ELEMENTI DELLA COMPETENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI DELLA COMPETENZA"

Transcript

1 MONTAGGIO ARREDO FIGURA 1 Assembtore ed instaltore di elementi di arredo e falegnameria COMPETENZA GENERALE Essere in grado di assembre elementi di arredo e falegnameria, adattando gli elementi ed effettuando un corretto assembggio, nel rispetto delle regole di sicurezza e salute sul voro. ELEMENTI DELLA COMPETENZA 1) Essere in grado di verificare conformità dei materiali e dei prodotti in tutte le fasi (arrivo, fasi del produzione, spedizione) tenendo presenti le differenti caratteristiche delle tipologie merceologiche e considerando le norme legali di gestione dei difetti. 2) Essere in grado di interpretare disegni tecnici al fine di identificare l approccio costruttivo, forma, le misure e dimensioni degli oggetti da trattare. 3) Essere in grado di trasportare ed instalre (sul luogo di voro/sito del cliente) gli elementi di carpenteria e arredo un corretto assembggio, usando correttamente tecniche, strumenti e materiali. 4) Essere in grado di assembre i componenti ed effettuare i controlli/verifiche/test di finitura del legno, seguendo i manuali ed i documenti tecnici. 5) Essere in grado di coordinare le attività del gruppo di voro. Livello di Elemento 1 dal Essere in grado di verificare conformità dei materiali e dei prodotti in tutte le fasi (arrivo, fasi del produzione, spedizione) tenendo presenti le differenti caratteristiche delle tipologie merceologiche e considerando le norme legali di gestione dei difetti. Identificazione dei requisiti dei materiali e verifica di conformità rispetto alle specifiche prima dell accettazione. Identificazione degli standard gestione del tracciabilità dei materiali. Verifica dell affidabilità dei manufatti in accordo con gli standard di prodotto applicabili. Correzione degli scostamenti identificati. Preparazione del documentazione di conformità dei materiali trattati. - Dei prodotti vorati e semi-vorati dal punto di vista delle loro caratteristiche tecnologiche. - Dei diversi tipi di materiali e componenti disponibili sul mercato e delle retive certificazioni. - Caratteristiche fisiche e meccaniche del legno e dei suoi derivati. - Caratteristiche fisiche e meccaniche del minuteria metallica. - Dei metodi di verifica del conformità dei materiali da assembggio. - Dei requisiti il corretto immagazzinamento dei materiali, dei componenti e dei manufatti preservazione delle loro caratteristiche. - Dei metodi di gestione assicurare tracciabilità dei materiali e dei componenti attraverso tutte le fasi del produzione fino al prodotto finito. - Degli standard di prodotto UE applicabili ai beni manufatti. - Delle verifiche da effettuare sui beni finiti e durante le fasi del produzione al fine di garantire loro affidabilità e conformità di processo dichiarate. - Dei criteri gestione delle non conformità/difetti riscontrati. - Degli standard il riscio di certificati di conformità dei materiali. 1

2 - Verifica di conformità dei materiali. - Corretto immagazzinamento dei materiali, componenti e beni manufatti. - Implementazione di sistemi di gestione tracciabilità dei materiali e dei componenti. - Verifica di affidabilità dei beni finiti attraverso test visivi e funzionali. - Gestione delle non conformità/difetti nei prodotti finiti e durante le fasi del produzione. - Preparazione del documentazione di conformità dei materiali o capacità di reire suddetta documentazione. - Organizzare produzione in base alle priorità ed identificare le più appropriate tecniche oative sul base del materiale disponibile. 1) Campionatura di parti di beni manufatti immagazzinati il loro controllo di affidabilità. 2) Correzione di possibili non conformità. 3) Organizzazione di un sistema di tracciabiltà dei componenti sul luogo di assembggio. 4) Gestione dei difetti nel prodotto finito. 1) Numero di parti rifiutate chè non conformi. 2) Numero di parti non rifiutate chè recuabili. 3) Tempi di assembggio. 4) Numero di mentele/interventi successivi al montaggio (non conformità). Elemento 2 dal Elemento 3 Essere in grado di interpretare disegni tecnici al fine di identificare l approccio costruttivo, forma, le misure e dimensioni degli oggetti da trattare. Lettura ed interpretazione di disegni tecnici. Prendere le misure. Sviluppo di soluzioni tecniche non standard gestione di prodotti, componenti ed accessori. Preparazione di disegni tecnici, valutazioni di fattibilità e specifiche del voro. Preparazione, dove applicabile, di un esempio di finitura da presentare al cliente. - Fondamenti di progettazione. - Regole di composizione. - Sistemi di disegno arredamento. - Nozioni base di disegno tecnico. - Riconoscere gli standard di settore. - Leggere caratteristiche specifiche e generali. - Applicare gli standard che governano progettazione tramite il disegno tecnico. 1) verifica di progetti esecutivi. 2) Organizzazione di un piano di assembggio. 3) Organizzazione di ogni necessaria soluzione di assembggio non-standard. 4) Realizzazione di campioni di finitura. 5) Realizzazione di assembggio seguendo il progetto esecutivo. 1) Tempi di voro. 2) Numero di interventi successivi all assembggio. 3) Numero di mentele (non conformità). Essere in grado di trasportare ed instalre (sul luogo di voro/sito del cliente) gli elementi di carpenteria e arredo un corretto assembggio, usando correttamente tecniche, strumenti e materiali. 2

3 dal Preparazione dell imbalggio od altri accorgimenti di protezione il trasporto dei beni manufatti. Conformità alle regole gestione dei carichi. Formazione di sonale (interno ed esterno) corretta instalzione degli oggetti. Reimento, dopo sopralluogo, dell attrezzatura l assembggio e dell equipaggiamento di sicurezza protezione del sito di voro. Assembggio di componenti lignei usando le appropriate tecniche di incoltura e giuntatura, nel rispetto delle norme legali ed aziendali. Assembggio di componenti lignei usando attrezzatura adatta, nel rispetto delle norme legali ed aziendali. Gestione degli scarti e loro smaltimento secondo le norme in vigore. Eventuali rifiniture e controlli funzionali sui prodotti finiti dopo l instalzione, al presenza del cliente. - Metodi organizzativi ed oativi del boratorio. - Appropriato utilizzo dei manuali d uso e manutenzione dei macchinari. - Standard di sicurezza e salute sul voro prevenzione di incidenti vorativi. - Sistemi di protezione sonale e collettiva, standard di igiene e sicurezza, servizi di emergenza sul posto di voro. - Conoscenza dei materiali e delle attrezzature l imbalggio. - Conoscenza dei metodi e delle tecniche di imbalggio. - Conoscenza di materiali, attrezzature e fasi di instalzione (fogli di istruzione, dove disponibili). - Conoscenza dei metodi di finitura, verifica e controllo da realizzare sui beni manufatti dopo l instalzione. - Conoscenza delle istruzioni di uso e manutenzione dei prodotti manufatti da comunicare al cliente (fogli di istruzione, dove disponibili). - Preparazione del luogo di voro, taratura ed utilizzo delle macchine, dei sistemi, delle attrezzature e degli strumenti. - Uso di macchine utensili. - Lavoro di manutenzione ordinaria sui macchinari. - Ispezione regore dei dispositivi di sicurezza delle macchine utensili. - Implementazione di attività utili sicurezza sul luogo di voro. - Preparazione dei beni l imbalggio ed esecuzione dell imbalggio. - Coordinamento e preparazione del luogo di voro con il cliente, il project manager ed eventualmente con presenza di terzi. - Formazione del sonale e preparazione di un foglio di istruzioni l instalzione dei prodotti. - Pianificazione dell equipaggiamento necessario le oazioni di assembggio e preparazione del materiale di sicurezza protezione del luogo di voro. - Carico e scarico dei materiali nel rispetto degli standard di sicurezza. - Corretta instalzione dei beni e gestione degli scarti e del loro smaltimento. - Realizzazione di oazioni di finitura e di test funzionali sui prodotti dopo l instalzione. - Preparazione di un foglio di uso e manutenzione del prodotto. 1) Realizzazione dell imbalggio o altre misure di protezione dei componenti il trasporto. 2) Gestione del necessaria attrezzatura l assembggio e sicurezza sul posto di voro, dopo l ispezione. 3) Numero di asssembggi realizzati, utilizzando l appropriato equipaggiamento e seguendo le normative vigenti e le regole. 1) Numero di componenti inutilizzati a causa di errori nell imballo. 2) Tempo di esecuzione dell assembggio. 3

4 3) Numero di mentele da parte dei clienti (non conformità). Elemento 4 Essere in grado di assembre i componenti ed effettuare i controlli/verifiche/test di finitura del legno, seguendo i manuali ed i documenti tecnici. Assembggio del ferramenta (piccole parti metalliche). dal Applicazione delle guarnizioni su porte e/o cornici. Verifica del corretta collocazione ed inserimento dei vari componenti. Verfica del corretto posizionamento (interno/esterno) delle parti. Verifica del funzionamento di atura/chiusura delle parti. Aggiustamento, ove necessario, del dimensione dei componenti. Effettuazione di tagli, dove necessario. Effettuazione di forature. Conformità alle norme di sicurezza sul voro ed ambientali. Esecuzione del rifinitura. Eliminazione delle eventuali imfezioni. - Conoscenza di abrasivi, riempitivi, conservanti, ritocchi, coloranti, pitture, cere, prodotti a base oleosa, adesivi, ecc... e retive norme di immagazzinamento, stoccaggio e smaltimento. - Conoscenza delle fasi di stuccatura e carteggiatura, ecc - Conoscenza dei trattamenti di finitura e tecniche/sistemi di trattamento delle sufici utilizzando patine conservative, pitture, vernici, ecc - Conoscenza dei principali metodi di vorazione: taglio, pialtura, spessoratura, misuratura, squadratura, giuntatura, foratura, sabbiatura, pulitura, fresatura, tornitura, assembggio. - Conoscenza delle norme di sicurezza e ambientali applicabili. - Conoscenza delle procedure di assembggio parti. Elemento 5 dal - Tecniche di misurazione. - Tecniche di assembggio. - Tecniche di fissaggio. - Tecniche di finitura. - Uso degli strumenti di voro (incluse le oazioni di manutenzione). 1) Sistemazione dei componenti. 2) Assembggio del ferramenta. 3) Fissaggio di guarnizioni su porte e/o tei. 4) Correzione, se necessario, delle misure degli elementi. 5) Realizzazione di fori di precisione, rimozione di tutte le imfezioni. 6) Realizzazione di tutte le attività seguendo le norme e procedure di sicurezza. 1) Numero di componenti montati non correttamente (non conformità). 2) Numero di guarnizioni/componenti di ferramenta instalti non correttamente (non conformità). 3) Numero di componenti scartati a causa di errori di rettifica (non conformità). 4) Numero di mentele riguardanti vori terminati (non conformità). 5) Numero di incidenti. Essere in grado di coordinare le attività del gruppo di voro. Sviluppo e sostegno delle competenze dei voratori. Azioni finalizzate al distribuzione dei carichi di voro ed al delega del responsabilità. Coordinamento delle attività. - Principi di dinamica intersonale applicata al voro di gruppo. 4

5 - Concetto di. - Tipi di delega e loro applicazione. - Conoscenza di base del diritto del voro. - Gestione di gruppi di voro e voro di gruppo obiettivi. - Valutazione degli elementi motivazionali che stanno al base del voro sonale e del gruppo. - Valutazione e valorizzazione delle capacità dei membri del gruppo di voro. - Valutazione di iniziative che supportino il gruppo di voro (coching, formazione, ecc ). 1) Organizzare l attività del proprio gruppo di voro. 2) Gestire ed organizzare il proprio gruppo di voro. 3) Intervenire nei momenti critici. 4) Realizzare attività formative. 1) Tempi di voro. 2) Lamentele del gruppo di voro. 3) Tempo dedicato all addestramento. 4) Numero di non conformità. 5

6 FIGURA 2 Assistente di assembggio ed instalzione di elementi di arredo e falegnameria COMPETENZA GENERALE Essere in grado di assistere durante le fasi di assemggio ed instalzione di elementi di carpenteria ed arredo, seguendo le regole di sicurezza e salute sul voro. ELEMENTI DELLA COMPETENZA 1) Essere in grado di leggere e comprendere gli elementi base di disegno tecnico al fine di partecipare attivamente all identificazione dell approccio costruttivo di un elemento manufatto. 2) Essere in grado di assistere durante le fasi di instalzione e trasporto (sul luogo di voro/sito del cliente) degli elementi di carpenteria e arredo un corretto assembggio, usando correttamente tecniche, strumenti e materiali. 3) Essere in grado di assistere durante le fasi di assembggio dei componenti e di controllo/verifica/test di finitura del legno, seguendo i manuali ed i documenti tecnici. Livello di Elemento 1 dal Essere in grado di leggere e comprendere gli elementi base di disegno tecnico al fine di partecipare attivamente all identificazione dell approccio costruttivo di un elemento manufatto. Leggere ed interpretare semplici disegni di voro. Prendere misure. Preparazione di semplici disegni di voro e schizzi. Leggere, interpretare ed eseguire disegni in sca. Misurare e controlre squadratura. - Fondamenti di disegno. - Principali regole di composizione. - Conoscenza degli strumenti usati le misure. - Ricoscimento degli standard di conformità del settore. - Riconoscimento di caratteristiche generali e specifiche. - Applicazione degli standard collegati al disegno tecnico progettuale. 1) Assistenza nel verifica di progetti esecutivi. 2) Assistenza nell assembggio, seguendo progetti esecutivi. 1) Tempi di apprendimento. Elemento 2 dal Essere in grado di assistere durante le fasi di instalzione e trasporto (sul luogo di voro/sito del cliente) degli elementi di carpenteria e arredo un corretto assembggio, usando correttamente tecniche, strumenti e materiali. Preparazione di strumenti e beni manufatti. Preparazione (in semi autonomia) di attrezzatura e strumenti necessari l instalzione, seguendo disegni tecnici e istruzioni del capo squadra. Seque del normativa riguardante movimentazione dei carichi. Aiutare l esto durante l assembggio del manufatto. Eseguire semplici attività di assembggio. Tenere un comportamento finalizzato al sicurezza sonale ed al conservazione ed al rispetto del luogo dove avviene l assembggio. 6

7 Elemento 3 dal Controlre l efficienza degli strumenti e dell equipaggiamento e provvedere al loro manutenzione. - Uso appropriato dei manuali d uso e manutenzione il macchinario. - Standard vorativi di sicurezza ed igiene prevenzione di incidenti sul luogo di voro. - Sistemi sonali e collettivi di protezione, standard igienico-sanitari, procedure di emergenza sul posto di voro. - Conoscenza di metodi e tecniche di imbalggio. - Conoscenza di materiali, attrezzature e fasi del montaggio (fogli di istruzioni, quando disponibili). - Conoscenza dei più importanti metodi di rifinitura, verifica e controllo da realizzare sui beni manufatti dopo l instalzione (montaggio). - Conoscenza delle istruzioni di uso e manutenzione i beni manufatti, da comunicare al cliente (libretto di istruzioni e manutenzione, quando disponibile). - Preparazione del posto di voro, preparazione e uso dei macchinari, sistemi, attrezzature e strumenti. - Uso delle macchine utensili. - Lavoro di manutenzione ordinaria sui macchinari. - Ispezione regore dell equipaggiamento di sicurezza delle machine utensili. - Preparazione dei beni manufatti l imballo ed esecuzione dell imballo. - Corretta instalzione dei beni e gestione e smaltimento dei rifiuti. - Realizzazione di attività di finitura sui beni manufatti dopo l instalzione. 1) Cooare nel preparazione dell imballo od altra forma di protezione dei componenti il trasporto. 2) Cooare nel preparazione dell attrezzatura necessaria l assembggio e protezione del posto di voro, se necessario. 3) Cooare nell assembggio, utilizzando equipaggiamento adeguato e seguendo le norme legali ed aziendali. 4) Cooare nel gestione dei prodotti di scarto e nel loro smaltimento, seguendo le norme legali ed aziendali. 5) Cooare al controllo finale di funzionalità del prodotto. 1) Numero di componenti inutilizzati a causa di errori nell imballo (non conformità). 3) Numero di recmi da parte di clienti (non conformità). 4) Tempo trascorso in formazione. Essere in grado di assistere durante le fasi di assembggio dei componenti e di controllo/verifica/test di finitura del legno, seguendo i manuali ed i documenti tecnici. Effettuare fori. Assembggio di componenti (ferramenta). Applicazione di guarnizioni su porte e/o cornici. Effettuare tagli, quando necessario. Inserimento e collocamento di vari componenti. Rifinitura (interna/esterna) di parti. Conformità con le normative di benessere e sicurezza sul luogo di voro e con le leggi di protezione ambientale. - Eseguire semplici oazioni di assembggio. - Pianificazione del proprio voro sul base del documentazione tecnica e seguendo le direttive del caposquadra. - Conoscenze di base : tagliare, livelre, spessorare, calibrare, 7

8 squadrare, giuntare, forare, rifinire, tornire, assembre. - Conoscenza delle normative applicabili in tema di sicurezza e prevenzione e normative ambientali. - Tecniche base di misurazione. - Tecniche base di assembggio. - Tecniche base di fissaggio. - Colborare al preparazione di strumenti e materiali necessari ad ogni fase dell assembggio. - Eseguire con attenzione le oazioni necessarie, prendendosi cura di se stesso e dell ambiente di voro. - Tenere un comportamento orientato al propria sicurezza ed al senso di responsabilità. 1) Assistenza nel piazzamento dei componenti. 2) Assistenza nell assembggio del ferramenta. 3) Assistenza nell assembggio delle guarnizioni su porte e/o cornici. 4) Assistenza nel rettifica, se necessario, delle misure degli elementi. 5) Assistenza nelle azioni di rifinitura ed eliminazione dei difetti. 6) Realizzazione di tutte le attività nel rispetto delle norme di sicurezza ed aziendali. 1) Tempo trascorso in formazione. 2) Numero di incidenti. 8

falegname ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014

falegname ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di Delibera n. 748 del 24.06.2014 Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di falegname 1. Il profilo professionale 2. Durata ed esame di fine apprendistato 3. Referenziazioni del

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Nautica da diporto

Dettagli

Tecnico per l edilizia. Figura professionale:

Tecnico per l edilizia. Figura professionale: Tecnico per l edilizia Disegnatore ed aiuto progettista CAD Tecnico di gestione commessa Tecnico di conduzione cantiere e di contabilità dei lavori Progettazione, conduzione tecnica e contabile dei cantieri

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - CARPENTIERE IN METALLO

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE MECCANICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE MECCANICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE MECCANICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani,

Dettagli

Montatore. La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91:

Montatore. La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: Montatore La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DN 36.1 Fabbricazione di mobili Figure professionali contigue: Contesto produttivo: Taglio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE TERZE CLASSI ODONTOTECNICA

PROGRAMMAZIONE TERZE CLASSI ODONTOTECNICA PROGRAMMAZIONE TERZE CLASSI ODONTOTECNICA Competenza finale Utilizzare le tecniche di lavorazione necessarie a costruire tutti i tipi di protesi: provvisoria, fissa e mobile applicare le conoscenze di

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazione artigianale

Dettagli

ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri

ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri ALLEGATO 3 COMUNE DI UDINE Servizio Patrimonio e Ambiente Unità Organizzativa Cimiteri ed Onoranze Funebri ******* Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto relativo alla fornitura di cofani in

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Classificazione attività economiche (ATECO 2007/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 4 OPERATORE EDILE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione Manuale d uso e manutenzione Egregio Cliente, La ringraziamo per aver scelto la qualità dei nostri prodotti. La ditta LEON rimane, comunque, a Sua disposizione per ogni chiarimento o esigenza tecnica e

Dettagli

Operatore meccanico. Standard della Figura nazionale

Operatore meccanico. Standard della Figura nazionale Operatore meccanico Standard della Figura nazionale Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE MECCANICO 6. Artigiani, operai specializzati ed agricoltori

Dettagli

Operatore meccanico. Standard della Figura nazionale

Operatore meccanico. Standard della Figura nazionale Operatore meccanico Standard della Figura nazionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE MECCANICO 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

Chiesa Parrocchiale Verderio Superiore. Progetto di restauro per le opere lignee della sacrestia

Chiesa Parrocchiale Verderio Superiore. Progetto di restauro per le opere lignee della sacrestia RestauroArte snc Monza 20052, via Frisi 10, tel. e fax 039 382027 S.Vittore Olona 20028, via T. Grossi 6, tel 0331 517834 Chiesa Parrocchiale Verderio Superiore Progetto di restauro per le opere lignee

Dettagli

REFERENZIAZIONI (Istat 2001) - NUP DISEGNATORE DI MOBILI 3.1.2.6.8 DISEGNATORE DI ARREDAMENTI 3.4.4.2.13

REFERENZIAZIONI (Istat 2001) - NUP DISEGNATORE DI MOBILI 3.1.2.6.8 DISEGNATORE DI ARREDAMENTI 3.4.4.2.13 Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - PROGETTISTA MOBILI E

Dettagli

Per l iscrizione, ulteriori informazioni o una consulenza gratuita, vi preghiamo di contattarci via e-mail al seguente indirizzo: info@centec.

Per l iscrizione, ulteriori informazioni o una consulenza gratuita, vi preghiamo di contattarci via e-mail al seguente indirizzo: info@centec. Programma dei corsi 2014 / 2015 Sommario Corsi base di preparazione 3 Corsi di specializzazione per l artigiano 4 Corsi individuali per aziende 5 Specialista della produzione 6 Interior Design (corso base)

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 13. OPERATORE MECCANICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Autonoma

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Autonoma Unione Europea Repubblica Italiana Regione Autonoma Fondo Sociale Europeo della Sardegna Agenzia Formativa R&M SERVIZI PROVINCIA NUORO Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 Si definisce CICLO DI LAVORAZIONE la successione delle operazioni da compiere per la produzione di un particolare meccanico,

Dettagli

Catalogo Prodotti di

Catalogo Prodotti di Catalogo Prodotti di Asportazione Truciolo: Fresatura: Utensili MDI, HSS e con fissaggio meccanico dell'inserto, per spianatura, contornatura, lavorazione stampi, frese e microfrese con trattamenti e ricoperture

Dettagli

Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi

Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi 1 41 Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi 8000 mq - in continua crescita I NOSTRI SERVIZI PROGETTAZIONE TAGLIO LASER PUNZONATURA TAGLIO CESOIA SCANTONATURA TAGLIO SEGHETTO TORNITURA FRESATURA FORATURA

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Allegato 7 COMUNE DI SACROFANO (RM) Progetto per favorire lo Sviluppo Rurale nei Territori delle Aree Regionali Protette V Accordo Integrativo di Programma Quadro (APQ7, codifica regionale di progetto:

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD20U ATTIVITÀ 01.62.01 ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 24.33.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ACCIAIO ATTIVITÀ 25.11.00 FABBRICAZIONE DI STRUTTURE METALLICHE E PARTI ASSEMBLATE

Dettagli

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE

RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Comune di TORINO Provincia di TO RAPPORTO DI VALUTAZIONE DELL'ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AL RUMORE Decreti Legislativi 277/91, 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI. OGGETTO: (Bene culturale - Es. dipinto/cornice; scultura/basamento; dipinto murale/stucco; arredo, ecc.

SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI. OGGETTO: (Bene culturale - Es. dipinto/cornice; scultura/basamento; dipinto murale/stucco; arredo, ecc. SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI LOCALITA : (Provincia, comune, frazione, località) COLLOCAZIONE SPECIFICA: (Edificio, denominazione, indirizzo) PROVENIENZA / COLLOCAZIONE ATTUALE: PROPRIETA' DELL

Dettagli

Programma dei corsi Ottobre 2015

Programma dei corsi Ottobre 2015 Programma dei corsi Ottobre 2015 Sommario Falegnameria Corsi base di preparazione 4 Corsi di specializzazione per l artigiano 5 Corsi individuali per aziende 6 Proposte di corsi per la produzione industriale

Dettagli

UN PRODOTTO CHE NASCE DA UNA PASSIONE UNICA PER IL PROPRIO MESTIERE

UN PRODOTTO CHE NASCE DA UNA PASSIONE UNICA PER IL PROPRIO MESTIERE UN PRODOTTO CHE NASCE DA UNA PASSIONE UNICA PER IL PROPRIO MESTIERE 1 2 [1962] UNA STORIA FATTA D ESPERIENZA 3 Il legno: una passione diventata arte e tradizione di famiglia. Gesti che si ripetono all

Dettagli

MATRIX. Med Matrix, un partner affidabile pronto ad ogni sfida! COMPANY PROFILE

MATRIX. Med Matrix, un partner affidabile pronto ad ogni sfida! COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE Med Matrix, un partner affidabile pronto ad ogni sfida! Da sempre, il nostro primo obiettivo è offrirvi il massimo della qualità e il miglior servizio! MATRIX LAVORAZIONE LAMIERE LAVORAZIONE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD09A ATTIVITÀ 16.22.00 ATTIVITÀ 16.29.20 ATTIVITÀ 16.29.19 ATTIVITÀ 29.32.01 ATTIVITÀ 30.11.01 ATTIVITÀ 30.30.01 ATTIVITÀ 31.01.

STUDIO DI SETTORE UD09A ATTIVITÀ 16.22.00 ATTIVITÀ 16.29.20 ATTIVITÀ 16.29.19 ATTIVITÀ 29.32.01 ATTIVITÀ 30.11.01 ATTIVITÀ 30.30.01 ATTIVITÀ 31.01. STUDIO DI SETTORE UD09A ATTIVITÀ 16.22.00 ATTIVITÀ 16.23.10 ATTIVITÀ 16.23.20 ATTIVITÀ 16.29.19 ATTIVITÀ 16.29.20 ATTIVITÀ 29.32.01 ATTIVITÀ 30.11.01 ATTIVITÀ 30.20.01 ATTIVITÀ 30.30.01 ATTIVITÀ 31.01.10

Dettagli

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro 2.2 SICUREZZA generale delle macchine 2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro La principale normativa di riferimento per una corretta scelta e gestione delle macchine

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Aprile 2015. Dott. Ing. Enrico SIEPE Via Luisetti 11- BIELLA Tel. e Fax 015/8496003

PROGETTO ESECUTIVO. Aprile 2015. Dott. Ing. Enrico SIEPE Via Luisetti 11- BIELLA Tel. e Fax 015/8496003 PROGETTO ESECUTIVO Aprile 2015 Dott. Ing. Enrico SIEPE Via Luisetti 11- BIELLA Tel. e Fax 015/8496003 Dott. Arch. Marco ASTRUA Via U.Macchieraldo 7 - Biella Tel. 3471775075 SCHEDA 1 - RIQUADRO OROLOGIO

Dettagli

Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi

Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi 1 41 Lavorazioni meccaniche a 360 per conto terzi 8000 mq - in continua crescita è sponsor di ASSOCIAZIONE ITALIANA DI MANAGEMENT DEGLI APPROVVIGIONAMENTI www.adaci.it www.adacitrevenezie.it I NOSTRI SERVIZI

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

A VARESE LA MECCANICA CHE FA RETE

A VARESE LA MECCANICA CHE FA RETE A VARESE LA MECCANICA CHE FA RETE Mech-net è una rete di 12 imprese della meccanica varesina attive sul mercato da oltre 20 anni che, con oltre 110 macchine utensili e 20.000 mq coperti, offre a più di

Dettagli

Garanzia sui prodotti

Garanzia sui prodotti Garanzia sui prodotti In questa sezione sono elencate le garanzie sui prodotti Lillo Infissi S.r.l. con il dettaglio per ciascun singolo componente. I termini della garanzia (durata) hanno decorrenza dalla

Dettagli

Presentazione area MADE IN ITALY

Presentazione area MADE IN ITALY IHF International Hardware Show Salone Internazionale delle Ferramenta Presentazione area MADE IN ITALY 9-12 Marzo 2014 IHF 2014 INTERNATIONAL HARDWARE FAIR Profilo Espositori Merceologie presenti Utensili

Dettagli

Porta filomuro spingere e tirare

Porta filomuro spingere e tirare 2 Index 3 Porta filomuro spingere e tirare Descrizione capitolato Porta a spingere - versi di apertura Porta a spingere - componenti Porta a spingere su muratura Porta a spingere tutta altezza su muratura

Dettagli

Programma del corso TP1- (TECNOLOGIA ONYX HD) Obiettivo pratico Conoscenza e corretto utilizzo della tecnologia ONYX HD.

Programma del corso TP1- (TECNOLOGIA ONYX HD) Obiettivo pratico Conoscenza e corretto utilizzo della tecnologia ONYX HD. TP1- (TECNOLOGIA ONYX HD) Conoscenza e corretto utilizzo della tecnologia ONYX HD. Utilizzo della linea ONYX HD e dei prodotti conformi alla normativa VOC mantenendo elevati standard produttivi nelle operazioni

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - LATTONIERE - Il lattoniere

Dettagli

MODULO TECNICO PROFESSIONALE AREA PROFESSIONALE: COSTRUZIONE E RESTAURO EDIFICI E PREFABBRICATI

MODULO TECNICO PROFESSIONALE AREA PROFESSIONALE: COSTRUZIONE E RESTAURO EDIFICI E PREFABBRICATI ORE: 60 MODULO TECNICO PROFESSIONALE COMPARTO: EDILIZIA AREA PROFESSIONALE: COSTRUZIONE E RESTAURO EDIFICI E PREFABBRICATI U.F.1 Costruzione di murature e stesura di intonaci Costruisce, in affiancamento,

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore

La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore Scuola Edile di Reggio Emilia Ente di Formazione Professionale Edile Claudio Cigarini Alberto Zanni Formare alla sicurezza I presupposti

Dettagli

BASILICA DI SANT APOLLINARE

BASILICA DI SANT APOLLINARE BASILICA DI SANT APOLLINARE Progetto di restauro conservativo del dipinto a olio su tela raffigurante San Giovanni Nepomuceno dinanzi alla Vergine con Bambino e angeli Relazione tecnica sullo stato di

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Denominazione della FIGURA OPERATORE GRAFICO Indirizzi della Figura Referenziazioni della Figura Stampa e allestimento Multimedia Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai

Dettagli

MOD.OO RAPPORTO DI SOPRALLUOGO

MOD.OO RAPPORTO DI SOPRALLUOGO MOD.OO RAPPORTO DI SOPRALLUOGO RILIEVO MISURE Provvisorie Esecutive CLIENTE DATI FATTURAZIONE DATA SOPRALLUOGO EFFETTUATO DA FINESTRE IN PERSIANE IN ALTRO VETRO POSIZIONE Q.TA' LUCE MURO (LxH) APERTURA

Dettagli

VIBU VITERIA BULLONERIA ARTICOLI TECNICI LOGISTICA IL MAGAZZINO È IL VERO FOCUS DI VIBU CONSEGNE EFFICIENTI E TEMPESTIVE GESTIONE MAGAZZINO KANBAN

VIBU VITERIA BULLONERIA ARTICOLI TECNICI LOGISTICA IL MAGAZZINO È IL VERO FOCUS DI VIBU CONSEGNE EFFICIENTI E TEMPESTIVE GESTIONE MAGAZZINO KANBAN VITERIA BULLONERIA ARTICOLI TECNICI LOGISTICA IL MAGAZZINO È IL VERO FOCUS DI VIBU CONSEGNE EFFICIENTI E TEMPESTIVE GESTIONE MAGAZZINO KANBAN A PARMA E PROVINCIA DAL 1965 Dal 1965 Vibu è il punto di riferimento

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

Addetto agli impianti ed ai processi metallurgici e meccanici

Addetto agli impianti ed ai processi metallurgici e meccanici Addetto agli impianti ed ai processi metallurgici e meccanici Figure professionali: addetto conduzione impianti addetto impianti sistemi automatizzati colatore fonditore laminatore verniciatore stampatore

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina tutte le fasi della gestione dei rifiuti cimiteriali come definiti dall'art.7, comma 2 lett. f) D.Lgs.22/97 e successive modificazioni ed integrazioni,

Dettagli

METALMECCANICI ARTIGIANI

METALMECCANICI ARTIGIANI METALMECCANICI ARTIGIANI AGGIORNAMENTI c.c.n.l.: ex contingenza: ccril : gennaio 2010 novembre 1991 settembre 2000 Operai OPERAI PAGA BASE INDENNITA' CONTING. E.D.R. 2 CATEGORIA B 4,96520 0,25075 3,00168

Dettagli

LEGNO, ARREDAMENTO,MOBILI. LEGNO, ARREDAMENTO E MOBILI ARTIGIANI Verbale di accordo dell 11-10-2007 SFERA DI APPLICAZIONE PROFILI FORMATIVI

LEGNO, ARREDAMENTO,MOBILI. LEGNO, ARREDAMENTO E MOBILI ARTIGIANI Verbale di accordo dell 11-10-2007 SFERA DI APPLICAZIONE PROFILI FORMATIVI Ente Bilaterale Artigianato Pugliese **************************************************************************** APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE PROFILI FORMATIVI DELL ARTIGIANATO PUGLIESE SETTORE ARTIGIANATO

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

Presentazione. Posizione e copertura

Presentazione. Posizione e copertura Carta dei servizi Presentazione GUBIMEC S.r.l. nasce nel 2012 come frutto di un attenta analisi del mercato e delle esigenze dell industria nazionale. L azienda cresce costantemente anche grazie alla sempre

Dettagli

» LINEA PITTURE PELABILI ALL ACQUA

» LINEA PITTURE PELABILI ALL ACQUA PITTURA PELABILE» LINEA PITTURE PELABILI ALL ACQUA COS È UNA PITTURA PELABILE Le pitture pelabili sono pitture che si possono facilmente distaccare, per strappo, dai supporti sui quali sono applicate e

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle costruzioni civili ed

Dettagli

Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade di DAΦNE

Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade di DAΦNE ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORI NAZIONALI DI FRASCATI Frascati, 28 febbraio 2007 Divisione Acceleratori Via E. Fermi, 40 Specifiche tecniche per la fornitura di camere da vuoto per l upgrade

Dettagli

CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA ARREDAMENTI PER GIARDINO; MOBILI; TAPPETI E STUOIE; ARTICOLI CASALINGHI; ELETTRODOMESTICI; MATERIALE ELETTRICO

CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA ARREDAMENTI PER GIARDINO; MOBILI; TAPPETI E STUOIE; ARTICOLI CASALINGHI; ELETTRODOMESTICI; MATERIALE ELETTRICO STUDIO DI SETTORE WM03C ATTIVITÀ 47.89.02 COMMERCIO AL DETTAGLIO AMBULANTE DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA; ATTREZZATURE PER IL GIARDINAGGIO ATTIVITÀ 47.89.03 COMMERCIO AL DETTAGLIO

Dettagli

ELENCO DELLE CATEGORIE MERCEOLOGICHE. BENI E SERVIZI sezioni II e III

ELENCO DELLE CATEGORIE MERCEOLOGICHE. BENI E SERVIZI sezioni II e III ELENCO DELLE CATEGORIE MERCEOLOGICHE BENI E SERVIZI sezioni II e III CATEGORIA SOTTOCATEGORIA Codice categoria A Arredi e complementi Arredi per Uffici A01 I Arredi ed accessori per alloggi A02 I (anche

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DVRI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DVRI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD Pag. 1 di 12 Valutazione ricognitiva dei rischi standard relativi all attività di Controllo Qualità presso gli Impianti dei Centri di Selezione (CSS) e altri Impianti di Destino Art. 26 comma 3 ter del

Dettagli

Conosciamo la soluzione ideale per stoccare qualsiasi prodotto

Conosciamo la soluzione ideale per stoccare qualsiasi prodotto Conosciamo la soluzione ideale per stoccare qualsiasi prodotto Soluzioni per il magazzino Magazzino o archivio? Massima sicurezza Tutti i calcoli per i prodotti sono stati effettuati in base alla normativa

Dettagli

ALLEGATO 1 Figure professionali relative alle qualifiche dei percorsi di istruzione e formazione professionale di durata triennale 1 OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO 2 OPERATORE DELLE CALZATURE 3 OPERATORE

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 5. OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e

Dettagli

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale RELAZIONE CON SCHEDE TECNICHE PER IL RESTAURO DI SUPERFICI DECORATE DI BENI ARCHITETTONICI

Dettagli

Categorie Merceologiche

Categorie Merceologiche Allegato C Categorie Merceologiche SEZIONE 1 FORNITURE DI BENI 1.1 Arredamento per ufficio Mobili, complementi d arredo Tendaggi, tappezzerie Corpi illuminanti, lampade Elementi divisori e di isolamento

Dettagli

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECHICI ARTIGIANATO

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECHICI ARTIGIANATO AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECHICI ARTIGIANATO SETTORE METALMECCANICA ED INSTALLAZIONE DI IMPIANTI AGGIORNAMENTI c.c.n.l.: gennaio 2012 ccril : settembre

Dettagli

L arte del saper fare...

L arte del saper fare... L arte del saper fare... SCANFERLA La Scanferla È il grande desiderio Imprenditoriale che ha condotto Bruno Scanferla a fondare nel gennaio 1981 l omonima azienda. Affiancato nel progetto aziendale dalla

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA AUTORIZZAZIONI DI CARATTERE GENERALE

EMISSIONI IN ATMOSFERA AUTORIZZAZIONI DI CARATTERE GENERALE PROVINCIA DI PADOVA Settore Ambiente EMISSIONI IN ATMOSFERA AUTORIZZAZIONI DI CARATTERE GENERALE Presentazione aggiornata a maggio 2010 TIPOLOGIE di AUTORIZZAZIONI: N. 5560: autorizzazione a carattere

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagina 1 di 5 da Acciai da \INDICE: 1) Scopo 2) Campo di applicazione 3) Norma di riferimento 4) Definizioni e simboli 5) Responsabilità 6) Apparecchiature 7) Modalità esecutive 8) Esposizione dei risultati

Dettagli

Oltre l incontro domanda offerta: verso un approccio sistemico Sviluppo progetto sulle Figure Professionali

Oltre l incontro domanda offerta: verso un approccio sistemico Sviluppo progetto sulle Figure Professionali POR 2007-2013 Asse II OCCUPABILITÀ Linea di Intervento 1 Oltre l incontro domanda offerta: verso un approccio sistemico Sviluppo progetto sulle Figure Professionali Profili Professionali descritti Indice

Dettagli

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015

BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI. Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 BRC Version 7 LE PRINCIPALI CARENZE RILEVATE PRESSO LE AZIENDE ALIMENTARI Santina Modafferi Firenze, 10 Aprile 2015 LE NON CONFORMITA NON CONFORMITA CRITICA MAGGIORE MINORE DEVIAZIONE Deviazione di importanza

Dettagli

SPETTABILE ROBERT BOSCH SPA

SPETTABILE ROBERT BOSCH SPA SPETTABILE ROBERT BOSCH SPA Presentazione Aziendale Pag. 3 Organigramma Aziendale Pag. 4 Chi siamo Pag. 5 Certificazioni Pag. 6 Traslochi Internazionali Pag. 8 Relocation Pag. 9 Opere d Arte Pag. 10 Trasporti

Dettagli

SOMMARIO SUPPORTI AGGIUNTIVI A TARGET SPECIFICI...11 DISABILI...11 STRANIERI...11

SOMMARIO SUPPORTI AGGIUNTIVI A TARGET SPECIFICI...11 DISABILI...11 STRANIERI...11 Allegato A alla DGP n del Provincia di Pistoia Dipartimento Lavoro e Politiche Sociali Servizio Lavoro PIANO PROVINCIALE PER LA FORMAZIONE ESTERNA DELL APPRENDISTATO 2008-2010 Manuale di indirizzo per

Dettagli

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti)

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) Tra le novità della UNI EN ISO 9001: 2000 il più aggiornato standard di riferimento per la certificazione della qualità non sono tanto il monitoraggio

Dettagli

LISTINO 2012 CLASSICI CURVO INTARSIO LEGNO ANTICO FERRO

LISTINO 2012 CLASSICI CURVO INTARSIO LEGNO ANTICO FERRO LISTINO 2012 CLASSICI CURVO INTARSIO LEGNO ANTICO FERRO INDICE CURVO PAG. 3 12 INTARSIO PAG. 13 43 LEGNO ANTICO PAG. 44 55 FERRO PAG. 56 79 COMPONIBILE PAG. 82 83 FINITURA PASTELLI PAG. 93 CARATTERISTICHE

Dettagli

programma di incentivi per la valorizzazione economica di disegni e modelli industriali

programma di incentivi per la valorizzazione economica di disegni e modelli industriali programma di incentivi per la valorizzazione economica di disegni e modelli industriali DI COSA SI TRATTA Il programma di incentivi per il design è uno strumento che il Ministero dello Sviluppo Economico,

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Figura Professionale codice FP223 RESTAURATORE DI MOBILI

Figura Professionale codice FP223 RESTAURATORE DI MOBILI settore Comparto descrizione COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA COMMERCIO ALL'INGROSSO E INTERMEDIARI DEL COMMERCIO, AUTOVEICOLI

Dettagli

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI NORME GENERALI L imballaggio deve essere sufficientemente ROBUSTO. Il materiale utilizzato per l imballaggio deve essere scelto in base al tipo di merce che deve

Dettagli

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE

I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE PREMESSA I CICLI DI VERNICIATURA NELL ANTICORROSIONE COME SCEGLIERE I PRODOTTI IDONE Nella scelta di un ciclo di verniciatura bisogna tener conto di: 1. Durata (aspettativa di durata) richiesta 2. Caratteristiche

Dettagli

tecnico/tecnica per impianti funiviari

tecnico/tecnica per impianti funiviari Delibera n. 748 del 24.06.2014 Ordinamento formativo per il mestiere oggetto d apprendistato di tecnico/tecnica per impianti funiviari 1. Il profilo professionale 2. Durata ed esame di fine apprendistato

Dettagli

Sistemi Carport & Veranda SOLARWATT L esperienza di vendita

Sistemi Carport & Veranda SOLARWATT L esperienza di vendita Sistemi Carport & Veranda SOLARWATT L esperienza di vendita Preparazione appuntamento Gestione appuntamento Elaborazione post-appuntamento Preparazione appuntamento Equipaggiamento: Campione pannello GEG

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: LABORATORIO di DESIGN legno e arredamento Prof.

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale 27 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRICO 6 Artigiani e operai specializzati e agricoltori

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

ASFMS-FRM Falegname CFP Piano di formazione

ASFMS-FRM Falegname CFP Piano di formazione ASFMS-FRM Falegname CFP Piano di formazione in applicazione al decreto sulla formazione : Falegname CFP (No.: 30506) ASFMS-FRM Piano di formazione Falegname CFP 1 Piano di formazione relativo all ordinanza

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Città di Spinea BIBLIOTECA VILLA SIMION Sistemazione della recnzione, delle dipinture e delle porte interne Studio di fattibilità Elaborato UNICO Spinea, 21.01.2014

Dettagli

Riunione Commissioni Nazionali LEGNO Feneal Uil - Filca Cisl Fillea Cgil. Testo per il NUOVO INQUADRAMENTO FEDERLEGNO

Riunione Commissioni Nazionali LEGNO Feneal Uil - Filca Cisl Fillea Cgil. Testo per il NUOVO INQUADRAMENTO FEDERLEGNO Riunione Commissioni Nazionali LEGNO Feneal Uil - Filca Cisl Fillea Cgil Testo per il NUOVO INQUADRAMENTO FEDERLEGNO Milano 20/03/2006 Sede Metropolitana CGIL AREA ESECUTIVA (ex 1 a categoria e livello

Dettagli

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA"

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA Il Piano Oativo di Sicurezza POS Pag.1 POS OPERATIVO SICUREZZA ART. 89 D.Lgs 10609- DEFINIZIONI Comma 1, lettera h) Piano Oativo di Sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice

Dettagli

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici Standard formativo minimo regionale Denominazione del profilo professionale OPERATORE ELETTRICO IMPIANTI ELETTROMECCANICI Referenziazioni del profilo Professioni

Dettagli

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI NP P* ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI Riferimento ad autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Torino 54-11340/2011 del 28/03/2011 e s.m.i. GENERAL FUSTI 010504 fanghi e rifiuti di perforazione

Dettagli

IL PUNTO D INCONTRO TRA ARTIGIANATO & DESIGN

IL PUNTO D INCONTRO TRA ARTIGIANATO & DESIGN IL PUNTO D INCONTRO TRA ARTIGIANATO & DESIGN CHI SIAMO_PRESENTAZIONE AZIENDALE SERRAMENTI & DESIGN Operiamo nel settore da tre generazioni. Oggi la nostra azienda rappresenta l unione tra la cura artigianale

Dettagli

Stampi lamiera ad minuti. efficienza

Stampi lamiera ad minuti. efficienza elevata Stampi lamiera ad DI LETTURA: 12TEMPO minuti efficienza Software Con una forte presenza nel settore automotive, Nuova Simach è una realtà manifatturiera piemontese specializzata nella progettazione,

Dettagli

ALLEGATO 1 Figure professionali relative alle qualifiche dei percorsi di istruzione e formazione professionale di durata triennale

ALLEGATO 1 Figure professionali relative alle qualifiche dei percorsi di istruzione e formazione professionale di durata triennale ALLEGATO 1 Figure professionali relative alle qualifiche dei percorsi di istruzione e formazione professionale di durata triennale 1 OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO 2 OPERATORE DELLE CALZATURE 3 OPERATORE

Dettagli

specialvetroserramenti s.r.l.

specialvetroserramenti s.r.l. specialvetroserramenti s.r.l. SEDE AMMINISTRATIVA E STABILIMENTO IN: 20020 SOLARO (MI) - VIA DELLA FERROVIA, 3 TEL. 02.9621921/2 - TELEFAX 02.96702078 www.specialvetroserramenti.it - e-mail: info@specialvetroserramenti.it

Dettagli

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2 INDICE 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2 2. Azioni di manutenzione pag. 2 2.1 Azioni di manutenzione preventiva pag. 3 2.1.1 Ingrassaggio e lubrificazione organi in movimento pag. 3 2.1.2 Manutenzione

Dettagli

SCARABELLO E. SERVICE

SCARABELLO E. SERVICE SCARABELLO E. SERVICE AUTOSPURGHI, VIDEOISPEZIONI, BONIFICHE AMBIENTALI SMALTIMENTO REFLUI INDUSTRIALI, RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI. AZIENDA CERTIFICATA UNI ISO EN9001/2000 La nostra società Scarabello

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli