I CONSUMI ENERGETICI DI BIOMASSE NEL SETTORE RESIDENZIALE IN ITALIA NEL 1999

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CONSUMI ENERGETICI DI BIOMASSE NEL SETTORE RESIDENZIALE IN ITALIA NEL 1999"

Transcript

1 IT ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGÌE, issn /1124 / 7932 L'ENERGIA E L'AMBIENTE Serie Energìa I CONSUMI ENERGETICI DI BIOMASSE NEL SETTORE RESIDENZIALE IN ITALIA NEL 1999 VINCENZO GERARD! ENEA Divisione Fonti Rinnovabili di Energia Centro Ricerche Casaccia, Roma GIOVANNI PERRELLA ENEA Divisione Promozione Usi Efficienti e Diversificazione dell'energia Centro Ricerche Casaccia, Roma RT/ERG/2001/7

2 ENEIS. ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L'ENERGIA E L'AMBIENTE Serie Energia I CONSUMI ENERGETICI DI BIOMASSE NEL SETTORE RESIDENZIALE IN ITALIA NEL 1999 VINCENZO GERARDI ENEA Divisione Fonti Rinnovabili di Energia Centro Ricerche Casaccia, Roma GIOVANNI PERRELLA ENEA Divisione Promozione Usi Efficienti e Diversificazione dell'energia Centro Ricerche Casaccia, Roma RT/ERG/2001/7

3 La ricerca riportata nel presente Rapporto Tecnico è stata realizzata dal Dott. Giovanni Perrella, responsabile del Progetto "Statistiche dell'energia e dell'ambiente", della Divisione PROM deli'enea, in collaborazione con l'ing. Vincenzo Gerardi, responsabile dell'unità Potenzialità energetiche delle biomasse, della Divisione FORI deli'enea, nell'ambito delle attività previste dal Sistema Statistico Nazionale (SISTAN). Alla ricerca ha partecipato la società ATESIA S.p.A. che, su incarico e su specifiche tecniche deli'enea, ha effettuato operativamente alcune fasi dell'indagine statistica. I contenuti tecnicoscientifici dei rapporti tecnici deli'enea rispecchiano l'opinione degli autori e non necessariamente quella dell'ente. The technical and scientific contents of these reports express the opinion of the authors but not necessarily those of ENEA.

4 I CONSUMI ENERGETICI DI BIOMASSE NEL SETTORE RESIDENZIALE IN ITALIA NEL 1999 Riassunto II rapporto mira a descrivere la situazione dei consumi di biomassa come fonte di energia nel settore residenziale italiano nell'anno I dati presentati sono il risultato di una specifica indagine statistica sulle famiglie italiane. Con riferimento all'anno 1999, l'indagine ha permesso di stimare un consumo nazionale di combustibili vegetali pari a circa 14 milioni di tonnellate, con un consumo medio per famiglia utilizzatrice stimabile in circa 3 tonnellate. L'indagine ha permesso di evidenziare i seguenti aspetti: il consumo in Italia di biomassa è prevalentemente caratterizzato dall'impiego di legna, che rappresenta il 98,5% del consumo totale di combustibili vegetali. La sansa, la carbonella e i gusci di mandorla/nocciola risultano combustibili vegetali marginali; il canale di approvvigionamento preferenziale delle famiglie utilizzatrici di biomassa è correlato alle singole tipologie di combustibile vegetale. Nel caso della legna si osserva un sostanziale equilibrio tra F"acquisto" (42,5%) e 1'"autoproduzione/scorte" (47%); per la sansa la modalità "acquisto" costituisce il canale di approvvigionamento prevalente contrariamente, a quanto avviene per i gusci di nocciola/mandorla, ove F"autoproduzione/scorte" è la modalità di acquisizione abituale; le biomasse sono utilizzate prevalentemente nell'abitazione principale (84,8% delle famiglie facenti uso); il giudizio sull'utilizzo dei combustibili vegetali è risultato piuttosto positivo, infatti P80% delle famiglie utilizzatrici si è dichiarata soddisfatta; i sistemi energetici a combustibile vegetale hanno spesso un carattere complementare rispetto ai sistemi non alimentati da biomasse. Parole chiave Settore residenziale, biomassa, legna, consumi energetici, riscaldamento, usi cucina, acqua calda sanitaria. ENERGY CONSUMPTION OF BIOMASS IN THE RESIDENTIAL SECTOR OF ITALY IN 1999 Abstract The report aims at showing the situation in Italian residential sector in the year 1999 about the consumption ofbiomass like energy source. Data presented are the result of a statistical survey on the Italian family. Taking into account the year 1999, the survey allowed to estimate a national consumption of vegetal fuels equal to about 14 Mt, with an average value by family of 3 t. The following aspects have been put in evidence: The consumption ofbiomass in Italy is characterised mainly by the use of wood, 98.5% out of the total vegetal fuel consumption. Olive pits, charcoal and nutshells can be considered as marginal. Biomass supplying system by the families is related to the single biomass typology; in the case of wood there is a substantial equilibrium between the purchase (42.5%) and the self production/supplies (47%).In the case of olive pits the supplying system is mostly the "purchase", on the contrary for the nutshells is the "self production/supplies"; Biomass are mostly used in the principal house (84.8% of the families using biomass); The judgment on the utilisation of vegetal fuels is considered almost positive, in fact 80% of the families expressed satisfaction; The energetic systems that use vegetal fuels have a complementary character in relation to the systems not fuelled with biomass. Key words Residential sector, biomass; wood; energy consumptions, space heating, cooking, hot water.

5 PLEASE BE AWARE THAT ALL OF THE MISSING PAGES IN THIS DOCUMENT WERE ORIGINALLY BLANK

6 INDICE 1. PREMESSA 7 2. OBIETTIVI 8 3. DESCRIZIONE DELL'ATTIVITÀ' Universo di riferimento Disegno e numerosità campionaria Estrazione dei nominativi campione Questionario Indagine pilota Elaborazione dei dati RISULTATI Penetrazione dei combustibili vegetali in Italia Le tipologie di combustibili vegetali utilizzati I consumi di combustibile vegetale Canali di approvvigionamento e loro diffusione Tecnologie utilizzate per bruciare le biomasse Motivazione di utilizzo dei combustibili vegetali Soddisfazione delle famiglie utilizzataci Utilizzo di sistemi di riscaldamento non alimentati da biomassa LE BIOMASSE ED I BILANCI ENERGETICI NEL SETTORE RESIDENZIALE CONCLUSIONI 37

7 1. PREMESSA I combustibili vegetali (biomasse) costituiscono una fonte di energia significativa per i fabbisogni energetici delle famiglie italiane. Nonostante il sensibile decremento dei consumi registrato negli ultimi decenni, ancor oggi, infatti, si assiste ad un frequente ricorso a questi prodotti da parte della popolazione nazionale. Trattandosi di tipologie di consumi fortemente correlati alla morfologia ed al clima del territorio, l'utilizzo di combustibili vegetali per usi energetici presenta nel nostro Paese una forte differenziazione a livello geografico e regionale. Analisi comparate sull'uso delle biomasse nei sistemi energetici delle abitazioni con altri Paesi simili al nostro, indagini conoscitive ad hoc effettuate nel passato, hanno posto il problema della esatta stima del fenomeno energetico delle biomasse nel settore residenziale in Italia. Pertanto, il dimensionamento statistico dei consumi di queste fonti energetiche risulta particolarmente importante per la elaborazione del Bilancio Energetico Nazionale da parte del Ministero dell'industria e dei Bilanci Energetici Regionali da parte dell'enea. In questo quadro si inseriscono le esigenze informative dell'enea a cui è assegnato dal SISTAN il compito istituzionale di realizzare una indagine statistica finalizzata alla stima dei consumi domestici dei combustibili vegetali. II presente documento riporta il percorso tecnicometodologico prescelto e i risultati emersi nell'indagine statistica effettuata dall'enea in collaborazione con il MICA ed con il supporto operativo di una società specializzata in ricerche statistiche Atesia S.p.A..

8 2. OBIETTIVI La finalità della presente indagine è stata quella di rilevare i consumi di combustibili vegetali relativi all'anno 1999 per usi energetici da parte delle famiglie italiane, facendo tesoro di una precedente esperienza effettuata nel 1997, con cui si sono determinati gli stessi consumi a livello nazionale, ma con un maggiore margine di errore, pari al ±2,5%. Inoltre nel presente studio si è posta maggiore attenzione alla ripartizione regionale dei suddetti consumi, imponendo un margine di errore non superiore al 10% per quelle regioni meno rappresentate nella base campionaria. Più in particolare lo studio si è posto l'obiettivo di esplorare e rilevare informazioni in merito ai seguenti aspetti legati alle biomasse: utilizzo (penetrazione nelle famiglie); consumi per tipologia di combustibili vegetali; motivazione di utilizzo (riscaldamento, produrre acqua calda, cucinare); canali di approvvigionamento e loro diffusione; costi sostenuti per l'approvvigionamento; tecnologia utilizzata; livello di soddisfazione in relazione ai materiali utilizzati ed ai canali distributivi; propensione al cambiamento della fonte energetica utilizzata.

9 3. DESCRIZIONE DELL'ATTIVITÀ' Gli obiettivi informativi descritti sono stati perseguiti mediante una indagine campionaria attraverso l'utilizzo della tecnica telefonica C.A.T.I. (Computer Aided Telephone Interview). L'indagine è stata strutturata in modo da garantire elevati livelli di affidabilità statistica dei fenomeni osservati a livello nazionale ed con un margine di errore leggermente più alto a livello di regioni Universo di riferimento E' stato definito quale universo di riferimento dell'indagine l'insieme delle famiglie residenti in Italia costituito da circa unità 1. La scelta della tecnica telefonica come strumento per la raccolta delle informazioni sulle tematiche oggetto di studio ha fatto si che la "popolazione reale" di riferimento dell'indagine sia stata rappresentata dalle famiglie italiane abbonate al telefono. Attualmente tale universo di riferimento ammonta a abbonati al telefono (categoria Residenziale), così come viene illustrato nella seguente tabella riassuntiva. Regione Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Totale Famiglie abbonate Popolazione di riferimento Famiglie abbonate al telefono Valori assoluti Valori % 8,2 0,3 16,6 1,6 7,7 2,3 3,7 7,6 6,7 1,5 2,5 9,6 2,2 0,5 8,2 6,2 0,9 3,0 8,1 2,6 100,0 1 Fonte ISTAT, Fonte: Seat S.p.A., Archivio Ufficiale degli Abbonati al Telefono, aggiornamento novembre 1999

10 3.2. Disegno e numerosità campionaria L'indagine è stata realizzata attraverso un campione casuale di unità (famiglie intervistate). La variabilità territoriale dei fenomeni oggetto dell'indagine nonché l'esigenza di ottenere delle stime affidabili su base regionale ha imposto la scelta di un disegno campionario che ottimizzasse la rappresentatività della popolazione di origine. È stato quindi realizzato un campione di indagine proporzionale con "minimo bloccato", cioè con una numerosità campionaria minima (pari a 100 unità) per le regioni di dimensioni più limitate (Val D'Aosta, Trentino A. A., Umbria, Molise e Basilicata). Tale campione ha garantito alle regioni italiane con una struttura demografica limitata un dimensionamento campionario adeguato agli obiettivi dell'indagine e sufficiente a restituire un quadro informativo statisticamente significativo. Per le altre regioni si è operato invece in termini proporzionali distribuendo le residue unità campione (5.500 interviste) secondo il peso relativo delle singole regioni. Nella tabella seguente è riportata la distribuzione del campione di famiglie e il relativo errore "empirico": Regione Piemonte Valle D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata» Calabria Sicilia «Sardegna Numero Totale "interviste effettuate" Campione proporzionale con "minimo bloccato" Valori Assoluti Valori % 7,9% 1,7% 15,9% 1,7% 7,4% 2,2% 3,6% 7,3% 6,4% 1,7% 2,4% 9,3% 2,1% 1,7% 7,9% 6,0% 1,7% 2,9% 7,8% 2,5% 100,0% Errore campionario "empirico" 3 ± 3.6% ± 9.2% ± 2.6% ± 9.8% ± 4.3% ±8.1% ± 4.7% ±3.7% ± 4.3% ± 10.0% + 7.5% ± 3.6% ± 8.8% ± 9.7% ± 4.0% ± 4.2% ± 9.2% ± 7.2% ± 2.9% ±8.1% ±1.1% ' Nell'ipotesi di P = 95.5%. 10

11 3.3. Estrazione dei nominativi campione I nominativi delle famiglie intervistate sono stati estratti dall'archivio Ufficiale degli Abbonati al telefono della Seat S.p.A.. Per ciascuna delle 20 regioni, l'archivio degli abbonati al telefono è stato ordinato attraverso i seguenti parametri: ampiezza demografica comuni; zona altimetrica; Comune; C.A.P.; indirizzo dell'abbonato (toponimo e numero civico); abbonato al telefono (cognome). In ciascuno dei 20 subuniversi/archivi regionali così ordinati, è stata realizzata una estrazione sistematica attraverso passi di campionamento costanti K ; dati da: dove N t = Numerosità famiglie abbonate al telefono nella regione i esima n ; = Numerosità campione della regione i esima i = 1,2,...,20 = regione italiana Sono stati estratti 4 nominativi campione per ogni K; osservato in modo che: il primo nominativo estratto ^'^costituisse il nominativo "base" del campione regionale; i 3 nominativi successivi al primo ^U' +1 ' U ' +2 ' U ' +3 ''costituissero i nominativi di del campione regionale. riserva" Inoltre, ciascun campione "regionale" considerato è "autoponderante" rispetto ai parametri territoriali (ampiezza demografica, zona altimetrica e comune) ed ha assicurato omogeneità tra i nominativi "base" e quelli "riserva". In sintesi, complessivamente sono state estratte famiglie campione (6.000 unità "base" e " unità "riserva") che hanno consentito di effettuare interviste. 11

12 3.4. Questionario La raccolta delle informazioni è avvenuta attraverso un questionario strutturato suddiviso nelle aree di interesse precedentemente descritte 4. Il questionario d'indagine prevedeva una domanda "filtro" iniziale al fine di verificare l'utilizzo delle biomasse nel nucleo familiare contattato; solo in caso di utilizzo per uso domestico di tali materie si è proceduto a completare l'intervista. Il questionario nella sua versione completa è stato articolato nelle aree tematiche di interesse unitamente ad una sezione rivolta a rilevare "informazioni strutturali" della famiglia intervistata (componenti, reddito del nucleo familiare, tipologia dell'unità abitativa, ecc). Il questionario è stato somministrato al capo famiglia o al responsabile degli acquisti di combustibile vegetale all'interno del nucleo familiare. In allegato è riportato il questionario utilizzato nel corso dell'indagine. Il questionario di indagine è stato sviluppato sul sistema C.A.T.I. Il sistema è stato programmato in modo da garantire il rispetto di compatibilita e coerenze (logiche e formali) appositamente definite. Il modulo A.C.S. (Automatic Call Scheduling) del C.A.T.I. per la gestione dei nominativi campione è stato programmato per garantire la proposizione delle singola unità campione almeno due volte (successiva alla prima) in caso di esito non definitivo del contatto telefonico (segnale di "libero senza risposta", "occupato" e segreteria telefonica). In tal modo è stato possibile ridurre gli effetti distorsivi dovuti al manifestarsi di un elevato tasso di "mancate risposte totali" Indagine pilota Prima della realizzazione della fase estensiva è stata realizzata una fase pilota su un campione di 30 famiglie con tecnica P.A.P.I. (Paper And Pencil Interview). Il test ha consentito di verificare la somministrabilità del questionario di indagine e ha permesso il miglioramento di alcune domande del questionario stesso. ' Cfr. Paragrafo 2 "Obiettivi" 12

13 La rilevazione è stata realizzata dall'i 1 al 21 dicembre 2000 e si è svolta nei seguenti orari: 18,30 21,30, nei giorni feriali; 10,0019,30, al sabato Elaborazione dei dati Trattandosi di una indagine realizzata attraverso un campione di tipo non proporzionale, i dati rilevati sono stati oggetto di ponderazione per consentire una lettura aggregata a livello nazionale. La ponderazione dei dati è stata effettuata sulla base di coefficienti regionali di ponderazione (20 coefficienti) C ; così determinati: dove Nj = Numerosità famiglie residenti nella regione i esima n ; = Numerosità campione della regione i esima i = 1,2,...,20 = regione italiana Al termine della fase di ponderazione, i dati rilevati sono stati sottoposti ad elaborazione statistica per la produzione delle stime di consumo e delle tabelle statistiche funzionali all'analisi dei fenomeni osservati per le seguenti variabili: regione; zona altimetrica; tipologia di abitazione; localizzazione dell'abitazione; numero di componenti in famiglia; reddito mensile netto della famiglia. 13

14 4. RISULTATI 4.1 Penetrazione dei combustibili vegetali in Italia L'utilizzo delle biomasse in Italia relativo all'anno 1999 è risultato pari al 22,3% (percentuale delle famiglie italiane che fanno uso di combustibili vegetali a scopo energetico). L'utilizzo di combustibili vegetali delle diverse fonti energetiche, essendo caratterizzato da una elevata correlazione con la morfologia e il clima del territorio, presenta una forte differenziazione a livello geografico e regionale. L'Umbria, la Sardegna, l'abruzzo e il Trentino Alto Adige sono le regioni contraddistinte da una percentuale elevata di nuclei familiari che utilizzano combustibili vegetali nelle loro abitazioni: tale percentuale ha una consistenza superiore al 35%. Al contrario, la Sicilia e la Liguria sono le regioni nelle quali il fenomeno indagato assume una dimensione minore con una penetrazione inferiore al 15%. Tabella 1: Utilizzo dei combustibili vegetali nelle famiglie italiane Regione di residenza Piemonte Val d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia Famiglie utilizzatrici Valore %

15 L'indagine ha evidenziato un utilizzo prevalente delle biomasse nell'ambito dell'abitazione principale (84,8% delle famiglie utilizzatrici), un più contenuto impiego nella seconda casa (11,7%) e una esigua percentuale di famiglie utilizzatrici in entrambe le dimore (3,5%). Tutto ciò è confermato dalla distribuzione del consumo di biomasse tra l'abitazione principale e seconda casa, infatti si è rilevato che il 93,1% della quantità complessiva annua consumata si concentra nelle abitazioni principali. Grafico 1: Consumo di combustibili vegetali (valori percentuali) Distribuzione delle famiglie utilizzatrici per tipologia abitativa: Seconda casa: 11,7% Entrambe: 3,5% Utilizzatori: 22,3% Abitazione principale: 84,8% Totale: famiglie utilizzatrici Non Utilizzatori: 77,7% Distribuzione della quantità complessiva annua consumata per tipologia abitativa: Totale: famiglie Seconda casa: 6,9% Abitazione principale: 93,1% Totale: famiglie utilizzatrici 15

16 4.2 Le tipologie di combustibili vegetali utilizzati II grafico seguente riporta nel dettaglio la distribuzione percentuale dei combustibili vegetali utilizzati dal campione di indagine. Come si può notare la somma dei valori percentuali è superiore a 100 poiché era prevista la possibilità di uso per ogni famiglia utilizzatrice di una o più diverse tipologie di biomassa. Grafico 2: Tipologie di combustibili vegetali utilizzati nel 1999 (valori percentuali) Sansa Gusci mandorle/nocciole Carbonella Numero medio di combustibili vegetali utilizzati: 1.10 Legna J Totale: famiglie utilizzatrici Nell'anno 1999, tra le biomasse esaminate, la legna rappresenta il combustibile vegetale prevalentemente utilizzato per scopi energetici: il 95% delle famiglie utilizzatrici di biomassa consuma legna (tale percentuale, come detto, contempla le famiglie che utilizzano solamente la legna oppure combinano l'utilizzo della legna con l'impiego di altre biomasse). 16

17 4.3 I consumi di combustibile vegetale Sempre con riferimento all'anno 1999, l'indagine ha permesso di stimare un consumo nazionale di combustibili vegetali pari a circa t, equivalente ad un consumo medio per famiglia utilizzatrice stimabile in 3,07 t. Il consumo in Italia di biomasse è prevalentemente caratterizzato dall'impiego di legna, che rappresenta il 98,5% della quantità complessiva di combustibili vegetali consumati. La sansa, la carbonella e i gusci di mandorla/nocciola risultano combustibili vegetali marginali anche analizzando le rispettive quantità consumate. Nella tabella 2 sono riportati i consumi delle famiglie utilizzatrici ripartiti tra "abitazione principale" e "seconda casa" a livello regionale e nazionale. Tabella 2: Consumi di combustibili vegetali delle famiglie utilizzatrici ripartiti tra "abitazione principale" e "seconda casa" (consumi espressi in tonnellate) Consumi Regione Piemonte Abitazione principale (t) Seconda casa (t) Totale (t) Val D'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia

18 L'analisi delle quantità utilizzate dei singoli combustibili vegetali a livello regionale ha evidenziato un consumo generalizzato di legna e carbonella a livello territoriale, mentre i consumi di sansa e gusci di mandorla/nocciole si concentrano nelle relative zone di produzione: l'abruzzo è caratterizzato da consumi elevati di sansa e gusci di mandorla/nocciola, in Puglia si individuano impieghi di quantità ingenti di sansa e nel Lazio di gusci di mandorla/nocciola. Nella tabella 3 sono riportati i consumi delle singole biomasse a livello regionale e nazionale, espressi in tonnellate. Tabella 3: Consumi di combustibili vegetali a livello regionale e nazionale (consumi espressi in tonnellate) Consumi Regione Piemonte Val D'Aosta Legna (t) Carbonella (t) Gusci di mandorla/nocciola (0 21 Sansa (t) Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia

19 Inoltre, analizzando la distribuzione dei consumi di legna, sansa e gusci di mandorla tra i singoli nuclei familiari sono state individuate quattro tipologie di utilizzo di tali biomasse. Nella tabella 4 si illustrano le distinte tipologie di utilizzo considerate. Tabella 4: Tipologie di utilizzo dei combustibili vegetali (legna, gusci di mandorla/nocciola e sansa) Tipologia di utilizzo: Consumi annuali per famiglia utilizzatrice (kg) Utilizzazione residuale Bassa utilizzazione Media utilizzazione Utilizzazione intensiva < > Per la carbonella sono state identificate solamente due tipologie di utilizzo in funzione di un consumo basso o medioalto del suddetto combustibile vegetale: Tabella 5: Tipologie di utilizzo della carbonella Tipologia di utilizzo: Consumi annuali per famiglia utilizzatrice (kg) Bassa utilizzazione Medioalta utilizzazione <20 >20 I quattro grafici successivi, relativi alle singole biomasse indagate, rappresentano la distribuzione a livello regionale delle famiglie utilizzatrici classificate in funzione dei loro consumi sulla base dei criteri analizzati in precedenza. 19

20 Grafico 3: Distribuzione percentuale delle quattro tipologie di utilizzatori di legno PIEMONTE 15,0 41,6 1 19,7 23,7 VAL D'AOSTA 10,3 48,3 24,1 1 17,2 LOMBARDIA 46,1 1 32,7 15,5 5,7! TRENTINO ALTO ADIGE 18,4 57, ,2 10,5 VENETO 19,8 46,3 1 22,2 1 11,7 1 FRIULI VENEZIA GIULIA 21,6 39,7 1 25,3 1 13,4 LIGURIA 29,2 I 36,5 1 28,7 5,6 EMILIA ROMAGNA 34,5 1 27,7 1 22,9 1 14,9 TOSCANA 29,8 1 37, ,4 UMBRIA 19,3 46,2 1 20,4 I ua 1 MARCHE 25,6 44,5 1 14,7 1 15,1 1 LAZIO 24,7 37,2 1 28,7 1 9,4 ABRUZZO 9,5 39,6 39,7 i 113 i MOLISE 7,7 42,8 27,5 22,0 CAMPANIA 18,4 1 47,0 1 23,2 1 1M I PUGLIA 27,2 1 54,8 1 13,2 4,«BASILICATA 22,8 48, CALABRIA 15,6 37,1 1 21,1 I 26,2 SICILIA 43,4 1 34,4 13,6 8,6 SARDEGNA 14,8 53,6 1 25,8 5, utilizzazione residuale D utilizzazione bassa utilizzazione media H utilizzazione intensiva 20

21 Grafico 4: Distribuzione percentuale delle due tipologie di utilizzatori di carbonella PIEMONTE "h ,8 VAL D'AOSTA 66,7. ' i 33,3 LOMBARDIA 84,5 1 15,5 TRENTINO ALTO ADIGE 50, VENETO 78,4 21,6 FRIULI VENEZIA GIULIA ,7! LIGURIA 62,0.1 38,0 EMILIA ROMAGNA 64,1 1 35,9 TOSCANA 763 ' 1 23,7 UMBRIA 100,0 1 MARCHE #4,9 1 15,1 LAZIO :?4,i \! 25,9 ABRUZZO ,9 MOLISE 74,2 1 25,8 I CAMPANIA 78,6 1 21,4 PUGLIA 33,2 j 66,8 BASILICATA 100,0 CALABRIA 28,8 71,2 SICILIA ,4 SARDEGNA 54,7 45, IO Bassa utilizzazione DMedioalta utilizzazione 21

22 Grafico 5: Distribuzione percentuale delle quattro tipologie di utilizzatoli di gusci di mandorla/nocciola PIEMONTE VENETO 100,0 \ROMAGNA 100,0 LAZIO 58,1 41,9 ABRUZZO 50,0 50,0 PUGLIA 85,9 14,1 BASILICATA 100,0 SICILIA 1 (10.11 SARDEGNA 100, Utilizzazione residuale Bassa utilizzazione D Media utilizzazione 22

23 Grafico 6: Distribuzione percentuale delle quattro tipologie di utilizzatori di sansa FRIULI VENEZIA GIULIA 10U.lt ABRUZZO 100,0 CAMPANIA 100,0 PUGLIA 60,3 39,7 BASILICATA 47,1 52,9 CALABRIA 100,0 SICILIA 100,0 SARDEGNA MUtilizzazione residuale Bassa utilizzazione Media utilizzazione Utilizzazione intensiva 23

24 Infine, si riporta la cartina geografica rappresentante i consumi medi regionali di biomassa classificati sulla base degli intervalli indicati nella legenda. I suddetti consumi sono stati calcolati rispetto alle famiglie residenti nelle singole regioni. Grafico 7: Consumo totale di combustibile vegetale per famiglia residente TRKNTINOALTO ADIGE rx. ^""^ FRIULIVENEZIA GIULIA SARDEGNA CALABRIA r n Consumi in Kg oltre da a da 500 a inferiore a 500 (4) (5) (7) (4) 24

25 Nella tabella 6 sono stati indicati i consumi di combustibili vegetali delle famiglie utilizzatrici rispetto alle seguenti stratificazioni: zona altimetrica dell'abitazione; localizzazione dell'abitazione; tipologia di abitazione. Tabella 6: Consumi di combustibili vegetali per zona altimetrica, localizzazione e tipologia dell'abitazione (consumi espressi in tonnellate) Zona altimetrica Totale Montagna interna Montagna litoranea Collina interna Collina litoranea Pianura Consumi (t) Localizzazione dell'abitazione Centro Periferia Extraurbano Totale Tipologia abitazione Totale Appartamento Bi/trifamiliare Villa

26 4.4 Canali di approvvigionamento e loro diffusione II canale di approvvigionamento preferenziale delle famiglie utilizzatrici di biomassa è correlato alle singole tipologie di combustibile vegetale. Nel caso della legna si osserva un sostanziale equilibrio tra l'"acquisto" (42,5%) e 1 '"autoproduzione/scorte" (47,0%). Per la sansa la modalità "acquisto" costituisce il canale di approvvigionamento prevalente contrariamente, a quanto avviene per i gusci di nocciola/mandorla, ove 1'"autoproduzione/scorte" è la modalità di acquisizione abituale 5. Grafico 8: Canali di approvvigionamento per singolo combustibile vegetale (valori percentuali) Legna Carbonella Gusci di mandorla/nocciola Sansa Acquisto I Autoproduzione/Scorte Acquista/Autoproduzione Totale: famiglie utilizzatrici Nel corso del 1999, la spesa totale per l'acquisto di biomasse è risultata pari a circa miliardi. Nella tabella 7 si riportano la '"spesa totale" e la "spesa media''' sostenuta dalle famiglie che hanno acquistato i combustibili vegetali osservati. Tabella 7: "Spesa Totale" e "Spesa Media" sostenuta per l'acquisto di combustibili vegetali Combustibile Vegetale Legna Carbonella Gusci di mandorle/nocciola Sansa Totale "Spesa Totale" (in milioni di lire) "Spesa Media" famiglia utilizzatrice (in lire) Per la carbonella non è stata considerata la modalità "autoproduzione", ovviamente per tale combustibile vegetale la modalità "acquisto" è risultata essere la modalità di approvvigionamento prevalente. 26

27 4.5 Tecnologie utilizzate per bruciare le biomasse II "camino tradizionale" (Grafico 9) costituisce la tecnologia più diffusa per l'utilizzo di combustibili vegetali, esclusa la sansa, in quanto presenta una penetrazione del 55,2% nell'ambito delle famiglie utilizzatrici. La sansa è principalmente bruciata mediante impiego di una "caldaia con termosifone" (45,5%) o di una "stufa innovativa" (23,1%). Altra tecnologia caratterizzata da una percentuale di utilizzatori rilevante è la "stufa tradizionale" con un valore pari al 22,5% del totale degli utilizzatori. Grafico 9: Tecnologie utilizzate a livello nazionale (valori percentuali) Camino innovativo: 11,8 Stufa tradizionale: 22,5 Camino tradizionale: 55,2 Totale: famiglie utilizzatrici Caldaia con termisofoni: 4,! Stufa innovativa: 5,2 La tabella 8 riporta le tecnologie utilizzate dalle famiglie campione per singolo combustibile vegetale consumato. 27

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA DOCUMENTI ISTAT La stima di indicatori per domini sub-regionali con i dati dell indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma Regione Lazio Osservatorio per la Valutazione e la Qualità dei Servizi SISTAR-Lazio Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16

Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 Informativa prot. n.23715 DELL'11.06.2012 - CL. 16.01.04/ F.1.16 D ordine del Direttore generale dr. Mario Guarany, si comunica che ai sensi dell articolo 30 del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito,

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE (SINA)

SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE (SINA) DIREZIONE GENERALE PER L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI 16 SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE (SINA) Indagine pilota sull offerta dei servizi sociali per la non autosufficienza

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

ARTICOLO 2 - OBIETTIVI

ARTICOLO 2 - OBIETTIVI Bando di partecipazione al Programma "Attività di formazione e sensibilizzazione del corpo docente delle scuole primarie e secondarie sui temi della lotta alla contraffazione e della valorizzazione e tutela

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI 12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI CAPITOLO 12 RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Maria LOGORELLI 1 Coordinatore statistico: Matteo SALOMONE 1 Coordinatore tematico: Salvatore CURCURUTO 1 1) ISPRA 902 Tema SINAnet

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione Processo Qualifica N. /2015 DOMANDA DI PREQUALI DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERATORE ECONOMICO (inserire i datii relativi alla SEDE LEGALE) L Denominazione / Ragione Sociale Operatore: Partita Iva: Codice

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Una garanzia per il futuro.

Una garanzia per il futuro. Pioneering for You Una garanzia per il futuro. Wilo-Stratos GIGA e Wilo Stratos. Informazioni per progettisti di impianti termotecnici 2 ErP e l alta efficienza WILO ITALIA SRL Via G.Di Vittorio, 24 20068

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli