REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI LAVORI PUBBLICI"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA, MONTAGGIO E POSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI ARCHIVIAZIONE SU SCAFFALI MOBILI COMPATTABILI PER IL NUOVO ARCHIVIO UBICATO NEI LOCALI EX AUTOPARCO DI VIA ROVERETO - CAGLIARI Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell appalto è la fornitura, montaggio e posa in opera di un sistema di archiviazione su scaffali mobili compattabili per i locali archivio ubicati nel fabbricato ex autoparco di via Rovereto, Cagliari. La capacità di archiviazione totale del sistema dovrà essere pari ad almeno 2300 ml La descrizione delle quantità e delle caratteristiche funzionali, tecniche e qualitative, della fornitura è indicata nel presente capitolato speciale - parte tecnica. Art. 2 - IMPORTO DELL APPALTO L importo complessivo dell appalto a base di gara ammonta ad ,00 (IVA esclusa) e comprende: - la fornitura degli scaffali compattabili; - i costi relativi all imballaggio, al trasporto, allo scarico, trasporto al piano, disimballaggio, montaggio, posa in opera, rimozione e smaltimento dell imballaggio; - ogni altro onere e magistero necessario a fornire il sistema di archiviazione perfettamente funzionante e pronto all uso. Art. 3 - MODALITA E CRITERI DI AGGIUDICAZIONE DELL APPALTO L appalto sarà aggiudicato mediante procedura aperta, con il criterio del prezzo più basso rispetto all importo a base d asta, previsto dagli articoli 81 e 82 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i., e dall articolo 18 comma 1, lett.b) della L.R. 5/2007. Non sono ammesse offerte economiche in aumento. Art. 4 - REQUISITI MINIMI DI CAPACITA TECNICO PROFESSIONALI Gli operatori dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti speciali: a) iscrizione nel registro delle imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (C.C.I.A.A.) e, se stabiliti in altri Stati membri dell Unione Europea, iscritti in un Registro Professionale o Commerciale di cui all art. 39, commi 2 e 3 del D.lgs. 163/2006. b) Idonea dichiarazione o certificazione, resa con le modalità di cui al D.P.R. 445/2000, attestante la diretta esecuzione, nel triennio antecedente alla data di pubblicazione del bando, ai sensi dell art. 42 del DLgs 163/2006, di forniture di arredi compattabili, per un importo, nel triennio, pari ad almeno l importo del presente appalto ( deve intendersi per diretta la prestazione eseguita nel triennio come soggetto singolo oppure all interno di un raggruppamento a cui si sia partecipato, per un importo corrispondente a quello richiesto per la qualificazione nella presente gara, anche con la formula dell appalto misto di fornitura e 1

2 lavori). Si precisa che, in caso di raggruppamento, il requisito deve essere posseduto nella misura minima del 40% da parte della mandataria e nella misura minima del 10% da parte della mandante, fermo restando che, complessivamente, i requisiti posseduti dai componenti, nelle misure sopra precisate, debbano raggiungere l importo richiesto per l ammissione dell Impresa singola. Art. 5 - DESCRIZIONE DELLE FORNITURE IN APPALTO La fornitura compresa nell appalto risulta definita nella successiva Parte Tecnica, che riporta la descrizione sostanziale delle caratteristiche e qualità delle forniture. Art. 6 - CONOSCENZA DELLE CONDIZIONI DI APPALTO L assunzione dell appalto implica da parte dell Aggiudicatario la conoscenza perfetta non solo di tutte le norme generali e particolari che lo regolano, ma altresì di tutte le condizioni locali e particolari che si riferiscono alla fornitura quali: - oneri di vario tipo posti a suo carico dal presente capitolato e dagli altri documenti di contratto; - luoghi in cui sarà effettuata la fornitura; - stato delle aree e zone destinate a contenere la fornitura, con particolare riferimento agli impianti tecnologici esistenti; - in particolare, la ditta offerente, dovrà effettuare un sopralluogo obbligatorio del sito che dovrà accogliere la fornitura di cui al presente appalto, con le modalità indicate nel bando stesso; - presenza o meno dell energia necessaria per la installazione della fornitura e per le eventuali prove di collaudo; - prescrizioni di sicurezza negli ambienti di lavoro; - disponibilità del personale e della manodopera necessaria, nei vari livelli di specializzazione e categorie di interventi da effettuare, idonea per le realizzazioni previste dal contratto d appalto, con particolare riferimento alle necessarie assistenze, al loro costo effettivo in dipendenza delle tariffe ufficiali sindacali per il settore. Il sopralluogo nei locali oggetto della fornitura è obbligatorio, pena l esclusione dalla gara, e dovrà essere effettuato, previo appuntamento telefonico ai numeri 070/ o tramite all indirizzo dal rappresentante legale e/o del direttore tecnico. Qualora l incaricato dall operatore concorrente non sia il rappresentante legale o il direttore tecnico, dovrà presentarsi munito di apposita delega rilasciata su carta intestata dell Impresa, sottoscritta dal suo legale rappresentante, del quale andrà allegata copia fotostatica di un documento di identità. A sopralluogo avvenuto, l incaricato dell Amministrazione regionale rilascerà la relativa Attestazione di presa visione dei luoghi che dovrà essere unita agli altri documenti richiesti per la partecipazione alla gara. Il sopralluogo sarà effettuato nei soli giorni stabiliti dall Amministrazione. L effettiva esaustività del sopralluogo rimane a completo onere e responsabilità dell operatore concorrente 2

3 Art. 7 - DOMICILIO DEL CONTRAENTE La Stazione appaltante ha domicilio presso la propria sede legale in viale Trento n 69, Cagliari. Il domicilio legale dell Aggiudicatario è quello indicato nel contratto. Art. 8 - OSSERVANZA DI LEGGI E REGOLAMENTI Per quanto non sia espressamente regolato in modo specifico dal contratto di appalto e nel presente capitolato si applicano le vigenti normative in materia di forniture e le disposizioni del Codice Civile. Quanto sopra indipendentemente dal fatto che nel presente capitolato e nel contratto di appalto talune delle norme suddette siano esplicitamente richiamate ed altre no. Art. 9 - DOCUMENTI DEL CONTRATTO Faranno parte integrante del contratto, che sarà stipulato a corpo: - il capitolato speciale d appalto; - elaborato planimetrico relativo ai locali per archivio con indicazione degli ingombri massimi degli impianti compattabili; - elaborati e disegni descrittivi degli arredi; - l offerta presentata dalla ditta aggiudicataria. Art SPESE DI CONTRATTO Le spese e gli oneri fiscali inerenti al contratto sono a carico della ditta aggiudicataria. Art GARANZIE FIDEIUSSORIE Gli operatori concorrenti dovranno presentare, ai sensi dell art. 75 del D.Lgs. 163/2006, una cauzione provvisoria pari al 2% dell importo complessivo dell appalto, prestata secondo le modalità che saranno precisate nel disciplinare di gara. La garanzia deve avere validità per almeno 180 (centottanta) giorni dalla data di presentazione dell offerta. La cauzione definitiva sarà costituita dall aggiudicatario per un importo pari al 10% del prezzo di aggiudicazione, ai sensi e per gli effetti dell art. 113 del D.Lgs 163/2006, secondo le modalità che saranno precisate nel disciplinare di gara. La garanzia deve essere tempestivamente reintegrata qualora, in corso d opera, essa sia stata incamerata, parzialmente o totalmente, dall Amministrazione; in caso di variazioni al contratto per effetto di successivi atti di sottomissione, la medesima garanzia non deve essere integrata in caso di aumento degli stessi importi fino alla concorrenza di un quinto dell importo originario. La cauzione definitiva sarà dichiarata svincolata con la compilazione del certificato di regolare esecuzione, da parte dell Amministrazione, dopo la scadenza del termine della garanzia. Il certificato di regolare esecuzione dovrà 3

4 prendere atto della complessiva regolarità dell esecuzione dei lavori (certificato di collaudo), del non avvenuto intervento di danno alle cose e dell avvenuta osservanza da parte dell Appaltatore di tutti gli obblighi di capitolato e contrattuali. In caso di contestazione, la restituzione della cauzione definitiva avverrà soltanto dopo ultimata e dichiarata chiusa ogni e qualsiasi controversia. Art SUBAPPALTO Il subappalto è regolato ai sensi dell art. 118 del D.Lgs , n Art ONERI DIVERSI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO Oltre a tutte le spese obbligatorie e prescritte nel presente capitolato speciale, sono a carico della ditta aggiudicataria tutti gli oneri di seguito indicati che si intendono compresi nel prezzo offerto: a) le spese per l adozione di tutti i provvedimenti e di tutte le cautele necessarie per garantire la vita e l incolumità agli operai, alle persone addette ai lavori ed ai terzi, nonché per evitare danni ai beni pubblici e privati. Ogni responsabilità ricadrà, pertanto, sull Aggiudicatario, con pieno sollievo tanto della stazione appaltante quanto del personale da esso preposto alla direzione e sorveglianza; b) il risarcimento degli eventuali danni che, in dipendenza del modo di esecuzione delle forniture e relativa installazione, fossero arrecati a persone o all immobile interessato dai lavori; c) il pagamento delle relative spese e tasse con il carico della osservanza sia delle vigenti disposizioni regolamentari per le prove su materiali, sia di quelle che potranno essere emanate durante il corso dei lavori e così anche durante le operazioni di certificazione della regolare esecuzione o collaudo; d) le spese per l esecuzione ed esercizio delle opere ed impianti provvisionali, qualunque ne sia l entità; e) obbligo di attenersi scrupolosamente alle linee che all atto della consegna verranno fissate in relazione alle opere preesistenti; f) tutto quanto necessiti per l espletamento delle operazioni di certificazione della regolare esecuzione firmata dal referente dell Amministrazione; g) consentire l accesso ai luoghi interessati dalle forniture, il libero passaggio negli stessi, compatibilmente con le attività di fornitura e montaggio, alle persone che eseguono lavori per conto della stazione appaltante; h) tutti gli adempimenti e le spese nei confronti delle autorità amministrative, organismi ed enti aventi il compito di esercitare controlli di qualsiasi genere e di rilasciare autorizzazioni ; i) la pulizia delle opere realizzate al fine di consentire l uso in condizioni di perfetta igienicità, compreso lo smaltimento dei materiali d imballo; l) l applicazione rigorosa delle norme sulla Prevenzione Infortuni e Sicurezza e Salute dei lavoratori sul luogo di lavoro; 4

5 Art. 14 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI La fornitura e posa in opera di cui trattasi sarà effettuata a fabbricato non ancora utilizzato. Poiché non esistono interferenze tra le attività del presente appalto e le attività degli uffici dell Amministrazione regionale, non sono previsti oneri di sicurezza. Non è pertanto necessaria la redazione del Documento Unico di Valutazione del Rischio (D.U.V.R.I.) di cui all art. 26, comma 3 del L.gs 81/2008. L esecuzione dell appalto deve svolgersi nel pieno rispetto di tutte le normative vigenti in materia di prevenzione degli infortuni e igiene del lavoro e in ogni caso in condizione di permanente sicurezza e igiene. L appaltatore è obbligato a consegnare al Responsabile del procedimento, prima dell inizio dei lavori, il Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art. 26 del D.Lgs 81/2008 recante, fra l altro, l indicazione dei contratti collettivi applicati ai lavoratori dipendenti e una dichiarazione in merito al rispetto degli obblighi assicurativi e previdenziali previsti dalle leggi e dai contratti in vigore Art ORDINE DA TENERSI NELL ANDAMENTO DELLA FORNITURA E PROGRAMMA In genere la ditta aggiudicataria avrà la facoltà di sviluppare le forniture e l installazione nel modo che crederà più conveniente per darle perfettamente compiute nel termine contrattuale, purché a giudizio del referente dell Amministrazione ciò non riesca pregiudizievole alla buona riuscita della fornitura o ad eventuali altri interessi. La stazione appaltante si riserva tuttavia il diritto di stabilire diversi termini o di disporre lo sviluppo della fornitura nel modo che riterrà più opportuno, in relazione alle esigenze dipendenti dall esecuzione, senza che l aggiudicatario possa rifiutarsi e farne oggetto di richiesta di speciali compensi. Art. 16 VARIANTI IN CORSO DI ESECUZIONE Ai sensi dell art. 56, comma 5 della L.R. 5/2007, nel caso si rendesse necessario, in corso di esecuzione, un aumento o una riduzione della prestazione, l appaltatore è obbligato ad assoggettarvisi fino alla concorrenza del quinto del prezzo dell appalto alle stesse condizioni del contratto. Oltre tale limite l appaltatore ha diritto, se richiesto, alla risoluzione del contratto. Qualora l appaltatore non si avvalga di tale diritto, è tenuto ad eseguire le maggiori o minori richieste alle medesime condizioni contrattuali. Art COMPLETAMENTO E CONSEGNA DELLA FORNITURA Il completamento della fornitura e l installazione (presentazione al collaudo) devono avvenire entro 60 (sessanta) giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla data di consegna delle forniture. Art TEMPO UTILE PER LA FORNITURA - PENALITA La ditta aggiudicataria è soggetta alla penale pari allo 0,2% giornaliero sull importo di aggiudicazione in caso di ritardata consegna per ogni giorno di ritardo dopo il termine contrattualmente stabilito. 5

6 Raggiunto un controvalore di penale pari al 10% dell importo di aggiudicazione, il contratto potrà essere dichiarato risolto e la ditta aggiudicataria chiamata a risarcire i danni che l'amministrazione appaltante avrà subito. Le penali di cui sopra saranno detratte d ufficio, senza particolari formalità, dalla cauzione definitiva prestata dall Aggiudicatario. Non saranno concesse proroghe al termine di ultimazione, salvo nei casi espressamente contemplati dal presente capitolato speciale e per imprevedibili circostanze di effettiva forza maggiore. L ultimazione della fornitura e relativa installazione, appena avvenuta, deve essere dall Aggiudicatario comunicata per iscritto al referente dell Amministrazione, il quale procederà subito alle necessarie constatazioni in contraddittorio. La data di ultimazione della fornitura e relativa installazione risulterà da apposito certificato che sarà allo scopo redatto. La fornitura e relativa installazione si intenderanno ultimate quando risulteranno effettuati tutti gli adempimenti contrattuali, compreso lo sgombero dei locali e delle aree di pertinenza da tutti i materiali ed attrezzature di proprietà, eventuali imballi compresi. Art RISOLUZIONE DEL CONTRATTO La stazione appaltante, in caso di negligenza e di imperizia nell esecuzione delle forniture, dell installazione e quando venga compromessa la loro tempestiva esecuzione e la buona riuscita, ha il diritto di liquidare a suo insindacabile giudizio ed in qualsiasi momento, le forniture per la parte di esse regolarmente eseguita, qualunque sia il loro importo complessivo e di addebitare alla ditta aggiudicataria il maggior onere che graverebbe sulla amministrazione regionale per la stipula del nuovo contratto di completamento delle forniture e relativo montaggio e il risarcimento di tutti gli eventuali ulteriori danni subiti. Art RESPONSABILITA DELL AGGIUDICATARIO Sarà obbligo della ditta aggiudicataria adottare, nell esecuzione delle forniture, tutti i provvedimenti e le cautele necessari per garantire l incolumità degli operai e rimane stabilito che egli assumerà ogni ampia responsabilità sia civile che penale nel caso di infortuni, dalla quale responsabilità si intende quindi sollevato il personale dipendente dell Amministrazione regionale. L Aggiudicatario sarà responsabile penalmente e civilmente di tutti i danni di qualsiasi natura che potessero derivare alle persone ed alle proprietà per causa delle opere sia già eseguite che in corso di esecuzione. Qualora, in conseguenza dei danni di cui sopra, sorgessero cause o liti, l Aggiudicatario dovrà sostenerle e sollevare comunque l amministrazione regionale da ogni responsabilità. Art PAGAMENTO DELLA FORNITURA Alla ditta aggiudicataria non verrà riconosciuta alcuna anticipazione. 6

7 Il pagamento sarà effettuato entro 60 giorni dalla presentazione di regolare fattura e comunque dopo l effettuazione del collaudo della fornitura ed installazione. Art ULTIMAZIONE DELLA FORNITURA E COLLAUDO FINALE L ultimazione della fornitura ed installazione, appena avvenuta, deve essere comunicata per iscritto dalla ditta aggiudicataria al referente dell Amministrazione, il quale procederà, dandone congruo preavviso, alle necessarie constatazioni in contraddittorio con la ditta stessa, redigendo apposito verbale se le prestazioni saranno riscontrate regolarmente compiute e funzionanti. Solamente dopo la constatazione dell accettabilità delle forniture, si redigerà il verbale di collaudo attestante il loro compimento e si definirà la reale data di ultimazione lavori. Art GARANZIA OBBLIGATORIA ED AGGIUNTIVA La Ditta Appaltatrice è tenuta ad offrire una garanzia di 24 (ventiquattro) mesi, che decorrerà dal giorno dell emissione del certificato di regolare esecuzione (collaudo), su tutti gli arredi e/o attrezzature fornite. La garanzia deve prevedere la completa gratuità per manodopera, riparazione ed eventuale sostituzione del pezzo o dell intera attrezzatura e/o arredo risultato difettoso, imperfetto o difforme o comunque non rispondente alle caratteristiche indicate nel presente capitolato e relativi allegati. La garanzia opera anche nel caso di difetti riconducibili alle operazioni di posa in opera degli arredi e/o attrezzature. L intervento di assistenza dovrà essere effettuato entro 48 (quarantotto) ore lavorative decorrenti dalla richiesta di intervento inoltrata via telefax. Per assistenza si intende la risoluzione del problema, sia come riparazione, sia come sostituzione (anche temporanea) dell attrezzatura/arredo malfunzionante e/o difettoso, imperfetto o difforme. L assunzione in carico ed il collaudo della fornitura nonché i certificati di conformità non esonerano l appaltatore dalle responsabilità per difetti, imperfezioni e difformità che non fossero emersi all atto delle predette operazioni ma che venissero accertati entro 24 mesi dalla data del certificato di collaudo. Art ACCETTAZIONE E QUALITA DELLA FORNITURA Le forniture dovranno corrispondere alle specifiche tecniche date e rispondenti perfettamente alla funzione cui sono destinate e potranno essere messe in opera solamente dopo l accettazione del referente dell Amministrazione a rischio esclusivo dell aggiudicatario che ne garantisce la qualità, la durata e la funzionalità. Si richiama, per l accettazione, la normativa vigente. Il referente dell Amministrazione potrà rifiutare in qualunque momento i prodotti forniti che, per qualsiasi causa, non fossero conformi alle prescrizioni del capitolato speciale parte tecnica, comunque inadeguati alle funzioni cui sono destinati e la ditta aggiudicataria dovrà tempestivamente rimuoverli dal cantiere e sostituirli con altri a proprie spese. Ove l aggiudicatario non effettuasse tale rimozione, la stazione appaltante potrà provvedervi direttamente a 7

8 spese dell Aggiudicatario medesimo. L aggiudicatario rimane sempre unico garante e responsabile del buon esito della fornitura anche per quanto possa dipendere dalla qualità dei materiali impiegati nell esecuzione della stessa. Qualora, senza opposizione dell Amministrazione, la ditta aggiudicataria impiegasse materiali di dimensioni, consistenza e qualità superiori a quelle prescritte, ciò non gli darà diritto ad aumento di prezzi. Tutte le forniture dovranno essere realizzate a perfetta regola d arte ed in conformità alle Normative Europee (EN) e con le relative certificazioni particolari a richiesta del referente dell Amministrazione o del responsabile del Procedimento e dovranno essere conformi alla vigente normativa in materia di sicurezza. Art CONTROVERSIE Per qualsiasi controversia che dovesse sorgere in dipendenza del presente appalto, sarà competente a giudicare il Foro di Cagliari. 8

9 PARTE TECNICA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA IN APPALTO Gli elementi compattabili dovranno essere montati senza operare interventi di demolizione della pavimentazione esistente. Saranno ritenuti ammissibili interventi puntuali e/o di limitato sviluppo necessari a garantire stabilità e sicurezza del sistema. A) Caratteristiche generali USO DELLE SCAFFALATURE Le scaffalature sono destinate a contenere materiale archivistico che per sua caratteristica non ha formati uniformi e richiede pertanto una grande flessibilità nell uso della stessa. Pertanto la stessa dovrà presentare caratteristiche di grande flessibilità nell utilizzo. UTILIZZO DA PARTE DEL PERSONALE La scaffalatura è destinata ad essere usata dal personale dell Ente. Tutte le sue parti mobili dovranno possedere caratteristiche di grande maneggevolezza ed un peso non superiore ai 3 Kg. Il sistema di aggancio e sgancio dei ripiani dovrà essere semplice. In ogni caso la rimozione dei palchetti deve poter essere effettuata senza l uso di strumenti (martelli, chiavi, cacciaviti). La ricollocazione deve essere allo stesso modo consentita con il solo uso delle mani da parte dell operatore. Sono escluse soluzioni di ricollocazione che prevedano per la stessa l uso di strumenti (martelli, chiavi, cacciaviti). FINITURA La scaffalatura non deve presentare angoli vivi o spigoli taglienti. Non dovranno esserci sporgenze di lamiera tagliente al fine di preservare l incolumità degli utilizzatori e salvaguardare l integrità del materiale conservato. PIANI DI CONSERVAZIONE I ripiani su cui appoggia il materiale non dovranno presentare all inizio e al fondo alcun vuoto in cui possa scivolare del materiale. La spalletta dovrà quindi essere perfettamente perpendicolare al ripiano senza soluzione di continuità con lo stesso al fine di consentire un perfetto e totale appoggio del materiale conservato in faldoni o cartelle sia materiale rilegato con legatura archivistica o libraria. 9

10 B) Caratteristiche meccaniche e dei materiali 1 - MECCANICA 1- Telaio delle basi mobili realizzato con profilati sagomati di acciaio zincato spessore minimo 20/10, completamente smontabili ed implementabili, calcolate per rispondere positivamente a sollecitazioni di flessotorsione. Basi dotate di respingenti in gomma. 2 - Trasmissione preferibilmente per mezzo di albero in tubo di acciaio con comando sempre almeno su due ruote al fine di garantire l allineamento costante della scaffalatura. Il comando della trasmissione sarà composto da un sistema cinematico a pignoni dentati e catene con rapporto di trasmissione adeguato alle portate previste, comandato da volantino circolare realizzato in materiale ad alta resistenza, di diametro adeguato a limitare lo sforzo impresso (max 3 Kg). Il volantino deve contenere un dispositivo di facile azionamento per il blocco del carrello in fase di consultazione (dispositivo antischiacciamento). 3 - Ruote preferibilmente realizzate in acciaio resistenti all'usura supportate da cuscinetti a sfera protetti contro la polvere e con lubrificazione a vita. 4 - Ogni base mobile sarà dotata di apposito dispositivo con funzioni di guida ed antisbandamento orizzontale. 2 - SCAFFALATURA E RIVESTIMENTI Scaffalatura composta dai seguenti elementi: MONTANTI O SPALLE 1- Montanti delle spalle di sezione minima mm 40x40 a forma di T, ricavati da lamiera di acciaio zincata e verniciata di spessore minimo 10 decimi di mm sagomati a freddo. Il montante sarà provvisto di asole per l inserimento dei reggipiani con passo minimo di 25 mm. Portata minima spalla kg Se necessario potrà essere previsto un sistema di traversini di collegamento tra i montanti aventi funzione di irrigidimento 2 - In alternativa a montanti e traversino: Spalle piene autoportanti Dovranno preferibilmente essere ricavate da lamiera di acciaio di spessore 12/10 sagomata a freddo ed adeguatamente pressopiegata per garantire una adeguata resistenza alle flessotorsioni ed ai pesi. Saranno provviste di asole per l inserimento dei reggipiani con passo minimo di 25 mm. Portata minima di ogni singola spalla kg

11 RIPIANI Ripiani ottenuti da fogli di lamiera di acciaio verniciato con bordi longitudinali di minimo mm 30 preferibilmente pressopiegati su tre ordini a forma di C e bordi laterali di mm 15 pressopiegati in un ordine. Portata minima ripiani kg. 100/ml. CROCIERE DI CONTROVENTATURA Ove necessario all equilibrio del sistema saranno previsti controventi o tiranti di irrigidimento di adeguata dimensione. RIVESTIMENTI I pannelli di rivestimento dovranno essere realizzati secondo le seguenti caratteristiche: - deve essere previsto un rivestimento integrale di ciascun impianto, con pannelli di lamiera di acciaio di spessore 8/10 di alta qualità ; se indipendenti dai montanti dovranno essere vincolati alla struttura a mezzo di idoneo sistema di fissaggio, di facile rimozione per accedere alla meccanica sottostante; - le pannellature devono essere dotate di cornice portascheda, per l indicizzazione del materiale contenuto; - ogni impianto deve prevedere, relativamente ai carrelli terminali, ante di chiusura frontali in lamiera d acciaio; - le zone di contatto verticali tra le scaffalatura devono essere dotate di apposite guarnizioni anti-polvere in gomma. 3 - CARATTERISTICHE DIMENSIONALI DELL IMPIANTO Ciascun elemento bifronte mobile o fisso, dovrà avere le seguenti dimensioni: Altezza: compresa tra mm e mm. 2300; Larghezza massima e lunghezza massima di ogni singolo impianto : vedi elaborato planimetrico di progetto; Luce netta tra i ripiani: non inferiore a mm.35; L impianto dovrà essere dotato di ripiani di chiusura alla sommità che non sono conteggiati nella capacità dell impianto. 4 - SICUREZZE L impianto deve essere progettato in rispondenza alle norme di sicurezza che ne rendono intrinsecamente sicuro l utilizzo, sia sotto l aspetto delle norme antinfortunistiche, volte a preservare il personale addetto, che sotto l aspetto della protezione delle meccanizzazioni. Sono pertanto richiesti i seguenti dispositivi: 1) dispositivo antischiacciamento a pulsante preferibilmente integrato nel volantino di manovra; 2) sistema antiribaltamento; 11

12 3) sistema di autoallineamento a terra, se necessario; 4) distanziali in gomma su basi mobili; 5) guarnizioni in gomma anticesoiamento; 6) dispositivo di blocco per fine corsa impianto, se necessario. 5 - VERNICIATURA La verniciatura dovrà essere assicurata su tutto l impianto, ad eccezione delle rotaie e degli elementi interni di movimento, con una tinta della gamma RAL scelta dal committente 6 - CORRIDOI I corridoi di accesso alla scaffalatura dovranno avere una larghezza tale da consentire la manovra dei carrelli con il materiale e la movimentazione delle scale eventualmente necessarie al prelievo del materiale. 7 - NORMATIVE DI RIFERIMENTO - DLgS n 81/2008 Testo unico sicurezza; - UNI-EN 292/1 - Sicurezza del macchinario; - UNI-EN 292/2 - Specifica dei principi di progettazione; - Conformità alle norme CEN per l applicazione del marchio CE; - CNR-UNI 1011/84 Normative di calcolo per le realizzazioni in acciaio; - CNR-UNI 1022/84 - Normative di calcolo per le realizzazioni in acciaio; - CNR-UNI 1018/85 Istruzioni per la valutazione delle costruzioni meccaniche; - UNI 8600 Carico concentrato accidentale sui piani; - UNI 8601 Flessione dei piani sollecitati da carico uniformemente distribuito; - UNI 8602 Apertura e chiusura porte scorrevoli; - UNI 9115 Resistenza ad abrasione dei prodotti verniciati su superficie metallica; - UNI 9427 Resistenza superfici alla luce artificiale; - UNI 8900 Resistenza all imbutitura statica; - UNI Resistenza all urto delle parti verniciate; - UNI 9300/88 Finitura di superficie degli elementi esterni; - UNI 9428/89 Resistenza superfici alla graffiatura; - UNI 9429/89 Resistenza superfici alla temperatura; - UNI 8596/94 Rispetto della sicurezza d uso; - CEI 64/8 Prescrizioni per la sicurezza. 12

Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE)

Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE) UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE) 0835 587327 Fax 0835 581208 Capitolato

Dettagli

Realizzazione di strutture per l archiviazione di volumi e riviste nel seminterrato della

Realizzazione di strutture per l archiviazione di volumi e riviste nel seminterrato della Realizzazione di strutture per l archiviazione di volumi e riviste nel seminterrato della Biblioteca Nazionale a Firenze in via Magliabechi. Descrizione dell intervento Il progetto è finalizzato alla realizzazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA ALLEGATA AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

SCHEDA TECNICA ALLEGATA AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SCHEDA TECNICA ALLEGATA AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Gara a procedura ristretta a rilevanza comunitaria ai sensi del d.lgs. n. 163/2006 per l affidamento della fornitura e installazione di archivi

Dettagli

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa COMUNE DI PISA Direzione Finanze e Politiche Tributarie Ufficio Economato-Provveditorato U.O. Provveditorato Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di

Dettagli

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE ALLEGATO B Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

COSMARI CONSORZIO OBBLIGATORIO SMALTIMENTO RIFIUTI

COSMARI CONSORZIO OBBLIGATORIO SMALTIMENTO RIFIUTI FORNITURA DI UN MISCELATORE MECCANICO PER IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO DI QUALITA CIG 4571612590 CAPITOLATO SPECIALE 1 ART. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA Forma oggetto del presente capitolato la fornitura di un

Dettagli

COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di PRATO)

COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di PRATO) Art. 1 OGGETTO DEI LAVORI COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di PRATO) Il presente documento ha per oggetto realizzazione di impianto fotovoltaico da circa 9,600 KWp presso la Scuola Media Salvemini La Pira

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Capitolato speciale d Appalto per il servizio di manutenzione da effettuarsi mediante somministrazione - di tutti gli estintori

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DEL BILANCIO, PATRIMONIO E RISORSE FINANZIARIE SETTORE BILANCIO E TRIBUTI SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO AREA DEL BILANCIO, PATRIMONIO E RISORSE FINANZIARIE SETTORE BILANCIO E TRIBUTI SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA, COLLOCAZIONE E MANUTENZIONE DI INFISSI IN ALLUMINIO PER LE ATTIVITA CANTIERISTICHE DELL UNITA DI PROGETTO GESTIONE COIME E SOSTITUZIONE DI QUELLI GIA ESISTENTI

Dettagli

ENTE AUTONOMO REGIONALE TEATRO MASSIMO V. BELLINI. 1) Ente appaltante: E.A.R. Teatro Massimo V. bellini, Via Perrotta n. 12-

ENTE AUTONOMO REGIONALE TEATRO MASSIMO V. BELLINI. 1) Ente appaltante: E.A.R. Teatro Massimo V. bellini, Via Perrotta n. 12- ENTE AUTONOMO REGIONALE TEATRO MASSIMO V. BELLINI CATANIA 1) Ente appaltante: E.A.R. Teatro Massimo V. bellini, Via Perrotta n. 12-95131 Catania, tel. 095/316860-730611, fax 095/314497 2) Procedura di

Dettagli

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILI SEDE DEGLI UFFICI DEL CONSIGLIO REGIONALE IN TRIESTE LOTTO UNICO PERIODO TRE ANNI Articolo 1 PROCEDURA DI GARA L aggiudicazione

Dettagli

ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE

ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE COMUNE DI PADOVA Settore Servizi Istituzionali e Affari Generali PROGETTO DI UN IMPIANTO DI ARMADI COMPATTABILI PER IL NUOVO ARCHIVIO GENERALE - COMPLESSO SARPI ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE IL CAPO SETTORE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO FORNITURA DI ARREDAMENTO COMPLETO CENTRO ANZIANI VIA MARSAGLIA

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO FORNITURA DI ARREDAMENTO COMPLETO CENTRO ANZIANI VIA MARSAGLIA 1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO FORNITURA DI ARREDAMENTO COMPLETO CENTRO ANZIANI VIA MARSAGLIA SETTORE SICUREZZA SOCIALE SERVIZIO INTERVENTI SOCIALI Via Roma, 54 18038 SANREMO (IM) Tel. 0184/59281 Fax

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura di montaferetri-elevatore, scale a palchetto e scale a pioli allungabili per il cimitero del Comune di Portici.

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura di montaferetri-elevatore, scale a palchetto e scale a pioli allungabili per il cimitero del Comune di Portici. CAPITOLATO SPECIALE Fornitura di montaferetri-elevatore, scale a palchetto e scale a pioli allungabili per il cimitero del Comune di Portici. Art. 1 Oggetto della fornitura ed importo presunto stimato.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE Art.1 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente Capitolato Speciale ha come oggetto la

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. n.7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

Capitolato per i servizi archivistici e di trasloco

Capitolato per i servizi archivistici e di trasloco APPALTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, PER L AFFIDAMENTO DELLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE CHIAVI IN MANO, LOCAZIONE FINANZIARIA E MANUTENZIONI DELL IMMOBILE E DEGLI IMPIANTI DELL ARCHIVIO E DEL MAGAZZINO

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Prot. Del Spett.le Ditta OGGETTO: Invito a procedura negoziata per l affidamento del servizio di pulizia dei locali comunali. - Codice CIG: 60666749C0. Il Comune di Selargius deve procedere all affidamento

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino

COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino COMUNE DI VOLVERA 10040 - Provincia di Torino Ufficio Patrimonio e-mail contratti@comune.volvera.to.it BANDO DI GARA PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI VIA CASTAGNOLE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SEVIZIO DI GESTIONE, CONTROLLO E REVISIONE DEGLI ESTINTORI NEGLI IMMOBILI COMUNALI. Via Libertà n 74 C.F. 00337180905 Tel. 0789612911-13 pasquale.caboni@tiscali.it 1 ARTICOLO

Dettagli

Comunità Montana.. della provincia di

Comunità Montana.. della provincia di Comunità Montana.. della provincia di CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA DI. NEI COMUNI DI.. DELLA COMUNITA MONTANA.. Art. 1 - OGGETTO DEI LAVORI I lavori

Dettagli

Documentazione di gara

Documentazione di gara Comune di Santa Maria a Monte Provincia di Pisa SETTORE 3 OGGETTO ALLESTIMENTO DEGLI SPAZI ESPOSITIVI ALL INTERNO DEL PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL CENTRO STRORICO E RECUPERO DELL AREA DELLA ROCCA CON

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE TRIENNALE DEL SERVOSCALE SITO PRESSO IL SETTORE RISORSE IMMOBILIARI DI VIA ASTORINO 36. Importo complessivo 6.840,00 oltre iva di cui : 3.564,00

Dettagli

Denominazione ufficiale: Roma Convention Group

Denominazione ufficiale: Roma Convention Group BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DEMINAZIONE INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Roma Convention Group Indirizzo postale: Viale della pittura, 50 Punti di

Dettagli

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato Allegato A) COMUNE DI CREMONA Settore Economato Capitolato speciale d oneri relativo a: FORNITURA CON CONSEGNE RIPARTITE DI CARTA NATURALE E RICICLATA PER LE FOTOCOPIATRICI DEGLI UFFICI COMUNALI ANNO 2014

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L ACQUISTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA DI CONTENITORI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DOMICILIARE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI

CAPITOLATO D ONERI PER L ACQUISTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA DI CONTENITORI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DOMICILIARE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI ATTENZIONE: Timbro e Firma del concorrente (su ogni foglio) per accettazione (da mettere nella BUSTA A ) CAPITOLATO D ONERI PER L ACQUISTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA DI CONTENITORI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Prot. Del Spett.le Ditta OGGETTO: Invito a procedura ristretta per l affidamento in appalto del servizio sostitutivo della mensa per il personale dipendente del Comune di Selargius. Codice CIG: 6428742DB6.

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI E SERVIZI COMUNALI E DI CUSTODIA DI PALAZZO CUSANO ANNO 2010

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI E SERVIZI COMUNALI E DI CUSTODIA DI PALAZZO CUSANO ANNO 2010 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI E SERVIZI COMUNALI E DI CUSTODIA DI PALAZZO CUSANO ANNO 2010 ENTE APPALTANTE: Comune di Cusano Milanino Piazza Martiri di

Dettagli

COMUNE DI. Capitolato d Oneri per la Fornitura di contatori di energia elettrica BT monofase e trifase

COMUNE DI. Capitolato d Oneri per la Fornitura di contatori di energia elettrica BT monofase e trifase COMUNE DI FRANCAVILLA DI SICILIA P R O V I N C I A D I M E S S I N A Ente del Parco Fluviale dell Alcantara Area Tecnica Lavori Pubblici Servizio Idroelettrico Piazza Annunziata n. 3 98034 Francavilla

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI FORNITURA DI CONTATORI A TURBINA PER ACQUA FREDDA

CAPITOLATO SPECIALE DI FORNITURA DI CONTATORI A TURBINA PER ACQUA FREDDA CAPITOLATO SPECIALE DI FORNITURA DI CONTATORI A TURBINA PER ACQUA FREDDA Palermo, Gennaio 2015 ART. 1 - OGGETTO DELLA GARA La gara ha per oggetto la fornitura di contatori a Turbina dei seguenti diametri:

Dettagli

Articolo 1. Oggetto dell appalto... 3 Articolo 2. Oggetto della fornitura... 4

Articolo 1. Oggetto dell appalto... 3 Articolo 2. Oggetto della fornitura... 4 ALLEGATO 2 Capitolato d appalto per la fornitura di apparati di rete e materiale necessario al collegamento delle sedi della seconda fase di Lepida nel Comune di Carpi Pagina 1 di 9 Articolo 1. Oggetto

Dettagli

NUOVA SEDE DELLA S.I.S.S.A. PRESSO L EDIFICIO PRINCIPALE DEL COMPLESSO EDILIZIO DELL EX OSPEDALE SANTORIO DI TRIESTE DI VIA BONOMEA, 265 ARREDO UFFICI

NUOVA SEDE DELLA S.I.S.S.A. PRESSO L EDIFICIO PRINCIPALE DEL COMPLESSO EDILIZIO DELL EX OSPEDALE SANTORIO DI TRIESTE DI VIA BONOMEA, 265 ARREDO UFFICI Via Beirut n.2-4, 34014 Trieste (Italy) tel.: 04037871 - telefax: 0403787259 AREA FINANZA E PATRIMONIO Ufficio Economato - Patrimonio NUOVA SEDE DELLA S.I.S.S.A. PRESSO L EDIFICIO PRINCIPALE DEL COMPLESSO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE Art. 1 Oggetto della fornitura Art. 2 Importo dell appalto Art. 3 Caratteristiche della fornitura Art. 4 Criteri di aggiudicazione Art. 5 Termini e luoghi

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N. 9/09 CIG. N. 0331526FE4. 1. Ente appaltante: Comune di Cagliari - Servizio Appalti - Via Roma

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N. 9/09 CIG. N. 0331526FE4. 1. Ente appaltante: Comune di Cagliari - Servizio Appalti - Via Roma COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA - BANDO DI GARA N. 9/09 CIG. N. 0331526FE4 1. Ente appaltante: Comune di Cagliari - Servizio Appalti - Via Roma 145-09124 Cagliari. Sito internet: www.comune.cagliari.it.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la fornitura del servizio di assistenza domiciliare a favore degli

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari Dipartimento Amministrativo Capitolato Speciale d appalto Procedura Aperta per la fornitura di G.P.L. da riscaldamento con comodato d uso gratuito del serbatoio, per i corpi separati dell Azienda Ospedaliera

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART.

SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. GARA EUROPEA PER LA FORNITURA DI SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. 3 COMMA 1 lettera a) L.R. 19/2007 CAPITOLATO

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A ALLEGATO 1) FORNITURA MATERIALE ELETTRICO REDATTO DALL ASSISTENTE TECNICO SORANZO LORIS VISTO: IL DIRETTORE S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Arch. Antonietta PASTORE

Dettagli

DISCIPLINARE. La procedura è in attuazione alla Determinazione n. 81 del 25/02/2014 del Dirigente dell Area Economico Finanziaria.

DISCIPLINARE. La procedura è in attuazione alla Determinazione n. 81 del 25/02/2014 del Dirigente dell Area Economico Finanziaria. FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ATTREZZATURE INFORMATICHE DI PROPRIETA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI AL DI FUORI DEL PERIODO DI GARANZIA INIZIALE ON SITE - CIG: 5654825D33 DISCIPLINARE Il

Dettagli

Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi

Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi Pagina 1 di 8 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 QUALITÀ E CARATTERISTICHE ART.

Dettagli

Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta N.1/2011

Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta N.1/2011 Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta N.1/2011 Procedura aperta per la Fornitura di un sistema storage per il consolidamento delle risorse infrastrutturali del CRS4 CODICE IDENTIFICATIVO DI GARA

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA Servizio di manutenzione di tutti gli estintori installati presso gli Uffici Comunali. Questa Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) SCHEMA Concessione in esclusiva, dell uso di spazi pubblicitari su elementi di arredo urbano e segnaletica direzionale privata e pubblica nel territorio

Dettagli

COMUNE DI FRATTAMAGGIORE PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI FRATTAMAGGIORE PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI FRATTAMAGGIORE PROVINCIA DI NAPOLI Servizio Tutela del Territorio Piazza Umberto I- CAP. 80027 tel. 081/8890214-345 - fax 081/8346616 http://www.comune.frattamaggiore.na.it PROCEDURA APERTA PER

Dettagli

FORNITURA DI PIETRE TOMBALI IN MARMO BIANCO DEL TIPO CRISTAL PER IL NUOVO CORPO LOCULI DENOMINATO 6 LOTTO NEL CIMITERO COMUNALE DI MONDOLFO

FORNITURA DI PIETRE TOMBALI IN MARMO BIANCO DEL TIPO CRISTAL PER IL NUOVO CORPO LOCULI DENOMINATO 6 LOTTO NEL CIMITERO COMUNALE DI MONDOLFO FORNITURA DI PIETRE TOMBALI IN MARMO BIANCO DEL TIPO CRISTAL PER IL NUOVO CORPO LOCULI DENOMINATO 6 LOTTO NEL CIMITERO COMUNALE DI MONDOLFO FOGLIO DI PATTI E CONDIZIONI elaborato 4 Data: IL TECNICO COMUNALE

Dettagli

Fluorite di Silius S.p.A. In liquidazione SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA. Disciplinare tecnico Allegato 3

Fluorite di Silius S.p.A. In liquidazione SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA. Disciplinare tecnico Allegato 3 Servizio di fornitura, controllo, di verifica, manutenzione, degli autorespiratori di emergenza e ricarica bombole della Fluorite di Silius SpA, per un anno con opzione di rinnovo per un ulteriore anno.

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio Appalti e Contratti BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO, IN FAVORE DEL COMUNE DI REGGIO CALABRIA,

Dettagli

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di opere e provviste occorrenti per la realizzazione di N 1 Impianto Fotovoltaico Collegato Alla

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza Rep. N. in data Contratto di appalto per lavori relativi ad interventi di adeguamento alle norme di prevenzione incendi e potenziamento uscite di sicurezza della

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d Argento al Valor Civile BANDO DI GARA Per l affidamento, mediante procedura aperta, della fornitura di materiali medicinali ed altri generi alla Farmacia Comunale

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEI VEICOLI DEL COMITATO REGIONALE CRI DELLA TOSCANA CIG: 28951999C9

Dettagli

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035. AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.399050 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA -

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA - COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA - BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA Ente appaltante: Comune di Firenze - Direzione Nuove Infrastrutture e Mobilità - Servizio Programmazione progettazioni

Dettagli

Capitolato d appalto per la manutenzione ordinaria e straordinaria dei serramenti della Cascina Respaù in Como

Capitolato d appalto per la manutenzione ordinaria e straordinaria dei serramenti della Cascina Respaù in Como Capitolato d appalto per la manutenzione ordinaria e straordinaria dei serramenti della Cascina Respaù in Como Num. CUP: C16H10000070007 DETERMINAZIONE A CONTRATTARE: n. 215 del 03/11/2010 CANALI DI COMUNICAZIONE

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMMINISTRAZIONE N. 158/SAC DEL 27/11/2013

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMMINISTRAZIONE N. 158/SAC DEL 27/11/2013 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMMINISTRAZIONE N. 158/SAC DEL 27/11/2013 Oggetto: AVVIO DI PROCEDURA IN ECONOMIA PER LA FORNITURA DI BUSTE INTESTATE PER LE NECESSITA DELL MEDIANTE RICORSO AL M.E.P.A.

Dettagli

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Spett.le Trasporti Pubblici Monzesi S.P.A. Via Borgazzi, 35 20052 MONZA. OGGETTO : Istanza di ammissione

Dettagli

Catanzaro, 10 aprile 2015 Spett.le. Mail. Raccomandata A.R.

Catanzaro, 10 aprile 2015 Spett.le. Mail. Raccomandata A.R. Catanzaro, 10 aprile 2015 Spett.le Mail Raccomandata A.R. OGGETTO: Invito per l'affidamento dei servizi di noleggio di n. 8 Stampanti Multifunzione SCANNER/COPIA/STAMPA - Procedimento in economia a mezzo

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA Fornitura di attrezzature di sicurezza per alcuni Uffici Comunali. Questa Amministrazione deve procedere, a

Dettagli

Prot. n. 7317/A35h Dalmine, 4 novembre 2015

Prot. n. 7317/A35h Dalmine, 4 novembre 2015 Prot. n. 7317/A35h Dalmine, 4 novembre 2015 Al Sito Web della scuola All Albo dell Istituto A tutti gli interessati Pubblicato sul sito il 04/11/2015 OGGETTO: Avviso pubblico per il reclutamento del Medico

Dettagli

COMUNE DI CONFLENTI Prov. di Catanzaro Ufficio Tecnico

COMUNE DI CONFLENTI Prov. di Catanzaro Ufficio Tecnico COMUNE DI CONFLENTI Prov. di Catanzaro Ufficio Tecnico CAPITOLATO D ONERI Per Affidamento del servizio di Adempimenti della Sicurezza e Salute sui luoghi di lavoro del comune di Conflenti Art. 1 Contratto

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord- Ente Pubblico non economico

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord- Ente Pubblico non economico Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord- Ente Pubblico non economico BANDO DI GARA SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per la fornitura di gasolio per autotrazione presso la sede operativa di C.L.I.R. S.p.A. in Via della STAZIONE,snc 27020- Parona Lomellina (PV). 1) OGGETTO DELL APPALTO Oggetto

Dettagli

A.S.L. 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER OPERE DI FALEGNAME - VETRAIO - FABBRO ANNO 2007

A.S.L. 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER OPERE DI FALEGNAME - VETRAIO - FABBRO ANNO 2007 A.S.L. 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER OPERE DI FALEGNAME - VETRAIO - FABBRO ANNO 2007 1 Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento della manutenzione ordinaria, programmata

Dettagli

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo LOTTO N. 12 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO ALUNNI PER VISITE FUORI COMUNE. IMPORTO DISPONIBILE 27.272,72 oltre IVA (10%) ART. 1) OGGETTO DEL SERVIZIO, DESCRIZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA ED INSTALLAZIONE DI PROTEZIONI DI SICUREZZA PER TERMOSIFONI NELLE SCUOLE DELL OBBLIGO E DEL PRE-OBBLIGO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA ED INSTALLAZIONE DI PROTEZIONI DI SICUREZZA PER TERMOSIFONI NELLE SCUOLE DELL OBBLIGO E DEL PRE-OBBLIGO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA ED INSTALLAZIONE DI PROTEZIONI DI SICUREZZA PER TERMOSIFONI NELLE SCUOLE DELL OBBLIGO E DEL PRE-OBBLIGO Articolo 1. Oggetto dell appalto. Caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI POLTRONE PER LA PLATEA DEL TEATRO COMUNALE DI FERRARA INDICE DEGLI ARTICOLI ART. 1 - OGGETTO DELLA GARA

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI MILANO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CORTE DI APPELLO DI MILANO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CORTE DI APPELLO DI MILANO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GARA A PROCEDURA RISTRETTA A RILEVANZA COMUNITARIA AI SENSI DEL D.LGS. N. 163/2006 PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI ARCHIVI

Dettagli

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale.

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO RELATIVO ALLA FORNITURA DI n 1 MINIBUS ELETTRICO, CHIAVI IN MANO, PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PERSONE ALL INTERNO DEL CIMITERO CIVICO MONUMENTALE 1. ENTE APPALTANTE Comune

Dettagli

3. LUOGO, DESCRIZIONE, IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI, SICUREZZA E MODALITA DI PAGAMENTO DELLE PRESTAZIONI:

3. LUOGO, DESCRIZIONE, IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI, SICUREZZA E MODALITA DI PAGAMENTO DELLE PRESTAZIONI: BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA RELATIVA AL SEGUENTE INTERVENTO: COMPLETAMENTO DELL ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA SCUOLE MATERNE, ELEMENTARI E MEDIE DI VIA CARDUCCI CUP C28I07000020002 CIG

Dettagli

Committente: Fondazione Idis - Città della Scienza Via Coroglio, 104-80124 Napoli P. Iva 05969960631 - Cod. Fisc. 95005580634

Committente: Fondazione Idis - Città della Scienza Via Coroglio, 104-80124 Napoli P. Iva 05969960631 - Cod. Fisc. 95005580634 prot 499 del 05/05/2015 Gara fornitura e posa in opera di estintori e manichette antincendio Disciplinare di Gara 1 Committente: Fondazione Idis - Città della Scienza Via Coroglio, 104-80124 Napoli P.

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Direzione Regionale Liguria COORDINAMENTO ATTIVITA TECNICO EDILIZIA DISCIPLINARE DI GARA ALLEGATO 9

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Direzione Regionale Liguria COORDINAMENTO ATTIVITA TECNICO EDILIZIA DISCIPLINARE DI GARA ALLEGATO 9 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Regionale Liguria COORDINAMENTO ATTIVITA TECNICO EDILIZIA DISCIPLINARE DI GARA ALLEGATO 9 CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai

Dettagli

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 di COMUNE DI TORTORA P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 tel. 0985-7660240-7660216 (ufficio tecnico) fax 0985-7660400

Dettagli

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o Via IV Novembre, 12 C.A.P. 12083 - Tel.0174/244481-2 - Fax.0174/244730 e-mail: comune@comune.frabosa-sottana.cn.it PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CHIOPRIS VISCONE

COMUNE DI CHIOPRIS VISCONE COMUNE DI CHIOPRIS VISCONE Provincia di Udine AREA TECNICA AMMINISTRATIVA BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA" CUP I51B07000100002 - CIG 01633608ED ---------------------------------------------- OGGETTO:

Dettagli

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 SCHEMA CONTATTO D APPALTO - art. 279 D.P.R. 207/2010 CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 L.R. 11.05.2007 n. 9 - e la Società,

Dettagli

COMUNE DI CENGIO. PROVINCIA DI SAVONA C.A.P. 17056 - Piazza Martiri Partigiani, 8 Lavori Pubblici

COMUNE DI CENGIO. PROVINCIA DI SAVONA C.A.P. 17056 - Piazza Martiri Partigiani, 8 Lavori Pubblici COMUNE DI CENGIO PROVINCIA DI SAVONA C.A.P. 17056 - Piazza Martiri Partigiani, 8 Lavori Pubblici Prot. n 6294 N Reg. Pubbl. 83 1. BANDO PROCEDURA APERTA: Il giorno 21/09/2010 alle ore 9,00 si terrà presso

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A

PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A DISCIPLINARE PROVINCIA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO PER LA COPERTURA RCT/RCO E RC PATRIMONIALE AMMINISTRATORI DELLA PROVINCIA DELL AQUUILA LOTTO UNICO ART.

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE PER LA DURATA DI ANNI 2 (due)

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE PER LA DURATA DI ANNI 2 (due) Pagina 1 di 6 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA APPALTO PER LA FORNITURA BIENNALE PER SOMMINISTRAZIONE DI GASOLIO PER AUTOTRAZIONE NECESSARIO PER IL FABBISOGNO DEGLI AUTOMEZZI DELL A.S.M. srl DI MOLFETTA.

Dettagli

BANDO DI GARA Gara d appalto per la fornitura di energia elettrica (CIG: 534907118)

BANDO DI GARA Gara d appalto per la fornitura di energia elettrica (CIG: 534907118) BANDO DI GARA Gara d appalto per la fornitura di energia elettrica (CIG: 534907118) I AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Società appaltante: TALETE S.p.A. Indirizzo

Dettagli

Azienda Ospedaliera "Ospedale San Salvatore" di Pesaro CAPITOLATO SPECIALE

Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore di Pesaro CAPITOLATO SPECIALE CAPITOLATO SPECIALE Art.1 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente Capitolato Speciale ha come oggetto la fornitura, installazione a perfetta regola d arte e messa in esercizio delle attrezzature e degli arredi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Oggetto: Realizzazione e gestione dell impianto fotovoltaico di 6 KWP presso l Asilo Nido della Città Universitaria Piazzale Aldo Moro, 5 - Roma. Il presente Capitolato Speciale

Dettagli

COMUNE DI GAVIRATE Provincia di Varese

COMUNE DI GAVIRATE Provincia di Varese COMUNE DI GAVIRATE Provincia di Varese CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE RETI DI PROPRIETA COMUNALE OPERE DA IMPRENDITORE EDILE ANNI 2010 2011-2012 UFFICIO

Dettagli

BIM GESTIONE SERVIZI PUBBLICI S.P.A. Via Tiziano Vecelio 27/29-32100 Belluno N. /PROT. C.F., n. iscrizione R.I. BL e P.I.

BIM GESTIONE SERVIZI PUBBLICI S.P.A. Via Tiziano Vecelio 27/29-32100 Belluno N. /PROT. C.F., n. iscrizione R.I. BL e P.I. BIM GESTIONE SERVIZI PUBBLICI S.P.A. Via Tiziano Vecelio 27/29-32100 Belluno N. /PROT. C.F., n. iscrizione R.I. BL e P.I. 00971870258 Data, *** SCHEMA CONTRATTO D APPALTO *** Gestione tecnica, operativa

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il Comune di San

Dettagli

COMUNE DI CINISELLO BALSAMO. Piazza Confalonieri,3. 20092 Cinisello Balsamo. Provincia di Milano SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. Ufficio Urbanistica

COMUNE DI CINISELLO BALSAMO. Piazza Confalonieri,3. 20092 Cinisello Balsamo. Provincia di Milano SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. Ufficio Urbanistica COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piazza Confalonieri,3 20092 Cinisello Balsamo Provincia di Milano SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO Ufficio Urbanistica BANDO DI GARA A PUBBLICO INCANTO Per l affidamento del

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA RISTRETTA ACCELERATA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA RISTRETTA ACCELERATA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA RISTRETTA ACCELERATA (Categoria di servizio di cui all allegato II B del D.Lgs. 163/2006: Cat. 25, CPC 93) Codice Identificativo Gara (C.I.G.): 9014367006 per l Affidamento

Dettagli

I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto. contatto: UFFICIO APPALTI Indirizzo: V.le Romagna, 26 -

I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto. contatto: UFFICIO APPALTI Indirizzo: V.le Romagna, 26 - BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI SEZIONE I): AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto Denominazione ufficiale: A.L.E.R. Milano - Punti di contatto: UFFICIO APPALTI

Dettagli

%$1'2 I.1) COMUNE DI CUSANO MILANINO SETTORE TUTELA AMBIENTALE, PROGETTAZIONE MANUTENZIONE DEL VERDE PUBBLICO Piazza

%$1'2 I.1) COMUNE DI CUSANO MILANINO SETTORE TUTELA AMBIENTALE, PROGETTAZIONE MANUTENZIONE DEL VERDE PUBBLICO Piazza %$1'2 I.1) COMUNE DI CUSANO MILANINO SETTORE TUTELA AMBIENTALE, PROGETTAZIONE MANUTENZIONE DEL VERDE PUBBLICO Piazza Martiri di Tienanmen, 1-20095 Cusano Milanino ITALIA, Tel. 02-61903.1/258 / 251 / 288

Dettagli