ESEMPIO SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS ON LINE. Indagine di soddisfazione per il Comune di XY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESEMPIO SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS ON LINE. Indagine di soddisfazione per il Comune di XY"

Transcript

1 ESEMPIO SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS ON LINE Indagine di soddisfazione per il Comune di XY Indice Introduzione: le fasi per la realizzazione dell indagine di customer satisfaction...2 L indagine del Comune di XY Progettazione dell indagine Il piano di campionamento La somministrazione del questionario e la raccolta dei dati Analisi dei dati Approccio metodologico Risultati dell indagine Presentazione del campione Analisi e confronto dei giudizi di soddisfazione complessiva Stratificazione dei giudizi di soddisfazione complessiva Analisi degli aspetti specifici della soddisfazione Analisi delle importanze La regressione multipla Sistemi probabilistici esperti

2 Introduzione: le fasi per la realizzazione dell indagine di customer satisfaction Si presentano di seguito le attività e i relativi risultati di un indagine svolta nell ambito della sperimentazione del modello CS online, secondo le seguenti fasi (vedi Linee Guida): 1. progettazione dell indagine; 2. definizione degli indicatori specifici (solo nel caso in cui si debba realizzare un questionario specifico); 3. piano di campionamento; 4. somministrazione del questionario di indagine e raccolta dei dati; 5. analisi dei dati; 6. interpretazione dei dati e predisposizione delle azioni di miglioramento. Si precisa che quest ultima fase richiede necessariamente il diretto coinvolgimento delle persone che collaborano alla realizzazione del processo e pertanto deve essere predisposta autonomamente dall Ente. L indagine del Comune di XY 1. Progettazione dell indagine L indagine si propone di misurare la soddisfazione dei cittadini che utilizzano i servizi online erogati attraverso il portale. Il Comune di XY ha scelto di utilizzare per l indagine il questionario standard. Viene di seguito riportato il questionario usato per la rilevazione: 2

3 QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE RELATIVO AL SITO E AI SERVIZI ON-LINE DEL COMUNE XY La preghiamo di esprimere un Suo giudizio relativamente alla affermazione di seguito indicata: Completamente in disaccordo Completamente d'accordo Ritengo che l'utilizzo del sito e dei servizi on line sia complessivamente soddisfacente O O O O O O Indichi quanto è d'accordo con le seguenti affermazioni dando un voto da 1 (per niente d'accordo) a 6 (completamente d accordo) Per niente d'accordo Completamente d'accordo è facile raggiungere il sito O O O O O O è facile accedere ai servizi presenti sul sito O O O O O O è facile effettuare la registrazione per potere usufruire dei servizi presenti sul sito O O O O O O sul sito trovo tutte le informazioni di cui ho bisogno per utilizzare i servizi on line, senza necessità di rivolgermi altrove O O O O O O questo sito contiene informazioni complete O O O O O O questo sito contiene informazioni aggiornate O O O O O O trovo che utilizzare i servizi di questo sito sia più vantaggioso rispetto ai canali tradizionali (telefono, sportello, fax, ) O O O O O O l'offerta dei servizi presenti su questo sito soddisfa le mie esigenze O O O O O O mi vengono segnalati con chiarezza gli eventuali errori commessi in fase di inserimento dei dati O O O O O O è facile ottenere i documenti e/o le ricevute di cui ho bisogno O O O O O O il servizio che ho utilizzato mi è stato erogato in tempi che reputo soddisfacenti O O O O O O questo sito è semplice da navigare O O O O O O l'aspetto grafico di questo sito è gradevole O O O O O O riesco a localizzare le informazioni di cui ho bisogno con pochi click O O O O O O le pagine di questo sito sono ben organizzate O O O O O O questo sito offre la possibilità di contattare facilmente l'ente O O O O O O (se ho formulato quesiti) ho ottenuto le soluzioni ai quesiti che ho formulato in tempi rapidi O O O O O O questo sito offre strumenti adeguati per effettuare un reclamo O O O O O O (se ho formulato reclami) il reclamo che ho effettuato attraverso il sito è stato risolto in tempi rapidi O O O O O O i servizi offerti da questo sito semplificano le mie attività O O O O O O trovo che questo sito migliori l'immagine che ho dell'ente O O O O O O mi sento sicuro nell'inserire in questo sito dati riservati O O O O O O Tenendo conto degli aspetti sopra indicati, ritengo che l'utilizzo del sito e dei servizi on-line sia complessivamente soddisfacente O O O O O O Indichi quanto è d'accordo con le seguenti affermazioni dando un voto da 1 (per niente d'accordo) a 6 (completamente d accordo) Per niente importante Molto importante Facilità di accesso al servizio "iscrizione 0/6 on-line" on-line Completezza delle informazioni on-line O O O O O O Idoneità del servizio on-line a soddisfare le esigenze degli utenti O O O O O O Adeguatezza dell'impostazione grafica e organizzazione dei contenuti del sito O O O O O O Idoneità del sito a raccogliere quesiti, fornire soluzioni, risolvere disservizi O O O O O O Livello complessivo di sicurezza e privacy nell'utilizzo del sito O O O O O O Indichi eventuali osservazioni/suggerimenti per migliorare il servizio PROFILAZIONE UTENTE SESSO M F ETA' TITOLO DI STUDIO 3

4 2. Il piano di campionamento Sulla base del numero di accesso al portale, si stima il totale degli utenti N = 500. Questi 500 individui rappresentano l intero universo. Per determinare tra di essi un congruo numero di persone da intervistare viene calcolata la numerosità campionaria (n) sulla base di alcune considerazioni strategiche. In generale, non avendo conoscenze a priori circa il valore della proporzione di utenti soddisfatti e insoddisfatti nella popolazione, si assume p = 0,5. Inoltre si ipotizza che valutazioni politico-manageriali potrebbero condurre a fissare un valore soglia di errore massimo accettabile nel calcolo del campione pari al 5%. Ne deriva che e = 0,05. È necessario, inoltre, fissare la probabilità che l errore non superi la soglia del 5% e quindi, per esempio, considerare tale probabilità pari al 95% (quindi 1 α = 0,95). L ultima informazione di cui si necessita è il valore della distribuzione Normale standardizzata nel punto α/2 = 0,025. Per tale valore, la distribuzione Normale standardizzata, z α assume il valore 1,96 1. Pertanto si ottiene la seguente numerosità campionaria: 2 2 1, ,5(1 0,5) n = 2 2 0,05 (500 1) + 1,96 0,5(1 0,5) = 217 Ogni individuo è stato casualmente contattato grazie all utilizzo di un contatore automatico che scatta ad ogni accesso sul portale. Tale contatore genera un numero casuale compreso tra 0 e 1 estremi inclusi. Se tale numero è maggiore di un valore soglia π allora l unità è scartata (ossia non è selezionata per entrare nel campione), viceversa l unità viene contattata per entrare a far parte del campione. Il valore soglia π è stato calcolato come rapporto tra n e N. 217 π = = 500 0, La somministrazione del questionario e la raccolta dei dati Il questionario è stato somministrato attraverso il sito web: è stato inserito un link di libero accesso agli utenti. La fase di raccolta dati è avvenuta nell arco di 2 mesi, da novembre a dicembre Questo valore corrisponde al livello del 95% di probabilità di non superare la soglia di errore e; se si vuole ottenere una stima ancora più affidabile, a fronte del raggiungimento di un maggior numero di interviste, si sceglierà probabilità che l errore non superi la soglia fissata e pari al 99%, che fa assumere alla z α il valore 2,

5 4. Analisi dei dati 4.1 Approccio metodologico Tramite l utilizzo di statistiche descrittive vengono di seguito presentati i risultati dei dati raccolti: - Analisi del campione di riferimento; - Analisi di soddisfazione complessiva; - Analisi degli aspetti specifici della soddisfazione; - Analisi delle importanze. Dopo una breve presentazione del campione a cui è stato sottoposto il questionario, si procede all analisi della soddisfazione complessiva e degli aspetti inerenti il giudizio di soddisfazione. L analisi viene svolta attraverso l utilizzo di: Tabelle di frequenza: vengono indicate le frequenze assolute e percentuali relative a tutti i punteggi previsti dalla scala (1 6) ed inoltre le frequenze assolute e percentuali relative ai giudizi accorpati inclassi. Si specifica che i punteggi della scala sono stati accorpati in tre classi: 1-2; 3-4; 5-6. Ad ogni classe accorpata è stato attribuito un emoticon che consente di visualizzare in modo immediato il grado di soddisfazione/insoddisfazione dell utente. Di seguito è riportata una tabella riassuntiva: Classi Faccine Giudizio di soddisfazione 1-2 Giudizio negativo 3-4 Giudizio sufficiente 5-6 Giudizio positivo Tabella 1: Associazione classi di giudizio, emoticon e giudizio di soddisfazione Per ogni classe di giudizio accorpata viene inoltre presentato il relativo diagramma a barre che permette di rappresentare graficamente il giudizio espresso dagli intervistati. Infine per ogni dimensione del questionario vengono riportate tabelle contenenti gli indici di variabilità, che sintetizzano le distribuzioni in termini di tendenze centrali, asimmetrie e variabilità. Le importanze 2, misurate sulla dimensione del questionario con una scala da 1 a 6, sono state analizzate con l ausilio della mappa delle priorità che evidenzia gli item critici. Infine un analisi analitica permette di ottenere una tabella per ogni item, in cui si riporta un indice che misura il 2 In questo esempio sono state indagate in termini di importanza tutte le dimensioni tranne la dimensione Rapporto PA/cittadino. 5

6 rapporto tra soddisfazione media e importanza media. Si ottiene una sorta di classifica da cui, come nel caso della mappa, è possibile derivare una prima indicazione sulle priorità di intervento. In questo esempio si è proceduto elaborando anche modelli di statistica multivariata più avanzati quali la regressione e i sistemi probabilistici esperti. 4.2 Risultati dell indagine Presentazione del campione Il campione è distribuito in modo abbastanza uniforme tra gli individui di sesso femminile e maschile. Come si legge dalla seguente tabella: Individui assolute Percentuale Femmine ,85% Maschi ,15% Totale ,00% Tabella 2 Ripartizione del campione per sesso Il campione è più che altro formato da Laureati e Diplomati come mostra la tabella seguente: Titolo di studio assolute Percentuale Elementari 2 0,92% Media 17 7,83% Diploma ,46% Laurea 82 37,79% TOT ,00% Tabella 3 - Tabella di frequenza della variabile Titolo di studio Classi età assolute meno oltre 60 8 Totale 217 Tabella 4 - assolute della variabile "anno di nascita" La distribuzione dell età è rappresentata dal seguente istogramma suddiviso in classi da cui si evince che la classe di età maggiormente densa è quella dai 31 ai 45 anni: 6

7 0,6 Età dei rispondenti suddivisa in classi di diversa ampiezza 0,5 0,4 Densità 0,3 0,2 0,1 0,0 < classi di età 60 oltre Figura 1 Istogramma di età dei rispondenti Analisi e confronto dei giudizi di soddisfazione complessiva È stata condotta un analisi per confrontare le distribuzioni delle due domande sulla soddisfazione generale, posta a monte e a valle del questionario. Confrontando le tabelle di frequenza e i diagrammi a barre riportati di seguito per ciascuna delle due variabili, si nota che le distribuzioni appaiono simili. assolute SCI.0 percentuali SCI.0 Classi Emoticon assolute percentuali 1 4 1,84% 2 6 2,76% ,61% ,22% ,27% ,48% ,48% ,42% ,91% TOT ,00% ,00% Tabella 5 Tabelle di frequenza per la Soddisfazione iniziale (SCI.0) 7

8 Figura 2 Punteggi di soddisfazione iniziale assolute SCF.0 percentuali SCF.0 Classi Emoticon assolute percentuali 1 4 1,84% 2 6 2,76% ,61% ,91% ,88% ,80% ,01% ,58% ,59% TOT ,00% ,00% Tabella 6 - Tabelle di Frequenza per la "soddisfazione finale"(scf.0) 8

9 Figura 3 Punteggi di soddisfazione finale In particolare possiamo osservare che le distribuzioni delle due soddisfazioni sono simili. Anche per quanto concerne gli indici sintetici della distribuzione si rilevano delle somiglianze: Media Mediana Moda Range Soddisfazione iniziale 4, Soddisfazione finale 4, Tabella 7 Indici sintetici delle variabili Soddisfazione iniziale e Soddisfazione finale Un grafico riassuntivo delle due distribuzioni che permette un confronto sinottico è il box - plot. Osservando il grafico possiamo confermare la similitudine delle due distribuzioni. 9

10 Boxplot di soddisfazione iniziale e finale Data iniziale finale Figura 4 Box - plot riassuntivo della soddisfazione iniziale e della soddisfazione finale Stratificazione dei giudizi di soddisfazione complessiva È interessante verificare se esiste una qualche differenza tra il giudizio di soddisfazione (iniziale e finale) espresso dagli individui maschi (codificati con il numero 1) e da quelli femmine (codificati con il numero 2). Soddisfazione iniziale Percentuali Soddisfazione iniziale Panel variable: SESSO; Percent within all data. Figura 5 Punteggi di soddisfazione iniziale espressi dagli individui maschi (1) e da quelli femmine (2) 10

11 Soddisfazione iniziale Percentuale Soddisfazione finale Panel variable: SESSO; Percent within all data. Figura 6 - Punteggi di soddisfazione finale espressi dagli individui maschi (1) e da quelli femmine (2) Per il gruppo degli uomini non si evidenziano differenze significative nella distribuzione tra la soddisfazione iniziale e quella finale né emergono differenze rilevanti tra i giudizi espressi dagli uomini e quelli espressi dalle donne. Per il gruppo delle donne si evidenzia una maggiore concentrazione dei punteggi elevati di soddisfazione nel caso della soddisfazione finale Analisi degli aspetti specifici della soddisfazione Vengono di seguito presentati i risultati degli item presenti nelle diverse dimensioni in cui è strutturato il questionario. Nella tabella sottostante (Tabella 8) sono indicati gli indici di sintesi e di variabilità dei singoli aspetti della soddisfazione. In particolare notiamo che le distribuzioni sono concentrate su valori medi e che alcune risultano più variabili e altre più concentrate. COD ITEM Media Mediana Moda Range SCI.0 ritengo che l'utilizzo del sito e dei servizi on line sia complessivamente soddisfacente 4, A.1 è facile raggiungere il sito 4, A.2 è facile accedere ai servizi presenti sul sito 4, A.3 è facile effettuare la registrazione per potere usufruire dei servizi presenti sul sito 4, I.1 sul sito trovo tutte le informazioni di cui ho bisogno per utilizzare i servizi on line, senza necessità di rivolgermi 4, altrove I.2 questo sito contiene informazioni complete 4, I.3 questo sito contiene informazioni aggiornate 4, R.1 trovo che utilizzare i servizi di questo sito sia più vantaggioso rispetto ai canali tradizionali (telefono, fax, 4,

12 sportello, ) R.2 l'offerta dei servizi presenti su questo sito soddisfa le mie esigenze 4, R.3 mi vengono segnalati con chiarezza gli eventuali errori commessi in fase di inserimento dei dati 4, R.4 è facile ottenere i documenti e/o le ricevute di cui ho bisogno 4, R.5 il servizio che ho utilizzato mi è stato erogato in tempi che reputo soddisfacenti 4, D.1 questo sito è facile da navigare 4, D.2 l'aspetto grafico di questo sito è gradevole 4, D.3 riesco a localizzare le informazioni di cui ho bisogno con pochi click 4, D.4 le pagine di questo sito sono ben organizzate 4, U.1 questo sito offre la possibilità di contattare facilmente l'ente 4, U.2 ho ottenuto le soluzioni ai quesiti che ho formulato in tempi rapidi 4, U.3 questo sito offre strumenti adeguati per effettuare un reclamo 3, PA.1 i servizi offerti da questo sito semplificano le mie attività 4, PA.2 trovo che questo sito migliori l'immagine che ho dell'ente 4, S.1 mi sento sicuro nell'inserire in questo sito dati riservati 4, SCF.0 Tenendo conto degli aspetti sopra indicati, ritengo che l'utilizzo del sito e dei servizi online sia complessivamente soddisfacente 4, Tabella 8 Indici di sintesi e di variabilità dei singoli aspetti della soddisfazione Si riportano di seguito, per ogni dimensione, le tabelle di frequenza, i diagrammi a barre e delle tabelle contenenti le misure di dispersione le quali ci aiutano a sintetizzare le distribuzioni. 12

13 DIMENSIONE ACCESSIBILITA assolute A.1 percentuali A.1 Classi Emoticon assolute percentuali Media 1 4 1,84% 2 4 1,84% ,69% ,22% ,88% ,10% ,87% ,35% ,21% TOT ,00% TOT ,00% 4,69 Tabella 9 - Tabella di Frequenza della variabile "Raggiungibilità del sito" RAGGIUNGIBILITA DEL SITO Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 10 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Raggiungibilità del sito" Figura 7 - Diagramma a barre della variabile "Raggiungibilità del sito" 13

14 Classi Emoticon assolute A.2 percentuali A.2 assolute percentuali Media 1 6 2,76% 2 8 3,69% ,45% ,14% ,72% ,86% ,49% ,20% ,69% TOT ,00% TOT ,00% 4,46 Tabella 11 - Tabella di Frequenza della variabile "Facilità di accesso ai servizi offerti sul sito " ACCESSIBILITA AI SERVIZI OFFERTI SUL SITO Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 12 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Facilità di accesso ai servizi offerti sul sito " Figura 8 - Diagramma a barre della variabile "Facilità di accesso ai servizi offerti sul sito " 14

15 Classi Emoticon assolute A.3 percentuali A.3 assolute percentuali Media 1 2 0,92% 2 9 4,15% ,07% ,59% ,81% ,40% ,88% ,66% ,53% TOT ,00% TOT ,00% 4,47 Tabella 13 - Tabella di Frequenza della variabile "Facilità di registrazione " FACILITA DI REGISTRAZIONE Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 14 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Facilità di registrazione " 100,00% 90,00% 80,00% Facilità di registrazione percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 9 - Diagramma a barre della variabile "Facilità di registrazione " 15

16 DIMENSIONE ADEGUATEZZA DELLE INFORMAZIONI Classi Emoticon assolute I.1 percentuali I.1 assolute percentuali Media 1 7 3,23% 2 9 4,15% ,37% ,82% ,88% ,71% ,17% ,75% ,92% TOT ,00% TOT ,00% 4,37 Tabella 15 - Tabella di Frequenza della variabile "Sul sito trovo tutte le informazioni di cui ho bisogno" SUL SITO TROVO TUTTE LE INFORMAZIONI DI CUI HO BISOGNO Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 16 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Sul sito trovo tutte le informazioni di cui ho bisogno" Sul sito trovo tutte le informazioni di cui ho bisogno 100,00% 90,00% 80,00% percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 10 - Diagramma a barre della variabile"sul sito trovo tutte le informazioni di cui ho bisogno" 16

17 Classi Emoticon assolute I.2 percentuali I.2 assolute percentuali Media 1 4 1,84% ,99% ,83% ,59% ,27% ,86% ,48% ,82% ,31% TOT ,00% TOT ,00% 4,29 Tabella 17 - Tabella di Frequenza della variabile "Completezza delle informazioni" COMPLETEZZA DELLE INFORMAZIONI Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 18 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Completezza delle informazioni" Figura 11 - Diagramma a barre della variabile "Completezza delle informazioni" 17

18 Classi Emoticon assolute I.3 percentuali I.3 assolute percentuali Media 1 6 2,76% ,91% ,68% ,06% ,97% ,03% ,94% ,35% ,29% TOT ,00% TOT ,00% 4,53 Tabella 19 - Tabella di Frequenza della variabile Aggiornamento delle informazioni" AGGIORNAMENTO DELLE INFORMAZIONI Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 20 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per Aggiornamento delle informazioni" 100,00% 90,00% 80,00% Aggiornamento informazioni percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 12 - Diagramma a barre della variabile "Aggiornamento delle informazioni" 18

19 DIMENSIONE CAPACITA DI RISPOSTA Classi Emoticon Frequenz assolute R.1 percentuali R.1 e assolute percentuali Media 1 3 1,38% 2 6 2,76% ,15% ,68% ,29% ,96% ,95% ,94% ,89% TOT ,00% TOT ,00% 4,94 Tabella 21 - Tabella di Frequenza della variabile "Vantaggio rispetto ai canali tradizionali" VANTAGGIO RISPETTO AI CANALI TRADIZIONALI Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 22 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Vantaggio rispetto ai canali tradizionali" Vantaggio rispetto ai canali tradizionali 100,00% 90,00% 80,00% percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 13 - Diagramma a barre per la variabile Vantaggio rispetto ai canali tradizionali 19

20 Classi Emoticon assolute R.2 percentuali R.2 assolute percentuali Media 1 4 1,84% 2 7 3,23% ,07% ,67% ,50% ,17% ,71% ,05% ,76% TOT ,00% TOT ,00% 4,45 Tabella 23 - Tabella di Frequenza della variabile L offerta dei servizi sul sito soddisfa le mie esigenze OFFERTA DEI SERVIZI SUL SITO Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 24 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per L offerta dei servizi sul sito soddisfa le mie esigenze 100,00% 90,00% 80,00% L'offerta dei servizi sul sito soddisfa le esigenze percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 14 - Diagramma a barre della variabile L offerta dei servizi sul sito soddisfa le mie esigenze 20

21 Classi Emoticon assolute R.3 percentuali R.3 assolute percentuali Media 1 8 3,69% ,61% ,29% ,13% ,03% ,16% ,80% ,75% ,54% TOT ,00% TOT ,00% 4,25 Tabella 25 - Tabella di Frequenza della variabile Chiarezza nella segnalazione degli errori CHIAREZZA NELLA SEGNALAZIONE DEGLI ERRORI Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 26 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per Chiarezza nella segnalazione degli errori Chiarezza nella segnalazione degli errori 100,00% 90,00% 80,00% percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 15 - Diagramma a barre della variabile Chiarezza nella segnalazione degli errori 21

22 assolute R.4 percentuali R.4 Classi Emoticon assolute percentuali Media 1 9 4,15% 2 6 2,76% ,91% ,13% ,48% ,61% ,65% ,82% ,47% TOT ,00% TOT ,00% 4,21 Tabella 27 - Tabella di Frequenza della variabile "Facilità nell ottenere documenti o ricevute" FACILITA NELL OTTENERE DOCUMENTI O RICEVUTE Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 28 Tabella riassuntiva degli indici centrali della variabile "Facilità nell ottenere documenti o ricevute" Facilità nell'ottenere documenti e ricevute 100,00% 90,00% 80,00% percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 16 - Diagramma a barre per la variabile Facilità di compilazione della domanda online 22

23 Classi Emoticon assolute R.5 percentuali R.5 assolute percentuali Media 1 3 1,38% ,53% ,91% ,68% ,96% ,64% ,25% ,20% ,45% TOT ,00% TOT ,00% 4,56 Tabella 29 - Tabella riassuntiva delle frequenze per la variabile "Tempi soddisfacenti di erogazione dei servizi" TEMPI SODDISFACENTI DI EROGAZIONE DEI SERVIZI Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 30 - Indici di posizione per la variabile "Tempi soddisfacenti di erogazione dei servizi" Tempi soddisfacenti di erogazione del servizio 100,00% 90,00% 80,00% percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 17 - Diagramma a barre per la variabile " Tempi soddisfacenti di erogazione dei servizi 23

24 DIMENSIONE DESIGN DEL SITO Classi Emoticon assolute D.1 percentuali D.1 assolute percentuali Media ,53% ,61% ,14% ,29% ,89% ,19% ,57% ,10% ,67% TOT ,00% TOT ,00% 4,63 Tabella 31 - Tabella di Frequenza della variabile "Navigabilità del sito" NAVIGABILITA DEL SITO Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 32 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Navigabilità del sito" 100,00% 90,00% 80,00% Navigabilità del sito percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 18 - Diagramma a barre per la variabile "Navigabilità del sito" 24

25 Classi Emoticon assolute D.2 percentuali D.2 assolute percentuali Media ,60% ,83% ,43% ,22% ,97% ,19% ,88% ,49% ,38% TOT ,00% TOT ,00% 4,27 Tabella 33 - Tabella di Frequenza della variabile "Gradevolezza della grafica del sito" GRADEVOLEZZA DELLA GRAFICA DEL SITO Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 34 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Gradevolezza della grafica del sito" 100,00% 90,00% 80,00% Gradevolezza della grafica del sito percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 19 - Diagramma a barre per la variabile "Gradevolezza della grafica del sito" 25

26 Classi Emoticon assolute D.3 percentuali D.3 assolute percentuali Media ,45% ,22% ,67% ,59% ,13% ,72% ,34% ,28% ,61% TOT ,00% TOT ,00% 4,18 Tabella 35 - Tabella di Frequenza della variabile "Localizzazione delle informazioni con pochi click" LOCALIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI CON POCHI CLICK Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 36 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Localizzazione delle informazioni con pochi click" Capacità di localizzare le informazioni con pochi click 100,00% 90,00% 80,00% percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 20 - Diagramma a barre per la variabile "Localizzazione delle informazioni con pochi click" 26

27 Classi Emoticon Frequenz assolute D.4 percentuali D.4 e assolute percentuali Media ,99% ,91% ,90% ,13% ,59% ,72% ,80% ,58% ,38% TOT ,00% TOT ,00% 4,29 Tabella 37 - Tabella di Frequenza della variabile "Organizzazione delle pagine del sito" ORGANIZZAZIONE DELLE PAGINE DEL SITO Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 38 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Organizzazione delle pagine del sito" Organizzazione delle pagine del sito 100,00% 90,00% 80,00% percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 21 - Diagramma a barre per la variabile "Organizzazione delle pagine del sito" 27

28 DIMENSIONE GESTIONE CONTATTO CON L UTENTE Classi Emoticon assolute U.1 percentuali U.1 assolute percentuali Media 1 7 3,23% ,99% ,22% ,60% ,12% ,72% ,72% ,35% ,06% TOT ,00% TOT ,00% 4,51 Tabella 39 - Tabella di Frequenza della variabile "Facilità di contattare l Ente" FACILITA DI CONTATTARE L ENTE Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 40 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Facilità di contattare l Ente 100,00% 90,00% 80,00% Facilità di contattare l'ente percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 22 - Diagramma a barre per la variabile "Facilità di contattare l Ente" 28

29 assolute U.2 percentuali U.2 Classi Emoticon assolute percentuali Media 1 8 3,69% ,53% ,22% ,74% ,27% ,00% ,95% ,82% ,78% TOT ,00% TOT ,00% 4,15 Tabella 41 - Tabella di Frequenza della variabile "Rapidità nella risoluzione del quesito" RAPIDITA NELLA RISOLUZIONE DEL SERVIZIO Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 42 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Rapidità nella risoluzione del quesito 100,00% 90,00% 80,00% Rapidità nella risoluzione del quesito percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 23 - Diagramma a barre per la variabile "Rapidità nella risoluzione del quesito" 29

30 Classi Emoticon assolute U.3 percentuali U.3 assolute percentuali Media ,99% ,29% ,29% ,28% ,81% ,08% ,27% ,36% ,63% TOT ,00% TOT 100,00% 3,98 Tabella 43 - Tabella di Frequenza della variabile Strumenti adeguati per effetuare un reclamo" ADEGUATEZZA DEGLI STRUMENTI DEL RECLAMO Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 44 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per Strumenti adeguati per effetuare un reclamo" 100,00% 90,00% 80,00% Adeguatezza strumenti di reclamo percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 24 - Diagramma a barre per la variabile Strumenti adeguati per effetuare un reclamo" La percentuale di intervistati che ha effettuato un reclamo è pari a 23,96%, ossia 52 utenti. Di questi 52 utenti l 8,29% ha dato un giudizio negativo in merito alla rapidità con cui il reclamo è stato risolto, il 12,90% un giudizio medio e l 11,98% un giudizio positivo. 30

31 DIMENSIONE MIGLIORAMENTO RAPPORTO PA E CITTADINO assolute PA.1 percentuali PA.1 Classi Emoticon assolute percentuali Media 1 5 2,30% 2 4 1,84% ,15% ,06% ,49% ,55% ,64% ,66% ,30% TOT ,00% TOT ,00% 4,55 Tabella 45 - Tabella di Frequenza della variabile "Semplificazione attività" SEMPLIFICAZIONE ATTIVITA Minimo Q1 Mediana Q3 Massimo Tabella 46 - Tabella riassuntiva degli indici di variabilità per "Semplificazione attività 100,00% 90,00% 80,00% Semplificazione attività percentuali 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Figura 25 - Diagramma a barre della variabile Semplificazione delle attività 31

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale Questionario indagine di customer su servizi e progetti invativi di Roma Capitale 1. Sei M F 2. Qual è la tua età? Fi a 20 anni Da 21 a 40 anni Da 41 a 60 Oltre i 60 anni 3. Qual è il tuo titolo di studio?

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp Come specificato dalla Direttiva N.8/2009 del Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione, la registrazione di nomi a dominio.gov.it è richiesta a tutte le Pubbliche Amministrazioni, al fine

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

ANALISI DEI DATI CON SPSS

ANALISI DEI DATI CON SPSS STRUMENTI E METODI PER LE SCIENZE SOCIALI Claudio Barbaranelli ANALISI DEI DATI CON SPSS II. LE ANALISI MULTIVARIATE ISBN 978-88-7916-315-9 Copyright 2006 Via Cervignano 4-20137 Milano Catalogo: www.lededizioni.com

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

1 Medie. la loro media aritmetica è il numero x dato dalla formula: x = x 1 + x 2 +... + x n

1 Medie. la loro media aritmetica è il numero x dato dalla formula: x = x 1 + x 2 +... + x n 1 Medie La statistica consta di un insieme di metodi atti a elaborare e a sintetizzare i dati relativi alle caratteristiche di una fissata popolazione, rilevati mediante osservazioni o esperimenti. Col

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli