concesse per la redazione del parere o dell atto. Ev importante evitare inutili sprechi di tempo, soffermandosi troppo, ad esempio, a scegliere una traccia per poi cambiare opzione ovvero iniziando in maniera spasmodica la ricerca della sentenza risolutrice sul codice, senza avere prima veramente compreso le questioni sollevate dalla traccia. Ancora, sarebbe sbagliato pensare che, eseguita una rapida lettura della traccia sia opportuno, per sfruttare al meglio il poco tempo a disposizione, mettere subito mano alla stesura dell elaborato, magari riprendendo le parti in fatto della traccia. Al contrario, prima di iniziare la stesura dell elaborato e di mettere mano al codice commentato, è assolutamente necessaria una lettura attenta, ponderata e soprattutto ripetuta (e non frettolosa!) della traccia, al fine di coglierne effettivamente il significato. Alla lettura della traccia bisognerà dedicare non meno di quindici o venti minuti. Studiata la traccia con molta attenzione, occorre comprendere quali sono i quesiti che essa sottopone all attenzione del candidato (e in questa fase può risultare davvero molto prezioso l esercizio di «autoredigere» le tracce durante i mesi precedenti l esame). In questa fase, può essere conveniente anche utilizzare, per individuare le norme di riferimento, un codice semplice, senza giurisprudenza: il codice non annotato, oltre ad essere più maneggevole, consente infatti una percezione ed una valutazione più immediata delle norme di legge e spesso consente di cogliere collegamenti e spunti di riflessione che possono rivelarsi decisivi per la corretta redazione del parere. Normalmente, la traccia del parere dell esame di avvocato richiede al candidato di illustrare in linea generale uno o più istituti di diritto sostanziale e di risolvere poi una o più questioni specifiche.

8 10 GUIDA ALLA REDAZIONE DEL PARERE PENALE Inquadrati i problemi da risolvere ed individuati, attraverso l uso del codice non commentato, i riferimenti normativi rilevanti, può iniziare la consultazione del codice annotato, ricercando ora la giurisprudenza utile. Normalmente, la traccia è, come si diceva, costruita su una sentenza della Corte di Cassazione relativa all ultimo anno. Nella maggior parte dei casi, la sentenza che risolve il caso si trova nel giro di poco; tuttavia, a dispetto di quanto normalmente si pensi, non è questo che fa realmente la differenza. Per poter essere promossi, la strada da fare è ancora lunga. Individuata la sentenza risolutrice, occorre vedere se vi sono precedenti contrari. Di essi, infatti, occorre dar atto nel parere, salvo poi evidenziare come la giurisprudenza più recente (o, comunque, prevalente) abbia accolto una diversa conclusione. Individuate la tesi «prevalente»o(«piùrecente») e le tesi «minoritarie» (o «meno recenti»), occorre poi applicarle al caso concreto e chiedersi quali conseguenze deriverebbero nella fattispecie dall una e dall altra. Questa applicazione al caso concreto di ciascuna delle tesi elaborate dalla giurisprudenza rappresenta un elemento necessario del parere. Non dimentichiamo mai che non stiamo redigendo un tema teorico o un articolo di rassegna giurisprudenziale; il nostro compito è, al contrario, quello di offrire al nostro assistito un quadro chiaro della situazione, indicandogli quindi le soluzioni possibili (alla luce della giurisprudenza) e, soprattutto, le conseguenze pratiche derivanti da ciascuna delle predette soluzioni. Illustrate le soluzioni (e le conseguenze che ne discendono), dobbiamo compiere un ulteriore sforzo ricostruttivo e spingerci ad individuare gli argomenti a sostegno di ciascuna tesi, nonché, eventualmente, il modo per confutarli. Ev questo il momento più difficile del parere. I codici commentati riportano nella maggior parte dei casi soltanto la massima della sentenza, ovvero l enucleazione del principio di diritto che illustra la soluzione raggiunta dall organo giudicante in una determinata fattispecie, ma non contengono la motivazione, cioè l indicazione degli argomenti che la sentenza ha utilizzato per giungere a quella conclusione. L individuazione degli argomenti è compito del candidato. Occorre capire le ragioni che hanno condotto la giurisprudenza ad optare per l una o per l altra soluzione. Il parere è un po come un itinerario da percorrere, in cui si conosce il punto di partenza e il punto di arrivo, ma non la strada da fare per arrivarci. Individuati gli argomenti, abbiamo tutto quello che ci serve: il nostro parere è virtualmente pronto, non rimane che scriverlo. Prima di farlo, però, è bene riordinare le idee e buttare giù una scaletta ordinata, ove segnare i punti da sviluppare, le cose che vogliamo dire e l ordine in cui pensiamo di scriverle. La scaletta ha una duplice utilità: da un lato, rende ordinato e schematico lo svolgimento del compito (e questa è una qualità apprezzatissima al momento della correzione); dall altro, consente di appuntare una serie di spunti di rifles-

9 CAPITOLO I PREPARARSI ALLA REDAZIONE DEL PARERE: ALCUNI CONSIGLI PRATICI 11 sione che (se non fissati subito), nel corso della giornata, con il passare del tempo e il sopraggiungere della fatica, rischierebbero probabilmente di svanire. Per quanto concerne, in particolare, questa seconda funzione della scaletta (che funge da promemoria delle cose da dire), non vi è dubbio che il momento migliore per pensare, quello cioè di maggiore freschezza intellettuale, in cui il candidato è ancora carico di energie psico-fisiche, è rappresentato dalle prime ore immediatamente successive alla lettura della traccia. Prima di iniziare a scrivere, è allora necessario segnare per bene tutto quello che vogliamo dire e sviluppare, predisponendo poi un preciso ordine di esposizione. Quando, mano a mano che il tempo passa, perderemo progressivamente la nostra freschezza mentale, quella scaletta, se fatta bene, sarà la nostra vera ancora di salvezza, la nostra guida che ci sorregge e ci conduce, passo passo, verso la conclusione dell elaborato La fase che va dalla lettura della traccia alla redazione della scaletta è il vero cuore del procedimento di redazione del parere; ad essa devono essere dedicate almeno due ore. Ebbene sì, le prime due ore vanno dedicate alla sola «progettazione» del parere, senza però iniziare a scriverlo. Voler iniziare a scrivere subito (magari suggestionati dal fatto che i nostri vicini hanno già scritto qualche pagina di foglio protocollo) è un errore gravissimo. Prima di iniziare la redazione del parere occorre aver già stabilito, con un buon grado di approssimazione, quello che si vuole dire; bisogna in sostanza avere individuato: la questione da risolvere; la tesi prevalente; la tesi minoritaria; le conseguenze derivanti dall applicazione dell uno e dell altra alla fattispecie concreta; gli argomenti da spendere a sostegno dell una o dell altra; le conclusioni del parere. Ultimato il percorso logico giuridico che conduce alla soluzione del caso nei termini appena descritti, possiamo iniziare la stesura dell elaborato, alla quale dedicheremo circa tre ore e mezza. Se la precedente attività di preparazione è stata accurata si tratta di un tempo assolutamente sufficiente (ma comunque non sovrabbondante). Ev opportuno non esagerare con la lunghezza del parere. Considerate infatti che i vostri commissari saranno «costretti», per alcuni mesi, a leggersi centinaia di pareri tutti uguali (e spesso non esaltanti) sulla medesima questione, magari sottraendo tempo ad altre e più interessanti attività... Un parere eccessivamente lungo rischia, quindi, di indisporre o comunque di non essere apprezzato, soprattutto se non è ineccepibile nella forma espositiva o nel contenuto sostanziale. Inoltre, è noto che più si scrive e più aumenta il rischio di sbagliare. Un parere medio va da un minimo di quattro ad un massimo di sette facciate

10 12 GUIDA ALLA REDAZIONE DEL PARERE PENALE di foglio uso bollo. Scrivere di più può essere rischioso. Non bisogna correre il rischio di strafare, ma per usare una metafora calcistica rimanere pazientemente arroccati in difesa, cercando di rischiare il meno possibile. Infine, redatto l elaborato occorre fermarsi e prendersi qualche minuto di pausa (magari alzarsi, mangiare qualcosa, rilassarsi un po ). Allentata in tal modo la tensione, si potrà procedere alla rilettura del parere e alla ricopiatura in bella copia. Questa fase porterà via circa un ora e mezza. La ricopiatura è un aspetto molto importante in quanto consente di consegnare un compito in bella grafia, senza troppe cancellatura e, quindi, facilmente leggibile. Un parere scritto in brutta grafia parte già fortemente svantaggiato, perché indispone (anche inconsapevolmente) i commissari, costringendoli ad uno sforzo di comprensione che non sono tenuti a compiere. La fase della ricopiatura è quindi fondamentale; non si può pensare di ometterla, a meno che si riesca a scrivere sin da subito una copia «bella» e «pulita». Riepilogando quindi: 1) lettura e comprensione della traccia (15/20 minuti); 2) individuazione dei quesiti da risolvere; 3) consultazione dei codici (prima non commentati poi commentati); 3) individuazione degli orientamenti (o delle possibili soluzioni) e delle relative conseguenze che l accoglimento dell una o dell altra opzione interpretativa ha nel caso oggetto di parere; 4) individuazione degli argomenti da utilizzare a sostegno degli orientamenti giurisprudenziali che abbiamo trovato nel codice; 5) individuazione della conclusione; 6) redazione di una scaletta dettagliata; I punti da 2a6richiedono non meno di due ore. 7) stesura del parere: tre ore/tre ore e mezza; 8) rilettura e ricopiatura: un ora e mezza Durante i mesi che precedono l esame, è opportuno allenarsi nella redazione dei pareri seguendo questa tempistica, in modo che diventi pressoché automatica. 7. I corsi di preparazione Per affrontare con maggiore consapevolezza l esame di avvocato può essere utile seguire un buon corso di preparazione. Nel corso degli ultimi anni, con il progressivo assottigliamento delle percentuali dei promossi presso le varie Corti di Appello, si è avuta una notevole diffusione dei corsi di preparazione. La scelta dei corsi non sempre è facile: se infatti alcuni sono notoriamente

11 CAPITOLO I PREPARARSI ALLA REDAZIONE DEL PARERE: ALCUNI CONSIGLI PRATICI 13 molto buoni, altri sono il frutto dell improvvisazione e rischiano di fare più danni che altro. Ciò premesso, cerchiamo di individuare le caratteristiche di un buon corso: deve dedicare attenzione anche alle tecniche redazionali di atti e pareri; deve prevedere compiti scritti con correzioni individualizzate da parte dei docenti (almeno 1 atto e 1 parere a settimana); deve soffermarsi sull esame della giurisprudenza più rilevante e sulla casistica; deve fornire gli strumenti per inquadrare anche teoricamente gli istituti sostanziali più importanti (normalmente il parere, ma a volte anche l atto, richiedono una preliminare trattazione di un istituto sostanziale); deve prevedere almeno 60 ore di lezione, possibilmente diluite in una decina di settimane almeno, così da evitare uno stress eccessivo (che potrebbe essere controproducente) e dare modo a chi frequenta di assimilare le lezioni. 8. Come comportarsi i giorni dell esame L esame è un appuntamento importante, rappresenta il punto di arrivo di un lungo periodo di studio e di sacrifici. Non possiamo permetterci, quindi, di trascurare alcun dettaglio, anche quelli che sembrano banali. Considerate innanzi tutto che il contesto ambientale in cui si svolgono le prove scritte è piuttosto disagiato. Soprattutto nelle grandi sedi, il numero molto elevato dei candidati non consente alle commissioni il controllo della rumorosità ambientale. Spesso, quindi, si è costretti a scrivere il compito in un contesto nel quale la concentrazione è resa quasi impossibile da un costante vociare. Per questa ragione, un consiglio utilissimo è quello di munirsi di un bel paio di tappi per le orecchie: vi consentiranno di isolarvi dal clima esterno e di fare il vostro compito in condizioni di assoluto silenzio e di massima concentrazione. Altro consiglio: attenti ai suggerimenti, soprattutto a quello dei compagni di banco o dei vicini, ma, a volte, anche dei commissari. In quasi tutte le sedi in cui si svolge l esame, si riesce a scambiare qualche parola almeno con il vicino di banco. Questa possibilità, che normalmente rassicura il candidato, rischia, tuttavia, di essere alquanto pericolosa, soprattutto quando non si conosce la persona con cui scambiamo le opinioni. Un suggerimento sbagliato, soprattutto in un contesto in cui è possibile non essere totalmente lucidi, rischia infatti di mandarci fuori strada e di compromettere l esito dell esame. E non c è niente di peggio che essere bocciati per aver raccolto un suggerimento fuorviante! Non solo, ma spesso, il tentativo di carpire suggerimenti ad ogni costo ci toglie la concentrazione necessaria per redigere al meglio il compito. Il consiglio di fondo quindi è quello di «non accettare suggerimenti da scono-

12 14 GUIDA ALLA REDAZIONE DEL PARERE PENALE sciuti». Se si deve essere bocciati è meglio esserlo per i propri demeriti, che non per quelli degli altri. Insomma, non è detto che il nostro vicino sia più bravo di noi, anzi, siamo sicuri che chi seguirà con scrupolo le indicazioni contenute nella presente guida potrà raggiungere un livello di preparazione che gli permetterà di scrivere un buon parere prescindendo dai suggerimenti. Attenzione anche alle indicazioni dei commissari! Capita a volte che i commissari, compulsati dai candidati, si lascino scappare qualche indicazione sul compito. Ev bene prendere cum grano salis anche queste indicazioni in quanto: il commissario, per non dare aiuti eccessivi, spesso lancia solo qualche indicazione di massima. Si tratta quindi spesso di mezze risposte, di ammiccamenti, di sottintesi, di qualcosa a metà strada tra il dire e il non dire. Ev evidente che, soprattutto in condizioni di particolare emotività, il rischio di fraintendere tali indicazioni è altissimo; la traccia non l ha scritta il commissario presente nelle aule d esame, che tra l altro potrebbe non essere propriamente esperto nell ambito su cui verte un parere (ad esempio, un avvocato che ormai da molto tempo svolge la propria attività nel settore civile potrebbe non avere più la necessaria dimestichezza con gli strumenti e gli istituti del diritto penale); per di più, va considerato che la traccia la scrivono a Roma, presso il Ministero della Giustizia. Quindi, il vostro commissario ha letto la traccia solo la mattina, magari l ha letta di fretta e, quindi, quando costretto dalle assillanti domande di alcuni candidati si lascia uscire la mezza frase di cui al punto precedente, potrebbe non avere (ancora) colto tutti i profili della traccia stessa; con il nuovo sistema di correzione recentemente introdotto per evitare le migrazioni di aspiranti avvocati verso sedi tradizionalmente più abbordabili, i compiti saranno corretti da commissari diversi da quelli che si trovano nella sede di esame e non è detto che le opinioni coincidano. Attenzione, ciò non significa che le indicazioni dei commissari vadano ignorate; significa solo che laddove dovessero risultare incompatibili con quanto state scrivendo, prima di cambiare tutta l impostazione del parere (soprattutto se vi trovate in una fase di redazione avanzata) è bene fare molta attenzione e magari cercare qualche riscontro. E poi, l importante non è come si conclude, ma come si motiva. Perché, in fondo, il bello (o il brutto, a volte) delle discipline che studiamo è che si può sostenere (quasi) tutto.

13 CAPITOLO II LA REDAZIONE DEL PARERE: INDICAZIONI METODOLOGICHE GUIDA 1. Il parere 2. I criteri di valutazione degli elaborati previsti dal d.l. n. 112/2003, convertito nella l. n. 180/ Come redigere il parere: lo stile espositivo 4. Uso corretto della punteggiatura e suddivisione in paragrafi 5. Come citare la giurisprudenza e dottrina 6. Lettura e comprensione della traccia 7. L individuazione delle problematiche sottese alla fattispecie 8. La consultazione dei codici commentati 9. Ev possibile in sede di parere giungere ad una soluzione negativa per il cliente virtuale? 10. La redazione della scaletta 11. Come inserire i profili teorici nel corpo del parere 12. Il metodo da seguire nello svolgimento del parere 13. Si può integrare la traccia con ulteriori circostanze di fatto? 14. Quanto deve essere lungo un parere

14 17 1. Il parere La redazione del «parere motivato», in materia civile e penale, ha un ruolo centrale dell ambito delle prove scritte degli esami di abilitazione alla professione di avvocato. Anzitutto, da un punto di vista meramente quantitativo, va considerato che due delle tre prove scritte consistono nella redazione di un parere. Inoltre, l atto costituisce la prova che meglio consente alla commissione di valutare la preparazione complessiva del candidato. La redazione dell atto giudiziario è sicuramente altrettanto importante; tuttavia, vista la sua impostazione schiettamente difensiva, difficilmente l atto potrà essere «snaturato» ad un punto tale da consentire una piena dimostrazione della conoscenza degli istituti e dei problemi che vengono, inevitabilmente, soltanto sfiorati. D altra parte, il parere motivato si presenta rispetto all atto giudiziario più «lontano» dall esperienza maturata nella pratica. In primo luogo, se non si è avuta la fortuna di espletare un tirocinio a tutto campo (ipotesi di non frequente verificazione, attesa la tendenza ad una sempre più marcata specializzazione degli studi professionali), una delle due prove obbliga ad inoltrarsi in territori lontani da quelli percorsi durante il tirocinio: chi fa pratica presso uno studio civilistico non ha (quasi mai) visto una questione penale da vicino, e viceversa. Va ricordato che rispetto all atto (che è un elaborato a contenuto squisitamente critico, in cui il candidato è chiamato a sostenere tutte le argomentazioni ritenute più consone e ragionevoli per la posizione del suo assistito), il parere ha carattere più oggettivo, nel senso che il candidato deve fornire al suo virtuale cliente un quadro complessivo quanto più realistico della vicenda, indicandogli tutti i rischi che corre. Se, quindi, il candidato si dovesse rendere conto che non vi sono soluzione favorevoli al suo cliente è tenuto a comunicarglielo. Si tenga presente, tuttavia, che normalmente le tracce dei pareri elaborate dal Ministero consentono sempre l individuazione di una strategia difensiva favorevole all assistito. Ev raro, quindi, che venga selezionato un parere in cui non vi

15 18 GUIDA ALLA REDAZIONE DEL PARERE PENALE sono spiragli o vie di fuga per il potenziale cliente, anche se non può escludersi a priori che ciò accada. Altra differenza tra atto e parere sta nel fatto che nel secondo mancano normalmente i profili di diritto processuale (a volte presenti invece nel primo) e anche le questioni attinenti alla prova dei fatti non afferiscono di norma all ambito argomentativo dei pareri. 2. I criteri di valutazione degli elaborati previsti dal d.l. n. 112/2003, convertito nella l. n. 180/2003 Per chi si appresta a sostenere le prove scritte, può essere utile sapere che il legislatore ha fissato, a partire dal 2003, alcuni criteri di valutazione cui le commissioni di esame devono attenersi nella correzione delle prove scritte. Essi sono stati introdotti dall art. 1-bis, comma 9, l. n. 180/2003, di conversione del d.l. n. 112/2003 (recante «Modifiche urgenti alla disciplina degli esami di abilitazione alla professione forense»). In particolare, il legislatore ha previsto che la commissione istituita presso il Ministero della Giustizia definisce i criteri per la valutazione degli elaborati scritti e delle prove orali e il presidente ne dà comunicazione alle sottocommissioni. La commissione è comunque tenuta a comunicare i seguenti criteri di valutazione: chiarezza, logicità e rigore metodologico dell esposizione; dimostrazione della concreta capacità di soluzione di specifici problemi giuridici; dimostrazione della conoscenza dei fondamenti teorici degli istituti giuridici trattati; dimostrazione della capacità di cogliere eventuali profili di interdisciplinarietà; relativamente all atto giudiziario, dimostrazione della padronanza delle tecniche di persuasione. Come si vede, prima ancora della capacità di risolvere concreti problemi giuridici, viene data importanza alla chiarezza, alla logicità, al rigore metolologico della forma espositiva. Rappresenta questa una ulteriore conferma che, anche per il legislatore, come si scrive può essere ancora più importante di (o almeno importante quanto) ciò che si scrive. 3. Come redigere il parere: lo stile espositivo Un ruolo assolutamente preponderante per la felice redazione del parere assume di certo lo stile espositivo, e cioè la forma in cui viene espresso il ragionamento giuridico, che porta alla soluzione del caso. A questo proposito, è possibile dare delle indicazioni di carattere generale, ed

16 CAPITOLO II LA REDAZIONE DEL PARERE: INDICAZIONI METODOLOGICHE 19 altre indicazioni più specifiche, che concernono più direttamente l esposizione di tipo giuridico. Per quanto riguarda le indicazioni di carattere generale, l esposizione deve essere condotta in forma impersonale («si ritiene»; «si potrebbe sostenere»; «si segnala»): senza parlare, quindi, in prima persona ed evitando anche lo stile epistolare, che talvolta viene adoperato. I concetti, poi, devono essere formulati in modo chiaro, curando allo stesso tempo la sinteticità. A tal fine, si deve evitare a tutti i costi l abuso del ricorso alle frasi incidentali (e ancor peggio all uso delle incidentali nelle incidentali). Ciascuna frase deve essere di senso pressoché compiuto, non eccedendo mai (se possibile) le tre-quattro righe di lunghezza. Quando si ritiene di aver esaurito un concetto, è bene apporre il punto ed andare a capo: l inizio di un nuovo capoverso consente al lettore di riprendere fiato e capire meglio la scansione dei concetti. Per quanto riguarda la terminologia, occorre evitare le ripetizioni: quindi, terminata la stesura di un concetto è bene rileggere la frase unitamente a quella precedente, per verificare se vi siano eventuali ripetizioni di termini o forme verbali e, in caso positivo, procedere alle opportune modifiche. Quando, nel corso dell esposizione, si intende prospettare un interrogativo,è consigliabile farlo in forma indiretta piuttosto che in forma diretta («ci si chiede se...» «ci si può interrogare in ordine a...»). Ancora, è bene evitare di fare affermazioni perentorie (esempio: «la legge sul punto è chiara!»), essendo sempre preferibile porre in luce la problematicità di determinate questioni, specie trattandosi di questioni giuridiche, la cui soluzione quasi mai risulta pacifica. Ev preferibile inoltre lasciare da parte eventuali espressioni colorite; al contrario, lo stile dovrà essere sobrio, con locuzioni di tenore neutro, proprie di una materia quale il diritto che non è néscienza né narrativa né tantomeno divulgazione giornalistica. Passiamo adesso ad alcuni suggerimenti, che attengono più specificamente all esposizione di tipo giuridico. Ev opportuno evitare di compiere una ripetizione preliminare del caso: tenete conto che il lettore conosce (o quantomeno dovrebbe conoscere) il caso e non c è bisogno che glielo rammentiate. Ev opportuno anche astenersi dalla ripetizione testuale di articoli di legge (es.: l art. 323 c.p. recita: «...») o da affermazioni troppo scolastiche o scontate («i reati si distinguono in delitti e contravvenzioni...»). Cercate anche di scansare le tesi eccessivamente stravaganti o (peggio ancora) la tentazione di motivare in maniera originale un indirizzo consolidato. Difficilmente, infatti, in sede di esame, saranno apprezzati elaborati eccessivamente originali, che vanno controcorrente rispetto ad orientamenti consolidati della Cassazione. L esposizione più semplice e lineare è sempre quella più apprezzata.

17 20 GUIDA ALLA REDAZIONE DEL PARERE PENALE 4. Uso corretto della punteggiatura e suddivisione in paragrafi Un requisito formale a volte trascurato dai candidati, perché erroneamente ritenuto marginale, ma che invece rileva moltissimo ai fini della valutazione delle prove scritte, è costituito dall uso corretto della punteggiatura e dalla suddivisione dell elaborato in paragrafi. L uso corretto dei punti e della virgole agevola notevolmente la lettura e la comprensione del testo. Ed infatti, come è stato giustamente osservato, «punti e virgole altro non sono che marcatori visivi facenti parte di un sistema semiotico codificato deputati a segnalare le pause ed a suggerire il tono del discorso. Si tratta, in sostanza, di messaggi in codice che l autore dello scritto inserisce nel testo allo scopo di monitorare la fase più delicata, sottratta al suo diretto controllo, di lettura da parte di altri dello scritto medesimo. Fase nella quale la parola scritta, ancorché ridotta a mero segno grafico convenzionale e del tutto decontestualizzata, quasi per miracolo si rivitalizza, riacquistando l originaria sonorità propria della comunicazione orale» (A. Traversi, Guida all esame scritto di diritto penale, Padova, 2006, 8). Estremamente utile è anche la suddivisione del testo in paragrafi: in questo modo, infatti, da un lato la lettura è agevolata, dall altro i commissari hanno subito il quadro del percorso logico seguito dal candidato. E ne è agevolato anche il candidato, dal momento che, nella redazione del parere, potrà seguire una scansione logico-temporale già scandita nettamente, predeterminata e ragionata in una fase precedente e meno concitata di una giornata nella quale più il tempo passa più la tensione cresce (e la lucidità tende fisiologicamente a scemare). 5. Come citare giurisprudenza e dottrina Le citazioni all interno del parere possono essere di due tipi: di dottrina e di giurisprudenza. Le prime vanno limitate ai soli casi in cui si tratti di esponenti indiscutibilmente autorevoli riguardo a quello specifico argomento oggetto di esposizione ed è comunque preferibile, anziché richiamare il nome dell autore (il Fiandaca, il Mantovani, ecc.), utilizzare frasi più generiche, quali: «per una parte della dottrina», «nella manualistica è diffusa l affermazione»; «secondo parte autorevole della dottrina», senza specificazioni ulteriori, che tra l altro potrebbero essere fraintese dai commissari in sede di correzione ed interpretate quali segni di riconoscimento. Le citazioni di giurisprudenza preferibilmente non devono essere testuali, cioè trascritte tra virgolette. Ev preferibile usare la forma indiretta e non virgolettata (es.: la giurisprudenza sul punto afferma che...). Si ritiene comunemente che la facoltà concessa al candidato di consultare i codici commentati con la giurisprudenza costituisca una grossa facilitazione

18 CAPITOLO II LA REDAZIONE DEL PARERE: INDICAZIONI METODOLOGICHE 21 nella redazione dell elaborato scritto. Ev una conclusione certamente corretta, purché però si faccia un uso appropriato e razionale del codice. Bisogna cercare di dominare il codice commentato, non di diventarne schiavi. Ev quindi opportuno dapprima elaborare una propria linea di analisi e solo successivamente ricercare i riscontri giurisprudenziali, che vanno inseriti in maniera calibrata nello sviluppo di un discorso argomentato. Ev assolutamente sconsigliato il mero collage di massime, senza dare un contributo espositivo personale. Ugualmente, è un errore riportare le massime giurisprudenziali senza citarle, facendo così apparire il contenuto di esse come frutto dell elaborazione del candidato. Da evitare anche l errore (alquanto ricorrente) di citare la giurisprudenza subito all inizio del compito, laddove questa, semmai, va richiamata alla fine del percorso argomentativo svolto, a conferma della fondatezza del proprio assunto. Per esempio, dopo aver illustrato una posizione, si può, per rafforzarla, aggiungere una frase del tipo: «in tal senso si è recentemente pronunciata, con riferimento ad una fattispecie analoga a quella in esame, la Corte di Cassazione (cfr. Cass., Sez.)...». In ogni caso, gli orientamenti giurisprudenziali devono essere riportati con precisione e completezza (è una ingenuità controproducente sfruttare le massime favorevoli ed ignorare quelle di segno opposto), e qualora sussistano contrasti occorre darne conto, prendendo motivatamente posizione. 6. Lettura e comprensione della traccia Uno dei principi fondamentali che una corretta acquisizione della tecnica di redazione di atti e pareri giuridici consente di assumere è rappresentato, come si è detto nel precedente capitolo, dalla consapevolezza che la stesura dell elaborato (al contrario di quanto comunemente si ritiene) rappresenta solo il momento finale e non necessariamente quello decisivo nella soluzione del caso. Il tempo meglio speso è quello dedicato alla «preparazione» della stesura: in buona sostanza, quanto più si avrà la capacità di «ritardare» il momento della redazione scritta dell elaborato, tanto più ci si porrà in condizione di farvi luogo in una situazione mentale ideale. Perché si avrà una visione d insieme (la più compiuta possibile) dei diversi problemi da affrontare e risolvere. In proposito, sarebbe opportuno tenere a mente una linea-guida rigida: nei limiti del possibile, quando si inizia la stesura dell elaborato, se ne dovrebbe già conoscere il punto di partenza ed il punto di arrivo, nonché (seppure con gli inevitabili correttivi che si dovranno introdurre in corso di stesura) tutti i singoli passaggi nei quali si articolerà la argomentazione illustrativa della soluzione offerta.

19 22 GUIDA ALLA REDAZIONE DEL PARERE PENALE Come già accennato, è perciò necessario liberarsi dal luogo comune secondo cui l importante è metter subito mano allo scritto: al contrario, quanto più si tarderà (in senso costruttivo) il momento della redazione, tanto più ricca, lineare e semplice risulterà la stesura dell elaborato. Punto centrale della fase di preparazione che precede la stesura è costituito certamente dalla lettura della traccia. Ev questo un momento particolarmente trascurato, di norma, dal candidato, il quale è tutto preso dalla vera e propria ansia di «comprendere il senso» dei problemi sottoposti al suo esame ed è così emotivamente indotto a ritenere che la «lettura» della traccia rappresenti un fatto quasi secondario, una inutile e ridondante perdita di tempo. 7. L individuazione delle problematiche sottese alla fattispecie A questo punto, dopo aver letto la traccia con molta attenzione, dovrebbe risultarne una chiara comprensione della fattispecie e dei problemi giuridici che essa solleva. a) Assai di frequente l opera di individuazione delle questioni è agevolata dalla traccia medesima che indica espressamente su quali punti il candidato deve soffermarsi. Si pensi, ad esempio, alla traccia assegnata nella sessione di esame del 2005: Tizio, maggiore di età, veniva tratto a giudizio per rispondere dei delitti, commessi in concorso con i minori Caio, Sempronio e Mevio, di omicidio pluriaggravato (dal nesso teleologico e dai motivi abbietti e futili), di violenza sessuale di gruppo e di sequestro di persona in danno della minore Caia. Dalle risultanze delle indagini preliminari tecniche, dagli accertamenti medico legali e dalle dichiarazioni confessorie rese da tutti gli imputati, risultava accertato che in occasione e contemporaneamente agli atti di violenza sessuale erano stati posti in essere altresì atti diretti all uccisione della vittima al fine evitare che la giovane potesse dare l allarme e denunciare i gravi delitti fino a quel momento commessi. Tanto premesso in linea di fatto, il candidato, assunte le vesti del legale di Tizio, rediga motivato parere sulle seguenti problematiche sottese alla fattispecie in esame: 1) se la circostanza aggravante prevista dall art. 576, comma 1, n. 5 c.p. per il reato di omicidio, quando lo stesso sia stato eseguito «nell atto di commettere taluno dei delitti previsti dagli artt. 519, 520 e 521 c.p.», sia tuttora configurabile, nonostante l abrogazione di queste ultime disposizioni ad opera dell art. 1 l. 15 febbraio 1996, n. 66, con riferimento ai delitti di violenza sessuale di cui agli artt. 609-bis ss. c.p., inseriti dalla stessa legge tra i delitti contro la libertà personale ed in particolare con riferimento alla fattispecie della violenza sessuale di gruppo prevista dall art. 609-octies c.p.; 2) in caso di soluzione positiva al quesito di cui al punto n. 1), se sia compatibile il concorso della circostanza aggravante della violenza sessuale di gruppo, ricon-

20 CAPITOLO II LA REDAZIONE DEL PARERE: INDICAZIONI METODOLOGICHE 23 ducibile all art. 576, comma 1, n. 5 c.p., con quella della connessione teleologica fra l omicidio e la violenza sessuale, prevista dall art. 61, n. 2 c.p., richiamato dall art. 576, comma 1, n. 1 c.p. In questo caso, le questioni giuridiche da risolvere sono già individuare in modo chiaro dalla traccia. La prima consiste nello stabilire se l aggravante prevista dall art. 576, comma 1, n. 5 c.p. possa applicarsi anche alle ipotesi di omicidio realizzato «nell atto di commettere» i nuovi delitti di violenza sessuale (di cui agli artt. 609-bis ss. c.p). e, in particolare, con riferimento all esecuzione di una violenza sessuale di gruppo. La seconda consiste nel verificare se l aggravante di cui all art. 576, comma 1, n. 5 c.p. sia, o meno, compatibile con l aggravante della connessione teleologica. A volte, per risolvere una questione occorre affrontarne altre: ad esempio, per stabilire se l aggravante dell art. 576 comma 1, n. 5 si applichi o meno all omicidio commesso nel corso di una violenza sessuale di gruppo, occorre necessariamente capire: a) se il rinvio contenuto nella norma sia un rinvio recettizio (ad una norma determinata) o un rinvio mobile (ad una fonte ed a tutte le sue successive modifiche); b) che rapporto sussiste (in termini di continuità normativa o abolitio criminis) tra le nuove fattispecie di violenza sessuale e le precedenti; c) che rapporti vi siano tra la violenza sessuale di gruppo (che non esisteva come fattispecie autonoma prima della riforma del 1996) e il concorso eventuale di persone nei delitti di cui agli abrogati artt. 519, 520 e 521 c.p. b) In altri casi, la traccia non indica espressamente le questioni da affrontare. Prendiamo ad esempio la traccia del parere di penale assegnata all esame del Tizio il 5 gennaio 2005 si reca di notte nei pressi di un cavalcavia posto a protezione della sottostante sede stradale, e per puro divertimento, comincia a lanciare sassi di grande dimensione, sia pure senza avere l intenzione di colpire gli automobilisti in transito sulla carreggiata. Nel frattempo, un automobilista non riesce ad evitare un sasso e viene colpito riportando ferite gravi. Successivamente, Tizio si allontana indisturbato, ma viene riconosciuto e tratto in arresto con l accusa di lesioni personali. Il candidato, premessi brevi cenni sul tentativo di reato, assunte le vesti del legale di Tizio, rediga motivato parere, illustrando la fattispecie criminosa imputabile allo stesso, tenendo presente che Tizio non conosceva la vittima né aveva del luogo del lancio una visuale sull autostrada. Qui non viene esplicitamente individuata la questione giuridica da affrontare. Ev compito del candidato ricavarla dalla fattispecie. La traccia ci dà tuttavia un indizio quando richiede brevi cenni sul «tentativo di reato» (rectius, di delitto). Questo è un campanello d allarme importante e deve far nascere un interrogativo: se l automobilista ha riportato gravi ferite, il delitto di lesioni personali è

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA (Testo approvato in via preliminare dal Consiglio Nazionale Forense il 21 febbraio 2014) SOMMARIO RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO... 2 BASE NORMATIVA: ARTICOLI RILEVANTI

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli