RELAZIONE FINALE. Responsabile del Progetto: Prof Luigi Giusto Spagnoli ( Direttore Generale di Alleanza contro il Cancro)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE. Responsabile del Progetto: Prof Luigi Giusto Spagnoli ( Direttore Generale di Alleanza contro il Cancro)"

Transcript

1 PROGETTO SPERIMENTALE DI FORMAZIONE MISTA ON LINE E SUL CAMPO PER L APPROPRIATEZZA CLINICO-ASSISTENZIALE IN ONCOLOGIA CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA CORRETTA PRESCRIZIONE DEL FARMACO E DELLE INDAGINI DIAGNOSTICHE RELAZIONE FINALE Responsabile del Progetto: Prof Luigi Giusto Spagnoli ( Direttore Generale di Alleanza contro il Cancro) Roma, 16 giugno,

2 Premessa La presente relazione finale è relativa agli esiti del Progetto Sperimentale di Formazione Mista On Line e sul Campo per l appropriatezza Clinico-Assistenziale in Oncologia con particolare riferimento alla corretta prescrizione del farmaco e delle indagini diagnostiche ed è stata redatta a norma dell Art. 7 della Convenzione, stipulata in data 28/12/2005, tra il Ministero della Salute, nella persona della Dott.ssa Linetti, allora Dirigente Analista di Organizzazione e Metodo presso la Direzione Generale delle Risorse Umane e delle Professioni Sanitarie, nominata Direttore dell Ufficio V Formazione Continua, e l Associazione Alleanza Contro il Cancro, nella persona del Prof. Luigi Giusto Spagnoli, Direttore Generale di Alleanza Contro il Cancro. La relazione scientifica di fine progetto, redatta dal Responsabile scientifico Prof. Silverio Tomao, che viene allegata (vedi Allegato n 1) è parte integrante della presente relazione finale, unitamente alla rendicontazione contabile (vedi Allegato n 2). La stipula della Convenzione è stata determinata da due circostanze: 1) la Commissione Nazionale per la Formazione Continua, nella seduta dell 11 novembre 2004, ha preso atto della necessità di sperimentare un progetto di formazione mista on line e sul campo per l appropriatezza clinico-assistenziale in oncologia con particolare riferimento alla corretta prescrizione del farmaco e delle indagini diagnostiche; 2) l associazione Alleanza contro il cancro non ha scopo di lucro e si propone di realizzare e gestire una rete di informazione e collaborazione tra gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) di diritto pubblico e privato ad indirizzo oncologico, rete che promuova ed agevoli lo scambio di informazioni, di conoscenze, di dati, di risultati scientifici e di personale tra gli associati e tra questi e soggetti terzi, al fine di elevare e uniformare il livello della ricerca italiana in campo oncologico e favorire il trasferimento dei suoi risultati alla pratica clinica. 2

3 Le finalità dell Associazione Alleanza contro il cancro sono: assicurare su tutto il territorio nazionale omogeneità dell assistenza ai malati di tumore; elevare ed armonizzare il livello della ricerca italiana sul cancro in linea con i programmi europei; ridurre il fenomeno della migrazione sanitaria e le spese complessive di gestione. Al fine di disciplinare gli aspetti operativi della predetta collaborazione, l Art. 1 della Convenzione prevedeva la realizzazione dei seguenti servizi: a) realizzazione di un progetto sperimentale di formazione mista on line e sul campo per l appropriatezza clinico-assistenziale in oncologia con particolare riferimento alla corretta prescrizione del farmaco e delle indagini diagnostiche b) Predisposizione e gestione di una segreteria tecnica-organizzativa con compiti di collegamento tra l Associazione Alleanza contro il cancro e il Ministero della Salute per il monitoraggio delle attività, la cura delle relazioni trasmesse dal gestore, la consulenza agli operatori sanitari per la fruizione dei corsi, l invio e la raccolta dei questionari, le attività correlate alla relativa rete informatica. Per una descrizione dettagliata dei predetti servizi la Convenzione rinviava al Progetto esecutivo allegato alla stessa come parte integrante. Obbiettivi del Progetto Il Progetto esecutivo poneva come obbiettivo di conoscere l atteggiamento prescrittivo da parte degli oncologi di importanti aziende sanitarie nazionali in tema di farmaci e indagini diagnostiche in ambito oncologico, verificando altresì l aderenza o meno alle Linee guida nazionali ed internazionali, nonché le differenze prescrittive in funzione della tipologia dell Istituzione (ASL, IRCCS, Università) e della sua localizzazione territoriale. 3

4 Metodi: Lo studio era articolato in tre fasi : Fase A) una prima fase on-line durante la quale viene elaborato e somministrato un questionario finalizzato alla conoscenza delle abitudini prescrittive dei medici oncologi. Strumentale, dunque, al raggiungimento dell obbiettivo era un Questionario conoscitivo (vedi Allegato n 3) da somministrare agli oncologi nei reparti di oncologia medica dei 7 IRCCS oncologici ed in 3 aziende sanitarie di rilievo nazionale partecipanti al Progetto. Istituzioni partecipanti : Capofila progetto : IRCCS Regina Elena, Roma Partners scientifici: IRCCS oncologici di Alleanza (Istituto Europeo di Oncologia di Milano, Istituto tumori di Milano, Istituto nazionale per la ricerca sul cancro di Genova, Centro di riferimento oncologico di Aviano, Istituto tumori Regina Elena di Roma, Fondazione Pascale di Napoli, Istituto tumori di Bari) Aziende Sanitarie : Ospedali Riuniti di Bergamo-Divisione di Oncologia medica (prof. Roberto Labianca); Policlinico Universitario Careggi di Firenze (prof.francesco Di Costanzo); Azienda Ospedaliera di Reggio Calabria - Divisione di Oncologia medica (dott.mario Nardi). Società Scientifiche: AIOM Partners istituzionali: Direzione generale delle risorse umane e delle professioni sanitarie per la formazione, Direzione Generale della ricerca scientifica e tecnologica, Agenzia per i servizi sanitari regionali, Farmindustria. Fase B) La seconda fase del progetto affidava ad Alleanza contro il Cancro l organizzazione di site-visit sul territorio finalizzate alla comprensione dei meccanismi che portano a determinati indirizzi prescrittivi sia nella diagnosi che terapia oncologica. 4

5 Tali site visits si avvalevano dell intervento di tutors che, recatisi nei reparti di oncologia medica e specialistica,avevano l obbiettivo di correlare tali dati con quelli dell informazione online e di verificare eventuali differenze prescrittive tra reparti di oncologia medica e specialistica. Fase C) Infine il Progetto ha affidato ad Alleanza ed ai suoi partners il compito di predisporre un percorso informativo ed applicativo per la diffusione, conoscenza ed utilizzazione a livello scientifico ed istituzionale dei risultati emersi dalla ricerca che si sarebbe dovuto concretizzare in un convegno nazionale di presentazione dei risultati della ricerca alla comunità scientifica, alle Istituzioni ed agli organi di stampa scientifica. Ricadute e Trasferibilità Il risultato atteso dalla conoscenza delle abitudini prescrittive degli specialisti oncologi consisteva nella realizzazione di un panel di riferimento da utilizzarsi a livello territoriale e regionale per ottimizzare l utilizzo di farmaci ed indagini diagnostiche in termini di appropriatezza prescrittiva e rispetto di principi di good clinical practice. Prospettive Future meta-progettuali Dopo il completamento delle tre fasi progettuali era prevista la possibilità di realizzare un progetto formativo in e-learning, supportato dalla Commissione nazionale per la formazione continua in medicina e finalizzato alla formazione degli specialisti oncologi e medici di medicina generale sull appropriatezza prescrittiva in ambito oncologico, utilizzando il materiale didattico-educazionale sviluppato durante le precedenti fasi del progetto. Stato dell arte sulla diffusione ed aderenza alla Linee Guida in Oncologia Negli anni recenti vi è stata una proliferazione di linee guida in molte specialità mediche inclusa l oncologia. Una ricerca attraverso MEDLINE usando il termine 5

6 practice guideline come tipo di pubblicazione ed i termini nel testo cancer o oncology, ha prodotto 1274 pubblicazioni (Graham et Journal of Evaluation in Clinical Practice 2007, 13 : ). L aderenza alle linee guida locali, nazionali o internazionali è un problema attuale della pratica medica che è oggetto di studio in vari paesi del mondo. Infatti è ormai noto che la disponibilità di linee guida non si accompagna all aderenza totale o parziale di esse. Al tema delle linee guida e della loro applicazione vengono dedicati numerosi studi. In campo oncologico sono state condotte un numero limitato di ricerche sull aderenza dei medici alle linee guida. Sono degni di nota 6 studi inerenti a questo argomento. Il più vecchio è uno studio dell American Cancer Society dal quale risultò che l adesione alle linee guida dell ACS era aumentata dal 59 al 64% confrontando il 1984 con il Da uno studio del 1999 risultò che il % dei membri dell ASCO avevano familiarità con le linee guida prodotte dall associazione, il 76-83% le condividevano ma solo % le usava. Va inoltre notata la limitata adesione all indagine, infatti solo il 55% degli oncologi interpellati risposero al questionario (Bennet et al Journal of Clinical Oncology 2003, 21 : ). Un indagine sulle prime 10 linee guida canadesi, vide l adesione del 72% ( 650 su 914 ) dei medici specialisti in vari campi dell oncologia. Un elevata percentuale ( 80-90% ) di medici non solo approvò le linee guida ma concordò sulla loro utilizzazione nell esercizio clinico ( Browman et al Journal of Clinical Oncology 1998, ). Uno studio australiano del 1998 esplorò l opinione di 300 chirurghi nei riguardi delle linee guida del National Health and Medical Research Council sulla gestione del carcinoma mammario inferiore a 2 cm. Il 64% dei chirurghi aderì all indagine, di questi l 80% dichiarò di conoscere varie linee guida sull argomento e le giudicavano utili per migliorare la gestione di questo gruppo di pazienti ( Carrick et al Medical Journal of Australia 1998, 169 : ). 6

7 In uno studio del 2000 Graham riferisce sull attitudine e sull utilizzazione delle linee guida da parte degli oncologi canadesi. La percentuale di adesione all indagine fu del 66 %, di questi l 80 % concordavano che si trattava di utili strumenti didattici e di consultazione finalizzati a migliorare la qualità delle cure. Una percentuale variabile di medici, tra il 16 % e il 40%, esprimeva però la preoccupazione che si trattasse di strumenti per tagliare i costi, di manuali di cucina medica semplicistici, troppo rigidi da applicare a pazienti individuali, od infine di un attentato all autorità del medico. A riprova della moderata adesione alle linee guida, sviluppate dall Ontario Cancer System solo il 41% degli oncologi arruolati nello studio risposero di utilizzarle rutinariamente o molto spesso ( Graham et al Oncology 2000, 59 : ). In Italia, da una indagine condotta su un campione di 300 oncologi tra gli anni , è risultata una scarsa propensione all applicazione di linee guida cliniche nella pratica quotidiana. Solo il 20% degli oncologi italiani ha dichiarato di aderire alle linee guida, rispetto al 46% che preferiva un approccio prescrittivi empirico ( Grilli et al Epidemiologia e Prevenzione 1999, 23 (1) ; 47-51). L odierna disponibilità di nuovi farmaci e di nuove tecnologie diagnostiche ha profondamente rivoluzionato l approccio clinico e terapeutico al malato oncologico ponendo non pochi problemi in termini di appropriatezza prescrittiva e rispetto di principi di contenimento dei costi. Tipico esempio è oggi costituito dal sempre più diffuso uso ed abuso di molecole particolarmente costose ( fattori di crescita ematopoietici, antiemetici, farmaci a bersaglio molecolare etc.. ), di metodiche di diagnostica per immagini ( RMN, PET ), di immagini strumentali e di laboratorio inutili e ripetute, con ovvie riflessioni critiche in merito alla loro necessità ed al loro reale impatto sulla prognosi e qualità di vita dei pazienti. Tale problematica diventa particolarmente importante proprio negli IRCCS oncologici, centri di eccellenza che dovrebbero avere, per propria missione, linee guida di indirizzo diagnostico e terapeutico dettate da principi riconosciuti di 7

8 efficienza ed appropriatezza prescrittiva nell ambito di tutto il percorso diagnostico e terapeutico del malato oncologico. Sotto tale profilo poco conosciamo sulla realtà prescrittiva da parte dei Centri oncologici italiani, di diversa impostazione e caratterizzazione e pertanto appare utile esplorare tale contesto al fine di ottimizzare, ove possibile, e di trasferire tali risultati alla comune pratica clinica. Non a caso le principali Società Scientifiche nazionali ed internazionali hanno da tempo prodotto delle linee guida di comportamento prescrittivo in caso di utilizzo clinico di farmaci e metodiche diagnostiche. La domanda che si pone è la seguente: E cambiata l attitudine degli oncologi italiani rispetto all indagine di Grilli? Per rispondere al quesito appare utile rivalutare a 10 anni di distanza dall indagine di Grilli l aderenza alle Linee Guida degli oncologi italiani, ed in particolare di quelli che operano negli IRCCS ed in alcuni centri di eccellenza. Fasi di attuazione del Progetto esecutivo Fase A) le attività online Nella prima fase attuativa del progetto sono state svolte le seguenti attività: a) Dopo il sollecito del 04/04/2006 alla Direzione del istituto Regina Elena, per promuovere l istituzione di un Coordinamento, è stato costituito il Comitato Scientifico (Task Force) composto dai direttori scientifici degli IRCCS oncologici aderenti ad Alleanza contro il Cancro che vengono di seguito elencati: Francesco Cognetti (IRE, Roma) Paolo Bruzzi (IST, Genova) 8

9 Marica Eoli (Istituto Neurologico C. Besta, Milano) - delegata prof. F. Cornelio Angelo Paradiso (Istituto Oncologico, Bari) Franco Perrone (Fondazione Pascale, Napoli) Paola Suzzi (IOR, Bologna) Silverio Tomao (IRE, Roma) Alberto Zambelli (FSM, Pavia) - delegato dott. G.A. Da Prada Tale comitato ha assunto il compito di strumenti operativi e percorsi strategici al fine di indirizzare il percorso conoscitivo e formativo ed il relativo coinvolgimento teorico-pratico delle Amministrazioni di appartenenza. Inoltre la task force attivata aveva lo scopo di elaborare contenuti, strumenti e priorità del progetto nell ottica condivisa di una progettualità di intenti basata su principi di appropriatezza metodologica, ottimizzazione delle risorse economiche e strumentali, trasferibilità e diffusione a livello istituzionale. La task force in oggetto si è riunita presso l Istituto Regina Elena di Roma il 26 maggio Nell ambito di tale riunione sono stati affrontati aspetti di metodo e contenuto del messaggio educazionale in considerazione degli obiettivi strategici del progetto formativo ma anche ipotesi di iniziative parallele ed ancillari da sviluppare nel corso d opera dell iniziativa. Ne è nato un acceso dibattito reso prezioso e costruttivo, nell interesse della riuscita scientifica ed educazionale del progetto, dalle esperienze dirette ovvero indirette avute dal panel di esperti convocati, tenuto conto anche delle linee guida e documenti condivisi a livello nazionale ed internazionale sul tema dell ottimizzazione prescrittiva in oncologia. 9

10 b) Considerata la necessità di un articolata struttura organizzativa per lo sviluppo del progetto è stato necessario reperire, per carenza di personale, risorse umane all esterno dell Associazione Alleanza contro il Cancro. In data 27/04/2006 è stata quindi avviata una procedura di selezione per colloqui. Sono risultati idonee nove persone per la collaborazione all interno della segreteria tecnico-scientifica (vedi Allegato n 4) contemporaneamente sono state avviate le procedure per l individuazione dei locali da utilizzare come sede della segreteria tecnico-scientifica presso il Policlinico Tor Vergata. ( vedi Allegato n 5) In data 08/05/2006 (Prot. 05/2006) è stato comunicato al Ministero della Salute l avvio delle attività relative al progetto e la firma dei contratti dei collaboratori della segreteria tecnico-scientifica. Successivamente vengono deliberati in data 09/06/2006 e determinati in data 10/05/2006 gli incarichi, per il periodo 15/05/06-31/10/06, dei suddetti collaboratori dal Comitato Esecutivo e dal Direttore Generale. (vedi Allegato n 4). I predetti contratti sono stati successivamente prorogati in relazione alle estensioni temporali delle attività progettuali, concordate con il Comitato Paritetico Tecnico-Scientifico ( vedi Allegato n 6) Il 18/05/2006 (Prot ) vengono assegnati i locali siti al Piano -1 settore D e Il 26/06/2006, come da verbale, alla consegna degli stessi è stata constatata la necessità di opere di ristrutturazione e di bonifica ritardando di fatto l accesso ai locali. (vedi Allegato n 5) c) Effettuata un indagine di mercato viene determinato di affidare alla TILS SpA la fornitura di un portale di progetto, di una piattaforma e-learning integrata, di un learning managment system, dei Servizi di Comunity, Forum e Faq, di una Virtual classroom e della formazione. Il contratto, tra TILS e Alleanza contro il Cancro, viene stipulato il 23/05/2006, come da Determina del Direttore Generale; ( vedi Allegato n 7) 10

11 dal 30/05/2006 viene attivato il corso di formazione per i collaboratori della segreteria tecnico-scientifica per i servizi della piattaforma di e-learning, con termine 23/06/2006. (vedi Allegato n 8) Nel periodo di giugno-luglio la Segreteria ha provveduto alla revisione della struttura del questionario rispetto al progetto originario al fine di renderlo quanto più aderente alle regole della good communication, inviandolo ai membri del Comitato Scientifico (questionario n 2 vedi Allegato n 9). In oltre la Segreteria ha provveduto alla registrazione della convenzione avvenuta il 04/07/2006. A fine luglio viene deliberato l acquisto degli arredi, delle forniture e delle attrezzature informatiche necessarie, delle linee telefoniche e la trasmissione veloce dei dati. Uno strumento efficace e scientificamente condiviso è quello della divulgazione di linee guida specifiche su singoli aspetti della ricerca e terapia in campo oncologico. Nell ambito di questo progetto di ricerca tali linee guida hanno inteso privilegiare la tematica strategica della ricerca, vale a dire l utilizzazione di linee guida sull appropriatezza prescrittiva in oncologia medica, finalizzata ad un armonizzazione dei trattamenti e ad una razionalizzazione delle risorse finanziarie. In accordo con il Progetto esecutivo l indagine conoscitiva è stata orientata sui temi più sotto elencati, certamente prioritari nell assistenza clinica al malato neoplastico: 1) Fattori di crescita ematopoietici, Antiemetici, Emoderivati 2) Nuovi farmaci e nuove associazioni farmacologiche 3) Farmaci a bersaglio molecolare 4) Protocolli standard di riferimento nelle diverse patologie 5) Linee guida per la prescrizione di farmaci fuori indicazione 6) Disciplina di indirizzo per le sperimentazioni in GCP e regole di funzionamento dei comitati etici in oncologia. 11

12 Successivamente alla validazione dei predetti temi, del questionario, allegato al progetto esecutivo, da parte del Comitato scientifico, il Responsabile scientifico Prof. Silverio Tomao, che era subentrato al Prof. Francesco Cognetti, su sua esplicita richiesta ( vedi Allegato n 10 ), ha provveduto, tenuto conto dei suggerimenti del Comitato scientifico, alla selezione delle Linee Guida relative ai temi prescelti ed alle successive fasi realizzative del progetto. Ottobre/Dicembre 2006: In tale periodo, in accordo con il cronoprogramma, sono state elaborate le linee guida sull appropriatezza prescrittiva in oncologia, selezionando nelle banche dati della letteratura scientifica più accreditata i contributi più esaustivi e di migliore applicazione clinica. Tale lavoro ha consentito di selezionare i presupposti metodologici per l analisi critica dei risultati del progetto fornendo ai partecipanti all iniziativa strumenti operativi e di discussione multidisciplinare. Le linee guida di cui sopra sono oggi disponibili sul portale del progetto e, caratteristica unica in tale campo, sono costantemente in progress grazie all opportunità fornita agli Istituti coinvolti nella ricerca di integrare ed implementare tale bagaglio educazionale con i propri contributi ed esperienze( ad esempio nel settore dei marcatori tumorali, della diagnostica per immagini..). Il questionario definitivo (questionario n 3 vedi Allegato n 11) è stato perfezionato ed ottimizzato al fine di una agile presentazione e somministrazione nonché di una agevole rappresentazione dei contenuti e soprattutto delle risposte ottenute dai medici coinvolti nel progetto. Sono state altresì evidenziate e discusse le ricadute a livello istituzionale e territoriale del progetto attraverso riunioni telematiche tra i responsabili degli Istituti e la segreteria di Alleanza contro il cancro, indispensabili per la realizzazione dell iniziativa. Sono state infine attivate le iniziative per una verifica, monitoraggio e correzione dei problemi gestionali, tecnici ed informatici legati all avvio della sperimentazione con 12

13 il contributo della segreteria scientifica di Alleanza (tutors) e i destinatari istituzionali dell evento formativo. I risultati del questionario ora sono disponibili sulla piattaforma di e-learning del progetto, a disposizione della comunità scientifica e di quanti vorranno consultare il sito e mettere a disposizione di tutti sia le proprie esperienze sia proposte e suggerimenti per implementare a livello clinico e scientifico tale delicato settore di ricerca. I risultati della ricerca hanno dimostrato di garantire uno straordinario impatto in termini di trasferibilità secondo i seguenti principi: LA CONOSCENZA DELLE ABITUDINI PRESCRITTIVE DEGLI SPECIALISTI ONCOLOGI PUÒ FORNIRE UN PANEL DI RIFERIMENTO, DA UTILIZZARSI A LIVELLO TERRITORIALE E REGIONALE, PER OTTIMIZZARE L UTILIZZO DI FARMACI ED INDAGINI DIAGNOSTICHE, IN TERMINI DI APPROPIATEZZA PRESCRITTIVA E RISPETTO DI PRINCIPI DI GOOD CLINICAL PRACTICE. IL FINE ULTIMO È QUELLO DI RAGGIUNGERE UN ARMONIZZAZIONE DEI TRATTAMENTI E AD UNA RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE. IL SITO DI PROGETTO COSTITUISCE E COSTITUIRA SEMPRE PIU UN AMBIENTE INFORMATICO APERTO DI RIFERIMENTO PER LO SVILUPPO INTERATTIVO DI DATI, INFORMAZIONI E CONTRIBUTI SUL PROBLEMA GENERALE DELL APPROCCIO PRESCRITTIVO IN ONCOLOGIA CLINICA, AL FINE DI OFFRIRE AD ISTITUZIONI, MEDICI ED ASSOCIAZIONI STRUMENTI CONOSCITIVI FINALIZZATI ALL OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE E FINANZIARIE IN AMBITO ONCOLOGICO. 13

14 Per una disamina completa sui risultati ottenuti dall analisi delle risposte al questionario conoscitivo si rimanda alla Relazione scientifica di fine programma, che è allegata, come sua parte integrante, alla presente Relazione finale ( vedi Allegato n 1) Lo sviluppo del Portale informatico di E-learning Parallelamente a tale attività organizzativa ed educazionale si è sviluppato il progetto ancillare di creazione ed attivazione del portale informatico del sito di progetto, sito al quale sono stati dati contenuti, finalità, criteri selettivi, procedure di linkaggio e trasferibilità in un ottica totalmente multidisciplinare con precisi modelli di interattività scientifica e clinico-assistenziale. A tal proposito il sito internet del progetto è ormai attivo e ben strutturato con la finalità di creare un rapporto interattivo tra Alleanza, comunità scientifica e banche dati nell ambito del settore strategico dell ottimizzazione degli interventi prescrittivi in oncologia clinica attraverso l utilizzazione di specifici strumenti operativi quali: la diffusione delle informazioni,la comunicazione all interno della Comunità Scientifica,il consulto interattivo della bibliografia di riferimento,la consultazione ed utilizzazione delle linee guida nazionali e internazionali, l acquisizione dei risultati della ricerca, le procedure da seguirsi per la conoscenza della piattaforma di e- learnig per poter usufruire della formazione mista on-line ( vedi Allegato n 13 ). Obiettivi del portale pertanto sono: Ø la diffusione delle informazioni Ø la comunicazione all interno della Comunità Scientifica interessata ai lavori Ø consultare la bibliografia di riferimento Ø le linee guida nazionali e internazionali Ø i risultati della ricerca 14

15 Ø la piattaforma di e-learnig, per la formazione mista on- Line Strumenti operativi del portale di progetto sono: Il Progetto Visualizzazione del Progetto Bibliografia Rassegna bibliografica della letteratura scientifica internazionale riguardante l area di lavoro del Progetto Link Link alle linee guida, nazionali ed internazionali, consultabili via web Eventi Eventi di Progetto Altri eventi AIFA Link al sito AIFA, area dedicata agli aggiornamenti AIFA News News del Progetto Aggiornamenti della letteratura scientifica nazionale e internazionale Questionario Il download del Questionario renderà possibile la futura partecipazione all indagine conoscitiva alla base della ricerca Newsletter Newsletter, gestita dalla Segreteria Tecnico - Scientifica di Alleanza Contro il Cancro, che darà la possibilità di informare gli iscritti su tutti gli aggiornamenti del Progetto L esperto Risponde 15

16 A questo indirizzo, gestito dalla Segreteria Tecnico Scientifica di ACC, sarà possibile porre dei quesiti sulle tematiche indagate nel Portale. Periodicamente sarà selezionato un esperto oncologo, appartenente ad un degli Istituti aderenti al Progetto, con l obiettivo di fornire risposte on line su temi e quesiti inerenti l appropriatezza prescrittive in oncologia. Istituti Istituti associati con Alleanza Contro il Cancro Istituti Nazionali Istituti Internazionali Chi siamo Responsabile del Progetto Coordinatore del Progetto Struttura e Segreteria organizzativa Potenzialità ulteriori della piattaforma di E-learning e del Portale E stata attivata un area virtuale attraverso la quale è possibile organizzare degli eventi dove i partecipanti potranno comunicare tra loro in videoconferenza scambiandosi documenti e contenuti riguardanti i lavori del Progetto; attraverso tale piattaforma, si potrà creare un percorso di Formazione on-line dedicato a medici generici e specialisti oncologi, su aspetti diversi dell appropriatezza prescrittiva, dalla biologia molecolare alla diagnostica per immagini, dalle terapie di supporto alle sperimentazioni con nuovi farmaci, dalla prescrizioni di marcatori tumorali al counseling genetico. Infine nell area archivio sarà possibile a tutti gli iscritti all area privata inserire, accreditare e certificare documenti di valore e finalità educazionali al fine di una condivisione on-line e di una trasferibilità di risultati a livello territoriale, in partnership con Aziende, Istituzioni ed Enti impegnati nel settore della formazione in oncologia clinica. 16

17 Gennaio-Marzo 2007: Nel suddetto periodo sono state elaborate criticamente le criticità emerse dall analisi del primo gruppo di questionari pervenuti alla segreteria scientifica del progetto. Tale analisi ha purtroppo dovuto tener conto del ritardo di adesione e di invio dei questionari, per motivi non solo organizzativi a livello centrale e locale ma anche relazionali e di feed-back tra tutors e medici aderenti all iniziativa. Inoltre alcuni Istituti che inizialmente avevano aderito al Progetto come partner sono nei fatti hanno dimostrato scarso interesse a partecipare fattivamente alle attività ( Ospedale Provinciale di Reggio Calabria e Ospedali Riuniti di Bergamo). La prevista organizzazione di un evento ECM pertanto è stata sostituita da riscontri e confronti per via telematica finalizzati al superamento delle difficoltà metodologiche relative ad un ottimale somministrazione e ritorno del questionario. Nell ambito di tali confronti sono state elaborate le strategie realizzative delle site visit con contestuali eventi formativi al fine di ottenere un armonizzazione delle procedure e soprattutto dei contenuti dei singoli eventi formativi. Inoltre in tale fase si à dato mandato ai responsabili scientifici degli eventi concordati di informare e sensibilizzare i medici coinvolti nell iniziativa sul significato e l importanza del progetto e sulla necessità da parte di ognuno di integrarne i contenuti ed i risultati in un ottica realmente multidisciplinare. In tale fase ognuno dei responsabili scientifici locali dell iniziativa, ha provveduto ad individuare un referente per il progetto con il compito di organizzare ed articolare l evento formativo nonché di coordinare la gestione e diffusione dei questionari somministrati. Fase B) le site visit Aprile-Giugno 2007: In tale ultima fase si è proceduto alla sperimentazione dell evento formativo generale, attraverso la sintesi metodologica tra site visits ed 17

18 eventi educazionali differenziati per singole istituzioni. Pertanto sono state attivate le procedure organizzative indispensabili per la preparazione e realizzazione dei singoli eventi formativi, previsti dal progetto ed avviati in stretta e diretta collaborazione con i responsabili scientifici delle Istituzioni cliniche coinvolte nell iniziativa. Tale fase è stata lunga e complessa per evidenti difficoltà realizzative legate alla necessità di conciliare gli impegni professionali sia dei docenti sia dei discenti, in orari di indubbia difficoltà organizzativa per i dirigenti medici delle strutture coinvolte nel progetto. Per indisponibilità dei responsabili locali, non è stato possibile organizzare le site visit e gli eventi formativi in tutte le Istituzioni che originariamente aveva doto la propria adesione al progetto formativo,infatti, non hanno partecipato alle attività in situ l Istituto Pascale di Napoli, l IEO di Milano, gli Ospedali Riuniti di Bergamo e l Azienda Ospedaliera di Reggio Calabria. Inoltre si è voluto rispettare un format educazionale che, se pur omogeneo per tutti gli eventi realizzati, lasciasse un certa autonomia realizzativi ai singoli istituti, soprattutto sotto l aspetto scientifico. Gli eventi formativi, avviati e realizzati presso 6 Istituzioni ; erano caratterizzati da un comune modulo organizzativo comprendente: Presentazione di Alleanza, Lettura magistrale sui principi di evidence based medicine in tema di appropriatezza prescrittivi, presentazione del progetto, illustrazione finalizzata del questionario, presentazione del portale e strumenti di utilizzazione, presentazione dati della letteratura, discussione interattiva e discussione collegiale sui meccanismi che determinano gli indirizzi prescrittivi sia nella diagnosi che terapia oncologica rispetto all informazione online e su eventuali differenze prescrittive tra reparti di oncologia medica e specialistica. Con tale tipologia ed articolazione sono stati realizzati nel periodo maggio-giugno 2007 sei eventi formativi, ciascuno della durata di 3 ore, organizzati presso l Istituto Tumori di Milano, l Istituto nazionale per la ricerca sul cancro di Genova, il Centro 18

19 di riferimento oncologico di Aviano, l Azienda Ospedaliera Careggi di Firenze, l Istituto Regina Elena di Roma, l Istituto Tumori di Bari. Vengono di seguito riportate sommariamente le relazioni di ciascun evento formativo. I EVENTO EVENTO FORMATIVO APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA IN ONCOLOGIA 22 MAGGIO 2007-ACCREDITATO ECM SEDE: ISTITUTO NAZIONALE PER LA RICERCA SUL CANCRO di Genova FINALITA DELL EVENTO: identificare per ciascun Istituto selezionato il comportamento prescrittivo in ambito oncologico correlandolo alle linee guida nazionali ed internazionali esistenti.i risultati dell incontro costituiranno la base per un confronto nazionale a fine giugno sul problema emergente dell appropriatezza prescrittiva in campo oncologico, sotto il profilo clinico, scientifico e farmaeconomico. ARTICOLAZIONE DELLA GIORNATA Alleanza contro il cancro: Missione, Attività, Prospettive di sviluppo( Prof. R.Rosso) Presentazione del progetto e sue finalità (Prof. S.Tomao) 19

20 Principi di evidence base medicine nella prescrizione oncologica (Dott.Paolo Bruzzi) Dati della letteratura di riferimento( Segreteria alleanza contro il cancro) Presentazione del questionario Risultati ottenuti Discussione interattiva in aula Conclusioni Questo primo incontro si è svolto presso l Istituto nazionale per la ricerca sul cancro di Genova ed ha visto la partecipazione di un buon numero di dirigenti medici, coordinati dal Direttore Scientifico. Dopo la presentazione di Alleanza da parte del prof.rosso, il dott. Paolo Bruzzi ha svolto il tema dell evidence based medicine correlata all appropriatezza prescrittivi mentre successivamente il Prof.Tomao ha illustrato e commentato in modalità interattiva il progetto, il questionario ed il portale.infine vi è stata ampia discussione in merito alle potenzialità dell iniziativa ed alle possibilità del progetto di e-learning istituzionale. II EVENTO EVENTO FORMATIVO APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA IN ONCOLOGIA 30 MAGGIO 2007-ACCREDITATO ECM 20

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Responsabile scientifico di progetto CARLO CALTAGIRONE Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare (art.12 e 12 bis del D.Lgs. 502/92, come modificato ed integrato dal Decreto Legislativo n.229/99; DL n. 269 del 30/9/2003

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

TRE FORMULE DI SERVIZI INTEGRATI NONSOLOECM

TRE FORMULE DI SERVIZI INTEGRATI NONSOLOECM TRE FORMULE DI SERVIZI INTEGRATI NONSOLOECM INDICE FORMULA ABBONAMENTO 2 NEWS SERVIZI IN ABBONAMENTO CORSO ECM RIVISTA PRONTO ECM! EDITORIALE MENSILE AULA VIRTUALE E SOCIAL NETWORK DEDICATO PARTECIPAZIONE

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI FORMAZIONE UNIVERSITARIA ON-LINE MASTER IN BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI A Distanza e con Campus Virtuale A partire dall A.A. 2009-2010 Coordinamento Prof. Adriano Tagliabracci

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Titolare di posizione organizzativa. Posizione Organizzativa - Corso universitario

Titolare di posizione organizzativa. Posizione Organizzativa - Corso universitario INFORMAZIONI PERSONALI Nome SANNAZZARO STEFANIA Data di nascita 30/05/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Titolare di posizione organizzativa ASL DI SPEZZINO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

Marta De Santis Centro Nazionale Malattie Rare Istituto Superiore di Sanità

Marta De Santis Centro Nazionale Malattie Rare Istituto Superiore di Sanità Marta De Santis Centro Nazionale Malattie Rare Istituto Superiore di Sanità La medicina umanistica e narrativa 8 aprile 2015 -II edizione Istituto Regina Elena - Roma COSA SONO LE MALATTIE RARE? Bassa

Dettagli

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Network nazionale italiano Tumori Eredo-Famigliari (intef): creazione di strumenti

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Mostra Dettagli Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Il sistema sanitario è un sistema complesso in cui interagiscono molteplici fattori

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI Documento di Programmazione INFEA della Regione Puglia 2003/2004 (ex deliberazione di G.R. 860/02) - Definizione della strategia complessiva

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Associazione Alleanza Contro il Cancro - Portale e-oncology - Proposta attività. Ottobre 2003 Ottobre 2004

Associazione Alleanza Contro il Cancro - Portale e-oncology - Proposta attività. Ottobre 2003 Ottobre 2004 Associazione Alleanza Contro il Cancro - Portale e-oncology - Proposta attività Ottobre 2003 Ottobre 2004 Pavia, Ottobre 2003 Indice I) Premessa... 3 II) Il sistema di workflow... 6 II. 1) Stato attuale...

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Snc, Via Arcangelo Sepe 83054 S. Angelo dei Lombardi (AV) gaetanosicuranza@virgilio.it TITOLI SCIENTIFICI

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Snc, Via Arcangelo Sepe 83054 S. Angelo dei Lombardi (AV) gaetanosicuranza@virgilio.it TITOLI SCIENTIFICI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GAETANO SICURANZA Indirizzo Telefono 0816060241 Fax 0816060203 E-mail Snc, Via Arcangelo Sepe 83054 S. Angelo dei Lombardi (AV) gaetanosicuranza@virgilio.it

Dettagli

Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012

Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012 Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012 L approccio ai problemi sanitari di un territorio, malattie croniche in primis, richiede oggi una nuova

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO:

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: PROGETTO ESECUTIVO PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: Rete organizzativa nazionale per la promozione della comprensione dei fenomeni molecolari, l ottimizzazione dei percorsi diagnostici

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i)

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) LUIGI CAVANNA Azienda USL, Ospedale di Piacenza, via Taverna, 49, 29100 Piacenza. Dipartimento di Oncologia-Ematologia.

Dettagli

La firma digitale in Italia. Il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù

La firma digitale in Italia. Il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù Infosecurity 2004 La firma digitale in Italia Il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù Massimiliano Manzetti Responsabile Area Informatica Virtuale Direzione Sistemi Informativi e Organizzazione

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Dal 2 Giugno 2014 a tutt'oggi. Istituto Oncologico Veneto IRCCS Padova

Dal 2 Giugno 2014 a tutt'oggi. Istituto Oncologico Veneto IRCCS Padova F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Vittorina ZAGONEL Indirizzo Via P. Scalcerle. 4/a Padova Telefono cell + 39 049.8215953-5910 + 39 348.4430311

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA L Università degli Studi di Camerino, Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale n. 148 del 25 febbraio

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica 1 CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica Federica Ronchetti Bologna, 14 giugno 2013 2 Il contesto di riferimento (1/2) Le attività

Dettagli

PROGETTO PER LA TRASFERIBILITA DI UN MODELLO DI CURE CONTINUATIVE INTEGRATE APPLICATO AI TUMORI CEREBRALI

PROGETTO PER LA TRASFERIBILITA DI UN MODELLO DI CURE CONTINUATIVE INTEGRATE APPLICATO AI TUMORI CEREBRALI PROGETTO PER LA TRASFERIBILITA DI UN MODELLO DI CURE CONTINUATIVE INTEGRATE APPLICATO AI TUMORI CEREBRALI Estensione del modello promosso dalla Regione Lazio e validato dall IRE alla città di Roma e alle

Dettagli

MASTER di I Livello. MA364 - Comunicazione ed Educazione Terapeutica 1ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA364

MASTER di I Livello. MA364 - Comunicazione ed Educazione Terapeutica 1ª EDIZIONE. 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA364 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA364 Pagina 1/8 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SANITÀ Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2014/2015 Durata Durata

Dettagli

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14 Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228 Dir. Resp.: Roberto Napoletano 25-OTT-2014 da pag. 14 Stabilità. Boschi: "Il taglio al fondo per i malati di Sla può essere rivisto in Parlamento" http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=24002

Dettagli

Management della Farmacia Ospedaliera

Management della Farmacia Ospedaliera - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ & NON

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

CARCINOMA GASTRICO: OBBLIGATA PER IL PERCORSO RECETTORE HER-2, DI CURA MIGLIORE VENERDÌ 30 NOVEMBRE

CARCINOMA GASTRICO: OBBLIGATA PER IL PERCORSO RECETTORE HER-2, DI CURA MIGLIORE VENERDÌ 30 NOVEMBRE CARCINOMA GASTRICO: RECETTORE HER-2, UNA C O N O S C E N Z A OBBLIGATA PER IL PERCORSO DI CURA MIGLIORE VENERDÌ 30 NOVEMBRE 2 0 1 2 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA

Dettagli

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Piano degli studi Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FARMACOTERAPIA E FARMACOECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FARMACOTERAPIA E FARMACOECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione MASTER DI II LIVELLO FARMACOTERAPIA E FARMACOECONOMIA I nuovi modelli professionali per la farmacia del domani Centro Sociosanitario Polifunzionale

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

Corso di Formazione A Distanza (FAD) La continuità assistenziale. Integrazione tra ospedale e territorio: la dimissione del paziente fragile.

Corso di Formazione A Distanza (FAD) La continuità assistenziale. Integrazione tra ospedale e territorio: la dimissione del paziente fragile. Mod. E3 Rev. 1 del 01/06/2012 Pagina 1 di 6 Corso di Formazione A Distanza (FAD) La continuità assistenziale. Integrazione tra ospedale e territorio: la dimissione del paziente fragile. Periodo di erogazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti allegato alla deliberazione n.04/070 del Consiglio Direttivo n.04/2008 del 28 maggio 2008 Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti Il

Dettagli

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena: un approccio integrato a gestione e sviluppo delle HR

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena: un approccio integrato a gestione e sviluppo delle HR 21 GIUGNO 2011 Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena: un approccio integrato a gestione e sviluppo delle HR Maurizio Pirazzoli Direttore Amministrativo Carmen Vandelli Responsabile Servizio Gestione

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

Registro Italiano Mastocitosi:

Registro Italiano Mastocitosi: Divisione di Ematologia Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Pavia Serena Merante Registro Italiano Mastocitosi: malattia rara e "orfana" di farmaci Outline Perchè la mastocitosi? Perché un registro

Dettagli

La terapia del carcinoma mammario metastatico: ruolo delle antracicline

La terapia del carcinoma mammario metastatico: ruolo delle antracicline La terapia del carcinoma mammario metastatico: ruolo delle antracicline Hotel AC, 8 ottobre 2014 Razionale Il carcinoma della mammella rappresenta uno dei settori dell oncologia nel quale maggiori sono

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

Focus on: neoplasie genito-urinarie, novità terapeutiche e gestione multidisciplinare

Focus on: neoplasie genito-urinarie, novità terapeutiche e gestione multidisciplinare Evento formativo Focus on: neoplasie genito-urinarie, novità terapeutiche e gestione multidisciplinare UNA HOTEL Versilia, Lido di Camaiore (LU) 3 ottobre 2012 Razionale Scientifico Il Convegno Focus on:

Dettagli

VERBALE DELL ASSEMBLEA GENERALE DELLA CONSULTA NAZIONALE DEGLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA DEL LAVORO (CoSMeL)

VERBALE DELL ASSEMBLEA GENERALE DELLA CONSULTA NAZIONALE DEGLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA DEL LAVORO (CoSMeL) Consulta Nazionale degli Specializzandi in Medicina del Lavoro VERBALE DELL ASSEMBLEA GENERALE DELLA CONSULTA NAZIONALE DEGLI SPECIALIZZANDI IN MEDICINA DEL LAVORO (CoSMeL) Giardini Naxos 11/10/2013 Il

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

LA RELAZIONE OPERATORE PAZIENTE-FAMIGLIA

LA RELAZIONE OPERATORE PAZIENTE-FAMIGLIA MODELLO PER DEFINIZIONE PROGRAMMA DEL CORSO Rev. 7 del 13/04/06 Pagina 1 di 6 LA RELAZIONE OPERATORE PAZIENTE-FAMIGLIA NELLE CURE PALLIATIVE Dicembre 2005 Dicembre 2006 N ID CORSO: 5505 organizzato da:

Dettagli

Chairmen: Sabino De Placido, Luca Gianni

Chairmen: Sabino De Placido, Luca Gianni Chairmen: Sabino De Placido, Luca Gianni P R O G R A M M A S C I E N T I F I C O P R E L I M I N A R E COORDINATORI SCIENTIFICI SABINO DE PLACIDO Università Degli Studi di Napoli Federico II, Napoli LUCA

Dettagli

Corso di Counseling Motivazionale in ambito sanitario

Corso di Counseling Motivazionale in ambito sanitario Secondo dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità con 9 milioni di decessi ogni anno, le malattie croniche sono la principale causa di morte tra la popolazione sotto i 60 anni di età e, più in generale,

Dettagli

giovanni.lucignani@unimi.it www.lucignani.it

giovanni.lucignani@unimi.it www.lucignani.it FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Titolo professionale Giovanni Lucignani Professore Indirizzo Unità operativa di Medicina nucleare, Dipartimento dei Servizi diagnostici,

Dettagli

COMITATO DI COORDINAMENTO DEL DIPO

COMITATO DI COORDINAMENTO DEL DIPO COMITATO DI COORDINAMENTO DEL DIPO VERBALE n. 4/2012 PRESENTI: v. allegato firme presenze Di seguito si riportano sinteticamente le risultanze dell incontro tenutosi in data 12 dicembre 2012 presso la

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Specialistica in Scienze della Comunicazione Pubblica Sociale e Politica COMUNICARE LA CURA E CURARE LA COMUNICAZIONE Il

Dettagli

Health Technology Assessment (HTA)

Health Technology Assessment (HTA) Health Technology Assessment (HTA) J. A. Salerno-Uriarte Cattedra di Cardiologia, Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese PRIMA CONFERENZA

Dettagli

Vademecum La nuova Ecm in pillole Breve vademecum per capire la nuova struttura della formazione continua di Annamaria Ferraresi

Vademecum La nuova Ecm in pillole Breve vademecum per capire la nuova struttura della formazione continua di Annamaria Ferraresi Vademecum La nuova Ecm in pillole Breve vademecum per capire la nuova struttura della formazione continua di Annamaria Ferraresi L'Infermiere n. 1/2010 La Commissione nazionale ECM ha elaborato il Regolamento

Dettagli

enrico.bollero@ptvonline.it l Università di Roma con 110 e lode

enrico.bollero@ptvonline.it l Università di Roma con 110 e lode ENRICO BOLLERO Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Tel 06 2090.0025 E-mail enrico.bollero@ptvonline.it Nazionalità Italiana Data di nascita Roma, 12 Dicembre 1940 TITOLI ACCADEMICI DI STUDIO 1966 Laureato

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA DI PATOLOGIA P RESIDENTE: F RANCESCO S AVERIO A MBESI I MPIOMBATO

SOCIETÀ ITALIANA DI PATOLOGIA P RESIDENTE: F RANCESCO S AVERIO A MBESI I MPIOMBATO SOCIETÀ ITALIANA DI PATOLOGIA P RESIDENTE: F RANCESCO S AVERIO A MBESI I MPIOMBATO VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 19 MAGGIO 2008 Il giorno 19 maggio 2008, alle ore 11:00 presso l Auletta

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine. Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA

European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine. Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA European Advanced Translational Research InfraStructure in Medicine Italian Advanced Translational Research Infrastructure BANDO PER PROGETTI PILOTA 1. PREMESSA 1.1. European Advanced Translational Research

Dettagli

ASL S A L E R N O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

ASL S A L E R N O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI ASL S A L E R N O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Dott. Schipani Giuseppe Indirizzo Via Rosario, 24 84091- Battipaglia (SA) Telefono 0828-210235

Dettagli

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA MEDICALSTAR Via S. Gregorio, 12 20124 MILANO Tel. 02 29404825 www.medicalstar.it info@medicalstar.it Perché i Quaderni I Quaderni sono

Dettagli

Titolo: SCREENING DEL CERVICOCARCINOMA CON IL TEST PER L HPV. Data: 25/02/2015

Titolo: SCREENING DEL CERVICOCARCINOMA CON IL TEST PER L HPV. Data: 25/02/2015 SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA UNITA OPERATIVA DIP.TO DI PREVENZIONE SERV. SCREENING ONCOLOGICI Allegato 1 P2-FORM MODULO PROGRAMMA FORMAZIONE RESIDENZIALE Titolo: SCREENING DEL CERVICOCARCINOMA CON IL

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance)

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Messina SIMG Società Italiana di Medicina Generale Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) La formazione di qualità per migliorare

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail lavoro DOMENICA COSTANTINO serfarma.rc@asp.rc.it Nazionalità italiana Data

Dettagli

Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata.

Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. 2 CONVEGNO NAZIONALE OSPEDALE,CITTA E TERRITORIO Potenzialità e limiti dell IT nell integrazione tra i servizi ospedalieri e territoriali Università degli Studi di Verona Polo Didattico G. Zanotto 14 settembre

Dettagli

Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia. Bando interno per l anno 2013

Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia. Bando interno per l anno 2013 < Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia Bando interno per l anno 2013 La Direzione Scientifica emana per l anno 2013 un bando interno per finanziare mediante il budget della Ricerca Corrente

Dettagli

artemix@unime.it Responsabile della U.O.C. di Sistemi di Controllo e Qualità, Controllo di Gestione e Centri di Costo

artemix@unime.it Responsabile della U.O.C. di Sistemi di Controllo e Qualità, Controllo di Gestione e Centri di Costo C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Cellulare ARTEMISIA Antonio V.LE REGINA ELENA N. 365-98121 MESSINA 090.3501082 328.9746773 Fax 090.2938603 E-mail artemix@unime.it

Dettagli

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive GENISAP meeting Roma, 17 luglio 2013 1-15:16 Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive Emilio Di Maria [emilio.dimaria@unige.it] Dipartimento di Scienze della Salute Università di Genova

Dettagli

EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA Una proposta innovativa e all avanguardia

EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA Una proposta innovativa e all avanguardia EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA Una proposta innovativa e all avanguardia Chi siamo I&C è un agenzia di organizzazione congressuale con più di 25 anni di esperienza nell organizzazione di congressi, convegni

Dettagli

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici Progetto Mosaico network di analisi delle terapie e studi epidemiologici IMS Health IMS Health è un grande gruppo internazionale leader nel mondo nella fornitura di servizi di informazioni di mercato per

Dettagli

Bilancio Sociale 2014

Bilancio Sociale 2014 Attività di promozione e sviluppo del sistema AIC Bilancio sociale 2014 Associazione Italiana Celiachia 3 16 3 ATTIVITÀ DI PROMOZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA AIC 3.1 COORDINAMENTO ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia 2 SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia Andrea Sagona Istituto Clinico Humanitas, Milano Adele

Dettagli

Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica. Stati Generali della Salute. Roma Proposta della CAO Nazionale

Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica. Stati Generali della Salute. Roma Proposta della CAO Nazionale Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica Stati Generali della Salute Roma Proposta della CAO Nazionale Roma, 09 /04/2014 Premessa La società in cui viviamo sta attraversando un momento di crisi e la

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

Regione Puglia PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA

Regione Puglia PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA Regione Puglia ALLEGATO E PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA (ai sensi della Legge 138/2004 e dell Intesa Stato-Regioni e Province Autonome

Dettagli

PROGETTO SLANCIO Il network delle cure per le malattie complesse

PROGETTO SLANCIO Il network delle cure per le malattie complesse PROGETTO SLANCIO Il network delle cure per le malattie complesse Il caso della SLA Paola Chesi Fondazione ISTUD Con il supporto Incondizionato di Laboratorio FIASO Le premesse: il progetto SLANCIO 2010

Dettagli

INPS GESTIONE EX INPDAP Homo Sapiens Sapiens MASTER J MASTER EXECUTIVE

INPS GESTIONE EX INPDAP Homo Sapiens Sapiens MASTER J MASTER EXECUTIVE Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Dipartimento di Medicina Traslazionale Cattedra di Oncologia Medica Direttore: Prof. Oscar Alabiso INPS GESTIONE EX INPDAP Homo Sapiens Sapiens

Dettagli

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE

RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA. Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE RAPPORTO 1/09/2011-31/03/2012 STUDIO OSSERVAZIONALE SUGLI STATI VEGETATIVI PROGETTO VESTA Unità Operativa di Latina INTRODUZIONE Il Progetto Vesta è uno studio osservazionale multicentrico su soggetti

Dettagli

WEB BABEL SYNDROME E SECONDO PARERE

WEB BABEL SYNDROME E SECONDO PARERE Università di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di chirurgia generale WEB BABEL SYNDROME E SECONDO PARERE Prof. Beniamino Palmieri Dr Tommaso Iannitti Dr Valentina Rottigni Web Babel Syndrome E la ricerca

Dettagli

proposte formative del Ccm

proposte formative del Ccm attività di formazione e documentazione: strumenti al servizio della promozione della salute proposte formative del Ccm silvia colitti Roma, 23 giugno 2008 il Ccm: promuove ed organizza corsi di formazione

Dettagli

ESPERIENZA LOMBARDA DI ASSISTENZA GLOBALE AL MALATO E AL LUNGOVIVENTE ONCOLOGICO. Davide Petruzzelli

ESPERIENZA LOMBARDA DI ASSISTENZA GLOBALE AL MALATO E AL LUNGOVIVENTE ONCOLOGICO. Davide Petruzzelli SCHEDA PROGETTO Titolo ESPERIENZA LOMBARDA DI ASSISTENZA GLOBALE AL MALATO E AL LUNGOVIVENTE ONCOLOGICO Area Proponente Strutture coinvolte malato oncologico (interventi per migliorare: cura, assistenza,

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli