Metodologie non standard per la valutazione delle interazioni online

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodologie non standard per la valutazione delle interazioni online"

Transcript

1 Peer Reviewed Papers Metodologie non standard per la valutazione delle interazioni online Angela Spinelli, Andrea Volterrani Scuola Istruzione a Distanza università di Roma Tor Vergata - Keywords: evaluation, grounded theory, community, volunteering L articolo presenta la metodologia utilizzata per la ricerca Tra valore sociale aggiunto e coesione sociale (in collaborazione tra il Centro Servizi Volontariato Toscano - CESVOT - e la Scuola Istruzione a Distanza - IaD - dell Università di Roma Tor Vergata). Lo scopo è la valutazione qualitativa del valore sociale aggiunto, ma in questa sede si riporta solo la metodologia di ricerca utilizzata per l attività svolta con riguardo all uso della rete in relazione alla percezione delle sue potenzialità di apprendimento. La ricerca, ancora in corso, è condotta con metodologia non standard, approccio che consente di ampliare gli spazi di significato dei concetti e delle loro relazioni da analizzare attraverso la ricostruzione di mappe semantiche ex ante (l equipe), in itinere (con le persone oggetto di indagine) ed ex-post (l equipe). La costruzione e ri-costruzione delle mappe è un processo che accompagna lo sviluppo di tutta l attività di ricerca aiutando a definire e puntualizzare i frame concettuali individuati inizialmente. for citations: Spinelli A., Volterrani A. (2011), Metodologie non standard per la valutazione delle interazioni online, Journal of e-learning and Knowledge Society, v.7, n.1, ISSN: , e-issn: Journal of e-learning and Knowledge Society Vol. 7, n. 1, Gennaio 2011 (pp ) ISSN: eissn:

2 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 1, Gennaio 2011 Nel contributo si propone una riflessione di natura metodologica ma, allo stato, non è ancora possibile la diffusione dei dati della ricerca. 1 Introduzione Macro obiettivo della ricerca è la realizzazione di un modello per la valutazione del valore sociale aggiunto (Volterrani et al., 2009) condiviso dalle le associazioni di volontariato della Toscana che possa contribuire a rinnovare e rafforzare il ruolo del volontariato nella costruzione di comunità socialmente coese. Sott obiettivo, presentato in questa sede, è una ricerca esplorativa per individuare e analizzare i nessi esistenti fra capitale sociale, apprendimento, possibilità di cambiamento e qualità delle relazioni all interno dei contesti online spontaneamente adottati dalle associazioni di volontariato, siano essi open (pubblici, come i blog) o closed (come le piattaforme e-learning). Il campo di indagine non è stato progettato, neppure all interno delle piattaforme didattiche e, dunque, la ricerca si è presentata sui generis tanto da un punto di vista pedagogico (nessuna analisi docimologica), quanto da quello sociale (non è stato utilizzato un campione rappresentativo ma a palla di neve ). La domanda cognitiva (Tusini, 2006:78) di partenza, pur ruotando intorno ai processi di apprendimento in contesti virtuali, non si è soffermata sull analisi del percorso di apprendimento in relazione ai risultati conseguiti, ma sull indagine della relazione tra percorso di apprendimento e percezione individuale del valore e del senso del percorso stesso. Lo scopo è di indagare un momento privato delle interazioni online: quello riflessivo che, anche se inconsapevole, spinge gli utenti a proseguire o meno nel percorso. L indagine è stata avviata intorno al concetto di capitale sociale nella sua relazione con le possibilità di apprendimento, inteso nel suo significato più ampio di cambiamento. Infatti, di norma, nei contesti e-learning si presuppone che una densità relazionale elevata (a maggior ragione se ha le caratteristiche di una comunità) favorisca anche l apprendimento individuale. Questa posizione era già stata condivisa nell ambito degli studi sul capitale sociale (Field, 2004) quando alcune ricerche ponevano in relazione i risultati positivi dell apprendimento nelle scuole con la quantità di capitale sociale posseduto dagli allievi. Ma la comunità non sempre è sinonimo di capitale sociale perché al centro delle relazioni rimane sempre l individuo nella sua singolarità e non la comunità, che al contrario può essere anche condizione di chiusura, legame e conformismo. 2 Metodologie della ricerca a confronto: standard vs qualità? La relazione fra i termini standard e qualità è curiosa: nell uso comune, infatti, il termine standard è sinonimo di qualità; al contrario nella letteratura 90

3 A. Spinelli, A. Volterrani - Metodologie non standard per la valutazione delle interazioni online scientifica l approccio qualitativo è, per definizione, non standard. Il senso di questa opposizione è da rintracciare, probabilmente, in una più profonda conflittualità epistemologica che ruota intorno alla rappresentabilità, o meno, dell oggetto di indagine: la realtà osservata è modellizzabile? può essere conosciuta in quanto tale? può essere misurata? Non siamo in grado, ovviamente, di rispondere in questa sede a tali interrogativi che hanno segnato la storia del pensiero scientifico, ma all interno della ricerca presentata - certamente - le difficoltà incontrate nel tentare di rispondere positivamente a tali quesiti sono state molte. Infatti, fin dalla fase iniziale l equipe si è scontrata con la volubilità e l instabilità dei concetti significativi come apprendimento, relazione, identità, comunità, valore, etc. Ogni tentativo di definizione dei concetti si è dimostrato una riduzione della complessità del reale fino a convincerci che nessuna definizione statica era possibile, se non al costo di affinare eccessivamente la significatività della ricerca: più la definizione era chiara, meno era rappresentativa; contenuto e contenitore non erano proporzionati l uno all altro. Per esempio, per il concetto di apprendimento, ci si è trovati di fronte alle diverse definizioni presenti in psicologia, pedagogia, sociologia e si è perciò deciso di connotarlo in modo molto ampio come cambiamento individuale e/o collettivo di conoscenze competenze e saperi in risposta a stimoli esterni di natura formale e/o informale. Ciò, ai fini della ricerca, influisce sui nodi che di interviste che saranno connotati dal concetto apprendimento. Eppure l approccio non standard non si contrappone ai precedenti metodi di stampo oggettivistico, piuttosto li arricchisce e li integra, sposta il focus dell attenzione su alcuni aspetti ritenuti fragili dalle scienze dure e pertanto non indagabili, o anche quantitativamente non rappresentativi. Inoltre, questa metodologia include a pieno titolo la soggettività del ricercatore, vissuta non come problema ma come risorsa cognitiva rilevante per la comprensione e l interpretazione della realtà empirica; la costruzione condivisa fra ricercatore e soggetti indagati nella ricerca del campo e dei significati da esplorare. Questi sono solo due degli aspetti eterodossi, estranei alla tradizionale ricerca empirica ma che se perseguiti con metodo, rigore e trasparenza possono ampliare le prospettive della ricerca anche nei contesti e-learning. Il presupposto, infatti, è che non è possibile setacciare la ricerca dalle influenze soggettive e dalle condizioni particolaristiche e dunque tanto vale considerarli a pieno titolo - e con una certa franchezza e onestà intellettuale - fra le variabili che influiscono sulle conclusioni delle indagini complesse. Nei contesti e-learning, inclusi nella vasta area degli internet studies, la metodologia non standard è fonte di una conoscenza densa che risponde alla densità degli oggetti di studio, anche se priva delle caratteristiche oggettive delle metodologie di ricerca più vicine al modello epistemologico tecno-meccanicista, dietro al quale si cela una visione riduttiva e riduttivista dei concetti 91

4 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 1, Gennaio 2011 e delle relazioni da indagare mirata a difalcare gli impedimenti sulla materia (Galilei, 1632), cioè la loro ineludibile complessità. Le narrazioni frutto delle interviste non standard, invece, rientrano in quegli impedimenti che nella ricerca abbiamo cercato di tenere in considerazione per non cedere alla tentazione di relegarle in seno alle discipline letterarie secondo una visione che vede il linguaggio scientifico opposto alle altre forme di descrizione e costruzione del reale e che, fatalmente, ricadrebbero in quel paiolo che sarebbe la letteratura (Finkielkraut, 2006). D altra parte la metodologia di ricerca non standard richiede un analisi dei dati che non fa leva sulle categorie di ampiezza (campione), oggettività della situazione sperimentale, affidabilità ed esaustività delle domande. Eliminare il vissuto dei soggetti coinvolti nella ricerca, o considerarlo solo dal punto di vista rappresentazionale, non solo è razionalmente riduttivo ma è anche concettualmente sbagliato, anche in considerazione delle teorie sulla costruzione sociale e contestuale della conoscenza. 3 Il disegno della ricerca e gli strumenti di indagine La ricerca non ha preso avvio, come di norma, dalla costruzione e progettazione di un ambiente formativo. Abbiamo operato in contesti già esistenti e che, inizialmente, non conoscevamo per orientare l indagine sul processo (la creazione/percezione di senso e di storie) piuttosto che sul prodotto (raggiungimento o meno degli obiettivi formativi nei contesti FAD già esistenti). La necessità di indagare questi aspetti del vissuto online ha influenzato la scelta di un approccio di ricerca qualitativa, concretizzata attraverso le interviste non strutturate (Fontana & Frey, 2000) capace di render conto dell esperienza formativa così come è sentita e vissuta dagli attori (Cecconi, 2002). L attività di ricerca qualitativa è stata integrata in parte dall uso di un questionario standard, diffuso online e sottoposto alle associazioni di volontariato, anche quelle escluse dalla partecipazione alle interviste. Il questionario è stato elaborato sulla base degli indicatori per la valutazione del valore sociale aggiunto schematizzati per macro-aree come segue(volterrani et al., 2009): ascolto; comunicazione; flessibilità; immaginazione; professionalità e formazione; organizzazione e partecipazione; etica e responsabilità; carattere volontario del servizio; integrazione; riproduzione relazionalità diffusa. Scopo del questionario è conoscere la reazione di un ampio numero di associazioni di volontariato in questi ambiti molto semplificati del valore sociale aggiunto. La traccia di intervista, invece, è caratterizzata da bassa direttività e bassa standardizzazione (Bichi, 2002) ed è stata pensata per indagare i vari aspetti della vita associativa on e offline centrando l attenzione su due polarità: a) il 92

5 A. Spinelli, A. Volterrani - Metodologie non standard per la valutazione delle interazioni online soggetto, b) l associazione di volontariato di cui fa parte. Le aree di indagine sono così molto aperte e consentono all intervistatore di essere malleabile nell interazione comunicativa e relazionale con l intervistato. La stesura della traccia delle interviste necessita di un lavoro preparatorio molto più complesso ed articolato rispetto alle situazioni di maggiore direttività e standardizzazione, tipiche dei questionari o delle interviste standard. Il lavoro di preparazione è stato suddiviso in tre momenti: 1) la costruzione delle mappe semantiche, 2) una tipologia di operazionalizzazione tesa ad ottenere la saturazione dello spazio semantico dei concetti ritenuti significativi (scomposti ulteriormente e utilizzati come concetti sensibilizzanti) e 3) lo sviluppo della traccia di intervista. Prendendo spunto dalle domande cognitive originarie, l equipe di ricerca ha selezionato i concetti chiave (apprendimento, relazione, comunità) posizionati in alto sulla scala di generalità e quindi con un elevato grado di astrazione. Per ciascun concetto è stata elaborata una prima ampia definizione e sono stati collegati altri concetti ad un più basso livello di astrazione (Marradi, 2007) allo scopo di saturare lo spazio semantico. In questa fase è fondamentale individuare, attraverso un processo immaginativo, le relazioni fra i concetti e gli indicatori dei concetti che appartengono a spazi semantici diversi. Una traccia di intervista non standard può essere, dunque, molto ampia perché è il risultato di un lavoro di saturazione del mondo del pensiero immaginato dai ricercatori. Durante il dialogo con l intervistato questa traccia sarà modificata, acquisirà nuovi spazi semantici, nuovi significati attribuiti e attribuibili agli stessi concetti da parte del mondo del pensiero degli intervistati. Questo processo (probing), è la caratteristica che maggiormente differenzia la conduzione di un intervista non standard da una direttiva perché assume le soggettività dell intervistatore e dell intervistato come parte integrante del campo di indagine e non come elementi spuri da eliminare. Infatti, la mappa che risulterà alla fine del lavoro di indagine sarà diversa, e generalmente più complessa, di quella di partenza perché arricchita dei significati individuati direttamente sul campo. Se ci interessa comprendere come la biografia personale (e le relazioni sociali e di network dell individuo) interagisca in un processo di apprendimento e-learning e, soprattutto, come l individuo percepisca questo processo, l approccio non standard, ci aiuterà a ricostruire le mappe semantiche del nostro interlocutore comprensive di pre-giudizi, percezioni e convinzioni, esperienze e giudizi di valore. Non avremo perciò una valutazione esatta ed oggettiva dell apprendimento, ma un intreccio fra la storia personale, la percezione e la valutazione della percezione del processo di apprendimento e delle caratteristiche del setting di apprendimento online. Il disegno della ricerca è stato delineato su tre attività principali: in prima battuta si è costruita una mappa di categorie concettuali riferibili alla domanda cognitiva iniziale. 93

6 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 1, Gennaio 2011 E questa la fase più densa e creativa della progettazione della ricerca, specialmente se l equipe, come nel nostro caso, è composta da soggetti portatori di diverse istanze metodologico-disciplinari. A conclusione di questo primo momento teorico le interviste condotte apportano concetti e significati ulteriori, che arricchiscono i concetti individuati dai ricercatori con quelli declinati dagli intervistati. L ultima fase prevede la revisione della mappa iniziale sulla base dell indagine svolta. Il modello è definibile come una spirale in cui «l idea di fondo ruota intorno alla possibilità di instaurare un rapporto paritario tra base empirica e elaborazione teorica [...], l approccio della grounded theory prevede una comparazione continua tra categorie concettuali e informazioni provenienti dal setting di ricerca, con la finalità di arricchire e modificare le prime in base alle seconde, e viceversa» (Tusini, 2006: 65). I testi che risultano dai processi di indagine sono di tipo narrativo, sono delle storie che riportano un vissuto soggettivo in cui confluiscono aspetti che normalmente si tenta di espellere dalle ricerche condotte con metodologie standard. Segue un lavoro di interpretazione estremamente lungo perché prevede la comprensione della narrazione ottenuta attraverso l intervista e la successiva individuazione di punti comuni a tutte le interviste condotte (meta-analisi). L interpretazione delle interviste è svolta in parte con software (N-VIVO, Atlas e altri) ma per la maggior parte è affidato alle capacità ermeneutiche dell equipe dei ricercatori e all abilità di individuare i significati negoziati e prodotti in fase di intervista, per portare al livello di coscienza e di trasferibilità l attività di probing condotta dall intervistatore e trattata, in fase di analisi, secondo l approccio etnometodologico. A conclusione di questa fase è possibile ricostruire i livelli di generalità dei concetti partendo da una struttura testuale narrativa e a basso livello di astrazione. Una volta ricostruiti, i concetti, sono collocabili in una mappa semantica ex-post confrontabile con quelle costruite ex ante ed 94

7 A. Spinelli, A. Volterrani - Metodologie non standard per la valutazione delle interazioni online in itinere per includervi i significati scoperti attraverso le interviste. La competenza e la soggettività dei ricercatori entrano in gioco nel valutare gli aspetti che dell intervista necessitano di ricostruzione di ulteriori livelli di generalità e ciò che, invece, parla da solo anche a un basso livello di generalità. Anche in questo caso è fondamentale che tutte le scelte effettuate siano giustificate e spiegate dettagliatamente: quali parti di testo narrativo dell intervista analizzare, quali scartare perché flusso di pensiero su altri temi e su altri concetti, quali lasciare parlare così come raccolti. Ed è altrettanto importante mettere a disposizione di tutti i ricercatori i testi integrali delle interviste condotte sia per poter valutare le scelte operate dall equipe di ricerca, sia per poter svolgere altre analisi e altre ricostruzioni di mappe semantiche. E solo in questa fase che la domanda cognitiva, testata sul campo, può essere trasformata in un modello di interpretazione più simile all ipotesi (domanda di ricerca) da cui normalmente prendono avvio le ricerche quantitative. Per praticare questa spirale metodologica l applicazione di una logica binaria di stampo aristotelico non è sufficiente. Il principio di non contraddizione, infatti, non consente di maneggiare concetti sfumati, i cui significati somigliano più a nuvole (Marradi, 2007; Piasere, 2002) e sono spesso ambigui, piuttosto, l analisi è praticata attraverso un approccio fuzzy (Kosko, 2002) che consente di tenere insieme le contraddizioni, senza che un affermazione escluda l altra, ma restituendo per intero il portato di un esperienza vissuta nella sua soggettività. Il processo di ricostruzione, da un punto di vista epistemologico, appare assai complesso perché, rifuggendo dal modello di indagine stimolo-risposta, rischia di cadere in una vertigine autoreferenziale della riflessività più radicale (Campelli, in Tusini 2006: 9-11). L unica possibilità per uscirne appare la condivisione più trasparente possibile degli assunti di partenza e delle metodologie utilizzate, che consenta di individuare i punti critici, i dubbi, le incertezze, sottolineandoli come tali e chiarendo quale sia il lavoro di interpretazione svolto sul testo originale. Certamente ciò non protegge dal rischio di commettere errori, adotta piuttosto una strategia della trasparenza utile all individuazione degli errori commessi; consente di includere nell attività di ricerca anche gli assunti aprioristici (del soggetto di indagine, ma anche del soggetto che indaga) che normalmente vengono, solo idealmente, epurati; infine, dichiara apertamente che le indagini delle scienze umane non riproducono la realtà, né la rappresentano, piuttosto la interpretano e la costruiscono in una incessante attività di negoziazione. 3.1 La scelta dei soggetti da intervistare In fase di progettazione, prima di avviare le interviste, le associazioni da 95

8 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 1, Gennaio 2011 indagare erano state individuate sulla base della dislocazione territoriale e delle attività svolte sui territori e online. Con l avvio delle interviste ci si è resi conto che il campione ipotizzato non rispondeva alle caratteristiche della ricerca e che, in realtà, non c era bisogno di un campione per saturare i significati dei concetti indagati all interno delle associazioni oggetto di indagine. Si è così deciso di procedere a palla di neve affidando alle informazioni scoperte in fase di intervista la scelta delle persone da intervistare, maggiormente significative per temi/campi e aree specifiche di interesse. È risultato, così, un campione per il quale ci siamo avvalsi delle informazioni forniteci dai primi intervistati per individuarne altri sulla base della loro significatività rispetto ai nostri campi di indagine. Gli intervistati sono stati ascoltati come informatori privilegiati per individuare altre persone rilevanti in contesti particolari, come - per esempio - all interno delle piattaforme FAD e nei social network, fra cui - primo fra tutti - Facebook. L idea originaria del campione è così stata modificata in progress e, anche in questo caso, si è tenuto in maggior conto la qualità delle informazioni che non la qualità. 4 Il campo etnografico nel web La metodologia di ricerca presentata si può ascrivere all interno dell area di ricerca etnografica, la sfida è comprendere se tale approccio possa essere significativo anche per le indagini sui e nei media. Nella nostra ricerca abbiamo scelto di sviluppare un atteggiamento esplorativo di tipo etnografico «capace cioè di costruire sul campo il proprio oggetto di studio e quindi verificarne la tenuta scientifica» (Sorice, 2007: 114), che, come descrivono Schroder, Drotner, Kline e Murray (2003), partendo dalle domande cognitive di partenza, passi alle domande non espresse, per arrivare poi successivamente a formulare nuove domande di ricerca. Altro assunto da cui ha mosso la riflessione è l ormai desueta opposizione fra reale e virtuale (Granieri, 2009): non solo i contesti online non sono più vissuti come altro dalla vita reale, ma addirittura le forme di socialità online possono essere un modello interpretativo per le pratiche comunitarie delle società post-moderne. L opposizione on/off line non è più vissuta come tale, né percepita utile per la comprensione dei contesti da indagare. «Oggi l organizzazione sociale si struttura in maniera sempre più decisa non intorno a gruppi o comunità definite e circoscritte, ma intorno ai network personali dei soggetti, frammentati e multiformi. [ ] Non pare dunque esservi frattura, discontinuità tra l esperienza on e off line» (Comunello, 2010: ). Il campo diviene il luogo dei flussi relazionali e perciò è un ambiente fluido e multiforme, come ben sottolineato nell approccio multi-sites ethnography. Nella rete la nozione di campo muta notevolmente includendo come 96

9 A. Spinelli, A. Volterrani - Metodologie non standard per la valutazione delle interazioni online oggetto di studio: la labilità dei confini, costantemente modellata e negoziata dagli attori; la quantità delle interazioni e dei nodi che le individuano; la loro profondità in termine di relazionalità. Infatti, data la specificità del progetto di ricerca (individuazione del valore sociale aggiunto delle associazioni di volontariato) è emersa subito e chiaramente la necessità di distinguere tra interazione e relazione. Solo ad esempio della complessità del concetto di comunità si riporta il seguente passo di intervista: Comunità è un concetto fatto di relazioni, di vicinanza, di affetti, con alla base una cultura di riferimento, comunque una cultura che non è pesante (...) non è una cultura che fornisce contenuti dal punto di vista ideologico - un numero di tessera - o religioso, ad esempio; è un qualcosa in cui più persone si possono sentire di fare parte, senza per forza abdicare a una serie di altri aspetti delle singole identità. La comunità è aperta, nel senso che anche se lavora su un tema come quello della differenza dell identità di genere e sessuale, non vive la differenza come uno spartiacque rispetto all appartenenza. Conclusioni La ricerca è stata fin qui condotta secondo questa visione reciprocamente estensiva delle due modalità di azione, confortata dalla possibilità di applicare lo stesso metodo e una traccia di intervista simile alle attività in presenza e a distanza. Ciò non elimina la questione dell individuazione del campo di ricerca, infatti se nel modello etnografico classico il campo è il villaggio, o un altra situazione fisicamente circoscritta, nella ricerca interna alla rete questa delimitazione non è più efficace: anche all interno di situazioni chiuse infatti, il campo è composto anche da dimensioni offline che vanno ad integrare quelle online e che si polarizzano su relazioni, attività, costruzione di identità individuale e sociale, integrazione di diversi orizzonti simbolici e culturali. Date le caratteristiche e la complessità di queste analisi probabilmente la nozione di campo, nei prossimi anni, andrà modificata in un ottica borderline capace di tenere conto di più istanze (oggettive e soggettive, on e offline, relazioni e apprendimento) contemporaneamente. La suggestione è che, nei prossimi anni, si cominci a tener conto nelle ricerche online di un cross-field da esplorare nella sua complessità. Bibliografia Bichi R. (2002), L intervista biografica, Vita e Pensiero, Milano. Cecconi L. (2002), La ricerca qualitativa in educazione, Franco Angeli, Milano. 97

10 Peer Reviewed Papers - Vol. 7, n. 1, Gennaio 2011 Comunello F. (2010), Networked sociability, Guerini Associati, Milano. Field J. (2004), Il capitale sociale: un introduzione, Erickson, Trento. Finkielkraut A. (2006), Noi, i moderni, Lindau, Torino. Fontana A., Frey J.H. (2000), The Interview: From Structured Questions to Negotiated Text, in: Denzin N.K., Lincoln Y.S. (eds.), Handbook of Qualitative Research, London, Sage Publications. Galilei G. (1936), Dialogo sui massimi sistemi (1632), in: Opere, Rizzoli, Milano, vol. 1. Granieri G. (2009), Umanità accresciuta. Come la tecnologia ci sta cambiando, Laterza, Roma-Bar,. Kosko B. (2002), Il fuzzy-pensiero. Teoria e applicazioni della logica fuzzy, Baldini&Castoldi, Milano. Marradi A. (2007), Metodologia delle scienze sociali, Il Mulino, Bologna. Piasere L. (2002), Un etnografo imperfetto, Laterza, Bari. Schroder K. C., Drotner K., Kline S., Murray C. (2003), Researching audiences, London, Arnold. Sorice M. (2007), Teorie e metodi di ricerca sull audience, in De Blasio E., Gili G., Hibberd M., Sorice M., La ricerca sull audience, Hoepli, Milano. Tusini S. (2006), La ricerca come relazione. L intervista nelle scienze sociali, Franco Angeli, Milano. Volterrani A. Tola P. Bilotti A. (2009), Il gusto del volontariato, ExormaEdizioni, Roma. 98

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo

Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo Dal PEI al Progetto di Vita L ovvietà delle sigle, la routine delle pratiche Il potere delle procedure di progettazione individualizzata Porsi domande

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

MISURIAMOCI...CON LE INDICAZIONI Convegno di studio Mestre, 19 ottobre 2013

MISURIAMOCI...CON LE INDICAZIONI Convegno di studio Mestre, 19 ottobre 2013 MISURIAMOCI...CON LE INDICAZIONI Convegno di studio Mestre, 19 ottobre 2013 Oltre le discipline: criteri per la costruzione del curricolo unitario (Simonetta Fasoli) Questo incontro di studio, molto opportunamente

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

SalusNet - un iniziativa di Federsanità

SalusNet - un iniziativa di Federsanità ASL Formazione Continua e qualità delle prestazioni sanitarie L esigenza di razionalizzare la Spesa Sanitaria, per contenerne i costi, oggi deve e può coniugarsi con una continua tensione al miglioramento

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli