NOTA METODOLOGICA: LE INDAGINI DI CAMPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA METODOLOGICA: LE INDAGINI DI CAMPO"

Transcript

1 NOTA METODOLOGICA: LE INDAGINI DI CAMPO I risultati presentati nel Rapporto sull analisi del mercato regionale dei contratti pubblici, che si considera circoscritto ai soli settori dei beni e dei servizi, ivi includendo quelli di progettazione di opere pubbliche (ma non dunque la realizzazione dei lavori ), sono ricostruiti attraverso l integrazione di una serie articolata di interventi di ricerca: l analisi on desk, nella quale si è proceduto ad una ricognizione delle fonti statistiche disponibili, ufficiali e non, sulla spesa pubblica e l attività contrattuale della PA (Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici, Ministero Infrastrutture e Trasporti, Presidenza del Consiglio - Cipe) e sull economia regionale (Registro Ditte Infocamere; Istat: Censimento Industria e Servizi, Conti Economici regionali, Forze Lavoro; altri produttori di indicatori macroeconomici), nonché ad una ricognizione ed analisi di studi e ricerche e di dati ufficiali sul settore; la rielaborazione di dati da archivi di settore quale in particolare - causa indisponibilità del database più completo ed affidabile dell Osservatorio sui Contratti Pubblici dell Autorità per la vigilanza relativo alla rilevazione sull attività contrattuale ai sensi del comma 8 dell art.7 del D.Lgs.163/06 quello dei bandi e degli esiti di gara del Servizio Contratti Pubblici (SCP) del Ministero delle Infrastrutture gestito dall associazione Itaca e alimentato dalle stazioni appaltanti a seguito degli obblighi di legge sulla pubblicità on line di cui agli art.65 e 66 del D.Lgs. 163/06. la realizzazione di survey ad hoc che hanno riguardato in particolare: o interviste in profondità (indagine qualitativa) ad un circoscritto gruppo di stazioni appaltanti del territorio; o somministrazione di un questionario on line (Cawi) il cui invito alla compilazione è stato inoltrato a tutte le imprese della regione delle quali si disponesse del necessario recapito mail; o somministrazione telefonica di un questionario (Cati) ad un campione di imprese sarde già operative sul mercato dei contratti pubblici o interessate ad entrarvi. Le tre indagini hanno coinvolto complessivamente quasi operatori.

2 Numero e tipologia dei soggetti coinvolti nelle indagini on field Indagine Target Contattati Partecipanti Cawi imprese 29mila (indirizzario mail) 628 Cati imprese Integrazione Cawi-Cati imprese Intervista diretta stazioni appaltanti totale imprese e stazioni appaltanti Rimandando al Rapporto ed alle fonti di dati ivi richiamate per quanto attiene i risultati dell analisi desk ed i risultati della rielaborazione dei dati del Servizio Contratti Pubblici gentilmente forniti dall associazione interregionale Itaca, entrambi in massima parte utilizzati per la ricostruzione dello scenario di sfondo del mercato (dimensione e dinamica della spesa pubblica, caratteristiche e tendenze dell economia regionale, quota di mercato delle imprese sarde), nonché alla appendice dedicata ai risultati dell indagine qualitativa per le interviste agli operatori delle stazioni appaltanti, si forniscono qui i riferimenti metodologici e si illustrano le tecniche e gli strumenti utilizzati per la parte relativa alle indagini di campo cosiddette quantitative. L indagine online (CAWI) La tecnica CAWI (Computer Assisted Web Interview) si può in tutto assimilare alla tradizione indagine postale di cui rappresenta l evoluzione tecnologica. E ciò che contraddistingue tale modalità è che le unità (nel nostro caso le imprese), non vengono selezionate sulla base di una strategia di campionamento, ma in modo naturale attraverso un processo di autoselezione dei rispondenti: quella di rispondere all invito e compilare il questionario e dunque trovarsi a far parte di un campione auto selezionato - è infatti una scelta autonoma dell impresa. I vantaggi e gli svantaggi dell indagine postale sono noti. Fra i secondi quello di maggiore evidenza è appunto che l autoselezione degli individui interpellati non solo non consente la costruzione di un campione di tipo probabilistico, ma anche che i livelli di partecipazione/risposta possono risultare esigui se non supportati da una organizzazione della rilevazione efficiente ed adeguati interventi di promozione e sollecito. Questi ultimi

3 mirati a incentivare l interesse dell impresa verso il tema ed a dimostrare l utilità dell indagine. Ricordato che una survey come la CAWI non garantisce un corretto procedimento di inferenza statistica in quanto non assicura a priori la rappresentatività del campione ottenuto dai questionari raccolti (al pari delle tradizionali indagini postali alle quali va in tutto assimilata, essa restituisce piuttosto un campione auto selezionato in base alla libera scelta degli interpellati di prendere parte o meno all indagine), non di meno le indicazioni raccolte da una indagine, come quella realizzata, che ha tentato di coinvolgere tutte le imprese sarde delle quali si disponeva di un recapito mail, sono risultate assolutamente preziose per iniziare a delineare, se non la numerosità, almeno le caratteristiche di massima delle imprese coinvolte nel mercato dei contratti pubblici o potenzialmente interessate ad entrarvi e che rappresentano pertanto l utenza, effettiva o potenziale, dei servizi messi a disposizione dello sportello. Ai fini del Progetto dunque, oltre alla principale finalità statistica, l indagine Cawi ha consentito anche di creare, previa dichiarazione di interesse e consenso da parte dell azienda contattata, un primo indirizzario di riferimento utilizzato per la promozione delle iniziative dello Sportello. Messa a punto del questionario su software open source Lime Survey In considerazione della tecnica di indagine sopra definita, è stato approntato un questionario strutturato in domande a risposta sia chiusa che aperta e semiaperta articolato in cinque sezioni: A. Anagrafica e verifica dei requisiti; B. Esperienze di partecipazione a gare pubbliche; C. Presenza nel mercato della PA e mercato di riferimento; D. Motivo della non partecipazione o della non maggiore partecipazione a gare pubbliche; E. interesse potenziale verso i servizi dello sportello; D. Informazioni finali su forma giuridica e dimensione dell azienda. Una volta definito e condiviso con il gruppo di lavoro, il questionario è stato trascritto in formato elettronico con software oper souce Lime Survey e dunque reso disponibile per la compilazione all interno della pagina web dello Sportello oltre che in una area riservata dello stesso accessibile tramite link indicato nella mail di invito alle imprese di cui si disponeva di indirizzo mail. L indagine ha preso il via in occasione della presentazione ufficiale dello Sportello del 5 ottobre 2011 presso il Palazzo Regio di Cagliari.

4 Definizione popolazione obiettivo e acquisizione degli archivi L indagine ha avuto come universo o popolazione obiettivo tutte le imprese con almeno una sede operativa localizzata in Sardegna. Più circoscritta è stata tuttavia la popolazione di imprese effettivamente coinvolta che ha coinciso con l insieme (frame list) di tutte le imprese delle quali è stato reperito l indirizzo mail cui inoltrare l invito alla partecipazione all indagine (oltre ad un numero marginale di imprese che hanno autonomamente visitato lo sportello ed hanno compilato il questionario nella sua versione ad accesso libero). Per costruire l indirizzario mail si è assunta come base l anagrafe della Camera di Commercio, resa disponibile dalle singole Camere provinciali, la quale contava imprese con sede o unità locale in Sardegna, ma per sole delle quali risultava disponibile il recapito di posta elettronica. Il parco dei possibili partecipanti all indagine è stato ampliato grazie all integrazione della frame list di base con un ulteriore indirizzario e- mail delle imprese sarde acquistato da operatore privato (4.875 record successivamente integrato da ulteriori nominativi di imprese recuperati attraverso una ricerca mirata su web delle imprese aggiudicatarie di appalti pubblici o iscritte ad albi fornitori e che ha consentito di innalzare il numero a 5.612). A seguito dell integrazione di tali indirizzari, che ha richiesto un accurato controllo per l individuazione ed eliminazione delle molte duplicazioni, si è ottenuta una lista di nominativi utili. La qualità, in termini di rappresentatività, affidabilità e completezza degli archivi di base che si utilizzano per le indagini statistiche e nel nostro caso per l attivazione dei contatti mail per gli inviti, è di evidente importanza per favorire una migliore e più efficiente organizzazione della rilevazione ed una maggiore significatività dei risultati finali. Nel nostro caso l inevitabile incompletezza e parzialità dell indirizzario rispetto all intero universo teorico dell indagine (di cui l archivio ha coperto circa il 35%) è stata compensata dalla sostanziale correttezza intesa come scarsa presenza di dati errati o non aggiornati o di unità improprie, quali ad esempio persone fisiche o imprese di altre regioni dell informazione in esso contenuta. Predisposizione delle mail e gestione degli invii Predisposta e condivisa con Sardegna Ricerche nel mese di settembre 2012, la mail di invito alla compilazione del questionario è stata inoltrata ad un primo gruppo di imprese il 4 ottobre. Nelle settimane seguenti ( ottobre) si è provveduto invece ad inoltrare i successivi solleciti a coloro che non risultavano non aver ancora provveduto alla

5 compilazione. Il 7 novembre è stato inoltrato il primo invito ad un ulteriore gruppo di cui sono seguiti i consueti recall sino ad un ultimo inoltrato in data 23 novembre. Di seguito si riporta il testo della mail di invito a firma del Presidente di Sardegna Ricerche. Gentile Azienda, Sardegna Ricerche La invita a partecipare all indagine Le imprese sarde e il mercato degli appalti di forniture e servizi dedicando pochi minuti alla compilazione del questionario on-line collegandosi all indirizzo: SURVEYURL L indagine è parte del Progetto Sportello Appalti Imprese e rappresenta un occasione preziosa vuoi per ricostruire l offerta, effettiva e potenziale, delle imprese regionali nel campo della fornitura di beni e servizi spendibili sul mercato del Public Procurement sia per raccogliere indicazioni ed istanze utili all analisi del fabbisogno di supporto e sostegno all ingresso o al rafforzamento della posizione nel mercato della PA meglio poter definire così i servizi che saranno resi disponibili attraverso lo Sportello. Lo Sportello rappresenterà infatti il luogo fisico e virtuale di incontro tra gli operatori economici sardi che intendono entrare o consolidare la propria presenza nel mercato degli appalti. Attraverso lo Sportello, Sardegna Ricerche erogherà, in modo gratuito, servizi formativi, informativi, consulenziali e di networking finalizzati a promuovere la partecipazione delle imprese alle gare pubbliche, anche favorendo la costruzione di raggruppamenti di imprese e lo scambio di esperienze e competenze fra le stesse. Per informazioni aggiuntive sul progetto è possibile contattare Sardegna ricerche al numero: 070/92431 La rilevazione e l elaborazione dei dati è curata dal Centro Statistica Aziendale di Firenze. Le informazioni raccolte saranno utilizzate ai soli fini statistici e solo se lo indicherà espressamente al termine del questionario, il nominativo dell azienda sarà inserito nell indirizzario per le successive comunicazioni sull evoluzione del Progetto. Certi di poter contare sulla vostra disponibilità vi auguriamo una buona compilazione Presidente Sardegna Ricerche Raccolta e validazione dei questionari A seguito di un controllo di qualità dei dati raccolti, effettuato vuoi per correggere errori di digitazione evidenti e per verificare il rispetto delle regole di congruità interne al questionario, sono stati selezionati 618 questionari rispondenti ad un criterio di validità che prevedeva la presenza di almeno l 80% delle risposte dovute. Si tratta di un tasso di risposta pari al 2,17% dei contatti attivati (mail inviate) ed esiguo non soltanto in assoluto, ma anche relativamente alla risposta che solitamente si registra in

6 indagini Cawi come la nostra e che oscilla fra il 4 e l 8% e poiché ottenuto nonostante un numero di solleciti superiore alle consuetudini ed una promozione capillare dell indagine cui hanno collaborato anche diverse associazioni di categoria. Più che con il crescente fastidio e sospetto verso indagini statistiche alle quali le imprese sono sempre più sovraesposte, il dato parrebbe spiegarsi con lo scaro appeal del tema proposta soprattutto per quella quota maggioritaria di aziende che non vede quello della PA come possibile mercato di sbocco dei propri prodotti e che pure era stata invitata a partecipare per raccoglierne i motivi. L indagine campionaria telefonica (CATI) L indagine Cati (Computer Assisted Telefonic INterview) è stata realizzata tramite intervista telefonica ad un campione programmato di almeno 30 imprese (se esistenti) operanti nella fornitura di beni e servizi per la Pubblica Amministrazione di 44 categorie merceologiche previamente individuate. L indagine ha seguito un processo classico che, per macrofasi, prevede: la definizione della popolazione obiettivo (o target); la definizione del questionario, la sua trascrizione in formato elettronico CATI con software dedicato; la definizione del disegno di campionamento e la determinazione della numerosità campionaria; la selezione delle unità del campione e delle relative riserve o sostituti per far fronte a cadute per irreperibilità, indisponibilità, o rifiuto tramite procedimenti di estrazione casuale o sistematica dagli archivi di base (o frame list) da acquisire e normalizzare ad hoc (anche attraverso recupero di informazioni relative al recapito telefonico se eventualmente mancanti); la somministrazione telefonica dei questionari da pare di intervistatori appositamente formati. Si anticipa qui che la principale difficoltà incontrata nel processo è stata il completamento della numerosità campionaria degli strati (gruppi di imprese) programmati, a causa della concomitanza di due fattori quali: la bassa partecipazione, ovvero l elevato tasso di rifiuto delle imprese interpellate che ha costretto a fare largo uso di sostituzioni ;

7 l esiguità numerica delle imprese dell universo appartenenti ad alcuni particolari strati (che come diremo sono stati fatti coincidere con le voci delle principali categorie merceologiche del mercato della PA) e dunque dei nominativi utili per il contatto. Popolazione obiettivo La popolazione obiettivo (universo) dell indagine è stata definita come l insieme delle imprese con almeno una sede in Sardegna che, in base alle indicazioni raccolte attraverso alcune domande ad inizio questionario con funzione di filtro (o controllo dei requisiti di eleggibilità), risultassero: aver partecipato a gare pubbliche nel settore delle forniture o dei servizi, dunque al netto del settore dei lavori pubblici, ma non escludendo a priori il comparto delle imprese edili coinvolte in alcuni casi comunque in forniture di materiali o in servizi quali quelli di progettazione di opere pubbliche (gruppo gare ); aver comunque fornito servizi/prodotti della PA tramite affidamenti diretti (gruppo extragare ); essere comunque interessate a valutare la possibilità dell ingresso nel mercato PA ( gruppo potenziale ). Piano di campionamento Il piano di campionamento è stato definito in base ad un disegno di stratificazione rispetto alla variabile categoria merceologica assumendo a riferimento l elenco delle voci individuate da Sardegna Ricerche 1 quali principali di riferimento per il mercato della PA di beni e servizi. 1 Forniture 1F Fornitura macchine per ufficio ed elaboratori elettronici, attrezzature e forniture, HW e SW esclusi i mobili (PC, fotocopiatori, stampanti, ecc., pacchetti SW) 2F Fornitura mobili (incluso mobili da ufficio), arredamento, apparecchi elettrodomestici (escluso illuminazione) 3F Fornitura stampati e prodotti affini (libri, quotidiani, riviste, stampati anche in formato elettronico) 4F Fornitura cancelleria 5F Fornitura prodotti tipografici e gadget 6F Fornitura attrezzature per radiodiffusione, televisione, comunicazione, telecomunicazione e affini (telecamere, TV, telefoni,) 7F Fornitura materiali da costruzione 8F Fornitura sostanze chimiche (Gas, azoto, reagentari chimici ecc.) 9F Fornitura apparecchiature mediche, prodotti farmaceutici e per la cura personale 10F Fornitura attrezzature da laboratorio, ottiche e di precisione (escluso vetri) 11F Fornitura vetri e reagenti da laboratorio 12F Fornitura attrezzature e articoli di consumo elettrici e per l'illuminazione 13F Fornitura macchinari industriali, macchine e apparecchi, apparecchiature elettroniche e microelettroniche

8 Per ognuno dei 44 strati così individuati (25 per il mercato delle forniture, 19 per quello dei servizi) è stata prevista una numerosità campionaria di almeno 30 imprese, fatta salva l effettiva presenza, nella popolazione di imprese, di un tale numero di operatori. L assegnazione delle unità statistiche (imprese) allo strato di appartenenza, non essendo noto a priori in quanto non ricavabile se non orientativamente da alcune informazioni indirette eventualmente disponibili e comunque da verificare sul campo - dagli archivi di partenza, è avvenuta a posteriori, ovvero accertata - quale requisito cosiddetto di eleggibilità - in occasione del contatto telefonico. Si è dunque proceduto nelle interviste sino al completamento del numero di questionari previsti per ciascuno strato settore merceologico, secondo la tecnica nota del campionamento per quota. A fronte di una numerosità massima teorica di unità è stato predefinito in partenza un numero minimo di interviste valide assicurate. La difficoltà, poi risultata concreta, di raggiungere il massimo teorico è dovuta alla possibile indisponibilità di nominativi utili a completare la numerosità programmata dei singoli strati anche a causa dell esito negativo 14F 15F 16F 17F 18F 19F Fornitura macchine utensili e accessori Fornitura automezzi Fornitura indumenti ad uso professionale, indumenti speciali da lavoro e accessori Fornitura attrezzature di sicurezza e antincendio Fornitura di banche dati (brevetti, documentazione tecnica, ecc...) Fornitura online, digitale o analogica di immagini, illustrazioni, filmati, video, musica o altro prodotto audio di stock Servizi 1 S Servizi architettonici, ingegneria e ispezione 2 S Servizi di formazione 3 S Servizi informatici: consulenza informatica, sviluppo software, internet e supporto 4 S Servizi legati alla ricerca e sviluppo nonché servizi di consulenza affini 5 S Servizi pubblicitari 6 S Servizi di consulenza di materia di proprietà intellettuale (brevetti, marchi, design, copyright, licensing,.ecc..) 7 S Servizi di editoria, composizione e progettazione grafica, rilegature, finitura libri e riviste e assimilabili 8 S Servizi di organizzazione di mostre, fiere e congressi, eventi, seminari, servizi di marketing, ecc 9 S Servizi di trasloco, movimentazione e magazzinaggio 10 S Servizi di agenzie di viaggio, operatori turistici e servizi di assistenza turistica 11 S Servizio di ristorazione e di vendita al dettaglio 12 S Servizi di spedizione tramite corriere 13 S Servizi sanitari ospedalieri e affini 14 S Servizi finanziari e assicurativi 15 S Servizi immobiliari (affitto, vendita, acquisto, ecc.) 16 S Servizi cinematografici e videoservizi 17 S Servizi fognari, di raccolta dei rifiuti, di pulizia e ambientali 18 S Servizi di manutenzione e riparazione automezzi 19 S Servizi di riparazione, manutenzione e gestione impianti 20 S Servizi di rendicontazione e contabilità 21 S Servizi di gestione del personale 22 S Servizi di interpretariato e traduzione 23 S Servizi tipografici, ideazione gadget e copisteria 24 S Servizi di riparazione manutenzione e assistenza di apparecchiature da laboratorio 25 S Servizi di vigilanza

9 (per irrintracciabilità, indisponibilità o rifiuto) dei contatti telefonici. Per assicurare il numero minimo programmato di interviste valide è stato previsto: ad avvenuto completamento degli strati di verificare l eventuale operatività in altre categorie merceologiche diverse da quella prevalente alle quali, se numericamente deficitarie assegnare l impresa; di compensare l insufficienza di alcuni strati innalzando la numerosità campionaria degli strati più popolati. Quanto alla significatività attesa dell indagine campionaria, assumendo a primo indicativo e sommario riferimento un universo di aziende, stimato a partire da una dimensione numerica di imprese già operanti all interno del mercato PA secondo una valutazione già presentata nel Rapporto e da un ammontare plausibile di ulteriori circa la metà delle prime - potenzialmente interessate ad entrarvi, un campione programmato di unità corrisponderebbe ad una quota di campionamento del 10% e ad un errore campionario inferiore al 2,5% con un intervallo di confidenza del 95%. Archivio di base e selezione delle unità L archivio di base dal quale, tramite estrazione casuale, sono state selezionate le unità campionarie e le relative riserve per far fronte alle sostituzioni per caduta dell intervista, è stato realizzato tramite integrazione e normalizzazione degli elenchi di iscritti agli albi fornitori disponibili e reperibili presso alcune delle più importanti stazioni appaltanti sarde, e dell elenco di nominativi delle imprese risultate in possesso dei requisiti di eleggibilità in base a quanto dalle stesse indicato attraverso la precedente indagine Cawi. La frame list così ricostruita ed integrata da alcuni ulteriori nominativi rintracciati fra gli aggiudicatari di gare pubbliche è risultata composto da imprese. L appartenenza alla popolazione di interesse e la successiva attribuzione allo specifico strato (categoria merceologica) di appartenenza è stata verificata come premesso attraverso alcune domande preliminari all avvio dell intervista, che dunque non ha avuto inizio nei casi in cui l impresa non presentasse i necessari requisiti di eleggibilità. Per molti dei nominativi è stato necessario recuperare il numero telefonico e verificare comunque preliminarmente, onde evitare contatti inutili, l effettiva localizzazione sul territorio sardo. Nella selezione delle unità si è inoltre cercato, nei limiti delle possibilità, di assicurare all interno dei singoli strati (categorie) una proporzionalità di massima rispetto alla provincia di localizzazione dell impresa, in base alla distribuzione osservata all interno dell archivio di base. Riepilogando il processo di selezione e rilevazione ha seguito i seguenti step:

10 estrazione casuale dell unità da contattare; verifica al primo contatto: dell appartenenza alla categoria assegnata - con riferimento, nel caso di appartenenza a due o più categorie, a quella prevalente - e dell interesse al mercato PA, procedendo all intervista solo e se i requisiti risultano confermati; ripetizione dei due passi precedenti sino al raggiungimento del numero di interviste programmato per ciascuno strato o quota avendo cura di garantire un numero minimo di imprese per ciascuna provincia, anche incrementando il numero programmato per lo strato. Il questionario Il questionario è stato strutturato in domane chiuse e semi-aperte orientate a rilevare criticità e problematiche legate alla partecipazione alle gare pubbliche, alle condizioni generali ed all interesse verso il mercato della PA, alle modalità di aggregazione e partenariato fra imprese e ad ulteriori tematiche di approfondimento anche con l obiettivo di rilevare informazioni utili alla costruzione di indicatori di efficacia e di impatto del mercato per quali non fossero altrimenti disponibili informazioni di diversa fonte. L intervista è stata rivolta al titolare dell azienda o altra figura di vertice (amministratore, direttore, socio) e si è articolata nelle seguenti sezioni: A Verifica dei requisiti B settore e mercato di riferimento C1 Esperienze di partecipazione a gare pubbliche C.2 Esperienze di parternariato per la partecipazione a gare o per l esecuzione di contratti D Presenza nel mercato della PA E Valutazione della gravosità delle procedure F Motivo della non partecipazione o della eventuale rinuncia alla partecipazione a gare pubbliche G Interesse potenziale ai servizi dello sportello H Informazioni finali su forma giuridica e dimensione dell azienda Il processo è descritto nel seguente diagramma di flusso in relazione ai diversi percorsi seguiti dai tre gruppi (gare, extragare e potenziali) ai quali le imprese, in base alle domande filtro iniziali sono state assegnate.

11 verifica possesso requisiti assenza dei requisiti esce: non prosegue l'intervista presenza dei requisiti attribuzione al gruppo sezione questionario gare extragare potenziale B. settore e mercato di riferimento si si si C1. Esperienze di partecipazione a gare domande 3 e 4 ed pubbliche si eventuali collegate no C.2 Esperienze di parternariato dalla domanda 3 dalla domanda 3 D. Presenza nel mercato della PA si dalla domanda 2 no E. Valutazione della gravosità delle procedure si no no F. Motivo della non partecipazione... a gare pubbliche si si domande 1 e 3 G. Interesse potenziale verso i servizi dello sportello si si si H. Forma giuridica e dimensione dell'azienda si si si Realizzazione delle interviste La somministrazione tramite intervista telefonica assistita da computer è stata realizzata con il supporto di un software CATI sviluppato ad hoc. La traduzione elettronica del questionario elettronico è avvenuta in modo da assicurare la gestione delle sequenze delle domande e la coerenza delle risposte secondo i percorsi, i filtri e le regole di compatibilità quale quelle previste per il controllo sul range di un quesito e sulla coerenza fra quesiti. Le interviste sono state realizzate da operatori con esperienza qualificata sottoposti ad un percorso di formazione ad hoc sulle tecniche di somministrazione e sui temi dell indagine. Precedute da alcune interviste di test, somministrate a 10 imprese nel periodo 1-5 ottobre 2012, sono state realizzate nel periodo novembre 2011-gennaio 2012 ed hanno avuto una durata variabile tra i minuti. L intero processo di rilevazione, come il precedente di progettazione ed il successivo di elaborazione, è stato realizzato in coerenza con un sistema qualità interno che prevede azioni continue di monitoraggio e supporto dei rilevatori e verifica dell informazione raccolta.

12 Raccolta e validazione dei questionari L indagine ha consentito la raccolta di questionari rispondenti ad un criterio di validità che prevedeva la presenza di almeno l 80% delle risposte dovute. Per ottenere un tale quantitativo di interviste valide si sono resi necessari contatti telefonici necessari (da considerare al netto di circa 700 contatti senza successo per irrintracciabilità dell impresa per mancata risposta o numero telefonico errato). Di quelle contattate 737 imprese sono risultate non in possesso dei requisiti di eleggibilità richiesti per far parte dell universo di interesse e per procedere dunque all intervista (aziende non presenti sul mercato PA di beni e servizi e ad esso non interessate). Dei rimanenti 323, pur presentando i requisiti, si sono rifiutati di concedere l intervista, per un tasso di rifiuto dunque del 20,9% dei contatti utili da ritenere purtroppo al di sopra dei valori normali delle indagini Cati. Del tutto residuale (5) infine il numero delle interviste interrotte o non valide. L indagine telefonica Cati si è chiusa con la raccolta di questionari dei quali: 650 da imprese già attive nel mercato PA di beni e servizi come partecipanti a gare pubbliche (gruppo gare ); 238 da imprese comunque coinvolte nel mercato tramite affidamenti diretti, subappalti o subforniture a imprese del mercato PA (gruppo extragare ); 324 da imprese non attive ma interessate ad entrarvi sulle quali è stato indagato il motivo (o l ostacolo ) della resistenza all ingresso (gruppo potenziali ). Di seguito si riporta il riepilogo delle interviste raccolte per categoria merceologica.

13 categoria merceologica n interviste Forniture 1F Fornitura macchine per ufficio ed elaboratori elettronici, attrezzature e forniture, HW e SW 30 esclusi i mobili 2F Fornitura mobili (incluso mobili da ufficio), arredamento, apparecchi elettrodomestici 35 (escluso illuminazione) 3F Fornitura stampati e prodotti affini (libri, quotidiani, riviste, stampati anche in formato 33 elettronico) 4F Fornitura cancelleria 23 5F Fornitura prodotti tipografici e gadget 36 6F Fornitura attrezzature per radiodiffusione, televisione, comunicazione, telecomunicazione e 25 affini 7F Fornitura materiali da costruzione 46 8F Fornitura sostanze chimiche (Gas, azoto, reagentari chimici ecc.) 32 9F Fornitura apparecchiature mediche, prodotti farmaceutici e per la cura personale 30 10F Fornitura attrezzature da laboratorio, ottiche e di precisione (escluso vetri) 10 11F Fornitura vetri e reagenti da laboratorio 2 12F Fornitura attrezzature e articoli di consumo elettrici e per l'illuminazione 34 13F Fornitura macchinari industriali, macchine e apparecchi, apparecchiature elettroniche e 30 microelettroniche 14F Fornitura macchine utensili e accessori 20 15F Fornitura automezzi 25 16F Fornitura indumenti ad uso professionale, indumenti speciali da lavoro e accessori 19 17F Fornitura attrezzature di sicurezza e antincendio 26 18F Fornitura di banche dati (brevetti, documentazione tecnica, ecc...) 3 19F Fornitura online, digitale o analogica di immagini, illustrazioni, filmati, video, musica o altro 13 prodotto audio di stock Servizi 1 S Servizi architettonici, ingegneria e ispezione 39 2 S Servizi di formazione 34 3 S Servizi informatici: consulenza informatica, sviluppo software, internet e supporto 43 4 S Servizi legati alla ricerca e sviluppo nonché servizi di consulenza affini 34 5 S Servizi pubblicitari 34 6 S Servizi di consulenza di materia di proprietà intellettuale (brevetti, marchi, design, copyright, 9 licensing,.ecc..) 7 S Servizi di editoria, composizione e progettazione grafica, rilegature, finitura libri e riviste e 32 assimilabili 8 S Servizi di organizzazione di mostre, fiere e congressi, eventi, seminari, servizi di marketing, 34 ecc 9 S Servizi di trasloco, movimentazione e magazzinaggio S Servizi di agenzie di viaggio, operatori turistici e servizi di assistenza turistica S Servizio di ristorazione e di vendita al dettaglio S Servizi di spedizione tramite corriere S Servizi sanitari ospedalieri e affini S Servizi finanziari e assicurativi S Servizi immobiliari (affitto, vendita, acquisto, ecc.) S Servizi cinematografici e videoservizi S Servizi fognari, di raccolta dei rifiuti, di pulizia e ambientali 36

14 18 S Servizi di manutenzione e riparazione automezzi S Servizi di riparazione, manutenzione e gestione impianti S Servizi di rendicontazione e contabilità S Servizi di gestione del personale S Servizi di interpretariato e traduzione 8 23 S Servizi tipografici, ideazione gadget e copisteria S Servizi di riparazione manutenzione e assistenza di apparecchiature da laboratorio 2 25 S Servizi di vigilanza 30 altri 5 L elaborazione dei dati e l integrazione Cawi-Cati I risultati delle elaborazioni sui dati - validati a seguito di un processo di bonifica che ha comportato tuttavia interventi di correzione minimi e relativi a soli pochi errori evidenti sfuggiti ai controlli automatici del Cati e del Cawi - sono prodotti nell apposita appendice separatamente per le due indagini ed in forma integrata (Cati-Cawi) sommando ai risultati dell indagine Cati quelli ottenuti per le domande coincidenti del questionario Cawi. Ne deriva in particolare che per gli item del questionario sottoposti ad entrambi i gruppi di rispondenti, i risultati sono costruiti su un totale di imprese: un dato minore della somma degli intervistati tramite Cati (1.214) e delle 504 imprese che hanno compilato il questionario on line (Cawi) dimostrando i requisiti anche per la partecipazione alla Cati in quanto già presenti sul mercato PA o interessate ad entrarvi, per effetto di alcune sovrapposizioni (imprese che hanno preso parte ad entrambe le indagini). I risultati nelle tavole statistiche dell apposita appendice sono presentati nella duplice forma di valori assoluti e di percentuali sui totali di volta in volta considerati e sono arricchiti da indici costruiti ad hoc al fine di favorire una lettura sintetica del fenomeno osservato e consentire analisi comparative più immediate. Tali indici sono stati utilizzati in particolare per sintetizzare i giudizi espressi dagli intervistati su scale predefinite di punteggi (es. da 1= per niente a 5= moltissimo). In particolare, laddove consentito, è stato costruito un indice in scala decimale (0-10) più volte richiamato in sede di analisi dei risultati. Calcolato al netto dei casi di mancate risposte, l indice è ottenuto come media dei valori ottenuti assegnando valore zero alla valutazione più negativa (es. per niente) ed a crescere 2,5 punti fino ai 10 punti della valutazione massima.

15 Questionari Questionario CAWI L invito alla compilazione del questionario (ed i successivi recall ) sarà inoltrato a tutte le imprese con sede o unità locale in Sardegna, ivi comprese le ditte individuali, e le associazioni di cui si disponga di indirizzo mail. A. Anagrafica e verifica dei requisiti 1 La sua Impresa ha sede legale in Sardegna? 1b (se 1=no) ha comunque una sede operativa o una unità locali con addetti in Sardegna? (se 1b=no esce) 2 In quale provincia: 3. Quale è il suo ruolo all interno dell azienda? titolare socio direttore responsabile amministrativo altro (specificare: ) 4. In quale anno è iniziata l attività dell azienda? 5. A quale categoria merceologica appartengono i prodotti/servizi della sua azienda (segnalazione multipla)

16 6. Il mercato di riferimento della sua impresa è: In tutto In parte Locale (comunale/provinciale) Regionale Nazionale Internazionale B. Esperienze di partecipazione a gare pubbliche 1. La Sua azienda, da sola o in forma associata, ha mai partecipato a gare (con o senza bando) della Pubblica Amministrazione (Amministrazioni centrali, locali, sanità e università ) per la fornitura di prodotti o servizi? 2. (se 1=si) quante volte negli ultimi tre anni? Se non ricorda: mai Oltre (se 2>0) (sempre negli ultimi tre anni) Per quali tipologie di Enti? Comuni, Comunità Montane / Unione di Comuni Localizzati in Sardegna Localizzati in altre regioni

17 Province / Regioni Aziende regionali del Sistema sanitario nazionale Ministeri / agenzie centrali Università / Enti di ricerca Altri (specificare 4. (se 2>0) (sempre negli ultimi tre anni) Per partecipare a gare ha attivato collaborazioni (RTI, consorzi ) con altre imprese? _ mai; _ occasionalmente; _ spesso; _ sempre. 5 (se 4: diverso da mai) in particolare: Con sole imprese sarde Con imprese anche di altre regioni Come capofila /mandante Come mandataria Come mandataria di RTI capogruppo impresa non sarda C. Presenza nel mercato della PA e mercato di riferimento 1. (se B.2>0) quante volte negli ultimi si è aggiudicata, da sola o in forma associata, la gara? con Enti/istituzioni sarde con Enti centrali con sede in Sardegna con Enti/istituzioni non localizzati in Sardegna

18 in totale 2. al di fuori di gare e appalti pubblici le è comunque capitato di avere rapporti di fornitura di prodotti o servizi alla PA (affidamenti diretti)? 3. (se 1>0 o se 1.b=si) Sempre con riferimento agli ultimi tre anni, quanto pesa (in percentuale) il cliente PA sul suo fatturato? % 4. le è capitato di eseguire subappalti per l esecuzione di servizi o subforniture per imprese finalizzate all esecuzione di contratti pubblici? 5. le è capitato di prestare i propri requisiti ad altre imprese per la partecipazione a gare pubbliche (avvalimento)? 6. è iscritto all albo fornitori di qualche Ente? 7. è abilitato al mercato elettronico della PA? D. Motivo della non partecipazione o della non maggiore partecipazione a gare pubbliche 1. (se B.2=0 o C.2=no) La Sua azienda è comunque interessata a fornire prodotti/ servizi alla Pubblica Amministrazione?

19 1b. (se 1=no) Per quale motivo? a) Non tratta prodotti/servizi di interesse per la PA (settore non attinente) b) Per l eccessivo onere (costi) e la progressiva riduzione dei margini di guadagno (utili attesi dall affidamento o vendita alla PA) c) Per la complessità dell investimento iniziale, le procedure macchinose/ le lungaggini burocratiche d) Per il timore dei ritardati termini di pagamento delle PA e) Per altra scelta (strategia) di mercato f) Per sfiducia verso un mercato della P.A non in grado di garantire una libera concorrenza g) Per difficoltà di relazione con il personale PA h) Per la mancanza/carenza di personale interno in grado di seguire le procedure i) Per la mancanza/carenza di personale interno in grado di redigere progetti / offerte j) Altro (specificare ) 2. (se B.2>0 o C.2=si) La Sua azienda ha come obiettivo una maggiore presenza nel mercato della PA? No lo ritiene residuale _ No, ha altre strategie di mercato _ No, non ha sufficiente fiducia verso il mercato della P.A _ Si, ma non nel breve termine _ Si, anche nel breve termine _ 3. (se B.2>0 o C.2=si; se 1=si o 1b diverso da a,f) di quali delle seguenti competenze ritiene di avere (maggiore) bisogno per entrare o rafforzare la sua posizione nel mercato della PA? Perché tali figure Perché tali figure

20 sono numericamente carenti sono presenti ma necessitano di aggiornamento Giuridiche, per essere in grado di comprendere gli aspetti legali e normativi e eventualmente saper gestire i contenziosi con la PA Amministrative, per seguire le procedure di gara e partecipazione Tecniche per la redazione dei progetti Tecnico-contabili per la gestione del budget Manageriali per la gestione dei progetti Tecniche per la realizzazione di nuovi prodotti/servizi destinati alla PA E. Interesse potenziale verso i servizi dello sportello 1. Sarebbe interessato ad iscriversi ad uno sportello telematico dedicato alle imprese sarde dove ricevere supporto, informazione e consulenza sulle gare pubbliche ed ove condividere ed interscambiare informazioni con le altre imprese? no; non so, devo approfondire il contenuto dei servizi credo di si; sicuramente. 2. sarebbe interessato a partecipare ad interventi di formazione e assistenza gratuiti per accrescere conoscenze e competenze in materia di procedure di partecipazione e gare pubbliche?

SPORTELLO APPALTI IMPRESE IN SARDEGNA

SPORTELLO APPALTI IMPRESE IN SARDEGNA SPORTELLO APPALTI IMPRESE IN SARDEGNA LE IMPRESE SARDE E IL MERCATO DEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE APPROFONDIMENTO E ANALISI DEL FABBISOGNO FORMATIVO indagine CATI Presentazione e questionario (bozza)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. 55N Servizi di riparazione manutenzione e assistenza di apparecchiature da laboratorio

AVVISO PUBBLICO. 55N Servizi di riparazione manutenzione e assistenza di apparecchiature da laboratorio COD.25_11 AGGIORNAMENTO CATEGORIE MERCEOLOGICHE PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI - FORNITORI DI BENI E SERVIZI PER L ATTIVAZIONE DI PROCEDURE NEGOZIATE NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA

Dettagli

1. PROROGA DELL ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DEL

1. PROROGA DELL ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DEL Cod.58_11 AVVISO PUBBLICO PER IL RINNOVO DELL ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI FORNITORI DI BENI E SERVIZI PER L ATTIVAZIONE DI PROCEDURE NEGOZIATE NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA VIGENTE E DEL REGOLAMENTO DEGLI

Dettagli

Cod.01_15 AVVISO PUBBLICO

Cod.01_15 AVVISO PUBBLICO Cod.01_15 AVVISO PUBBLICO PER LA PROROGA DELL ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI FORNITORI DI BENI E SERVIZI PER L ATTIVAZIONE DI PROCEDURE NEGOZIATE NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA VIGENTE E DEL REGOLAMENTO LAVORI

Dettagli

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi Dicembre 2014 pag. 2 SOMMARIO Titolo I - OGGETTO E PRINCIPI... 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

Cos è lo Sportello Appalti Imprese

Cos è lo Sportello Appalti Imprese Cos è lo Sportello Appalti Imprese Lo Sportello Appalti Imprese è un iniziativa ideata e promossa da Sardegna Ricerche con l obiettivo di fornire supporto agli operatori economici sardi che intendono entrare

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI ENTI

DOMANDE FREQUENTI ENTI DOMANDE FREQUENTI ENTI Data pubblicazione: 30/09/2015 Pagina 1 di 13 INDICE 1. Registrazione ai servizi di ARCA 5 1.1. Come posso registrarmi ai servizi dell'azienda Regionale Centrale Acquisti (ARCA)?

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

AD PERSONAM Azienda dei Servizi alla Persona del Comune di Parma. Regolamento per l istituzione e gestione dell Albo Fornitori di beni e servizi

AD PERSONAM Azienda dei Servizi alla Persona del Comune di Parma. Regolamento per l istituzione e gestione dell Albo Fornitori di beni e servizi AD PERSONAM Azienda dei Servizi alla Persona del Comune di Parma Regolamento per l istituzione e gestione dell Albo Fornitori di beni e servizi Art. 1 Istituzione dell Albo Fornitori Il presente Regolamento,

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli

Sportello Appalti Imprese

Sportello Appalti Imprese Sportello Appalti Imprese Gli appalti verdi e il mercato elettronico della P.A Indice Il mercato elettronico: il passato, il presente, il futuro Il GPP nel mercato elettronico Sportello Appalti Imprese:

Dettagli

ELENCO CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE MERCEOLOGICHE

ELENCO CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE MERCEOLOGICHE ALLEGATO AA) AL REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI FORNITURE, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA SOCIETA ATTIVA S.R.L. ELENCO CATEGORIE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA approvato con Delibera Commissariale n. 28 del 26/09/2011

Dettagli

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI Programma di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna 2007/2013 Asse IV Attuazione dell Approccio Leader Misura 431 GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER

Dettagli

DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE 1 Articolo 1 Definizioni Sezione I Disciplina Generale Ai fini del presente regolamento si applicano le definizioni che seguono:

Dettagli

7 Protocollo A7 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER LA SCELTA DEL FORNITURE DI BENI E SERVIZI

7 Protocollo A7 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER LA SCELTA DEL FORNITURE DI BENI E SERVIZI 7 Protocollo A7 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER LA SCELTA DEL FORNITURE DI BENI E SERVIZI 7.1 Scopo La presente procedura esplicita le modalità di scelta di un fornitore. Tali disposizioni vanno rispettate

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE IL CONSIGLIO D'ISTITUTO Delibera n. 126/15 del 27/11/2015 EMANA IL REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SEZIONE I DISCIPLINA GENERALE VISTO l art.125 comma

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.it - turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n 11 24019 ZOGNO (BG) Tel. 0345/92210

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

Azienda Turistica Locale Del Cuneese Valli Alpine E Città D Arte Società consortile a responsabilità limitata

Azienda Turistica Locale Del Cuneese Valli Alpine E Città D Arte Società consortile a responsabilità limitata Azienda Turistica Locale Del Cuneese Valli Alpine E Città D Arte Società consortile a responsabilità limitata Formazione di un elenco di operatori economici per l affidamento di lavori, servizi e forniture

Dettagli

La giornata potrebbe essere focalizzata su due assi.

La giornata potrebbe essere focalizzata su due assi. Proposta di realizzazione di due iniziative sul destino occupazionale dei laureati in Sociologia Associazione italiana di Sociologia - Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell Università di Milano

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. Unione Europea LICEO SCIENTIFICO STATALE G. Bruno Liceo Scientifico - Liceo Scienze Umane Liceo Linguistico Liceo Artistico ad indirizzo audiovisivo e multimediale Via Volpicelli 80022 - ARZANO (NA) -

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376)

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) Premessa Nell ambito del programma di mandato 2014-2019 La città delle opportunità,

Dettagli

STUDIO OLIVERI Consulenze e progettazioni

STUDIO OLIVERI Consulenze e progettazioni Sciacca, 22 Settembre 2014 Spett.le Dipartimento Lavori Pubblici e Concorsi CNAPPC Via Santa Maria dell'anima 10 00186 ROMA TRASMESSA VIA E-MAIL Oggetto: BANDO P.O.I. ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

Il sottoscritto, nato a. il, nella qualità di, della. ditta/società. Consede legale in, c.a.p., via, Codice Fiscale. tel.

Il sottoscritto, nato a. il, nella qualità di, della. ditta/società. Consede legale in, c.a.p., via, Codice Fiscale. tel. Camera di Commercio I.A.A. C.so Risorgimento, 302 86170 - ISERNIA OGGETTO: Istanza di iscrizione all Albo Fornitori. Il sottoscritto, nato a il, nella qualità di, della ditta/società Consede legale in,

Dettagli

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N.

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. 163 INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

DI ANALISI RELATIVO A CULTURA E CAPITALE UMANO: EFFETTI DEGLI INCENTIVI CULTURALI CIG

DI ANALISI RELATIVO A CULTURA E CAPITALE UMANO: EFFETTI DEGLI INCENTIVI CULTURALI CIG IRPET AFFIDAMENTO DIRETTO con richiesta di offerta SERVIZIO DI ANALISI RELATIVO A CULTURA E CAPITALE UMANO: EFFETTI DEGLI INCENTIVI CULTURALI CIG 5798541368 OFFERTA TECNICA 13 giugno 2014 1 INDICE 1. Presentazione

Dettagli

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 FORMAZIONE ELENCO OPERATORI ECONOMICI CONSULTABILI NELL AMBITO DI PROCEDURE IN ECONOMIA PER IL TRIENNIO 2010-2012 (art. 7 del regolamento per l acquisizione in economia

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI

PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI Programma Operativo Regionale parte FESR 2007 2013 OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE Azione 5.1.1 Cooperazione interregionale. DGR n. 2054 del 19/11/2013 PREPARAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUISTI

REGOLAMENTO ACQUISTI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI STATALE Luigi Einaudi BASSANO DEL GRAPPA M.I.U.R. REGOLAMENTO ACQUISTI ART. 1 - INTRODUZIONE 1. Il presente regolamento disciplina, nell ambito del D.I. n.44/2001

Dettagli

Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI

Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI Codice procedura: AC01 Revisione n 2 Data revisione: 23-07-2013 MANUALE DELLE PROCEDURE Sommario 1. Scopo della procedura 2. Glossario 3. Strutture

Dettagli

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale VERSIONE DEFINITIVA TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale Società partecipata dal Comune di Tivoli C.F.P. A. Rosmini Sede legale: 00019 Tivoli Viale Mannelli n. 9 Capitale Sociale 10.000,00 i.v. R.E.A. n. 1238379

Dettagli

CITTA DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola. Ufficio TURISMO

CITTA DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola. Ufficio TURISMO CITTA DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio TURISMO DISCIPLINARE PER LA GARA D APPALTO PER SVILUPPO ED IMPLEMENTAZIONE DEL NUOVO PORTALE WEB PER IL TURISMO (PWT) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE:

Dettagli

STORIA DELLE VARIAZIONI

STORIA DELLE VARIAZIONI RESPONSABILITÀ Funzione Nome Data Redatto da Donatella Diotti 11/01/2012 Controllato e Approvato da Sergio Duretti, Paola Mascarello 12/01/2012 Emesso da Sergio Duretti 18/01/2012 STORIA DELLE VARIAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il Comune di Bari, nell esercizio delle sue funzioni, provvede alla gestione dei servizi sociali, qualificati

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement per le Imprese

Manuale d uso del Sistema di e-procurement per le Imprese Manuale d uso del Sistema di e-procurement per le Imprese Partecipazione a un Appalto Specifico del Sistema dinamico di acquisizione Data ultimo aggiornamento: marzo 2015 Pagina 1 di 54 INDICE 1. LINEE

Dettagli

COMUNE DI COMISO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI COMISO AVVISO PUBBLICO COMUNE DI COMISO Area 2 Affari Generali, Politiche Sociali e della Famiglia AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO COLLABORATORE, IN QUALITA DI PARTNER DEL COMUNE DI COMISO, PER LA CO-PROGETTAZIONE,

Dettagli

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A.

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag. 3 ART. 2 LIMITI DI IMPORTO E DIVIETO DI

Dettagli

Acquisti pubblici: dall e-procurement opportunità per le Imprese e gli Enti

Acquisti pubblici: dall e-procurement opportunità per le Imprese e gli Enti Acquisti pubblici: dall e-procurement opportunità per le Imprese e gli Enti L utilizzo delle tecnologie applicate agli acquisti: il punto di vista delle imprese e delle stazioni appaltanti Annalisa Giachi

Dettagli

IdMonitor. IdMonitor è un software CATI, CAWI E CAPI. Soluzioni

IdMonitor. IdMonitor è un software CATI, CAWI E CAPI. Soluzioni IdMonitor CATI CAWI CAPI FUSION Ancora più veloce e con tante nuove funzionalità. Cross browser, editor facili ed intuitivi, nuova gestione dei permessi, ancora più formati di esportazione, grafica semplificata.

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Articolo 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE E URBANISTICA

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE E URBANISTICA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI PRODOTTI HARDWARE, SOFTWARE E SERVIZI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SISTEMA INFORMATIVO DELLA CENTRALE DI COMMITTENZA REGIONALE INTERVENTO SI-CC CIG 59373307B5

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM

BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM Allegato A BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM Premesse - la Regione Toscana con decisione

Dettagli

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce)

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Città di Campi Salentina di Guagnano di Novoli di Surbo di Trepuzzi REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA (ART. 33

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA INDICE GENERALE Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. Art. 6. Art. 7. Art. 8. Art. 9. Art. 10.

Dettagli

Procedura per gli ordini relativi a lavori, forniture e servizi

Procedura per gli ordini relativi a lavori, forniture e servizi Procedura per gli ordini relativi a lavori, forniture e servizi Aggiornamento: 30 settembre 2013 le parte modificate rispetto alla precedente versione della procedura vengono evidenziate 1) Per tutti gli

Dettagli

REGOLAMENTO FORNITURE, SERVIZI, INCARICHI, ASSUNZIONI

REGOLAMENTO FORNITURE, SERVIZI, INCARICHI, ASSUNZIONI F-DOC-02 rev03 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI, DEL CONFERIMENTO DI INCARICHI E DEL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina le forniture

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI Direzione Acquisti, Appalti e Contratti Settore Gare d Appalto Servizi e Forniture AVVISO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI Direzione Acquisti, Appalti e Contratti Settore Gare d Appalto Servizi e Forniture AVVISO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI Direzione Acquisti, Appalti e Contratti Settore Gare d Appalto Servizi e Forniture AVVISO Istituzione elenco fornitori da invitare alle procedure negoziate senza previa

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Approvato con delibera del Consiglio di Istituto n. 83 del 28/11/2015 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER

Dettagli

PROVINCIA DI AVELLINO

PROVINCIA DI AVELLINO PROVINCIA DI AVELLINO Settore Lavori Pubblici Edilizia Scolastica ELENCO UNICO TELEMATICO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, BENI E SERVIZI -DISCIPLINARE Art. 1 - OGGETTO Il presente disciplinare stabilisce

Dettagli

Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni

Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni Via Buratti, 2 24124 BERGAMO tel 035/342094 Fax 035/361280 - CF 95118590165 email bgic81600a@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI,SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI,SERVIZI E FORNITURE Prot. 1550/VI/9 del 29/04/2015 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI,SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Curia Mercatorum del 13 aprile 2012 Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle procedure di acquisto in economia

Regolamento per la disciplina delle procedure di acquisto in economia Regolamento per la disciplina delle procedure di acquisto in economia Aggiornamento Approv. CdA 16/10/2014 Verb. n. 077 InnovaPuglia S.p.A. Str. prov. Casamassima Km 3 70010 Valenzano BARI Italia www.innova.puglia.it

Dettagli

Trasparenza e Tracciabilità

Trasparenza e Tracciabilità Trasparenza e Tracciabilità Il punto di vista delle stazioni appaltanti e le tipologie di strumenti informatici di supporto Dott. Ing. Paolo Mezzetti Ferrara 8 Maggio 2015 Contenuti I Profilo STEP II Il

Dettagli

SOFTWARE PUBBLICAZIONE AVCP (L.190/2012, art. 1, c. 32)

SOFTWARE PUBBLICAZIONE AVCP (L.190/2012, art. 1, c. 32) SOFTWARE PUBBLICAZIONE AVCP (L.190/2012, art. 1, c. 32) EDIZIONE 2.0 07 NOVEMBRE 2014 2014, MEM INFORMATICA SRL NUORO WWW.MEMINFORMATICA.IT Pubblicazione Avcp (L.190/2012, art. 1, c. 32) Informazioni su

Dettagli

AVVISI PROFILI RICERCATI/CRITERI DI SELEZIONE ESITI 2015

AVVISI PROFILI RICERCATI/CRITERI DI SELEZIONE ESITI 2015 05 PROFILO ICT (RIF. 0/05) BENI E SERVIZI (RIF. 0/05) ANALISTA MERCATO BENI MOBILI (RIF. 03/05) ANALISTA MARKETING (RIF. 04/05) DESCRIZIONE La posizione ha la responsabilità di assicurare l acquisizione

Dettagli

ALBO FORNITORI D ISTITUTO 2015-18 Allegato categorie ELENCO CATEGORIE beni e servizi

ALBO FORNITORI D ISTITUTO 2015-18 Allegato categorie ELENCO CATEGORIE beni e servizi ALBO FORNITORI D ISTITUTO 2015-18 Allegato categorie ELENCO CATEGORIE beni e servizi IMPIANTISTICA ED ORGANIZZAZIONE UFFICI Impianti 1.1. - Impianti di condizionamento - Impianti di riscaldamento e caldaie

Dettagli

Linee guida per l ottenimento del Marchio La Sardegna Compra Verde

Linee guida per l ottenimento del Marchio La Sardegna Compra Verde Linee guida per l ottenimento del Marchio La Sardegna Compra Giugno 203 . Cos è il Marchio Il Marchio La Sardegna Compra, concesso dal Servizio SAVI (Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie ai sensi dell art.

Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie ai sensi dell art. Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie ai sensi dell art. 238, comma 7 Dlgs 163/06 e s.m.i. indice premessa p. 2 art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA 8 Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Via Monzambano, 10 00185 Roma Tel. 06 44461 Fax 06 4456224 06 4454956 06 4454948 06

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE LICEO SCIENTIFICO STATALE Fulcieri Paulucci di Calboli Via Aldo Moro, 13-47100 FORLI Tel 0543-63095 Fax 0543-65245 e-mail: fops040002@istruzione.it casella di posta elettronica certificata: fops040002@pec.istruzione.it

Dettagli

AVVISO 1. OGGETTO E FINALITÀ DELL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

AVVISO 1. OGGETTO E FINALITÀ DELL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO AVVISO Il presente invito costituisce una procedura negoziata ai sensi dell art. 125 comma 1 lett. B) del D.leg. 163/06 e s.m.i. FINALIZZATO ALL INDIVIDUAZIONE DI UN FORNITORE PER LA MANUTENZIONE HARDWARE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI dell Azienda di Servizi alla Persona di Spilimbergo Approvato con Delibera del C. di A. n. 4 del 12.04.2011 ART. 1 NORME GENERALI SULL ATTIVITÀ CONTRATTUALE 1. L ASP,

Dettagli

Acquisti verso bilancio unico: procedure e gestione della liquidità

Acquisti verso bilancio unico: procedure e gestione della liquidità Acquisti verso bilancio unico: procedure e gestione della liquidità Clara Coviello - Direttore Generale UNIUD Alberto Domenicali - Dirigente Settore risorse economiche UNIBS Assemblea CODAU Roma, 30 gennaio

Dettagli

ELENCO DEI FORNITORI DI BENI, SERIVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA

ELENCO DEI FORNITORI DI BENI, SERIVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA Allegato 2 del Regolamento per la formazione e gestione dell elenco dei fornitori, di beni, servizi e lavori in economia (allegato A) ELENCO DEI FORNITORI DI BENI, SERIVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA CAMERA

Dettagli

della Regione Puglia 2007-2013

della Regione Puglia 2007-2013 FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE Programma di Sviluppo Rurale della Puglia MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Programma di Sviluppo Rurale della Regione Puglia 2007-2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CEPRANO Via D.L.Catelli Ceprano tel.fax 0775914060 e mail certificata fric83100r@ pec.istruzione.it e mail istituzionale

Dettagli

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE. Marco Boni. Reggio Emilia 12 dicembre 2007

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE. Marco Boni. Reggio Emilia 12 dicembre 2007 LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE Marco Boni Reggio Emilia 12 dicembre 2007 riassunto delle puntate precedenti.. (salvo errori & omissioni) PRINCIPI: Efficacia D.LGS. 12.4.2006 N.

Dettagli

DETERMINAZIONE N 255 DEL 28.12.2012

DETERMINAZIONE N 255 DEL 28.12.2012 CIG : Z2D07F28E8 DETERMINAZIONE N 255 DEL 28.12.2012 OGGETTO: ACQUISTO SOFTWARE STR VISION PBM MODULI ALBO FORNITORI - GESTIONE GARA E LL.PP. ONLINE. IL RESPONSABILE DELL AREA Premesso quanto segue: che

Dettagli

POR Obiettivo 3 Misura D3

POR Obiettivo 3 Misura D3 SCHEMA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE Sintetica presentazione del progetto imprenditoriale, excutive summary, di poche pagine (2 o 3) da cui emergono gli elementi

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Assessorato dei Trasporti Direzione Generale BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Assessorato dei Trasporti Direzione Generale BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Trasporti Direzione Generale BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO 1. AMMINISTRAZIONE APPALTANTE: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti,

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

4. Questionario per rilevazione quantitativa

4. Questionario per rilevazione quantitativa 4. Questionario per rilevazione quantitativa Buongiorno, per conto del Ministero del Lavoro stiamo svolgendo una ricerca a scopi statistici per contribuire ad analizzare e definire i modelli e gli strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

Allegato 1. l esecuzione in economia di lavori, beni e servizi», emanato dal Ministero dell economia e delle finanze.

Allegato 1. l esecuzione in economia di lavori, beni e servizi», emanato dal Ministero dell economia e delle finanze. Allegato 1 Estratto dal capitolo Attività contrattuale della Relazione al Parlamento sul Rendiconto generale dello Stato per l esercizio 2009 (Sezioni Riunite in sede di controllo, decisione del 24 giugno

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE PER LA DURATA DI ANNI 2 (due)

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE PER LA DURATA DI ANNI 2 (due) Pagina 1 di 6 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA APPALTO PER LA FORNITURA BIENNALE PER SOMMINISTRAZIONE DI GASOLIO PER AUTOTRAZIONE NECESSARIO PER IL FABBISOGNO DEGLI AUTOMEZZI DELL A.S.M. srl DI MOLFETTA.

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Politiche e Procedure per l'acquisto in economia di beni e servizi Politiche In ragione della

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Disciplina per l acquisizione in economia dei beni e dei servizi da parte dell Agenzia Umbria Ricerche TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto della disciplina 1. La presente disciplina regolamenta

Dettagli

ALLEGATO A) Comma 594 lettera A)

ALLEGATO A) Comma 594 lettera A) ALLEGATO A) PIANO TRIENNALE 2008-2010 sul contenimento e riduzione dei costi di funzionamento dell Ente (art. 2, comma dal 594 e seguenti L. 244/2007) approvato con Delibera di Giunta n. 313 del 30/12/2008

Dettagli

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore 1. OBIETTIVI E FINALITA' Il presente bando è dedicato allo Start

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DELL ASSOCIAZIONE per il CIRCUITO dei GIOVANI ARTISTI ITALIANI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DELL ASSOCIAZIONE per il CIRCUITO dei GIOVANI ARTISTI ITALIANI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DELL ASSOCIAZIONE per il CIRCUITO dei GIOVANI ARTISTI ITALIANI Approvato con deliberazione dell Assemblea in data 12 novembre 2014. PARTE I

Dettagli

Provincia di Livorno POLIZIA MUNICIPALE GESTIONE ASSOCIATA Comuni di Castagneto Carducci e Bibbona

Provincia di Livorno POLIZIA MUNICIPALE GESTIONE ASSOCIATA Comuni di Castagneto Carducci e Bibbona AFFIDAMENTO IN OUTSOURCING, PER LA DURATA DI ANNI 2 (DUE), DELL INSERIMENTO, STAMPA E POSTALIZZAZIONE DELLE CONTRAVVENZIONI AL CODICE DELLA STRADA INCLUSA L ATTIVITA DI RISCOSSIONE ORDINARIA DELLE STESSE.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO

AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO AVVISO PUBBLICO PER L AGGIORNAMENTO DELL ALBO DEI FORNITORI PER L ESECUZIONE DI LAVORI E SERVIZI Art. 1 - Finalità dell avviso Il Consorzio ASI di Napoli con decreto commissariale n. 170 del 06.08.2008,

Dettagli

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE Per rispondere in modo mirato ed efficace alle esigenze ed agli interrogativi delle imprese interessate ad intraprendere iniziative di varia natura sui mercati esteri,

Dettagli

COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA E PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione CC n. 41 del 31/07/2002

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze RILEVAZIONE DEI PREZZI RELATIVI A BENI E SERVIZI PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Ministero dell Economia e delle Finanze RILEVAZIONE DEI PREZZI RELATIVI A BENI E SERVIZI PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento dell'amministrazione Generale del Personale e dei Servizi RILEVAZIONE DEI PREZZI RELATIVI A BENI E SERVIZI PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI -Edizione

Dettagli