Questo paragrafo e quello successivo trattano gli stessi argomenti del capitolo B6 relativo alla soluzione grafica dei sistemi di primo grado.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questo paragrafo e quello successivo trattano gli stessi argomenti del capitolo B6 relativo alla soluzione grafica dei sistemi di primo grado."

Transcript

1 D1. Retta D1.1 Equazione implicita ed esplicita Ogni equazione di primo grado in due incognite rappresenta una retta sul piano cartesiano (e viceversa). Si può scrivere un equazione di primo grado in due incognite in vari modi tra cui l equazione implicita e quella esplicita. EQUZIONE IMPLICIT: a+b+c=0 - tutto a primo membro - EQUZIONE ESPLICIT: =m+q - la da sola a primo membro Come passare da una forma all altra: ESPLICIT IMPLICIT SI PORT TUTTO PRIMO MEMRO E SI METTE IN ORDINE. Esempio D1.1: Portare la retta =-3 in forma implicita. = =0 IMPLICIT ESPLICIT SI PORT L PRIMO MEMRO E TUTTO IL RESTO SECONDO MEMRO. Esempio D1.: Portare la retta +3-5=0 in forma esplicita. +3-5=0 3=-+5 3 = = D1. Rappresentazione grafica (per punti) Questo paragrafo e quello successivo trattano gli stessi argomenti del capitolo 6 relativo alla soluzione grafica dei sistemi di primo grado. PROCEDIMENTO PER RPPRESENTRE GRFICMENTE UN RETT Si deve portare la retta in forma esplicita. Si assegnano due valori qualunque alla e si trovano così due valori della. Si trovano in questo modo due punti. Si uniscono e si disegna la retta. Esempio D1.3: Rappresentare graficamente la retta = ( ) = 0 + 1= 1 si è trovato il punto (0;1) = 1 + 1= 1+ 1= 0 si è trovato il punto (;0) ( ) (0;1) (;0) =-1/+1 Fig. D1.1 Grafico della retta = Teoria D1-1

2 Esempio D1.4: Rappresentare graficamente la retta = =3 1-=1 si è trovato il punto (1;1) =3 -=4 si è trovato il punto (;4) =3- (;4) (1;1) D1.3 Rappresentazione grafica (m e q) RETTE ORIZZONTLI Le equazioni del tipo =k rappresentano rette orizzontali. Fig. D1. Grafico della retta = + 3 Esempio D1.5: Rappresentare graficamente le rette =; =0 (asse ); =-3/; =-4. = =0 =-3/ =-4 RETTE VERTICLI Le equazioni del tipo =k rappresentano rette verticali. Fig. D1.3 Grafico delle rette =, =0, = 3, =-4. Esempio D1.6: Rappresentare graficamente le rette =; =0 (asse ); =-3/; =-4. Teoria D1-

3 =-4 =-3/ = =0 RETTE OLIQUE Le rette oblique sono nella forma =m+q q è l intersezione della retta con l asse. Se m è positivo la retta sale. Se m è negativo la retta scende. m è una frazione: di quanto si va in su o in giù di quanto ci si sposta verso d Esempio D1.7: Rappresentare graficamente la retta = utilizzando m e q. (E la stessa dell esempio D1.3) Si parte da +1 sull asse perché q=1. Si scende (m negativo) di 1 e ci si sposta verso d di. Fig. D1.4 Grafico delle rette =, =0, = 3, =-4. q=1 si scende di 1 ci si sposta verso destra di =-1/+1 Fig. D1.5 Grafico della retta = con m e q. Esempio D1.8: Rappresentare graficamente la retta = + 3 utilizzando m e q. (E la stessa dell esempio D1.4) Si parte da perché q=- Si sale (m positivo) di 3 e ci si sposta di 1 (m è 3/1). Teoria D1-3

4 =3- ci si sposta verso destra di 1 si sale di 3 q=- D1.4 Riconoscimento di rette dal grafico Dal grafico è spesso possibile determinare l equazione della retta rappresentata. RETT ORIZZONTLE = numero RETT VERTICLE = numero RETT OLIQU q è l intersezione con l asse. Se m è positivo la retta sale, se m è negativo la retta scende. m è una frazione: di quanto si va in su o in giù di quanto ci si sposta verso d Se q ed m sono facilmente individuabili dal grafico si può scrivere direttamente l equazione della retta =m+q. Se invece non lo sono allora si devono trovare due punti esatti (dal grafico) e utilizzare la formula al paragrafo D1.7 (Retta per due punti) Ecco qualche esempio: Esempio D1.9: Determinare l equazione della retta in figura D1.7: Fig. D1.6 Grafico della retta = + 3 con m e q. r Fig. D1.7 Determinare l equazione della retta orizzontale in figura. La retta r è orizzontale ad altezza. L equazione della retta è dunque =-. Esempio D1.10: Determinare l equazione della retta in figura D1.8: La retta è verticale e passa per tutti i punti di ascissa 3,5 che in frazioni è 7. L equazione della retta s è = 7. Teoria D1-4

5 s Esempio D1.11: Determinare l equazione della retta obliqua in figura D1.9: Fig. D1.8 Determinare l equazione della retta verticale in figura. r m +1 q Si vede dal grafico che q=-. La retta sale di 1 e si sposta verso destra di quindi m = 1. La retta r ha equazione = 1. Fig. D1.9 Determinare l equazione della retta obliqua in figura. Esempio D1.1: Determinare l equazione della retta obliqua in figura D1.10: s Fig. D1.10 Determinare l equazione della retta obliqua in figura. Si vede che m è negativo (la retta scende), e che q è positivo (la retta interseca l asse sopra l origine), ma non è chiaro quanto valgono m e q. Si nota però che la retta passa esattamente per i punti (-3;4) e 7; 3 e pertanto si può utilizzare la formula che si studierà successivamente nel paragrafo D1.7. Se non si fossero trovati due punti esatti non sarebbe stato possibile determinare l equazione della retta dal grafico ma solo una sua approssimazione. Teoria D1-5

6 D1.5 Distanza tra due punti DTI: due punti ( 1, 1) e (, ). RISULTTO: la distanza tra i due punti (unità di misura: quadretto). Se i due punti sono sulla stessa orizzontale (o verticale) basta contare i quadratini. In caso non si riesca a contare il numero di quadretti perché non sono un numero intero si usa la seguente formula: PUNTI SULL STESS RETT VERTICLE ( 1= ) d= - 1 PUNTI SULL STESS RETT ORIZZONTLE ( 1= ) d= - 1 Se i due punti non sono sulla stessa retta orizzontale o verticale si usa la seguente formula: ( ) ( ) d = La formula appena vista non è altro che il teorema di Pitagora, come mostrato in figura D1.11: Fig. D1.11 Distanza tra due punti. E perciò possibile, se si riescono a contare i quadretti (come in questo caso), utilizzare direttamente il teorema di Pitagora senza passare per la formula e risparmiando così un passaggio. Casi notevoli Ci sono alcuni casi di distanza tra due punti che è meglio conoscere perché capitano frequentemente negli esercizi: d=. Infatti per il teorema di Pitagora d= =. d =. Infatti si nota che la distanza è il doppio della precedente. d = 5. Infatti per il teorema di Pitagora d = + 1 = 5. d = 5. Infatti si nota che la distanza è il doppio della precedente. Si può ovviamente ripetere tale ragionamento anche nei casi in cui le distanze siano il triplo, la metà, eccetera. d = 10. Infatti per il teorema di Pitagora d = = 10. d = 13. Infatti per il teorema di Pitagora d = + 3 = 13. d = 5. Infatti per il teorema di Pitagora d = = 5 = 5. Fig. D1.1 Casi notevoli di distanza tra due punti. Teoria D1-6

7 Esempio D1.13: Trovare la distanza tra (-4;-) e (1;). 5 4 Fig. D1.13 Trovare la distanza tra due punti con il teorema di Pitagora. Per il teorema di Pitagora d= = 41. Esempio D1.14: Trovare la distanza tra (-1;3) e (4;3). 5 Fig. D1.14 Trovare la distanza tra due punti sulla stessa retta orizzontale. La distanza è, ovviamente, d=5. Con la formula si ha: d= - 1 = 4-(-1) = 4+1 = 5 =5. Esempio D1.15: Trovare la distanza tra 3; 3 ) e 3; Si usi la formula per la distanza tra due punti sulla stessa verticale: d= - 1. d = = = = Fig. D1.15 Trovare la distanza tra due punti sulla stessa retta verticale. Teoria D1-7

8 Esempio D1.16: Trovare la distanza tra (-1;3) e (;0). 3 3 La diagonale di un quadratino è. La distanza da calcolare è 3 volte la diagonale di un quadratino quindi la misura cercata è d=3. Non c è bisogno di utilizzare la formula, che comunque darebbe lo stesso risultato. Esempio D1.17: Trovare la distanza tra 1; 11 4 e 5; 3 4. Fig. D1.16 Trovare la distanza tra due punti. Fig. D1.17 Trovare la distanza tra due punti. Si utilizza la formula generica per la distanza tra due punti: d= ( ) + 85 ( ) = = ( 3) + = ( 3) + = = = 85 = Esempio D1.18: Trovare la distanza tra (-6;-3) e (4;3) 10 6 Fig. D1.18 Trovare la distanza tra due punti. Teoria D1-8

9 Per il teorema di Pitagora: = = 136 = 34. d= Per passare dalla radice di 136 a volte la radice di 34 si deve portare fuori dalla radice: 136 il va fuori radice il 34 resta dentro radice D1.6 Punto medio di un segmento Il punto medio di un segmento si può trovare graficamente evitando così di svolgere calcoli. Nel caso non sia chiaro determinare dal grafico le coordinate del punto medio si utilizza la seguente formula. DTI: due punti ( 1, 1) e (, ). RISULTTO: Il punto medio P m( m, m). Formula del punto medio: P m ; Esempio D1.19: Trovare il punto medio di con (-3;-) e (1;). Pm Fig. D1.19 Trovare il punto medio di un segmento. Si vede dal grafico che il P m è (-1;0). Se si utilizzasse la formula si troverebbe ovviamente lo stesso risultato. Esempio D1.0: Trovare il P medio di con (-1;3) e 7; 3 4. Pm Fig. D1.0 Trovare il punto medio di un segmento. Non si vedono esattamente dal grafico le coordinate del punto medio perciò si utilizza la formula: P m ; ; ; ; = = = Teoria D1-9

10 D1.7 Retta per due punti La retta passante per due punti si può trovare graficamente evitando così di svolgere calcoli. Nel caso non si riesca a determinare m e q dal grafico si utilizza la formula seguente. DTI: due punti ( 1, 1) e (, ) RISULTTO: L equazione della retta passante per i due punti Formula: 1 1 = 1 1 N.. Tale formula NON FUNZION per le rette orizzontali e verticali. In caso di rette orizzontali o verticali l equazione si trova sempre dal grafico. Esempio D1.1: Trovare la retta passante per i due punti (-3;3) e (6;-3). - q m 3 Fig. D1.1 Trovare l equazione della retta passante per due punti. Si vede dal grafico che q=1 ed m = quindi la retta è = Esempio D1.: Trovare la retta passante per i due punti (-1;3) e 1; 5. Fig. D1. Trovare l equazione della retta passante per due punti. La retta è verticale quindi è del tipo =k. In questo caso per tutti e due i punti l ascissa è -1 quindi la retta ha equazione =-1. Esempio D1.3: Trovare la retta passante per i due punti 5; 9 e (3;1). Teoria D1-10

11 m 1 1 q Si determinano dal grafico q=- ed m=1 quindi la retta ha equazione =-. Esempio D1.4: Trovare la retta passante per (-1;3) e 7; 3 4. Fig. D1.3 Trovare l equazione della retta passante per due punti. Fig. D1.4 Trovare l equazione della retta passante per due punti. Non si riescono a determinare esattamente dal grafico i valori di m e q perciò si utilizza la formula: = + = + = ( 3) 4 = ( + 1 ) = = = = 10 6 = D1.8 Intersezione Il punto d incontro di due rette si può trovare direttamente dal grafico. Nel caso non sia chiaro il punto d incontro tra le due rette si risolve il sistema con le equazioni delle rette. DTI: due rette r, s. RISULTTO:Il punto d incontro delle rette. Formula: Si risolve il sistema di equazioni tra le due rette. Il risultato del sistema è il punto d intersezione. Questo argomento è stato già trattato approfonditamente nel capitolo 6. D1.9 Retta per un punto Le rette passanti per un punto sono infinite, pertanto per trovare una particolare retta passante per un punto si deve conoscere anche il coefficiente angolare m. Ci sono vari casi: m è dato dal testo. viene data una retta parallela a quella da trovare m 1=m. viene data una retta perpendicolare a quella da trovare m 1=-1/m. Teoria D1-11

12 La retta può essere trovata dal grafico. Nel caso non siano chiari dal grafico m e q si usa la formula. DTI: un punto ( 1, 1) ed m oppure un punto ( 1, 1) e una retta parallela o perpendicolare alla retta da trovare. RISULTTO: La retta passante per il punto con m dato. Formula: - 1=m(- 1) Tale formula rappresenta il fascio proprio di rette. N.. La formula non funziona per le rette verticali perché non hanno m! In tal caso l esercizio si risolve esclusivamente dal grafico. Il fascio improprio di rette (parallele) ha equazione: =m+k l variare di k si trovano le infinite rette parallele di coefficiente angolare m. Esempio D1.5: Trovare la retta passante per (-1;4) con m = q m 1 Fig. D1.5 Trovare l equazione della retta passante per un punto conoscendo m. Si traccia il punto (-1;4) e da quel punto (m=-3) si scende di 3 e ci si sposta di 1. Dal grafico si vede che q=1 per cui la retta è =-3+1. Con la formula: -4=-3(+1) -4=-3-3 = da cui =-3+1. Ovviamente il risultato è lo stesso. Esempio D1.6: Trovare la retta pass. per (-;-4) parallela a =-5. m 1 q Fig. D1.6 Trovare l equazione della retta passante per un punto parallela a una retta data. Dire parallela a =-5 equivale a dire m=. Si traccia il punto (-;-4) e da quel punto si sale di e ci si sposta verso destra di 1. Si determina dal grafico q=0 per cui la retta è =. Con la formula: +4=(+) +4=+4 =+4-4 da cui =. Ovviamente il risultato è lo stesso. Teoria D1-1

13 Esempio D1.7: Trovare la retta passante per (-1;0) perpendicolare a = m 3 q Dire perpendicolare a = + 1 equivale a dire m = 3. 3 Si traccia il punto (-1;0) e da quel punto ( m = 3) si sale di 3 e ci si sposta verso destra di. Dal grafico si determina q=3/ per cui la retta è = Con la formula: 3 ( ) 0 = + 1 = e il risultato è ovviamente lo stesso Fig. D1.7 Trovare l equazione della retta passante per un punto perpendicolare a una retta data. Esempio D1.8: Trovare la retta pass. per (3;5) parallela alla retta =15,73. Fig. D1.8 Trovare l equazione della retta passante per un punto parallela a una retta verticale. La retta =15,73 è una retta verticale cioè del tipo = numero. La parallela che si sta cercando passa per il punto (3;5) ed è anch essa verticale ossia del tipo = numero. Tracciando la retta verticale passante per si vede dal grafico che la retta cercata è =3. Si noti che non è possibile usare la formula perché la retta cercata è verticale e le rette verticali non hanno m. Esempio D1.9: Trovare la retta passante per (-5;3) perpendicolare a =3-6. Dire perpendicolare a =3-6 equivale a dire m = 1. Si traccia il punto (-5;3) e da quel punto si scende di 1 e ci si 3 sposta di 3. Non si riesce a determinare dal grafico il valore esatto di q per cui si usa la formula: 3 = 1( + 5 ) 3 = 1 5 = = = q è quindi 4/3 1,3 ed è un valore coerente con il grafico. Se q fosse venuto 3, sicuramente c era qualche errore! Teoria D1-13

14 m -1 3 q? Fig. D1.9 Trovare l equazione della retta passante per un punto perpendicolare a una retta data. D1.10 Distanza di un punto da una retta La distanza di un punto da una retta è difficile da trovare dal grafico perciò si consiglia di usare sempre la formula. DTI: una retta r (a+b+c=0 in forma implicita) e un punto ( 1, 1). RISULTTO: la distanza tra e r (la distanza è un numero). Formula: a1 + b1 + c d = a + b Esempio D1.30: Trovare la distanza tra il punto (3;-1) e la retta =+1. d Il segmento che indica la distanza deve passare per ed essere perpendicolare alla retta data. Non CIRC perpendicolare, ma ESTTMENTE perpendicolare. Per tracciarlo correttamente si considera che m della retta data è 1, quindi il segmento perpendicolare avrà m=-1. Si trasforma la retta =+1 in forma implicita; portando tutto a primo membro si ottiene -+-1=0. Pertanto si hanno i seguenti valori: a=-1; b=+1; c=-1; 1=3; 1= d = = = = 5 = ( 1) + ( 1) Esempio D1.31: Trovare la distanza tra il punto (0;4) e la retta = nche in questo caso il disegno deve essere preciso, per questo il segmento che indica la distanza deve scendere di 3 e spostarsi di 1. 3= 4 Per prima cosa si scrive la retta in forma implicita: 1 4 = 3= = Pertanto si hanno i seguenti valori: a=-1; b=+3; c=+4; 1=0; 1= d = = = = = = ( 1) + ( 3) Fig. D1.30 Trovare la distanza tra un punto e una retta. Teoria D1-14

15 d Esempio D1.3: Trovare la distanza tra il punto (4;3) e la retta = 1 Fig. D1.31 Trovare la distanza tra un punto e una retta. d Fig. D1.3 Trovare la distanza tra un punto e una retta. Se si traccia correttamente il segmento che indica la distanza si riesce a determinare dal grafico la distanza d = 5. Se si vogliono invece svolgere i calcoli si trasforma la retta = 1 in forma implicita: 1 = = + = 0. Si determinano quindi i valori: a=1; b=; c=0; 1=4; 1= d = = = = = = ( 1) + ( ) Esempio D1.33: Trovare la distanza tra il punto (;-) e la retta =1. d Fig. D1.33 Trovare la distanza tra un punto e una retta. Se si traccia correttamente il segmento che indica la distanza si vede che d=3. Se si vogliono svolgere i calcoli si trasforma la retta =1 in forma implicita. Teoria D1-15

16 =1-1=0. Si determinano quindi i valori: a=0; b=1; c=-1; 1=; 1= d = = = = ( 0) + ( 1) D1.11 Tabella riassuntiva formule Si deve tener presente che in questo argomento si ha a che fare con 3 tipi di oggetti: I punti, che hanno una coordinata e una. ( 1, 1) Le rette, che sono equazioni. =m+q oppure a+b+c=0 Le distanze, che sono numeri. La tabella riassuntiva qui sotto serve per chiarire per ogni formula di quali dati si ha bisogno e che tipo di oggetto si trova. Nome formula Formula Dati Risultato 1 1 Distanza tra due punti d = ( ) + ( ) Due punti ( 1, 1) (, ) Un numero Punto medio di un segmento P m ; Due punti ( 1, 1) (, ) Un punto Retta per due punti 1 1 = 1 1 Due punti ( 1, 1) (, ) Una retta Retta per un punto - 1=m(- 1) Un punto ( 1, 1) e m oppure una retta parallela m 1=m perpendicolare m 1 1 = m Una retta Intersezione Sistema Due rette Un punto Distanza di un punto da una retta a1 + b1 + c d = a + b Un punto ( 1, 1) e una retta in forma implicita a+b+c=0 Un numero Teoria D1-16

B6. Sistemi di primo grado

B6. Sistemi di primo grado B6. Sistemi di primo grado Nelle equazioni l obiettivo è determinare il valore dell incognita che verifica l equazione. Tale valore, se c è, è detto soluzione. In un sistema di equazioni l obiettivo è

Dettagli

GEOMETRIA ANALITICA 1 IL PIANO CARTESIANO

GEOMETRIA ANALITICA 1 IL PIANO CARTESIANO GEOMETRI NLITIC 1 IL PINO CRTESINO Il piano cartesiano è costituito da due rette orientate e tra loro perpendicolari chiamate assi cartesiani, generalmente una orizzontale e l altra verticale, sulle quali

Dettagli

Appunti: il piano cartesiano. Distanza tra due punti

Appunti: il piano cartesiano. Distanza tra due punti ppunti: il piano cartesiano Distanza tra due punti Come determinare la distanza tra i punti ( ; ) e ( ; ): Se i due punti e hanno la stessa ascissa = allora (-3;1) (-3; 5) d()= d()= 1 5 4 4 Se i due punti

Dettagli

Geometria Analitica Domande e Risposte

Geometria Analitica Domande e Risposte Geometria Analitica Domande e Risposte A. Il Piano Cartesiano. Qual è la formula della distanza tra due punti nel piano cartesiano? Per calcolare la formula della distanza tra due punti nel piano cartesiano

Dettagli

PIANO CARTESIANO e RETTE classi 2 A/D 2009/2010

PIANO CARTESIANO e RETTE classi 2 A/D 2009/2010 PIANO CARTESIANO e RETTE classi 2 A/D 2009/2010 1) PIANO CARTESIANO serve per indicare, identificare, chiamare... ogni PUNTO del piano (ente geometrico) con una coppia di valori numerici (detti COORDINATE).

Dettagli

Piano cartesiano e retta

Piano cartesiano e retta Piano cartesiano e retta Il punto, la retta e il piano sono concetti primitivi di cui non si da una definizione rigorosa, essi sono i tre enti geometrici fondamentali della geometria euclidea. Osservazione

Dettagli

C I R C O N F E R E N Z A...

C I R C O N F E R E N Z A... C I R C O N F E R E N Z A... ESERCITAZIONI SVOLTE 3 Equazione della circonferenza di noto centro C e raggio r... 3 Equazione della circonferenza di centro C passante per un punto A... 3 Equazione della

Dettagli

La retta nel piano cartesiano

La retta nel piano cartesiano La retta nel piano cartesiano Se proviamo a disporre, sul piano cartesiano, una retta vediamo che le sue possibili posizioni sono sei: a) Coincidente con l asse delle y; b) Coincidente con l asse delle

Dettagli

Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani

Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani L equazione di una parabola generica è data da: Consideriamo l equazione che definisce i punti di intersezione della parabola con l asse delle ascisse

Dettagli

(1;1) y=2x-1. Fig. G4.1 Retta tangente a y=x 2 nel suo punto (1;1).

(1;1) y=2x-1. Fig. G4.1 Retta tangente a y=x 2 nel suo punto (1;1). G4 Derivate G4 Significato geometrico di derivata La derivata di una funzione in un suo punto è il coefficiente angolare della sua retta tangente Esempio G4: La funzione = e la sua retta tangente per il

Dettagli

Punti nel piano cartesiano

Punti nel piano cartesiano Punti nel piano cartesiano In un piano consideriamo due rette perpendicolari che chiamiamo x e. Solitamente, disegniamo la retta x (ascisse) orizzontalmente e orientata da sinistra a destra, la retta e

Dettagli

Ricordiamo. 1. Tra le equazioni delle seguenti rette individua e disegna quelle parallele all asse delle ascisse:

Ricordiamo. 1. Tra le equazioni delle seguenti rette individua e disegna quelle parallele all asse delle ascisse: La retta Retta e le sue equazioni Equazioni di rette come luogo geometrico y = h h R equazione di una retta parallela all asse delle ascisse x = 0 equazione dell asse delle ordinate y = h h R equazione

Dettagli

EQUAZIONE DELLA RETTA

EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DEGLI ASSI L equazione dell asse x è 0. L equazione dell asse y è 0. EQUAZIONE DELLE RETTE PARALLELE AGLI ASSI L equazione di una retta r parallela all asse x è cioè è uguale

Dettagli

Quadro riassuntivo di geometria analitica

Quadro riassuntivo di geometria analitica Quadro riassuntivo di geometria analitica IL PIANO CARTESIANO (detta ascissa o coordinata x) e y quella dall'asse x (detta ordinata o coordinata y). Le coordinate di un punto P sono: entrambe positive

Dettagli

1 Nozioni utili sul piano cartesiano

1 Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Il piano cartesiano è un sistema di riferimento costituito da due rette perpendicolari (una orizzontale detta asse delle ascisse x

Dettagli

determinare le coordinate di P ricordando la relazione che permette di calcolare le coordinate del punto medio di un segmento si

determinare le coordinate di P ricordando la relazione che permette di calcolare le coordinate del punto medio di un segmento si PROBLEMA Determinare il punto simmetrico di P( ;) rispetto alla retta x y =0 Soluzione Il simmetrico di P rispetto ad una retta r è il punto P che appartiene alla retta passante per P, perpendicolare ad

Dettagli

Le coniche: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole.

Le coniche: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole. Le coniche: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole. Teoria in sintesi Queste curve si chiamano coniche perché sono ottenute tramite l intersezione di una superficie conica con un piano. Si possono

Dettagli

Esercitazione per la prova di recupero del debito formativo

Esercitazione per la prova di recupero del debito formativo LEZIONI ED ESERCITAZIONI DI MATEMATICA Prof. Francesco Marchi 1 Esercitazione per la prova di recupero del debito formativo 24 febbraio 2010 1 Per altri materiali didattici o per contattarmi: Blog personale:

Dettagli

Distanza tra punti e punto medio di un segmento. x1 + x 2

Distanza tra punti e punto medio di un segmento. x1 + x 2 Distanza tra punti e punto medio di un segmento Siano P = (x 1, y 1 ) e Q = (x 2, y 2 ) due punti del piano cartesiano. La distanza di P da Q vale: P Q = (x 1 x 2 ) 2 + (y 1 y 2 ) 2 (si utilizza il Teorema

Dettagli

Rappresenta nel piano cartesiano l insieme dei punti P(x; y) le cui coordinate soddisfano le seguenti condizioni:

Rappresenta nel piano cartesiano l insieme dei punti P(x; y) le cui coordinate soddisfano le seguenti condizioni: ultima modifica /0/0 ESERCIZI PROPOSTI IL PIANO CARTESIANO LE COORDINATE DI UN PUNTO NEL PIANO CARTESIANO A Quali sono le coordinate dei punti indicati in figura? B Quali sono le coordinate dei punti indicati

Dettagli

Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato

Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato * * * n. 0 pag. 06 a) Scrivi l equazione della circonferenza γ 1 di centro P ; ) e passante per il punto A0; 1). b) Scrivi l equazione della circonferenza

Dettagli

e) A10, ( 1;B6,2 ) ( ) f) A3,42;B12,2

e) A10, ( 1;B6,2 ) ( ) f) A3,42;B12,2 7. ESERCIZI SULLA DISTANZA FRA DUE PUNTI ) Calcola le distanze fra le seguenti coppie di punti: a) A;B6 ( ) ( ) A( 8 ); B( 7 5) c) A ( ;B ) ( 7) d) A( ); B e) A ( ;B6 ) ( ) f) A4;B ( ) ( ) g) A ; B 6 h)

Dettagli

CORSI I.D.E.I. - LA PARABOLA CLASSI QUARTE Prof. E. Modica

CORSI I.D.E.I. - LA PARABOLA CLASSI QUARTE Prof. E. Modica ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE NINNI CASSARÀ SEDE DI VIA FATTORI CORSI I.D.E.I. - LA PARABOLA CLASSI QUARTE Prof. E. Modica erasmo@galois.it DEFINIZIONI Definizione. Dicesi parabola il luogo

Dettagli

quindi, applicando la legge di annullamento del prodotto, si ottiene l insieme delle soluzioni: x x da cui:

quindi, applicando la legge di annullamento del prodotto, si ottiene l insieme delle soluzioni: x x da cui: ) Risolvi le seguenti equazioni e scrivi le soluzioni reali in ordine crescente, indicando se sono multiple e quante sono le eventuali soluzioni non reali: ( ) ( ) per risolvere questa equazione si applica

Dettagli

PIANO CARTESIANO. NB: attenzione ai punti con una coordinata nulla: si trovano sugli assi

PIANO CARTESIANO. NB: attenzione ai punti con una coordinata nulla: si trovano sugli assi PIANO CARTESIANO Il piano cartesiano è individuato da due rette perpendicolari (ortogonali) che si incontrano in un punto O detto origine del piano cartesiano. Si fissa sulla retta orizzontale il verso

Dettagli

C C B B. Fig. C4.1 Isometria.

C C B B. Fig. C4.1 Isometria. 4. Isometrie 4.1 Definizione di isometria Date due figure congruenti è possibile passare da una all altra con una trasformazione. Una trasformazione geometrica in un piano è una funzione biunivoca che

Dettagli

Piano cartesiano e Retta

Piano cartesiano e Retta Piano cartesiano e Retta 1 Piano cartesiano e Retta 1. Richiami sul piano cartesiano 2. Richiami sulla distanza tra due punti 3. Richiami punto medio di un segmento 4. La Retta (funzione lineare) 5. L

Dettagli

Condizione di allineamento di tre punti

Condizione di allineamento di tre punti LA RETTA L equazione lineare in x e y L equazione: 0 con,,, e non contemporaneamente nulli, si dice equazione lineare nelle due variabili e. Ogni coppia ; tale che: 0 si dice soluzione dell equazione.

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA Conoscenze (tutti)

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA Conoscenze (tutti) ELEMENTI DI GEMETRIA ANALITICA Conoscenze (tutti) 1. Completa. a. La formula matematica che mette in relazione il valore della x con il corrispondente valore della y si chiama... b. Le equazioni di primo

Dettagli

CORSO DI RECUPERO DI MATEMATICA PER ALUNNI CLASSI TERZE CON GIUDIZIO SOSPESO

CORSO DI RECUPERO DI MATEMATICA PER ALUNNI CLASSI TERZE CON GIUDIZIO SOSPESO CORSO DI RECUPERO DI MATEMATICA PER ALUNNI CLASSI TERZE CON GIUDIZIO SOSPESO ESERCIZI PROPOSTI 1. DATI I PUNTI A(3,-) E B(-5,): A. RAPPRESENTARLI SUL PIANO; B. CALCOLARE LA LORO DISTANZA; C. CALCOLARE

Dettagli

2. Determina l equazione della circonferenza passante per i punti A ( 2; 4), B ( 1; 3) ed avente centro sulla retta di equazione 2x 3y + 2 = 0.

2. Determina l equazione della circonferenza passante per i punti A ( 2; 4), B ( 1; 3) ed avente centro sulla retta di equazione 2x 3y + 2 = 0. CLASSE 3^ C LICEO SCIENTIFICO Novembre 01 La circonferenza 1. Ricava l equazione di ciascuna delle circonferenze rappresentate, spiegando in maniera esauriente il procedimento che seguirai, prima di svolgere

Dettagli

LA PARABOLA. Parabola con asse di simmetria coincidente con l asse y e passante per l origine. Equazione canonica Vertice V ( 0,0) Fuoco

LA PARABOLA. Parabola con asse di simmetria coincidente con l asse y e passante per l origine. Equazione canonica Vertice V ( 0,0) Fuoco LA PARABOLA La parabola è il luogo geometrico dei punti del piano equidistanti da un punto fisso F detto fuoco e da una retta fissa detta direttrice. Parabola con asse di simmetria coincidente con l asse

Dettagli

La circonferenza nel piano cartesiano

La circonferenza nel piano cartesiano 6 La circonferenza nel piano cartesiano onsideriamo la circonferenza in figura in cui il centro è ; e il raggio 5 r : se indichiamo con P ; un punto della circonferenza avremo, per definizione, che la

Dettagli

Stabilire se il punto di coordinate (1,1) appartiene alla circonferenza centrata nell origine e di raggio 1.

Stabilire se il punto di coordinate (1,1) appartiene alla circonferenza centrata nell origine e di raggio 1. Definizione di circonferenza e cerchio. Equazione della circonferenza centrata in O e di raggio R. Esercizi. La circonferenza e il cerchio Definizioni: dato un punto C nel piano cartesiano e dato un numero

Dettagli

LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE

LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE Prof. Giovanni Ianne CHE COS È LA PARABOLA DEFINIZIONE Parabola Scegliamo sul piano un punto F e una retta d. Possiamo tracciare sul piano i punti equidistanti da F e da

Dettagli

CORREZIONE FORMATIVA 2 ( RETTA IN FORMA PARAMETRICA E FASCI)

CORREZIONE FORMATIVA 2 ( RETTA IN FORMA PARAMETRICA E FASCI) CORREZIONE FORMATIVA 2 ( RETTA IN FORMA PARAMETRICA E FASCI) D1 E' dato il fascio 2x+4y +k(8x+5y 6)=0 trovare le coordinate del centro... Risposta. Le rette base del fascio sono r1 : 2x+4y-=0 r2 : 8x+5y-6=0

Dettagli

1. LA GEOMETRIA ANALITICA

1. LA GEOMETRIA ANALITICA LA GEOMETRIA ANALITICA IL PIANO CARTESIANO Coordinate cartesiane Due rette orientate nel piano perpendicolari tra loro, aventi come punto d intersezione il punto O, costituiscono un sistema di riferimento

Dettagli

La retta nel piano cartesiano

La retta nel piano cartesiano La retta nel piano cartesiano note a cura di Luigi Carlo Oldani - novembre 9 A technique ceases to be a trick and becomes a method only when it has been encountered enough times to seem natural. W.J.LeVeque,

Dettagli

In un triangolo un lato è maggiore della differenza degli altri due, pertanto dal triangolo si ha > dividendo per =1.

In un triangolo un lato è maggiore della differenza degli altri due, pertanto dal triangolo si ha > dividendo per =1. L iperbole L iperbole è il luogo geometrico dei punti del piano per i quali è costante la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi. Come si evince del grafico, la differenza delle distanze

Dettagli

Iperbole. L iperbole è il luogo dei punti per i quali la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi rimane costante.

Iperbole. L iperbole è il luogo dei punti per i quali la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi rimane costante. Iperbole L iperbole è il luogo dei punti per i quali la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi rimane costante. Vedi figura: Figura 1 Iperbole equilatera. Se i fuochi si trovano sull

Dettagli

1.4 Geometria analitica

1.4 Geometria analitica 1.4 Geometria analitica IL PIANO CARTESIANO Per definire un riferimento cartesiano nel piano euclideo prendiamo: Un punto detto origine i Due rette orientate passanti per. ii Due punti e per definire le

Dettagli

LA CIRCONFERENZA E LA SUA EQUAZIONE

LA CIRCONFERENZA E LA SUA EQUAZIONE LA CIRCONFERENZA E LA SUA EQUAZIONE LA CIRCONFERENZA COME LUOGO GEOMETRICO DEFINIZIONE Assegnato nel piano un punto C, detto centro, si chiama circonferenza la curva piana luogo geometrico dei punti equidistanti

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze M.F.N. Precorso di Matematica APPUNTI (preparati da Pier Luigi Ferrari)

Università degli Studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze M.F.N. Precorso di Matematica APPUNTI (preparati da Pier Luigi Ferrari) Università degli Studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze M.F.N. Precorso di Matematica APPUNTI (preparati da Pier Luigi Ferrari). Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: professionale

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: professionale Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: professionale DISCIPLINA: MATEMATICA RESPONSABILE: CAGNESCHI F. IMPERATORE D. CLASSE: prima servizi commerciali Utilizzare le tecniche e le procedure

Dettagli

Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza

Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza Liceo Classico Galilei Pisa - Classe a A - Prof. Francesco Daddi - 1 ottobre 011 Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza Esercizio 1. La circonferenza ha centro in C 4 ), 7, 7 ) e raggio + 7 57

Dettagli

Geometria analitica. coppia di numeri equazione di 2 grado. delle equazioni

Geometria analitica. coppia di numeri equazione di 2 grado. delle equazioni 1 Geometria analitica La geometria analitica stabilisce una corrispondenza tra il mondo della geometria e il mondo dell'algebra. Ciò significa che gli enti geometrici hanno degli enti corrispondenti nel

Dettagli

Ore annue: 132 MODULO 1

Ore annue: 132 MODULO 1 Liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES Indirizzo: Liceo Linguistico CLASSI 2 e Programmazione Didattica Disciplina: Ore annue: 132 Matematica Settembre ottobre MODULO 1 novembre Disequazioni numeriche

Dettagli

PROGRAMMA MATEMATICA Classe 1 A AFM anno scolastico

PROGRAMMA MATEMATICA Classe 1 A AFM anno scolastico PROGRAMMA MATEMATICA Classe 1 A AFM anno scolastico 2015-2016 I numeri naturali rappresentazione dei numeri naturali, le quattro operazioni, multipli e divisori di un numero. Criteri di divisibilità, le

Dettagli

La circonferenza nel piano cartesiano

La circonferenza nel piano cartesiano La circonferenza nel piano cartesiano 1. Definizione ed equazione. Si chiama circonferenza C, di centro C( α, β ) e raggio r, l insieme di tutti e soli i punti del piano che hanno distanza r da C. L equazione

Dettagli

C5. Triangoli. C5.1 Definizioni. C5.2 Classificazione dei triangoli in base ai lati

C5. Triangoli. C5.1 Definizioni. C5.2 Classificazione dei triangoli in base ai lati 5. Triangoli 5.1 efinizioni Un triangolo è un poligono con tre lati. In figura 5.1 i lati sono i segmenti =c, =b e =a. Gli angoli (interni) sono α = ˆ, β = ˆ e γ = ˆ. Si dice che un angolo è opposto a

Dettagli

Funzioni... senza limiti

Funzioni... senza limiti Funzioni... senza limiti Versione del 18 aprile 2007 Propongo, in questa nota, una serie di esempi di grafici di funzioni tracciati per via elementare, senza l uso del calcolo differenziale. Una trattazione

Dettagli

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TECNICO ECONOMICO PER IL TURISMO MATERIA MATEMATICA ANNO DI CORSO CLASSE TERZA

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO TECNICO ECONOMICO PER IL TURISMO MATERIA MATEMATICA ANNO DI CORSO CLASSE TERZA INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 PIANO CARTESIANO E RETTA 2 DISEQUAZIONI DI 1 E 2 GRADO E SISTEMI DI 1 GRADO 3 CONICHE: PARABOLA E DISEQUAZIONI DI 2 GRADO, ELLISSE E IPERBOLE 4 FUNZIONI ESPONENZIALI

Dettagli

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 RETTE E PIANI NELLO SPAZIO Rette e piani in forma cartesiana e parametrica. Parallelismo e perpendicolarità, posizioni reciproche tra rette e piani, distanze. Esercizio

Dettagli

3. Segni della funzione (positività e negatività)

3. Segni della funzione (positività e negatività) . Segni della funzione (positività e negatività) Questo punto, qualora sia possibile algebricamente, ci permette di stabilire il segno che assume la variabile dipendente y (che esprime il valore della

Dettagli

Breve formulario di matematica

Breve formulario di matematica Luciano Battaia a 2 = a ; lim sin = 1, se 0; sin(α + β) = sin α cos β + cos α sin β; f() = e 2 f () = 2e 2 ; sin d = cos + k; 1,2 = b± ; a m a n = 2a a n+m ; log a 2 = ; = a 2 + b + c; 2 + 2 = r 2 ; e

Dettagli

Esercizio L1 L2 L3. Il numero 1152 scomposto in fattori primi si scrive [1] [2] [3] 7 31 [4] Risposta

Esercizio L1 L2 L3. Il numero 1152 scomposto in fattori primi si scrive [1] [2] [3] 7 31 [4] Risposta Il numero 1152 scomposto in fattori primi si scrive [1] 2 7 3 2 [2] 2 5 11 [3] 7 31 [4] 1152 Il numero 1152 termina con la cifra 2 e, di conseguenza, è divisibile per 2. Questo significa che ha il numero

Dettagli

Esercizi di Geometria Analitica

Esercizi di Geometria Analitica Esercizi di Geometria Analitica Lucia Perissinotto I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave Beatrice Hitthaler I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 10 settembre 2012 Capitolo 1 Esercizi di geometria analitica

Dettagli

Circonferenza. Matteo Tugnoli. February 26, 2012

Circonferenza. Matteo Tugnoli. February 26, 2012 Circonferenza Matteo Tugnoli February 26, 2012 Versione preliminare, NON esente da errori, se il lettore riscontrasse delle imprecisioni può gentilmente segnalarle a matteo_tugnoli@yahoo.it 1 Luogo dei

Dettagli

GEOMETRIA ANALITICA. (*) ax+by+c=0 con a,b,c numeri reali che è detta equazione generale della retta.

GEOMETRIA ANALITICA. (*) ax+by+c=0 con a,b,c numeri reali che è detta equazione generale della retta. EQUAZIONE DELLA RETTA Teoria in sintesi GEOMETRIA ANALITICA Dati due punti A e B nel piano, essi individuano (univocamente) una retta. La retta è rappresentata da un equazione di primo grado in due variabili:

Dettagli

Francesco Zumbo

Francesco Zumbo La retta - Teorema di Talete - Equazione della retta: passante per due punti, implicita, esplicita - Parallele e Perpendicolari - Fascio Propio e improprio - Intersezione tra rette Francesco Zumbo www.francescozumbo.it

Dettagli

Verifica di Matematica sommativa durata della prova : 2 ore. Punt. attr. Problema

Verifica di Matematica sommativa durata della prova : 2 ore. Punt. attr. Problema Liceo Scientifico Statale M. Curie Classe D aprile Verifica di Matematica sommativa durata della prova : ore Nome Cognome Voto N.B. Il punteggio massimo viene attribuito in base alla correttezza e alla

Dettagli

PALESTRA PER IL RECUPERO

PALESTRA PER IL RECUPERO PIAN CARTESIAN E RETTA PALESTRA PER IL RECUPER SVLTI Determinare l equazione della retta passante per ð 3; Þ e per il punto P d intersezione della retta r di equazione 0 e della retta s di equazione 0.

Dettagli

Il valore assoluto (lunghezza, intensita )

Il valore assoluto (lunghezza, intensita ) Il valore assoluto (lunghezza, intensita ) = se 0 - se < 0 = 5 5-0, = 0 3, = 3 Il valore assoluto di un numero reale è quindi sempre un numero positivo. Geometricamente rappresenta la misura della distanza

Dettagli

Problemi con discussione grafica

Problemi con discussione grafica Problemi con discussione grafica Un problema con discussione grafica consiste nel determinare le intersezioni tra un fascio di rette (proprio o improprio) e una particolare funzione che viene assegnata

Dettagli

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo GEOMETRIA PIANA 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(0, 4), e B(4, ) trovarne la distanza e trovare poi i punti C allineati con A e con B che verificano: (1) AC = CB (punto medio del segmento AB); ()

Dettagli

Macerata 24 marzo 2015 classe 3M COMPITO DI RECUPERO ASSENTI. k <, mentre se. x = e. x = che sono le soluzioni dell equazione, 3 9

Macerata 24 marzo 2015 classe 3M COMPITO DI RECUPERO ASSENTI. k <, mentre se. x = e. x = che sono le soluzioni dell equazione, 3 9 Macerata 4 marzo 015 classe M COMPITO DI RECUPERO ASSENTI Problema 1 y = k x + 5k x 4 + k E dato il fascio di parabole di equazione ( ) ( ). SI ha quindi la concavità rivolta k = si ha la parabola degenere

Dettagli

1. Scrivi l equazione dell ellisse avente per fuochi i punti ( 2 7;3) e (2 7;3) e passante per il punto (2 6;4).

1. Scrivi l equazione dell ellisse avente per fuochi i punti ( 2 7;3) e (2 7;3) e passante per il punto (2 6;4). . Scrivi l equazione dell ellisse avente per fuochi i punti ( 7;3) e ( 7;3) e passante per il punto ( 6;). Determino il centro di simmetria dell ellisse, O, punto medio dei due fuochi, ovvero (0;3), perciò

Dettagli

2. APPUNTI SUI FASCI DI CIRCONFERENZE (raccolti dal prof. G. Traversi)

2. APPUNTI SUI FASCI DI CIRCONFERENZE (raccolti dal prof. G. Traversi) 2. APPUNTI SUI FASCI DI CIRCONFERENZE (raccolti dal prof. G. Traversi) La circonferenza è la curva di 2^ grado che viene individuata univocamente da tre punti non allineati e possiede la seguente proprietà:

Dettagli

LICEO PEDAGOGICO-ARTISTICO G. Pascoli di Bolzano VERIFICA SCRITTA DI MATEMATICA CLASSE 4a P-FILA A 04/11/2010- Tempo 100

LICEO PEDAGOGICO-ARTISTICO G. Pascoli di Bolzano VERIFICA SCRITTA DI MATEMATICA CLASSE 4a P-FILA A 04/11/2010- Tempo 100 LICEO PEDAGOGICO-ARTISTICO G. Pascoli di Bolzano VERIFICA SCRITTA DI MATEMATICA CLASSE 4a P-FILA A 4//- Tempo Ogni risposta ai quesiti va opportunamente motivata (con calcoli, grafici, ecc.) pena la sua

Dettagli

A1. Calcolo in Q. A1.1 Tabelline e potenze. A1.2 Scomposizione in fattori di numeri interi MCD e mcm

A1. Calcolo in Q. A1.1 Tabelline e potenze. A1.2 Scomposizione in fattori di numeri interi MCD e mcm A. Calcolo in Q Questo capitolo tratta argomenti che solitamente sono già stati svolti alle scuole medie ed elementari. Tali argomenti sono necessari per affrontare il programma delle scuole superiori.

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: tecnico della grafica

Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: tecnico della grafica DISCIPLINA: MATEMATICA Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola: tecnico della grafica RESPONSABILE: CAGNESCHI F. - IMPERATORE D. CLASSE/INDIRIZZO: prima tecnico della grafica calcolo numerico

Dettagli

il discriminante uguale a zero; sviluppando i calcoli si ottiene che deve essere

il discriminante uguale a zero; sviluppando i calcoli si ottiene che deve essere Macerata maggio 0 classe M COMPITO DI MATEMATICA RECUPERO ASSENTI QUESITO Considera il fascio di curve di equazione: x y (.) = k + k 6 a) Trova per quali valori di k si hanno delle ellissi. Deve essere

Dettagli

FUNZIONI LINEARI (Retta, punto di pareggio e relazioni lineari generalizzate)

FUNZIONI LINEARI (Retta, punto di pareggio e relazioni lineari generalizzate) FUNZIONI LINEARI (Retta, punto di pareggio e relazioni lineari generalizzate) Copyright SDA Bocconi, Milano La retta Una retta può essere espressa secondo due formulazioni: a. Forma esplicita b. Forma

Dettagli

Esercizi di Elementi di Matematica Corso di laurea in Farmacia

Esercizi di Elementi di Matematica Corso di laurea in Farmacia Esercizi di Elementi di Matematica Corso di laurea in Farmacia dott.ssa Marilena Ligabò November 24, 2015 1 Esercizi sulla notazione scientifica Esercizio 1.1. Eseguire il seguente calcolo utilizzando

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LA CLASSE 2^A DEL LICEO SCIENTIFICO MALPIGHI SEZIONE ASSOCIATA I.I.S

PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LA CLASSE 2^A DEL LICEO SCIENTIFICO MALPIGHI SEZIONE ASSOCIATA I.I.S PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LA CLASSE 2^A DEL LICEO SCIENTIFICO MALPIGHI SEZIONE ASSOCIATA I.I.S. VIA SILVESTRI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 INSEGNANTE: MASCI ORNELLA ALGEBRA - Equazioni letterali fratte

Dettagli

Una circonferenza e una parabola sono disegnate nel piano cartesiano. La circonferenza ha centro nel punto

Una circonferenza e una parabola sono disegnate nel piano cartesiano. La circonferenza ha centro nel punto La parabola Esercizi Esercizio 368.395 Una circonferenza e una parabola sono disegnate nel piano cartesiano. La circonferenza ha centro nel punto 0 ;5 e raggio, e la parabola ha il suo vertice in 0 ;0.

Dettagli

Esercizi svolti sulla parabola

Esercizi svolti sulla parabola Liceo Classico Galilei Pisa - Classe a A - Prof. Francesco Daddi - 19 dicembre 011 Esercizi svolti sulla parabola Esercizio 1. Determinare l equazione della parabola avente fuoco in F(1, 1) e per direttrice

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA APPLICATA

PROGRAMMA DI MATEMATICA APPLICATA PROGRAMMA DI MATEMATICA APPLICATA Classe II A Turismo A.S. 2014/2015 Prof.ssa RUGGIERO ANGELA ISABELLA I NUMERI REALI Radicali: - Riduzione allo stesso indice e semplificazione - Alcune operazioni fra

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO "R. NUZZI" - ANDRIA Anno Scolastico 2015/16 MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO R. NUZZI - ANDRIA Anno Scolastico 2015/16 MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO "R. NUZZI" - ANDRIA Anno Scolastico 2015/16 MATEMATICA Il Dipartimento di Matematica per il corrente anno scolastico (2015/2016) ha individuato la realizzazione di diciannove corsi integrativi

Dettagli

Appunti ed esercizi di geometria analitica PRIMA PARTE

Appunti ed esercizi di geometria analitica PRIMA PARTE Appunti ed esercizi di geometria analitica PRIMA PARTE Per la teoria studiare su il libro di testo La retta e i sistemi lineari, modulo E, da pagina 594 a pagina 597. Esercizi da pagina 617 a pagina 623.

Dettagli

Esercizi sulla retta. Gruppo 1 (4A TSS SER, 4B TSS SER, 4A AM )

Esercizi sulla retta. Gruppo 1 (4A TSS SER, 4B TSS SER, 4A AM ) Esercizi sulla retta. Gruppo 1 (4A TSS SER, 4B TSS SER, 4A AM ) 1. Scrivere l'equazione della retta passante per i punti P1(-3,1), P2(2,-2). Dobbiamo applicare l'equazione di una retta passante per due

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE CONICHE AFFINI

CLASSIFICAZIONE DELLE CONICHE AFFINI CLASSIFICAZIONE DELLE CONICHE AFFINI Pre-requisiti necessari. Elementi di geometria analitica punti e rette nel piano cartesiano, conoscenza delle coniche in forma canonica). Risoluzione di equazioni e

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico PROGRAMMA SVOLTO. Materia: Matematica

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico PROGRAMMA SVOLTO. Materia: Matematica Anno scolastico 2015-2016 PROGRAMMA SVOLTO Materia: Matematica Docente: Massimiliano Iori Classe : 2F Indirizzo: Linguistico Disequazioni lineari Le diseguaglianze: definizioni e proprietà. Disequazioni

Dettagli

DISTANZA TRA DUE PUNTI NEL PIANO CARTESIANO

DISTANZA TRA DUE PUNTI NEL PIANO CARTESIANO Geogebra DISTANZA TRA DUE PUNTI NEL PIANO CARTESIANO 1. Apri il programma Geogebra, assicurati che siano visualizzati gli assi e individua il punto A (0, 0). a. Dove si trova il punto A? b. Individua il

Dettagli

LA RETTA NEL PIANO CARTESIANO

LA RETTA NEL PIANO CARTESIANO LA RETTA NEL PIANO CARTESIANO LE COORDINATE CARTESIANE Quando si vuole fissare un sistema di coordinate cartesiane su una retta r, è necessario considerare: un punto O detto origine; un verso di percorrenza;

Dettagli

D4. Circonferenza - Esercizi

D4. Circonferenza - Esercizi D4. Circonferenza - Esercizi Trasformare l equazione della circonferenza nell altra forma e rappresentare graficamente la circonferenza trovandone prima centro e raggio. 1) + --=0 [(-1) +(-1) =, C(1;1),

Dettagli

Nel caso particolare in cui il vertice si trovi nell'origine, la parabola assume la forma: y ˆ ax 2.

Nel caso particolare in cui il vertice si trovi nell'origine, la parabola assume la forma: y ˆ ax 2. LA PARABOLA Rivedi la teoria La parabola e la sua equazione La parabola eá il luogo dei punti del piano che hanno la stessa distanza da un punto fisso chiamato fuoco e da una retta fissa chiamata direttrice.

Dettagli

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9 Geometria BATR-BCVR 2015-16 Esercizi 9 Esercizio 1. Per ognuna delle matrici A i si trovi una matrice ortogonale M i tale che Mi ta im sia diagonale. ( ) 1 1 2 3 2 A 1 = A 2 1 2 = 1 1 0 2 0 1 Esercizio

Dettagli

MATEMATICA LA PARABOLA GSCATULLO

MATEMATICA LA PARABOLA GSCATULLO MATEMATICA LA PARABOLA GSCATULLO La Parabola Introduzione e definizione Prima di affrontare la parabola e la sua analisi matematica, appare opportuno definirla nelle sue caratteristiche essenziali. Anzitutto

Dettagli

Coordiante omogenee e proiezioni

Coordiante omogenee e proiezioni CAPITOLO 15 Coordiante omogenee e proiezioni Esercizio 15.1. Utilizzando le coordinate omogenee, determinare l equazione della retta r passante per i punti A(2,) e B( 1,0) e della retta s passante per

Dettagli

[ RITORNA ALLE DOMANDE] 2) Definisci la parabola come luogo geometrico. 1) Che cos è una conica?

[ RITORNA ALLE DOMANDE] 2) Definisci la parabola come luogo geometrico. 1) Che cos è una conica? Matematica 1) Che cos è una conica? 2) Definisci la parabola come luogo geometrico. 3) Qual è l equazione di una parabola con asse di simmetria parallelo all asse delle y? 4) Qual è l equazione di una

Dettagli

Cerchio di Mohr. n y. n x

Cerchio di Mohr. n y. n x t nm m t n P n s n Sia P un punto generico del continuo e z una generica retta passante per esso. Fissato un riferimento cartesiano {,, z}, siano n=[n n 0] T ed m=[m m 0] T due versori ortogonali nel piano

Dettagli

Insiemistica. Capitolo 1. Prerequisiti. Obiettivi. Gli insiemi numerici di base Divisibilità e fattorizzazione nei numeri interi

Insiemistica. Capitolo 1. Prerequisiti. Obiettivi. Gli insiemi numerici di base Divisibilità e fattorizzazione nei numeri interi Capitolo 1 Insiemistica Prerequisiti Gli insiemi numerici di base Divisibilità e fattorizzazione nei numeri interi Obiettivi Sapere utilizzare opportunamente le diverse rappresentazioni insiemistiche Sapere

Dettagli

Geometria analitica di base. Equazioni di primo grado nel piano cartesiano Funzioni quadratiche Funzioni a tratti Funzioni di proporzionalità inversa

Geometria analitica di base. Equazioni di primo grado nel piano cartesiano Funzioni quadratiche Funzioni a tratti Funzioni di proporzionalità inversa Equazioni di primo grado nel piano cartesiano Funzioni quadratiche Funzioni a tratti Funzioni di proporzionalità inversa Equazioni di primo grado nel piano cartesiano Risoluzione grafica di un equazione

Dettagli

valore di a: verso l alto (ordinate crescenti) se a>0, verso il basso (ordinate decrescenti) se a<0;

valore di a: verso l alto (ordinate crescenti) se a>0, verso il basso (ordinate decrescenti) se a<0; La parabola è una particolare conica definita come è una curva aperta, nel senso che non può essere contenuta in alcuna superficie finita del piano; è simmetrica rispetto ad una retta, detta ASSE della

Dettagli

MATEMATICA LA CIRCONFERENZA GSCATULLO

MATEMATICA LA CIRCONFERENZA GSCATULLO MATEMATICA LA CIRCONFERENZA GSCATULLO La Circonferenza La circonferenza e la sua equazione Introduzione e definizione La circonferenza è una conica, ovvero quella figura ottenuta tagliando un cono con

Dettagli

Anno Scolastico 2015/16 PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE SECONDA LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO-SOCIALE LICEO MUSICALE

Anno Scolastico 2015/16 PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE SECONDA LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO-SOCIALE LICEO MUSICALE LICEO LAURA BASSI - BOLOGNA Anno Scolastico 2015/16 PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE SECONDA LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO-SOCIALE LICEO MUSICALE MATEMATICA ARGOMENTI: EQUAZIONI

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI ALGEBRA

OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI ALGEBRA Revisione dei contenuti in data 21 aprile 2015 OBIETTIVI GENERALI Imparare a lavorare in classe (saper ascoltare insegnante e compagni, intervenire con ordine e nei momenti opportuni). Concepire il lavoro

Dettagli

Problema ( ) = 0,!

Problema ( ) = 0,! Domanda. Problema ( = sen! x ( è! Poiché la funzione seno è periodica di periodo π, il periodo di g x! = 4. Studio di f. La funzione è pari, quindi il grafico è simmetrico rispetto all asse y. È sufficiente

Dettagli

1.1 Coordinate sulla retta e nel piano; rette nel piano

1.1 Coordinate sulla retta e nel piano; rette nel piano 1 Sistemi lineari 11 Coordinate sulla retta e nel piano; rette nel piano Coordinate sulla retta Scelti su una retta un primo punto O (origine) ed un diverso secondo punto U (unita ), l identificazione

Dettagli