CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE"

Transcript

1 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA *** RASSEGNA STAMPA 14 aprile 2008 Titoli dei quotidiani Avvocati Il Sole 24 Ore Il Sole 24 Ore Il Sole 24 Ore Italia Oggi Avvocati, l esame resta un incubo Meglio puntare su numero chiuso e preselezione Se il negozio giuridico diventa una libreria specializzata L'avvocato escluso dall'antiriciclaggio Professioni Il Sole 24 Ore Il Sole 24 Ore Italia Oggi Italia Oggi Italia Oggi Italia Oggi Italia Oggi L accesso all Albo spacca in due i professionisti L eterno dilemma della concorrenza Nuovi indicatori, effetto sorpresa L'intervallo di confidenza Scelta favorevole per ogni indicatore Controlli fiscali puntati sulle pmi I contributi a percentuale non sono oneri deducibili Giustizia Il Sole 24 Ore Nei tribunali la scommessa dell efficenza

2 GIURISPRUDENZA Il Sole 24 Ore Il Sole 24 Ore Italia Oggi Italia Oggi Licenziabile dopo il rinvio a giudizio La confisca segue l acquisto Professioni emergenti disciplinate con legge statale Videopoker, c'è azzardo solo se si dimostra il lucro

3 *** Avvocati Antiriciclaggio Italia Oggi (12/04/08) pag. 34 L'avvocato escluso dall'antiriciclaggio Avvocati fuori dall'antiriciclaggio. Almeno in Francia. Il Consiglio di Stato francese, con una sentenza resa lo scorso 10 aprile, ha delimitato il campo di applicazione della II direttiva antiriciclaggio nella attività professionale forense stabilendo che la consulenza giuridica resta soggetta al segreto professionale. La giurisprudenza francese si è così inserita nel solco interpretativo già tracciato dalla Corte di giustizia delle comunità europee e dalla Corte costituzionale belga, che già avevano avuto modo di esprimersi su questa controversa questione. Il Conseil d'etat ha stabilito che la direttiva 2001/97/Ce può essere ritenuta compatibile con i principi fondamentali come il diritto alla difesa e alla riservatezza delle comunicazioni solo ove le informazioni ricevute o ottenute da un avvocato «siano escluse dal campo degli obblighi di informazione e di operazione con le autorità pubbliche con la sola riserva dei casi in cui il consulente legale prenda parte alle attività di riciclaggio di capitali o la consulenza legale sia fornita a fini di riciclaggio o l'avvocato sappia che il suo cliente intenda ottenere la consulenza ai fini del riciclaggio di denaro sporco». In secondo luogo, i principi generali dell'ordinamento, in particolare il diritto alla segretezza delle comunicazioni fra avvocato e cliente, prevalgono sulla normativa antiriciclaggio, limitandone l'applicazione agli avvocati nei casi tassativamente elencati. Sulla base di queste considerazioni e con specifico riferimento alla normativa nazionale di attuazione della direttiva comunitaria, il giudice amministrativo ha statuito che essa è invalida nella misura in cui consente all'autorità di sorveglianza di porre direttamente domande ai professionisti legali prescindendo dalla essenziale funzione di filtro svolta dagli ordini professionali; e che il Codice monetario e finanziario è invalido nella misura in cui impone agli avvocati un ruolo di vigilanza nella loro attività professionale, senza prevedere condizioni a salvaguardia del segreto professionale. Per il presidente del Cnf Guido Alpa «conforta constatare come sul tema si vada ormai consolidando un dialogo tra i vari giudici europei che per primi si sono occupati della vicenda e che potrà costituire un valido criterio interpretativo ove anche in Italia i giudici fossero chiamati a pronunciarsi».

4 Giovanni Negri, Il Sole 24 Ore pag. 5 Avvocati, l esame resta un incubo Esame professionale Esame forense senza pace. Mentre circa il 35% dei candidati supera in media la selezione già è in discussione una nuova riforma. Perché quella voluta nel 2003 dall allora ministro della Giustizia Roberto Castelli ha già bisogno di ben più di una semplice manutenzione. Nata con l obiettivo di cancellare la possibilità dei casi Catanzaro, dove le modalità di svolgimento delle prove, con la quasi totalità dei compiti scritti in fotocopia, nella sessione del 1997 interessarono anche la magistratura, non ha eliminato uno dei mali cronici: l enorme disparità tra sede e sede nella percentuale tra i promossi, ma soprattutto in quella degli ammessi agli orali. E nella correzione degli scritti infatti che viene oggi effettuata la prima e più dura scrematura dei candidati. E allora, se in base ai dati parziali disponibili relativi alla sessione del 2006 (ancora in corso almeno per quanto riguarda la completa conclusione degli orali), le differenze saltano agli occhi. Se la commissione di Bolzano ha infatti ammesso agli esami solo il 19% dei candidati, a Trieste il 28%, i commissari di Catanzaro si segnalano ancora tra i più morbidi con una percentuale di ammessi dell 83%, ma a Cagliari è dell 81,7%, a Napoli del 70%, a L Aquila del 74%. Differenze che, sia pure con percentuali diverse, emergono anche nel 2005, l ultima sessione definitivamente conclusa. Una prima considerazione è che la riforma Castelli abbia sgomberato il campo da molti sospetti si pratiche clientelari tra componenti delle commissioni e candidati. A essere cancellata, infatti, almeno per la correzione degli elaborati, la comune appartenenza allo stesso distretto di Corte d appello. Adesso, attraverso il meccanismo degli abbinamenti tra sedi diverse, i compiti degli aspiranti legali di un distretto vengono corretti dalla commissione di un altro distretto. Si resta invece in sede per lo svolgimento degli orali. Quello che la riforma non ha eliminato è l elevatissimo numero di candidati: nella sessione 2005 furono in a presentarsi e nel 2006 il numero è ancora cresciuto attestandosi a quota Una situazione esplosiva anche a fronte di valutazioni comunque severe. Con tassi di promozione attuale, ai circa 200mila avvocati iscritti attualmente all albo, in 10 anni se ne aggiungerebbero quasi 150mila. Per questo l opportunità di un nuovo intervento, a 5 anni dall ultimo, assume i connotati di necessità. Tenuto conto, tra l altro, che i numeri attuali producono anche difficoltà organizzative, costi elevati di svolgimento, tempi lunghi per la correzione dei temi, l impegno di circa 1800 commissari, una almeno discutibile valutazione del merito. E per questo che il ministero della Giustizia e il Consiglio nazionale forense avevano da qualche mese avviato un tavolo di confronto per individuare i possibili punti di svolta. Un confronto bloccato dalla fine anticipata della legislatura, ma che ripartirà con il nuovo Governo. Perché se i problemi sono evidenti, anche le soluzioni non sono infinite. A partire da una dalla necessità di una preselezione che filtri a monte gli aspiranti professionisti. A delinearsi era un test di ammissione all esame basato su quesiti a risposta breve, con domande di diritto civile e penale alle quali dare una risposta da contenere entro righe. La valutazione della preparazione sarebbe più efficace. Una simulazione del ministero della Giustizia calcolava in 30 giorni i tempi per valutare circa 50mila elaborati con una commissione di 300 esperti. In questo modo, prevedeva il modello, calcolando il tasso di ammessi del 20%, alle prove scritte si presenterebbero non più di 10mila candidati. I tempi di correzione dei relativi 30mila temi non sarebbero superiori, per 300 commissari, a otto mesi. Tendenzialmente la preselezione e gli scritti dovrebbero svolgersi in quattro sedi distrettuali individuate di volta in volta dal ministero della Giustizia.

5 Ma a essere investite del cambiamento potrebbero essere anche gli orali. Oggi il candidato ha libertà di scegliere nel proporre 5 materie, con il vincolo dell inserimento di almeno una processuale, ma la tendenza diffusa è quella del dirottamento su materie minori, limitando le chance di valutazione della preparazione. In prospettiva, l orale potrebbe svolgersi attraverso la trattazione di brevi questioni su sette materie base. Per porre un freno ala possibilità di tentare l esame di abilitazione (oggi non c è limite) il certificato di compiuta pratica potrebbe avere una durata di quattro anni, con possibilità di proroga per tre anni. Si potrebbero così svolgere sette tentativi in tutto. Un ultima modifica riguarderebbe ancora il turismo concorsuale, prevedendo che la domanda per l iscrizione nel registro speciale praticanti deve essere rivolta al Consiglio dell Ordine nella cui circoscrizione il richiedente risiede da almeno due anni. Andrea Maria Candidi, Giovanni Parente,Il Sole 24 Ore pag. 5 Se il negozio giuridico diventa una libreria specializzata Se la prova scritta è il vero filtro per consentire ala matricola di indossare la toga di avvocato in tribunale, ci si aspetta che all orale il candidato porti un bagaglio di conoscenze di tutto rispetto. E in parte ciò è dimostrato dal tasso di promossi tra quelli che hanno superato l esame scritto (in media l 80%, con punte fino al 100%). Tra il dire e il fare ci sono però di mezzo figuracce inenarrabili davanti a commissari sbigottiti. Un esempio? Il negozio giuridico. Di fronte alla richiesta di spiegazione circa il significato della locuzione, il giovane candidato, con estrema tranquillità, spiega che si tratta della più vicina libreria specializzata in tomi giuridici. Per non parlare della cambiale che smaterializza come un ostacolo insormontabile rischiando la scena muta, anche se da un laureato in legge un vago ricordo è giusto pretenderlo. Nel giudizio degli elaborati l errore grammaticale assume un peso specifico rilevante. Basta commetterne uno, grossolano, per dover ritentare al giro successivo anche perché, a differenza di altre categorie, il candidato porta con sé i codici commentati, una ciambella di salvataggio di tutto rispetto. Non è, però, solo questione di proprietà di linguaggio giuridico. La preoccupazione più rande per i commissari, è che a una soluzione corretta di un problema non sempre corrisponda un argomentazione compiuta ed organica. E che lo svolgimento sia in qualche circostanza simile a un collage di pezzi raccatati qui e lì dai codici. Ovviamente non si può generalizzare. L esperienza insegna che ci sono praticanti con una preparazione di tutto rispetto. Così come ci sono candidati in procinto di acquisire un doppio passaporto e che di lì a poco si accingono ad affrontare altre prove, come, ad esempio, quella per l accesso in magistratura. Tanto nella vita gli esami non finiscono mai.

6 Giovanni Negri, Il Sole 24 Ore pag. 5 L intervista Meglio puntare su numero chiuso e preselezione Cambiare l esame è ormai una necessità. Parola di Guido Alpa, 60 anni, presidente del Consiglio nazionale forense. Che svela un particolare significativo: Quando iniziammo il confronto con il ministero della Giustizia per arrivare a una ridefinizione condivisa delle regole, pensammo anche di tornare a una disciplina che è stata in vigore fino al 1941 quando venne sospesa per ragioni belliche: il numero chiuso. E perché venne abbandonato? Al ministero prevalse il timore di andare incontro a censure severe da pare della Commissione europea che avrebbe potuto contestare la limitazione della concorrenza. Si trattava di introdurre, o meglio reintrodurre, un sistema che contingentava il numero dei legali con l introduzione di parametri collegati alla popolazione, al numero di chi effettivamente svolge la professione, ai deceduti o comunque cancellati dall Albo. Un sistema che però non suona inedito per l Europa. Non direi proprio. Tanto è vero che in Inghilterra i barrister sono in numero assai limitato e la Commissione non ha mai contestato nulla. E vero che c è stata un apertura ai solicitor, in precedenza confinati al settore, per esempio, della consulenza, del patrocinio in giudizio, ma sono ancora i barrister di fatto ad andare davanti all autorità giudiziaria. Una cosa però è certa: la riforma Castelli, aprovata per ridurre le disparità di trattamento da una sede all altra, ha mancato l obiettivo. I dati dello stesso Cnf testimoniano di differenze comunque marcate. Perché? Il progetto approvato solo pochi anni fa aveva il merito di affrontare una situazione che ormai era difficilmente sostenibile. In molti ricordano il caso Catanzaro di cui si è occupata anche la magistratura. Di fatto però aver scelto di far viaggiare i compiti da una sede d esame all altra, attraverso il meccanismo degli abbinamenti, non ha dato i risultati sperati. Un certo margine di scostamento è naturalmente comprensibile. Qui però si tratta di disparità che sono difficilmente giustificabili. Da dove è possibile ripartire e quali soluzioni avere individuato? Da tempo avevamo in corso una trattativa con il ministero. Un trattativa che già aveva dato alcuni frutti individuando alcuni punti sui quali era possibile intervenire. Credo che con il prossimo governo dovremo per forza ripartire da lì. In concreto, per quanto riguarda gli scritti, il progetto che si stava delineando prevedeva la cancellazione del sistema attuale con le correzioni incrociate, a favore dell istituzione di alcune maxicommissioni articolate su base locale e per area geografica. Una per il Nord Est, per esempio; una per il nord Ovest; una per il Centro e altre per Meridione e Isole. Impossibile pensare a una sola commissione nazionale che avrebbe cancellato alla radice le differenze? Non è impossibile. Ci sono maxiconcorsi che prevedono appunto un solo soggetto chiamato alla valutazione. Direi piuttosto impraticabile: da parte del mistero è stato fatto notare che il costo sarebbe stato troppo elevato. E spuntata anche la proposta di introdurre una forma di selezione anticipata. Sì. Penso che una prova preselettiva sarebbe opportuna, Permetterebbe d dimezzare il numero di candidati e le commissioni potrebbero valutare con più attenzione gli elaborati di chi poi sarebbe ammesso alle prove scritte. Prove scritte per le quali dovrebbe essere eliminata la possibilità di portare un Codice commentato: in questo modo il candidato conosce in gran parte la soluzione da dare ai temi e soprattutto vengono svolte prove fotocopia. Sulle materie penso che sia poi opportuno l introduzione del diritto comunitario, magari al posto di quello ecclesiastico.

7 Non c è però anche un problema di formazione? E l esame di abilitazione non potrebbe diventare una selezione di secondo grado come quella introdotta dal nuovo ordinamento giudiziario? Non lo so. Di sicuro si potrebbe limitare l accesso alla facoltà di giurisprudenza solo a chi poi intende effettivamente svolgere la professione forense o quella di magistrato o notaio. I classici operatori di giustizia insomma. Come pure si potrebbe pensare di fare accedere all esame solo chi ha partecipato a una scuola di formazione, ma su questo punto ci incagliammo già con la commissione Siliquini.

8 Professioni Esame di Stato Francesca Barbiero, Il Sole 24 Ore pag. 4 L accesso all Albo spacca in due i professionisti Gli esami di abilitazione sono una pura formalità per medici e veterinari ma non per tante altre categorie. Nella sessione 2006, mese di novembre, per gli esami di Stato per architetti, su candidati solo 179 hanno superato la prova. La percentuale dei bocciati superò il 90%. Ed è il caso non solo degli architetti. I dottori commercialisti hanno meno di una possibilità su due di passare l esame di Stato e la percentuale con gli anni è in diminuzione. Tra gli atenei dove il tasso di bocciatura è più elevato, Arcacavata in Calabria, Lecce e L Aquila. A Milano, è più facile passare l esame in Bicocca che in Bocconi e, soprattutto, in Cattolica dove nel 2006 su 99 candidati soltanto 33 sono stati promossi. Ma come funzionano gli esami di Stato? Per quanto riguarda avvocati e notai la gestione è a carico del ministero della Giustizia, mentre per i consulenti del lavoro è il dicastero del Lavoro. Per tutte le professioni per le quali non è prevista la laurea (periti agrari, periti industriali, geometri) l operatività è del ministero dell istruzione. L unica professione che ha mano libera sull accesso al proprio albo sono i giornalisti per i quali è il Consiglio dell ordine a fissare le modalità. Per tutte le altre professioni per le quali è prevista una laurea (triennale o quadriennale che sia) è il ministero dell Università a bandire due volte l anno i concorsi per gli esami. La prossima data è fissata per giovedì 26 giugno, quando, tutte le categorie, dai biologi ai farmacisti, in possesso di laurea quinquennale, affronteranno la prova e una settimana dopo, il 3 luglio, sarà la volta dei candidati in possesso di laurea triennale. Sono poi gli ordini locali a inviare le terne dei commissari per tutte le categorie previste, mentre i presidenti delle commissioni di norma sono docenti universitari. Nelle commissioni, oltre ai cattedratici e liberi professionisti, sono previste altre qualifiche affini alla materia d esame come per esempio, consulenti tecnici per gli ingegneri, dirigenti degli uffici tributari per i dottori commercialisti, dipendenti delle Asl per biologi. Tutte le figure vengono designante dall ordine mentre per quelle di penitenza del ministero dell Università la designazione avviene a sorte. I laureati possono iscriversi in qualsiasi parte d Italia lo desiderino, non c è dunque vincolo con la continuità né sull ateneo dove si è preso il titolo accademico né sul luogo del tirocinio. Discorso a parte per i medici che non sono chiamati al duplice appuntamento del 26 giugno e del 3 luglio. I laureati in medicina di fatto sono sottoposti a due prove. La prima è un tirocinio di tre mesi di cui uno presso cliniche universitarie e ospedali, un mese di chirurgia e un mese di presidio medico di base. Chi supera la prima prova, deve affrontare un quiz a carattere nazionale in data unica. Queste a grandi linee le regole. Ma allora come mai per alcune professioni l esame di ammissione all albo è più selettivo e faticoso di quanto sia stato il percorso di laurea? Può accadere che il gap tra preparazione accademica e pratica sia enorme e all esame vengano richieste competenze che sono fuori dal curriculum universitario. Quindi si può ipotizzare che i candidati arrivino poco preparati. Negli altri casi il dubbio è che chi è dentro non abbia proprio alcuna voglia di fare spazio a chi è fuori.

9 Mauro Mazza, Il Sole 24 Ore pag. 4 L Analisi L eterno dilemma della concorrenza Inevitabilmente, anche il Parlamento che si sta formando con i voti di queste ore finirà per mettere in agenda, la riforma delle professioni- E, grosso modo, tornerà sui nodi di sempre: tariffe, formazione permanente, categorie sanz Albo e altrettanto inevitabilmente l accesso. Sarà il solito rituale di audizioni, con la rassegna di posizioni note e inconciliabilità conclamate? Speriamo di no, temiamo di si. I dati che presentiamo in queste pagine, a proposito degli esami di Stato confermano quanto il Sole 24 Ore segnala da decenni sulle crepe de sistema. Ci sono categorie con accesso in volata post laurea (che in diversi casi metteranno poi la tessera in un cassetto, come dimostrano le contribuzioni alle Casse) e ci sono quelli che si sottopongono ad esami capestro, con valori tali da ingegnare il sospetto di un numero programmato dall alto ma non dichiarato. Poco di nuovo vien da dire. Già nel 2007, chiudendo l indagine conoscitiva sugli Ordini professionali, l Antitrust consigliò più imparzialità nella composizione delle commissioni esaminatrici. L Autorità avvertiva che nella formazione della Commissione il carattere esclusivamente tecnico del giudizio doveva essere salvaguardato da ogni rischio di deviazione verso interessi di parte o comunque diversi da quelli propri dell esame. In tal senso non può essere riservato agli Ordini un ruolo determinante nella fase di accertamento del possesso dei requisiti del candidato. Sono passati quasi undici anni dall indagine, le professioni sono cambiate (molto, in alcuni casi, con impegni veri sulla formazione permanente, fusioni storiche di albi confinati, debutti di titoli di studio non previsti nel secolo scorso), ma i timori per gli accessi troppo governati sono rimasti intatti. La dicotomia tra un vaglio all origine alla qualità e una selezione lasciata successivamente al mercato è rimasta malinconicamente identica. Eppure su alcuni esami (come quello degli avvocati) sono intervenuti gli stessi ministeri della Giustizia, per garantire modalità più trasparenti. Eppure i giudici amministrativi hanno dovuto sciogliere in numeri conflitti di retroguardia tra non ammessi e commissioni. Eppure le normative e le decisioni europee finiscono per avere sempre più peso e rilevanza rispetto alle abitudini nazionali. Verrebbe da condividere l appello di Guido Alpa, presidente degli avvocati: chiudiamo il numero. E selezioniamo ancora di più. Ovvero, abbattiamo la finzione di una valutazione lasciata a mezzo tra ragioni della professione e ragioni della concorrenza. Tanto la concorrenza arriva sempre: più il mondo si fa piccolo, più categorie che potevano sentirsi invulnerabili vengono incalzate da colleghi stranieri. Sarebbe il Parlamento a dover dire da quale parte preferisce stare, con il numero chiuso o l offerta puntata sulla qualità o con un più aggressivo crescete e moltiplicatevi, anche oltre frontiera. Ma il dilemma, da decenni, resta lì.

10 Maurizio Tozzi, Italia Oggi pag. 10 Nuovi indicatori, effetto sorpresa Studi di settore Nuovi indicatori, da valutare l'impatto probatorio. Possibile l'evidenziazione di fattori di marginalità o di cattivo funzionamento dell'indicatore. Sotto osservazione le conseguenze del posizionamento spontaneo nell'intervallo di confidenza ai fini accertativi e per il test delle società di comodo. In attesa di apprezzare appieno i nuovi indicatori di normalità economica che fanno il loro esordio negli studi evoluti, può iniziarsi a fare qualche considerazione sulla portata probatoria degli stessi. I nuovi indicatori, sono stati individuati nella generalità dei casi (salvo poi specifiche precisazioni) in tre indicatori per i titolari di reddito d'impresa, vale a dire «l'incidenza dei costi di disponibilità dei beni strumentali mobili rispetto al valore storico degli stessi», «la durata delle scorte» e «l'incidenza dei costi residuali di gestione sui ricavi», e nell'indicatore «rendimento orario» per i titolari di reddito professionale. Soprattutto i primi due indicatori citati (costi dei BS e durata delle scorte), sono molto simili agli indicatori creati lo scorso anno e peraltro ancora esistenti negli studi non evoluti. In riferimento ai «vecchi» indicatori, ben note sono state le vicende interpretative e legislative che hanno condotto ad un progressivo «sgonfiamento» della loro portata probatoria, fino a culminare nella interpretazione fornita dalla Finanziaria del 2008 (comma 252) e nelle conseguenti precisazioni della circolare numero 5 del 2008 secondo cui, in estrema sintesi, eventuali accertamenti fondati solo sugli scostamenti valutati dagli indicatori devono essere sempre supportati da ulteriori elementi di prova. Lo studio di settore, nato sulla base di una concertazione con le rappresentanze di categoria, è sottoposto al continuo monitoraggio degli osservatori provinciali, nonché alla supervisione della commissione degli esperti. Ma è la fase di concertazione a rappresentare il cuore e l'essenza degli studi di settore, come nel passato è stato peraltro sempre ribadito dall'agenzia delle entrate, secondo cui la «persuasività» delle motivazioni degli atti di accertamento basati sugli studi di settore è determinata proprio dal giudizio «positivo» espresso dalle organizzazioni di categoria e professionali. Ora la storia si ripete. I nuovi indicatori, come emerge anche dalle relazioni delle riunioni degli esperti consultabili sul sito della Sose e soprattutto da alcuni pareri delle categorie interessate, sono il frutto delle elaborazioni statistiche da parte dell'amministrazione finanziaria, con una serie di variabili e di coefficienti assolutamente non originate dal confronto con le medesime categorie, né tantomeno oggetto di giudizio «positivo». Sarà pur vero che i nuovi indicatori sono ulteriormente «tarati» in funzione della nuova territorialità e dei diversi cluster di appartenenza, ma è altrettanto vero che sono sconosciuti, in quanto non frutto di concertazione, i metodi e le valutazioni utilizzate per giungere a definire i valori «soglia» di ogni indicatore (in rapporto all'area e al cluster), nonché i coefficienti utilizzati in alcuni casi per la determinazione dei maggiori ricavi da attribuire in presenza di «incoerenza» dell'indicatore. Peraltro, il meccanismo sembra essere lo stesso dei «vecchi» indicatori, essendo fondato sulle seguenti fasi: 1individuazione degli indicatori di normalità economica; 2.determinazione dei valori dei predetti indicatori ritenuti normali nel settore/area/cluster di appartenenza del contribuente; 3.calcolo degli indicatori risultanti dalla dichiarazione del contribuente; 4.confronto tra indicatori dichiarati e quelli normali del settore/area/cluster; 5.conversione in maggiori ricavi/compensi del differenziale tra il dato dichiarato e quello ritenuto normale; tant'è che soprattutto in riferimento agli indicatori riferiti ai costi dei beni strumentali e alla durata delle scorte possono sin da ora richiamarsi le precisazioni di prassi dello scorso anno. In sostanza, la legittima perplessità è che

11 come nel recente passato, una volta applicati gli studi di settore e scoperto, magari, il «rilevante» peso in termini di adeguamento dei nuovi indicatori, vi sia nuovamente «una levata di scudi», con relativo rincorrersi di chiarimenti e provvedimenti finalizzati a contenerne l'impatto (e forse un «transito» per un tavolo di concertazione ampio sarebbe stato sicuramente preferibile).

12 Italia Oggi pag. 10 L'intervallo di confidenza Un problema particolare in sede di adeguamento si pone in riferimento al cosiddetto «intervallo di confidenza». La circolare n. 5 del 2008 contiene una importante presa di posizione in riferimento al posizionamento spontaneo del contribuente all'interno del cosiddetto intervallo di confidenza. Deve anzitutto evidenziarsi che lo studio di settore, come peraltro sottolineato nella circolare n. 110/E del 1999, rappresenta una stima dell'ammontare dei ricavi o compensi conseguiti ritenuta rappresentativa al 99,99% per i valori contenuti in detto intervallo, racchiuso in un valore minimo e uno massimo, rispetto al quale in sede di adeguamento il software gerico ha sempre segnalato: il valore minimo come adeguamento minimo ammissibile; il valore medio (ossia compreso tra il minimo e il massimo dell'intervallo), come valore puntuale di riferimento, cui solitamente si è riferito l'adeguamento per raggiungere la congruità. L'equivoco principale ha sempre riguardato i soggetti già naturalmente collocati all'interno dell'intervallo di confidenza, che pertanto avevano registrato ricavi o compensi ritenuti al 99,99% attendibili rispetto alla stima dello studio di settore e la cui principale domanda riguardava la necessità o meno di un adeguamento al valore puntuale di riferimento. La circolare n. 5 del 2008 in estrema sintesi afferma che: continuano ad avere validità le circolari n. 110/E del 21 maggio 1999 e n. 148/E del 5 luglio 1999, secondo cui tale adeguamento origina comunque un ricavo o compenso «possibile», ferma restando la facoltà dell'ufficio di chiedere al contribuente di giustificare per quali motivi avesse ritenuto di adeguarsi a un livello di ricavi o compenso inferiore a quello di riferimento puntuale; tenuto conto delle probabilità di attendibilità del risultato, i contribuenti devono «considerarsi generalmente in linea con le risultanze degli studi di settore, in quanto si ritiene che i valori rientranti all'interno del predetto intervallo hanno un'elevata probabilità statistica di costituire il ricavo/compenso fondatamente attribuibile ad un soggetto esercente un'attività avente le caratteristiche previste dallo studio di settore». Dal che discende, chiude l'agenzia delle entrate, che l'attività di accertamento sulla base degli studi di settore deve essere prioritariamente rivolta nei confronti di quei contribuenti non congrui che, «sulla base delle risultanze della contabilità», hanno dichiarato un ammontare di ricavi o compensi inferiori al ricavo o compenso minimo di riferimento. Orbene, se questa è la tesi dell'amministrazione finanziaria, è opportuno riflettere sulle conseguenze dell'adeguamento a seconda che si tratti di studi evoluti o meno. L'agenzia afferma che il posizionamento all'interno dell'intervallo consente di considerare il contribuente «generalmente in linea», ma non congruo a tutti gli effetti. Dal che discende, in prima battuta, che: per gli studi evoluti, essere spontaneamente nell'intervallo di confidenza permette di evitare, in linea di massima, accertamenti; per gli studi non evoluti, bisogna considerare qual è il valore d'adeguamento. Infatti, nei casi in cui è maggiore il valore minimo ammissibile rispetto alla sola analisi della congruità, necessariamente il posizionarsi all'interno dell'intervallo di confidenza attribuisce la «congruità» agli studi di settore. Se invece è maggiore il risultato della sola analisi di congruità, per l'adeguamento il soggetto deve raggiungere tale valore. In sostanza, se la congruità attribuisce un valore di 18 e il minimo ammissibile sulla base dei vecchi indicatori è pari a 12, per adeguarsi il contribuente deve raggiungere 18. Si ritiene, però, che se vi è un posizionamento spontaneo ad un valore compreso tra 12 e 18, essendo all'interno dell'intervallo di confidenza, il contribuente è «in linea» con gli studi di settore e ottiene i vantaggi previsti dalla circolare n. 5 del Il punto, però, è che il soggetto in entrambi i casi suesposti non è formalmente congruo. Questo aspetto deve essere valutato su due fronti:

13 il primo riguarda il test di operatività per le società di comodo. Infatti, è prevista una nuova causa di esclusione che riguarda le società congrue e coerenti, ma il valore di congruità è quello richiesto dal software (ossia il puntuale di riferimento per gli studi evoluti e il maggior valore tra minimo ammissibile e «sola» congruità per i non evoluti). Essere all'interno dell'intervallo di confidenza, seppur consente di evitare l'accertamento, obbliga l'effettuazione il test di operatività; il secondo riguarda l'inibizione dagli accertamenti prevista dall'art. 10, comma 4-bis, della legge n. 146 del 1998, ai sensi del quale, nei confronti dei soggetti adeguati agli studi di settore considerando anche gli indicatori di normalità economica, non possono trovare applicazione gli accertamenti di tipo induttivo, salvo che l'accertamento non superi il 40% dei ricavi o compensi dichiarati e comunque 50 mila euro. Anche in tal caso, l'intervallo di confidenza non consente di avvalersi della disposizione. Pertanto, coloro che intendono ottenere i predetti vantaggi faranno bene a valutare l'eventuale adeguamento, probabilmente di importo contenuto, pur se ai sensi della circolare n. 5 del 2008 potrebbero dormire sonni tranquilli essendo spontaneamente collocati all'interno dell'intervallo di confidenza.

14 Italia Oggi pag. 11 Scelta favorevole per ogni indicatore I nuovi indicatori ricalcano sostanzialmente i vecchi, differenziandosi per essere «tarati» in misura diversa in rapporto alle realtà territoriali e ai singoli cluster. Da questo presupposto, è fondamentale dunque rivedere i chiarimenti contenuti nelle circolari nn. 31, 38 e 41 dello scorso anno per poter cogliere alcuni interessanti aspetti sul piano dell'utilizzo ai fini accertativi. Anzitutto va rammentato che essendo gli studi evoluti frutto di revisioni e rappresentando un aggiornamento e affinamento in grado di cogliere più puntualmente tutte le situazioni particolari per le quali si sono determinati risultati non aderenti alle effettive condizioni di esercizio dell'attività, in sede di futuro contraddittorio con i soggetti che sono risultati non congrui agli studi relativi all'anno 2006 gli uffici finanziari sono tenuti (circ. 38 del 2007, punto 2.2) a considerare non soltanto gli elementi specifici giustificatori che i contribuenti saranno in grado di dimostrare, ma anche i risultati derivanti dalla applicazione degli studi revisionati e, ove più favorevoli al contribuente, utilizzarli in luogo di quelli del Ciò per esempio può accadere per l'indicatore di incidenza dei costi dei beni strumentali mobili o per la durata delle scorte: se i relativi indicatori degli studi evoluti dovessero condurre a un valore di adeguamento in termini di maggiori ricavi (pari a 20 mila euro) inferiore a quello derivante dallo studio 2006 (pari per esempio a 35 mila euro), sarà il valore di 20 mila euro a dover essere preso in considerazione. In merito, si ritiene che: la scelta dei valori più favorevoli deve essere effettuata per ogni singolo indicatore, prescindendo dal valore complessivo di adeguamento; il ricalcolo degli indicatori, sulla base delle giustificazioni del contribuente, deve essere fatto anche in riferimento agli studi revisionati. Pertanto se i nuovi indicatori sono di base più favorevoli, verranno applicati e poi ulteriormente rettificati sulla base di quanto osservato dal contribuenti; anche se si usano gli indicatori evoluti per il 2006, resta ferma la valenza di presunzione semplice. Deve farsi, peraltro, un'osservazione in ordine all'indicatore riferito alla produttività per addetto: già nelle interpretazioni dello scorso anno era stata evidenziata qualche perplessità di funzionamento, tant'è che tale indicatore non è stato riproposto nel Da ciò deriva che se il mancato adeguamento per il 2006 è strettamente connesso all'incidenza della produttività per addetto potrà aversi un'arma in più in sede difensiva, proprio sostenendo la tesi che stesso l'amministrazione finanziaria ha preferito accantonare l'utilizzo dell'indicatore. Gli studi evoluti, inoltre, potrebbero essere utilizzati per gli accertamenti riguardanti periodi d'imposta precedenti al 2006, così come per gli studi divenuti definitivi a decorrere dall'anno 2007 rispetto ad anni precedenti al 2006 sottoposti a periodo di sperimentalità o monitoraggio. In tali casi, oltre a essere opportuno, in sede di contraddittorio, l'utilizzo delle risultanze dello studio evoluto, ai fini dell'accertamento, ricorrendo allo studio definitivo, bisognerà porre attenzione solo al risultato derivante dalla «congruità» dello studio evoluto o definitivo, senza considerare l'impatto degli indicatori. In pratica: per gli studi evoluti, in sede di contraddittorio eventuali scostamenti dalla congruità registrati nel passato potranno essere giustificati sulla base del minor valore di congruità del nuovo studio, al netto degli eventuali maggiori ricavi richiesti dai nuovi indicatori di coerenza economica; per gli studi definitivi, gli stessi potranno essere utilizzati ai fini dell'accertamento nei confronti dei soggetti non congrui agli studi sperimentali o monitorati, sempre al netto dell'importo di adeguamento richiesto dai nuovi indicatori. Per quanto concerne, invece, l'ammontare di adeguamento, già si è avuto modo di dire che gli studi evoluti risentono a pieno dei nuovi indicatori. Ciò implica, stante le precisazioni della citata circolare n. 5 del 2008, che non avremo più due differenti «livelli» di presunzioni semplici, ma l'intero risultato potrà essere utilizzato in egual modo ai fini dell'accertamento. Più in particolare, pur essendo esclusi utilizzi indiscriminati,

15 nell'eventuale accertamento l'onere di fornire ulteriore materiale probatorio non è predefinito, ma dipende dall'apporto di elementi particolari da parte del contribuente in sede di contraddittorio. In sostanza, se in sede di contraddittorio dovessero emergere elementi tali da inficiare la validità dei risultati dello studio di settore, allora sarà compito dell'agenzia delle entrate ricercare ulteriore materiale probatorio. Se, viceversa, il contribuente non sarà in grado di produrre valide scusanti agli scostamenti registrati, pur se riferiti ai nuovi indicatori, l'agenzia delle entrate procederà ad accertamento senza ricercare ulteriori elementi. Infine, una riflessione in merito al versamento della maggiorazione del 3% in sede di adeguamento in dichiarazione, che scatta nell'ipotesi in cui l'applicazione degli studi di settore conduce ad un valore puntuale di riferimento superiore del 10% dei ricavi o compensi contabilizzati. Se è confermato l'assunto della circolare n. 31 del 2007, l'introduzione di nuovi indicatori di normalità economica per gli studi evoluti dovrebbe assimilarsi a una «revisione» degli studi medesimi, poiché comporta un nuovo meccanismo di stima dei ricavi o compensi presunti rispetto a quello in precedenza previsto. Dal che dovrebbe discendere una diversità di funzionamento della maggiorazione del 3% a seconda dell'adeguamento richiesto da Gerico in quanto dovrebbe: non applicarsi nel caso di adeguamento dovuto ai nuovi indicatori; applicarsi comunque con riguardo ai soggetti nei cui confronti non vengono determinati maggiori ricavi o compensi per effetto degli indicatori di normalità economica, ovviamente a condizione che l'ammontare dei ricavi o compensi stimati da Gerico per la congruità risulti superiore al 10% dei ricavi o compensi annotati nelle scritture contabili.

16 Fisco Cristina Bartelli, Sergio Mazzei, Italia Oggi(12/04/08) pag. 33 Controlli fiscali puntati sulle pmi Lotta all'evasione, osservati speciali i professionisti e le piccole imprese. Il piano di controlli per il triennio , definito in attuazione dell'art. 1, comma 345, della legge n. 244 del 2007, prevede l'esecuzione, nell'anno 2008, di almeno accertamenti. Di questi almeno 95 mila dovranno essere di iniziativa degli uffici nei confronti dei soggetti esercenti attività d'impresa nonché arti e professioni. Il trend sarà di continua crescita nel corso del triennio. Gli accertamenti d'iniziativa degli uffici locali passeranno, infatti, dai 77 mila effettuati nel 2007 ai 150 mila nel 2010, con un incremento annuo compreso tra il 25 e il 26,5%, portando a regime la loro incidenza sul totale degli accertamenti dal 22% del 2007 al 30% nel Per contro, sarà leggermente più contenuto l'impegno per il controllo formale, mentre sarà mantenuta costante l'attività relativa agli accessi brevi. Grande attenzione, dal punto di vista dell'assistenza, alla nuova categoria dei contribuenti minimi che si stima saranno in 700 mila. Sono questi i punti cruciali della convenzione stipulata tra Agenzia delle entrate e Ministero dell'economia e delle finanze per il triennio La rimodulazione del piano: Il piano dei controlli per il prossimo triennio si sviluppa su due linee d'azione: aumento delle attività e dei funzionari addetti. Evidentemente i due principi sono strettamente correlati dato che sul piano fattuale verranno preferite le verifiche sul territorio ad ogni altro mezzo istruttorio e che contemporaneamente rimarranno invariati il numero dei controlli formali e automatizzati svolti presso gli uffici. Al risultato si dovrebbe arrivare attraverso una importante campagna di assunzioni di laureati con un'età inferiore ai 32 anni, che tra l'altro è in avanzata fase di esecuzione. Tutto prende le mosse dal comma 345 dell'art. 1 alla Finanziaria 2008 che ha riconosciuto all'amministrazione finanziaria una rilevante capacità di spesa, 27,8 milioni di euro per l'anno 2008, di 60,8 milioni di euro per l'anno 2009 e di 110,1 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2010, per assunzioni di personale, anche di qualifica dirigenziale Analisi e ricerca: Tra le attività di prevenzione e contrasto alle frodi Iva, viene confermata anche per il 2008 l'attività di intelligence diretta ad individuare quei soggetti che da una parte richiedono una nuova partita Iva e dall'altra presentano elevati indici di pericolosità fiscale. Per l'individuazione, tra le partite Iva di nuova attivazione, delle posizioni dei soggetti che presentano anomalie ed indizi tali da ritenere utile un accesso presso la sede dell'attività, viene utilizzata un'applicazione informatica di analisi del rischio. Con riferimento al settore auto rappresenteranno oggetto di controlli gli eventuali mutamenti nei comportamenti fraudolenti, conseguenti all'entrata in vigore delle modalità di versamento dell'iva attraverso delega di pagamento F24 con tanto di targa del veicolo. Soggetti di rilevante interesse fiscale. Nella casistica dei soggetti interessati non rientrano come negli anni passati solo le entità economiche con un cospicuo volume di affari, ricavi o compensi, ma anche più genericamente tutti i soggetti di particolare interesse fiscale quali capogruppo, banche, assicurazioni ecc. Nell'attività in questione rientrano, inoltre, i controlli svolti nei confronti di soggetti aderenti all'istituto del consolidato nazionale. In particolare, in attesa degli obiettivi che saranno fissati nella convenzione, la programmazione considererà un numero minimo di soggetti da controllare pari a 1.226, di cui almeno 496 con verifica. Quanto ai controlli sui soggetti che hanno optato per il cosiddetto consolidato nazionale si prevede un numero di interventi non inferiore a 912.

17 I servizi al contribuente: Nell'immediato non si può ignorare l'impatto che deriverà dall'introduzione del sistema dei «contribuenti minimi» (contribuenti potenzialmente interessati 700 mila), dalle difficoltà di compilazione del modello Unico 2008 (a causa delle numerose novità introdotte dai provvedimenti legislativi), nonché dalle criticità derivanti dalla richiesta degli istituti previdenziali di compilazione del modello attestante le detrazioni d'imposta spettante ai propri iscritti. Tali circostanze lasciano ragionevolmente presumere che il numero dei contribuenti che accederanno agli uffici sarà nel corso del 2008 leggermente in aumento nonostante le misure adottate in linea generale. Benito Fuoco, Italia Oggi (12/04/08) pag. 39 I contributi a percentuale non sono oneri deducibili Il contributo integrativo a percentuale che il professionista applica sul totale dei compensi e versa alla cassa di previdenza non è un onere deducibile; l'ufficio tuttavia per recuperare il maggior tributo deve notificare un avviso di accertamento adeguatamente motivato e non può liquidare l'imposta a norma dell'articolo 36 bis del dpr 600/73. Sono le motivazioni che si ricavano dall'esame congiunto di due sentenze: la prima, la n. 5/4/08 depositata in segreteria il 13 marzo scorso dalla sezione quarta della Commissione tributaria regionale del Lazio riguarda l'indetraibilità del contributo a percentuale; l'altro principio, che tuttavia impone la necessità all'ufficio di notificare un accertamento motivato, è stato espresso nella sentenza n /2007 dalla sezione tributaria della Cassazione. I giudici regionali capitolini, riformando completamente la decisione dei colleghi della Commissione provinciale di Roma, hanno definitivamente stabilito che la cartella di pagamento notificata per recuperare i contributi a percentuale del 2% (oggi 4%) versati da un avvocato alla cassa di previdenza, è legittima; questo perché i contributi a percentuale versati dal professionista non sono ricomprendibili tra gli oneri deducibili indicati nell'articolo 10 del decreto del presidente della repubblica 917/86. «Per maggior chiarezza», osservano i giudici capitolini, «si deve evidenziare la differenza esistente tra il contributo soggettivo e quello integrativo, laddove il primo è calcolato in misura percentuale sul reddito netto professionale dichiarato ai fini Irpef, mentre il secondo è costituito dalla misura del 2% (oggi 4%), da applicare su tutti i corrispettivi rientranti nel volume d'affari Iva dichiarato». Proprio questa differenza tra reddito netto e volume d'affari ai fini Iva da cui scaturisce la base di calcolo tra i due contributi, ne determina la diversità; infatti, prosegue il collegio, l'articolo 10 del decreto del presidente della repubblica 917/86 cita espressamente «che gli oneri deducibili possono essere sottratti al reddito complessivo rilevante ai fini Irpef prima del calcolo dell'imposta», mentre la maggiorazione del 2% e/o del 4% viene riferita al volume d'affari Iva, che non è altro che una maggiorazione percentuale calcolata sui compensi professionali e che non è assimilabile ad un contributo soggettivo previdenziale previsto tra gli oneri da dedurre ex articolo 10. Nel caso specifico, conclude la commissione, l'indeducibilità del contributo integrativo deriva dal combinato disposto dell'articolo 10 del decreto del presidente della repubblica 917/86 con l'articolo 11 della legge 576/80 istitutiva del contributo integrativo. Trattando un caso analogo a quello esaminato dai giudici regionali, La Cassazione nella sentenza n /2007 ha stabilito che quando la rettifica della dichiarazione e la conseguente pretesa impositiva sono fondati sull'interpretazione della norma, nel caso specifico dell'articolo 10 del decreto del presidente della repubblica n. 917/86 (oneri deducibili dal reddito) e dell'articolo 11 della legge n. 576/80 (istitutiva del contributo integrativo) è necessario che l'amministrazione finanziaria provveda a eseguire un accertamento compiutamente motivato.

18 Lionello Mancini, Il Sole 24 Ore pag. 7 Giustizia Nei tribunali la scommessa dell efficienza La pattuglia di testa, formata dalle Procure dell Aquila e di Pescara, è gia partita: la prima verifica per metà settembre. E in quel periodo, almeno altri 18 uffici giudiziari sparsi in 15 Regioni avranno ottenuto dai Fondi europei il denaro per attuare i piani di miglioramento già pronti e promossi dagli esperti di Via Arenula. E se le Regioni decideranno di destinare ulteriori fondi europei ( di cui dispongono fino al 2013), altri 18 uffici in Italia potranno mettersi in moto per trasformarsi in Procure e Tribunali dotati di un organizzazione del lavoro rifatta con criteri di efficienza, di un bilancio sociale, una carta dei servizi, un sito web chiaro e facilmente fruibile. Le dimensioni del meccanismo avviato da un ostinata pattuglia di manager pubblici è presto detto: soltanto i primi 20 progetti richiederanno l impegno di circa 1400 magistrati e 5mila amministrativi, dislocati in Uffici giudiziari il cui bacino complessivo d utenza è formato da oltre 15 milioni di cittadini. Il progetto messo in moto da Via Arenula Fondo sociale europeo. Diffusione di best practies presso gli Uffici giudiziari italiani ha portato a uno sforzo premiato dal numero di progetti elaborati dagli Uffici, dalla convalida dell impianto in sede europea e dall impegno formale assunto da 16 Regioni a indire appalti necessari. Di soldi in ballo non ce ne sono molti. La Regione Abruzzo, la prima a muoversi, con il suo Progetto Procure ha destinato 218mila euro per Pescara e 170 mila per l Aquila: 388mila euro in tutto prelevati dai fondi europei. A Bolzano, nel 2004, il Procuratore Tarfusser ottenne dal Fondo sociale europeo (fse) circa 20mila euro per rendere più efficiente il proprio ufficio e, dopo tre anni, all evidenza dei risultati raggiunti ( efficienza, riduzione delle spese, bilancio sociale etc), il ministero della Giustizia ha cominciato ad accarezzare l idea di replicare l esperienza di Bolzano. Martedì 22 aprile ultima riunione con gli estensori dei progetti e il 30 aprile si andrà alla firma delle convenzioni ministero-regioni. Dopodichè, partiranno i bandi per costruire una Giustizia di qualità.

19 Italia Oggi(12/4/2008) pag. 33 GIURISPRUDENZA Corte Costituzionale Professioni emergenti disciplinate con legge statale La regione non ha voce in capitolo sulle professioni emergenti né in campo bio-naturale né in nessun'altro: infatti solo una legge dello Stato può tracciare il percorso formativo e le regole del titolo abilitante. Lo ha stabilito la Corte costituzionale che, con la sentenza n. 93 di ieri ha bocciato alcune norme della legge Piemonte n. 32 del 2006 che avevano individuato le discipline bio-naturali del benessere nelle pratiche naturali e tecniche naturali, non sanitarie, e avevano definito il percorso formativo degli addetti ai lavori. La decisione della Consulta si incardina perfettamente in un filone già inaugurato che sottrae al potere legislativo regionale la facoltà di individuare nuove figure professionali, con i relativi titoli abilitanti. Insomma, per dirla con le parole dei giudici, non è nei poteri delle regioni dar vita a nuove figure professionali, non rilevando, a tal fine, che esse rientrino o meno nell'ambito sanitario. Cassazione Andrea Maria Candidi, Il Sole 24 Ore pag. 37 La confisca segue l acquisto Mentre si attende di conoscere le motivazioni sulla vicenda Impregilio, che ruotano attorno alla definizione di profitto del reato ai fini del sequestro preventivo, le Sezioni penali unite della Cassazione pubblicano la sentenza 10280/08 che si occupa di un caso analogo. Questa volta, in una fattispecie di concussione, i giudici optano per una interpretazione estensiva della nozioni di profitto, che comprende anche la trasformazone che il denaro illecitamente conseguito subisca per effetto del suo investimento, quando queste siano collegabili casualmente al reato stesso e al profitto immediato conseguito e siano attribuibili all autore del reato che quelle trasformazioni abbia voluto. Nel caso Impregilio una scarna informazione provvisoria aveva messo in live la questione della portata del sequestro nei confronti non di una persona fisica, ma di una società: il vantaggio economico di diretta e immediata derivazione casuale del reato, che va determinato tenendo conto dell utilità eventualmente conseguita in concreto dall imputato. Nel caso esaminato oggi, invece, le Sezioni unite hanno confermato il sequestro per equivalente di un immobile acquistato dall imputato con il frutto del reato di concussione.

20 Remo Bresciani, Il Sole 24 Ore pag. 36 Licenziabile dopo il rinvio a giudizio Basta la richiesta di rinvio a giudizio per legittimare il procedimento disciplinare e, quindi, il licenziamento del dipendente incolpato di gravi negligenze. Quando infatti, la vicenda è portata la vaglio del giudice penale il datore di lavoro si può attivare non appena l esito delle indagini preliminari effettuate dagli inquirenti gli faccia ritenere ragionevolmente sussistente l illecito disciplinare, senza attendere la conclusione del processo penale. Sono queste le conclusioni della Cassazione con la sentenza 7983/2008. Marilisa Bombi, Italia Oggi(12/04/08) pag. 36 Videopoker, c'è azzardo solo se si dimostra il lucro L'installazione in un pubblico esercizio di apparecchi da gioco che simulano il poker, anche se è vietata espressamente dal testo unico di pubblica sicurezza, non presuppone il reato di gioco d'azzardo. È quanto ha deciso la Cassazione penale, sezione terza, con la sentenza n del 5 marzo 2008, che ha annullato il provvedimento dell'11 maggio 2007 con il quale, invece, la Corte d'appello di Ancona aveva condannato il titolare di un bar e il distributore dei giochi, per i reati di cui agli articoli 718 e 719 del codice penale. Assolti in primo grado dal tribunale di Urbino per insussistenza dei fatti, la decisione sfavorevole era intervenuta a seguito dell' impugnazione del procuratore della repubblica del tribunale marchigiano che aveva chiesto venisse affermata la responsabilità penale degli imputati, perché a seguito di alcune modifiche introdotte nel 2002 al testo unico di pubblica sicurezza del 1931, l'articolo 110 del Tulps oggi prevede l'espresso divieto di installare apparecchi che riproducano il gioco del poker. Secondo il procuratore i videopoker erano da ritenersi sempre vietati in quanto assolutamente aleatori e il fine di lucro sarebbe insito nel sistema di gioco con essi attuabile. Non ha condiviso questa interpretazione la Cassazione penale che si è rifatta a una giurisprudenza consolidata la quale ritiene che il fine di lucro, elemento essenziale del reato previsto dagli articoli 718 e 719 del codice penale, «non può essere desunto solo dal fatto che i videogiochi in questione riproducessero il gioco del poker, in quanto esso deve essere valutato considerando anche l'entità della posta, la durata delle partite, la possibile ripetizione di queste e il tipo dei premi erogabili, in denaro o in natura». Nel caso in esame, secondo la Corte di cassazione, gli unici elementi accertati in sede di merito erano che le apparecchiature in sequestro riproducevano il gioco del poker, si attivavano con l'introduzione di monete da 50 centesimi e consentivano vincite, non in denaro, costituite dalla possibile ripetizione della partita fino a dieci volte e dal raddoppio della vincita. Questi elementi, si legge nella sentenza, «non sono sufficienti per ritenere provato il fine di lucro e, dunque, la decisione impugnata deve essere annullata con rinvio, nel capo relativo al reato di che trattasi». Spetta, quindi, ora alla Corte di appello di Perugia esaminare la questione nel merito ed emettere un nuovo giudizio.

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli