ELEMENTI DELLA COMPETENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI DELLA COMPETENZA"

Transcript

1 MONTAGGIO ARREDO FIGURA 1 Assembtore ed instaltore di elementi di arredo e falegnameria COMPETENZA GENERALE Essere in grado di assembre elementi di arredo e falegnameria, adattando gli elementi ed effettuando un corretto assembggio, nel rispetto delle regole di sicurezza e salute sul voro. ELEMENTI DELLA COMPETENZA 1) Essere in grado di verificare conformità dei materiali e dei prodotti in tutte le fasi (arrivo, fasi del produzione, spedizione) tenendo presenti le differenti caratteristiche delle tipologie merceologiche e considerando le norme legali di gestione dei difetti. 2) Essere in grado di interpretare disegni tecnici al fine di identificare l approccio costruttivo, forma, le misure e dimensioni degli oggetti da trattare. 3) Essere in grado di trasportare ed instalre (sul luogo di voro/sito del cliente) gli elementi di carpenteria e arredo un corretto assembggio, usando correttamente tecniche, strumenti e materiali. 4) Essere in grado di assembre i componenti ed effettuare i controlli/verifiche/test di finitura del legno, seguendo i manuali ed i documenti tecnici. 5) Essere in grado di coordinare le attività del gruppo di voro. Livello di Elemento 1 dal Essere in grado di verificare conformità dei materiali e dei prodotti in tutte le fasi (arrivo, fasi del produzione, spedizione) tenendo presenti le differenti caratteristiche delle tipologie merceologiche e considerando le norme legali di gestione dei difetti. Identificazione dei requisiti dei materiali e verifica di conformità rispetto alle specifiche prima dell accettazione. Identificazione degli standard gestione del tracciabilità dei materiali. Verifica dell affidabilità dei manufatti in accordo con gli standard di prodotto applicabili. Correzione degli scostamenti identificati. Preparazione del documentazione di conformità dei materiali trattati. - Dei prodotti vorati e semi-vorati dal punto di vista delle loro caratteristiche tecnologiche. - Dei diversi tipi di materiali e componenti disponibili sul mercato e delle retive certificazioni. - Caratteristiche fisiche e meccaniche del legno e dei suoi derivati. - Caratteristiche fisiche e meccaniche del minuteria metallica. - Dei metodi di verifica del conformità dei materiali da assembggio. - Dei requisiti il corretto immagazzinamento dei materiali, dei componenti e dei manufatti preservazione delle loro caratteristiche. - Dei metodi di gestione assicurare tracciabilità dei materiali e dei componenti attraverso tutte le fasi del produzione fino al prodotto finito. - Degli standard di prodotto UE applicabili ai beni manufatti. - Delle verifiche da effettuare sui beni finiti e durante le fasi del produzione al fine di garantire loro affidabilità e conformità di processo dichiarate. - Dei criteri gestione delle non conformità/difetti riscontrati. - Degli standard il riscio di certificati di conformità dei materiali. 1

2 - Verifica di conformità dei materiali. - Corretto immagazzinamento dei materiali, componenti e beni manufatti. - Implementazione di sistemi di gestione tracciabilità dei materiali e dei componenti. - Verifica di affidabilità dei beni finiti attraverso test visivi e funzionali. - Gestione delle non conformità/difetti nei prodotti finiti e durante le fasi del produzione. - Preparazione del documentazione di conformità dei materiali o capacità di reire suddetta documentazione. - Organizzare produzione in base alle priorità ed identificare le più appropriate tecniche oative sul base del materiale disponibile. 1) Campionatura di parti di beni manufatti immagazzinati il loro controllo di affidabilità. 2) Correzione di possibili non conformità. 3) Organizzazione di un sistema di tracciabiltà dei componenti sul luogo di assembggio. 4) Gestione dei difetti nel prodotto finito. 1) Numero di parti rifiutate chè non conformi. 2) Numero di parti non rifiutate chè recuabili. 3) Tempi di assembggio. 4) Numero di mentele/interventi successivi al montaggio (non conformità). Elemento 2 dal Elemento 3 Essere in grado di interpretare disegni tecnici al fine di identificare l approccio costruttivo, forma, le misure e dimensioni degli oggetti da trattare. Lettura ed interpretazione di disegni tecnici. Prendere le misure. Sviluppo di soluzioni tecniche non standard gestione di prodotti, componenti ed accessori. Preparazione di disegni tecnici, valutazioni di fattibilità e specifiche del voro. Preparazione, dove applicabile, di un esempio di finitura da presentare al cliente. - Fondamenti di progettazione. - Regole di composizione. - Sistemi di disegno arredamento. - Nozioni base di disegno tecnico. - Riconoscere gli standard di settore. - Leggere caratteristiche specifiche e generali. - Applicare gli standard che governano progettazione tramite il disegno tecnico. 1) verifica di progetti esecutivi. 2) Organizzazione di un piano di assembggio. 3) Organizzazione di ogni necessaria soluzione di assembggio non-standard. 4) Realizzazione di campioni di finitura. 5) Realizzazione di assembggio seguendo il progetto esecutivo. 1) Tempi di voro. 2) Numero di interventi successivi all assembggio. 3) Numero di mentele (non conformità). Essere in grado di trasportare ed instalre (sul luogo di voro/sito del cliente) gli elementi di carpenteria e arredo un corretto assembggio, usando correttamente tecniche, strumenti e materiali. 2

3 dal Preparazione dell imbalggio od altri accorgimenti di protezione il trasporto dei beni manufatti. Conformità alle regole gestione dei carichi. Formazione di sonale (interno ed esterno) corretta instalzione degli oggetti. Reimento, dopo sopralluogo, dell attrezzatura l assembggio e dell equipaggiamento di sicurezza protezione del sito di voro. Assembggio di componenti lignei usando le appropriate tecniche di incoltura e giuntatura, nel rispetto delle norme legali ed aziendali. Assembggio di componenti lignei usando attrezzatura adatta, nel rispetto delle norme legali ed aziendali. Gestione degli scarti e loro smaltimento secondo le norme in vigore. Eventuali rifiniture e controlli funzionali sui prodotti finiti dopo l instalzione, al presenza del cliente. - Metodi organizzativi ed oativi del boratorio. - Appropriato utilizzo dei manuali d uso e manutenzione dei macchinari. - Standard di sicurezza e salute sul voro prevenzione di incidenti vorativi. - Sistemi di protezione sonale e collettiva, standard di igiene e sicurezza, servizi di emergenza sul posto di voro. - Conoscenza dei materiali e delle attrezzature l imbalggio. - Conoscenza dei metodi e delle tecniche di imbalggio. - Conoscenza di materiali, attrezzature e fasi di instalzione (fogli di istruzione, dove disponibili). - Conoscenza dei metodi di finitura, verifica e controllo da realizzare sui beni manufatti dopo l instalzione. - Conoscenza delle istruzioni di uso e manutenzione dei prodotti manufatti da comunicare al cliente (fogli di istruzione, dove disponibili). - Preparazione del luogo di voro, taratura ed utilizzo delle macchine, dei sistemi, delle attrezzature e degli strumenti. - Uso di macchine utensili. - Lavoro di manutenzione ordinaria sui macchinari. - Ispezione regore dei dispositivi di sicurezza delle macchine utensili. - Implementazione di attività utili sicurezza sul luogo di voro. - Preparazione dei beni l imbalggio ed esecuzione dell imbalggio. - Coordinamento e preparazione del luogo di voro con il cliente, il project manager ed eventualmente con presenza di terzi. - Formazione del sonale e preparazione di un foglio di istruzioni l instalzione dei prodotti. - Pianificazione dell equipaggiamento necessario le oazioni di assembggio e preparazione del materiale di sicurezza protezione del luogo di voro. - Carico e scarico dei materiali nel rispetto degli standard di sicurezza. - Corretta instalzione dei beni e gestione degli scarti e del loro smaltimento. - Realizzazione di oazioni di finitura e di test funzionali sui prodotti dopo l instalzione. - Preparazione di un foglio di uso e manutenzione del prodotto. 1) Realizzazione dell imbalggio o altre misure di protezione dei componenti il trasporto. 2) Gestione del necessaria attrezzatura l assembggio e sicurezza sul posto di voro, dopo l ispezione. 3) Numero di asssembggi realizzati, utilizzando l appropriato equipaggiamento e seguendo le normative vigenti e le regole. 1) Numero di componenti inutilizzati a causa di errori nell imballo. 2) Tempo di esecuzione dell assembggio. 3

4 3) Numero di mentele da parte dei clienti (non conformità). Elemento 4 Essere in grado di assembre i componenti ed effettuare i controlli/verifiche/test di finitura del legno, seguendo i manuali ed i documenti tecnici. Assembggio del ferramenta (piccole parti metalliche). dal Applicazione delle guarnizioni su porte e/o cornici. Verifica del corretta collocazione ed inserimento dei vari componenti. Verfica del corretto posizionamento (interno/esterno) delle parti. Verifica del funzionamento di atura/chiusura delle parti. Aggiustamento, ove necessario, del dimensione dei componenti. Effettuazione di tagli, dove necessario. Effettuazione di forature. Conformità alle norme di sicurezza sul voro ed ambientali. Esecuzione del rifinitura. Eliminazione delle eventuali imfezioni. - Conoscenza di abrasivi, riempitivi, conservanti, ritocchi, coloranti, pitture, cere, prodotti a base oleosa, adesivi, ecc... e retive norme di immagazzinamento, stoccaggio e smaltimento. - Conoscenza delle fasi di stuccatura e carteggiatura, ecc - Conoscenza dei trattamenti di finitura e tecniche/sistemi di trattamento delle sufici utilizzando patine conservative, pitture, vernici, ecc - Conoscenza dei principali metodi di vorazione: taglio, pialtura, spessoratura, misuratura, squadratura, giuntatura, foratura, sabbiatura, pulitura, fresatura, tornitura, assembggio. - Conoscenza delle norme di sicurezza e ambientali applicabili. - Conoscenza delle procedure di assembggio parti. Elemento 5 dal - Tecniche di misurazione. - Tecniche di assembggio. - Tecniche di fissaggio. - Tecniche di finitura. - Uso degli strumenti di voro (incluse le oazioni di manutenzione). 1) Sistemazione dei componenti. 2) Assembggio del ferramenta. 3) Fissaggio di guarnizioni su porte e/o tei. 4) Correzione, se necessario, delle misure degli elementi. 5) Realizzazione di fori di precisione, rimozione di tutte le imfezioni. 6) Realizzazione di tutte le attività seguendo le norme e procedure di sicurezza. 1) Numero di componenti montati non correttamente (non conformità). 2) Numero di guarnizioni/componenti di ferramenta instalti non correttamente (non conformità). 3) Numero di componenti scartati a causa di errori di rettifica (non conformità). 4) Numero di mentele riguardanti vori terminati (non conformità). 5) Numero di incidenti. Essere in grado di coordinare le attività del gruppo di voro. Sviluppo e sostegno delle competenze dei voratori. Azioni finalizzate al distribuzione dei carichi di voro ed al delega del responsabilità. Coordinamento delle attività. - Principi di dinamica intersonale applicata al voro di gruppo. 4

5 - Concetto di. - Tipi di delega e loro applicazione. - Conoscenza di base del diritto del voro. - Gestione di gruppi di voro e voro di gruppo obiettivi. - Valutazione degli elementi motivazionali che stanno al base del voro sonale e del gruppo. - Valutazione e valorizzazione delle capacità dei membri del gruppo di voro. - Valutazione di iniziative che supportino il gruppo di voro (coching, formazione, ecc ). 1) Organizzare l attività del proprio gruppo di voro. 2) Gestire ed organizzare il proprio gruppo di voro. 3) Intervenire nei momenti critici. 4) Realizzare attività formative. 1) Tempi di voro. 2) Lamentele del gruppo di voro. 3) Tempo dedicato all addestramento. 4) Numero di non conformità. 5

6 FIGURA 2 Assistente di assembggio ed instalzione di elementi di arredo e falegnameria COMPETENZA GENERALE Essere in grado di assistere durante le fasi di assemggio ed instalzione di elementi di carpenteria ed arredo, seguendo le regole di sicurezza e salute sul voro. ELEMENTI DELLA COMPETENZA 1) Essere in grado di leggere e comprendere gli elementi base di disegno tecnico al fine di partecipare attivamente all identificazione dell approccio costruttivo di un elemento manufatto. 2) Essere in grado di assistere durante le fasi di instalzione e trasporto (sul luogo di voro/sito del cliente) degli elementi di carpenteria e arredo un corretto assembggio, usando correttamente tecniche, strumenti e materiali. 3) Essere in grado di assistere durante le fasi di assembggio dei componenti e di controllo/verifica/test di finitura del legno, seguendo i manuali ed i documenti tecnici. Livello di Elemento 1 dal Essere in grado di leggere e comprendere gli elementi base di disegno tecnico al fine di partecipare attivamente all identificazione dell approccio costruttivo di un elemento manufatto. Leggere ed interpretare semplici disegni di voro. Prendere misure. Preparazione di semplici disegni di voro e schizzi. Leggere, interpretare ed eseguire disegni in sca. Misurare e controlre squadratura. - Fondamenti di disegno. - Principali regole di composizione. - Conoscenza degli strumenti usati le misure. - Ricoscimento degli standard di conformità del settore. - Riconoscimento di caratteristiche generali e specifiche. - Applicazione degli standard collegati al disegno tecnico progettuale. 1) Assistenza nel verifica di progetti esecutivi. 2) Assistenza nell assembggio, seguendo progetti esecutivi. 1) Tempi di apprendimento. Elemento 2 dal Essere in grado di assistere durante le fasi di instalzione e trasporto (sul luogo di voro/sito del cliente) degli elementi di carpenteria e arredo un corretto assembggio, usando correttamente tecniche, strumenti e materiali. Preparazione di strumenti e beni manufatti. Preparazione (in semi autonomia) di attrezzatura e strumenti necessari l instalzione, seguendo disegni tecnici e istruzioni del capo squadra. Seque del normativa riguardante movimentazione dei carichi. Aiutare l esto durante l assembggio del manufatto. Eseguire semplici attività di assembggio. Tenere un comportamento finalizzato al sicurezza sonale ed al conservazione ed al rispetto del luogo dove avviene l assembggio. 6

7 Elemento 3 dal Controlre l efficienza degli strumenti e dell equipaggiamento e provvedere al loro manutenzione. - Uso appropriato dei manuali d uso e manutenzione il macchinario. - Standard vorativi di sicurezza ed igiene prevenzione di incidenti sul luogo di voro. - Sistemi sonali e collettivi di protezione, standard igienico-sanitari, procedure di emergenza sul posto di voro. - Conoscenza di metodi e tecniche di imbalggio. - Conoscenza di materiali, attrezzature e fasi del montaggio (fogli di istruzioni, quando disponibili). - Conoscenza dei più importanti metodi di rifinitura, verifica e controllo da realizzare sui beni manufatti dopo l instalzione (montaggio). - Conoscenza delle istruzioni di uso e manutenzione i beni manufatti, da comunicare al cliente (libretto di istruzioni e manutenzione, quando disponibile). - Preparazione del posto di voro, preparazione e uso dei macchinari, sistemi, attrezzature e strumenti. - Uso delle macchine utensili. - Lavoro di manutenzione ordinaria sui macchinari. - Ispezione regore dell equipaggiamento di sicurezza delle machine utensili. - Preparazione dei beni manufatti l imballo ed esecuzione dell imballo. - Corretta instalzione dei beni e gestione e smaltimento dei rifiuti. - Realizzazione di attività di finitura sui beni manufatti dopo l instalzione. 1) Cooare nel preparazione dell imballo od altra forma di protezione dei componenti il trasporto. 2) Cooare nel preparazione dell attrezzatura necessaria l assembggio e protezione del posto di voro, se necessario. 3) Cooare nell assembggio, utilizzando equipaggiamento adeguato e seguendo le norme legali ed aziendali. 4) Cooare nel gestione dei prodotti di scarto e nel loro smaltimento, seguendo le norme legali ed aziendali. 5) Cooare al controllo finale di funzionalità del prodotto. 1) Numero di componenti inutilizzati a causa di errori nell imballo (non conformità). 3) Numero di recmi da parte di clienti (non conformità). 4) Tempo trascorso in formazione. Essere in grado di assistere durante le fasi di assembggio dei componenti e di controllo/verifica/test di finitura del legno, seguendo i manuali ed i documenti tecnici. Effettuare fori. Assembggio di componenti (ferramenta). Applicazione di guarnizioni su porte e/o cornici. Effettuare tagli, quando necessario. Inserimento e collocamento di vari componenti. Rifinitura (interna/esterna) di parti. Conformità con le normative di benessere e sicurezza sul luogo di voro e con le leggi di protezione ambientale. - Eseguire semplici oazioni di assembggio. - Pianificazione del proprio voro sul base del documentazione tecnica e seguendo le direttive del caposquadra. - Conoscenze di base : tagliare, livelre, spessorare, calibrare, 7

8 squadrare, giuntare, forare, rifinire, tornire, assembre. - Conoscenza delle normative applicabili in tema di sicurezza e prevenzione e normative ambientali. - Tecniche base di misurazione. - Tecniche base di assembggio. - Tecniche base di fissaggio. - Colborare al preparazione di strumenti e materiali necessari ad ogni fase dell assembggio. - Eseguire con attenzione le oazioni necessarie, prendendosi cura di se stesso e dell ambiente di voro. - Tenere un comportamento orientato al propria sicurezza ed al senso di responsabilità. 1) Assistenza nel piazzamento dei componenti. 2) Assistenza nell assembggio del ferramenta. 3) Assistenza nell assembggio delle guarnizioni su porte e/o cornici. 4) Assistenza nel rettifica, se necessario, delle misure degli elementi. 5) Assistenza nelle azioni di rifinitura ed eliminazione dei difetti. 6) Realizzazione di tutte le attività nel rispetto delle norme di sicurezza ed aziendali. 1) Tempo trascorso in formazione. 2) Numero di incidenti. 8

STRUMENTO DI AUTOVALUTAZIONE MONTAGGIO ARREDO

STRUMENTO DI AUTOVALUTAZIONE MONTAGGIO ARREDO STRUMENTO DI AUTOVALUTAZIONE MONTAGGIO ARREDO FIGURA 1 Assemblatore ed installatore di elementi di arredo e falegnameria COMPETENZA GENERALE Essere in grado di assemblare elementi di arredo e falegnameria,

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - FALEGNAME - Il falegname

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 10. OPERATORE DEL LEGNO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

falegname ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014

falegname ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014 Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di falegname 1. Il profilo professionale 2. Durata ed esame di fine apprendistato 3. Referenziazioni del

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE MECCANICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE MECCANICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE MECCANICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani,

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Nautica da diporto

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

Tecnico per l edilizia. Figura professionale:

Tecnico per l edilizia. Figura professionale: Tecnico per l edilizia Disegnatore ed aiuto progettista CAD Tecnico di gestione commessa Tecnico di conduzione cantiere e di contabilità dei lavori Progettazione, conduzione tecnica e contabile dei cantieri

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni Attivitàeinsegnamentidell indirizzo Produzioniindustrialieartigianali Articolazione Industria Opzione Arrediefornitured interni Disciplina: LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI Il docente di Laboratori

Dettagli

Operatore delle lavorazioni artistiche. Standard della Figura nazionale

Operatore delle lavorazioni artistiche. Standard della Figura nazionale Operatore delle lavorazioni artistiche Standard della Figura nazionale 55 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - CARPENTIERE IN METALLO

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 9. OPERATORE DELLE LAVORAZIONI ARTISTICHE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 9. OPERATORE DELLE LAVORAZIONI ARTISTICHE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 9. OPERATORE DELLE LAVORAZIONI ARTISTICHE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

Montatore. La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91:

Montatore. La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: Montatore La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DN 36.1 Fabbricazione di mobili Figure professionali contigue: Contesto produttivo: Taglio

Dettagli

Operatore edile. Standard della Figura nazionale

Operatore edile. Standard della Figura nazionale Operatore edile Standard della Figura nazionale 20 Denominazione della figura OPERATORE EDILE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO 2007/ISTAT

Dettagli

PROGRAMMAZIONE TERZE CLASSI ODONTOTECNICA

PROGRAMMAZIONE TERZE CLASSI ODONTOTECNICA PROGRAMMAZIONE TERZE CLASSI ODONTOTECNICA Competenza finale Utilizzare le tecniche di lavorazione necessarie a costruire tutti i tipi di protesi: provvisoria, fissa e mobile applicare le conoscenze di

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazione artigianale

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ADDETTO ALLE MACCHINE UTENSILI

PROGETTO FORMATIVO DI RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ADDETTO ALLE MACCHINE UTENSILI PROGETTO FORMATIVO DI RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ADDETTO ALLE MACCHINE UTENSILI Premessa: La presente ipotesi nasce dall esigenza di riqualificare professionalmente dei lavoratori disoccupati, in mobilità

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 4 OPERATORE EDILE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro 2.2 SICUREZZA generale delle macchine 2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro La principale normativa di riferimento per una corretta scelta e gestione delle macchine

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazione di metalli

Dettagli

Rev. 1 del 11/09/2012 Pagina 1 di 12 PROTOCOLLO DI GARANZIA GARANZIA 15 ANNI

Rev. 1 del 11/09/2012 Pagina 1 di 12 PROTOCOLLO DI GARANZIA GARANZIA 15 ANNI Pagina 1 di 12 PROTOCOLLO DI GARANZIA GARANZIA 15 ANNI Pagina 2 di 12 G A R A N Z I A Il Colorificio ZETAGI Srl garantisce il rivestimento Holzfreund W, applicato sui manufatti nuovi in legno, contro i

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 11. OPERATORE DEL MONTAGGIO E DELLA MANUTENZIONE DI IMBARCAZIONI DA DIPORTO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali

Dettagli

maniglie in stile maniglie moderne maniglie modulari pomoli articoli tecnici attrezzatura armadi BM Srl Accessori per mobili guarda il video

maniglie in stile maniglie moderne maniglie modulari pomoli articoli tecnici attrezzatura armadi BM Srl Accessori per mobili guarda il video per conoscerci meglio Specializzati nella produzione di accessori per mobili sia tecnici che decorativi, contiamo più di 1000 articoli tra gli ornamentali e i tecnici. I nostri punti di forza? Flessibilità

Dettagli

Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi

Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi 1 41 Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi 8000 mq - in continua crescita I NOSTRI SERVIZI PROGETTAZIONE TAGLIO LASER PUNZONATURA TAGLIO CESOIA SCANTONATURA TAGLIO SEGHETTO TORNITURA FRESATURA FORATURA

Dettagli

Operatore meccanico-orologiaio. Proposta standard formativo minimo regionale

Operatore meccanico-orologiaio. Proposta standard formativo minimo regionale Operatore meccanico-orologiaio Proposta standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE MECCANICO-OROLOGIAIO

Dettagli

ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri

ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri ******* Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto relativo alla fornitura di cofani in

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE ELETTRICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE ELETTRICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani,

Dettagli

Impianti Industriali per il trattamento delle superfici metalliche

Impianti Industriali per il trattamento delle superfici metalliche w w w. c a m i t i m p i a n t i. i t Impianti Industriali per il trattamento delle superfici metalliche Impianti per sabbiatura L impianto consente di eseguire manualmente la granigliatura su particolari

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione Manuale d uso e manutenzione Egregio Cliente, La ringraziamo per aver scelto la qualità dei nostri prodotti. La ditta LEON rimane, comunque, a Sua disposizione per ogni chiarimento o esigenza tecnica e

Dettagli

RePlaCe LIFE08 ENV/IT/000393

RePlaCe LIFE08 ENV/IT/000393 1. PREMESSA Il presente Manuale vuole essere uno strumento per implementare e applicare nel modo corretto il processo di reimpiego dei rifiuti plastici industriali sviluppato nell ambito del progetto RePlaCe.

Dettagli

REFERENZIAZIONI (Istat 2001) - NUP DISEGNATORE DI MOBILI 3.1.2.6.8 DISEGNATORE DI ARREDAMENTI 3.4.4.2.13

REFERENZIAZIONI (Istat 2001) - NUP DISEGNATORE DI MOBILI 3.1.2.6.8 DISEGNATORE DI ARREDAMENTI 3.4.4.2.13 Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - PROGETTISTA MOBILI E

Dettagli

Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi

Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi 1 41 Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi 8000 mq - in continua crescita è sponsor di ASSOCIAZIONE ITALIANA DI MANAGEMENT DEGLI APPROVVIGIONAMENTI www.adaci.it www.adacitrevenezie.it I NOSTRI SERVIZI

Dettagli

muratore/muratrice ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014

muratore/muratrice ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014 Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di muratore/muratrice 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni del

Dettagli

Istituto di istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose CAVALESE. Indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio

Istituto di istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose CAVALESE. Indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio Istituto di istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose CAVALESE Indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio DIPARTIMENTO AREA TECNICA - PIANI DI STUDIO 2014/15 GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE

Dettagli

Catalogo Prodotti di

Catalogo Prodotti di Catalogo Prodotti di Asportazione Truciolo: Fresatura: Utensili MDI, HSS e con fissaggio meccanico dell'inserto, per spianatura, contornatura, lavorazione stampi, frese e microfrese con trattamenti e ricoperture

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

UN PRODOTTO CHE NASCE DA UNA PASSIONE UNICA PER IL PROPRIO MESTIERE

UN PRODOTTO CHE NASCE DA UNA PASSIONE UNICA PER IL PROPRIO MESTIERE UN PRODOTTO CHE NASCE DA UNA PASSIONE UNICA PER IL PROPRIO MESTIERE 1 2 [1962] UNA STORIA FATTA D ESPERIENZA 3 Il legno: una passione diventata arte e tradizione di famiglia. Gesti che si ripetono all

Dettagli

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Comune di TORINO Provincia di TO RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Decreti Legislativi 277/91, 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Operatore del legno. Standard della Figura nazionale

Operatore del legno. Standard della Figura nazionale Operatore del legno Standard della Figura nazionale 61 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE DEL LEGNO 6. Artigiani, operai specializzati ed

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

Per l iscrizione, ulteriori informazioni o una consulenza gratuita, vi preghiamo di contattarci via e-mail al seguente indirizzo: info@centec.

Per l iscrizione, ulteriori informazioni o una consulenza gratuita, vi preghiamo di contattarci via e-mail al seguente indirizzo: info@centec. Programma dei corsi 2014 / 2015 Sommario Corsi base di preparazione 3 Corsi di specializzazione per l artigiano 4 Corsi individuali per aziende 5 Specialista della produzione 6 Interior Design (corso base)

Dettagli

La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore

La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore Scuola Edile di Reggio Emilia Ente di Formazione Professionale Edile Claudio Cigarini Alberto Zanni Formare alla sicurezza I presupposti

Dettagli

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 La norma EN 1090-1: il controllo del

Dettagli

Programma dei corsi Ottobre 2015

Programma dei corsi Ottobre 2015 Programma dei corsi Ottobre 2015 Sommario Falegnameria Corsi base di preparazione 4 Corsi di specializzazione per l artigiano 5 Corsi individuali per aziende 6 Proposte di corsi per la produzione industriale

Dettagli

Operatore meccanico. Standard della Figura nazionale

Operatore meccanico. Standard della Figura nazionale Operatore meccanico Standard della Figura nazionale Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE MECCANICO 6. Artigiani, operai specializzati ed agricoltori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE QUARTE CLASSI ODONTOTECNICA

PROGRAMMAZIONE QUARTE CLASSI ODONTOTECNICA PROGRAMMAZIONE QUARTE CLASSI ODONTOTECNICA Competenza finale Utilizzare le tecniche di lavorazione necessarie a costruire tutti i tipi di protesi: provvisoria, fissa e mobile applicare le conoscenze di

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - LATTONIERE - Il lattoniere

Dettagli

Operatore meccanico. Standard della Figura nazionale

Operatore meccanico. Standard della Figura nazionale Operatore meccanico Standard della Figura nazionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE MECCANICO 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO

LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO Nuovo prodotto Progettazione Programmazione CICLO Operazione Descrizione nnonnononoonono noninininiluludodo Produzione ITI San Zeno (Vr) 1 CICLO 1 Il ciclo nel processo

Dettagli

MANUALE QUALITÀ - PROCEDURE

MANUALE QUALITÀ - PROCEDURE 1 10/10/2010 1 5 INDICE.1 SCOPO.2 GENERALITÀ.3 MODALITÀ OPERATIVE.4 RESPONSABILITÀ.5 DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO.6 DISTRIBUZIONE Preparato da Sergio Pischiottin Approvato da Direzione Alessandro Infanti

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE DI DETTAGLIO

GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE DI DETTAGLIO ALLEGATO 2 PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE DI DETTAGLIO ANNUALITA CONTRATTUALE 1 anno 2 anno 3 anno Ulteriore annualità PROFILO FORMATIVO DI RIFERIMENTO (CCNL) PROFILO ISFOL DI ADDETTO ALLE STRUTTURE- (Muratore,

Dettagli

Chiesa Parrocchiale Verderio Superiore. Progetto di restauro per le opere lignee della sacrestia

Chiesa Parrocchiale Verderio Superiore. Progetto di restauro per le opere lignee della sacrestia RestauroArte snc Monza 20052, via Frisi 10, tel. e fax 039 382027 S.Vittore Olona 20028, via T. Grossi 6, tel 0331 517834 Chiesa Parrocchiale Verderio Superiore Progetto di restauro per le opere lignee

Dettagli

Made in Italy. Cycle

Made in Italy. Cycle Cycle Made in Italy Cycle CICLO DI PRODUZIONE Il ciclo produttivo aziendale è completo e particolarmente specializzato per i modelli standard normalmente prodotti dall azienda. Prevede un ottima flessibilità

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE QUALITÁ MATERIALI E LAVORAZIONI ESEMPI DI COMPONENTI E PARTI REALIZZATI PER CONTO DI VARI CLIENTI SERVIZI OFFERTI REFERENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE QUALITÁ MATERIALI E LAVORAZIONI ESEMPI DI COMPONENTI E PARTI REALIZZATI PER CONTO DI VARI CLIENTI SERVIZI OFFERTI REFERENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE QUALITÁ MATERIALI E LAVORAZIONI ESEMPI DI COMPONENTI E PARTI REALIZZATI PER CONTO DI VARI CLIENTI SERVIZI OFFERTI REFERENZE VANTAGGI OFFERTI TEAM AZIENDALE QUALITÀ TECNOR SISTEMI

Dettagli

OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI

OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 13. OPERATORE MECCANICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

Percorso di qualifica OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ELETTRONICO/A

Percorso di qualifica OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ELETTRONICO/A Percorso di qualifica OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ELETTRONICO/A Standard formativi della figura Quadro formativo del corso Articolazione e contenuti dell esame finale 1 Validazione documento: Gennaio 2011

Dettagli

ALBO FORNITORI CSTP S.P.A. CATEGORIE MERCEOLOGICHE

ALBO FORNITORI CSTP S.P.A. CATEGORIE MERCEOLOGICHE ALBO FORNITORI CSTP S.P.A. CATEGORIE MERCEOLOGICHE FORNITURE FOR 01 - Parti di Ricambio per Rotabili su Gomma 0101 motore e trasmissioni 0102 parti elettriche ed elettroniche 0103 carrozzeria 0104 sistema

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Autonoma

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Autonoma Unione Europea Repubblica Italiana Regione Autonoma Fondo Sociale Europeo della Sardegna Agenzia Formativa R&M SERVIZI PROVINCIA NUORO Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria di Milano. Introduzione ai sistemi produttivi Caratteristiche, pregi e difetti delle varie soluzioni

Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria di Milano. Introduzione ai sistemi produttivi Caratteristiche, pregi e difetti delle varie soluzioni olitecnico di ilano IV Facoltà di Ingegneria di ilano FEAII Impianti Industriali Introduzione ai sistemi produttivi Caratteristiche, pregi e difetti delle varie soluzioni Caratteristiche e prestazioni

Dettagli

Istruzione e Formazione Professionale triennale

Istruzione e Formazione Professionale triennale UFFICIO XI - UFFICIO SCOLASTICO DI home NUOVA OFFERTA FORMATIVA NELLA PROVINCIA DI Istruzione e Formazione Professionale triennale in applicazione dell accordo Stato Regioni dell aprile 2010; del Decreto

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONE PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 VETRO CERAMICA E MATERIALI DA COSTRUZIONE Processo Produzione di prodotti in ceramica, refrattari

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Allegato 7 COMUNE DI SACROFANO (RM) Progetto per favorire lo Sviluppo Rurale nei Territori delle Aree Regionali Protette V Accordo Integrativo di Programma Quadro (APQ7, codifica regionale di progetto:

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD09A ATTIVITÀ 16.22.00 FABBRICAZIONE DI PAVIMENTI IN PARQUET ASSEMBLATO ATTIVITÀ 16.23.10 FABBRICAZIONE DI PORTE E FINESTRE IN LEGNO (ESCLUSE PORTE BLINDATE) ATTIVITÀ 16.23.20 FABBRICAZIONE

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD20U ATTIVITÀ 01.62.01 ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 24.33.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ACCIAIO ATTIVITÀ 25.11.00 FABBRICAZIONE DI STRUTTURE METALLICHE E PARTI ASSEMBLATE

Dettagli

IL LEGNO. UNa passione DIvENtata arte.

IL LEGNO. UNa passione DIvENtata arte. IL LEGNO. UNa passione DIvENtata arte. 1 2 un prodotto che nasce da una passione unica per il proprio mestiere 3 4 [1962] Una storia fatta d esperienza 5 Il legno: una passione diventata arte e tradizione

Dettagli

MATRIX. Med Matrix, un partner affidabile pronto ad ogni sfida! COMPANY PROFILE

MATRIX. Med Matrix, un partner affidabile pronto ad ogni sfida! COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE Med Matrix, un partner affidabile pronto ad ogni sfida! Da sempre, il nostro primo obiettivo è offrirvi il massimo della qualità e il miglior servizio! MATRIX LAVORAZIONE LAMIERE LAVORAZIONE

Dettagli

Soluzioni modulari Biesse

Soluzioni modulari Biesse Soluzioni modulari Biesse Quando la competitività significa riorganizzare il processo di produzione Made In Biesse 2 Il mercato richiede Il design degli interni si sta evolvendo da forme rettangolari a

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - PITTORE- Il pittore edile

Dettagli

COSTRUTTORE DI CARPENTERIA METALLICA

COSTRUTTORE DI CARPENTERIA METALLICA COSTRUTTORE DI CARPENTERIA METALLICA DESCRIZIONE SINTETICA Il Costruttore di carpenteria ca è in grado di realizzare prodotti finiti, attraverso tecniche di lavorazione specifiche, utilizzando i macchinari,

Dettagli

A VARESE LA MECCANICA CHE FA RETE

A VARESE LA MECCANICA CHE FA RETE A VARESE LA MECCANICA CHE FA RETE Mech-net è una rete di 12 imprese della meccanica varesina attive sul mercato da oltre 20 anni che, con oltre 110 macchine utensili e 20.000 mq coperti, offre a più di

Dettagli

SLINGOFER S.R.L. Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE STATO DI CONSERVAZIONE... ... ... SCOPO DEL SERVIZIO... ...

SLINGOFER S.R.L. Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE STATO DI CONSERVAZIONE... ... ... SCOPO DEL SERVIZIO... ... Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE ATTESTATI SULLO S STATO DI CONSERVAZIONE... 2 SCOPO DEL SERVIZIO......... 5 METODO DI LAVORO......... 6 1/9 ESEMPI DI RICONDIZIONAMENTO MACCHINE...

Dettagli

KOMSA nelle lavorazioni meccaniche

KOMSA nelle lavorazioni meccaniche KOMSA nelle lavorazioni meccaniche Soluzioni ottimali per voi, per i vostri dipendenti e per l ambiente Nelle lavorazioni del metallo si utilizzano macchine altamente produttive, ad elevata velocità di

Dettagli

Direttive per periti e sedi d esame EP 2013 Polimeccanico Meccanico di produzione 21.05.2012 Capo Periti F. Sertori

Direttive per periti e sedi d esame EP 2013 Polimeccanico Meccanico di produzione 21.05.2012 Capo Periti F. Sertori Direttive per periti e sedi d esame EP 2013 Polimeccanico Meccanico di produzione 21.05.2012 Capo Periti F. Sertori EP 2013 42 candidati 2 candidati Meccanici di produzione 11 sedi d esame 25 periti per

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

SERVIZIO LOGISTICO. Capitolato speciale d appalto per la fornitura di opere di falegnameria artigianale

SERVIZIO LOGISTICO. Capitolato speciale d appalto per la fornitura di opere di falegnameria artigianale SERVIZIO LOGISTICO Capitolato speciale d appalto per la fornitura di opere di falegnameria artigianale ANNO 2009 Firma del Legale Rappresentante per accettazione 2/9 INDICE Art.1 Definizioni pag. 5 Art.2

Dettagli

Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello CERTIFICATO DI GARANZIA

Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello CERTIFICATO DI GARANZIA Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello CERTIFICATO DI GARANZIA CERTIFICATO DI GARANZIA MEDEA Premessa: Tutti gli infissi esterni, adeguatamente manutentati, possono avere

Dettagli

MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA CONDUTTORE DI MACCHINE UTENSILI

MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA CONDUTTORE DI MACCHINE UTENSILI MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA CONDUTTORE DI MACCHINE UTENSILI Conduttore di macchine utensili 1 CONDUTTORE DI MACCHINE UTENSILI TECNICO PROFESSIONALI prima annualità Conduttore di

Dettagli

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Denominazione del PROFILO Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA 6. Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.5.3.3 Sarti e tagliatori artigianali,

Dettagli

Garanzia sui prodotti

Garanzia sui prodotti Garanzia sui prodotti In questa sezione sono elencate le garanzie sui prodotti Lillo Infissi S.r.l. con il dettaglio per ciascun singolo componente. I termini della garanzia (durata) hanno decorrenza dalla

Dettagli

SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI. OGGETTO: (Bene culturale - Es. dipinto/cornice; scultura/basamento; dipinto murale/stucco; arredo, ecc.

SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI. OGGETTO: (Bene culturale - Es. dipinto/cornice; scultura/basamento; dipinto murale/stucco; arredo, ecc. SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI LOCALITA : (Provincia, comune, frazione, località) COLLOCAZIONE SPECIFICA: (Edificio, denominazione, indirizzo) PROVENIENZA / COLLOCAZIONE ATTUALE: PROPRIETA' DELL

Dettagli

Qualifica Professionale triennale regionale IPIA Porto Torres. Operatore elettronico

Qualifica Professionale triennale regionale IPIA Porto Torres. Operatore elettronico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE M. PAGLIETTI Lungomare Balai, 2 0706 Porto Torres (SS) Tel. e Fax 07950225 - e-mail ssis0000c@istruzione.it Qualifica Professionale triennale regionale IPIA Porto Torres

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Aprile 2015. Dott. Ing. Enrico SIEPE Via Luisetti 11- BIELLA Tel. e Fax 015/8496003

PROGETTO ESECUTIVO. Aprile 2015. Dott. Ing. Enrico SIEPE Via Luisetti 11- BIELLA Tel. e Fax 015/8496003 PROGETTO ESECUTIVO Aprile 2015 Dott. Ing. Enrico SIEPE Via Luisetti 11- BIELLA Tel. e Fax 015/8496003 Dott. Arch. Marco ASTRUA Via U.Macchieraldo 7 - Biella Tel. 3471775075 SCHEDA 1 - RIQUADRO OROLOGIO

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle costruzioni civili ed

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

Ferramenta / Matériel

Ferramenta / Matériel w w w. r o s s o m a t e r i a u x. c o m rossomateriaux@gmail.com Ferramenta / Matériel 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. Serrature, chiavi, lucchetti, casseforti, cerniere Casa, enologia,

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA RINA Services S.p.A. LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA 1. Il panorama normativo: opere

Dettagli

Addetto agli impianti ed ai processi metallurgici e meccanici

Addetto agli impianti ed ai processi metallurgici e meccanici Addetto agli impianti ed ai processi metallurgici e meccanici Figure professionali: addetto conduzione impianti addetto impianti sistemi automatizzati colatore fonditore laminatore verniciatore stampatore

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE ALLEGATO E Comune di Cinisello Balsamo Provincia di Milano FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (Decreto Legislativo n. 494/1996, D.P.R. n. 222/2003, D.lgs 81/2008) OGGETTO:

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagina 1 di 5 da Acciai da \INDICE: 1) Scopo 2) Campo di applicazione 3) Norma di riferimento 4) Definizioni e simboli 5) Responsabilità 6) Apparecchiature 7) Modalità esecutive 8) Esposizione dei risultati

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA LAVORAZIONE DELLA PIETRA: MARMISTA E ADDETTO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD09A ATTIVITÀ 16.22.00 ATTIVITÀ 16.29.20 ATTIVITÀ 16.29.19 ATTIVITÀ 29.32.01 ATTIVITÀ 30.11.01 ATTIVITÀ 30.30.01 ATTIVITÀ 31.01.

STUDIO DI SETTORE UD09A ATTIVITÀ 16.22.00 ATTIVITÀ 16.29.20 ATTIVITÀ 16.29.19 ATTIVITÀ 29.32.01 ATTIVITÀ 30.11.01 ATTIVITÀ 30.30.01 ATTIVITÀ 31.01. STUDIO DI SETTORE UD09A ATTIVITÀ 16.22.00 ATTIVITÀ 16.23.10 ATTIVITÀ 16.23.20 ATTIVITÀ 16.29.19 ATTIVITÀ 16.29.20 ATTIVITÀ 29.32.01 ATTIVITÀ 30.11.01 ATTIVITÀ 30.20.01 ATTIVITÀ 30.30.01 ATTIVITÀ 31.01.10

Dettagli